Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e Arlequim di Almada Negreiros

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e Arlequim di Almada Negreiros"

Transcript

1 ROBERTO VECCHI Università di Bologna Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e Arlequim di Almada Negreiros Nàs nao precisamos de Mestres para chegarmos a Mestres, bastam-nos os nossos sentidos aqui na cidade. O tempo se encarregarà de acordar os nossos sentidos e de Ihes trazer harmonía. Quanto ao resto, nós somos os interpretes do astro pequenino que tem o hábito de apanhar encontroes, Almada Negreiros, Charlie Chaplin (1921) '. Se, come regola generale, è un esercizio di certo impegnativo tentare di ravvisare, nelle linee di sviluppo di un'intera opera artistica, tratti congiuntivi anche impliciti che segnano la sua integrale elaborazione, senza commettere abusi critici o praticare impressionismo d'indagine, questo sforzo risulta ancora più arduo dinanzi a presenze ingombranti come quella di José de Almada Negreiros ( ) nella cultura portoghese del Novecento. E questo perché ogni classificazione liquidatoria risulta sistematicamente insufficiente a tentare di circoscrivere il perimetro estetico del suo eclettismo creativo, dell'incontenibile esuberanza artistica che attraversa - inaugurando, praticando e storicizzando - la molteplicità di esperienze del moderno per buona parte del secolo in Portogallo. Di qui, la nascita di un "mito" Almada Negreiros, la cui aura, labirintica e per molti versi ancora insondata, viene problematizzata da Eduardo Lourenco 2 nell'intento di scalfirne l'involucro conven- 1 Articolo pubblicato sul Diàrio de Lisboa dell'11 maggio 1921, ora in Obras completas de Almada Negreiros. III-Artigos no "Diàrio de Lisboa", , Lisboa, IN-CM, 1988, p E. Lourencp, Almada ensaista?, in Obras completas de Almada Negreiros. V-Ensaios, Lisboa, IN-CM, 1982, p.ll.

2 450 Roberto Vecchi zionale, probabilmente offuscatore, come del resto hanno testimoniato anche di recente i fuochi fatui del centenario celebrativo. Si potrebbe dire Almada futurista, Almada autore "storico" di alcuni tra i principali manifesti di un'avanguardia anomala, soprattutto mentale 3, problematicamente in bilico tra individualismo solitario e tenace che fa quasi un genere di una fittizia militanza estetica ed una singolare e quasi epidemica sindrome dissociativa sul piano espressivo, ma solo nella consapevolezza di frequentare una verità parziale, di valorizzare una parte che non necessariamente rappresenta il tutto. Del resto, la professione beffarda e provocatoria di una ricerca, che ha come cifra della propria modernità l'insufficienza di qualunque formula definitoria, Almada la realizza in pratica sincrónicamente con l'esperienza stessa, giovanile ed incendiaria, dell'avanguardia portoghese, nell'apporre in calce al Manifesto Anti-Dantas del 1915 quella firma autoclassificatoria che in verità proclama l'inanità di qualunque sforzo catalogatore: "José de Almada Negeriros Poeta d'orpheu Futurista e Tudo", (in)definizione che più anticategoriale non potrebbe essere ma con il merito di cristallizzare, sia pure epigraficamente, il tratto distintivo della ricerca almádina, ovvero l'arte come esperienza totale. Semmai, a differenza di Pessoa la cui diaspora di personalità ha l'effetto di una esplosione della nozione stessa d'identità autorale, sia pure drammatizzata dietro un'attenta regia, per Almada la pluralità d'esperienze artistiche implode subito ostensivamente verso un punto centrale, verso il luogo di sintesi ideale nel connubio dandystico tra arte e vita. Centro soltanto virtuale, probabilmente inafferrabile nella sua molteplicità, nella utópica ricerca di un'opera totale, punto teorizzato di intersezione di arte e vita, estetica e politica, di linguaggi artistici rifrangenti (dalla pittura alla poesia e alla narrativa, dalla danza al teatro, dalla saggistica ai manifesti), in uno spettro espressivo praticamente illimitato: per questo la microanalisi di singoli scampoli artistici difficilmente riesce a dare conto del denso reticolo di rapporti che la singola esperienza sottende rispetto alla totalità dell'opera. Vi è tuttavia una forma espressiva di Almada che forse può offrire spunti per una più efficace sintesi del tutto e che la critica ha, in verità, largamente trascurato o liquidato come minore (all'interno di una concezione dell'arte che, si 3 Cfr. Luciana Stegagno Picchio, Pessoa, Marinetti e il Futurismo mentale della generazione dew"orpheu", in A. Tabucchi (a cura di), II poeta e la finzione. Scritti su Fernando Pessoa, Genova, Tilgher, 1983, pp

3 Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e Arlequim di Almada Negreiros 451 badi, esplicitamente si propone come sistema globale di conoscenza 4, dunque non sezionabile in assoluto senza arbitri): mi riferisco, per i suoi interessanti nessi semiotici, alla drammaturgia almádina, a lungo peraltro lasciata inedita 5. Sono innumerevoli infatti i richiami che questo artista poliedrico ha disseminato nella sua opera e che rivendicano la centralità di una forma di arte applicata quale il teatro nei confronti degli altri linguaggi artistici, compresa la professata inclinazione per le arti plastiche. In un saggio del '35 pubblicato sul numero di giugno della rivista "Sudoeste", Encorajamento à juventude portuguesa para o cinema e para o teatro, esemplarmente Almada osserva come «É efectivamente no Teatro que se reúnem todas as outras artes. Entendamos bem: nao é o Teatro que as reúne, elas é que se reúnem no Teatro» 6, dopo che, su quella stessa rivista, riprendendo e sviluppando una conferenza pronunciata ai microfoni della Emissora Nacional, O cinema é urna coisa e o teatro é outra, aveva già stabilito l'interessante equazione interestetica «O cinema está para o teatro corno a fotografia para a pintura», che riconferiva la preminenza netta proprio all'espressione drammaturgica («o cinema generaliza e qualifica para a formacào dos conjuntos humanos, o teatro generaliza e qualifica para a formacào da integridade de cada humano individualmente») 7. E questa è solo una campionatura tra le tante possibili che ricorrono nel complesso dell'opera di Almada ed eleggono il teatro quale incrocio privilegiato dell'arte, o, con una metafora che ne ribadisce la potenzialità enciclopedica di sintesi delle diverse espressioni, «escaparate de todas as artes», giacché «Todas as artes sao todas as pecas da mesma coisa»?. Questa scoperta e confessata attrazione per il genere drammatico segna tra l'altro un punto di discontinuità rispetto ai compagni di cordata della ge- 4 Da questo punto di vista, si vedano le considerazioni teoriche sull'arte e sulle pratiche artistiche raccolte nella conferenza del '33, dove tra l'altro si osserva: «Ser artista é urna aplicado dos cinco sentidos do individuo completamente à parte e além de toda a probidade do seu oficio. (...) O artista nao é apenas o individuo profissionai, é incomparavelmente mais do que isso, é já o individuo encicolpédico», José de Almada Negreiros, Arte e artistas, in Textos de intervencào. Obras completas VI, Lisboa, Estampa. 1972, p.l Solo al 1949, infatti, risale la prima messa in scena di un'opera di Almada: per di più si tratta, come ha notato Luiz Francisco Rebello, di un breve dialogo, cfr. L.E Rebello, O teatro simbolista e modernista, Lisboa, ICALP-Biblioteca Breve, 1979, p Ora raccolta in Obras completas de Almada Negreiros. V-Ensaios cit., p.l34. 7 Mpp J. de Almada Negreiros, O meu teatro, in Obras completas de Almada Negreiros. Vii- Teatro, Lisboa, IN-CM, 1993, p.l3.

4 452 Roberto Vecchi ragno d'orpheu, i quali pur dichiarandosi - Pessoa, ad esempio poeti prevalentamente "drammatici" - e del resto il progetto eteronimico altro non è che "drama em gente" - risultano poi essere sul piano della produzione drammatica fortemente tributari della tradizione finesecolare, piuttosto che artefici in campo teatrale di esperienze appieno moderne 9. Proprio per il tratto sincrético di potere combinare insieme più dimensioni di sfere espressive diverse, di conciliare l'artista plastico con il letterato e teorico d'arte, il teatro di Almada offre la possibilità di compiere alcune ricognizioni significative all'interno di un universo artistico modellato sull'idea di arte come totalità. Ma ancora, il grado d'interesse si accresce, se, come nel caso dell'opera drammaturgica a cui qui ci riferiamo, Pierrot e Arlequim (1924), tale innesto avviene attraverso il ri-uso di un topos tra i più frequentati nella stratigrafìa dell'arte almádina, che passa anch'esso attraverso una pluralità di esperienze e concezioni estetiche, ricorrendo come uno dei suoi principali elementi congiuntivi: le maschere della commedia dell'arte, Arlecchino e Pierrot appunto, insieme con altri personaggi sempre della commedia delle maschere. José-Augusto Franca in quella che a tutt'oggi rimane la più accreditata e completa biografia intellettuale ed estetica di Almada Negreiros, Almada. O portugués serti mestre, riprende a proposito di questa costante tematica nell'opera dell'artista saotomense quanto anni prima egli stesso aveva già notato nell'introdurre il catalogo della "Galeria de Marco" del '52: l'arlequim rappresenta una «companhia permanente do pintor», sottolineando poi la funzione classica delle maschere mutuate dalla commedia dell'arte: «as personagens da "Commedia" de Almada olham-nos e esperam, certas e calmas como num toscano antigo de há quinhenentos anos» 10. Classici almadini, questi personaggi sono presenti, come emblemi precoci della crisi moderna, già nella produzione giovanile anteriore alla deflagrazione d'orpheu.. Ricordiamo i Pierrots e Arlequins che sull'"ilustracáo portuguesa" nel '14 illustrano un racconto di M. Sousa Pinto, che risalgono probabilmente agli anni '12-'13, o la loro traduzione coreografica nel balletto O jardim de Pierrette allestito al teatro da Trinidade nel '18, per risalire fino al decennio fulcrale degli anni '20 nell'uso delle maschere: l'arlequim seduto del '20, quello d'ispirazione cubista L. E Rebello, O teatro..., cit., p José-Augusto Franca, Almada. O portugués sem mestre, Lisboa, Estudio Cor, 1974,

5 Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e ArUquim di Almada Negreiros 453 al tavolo di un Caffè del '22, quello pubblicitario delpalianca" del '23, così risalendo sino all'olio del "retrato clàssico" del '35, o gli altri evocati nelle opere del '37 o del '41 n. Vi è in Almada qualcosa di ossessivo nell'aggiornamento dei tratti delle maschere, una maniera di ricerca che attraversa, nella ridefinizione di un tema e di un modello, esperienze artistiche eteroclite. Del resto, questo atteggiamento - almeno nei suoi tratti essenziali - non desta senz'altro sorpresa, se consideriamo la fortuna che in senso più ampio, anche nello spazio culturale lusofono, il lascito decadente delle maschere conosce in particolare su processi di costruzione della modernità. Alludo ad esempio alla operatività che questo topos del repertorio decadente ha nella transizione Penumbrismo/Modernismo brasiliana, in particolare su un poeta come Manuel Bandeira, che nel '19 dedica al tema un'intera raccolta di liriche, Carnaval È curioso constatare come nel caso del poeta brasiliano l'episodio in maschera coincida con una tappa della gestazione della modernità che l'universo, simbolico e ormai solo differenzialmente legato alla tradizione, di Pierrots, Colombinas, Pierrettes, Arlequins contribuisce a delineare 12. Maschere e fantocci costituiscono, in fondo, voce privilegiata dell'enciclopedia del decadentismo che, affermandosi universalmente come metafora immediata della condizione esistenziale moderna, forma vere e proprie correnti sotterranee di influenze che attraversano le erosioni calcaree della tradizione decadente. Riferendoci ad esempio all'ambito italiano, è possibile ricostruire una linea di sviluppo del tema che può essere ricondotta al crepuscolare Corazzini del Dialogo di marionette, che ricordano da vicino sia il D'Annunzio del Paradisiaco o La chimera, sia Klingsor, a sua volta rielaboratore delle maschere precrepusculari delle Fètes galantes di Verlaine, passando attraverso i metafisici Pierrots de Laforgue (L'imitation de Notre-Dame la Lune selonjules Laforgue) 13. Linea che, innesto dopo innesto, giungerà alla disgregazione del topos carnevalesco opera- 11 Cfr. Ivi, p. 25, 51, 61, 81, 137. Sempre J-A. Franca, nel confrontare i Pierrots e Arlequins di Almada con quelli più celebri di Picasso, fissa l'origine della passione del portoghese per le maschere intorno al '15, indotto dallo straordinario successo lisboeta del film A notte de tercà-feira de Carnaval, tenuto per settimane in cartellone al cinema Condes (Ivi, p.61) 12 Da notare, anzi, che numerosi sono i poeti del Penumbrismo brasiliano che ricorrono al topos carnevalesco-decadente: si pensi a Olgário Mariano (Colombina e Pierrot) o Ribeiro Couto (Mascarada), anche se è proprio con Bandeira che il pretesto in fondo convenzionale riceve un trattamento innovatore che preannuncia l'ormai prossima emanacipazione espressiva modernista. 13 Cfr. Aldo Marcovecchio, I crepuscolari, in "Terzo Programma", 1965, 3, pp

6 454 Roberto Vecchi ta da Corrado Govoni, al varco moderno tra crepuscolar/futurismo, come mostra il trittico già pieno di impeti futuristici // trio delle maschere moderne, in Fuochi d'artifizio (1905): Pierroto tisico, Colombina prostituta e Arlecchino pitocco u, tributario anche della sensibilità e del clima di un'opera come quella del poeta belga Albert Giraud (Héros et Pierrots, 1898). Il percorso di Almada, tuttavia, appare sulle prime meno lineare, più personale rispetto all'oscillazione tra le due tendenze, post-simbolismo e vanguardismo, che Jorge de Sena indica come elementi formanti il movimento di Orpheu 15. Vi è un indugio "fin-de-siècle" ancora presente nelle prime raffigurazioni plastiche di Arlequim degli anni '12-'13 16, ma quando nel '24 l'artista "poeta futurista e tudo" compone Pierrot e Arlequim, appunto, nell'ordine il settimo tentativo teatrale, dell'eredità post-simbolista delle sue maschere non è rimasto ormai che l'involucro di una tradizione per intero svuotata e rielaborata. Siamo, semmai, a ridosso di "Presenca", ad una fase ulteriore, più critica che militante, del metabolismo modernista. Quello che colpisce il lettore dell'opera drammatica pienamente moderna è la sua asimmetria di fondo. Essa si fonda infatti su una intersezione di linguaggi e di codici - plastico, drammaturgico, saggistico, filosóficamente etico ed estetico a un tempo - che, pur nel loro conciso abbozzo, paiono volere dare corpo al disegno utópico di opera globale. Eppure, ad iniziare dalla stessa dedica, rivolta «À memòria di Arlequim d'"o jardim da Pierrette" e à Pierrette, ao Pierrot, à Arlequim e ao Poeta», il sapore e il clima che emergono sono quelli di una tradizione e di un'avanguardia - o, meglio, di una dialettica tradizione-avanguardia - ormai cronologicamente spente, confinate, da un versante o dall'altro, nell'illusione futurista degli anni '10 senza più alcuna possibilità di recupero, ma piuttosto ormai in corso di storicizzazione. Asimmetria compositiva che subito si rivela come la forma eletta per dare conto della mescolanza presente nel concentrato di codici, idee e segni, che si aprono ad una pluralità di livelli di lettura, su cui questi singolari Ensaios de diàlogo e, in particolare, i Comentarios conclusivi si modellano. 14 Corrado Govoni, Fuochi d'artifizio, Palermo, Francesco Ganguzza Lajosa, 1905, pp J. de Sena, Almada Negreiros poeta, in Obras completas de Almada Negreiros. I-Poesia, Lisboa, IN-CM, 1990, p J-A. Franca, Almada..., cit., p.30.

7 Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e Arlequim di Almada Negreiros 455 Già una prima traccia dello squilibrio apparente nella struttura dell'opera, emerge proprio dalla sua esplicita iscrizione nel dominio dell'arte drammatica, come testimonia l'apertura anticanonica, che in luogo di una introduzione si costruisce su un saggio apologetico all'arte teatrale. In essa Almada professa i termini della propria personale teoria, nella quale il teatro, più di qualunque altra arte, è in grado di rivolgersi a tutti senza eccezione, poiché «toda a arte ou qualquer outra linguagem que passa do particular para o geral faz mediatamente teatro» 17. Di qui l'idea che il teatro piuttosto che un linguaggio artistico specifico, rappresenti un condensato di elementi di conoscenza generale, «a pròpria ideia de humanidade, de sociedade e de individuo; a ideia do espaco e do tempo; a ideia geográfica da Terra; a nomenclatura das coisas, das suas utilidades e propriedades; a ideia de vida e de morte; a ideia de Deus, de Patria, de Familia, de Religiáo, de Ciencia, de Arte, etc., sao funcóes da palavra teatro» (pp ). Arte e vita come teatro, si potrebbe osservare, cogliendo da subito un innesto nella tradizione (in questo caso Calderón, e notiamo anzi per inciso che tutta l'opera è intessuta di allusioni alla cultura spagnola, a cui in questa fase Almada si scopre particolarmente vicino 18 ). Ma pur ammettendo che il teatro praticato da Almada sia un teatro filosófico o di idee, che quasi atrofizza - o riduce a semplice fenomeno linguistico o ai puri simboli delle maschere - l'elemento scenico, rimane comunque l'impressione evidente di una sproporzione delle parti. Infatti, il frammento drammatico si riduce ai due dialoghi, commedia e tragedia, che occupano meno della metà dell'opera complessiva, un'asimmetria a tutto vantaggio della sezione finale metadiscorsiva, nettamente dominante, nell'economia dell'opera, sulla composizione drammatica vera e propria. La generalizzazione perseguita poi dal testo di Almada, in apparenza, nùn si offre, sul piano semantico, ad alcun tipo di particolarizzazione: la storia umana è interpretata come tensione permanente tra due poli, tra due "persone", "nos todos" e "cada um de nós", ovvero tra l'umanità intera e l'individuo, al cui interno, da sempre, ognuno iscrive, nella costruzione di sé, un arduo tentativo di sintesi: «Ser o proprio é urna arte onde existe toda a gente e que raros assinaram a 17 J. de Almada Negreiros, Pierrot e Arlequim, in Obras completas de Almada Negreiros. Vii-Teatro, cit., p.45 (lo stesso saggio-introduzione sul teatro viene pubblicato anche avulso, lo stesso anno, sul "Diàrio de Lisboa" dell'i 1/10/1924). D'ora innanzi,.tutti i rimandi che si riferiscono a quest'opera verranno segnalati tra parentesi direttamente nel testo. 18 Cfr. Ivi, p.78.

8 456 Roberto Vecchi obra-prima» (p. 47). Questo conflitto rappresenta il vero campo drammatico del testo orientato verso la riflessione filosófica e in esso si rappresentano i due dialoghi tra Pierrot e Arlequim, personaggi plastici agli antipodi tra loro (asimmetrici, appunto): Pierrot, enigmatico, etereo, malinconico, notturno, completamente bianco ed irreale e Arlequim, sfacciato, corporeo, allegro, diurno, irriverentemente policromo e diabolico. Nel dialogo- Comedia il confronto tra i due caratteri porta alla luce due diversi atteggiamenti dinanzi all'amore, anche se entrambi, nella radicale difformità, conducono alla stessa insoddisfazione: Pierrot, sognatore e triste, che nutre desideri irrealizzabili («Eu necessito da minha tristeza p'ra saber onde estou», p. 53) e Arlequim il cui vitalismo inesausto gli impedisce di provare autenticamente la profondità dei sentimenti («... e depois nao fica nada, as máos ficam-me vazias! Vazias! exactamente como se nunca tivessem pegado em nada deste mundo, como se nao tivessem nunca feito nada, como se eu nunca tivesse nada nestas minhas máos!», Ibidem). La Tragèdia del secondo saggio drammatico si costruisce su un dialogo post mortem, quando le differenze tra le due maschere si sono del tutto spente (sono entrambi morti in solitudine); Arlequim si accorge di essersi lasciato sfuggire in vita la migliore delle idee, ma, contemporaneamente, deve ammettere, persuaso da Pierrot, che è troppo tardi ormai, anche solo per rendersene conto (di qui la tragedia): «O pior nao é o que fizemos; é o que nao fizemos!...» (p. 58). A questo punto, la vicenda così come è stata ipostatizzata nei due dialoghi tra le maschere risulterebbe certo involuta o elusiva, se non intervenissero i Comentarios ad esplicitarne il senso, ancorché modernamente, ovvero non appiattendo il testo su un unico significato. Qui Almada ricorre ad un densissimo arsenale di motivi classici, biblici e mitologici su cui imbastire l'interpretazione dei due episodi. Pierrot e Arlequim sono entrambi due figure dell'amore, una mistica e l'altra profana, il primo è il Werther di Goethe, il secondo è il Faust, o anche il Chisciotte, ma in fondo il copione umano che mettono in scena è il medesimo: «Pierrot é a tragèdia do Homem e o seu Desejo, e Arlequim é exactamente essa mesma tragèdia», a differenziali sono, appunto, i modi con cui non riescono a realizzare il proprio desiderio, «Pierrot por ausencia de realidade e Arlequim por excesso desta» (p. 61). Tuttavia, sarebbe inesatto ritenere che Pierrot rappresenti solo l'anima e Arlequim unicamente il corpo; piuttosto il primo è il simbolo di una delle linee di forza, quella spiritualista, su cui si sono sviluppati il mondo e la civilità, l'altro è il rappresentante della linea materialista, parallela e opposta. Ora, osserva Al-

9 Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e Arlequim di Almada Negreiros 457 mada, e il discorso pare qui recuperare almeno in parte gli accenti e i toni delle retoriche d'avanguardia del decennio anteriore, «O Homem do Século XX tem um perfil determinado: nao é místico nem pagáo», ognuno ha in sé tanto Pierrot, quanto Arlequim, «urnas vezes é o Pierrot que sonha, outras vezes o Arlequim que salta, e outras vezes os dois que nao se entendem» (p. 66). Il problema semmai per noi oggi è di non morire come le due maschere, come personaggi e non persone, con il rimpianto di avere perduto la migliore delle idee. Almada avverte di non separare le due maschere che sono in noi e rinunciare così ad una di esse, cioè ad una parte di noi: «Deixemos cada um sonhar o nosso Pierrot e procurar à vontade o nosso Arlequim. Nao estorvemos por nada deste mundo nem um nem outro. Deixemos os dois completamente livres» (p. 69) e ricorre ad una massima di Gracian, tratta dall' Arte de prudencia y oráculo manual: «É necessario servirmo-nos dos meios humanos como se nao houvesse os divinos, e dos divinos como se os nao houvesse humanos». Tradizione e avanguardia, anima e corpo, spiritualismo e materialismo non solo si conciliano, ma paiono reciprocamente sanzionarsi dinanzi alla morte. Anche la morale conclusiva, "volteriana", della disquisizione filosófica di Almada preserva questo doppio sapore, di sintesi tra antico e moderno, tra termini solo all'apparenza irriducibili: «O único servico que podemos realmente prestar à humanidade é continuá-la. O resto sao detalhes» (p. 70), tanto da indurre José-Augusto Franca a parlare di un «dinamismo novo, de fornicacáo, que o Iluminismo ignorava...» 19. Conclusioni però che vengono un'altra volta relativizzate nel quadretto finale in calce all'opera, O anjo da guarda, che invita il lettore a ricercare, «para conhecer as coisas e os seus detalhes» (p. 71), non risposte assolute, ma piuttosto le domande più puntuali. Il problema dunque, prima che il sipario cali per sempre, all'improvviso, piuttosto che risolto, sembra rimesso di nuovo virtualmente in gioco. È lecito, a questo punto, autorizzati anche dalla precipuità del nesso esistenza/arte di Almada e dell'opera, convincersi che i dialoghi del '24, proprio per il loro esplicito prestarsi a più piste, a più di una lettura, racchiudono, nell'involucro filosófico, un più profondo bilancio estetico, in un'epoca di transizione come questa, tra primo e secondo Modernismo, di decisivo assestamento dei valori artistici. Nei loro atteggiamenti, Pierrot e Arlequim infatti " J-A. Franca, Almada..., cit., p.79, dove le conclusioni di Almada vengono paragonate al buon senso del Candide volteriano.

10 458 Roberto Vecchi rappresentano esemplarmente anche i due poli dialettici della melancholia e dell'hybris, ma, come è stato osservato, nelle poetiche moderne, ovvero nel confronto tra fumi tardoromantico-decadenti e fuochi futuristici, tra tradizione e avanguardia, tra miti di Saturno e di Prometeo, non è più il prevalere di un polo sull'altro ad essere determinante, ma è la relazione tra i due termini ad assumere una posizione veramente di rilievo 20. Nell'usare il topos decadente delle maschere, in una fase ulteriore rispetto all'esperienza dell'avanguardia, Almada non solo non abbandona, ma anzi approfondisce gli ideali estetici degli anni di Orpheu, e in questo senso Pierrot e Arlequim gli fornisce l'occasione per tentare di conciliare e redimere origine e scopi del Moderno, per suturare insieme i valori della rottura e quelli della tradizione. Una vera e propria opera di passaggio, insomma. Non a caso, proprio nel '25, impegnato nella stesura di Nome de guerra, l'unico romanzo scritto da un componente la geracéto d'orpheu che uscirà solo nel '38, le maschere dei dialoghi sono così vive e presenti in Almada che, come nota José-Augusto Franca, i personaggi del suo romanzo di formazione non sono altro che sdoppiamenti, al maschile e al femminile, dei Pierrot e Arlequim del ' Di qui, anche, una ulteriore conferma del carattere seminale che può essere riconosciuto a questi Ensaios de diàlogo negli sviluppi della letteratura e della cultura portoghese del Novecento, in particolare in corrispondenza del movimento che si raccoglie intorno alla rivista "Presenta", chiamato proprio a storicizzare gli esiti moderni della geraqào d'orpheu. Basti ricordare che già nel primo numero della rivista di Coimbra, troviamo il poema O brago de Arlequim di Antonio Navarro che ha già assorbito in pieno la lezione pedagogica del teatro di Almada 22, ma anche lo stesso Règio della "fantasia drammatica in un atto" di Tres mascaras del '34 conferma la vitalità non solo degli spunti artistici, ma anche del modello sincrético elaborati dieci anni prima in Pierrot e Arlequim 23. Non fosse altro che 20 Cfr. Sergio Givone, Hybris e melancholia. Studi sulle poetiche del Novecento, Milano, Mursia,1974, p J-A. Franga, Os anos vinte em Portugal Estados de factos sócio-culturais, Lisboa, Presenta, 1992, p "Presenta", Coimbra, 1927, 1, p.2. Fernando Guimaráes, a proposito di questo poema parla, appunto, di «fantasmas demasiado incómodos e próximos - os arlequins de Almada Negreiros», Entre vanguarda e tradicáo: a "Presenca", in Simbolismo, Modernismo e Vanguardas, Lisboa, IN-CM, 1982, p "Presenca", Coimbra, 1934, 41-42, pp

11 Lettura "senza maestro" di un topos decadente: Pierrot e Arltquim di Almada Negreiros 459 per questo intrico di rimandi e citazioni che permettono di ricostruire l'impegno da parte della cultura portoghese a modulare in modo criticamente consapevole un tono moderno dell'espressione letteraria, il teatro di Almada, "escaparate de todas as artes", si rivela allora uno strumento appropriato e niente affatto secondario per tentare di cogliere, almeno in qualche suo bagliore, il progetto modernista del poeta "futurista e tudo" di arte come totalità, probabilmente anche solo per quanto di utópico e infinito dunque anche di univerale - in esso si racchiude e si occulta.

12 BIBLIOTECA ROMA Stampa Grafiche Tevere Coordinamento Tecnico Centro Stampa Città di Castello (PG)

L apprendista stregone

L apprendista stregone MARIO QUINTANA L apprendista stregone traduzione di NATALE P. FIORETTO 2012 Cada poema è um fragmento do poema geral que Mario Quintana veio compondo durante toda a sua vida. (dal blog Quintana Eterno)

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura a cura di Marta Ricci 1 Cos è Letteratura per la CDD Si classificano in 800 le opere d immaginazione volte all intrattenimento. Le opere di contenuto

Dettagli

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Il saggio Bergson e la filosofia tedesca. 1907 1932, permette di penetrare all'interno di alcuni dei

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI ANTICHITÀ GRECHE ANTROPOLOGIA CULTURALE ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA ARCHEOLOGIA MEDIEVALE BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 1. Accesso al sito La consultazione di AMAtI è subordinata alla registrazione al sito. Per registrarsi è necessario contattare la redazione all indirizzo francesca.simoncini@unifi.it.

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico)

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico) Codice meccanografico: F G P S 0 4 0 0 0 4 Anno scolastico 2012 / 2013 Liceo Scientifico Statale G.Marconi Via Danimarca, 25-71122 FOGGIA PROGETTI INTEGRATIVI DI ISTITUTO (Definizione breve dell intervento):

Dettagli

A carico dell artista solo le spese della prima spedizione.

A carico dell artista solo le spese della prima spedizione. SIAMO TUTTI ROMEO E GIULIETTA L arte figurativa e il contenuto sociale dell Opera lirica Evento itinerante a partecipazione GRATUITA Biancarosa Onlus associazione attiva nella sensiblizzazione e comunicazione

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

Il Fumetto: storia e valenza educativa

Il Fumetto: storia e valenza educativa Il Fumetto: storia e valenza educativa Il fumetto per molto tempo non è stato considerato un prodotto del genio creativo umano al pari di altre realtà artistiche e culturali. Il fumetto è invece un'arte

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione.

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione. Piano di lavoro annuale Secondo biennio a.s. 2013/2014 IL PIANO DI LAVORO RAPPRESENTA UNA IMPOSTAZIONE DEL PERCORSO PREVISTO DAL DOCENTE CHE PUÒ ESSERE MODIFICATO, INTEGRATO, PERSONALIZZATO NEL CORSO DELL

Dettagli

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Coordinamento di Feljeu : Caterina Colonna, Anna Cornacchia, Annalisa Divincenzo Finalità della ricerca Il sondaggio

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO X ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) La disciplina arte e immagine ha la

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SEZIONE A COMPETENZA EUROPEA : Competenza sociale e civica ; Imparare

Dettagli

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Il Decadentismo Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Movimento culturale nato in Francia nel 1880 e ben presto diffuso in tutta Europa. Prende il nome dalla rivista transalpina «Le Décadent». I caratteri

Dettagli

LABORATORI TEORICO/PRATICI LABORATORI PRATICI LEZIONI D ARTE WORKSHOP

LABORATORI TEORICO/PRATICI LABORATORI PRATICI LEZIONI D ARTE WORKSHOP La creatività [ ] si forma e si trasforma continuamente. Essa esige una intelligenza pronta ed elastica, una mente libera da preconcetti di alcun genere, pronta a imparare ciò che gli serve in ogni occasione

Dettagli

GIANPAOLO TONINI TRADURRE SENZA ITALIANIZZARE

GIANPAOLO TONINI TRADURRE SENZA ITALIANIZZARE GIANPAOLO TONINI TRADURRE SENZA ITALIANIZZARE Desidero esprimere la mia gratitudine ai membri della giuria che hanno ritenuto le mie traduzioni dei Poeti brasiliani contemporanei meritevoli di ricevere

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli GLI SPETTACOLI 1 Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli Il Filo di Arianna è una performance teatrale che si interroga sulla condizione femminile nella società contemporanea. Al

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO Obiettivi generali del progetto sono: Rinforzare le abilità personali utilizzando metodologie che

Dettagli

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola Classe 4^ Scuola Primaria Don Bosco Classe 5^ Scuola Primaria Madonna di Campagna Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica Leggere

Dettagli

L INDICIZZAZIONE SEMANTICA

L INDICIZZAZIONE SEMANTICA L INDICIZZAZIONE SEMANTICA Nell indicizzazione semantica un documento viene indicizzato per il contento concettuale dell opera che manifesta ovvero secondo il significato. Essa pertanto ha lo scopo di

Dettagli

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI Anno scolastico 2013/2014 PREMESSA Negli ultimi anni il rapporto scuola-famiglie è notevolmente mutato. I genitori sentendosi, a giusta ragione, parte

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente

La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente laboratorio teatrale con serata finale per gli studenti di Medicina della Seconda Università di Napoli Premessa La medicina

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE SEMINARIO Per i docenti e dirigenti scolastici delle scuole statali della provincia di Torino Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione Una bussola

Dettagli

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA P.O.F.

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA P.O.F. ISTITUTO COMPRENSIVO VIA VOLSINIO Via Volsinio, 23-25 - 00199 Roma Tel./Fax 06/8546344 E-MAIL: rmic8d900r@istruzione.it PEC: rmic8d900r@pec.istruzione.it SITO WEB: www.istitutoviavolsinio.it PIANO dell

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Valutazione della Didattica A.A.2009-2010 Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Perugia Valutazione della Didattica A.A.2009-2010 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Perugia DISCIPLINE DELLE ARTI TEATRALI E DEI LINGUAGGI CREATIVI (Classe L 3) ex SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA PRODUZIONE ARTISTICA TEATRO E LINGUAGGI CREATIVI 9,1 9 LINGUA E TRADUZIONE-LINGUA

Dettagli

Caterina Verbaro. I margini del sogno. La poesia di Lorenzo Calogero. Edizioni ETS

Caterina Verbaro. I margini del sogno. La poesia di Lorenzo Calogero. Edizioni ETS Caterina Verbaro I margini del sogno La poesia di Lorenzo Calogero Edizioni ETS www.edizioniets.com In copertina: Paul Klee, Il funambolo, 1923 Il presente volume è stato pubblicato con il contributo del

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Editoriale http://www.humana-mente.it Biblioteca Filosofica 2007 - Humana.Mente, Periodico trimestrale di Filosofia, edito dalla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

!"#$%&'()*+&%,"(-,$$,.&( (!"#$!#%&%'()*+),!-.%#)"/%)(/!0(-12( (!-"()-#"!+-#$%+'(-%1#$$%&%13!#,#"#%'455$!1#%!-"()-#6!+-#$(%

!#$%&'()*+&%,(-,$$,.&( (!#$!#%&%'()*+),!-.%#)/%)(/!0(-12( (!-()-#!+-#$%+'(-%1#$$%&%13!#,##%'455$!1#%!-()-#6!+-#$(% !"#$&')*+&,"-,$$,.&!"#$!#&')*+),!-.#)"/)/!0-12!-")-#"!+-#$+'-1#$$&13!#,#"#'455$!1#!-")-#6!+-#$ 789:;?8;@A8FG98EHIE /01/23+),$4,567*8*+-,+9*+&AJ8AK;?:AK;K:;G>D89>A89AA

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Croce Coperta e Dozza Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Classi 1A, 1B; 2A, 2B; 3A, 3B; 4A, 4B; 5A, 5B Croce Coperta

Dettagli

Ogni bambino èun'artista. Il problema èpoi come rimanere un'artista quando si cresce. (Pablo Picasso)

Ogni bambino èun'artista. Il problema èpoi come rimanere un'artista quando si cresce. (Pablo Picasso) Ogni bambino èun'artista. Il problema èpoi come rimanere un'artista quando si cresce. (Pablo Picasso) I programmi del 1985 della scuola elementare Con la parola immagine i Programmi dell 85 volevano già

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Ente di formazione con accreditamento al MIUR, decreto del 5/7/2013 Direttiva Ministeriale n. 90/2003

Ente di formazione con accreditamento al MIUR, decreto del 5/7/2013 Direttiva Ministeriale n. 90/2003 LE PRATICHE TEATRALI COME STRUMENTO EDUCATIVO Corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola dell infanzia Corso di 40 ore: 12 ore teoriche 28 ore di esercitazione guidata IL GIOCO SIMBOLICO DAI

Dettagli

Meccaniche della Meraviglia X Terzo Festival Gardesano della Creatività Giovanile

Meccaniche della Meraviglia X Terzo Festival Gardesano della Creatività Giovanile Meccaniche della Meraviglia X Terzo Festival Gardesano della Creatività Giovanile La mostra Prospettive dal Vicino Oriente - Giovani artisti iraniani in Italia si situa all'interno delle manifestazioni

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

Questa atmosfera stimola il pubblico a ricordare l'innocenza perduta e a riscoprire il bambino, il clown che è in ognuno di noi.

Questa atmosfera stimola il pubblico a ricordare l'innocenza perduta e a riscoprire il bambino, il clown che è in ognuno di noi. 60 minuti di conferenza, sketch e workshop con il pubblico sull arte del clown presentati da Peter Ercolano. Clown non è solo naso rosso, parrucca buffa e costume colorato come generalmente si può pensare;

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

ARTI MIMICHE & GESTUALI

ARTI MIMICHE & GESTUALI ARTI MIMICHE & GESTUALI PROPOSTE ARTISTICHE E PROGETTUALITA by DN-Art Associazione Arti Mimiche & Gestuali - Centro Internazionale Come nascono il Centro e L Accademia Il panorama artistico in Italia è

Dettagli