Note pratiche di etichettatura dei vini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Note pratiche di etichettatura dei vini"

Transcript

1 Note pratiche di etichettatura dei vini

2 Regole generali Fanno parte dell etichettatura: i termini, le diciture, i marchi di fabbrica o di commercio, le immagini o i simboli figuranti su qualsiasi imballaggio, documento, cartello, etichetta, nastro o fascetta che accompagnano un dato prodotto o che ad esso si riferiscono. Tutte le indicazioni figurano in una o più lingue ufficiali della Comunità, tuttavia il nome di una DOP o IGP non è traducibile. Nel caso di esportazione, se la legislazione del Paese Terzo interessato prevede indicazioni non previste nella UE, esse possono essere riportate in etichetta, anche in lingue diverse da quelle ufficiali della Comunità, ma limitatamente alle indicazioni obbligatorie richieste dalla normativa del Paese Terzo di destinazione: devono essere debitamente documentate su richiesta degli Organi di Controllo. Indicazioni obbligatorie : devono essere riportate sul recipiente in caratteri indelebili e chiaramente distinguibili dal testo e dai disegni che le circondano, e nello stesso campo visivo, in modo tale che possano essere lette contemporaneamente senza necessità di ruotare il recipiente. Possono essere fuori dello stesso campo visivo: numero di lotto contiene solfiti e altre indicazioni di allergeni indicazione importatore. Indicazioni Facoltative Le norme in materia di etichettatura nel settore vitivinicolo sono ora complementari alle norme previste dalla direttiva 2000/13/CE del 20 marzo 2000 relativa all etichettatura e alla presentazione dei prodotti alimentari, nonché alla relativa pubblicità. Tali norme si applicano trasversalmente per tutti i settori. Consentono di riportare informazioni aggiuntive purché siano dimostrabili e siano rispettate determinate condizioni ed eccezioni circa la veridicità delle indicazioni riportate in etichetta e il relativo controllo, nonché il rischio di confusione per i consumatori. Perciò l etichetta di un vino non deve: a) essere tale da indurre in errore l'acquirente, specialmente: per quanto riguarda le caratteristiche del prodotto e in particolare natura, identità, qualità, composizione, quantità, conservazione, origine o

3 provenienza, modo di fabbricazione o di ottenimento attribuendo al prodotto alimentare effetti o proprietà che non possiede suggerendogli che il prodotto alimentare possiede caratteristiche particolari, quando tutti i prodotti analoghi possiedono caratteristiche identiche b) attribuire al prodotto proprietà atte a prevenire, curare o guarire una malattia umana né accennare a tali proprietà. Indicazioni Obbligatorie L etichettatura del Vino («senza origine», DOP, IGP, Varietale), VS, VSQ, VF, VL, Vino da uve appassite e Vino da uve stramature, contiene le seguenti indicazioni obbligatorie: designazione della categoria (può essere omessa per i vini che si fregiano di una DOP o IGP) per i vini DOP - espressione «Denominazione di Origine Protetta» oppure sigle D.O.C. o D.O.C.G. o DOP, anche per esteso oppure entrambe (sia l espressione UE che quella italiana) - nome della denominazione di origine protetta per i vini IGP - espressione «Indicazione Geografica Protetta» oppure le sigle IGT o IGP anche per esteso oppure entrambe - nome della indicazione geografica protetta titolo alcol. volumico effettivo: in unità o mezze unità percentuali con la cifra seguita da % vol. altezza minima caratteri: - 3 mm (bottiglie con volume tra 20 e 100 cl) - 5 mm (bottiglie di capacità > 100 cl) - 2 mm (bottiglie con capacità = o < 20 cl) tolleranza analitica rispetto a valore in etichetta: 0,5% vol in più o in meno (0,8% per vini DOP e IGP conservati in bottiglia per più di 3 anni, e per VS, VSQ, VF, VL, Vini da Uve Stramature) volume nominale recipiente : altezza minima caratteri: - 3 mm (bottiglie con volume tra 20 e 100 cl) - 5 mm (bottiglie di capacità > 100 cl) - 2 mm (bottiglie con capacità = o < 20 cl) Può essere indicata la lettera minuscola «e» con altezza minima dei caratteri di 3mm (deve essere collocata nello stesso campo visivo dell'indicazione del volume nominale e certifica, sotto la responsabilità dell'importatore o di chi effettua il riempimento, la conformità dell'imballaggio preconfezionato alle disposizioni della direttiva CEE 76/211 e s.m.i.)

4 indicazione dell imbottigliatore (per VS, VSQ, VSQA: nome del produttore o venditore): Nome o Ragione sociale indicata per esteso (in alternativa anche in forma abbreviata, ma a condizione che risulti da Atto costitutivo o da Statuto e sia riportata nella voce «denominazione» nel Registro Imprese della CCIAA) Comune e Stato membro preceduti dai termini «Imbottigliato da» («Confezionato da» se recipienti diversi dalle bottiglie - "Elaborato da" o "Spumantizzato da" per VS/VSQ) Ammessi termini come: «Imbottigliato all origine» per vini IGP/DOP se imbottigliati nell azienda del produttore «Imbottigliato nella Fattoria», «Imbottigliato nell Azienda Agricola» o equivalenti anche per vini senza DOP e IGP, sempre se imbottigliati nell azienda del produttore «Integralmente prodotto» per vino ottenuto solo da uve raccolte e vinificate nell azienda. Consentito usare, al posto dell imbottigliatore: codice ICQRF completato dalla Sigla IT e dai riferimenti ad altro soggetto che partecipa al circuito commerciale (Nome + Comune e Stato membro) imbottigliamento conto terzi: si utilizzano termini come «Imbottigliato per conto di...» se è indicato anche il Nome + il Comune e Stato membro della persona che ha effettuato l imbottigliamento per conto terzi, si usano i termini «Imbottigliato da ( ) per conto di ( )» È possibile utilizzare il Codice ICQRF. Se imbottigliamento è effettuato in luogo diverso dalla sede sociale, va specificato anche il luogo reale di imbottigliamento (può essere omesso se imbottigliamento avviene in comune confinante con quello dove si trova la sede sociale). Se il Nome dell Imbottigliatore (o del Produttore o Importatore o Venditore) o il Comune ove ha la sede contiene o è costituito da una DOP o IGP, il nome o comune è indicato sull etichetta: con la minimizzazione dei caratteri con il Codice Istat del comune o il Codice ICQRF dell imbottigliatore. indicazione della provenienza: per vini senza DO o IG con termini quali «Vino di» o «Prodotto in.» (se le uve sono raccolte e vinificate in quel territorio), oppure con termini quali «Vino della Comunità Europea» (se il vino è ottenuto da una miscela di vini di diversi Paesi UE

5 per vini DOP/IGP con termini quali «Vino di.» o «Prodotto in..» (completati dalla indicazione dello Stato membro dove le uve sono state raccolte e vinificate) Indicazione dell importatore (per i vini importati) Indicazione del tenore di zucchero (obbligatorio solo per VS, VSQ, VSQA) - Si usano menzioni: - «brut nature» o «pas dosè» se tenore < 3 g/l - «extra brut» se tenore compreso tra 0 e 6 g/l - «brut» se tenore < 12 g/l - «extra dry» se tenore compreso tra 12 e 17 g/l - «dry», «secco» o «asciutto» se tenore compreso tra 17 e 32 g/l - «abboccato» o «demi-sec» se tenore compreso tra 32 e 50 g/l - «dolce» se tenore > 50 g/l Tolleranza analitica rispetto a valore indicato in etichetta : 3 g/l in più o in meno Numero del lotto della partita Indicazione allergeni - eventuale presenza indicata facendola precedere da termine «contiene»: - «solfiti» o «anidride solforosa» se il contenuto in solfiti è superiore a 10 mg/l - «uovo», «proteina dell uovo», «derivati dell uovo», «lisozima da uovo» o «ovoalbumina» - «latte», «derivati del latte», «caseina del latte» o «proteina del latte». Quando la presenza di tali sostanze possa essere individuata nel prodotto finale in base ai metodi d analisi (obbligo attivo per i prodotti ottenuti dalla vendemmia 2012). Indicazioni Facoltative Le principali riguardano: Annata - a condizione che almeno l 85% del vino sia ottenuto da uve raccolte nell annata indicata Nome di una o più varietà di vite o loro sinonimi ufficiali - a condizione che il vino sia ottenuto per almeno l 85% da uve provenienti dalla varietà stessa nel caso si indichino due o più varietà, la loro presenza deve essere al 100% e vanno riportate in ordine decrescente e con caratteri delle stesse dimensioni la varietà può essere indicata per i vini DOP e IGP il cui disciplinare lo consente e per i vini senza DOP e IGP: per questi in Italia sono consentite solo 6 varietà di una lista positiva se l indicazione dei nomi delle varietà è riferita a tipologie di vino ottenute

6 da uvaggio e/o assemblaggio (ad esempio le tipologie Rosso, Bianco o Rosato della IGT Terre di Chieti), oltre al rispetto delle precedenti condizioni esse devono essere riportate: - fuori dal campo visivo dove figurano le indicazioni obbligatorie e nel contesto della descrizione degli elementi storico-tradizionali e/o tecnico colturali e/o delle caratteristiche del prodotto con caratteri delle stesse dimensioni e colore rispetto a quelli usati per la descrizione e in caratteri di dimensione non superiore a 3 mm di altezza e 2 mm di larghezza e, comunque, in caratteri non > a ¼ rispetto a quelli usati per la DOP o IGP. Inoltre, deve essere assicurata la rintracciabilità del prodotto, per cui le varietà, oltre ad essere regolarmente presenti nello Schedario viticolo aziendale, devono essere specificamente annotate sul registro di vinificazione al momento del loro carico nell ambito delle operazioni vendemmiali (ad es. «dai nostri vigneti uve Montepulciano e Merlot atte a Terre di Chieti IGT Rosso 2013») tenore di zuccheri residui (per i vini diversi dai VS, VSQ, VSQA) - Si usano le menzioni: «secco» o «asciutto» se tenore 4 g/l massimo oppure 9 g/l purchè il tenore di acidità totale, espresso in grammi di acido tartarico per litro, non sia inferiore di oltre 2 grammi al tenore di zucchero residuo «abboccato» se tenore compreso tra 4 e 12 g/l oppure tra 4 e 18 g/l purchè il tenore di acidità totale, espresso in grammi di acido tartarico per litro, non sia inferiore di oltre 10 grammi al tenore di zucchero residuo «amabile» se tenore compreso tra 12 e 45 g/l «dolce» se tenore = o > 45 g/l Per i VL: «secco» se tenore fino a 40 g/l - «semisecco» o «amabile» se tenore compreso tra 40 e 100 g/l - «dolce» se tenore > 100 g/l. Tolleranza analitica rispetto a valore indicato in etichetta: 1 g/l in più o in meno. Simbolo Comunitario per i vini DOP e IGP (simboli grafici conformi al Reg. CE n. 628/2008) Menzioni tradizionali per i vini DOP e IGP (se previsti dal disciplinare di produzione ad esempio, Passito, Stravecchio, Superiore, Riserva, Chiaretto, Ambra, ) Nome dell Azienda (diversa dall indicazione del nome dell imbottigliatore, del produttore o del venditore) - riservata ai vini DOP e IGP - Si fa mediante l uso di termini precisi (e relative illustrazioni) riferiti allo stabilimento dell azienda viticola, presenti in una lista positiva:

7 Abbazia - Castello - Torre - Rocca - Villa a condizione che il vino sia ottenuto esclusivamente da uve vendemmiate in vigneti coltivati da tale azienda, la vinificazione sia effettuata nell azienda e i nomi delle entità storico tradizionali e dei toponimi abbinabili non contengano, in tutto o in parte, un nome geografico riservato a DOP e IGP diverse da quella utilizzata per designare il vino dell azienda viticola - sono fatti salvi i Marchi commerciali registrati. Termini che si riferiscono a metodi di produzione: «fermentato in barrique», «invecchiato o maturato in botte», ecc. «fermentato in bottiglia»: per i VS a DOP o per i VSQ con fermentazione in bottiglia - durata del processo di elaborazione, compreso l affinamento nell azienda di produzione, calcolata a decorrere dall inizio del processo di fermentazione destinato a rendere spumante la partita (cuvée), non inferiore a 9 mesi - durata del processo di fermentazione destinato a rendere spumante la partita e della permanenza della partita sulle fecce di almeno 90 giorni, e con separazione delle fecce mediante filtraggio secondo il metodo del travaso oppure sboccatura «fermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale» o «metodo classico» o «metodo tradizionale» o «metodo classico tradizionale» per i VS a DOP o per i VSQ con fermentazione in bottiglia e permanenza senza interruzione sulle fecce nella stessa azienda per almeno 90 giorni, e con separazione delle fecce mediante sboccatura «Crémant» per i VSQ bianchi o rosè DOP o IGP ottenuti da uve vendemmiate a mano, con mosto ottenuto da pressatura di grappoli interi in quantità non > a 100 litri/150 kg di uva, elaborato coi criteri del metodo classico, e con: contenuto SO 2 < 150 mg/l e contenuto zucchero residuo < 50 g/l riferimento al metodo di produzione biologica. Nome di una unità geografica più piccola o più grande per i vini DOP, a condizione che la delimitazione sia ben definita, che sia prevista una lista positiva nel disciplinare e sia riferita a: una località o gruppo di località un comune o una frazione una sottozona (sottoregione viticola o parte di essa) una zona amministrativa.

8 Schema di etichetta di un vino senza DOP o IGP Schema di etichetta di un vino a IGP(ex IGT) con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti 1. Categoria del Prodotto (anche VINO VARIETALE) 2. Nome della varietà di vite, consentita anche per i vini senza DOP e IGP: Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet franc, Syrah, Chardonnay e Sauvignon (e loro sinonimi) sono le sole consentite per l Italia, sempre a condizione che almeno l 85% provenga dalla varietà indicata (100% se ne vengono indicate 2 o più) e che ciò sia dimostrabile 3. Annata di raccolta delle uve (facoltativa) 4. Nome oppure Ragione sociale dell imbottigliatore 5. Comune e Stato membro in cui l imbottigliatore ha la propria sede principale 6. Volume nominale del recipiente 7. Titolo alcolometrico volumico effettivo 8. Indicazione di provenienza (può essere omessa se si integra Vino o Vino Varietale col termine «d Italia») 9. Indicazione allergeni, che deve essere apposta in una qualsiasi delle etichette del recipiente o direttamente sul contenitore di tutti i vini con contenuto in solfiti superiore a 10 mg/l. Non sono previsti caratteri minimi e può essere scritta solo in italiano ma, se il vino è inviato in altri Paesi UE, bisogna verificare la lingua. Eventualmente anche derivati del latte/uovo 10. Numero di Lotto di appartenenza del vino. La sua indicazione è a discrezione dell imbottigliatore (in questo caso sta a indicare che il vino è stato imbottigliato il 79esimo giorno del 2012, cioè il ) 1. Nome della Denominazione 2. Menzione che accompagna l unità geografica italiana (può essere anche in sigla «IGT»), che sostituisce l espressione IGP 3. Nome di due varietà di vite: in questo caso il vino è ottenuto al 100% dalle due varietà. L Aglianico è la varietà prevalente 4. Annata di raccolta delle uve (facoltativa) 5. Simbolo Comunitario che contraddistingue la IGP, riportato secondo quanto previsto dall Allegato V del Reg. CE n. 1898/2006 modificato dal Reg. CE n. 628/08 (facoltativo) 6. Nome oppure Ragione sociale dell imbottigliatore. A particolari condizioni, è anche possibile utilizzare termini quali «imbottigliato dal viticoltore» o «imbottigliato all origine» oppure «imbottigliato dalla Azienda agricola», ma in tale caso il vino in causa deve essere imbottigliato nell azienda del produttore (ammesso il principio di prevalenza) 7. Comune e Stato membro in cui l imbottigliatore ha la propria sede principale 8. Indicazione di Provenienza 9. Numero di Lotto di appartenenza del vino. La sua indicazione è a discrezione dell imbottigliatore (in questo caso sta a indicare che il vino è stato imbottigliato il 119esimo giorno del 2013, cioè il ) 10. Volume nominale del recipiente 11. Titolo alcolometrico volumico effettivo 12. Indicazione allergeni

9 Schema di etichetta di un vino DOP o IGP con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti Schema di etichetta di un vino DOP (Docg e Doc) con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti 1. Nome della Denominazione da cui proviene il vino 2. Espressione Comunitaria (possibile sia per esteso che in sigla DOP); in alternativa o aggiunta è possibile indicare anche la menzione tradizionale italiana DOC 3. Annata di raccolta delle uve 4. Marchio commerciale del vino. Può contenere anche una delle menzioni tipo «Villa» o «Rocca» se inserita in un marchio preesistente registrato prima del 4 maggio 2002 (il Marchio + menzione può essere inserito anche nel nome o nella ragione sociale dell imbottigliatore, ma in tal caso i caratteri vanno minimizzati) 5. Nome oppure Ragione sociale + Comune e Stato membro di chi ha ordinato l imbottigliamento (imbottigliamento conto terzi) 6. Imbottigliatore conto terzi (imbottigliatore effettivo) indicato tramite Codice ICQRF seguito dalla sigla IT - In alternativa l Imbottigliatore per conto terzi può essere indicato, se la sede dell imbott. fisico e di quello giuridico si trovano in comuni diversi non limitrofi: Imbottigliato per conto di Azienda Agricola FrancoBianchi, Casalbordino, Italia nello stabilimento di Chieti 7. Numero di Lotto di appartenenza del vino 8. Volume nominale del recipiente 9. Titolo alcolometrico volumico effettivo 10. Indicazione di Provenienza 11. Indicazione allergeni 1. Nome della Denominazione da cui proviene il vino 2. Menzione tradizionale (possibile sia per esteso che in sigla DOC), che sostituisce l espressione DOP 3.Nome di una unità geografica più piccola (MGA): in questo caso la Sottozona «Terre di Casauria» o «Casauria», riconosciuta all interno della zona di produzione più ampia del MdA DOC 4. Annata di raccolta delle uve 5. Menzione tradizionale, che deve essere specificamente prevista dal relativo disciplinare di produzione 6. Menzione «Vigna» seguita dal toponimo, cioè dal nome del luogo che non sia geografico 7. Nome oppure Ragione sociale dell imbottigliatore. È possibile utilizzare i termini «imbottigliato nella zona di produzione» e «imbottigliato all origine dalla Azienda agricola» (a condizione che l imbottigliamento avvenga nell azienda del produttore), eventualmente integrati dalla dicitura «integralmente prodotto» 8. Comune e Stato membro in cui l imbottigliatore ha la propria sede principale 9. Numero di Lotto di appartenenza del vino 10. Volume nominale del recipiente 11. Titolo alcolometrico volumico effettivo 12. Indicazione di Provenienza 13. Indicazione allergeni 14. Numero del recipiente, un indicazione possibile senza particolari prescrizioni (ma deve essere dimostrabile e va provata, a richiesta degli organismi di controllo, la sua esattezza)

10 Schema di etichetta di un vino spumante di qualità con le indicazioni obbligatorie ed alcune facoltative tra le più frequenti Caso particolare indicazione imbottigliatore 1. Categoria del prodotto da cui proviene il vino 2. Annata di raccolta delle uve (facoltativa) 3. Menzione relativa all indicazione del tenore di zucchero (obbligatoria). Il termine Brut indica che il tenore di zuccheri residui è inferiore a 12 g/l 4. Nome oppure Ragione sociale del produttore (o del venditore). In alternativa: * il produttore (o elaboratore o spumantizzatore) può essere indicato col codice ICRF, integrato dal nome del venditore (Elaborato da 123/CN/IT Venduto da Giorgio Bianchi, Chieti, Italia) * si può indicare solo il venditore in sostituzione del nome del produttore, ma in questo caso si deve riportare la sede dello stabilimento del produttore (Venduto da Giorgio Bianchi, Chieti, Italia Nello stabilimento di Canelli, Italia) 5. Comune e Stato membro in cui il produttore ha la propria sede principale 6. Numero di Lotto di appartenenza del vino 7. Volume nominale del recipiente 8. Titolo alcolometrico volumico effettivo 9. Indicazione di Provenienza 10. Indicazione allergeni Se il NOME dell imbottigliatore/venditore/importatore e/o il COMUNE ove questo ha la sede contiene il nome di una DOP/IGP, anche in parte, per evitare di creare confusione nel consumatore: il NOME + la SEDE (2) devono essere indicati in caratteri inferiori a 3 mm in altezza e 2 mm in larghezza e devono comunque essere non superiori a ¼ della designazione (1) che compare in etichetta in alternativa si può indicare il codice ICRF in alternativa, dovendo indicare il nome del Comune ove è avvenuto l imbottigliamento, questo si può sostituire col Codice ISTAT.

11 Caso particolare indicazione imbottigliatore Per l uso delle menzioni sull imbottigliamento all origine (2) e (3), comprese le altre: imbottigliato all origine dal produttore, imbottigliato nella fattoria, imbottigliato nel podere, imbottigliato nella cascina, imbottigliato nella tenuta vale il principio di prevalenza, cioè tali menzioni potranno essere utilizzate, per un azienda agricola, anche nella etichetta di vini DOP o IGP (1) acquistati da terzi (e, perciò, non prodotti in azienda) a condizione che sia assicurato che, dal punto di vista quantitativo, la produzione complessiva dell azienda sia prevalente rispetto a quella delle citate partite acquistate da terzi. Rispettando comunque le condizioni per il mantenimento delle agevolazioni fiscali di cui l azienda agricola gode per il campo di attività definito dall articolo 2135 del C.C., verificate dalla GdF. La limitazione riferita alle uve provenienti da vigneti di pertinenza dell azienda e vinificate nella stessa resta solo nel caso in cui si indichi, in etichetta, anche la frase «integralmente prodotto», dicitura peraltro inserita proprio con l ultima OCM. Indicazione allergeni - Solfiti Per tutti i prodotti vitivinicoli con un contenuto alcolico superiore a 1,2% vol: MPF Vino Vino DOP e IGP Vino Frizzante - Vino Spumante - Vino Liquoroso Vino da uve stramature - Vino da uve appassite Aceto di vino è obbligatoria indicazione in etichetta del contenuto di solfiti se superiori a 10 mg/l. Nello specifico, la norma prevede che: l indicazione vada riportata con uno dei seguenti termini: «contiene solfiti» o «contiene anidride solforosa» come le altre indicazioni relative a importatore o a numero di lotto, anche questa può figurare al di fuori del campo visivo dove si trovano le indicazioni obbligatorie non esiste una dimensione minima dei caratteri per questa indicazione, perciò vale la norma generale per le indicazioni obbligatorie (tuttavia, a partire dal dovrà essere indicata in caratteri la cui parte mediana (altezza della x), non sia pari o superiore a 1,2 mm - Reg. (UE) n. 1169/ dalla stessa data tale previsione varrà per tutte le altre indicazioni obbligatorie: denominazione, quantità, responsabile immissione in commercio). Per i vini commercializzati in mercati extra-comunitari, è consigliabile apporre tale indicazione anche in lingua inglese («contains sulfites»). Etichettatura dei Vini Per il vino circolante in uno dei Paesi UE è necessario tradurre l indicazione degli Allergeni nella lingua del rispettivo Paese UE, come riportato nell Allegato X Parte A del Regolamento CE n. 607/2009 (inserito con la modifica apportata dal Reg. UE 579/2012). Per citare i Paesi più importanti : Francia: Contient «sulfites» o «anhydride sulfureux» Contient «oeuf», «protéine de l oeuf», «produit de l oeuf», «lysozyme de l oeuf» o «albumine de l oeuf» Contient «lait», «produits du lait», «caséine du lait» o «protéine du lait» Germania: Enthält «Sulfite» o «Schwefeldioxid» Enthält «Ei», «Eiprotein», «Eiprodukt», «Lysozym aus Ei» o «Albumin aus Ei»

12 Enthält «Milch», «Milcherzeugnis», «Kasein aus Milch» o «Milchprotein» Regno Unito: Contains «sulphites», «sulfites», «sulphur dioxide» o «sulfur dioxide» Contains «egg», «egg protein», «egg product», «egg lysozyme» o «egg albumin» Contains «milk», «milk products», «milk casein» o «milk protein» Spagna: Contiene «sulfitos» o «dióxido de azufre» Contiene «huevo», «proteína de huevo», «ovoproducto», «lisozima de huevo» o «ovoalbúmina» Contiene «leche», «productos lácteos», «caseína de leche» o «proteína de leche» Svezia: consentito anche in inglese Innehåller «sulfiter» o «svaveldioxid» (anche in Innehåller «ägg», «äggprotein», «äggprodukt», «ägglysozym» o «äggalbumin» Inglese) Innehåller «mjölk», «mjölkprodukter», «mjölkkasein» o «mjölkprotein». e, tra gli altri : Olanda: Danimarca: Finlandia: consentito anche in svedese Slovenia: Bevat «sulfieten» o «zwaveldioxide» Bevat «ei», «eiproteïne», «eiderivaat», «eilysozym» o «eialbumine» Bevat «melk», «melkderivaat», «melkcaseïne» o «melkproteïnen» Indeholder «sulfitter» o «svovldioxid» Indeholder «æg», «ægprotein», «ægprodukt», «æglysozym», o «ægalbumin» Indeholder «mælk», «mælkeprodukt», «mælkecasein» o «mælkeprotein» Sisältää «sulfiittia», «sulfiitteja» o «rikkidioksidia» (anche in Sisältää «kananmunaa», «kananmunaproteiinia», «kananmunatuotetta», Svedese) «lysotsyymiä (kananmunasta)» o «kananmuna-albumiinia» Sisältää «maitoa», «maitotuotteita», «kaseiinia (maidosta)» o «maitoproteiinia» Vsebuje «sulfiti» o «žveplov dioksid» Vsebuje «jajce», «jajčne beljakovine», «proizvod iz jajc», «jajčni lizocim» o «jajčni albumin» Vsebuje «mleko», «proizvod iz mleka», «mlečni kazein» o «mlečne beljakovine»

13 Indicazione allergeni Pittogrammi Facoltativi Nella indicazione di tutti gli allergeni: Solfiti Derivati del latte Derivati dell uovo. I termini possono essere accompagnati da uno dei pittogrammi previsti: Ungheria: Belgio: Austria: Tartalmaz «szulfitok» o «kén-dioxid» Tartalmaz «tojás», «tojásból származó fehérje», «tojástermék», «tojásból származó lizozim» o «tojásból származó albumin» Tartalmaz «tej», «tejtermékek», «tejkazein» o «tejfehérje» lingue ammesse: Inglese - Francese - Tedesco - Olandese lingue ammesse: Inglese - Francese - Italiano - Tedesco. Indicazione allergeni - derivati del latte e dell uovo Per tutti i prodotti vitivinicoli con un contenuto alcolico superiore a 1,2% vol è obbligatoria indicazione in etichetta del contenuto in derivati dell uovo e/o in derivati del latte, se la presenza di tali sostanze possa essere individuata nel prodotto finale in base ai metodi d analisi riconosciuti dalla UE e se, comunque, presentano un residuo superiore a 0,25 mg/l Nello specifico, la norma prevede che l indicazione vada riportata con uno dei seguenti termini: Per i derivati dell uovo: «contiene uovo» o «contiene proteina dell uovo» o «contiene derivati dell uovo» o «contiene lisozima da uovo» o «contiene ovoalbumina» Per i derivati del latte: «contiene latte» o «contiene proteina del latte» o «contiene derivati del latte» o «contiene caseina del latte». Per il resto, valgono gli stessi obblighi previsti per i solfiti. La prescrizione si applica per i vini ottenuti da uve provenienti dalla vendemmia 2012/2013 e successive, ed etichettati dopo il 30 giugno Nella indicazione di tutti gli allergeni i termini possono essere accompagnati da uno dei pittogrammi previsti. Vini imbottigliati Chiusura recipienti Il vino regolarmente chiuso ed etichettato, confezionato in bottiglie o inrecipienti fino a 60 litri (comprese, perciò, le dame, i canestri, le taniche o le damigiane) e detenuto in cantina o negli stabilimenti del produttore o dei commercianti all ingrosso, è considerato come già posto in vendita per il consumo e, quindi, deve rispettare i limiti e le prescrizioni per i vini immessi al consumo. Tutti i vini confezionati in recipienti fino a 60 litri devono recare un sistema di chiusura che rechi l indicazione dell imbottigliatore, in modo indelebile e ben

14 visibile dall esterno (art. 12, par. 4 Legge 82/2006). Si può indicare : Nome la Ragione sociale il Marchio (a condizione che sia riportato nel Registro Imprese della CCIAA) il «Codice ICRF» attribuito dall Ufficio periferico dell ICQRF allo stabilimento al momento dell apertura della posizione. In alternativa al nome, alla ragione sociale o la marchio dell imbottigliatore, qualora si indichi il Codice ICRF, è preferibile indicare sulla capsula solo la sigla senza acronimo, cioè, ad esempio, «105/CH». Volumi nominali A partire dall 11 aprile 2010 è entrata in vigore la Direttiva 2007/45/CE relativa alle quantità nominali dei prodotti preconfezionati. La nuova Direttiva ha avuto l effetto, relativamente al settore del vino, di prevedere esclusivamente delle fasce prestabilite di gamme di volumi nominali, al di sotto e al di sopra delle quali la scelta ora è libera. Gamme dei valori delle quantità nominali del contenuto degli imballaggi preconfezionati (sostanzialmente, capacità dei recipienti ancora soggette a regolamentazione): Vino tranquillo - solo i seguenti 8 valori compresi tra 100 e ml: Vino spumante e frizzante - solo i seguenti 5 valori compresi tra 125 e ml: Vino liquoroso - solo i seguenti 7 valori compresi tra 100 e ml: Bevande spiritose (Grappa,...) - solo i seguenti 9 valori compresi tra 100 e ml: Riferimenti Giuridici Norme Comunitarie Reg. (CE) n. 1234/2007 del 22 ottobre 2007 (Regolamento Unico) - Sezione I Ter, da art. 118 quatervicies a 118 novovicies Reg. (CE) n. 607/2009 del 14 luglio 2009 (Regolamento applicazione per

15 le DOP, IGP, menzioni tradizionali, etichettatura e presentazione prodotti vitivinicoli) e successive modifiche (Reg. 401/2010, Reg. CE 538/2011, Reg. CE 670/2011, Reg CE 579/2012, Reg. CE 1185/2012) e rettifiche (GUUE L 75 del 15 marzo 2012) - Capo IV, da art. 49 a 73 Reg. CE n. 628/2008 del 2 luglio 2008 (modifica del Reg. CE n. 1898/2006 inerente le Modalità di applicazione per i prodotti DOP e IGP) - Allegato - Uso del Simbolo UE Reg. CE n. 203/2012 dell 8 marzo 2012 (modalità di applicazione sul Vino Biologico) Reg. UE n. 1169/2011 del 25 ottobre 2011 (relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori) - dal 13 dicembre 2014 abrogherà la Direttiva 2008/13/CE Direttiva 2008/13/CE del 20 marzo 2000 (relativa alla etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari, nonché alla relativa pubblicità) Direttiva 2007/45/CE del 5 settembre 2007 (relativa alle quantità nominali dei prodotti preconfezionati) - Allegato I Direttiva 76/211 /CEE del 20 gennaio 1976 (relativa al precondizionamento in volume di alcuni prodotti in imballaggi preconfezionati - Marchio CEE) - Art. 3 e Allegato I, Punto 3.3 Direttiva 2011/91/UE del 13 dicembre 2011 (relativa alle diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare) - Art. 4 indicazione Lotto. Norme Nazionali Decreto Legislativo 8 aprile 2010, n. 61 (Tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini) Decreto 13 agosto 2012 (Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n.1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della commissione e del D.Lgs. n. 61/2010, per quanto concerne le DOP, le IGP, le menzioni tradizionali, l'etichettatura e la presentazione di determinati prodotti del settore vitivinicolo) - modificato da DD Circolare Mipaaf, Dipartimento delle Politiche Competitive del Mondo

16 La storia Agroqualità nasce nel 1995 dall esigenza delle Camere di Commercio di presidiare i temi della certificazione agroalimentare, dotandosi di una struttura specializzata, in grado di operare in un mercato che, a metà degli anni novanta, iniziava a presentare esigenze di salvaguardia dei valori della qualità. Qualificazione e valorizzazione delle produzioni agroalimentari da sempre rappresentano la mission di Agroqualità. Nel corso del 2007, al fine di potenziare e ampliare le attività ed i servizi offerti alle imprese, si è concretizzata l alleanza con il RINA, tra i primi organismi di certificazione italiani che completa le potenzialità acquisite dall azienda in ambito regolamentato, con una vasta gamma di servizi nella certificazione volontaria di prodotto e di sistema. Rurale e della Qualità D.G. dello Sviluppo Agroalimentare e della Qualità - SAQ IX - Prot. n del 7 dicembre 2010 (chiarimento in merito all indicazione dei vitigni per le tipologie di vini IGP e DOP da «uvaggio» Bianco», Rosso, Rosato e altre) Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 109 (Attuazione delle direttive CE concernenti l etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari) e successive modifiche - Artt. 9 (Quantità) e 13 (Lotto) Decreto Legislativo 25 gennaio 2010, n. 12 (Attuazione della direttiva 2007/45/CE che reca disposizioni sulle quantità nominali dei prodotti preconfezionati) Legge 20 febbraio 2006, n. 82 (Disposizioni di attuazione della normativa comunitaria concernente l OCM vino) - Art. 12 (Sistema di chiusura recipienti) Decreto 13 maggio 2010 (Regolamentazione dell'utilizzo della menzione «Talento» nella designazione e presentazione dei V.S.Q.D.O.P. e dei V.S.Q. Elaborati con il metodo classico). Grazie all acquisizione e la successiva fusione per incorporazione avvenuta nel 2013 di Ismecert S.r.l., ente di certificazione specializzato nella valorizzazione delle produzioni agroalimentari di qualità, Agroqualità è diventato l organismo di controllo di riferimento per tutto il Centro/Sud Italia. Testi a cura di Luca Pollini - Esperto di legislazione vitivinicola. Il RINA é un gruppo multinazionale che fornisce servizi di verifica, certificazione, valutazione di conformità, classificazione navale, valorizzazione ambientale, test di prodotto, supervisione in loco e dei fornitori, formazione e consulenza ingegneristica attraverso una vasta gamma di industrie e servizi. Il RINA opera attraverso una rete di società dedicate ai diversi settori: Shipping, Energia, Infrastrutture e Costruzioni, Logistica e Trasporti, Ambiente e Qualità, Agroalimentare e Sanità, Finanza e Pubbliche Istituzioni, Business Governance. Con circa 280 milioni di euro di attività nel 2012, oltre 2200 risorse, 150 uffici in 53 Paesi nel mondo, il RINA é oggi in grado di rispondere alle esigenze dei propri clienti ed é allo stesso tempo riconosciuto quale interlocutore autorevole presso le principali Organizzazioni internazionali, contribuendo da sempre allo sviluppo di nuovi standard normativi. RINA S.p.A. via Corsica, Genova Italy ph fax Agroqualità S.p.A. viale Cesare Pavese Roma ph fax Uff. di Pescara - Agroqualità S.p.A. Strada Statale 16 bis, località Villa Raspa ph fax Spoltore (PE)

Etichettatura dei Vini Cenni Pratici

Etichettatura dei Vini Cenni Pratici Etichettatura dei Vini Cenni Pratici Regole generali Indicazioni obbligatorie Devono essere riportate sul recipiente : in caratteri indelebili e chiaramente distinguibili dal testo e dai disegni che le

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI Enol. Vittorio Portinari ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI La nuova classificazione dei vini VINO SENZA DO e IG VINI VINI VARIETALI VINO

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero Etichettatura Articolo 58 Indicazione del tenore di zucchero 1. I termini elencati nell allegato XIV, parte A, del presente regolamento, che indicano il tenore di zucchero, figurano sull etichettatura

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 13 agosto 2012. Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della commissione e del decreto legislativo n. 61/2010,

Dettagli

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita!

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! ETICHETTATURA!E! PRESENTAZIONE Normativa!di!riferimento Regolamento! CE!

Dettagli

Vino (categoria di prodotto)

Vino (categoria di prodotto) DESIGNAZIONE VINI (ex tavola) NON A DOP/IGT SCHEMI DI ETICHETTE Vino (categoria di prodotto) imbottigliato da Bianchi Mario, Casteggio, stabilimento di Voghera Italia o Prodotto d Italia o Vino d Italia

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Il Dessert è una portata, solitamente ma non sempre dolce, che viene tipicamente servita alla fine del pasto. La parola

Dettagli

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi:

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: PREMESSA (PORRE MOLTA ATTENZIONE AL CONCETTO): in riferimento

Dettagli

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA.

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. 1. COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA Confezioni Il prodotto può essere venduto all utenza finale in imballaggi

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari;

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari; Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto 13 agosto 2012 - Disposizioni nazionali applicative del Regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE)

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 14 ottobre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA GAVI O CORTESE DI GAVI. (G.U.

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO Ogni indicazione deve essere apposta in modo da risultare leggibile, anche nel documento allegato al messaggio di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 Iscrizione della denominazione «Aceto Balsamico di Modena», nel registro delle denominazioni di origine protette e

Dettagli

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA Denom. Vini Costa d Amalfi Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini «Costa d Amalfi». ATTUALE Articolo 1 La denominazione di origine controllata > è riservata

Dettagli

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza proposta Denominazione di origine controllata dei vini delle Venezie. disciplinare di produzione Art. 1 Denominazione e vini. La denominazione di origine controllata "delle Venezie" è riservata ai vini

Dettagli

ALLEGATO 3 - QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI PRODOTTI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRANNO ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO

Dettagli

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della ALLEGATO 3 - QUADRO TTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRAN ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO 2013 PROSPETTO

Dettagli

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori LE ETICHETTE ALIMENTARI Docente Francesca Montuori in Italia, la normativa vigente è il D.Lgs109/1992, che definisce l'etichetta di un alimento come "l'insieme delle menzioni, delle indicazioni, delle

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso. n. 2/2007. L etichettatura del vino e delle bevande alcoliche La normativa nazionale, Ue ed extra-ue

UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso. n. 2/2007. L etichettatura del vino e delle bevande alcoliche La normativa nazionale, Ue ed extra-ue UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso n. 2/2007 L etichettatura del vino e delle bevande alcoliche La normativa nazionale, Ue ed extra-ue SPORTELLO EUROPA c/o Unioncamere Piemonte Via Cavour, 17 10123 Torino

Dettagli

ETICHETTATURA DEL MIELE

ETICHETTATURA DEL MIELE L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE Terre di Lambrusco 2015 Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE REGOLAMENTO Articolo 1: La Camera di Commercio di Reggio Emilia promuove la sesta edizione del Concorso Enologico Matilde di Canossa

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni:

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni: ETICHETTATURA Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari Finalità a) non indurre in errore

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 3 luglio 2003 Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 753/2002 della Commissione del

Dettagli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo Le modalità di tenuta La normativa di riferimento OGGI Modalità cartacea Reg.

Dettagli

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Università degli Studi di Scienze Gastronomiche,

Dettagli

Un po di Storia Denis Montanar proviene da una famiglia di agricoltori da quattro generazioni. Il suo impegno in questo settore inizia nel 1989, quando comincia ad occuparsi dell azienda del nonno prendendo

Dettagli

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

Nelle enoteche e anche sugli scaffali dei supermercati si vedono

Nelle enoteche e anche sugli scaffali dei supermercati si vedono INDICE LA SCELTA DEL CONSUMATORE 4 GLI SPUMANTI 9 LE ETICHETTE 9 Nelle enoteche e anche sugli scaffali dei supermercati si vedono sempre più spesso vini spagnoli, portoghesi, californiani, sudafricani

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Treviso 26 agosto 2015 1 . DISCIPLINARI DI PRODUZIONE VINI DOC IN CORSO DI MODIFICA PRESSO IL MIPAAF NEL

Dettagli

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015 Presentazione Testo Unico del vino DISPOSIZIONI GENERALI E DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI VINO E PRODOTTI VITIVINICOLI

Dettagli

Campagna vitivinicola 2015-2016. "Vademecum

Campagna vitivinicola 2015-2016. Vademecum Campagna vitivinicola 2015-2016 "Vademecum INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO E REGISTRI... 2 1.1 Trasporto delle uve da tavola destinate alla trasformazione ed i prodotti da esse ottenuti.

Dettagli

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione 1. Iscrizioni Riempite, in modo leggibile, e per ogni prodotto presentato, un modulo d iscrizione. Oppure consultate il

Dettagli

Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015

Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015 Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015 BREVE VADEMECUM Documento di Lavoro Versione 1.0 Il presente elaborato documentale non ha valore di testo di legge e/o normativa, ma vuole essere

Dettagli

Vendere vino e bevande alcoliche in Italia e all estero

Vendere vino e bevande alcoliche in Italia e all estero UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso n. 2/2011 Vendere vino e bevande alcoliche in Italia e all estero Aspetti legali, fiscali e doganali 2 Unione europea. Istruzioni per l uso La collana Unione europea.

Dettagli

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG.

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Associazione Interregionale Produttori Olivicoli Viale Del Lavoro, 52-37135 Verona Norme per la corretta etichettatura dell'olio extra di oliva Relatore Volani Antonio Campagna

Dettagli

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione La presente lista di controllo va compilata oltre alla lista di controllo produzione (vinificatori in proprio) risp. trasformazione commercio

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA 1 FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111.1 Sottoazione B) Informazione nel settore agricolo Torino, 14/11/2014

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» Approvato con DM 06.07.2005 GU 163-15.07.2005 Modificato con DM 30.11.2011 GU 295-20.12.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 Forli, 13 Marzo 2013 Reg 1234/2007 Reg CE 555/08 Misure di sostegno Reg 491/2009 Regolamento(CE) 479/2008 (abrogato) Reg 436/09 Reg 606/09 Reg 607/09 Documenti

Dettagli

Etichettatura del Miele

Etichettatura del Miele Workshop Ricerca applicata in Apicoltura per la tutela dell Ambiente e la Valorizzazione delle Produzioni Etichettatura del Miele Sulmona 18 Ottobre 2013 Dr. Carlo Ferrari - ASL Roma G Etichettatura l

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA

IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA 1 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE DELLA LOMBARDIA IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA SOMMARIO Premessa Quadro normativo europeo Quadro normativo nazionale

Dettagli

ELIGIO MAGRI Torre de Roveri - (Bergamo) - Italia info@eligiomagri.it www.eligiomagri.it

ELIGIO MAGRI Torre de Roveri - (Bergamo) - Italia info@eligiomagri.it www.eligiomagri.it Az. Vitivinicola ELIGIO MAGRI Torre de Roveri - (Bergamo) - Italia info@eligiomagri.it www.eligiomagri.it L azienda vitivinicola Eligio Magri nasce negli anni ottanta grazie all impegno e alla tenacia

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 3. Requisiti organizzativi a. La presenza di uno o più farmacisti, abilitati all esercizio della professione e iscritti al relativo ordine, deve essere garantita per tutto l orario di apertura dell esercizio

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Grappa Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014 pagine 1

Dettagli

Romania: cenni sul settore vitivinicolo

Romania: cenni sul settore vitivinicolo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Romania: cenni sul settore vitivinicolo Ufficio di Bucarest Str.A, D. Xenopol nr.15, 010472 Bucuresti T +40 21 2114240

Dettagli

Venerdì 24 aprile 2015

Venerdì 24 aprile 2015 Venerdì 24 aprile 2015 LUCIANO BOANINI LEZIONE del 24,04,2015 Aggiornamento 2015.2 NORMATIVA SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DIFESA DEL CONSUMATORE Tutte le tabelle, il materiale didattico

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DISR

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DISR DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DISR Roma, 15 novembre 2013 Etichettatura del miele Etichettatura l insieme delle

Dettagli

vino e qualità in Lombardia

vino e qualità in Lombardia vino e qualità in Lombardia L Unione Nazionale Consumatori della Lombardia con il presente opuscolo intende dare informazioni al consumatore sui marchi di qualità dei vini, sui vini di qualità della Lombardia

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VELLETRI Progetto Agricoltura Qualità ARSIAL 1 Art. 1. La denominazione di origine controllata «Velletri» è riservata ai vini

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI D.Dirett. 27-6-2008 Modifica del disciplinare di produzione dei vini a indicazione geografica tipica «Veneto». Pubblicato nella Gazz. Uff. 8 luglio

Dettagli

DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 14 MAGGIO 2009

DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 14 MAGGIO 2009 DISCIPLINARE ATTUALE VECCHIO DISCIPLINARE REGGIANO DOC Art. 1. La e' riservata ai vini e ai mosti parzialmente fermentati che rispondono alle condizioni ed ai requisiti del presente disciplinare di produzione

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele 22 maggio 2015 Basovizza Incontro informativo con gli apicoltori Dott. A. Fiordelisi Veterinario ufficiale A.A.S. n.1 Triestina Etichettatura

Dettagli

I VInI speciali sono.

I VInI speciali sono. Vini speciali Vini speciali I VInI speciali sono. I vini liquorosi sono ottenuti da mosto d uva parzialmente fermentato, o da uve un po appassite. Per i vini liquorosi si tiene conto anche del grado alcolico

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 79903 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007)

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) 1 Regime d importazione e legislazione Il regime d'importazione in Germania è quello previsto dalla

Dettagli

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lo stato dell arte sull uso lieviti dei selezionati in enologia Giovedì 28 Marzo 2013 Sala biblioteca c/o sede ASTRA S.r.l. Via Tebano 45 Faenza (RA) Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lorena

Dettagli

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani

Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani Il ruolo dell IRVO nella tracciabilità dei vini DOP e IGP Siciliani L Istituto Regionale del Vino e dell Olio si occupa dei controlli e della tracciabilità dei vini, già a partire dal 2009. Infatti con

Dettagli

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007 DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO Brescia, 17 Dicembre 2007 Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n.ro 206, ovvero Codice del Consumo Rapporto tra professionista

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 15 gennaio 2008

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 15 gennaio 2008 L 39/16 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.2.2008 REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 gennaio 2008 relativo alla definizione, alla designazione, alla presentazione,

Dettagli

BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată

BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată Articolo 1 La DOC denumirea de origine controlată Bohotin è attribuita ai vini

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino (Ordinanza sul vino) Modifica del 23 ottobre 2013 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 14 novembre 2007 1 sul vino è modificata

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Azienda agricola La Melosella Indirizzo : Susana Martinkova, Via di Villa Sacchetti 00197 ROMA Azienda:

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni regionali attuative della misura investimenti inserita nel programma nazionale di sostegno, relativa all OCM vitivinicolo. Premessa Le presenti disposizioni attuative si riferiscono

Dettagli

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA:

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA: Verdè TIPO DI VINO: Bianco frizzante NOME / ETICHETTA: Verdè CLASSIFICAZIONE: IGT Collina del Milanese COMUNE DI PROVENIENZA: San Colombano, Miradolo Terme, Graffignana Valbissera, Marzano, Trianon, Livelloni

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA DEI VINI AGLIANICO DEL TABURNO. Articolo 1 Denominazione e vini

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA DEI VINI AGLIANICO DEL TABURNO. Articolo 1 Denominazione e vini DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA DEI VINI AGLIANICO DEL TABURNO ANNESSO Articolo 1 Denominazione e vini La denominazione di origine controllata e garantita

Dettagli

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DOC REGGIANO

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DOC REGGIANO A NNESSO PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DOC REGGIANO Art. 1. La denominazione di origine controllata «Reggiano» e' riservata ai vini e ai mosti parzialmente fermentati che rispondono

Dettagli

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE Wine & Sardinia II Edizione REGOLAMENTO Articolo 1 Nell'ambito dei festeggiamenti per Sa innenna 2015 ( La vendemmia ), l'associazione ProLoco Sorgono, quale organismo ufficialmente

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: AURORA s.s.a. Indirizzo: VIA CIAFONE,98 63035 OFFIDA (AP) Telefono: 0736 810007 Fax: 0736 810007 E-mail:

Dettagli

Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com

Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com il Territorio: Valdobbiadene Valdobbiadene è - insieme a Conegliano - l area storica di produzione del Prosecco,

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA ATTUAZIONE DI UN SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ IN UN AZIENDA VITIVINICOLA PARTE 4 IL SISTEMA DI RINTRACCIABILITA

PROGETTO DI RICERCA ATTUAZIONE DI UN SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ IN UN AZIENDA VITIVINICOLA PARTE 4 IL SISTEMA DI RINTRACCIABILITA LINEA C.1 PROGETTO DI RICERCA ATTUAZIONE DI UN SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ IN UN AZIENDA VITIVINICOLA PARTE 4 IL SISTEMA DI RINTRACCIABILITA Progetto coordinato e finanziato da Piazza Strozzi 1 Firenze

Dettagli

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera Traduzione 1 Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera 0.946.294.541.4 Conchiuso il 25 aprile 1961 Approvato dal Consiglio federale il 1 agosto 1961 Entrato in vigore il 1 marzo 1962 In applicazione

Dettagli

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare Etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari: il Regolamento CEE 1169/2011. L etichetta delle carni macinate, gli allergeni e la tabella nutrizionale. 25 Febbraio 2014 Dr.ssa Simona Corti Tecnologo

Dettagli

Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli

Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli Traduzione 1 Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli Decisione n. 1/2012 del Comitato misto per l agricoltura in merito alla modifica

Dettagli

Mostra Nazionale Vini

Mostra Nazionale Vini Mostra Nazionale Vini Pramaggiore/Ve 2015 CONCORSO NAZIONALE DEI VINI D.O.C.G., D.O.C., I.G.T. 54 EDIZIONE 2015 Aut. Mi.P.A.A.F. Decreto N 0077978/2014 10-16 Marzo 2015 MOSTRA NAZIONALE CAMPIONARIA DEI

Dettagli

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2003 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2003 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 23 giugno 2003, n. 181 "Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, nonchè la relativa pubblicità" pubblicato nella

Dettagli

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D. Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.lvo 109/92 e successivi,a carattere speciale DM 27/03/2002, E comunitaria

Dettagli