La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI del 1994

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994"

Transcript

1 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara GSM Ufficio / 5 1

2 TEORIA DELLA COMBUSTIONE L impianto termico ha come scopo principale quello di utilizzare il calore prodotto dalla combustione per riscaldare gli ambienti e/o produzione ACS. La combustione necessita dei seguenti elementi : Combustibile:Tipicamente idrocarburi - GPL Carbone Metano Gasolio Olio Combustibile.. Comburente: Tipicamente aria 78% Azoto -21% Ossigeno - 1% Altri gas) Innesco: Calore iniziale che consente l inizio della reazione chimica 2

3 COMBUSTIONE IDEALE Le molecole principali che entrano in gioco nella combustione sono : Carbonio e Idrogeno presenti nel combustibile Ossigeno e Azoto presenti nell aria La reazione qui di seguito riportata indica la combustione di metano (CH4). Dalla combustione si ottengono Anidride Carbonica Vapor d acqua e Energia termica 3

4 COMBUSTIONE REALE Nella combustione reale occorre considerare che: L ossigeno comburente è presente insieme all azoto L ossigeno deve essere sufficiente a bruciare tutto il combustibile (eccesso d aria di circa il 20%) altrimenti si avrà una combustione parziale. La combustione parziale genera Monossido di Carbonio CO(gas inodore e incolore altamente tossico). Lo zolfo presente nei combustibili reagendo con l ossigeno può dare origine ad Anidride Solforosa SO 2. L ossigeno e azoto ad alta temperatura reagiscono producendo Monossido e Biossodo di Azoto NOx. I prodotti delle reazioni secondarie combinandosi con il vapor d acqua danno luogo a componenti acidi. 4

5 Principali limitazioni della combustione all interno degli impianti termici: Combustione incompleta (combustibile nei fumi) Combustione con aria in eccesso (dispersione di calore nei fumi) Combustione con difetto d aria (generazione di CO) Scambio di calore inefficace La combustione stechiometrica è solo un riferimento teorico 5

6 Misurazione in opera dei parametri su indicati 6

7 Campo di applicazione Generatori con Portata termica 4 kw Alimentazione a combustibile gassoso o liquido Impianti di riscaldamento con o senza ACS Impianti per produzione centralizzata ACS Esclusioni Impianti inseriti in ciclo di processo Stufe, caminetti e radiatori individuali Apparecchi unifamiliari per acqua calda sanitaria Generatori di calore a combustibile solido 7

8 OPERAZIONI PRELIMINARI AL CONTROLLO All operatore devono essere resi disponibili I seguenti documenti: Libretto di centrale o libretto di impianto Libretto di uso e manutenzione del generatore di calore Le prove devono essere fatte in sicurezza e senza causare guasti o malfunzionamento dell impianto, anche seguendo documentazioni tecniche, schemi e certificati dell impianto e dei componenti. 8

9 Procedura operativa dell operatore incaricato dal responsabile dell esercizio e manutenzione Le prove vanno effettuate sul generatore regolato alla potenza termica del focolare effettiva Le misure e I risultati ottenuti vanno riportati sul Libretto di impianto o di centrale. Per Valore effettivo si intende il valore durante il normale funzionamento dell impianto termico (tale valore deve essere precisato nel libretto di impianto o di centrale) 9

10 Procedura operativa del Verificatore incaricato dalla autorità competente. a) Le prove vanno effettuate sul generatore regolato alla potenza termica del focolare effettiva. b) Le misure vanno effettuate in presenza del propietario dell impianto (o un suo delegato). c) Se non è possibile effettuare le misurazioni deve segnarlo sul rapporto di prova, senza procedere ulterioremente. d) Se si utilizza una procedura diversa dalla UNI occorre specificarne le motivazioni sul rapporto. Il propietario dell impianto nel caso degli impianti autonomi è l occupante dell unità immobiliare, mentre per gli impianti centralizzati è l amministratore. 10

11 Procedura operativa del Verificatore incaricato dalla autorità competente. e) L apparecchio utilizzato deve stampare data e ora della misura, I valori dei parametri e l ID dell apparecchio. f) Il rapporto di prova va redatto in 3 copie ( 1 copia per l Operatore, una per il Responsabile dell impianto e una per l Ente competente). g) L operatore deve astenersi dal fornire consigli o raccomandazioni, tanto meno per iscritto sul rapporto di prova Il verificatore deve trascrivere I risultati della verifica nella scheda 10 del libretto di centrale oppure nella scheda 8 del libretto di impianto. 11

12 Prelivo dei prodotti della combustione e misurazione della temperatura fumi. Attraverso un apposito foro richiudibile a tenuta. Il foro è praticato dal responsabile dell impianto o dal manutentore oppure è predisposto dal costruttore del generatore Conforme alla UNI (Vedi Figura D = diametro interno tubazione) Il controllo della combustione non può essere effettuato se non è possibile rispettare le distanze prescritte. La norma non precisa il diamentro del foro ma durante la misura occorre evitare l ingresso di aria dall esterno utilizzando un apposito cono inserito nella sonda. 12

13 PARAMETRI MISURATI DURANTE IL CONTROLLO PARAMETRI MISURATI PARAMETRI MISURATI Ta Ta = = Temperatura Temperatura aria aria comburente comburente Tf Tf = = Temperatura Temperatura fumi fumi Temperatura Temperatura del del fluido fluido in in caldaia caldaia O2 O2 oppure oppure CO2 CO2 cioè cioèla la concentrazione concentrazione di di O2 O2 o o CO2 CO2 nei nei fumi fumi secchi secchi in in percento percento in in volume volume CO CO cioè cioèla la Concentrazione Concentrazione monossido monossido di di carbonio carbonio nei nei fumi fumi secchi secchi in in percento percento in in volume volume Indice Indice di di Fumosità Fumosità (per (per generatori generatori a a combustibile combustibile liquido) liquido) Volume Volume di di gas gas per per unità unitàdi di tempo tempo (per (per combustibili combustibili gassosi) gassosi) Pressione Pressione di di polverizzazione polverizzazione all ugello all ugello (per (per combustibili combustibili liquidi) liquidi) Strumenti necessari Strumenti necessari Termometro Termometro incertezza incertezza +/-2 C +/-2 C Termometro Termometro incertezza incertezza +/-5 C +/-5 C Termometro Termometro incertezza incertezza +/-2 C +/-2 C Analizzatore Analizzatore di di O2 O2 oppure oppure CO2 CO2 incertezza incertezza +/-0,5% +/-0,5% Analizzatore Analizzatore di di CO CO incertezza incertezza +/-20 +/-20 ppm ppm fino fino a a ppm, ppm, +/- +/-5% 5% per per concentrazioni concentrazioni superiori superiori Pompa Pompa di di Bacharach Bacharach (comb. (comb. Liquido) Liquido) Cronometro Cronometro e e contatore contatore volumetrico volumetrico per per il il calcolo calcolo della della portata portata del del combustibile combustibile gassoso gassoso Manometro Manometro per per la la lettura lettura della della pressione pressione di di polverizzazione polverizzazione dell ugello dell ugello da da utilizzare utilizzare unitamente unitamente al al valore valore del del GPH GPH e e alle alle tabelle tabelle di di portata portata 13

14 CAMPI DEL PREPAGATO DEDICATI ALLA PROVA DI COMBUSTIONE Strumentazione utilizzata Condizioni di prova Verifica della potenza al focolare Controllo del rendimento di combustione UNI Valori Calcolati e Rispetto dei limiti 14

15 RISULTATI DELLE MISURAZIONI La La misurazione misurazione di di ogni ogni singolo singolo parametro parametro deve deve essere essere eseguita eseguita nello nello stato stato di di regime regime In In tali tali condizioni condizioni occorre occorre rilevare rilevare la la temperatura temperatura del del fluido fluido di di mandata mandata (da (da indicare indicare nel nel rapporto rapporto di di prova) prova) La La misurazione misurazione di di ogni ogni parametro parametro deve deve essere essere effettuata effettuata almeno almeno tre tre volte volte L intervallo L intervallo tra tra le le 33 misure misure deve deve avere avere una una durata durata di di almeno almeno 22 minuti minuti Le Le misure misure anomale anomale devono devono essere essere scartate scartate (la (la norma norma non non precisa precisa il il criterio) criterio) Il Il valore valore misurato misurato si si ottiene ottiene come come media media aritmetica aritmetica delle delle prime prime tre tre misure misure significative significative Anche Anche l indice l indice di di fumosità fumositàsi si ricava ricava mediante mediante tre tre misurazioni. misurazioni. Anziché Anzichéfare fare la la media media nella nella scala scala di di Bacharach Bacharach si si adotta adotta il il criterio criterio a a maggioranza. maggioranza. La Laprova èèsuperata superata se se almeno almeno 22 delle delle 33 misurazioni misurazioni forniscono forniscono risultati risultati non non superiori superiori a a quello quello limite limite (2 (2 per per il il gasolio gasolio e e 66 per per l olio l olio combustibile) combustibile) 15

16 POTENZE DI UN GENERATORE DI CALORE DPR 412/93 art 1 c. 1 lettere r), s), t) In In un un generico generico generatore generatore di di calore calore si si possono possono individuare individuare almeno almeno 55 potenze potenze caratteristiche. caratteristiche. Vediamo Vediamo le le definizioni definizioni Potenza Potenza al al focolare focolare o o Portata Portata termica termica èèla la Potenza Potenza sviluppata sviluppata dalla dalla combustione combustione Potenza Potenza utile utile èèla la Potenza Potenza trasferita trasferita al al fluido fluido termovettore termovettore (acqua (acqua o o aria) aria) Potenza Potenza Persa Persa al al camino camino ovvero ovvero nei nei fumi fumi Potenza Potenza irradiata irradiata dal dal generatore generatore Potenza Potenza Convenzionale Convenzionale Pc Pc = = Pfoc Pfoc -Pf -Pf Il Il bilancio bilancio delle delle potenze potenze fornisce fornisce Pfoc Pfoc = = Pu Pu + + Pf Pf + + Pirr Pirr = = Pf Pf + + Pc Pc 16

17 RENDIMENTI DI UN GENERATORE DI CALORE DPR 412/93 art 1 c. 1 lett. u), v) Le Le potenze potenze possono possono essere essere espresse espresse anche anche in in percentuale della della potenza potenza al al focolare. focolare. ηu = Putile Pfoc X100 Rendimento Rendimento utile: utile: Rapporto Rapporto tra tra la la Potenza Potenza utile utile e e la la Potenza Potenza al al focolare focolare in in percento percento ηc = Pconv Pfoc X100 Rendimento Rendimento convenzionale convenzionale o o Rendimento Rendimento di di combustione: combustione: Rapporto Rapporto tra tra la la Potenza Potenza convenzionale convenzionale e e la la Potenza Potenza al al focolare focolare in in percento percento Qs = Pfumi Pfoc X100 Perdite Perdite per per calore calore sensibile: sensibile: Rapporto Rapporto tra tra la la Potenza Potenza persa persa ai ai fumi fumi e e la la Potenza Potenza al al focolare focolare in in percento percento 17

18 VERIFICA DELLA POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE Le potenze possono essere calcolate in base a principi fisici ben noti. Le potenze possono essere calcolate in base a principi fisici ben noti. Pfoc = M c P. C. I. La Potenza al focolare Pfoc deve essere espressa in kw La Potenza al focolare Pfoc deve essere espressa in kw La La Portata di di combustibile Mc Mc sarà saràespressa in in m 3 /h 3 /h( ( per per il il metano e e il il gpl gpl )) o in in kg/h kg/h (( per per il il gasolio e e per per l olio l olio combutibile) I I valori valori del del potere calorifico inferiore P.C.I. P.C.I. sono sono fissati convenzionalmente dalla dalla UNI10389 per per i i combustibili gassosi (punto 5.6.1) 5.6.1) e e per per quelli quelli liquidi (punto 5.6.2) 5.6.2) 18

19 PORTATA DI COMBUSTIBILE Portata di di combustibile deve deve essere sempre misurata con con il il generatore di di calore a a regime Per Per impianti a a combustibile gassoso, dotati dotati di di contatore volumetrico, la la portata volumetrica si si ricava rapportando il il volume di di gas gas erogato( letto letto sul sul contatore) alla alla durata della della misurazione. La La durata della della misurazione prescritta dalla dalla UNI10389 deve deve essere superiore o uguale a a 120s 120s (2 (2 minuti) In In assenza di di contatore si si assume che che la la Pfoc Pfoc èè pari pari al al valore nominale dichiarato dal dal costruttore Per Per impianti a a combustibile liquido occorre misurare la la pressione di di polverizzazione del del combustibile (attraverso un un manometro) e e conoscendo le le caratteristiche dell ugello (GPH) si si ricava la la portata mediante l uso l uso di di tabelle tipiche per per ciascun combustibile. 19

20 VALORI CONVENZIONALI DEL POTERE CALORIFICO INFERIORE Poiché Poichénon non èèpossibile possibile conoscere il il PCI PCI di di tutti tutti i i combustibili in in commercio il il PCI PCI viene viene stabilito stabilito in in via via convenzionale dalla dalla UNI UNI Metano: Metano: 9,6 9,6 kwh/m3 kwh/m3 per per ottenere ottenere la la potenza potenza termica termica del del focolare focolare in in kw kw GPL GPL : : 31,4 31,4 kwh/m3 kwh/m3 per per ottenere ottenere la la potenza potenza termica termica del del focolare focolare in in kw kw Gasolio: Gasolio: 11,872 11,872 (kwh/kg) (kwh/kg) per per ottenere ottenere la la potenza potenza termica termica del del focolare focolare in in kw kw Olio Olio combustibile combustibile : : 11,447(kWh/kg) 11,447(kWh/kg) per per ottenere ottenere la la potenza potenza termica termica del del focolare focolare in in kw kw 20

21 POTENZE DI UN GENERATORE DI CALORE Le Le perdite perdite per per calore calore sensibile sensibile possono possono essere essere agevolmente calcolate calcolate utilizzando le le seguenti seguenti formule formule convenzionali riportate riportate dalla dalla UNI UNI (punto (punto 6). 6). Qs Qs = = A1 21 O2 A2 CO2 + B + B ( Tf Ta) ( Tf Ta) Tf Tf = = Temperatura Temperatura fumi fumi Ta Ta = = Temperatura Temperatura aria aria comburente comburente O2= O2= Concentrazione Concentrazione O2 O2 nei nei fumi fumi secchi secchi in in percento percento in in volume volume CO2= CO2= Concentrazione Concentrazione CO2 CO2 nei nei fumi fumi secchi secchi in in percento percento in in volume volume I I coefficienti coefficienti A1,A2, A1,A2, B B dipendono dipendono dal dal combustibile combustibile A1 A2 B Combustibile 0,66 0,38 0,010 Gas naturale 0,63 0,42 0,008 GPL 0,68 0,50 0,007 Gasolio 0,68 0,52 0,007 Oli combustibili 21

22 RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E CONDIZIONI DI VALIDITA Il rendimento di combustione accentando un errore del +/- 2% vale: Il rendimento di combustione accentando un errore del +/- 2% vale: Pconv Pfoc Pf ηc = X100 = X100 = 100 Qs Pfoc Pfoc Tale Tale espressione espressione può può ritenersi ritenersi valida valida a a condizione condizione che che la la combustione combustione avvenga avvenga correttamente: correttamente: La La concentrazione concentrazione di di CO CO nei nei fumi fumi secchi secchi e e stechiometrici stechiometrici deve deve essere essere minore minore o o uguale uguale a a ppm ppm Per Per i i generatori generatori di di calore calore a a combustibile combustibile liquido liquido l indice l indice di di fumosità fumositàdeve deve essere essere minore minore o o uguale uguale a: a: 22 per per generatori generatori a a gasolio gasolio 66 per per generatori generatori a a olio olio combustibile combustibile 22

23 INDICE D ARIA E CONCENTRAZIONE DI CO L indice L indice d aria d aria e e il il CO CO nei nei fumi fumi secchi secchi stechiometrici possono possono essere essere agevolmente calcolati calcolati utilizzando le le seguenti seguenti formule formule riportate riportate dalla dalla UNI UNI (punto (punto 6.1). 6.1). n n CO = = O2 CO2 CO2 teorico = n fst CO fs n n = = indice indice d aria d aria O2= O2= Concentrazione Concentrazione O2 O2 nei nei fumi fumi secchi secchi in in percento percento in in volume volume CO2teorico CO2teorico = = precisato precisato dalla dalla norma norma per per ogni ogni combustibile combustibile CO2= CO2= Concentrazione Concentrazione CO2 CO2 nei nei fumi fumi secchi secchi in in percento percento in in volume volume CO CO fst = Concentrazione CO nei fumi secchi teorici (stechimetrici fst = Concentrazione CO nei fumi secchi teorici (stechimetrici )in )in percento percento in in volume volume COfs= COfs= Concentrazione Concentrazione CO CO nei nei fumi fumi secchi secchi misurati misurati in in percento percento in in volume volume 23

24 INDICE DI FUMOSITA L indice L indice di di fumosità fumosità (solo (solo per per combustibili liquidi liquidi )UNI )UNI (punto (punto ) ) si si determina utilizzando una una speciale speciale pompa pompa che che aspira aspira i i fumi fumi in in uscita uscita dalla dalla caldaia. caldaia. I I Fumi Fumi prelevati prelevati si si fanno fanno passare passare attraverso un un fitro fitro che che trattiene trattiene il il particolato. Confrontando Confrontando il il colore colore che che assume assume il il filtro filtro con con la la scala scala dei dei grigi grigi si si determina determina l Indice l Indice di di Fumosità Fumosità 24

25 OGGETTO DEL CONTROLLO Misurazione in opera del rendimento di combustione dei generatori di calore degli impianti termici degli edifici Misurazione in opera del monossido di carbonio CO nei prodotti della combustione Misurazione in opera dell indice di fumosità (Indice di Bacharach) nei prodotti della combustione dei generatori a combustibile liquido Verifica della potenza termica del focolare Le prime 3 grandezze menzionate sono soggette ai limiti descritti di seguito 25

26 VALORE MINIMO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE D.Lgs.311/06 FLUIDO TERMOVETTORE TIPO CALDAIA Installazione antecedente al Installazione dal al Installazione dal Installazione dal ACQUA CALDAIA STANDARD 84+2logPn ACQUA CALDAIA A BASSA TEMPERATURA 84+2logPn logPn 87,5+1,5logPn 90+2logPn - 1 ACQUA CALDAIA A CONDENSAZIONE 91+1logPn ARIA (inclusi convettori e ventilconvettori) 83+2logPn logPn - 3 Per potenze utili maggiori o uguali a 400kW si assume Pu = 400 kw 26

27 RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E CONDIZIONI DI VALIDITA Influenza dell incertezza di di misura misura del del +/- +/-2% 2% e e comportamento in in sede sede di di misurazioni Comportamento Comportamento del del manutentore manutentore che che effettua effettua i i controlli controlli periodici: periodici: Comportamento Comportamento del del verificatore verificatore incaricato incaricato dei dei controlli: controlli: Il Il Manutentore Manutentore deve deve fare fare in in modo modo che che tutta tutta la la fascia fascia dei dei possibili possibili valori valori del del rendimento rendimento superi superi il il rendimento rendimento minimo minimo stabilito stabilito dalla dalla legislazione legislazione cioè cioèse: se: ηc- ηc-2 2 η η D.Lgs.311 D.Lgs.311 (Rif. (Rif. Libretti Libretti imp./centrale imp./centrale DM DM ) ) Il Il Verificatore Verificatore affermerà affermeràche che l impianto l impianto non non rispetta rispetta la la normativa normativa sul sul rendimento rendimento minimo minimo di di combustione combustione solo solo se se il il rendimento rendimento èèsicuramente sicuramente inferiore inferiore al al rendimento rendimento minimo minimo stabilito stabilito dalla dalla legislazione legislazione cioè cioèse: se: ηc ηc + 22 < η D.Lgs. D.Lgs

28 VALORI MAX DI CO E DELL INDICE DI FUMOSITA L esito L esito del del controllo controllo secondo secondo la la UNI UNI èènegativo negativo a a prescindere dal dal rendimento (il (il cui cui valore valore minimo minimo èèstato stato già giàprecisato) nei nei seguenti seguenti casi: casi: Per Per i i Generatori Generatori a a Combustibile Combustibile liquido: liquido: Se Se l indice l indice di di Fumosità Fumositàriferito alla alla scala scala di di Bacharach Bacharach supera supera i i seguenti seguenti valori: valori: B B > > 22 per per gasolio gasolio B B > > 66 per per olio olio combustibile combustibile Per Per i i generatori generatori a a combustibile combustibile liquido liquido o o gassoso: gassoso: Se Se la la concentrazione concentrazione di di CO CO riportata riportata alla alla condizione condizione di di fumi fumi secchi secchi e e senza senza aria aria supera supera il il seguente seguente valore: valore: CO CO fst [ppm] 1000 [ppm] fst [ppm] > 1000 [ppm] Ricordando che che l errore l errore accettabile sulla sulla misura misura del del CO CO èèdel del 5% 5% possono possono risultare risultare accettabili valori valori fino fino a a ppm: ppm: 28

29 MISURAZIONE DEL TIRAGGIO LA LA MISURA MISURA DEL DEL TIRAGGIO VA VA EFFETTUATA SOLO SOLO PER PER CALDAIE DI DI TIPO TIPO B LA LA METODOLOGIA E E DESCRITTA DALLA DALLA UNI UNI App. App. B LA LA MISURA MISURA DIRETTA DIRETTA VIENE VIENE EFFETTUATA MEDIANTE UN UN DEPRIMOMETRO CON CON CARATTERISTICHE STABILITE DALLA DALLA NORMATIVA STESSA STESSA L'apparecchio si si intende intende alimentato con con gas gas naturale naturaleoppure con con GPL GPLe e si si intende intende funzionante ad ad una una portata portata termica termica effettiva effettiva Qc Qc non non maggiore della della sua sua portata portata termica termica nominale nominale massima massima Qn Qn e e non non minore minore della della sua sua eventuale portata portata termica termica nominale nominale ridotta ridotta Qr. Qr. Valore della della depressione [Pa] [Pa] P > P 11 P P < 11 Risultato della della prova prova Tiraggio Sufficiente Tiraggio Scarso Tiraggio Assente 29

30 MISURAZIONE DEL TIRAGGIO LA LA MISURA MISURA INDIRETTA CONSENTE DI DI VERIFICARE L EFFICACIA DEL DEL TIRAGGIO MEDIANTE IL IL SODDISFACIMENTO DI DI UNA UNA DELLE DELLE SEGUENTI DISEQUAZIONI (CO (CO 2 ) mis è la CO2 misurata nei fumi secchi 2 ) mis è la CO2 misurata nei fumi secchi Fs Fs èèun un fattore fattore di di sicurezza pari pari a a 0,9 0,9 Te Te èèla la temperatura esterna esterna (in (in gradi gradi Celsius) Celsius) Qc Qc èèla la portata portata termica termica effettiva effettiva di di funzionamento Qn Qn èèla la portata portata termica termica nominale nominale (CO2) (CO2) lim è la concentrazione di CO2 limite dichiarata dal costruttore (in mancanza del dato la lim è la concentrazione di CO2 limite dichiarata dal costruttore (in mancanza del dato la UNI UNI suggerisce suggerisce di di utilizzare utilizzare la la concentrazione concentrazione del del 6%) 6%) 30

31 CONTROLLI DI EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL MANUTENTORE Potenza nominale Combustibile- Anzianità imp. Tipo Generatore e ubicazione Controlli di efficienza energetica (All.L comma5) Ulteriori Controlli di Efficienza energetica (All. L commi 6 e 7 ) Documentazione (All. L c.8) Impianti autonomi Pn<35kW 35kW Pn<350kW Pn 350kW Gas 8 anni Gas > 8 anni Liquido o Solido Tutti Tutti Tipo C oppure Tipo B istallata all esterno di locali abitati Tipo B istallata all internodi locali abitati Qualsiasi Qualsiasi Qualsiasi Qualsiasi Almeno ogni 4 anni Almeno ogni 2 anni Almeno ogni 2 anni Almeno 1 volta l anno Almeno 1 volta l anno In occasione di interventi che non rientrano tra quelli periodici ma tali da poter modificare la modalità di combustione. Per le centrali termiche con potenza nominale 350kW a metà della stagione di riscaldamento Libretto di impianto DM17 marzo 2003 Modulo Prepagato per autocertificazione (per gli interventi ordinari usare l RCT conforme a Allegato G Decreto Lgs. 311/2006) Libretto di centrale DM17 marzo 2003 RCT conforme a Allegato F Decreto Lgs. 311/2006 Almeno 1 volta l anno 31

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Misura in opera del rendimento di combustione UNI 10389

Misura in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Misura in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Il metodo da utilizzare per eseguire in esercizio l analisi dei prodotti della combustione e la determinazione del rendimento di combustione dei

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Ispezioni per l efficienza energetica. Franco De Col, ispettore impianti termici

Ispezioni per l efficienza energetica. Franco De Col, ispettore impianti termici Ispezioni per l efficienza energetica Franco De Col, ispettore impianti termici Incontri Provincia di Belluno 1. Tipi di rendimento e tipi di caldaia 2. La 10389-1:2009 e la 10389-2 3. Novità della 10389-1:2009

Dettagli

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE Ilario De Marco I COMBUSTIBILI Si definisce combustibile una sostanza che attraverso una

Dettagli

Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389-1:2009

Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389-1:2009 Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389-1:2009 Incontro tecnico CNA Bologna 26 ottobre 2009 AVVERTENZE Il contenuto delle seguenti diapositive

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC UNI 10389-1 le novità sulle analisi di combustione di caldaie a gas Cosa

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici sopra i 232 kw Ing. Diego Danieli Libero Professionista

Dettagli

DISPENSE TECNICHE. CIB UNIGAS S.p.a. Via C. Colombo, 9 35011 - Campodarsego (PD)

DISPENSE TECNICHE. CIB UNIGAS S.p.a. Via C. Colombo, 9 35011 - Campodarsego (PD) CIB UNIGAS S.p.a. Via C. Colombo, 9 35011 - Campodarsego (PD) Tel. 049-9200944 Fax 049-9201269 (Direzione Commerciale) 049-9200945 (Amministrazione) 049-9200671 (Ufficio Tecnico) Internet: www.cibunigas.it

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Le misure negli impianti Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Sommario Prova tenuta impianti

Dettagli

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 La scheda deve essere compilata dall installatore all atto della realizzazione di un nuovo impianto, alla ristrutturazione di un impianto

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

L ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

L ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E L ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Guida per l'ottenimento del patentino completa di quesiti d'esame di MAURIZIO MAGRI INDICE GENERALE

Dettagli

Focus sulla potenza termica

Focus sulla potenza termica Focus sulla potenza termica La vigente normativa distingue le prescrizioni di sicurezza e di risparmio energetico in funzione della potenza dei generatori di calore o degli impianti termici. A volte, però

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO LIBRETTO di IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) Conforme

Dettagli

CALDAIE A CONDENSAZIONE

CALDAIE A CONDENSAZIONE Corso breve di aggiornamento tecnico IL CONTO TERMICO: INTERVENTI INCENTIVABILI, CONVENIENZA TECNICO-ECONOMICA E MODALITÀ DI ACCESSO Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Conforme all Allegato I (Art. 1) del DECRETO 10 febbraio 2014 "Modello di libretto di

Dettagli

DLgs 192 DEL 19 agosto 2005.

DLgs 192 DEL 19 agosto 2005. ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/91/CE RELATIVA AL RENDIMENTO ENERGETICO NELL EDILIZIA. DLgs 192 DEL 19 agosto 2005. RISVOLTI E NOVITÀ SULLA PROGETTAZIONE, MANUTENZIONE, INSTALLAZIONE ED ISPEZIONE DEGLI

Dettagli

MANUALETTO PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO (ALLEGATO H ) PER IMPIANTI TERMICI DI POTENZA INFERIORE AI 35 kw

MANUALETTO PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO (ALLEGATO H ) PER IMPIANTI TERMICI DI POTENZA INFERIORE AI 35 kw Comune di Circondario Agenzia Fiorentina Empoli Empolese-Valdelsa per l'energia MANUALETTO PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO (ALLEGATO H ) PER IMPIANTI TERMICI DI POTENZA INFERIORE

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco Menu del giorno Il sistema camino UNI 10641:2013 UNI EN 13384-1:2008 1:2008 UNI EN 13384-2:2009 Uso software Progetto Camino Normative di riferimento

Dettagli

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a ALLEGATO 11 Allegato F Libretto di centrale 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)...... Destinato a riscaldamento ambienti produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari altro (descrivere)...

Dettagli

352&(662',&20%867,21(

352&(662',&20%867,21( 352&(662',&20%867,21( Il calore utilizzato come fonte energetica convertibile in lavoro nella maggior parte dei casi, è prodotto dalla combustione di sostanze (es. carbone, metano, gasolio) chiamate combustibili.

Dettagli

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99)

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) 1 Art.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento emanato per dare attuazione

Dettagli

I generatori di calore

I generatori di calore Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl I generatori di calore Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Generatore di calore: macchina comprendente le

Dettagli

REQUISITI TECNICI E MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

REQUISITI TECNICI E MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO REQUISITI TECNICI E MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO 1 TABELLA 1 Tipo di intervento Requisiti tecnici (1) Pn

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

Corso CNA-Wöhler sulle analisi di combustione con la nuova UNI 10389-1 e le verifiche di sicurezza previste dall allegato G

Corso CNA-Wöhler sulle analisi di combustione con la nuova UNI 10389-1 e le verifiche di sicurezza previste dall allegato G Corso CNA-Wöhler sulle analisi di combustione con la nuova UNI 10389-1 e le verifiche di sicurezza previste dall allegato G German Puntscher div. WIT Wöhler Institute of Technology Cosa rappresenta il

Dettagli

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1 POTERE CALORIFICO DEI COMBUSTIBILI Il potere calorifico è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di 1 m³ di combustibili gassosi. Generalmente i combustibili hanno un determinato quantitativo

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto termico può essere fonte di danni alle persone e/o alle

Dettagli

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE Libretto di impianto: la scheda 11.2 Libretto di impianto: la scheda 12 NOTA BENE Se la prima verifica effettuata a cura dell'installatore è avvenuta con funzionamento in modalità "RISCALDAMENTO", tutte

Dettagli

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Impianto situato in.................................................................................. Via:..............................................................................

Dettagli

Luogo di emissione. Ancona

Luogo di emissione. Ancona 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. RETE ELETTRICA REGIONALE, AUTORIZZAZIONI ENERGETICHE, GAS ED IDROCARBURI N. 61/EFR DEL 04/06/2015 Oggetto: Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 - Norme in materia di

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. Dalla rivoluzionaria tecnologia Thermo Recovery,

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici ENERGiA Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. ASB ENERGIA presenta I-TA: Industrial

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13

24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13 24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13 ASSESSORATO DELL ENERGIA E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ DECRETO 1 marzo 2012. Disposizioni in materia di impianti termici degli

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA ALL. 1 PROVINCIA DELL AQUILA MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO F QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE UGUALE O SUPERIORE A 35 kw PREMESSA Il D.Lgs.

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA I. Premessa La presente procedura costituisce l insieme delle linee guida per l esecuzione delle

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Esercizi di analisi della combustione

Esercizi di analisi della combustione Esercizi di analisi della combustione Esercizio n. 1 Un combustibile gassoso abbia la seguente composizione volumetrica: CH 4 84,1% C 2 H 6 (etano) 6,7% CO 2 0,8% N 2 8,4% Si calcoli l aria stechiometrica

Dettagli

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI NUCLEI FAMILIARI PER L INSTALLAZIONE NELLA PRIMA CASA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA DA FONTI RINNOVABILI E DI SISTEMI AD ALTA EFFICIENZA

Dettagli

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare Caldaia a condensazione IT 01 Termoidraulica Idee da installare Il calore... un bene prezioso Il calore è un bene prezioso che deve essere utilizzato con la massima attenzione nel rispetto dell ambiente

Dettagli

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012 Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA Impianto termico GENERAZIONE Gli impianti si suddividono in due grandi categorie:

Dettagli

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE MANUALE TECNICO GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE GREENOx/GREENOx.e/K A TRE GIRI DI FUMO DUAL GRX/DUAL

Dettagli

GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET

GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET INDICAZIONI GENERALI E MODALITA DI REGISTRAZIONE PER ACCEDERE AL SOFTWARE GESTIONALE THERMONET E NECESSARIO 1. PRIMA EFFETTUARE LA REGISTRAZIONE DA AREA RISERVATA

Dettagli

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti MONOSTADIO monostadio a basse emissioni inquinanti Bruciatori di gasolio monostadio a basse emissioni di NOx (< 90 mg/kwh) e sonore (< 60 dba). Sono dotati di corpo in alluminio, struttura con un sistema

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITENIO DI TORINO ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Prima sessione ANNO 009 Settore INDUSTRIALE - lasse 33/S Ingegneria Energetica e nucleare Terza prova (prova pratica

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

Stagione termica 2012-2014

Stagione termica 2012-2014 ALLEGATO 3 PROTOCOLLO D INTESA 2012-2014 Contratto tipo di manutenzione Stagione termica 2012-2014 Le tariffe massime sotto riportate possono essere indicativamente applicate, fermo restando accordi diversi

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

Lavoro d anno Corso di Energetica Industriale Professore: Antonio Ficarella

Lavoro d anno Corso di Energetica Industriale Professore: Antonio Ficarella Lavoro d anno Corso di Energetica Industriale Professore: Antonio Ficarella Nuova tecnologia per migliorare un impianto di riscaldamento ad uso domestico Sasha Luciana Catalini matricola: 10041516 a.a.

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA ALL. 2 PROVINCIA DELL AQUILA MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO G QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE INFERIORE A 35 kw ARTI SPA - MANUALE PREMESSA

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

MULTIBLUE Una rivoluzione nelle caldaie a condensazione. Double Efficency. Direttiva 92/42 CEE

MULTIBLUE Una rivoluzione nelle caldaie a condensazione. Double Efficency. Direttiva 92/42 CEE CONDENSAZIONE IN CASCATA MULTIBLUE Una rivoluzione nelle caldaie a condensazione. DUAL I TRIS I Quadri Rendimento Energetico Double Efficency Direttiva 92/42 CEE BLUE Un cuore in rame, scelta di eccezionale

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

attribuito dal Comune e/o dalla Provincia di Venezia per il tramite di A.R.T.I. S.p.A qualora reso noto o accessibile dagli stessi. 8.

attribuito dal Comune e/o dalla Provincia di Venezia per il tramite di A.R.T.I. S.p.A qualora reso noto o accessibile dagli stessi. 8. ARTI SPA - MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO G QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE INFERIORE A 35 kw PREMESSA Il D.Lgs. 192/2005 così come aggiornato

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE ARTI SPA - MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO F QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE UGUALE O SUPERIORE A 35 kw PREMESSA Il D.Lgs. 192/2005 così come

Dettagli

Varjet VARJET: LA MIA PROPOSTA DI CONDENSAZIONE A GASOLIO

Varjet VARJET: LA MIA PROPOSTA DI CONDENSAZIONE A GASOLIO VARJET: LA MIA PROPOSTA DI CONDENSAZIONE A GASOLIO Giacomo Installatore Varjet Caldaia in acciaio monoblocco da equipaggiare con bruciatore gasolio o gas Potenza da 70 kw a 580 kw www.ygnis.it L evoluzione

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

Eco Gas Comfort. Caldaia Modula NT (< 34 kw) Caldaia Modula II (< 115 kw) Tante identità, un unico gruppo

Eco Gas Comfort. Caldaia Modula NT (< 34 kw) Caldaia Modula II (< 115 kw) Tante identità, un unico gruppo Eco Gas Comfort Caldaia Modula NT (< 34 kw) Caldaia (< 115 kw) Tante identità, un unico gruppo Paradigma, azienda leader nei sistemi ecologici di riscaldamento, dal 1988 offre massima qualità con grande

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW)

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW) Con la Legge n 46/90 e la Legge n 10/91,ed il conseguente regolamento di applicazione (D.P:R. n 412/93 e sue modifiche introdotte dal D.P.R. 551/99) la Provincia di Imperia, al pari di tante altre Amministrazioni

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione

Libretto di impianto per la climatizzazione Libretto di impianto per la climatizzazione conforme al Decreto n. 5027 del 11.6.2014 EDIFICIO LOCALITÀ Condominio La Torre Milano INDIRIZZO via Mazzini, 12 DATA martedì 3 marzo 2015 Rif. Esempio.E7201

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO Conforme a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO Conforme a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO pag. 1 S.Carlo Elettromeccanica di F. Fanfano - Via S.Carlo 90-92 - 57126 Livorno (Italy) Tel. +39-0586-888158 E-Mail: info@sancarlo.info P.iva 00972400493

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI L impianto a condensazione Laurent SOCAL 31/01/2011 Ing. SOCAL - Impianti a condensazione 1 La condensazione Nella caldaia, dopo la combustione si deve trasferire

Dettagli

Il modulo relativo all Energia Primaria contiene al suo interno i seguenti sottomoduli:

Il modulo relativo all Energia Primaria contiene al suo interno i seguenti sottomoduli: 7 ENERGIA PRIMARIA Il modulo relativo all Energia Primaria contiene al suo interno i seguenti sottomoduli: - Centrali Termiche; - Sistemi Impiantistici; - Ramificazioni; - Associazioni zone termiche; -

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti Linee Guida per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti RICORDATI DI CHIEDERE AL TUO MANUTENTORE DI APPLICARE IL BOLLINO Provincia

Dettagli

IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 1

IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 1 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 1 Presentiamo il primo ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di impianto introdotto dal Decreto Ministeriale 10 febbraio 2014. L esempio è stato messo

Dettagli