REGISTRO DELLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGISTRO DELLE IMPRESE"

Transcript

1 REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio

2 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO PER LE CAUSE DI CUI ALL ART c.c. numeri 1) 2) 3) 4) E 5)... 7 ISCRIZIONE DELIBERA DI SOSTITUZIONE DEL LIQUIDATORE... 9 REVOCA DELLA LIQUIDAZIONE DEPOSITO DEL BILANCIO FINALE DI LIQUIDAZIONE RICHIESTA DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO IMPRESE SOCIETA DI PERSONE SCIOGLIMENTO CON O SENZA LIQUIDAZIONE SCIOGLIMENTO E CONTESTAULE RICHIESTA DI CANCELLAZIONE REVOCA DELLA LIQUIDAZIONE ISTANZA DI CANCELLAZIONE AL TERMINE DELLA LIQUIDAZIONE ISTANZA DI CANCELLAZIONE PER MANCATA RICOSTITUZIONE DELLA PLURALITÀ DEI SOCI NEL TERMINE DI SEI MESI (ART C.C.)

3 PREMESSA Per diritti e bolli vedi la sezione DIRITTI BOLLI COSTI Per le modalità di predisposizione, firma, spedizione della pratica telematica e degli allegati vedi la sezione GUIDA E SOFTWARE DELLA PRATICA TELEMATICA SOCIETÀ DI CAPITALI DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE ARTT n. 6, 2487 C.C. Si ricorda che, con l entrata in vigore del nuovo diritto societario, gli effetti dello scioglimento si determinano alla data dell iscrizione presso il Registro Imprese della relativa deliberazione (art comma 3). L atto da iscrivere per le Società per Azioni è sempre il Verbale di Assemblea Straordinaria depositato a cura del notaio, mentre per le Società a Responsabilità Limitata è il verbale dell Assemblea che delibera con le maggioranze previste per le modificazioni dell atto costitutivo, depositato a cura del liquidatore. Qualora, ai sensi dell art comma o dell art comma, la nomina dei liquidatori avvenga con decreto del Tribunale, questi dovranno provvedere all iscrizione del decreto e della loro nomina. TERMINE: 30 GG dalla data dell atto SOGGETTO OBBLIGATO : NOTAIO VERBALIZZANTE O LIQUIDATORE Modello base: S3 ( per l iscrizione dello scioglimento con messa in Liquidazione) Modelli allegati : P per l iscrizione della nomina del liquidatore e per l iscrizione della cessazione degli amministratori che non siano nominati liquidatori UL se la sede di liquidazione viene aperta in un luogo diverso dalla sede legale. In tal caso il codice tipo unità locale = SQ Codici atto: A13, A09 Se l atto contiene anche eventuali modifiche statutarie i codici da usare sono: A05, A13, A09; in tal caso il modello base diviene l S2 a cui vanno allegati il modello S3 e i modelli P 3

4 Se, contestualmente, viene trasferita la sede legale in altra provincia dovrà essere usato il cod. A02, e la pratica sarà presentata solo al Registro Imprese della nuova provincia con Mod. base S1. copia del verbale di Assemblea ed eventuale Statuto aggiornato o copia del Decreto del Tribunale MODELLO S3 Dopo aver compilato il riquadro dei dati identificativi della pratica, scegliere il modello S3. I riquadri A e B sono preimpostati in automatico dal sistema. Selezionare il riquadro 1/SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE, l opzione B1 e la causale dello scioglimento (per volontà di tutti i soci). La 'data decorrenza' è quella dell'atto, il 'tipo di liquidazione' è sempre solo LV. INT. P (Per l aggiunta dei modelli vedi manuale FEDRA MANUALE D USO alla sezione GUIDA E SOFTWARE DELLA PRATICA TELEMATICA) 4

5 Va compilato il modello P CESSAZIONE per tutti quegli amministratori che cessano dall incarico con l apertura della liquidazione. E necessario, invece, compilare l intercalare P MODIFICA PERSONA per gli amministratori che pur cessando da tale incarico mantengono altre cariche compatibili con lo stato di liquidazione della società (es. procuratore speciale, resposabile tecnico) o assumono la carica di liquidatori Se la persona che assume la carica di liquidatore era prima consigliere e Presidente del Consiglio di Amministrazione occorre compilare, per lo stesso soggetto, due intercalari P MODIFICA PERSONA : 5

6 col primo si comunica la cessazione da Consigliere e da Presidente del Consiglio; col secondo si comunica la nomina a liquidatore. Dovrà essere compilato, infine, il P DI NOMINA, quando il liquidatore è una persona che prima della liquidazione non rivestiva alcuna carica all interno della società. N.B. Non va allegato, invece, nessun intercalare P relativo ai sindaci in quanto, durante la liquidazione, rimangono in carica. 6

7 SCIOGLIMENTO PER LE CAUSE DI CUI ALL ART c.c. numeri 1) 2) 3) 4) E 5) ARTT n , 2487 C.C. Si ricorda che, con l entrata in vigore del nuovo diritto societario, gli effetti dello scioglimento si determinano alla data dell iscrizione presso il Registro Imprese della dichiarazione con cui gli amministratori ne accertano la causa (art comma 3). L atto da iscrivere può essere: estratto autentico del verbale dell organo amministrativo, nel caso in cui il Consiglio delibera con il metodo collegiale (il file dovrà essere sottoscritto digitalmente dal notaio autenticante) dichiarazione sottoscritta digitalmente da tutti gli amministratori (se in possesso di smart card) o scansione dell originale con firme autenticate di tutti gli amministratori, sottoscritto digitalmente dal notaio autenticante La nomina del liquidatore, ai sensi dell art C.C., sarà effettuata dall assemblea convocata appositamente dagli amministratori contestualmente all accertamento dello scioglimento. Il deposito di questo verbale sarà fatto a cura dei liquidatori o del notaio verbalizzante (vedi sopra). TERMINE: (l art dispone che l adempimento degli amministratori sia fatto senza indugio) SOGGETTO OBBLIGATO : TUTTI GLI AMMINISTRATORI O LEGALE RAPPRESENTANTE Modello base: S3 ( per l iscrizione dello scioglimento) Codice atto: A13 MODELLO S3 Dopo aver compilato il riquadro dei dati identificativi della pratica, scegliere il modello S3. I riquadri A e B sono preimpostati in automatico dal sistema. Selezionare il riquadro 1/SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE, l opzione B2 e la causale dello scioglimento. 7

8 8

9 ISCRIZIONE DELIBERA DI SOSTITUZIONE DEL LIQUIDATORE ARTt bis C.C. TERMINE: nessuno SOGGETTO OBBLIGATO: NUOVO LIQUIDATORE (per SRL) NOTAIO VERBALIZZANTE (per SPA) Modello S3 compilato ai riq. A- B (codice atto A09) Modello P di cessazione per la persona che cessa dalla carica di liquidatore Modello P di nomina per la persona che assume la carica di liquidatore ALLEGATI: Verbale di assemblea che delibera con la maggioranza prevista per le modifiche dello statuto INT. P (Per l aggiunta dei modelli vedi manuale FEDRA MANUALE D USO alla sezione GUIDA E SOFTWARE DELLA PRATICA TELEMATICA) 9

10 REVOCA DELLA LIQUIDAZIONE ART. 2487ter C.C. La revoca dello stato di liquidazione è consentita a condizione che non sia iniziata la distribuzione dell attivo, distribuzione inconcepibile, come atto liquidatorio, con la continuazione dell impresa (così cita la relazione al decreto legislativo sulla riforma del diritto societario). E necessaria una deliberazione dell assemblea (verbalizzata dal notaio in quanto si applica l art C.C.), presa con le maggioranze richieste per le modificazioni dell atto costitutivo o dello statuto (art comma), previa eliminazione della causa di scioglimento. La revoca ha effetto solo dopo sessanta giorni dall iscrizione nel Registro Imprese della relativa deliberazione, salvo che consti il consenso dei creditori della società o il pagamento di quelli di loro che non hanno dato il consenso (per il procedimento da seguire in questo caso vedi pagina seguente). * Pertanto dovranno essere presentate due domande: 1. domanda di iscrizione della deliberazione di revoca con Mod. S3; 2. domanda di iscrizione delle modificazioni conseguenti e della ricostituzione dell organo amministrativo con Mod. S2. 1. ISCRIZIONE DELLA DELIBERA TERMINE: 30 GG dalla data dell atto SOGGETTO OBBLIGATO : NOTAIO VERBALIZZANTE Modello base: S3 Codici atto: A10 A05 copia del verbale di Assemblea ed eventuale Statuto aggiornato MODELLO S3 Oltre ai riquadri A e B va compilato il Riquadro 19 REVOCA DELLA LIQUIDAZIONE, dove va indicata la data della revoca e non la data chiusura. 10

11 *L opzione con effetto esecutivo si seleziona esclusivamente nel caso in cui la delibera sia immediatamente efficace in quanto sussistono i presupposti di legge sopra richiamati e tale condizione deve essere dichiarata in atto. Se si verifica tale fattispecie, l adempimento pubblicitario diventa unico, per cui mod. S2 e mod. S3, nonché i modelli allegati, dovranno costituire un unica pratica FEDRA con modello base S2. 2. ESECUZIONE DELIBERA DI REVOCA E RICOSTITUZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO L inesistenza di opposizioni da parte dei creditori sociali deve essere autocertificata con dichiarazione sostitutiva resa ai sensi dell art. 47 DPR 445/2000 sottoscritta digitalmente dall amministratore. In alternativa, il notaio può scansionare il relativo certificato rilasciato dal Tribunale e allegarlo alla pratica dopo averlo dichiarato conforme all originale e sottoscritto digitalmente. TERMINE: 30 gg. dall efficacia SOGGETTO OBBLIGATO: NOTAIO O AMMINISTRATORE Modello base: S2 ( per l iscrizione delle modifiche conseguenti alla revoca della liquidazione) Modelli all.: Int. P Mod. UL (per l eventuale chiusura della sede di liquidazione se diversa dalla sede legale) Codici atto: A10 A06 A05 11

12 MODELLO S2 Oltre ai riquadri A e B va compilato il Riquadro 13 ORGANI SOCIALI IN CARICA, dove va indicata la composizione del nuovo organo amministrativo e la relativa durata in carica. Naturalmente se ci sono altre modifiche, si selezioneranno e compileranno tutti i riquadri interessati. INT. P (Per l aggiunta dei modelli vedi manuale FEDRA MANUALE D USO alla sezione GUIDA E SOFTWARE DELLA PRATICA TELEMATICA) Nel caso in cui il liquidatore assuma la carica di Amministratore Unico o Consigliere, si compila l intercalare P MODIFICA PERSONA nei seguenti riquadri: Riquadro 1 DATI ANAGRAFICI senza indicare la data di effetto. Riquadro 3 CARICA: selezionare l opzione è cessata dalla carica di liquidatore (il codice carica è LI) e l opzione è stata nominata alla carica di amministratore unico (il codice è AUN) oppure di consigliere (in tal caso il codice è CON). Qualora l ex liquidatore assuma più di una carica (es. consigliere e Presidente) un solo modello Int. P non è sufficiente, in quanto è predisposto per due sole cariche; in questo caso si aggiunge un altro Int. P MODIFICA PERSONA, si selezionano gli stessi riquadri e al riquadro 3 si indica l assunzione dell ulteriore carica. 12

13 Se il liquidatore non è amministratore si allegano: un intercalare P CESSAZIONE PERSONA con i dati del liquidatore un P di NOMINA PERSONA con i dati dell amministratore unico oppure tanti P di NOMINA PERSONA quanti sono i componenti del consiglio di amministrazione. N.B.: Qualora durante la liquidazione fosse stata aperta una sede di liquidazione distinta dalla sede legale in fase di revoca occorre compilare anche un modello UL di cessazione. 13

14 DEPOSITO DEL BILANCIO FINALE DI LIQUIDAZIONE ARTT C.C. 2 comma Il bilancio finale di liquidazione deve essere depositato, a cura del liquidatore, unitamente alle relazioni dei sindaci e del soggetto incaricato della revisione contabile. Si ricorda che il bilancio deve comprendere tutto il periodo che va dall apertura della liquidazione alla sua chiusura. Modello base: S3 Codice atto: 730 TERMINE: NESSUNO Oltre ai riquadri A e B va compilato il Riquadro 2 BILANCIO FINALE DI LIQUIDAZIONE indicando nei due campi del riquadro la data del bilancio (non quella del verbale di approvazione) e il codice SL. ALLEGATI: Contrariamente a quanto avviene per il bilancio d esercizio, per quello finale di liquidazione, in fase di predisposizione del modello RP, è sufficiente allegare un unico file (contenente tutti gli allegati) indicando la pagina iniziale e finale, senza distinguere tra prospetto contabile, la nota integrativa, ed eventuali relazioni. Nel caso in cui dal bilancio finale di liquidazione risulti un utile da distribuire ai soci, il verbale di assemblea, da cui risulta la destinazione dell utile, deve essere preventivamente registrato all Ufficio del Registro. 14

15 RICHIESTA DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO IMPRESE ART C.C. Si ricorda che, con l entrata in vigore del nuovo diritto societario, gli effetti della cancellazione, e quindi l estinzione della società, si determinano alla data dell iscrizione presso il Registro Imprese della relativa istanza (art comma 1). SOGGETTO OBBLIGATO: liquidatore/legale rappresentante/notaio TERMINE: nessuno Modello base: S3 Codice atto: A14 ALLEGATI: eventuale dichiarazione sostitutiva del liquidatore, o quietanze, o atto di fusione /scissione MODELLO S3 Riquadri : A e B 6 / ISTANZA DI CANCELLAZIONE DAL R.I (tale riquadro va selezionato nella casella corrispondente alla causale di cancellazione prescelta) Causali cessazione: RI -CF- SS- FU- IN- TR Infatti, la cancellazione di una società dal RI può avvenire per diverse cause: PER APPROVAZIONE DEL BILANCIO FINALE DI LIQUIDAZIONE (causale RI) Le forme di approvazione del bilancio possono essere di 2 tipi: 1) approvazione tacita: si verifica trascorsi 3 mesi dalla data di trascrizione del bilancio finale di liquidazione nel Registro Imprese, purchè non sia stata presentata opposizione. Per verificare detta condizione l ufficio richiederà al Tribunale il certificato di non opposizione 2) approvazione prima dei 3 mesi (approvazione espressa): - se vi sono somme (di qualsiasi tipo) da ripartire : *dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà sottoscritta dal liquidatore che attesti di aver ricevuto da tutti i soci le quietanze ( autenticate da notaio e registrate presso l ufficio del registro ai sensi dell art. 5 della tariffa di cui al Dpr. 131/86) dei pagamenti e la loro autorizzazione a richiedere la cancellazione dal Registro Imprese 15

16 (il modello per la dichiarazione sostitutiva del liquidatore può essere scaricato dal sito camerale al medesimo indirizzo fornito a proposito delle firme *quietanze autenticate da un notaio o presso gli sportelli del Registro Imprese. E possibile rilasciare cumulativamente un unica quietanza da parte dei soci. Le quietanze devono essere registrate presso l ufficio del registro ai sensi dell art.6 della parte prima della tariffa del DPR 131/86. - se non vi sono somme da ripartire: *una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà sottoscritta dal liquidatore che attesti di aver constatato che tutti i soci hanno preso visione del bilancio finale di liquidazione e di aver ricevuto, da ciascuno di essi, apposita dichiarazione che nulla hanno da pretendere (il modello per la dichiarazione sostitutiva del liquidatore può essere scaricato dal sito imprese/download modelli) Quando la cancellazione avviene per approvazione del bilancio finale di liquidazione, nel riquadro 6 /istanza di cancellazione dal registro imprese del modello S3 va selezionato il riquadro per approvazione del bilancio finale di liquidazione, ex art c.c., avvenuta in data ; nel caso di approvazione tacita nel campo data va indicata la data corrispondente ai 3 mesi successivi alla data di iscrizione nel registro imprese del bilancio finale di liquidazione; nel caso di approvazione espressa, invece, va indicata la data in cui il liquidatore ha ricevuto dai soci le quietanze dei pagamenti o la dichiarazione che nulla hanno a pretendere. (fig.1) ALTRE CAUSALI DI CANCELLAZIONE chiusura per fallimento: in tal caso nel riquadro 6 del modello S3 va selezionata la casella altri motivi e come causale di cancellazione CF scissione: nel riq. 6 selezionare la casella 5 e la causale di cessazione SS. Compilare, inoltre, il riq. 8 /IMPRESA SUBENTRANTE del mod. S3 fusione con costituzione di nuova società: nel riq. 6 selezionare la casella 4 e la causale FU. Compilare, inoltre, il riq. 8 /IMPRESA SUBENTRANTE del mod. S3 fusione incorporazione in altra società: nel riq. 6 selezionare la casella 4 e la causale IN. Compilare, inoltre, il riq. 8 /IMPRESA SUBENTRANTE del mod. S3. cancellazione per trasferimento della sede legale in altra provincia. 16

17 La presentazione dell istanza di cancellazione per la suddetta causale non è più obbligatoria in quanto ai sensi dell art. 3 del D.P.R.558 del 14/12/1999 i soggetti che trasferiscono la propria sede in altra provincia sono tenuti a presentare soltanto domanda di iscrizione all Ufficio Registro Imprese della Camera di commercio della circoscrizione ove si trasferiscono, la quale provvede a darne comunicazione all ufficio di provenienza ai fine della cancellazione. Qualunque sia il motivo della cancellazione, è obbligatoria la compilazione dei campi data atto e data cessazione : poiché, indipendentemente dalle date indicate, la cancellazione di una società decorre comunque dalla data di iscrizione nel registro imprese dell istanza di cancellazione, indicare, quindi, come data atto e data cessazione quella in cui verrà spedita/depositata la richiesta la cancellazione. Il Conservatore della Camera di Commercio di Ancona ha disposto di accettare le domande di iscrizione dell istanza di cancellazione anche se sottoscritte in forma autografa (firma grafica sulla distinta cartacea di FEDRA 5.8). Altrettanto dicasi per il bilancio finale di liquidazione depositato contestualmente all istanza di cancellazione. Fig. 1 17

18 SOCIETA DI PERSONE SCIOGLIMENTO CON O SENZA LIQUIDAZIONE Art 2308 e segg. C.C. TERMINE: 30 GG dalla data dell atto SOGGETTO OBBLIGATO : NOTAIO AUTENTICANTE O LIQUIDATORE Modello base: S3 ( per l iscrizione dello scioglimento con o senza messa in Liquidazione) Modelli allegati : P per l iscrizione della nomina del liquidatore UL se la sede di liquidazione viene aperta in un luogo diverso dalla sede legale. In tal caso il codice tipo unità locale = SQ Codici atto: A13, A09 (eventuale) copia della scrittura privata autenticata MODELLO S3 Dopo aver compilato il riquadro dei dati identificativi della pratica, scegliere il modello S3. I riquadri A e B sono preimpostati in automatico dal sistema. Selezionare il riquadro 1/SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE, l opzione B1 o B2. 18

19 N:B per ogni tipo di scioglimento si dovrà evidenziare la causale e la data di decorrenza (data dell atto o del verificarsi della causa di scioglimento) MOD. INT. P (Per l aggiunta dei modelli vedi manuale FEDRA MANUALE D USO alla sezione GUIDA E SOFTWARE DELLA PRATICA TELEMATICA) E necessario compilare l intercalare P MODIFICA PERSONA per i soci che assumono la carica di liquidatori. 19

20 SCIOGLIMENTO E CONTESTAULE RICHIESTA DI CANCELLAZIONE Scioglimento e cancellazione possono essere contestuali in tutti i casi in cui si verifica una delle cause di scioglimento automatico previste dall art C.C. e quando non si procede alla nomina di un liquidatore. Riguardo la fase di liquidazione, sono possibili due ipotesi: a) nell atto di scioglimento i soci dichiarano di non dover aprire la fase di liquidazione non essendoci debiti o crediti da liquidare, pertanto richiedono anche l immediata cancellazione della società dal Registro Imprese b) i soci deliberano lo scioglimento e dichiarano di aver già eseguito le operazioni di liquidazione, pertanto richiedono la contestuale cancellazione. In questi casi nel modello S3 dovrà essere selezionato anche il quadro 6A ISTANZA DI CANCELLAZIONE AL R.I.. I codici atto da usare saranno: A14 e A13. Va richiesta la cancellazione della società dal Registro Imprese anche in caso di scioglimento senza liquidazione, qualora la cancellazione non sia espressamente richiesta nell atto di scioglimento (Corte Cassazione sentenza del n.1916). In tal caso si barrerà l apposita casella nel modello S3. 20

21 REVOCA DELLA LIQUIDAZIONE Termine nessuno: la decisone della revoca per alcuni giuristi deve essere presa prima dell approvazione del bilancio finale di liquidazione e del piano di riparto, secondo altri prima dell inizio della distribuzione dell attivo SOGGETTO OBBLIGATO: NOTAIO AUTENTICANTE O SOCIO AMMINISTRATORE Modello base: S3 (NB nel caso in cui, oltre alla revoca della liquidazione, l atto preveda modifiche ai patti sociali il modello base diviene S2 a cui viene allegato S3) Modelli aggiunti: UL (Qualora la sede di liquidazione sia distinta dalla sede legale si compila anche un modello UL di cessazione) P per la cessazione dalla carica di liquidatore codici atto: A10 ed eventuale A04 per le modifiche dei patti sociali copia della scrittura privata autenticata MODELLO S3 21

22 ISTANZA DI CANCELLAZIONE AL TERMINE DELLA LIQUIDAZIONE Art c.c. La cancellazione può essere richiesta dal liquidatore solo dopo l approvazione del bilancio finale di liquidazione e del piano di riparto, comunicati ai soci ai sensi dell art c.c.. Il bilancio, per le società di persone, non è soggetto a deposito e si intende approvato al decorso di almeno 2 mesi dalla comunicazione ai soci, sempre che non intervenga impugnazione (approvazione tacita). Nel caso in cui la cancellazione venga richiesta prima dello scadere dei 2 mesi, deve essere allegata una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà sottoscritta dal liquidatore che attesti di aver ricevuto da tutti i soci le quietanze liberatorie e la loro autorizzazione a richiedere la cancellazione dal Registro Imprese (il modello per la dichiarazione sostitutiva del liquidatore può essere scaricato dal sito camerale modelli/registroimprese/modelli). TERMINE: nessuno SOGGETTO OBBLIGATO: LIQUIDATORE Modello base: S3 Codice atto: A14 MOD. S3 Nel campo in data (vedi figura sottostante) va indicata: o la data della comunicazione ai soci del piano di riparto e del bilancio finale di liquidazione, in caso di approvazione tacita; o la data della dichiarazione sostitutiva del liquidatore (in caso di approvazione espressa) 22

23 NB compilare sempre il riquadro che interessa, la data di cancellazione risulterà la data del protocollo di presentazione al Registro Imprese. ISTANZA DI CANCELLAZIONE PER MANCATA RICOSTITUZIONE DELLA PLURALITÀ DEI SOCI NEL TERMINE DI SEI MESI (ART C.C.) Art 2308,2323 c.c. Termine: nessuno SOGGETTO OBBLIGATO: socio unico Modello base: S3 Codice atto: A13 - A14 MOD. S3 23

24 Il modello deve essere compilato come segue per l iscrizione dello scioglimento: La data da indicare corrisponde al giorno in cui sono scaduti i sei mesi dal momento in cui la società è rimasta con unico socio. Per la parte relativa all istanza di cancellazione vedi figura seguente: 24

25 25

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE (Modulistica Fedra e programmi compatibili) Versione 1.3 rilasciata in data 20.4.2009 Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE Ufficio Registro Imprese Versione aggiornata a Giugno 2014 INDICE ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE PER UNA NUOVA SOCIETA CON

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE 355 CASI COMUNI LOMBARDIA TRIVENETO

ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE 355 CASI COMUNI LOMBARDIA TRIVENETO ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE 355 CASI COMUNI LOMBARDIA TRIVENETO integrata con gli adempimenti COMUNICAZIONE UNICA - LOMBARDIA APPROVATA DALLE DIREZIONI REGIONALI DI INPS, INAIL E AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti CAMERE DI COMMERCIO DI ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, NOVARA,VERCELLI UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Marzo 2010

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014.

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014. CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA PRONTUARIO ADEMPIMENTI PUBBLICITARI IN MATERIA DI PROCEDURE CONCORSUALI Settima Edizione Gennaio 2014 CONTATTI LE CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro delle imprese. Campagna bilanci 2014. Sommario Sommario. Premessa... 4

Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro delle imprese. Campagna bilanci 2014. Sommario Sommario. Premessa... 4 Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro delle imprese Campagna bilanci 2014 Versione 1.0 del 10/04/2014 Sommario Sommario Premessa... 4 Unioncamere Pagina 1 di 60 1 Bilancio in formato XBRL...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SALERNO 84100 Salerno Via Roma, 29 (Sede di Rappresentanza) - Via S. Allende, 19/21 (Sede Operativa) - Telefono 089.30.68.111 - Telefax 089.33.48.65

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli