Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update"

Transcript

1 Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del lusso in Cina conferma una crescita in linea con il GDP; il Sud- Est asiatico e il Sud America sono i nuovi eldorado per tasso di crescita; gli HENRY alimentano i mercati maturi; l Europa si prepara ad un estate di pochi acquisti di lusso Milano, 16 maggio Il 2012 conferma la crescita del 10% rispetto al 2011, segnando il terzo anno consecutivo di crescita a due cifre. Il primo trimestre 2013 registra però un rallentamento in termini reali, ulteriormente penalizzato dall andamento dell euro contro le principali monete estere, in apprezzamento rispetto al E quanto emerge dal tradizionale aggiornamento di primavera dell Osservatorio Altagamma sui mercati del lusso, realizzato da Bain & Company per conto della Fondazione guidata da Andrea Illy, che riunisce le aziende dell eccellenza italiana. Secondo lo studio, nonostante la debolezza di molte economie nel mondo e una leggera flessione della crescita nel primo trimestre del 2013, anche per quest anno le prospettive del mercato globale sono positive, con un incremento stimato del 4-5% a tassi costanti, in linea con la crescita Tuttavia il rallentamento dei flussi turistici, in particolare dal Giappone, condizionerà la crescita dell Europa nel 2013, soprattutto nei paesi mediterranei dove il consumo locale è ancora lontano da un pieno recupero, anche a causa dell aumento dei prezzi. Meglio gli Stati Uniti, forti di un elevata fiducia dei compratori che spinge il consumo interno anche nelle città tier 2, e da una buona performance dei department store che vedono nell Omni-channel una sempre più rilevante fonte di crescita. Il Sud America si mostra in costante crescita (+12% a tassi costanti nel 2013) spinto da Brasile e Messico, mentre sempre più brand internazionali lasciano l Argentina date le rilevanti difficoltà di business nel paese. In particolare, il Brasile, grazie agli imminenti mondiali di calcio e ai giochi olimpici, sta attirando sempre di più l interesse dei marchi internazionali. Il maggiore ostacolo di questo mercato restano le tariffe d importazione e i dazi. Guardando ad Oriente, in Giappone (+5% a tassi costanti nel 2013) la politica monetaria e la forte svalutazione dello yen stanno favorendo il consumo interno, ma scoraggiando i flussi turistici in uscita. I brand del lusso faticano ancora a seguire i comportamenti e le preferenze dei giovani consumatori in continuo mutamento. In Cina le performance di mercato confermano il trend del 2012 nei consumi interni (+7% a tassi costanti) con una crescita a due cifre dell e-commerce. Il gifting è in calo, fiaccato

2 dalla campagna anti-corruzione del governo e l Australia sta diventando una delle mete favorite dai turisti cinesi. Nell area Asia Pacific è il Sud Est a trainare la crescita segnando un + 20% a tassi costanti nel 2013 (5,5 miliardi di euro), con Singapore sempre in testa come hub regionale del mercato, con un mercato che ha raggiunto 2,5 miliardi di Euro nel Prestazioni polarizzate nella Grande Cina, dove Hong Kong e Macao beneficiano dei flussi turistici un tempo diretti più verso l Europa, mentre Taiwan rallenta insieme alla Corea del Sud, quest ultima provata dalle continue tensioni politiche. In Medio Oriente, regione in crescita, tradizionalmente nota per la passione per i beni di lusso sia tra i giovani consumatori sia tra i più maturi, il mercato del lusso nel 2012 ha raggiunto un fatturato di 6,3 miliardi di euro e si prevede un incremento del 5% a parità di tassi di cambio nel 2013, con una rimonta di abbigliamento ed accessori su profumi e cosmetici. Dubai è decisamente il cuore del mercato (rappresenta il 30% dell intera regione), poiché attrae consumatori interni ma anche ampi flussi dall estero, principalmente russi, indiani ed africani. Quanto ai prodotti più venduti, a guidare il mercato sono ancora una volta gli accessori, l abbigliamento e l hard luxury, in particolare il segmento absolute e i prodotti di fascia alta (senza logo ma con materiali preziosi). Cresce la pelletteria. Brusca flessione invece per l orologeria per via della riduzione delle scorte del canale. Rallentano anche i cosmetici nonostante la crescita nei mercati emergenti. Lo studio evidenzia infine come tra i consumatori il vero carburante del mercato del lusso stia arrivando dai cosiddetti HENRY (consumatori con alti guadagni ma non ancora ricchi), che pur avendo una soglia di spesa più bassa, nei mercati maturi sono 10 volte il numero degli ultra-ricchi. A polarizzare la competitività dell arena nei mercati emergenti è invece la classe media. Stiamo assistendo a una più equa distribuzione della crescita globale ha affermato Claudia D Arpizio, Partner Bain & Company dell ufficio di Milano e autrice dello studio. A loro volta, i brand stanno cambiando focus da un modus operandi reattivo di breveperiodo a una strategia di crescita solida di medio-lungo. Bain stima che le dimensioni del mercato globale dei beni di lusso al 2025 saranno cinque volte maggiori delle dimensioni raggiunte nel La chiave del successo per i prossimi anni, afferma Bain, sarà il prepararsi all arrivo del Lusso 2.0, dove il successo sarà definito da un attenzione maniacale a tre principi cardine: Una customer experience differenziante: Il lusso dipenderà sempre più da consumatori che, tramite il word-ofmouth, sono promotori del brand I consumatori si aspettano un livello d interazione nel punto vendita, online o tramite mobile, differenziato e mirato ai loro gusti e preferenze Il marketing deve mantenere un attenzione mirata all innovazione nei media per mantenere i consumatori sempre aggiornati Gestione impeccabile del canale retail:

3 I negozi sia fisici che digitali stanno incrementando le loro risorse per sorprendere il consumatore del lusso L era dell esperienza di shopping standardizzata sta tramontando. I consumatori si aspettano un livello di servizio personalizzato che gli accolga all interno del punto vendita Man mano che le reti di negozi si ingrandiscono in nuovi mercati e raggiungono i nuovi segmenti di consumatori, aumenta la necessità di garantire il giusto prodotto in giuste quantità nei negozi giusti Eccellenza delle persone: I brand stanno investendo sempre più risorse per attrarre nuovi talenti per la gestione di tutte le funzioni chiave di una azienda di lusso Le aziende investono significativamente nella formazione e sviluppo del personale, poiché rappresenta l anello di congiunzione tra il cliente e il brand nel punto vendita I desideri del cliente, piuttosto che quelli del designer, sono ora al centro dei piani strategici di molte aziende Stiamo entrando in una nuova fase evolutiva del mercato dei beni di lusso ha concluso Claudia D Arpizio. Nuovi mercati, nuovi segmenti di consumatori e un grado elevato di diversità nei gusti si combinano per creare un numero maggiore di variabili da tenere in considerazione nel perseguire la giusta strada per la crescita. Per una copia dello studio, o per fissare un intervista con Claudia D Arpizio, contattare Valeria Falcone: oppure

TURISMO ITALIA 2020 LEADERSHIP, LAVORO, SUD

TURISMO ITALIA 2020 LEADERSHIP, LAVORO, SUD TURISMO ITALIA 2020 LEADERSHIP, LAVORO, SUD PIANO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA ROMA 18 GENNAIO 2013 A cura del Gruppo di Lavoro del Ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE ABSTRACT A CURA DELL UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO LUGLIO 2008 2 DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

Dettagli

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo: Italia ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Il presente studio è pubblicato sotto la responsabilità

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Strategie e modalità di ingresso delle imprese nei mercati internazionali emergenti - Il caso Max Mara in Cina

Strategie e modalità di ingresso delle imprese nei mercati internazionali emergenti - Il caso Max Mara in Cina Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Facoltà di Economia Cattedra di Marketing Strategie e modalità di ingresso delle imprese nei mercati internazionali emergenti - Il

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Introduzione... 3. Gli autori di questa ricerca... 5. Executive summary... 7. Le medie imprese italiane... 8. Il motore dell economia italiana...

Introduzione... 3. Gli autori di questa ricerca... 5. Executive summary... 7. Le medie imprese italiane... 8. Il motore dell economia italiana... Section title Indice Introduzione... 3 Gli autori di questa ricerca... 5 Executive summary... 7 Le medie imprese italiane... 8 Il motore dell economia italiana...10 Crescere nonostante tutto...12 Il cuore

Dettagli

I PROCESSI DI CAMBIAMENTO NEI SISTEMI PRODUTTIVI DI ALICANTE E TREVISO

I PROCESSI DI CAMBIAMENTO NEI SISTEMI PRODUTTIVI DI ALICANTE E TREVISO I PROCESSI DI CAMBIAMENTO NEI SISTEMI PRODUTTIVI DI ALICANTE E TREVISO INTRODUZIONE... 4 PARTE A - I DISTRETTI IN PROVINCIA DI TREVISO... 12 1. IL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO... 12 1.1 Caratteristiche ed

Dettagli

L ATTIVITA DI RETAIL NEL SETTORE MODA: CASO GUCCI

L ATTIVITA DI RETAIL NEL SETTORE MODA: CASO GUCCI LUISS GUIDO CARLI di ROMA LIBERA UNIVERSITA INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA: MARKETING L ATTIVITA DI RETAIL NEL SETTORE MODA: CASO GUCCI RELATORE: PROF. MATTEO GIULIANO

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria n. 100 - settembre 2014 a cura dell'ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) TRA EUROPA E ASIA: STRUTTURE DI GOVERNANCE

Dettagli

AREA STUDI E STATISTICHE

AREA STUDI E STATISTICHE AREA STUDI E STATISTICHE L industria automotive mondiale nel 2013 Profilo dell'associazione Nata a Torino nel 1912, ANFIA - Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, svolge da oltre 100

Dettagli

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI Sommario Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI BANCA MPS Area Rischi di Gruppo e Ristrutturazioni Performance di bilancio e prospettive economiche

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli Cap. 21 del testo, Marketing. Il Management orientato al mercato, A. Mattiacci & A. Pastore, HOEPLI, 2013 G. Iasevoli Indice

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Arianna Buonfanti 1 1 SRM Riassunto Scopo di questo paper è delineare l andamento e i possibili futuri scenari logistici nel

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro Rapporto Finale Roma, febbraio 2014 INDICE Executive Summary 1 Parte prima I risultati dell indagine sulle imprese 11 1.

Dettagli

I due volti del nuovo consumatore

I due volti del nuovo consumatore I due volti del nuovo consumatore Le imprese di fronte al paradigma low cost - premium price A CURA DI CECCARELLI SPA CONSULENZA DI DIREZIONE Sommario Introduzione Una regola che non cambia: ascoltare

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Io sono Cultura L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi

Io sono Cultura L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi Io sono Cultura L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi RAPPORTO 2014 1 In collaborazione con COORDINAMENTO Claudio Gagliardi Segretario generale Unioncamere, Fabio Renzi Segretario generale

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli