Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7 Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 Verbale allegato alla delibera consiliare n. 44 avente all oggetto: Mozione relativa a Abbandono dei minori, adozione internazionale e affido familiare. Indirizzi. PRESIDENTE: Nel frattempo passiamo al punto numero 4 all ordine del giorno: Abbandono di minori, adozione internazionale e affido familiare, indirizzi. Si tratta di una mozione fatta proprio dagli uffici a seguito di un ordine del giorno presentato da molti Consiglieri Comunali, che ha visto come primo firmatario il consigliere Gorgoglione. Io darei la parola al consigliere Gorgoglione per illustrare il provvedimento. Prego, Consigliere. CONSIGLIERE GORGOGLIONE: Grazie Presidente. Sindaco, Assessori, colleghi Consiglieri, innanzitutto prima dell intervento volevo ringraziare per la disponibilità dei colleghi Consiglieri, della Presidenza e anche dell amministrazione nella parte tecnica del settore che se n è occupato per l attenzione e per la sensibilità che ha dimostrato l intera amministrazione sul tema stesso. Ringrazio anche il settore che in maniera molto rapida, celere e attenta ha predisposto anche l atto deliberativo prontamente calendarizzato dalla Presidenza, e ovviamente anche l attenzione di tutti i Consiglieri Comunali che hanno sottoscritto quest ordine del giorno portandolo così all attenzione del Consiglio comunale, ma anche dell intera città, e la Commissione consiliare competente che ha immediatamente licenziato con il proprio parere il punto da portare oggi e per questo e per l attenzione dimostrata ringrazio Franco Grippo e la Commissione competente. Perché la necessità e perché l idea di questa mozione e di questa risoluzione di Consiglio Comunale? Perché parlare di abbandono in un Consiglio Comunale con gli enti e con le amministrazioni locali? Dobbiamo partire da un presupposto, cioè quello che contraddistingue il tema dell abbandono. Certamente un bambino è abbandonato anche se non siamo personalmente colpevoli, ma sicuramente ne siamo e dobbiamo esserne comunque responsabili. Se non cominciamo a discutere seriamente di problematiche che hanno un carattere senz altro molto ampio, elevato, anche se spesso rischiamo di cadere nel qualunquismo su certi temi così importanti e rilevanti, e viene naturale e spontaneo dire che è un problema importante, che riguarda centinaia di migliaia, anzi milioni di esseri umani, ma alla fine che cosa si può fare per risolvere questo problema? Si dice che qualcuno farà qualcosa, che qualcuno s interesserà del problema ma che certamente non ce ne si può occupare personalmente; questa è la cosa più sbagliata perché sicuramente è il punto di partenza errato a seguito del quale sicuramente i problemi non si risolvono, non vengono risolti e soprattutto non se ne discute. La problematica dell abbandono di minori è la quarta emergenza umanitaria al mondo. I numeri sono spaventosi perché se pensiamo che le stime per difetto parlano di 170 milioni di bambini abbandonati al mondo ci fa capire che questa non è certamente una tematica leggera ma sicuramente è un tema molto importante di cui credo che una società civile debba sicuramente occuparsene. I numeri sono dentro casa nostra, perché se si globalizza questo problema continua ad esserci il rischio fondato di dire che non si può risolvere la situazione di abbandono di 170 milioni di minori, ma in Italia i numeri parlano di 35 mila bambini in istituto. Se a questi si aggiungono i bambini in situazione di affido temporaneo i numeri sono ancora più alti, e quindi bisogna capire che quando si parla di 135 mila bambini abbandonati in Italia, e per abbandonati ovviamente si intendono i bambini in istituto, perché per il fatto che siano in istituto e accuditi nelle necessità fondamentali e primarie sicuramente non si può parlare di bambini che vivono una vita felice e serena. Di conseguenza si parla di abbandono anche in una situazione del tutto precaria e anomala, perché la collocazione di un bambino è quella di una famiglia e un bambino ha il diritto di essere figlio. Ecco perché ovviamente non ci si può disinteressare di questa situazione. Allora un amministrazione, un Consiglio Comunale, un amministrazione comunale, regionale o provinciale cosa può fare? Cosa possono fare gli enti pubblici in questa tematica così importante? Sicuramente hanno un duplice ruolo: il primo fondamentale è la sensibilizzazione ed è quello di affrontare la tematica dell abbandono, parlare di abbandono e sensibilizzare su questo tema il tessuto cittadino, provinciale o regionale. Una volta fatto ciò, sicuramente gli strumenti e le possibilità in capo ad un amministrazione non sono di poco conto. Write System Sr.l. Multimedia Services Pagina 1 di 6

8 Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 In merito alla sensibilizzazione e quindi alla possibilità di un amministrazione di trattare l argomento, sicuramente un amministrazione ha delle potenzialità enormi perché nel momento in cui questo Consiglio Comunale approverà questa deliberazione demandando al Governo cittadino di porre in essere tutti gli strumenti necessari per il contrasto all abbandono, di conseguenza l amministrazione comunale, come ente, ha delle grandissime capacità perché potrà interloquire validamente, parlare ed essere interlocutore privilegiato se si pensa alla divulgazione che ci può essere a livello scolastico, politico, nelle parrocchie, nei centri sociali, cioè in tutte quelle fattispecie e situazioni in cui si ha tanta gente, si hanno tante coppie e tanti genitori che potrebbero dare la propria disponibilità ad accogliere un bambino abbandonato e ad accoglierlo. Se si continua a parlare di adozioni e di affido soltanto in favore di quelle coppie che non potendo raggiungere il sogno di un figlio naturale si rivolgono all adozione, la battaglia per l abbandono non si vincerà né oggi né mai, perché i numeri sono sicuramente troppo ridotti. La battaglia all abbandono si vince nel momento in cui si riescono a intercettare delle famiglie accoglienti, e ce ne sono tante, che siano disponibili a donare amore a un bambino abbandonato in tante forme diverse, dall adozione, all affido e all affido temporaneo. Qual è l interesse di un amministrazione? Perché oggi questo Consiglio Comunale dovrebbe approvare questo punto demandando poi all amministrazione di intervenire in maniera decisa sull argomento? Anche se non fosse una considerazione prettamente di carattere umano o umanitario e di sensibilità, un amministrazione comunale ha tutto l interesse ad affrontare la tematica dell abbandono soltanto per dare, anche se sicuramente non sarà così, una risposta chiara in termini economici e di bilancio comunale ai propri cittadini perché a Barletta consideriamo la nostra città le famiglie che hanno dato disponibilità per un adozione, o ancora meno per un affido, sono risicate, e chi lavora in questo settore, si occupa o si è occupato di questo settore in precedenza a livello di amministrazione comunale sa quanto è vera questa difficoltà. Molto spesso i servizi sociali, pur avendo delle necessità di dare una risposta immediata a una situazione di abbandono con un affido, non trovano coppie e famiglie disposte ad accogliere un bambino e di conseguenza l unica alternativa è quella dell istituto, anche per situazioni di bambini che solo temporaneamente devono purtroppo lasciare il nucleo familiare per necessità di vario tipo. Un bambino in istituto ovviamente subisce un danno irreversibile, e, anche se fosse istituzionalizzato per un solo giorno, questo trauma rimane qualcosa che il bambino stesso e l intera società pagherà per tutto il resto della vita. Questa istituzionalizzazione ha un costo notevole e una ricaduta notevolissima sulla collettività. Se andiamo a vedere i dati in bilancio comunale, si può verificare che a fronte di circa meno di 40 bambini in istituto di cui si fanno carico il nostro Comune e la nostra amministrazione, la spesa per questa istituzionalizzazione è nell ordine di qualche centinaia di migliaia di euro, intorno ai 650 mila euro per meno di 40 bambini in istituto. Allora bisogna capire bene che il gioco è semplice, perché nel momento in cui un amministrazione investe risorse umane e minime risorse economiche è chiaro che ogni bambino sul quale si dovesse riuscire a operare correttamente e a portare in famiglia, quindi con il calore di una mamma e di un papà e di una famiglia, si avrebbe un ritorno in termini di spesa sicuramente rilevante, un ritorno molto più alto come investimento di quello che si è speso, ma soprattutto si riuscirebbe a dare una risposta a un minore, che è quello che più interessa. Ecco perché un amministrazione comunale come quella di Barletta non può disinteressarsi di una problematica di questa portata anche in termini di spesa e anche in termini di utilità sociale del proprio operato. Questo è il motivo per cui con l ausilio degli altri amici Consiglieri comunali che hanno sottoscritto questo documento ho pensato di proporre questo punto all ordine del giorno per cominciare a parlare seriamente di abbandono, di accoglienza e per far sì che l amministrazione comunale sia veramente impegnata sull argomento, perché quello che mi preoccupa di più non è tanto la condivisione in quest Assise, che so essere attenta e sensibile nei confronti di una problematica così importante, ma il rischio maggiore è che gli indirizzi di un Consiglio Comunale, e quindi dell assise che sicuramente è sovrana nella nostra città per le decisioni e per gli indirizzi che ritiene di dare, poi rimanga lettera morta o rimanga una semplice dichiarazione di intenti. Allora quello che circa un anno fa, quando abbiamo parlato di bilancio e abbiamo analizzato questo punto, cioè le notevoli risorse economiche destinate all istituzionalizzazione, al pagamento delle rette dei minori abbandonati, ricordo bene che l amministrazione, sia gli assessori presenti, ma anche il sindaco in prima persona, hanno assunto un impegno morale anche se non ufficiale, nel senso che non Write System Sr.l. Multimedia Services Pagina 2 di 6

9 Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 ci sono documenti con firme di prestare la massima attenzione alla problematica. Quello che a me preme ottenere è un impegno serio dell amministrazione comunale su questa tematica. Si sa che si è in una fase di risparmio della spesa, di spending review come ogni giorno si dice abusando anche del termine, si è in una situazione in cui sicuramente non è facile chiedere a un amministrazione, e quindi ai cittadini, l investimento di risorse così facilmente, però si ha l obbligo di fare attenzione. (La seduta, sospesa alle ore 18.00, riprende alle ore 18.10) PRESIDENTE: Consiglieri, in Aula per piacere. Consigliere Gorgoglione, prego. Riprendiamo il Consiglio comunale. SEGRETARIO GENERALE: Appello PRESIDENTE: Con 17 Consiglieri presenti la seduta è valida. Si dà la parola al consigliere Gorgoglione per terminare il suo intervento. Prego, Consigliere. CONSIGLIERE GORGOGLIONE: Grazie Presidente. Avevamo quasi concluso l intervento. Approfitto della presenza del sindaco perché stavamo approfondendo il tema più importante che è quello della concretezza degli interventi, nel senso che questo Consiglio comunale, una volta che andrà a votare e approvare questo punto all ordine del giorno, è necessario che l amministrazione, in particolar modo il settore competente, oltre che quello del bilancio, si occupi concretamente e porti avanti questa deliberazione di Consiglio comunale, questo indirizzo che è sovrano, affinché poi materialmente e concretamente si possa affrontare questa battaglia, che senza risorse e senza attenzioni ovviamente rimarrebbe lettera morta. Questi sono i motivi che hanno portato a questo documento e credo che si possa arricchirli di considerazioni e di ausili che possono arrivare da altri Consiglieri che riterranno di contribuire e far propria questa battaglia e credo che un approfondimento del punto, soprattutto da quei Consiglieri che non hanno avuto la possibilità e il modo di sottoscrivere questo documento nel passato Consiglio possano arricchire nella discussione il punto stesso. Grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Gorgoglione. E aperta la discussione. Ha chiesto di parlare il consigliere Grippo. Prego. CONSIGLIERE GRIPPO: Signor Sindaco, signor Presidente, signori Assessori, Consiglieri e pubblico presente in Aula, in qualità di Presidente della Commissione Affari Sociali e Sport che ha esaminato, tutto sommato avendo già sottoscritto in qualità di Consigliere comunale la mozione di cui oggi stiamo dibattendo in questo consesso, non ha deciso di esprimere un parere quanto di approfondire e poi portare qui in Aula un ampia discussione a riguardo. Capisco che ci sono altre problematicità ma inviterei i Consiglieri presenti in Aula che hanno sottoscritto in larga maggioranza oltre l ordine del giorno di cui stiamo discutendo, di approfondire e poi se si è capaci in futuro di impegnarsi ad approfondire questa tematica che, come il consigliere Gorgoglione ha ampiamente cercato di mostrare e approfondire, è piuttosto importante. Stiamo parlando di adozione internazionale, di capacità che un amministrazione possa meglio favorire. Certo non può fare molto, ma sicuramente può impegnarsi dal punto di vista dell accompagnamento e della formazione di coppie interessate a questa particolare problematica, che possa meglio dare loro la possibilità di capire e poi di arrivare ad accogliere con gioia, e quindi interpretare al meglio questo gesto Write System Sr.l. Multimedia Services Pagina 3 di 6

10 Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 di solidarietà così importante. Del resto questo Consiglio comunale, proprio perché i Consiglieri di questo Consiglio comunale che hanno così largamente sottoscritto quest ordine del giorno, credo che in seguito debbano essere anche consequenziali. Adesso si enunciano degli approfondimenti che vanno anche portati all attenzione di tutti i Consiglieri. A proposito dell adozione internazionale vi voglio leggere, perché personalmente mi ha colpito, un approfondimento del presidente nazionale delle adozioni Martina Gennari, della fondazione AVSI, che ha testimoniato, in un intervento nel novembre del 2011, che dal 2004 al 2006 le adozioni internazionali sono ridotte del 30 per cento. E un dato significativo molto importante sul quale noi, come Consiglio comunale, possiamo fare la nostra parte, ma sicuramente gli organismi internazionali devono fare di più. Secondo quanto sostiene questo presidente, se il trend dovesse essere questo, nel giro di 10 o 12 anni le adozioni internazionali si potrebbero addirittura azzerare. C è l impegno, da parte di queste associazioni ONLUS, a interessare gli organismi internazionali affinché possano prevedere meccanismi più adeguati al contesto nel quale queste famiglie oggi vivono nel momento in cui devono affrontare la problematica dell adozione internazionale, anche attraverso uno strumento economico che favorisce questa tipologia di affidamento, e tra le motivazioni che il presidente Martina Gennari ha portato all attenzione in questo convegno internazionale c è proprio il problema di carattere economico, che in un momento di crisi come questo, con coppie che perdono il lavoro, che non arrivano alla fine del mese, non solo in Italia ma anche in Europa e quindi nel mondo, questa tipologia di affidi internazionale in particolare, piuttosto onerosa per tante coppie, diventa uno strumento per disincentivare le coppie che pur hanno fatto un percorso impegnativo e costruttivo con tutti gli organi e servizi sociali deputati a portare queste coppie ad essere in grado, dopo approfondita analisi degli organi istituzionalmente preposti all adozione. Questa è un attenzione che bisogna porre come Consiglio comunale se si vogliono fare anche delle proposte. Questo riguarda l adozione internazionale che è un po più complessa. Veniamo a quella che può essere la problematica dell affido familiare che riguarda espressamente la nostra città e il nostro bilancio comunale. A proposito dell affido familiare che, chiariamo meglio soprattutto a chi ci ascolta, a differenza dell adozione internazionale che prevede la possibilità di adottare bambini nel vero senso della parola e quindi farli diventare figli adottivi, l affido di cui stiamo parlando in questo momento è la possibilità di accogliere nelle famiglie bambini che gli organi giudiziari per motivi vari hanno ritenuto opportuno, per malattie, per motivi di detenzione in strutture carcerarie o per incapacità economiche, affidare i figli o a coppie che lo desiderano o nei casi in cui, come sta accadendo, questo non fosse possibile perché diminuiscono, come ha già detto poco fa il consigliere Gorgoglione, la necessità obbligata per l amministrazione comunale di istituzionalizzare questi ragazzi, con conseguenze psico-fisiche per i ragazzi piuttosto notevoli. Voglio dare un dato importante che riguarda quest ultimo anno, cioè il 2011, e questo scorcio del 2012, a proposito di questo particolare problema che stiamo affrontando, cioè che nel 2011 l amministrazione comunale, anche con l ausilio di circa 100 mila euro di contributo regionale, ha speso circa 650 mila euro per istituzionalizzare i minori in case appositamente adatte e convenzionate con il nostro Assessorato alle Politiche Sociali. Il trend di quest anno è aumentato a dismisura e quindi credo che come Consiglio comunale, tenuto conto che il prossimo piano sociale che parte dal 2013 al 2016 avrà un taglio notevole dei finanziamenti sia dallo Stato sia dalla Regione, e quindi con un impegno economico da parte del bilancio comunale importante, deve necessariamente porre attenzione a quelli che sono gli impegni economici che l amministrazione dovrà sostenere. Per quello che riguarda il 2012, con i dati al 31 luglio 2012, il trend porterà a una spesa che si aggira sugli 850 mila euro a fine anno, quindi con un incremento della spesa per l affido in strutture, e quindi di istituzionalizzazione di questi minori, di oltre 200 mila euro. Questo è un problema che dal punto di vista amministrativo è necessario porsi e quindi reperire i fondi come l amministrazione e l assessorato stanno facendo, ma è una problematica che si deve affrontare con un programma che questa delibera impegna, credo con l approvazione da parte di tutto il Consiglio comunale, a portare avanti un discorso di formazione e anche di informazione della città sulla problematica dell affido. A questo proposito si deve sottolineare, e concludo, che l amministrazione comunale già dal 2010 ha inteso con un programma di divulgazione piuttosto attento e puntuale riportare Write System Sr.l. Multimedia Services Pagina 4 di 6

11 Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 all intera cittadinanza con degli opuscoli questo fu portato nel maggio che spiegano in maniera netta e dettagliata quali sono i termini per poter arrivare ad essere in grado di adottare questo bambino che viene affidato con tutte le problematiche che ci possono essere, ma anche con la grande capacità di accoglienza e le soddisfazioni che personalmente in quel convegno ho ascoltato da genitori che si sono offerti per questa temporaneità, perché l affido dura 2 anni, che hanno riportato gioia di vivere, responsabilità e crescita in questi minori piuttosto sfortunati. Credo che l amministrazione debba continuare su questo programma e con questa delibera, una volta approvata, debba continuare quest opera di sensibilizzazione che porterà l amministrazione comunale, in fase di approvazione di bilancio, a dare alle famiglie affidatarie un contributo di 230 e 250 euro mensili per bambino. Credo che anche su questo si potrebbe fare un ragionamento per aumentare questo contributo e permettere gli affidi anche alle famiglie meno abbienti che avessero la voglia e la volontà di tenere in affido questi minori ma forse spaventate dalla crisi economica e dall incapacità di poter affrontare questa problematica. Siccome adottare questo provvedimento e incrementare questo contributo è compito e prerogativa del Consiglio comunale, credo che in fase di bilancio quest Assise potrebbe prendere in considerazione questa proposta, approfondirla e portarla all attenzione di tutta la città. Con questo concludo e ringrazio. PRESIDENTE: Grazie consigliere Grippo. Ha chiesto di parlare il Sindaco. Prego. SINDACO MAFFEI: Presidente e colleghi Consiglieri, il tema dell affido sollevato dal consigliere Gorgoglione è un tema di grande attualità ma anche un tema che ci invita, responsabilmente, a riflettere in un momento in cui la nostra società vive momenti di grande criticità e di difficoltà, per cui il ricorso all affido potrebbe aiutare molte famiglie a risolvere problemi oggi sotto gli occhi di tutti per la difficoltà di tante famiglie di onorare gli impegni sui quali la famiglia stessa si è costituita. Bisogna dire che sul tema dell affido l amministrazione comunale nel 2010 ha adottato, nell ambito delle iniziative all interno del piano sociale di zona un regolamento, ne ha promosso la conoscenza, forse non in maniera adeguata com è stato poco fa evidenziato, ma ha colto quelle linee guida degli indirizzi della legge regionale per promuovere iniziative in questa direzione che responsabilizzassero famiglie, sia quelle che chiedono sia quelle che accolgono l affido. Oggi, anche alla luce di quelle che sono in corso di definizione come linee guida regionali, la sottoscrizione di quest ordine del giorno così numericamente sottoscritto da tanti, deve trovare questo Consiglio unanime nella condivisione, nell iniziativa di promozione, di conoscenza e di coinvolgimento per quelle finalità che vengono espresse nel documento stesso. Credo di interpretare anche le volontà di chi si è espresso prima, ma anche di chi in maniera tacita ne condivide le finalità, di perseguirlo, di sottoscriverlo e di fare in modo che questa Presidenza lo inoltri a chi ne è responsabilmente preposto alle responsabilità di governo ai diversi livelli, sia quello centrale sia quello regionale, perché se ne attuino le finalità. Da parte mia posso assicurare che non appena concerteremo, anche con l Assessorato ai Servizi Sociali, un canovaccio adeguato perché possa trovare condivisione promuoveremo una conferenza di servizi estesa in modo che possa, in maniera più approfondita, entrare nel merito di certe problematiche ma anche supportarle adeguatamente com è giusto che sia, per cui mi sento di ringraziare chi come il consigliere Gorgoglione e tutti coloro che hanno sottoscritto quel documento per aver posto all attenzione dell intero Consiglio, ma spero quanto prima della città e del territorio, quella problematica che oggi lascia sul campo minori, ragazzi e ragazze, che avrebbero bisogno della vicinanza di una famiglia. Grazie. PRESIDENTE: Grazie Sindaco. Se non ci sono altri interventi, metterei ai voti il provvedimento. Write System Sr.l. Multimedia Services Pagina 5 di 6

12 Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 Prego i Consiglieri di entrare in Aula perché stiamo procedendo alla votazione: Abbandono di minori, adozione internazionale, affido familiare, indirizzi. Chi vota a favore? (Delvecchio, Maffei, Calabrese, Filannino, Grippo, Bruno, Dileo, Ruta, Paolillo, Marzocca, Caracciolo, Ventura, Scelzi, Torre, Lasala, Gorgoglione, Basile, Lomuscio, Antonucci, Alfarano, Rizzi) Chi è contrario? Nessuno. Chi si astiene? Nessuno. Il Consiglio comunale, con 21 voti a favore, approva all unanimità. Ora si vota per l immediata esecutività. Chi vota a favore? Come prima, il Consiglio comunale approva all unanimità. Write System Sr.l. Multimedia Services Pagina 6 di 6

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Relazione attività esercizio 2012

Relazione attività esercizio 2012 Relazione attività esercizio 2012 maggio 2013 Il Sentiero di Morena fonda le sue radici nella storia pluriennale di un gruppo di fami-glie della provincia di Ascoli Piceno che praticano direttamente o

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI TUTTI POSSIAMO SPERIMENTARE LA CARITà IMPARANDO AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI Papa Francesco 28 aprile 2015 Scegli di fare un lascito. i tuoi beni continueranno a vivere nei gesti e nei sorrisi delle

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Gestione del servizio di segreteria comunale in forma associata tra i comuni di Orbassano e Villar Dora. Costituzione ed approvazione

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

MUNICIPIO DI SEMENTINA Tel. 091 850 19 50 Fax 091 850 19 55

MUNICIPIO DI SEMENTINA Tel. 091 850 19 50 Fax 091 850 19 55 MUNICIPIO DI SEMENTINA Tel. 091 850 19 50 Fax 091 850 19 55 Sementina, 9 novembre 2015 MM/NO. 474 CONCERNENTE LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO ORGANICO DEI DIPENDENTI COMUNALI DEL 1. GENNAIO 1989 (Attribuito

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013 Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino (CH), Largo Wojtyla, 19 si è riunita l assemblea della società FB

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile La TUA Grande Rete Sempre Disponibile A chi ci rivolgiamo? Chi vuole mettersi in gioco sempre. Chi vuole raggiungere livelli altissimi di guadagno. Chi vuole essere il padrone di se stesso. Chi vuole

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

relazionarvi su cosa sta capitando e sui progetti che stanno bambine avrebbero bisogno di essere appadrinate come dicono

relazionarvi su cosa sta capitando e sui progetti che stanno bambine avrebbero bisogno di essere appadrinate come dicono Carissimi amici, Sono appena tornato dal Paraguay, e vorrei un po relazionarvi su cosa sta capitando e sui progetti che stanno evolvendo. All hogar le cose si stanno normalizzando. Direi che le bambine

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO PROPOSTA DI LEGGE: ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO DEI FIGLI DELLE VITTIME D'INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO?

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? Versione preliminare: 25 Settembre 2008 Nicola Zanella E-Mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT In questa ricerca ho

Dettagli

COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia

COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Verbale N. 173 / 19.10.2015 ****************** OGGETTO: ADESIONE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE

Dettagli

MODULO D ORDINE PERGAMENA DATI DI CHI EFFETTUA L ORDINE Nome

MODULO D ORDINE PERGAMENA DATI DI CHI EFFETTUA L ORDINE Nome MODULO D ORDINE PERGAMENA DATI DI CHI EFFETTUA L ORDINE Nome Cognome Via Città Tel. E-mail n Prov. CAP Cel. INDIRIZZO A CUI SPEDIRE LE PERGAMENE Nome Cognome Via n Città Prov. CAP Tel. Cel. E-mail DIMENSIONI:

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino Anffas Onlus di Varese Busto A. Ticino Luino Associazione Famiglie di Disabili Intellettivi e/o Relazionali Sito Internet Nazionale:www.anffas.net Oggetto : iniziativa Anffas Varese, Busto Arsizio, Somma

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA Factoring tour: Brescia - Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa (10 ottobre 2006 ) Giuseppe Masserdotti - Stefana S.p.A. Il factoring come soluzione ad alcune problematiche

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 19.45. PRESIDENTE. Buonasera. Noi abbiamo già assunto una serie di notizie che riguardano la presenza

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen

La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen Il datore di lavoro Richard Mann Circa un anno e mezzo fa, nell ambito del progetto Integrazione di persone disabili presso la Posta, abbiamo assunto una nuova

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli