OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo"

Transcript

1 OSPEDALI SENZA FUMO Una proposta operativa per lavorare in rete a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

2 Introduzione Il sottogruppo regionale, nel definire le proprie scelte operative, ha identificato come priorità l elaborazione di un modello di progetto, così ampio da ricomprendere e valorizzare le esperienze già in atto, ma anche così definito da essere una guida concreta ed un supporto operativo a chi è ancora in fase interlocutoria. Obiettivo era un progetto esportabile, riproponibile nelle varie realtà territoriali sia ospedaliere che di ASL, definito in tutte le sue fasi (obiettivi, metodologie, strumenti, valutazioni), ponendo così le basi indispensabili per un network sul territorio lombardo e offrendo la possibilità di un lavoro di benchmarking fra le varie strutture coinvolte. Al fine di ottimizzare il lavoro e le competenze di tutti, il gruppo si è diviso in più sottogruppi, composti da due o tre operatori, con il compito di approfondire le varie fasi progettuali, condivise poi con tutto il gruppo ed integrate in un unico progetto. Ne è risultato questo progetto che vuole solo essere una prima proposta di lavoro in rete: contributi, critiche e note da parte di tutti gli operatori sanitari saranno un punto di partenza insostituibile per successivi aggiornamenti. Il progetto si articola in: Cenni di epidemiologia su uso di tabacco e personale sanitario Obiettivi (di salute, generali e specifici) Le azioni possibili La formazione: alcune proposte Gli strumenti: la cartellonistica La verifica dei risultati e la valutazione 2

3 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA SU USO DI TABACCO E PERSONALE SANITARIO a cura di: Roberto Bardelli (ASL Varese) Riccardo Bertoletti (AO Morelli di Sondalo) INTRODUZIONE Per tabagismo si intende l assunzione costante e prolungata di tabacco, prevalentemente come tabacco da fumo. La complessità e la gravità dei quadri clinici che fanno seguito all esposizione protratta ai prodotti del fumo di tabacco sono proporzionali alla quantità assunta manifestandosi a dosi già relativamente modeste. Il fumo di sigaretta contiene infatti un elevato numero di sostanze tossiche (Nicotina, Acido Cianidrico, Monossido di Carbonio, etc), irritanti (Fenoli, Formaldeide, Ammoniaca, etc) e cancerogene (Benzopirene, Arsenico, Idrazine, etc). Inoltre l OMS definisce il tabacco come una sostanza psicoattiva il cui uso può causare disturbi mentali e comportamentali, oltre che fisici. E' infatti da ricordare ad esempio che: la nicotina induce dipendenza fisica e psicologica; agisce sul sistema nervoso centrale e autonomo in modo bifasico (stimolazione - inibizione) e sul sistema cardiovascolare con effetti simpaticomimetici; interferisce inoltre nel metabolismo dei lipidi e nel meccanismo di formazione del trombo piastrinico; il contenuto medio per sigaretta varia da 0,17 a 3,1 mg. (Dose Minima Letale nell uomo: mg.); il monossido di carbonio è un gas asfissiante derivato dalla combustione incompleta del tabacco; ammonta al 3,2% della parte gassosa del fumo e si fissa sui globuli rossi molto più facilmente dell ossigeno, essendo la sua affinità per l emoglobina 210 volte superiore a quella dell ossigeno. La sua pericolosità è connessa con la sua capacità di legarsi stabilmente all emoglobina impedendo l ossigenazione dei tessuti, compresi quelli della parete dei vasi, con conseguente ipossia cellulare. L'uso di tabacco costituisce un grosso problema di sanità pubblica, per cui esistono notevoli certezze epidemiologiche, ma non altrettante comprovate misure di controllo: fino a qualche tempo fa era un classico esempio del trionfo dell epidemiologia e della sconfitta della prevenzione. Ora invece la lotta al tabagismo e la prevenzione delle patologie croniche da fumo sono diventati nelle società industrializzate uno dei cardini delle politiche di economia sanitaria, nel più ampio contesto di una applicazione costante nel tempo del concetto di benessere fisico della persona. Infatti, lo scopo costante di fondo di una corretta politica sanitaria è permettere a ciascuno di realizzare pienamente il proprio potenziale di salute con la doppia modalità di promuovere e proteggere la salute degli individui per tutto il corso della loro vita e ridurre l incidenza delle maggiori patologie croniche tra le quali, appunto, quelle derivanti dal tabagismo. Il personale sanitario, nel porsi come modello ed esempio di stili di comportamento e di vita sani e positivi, occupa un ruolo prioritario rispetto alle altre componenti del tessuto sociale: infatti, incontrando le persone in vari momenti della vita nei quali il loro bisogno di salute è prioritario, può dare risposte adeguate, sia di tipo terapeutico che di tipo preventivo, su un substrato più ricettivo e sensibile ad un discorso di educazione alla 3

4 salute. Pertanto può diventare un fondamentale veicolo di traino nella lotta al tabagismo: ne consegue che un esempio negativo è latore di un immagine negativa verso la popolazione, diventando un serio ostacolo in proposito. LA DIFFUSIONE DEL TABAGISMO In Italia si registra un calo della prevalenza dei fumatori che va dal 45,6% nel 1983 al 32,4% nel 1999 nei maschi, dal 17,7% al 17,1% nelle femmine e dal 31,1% al 24,5% nella popolazione totale al di sopra dei 14 anni (dati ISTAT); attualmente si stimano in circa 13,5 milioni i fumatori e in circa 30 mila miliardi l anno i costi sociali per malattie fumo-correlate. Il calo di prevalenza si determina, dunque, a carico dei maschi, mentre nelle femmine il fenomeno è relativamente stabile. Nei giovanissimi, tuttavia, aumentano le abitudine tabagiche: tra i 15 e i 24 anni, nel 1993 e 1996, fumavano rispettivamente il 20,3% e il 22,9% (dato fornito da sito WEB dello IEO). LA MORTALITÀ' GENERALE LEGATA AL FUMO DI TABACCO Il carico di sofferenze mondiali legate all uso di tabacco, stimato dall OMS, prevede che si passerà da 4 milioni di morti nel 1998 a oltre 8 milioni nel 2020, e gli anni di vita trascorsi da disabili passeranno nello stesso periodo da 36 a oltre 123 milioni. La mortalità generale in Italia è decresciuta dal 1970 in poi, sia nei maschi sia nelle femmine. Quella per tumore del polmone è invece cresciuta fino agli inizi degli anni 90 nei maschi, poi si è assestata decrescendo debolmente. Per le femmine, si registra fino al 1994 una costante, anche se lieve, crescita. Una stima fatta in Lombardia nel biennio indicava in circa i morti attribuibili al fumo. Si considerano dovuti al fumo l 85% dei decessi per carcinoma polmonare, il 15% per tutti gli altri tumori, il 75% per bronchite cronica ed enfisema, il 30% per cardiopatia ischemica e disturbi circolatori dell encefalo. L incidenza del cancro del polmone stimata nel 1991 in Italia (tassi standardizzati sulla popolazione mondiale) indica che le regioni più colpite sono: Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Friuli (dati derivanti dai Registri Tumori Italiani). OPERATORI SANITARI Una recente (1998) ricerca effettuata dall AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri) ha studiato il comportamento degli operatori sanitari italiani nei confronti del fumo. Vi hanno partecipato 9843 operatori di 58 ospedali distribuiti, abbastanza omogeneamente, su tutto il territorio nazionale. Un terzo degli operatori (33.3%) risulta essere fumatore, i non fumatori appaiono essere lievemente prevalenti (37.5%) rispetto agli ex fumatori (29.2%). Il fumo attivo è maggiore tra le donne (34.9%) rispetto agli uomini (30.8%), dove invece è prevalente la quota di ex fumatori. Differenze nella distribuzione della prevalenza di fumo si osservano anche per età: globalmente, al di sotto dei 40 anni si osserva la maggior quota di mai fumatori (41% del globale rispetto al 34% che si osserva al di sopra dei 40 anni) ed una minor quota di ex fumatori (23% rispetto a 36%). Le differenze tra i sessi osservate nel campione totale assumono un diverso andamento se osservate all'interno delle due classi d'età: la maggiore quota di fumo attivo tra le femmine è più evidente nella classe più giovane, mentre nella stessa classe i non fumatori sono ugualmente distribuiti nei due sessi; è 4

5 inoltre da segnalare l elevata quota di ex fumatori (42%) nei soggetti maschi, maggiori di 40 anni. L analisi della prevalenza di abitudine al fumo per categorie di operatori sanitari mostra che: la prevalenza di fumo corrente appare maggiore tra il personale ausiliario (38%), seguita da quello infermieristico (36%) e tecnico-amministrativo (32%), mentre tra i medici la prevalenza è più bassa (25%). Tra questi ultimi è, per converso, più elevata sia la quota di mai fumatori (39%) sia quella di ex fumatori (36%). Anche in questo caso sono evidenti diversi comportamenti tra maschi e femmine: tra i medici e gli amministrativi fumano di più le donne, mentre il contrario accade tra le altre categorie di operatori; gli ex fumatori sono invece sempre maggiormente rappresentati tra i maschi ed i mai fumatori tra le donne. Il numero medio di sigarette fumate è risultato globalmente di 13.9 (DS 8.9) al giorno. L'età di inizio è risultata essere di 18.1 anni (DS 4). I fumatori fumano anche in ospedale nell'82% dei casi; il 57% vuole smettere e il 60.1% dei soggetti pensa di riuscirci; il 67% è riuscito a smettere di fumare, per almeno 15 giorni, una o più volte nel corso della propria vita. ATTEGGIAMENTO VERSO IL FUMO Più del 30% degli operatori ritiene che il fumo non sia la principale causa prevenibile di morte nei Paesi industrializzati; il 51% degli operatori ritiene il fumo meno dannoso dell inquinamento atmosferico e quasi la metà del campione di operatori ritiene che lo stile di vita del personale sanitario non sia modello di comportamento per i pazienti, per cui gli operatori sanitari non prendono l iniziativa di consigliare di rinunciare al fumo di tabacco e l intervento preventivo rimane così limitato a precise richieste dei pazienti, soprattutto se costoro presentano dei sintomi patologici, anche iniziali e, mediamente, solo il 30% degli operatori sanitari si fa parte attiva nella lotta al tabagismo. Per contro quasi la totalità (92%) dichiara l esposizione al fumo passivo dannosa per la salute ed è favorevole al divieto di fumo in ospedale (83%). Si osserva una associazione tra la distribuzione delle risposte e l abitudine al fumo: i fumatori sottostimano i danni del fumo, rispetto, nell'ordine agli ex fumatori ed ai mai fumatori (meno del 50% dei fumatori fornisce risposte positive alle domande sopraelencate, solo il 23% di loro ritiene il fumo più dannoso dell inquinamento atmosferico). Si è anche notato che una buona quota, quasi il 35%, del personale sanitario, o è agnostico in materia oppure ha scarsa informazione in merito, ma è ben disposto ad accrescere le proprie conoscenze in materia di danni da tabagismo e di lotta al medesimo. L andamento delle risposte per categorie lavorative dimostra che una maggiore quota di medici, rispetto alle altre tre categorie considerate, attribuisce al fumo di sigaretta il ruolo di causa prevenibile di morte (71% medici, 59% infermieri, 56% ausiliari, 54% tecnici ed amministrativi); una differenza si osserva anche per la domanda relativa agli effetti del fumo rispetto a quelli dell inquinamento atmosferico (medici 53%, infermieri 35%, ausiliari 34%, altri 33%) o all importanza dello stile di vita come esempio per i pazienti (medici 58%, infermieri 46%, ausiliari 50%, altri 47%). Anche all interno delle diverse posizioni professionali si dimostra un'associazione significativa tra abitudine al fumo e tipo di risposta ed anche in questo caso gli effetti del fumo da parte dei fumatori sono sottostimati rispetto agli ex fumatori ed ai fumatori. 5

6 LA PREVENZIONE Pur essendo vero che gli operatori sanitari ospedalieri possono svolgere un ruolo determinante nella lotta al tabagismo, è tuttavia evidente che i Medici di Medicina Generale, principale legame tra la popolazione e il sistema dei servizi sanitari, si trovano in una posizione privilegiata per condurre interventi di prevenzione. Possono infatti raggiungere tutta la popolazione assistita con messaggi personalizzati e possono fornire un supporto continuato nel tempo al fumatore tramite raccomandazioni utili per disassuefarsi, anche utilizzando metodi aggiuntivi, ma di fondamentale importanza come il tipo di relazione che il medico riesce ad instaurare tramite la capacità di ascolto, la "presenza" e l "attenzione" dimostrate, con una attiva assunzione di responsabilità nei confronti del paziente fumatore. Un medico che intende ostacolare l uso di tabacco deve, pertanto, conoscere: il numero dei pazienti fumatori; il numero dei pazienti fumatori disposti a smettere; il numero dei pazienti fumatori che iniziano un trattamento di disassuefazione; il numero dei pazienti fumatori che smettono di fumare. E importante ricordare che gli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale sono: riduzione della prevalenza di fumatori adulti (meno del 20% nei maschi, meno del 10% nelle femmine); notevole riduzione, vicino allo zero, delle donne che fumano in gravidanza; riduzione della prevalenza dei fumatori tra gli adolescenti. In una recente metanalisi americana su 243 studi riguardanti l efficacia di interventi per la lotta contro il fumo, sono risultati fortemente raccomandati gli interventi di limitazione e proibizione del fumo in luoghi pubblici e di lavoro, ivi comprese le strutture sanitarie (per ridurre l esposizione ambientale al fumo), le campagne educative dei mass media, gli interventi e i programmi multifattoriali che includano il supporto telefonico e i sistemi di continui richiami al problema, l educazione degli operatori sanitari con o senza educazione sanitaria al paziente (per aumentare la cessazione del fumo nel sistema sanitario). CONCLUSIONI Gli operatori sanitari che lavorano negli ospedali italiani (ma le conclusioni sono estendibili a tutto il personale sanitario, anche extraospedaliero): - fumano più della popolazione generale (33.3% contro 24.2%), in particolare più le femmine e meno i maschi - tra i maschi, come nella popolazione generale, all aumentare del grado di istruzione diminuisce la percentuale di fumatori; ciò non si verifica tra le femmine - hanno conoscenze sul fumo paragonabili (a volte peggiori) a quelle dei loro stessi pazienti - la prevalenza di fumo dipende più dall influenza della coorte d età che dall istruzione sanitaria ricevuta - disattendono ampiamente loro stessi il divieto di fumo in ospedale - sono consci dei danni da fumo passivo - in notevole percentuale desidererebbero smettere di fumare E quindi necessaria un ampia azione specifica sugli operatori sanitari sia di informazione e di istruzione sui danni da fumo, sia sulle regole comportamentali e sulle normative da rispettare e da far rispettare, sia sulle metodologie di disassuefazione dal fumo e sulla loro messa in opera. 6

7 GLI OBIETTIVI a cura di: Marina Palestra (ASL Pavia) Tiziana Stella (AO Maggiore di Crema) OBIETTIVI DI SALUTE favorire negli ospedali un ruolo di promotori della salute, all interno di una adeguata politica aziendale, affinché si pongano come modello di riferimento promuovere la salute attraverso il rinforzo di stili di vita sani all interno degli ospedali accrescere la cultura della salute negli operatori ospedalieri, nei pazienti e in tutta la comunità di riferimento salvaguardare i diritti dei pazienti OBIETTIVI GENERALI diminuire la prevalenza di fumatori tra gli operatori sanitari eliminare il fumo all interno delle strutture ospedaliere 7

8 OBIETTIVI SPECIFICI E DI PERCORSO rendere il personale ospedaliero più consapevole dell importanza del proprio ruolo come modello di comportamenti e stili di vita formare il personale sanitario alla gestione del counselling verso il paziente fumatore ed alla conduzione dei gruppi di autoaiuto incoraggiare nei pazienti un ruolo attivo e di partecipazione, in funzione dei propri specifici potenziali di salute creare percorsi privilegiati ed accompagnati verso la scelta del non-fumo migliorare la segnaletica anti-fumo creare una rete di collaborazione tra le risorse del territorio (associazioni, Enti Locali, Scuola, Strutture e Presidi Sanitari, ecc.) concordare con le Direzioni Sanitarie un protocollo relativo agli spazi per fumatori e al sanzionamento. dare visibilità alle iniziative anti - fumo all interno e all esterno dell Azienda. Nella definizione di ogni singolo progetto si propone di individuare da 3 a 5 obiettivi specifici e di percorso, scelti in base alla propria realtà locale ed alle proprie risorse disponibili. Tali obiettivi devono essere monitorati durante le fasi del percorso ed essere parte integrante della valutazione del progetto stesso. 8

9 LE AZIONI POSSIBILI a cura di: Roberta Tagliasacchi (AO di Circolo - Fond. Macchi di Varese) Antonello Triarico (AO di Circolo - Fond. Macchi di Varese) Azioni orientate ai pazienti rilevazione dei bisogni dei pazienti mediante questionario proposte attive ed accompagnate alla scelta del non-fumo (colloqui individuali, supporto di counselling, gruppi di autoaiuto, invio ai Centri di disassuefazione) messa a disposizione nella sale d attesa degli ambulatori e nei reparti ospedalieri di opuscoli, manifesti o altro materiale informativo/educativo predisposizione di adeguata cartellonistica con messaggi positivi di salute rispetto del divieto di fumo Azioni orientate agli operatori rilevazione dei bisogni informativi e formativi degli operatori sanitari formazione degli operatori organizzazione di corsi di disassuefazione specifici Azioni orientate alla comunità messa a disposizione nella sale d attesa degli ambulatori e nelle farmacie di opuscoli, manifesti o altro materiale informativo/educativo predisposizione di adeguata cartellonistica con messaggi positivi di salute rispetto del divieto di fumo organizzazione di manifestazioni locali, di convegni, di serate a tema 9

10 La formazione: alcune proposte a cura di: Roberto Bardelli (ASL di Varese) M. Enrica Bettinelli (ASL Città di Milano) Danilo Bonomelli (AO Valle Camonica) Stefano Cervati (Casa di Cura S. Rocco di Franciacorta) Alessandro Gatti (AO Spedali Civili di Brescia) Federico Perozziello (ASL Città di Milano) In ogni processo che coinvolge la sfera delle abitudini di vita e delle acquisizione di comportamenti, come la scelta sia personale del non fumo sia professionale di farsi carico in modo attivo del paziente fumatore, la formazione riveste la massima importanza ed assume un ruolo altamente strategico. Consapevoli di questo, è necessario che il problema formazione venga assunto a livello di Direzioni Sanitarie e di Servizi di Formazione, in modo da poter essere il più possibile allargata e trasversale. I modelli formativi sono molteplici e non è questa la sede per una loro disamina approfondita. La scelta è allora di presentare due proposte già sperimentate. Corso di formazione: prima proposta Il corso di formazione deve prevedere nella fase iniziale: 1. operatori esterni all ente di consolidata esperienza 2. operatori interni all ente che promuove il progetto Il rapporto tra queste due componenti sarà nel tempo spostato verso il secondo fattore, in modo da far crescere autonomia e senso di appartenenza ad un progetto condiviso. Il gruppo di lavoro che coordina il progetto comprende: 1. un dirigente medico appartenente all Ente con specifico interesse e territorio di relazione al problema del fumo 2. un operatore infermieristico (possibilmente ASV) 3. un coadiutore amministrativo con funzioni di segreteria Corso di formazione: seconda proposta Il percorso formativo è articolato in due corsi: un corso base e un corso avanzato; il primo intende promuovere la sensibilizzazione al problema da parte dei partecipanti, il secondo l acquisizione delle conoscenze e delle capacità necessarie per agire il ruolo di operatore di counselling. Corso base Obiettivo aumentare la consapevolezza sui problemi connessi al fumo attivo e passivo e sul ruolo di testimonial intrinseco in ciascun operatore sanitario 10

11 Contenuti il fenomeno di tabagismo: cenni storici, dati statistici, riflessi sulla salute, pressioni sociali, ruolo della pubblicità metodi di disassuefazione: individuali e collettivi strutture territoriali volte a promuovere la disassuefazione Per verificare le conoscenze e le abitudini dei partecipanti rispetto al fumo, in apertura di giornata verrà distribuito un questionario d ingresso, riproposto poi in chiusura per verificare l efficacia dell intervento formativo. Una seconda scheda, distribuita al termine della giornata, raccoglierà la disponibilità dei partecipanti a proseguire il percorso formativo col corso avanzato. Metodologia lezioni frontali Destinatari tutti gli operatori sanitari in gruppi di partecipanti circa Durata dell incontro 4 ore Corso avanzato Obiettivi aumentare le conoscenze e le competenze per aiutare i colleghi e gli utenti a non fumare sviluppare una maggiore attenzione ad un accompagnamento attivo del fumatore nel percorso di disassuefazione Contenuti il counselling e le sue fasi - fornire informazioni (informative counselling) - fornire il supporto nei momenti di crisi (crisis counselling) - orientare alla soluzione dei problemi (problem solving counselling) - favorire il processo decisionale (decision making counselling) simulazioni Metodologia il percorso alternerà lezioni teoriche a simulazioni, allo scopo di favorire esperienze finalizzate all acquisizione delle abilità necessarie ad agire il ruolo di operatore di counselling Destinatari gruppi di massimo 12 partecipanti, costituiti dagli operatori sanitari che, dopo aver frequentato il corso base, hanno dato la disponibilità a svolgere attività di counselling Durata 3 giornate. 11

12 Gli strumenti: la cartellonistica a cura di: Sandro Amaducci (AO San Carlo di Milano) Giorgio Barbaglio (AO di Lecco) Carlo Colombo (AO Gaetano Pini di Milano) Lucia Mariani (AO Salvini di Garbagnate) Obiettivi specifici Verso gli operatori sanitari: rafforzare, attraverso messaggi visivi, la consapevolezza sui problemi connessi al fumo attivo e passivo e la saggezza della scelta non fumo Verso i pazienti: incoraggiare, attraverso messaggi visivi, il loro ruolo attivo e di partecipazione; aumentare, attraverso i contenuti di dépliant, le conoscenze sui problemi legati al fumo attivo e passivo, nonché sui percorsi facilitati e guidati alla scelta del non fumo Verso tutti: far rispettare con cartelloni il divieto di fumare nei luoghi pubblici ad alta frequentazione Destinatari Personale dipendente: medici; infermieri; altro personale sanitario tecnico amministrativo Utenti: ricoverati in regime ambulatoriale visitatori Risorse e strumenti Manifesti riportanti il divieto ed i riferimenti legislativi da apporre in luoghi ad alta frequentazione: CUP; sale di attesa Ambulatori; sale comuni di visite parenti; uffici di front-office Manifesti di richiamo con messaggi ed immagini contenutistiche da affiggere nei reparti, lungo i percorsi di collegamento, nei punti di ristoro, negli spazi comuni degli uffici amministrativi Dépliant informativi sui rischi e sulle strutture a cui rivolgersi per la disassuefazione, ben evidenziando i servizi offerti all interno dell ospedale in cui si trovano 12

13 Valutazione indicatore di percorso: - livello di gradimento: n delle valutazioni positive / n questionari di rilevazione - indicatore variazioni delle conoscenze indicatore di risultato: rispetto delle aree con divieto di fumo 1 ipotesi Scelta (tra gli esistenti) di manifesti + depliant per la lotta al tabagismo e/o 1 ipotesi progettazione e produzione 2 ipotesi Nell ambito dei manifesti per la lotta al tabagismo già esistenti, prodotti da case farmaceutiche, da Enti, da altre Pubbliche Amministrazioni, il sottogruppo di lavoro definirà i criteri di scelta che guideranno l adozione di uno o più di essi. Di seguito si propone una linea che potrebbe essere utilizzata sia per effettuare la scelta tra gli esistenti sia per definire uno nuovo manifesto. Architettura della campagna manifesti per la lotta al tabagismo il posizionamento rafforzo sul concetto: scelta di uno stile di vita, in un segmento di mercato già esistente il punto di differenza qualcosa in più offerto dalla Azienda ospedaliera espressione della sensibilità e dell attenzione della politica aziendale nei confronti delle diverse esigenze degli utenti la strategia di comunicazione messaggio senza ambiguità, senza soggezione, senza presunzione l idea creativa far percepire il messaggio come input di stimolo dell azienda attenta al rispetto della salute dei suoi utenti 13

14 il target il target selezionato è costituito da persone che preferiscono essere protagonisti nelle scelte della loro salute i contenuti differenziati della campagna stile e linguaggio essenziale ed incisivo che attragga l attenzione e invogli alla lettura del dépliant di accompagnamento la pianificazione media affissione e campagna su stampa locale 2 ipotesi: Per la progettazione e produzione di un manifesto per la lotta al tabagismo si rende necessario un percorso più strutturato. Si potrebbe iniziare stimando le dimensioni del problema all interno dell ospedale, attraverso: 1. quantificazione del problema con la rilevazione del numero di fumatori che normalmente frequenta l ospedale; 2. identificazione dei luoghi più frequentati dai fumatori. Il dato oggettivo riferito alle caratteristiche del fumatore può essere ulteriormente stratificato per suddividere le categorie dei fumatori in: Operatori sanitari; Operatori non sanitari ( tecnici, amministrativi); Utenti - clienti esterni. In base ai dati emersi saranno delineate le caratteristiche dell intervento, differenziando i luoghi con divieto di fumo dagli altri. E necessario anche tener presente che: Il contenuto dei messaggi dovrà essere prevalentemente orientato a ribadire la valenza negativa del fumo di sigaretta sulla salute delle persone (fumo attivo e fumo passivo) Il messaggio promosso attraverso i manifesti richiamerà l attenzione che l azienda ospedaliera pone nei confronti dei non fumatori Saranno esclusi messaggi di carattere sanzionatorio, poiché non si ritiene possano sortire un efficace risultato, sia per la modesta entità delle sanzioni, sia per la dimostrata inefficacia che ha avuto tale pratica in passato La campagna promozionale sarà completata da dépliant informativi riportanti gli effetti del fumo e gli ambulatori per le terapie di disassuefazione a cui ci si può rivolgere Dovranno essere ben definite le aree con cartellonistica di divieto di fumo e le aree con manifesti a sostegno della lotta al tabagismo, identificando tra le prime: o I CUP o Le sale d attesa degli ambulatori o Gli uffici aperti al pubblico o I reparti E tra le seconde: Gli ingressi dell ospedale I luoghi di maggiore afflusso Le aree più frequentemente raggiunte da fumatori rilevate in fase di avvio del progetto. 14

15 Fasi del percorso di lavoro: - Fase 1- AZIONE: Rilievo dei dati statistici che configurino la dimensione del problema oggetto di analisi. L attività di rilevazione sarà impostata attraverso uno studio prospettico del problema con l osservazione di un campione di 100 utenti equamente suddiviso tra operatori (sanitari e non ) ed utenti che, in seguito ad una campagna di informazione saranno intervistati in tre giornate campione distribuite nell arco di una settimana da alcuni rilevatori addestrati allo scopo (obiettori di coscienza o volontari che già operano nella struttura). Un questionario a domande chiuse consentirà di indagare le caratteristiche dei fumatori e dei non fumatori per stabilire il rapporto percentuale esistente tra le due categorie (cluster), di individuare i luoghi (macro aree topografiche) dove più frequentemente si fuma o non si fuma (distribuzione percentuale) e l analisi dei comportamenti che determinano la scelta di fumare o non fumare presso alcune aree definite dagli ideatori del questionario (rapporto percentuale aree/comportamenti). OBIETTIVO: Definire la tipologia dei soggetti fumatori e non fumatori identificare le aree di diffusione delle informazioni. TEMPI: per l esecuzione della prima fase è stimato un tempo di esecuzione di 20 giorni compresa la fase di somministrazione e messa a punto del questionario. - Fase due- AZIONE: Elaborazione dei dati raccolti. Questa attività comprende l elaborazione dei questionari necessari per leggere il problema. Saranno inoltre identificati i punti di affissione della cartellonistica e di distribuzione dei dépliant informativi OBIETTIVO: definizione dei piani d intervento quantificazione e allocazione delle risorse necessarie per l attuazione del progetto TEMPI: saranno necessarie 5 giornate per elaborare i dati sui quali impostare le strategie. - Fase tre- AZIONE: definizione dei messaggi, slogan e immagini da associare nella realizzazione dei cartelloni, dépliant e manifesti. Una volta individuate le caratteristiche dei soggetti bersaglio andranno attribuiti dal gruppo di lavoro, con l eventuale ausilio di esperti del settore, i messaggi che incideranno sui comportamenti per evitare il fumo nelle zone non autorizzate, specificando, ed eventualmente differenziando i contenuti in funzione dei destinatari. OBIETTIVO: realizzazione di slogan e cartelloni differenti da diffondere nelle aree o settori interessati dalla strategia d intervento. TEMPI: si prevede che tale aspetto richieda almeno 15 giorni di attività. - Fase quattro- AZIONE: Diffusione ed affissione dei questionari nei luoghi definiti a cura degli addetti agli interventi tecnici dell azienda OBIETTIVO: diffondere immagini e messaggi alla popolazione bersaglio TEMPI: una settimana - Fase cinque- AZIONE: a distanza di un tempo definito (sei mesi) si può effettuare una nuova rilevazione dei dati secondo le modalità definite in prima fase per rilevare se vi sono state modifiche sui comportamenti e quindi modificare le azioni o mettere in atto i necessari correttivi. 15

16 a cura di: Marina Palestra (ASL Pavia) Tiziana Stella (AO Maggiore di Crema) La verifica dei risultati e la valutazione OBIETTIVI STRUMENTI INDICATORI TEMPI STANDARD Diminuire la prevalenza di fumatori tra gli operatori sanitari questionario N fumatori tra operatori 0/3 anni Riduzione di almeno il 10% Eliminare il fumo all interno delle strutture ospedaliere questionario N persone che fumano all interno dell Ospedale 0/3 anni Aumento del 50% di persone che rispettano il divieto di fumo Rendere il personale ospedaliero più consapevole del ruolo di modello di comportamenti e stili di vita questionario N di operatori consapevoli del proprio ruolo di modello 0/3 anni Aumento del 20% Formare il personale sanitario alla gestione del counselling verso il paziente fumatore ed alla conduzione dei gruppi di autoaiuto Intervista semistrutturata N operatori formati N operatori che prendono in carico il problema fumo 0/3 anni Aumento del 10% Incoraggiare nei pazienti un ruolo partecipato, in funzione dei propri potenziali di salute Intervista a campione N pazienti più consapevoli 0/3 anni Aumento del 30% Creare percorsi privilegiati ed accompagnati verso la scelta del non-fumo (operatori, pazienti, visitatori) Archivio di progetto N di corsi avviati N Centri antifumo aperti N materiale informativo (es. opuscoli) distribuito N di protocolli di presa in carico 0/3 anni - un corso all anno - un Centro anti-fumo - due tipologie di materiale informativo -2 percorsi (Ospedale/Centro anti-fumo, Territorio/Centro anti-fumo) 16

17 Migliorare la segnaletica anti-fumo Questionario di gradimento N persone che ritengono più efficace la cartellonistica nuova 0/18mesi /3 anni Aumento del 30% Creare una rete con le risorse del territorio (Associazioni, Enti Locali, Scuola, Strutture e Presidi Sanitari, ecc.) Archivio di progetto (la rete) N collaborazioni attuate 0/3 anni Aumento del 30% Concordare con le Direzioni Sanitarie un protocollo relativo agli spazi per i fumatori e al sanzionamento Archivio di progetto (protocollo) Creazione protocollo Un anno Adozione del protocollo Dare visibilità delle iniziative anti-fumo all interno e all esterno dell Azienda Archivio di progetto N di iniziative di promozione (testate locali, giornale aziendale, manifesti, serate a tema) 0/3 anni Almeno uno all anno 17

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari VERSO OSPEDALI E SERVIZI SANITARI LIBERI DAL FUMO Manuale pratico per il

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli