LA NUOVA SFIDA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA: IL CURRICOLO E LE COMPETENZE LE CARATTERISTICHE CHE DEVE AVERE IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA SFIDA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA: IL CURRICOLO E LE COMPETENZE LE CARATTERISTICHE CHE DEVE AVERE IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA"

Transcript

1 LA NUOVA SFIDA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA: IL CURRICOLO E LE COMPETENZE LE CARATTERISTICHE CHE DEVE AVERE IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ORIZZONTALE la famiglia é :portatrice di risorse che vanno valorizzate, contenitore e promotrice di esperienze su cui il bambino ha costruito saperi comuni, corresponsabile della formazione va aiutata a prendere coscienza del suo ruolo di mediatore dei saperi VERTICALE all interno della scuola dell infanzia e all ordine di scuola successivo Quali obiettivi privilegiare con i bambini di 3,4,5 anni per il raggiungimento dei traguardi? Trguardi da intendersi non solo come risultati attesi ma come processi da interpretare e stimolare come aiuto per gli insegnanti per orientare l azione che danno senso all apprendimento Il termine sviluppo richiama richiama la visione dinamica e di processo dell apprendimento e l attenzione all area di sviluppo potenziale dei singoli STRUTTURANTE -TRASVERSALE -L obiettivo fondamentale della scuola dell infanzia è sostenere LA COMPRENSIONE DEI SAPER-FARE E DEI SAPER DIRE La scuola deve creare le condizioni per la comprensione (favorire la concettualizzazione delle conoscenze di natura procedurale ) Quali scelte per costruire un curricolo con queste caratteristiche? DEVE DIVENTARE CENTRALE 1-L organizzazione dell apprendimento e la consapevolezza del proprio processo di apprendimento competenza imparare ad imparare 2 devono essere messi al centro -i nodi concettuali che attraversano le discipline e l educazione cognitiva Perché? Differenza tra concetti e concettualizzazione QUANDO SI PADRONEGGIANO I CONCETTI SI COMPRENDONO I CONTENUTI (da bambini meta cognizione e apprendimento ) PER RIDURRE LE DIFFERENZE TRA ALLIEVI TEMA DELL INCLUSIONE CENTRALE È LA COMPRENSIONE DI QUELLO CHE SI FA E SI DICE DARSI OBIETTIVI COGNITIVI ACQUISIZIONE DI STRATEGIE COGNITIVE E META COGNITIVE DI RAGIONAMENTO 3-7 anni concettualizzazione delle conoscenze procedurali LA CONCETTUALIZZAZIONE AIUTA A NON CONFONDERE TRA MEZZI E OBIETTIVI Cosa implica? Pensare diversamente gli apprendimenti favorire le strategie cognitive e metacognitive di ragionamento Analizzare i compiti in chiave cognitiva Ripensare alla mediazione dell insegnante Struttura della situazione insegnamento apprendimento Metodologie cognitive Condizioni favorenti situazioni problema hanno l obiettivo di aiutare la concettualizzazione Individuare i nodi concettuali trasversali presenti nelle discipline Funzionamento di relazione: d ordine, quantitative, spaziali, categoriali

2 Attenzione ai processi cognitivi sottostanti gli obiettivi di uno specifico curriculo per conoscere: -la natura degli approcci -individuare le sfide - le indicazioni per la pratica CONTESTUALIZZATO COME RISPOSTA AI BISOGNI DELL UTENZA E DEL TERRITORIO INTENZIONALE NELLE SCELTE (ORGANIZZAZIONE,ESPERIENZE SIGNIFICATIVE,METODI, STRATEGIE INTEGRAZIONI,TRASVERSALITÀ E INTERCONNESSIONI TRA CAMPI D ESPERIENZA-DISCIPLINE,VALUTAZIONE COERENTI CON I TRAGUARDI) OPPORTUNITA DI RICERCA E INNOVAZIONE EDUCATIVA PROGRESSIVO E CONTINUO COGLIERE LO SVILUPPO E L APPROFONDIMENTO POSSIBILE L IMPORTANZA DI OSSERVARE il bambino per definire il curriculo attraverso la conoscenza dei suoi interessi delle attitudini delle intelligenze prevalenti degli stili Attraverso Il gioco strutturato osservare il bambino (i tempi di cui ha bisogno, le strategie messe in atto, l autocontrollo, le difficoltà e i punti di forza, la motivazione, ) creare momenti mirati di mediazione e riflessione cognitiva (utilizzare consapevolmente e intenzionalmente il gioco trasformandolo in strumento didattico educativo) fare una valutazione dinamica (valutare il potenziale di apprendimento) l osservazione gioco libero creare contesti in cui vedere in azioni le intelligenze valutazione dinamica basata sul curricolo raccolta dati del potenziale di apprendimento- attenzione ai processi in bambini che presentano delle difficoltà (Tzuriel-Carl Haywood-Carol Lidz) prove strutturate conoscere i suoi contesti estrascolastici ( attraverso il colloquio con la famiglia ) per cogliere le sue conoscenze ed esperienze reali per orientare gli insegnanti verso la scelta di situazioni problematiche ed esperienze con un forte legame con quelle dei bambini per dare senso e motivazione all apprendimento

3 Che cos è il curricolo di scuola?: una mappa concettuale che rappresenta le dimensioni essenziali delle competenze e da una o più rubriche valutative in rapporto al profilo atteso degli alunni di quel territorio (prevede scelte) da Castoldi Per la costruzione del curricolo di scuola si passa dalla rivisitazione del proprio lavoro di aula nella prospettiva di progetti didattici Si parte dalla sfida di 1 - RIVISITAZIONE DEI TRAGUARDI DI SVILUPPO METTENDOLI IN RAPPORTO ALLE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PASSA DALL ANALISI DELLA COMPETENZA ALLA ELABORAZIONE DI UNA O PIÙ RUBRICHE VALUTATIVE in rapporto ai diversi anni scolastici in risposta alla domanda : DI COSA HA BISOGNO IL BAMBINO PER SVILUPPARE LA COMPETENZA? QUALI PROCESSI COGNITIVI ED EXTRACVOGNITIVI DEVE MOBILITARE PER SVILUPPARE LA COMPETENZA SPOSTA IL FOCUS DALL INSEGNAMENTO ALL APPRENDIMENTO DAI CONTENUTI AI PROCESSI Premessa per una progettazione formativa ESEMPIO elaborazione della mappa sulla competenza dell oralità effettuata dalle insegnanti della scuola dell infanzia E 15 I C.Padre Gemelli To Competenza dell oralità Dimensioni della competenza Dimensione relazionale Dimensione comunicativa Pianificazione organizzazione delle idee Dimensione autocontrollo Atteggiamenti con cui si pone Adeguamento della comunicazione al destinatario Intenzionalità e motivazione Consapevolezza di essere in un atto comunicativo Conosce il ruolo che assume emittente destinatario Logicità Strutture morfosintattiche Controllo dell emotività Controllo motorio Pone attenzione Ascolta Risponde Adegua il linguaggio Risponde in modo adeguato Interviene spontaneamente focus dello sguardo verso chi parla Risponde con un tono appropriato Da risposte pertinenti Riformula frasi per farsi capire Rispetta il turno Successione temporale di fatti ed eventi Pertinenza dell affermazione Messa in relazione degli elementi Frasi sintatticamente corrette Lessico adeguato Linguaggio specifico Uso corretto dei connettivi Fluidità del parlato Postura adeguata Superamento dei blocchi emotivi

4 Dimensione auto valutativa Mettersi in discussione Assunzione di responsabilità nella comunicazione in situazioni nuove Si pone domande sull efficacia della sua comunicazione Riconosce l accettabilità delle frasi prodotte Rimodula la propria comunicazione Rubrica livelli in relazione alla competenza nella comunicazione orale LIVELLO PARZIALE: Mantiene il focus con la mediazione dell adulto;risponde solo a domande dirette su argomenti che lo interessano. Esprime il proprio pensiero in modo confuso;formula frasi semplici solo in caso di bisogni personali. Nell atto comunicativo parla senza rispettare il turno, fatica ad ascoltare. ESSENZIALE Pone attenzione per un tempo limitato. Argomenta se sollecitato. Difende maggiormente i pensieri legati alle proprie esperienze. Le frasi sono semplici, corrette ed essenziali; utilizza un lessico di base. Fatica a rispettare i turni. Necessita di mediazione per capire se la comunicazione è efficace. L emotività porta a rendere confuso il pensiero e la sua esposizione. INTERMEDIO Tiene il focus della comunicazione, rispetta i turni, partecipa spontaneamente e ponendo domande. Esprime il proprio pensiero in modo adeguato anche nel lessico. E capace a tenere conto dell opinione altrui. Esprime un giudizio sul suo livello di comunicazione. Controlla l emotività. AVANZATO Tiene il focus della comunicazione. Rispetta i turni di parola e partecipa in modo spontaneo argomentando e sostenendo il proprio pensiero. Fa domande di chiarimento e rende viva l interazione. Si rende conto se la sua comunicazione è efficace ed eventualmente la rimodula. Utilizza un linguaggio adeguato/ specifico. Controlla l emotività. Altro esempio MAPPA CONCETTUALE SULLA COMPETENZA DELLA PROGETTAZIONE MOBILITARE SAPERI E CONOSCENZE RELAZIONARSI AGLI ALTRI OPERARE SCELTE PROGETTARE PIANIFICARE ORGANIZZARE ED ORGANIZZARSI VALUTARE /AUTOVALUTARSI ASSUMERE RUOLI

5 RUBRICA VALUTATIVA DIMENSIONI CRITERI INDICATORI Mobilitare saperi Ipotizzare Riconoscimento di un problema Analisi e ricerca di soluzioni Sa fare ipotesi Riconosce gli elementi del problema Sa individuare le soluzioni Organizzare Pianificazione Assunzione di ruoli Relazione con gli altri Valutare /valutarsi Orientarsi per la ricerca di risorse e materiali Sequenza mentale delle operazioni Scegliere le strategie Consapevolezza del proprio contributo Riconoscimento delle capacità degli altri Assunzione di punti di vista diversi Cooperazione Verifica delle azioni intraprese Atteggiamento critico Sa mettere in relazione Sa individuare risorse,materiali,spazi Sa individuare il proprio contributo Sa individuare le fasi Sa collocare le tappe nel tempo Sa rappresentarsi le tappe mentalmente e verbalizzarle Sa rappresentare le tappe sa operare delle scelte coerenti Sa assumersi un ruolo dato e mantenerlo Sa riconoscersi delle capacità e le riconosce agli altri Porta a termine Porta il suo contributo Tiene conto del punto di vista degli altri Sa modificare il proprio punto di vista Coopera Riflette su suo operato Ha consapevolezza di cosa ha fatto e lo esprime Riconosce se le scelte fatte sono state corrette o no Livelli Riconosce un problema, sa fare ipotesi e individua soluzioni Organizza il lavoro utilizzando correttamente le procedure e individuando i materiali e le risorse necessarie Porta a termine autonomamente Esplicita il percorso attuato e sa rappresentarne le tappe Motiva le sue scelte, riconosce le proprie capacità e quelle degli altri e modifica spontaneamente il proprio Coglie il problema e i bisogni e si attiva autonomamente ma necessita di mediazione per mettere in relazione e per trovare soluzioni Sa ascoltare e accoglie i punti di vista diversi Non sempre organizza il proprio lavoro autonomamente, riesce ad utilizzare i materiali e le risorse quando ha compreso bene la consegna Non è sempre in grado di esplicitare il percorso attuato e di giustificare il suo operato Si assume un ruolo ma non sempre è in grado di mantenerlo Non sempre sa valutare se le proprie scelte sono adeguate, necessita dell adulto per Si attiva solo su richiesta, Non sa dare risposte ai problemi perché è in difficoltà a cogliere relazioni tra gli elementi Non sa fare ipotesi Fatica a individuare i materiali e le risorse necessarie per affrontare il compito che porta a termine con difficoltà Non riesce a rappresentare le tappe del lavoro e non sa procedere con ordine Tende a non fare scelte e ad adeguarsi alle scelte degli altri Fatica ad assumere altri punti di vista e

6 punto di vista Sa valutare il suo operato. individuare le criticità Esprime il suo punto di vista dietro sollecitazione dell insegnante a difficoltà ad assumersi un ruolo Non sempre sa valutare se la risposta è stata adeguata né coglie i punti di criticità Altro esempio COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE: Sapersi relazionare Dimensioni / criteri /indicatori Dimensioni Criteri Indicatori Disponibilità ad apprendere Ascolto Motivazione Relazione Ascolta i compagni esigenze problemi Riconosce le emozioni Disponibilità a relazionarsi Disponibilità ad aiutare Consapevolezza del traguardo Recupero del sapere pregresso Chiarezza obiettivo Riflessione Controllo di sé Trasferire saperi e abilità pregresse Individuare risorse o mancanze Sa chiedere aiuto Riconosce il problema Sa cosa vuol vedere succedere Sa cosa deve fare Sa valutare se il suo intervento è stato efficace Sa controllare l insuccesso Richiama esperienze vissute Riconosce limiti o carenze Confronta esperienze pregresse con la nuova situazione Applica il sapere pregresso nella nuova situazione Organizzazione del contesto Piano d azione tempi spazi Tiene conto delle informazioni Organizza situazioni di gioco e di aiuto Gestisce spazi e tempi Attivazione di strategie Intenzionalità Flessibilità Autovalutazione Sa trovare la modalità giusta per entrare in rapporto Osserva e analizza ciò che accade Modifica il suo intervento Individua ciò che funziona e ciò che non funziona Si modifica tenendo conto delle risposte dell altro Introduce nuove strategie Attribuisce pensieri diversi dai suoi e sospende il giudizio Comunicazione Linguaggio verbale e non verbale Adegua il linguaggio a chi ha davanti Riconosce e attiva codici comunicativ diversificati

7 Rubrica valutativa Livelli di competenza: Basso Occorre la mediazione dell adulto per cogliere le esigenze proprie ed altrui. Necessita di guida per riconoscere i problemi, per individuare l obiettivo, per capire come agire. Ha bisogno di confrontarsi con altre procedure per comprenderle e trovare un adeguata modalità per entrare in relazione in contesti diversi, E in difficoltà ad individuare ciò che ha o non ha funzionato e a gestire l insuccesso. Manca la consapevolezza dei codici comunicativi adeguati alle diverse situazioni. Medio Sa ascoltare le esigenze dei compagni, ma occorre la mediazione dell adulto per attivare strategie in risposta ai bisogni. Non sempre ha un adeguata consapevolezza dei propri bisogni. Occorre l intervento delll adulto per adeguare il proprio comportamento all obiettivo da raggiungere e fronteggiare l eventuale insuccesso. Accetta un punto di vista diverso da l proprio per entrare in relazione in contesti diversi, se vengono esplicitate le motivazioni. Con l aiuto di un compagno o di un adulto riesce a valutare cosa ha -o non ha- funzionato del proprio intervento. Utilizza codici comunicativi adeguati solo nei contesti conosciuti. Alto Sa ascoltare ed accogliere le esigenze dei compagni e si attiva per rispondere ai bisogni; è in grado di riconoscere i propri bisogni e di chiedere aiuto utilizzando un pensiero flessibile in considerazione delle risposte ricevute dal contesto. Ha chiaro l obiettivo da raggiungere, sa adeguare il proprio comportamento e gestire l insuccesso e il successo. Sa valutare cosa ha funzionato del suo intervento. Ha consapevolezza dei codici comunicativi e sa utilizzarli.

8 2 - CONTENUTI CULTURALI RICERCARE I COLLEGAMENTI TRA COMPETENZE E SAPERI CAMPI D ESPERIENZA E DISCIPLINARI quale contributo può dare ogni campo d esperienza? Es. lingua COMPETENZA EUROPEA PROFILO AL TERMINE DEL 1 CICLO La comunicazione nella madrelingua è la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in un intera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione e formazione, lavoro, vita domestica e tempo libero. Dimostra una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni ABILITÀ DI RICEZIONE E PRODUZIONE: dai traguardi PARLARE Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti, argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in differenti situazioni comunicative. Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni, inventa nuove parole e analogie tra i suoni e i significati (infanzia) L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti, rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti, in un registro il più possibile adeguato alla situazione (primaria) LEGGERE STUDIARE ASCOLTARE L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò matura la consapevolezza che il dialogo, oltre ad essere uno strumento comunicativo, ha anche un grande valore civile e lo utilizza per apprendere informazioni ed elaborare opinioni su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali. Usa la comunicazione orale per collaborare con gli altri, ad esempio nella realizzazione di giochi o prodotti, nell elaborazione di progetti e nella formulazione di giudizi su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali. (secondaria 1 ) Legge e comprende testi di vario tipo, continui e non continui, ne individua il senso globale e le informazioni principali, utilizzando strategie di lettura adeguate agli scopi. Legge testi di vario genere facenti parte della letteratura dell infanzia, sia a voce alta sia in lettura silenziosa e autonoma e formula su di essi giudizi personali. (primaria) Legge testi letterari di vario tipo (narrativi, poetici, teatrali) e comincia a costruirne un interpretazione collaborando con compagni e insegnanti. (secondaria 1 ) Utilizza abilità funzionali allo studio: individua nei testi scritti informazioni utili per l apprendimento di un argomento dato e le mette in relazione; le sintetizza, in funzione anche dell esposizione orale, acquisisce un primo nucleo di terminologia specifica. Capisce e utilizza nell uso orale e scritto i vocaboli funzionali e quelli di alto uso; capisce e utilizza i più frequenti termini specifici legati alle discipline di studio (primaria) Usa manuali delle discipline o testi divulgativi (continui, non continui e misti) nelle attività di studio personali e collaborative, per ricercare, raccogliere e rielaborare dati, informazioni e concetti; costruisce sulla base di quanto letto testi o presentazioni con l utilizzo di strumenti tradizionali e informatici. Espone oralmente all insegnante e ai compagni argomenti di studio e di ricerca, anche avvalendosi di supporti specifici (schemi, mappe, presentazioni al computer etc.) (secondaria 1 ) Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il linguaggio per progettare attività e per definire regole. (infanzia) Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media, cogliendone il senso, le

9 informazioni principali e lo scopo (primaria) SCRIVERE Ascolta e comprende testi di vario tipo diretti e trasmessi dai media, riconoscendone la fonte, il tema, le informazioni e la loro gerarchia, l intenzione dell emittente. (secondaria 1 ) Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media (infanzia) Scrive testi corretti nell ortografia, chiari e coerenti, legati all esperienza e alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre; rielabora testi parafrasandoli, completandoli, trasformandoli. (primaria) RIFLETTERE SIULLA LINGUA Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativi, descrittivi, espositivi, regolativi, argomentativi) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario. Produce testi multimediali, utilizzando in modo efficace l accostamento dei linguaggi verbali con quelli iconici e sonori. Comprende e usa in modo appropriato le parole del vocabolario di base (fondamentale; di alto uso; di alta disponibilità). Riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso. Adatta opportunamente i registri formale e informale in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori, realizzando scelte lessicali adeguate. (secondaria 1 ) Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività e la fantasia.(infanzia) Riflette su testi propri e altrui per cogliere regolarità morfosintattiche e caratteristiche del lessico; riconosce che le diverse scelte linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni comunicative. È consapevole che nella comunicazione sono usate varietà diverse di lingua e lingue differenti (plurilinguismo). Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative all organizzazione logico-sintattica della frase semplice, alle parti del discorso (o categorie lessicali) e ai principali connettivi (primaria) LESSICO Riconosce il rapporto tra varietà linguistiche diverse (plurilinguismo) e il loro uso nello spazio geografico, sociale, comunicativo. Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative al lessico, alla morfologia, all organizzazione logico-sintattica della frase semplice e complessa, ai connettivi testuali; utilizza le conoscenze metalinguistiche per comprendere con maggiore precisione i significati dei testi e per correggere i propri scritti. (secondaria 1 ) Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. (infanzia) Capisce e utilizza nell uso orale e scritto i vocaboli fondamentali e quelli di alto uso; capisce e utilizza i più frequenti termini specifici legati alle discipline di studio. Riflette sui testi propri e altrui per cogliere regolarità morfosintattiche e caratteristiche del lessico; riconosce che le diverse scelte linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni comunicative. È consapevole che nella comunicazione sono usate varietà diverse di lingua e lingue differenti (plurilinguismo). (primaria) Comprende e usa in modo appropriato le parole del vocabolario di base (fondamentale; di alto uso; di alta disponibilità). Riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso. Adatta opportunamente i registri informale e formale in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori, realizzando scelte lessicali adeguate. Riconosce il rapporto tra varietà linguistiche/lingue diverse (plurilinguismo) e il loro uso nello spaziogeografico, sociale e comunicativo Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative al lessico. (secondaria 1 grado)

10 Profilo in uscita DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA PRIMARIA (lingua italiana) SCUOLA DELL INFANZIA (lingua italiana) Al termine del percorso triennale della scuola dell infanzia, è ragionevole attendersi che ogni bambino abbia sviluppato alcune competenze di base che strutturano la sua crescita personale. Sa raccontare, narrare, descrivere situazioni ed esperienze vissute, comunica e si esprime con una pluralità di linguaggi, utilizza con sempre maggiore proprietà la lingua italiana... Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati.-interpretare Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in differenti situazioni comunicative. Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni; inventa nuove parole, cerca somiglianze e analogie tra suoni e significati. Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il linguaggio per progettare e definirne regole. Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lu8ngue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività e la fantasia. Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media. AMBITI DELLA LINGUA ORALITA PRODURRE TESTI TRASVERSALE LETTURA TRASVERSALE SCRITTURA COMPRENDERE TRASVERSALE ASCOLTO TRASVERSALE ARGOMENTARE ESPRIMERE RACCONTARE DESCRIVERE NARRARE INTERPRETARE RIFLETTERE MESSAGGI TESTI COGLIERE RUOLI PIANIFICAZIONE TESTI ANTICIPAZIONE ANALISI IPOTESI CONFRONTARE ANALIZZARE ORDINARE CORRISPONDENZE QUANTIFICARE SERIARE METTERE IN RELAZIONE INFERENZIARE ANTICIPARE PREVEDERE

11 Incrocio con i traguardi per lo sviluppo delle competenze disciplinari ESPRESSIONE ORALE il sé e l altro Immagini e suoni Lingua La conoscenza del mondo Sa espriemre in modo adeguato esigenze e sentimenti Argomenta Fa domande esistenziali Esprime emozioni Racconta Inventa storie Si esprime in modo personale con creatività Analisi dei processi chiave usa la lingua precisa il lessico fa ipotesiu sui significati esprime e comunica agli altri emozioni e sentimenti argomenta usa linguaggio per progettare e definire regole negozia il significato si esprime in modo personale Riferisce correttamente eventi del passato recente,sa dire cosa potrà succedere in un futuro immediato Formula ipotesi descrive le esprerienze Gli oggetti Fa domande sui fenomeni ecc Chiede spiegazioni ATTEGGIAM ENTO P OSITIVO REVISIONE C ONTESTUALIZZAZIONE REALIZZAZIONE P IANIFIC AZIONE INTERAZIONE C ON GLI ALTRI Aspetti dell azione linguistica (aspetti operativi) Si possono esaminare gli atti linguistici secondo vari aspetti, che si concentrano su competenze parziali diverse a seconda dell atto linguistico. Nel modello di competenza della lingua scolastica, per i primi cinque atti linguistici si distinguono gli aspetti situare, pianificare, realizzare, valutare e riparare. Situare: ciascun atto linguistico è rivolto al raggiungimento di un obiettivo più o meno consapevole. Ciò significa che ogni atto linguistico presenta un'intenzione comunicativa il cui riconoscimento o la cui attuazione è di cruciale importanza ai fini della ricezione e della produzione linguistica. Chi agisce in modo competente con la lingua è in grado di situare un atto linguistico in un contesto e di riconoscere un'intenzione comunicativa nell'atto linguistico. Pianificare: saper pianificare gli atti linguistici è una competenza centrale per la produzione linguistica (produzione orale e scrittura): scegliere i contenuti per l'intervento in una conversazione o per un testo e strutturarli prima della produzione vera e propria. Per capire un testo bisogna essere consapevole, prima di mettersi a leggere o ad ascoltare, di cosa si vuole ricavare dal testo e di cosa già si sa dell argomento del testo. Ciò può richiedere anche che si dia una scorsa mirata al testo scritto. Chi agisce in modo competente a livello linguistico è quindi in grado di pianificare un atto linguistico e di attivare le conoscenze pregresse.

12 Realizzare: gli atti linguistici devono essere realizzati. Con ciò ci si riferisce all aspetto che nella normale accezione identifica l ascolto, la lettura, l espressione orale, la partecipazione a una conversazione e la scrittura. Ascolto e lettura indicano la comprensione delle parole e delle frasi, la costruzione della comprensione di un testo o della comprensione orale. Per la produzione orale e la scrittura ciò significa p.es. articolare, esprimere oralmente o scrivere i pensieri e le comunicazioni. Valutare e riparare: scrivere dei testi significa rielaborarli. Chi è competente nella scrittura è capace di elaborare le prime versioni del testo, di leggersi in modo critico, di focalizzare quanto scrive specificatamente. E anche chi parla corregge i lapsus, precisa le affermazioni, spiega quanto non è stato capito, rielabora il proprio contributo ecc. Chi agisce dunque in modo competente nell ambito della produzione linguistica è in grado di analizzare criticamente quello che ha scritto o detto, di valutare quanto ha espresso e di ripararlo di conseguenza. E chi sa agire con competenza a livello ricettivo, valuta la propria comprensione del testo o comprensione orale, legge di nuovo o chiede se non ha capito, amplia e ripara la propria comprensione del testo, critto o orale. (Materiali Harmos, Standard di base per la lingua di scolarizzazione, 2010) 3 - VALUTAZIONE IMPOSTARE LA LA PROPOSTA CURRICOLARE PER COMPETENZE NECESSITA DI UNA IMPLEMENTAZIONE DI UN IMPIANTO VALUTATIVO PER INDIVIDUARE IL LIVELLO DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Le cui caratteristiche sono : valutazione dinamica orientata osservare come il bambino attivato il proprio sapere per risolvere situazioni problema di vita reale Capacità di muoversi in contesti operativi Passaggio da una valutazione dell apprendimento a una valutazione per l apprendimento nella logica dello sviluppo valutazione come dispositivo di retroazione rubrica valutativa capovolta la sequenza di progettazione si parte dalla valutazione costruire prove di verifica dei saperi e abilità insieme a quelle trasversali d istituto Valutazione trifocale insegnante soggetto genitori 4- PROGETTARE PER COMPETENZE IMPLICA RIPENSARE ALL AZIONE DIDATTICA Dimensione organizzativa 1. risorse 2. Rielaborazioni personali 3. Apertura verso l esterno Dimensione progettuale 1. Dare senso all apprendimento 2. Percorsi in base alle attività 3. Orientare verso prodotti significativi 4. Coerenza tra traguardi e percorsi Dimensione metodologica 1. Far emergere preconoscenze 2. Aiutare a mobilitare i saperi davanti ai problemi 3. Aiutare a gestire le informazioni 4. Dare strategie di progettazione e di il controllo dell apprendimento 5. Proporre sfide 6. Prevedere attività di trasfert Dimensione valutativa 1. Promuovere la riflessione e la consapevolezza 2. Valutazione dinamica 3. Pluralità di strumenti valutativi Dimensione relazionale 1. Lasciare spazio decisionale 2-Stimolare l interazione sociale 3-Sostenere l allievo sul piano cognitivo ed emotivo

13 4 -Sviluppare le autonomie Capitolo 5 criteri di qualità della didattica da progettare per competenze di Castoldi ed Carrocci LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO NECESSITA UNA RIFLESSIONE COLLEGIALE SULL IDEA CHE SI HA DI UN BAMBINO IN USCITA DALLA SCUOLA DELL INFANZIA SULLA CONTINUITÀ ORIZZONTALE COSA FARE CON I BAMBINI DI 3-4 ANNI PER IL RAGGIUNGIMENTO DEI TRAGUARDI CONTINUITÀ VERTICALE CONFRONTARSI SUL CONCETTO DI UNITARIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA RECIPROCA DEGLI ORIDINI DI SCUOLA,LA LETTURA IN VERTICALE E TRESVERSALE DEI DOCUMENTI UFFICIALI,LA CONOSCENZA EPISTEMIOLOGICA DEI CAMPI D ESPERIENZA E DELLE DISCIPLINE,INDIVIDUARE I NESSI DI CONGIUNZIONE,CONDIVISIONE DEL CONCETTO DI COMPETENZA,PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE PER COMPETENZE INTERROGARSI SUL CONCETTODI STRUTTURANTE,QUALI NODI CONCETTUALI FORMARE PER I FUTURI APPRENDIMENTI (RELAZIONE D ORDINE,QUANTITATIVE,CATEGORIZZZIONE ECC ) QUALI STRUMENTI ABBIAMO A DISPOSIZIONE PER CONOSCERE I BISOGNI DEI BAMBINI SUI CONTENUTI SUI METODI,SULL ORGANIZZAZIONE QUALE PESO HA LAVALUTAZIONE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA,VALUTARE COSA? COME SI COLLOCA LA SCUOLA DELL INFANZIA IN RAPPORTO ALLA COSTRUZIONE DELLE COMPETENZE EUROPEE E DI CITTADINANZA QUALE CONTRIBUTO POSSONO PORTARE I CAMPI D ESPERIENZA NELLA COSTRUZIONE DELLE COMPETENZE? QUALE RAPPORTO TRA LA MIA PRATICA E I TRAGUARDI DI SVILUPPO COME FAR EVOLVERE LE POTENZIALITÀ INDIVIDUALI DIVENGONO FONDAMENTALI GLI ELEMENTI SU CUI COSTRUIRE LA CONTINUITA VERTICALE LA CONDIVISIONE LA LETTURA DEL TERRITORIO E DELL UTENZA LE COMPETENZE (FORMAZIONE CONGIUNTA ) IL CONFRONTO SULLE METODOLOGIE LA CONDIVISIONE DEL MODELLO PROGETTUALE L INDIVIDUAZIONE DEI NODI CONCETTUALI PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO LA CONDIVISIONE DI MODELLI DI VALUTAZIONE LO STUDIO E FORMAZIONE CONGIUNTA IN COMMISSIONI,DIPARTIMENTI ECC

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE

PROGETTARE PER COMPETENZE Il nostro curricolo: verticale,integrato,unitario 1 ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI CRISPI MESSINA Misure di accompagnamento Indicazioni Nazionali Annualità 2014-15 Progetto Formativo Nazionale: Rafforzamento

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

ASSE DEI LINGUAGGI LA COMPETENZA

ASSE DEI LINGUAGGI LA COMPETENZA ASSE DEI LINGUAGGI LA COMPETENZA Lingua italiana: Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti; Leggere, comprendere

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016. Unità di apprendimento Il mondo in classe

Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016. Unità di apprendimento Il mondo in classe Unità di apprendimento Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016 Gruppo di lavoro: Troiano Rossella, Spinillo Maria Antonietta, Di Maggio Anna Maria, Michelangeli Maria Grazia, Mancini Anna,

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

INSIEME È PIÙ FACILE

INSIEME È PIÙ FACILE Unità di apprendimento Titolo INSIEME È PIÙ FACILE Plesso D. Alighieri Prozzolo di Camponogara Classe prima Autori: Saltarin Monica - Ardizzon Maria 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Insieme è più

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità INFANZIA Ha sviluppato esperienze affettive e relazionali significative.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa per la sc. primaria) (I traguardi

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA Competenza chiave europea: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza specifica: LINGUE STRANIERE LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA L apprendimento della lingua inglese e di una seconda

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 il

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 ITALIANO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 ITALIANO COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

IL CURRICOLO PER LA SCUOLA PRIMARIA

IL CURRICOLO PER LA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORMIO Piazza V Alpini, 5-23032 Bormio (SO) - Tel. e fax: 0342/901467 e-mail: SOIC822007@istruzione.it IL CURRICOLO PER

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

COMMISSIONE CURRICOLI E VALUTAZIONE 25 FEBBRAIO

COMMISSIONE CURRICOLI E VALUTAZIONE 25 FEBBRAIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO CERCEMAGGIORE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO SEPINO C.A.P. 86012 CERCEMAGGIORE (Campobasso) Via

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO PROFILO D USCITA DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO Alla fine della Scuola Primaria i ragazzi avranno una solida preparazione

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega Scheda Progetto Dati generali Nome progetto Il mondo intorno a noi Ordine scolastico Professionale Proponenti Marco Lega Data Inizio 15/01/2015 Data Fine 19/03/2015 Destinatari 27 studenti classe 2N Ipia

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli