Note pratiche di etichettatura dei vini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Note pratiche di etichettatura dei vini"

Transcript

1 Note pratiche di etichettatura dei vini

2 Regole generali Fanno parte dell etichettatura: i termini, le diciture, i marchi di fabbrica o di commercio, le immagini o i simboli figuranti su qualsiasi imballaggio, documento, cartello, etichetta, nastro o fascetta che accompagnano un dato prodotto o che ad esso si riferiscono. Tutte le indicazioni figurano in una o più lingue ufficiali della Comunità, tuttavia il nome di una DOP o IGP non è traducibile. Nel caso di esportazione, se la legislazione del Paese Terzo interessato prevede indicazioni non previste nella UE, esse possono essere riportate in etichetta, anche in lingue diverse da quelle ufficiali della Comunità, ma limitatamente alle indicazioni obbligatorie richieste dalla normativa del Paese Terzo di destinazione: devono essere debitamente documentate su richiesta degli Organi di Controllo. Indicazioni obbligatorie : devono essere riportate sul recipiente in caratteri indelebili e chiaramente distinguibili dal testo e dai disegni che le circondano, e nello stesso campo visivo, in modo tale che possano essere lette contemporaneamente senza necessità di ruotare il recipiente. Possono essere fuori dello stesso campo visivo: numero di lotto contiene solfiti e altre indicazioni di allergeni indicazione importatore. Indicazioni Facoltative Le norme in materia di etichettatura nel settore vitivinicolo sono ora complementari alle norme previste dalla direttiva 2000/13/CE del 20 marzo 2000 relativa all etichettatura e alla presentazione dei prodotti alimentari, nonché alla relativa pubblicità. Tali norme si applicano trasversalmente per tutti i settori. Consentono di riportare informazioni aggiuntive purché siano dimostrabili e siano rispettate determinate condizioni ed eccezioni circa la veridicità delle indicazioni riportate in etichetta e il relativo controllo, nonché il rischio di confusione per i consumatori. Perciò l etichetta di un vino non deve: a) essere tale da indurre in errore l'acquirente, specialmente: per quanto riguarda le caratteristiche del prodotto e in particolare natura, identità, qualità, composizione, quantità, conservazione, origine o

3 provenienza, modo di fabbricazione o di ottenimento attribuendo al prodotto alimentare effetti o proprietà che non possiede suggerendogli che il prodotto alimentare possiede caratteristiche particolari, quando tutti i prodotti analoghi possiedono caratteristiche identiche b) attribuire al prodotto proprietà atte a prevenire, curare o guarire una malattia umana né accennare a tali proprietà. Indicazioni Obbligatorie L etichettatura del Vino («senza origine», DOP, IGP, Varietale), VS, VSQ, VF, VL, Vino da uve appassite e Vino da uve stramature, contiene le seguenti indicazioni obbligatorie: designazione della categoria (può essere omessa per i vini che si fregiano di una DOP o IGP) per i vini DOP - espressione «Denominazione di Origine Protetta» oppure sigle D.O.C. o D.O.C.G. o DOP, anche per esteso oppure entrambe (sia l espressione UE che quella italiana) - nome della denominazione di origine protetta per i vini IGP - espressione «Indicazione Geografica Protetta» oppure le sigle IGT o IGP anche per esteso oppure entrambe - nome della indicazione geografica protetta titolo alcol. volumico effettivo: in unità o mezze unità percentuali con la cifra seguita da % vol. altezza minima caratteri: - 3 mm (bottiglie con volume tra 20 e 100 cl) - 5 mm (bottiglie di capacità > 100 cl) - 2 mm (bottiglie con capacità = o < 20 cl) tolleranza analitica rispetto a valore in etichetta: 0,5% vol in più o in meno (0,8% per vini DOP e IGP conservati in bottiglia per più di 3 anni, e per VS, VSQ, VF, VL, Vini da Uve Stramature) volume nominale recipiente : altezza minima caratteri: - 3 mm (bottiglie con volume tra 20 e 100 cl) - 5 mm (bottiglie di capacità > 100 cl) - 2 mm (bottiglie con capacità = o < 20 cl) Può essere indicata la lettera minuscola «e» con altezza minima dei caratteri di 3mm (deve essere collocata nello stesso campo visivo dell'indicazione del volume nominale e certifica, sotto la responsabilità dell'importatore o di chi effettua il riempimento, la conformità dell'imballaggio preconfezionato alle disposizioni della direttiva CEE 76/211 e s.m.i.)

4 indicazione dell imbottigliatore (per VS, VSQ, VSQA: nome del produttore o venditore): Nome o Ragione sociale indicata per esteso (in alternativa anche in forma abbreviata, ma a condizione che risulti da Atto costitutivo o da Statuto e sia riportata nella voce «denominazione» nel Registro Imprese della CCIAA) Comune e Stato membro preceduti dai termini «Imbottigliato da» («Confezionato da» se recipienti diversi dalle bottiglie - "Elaborato da" o "Spumantizzato da" per VS/VSQ) Ammessi termini come: «Imbottigliato all origine» per vini IGP/DOP se imbottigliati nell azienda del produttore «Imbottigliato nella Fattoria», «Imbottigliato nell Azienda Agricola» o equivalenti anche per vini senza DOP e IGP, sempre se imbottigliati nell azienda del produttore «Integralmente prodotto» per vino ottenuto solo da uve raccolte e vinificate nell azienda. Consentito usare, al posto dell imbottigliatore: codice ICQRF completato dalla Sigla IT e dai riferimenti ad altro soggetto che partecipa al circuito commerciale (Nome + Comune e Stato membro) imbottigliamento conto terzi: si utilizzano termini come «Imbottigliato per conto di...» se è indicato anche il Nome + il Comune e Stato membro della persona che ha effettuato l imbottigliamento per conto terzi, si usano i termini «Imbottigliato da ( ) per conto di ( )» È possibile utilizzare il Codice ICQRF. Se imbottigliamento è effettuato in luogo diverso dalla sede sociale, va specificato anche il luogo reale di imbottigliamento (può essere omesso se imbottigliamento avviene in comune confinante con quello dove si trova la sede sociale). Se il Nome dell Imbottigliatore (o del Produttore o Importatore o Venditore) o il Comune ove ha la sede contiene o è costituito da una DOP o IGP, il nome o comune è indicato sull etichetta: con la minimizzazione dei caratteri con il Codice Istat del comune o il Codice ICQRF dell imbottigliatore. indicazione della provenienza: per vini senza DO o IG con termini quali «Vino di» o «Prodotto in.» (se le uve sono raccolte e vinificate in quel territorio), oppure con termini quali «Vino della Comunità Europea» (se il vino è ottenuto da una miscela di vini di diversi Paesi UE

5 per vini DOP/IGP con termini quali «Vino di.» o «Prodotto in..» (completati dalla indicazione dello Stato membro dove le uve sono state raccolte e vinificate) Indicazione dell importatore (per i vini importati) Indicazione del tenore di zucchero (obbligatorio solo per VS, VSQ, VSQA) - Si usano menzioni: - «brut nature» o «pas dosè» se tenore < 3 g/l - «extra brut» se tenore compreso tra 0 e 6 g/l - «brut» se tenore < 12 g/l - «extra dry» se tenore compreso tra 12 e 17 g/l - «dry», «secco» o «asciutto» se tenore compreso tra 17 e 32 g/l - «abboccato» o «demi-sec» se tenore compreso tra 32 e 50 g/l - «dolce» se tenore > 50 g/l Tolleranza analitica rispetto a valore indicato in etichetta : 3 g/l in più o in meno Numero del lotto della partita Indicazione allergeni - eventuale presenza indicata facendola precedere da termine «contiene»: - «solfiti» o «anidride solforosa» se il contenuto in solfiti è superiore a 10 mg/l - «uovo», «proteina dell uovo», «derivati dell uovo», «lisozima da uovo» o «ovoalbumina» - «latte», «derivati del latte», «caseina del latte» o «proteina del latte». Quando la presenza di tali sostanze possa essere individuata nel prodotto finale in base ai metodi d analisi (obbligo attivo per i prodotti ottenuti dalla vendemmia 2012). Indicazioni Facoltative Le principali riguardano: Annata - a condizione che almeno l 85% del vino sia ottenuto da uve raccolte nell annata indicata Nome di una o più varietà di vite o loro sinonimi ufficiali - a condizione che il vino sia ottenuto per almeno l 85% da uve provenienti dalla varietà stessa nel caso si indichino due o più varietà, la loro presenza deve essere al 100% e vanno riportate in ordine decrescente e con caratteri delle stesse dimensioni la varietà può essere indicata per i vini DOP e IGP il cui disciplinare lo consente e per i vini senza DOP e IGP: per questi in Italia sono consentite solo 6 varietà di una lista positiva se l indicazione dei nomi delle varietà è riferita a tipologie di vino ottenute

6 da uvaggio e/o assemblaggio (ad esempio le tipologie Rosso, Bianco o Rosato della IGT Terre di Chieti), oltre al rispetto delle precedenti condizioni esse devono essere riportate: - fuori dal campo visivo dove figurano le indicazioni obbligatorie e nel contesto della descrizione degli elementi storico-tradizionali e/o tecnico colturali e/o delle caratteristiche del prodotto con caratteri delle stesse dimensioni e colore rispetto a quelli usati per la descrizione e in caratteri di dimensione non superiore a 3 mm di altezza e 2 mm di larghezza e, comunque, in caratteri non > a ¼ rispetto a quelli usati per la DOP o IGP. Inoltre, deve essere assicurata la rintracciabilità del prodotto, per cui le varietà, oltre ad essere regolarmente presenti nello Schedario viticolo aziendale, devono essere specificamente annotate sul registro di vinificazione al momento del loro carico nell ambito delle operazioni vendemmiali (ad es. «dai nostri vigneti uve Montepulciano e Merlot atte a Terre di Chieti IGT Rosso 2013») tenore di zuccheri residui (per i vini diversi dai VS, VSQ, VSQA) - Si usano le menzioni: «secco» o «asciutto» se tenore 4 g/l massimo oppure 9 g/l purchè il tenore di acidità totale, espresso in grammi di acido tartarico per litro, non sia inferiore di oltre 2 grammi al tenore di zucchero residuo «abboccato» se tenore compreso tra 4 e 12 g/l oppure tra 4 e 18 g/l purchè il tenore di acidità totale, espresso in grammi di acido tartarico per litro, non sia inferiore di oltre 10 grammi al tenore di zucchero residuo «amabile» se tenore compreso tra 12 e 45 g/l «dolce» se tenore = o > 45 g/l Per i VL: «secco» se tenore fino a 40 g/l - «semisecco» o «amabile» se tenore compreso tra 40 e 100 g/l - «dolce» se tenore > 100 g/l. Tolleranza analitica rispetto a valore indicato in etichetta: 1 g/l in più o in meno. Simbolo Comunitario per i vini DOP e IGP (simboli grafici conformi al Reg. CE n. 628/2008) Menzioni tradizionali per i vini DOP e IGP (se previsti dal disciplinare di produzione ad esempio, Passito, Stravecchio, Superiore, Riserva, Chiaretto, Ambra, ) Nome dell Azienda (diversa dall indicazione del nome dell imbottigliatore, del produttore o del venditore) - riservata ai vini DOP e IGP - Si fa mediante l uso di termini precisi (e relative illustrazioni) riferiti allo stabilimento dell azienda viticola, presenti in una lista positiva:

7 Abbazia - Castello - Torre - Rocca - Villa a condizione che il vino sia ottenuto esclusivamente da uve vendemmiate in vigneti coltivati da tale azienda, la vinificazione sia effettuata nell azienda e i nomi delle entità storico tradizionali e dei toponimi abbinabili non contengano, in tutto o in parte, un nome geografico riservato a DOP e IGP diverse da quella utilizzata per designare il vino dell azienda viticola - sono fatti salvi i Marchi commerciali registrati. Termini che si riferiscono a metodi di produzione: «fermentato in barrique», «invecchiato o maturato in botte», ecc. «fermentato in bottiglia»: per i VS a DOP o per i VSQ con fermentazione in bottiglia - durata del processo di elaborazione, compreso l affinamento nell azienda di produzione, calcolata a decorrere dall inizio del processo di fermentazione destinato a rendere spumante la partita (cuvée), non inferiore a 9 mesi - durata del processo di fermentazione destinato a rendere spumante la partita e della permanenza della partita sulle fecce di almeno 90 giorni, e con separazione delle fecce mediante filtraggio secondo il metodo del travaso oppure sboccatura «fermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale» o «metodo classico» o «metodo tradizionale» o «metodo classico tradizionale» per i VS a DOP o per i VSQ con fermentazione in bottiglia e permanenza senza interruzione sulle fecce nella stessa azienda per almeno 90 giorni, e con separazione delle fecce mediante sboccatura «Crémant» per i VSQ bianchi o rosè DOP o IGP ottenuti da uve vendemmiate a mano, con mosto ottenuto da pressatura di grappoli interi in quantità non > a 100 litri/150 kg di uva, elaborato coi criteri del metodo classico, e con: contenuto SO 2 < 150 mg/l e contenuto zucchero residuo < 50 g/l riferimento al metodo di produzione biologica. Nome di una unità geografica più piccola o più grande per i vini DOP, a condizione che la delimitazione sia ben definita, che sia prevista una lista positiva nel disciplinare e sia riferita a: una località o gruppo di località un comune o una frazione una sottozona (sottoregione viticola o parte di essa) una zona amministrativa.

8 Schema di etichetta di un vino senza DOP o IGP Schema di etichetta di un vino a IGP(ex IGT) con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti 1. Categoria del Prodotto (anche VINO VARIETALE) 2. Nome della varietà di vite, consentita anche per i vini senza DOP e IGP: Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet franc, Syrah, Chardonnay e Sauvignon (e loro sinonimi) sono le sole consentite per l Italia, sempre a condizione che almeno l 85% provenga dalla varietà indicata (100% se ne vengono indicate 2 o più) e che ciò sia dimostrabile 3. Annata di raccolta delle uve (facoltativa) 4. Nome oppure Ragione sociale dell imbottigliatore 5. Comune e Stato membro in cui l imbottigliatore ha la propria sede principale 6. Volume nominale del recipiente 7. Titolo alcolometrico volumico effettivo 8. Indicazione di provenienza (può essere omessa se si integra Vino o Vino Varietale col termine «d Italia») 9. Indicazione allergeni, che deve essere apposta in una qualsiasi delle etichette del recipiente o direttamente sul contenitore di tutti i vini con contenuto in solfiti superiore a 10 mg/l. Non sono previsti caratteri minimi e può essere scritta solo in italiano ma, se il vino è inviato in altri Paesi UE, bisogna verificare la lingua. Eventualmente anche derivati del latte/uovo 10. Numero di Lotto di appartenenza del vino. La sua indicazione è a discrezione dell imbottigliatore (in questo caso sta a indicare che il vino è stato imbottigliato il 79esimo giorno del 2012, cioè il ) 1. Nome della Denominazione 2. Menzione che accompagna l unità geografica italiana (può essere anche in sigla «IGT»), che sostituisce l espressione IGP 3. Nome di due varietà di vite: in questo caso il vino è ottenuto al 100% dalle due varietà. L Aglianico è la varietà prevalente 4. Annata di raccolta delle uve (facoltativa) 5. Simbolo Comunitario che contraddistingue la IGP, riportato secondo quanto previsto dall Allegato V del Reg. CE n. 1898/2006 modificato dal Reg. CE n. 628/08 (facoltativo) 6. Nome oppure Ragione sociale dell imbottigliatore. A particolari condizioni, è anche possibile utilizzare termini quali «imbottigliato dal viticoltore» o «imbottigliato all origine» oppure «imbottigliato dalla Azienda agricola», ma in tale caso il vino in causa deve essere imbottigliato nell azienda del produttore (ammesso il principio di prevalenza) 7. Comune e Stato membro in cui l imbottigliatore ha la propria sede principale 8. Indicazione di Provenienza 9. Numero di Lotto di appartenenza del vino. La sua indicazione è a discrezione dell imbottigliatore (in questo caso sta a indicare che il vino è stato imbottigliato il 119esimo giorno del 2013, cioè il ) 10. Volume nominale del recipiente 11. Titolo alcolometrico volumico effettivo 12. Indicazione allergeni

9 Schema di etichetta di un vino DOP o IGP con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti Schema di etichetta di un vino DOP (Docg e Doc) con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti 1. Nome della Denominazione da cui proviene il vino 2. Espressione Comunitaria (possibile sia per esteso che in sigla DOP); in alternativa o aggiunta è possibile indicare anche la menzione tradizionale italiana DOC 3. Annata di raccolta delle uve 4. Marchio commerciale del vino. Può contenere anche una delle menzioni tipo «Villa» o «Rocca» se inserita in un marchio preesistente registrato prima del 4 maggio 2002 (il Marchio + menzione può essere inserito anche nel nome o nella ragione sociale dell imbottigliatore, ma in tal caso i caratteri vanno minimizzati) 5. Nome oppure Ragione sociale + Comune e Stato membro di chi ha ordinato l imbottigliamento (imbottigliamento conto terzi) 6. Imbottigliatore conto terzi (imbottigliatore effettivo) indicato tramite Codice ICQRF seguito dalla sigla IT - In alternativa l Imbottigliatore per conto terzi può essere indicato, se la sede dell imbott. fisico e di quello giuridico si trovano in comuni diversi non limitrofi: Imbottigliato per conto di Azienda Agricola FrancoBianchi, Casalbordino, Italia nello stabilimento di Chieti 7. Numero di Lotto di appartenenza del vino 8. Volume nominale del recipiente 9. Titolo alcolometrico volumico effettivo 10. Indicazione di Provenienza 11. Indicazione allergeni 1. Nome della Denominazione da cui proviene il vino 2. Menzione tradizionale (possibile sia per esteso che in sigla DOC), che sostituisce l espressione DOP 3.Nome di una unità geografica più piccola (MGA): in questo caso la Sottozona «Terre di Casauria» o «Casauria», riconosciuta all interno della zona di produzione più ampia del MdA DOC 4. Annata di raccolta delle uve 5. Menzione tradizionale, che deve essere specificamente prevista dal relativo disciplinare di produzione 6. Menzione «Vigna» seguita dal toponimo, cioè dal nome del luogo che non sia geografico 7. Nome oppure Ragione sociale dell imbottigliatore. È possibile utilizzare i termini «imbottigliato nella zona di produzione» e «imbottigliato all origine dalla Azienda agricola» (a condizione che l imbottigliamento avvenga nell azienda del produttore), eventualmente integrati dalla dicitura «integralmente prodotto» 8. Comune e Stato membro in cui l imbottigliatore ha la propria sede principale 9. Numero di Lotto di appartenenza del vino 10. Volume nominale del recipiente 11. Titolo alcolometrico volumico effettivo 12. Indicazione di Provenienza 13. Indicazione allergeni 14. Numero del recipiente, un indicazione possibile senza particolari prescrizioni (ma deve essere dimostrabile e va provata, a richiesta degli organismi di controllo, la sua esattezza)

10 Schema di etichetta di un vino spumante di qualità con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti Caso particolare indicazione imbottigliatore 1. Categoria del prodotto da cui proviene il vino 2. Annata di raccolta delle uve (facoltativa) 3. Menzione relativa all indicazione del tenore di zucchero (obbligatoria). Il termine Brut indica che il tenore di zuccheri residui è inferiore a 12 g/l 4. Nome oppure Ragione sociale del produttore (o del venditore). In alternativa: * il produttore (o elaboratore o spumantizzatore) può essere indicato col codice ICRF, integrato dal nome del venditore (Elaborato da 123/CN/IT Venduto da Giorgio Bianchi, Chieti, Italia) * si può indicare solo il venditore in sostituzione del nome del produttore, ma in questo caso si deve riportare la sede dello stabilimento del produttore (Venduto da Giorgio Bianchi, Chieti, Italia Nello stabilimento di Canelli, Italia) 5. Comune e Stato membro in cui il produttore ha la propria sede principale 6. Numero di Lotto di appartenenza del vino 7. Volume nominale del recipiente 8. Titolo alcolometrico volumico effettivo 9. Indicazione di Provenienza 10. Indicazione allergeni Se il NOME dell imbottigliatore/venditore/importatore e/o il COMUNE ove questo ha la sede contiene il nome di una DOP/IGP, anche in parte, per evitare di creare confusione nel consumatore: il NOME + la SEDE (2) devono essere indicati in caratteri inferiori a 3 mm in altezza e 2 mm in larghezza e devono comunque essere non superiori a ¼ della designazione (1) che compare in etichetta in alternativa si può indicare il codice ICRF in alternativa, dovendo indicare il nome del Comune ove è avvenuto l imbottigliamento, questo si può sostituire col Codice ISTAT.

11 Caso particolare indicazione imbottigliatore Per l uso delle menzioni sull imbottigliamento all origine (2) e (3), comprese le altre: imbottigliato all origine dal produttore, imbottigliato nella fattoria, imbottigliato nel podere, imbottigliato nella cascina, imbottigliato nella tenuta vale il principio di prevalenza, cioè tali menzioni potranno essere utilizzate, per un azienda agricola, anche nella etichetta di vini DOP o IGP (1) acquistati da terzi (e, perciò, non prodotti in azienda) a condizione che sia assicurato che, dal punto di vista quantitativo, la produzione complessiva dell azienda sia prevalente rispetto a quella delle citate partite acquistate da terzi. Rispettando comunque le condizioni per il mantenimento delle agevolazioni fiscali di cui l azienda agricola gode per il campo di attività definito dall articolo 2135 del C.C., verificate dalla GdF. La limitazione riferita alle uve provenienti da vigneti di pertinenza dell azienda e vinificate nella stessa resta solo nel caso in cui si indichi, in etichetta, anche la frase «integralmente prodotto», dicitura peraltro inserita proprio con l ultima OCM. Indicazione allergeni - Solfiti Per tutti i prodotti vitivinicoli con un contenuto alcolico superiore a 1,2% vol: MPF Vino Vino DOP e IGP Vino Frizzante - Vino Spumante - Vino Liquoroso Vino da uve stramature - Vino da uve appassite Aceto di vino è obbligatoria indicazione in etichetta del contenuto di solfiti se superiori a 10 mg/l. Nello specifico, la norma prevede che: l indicazione vada riportata con uno dei seguenti termini: «contiene solfiti» o «contiene anidride solforosa» come le altre indicazioni relative a importatore o a numero di lotto, anche questa può figurare al di fuori del campo visivo dove si trovano le indicazioni obbligatorie non esiste una dimensione minima dei caratteri per questa indicazione, perciò vale la norma generale per le indicazioni obbligatorie (tuttavia, a partire dal dovrà essere indicata in caratteri la cui parte mediana (altezza della x), non sia pari o superiore a 1,2 mm - Reg. (UE) n. 1169/ dalla stessa data tale previsione varrà per tutte le altre indicazioni obbligatorie: denominazione, quantità, responsabile immissione in commercio). Per i vini commercializzati in mercati extra-comunitari, è consigliabile apporre tale indicazione anche in lingua inglese («contains sulfites»). Etichettatura dei Vini Per il vino circolante in uno dei Paesi UE è necessario tradurre l indicazione degli Allergeni nella lingua del rispettivo Paese UE, come riportato nell Allegato X Parte A del Regolamento CE n. 607/2009 (inserito con la modifica apportata dal Reg. UE 579/2012). Per citare i Paesi più importanti : Francia: Contient «sulfites» o «anhydride sulfureux» Contient «oeuf», «protéine de l oeuf», «produit de l oeuf», «lysozyme de l oeuf» o «albumine de l oeuf» Contient «lait», «produits du lait», «caséine du lait» o «protéine du lait» Germania: Enthält «Sulfite» o «Schwefeldioxid» Enthält «Ei», «Eiprotein», «Eiprodukt», «Lysozym aus Ei» o «Albumin aus Ei»

12 Enthält «Milch», «Milcherzeugnis», «Kasein aus Milch» o «Milchprotein» Regno Unito: Contains «sulphites», «sulfites», «sulphur dioxide» o «sulfur dioxide» Contains «egg», «egg protein», «egg product», «egg lysozyme» o «egg albumin» Contains «milk», «milk products», «milk casein» o «milk protein» Spagna: Contiene «sulfitos» o «dióxido de azufre» Contiene «huevo», «proteína de huevo», «ovoproducto», «lisozima de huevo» o «ovoalbúmina» Contiene «leche», «productos lácteos», «caseína de leche» o «proteína de leche» Svezia: consentito anche in inglese Innehåller «sulfiter» o «svaveldioxid» (anche in Innehåller «ägg», «äggprotein», «äggprodukt», «ägglysozym» o «äggalbumin» Inglese) Innehåller «mjölk», «mjölkprodukter», «mjölkkasein» o «mjölkprotein». e, tra gli altri : Olanda: Danimarca: Finlandia: consentito anche in svedese Slovenia: Bevat «sulfieten» o «zwaveldioxide» Bevat «ei», «eiproteïne», «eiderivaat», «eilysozym» o «eialbumine» Bevat «melk», «melkderivaat», «melkcaseïne» o «melkproteïnen» Indeholder «sulfitter» o «svovldioxid» Indeholder «æg», «ægprotein», «ægprodukt», «æglysozym», o «ægalbumin» Indeholder «mælk», «mælkeprodukt», «mælkecasein» o «mælkeprotein» Sisältää «sulfiittia», «sulfiitteja» o «rikkidioksidia» (anche in Sisältää «kananmunaa», «kananmunaproteiinia», «kananmunatuotetta», Svedese) «lysotsyymiä (kananmunasta)» o «kananmuna-albumiinia» Sisältää «maitoa», «maitotuotteita», «kaseiinia (maidosta)» o «maitoproteiinia» Vsebuje «sulfiti» o «žveplov dioksid» Vsebuje «jajce», «jajčne beljakovine», «proizvod iz jajc», «jajčni lizocim» o «jajčni albumin» Vsebuje «mleko», «proizvod iz mleka», «mlečni kazein» o «mlečne beljakovine»

13 Indicazione allergeni Pittogrammi Facoltativi Nella indicazione di tutti gli allergeni: Solfiti Derivati del latte Derivati dell uovo. I termini possono essere accompagnati da uno dei pittogrammi previsti: Ungheria: Belgio: Austria: Tartalmaz «szulfitok» o «kén-dioxid» Tartalmaz «tojás», «tojásból származó fehérje», «tojástermék», «tojásból származó lizozim» o «tojásból származó albumin» Tartalmaz «tej», «tejtermékek», «tejkazein» o «tejfehérje» lingue ammesse: Inglese - Francese - Tedesco - Olandese lingue ammesse: Inglese - Francese - Italiano - Tedesco. Indicazione allergeni - derivati del latte e dell uovo Per tutti i prodotti vitivinicoli con un contenuto alcolico superiore a 1,2% vol è obbligatoria indicazione in etichetta del contenuto in derivati dell uovo e/o in derivati del latte, se la presenza di tali sostanze possa essere individuata nel prodotto finale in base ai metodi d analisi riconosciuti dalla UE e se, comunque, presentano un residuo superiore a 0,25 mg/l Nello specifico, la norma prevede che l indicazione vada riportata con uno dei seguenti termini: Per i derivati dell uovo: «contiene uovo» o «contiene proteina dell uovo» o «contiene derivati dell uovo» o «contiene lisozima da uovo» o «contiene ovoalbumina» Per i derivati del latte: «contiene latte» o «contiene proteina del latte» o «contiene derivati del latte» o «contiene caseina del latte». Per il resto, valgono gli stessi obblighi previsti per i solfiti. La prescrizione si applica per i vini ottenuti da uve provenienti dalla vendemmia 2012/2013 e successive, ed etichettati dopo il 30 giugno Nella indicazione di tutti gli allergeni i termini possono essere accompagnati da uno dei pittogrammi previsti. Vini imbottigliati Chiusura recipienti Il vino regolarmente chiuso ed etichettato, confezionato in bottiglie o inrecipienti fino a 60 litri (comprese, perciò, le dame, i canestri, le taniche o le damigiane) e detenuto in cantina o negli stabilimenti del produttore o dei commercianti all ingrosso, è considerato come già posto in vendita per il consumo e, quindi, deve rispettare i limiti e le prescrizioni per i vini immessi al consumo. Tutti i vini confezionati in recipienti fino a 60 litri devono recare un sistema di chiusura che rechi l indicazione dell imbottigliatore, in modo indelebile e ben

14 visibile dall esterno (art. 12, par. 4 Legge 82/2006). Si può indicare : Nome la Ragione sociale il Marchio (a condizione che sia riportato nel Registro Imprese della CCIAA) il «Codice ICRF» attribuito dall Ufficio periferico dell ICQRF allo stabilimento al momento dell apertura della posizione. In alternativa al nome, alla ragione sociale o la marchio dell imbottigliatore, qualora si indichi il Codice ICRF, è preferibile indicare sulla capsula solo la sigla senza acronimo, cioè, ad esempio, «105/CH». Volumi nominali A partire dall 11 aprile 2010 è entrata in vigore la Direttiva 2007/45/CE relativa alle quantità nominali dei prodotti preconfezionati. La nuova Direttiva ha avuto l effetto, relativamente al settore del vino, di prevedere esclusivamente delle fasce prestabilite di gamme di volumi nominali, al di sotto e al di sopra delle quali la scelta ora è libera. Gamme dei valori delle quantità nominali del contenuto degli imballaggi preconfezionati (sostanzialmente, capacità dei recipienti ancora soggette a regolamentazione): Vino tranquillo - solo i seguenti 8 valori compresi tra 100 e ml: Vino spumante e frizzante - solo i seguenti 5 valori compresi tra 125 e ml: Vino liquoroso - solo i seguenti 7 valori compresi tra 100 e ml: Bevande spiritose (Grappa,...) - solo i seguenti 9 valori compresi tra 100 e ml: Riferimenti Giuridici Norme Comunitarie Reg. (CE) n. 1234/2007 del 22 ottobre 2007 (Regolamento Unico) - Sezione I Ter, da art. 118 quatervicies a 118 novovicies Reg. (CE) n. 607/2009 del 14 luglio 2009 (Regolamento applicazione per

15 le DOP, IGP, menzioni tradizionali, etichettatura e presentazione prodotti vitivinicoli) e successive modifiche (Reg. 401/2010, Reg. CE 538/2011, Reg. CE 670/2011, Reg CE 579/2012, Reg. CE 1185/2012) e rettifiche (GUUE L 75 del 15 marzo 2012) - Capo IV, da art. 49 a 73 Reg. CE n. 628/2008 del 2 luglio 2008 (modifica del Reg. CE n. 1898/2006 inerente le Modalità di applicazione per i prodotti DOP e IGP) - Allegato - Uso del Simbolo UE Reg. CE n. 203/2012 dell 8 marzo 2012 (modalità di applicazione sul Vino Biologico) Reg. UE n. 1169/2011 del 25 ottobre 2011 (relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori) - dal 13 dicembre 2014 abrogherà la Direttiva 2008/13/CE Direttiva 2008/13/CE del 20 marzo 2000 (relativa alla etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari, nonché alla relativa pubblicità) Direttiva 2007/45/CE del 5 settembre 2007 (relativa alle quantità nominali dei prodotti preconfezionati) - Allegato I Direttiva 76/211 /CEE del 20 gennaio 1976 (relativa al precondizionamento in volume di alcuni prodotti in imballaggi preconfezionati - Marchio CEE) - Art. 3 e Allegato I, Punto 3.3 Direttiva 2011/91/UE del 13 dicembre 2011 (relativa alle diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare) - Art. 4 indicazione Lotto. Norme Nazionali Decreto Legislativo 8 aprile 2010, n. 61 (Tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini) Decreto 13 agosto 2012 (Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n.1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della commissione e del D.Lgs. n. 61/2010, per quanto concerne le DOP, le IGP, le menzioni tradizionali, l'etichettatura e la presentazione di determinati prodotti del settore vitivinicolo) - modificato da DD Circolare Mipaaf, Dipartimento delle Politiche Competitive del Mondo

16 La storia Agroqualità nasce nel 1995 dall esigenza delle Camere di Commercio di presidiare i temi della certificazione agroalimentare, dotandosi di una struttura specializzata, in grado di operare in un mercato che, a metà degli anni novanta, iniziava a presentare esigenze di salvaguardia dei valori della qualità. Qualificazione e valorizzazione delle produzioni agroalimentari da sempre rappresentano la mission di Agroqualità. Nel corso del 2007, al fine di potenziare e ampliare le attività ed i servizi offerti alle imprese, si è concretizzata l alleanza con il RINA, tra i primi organismi di certificazione italiani che completa le potenzialità acquisite dall azienda in ambito regolamentato, con una vasta gamma di servizi nella certificazione volontaria di prodotto e di sistema. Rurale e della Qualità D.G. dello Sviluppo Agroalimentare e della Qualità - SAQ IX - Prot. n del 7 dicembre 2010 (chiarimento in merito all indicazione dei vitigni per le tipologie di vini IGP e DOP da «uvaggio» Bianco», Rosso, Rosato e altre) Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 109 (Attuazione delle direttive CE concernenti l etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari) e successive modifiche - Artt. 9 (Quantità) e 13 (Lotto) Decreto Legislativo 25 gennaio 2010, n. 12 (Attuazione della direttiva 2007/45/CE che reca disposizioni sulle quantità nominali dei prodotti preconfezionati) Legge 20 febbraio 2006, n. 82 (Disposizioni di attuazione della normativa comunitaria concernente l OCM vino) - Art. 12 (Sistema di chiusura recipienti) Decreto 13 maggio 2010 (Regolamentazione dell'utilizzo della menzione «Talento» nella designazione e presentazione dei V.S.Q.D.O.P. e dei V.S.Q. Elaborati con il metodo classico). Grazie all acquisizione e la successiva fusione per incorporazione avvenuta nel 2013 di Ismecert S.r.l., ente di certificazione specializzato nella valorizzazione delle produzioni agroalimentari di qualità, Agroqualità è diventato l organismo di controllo di riferimento per tutto il Centro/Sud Italia. Testi a cura di Luca Pollini - Esperto di legislazione vitivinicola. Il RINA é un gruppo multinazionale che fornisce servizi di verifica, certificazione, valutazione di conformità, classificazione navale, valorizzazione ambientale, test di prodotto, supervisione in loco e dei fornitori, formazione e consulenza ingegneristica attraverso una vasta gamma di industrie e servizi. Il RINA opera attraverso una rete di società dedicate ai diversi settori: Shipping, Energia, Infrastrutture e Costruzioni, Logistica e Trasporti, Ambiente e Qualità, Agroalimentare e Sanità, Finanza e Pubbliche Istituzioni, Business Governance. Con circa 280 milioni di euro di attività nel 2012, oltre 2200 risorse, 150 uffici in 53 Paesi nel mondo, il RINA é oggi in grado di rispondere alle esigenze dei propri clienti ed é allo stesso tempo riconosciuto quale interlocutore autorevole presso le principali Organizzazioni internazionali, contribuendo da sempre allo sviluppo di nuovi standard normativi. RINA S.p.A. via Corsica, Genova Italy ph fax Agroqualità S.p.A. viale Cesare Pavese Roma ph fax Uff. di Pescara - Agroqualità S.p.A. Strada Statale 16 bis, località Villa Raspa ph fax Spoltore (PE)

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Università degli Studi di Scienze Gastronomiche,

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali Regolamento di certificazione di prodotti Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 20 11 2009 Prima emissione 01 18 02 2010 Integrazione 6.5.2 per comunicazione resa uva/vino minore al massimo consentito

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Roberto Pinton Segretario della Sezione Soci Produttori e Trasformatori FederBio La genesi del regolamento è stata abbastanza sofferta.

Dettagli

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» Approvato con DPR 04.08.1971 G.U. 221 02.09.1971 Modificato con DPR 07.07.1979 G.U. 324 28.11.1979 Modificato con DPR

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Approvato con DPR 18.07.1984 G.U. 334-05.12.1984 Modificato con DM 13.11.2002 G.U.

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA TERRA DI BARI

PIANO DI CONTROLLO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA TERRA DI BARI TERRA DI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI Titolo: PIANO DI CONTROLLO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA TERRA DI REV. DATA PREPARATO Segreteria Tecnica

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940

A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940 A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940 Prot. N. DAPU.2015.003 Roma li, 12/01/2015 Istruzioni Operative N. 5/OCM Oggetto: Modalità per

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Francia. Champagne. Gaston Chiquet. Propetaire recoltant. Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00. Egly Ouriet. Les Vignes de Vrigny 90,00

Francia. Champagne. Gaston Chiquet. Propetaire recoltant. Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00. Egly Ouriet. Les Vignes de Vrigny 90,00 Francia Champagne Gaston Chiquet Propetaire recoltant Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00 ( Pinot Meunier, Chardonnay, Pinot Nero ) Egly Ouriet Propetaire recoltant Les Vignes de Vrigny 90,00 ( Pinot Meunier

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

bollicine sparkling wines

bollicine sparkling wines carta dei vini bollicine sparkling wines metodo charmat Extra Dry Passerina Velenosi s.a. 14,00 Spumante Brut Vivo Mionetto s.a. 13,00 Valdobbiadene d.o.c.g. Extra Dry SOLLER (Prosecco) Marsuret s.a. 15,00

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013

Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Oro Rosso Donna Marina Vigneti delle Dolomiti 2007 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Argento

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 Art. 1. Denominazione e vini 1. La denominazione d'origine controllata e garantita «Conegliano Valdobbiadene - Prosecco», o «Conegliano - Prosecco»

Dettagli

BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO

BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO GAVI (D.O.P.) Sorta/Uvaggio: Cortese. Alkohol/Alc.Vol.: 12,00% Fla a 0.75/Bottiglia 0.75... 960,oo LANGHE NASCETA (D.O.C.) Vinarija/Cantina: Azienda Agricola

Dettagli

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Struttura e produzioni Le statistiche strutturali relative ai vini Dop e Igp utilizzate nella presente analisi si basano sui dati provenienti dagli

Dettagli

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Benito Campana Itinerario Cosa comunicare al consumatore Lunghezza della filiera e le responsabilità

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA

ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA 1 di 7 24/03/2014 10.53 3 Altro Blog successivo» Crea blog Entra domenica 23 marzo 2014 Informazioni personali ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA completo Roberto Marega Monza e Brianza, Italy Visualizza

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD)

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD) CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD) DENLEG 139 AGRI 485 CODEC 1306 NOTA del: Comitato dei Rappresentanti permanenti

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero.

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero. INTERPELLO N. 32/2013 Roma, 19 novembre 2013 Direzione generale per l Attività Ispettiva A Confimi Impresa Confederazione dell Industria Manifatturiera Italiana e dell Impresa Privata prot. 37/0020183

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

(LE PROVE DI SPIRITO) SPIRITO divino 4

(LE PROVE DI SPIRITO) SPIRITO divino 4 (LE PROVE DI SPIRITO) La fucina delle grandi bollicine Solo 350.000 bottiglie l anno, ma una meglio dell altra. Ecco Jacquesson, condotta abilmente dai fratelli Chiquet in un ottica di rigore e tradizionalità

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Guida alle etichette dei prodotti. www.comune.monfalcone.go.it. SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio

Guida alle etichette dei prodotti. www.comune.monfalcone.go.it. SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio COMUNE DI MONFALCONE Assessorato al Commercio SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio Guida alle etichette dei prodotti 1 www.comune.monfalcone.go.it GUIDA ALLE ETICHETTE DEI PRODOTTI

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Scelta del clone. Legenda

Scelta del clone. Legenda Scelta del clone Di seguito alleghiamo un attenta sintesi delle informazioni presenti in letteratura sui cloni da noi prodotti con una grafica che permette un immediata consultazione e confronto. Sono

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali FEM-IT-T/N863 FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Carrelli industriali FEM Breve guida all identificazione dei carrelli industriali non conformi 05.2012 (I) - marcatura macchina,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG Regolamento per l attestazione di conformità REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG REV. DATA PREPARATO Responsabile qualità 0 31/8/99 1 10/11/99 2 17/9/01 3 20/01/03

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Il Pinot grigio di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3 1 Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Cantine dei Colli Berici - Lonigo 3 Libero professionista

Dettagli