LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura"

Transcript

1 LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali del legno ed i benefici delle connessioni meccaniche. Le capriate trovano applicazione per luci imponenti, per costruzioni a telaio, come elementi di coperture e d irrigidimenti per parete e sono utilizzate per esempio nella costruzione di hangar. Il corrente superiore della capriata è di solito adattato alla forma del tetto ed il profilo del corrente inferiore è determinato dalle esigenze di altezza libera, dalla soffittatura e dai requisiti di altezza della costruzione. Per capriate semplicemente appoggiate il corrente superiore è sollecitato a compressione ed anche a flessione nel caso di distribuzione del carico tra i nodi: gli elementi interni (diagonali e verticali) sono disposti in modi da generare un reticolo triangolato che più ampio è, più il numero di giunti e i costi è minore. Le prime capriate di legno furono spesso costruite senza capire molto dell azione strutturale sottintesa e spesso assomigliavano ad archi incatenati piuttosto che alla moderna idea di capriata. Figura 1: Capriata a monaco singolo 33

2 Figura 2: Capriata a due monaci La necessità di sostenere gli arcarecci appoggiati sui puntoni principali delle capriate triangolari semplici portò allo sviluppo e diffusione di capriate con monaci singoli o multipli. In entrambi i casi gli elementi significativi, sia che si tratti di un monaco unico centrale che di coppie di monaci laterali, non sono più sollecitati a compressione, bensì a trazione in seguito all azione verticale del carico del tetto. Pertanto occorre fare attenzione a dimensionare le unioni alle estremità dei monaci in modo tale da trasferire le forze di trazione presenti, di norma utilizzando sciarpe metalliche. Un altra forma di costruzione di tetti usata per tetti a vista di sale e chiese è quella della capriata senza catena o dell arco parabolico, tipologia strutturale molto efficiente se, sottoposta a carichi verticali uniformi, con appoggi incastrati. Figura 3: Capriata senza catena 34

3 Per superare i problemi associati alla trasmissione di carichi laterali concentrati e/o di movimenti negli appoggi, catene curve di legno cominciarono a essere utilizzate per luci tra 25 e 55 metri: tali catene consistono di settori di arco lamellare provvisto di irrigidimenti. Una forma simile è la capriata Belfast sviluppata nel XIX secolo che è caratterizzata da un corrente superiore curvato, un corrente inferiore dritto e un denso reticolato di elementi incrociati di irrigidimento. Questo tipo di capriata ha il notevole vantaggio di coprire luci fino a 36 m a partire da elementi lignei di modesta lunghezza. Figura 4: Capriata Belfast Legno massiccio fu utilizzato nel tetto e nelle guglie delle grandi cattedrali gotiche europee. Per esempio a Notre Dame a Parigi la guglia di legno eretta sul transetto all inizio del XIII secolo sopravisse, sebbene danneggiata, fino alla sua rimozione ai primi del XIX secolo e la sua sostituzione nel E ancora la torre normanna al di sopra del transetto principale della cattedrale di Ely, in Inghilterra orientale, che collassò nel 1322 e venne sostituita da una struttura di legno consistente in un timpano ottagonale che sostiene una lanterna anch essa ottagonale. Il peso totale della struttura di legno era di circa 400 tonnellate, compresi i pilastri principali della lanterna di 19.2 m di lunghezza e 508 x 813 mm di sezione, ciascuno avente un peso di circa 10 tonnellate. 35

4 Schemi di assemblaggio delle capriate o incavallature al giorno d oggi Le capriate sono chiamate a operare in sostituzione di appoggi puntiformi o continui quando questi costituiscono ingombri strutturali di impedimento alla fruizione degli spazi. Appartengono alla grossa orditura o orditura principale e possono reggere, per esempio, una trave di colmo sulla quale si appoggiano i falsi puntoni del tetto alla piemontese e quindi forniscono un appoggio puntiforme per la suddetta trave in sostituzione del muro di spina longitudinale o di pilastrature comunque centrali. Capriata alla piemontese Capriata alla lombarda Possono inoltre sostituire un appoggio continuo, come il muro trasversale del tetto alla lombarda o alla romana sorreggendo direttamente le terzere e trasferendo i carichi sui muri perpendicolari. 36

5 Le capriate, proprio come gli apparati murari a cui si sostituiscono, realizzano strutture non spingenti. La distanza fra le capriate, fino a luci di 20 m, è di circa 3,00 /4,50 m. Nelle testate a padiglione le capriate possono costituire l appoggio puntiforme per i cantonali (corrispondenti a linee di displuvio o di compluvio). Nei tetti a doppia falda che si sviluppano con cambi di direzione del colmo e dei muri laterali, le capriate possono essere poste in diagonale per fornire da una parte la struttura portante per la linea di displuvio, da quell altra per la linea di compluvio. La capriata più classica è costituita dai seguenti elementi: Elementi costituenti la capriata Due puntoni (inclinati), soggetti principalmente a compressione anche se in realtà esiste una componente di flessione. Una versione particolare, che riduce l inevitabile componente di flessione del profilo, è quella che prevede due sottopuntoni che si congiungono con i saettoni. Una catena inferiore (orizzontale), sottoposta a trazione e spesso suddivisa in due spezzoni giuntati in corrispondenza della staffa catena/monaco. Un monaco od ometto (verticale), soggetto a trazione e staccato dalla catena. E presente solo una fasciatura metallica (staffa) a esso collegata che avvolge la catena senza connessioni. Questo accorgimento serve a mantenere il monaco stesso e le parti a esso 37

6 collegate in un unico piano, evitando la deformazione dell intero sistema reticolare; al tempo stesso permette al monaco di abbassarsi e alzarsi al variare del carico di copertura. Sempre il monaco garantisce una più corretta connessione dei due puntoni in sommità e riceve nella parte inferiore i due saettoni riportandone lo sforzo direttamente in colmo. Due saettoni (inclinati) o saette o contrafissi, sollecitati a compressione e solidalmente connessi con il monaco, con funzione di limitare l inflessione dei due puntoni trasferendone i carichi al monaco. I saettoni dovrebbero essere posizionati a circa un terzo della lunghezza del puntone a partire dal colmo. Fasciature, cerchiature, staffature, bullonature garantiscono un più efficace trasferimento degli sforzi fra i profili, completando anche l azione degli eventuali intagli e sagomature. Figura 5: Capriata tradizionale con i relativi nodi di interfaccia fra i profili e la ferramenta metallica di collegamento 38

7 La capriata sopra descritta è adatta per luci da 7 a 10 metri. Il concetto su cui si fonda è quello della struttura reticolare, cioè il trasferimento esclusivamente di sforzi assiali lungo le aste. Fondamentale è inoltre la specularità delle forze in modo che le risultanti, a esclusione di quelle verticali trasferite alle murature, si elidano a vicenda. Quando la catena costituisce un ingombro per la fruizione degli spazi, si può ricorrere ad un suo innalzamento di livello. Cambio di quota che può divenire anche consistente, ma solo in presenza di carico e di luci non elevati e di una certa capacità di resistenza alle spinte dei muri laterali. Figura 6:Sistema con funzionamento assimilabile alla capriata, ma con catena fortemente rialzata per garantire una maggiore fruibilità dello spazio interno Come mostrato nella figura seguente, il funzionamento della capriata si comprende ricorrendo al sistema vettoriale di scomposizione delle forze secondo il seguente ragionamento: 1) Il carico trasmesso dal piano di copertura viene distribuito dall orditura secondaria sui puntoni: la risultante è un vettore verticale che possiamo scomporre secondo il parallelogramma delle forze in due componenti: la prima assiale ai puntoni; la seconda assiale ai saettoni; questa produrrebbe un momento flettente nel puntone nel caso di capriate elementari senza l uso di saettoni, ma qui invece viene trasferita alla base del monaco tramite saettoni. 2) Nella parte inferiore del monaco si verranno a congiungere due 39

8 forze inclinate e opposte la cui risultante verticale sarà riportata in sommità, nel luogo di unione dei puntoni, dal monaco; qui la scomposizione della forza darà vita a due componenti assiali simmetriche, che verranno assorbite dai puntoni : in essi rimarrà quindi quasi esclusivamente la sola sollecitazione di compressione. 3) Quest ultima forza si combinerà con quella sempre assiale e di eguale verso di cui al punto 1. All estremità dei puntoni, in corrispondenza degli appoggi, si avranno di conseguenza due forze inclinate e spingenti. Entrambe possono essere scomposte in una componente verticale, che sarà trasferita agli appoggi, e i una orizzontale verso l esterno (spinte di ribaltamento dell appoggio). Le due spinte orizzontali di eguale intensità, ma di verso contrario si elimineranno a vicenda grazie alla presenza della catena inferiore, soggetta quindi ad un diverso sforzo di trazione. 4) Eventuali elementi complementari, che vengono inseriti in capriate di maggiore luce e quindi più complesse, lavorando sempre nello stesso modo. E opportuno sottolineare che, per ricercare un ulteriore specializzazione funzionale dei componenti, si usa spesso sostituire gli elementi tesi con cavi metallici più sottili (con manicotti di pensionamento, staffe e piastre di ancoraggio al legno), in grado di assicurare resistenze maggiori con pesi propri inferiori. Questo avviene con più frequenza per luci comprese fra 10 e 18 metri. Il tipo di capriata mista più diffusa è quello alla Poncelau o alla francese. 40

9 41

10 Esempio di calcolo di una capriata realizzata in legno massiccio Considerazioni progettuali In funzione dell uso dell edificio, occorre in primo luogo chiarire i seguenti aspetti: Pianta Alzato Protezione dal calore e dall umidità Protezione dal fuoco Illuminazione Aperture Drenaggio del tetto Messa in opera Per selezionare un tipo adeguato di capriata sono richiesti seguenti dati: altezza minima libera al di sotto della capriata inclinazione del tetto altezza al livello di gronda ed al colmo luce interasse delle capriate carichi sulla copertura. Capriate fino a luci di 30 metri possono essere realizzate con elementi di legno massiccio, mentre per sistemi a lunga campata oppure per strutture le cui superfici lignee devono essere esenti da fessurazioni si utilizzano Calcolo della struttura Purchè la costruzione della capriata non sia in vista oppure, se visibile, non siano richieste superfici prive di difetti, le capriate possono essere realizzate in legno massiccio. Figura 7: Capriata con monaco 42

11 Un analisi semplificata della capriata a monaco singolo non è consentita poiché la condizione H>10 h non è soddisfatta dal momento che H=1200 mm e 10 h=2600 mm. Figura 8:Dettaglio A Figura 9: Dettaglio B Materiali Elementi:legno massiccio C24 (nomenclatura eurocodice) Valori caratteristici: f m,k =24 N/mm 2 f c,0,k =21N/mm 2 ft,0,k =21N/mm 2 f c,90,k =5.3 N/mm 2 E 0.05 =7400 N/mm 2 E =2 370/3 N/mm 2 ρ k =350 kg/m 3 E 0,mean =11000 N/mm 2 E 90,mean =370 N/mm 2 ft = resistenza a trazione fc=resistenza a compressione E=modulo di elasticità 43

12 Valori di progetto delle azioni Carico permanente concentrato Fd=25 kn kmod=0.6 legno massiccio kmod=0.6 legno massiccio, classe 1 Calcolo delle forze interne Le forze interne possono essere calcolate usando un software per telai oppure risolvendo l equazione per la condizione geometrica della forza staticamente indeterminata X nell elemento 2. u 1, F u = δ + δ / senα + δ 1, x 2, x 3, D / senα + δ 4, D / senα + δ 5, D L dove: u 1,F =è la freccia della trave 1 di luce l=0.60 m dovuta al carico puntiforme Fd u 1,x = è la freccia della trave 1 di luce l=0.60 m dovuta al carico puntiforme X δ 2,x =è la deformazione elastica dell elemento 2 parallelamente alla direzione della fibratura e la deformazione della trave 1 perpendicolarmente alla direzione della fibratura dovuta alla forza X δ 3,D =è la deformazione elastica dell elemento 3 dovuta alla forza D=X/(2senα) δ =è lo scorrimento del giunto con connettore 4 (5) 4,(5)D δ L =è lo scorrimento verticale causato dalla tolleranza del diametro del foro del bullone del dettaglio B. Le deformazioni istantanee sono: u1, F = = 51.9mm X u1, X = 51.9 mm X X 260 δ 2, X = + = X δ 3, D = = X 2sinα X 5 δ 3, D = = X 2sinα 2 K u δ = 2mm L 5 X 44

13 Con K u = 2 K ser / 3= / 3=8400 N/mm, la sostituzione nell equazione della forza staticamente indeterminata ottengo: X=22600 N N 2,d =22.6 kn M 1,d =3.6 knm D 3,d =22.6/(2 senα)=30.4 kn N 1,d =22.6/(2 tanα)=28.3 kn Quando K ser,e 0,mean, E 90,mean vengono usati invece di K u,e 0,05, E 90,05 i risultati diventano: X=18700 N N 2,d =18.7 kn M 1,d =9.45 knm D 3,d =25.2 kn N 1,d =23.4 kn Il confronto dei risultati mostra la determinante influenza della rigidezza a flessione della trave. Verifiche Diagonale D 3 An = = 13200mm σ t, d = = 2.3N / mm f t, d = = 6.5N / mm / 6.5 = 0.35 < 1 Trave λz = = k = c σ m, d = = 4.2N / mm σ c,0, d = = 0.544N / mm = = 0.57 <

14 La freccia istantanea in mezzeria alla trave allo stato limite di esercizio dovuta al carico concentrato F k =F d /1.35=18.5 kn è: u = 7mm 1, inst = u1, F u1, X = l e la freccia finale è: u / 857 = 7( ) = 11mm = l / 545 net, fin < l /

3.3 STRUTTURE DI COPERTURA INCLINATE IN LEGNO

3.3 STRUTTURE DI COPERTURA INCLINATE IN LEGNO COPERTURE COPERTURE INCLINATE derivanti dall impiego e/o dall assemblaggio a secco o a umido di componenti prefabbricati (spesso travi a sezione variabile, reticolari e non), in genere precompressi (perché

Dettagli

I SOLAI NEGLI EDIFICI A STRUTTURA MURARIA (2) ing. Francesco Monni

I SOLAI NEGLI EDIFICI A STRUTTURA MURARIA (2) ing. Francesco Monni I SOLAI NEGLI EDIFICI A STRUTTURA MURARIA (2) ing. Francesco Monni 3. LE COPERTURE Il solaio di copertura, comunemente indicato anche con il termine TETTO, assolve principalmente alle seguenti FUNZIONI:

Dettagli

GLI APPUNTI DELL ESPERIENZA

GLI APPUNTI DELL ESPERIENZA GLI APPUNTI DELL ESPERIENZA TETTI IN LEGNO E CAPRIATE 14/07/2012 1 I tetti in legno sono costituiti da elementi così raggruppabili: GROSSA ORDITURA (che è quella deputata a sostenere l intera copertura

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

2 Tetti e strutture di copertura

2 Tetti e strutture di copertura 1.8 Combinazioni di diversi sistemi costruttivi di legno In edilizia, i sistemi costruttivi di legno precedentemente descritti possono essere anche combinati l uno con l altro. Una combinazione utilizzata

Dettagli

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione Capriate in legno I edizione aprile 2011 Indice Introduzione 1. Il legno e sue applicazioni 1.1. Il legno come materiale da costruzione 1.2. diffusione del legno 1.3. Standardizzazione della produzione

Dettagli

Statica FRILO. Programmi per il legno ed i tetti

Statica FRILO. Programmi per il legno ed i tetti Statica FRILO Programmi per il legno ed i tetti Friedrich + Lochner GmbH Software per calcolo della statica e progettazione della struttura portante un azienda del gruppo Nemetschek La società Friedrich

Dettagli

Le coperture in legno

Le coperture in legno CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Le coperture in legno LA CAPRIATA Tra scienza ed arte del costruire «Il forte intreccio di storia, tecnologia, architettura e cultura materiale,

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA PROGETTO DELLA COPERTURA CON STRUTTURA A VOLTA IN LEGNO. Sommario SINTESI DELLA TESI DI LAUREA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA PROGETTO DELLA COPERTURA CON STRUTTURA A VOLTA IN LEGNO. Sommario SINTESI DELLA TESI DI LAUREA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE ORIENTAMENTO STRUTTURE ANNO ACCADEMICO 2008/2009 SINTESI DELLA TESI DI LAUREA PROGETTO DELLA COPERTURA CON STRUTTURA A VOLTA IN

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE ARCHI VOLTE-PIATTABANDE L ARCO, LA VOLTA E LA PIATTABANDA sono stati molto utilizzati nelle opere architettoniche ed edilizie del passato. Oggi è frequente trovarli nelle ristrutturazioni edilizie e nei

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio.

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio. XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE Costruire in modo ecologico per vivere meglio. Nordtex nasce dall'unione di imprenditori attivi nel settore dell'edilizia che promuovono

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Le travi reticolari sono strutture formate da aste rettilinee, mutuamente collegate

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE Relatore: Relatore: Indice Classificazione dei sistemi di giunzione Tipologie di giunzioni ricorrenti per le coperture Giunzioni tipiche sulle coperture in legno Analisi

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Sistema di Copertura a Tetto

Sistema di Copertura a Tetto Sistema di Copertura a Tetto Coperture a tetto: in edilizia, complesso delle strutture portanti e degli altri elementi costruttivi che si richiedono per proteggere contro gli agenti atmosferici una costruzione

Dettagli

COPERTURE IN LEGNO. Tipologie - Particolari costruttivi Criteri e tecnologie per il recupero. Alessandra Marini e Nicola Bettini

COPERTURE IN LEGNO. Tipologie - Particolari costruttivi Criteri e tecnologie per il recupero. Alessandra Marini e Nicola Bettini COPERTURE IN LEGNO Tipologie - Particolari costruttivi Criteri e tecnologie per il recupero Alessandra Marini e Nicola Bettini 1 2 3 4 TIPOLOGIE: a falde a padiglione, grandi coperture, nomenclatura TETTO

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Introduzione. Questi due tipi di struttura hanno caratteristiche fondamentali simili tra loro per ciò che riguarda il loro comportamento di base.

Introduzione. Questi due tipi di struttura hanno caratteristiche fondamentali simili tra loro per ciò che riguarda il loro comportamento di base. Introduzione Le funi sospese e gli archi rappresentano tipologie strutturali impiegate fin dai tempi più remoti dall uomo, e da sempre attraggono l immaginazione dei costruttori. Questi due tipi di struttura

Dettagli

ROMA, 7 LUGLIO 2015 SEMINARIO FORMATIVO. EMERGENZA TERREMOTO Criteri di base LE OPERE PROVVISIONALI DI SOSTEGNO. Ing. Marco TUFI

ROMA, 7 LUGLIO 2015 SEMINARIO FORMATIVO. EMERGENZA TERREMOTO Criteri di base LE OPERE PROVVISIONALI DI SOSTEGNO. Ing. Marco TUFI ROMA, 7 LUGLIO 2015 SEMINARIO FORMATIVO EMERGENZA TERREMOTO Criteri di base LE OPERE PROVVISIONALI DI SOSTEGNO Ing. Marco TUFI Componente della Commissione Protezione CIVILE dell Ordine degli Ingegneri

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE TECNOLOGIA e CALCOLO MORETTI INTERHOLZ s.r.l. dott. ing. Alberto AGOSTINI Direttore Tecnico Produzione (NTC 2008) IL MATERIALE MATERIA PRIMA: Abete rosso, Larice, Pino, Abete

Dettagli

STRUTTURE RETICOLARI

STRUTTURE RETICOLARI TRUTTURE RETICOARI i considerino un arco a tre cerniere, costituito da due corpi rigidi rappresentabili come travi collegate da cerniere puntuali. upponiamo che in corrispondenza della cerniera interna

Dettagli

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 - CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 Per una maggiore chiarezza e trasparenza sui contenuti del corso svolti durante l anno scolastico si allega il programma che segue. I libri di testo a cui

Dettagli

RELAZIONE STRUTTURALE

RELAZIONE STRUTTURALE RELAZIONE STRUTTURALE DESCRIZIONE DELL OPERA. Si prevede di realizzare una passerella pedonale in acciaio per l accesso secondario alla grotta. La struttura è costituita da due travi parallele in acciaio

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI DI

CHIUSURE ORIZZONTALI DI CHIUSURE ORIZZONTALI DI COPERTURA INCLINATE Chiusure orizzontali di copertura discontinue - Costituite da piani inclinati (falde) La geometria dipende della pianta dell edificio e della pendenza da conferire

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

. Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano. Caratteristiche della parete muraria multipiano

. Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano. Caratteristiche della parete muraria multipiano . Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano Un esempio numerico completo Caratteristiche della parete muraria multipiano La Fig. 64 mostra la pianta di un semplice edificio in

Dettagli

approfondimento LE COPERTURE lezione di

approfondimento LE COPERTURE lezione di lezione di approfondimento LE COPERTURE Le coperture possono essere realizzate come i solai eventualmente inclinati o come strutture più complesse. Tali strutture rappresentano gli elementi strutturali

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva. Quello che viene qui presentato è un edificio industriale senza precedenti, un nuovo modello di sviluppo per i progetti

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

CAPITOLO 4. Ipotesi e criteri di calcolo

CAPITOLO 4. Ipotesi e criteri di calcolo CAPITOLO 4 Ipotesi e criteri di calcolo Cap. 4 Ipotesi e criteri di calcolo 4.1 Ipotesi e criteri di calcolo delle opere provvisionali standardizzate 63 4.1 Ipotesi e criteri di calcolo delle opere provvisionali

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Descrizione del prodotto I pannelli prodotti dalla ditta Diemme Legno e denominati diemme X- LAM e diemmexx- LAM sono pannelli strutturali in legno composti da strati di tavole sovrapposti a fibratura

Dettagli

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE Vigili del fuoco Belluno Ing. Giuseppe Lomoro ing. giuseppe lomoro 1 Certificazione (voce di Wikipedia) Il certificato, in

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

o p e n p r o j e c t. w o r k s h o p LA STRUTTURA DEL CENTRO DI POMPIDOU di Igor Malgrati

o p e n p r o j e c t. w o r k s h o p LA STRUTTURA DEL CENTRO DI POMPIDOU di Igor Malgrati LA STRUTTURA DEL CENTRO DI POMPIDOU di Igor Malgrati Nel 1970 si bandì un concorso internazionale per la costruzione di un centro per la cultura nel cuore di Parigi, con l intento di proporre la cultura

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Indice VERIFICA DI UN NODO DI TRAVE RETICOLARE REALIZZATO MEDIANTE COLLEGAMENTO DI

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

ISTRUZIONI PER POSA IN OPERA

ISTRUZIONI PER POSA IN OPERA ISTRUZIONI PER POSA IN OPERA Commessa: Cliente: Cantiere: Struttura: Copertura in legno su edificio in muratura. 1 verifica delle quote degli appoggi secondo quanto riportato negli elaborati grafici esecutivi

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO:

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: Il lavoro consiste nella realizzazione di due cupole geodetiche. Ogni cupola presenta 5 assi principali che la delimitano in altrettanti settori uguali. Le travi principali

Dettagli

Consolidamento della copertura della Chiesa di San Giorgio a Siena

Consolidamento della copertura della Chiesa di San Giorgio a Siena Boll.Ing. n.5 27-10-2004 11:35 Pagina 15 Consolidamento della copertura della Chiesa di San Giorgio a Siena Claudio NERI Applicazione pratica dell uso materiale F.R.P. per il consolidamento di edifici

Dettagli

Giovannni Metelli - Progettare le strutture in legno Norme Tecniche 2008

Giovannni Metelli - Progettare le strutture in legno Norme Tecniche 2008 Giovannni Metelli - Progettare le strutture in 5.3. NT DM 2008-449 4.4.9 La capacità portante e la deformabilità dei mezzi di unione determinate sulla base di prove meccaniche (UNI EN 1075:2002, UNI EN

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

Dal punto di vista strutturale i manufatti oggetto di calcolo, ai sensi del D.M. 14/01/2008 e della Circ. Min. 617/2009, sono i seguenti :

Dal punto di vista strutturale i manufatti oggetto di calcolo, ai sensi del D.M. 14/01/2008 e della Circ. Min. 617/2009, sono i seguenti : PREMESSA La presente relazione riguarda il calcolo analitico ed il dimensionamento strutturale relativi alla realizzazione di strutture in c.a. ed in acciaio costituenti tre scale ed una tettoia da realizzare

Dettagli

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Guida Tecnica MEFA Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni,

Dettagli

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi Modulo 4:"" " Progetto di un edificio " " " " monopiano ad uso " " " " industriale in zona sismica Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi LʼAquila 4 giugno 2010 Ing. Oreste Mammana o.mammana@unina.it

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools. 1 Carpenteria.

Indice. ET - Engineering Tools. 1 Carpenteria. <S.T.A. DATA srl> UNIONI LEGNO 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9 5 Area...

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 Adriano Castagnone Domenico Leone Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 2 Adriano Castagnone Ingegnere libero professionista dal 1978, si occupa di calcolo strutturale

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI pag. 1 / 8 SOMMARIO 1. MATERIALI IMPIEGATI PER LA COPERTURA... 3 1.1 LEGNO LAMELLARE... 3 1. ACCIAI DA CARPENTEREIA... 3 1.3 ANCORANTI E CONNETTORI... 3.

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Ubicazione COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Intervento Ristrutturazione Copertura edificio civile via Roma 22 Committente Rossi Amedeo Progettista Ing. Claudio Ciciriello Impresa EDILCOM srl Direttore

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO I

STRUTTURE IN LEGNO I Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN LEGNO I AGGIORNAMENTO 13/01/013 CONIFERE (essenze resinose) Sono alberi che vivono in alta montagna. CONIFERA

Dettagli

LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE. Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011

LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE. Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011 LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011 CLASSIFICAZIONE LEGNO In accordo con le norme europee EN 14080 e EN 1194 il legno lamellare incollato viene definito con le classi

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC200 Connettori a piolo e ramponi TECNARIA SISTEMI MODERNI DI RINFORZO LA SOLUZIONE DI UN PROBLEMA x I vecchi solai in legno

Dettagli

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura Resistenza a compressione (1) I materiali lapidei naturali ed artificiali raggiungono

Dettagli

RIFACIMENTO COPERTURA SCUOLA MATERNA DI MONTAGNANA - INTERVENTO LOCALE -

RIFACIMENTO COPERTURA SCUOLA MATERNA DI MONTAGNANA - INTERVENTO LOCALE - Venturi & Motta Studio Tecnico Associato Ingegneri Valentino Venturi e Simone Motta via Trento n.70-51031 AGLIANA (PT) valentino@venturiemotta.it - tel.0574 673870 fax 0574/676358 * * * * * RIFACIMENTO

Dettagli

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO REV 01-05/2014 INDICE 1 Premessa 1.1 Avvertenze 1.2 Norme tecniche di riferimento 1.3 Caratteristiche dei materiali 1.4 Caratteristiche tecniche dei profili maggiormente

Dettagli

TETTI IN LEGNO: INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO

TETTI IN LEGNO: INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA A.A. 2008-2009 LABORATORIO DI RESTAURO A Restauro Architettonico MICHELE ZAMPILLI Modulo di Conservazione e riqualificazione tecnologica degli

Dettagli

STRUTTURA PORTANTE. Le strutture portanti si suddividono in: strutture di fondazione. Strutture di elevazione

STRUTTURA PORTANTE. Le strutture portanti si suddividono in: strutture di fondazione. Strutture di elevazione Materiali e Progettazione di elementi costruttivi Prof. Angela g. Leuzzi STRUTTURA PORTANTE Insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici appartenenti al sistema edilizio aventi funzione di

Dettagli

I TE N R TE V R EN E TI N TI RISPETTOS

I TE N R TE V R EN E TI N TI RISPETTOS INTERVENTI RISPETTOSI PER IL CONSOLIDAMENTO DI ARCHI, VOLTE E CUPOLE IN MURATURA Prof. Ing. POLITECNICO DI MILANO Dipartimento ABC ARCHI E VOLTE IN MURATURA Pseudo ARCO Ugarit, Syria Pont du Gard, Nimes,

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X AGGIORNAMENTO 25/04/2014

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X AGGIORNAMENTO 25/04/2014 Sussidi ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X X-LAM I AGGIORNAMENTO 25/04/2014 Il sistema costruttivo per gli edifici e case in

Dettagli

CALCOLO DELLE TETTOIE DI LEGNO E DELLE RELATIVE CONNESSIONI

CALCOLO DELLE TETTOIE DI LEGNO E DELLE RELATIVE CONNESSIONI Stefano Cascio CALCOLO DELLE TETTOIE DI LEGNO E DELLE RELATIVE CONNESSIONI * Connessioni tradizionali e metalliche * Teoria di Johansen per le connessioni * Calcolo della struttura di legno * Verifi che

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

presentation calcolo del ponteggio

presentation calcolo del ponteggio Il progetto: Title of presentation calcolo del ponteggio IL PROGETTO: PREMESSA D.Lgs 81/2008: Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Titolo IV: Cantieri temporanei e mobili Capo II: Prevenzioni

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli