Oggetto: Bando 2005 per progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Bando 2005 per progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 Delibera n. 48/2005, Verbale CdA n. 14/05 Oggetto: Bando 2005 per progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE VISTO il Decreto Legislativo 4 giugno 2003, n. 138 di riordino dell Istituto Nazionale di Astrofisica, pubblicato nella G.U. del 19 giugno 2003, n. 140, in particolare l art. 7, comma 1, lett. a), l art. 8, comma 1, lett. a), e l art. 15, commi 1 e 2; VISTO il Decreto Legislativo 5 giugno 1998, n. 204, in particolare l art. 1, comma 2 recante "Disposizioni per il coordinamento, la programmazione e la valutazione della politica nazionale relativa alla ricerca scientifica e tecnologica, a norma dell'articolo 11, comma 1, lettera d), della legge 15 marzo 1997, n. 59"; VISTO il Regolamento di organizzazione e funzionamento dell INAF, pubblicato sul S.O. n. 185 alla G.U. Serie Generale n. 300 del 23 dicembre 2004, in particolare l art. 2 e l art. 3 comma 1 capoversi g) e h); e gli artt. 26, 27 e 31; VISTO VISTO VISTA ACQUISITO PRESO ATTO il Regolamento sull amministrazione, sulla contabilità e sull attività contrattuale dell INAF; il Regolamento del personale dell INAF, in particolare nei suoi artt.15 e 17; la delibera n. 10 del 30 dicembre 2004 con la quale è stato approvato il bilancio di previsione relativo all esercizio 2005; da parte del Direttore del Dipartimento Strutture lo schema di bando per il finanziamento per l anno 2005 di progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti da ricercatori appartenenti all INAF o da ricercatori delle Università ed altri Enti di ricerca associati all INAF; che la copertura finanziaria delle risorse messe a disposizione deriva per ,00 dall avanzo di amministrazione 2004 del Dipartimento Strutture di Ricerca e per i restanti ,00 dal bilancio 2005 dello stesso Dipartimento;

2 RITENUTO il bando meritevole di approvazione visto il merito tecnico dello stesso, pienamente compatibile con i fini istituzionali e con la programmazione dell Ente; DELIBERA con voto unanime dei presenti espresso nei modi di legge per i motivi richiamati in premessa e da ritenersi qui integralmente riportati: - di approvare lo schema di bando allegato e costituente parte integrante della presente delibera; L ammontare complessivo pari ad ,00 delle risorse messe a disposizione dall INAF all atto di emissione del presente bando, è già stanziato, come delineato in premessa, nei pertinenti fondi assegnati al Dipartimento Strutture di Ricerca. La presente delibera è immediatamente esecutiva ai sensi dell art. 7 (comma 7) del vigente Regolamento di organizzazione e funzionamento dell INAF. Roma, 07 giugno 2005 Il Segretario Il Presidente

3 I.N.A.F. ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA PROGETTI DI RICERCA DI INTERESSE NAZIONALE BANDO 2005 Il PRESIDENTE VISTO il D.Lgs. del 5 giugno 1998, n. 204; VISTO VISTO il D.Lgs. del 4 giugno 2003, n. 138 di riordino dell Istituto Nazionale di Astrofisica, in particolare nei suoi artt. 1 capoversi d) e g, 2, 3 capoversi a) e) g); il Regolamento di Organizzazione e Funzionamento dell INAF, in particolare nei suoi artt. 2, 3 comma 1 capoversi g) e h), 26, 27 e 31; VISTO il Regolamento sull Amministrazione, sulla Contabilità e sull Attività contrattuale dell INAF; VISTO il Regolamento del Personale dell INAF, in particolare nei suoi artt. 14 e 15; VISTA la conforme Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 48 de 7 giugno 2005; DECRETA 1. Progetti di Ricerca L INAF intende finanziare per l anno 2005 progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti da gruppi di ricercatori appartenenti all INAF e/o da ricercatori delle Università ed altri Enti di ricerca associati all INAF ai sensi dell art. 14 del Regolamento del Personale dell INAF. Gli scopi principali del finanziamento sono quelli di promuovere la ricerca scientifica dell INAF nell ambito degli obiettivi enunciati nel Piano Triennale e di sviluppare la collaborazione fra diversi gruppi di ricercatori su progetti coordinati di interesse nazionale. Sono ammesse al finanziamento proposte di ricerca scientifica di base e studi di progetti strumentali e di sviluppo tecnologico. Per il finanziamento di nuova strumentazione o lo sviluppo di quella esistente per i telescopi nazionali o a partecipazione nazionale (quali ad esempio ESO, TNG, LBT, SRT, ecc.), nonché per programmi spaziali approvati (ASI, ESA, NASA), saranno emessi appositi bandi separati.

4 Le proposte di ricerca di cui al presente bando possono riguardare una o più delle seguenti aree tematiche: 1. Galassie e cosmologia; 2. Stelle, popolazioni stellari e mezzo interstellare; 3. Sole e sistema solare; 4. Astrofisica relativistica e particellare; 5. Tecnologie avanzate e strumentazione. Sono escluse dal presente bando le proposte di ricerca di cui al contratto ASI I/023/05/05 Supporto all analisi dati da missioni spaziali nel campo dell Astrofisica delle Alte Energie per le quali sarà disponibile un apposito finanziamento. L esecuzione dei programmi ha durata biennale. Per il presente bando, l ammontare complessivo messo a disposizione dall INAF all atto dell emissione del presente bando è di (un milione di Euro) gravante sui fondi assegnati al Dipartimento Strutture di Ricerca. Tale importo potrà essere aumentato nel caso la richiesta di fabbisogno per l esercizio 2005 contenuta nel Piano Triennale venisse accolta. Ciascun progetto è sviluppato da Unità di Ricerca operative, raggruppanti un numero adeguato di ricercatori dell INAF o associati all INAF, ed è coordinato a livello nazionale da un ricercatore o tecnologo dell INAF o associato all INAF, detto nel seguito Coordinatore Scientifico Nazionale del progetto. Ciascun progetto prevede un minimo di 2 Unità di Ricerca ed un massimo raccomandato, ma non esclusivo, di 6. Nel caso di ricercatori isolati, questi possono essere aggregati alle Unità di Ricerca di maggior consistenza numerica aderenti al progetto. Al fine di incentivare al massimo lo spirito di collaborazione fra gruppi di diversa estrazione, sono auspicabili, ma non obbligatori, progetti di ricerca che coinvolgano personale INAF e personale universitario associato all INAF. Il coordinamento di ogni Unità di Ricerca operativa è affidato ad un ricercatore o tecnologo dell INAF o associato all INAF, detto nel seguito Coordinatore dell Unità di Ricerca. Non possono essere Coordinatori Scientifici Nazionali e/o Coordinatori delle Unità di Ricerca i membri del Consiglio di Amministrazione, i membri del Consiglio Scientifico e i Direttori dei Dipartimenti dell INAF. La Struttura di Ricerca INAF, l Università o l Ente di Ricerca proponente è quello del Coordinatore Scientifico Nazionale del progetto che, oltre all attività di coordinamento, dovrà essere impegnato direttamente nella ricerca stessa per il tramite di una propria Unità di Ricerca operativa di cui è anche Coordinatore. Ciascun ricercatore può comparire come partecipante ad un solo progetto di ricerca e ad una sola Unità di Ricerca per il biennio di svolgimento del programma. E tuttavia ammesso che un ricercatore, che non sia Coordinatore Scientifico Nazionale di un progetto, possa partecipare a programmi di ricerca inerenti ad altri bandi a condizione che la somma totale dei mesi-uomo rispetti la condizione espressa nel paragrafo seguente. Il tempo dedicabile alla ricerca (in mesi-uomo), con riferimento alla durata complessiva del progetto, indicato da ciascun partecipante, dovrà tenere conto della sua compatibilità con il tempo dedicato ad altri impegni istituzionali e ad altri programmi di ricerca. In ogni caso il totale non potrà superare il massimo consentito di 11 (undici) mesi per anno. Il Coordinatore

5 Scientifico Nazionale e i Coordinatori delle Unità di Ricerca devono impegnare nel progetto un tempo minimo di 6 (sei) mesi per anno. In sede di approvazione definitiva del progetto sarà tenuto conto, ove possibile, di altri programmi di ricerca presentati nello stesso anno o nell anno precedente dagli stessi gruppi in risposta ad altri bandi (PRIN MIUR, ASI, ecc.). Oltre alla verifica della compatibilità dell impegno temporale di cui sopra, si cercherà di evitare il finanziamento da parte INAF di programmi di ricerca presentati dagli stessi gruppi sulla stessa tematica che siano già stati finanziati dall INAF o da altri Enti, ad esclusione dei casi espressamente dichiarati di cofinanziamento. 2. Presentazione delle domande La domanda di finanziamento dei progetti di ricerca dovrà essere redatta secondo la procedura stabilita dall INAF. Le domande delle singole Unità di Ricerca sono redatte a cura dei rispettivi Coordinatori secondo lo schema del Modello B. Il Coordinatore Scientifico Nazionale del progetto compilerà il Modello A fornendo le indicazioni di carattere generale. L insieme del Modello A e dei Modelli B ad esso associati costituisce la domanda. I Modelli A e B sono ottenibili per via telematica presso la Sede Centrale dell INAF a partire dalla data di pubblicazione del bando stesso. Le proposte dovranno essere presentate per via telematica alla Direzione del Dipartimento Strutture di Ricerca presso la sede centrale dell INAF (all indirizzo dai Coordinatori Scientifici Nazionali, i quali inoltreranno sia il Modello A che i Modelli B ricevuti dalle singole Unità di Ricerca. Sarà cura del Coordinatore Scientifico Nazionale ricevere in tempo utile i Modelli B dalle Unità di Ricerca operative afferenti al programma. In ogni caso il Coordinatore Scientifico Nazionale e i Coordinatori delle Unità di Ricerca sono tenuti a presentare copia cartacea dei modelli di loro competenza alla Struttura di ricerca, Università o Ente di ricerca di appartenenza il cui Direttore dovrà controfirmare i relativi moduli. Il Coordinatore Scientifico Nazionale presenterà sia il Modello A che il Modello B della sua Unità di Ricerca mentre i Coordinatori delle Unità di Ricerca trasmetteranno solo il Modello B. Le domande dovranno essere trasmesse entro 30 giorni dalla data di pubblicazione sul sito web dell INAF. Trascorso tale termine nessuna domanda sarà ammessa alla selezione. Nelle proposte di ricerca, oltre al nome del Coordinatore Scientifico Nazionale, delle Unità di Ricerca partecipanti e dei loro Coordinatori e al titolo del progetto, si dovranno indicare: (i) l area tematica cui il progetto afferisce; (ii) il contesto scientifico generale, nazionale ed internazionale (iii) gli obiettivi che il programma si propone di raggiungere; (iv) l impegno di personale dedicato al progetto, suddiviso per Unità di Ricerca; (v) i costi del programma suddivisi per voci; (vi) le risorse umane, finanziarie e strumentali messe a disposizione del progetto dalle Strutture di Ricerca, Università o Enti di ricerca partecipanti; (vii) eventuali altre sorgenti di finanziamento oltre al finanziamento INAF e a quelle del punto (vi); (viii) gli elementi e i criteri con cui si ritiene possano essere verificati i risultati raggiunti.

6 Al fine di rendere possibile l eventuale ricorso a revisori stranieri, le domande dovranno essere compilate in lingua inglese come indicato nei Modelli A e B. Ogni informazione richiesta nei Modelli A e B deve essere fornita ai fini di una corretta valutazione e pena l esclusione dalla selezione. 3. Selezione delle proposte Nelle more dell organizzazione interna dei Dipartimenti Scientifici dell INAF e delle macroaree tematiche così come definite nel Regolamento di Organizzazione e Funzionamento dell Ente, la prioritizzazione delle proposte è affidata ad una Commissione di valutazione di 7 membri, che comprende i due Direttori dei Dipartimenti Scientifici dell INAF e 5 membri nominati dal Presidente dell Ente, sentiti i Direttori dei Dipartimenti. La Commissione potrà avvalersi di revisori esterni scelti in ambito internazionale. La valutazione dei progetti da parte della Commissione e dei revisori esterni dovrà riguardare la qualità scientifica dei progetti e la loro rilevanza in ambito nazionale ed internazionale, la congruità delle risorse previste, la qualificazione scientifica dei ricercatori proponenti e l idoneità dei gruppi operativi a svolgere l attività proposta. La Commissione al termine del processo di valutazione stilerà una graduatoria delle proposte tenendo conto sia della valutazione scientifica, sia della pertinenza e rilevanza della ricerca rispetto agli obiettivi strategici dell INAF contenuti nel Piano Triennale. A seguito di verifica da parte del Dipartimento Strutture di ricerca della non sussistenza delle incompatibilità indicate nella sezione 1 del presente bando, il Presidente dell INAF sulla base della graduatoria predisposta dalla Commissione di valutazione approverà i programmi di ricerca da finanziare per il bando in corso. La selezione si concluderà entro il 30 settembre Entro il 15 ottobre 2005 l elenco dei progetti finanziati e l entità del finanziamento erogato saranno resi pubblici. 4. Erogazione. Il finanziamento INAF ai progetti approvati è integralmente assegnato al momento dell approvazione e viene accreditato alle singole Unità di Ricerca secondo la ripartizione dei fondi definita dal Coordinatore Scientifico Nazionale del progetto sulla base dell effettivo finanziamento. La ripartizione dei fondi tra le Unità di Ricerca è determinata dal Coordinatore Scientifico Nazionale in funzione del migliore raggiungimento degli obiettivi del programma e nel rispetto delle necessità di ciascuna sede. 5. Responsabilità e recesso Il Coordinatore Scientifico Nazionale è responsabile dell attuazione del programma nei tempi e nei modi indicati all atto della presentazione della domanda.

7 Le Strutture di Ricerca dell INAF, le Università, e gli Enti di Ricerca assegnatari del finanziamento si impegnano ad assicurare l operatività del programma e la rendicontazione contabile dei fondi spesi. L INAF risponde esclusivamente dell erogazione del finanziamento assegnato ed è esente da ogni responsabilità nei confronti degli assegnatari e dei proponenti nonché dei terzi in genere, per fatti o situazioni derivanti dall attuazione delle suindicate attività. L INAF può autorizzare il recesso di un proponente dal progetto, a meno che tale recesso non modifichi le condizioni in base alle quali il finanziamento è stato erogato. In tal caso gli altri proponenti sono tenuti ad assicurare la continuazione in solido del programma e la possibilità di valutarne i risultati ottenuti. I progetti sono dichiarati decaduti dal finanziamento INAF qualora, per fatti imputabili ai soggetti proponenti, gli stessi non siano realizzati secondo le condizioni previste. La decadenza comporta l obbligo di restituzione immediata di tutte le somme non spese, fatta salva altresì ogni e qualsiasi azione dell INAF a sua propria ulteriore tutela. 6. Valutazione in itinere ed ex post I progetti sono sottoposti a valutazione in itinere ed ex post. I progetti sono vincolati alla presentazione di una relazione scientifica e finanziaria da parte del Coordinatore Scientifico Nazionale al termine del primo anno. A tale scopo il Coordinatore Scientifico Nazionale si avvarrà delle informazioni fornite dai Coordinatori delle Unità di Ricerca. Al termine del secondo anno, i Coordinatori Scientifici Nazionali presenteranno il rendiconto scientifico e amministrativo dei progetti finanziati, secondo le modalità e forme stabilite dal Dipartimento delle Strutture di Ricerca dell INAF. La mancata presentazione del rendiconto scientifico e finanziario sarà considerata come inadeguata attuazione del programma. Tutti i progetti finanziati sono sottoposti a valutazione ex post e dei risultati di tale valutazione, resa pubblica, si potrà tenere conto per successive assegnazioni di finanziamenti. La valutazione sarà eseguita dal Dipartimento delle Strutture di Ricerca dell INAF che potrà anche avvalersi di revisori esterni a livello internazionale. Il presente bando è diffuso presso tutte le sedi potenzialmente interessate e pubblicato sulla pagina Web dell INAF. Roma, 15 giugno 2005 Il Presidente Prof. Piero Benvenuti

8 ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA NATIONAL INSTITUTE FOR ASTROPHYSICS DIPARTIMENTO STRUTTURE DI RICERCA PROGETTI DI RICERCA DI INTERESSE NAZIONALE BANDO 2005 MODELLO A To be filled in by INAF Identification Code Part I Topical area to which the Project belongs (provide percentages up to a maximum of 3 areas) Topical Area (macroarea) % Galaxies and Cosmology Stars, Stellar Populations, and Interstellar Medium Sun and Solar System Relativistic Astrophysics and Astroparticles Advanced Technologies and Instrumentation 1.1 Title of the Project Italian English

9 1.2 Summary of the Project (max 1 page per language) Italiano Inserire testo English Insert Text 1.3 Key Words (max 6 ) Italian English 1.4 Principal Investigator of the Project (Coordinatore Nazionale) First Name Last Name Position Date of birth Affiliation (INAF /University/Research Organization) Address Telephone Fax

10 1.5 Curriculum Vitae of the Principal Investigator (max 20 lines) Insert Text 1.6 List of publications of the Principal Investigator (max 5, the most recent ones, closely related to the Project) 1.7 Research Units (RU) participating in the Project (minimum 2) RU Coordinator Position Affiliation Institution Total Number of RU researchers To be filled in Italian. Position: Astronomo Ordinario, Astronomo Associato, Astronomo Ricercatore for INAF/Observatories; Dirigente di Ricerca, Primo Ricercatore, Ricercatore for INAF/Institutes (or equivalent positions in other Research Organizations); Professore Ordinatrio, Professore Associato, Ricercatore for Universities.

11 1.8 Total number of months dedicated to the Project To be filled in by the Principal Investigator on the base of the Forms-B of the individual RUs I Year II Year Staff personnel of the participating RUs Staff personnel of other Institutes associated to a RU PhD Students Post-Doctoral Fellows Other Research Fellows Contract Personnel to be hired for the project Technicians Extra-INAF/University/Res. Org. personnel Total Part II 2.1 Scientific Rationale of the Project (max 2 pages) Insert text

12 2.2 Aims of the Project (max 1 page) Insert text 2.3 Description of the Project (max 4 pages) Specify the tasks of the participating RUs Insert text 2.4 Bibliography (max 1 page: A&A coding) Insert text 2.5 Criteria for the final evaluation (max ½ page) Insert text

13 Part III 3.1 Estimated costs per RU (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) Item RU1 RU2 RU3 RU4 RU5 RU6 Hardware Supplies and running costs Computing costs and services Contract Personnel External consultants Travel Other expenses (specify) Total 3.2 Requested and available funds (per RU) (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) Funds requested from INAF Funds available from the participating Institutes Total RU1 RU2 RU3 RU4 RU5 RU6 3.3 Originality of the Project and Funding Status The Principal Investigator certifies that the Project is original and not funded or co-funded, or expected to be funded or co-funded, by other public or private agencies YES Mark the side box

14 If not, indicate the agency(ies) different from INAF and the total funds either requested, assigned or received (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro; add lines if necessary) Other Financing Agency (specify) Requested Assigned Received 3.4 Grand Total of the funds made available and requested by each RU participating in the Project ( in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) Funds from INAF Funds from participating Institutes Funds from other Agencies Total RU1 RU2 RU3 RU4 RU5 RU6 3.5 Grand Total of the Project costs inclusive of management (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) Funds requested from INAF Funds from participating Institutes Funds from other Agencies Total 3.6 Minimum funding required to secure that the project goals are attained (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) Total from Forms-B of each participating RU Evaluated by the Principal Investigator

15 3.7 Additional Remarks if any (max 10 lines) Inser text Per la copia da depositare presso l Ente a cui afferisce il Coordinatore Scientifico e per l assenso alla diffusione via Internet delle informazioni riguardanti i programmi finanziati e la loro elaborazione necessaria alle valutazioni; legge del n. 675 sulla Tutela dei dati personali. Firma Data Approvato dal Direttore dell Istituto di appartenenza Firma Data

16 ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA NATIONAL INSTITUTE FOR ASTROPHYSICS DIPARTIMENTO STRUTTURE DI RICERCA PROGETTI DI RICERCA DI INTERESSE NAZIONALE BANDO 2005 MODELLO B To be filled in by INAF/Dipartimento Strutture Identification Code Part I 1.1 Title of the National Project Italian English 1.2 Principal Investigator of the National Project (Coordinatore Scientifico Nazionale) First Name Last Name Position Date of birth Affiliation (INAF/University/Research Organization) Address

17 1.3 Title of the Research Unit Project Italian English 1.4 Summary of the Research Unit Project (max 1 page per language) Italian Inserire testo Inglese Insert text 1.5 Scientific Coordinator of the Research Unit (Coordinatore dell Unità di Ricerca) First Name Last Name Position Date of birth Affiliation(INAF/University/Research Organization) Address Telephone Fax

18 1.6 Curriculum Vitae of the Research Unit Coordinator (max 20 lines) Insert text 1.7 List of publications of the Research Unit Coordinator (max 5, the most recent ones, closely related to the subject of the proposed project) 1.8 Manpower dedicated to the Research Unit Project Please give Positions, Affiliations (INAF/University/Research Organization) and Institute (Observatory/Research Institute/Department, etc.) in Italian, e.g for Positions: Astronomo Ordinario, Astronomo Associato, Ricercatore Astronomo for INAF/Observatories; Dirigente di Ricerca, Primo Ricercatore o Ricercatore for INAF/Institute (or equivalent positions for other Research Organizations); Professore Ordinario, Professore Associato, Ricercatore for Universities. Add extra lines if necessary. Staff personnel of Research Unit (INAF/University/Res. Org.) First Name Last Name Position Affiliation Institute Months I Year II Year

19 Staff personnel of other Institutes (INAF/University/Res. Org.) associated to the Research Unit First Name Last Name Position Affiliation Institute Months I Year II Year PhD Students First Name Last Name Position Affiliation Institute Months I Year II Year Post-Doctoral Fellows First Name Last Name Position Affiliation Institute Months I Year II Year Other Research Fellows First Name Last Name Position Affiliation Institute Months I Year II Year

20 Contract personnel to be hired for the project Number Position and role in the project Affiliation Institute Months I Year II Year Technicians (INAF, University, Res. Org.) First Name Last Name Position Affiliation Institute Months I Year II Year Extra-INAF/University/Res. Org. personnel First Name Last Name Position Affiliation Institute Months I Year II Year Part II 2.1 Description of the project and tasks of the Researc h Unit (max 4 pages) Insert text

21 2.2 Bibliography (max 1 page: A&A coding) Insert text 2.3 Equipment and services available for the project 2.4 Total estimated cost for the Research Unit (from Part III) (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) 2.5 Total researches and months dedicated to the project Staff Personnel of the Research Unit (RU) Staff of other Institutes associated to the RU PhD Students Post-Doctoral Fellows Other Research Fellows Contract personnel Technicians Non-INAF/University/Res. Org. personnel Researchers months

22 Part III 3.1 Estimated costs for the Research Unit (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) Hardware Item Description Cost Supplies and running costs Computing costs and services Contract Personnel External Consultants Travel Other expenses (specify) Total 3.2 Originality of the Project and Funding Status The coordinator of the Research Unit certifies that the Project is original and not funded or co-funded, or expected to be funded or co-funded, by other public or private agencies. YES Mark the side box If not, indicate the agency(ies) different from INAF and the total funds either requested, assigned or received (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro (add lines if necessary) Other Financing Agency (specify) Requested Assigned Received

23 3.3 Grand total of the funds made available and requested by the Research Unit (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro). Funds requested from INAF Funds available from the participating Institutes Funds from external funding agencies Total 3.4 Minimum funding required to secure that the project goals are attained (in kilo-euro and rounded to the closest 100 Euro) As indicated by the Research Unit Coordinator 3.5 Additional Remarks if any (max 10 lines) Insert Text Per la copia da depositare presso l Ente di appartenenza del Responsabile e per l assenso alla diffusione via Internet delle informazioni riguardanti i programmi finanziati e la loro elaborazione necessaria alle valutazioni; legge del n. 675 sulla Tutela dei dati personali. Firma del responsabile Data Firma del Direttore della struttura di appartenenza Data Inoltrare per tempo i Moduli B al Coordinatore Nazionale!!!

Anno 2008 - Protocollo:... (attribuito dal sistema)

Anno 2008 - Protocollo:... (attribuito dal sistema) QUESTO E' SOLO UN FACSIMILE E NON SI PUO' UTILIZZARE PER LA COMPILAZIONE MINISTERO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della ricerca PROGETTO DI RICERCA

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO 2014. Bando Ateneo-CSP 2014 LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DEI COSTI

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO 2014. Bando Ateneo-CSP 2014 LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DEI COSTI DIVISIONE PRODOTTI SETTORE RICERCA Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261520/517- Fax 0161 211369 ricerca@unipmn.it BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO 2014 Bando Ateneo-CSP

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELL ATTIVITA DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2004

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELL ATTIVITA DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELL ATTIVITA DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2004 Sezione A) - Tipologie di intervento previste - Presentazione

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro. BANDO PER PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO 2012 Bando Ateneo-CSP 2012

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro. BANDO PER PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO 2012 Bando Ateneo-CSP 2012 Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro BANDO PER PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO 2012 Bando Ateneo-CSP 2012 LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DEI COSTI 1) MODIFICA DEL GRUPPO DI RICERCA

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO

PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO SERVIZIO RICERCA PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO Bando per la presentazione delle richieste di finanziamento Anno 2015 FINALITÀ Lo scopo principale del finanziamento di Progetti di ricerca di Ateneo (PRAT)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Repertorio n. 46/2016 del 01/02/2016

Repertorio n. 46/2016 del 01/02/2016 Repertorio n. 46/2016 del 01/02/2016 ADR/DA/AR BANDO INTERNO 2016 PROGETTI DI RICERCA PER DOCENTI E RICERCATORI IL PRORETTORE ALLA VALUTAZIONE E ALLA RICERCA VISTO lo Statuto della Scuola Normale Superiore

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2014 - Articolo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

Anno 2008 - Protocollo:... (attribuito dal sistema)

Anno 2008 - Protocollo:... (attribuito dal sistema) QUESTO E' SOLO UN FACSIMILE E NON SI PUO' UTILIZZARE PER LA COMPILAZIONE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Direzione Generale per il Coordinto e lo Sviluppo della ricerca PROGETTO

Dettagli

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO)

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) INSTITUTION PRESENTING THE PROJECT (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE):

Dettagli

BANDO INTERNO 2015 PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI SECONDA TORNATA

BANDO INTERNO 2015 PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI SECONDA TORNATA BANDO INTERNO 2015 PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI SECONDA TORNATA SRT / SBC / albo ufficiale on-line ADR/DA/AR Decreto n. 438 IL PRORETTORE ALLA VALUTAZIONE E ALLA RICERCA VISTO lo Statuto

Dettagli

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015.

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Milano, 19/11/2015 Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Il presente documento ha lo scopo di illustrare le

Dettagli

SEZIONE I PROGETTI DI RICERCA E COLLABORAZIONI FONDI PER LA RICERCA E MODALITÀ DI ACCESSO

SEZIONE I PROGETTI DI RICERCA E COLLABORAZIONI FONDI PER LA RICERCA E MODALITÀ DI ACCESSO REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI ASSEGNAZIONE E UTILIZZO DEI FONDI PER LA RICERCA (Emanato con D.D. n. 45 del 23.01.2002, modificato con i D.D. n. 618 del 2003, n. 103 del 2005, n. 99 e n. 552 del 2006,

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica

Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica La gestione del fondo di Ateneo per la ricerca scientifica dei ricercatori e docenti strutturati si articola in quattro parti: la prima riguarda

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II PROGRAMMA STAR - SOSTEGNO TERRITORIALE ALLE ATTIVITÀ DI RICERCA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II PROGRAMMA STAR - SOSTEGNO TERRITORIALE ALLE ATTIVITÀ DI RICERCA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II PROGRAMMA STAR - SOSTEGNO TERRITORIALE ALLE ATTIVITÀ DI RICERCA LINEA D INTERVENTO 1 - JUNIOR PRINCIPAL INVESTIGATOR GRANTS Bando per il Finanziamento di Progetti

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 11 novembre 2011 Programma per il reclutamento di giovani ricercatori «Rita Levi Montalcini».(Decreto n. 486). (12A02222) (GU n. 49 del

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

IL PRESIDENTE PREMESSO CHE - BIP

IL PRESIDENTE PREMESSO CHE - BIP IL PRESIDENTE PREMESSO CHE - la Società ha partecipato alla presentazione di un progetto dal titolo Bio Industrial Processes - BIP -nel seguito BIP,nell'ambito del BANDO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE

Dettagli

I L P R E S I D E N T E

I L P R E S I D E N T E Proroga dei termini di tutti i bandi per il conferimento - nell'anno 2015 e con scadenza 18 marzo 2015 - di borse di studio, borse di studio per tesi di laurea all estero e per premi di laurea, destinati

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope POS. UPTA Decreto n.158

Università degli Studi di Napoli Parthenope POS. UPTA Decreto n.158 Università degli Studi di Napoli Parthenope POS. UPTA Decreto n.158 AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI LAVORO AUTONOMO DI NATURA

Dettagli

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES. Il Direttore

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES. Il Direttore VISTA la legge 27.12.97, n. 449, in particolare l art.51 - comma 6; VISTO il D.M. 11.2.98; VISTA la legge 19.10.99, n. 370, ed in particolare l art. 5; VISTA la legge 23.12.99, n. 488; VISTO il D.Lgs.

Dettagli

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi Nuova disciplina dell attività di Restauro Sintesi Definizione dei profili professionali Il D.M. n. 86 del 26 maggio 2009 definisce così i profili professionali degli operatori che eseguono interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

2. Identificazione del progetto e della provenienza dei fondi da indicare sui giustificativi di spesa

2. Identificazione del progetto e della provenienza dei fondi da indicare sui giustificativi di spesa Milano, 18/11/2014 Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti TRIDEO. Il presente documento ha lo scopo di illustrare le norme amministrative dei progetti TRIDEO

Dettagli

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO Premessa Nel rinnovare l accordo (19 luglio 2007) per il pagamento dei diritti d autore sulle fotocopie effettuate

Dettagli

Docenze a contratto iter procedurale

Docenze a contratto iter procedurale Docenze a contratto iter procedurale Il Consiglio di Dipartimento annualmente esamina l offerta didattica per l A.A. successivo a quello in corso e accerta preventivamente il completo utilizzo dell impegno

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per la politica finanziaria

Dettagli

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013 < Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia Bando interno per l anno 2013 La Direzione Scientifica emana per l anno 2013 un bando interno per finanziare mediante il budget della Ricerca Corrente

Dettagli

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010.

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010. I DIVISIONE 4.1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240.

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47660/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE L ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER LA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AD ATTIVITA CONNESSE AI SERVIZI RESI DALL UNIVERSITA ( Decreto Legislativo n.

BANDO DI SELEZIONE PER LA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AD ATTIVITA CONNESSE AI SERVIZI RESI DALL UNIVERSITA ( Decreto Legislativo n. BANDO DI SELEZIONE PER LA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AD ATTIVITA CONNESSE AI SERVIZI RESI DALL UNIVERSITA ( Decreto Legislativo n. 68/2012) D.R.3360 VISTO VISTO IL RETTORE lo Statuto di questa Università,

Dettagli

Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori

Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori Finalità e caratteristiche generali Il Servizio sanitario regionale (SSR) ha identificato la ricerca

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO NELL AMBITO

Dettagli

La Commissione nella sua prima riunione del 19 maggio ha eletto Segretario Vito Svelto.

La Commissione nella sua prima riunione del 19 maggio ha eletto Segretario Vito Svelto. Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Progetti di Ricerca delle Università Anno 2005 INDICE 1. Premessa 2. L attività della Commissione 2.1 Progetti presentati 2.2 La fase di valutazione

Dettagli

IL RETTORE. VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168 e s.m. e i.

IL RETTORE. VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168 e s.m. e i. Decreto n. 848/14 Prot. n. 19666 del 31.3.2014 IL RETTORE VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168 e s.m. e i. VISTO il sistema di indicatori per l allocazione delle risorse finanziarie a Facoltà e Dipartimenti

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

PRIN 2009. OGGETTO: PRIN 2009 Inserimento/estromissione personale unità di ricerca Nota procedurale

PRIN 2009. OGGETTO: PRIN 2009 Inserimento/estromissione personale unità di ricerca Nota procedurale OGGETTO: PRIN 2009 Inserimento/estromissione personale unità di ricerca Nota procedurale Alla luce delle modifiche introdotte dall art. 18, comma 5 della Legge n. 240/2010 e ss.mm.ii. in materia di composizione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PER ATTIVITA

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI

MINISTERO DEI TRASPORTI MINISTERO DEI TRASPORTI BANDO PER IL FINANZIAMENTO A FAVORE DEI COMUNI PER L ADEGUAMENTO DEGLI ATTRAVERSAMENTI SEMAFORIZZATI ALLE ESIGENZE DEI NON VEDENTI Il Ministero dei Trasporti, Dipartimento Trasporti

Dettagli

BANDO PER BORSE DI STUDIO PER TESI ALL ESTERO

BANDO PER BORSE DI STUDIO PER TESI ALL ESTERO " SAPIENZA" UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE, SOCIOLOGIA, COMUNICAZIONE BANDO PER BORSE DI STUDIO PER TESI ALL ESTERO IL PRESIDE DELLA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE, SOCIOLOGIA, COMUNICAZIONE

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2013 - Articolo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

PSICOTECNOLOGIE E PROCESSI FORMATIVI del Corso di Laurea a distanza in Discipline della Ricerca Psicologico Sociale

PSICOTECNOLOGIE E PROCESSI FORMATIVI del Corso di Laurea a distanza in Discipline della Ricerca Psicologico Sociale I L P R E S I D E VISTA VISTO VISTA DATO la legge 30 dicembre 2010, n.240; il Regolamento per le attribuzioni delle attività didattiche; la delibera del Consiglio di Facoltà del 19.12.2011 sull attribuzione

Dettagli

Rep.405/2015 Prot. 29680-VII/16 del 16/6/2015 L UNIVERSITÀ CA FOSCARI VENEZIA - DIPARTIMENTO DI ECONOMIA

Rep.405/2015 Prot. 29680-VII/16 del 16/6/2015 L UNIVERSITÀ CA FOSCARI VENEZIA - DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA RISORSA PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI SCRITTURA DI TESTI E RACCOLTA DI MATERIALE PER LO SVILUPPO DI CONTENUTI DI UN APP PER SMARTPHONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI 758 05/02/2014 Identificativo Atto n. 26 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA - INIZIATIVE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

Tutti i requisiti di cui ai punti precedenti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda.

Tutti i requisiti di cui ai punti precedenti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda. Selezione pubblica, per titoli e colloquio, per figure madrelingua di: inglese tedesco francese spagnolo per incarichi di prestazione autonoma di insegnamento e attività di traduzioni presso il Centro

Dettagli

AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015

AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015 AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015 AVVISO DI RICOGNIZIONE INTERNA PER L ATTRIBUZIONE DI N. INCARICO DI TRADUZIONE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SEGRETARIO GENERALE VISTO il D.Lgs. 20 ottobre 1998, n.368 e successive modificazioni, concernente l istituzione del Ministero per i beni e le attività culturali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 211 DEL 24.09.2015 OGGETTO: Approvazione della Convenzione per l affidamento del servizio di informazione, raccolta dati, compilazione e calcolo dell indicatore parificato universitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL CAPO DEL DIPARTIMENTO VISTO il Decreto-Legge 16 maggio 2008, n. 85 recante: "Disposizioni urgenti per l adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell articolo 1, commi 376 e 377, della

Dettagli

AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA DI SELEZIONE

AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA DI SELEZIONE AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, DURATA 12 MESI, DI N. 1 IMPIEGATO/A PER L UFFICIO FORMAZIONE DEL CELVA LIVELLO 1 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE COMMERCIO

Dettagli

SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA

SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ARTICOLO 1 Requisiti per l ammissione alla selezione E indetta una selezione

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLA STRUTTURA

IL RESPONSABILE DELLA STRUTTURA PROCEDURA PUBBLICA ORDINARIA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PER LA REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEL GRUPPO DI RICERCA SULL IMMAGINARIO CONTEMPORANEO OT-ORBIS TERTIUS, PER

Dettagli

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario)

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale relativa al 2008, promuove un Bando a tema per il finanziamento

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

Dipartimento Scienze Giuridiche. Bando di ammissione al MASTER PROCEDIMENTO E PROCESSO AMMINISTRATIVO: TRADIZIONE E NOVITA A.A.

Dipartimento Scienze Giuridiche. Bando di ammissione al MASTER PROCEDIMENTO E PROCESSO AMMINISTRATIVO: TRADIZIONE E NOVITA A.A. Dipartimento Scienze Giuridiche Bando di ammissione al MASTER PROCEDIMENTO E PROCESSO AMMINISTRATIVO: TRADIZIONE E NOVITA A.A. 2011/2012 Art. 1 Corso e posti 1. La Scuola Superiore dell Economia e delle

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLA STRUTTURA

IL RESPONSABILE DELLA STRUTTURA PROCEDURA PUBBLICA ORDINARIA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 2 INCARICHI DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE SIMULTANEA NELL AMBITO DEL PRIMO CONVEGNO ITALIANO SULL ANTROPOLOGIA DELLA CINA,

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE IN RISPOSTA AL BANDO DELLA NATIONAL SCIENCE FOUNDATION: Materials World Network

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE IN RISPOSTA AL BANDO DELLA NATIONAL SCIENCE FOUNDATION: Materials World Network MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE IN RISPOSTA AL BANDO DELLA NATIONAL SCIENCE FOUNDATION: Materials World Network La procedura web consente la compilazione delle domande in risposta al bando della

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Criteri e modalità di erogazione dei contributi in favore dei partecipanti nazionali per la realizzazione dei progetti eleggibili a finanziamento nell ambito dell azione ERANET PLUS CORE ORGANIC PLUS.

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente.

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente. Inpdap: la procedura per il recupero degli indebiti (Inpdap, Nota Operativa 20.6.2006 n. 39) Sono in arrivo le comunicazioni Inpdap relative alle somme indebitamente percepite dai pensionati. L istituto

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 Prot. 2008/A20C 12/05/2015 Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 BANDO di CONCORSO Assegnazione n. 12 Borse di Studio Il presente concorso, per soli titoli,

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura Vista Viste IL RETTORE Il D.M. n. 270/2004 ed in particolare l art.3 comma 9 che, in attuazione dell art.1 comma 15 della legge n. 4 del 14.01.1999, dispone

Dettagli

IL RETTORE. UPD Dec.n. 1 D E C R E T A

IL RETTORE. UPD Dec.n. 1 D E C R E T A IL RETTORE UPD Dec.n. 1 Visto il D.R. n. 85 del 30/01/2003 con il quale sono stati banditi gli insegnamenti compresi nell ordinamento degli studi della S.I.C.S.I.; Considerato che per alcuni degli insegnamenti

Dettagli

BANDO N. 23/2015 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa.

BANDO N. 23/2015 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Prot. n. 436 del 05.08.2015 Class. VII/16 BANDO N. 23/2015 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. IL DIRETTORE

Dettagli