I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA"

Transcript

1 a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione; presupposto oggettivo = cessione di beni o prestazione di servizi; presupposto territoriale = rilevanza dell operazione in Italia. Le operazioni nel campo IVA si dividono a loro volta in: - operazioni imponibili: - SI IVA, - SI volume d affari; - SI fatturazione, registrazione e dichiarazione - operazioni non imponibili: - NO imposta; - SI volume d affari; - SI fatturazione, registrazione e dichiarazione - consentono il recupero dell IVA pagata sugli acquisti - operazioni esenti (art.10): - NO imposta; - SI volume d affari; - SI fatturazione, registrazione e dichiarazione - NON consentono di recuperare l IVA pagata a monte su acquisti e spese - operazioni non soggette: operazioni soggette a regimi speciali di applicazione b) operazioni fuori campo IVA Manca almeno uno dei presupposti di cui sopra, o che sono considerate fuori campo IVA per espressa disposizione di legge. Per tali operazioni manca il requisito della territorialità, cioè non si considerano effettuate nel territorio dello Stato Per tali operazioni non si applica l imposta, e non devono essere rispettati gli adempimenti formali.

2 OPERAZIONI INTRA UE Le operazioni intracomunitarie sono regolamentate in Italia dal DL 331/1993 il principio di tassazione nel Paese di destinazione, per operazioni poste in essere tra soggetti passivi d imposta nei diversi Stati; il principio di tassazione nel Paese di origine per acquisti posti in essere da privati, che essendo i soggetti incisi (quelli che pagano l IVA), sono tenuti al pagamento nello Stato dove effettuano l acquisto. Presupposti delle operazioni INTRA UE sono i seguenti, ex DL 331/1993: Soggettivo Oggettivo Territoriale entrambe le parti devono essere soggetti passivi IVA residenti in diversi Stati UE l operazione deve avere ad oggetto il trasferimento della proprietà a titolo oneroso, di beni mobili o altro diritto reale di godimento il luogo di partenza e destinazione dei beni deve essere interno a due Stati UE

3 AUTORIZZAZIONE VIES L'Agenzia delle Entrate sottoporrà le nuove partite IVA a una serie di controlli prima di dare il via libera agli scambi oltre frontiera L'inclusione nel VIES potrà avvenire soltanto dopo aver verificato l'affidabilità degli operatori, la completezza e la veridicità dei dati dichiarati, al fine di realizzare un archivio europeo attendibile e aggiornato. OPERAZIONI SENZA ISCRIZIONE VIES le cessioni o prestazioni intra UE effettuate da soggetto passivo italiano non ancora nel VIES (o escluso a seguito di diniego/revoca) vanno assoggettate ad IVA in Italia, non potranno beneficiare della non imponibilità/non assoggettamento con le conseguenti sanzioni (art. 6 D.Lgs. 471/1997) dal 100% al 200% dell IVA non applicata. gli acquisti da soggetto passivo UE non sono operazioni intra UE, pertanto l IVA non è dovuta in Italia ma nel paese del fornitore come nel caso dei privati212: l acquirente italiano non regolarmente iscritto al VIES, ricevuta la fattura senza IVA dal fornitore europeo, non deve procedere alla doppia annotazione della stessa nel registro delle fatture emesse e nel registro degli acquisti, non essendo applicabile il meccanismo dell inversione contabile (art. 47 DL 331/1993), che comporta una illegittima detrazione dell IVA con applicazione della sanzione ex art. 6, co.6, Dlgs. 471/1997, dal 100% al 200% dell IVA non applicata (CM 39/E/2011)213,.

4 Controllo delle partite Iva comunitarie Verifica delle partite Iva ITALIA CODICE IVA VALIDO Partita IVA: Denominazione: BENETTON GROUP SPA Indirizzo: VIA VILLA MINELLI PONZANO VENETO TV Data di inizio validità: N.D. Data di fine validità: --- N.D. (Non Divulgabile) = Lo Stato membro selezionato non ha autorizzato la divulgazione di questa informazione. Data della richiesta: 19/11/ :46:36

5 TERRITORIALITA Ex art.7 DPR 633/1972, il concetto di territorialità è uno dei tre presupposti necessari, insieme a quello soggettivo (attività d impresa, arte o professione) e oggettivo (cessioni di beni, prestazioni di servizi), per l applicazione dell Iva. Serve a delimitare i territori di applicazione dell imposta, cioè dove è dovuta eventualmente l imposta, distinguendo a tal fine: il territorio dello Stato (Italiano!) il territorio Comunitario il territorio Extracomunitario Il territorio dello Stato ai fini IVA è il territorio della Repubblica Italiana tranne: il Comune di Livigno il Comune di Campione d Italia le acque italiane del lago di Lugano Questi nell applicazione dell IVA sono considerati Paesi terzi, sia per le cessioni di merci che per la prestazione di servizi. Appartengono al territorio dello Stato anche i punti franchi, i depositi franchi e altri analoghi luoghi considerati extraterritoriali ai fini doganali (ma considerati territorio dello Stato ai fini IVA) Il territorio dello Stato comprende: lo spazio terrestre compreso entro i confini politici lo spazio aereo sovrastante le acque territoriali entro le 12 miglia marine le acque comprese fra golfi, baie e insenature i cui punti estremi distino tra loro non più di 24 miglia marine

6 TERRITORIALITA Inoltre per: prestazioni a bordo di aerei e navi: appartengono al territorio dello Stato le navi e gli aeromobili italiani in navigazione in acque o spazi aerei internazionali ( cod. nav.); navi in alto mare: territorio dello Stato di appartenenza; il potere di governo dello Stato di bandiera si esercita sulle navi ovunque si trovino e quindi anche in acque adiacenti a Stati esteri e negli stessi porti stranieri (diritto internazionale); aerei italiani in luogo o spazio non soggetto alla sovranità di alcuno Stato: è territorio italiano (cod. nav.); ambasciate: fanno parte del territorio dello Stato accreditante, per cui: ambasciate italiane all estero non fanno parte del territorio dello Stato (RM /1985); ambasciate estere in Italia fanno parte del territorio dello Stato; NB: Repubblica di San Marino e Città del Vaticano sono due Stati Esteri che si trovano nel territorio italiano.

7 ACQUISTI INTRA UE PRESUPPOSTO e CARATTERISTICHE Soggettivo Oggettivo Cedente comunitario ed acquirente italiano devono entrambi essere soggetti passivi IVA nel proprio Paese. Gli acquisti effettuati da privati non rientrano nel campo applicativo della disciplina IVA comunitaria, ma sono assoggettati all imposta nel Paese di origine. Onerosità dell operazione, che deve avere ad oggetto un bene mobile materiale. Sono pertanto escluse le operazioni a titolo gratuito; sono acquisti intracomunitari quelli che prevedono il pagamento di un corrispettivo, incluse le operazioni che si realizzano tramite permuta. L operazione deve avere ad oggetto l acquisizione della proprietà o di altro diritto reale sul bene. L operazione deve inquadrarsi come compravendita. Non valgono le acquisizioni in conto prova o in conto visione. Sono invece ammessi, in quanto diritti reali di godimento, l uso e l usufrutto; Territoriale Il bene deve essere effettivamente movimentato da uno Stato UE di partenza all Italia (di qui la necessità che si tratti di bene mobile), mentre è ininfluente chi effettua il trasporto. I beni acquistati devono fisicamente entrare nel territorio italiano da altro Stato membro UE. Sono irrilevanti residenza e domicilio del cedente e dell acquirente. In mancanza anche di uno solo dei precedenti requisiti, l operazione non è intra UE, e si applicheranno pertanto le regole nazionali ex DPR 633/1972 (assoggettamento a Iva).

8 1. Momento: ACQUISTI INTRA UE MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE Inizio del trasporto/spedizione al cessionario o a terzi per suo conto dal Paese UE di origine a quello di destinazione IT: diventa quindi ormai indifferente chi cura il trasporto, se lo stesso cedente o un terzo per suo conto ovvero il cessionario. Tuttavia se gli effetti traslativi o costitutivi si producono in un momento successivo alla consegna, le operazioni si considerano effettuate nel momento in cui si producono tali effetti e comunque dopo il decorso di un anno dalla consegna (per esempio nel caso del deposito Iva). 2. Fattura anticipata: se anteriormente al verificarsi dell'evento viene emessa la fattura relativa ad un'operazione intra UE la medesima si considera effettuata, limitatamente all'importo fatturato, alla data della fattura. 3. Acquisti INTRA UE continuativi Di cui ex art.38, co. 2 e 3 DL 331/1993, se effettuati in modo continuativo nell'arco di un periodo superiore ad un mese solare, si considerano effettuati al termine di ciascun mese. Esempio Operatore ITA effettua un acquisto di beni da un cliente ESP: la merce viene spedita il 10/01 ed arriva a destino il 12/01/2013; prima dell inizio della spedizione, il 04/01 viene pagato un acconto. In tal caso: - dal 01/01/2013 l effettuazione dell operazione si ha al 10/01 ovvero al momento della spedizione della merce; mentre a nulla rileva il momento del pagamento dell acconto.

9 SCOTCH & SODA B.V. JACOBUS SPUKERDREFE PZ. HOOFDDORP THE NETHERLANDS VAT N. NL B01.

10 Fornitore STOCK OUTLET DI BISSACCO ERNESTO Via Roma 103 I BOARA PISANI (Italia) Partita Iva IT Cliente STOCK OUTLET DI BISSACCO ERNESTO Via Roma 103 I BOARA PISANI (Italia) Partita Iva IT AUTOFATTURA N. 01 / 2013 Documento emesso ai sensi dell art. 17., comma 2, D.P.R. 633/1972 in relazione al mancato ricevimento della fattura fornitore Intracomunitario. Con riferimento al fornitore intracomunitario denominato: SCOTCH & SODA B.V. JACOBUS SPUKERDREFE PZ. HOOFDDORP THE NETHERLANDS (NL) VAT N. NL B01 Data ultima di spedizione della merce dal luogo di origine: shipdate packing list number Descrizione Prezzo Quantità Import totale in euro Mélange serie tee 15, ,78 Quilited wool 91, ,68 Elastic suspender 8, ,68 Tee with eavy snow wash 17, ,22 Totale imponibile Iva ordinaria in aliquota 21% Totale fattura 780,36 163,88 944,24 Documento tipo AUTOFATTURA (oppure AUTOFATTURAZIONE ) Riferimenti: REGISTRO ACQUISTI PROT. 106 REGISTRO VENDITE PROT. 201

11 ACQUISTI INTRA UE REGISTRAZIONE CONTABILE DARE AVERE Merci c/acquisti (CE) 780,36 Iva a credito UE (SP) Fornitori UE (SP) 780,36 Iva a debito UE (SP) 163,88 La fattura emessa dal fornitore intracomunitario e integrata con Iva italiana viene annotata sia nel registro acquisto che nel registro vendite anche con univoca registrazione ma annotazione distinta del protocollo acquisti 106 e protocollo vendite 201.

12 PROSPETTO LIQUIDAZIONE PERIODICA IVA ( PROVA ) Aliquota ACQUISTI INTRACOMUNITARI VENDITE INTRACOMUNITARI CORRISPETTIVI Imponibile Imposta Imponibile Imposta Imponibile Imposta 21 Aliq. Iva 21% 780,36 163,88 TOTALE 780,36 163,88 LIQUIDAZIONE IVA ACQ.INTRA DI BENI 163,88 ( imponibile 780,36 ) I.V.A. SU ACQUISTI INTRACOMUN 163,88 IMPOSTA A CREDITO 0,00 ANNOTAZIONE ESEGUITA IL.. L effetto della registrazione ai fini del calcolo dell imposta periodica è neutro.

13 CESSIONI INTRA UE PRESUPPOSTO e CARATTERISTICHE a) LE CESSIONI A TITOLO ONEROSO DI BENI, TRASPORTATI O SPEDITI NEL TERRITORIO DI ALTRO STATO MEMBRO, dal cedente o dall'acquirente, o da terzi per loro conto, nei confronti di cessionari soggetti di imposta o di enti, associazioni ed altre organizzazioni non soggetti passivi d'imposta; i beni possono essere sottoposti per conto del cessionario, ad opera del cedente stesso o di terzi, a lavorazione, trasformazione, assiemaggio o adattamento ad altri beni. b) LE CESSIONI IN BASE A CATALOGHI, PER CORRISPONDENZA E SIMILI, di beni diversi da quelli soggetti ad accisa, spediti o trasportati dal cedente o per suo conto nel territorio di altro Stato membro nei confronti di cessionari ivi non tenuti ad applicare l'imposta sugli acquisti intracomunitari e che non hanno optato per l'applicazione della stessa. c) le cessioni, con spedizione o trasporto dal territorio dello Stato, al territorio di altro Stato membro di BENI DESTINATI AD ESSERE IVI INSTALLATI, montati o assiemati da parte del fornitore o per suo conto (cessioni chiavi in mano ). I presupposti (soggettivi, oggettivi, territoriali) sono presoschè gli stessi degli acquisti Intra comunitari)

14 CESSIONI INTRA UE FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE In base al nuovo art.46 co.2 D.L. 331/1993: 1. Emissione della fattura di cessione entro il 15 del mese successivo all effettuazione dell operazione (data di consegna o spedizione verso altro Stato UE); 2. Obbligo di indicare le parole OPERAZIONE NON IMPONIBILE ed anche INVERSIONE CONTABILE riportando gli estremi della norma di riferimento (art. 41 del DL 331/93); In base al nuovo art.47 co.4 D.L. 331/1993 le fatture di cessione INTRA UE vanno annotate distintamente nel registro delle fatture emesse secondo l ordine di numerazione ed entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione dell operazione. ESEMPIO : un commerciante italiano effettua una cessione INTRA UE il giorno ed emette successivamente fattura il giorno (ovvero entro il 15 giorno successivo al momento di spedizione) ma con riferimento al mese di settembre 2013 (mese di effettuazione dell operazione). Normalmente la fattura segue il momento di effettuazione e pertanto viene ordinariamente emessa a settembre e inviata con la merce.

15 STOCK OUTLET di Bissacco Ernesto Via Roma 103 Cap BOARA PISANI (PD) - ITALY Partita Iva IT A: SANCHEZ S.A. Av. De Soleil, 50 ES MADRID (ES) SPAGNA Vat number ES A INVIARE A: SANCHEZ S.A. Av. De Soleil, 50 ES MADRID (ES) SPAGNA D.D.T. n. 146/2013 emesso il 10/09/2013 FATTURA FATTURA N.12 DATA: 10/15/2013 VENDITORE ORDINE NUMERO ORDINATO DA SPEDITO TRAMITE TERMINI CONDIZIONI Ernesto Bissacco /2013 RODRIGUEZ ESTEBAN GLS S.P.A. Consegna EXW Bon. banc. 30gg data fattura QUANTITÀ DESCRIZIONE PREZZO UNITARIO TOTALE 100 Stivali donna 80, ,00 40 Stivali uomo 50, ,00 CESSIONE INTRACOMUNITARIA Operazione non imponibile di cui all art.41 del D.L. 331/1993 ed art. 138 della Direttiva Europea 2006/112/CE INVERSIONE CONTABILE (REVERSE CHARGE) SUBTOTALE ,00 IVA N.I. ART.41 DL 331/ TRASPORTO & SPEDIZIONE - TOTALE DOVUTO ,00

16 CESSIONI INTRA UE PROVA DELLA CESSIONE Alcuni punti fermi : Fattura di vendita del cedente UE; Elenchi INTRASTAT relativi alla cessione; Bonifico bancario o altro simile; Documento del vettore CMR firmato anche dal destinatario; Ogni altro mezzo dotato di certezza e incontrovertibilità (Sent. Cass. N.1670/2013 del 24 genn 2013; Verifica eventuale della affidabilità della controparte; Verifica della validità del numero di identificazione attribuito al cessionario; Il documento denominato DDT è una prassi tutta Italiana.

17 TRIANGOLAZIONI Per triangolazione comunitaria si intende un operazione in cui: partecipano TRE operatori, soggetti passivi in tre (diversi) Stati membri dell U.E.; i beni sono oggetto di due distinti contratti di compravendita (ovvero DUE fatture); si realizza un unico movimento di beni, dal primo cedente al cliente finale. ( altrimenti avremmo DUE CESSIONI relative a DUE TRASPORTI). In base al 2 periodo del comma 2 dell art. 40 del DL n. 331/1993, l acquisto si considera effettuato in Italia, ma senza assolvimento dell imposta, se i beni sono: direttamente trasportati da uno Stato membro ad un altro (senza, quindi, passare per l Italia); e ceduti ad un soggetto passivo d imposta nello Stato membro di destinazione, il quale viene espressamente designato in fattura quale debitore d imposta. Con tale norma è consentito ad un soggetto italiano di acquistare un bene da un soggetto comunitario, per poi cederlo ad altro soggetto comunitario, con trasporto diretto fornitore-cliente finale, senza richiedere la nomina del rappresentante fiscale in uno degli Stati membri: a condizione, però, che il proprio cessionario venga designato debitore d imposta relativa alla cessione in tale Stato. Si distinguono vari casi a seconda della posizione, in particolare dell operatore nazionale.

18 TRIANGOLAZIONI Alcuni punti fermi : UNICITÀ dell operazione La merce viaggia direttamente DAL PRIMO CEDENTE AL DESTINATARIO FINALE. Per questo motivo, il regime di NON IMPONIBILITA dell operazione principale (trasporto merce fuori ) si estende a tutte le altre operazioni intermedie. Occorre che l operazione FIN DALLA SUA ORIGINE sia stata voluta come cessione nazionale in vista di trasporto a cessionario/acquirente residente all estero. L esistenza della triangolazione DEVE DESUMERSI DALLA VOLONTÀ DELLE PARTI : ciò garantisce il divieto di immissione in consumo in Italia senza che abbia rilevanza il vettore o il soggetto che dispone dei beni durante il trasporto. È fondamentale che il bene sia effettivamente trasferito all estero in dipendenza di una operazione di triangolazione. Il trasporto non vede avvenire necessariamente A CURA E NEL NOME del cedente. Può esserci triangolazione sia che il trasporto sia a cura del cessionario residente sia che sia a cura del primo cedente. Possono sussistere : 1. TRIANGOLAZIONI NAZIONALI : due soggetti ITA e un soggetto INTRA 2. TRIANGOLAZIONI COMUNITARIE : un soggetto ITA e due soggetti INTRA 3. TRIANGOLAZIONI EXTRAUE: uno (o due) soggetto ITA e due (o uno) soggetti EXTRAUE Oppure un soggetto ITA, un soggetto INTRA e un soggetto EXTRAUE

19 TRIANGOLAZIONI TRIANGOLAZIONI NAZIONALI - ALCUNI ESEMPI Merce Fattura ITA1 primo cedente ESP1 Destinatario ITA2 Promotore/acquirente Secondo cedente ITA1 vende merce a ITA2, promotore dell operazione Su incarico di ITA2, il soggetto ITA1 invia direttamente la merce a ESP1. ITA1 emette fattura a ITA2 non imponibile art.58 co.1 lett. a DL 331/1993 e deve specificare che trattasi di operazione triangolare. La fattura deve contenere la P.IVA di ITA2. registra la fattura nel registro delle vendite. non compila il modello Intrastat delle cessioni (INTRA1) posto che tale obbligo incombe su ITA2. ITA2 riceve fattura da ITA1 non imponibile art.58 co.1 lett. a DL 331/1993. registra la fattura di ITA1 nel registro degli acquisti. emette fattura a ESP1 non imponibile art.41 co.1 lett. a DL 331/1993. registra la fattura a ESP1 nel registro delle vendite. compila il modello Intrastat delle cessioni (INTRA1)

20 TRIANGOLAZIONI TRIANGOLAZIONI NAZIONALI - ALCUNI ESEMPI Merce Fattura ITA1 primo cedente ITA2 Destinatario FRA1 Promotore/acquirente Secondo cedente ITA1 vende merce a FRA1, promotore dell operazione Su incarico di FRA1, il soggetto ITA1 invia direttamente la merce a ITA2. ITA1 emette fattura a FRA1 con applicazione dell Iva in quanto la merce non esce dall Italia dunque è cessione interna registra la fattura di ITA1 nel registro vendite non compila il modello INTRASTAT perché io beni non sono trasferiti ad altro stato UE diverso da quello di origine. ITA2 riceve fattura da FRA1 senza applicazione dell IVA di FRA1, poiché la cessione da FRA1 a ITA2, pur non essendo uno scambio intracomunitario, è comunque un operazione territorialmente non rilevante in Italia ex art. 7 bis DPR 633/72 emette autofattura ex art.17, co.2 con applicazione dell IVA e la registra sia nel registro degli acquisti che nel registro delle vendite. non compila il modello Intrastat degli acquisti (INTRA2) posto che i beni non vengono trasferiti da uno stato comunitario ad un altro

21 TRIANGOLAZIONI TRIANGOLAZIONI COMUNITARIE - ALCUNI ESEMPI Merce Fattura ITA1 primo cedente FRA1 Promotore/acquirente Secondo cedente ITA1 vende merce a FRA1, promotore dell operazione Su incarico di FRA1, il soggetto ITA1 invia direttamente la merce a GER1. ITA1 emette fattura a FRA1 senza applicazione dell Iva in quanto operazione non imponibile art.41 D.L. 331/93 registra la fattura verso FRA1 come cessione intracomunitaria compila il modello INTRASTAT per le cessioni intracomunitarie GER1 Destinatario

22 TRIANGOLAZIONI TRIANGOLAZIONI COMUNITARIE - ALCUNI ESEMPI Merce Fattura CRO1 primo cedente GER1 Destinatario ITA1 Promotore/acquirente Secondo cedente ITA1, promotore della triangolazione, acquista da CRO1, primo cedente, e fa cedere i beni direttamente a GER1, destinatario finale della merce. Non entra in alcun modo in possesso dei beni SITUAZIONE DI ITA1 (promotore): ITA1 riceve fattura da CRO1 senza applicazione dell IVA dello stato comunitario. ITA1 integra la fattura di CRO1 senza IVA con la dicitura art.40, co.2 DL 331/93 e la registra nel registro degli acquisti e delle vendite. ITA1 compila il modello Intrastat degli acquisti (INTRA2), specificando che trattasi di operazione triangolare con intervento del soggetto italiano in qualità di promotore ITA1 emette fattura di vendita a GER1 non imponibile IVA ex art. 41 co. 1 DL 331/1993 e deve specificare espressamente in fattura che GER1 è il soggetto debitore di imposta in Germania. ITA1 registra la fattura a GER1 nel registro delle vendite. compila il modello Intrastat delle cessioni (INTRA1) indicando quale cessionario GER1, specificando che trattasi di operazione triangolare con intervento del soggetto italiano in qualità di promotore

23 Caso: TRIANGOLAZIONI EXTRAUE Operatore economico americano acquista i beni da un soggetto italiano, dando incarico a quest'ultimo di consegnarli direttamente al suo cliente finale in Francia. In tale operazione triangolare, con l'intervento di due operatori non residenti, l'impresa italiana fornitrice dei beni effettua una cessione ad un soggetto extracomunitario (americano) con consegna ad un soggetto comunitario (francese). Problematiche di fatturazione per ITA1: non è un'esportazione, in quanto i beni non sono diretti in un paese extra UE, essendo spediti direttamente in Francia. Il soggetto italiano non può fatturare ex art. 8, co. 1, lett. a), del DPR n. 633/1972; non è una cessione intracomunitaria, in quanto il soggetto acquirente è residente in un paese non appartenente alla UE e non possiede quindi un codice identificativo IVA comunitario. L'operatore economico nazionale non può effettuare una cessione intracomunitaria non imponibile ex art. 41, comma 1, lett. a), del DL n. 331/1993; non è una triangolazione comunitaria, poiché in tal caso è necessario l'intervento di soggetti passivi IVA appartenenti a tre diversi Stati comunitari. Dato che i beni sono nazionali e si trovano nel territorio dello Stato al momento della vendita, l'operatore economico italiano dovrà quindi emettere fattura con l'addebito di IVA nei confronti del suo acquirente extracomunitario (americano). Il soggetto extracomunitario si vede così aumentare i costi dell'operazione, poiché non può recuperare l'iva addebitatagli in fattura ex art. 38-ter, DPR 633/1972, Il soggetto extra UE americano può nominare un proprio rappresentante fiscale ai fini IVA in Italia ex art. 17, co. 3, DPR 633/1972. In tal modo, l'operatore americano effettua un acquisto rilevante ai fini IVA nel territorio dello Stato ed esegue una cessione intracomunitaria nei confronti del proprio cliente francese, con la possibilità di effettuare un'operazione di triangolazione interna non imp.le ex art. 58, co.1, DL 331/1993. Nella triangolare interna intervengono infatti due soggetti entrambi identificati ai fini IVA in Italia (il fornitore italiano ed il rappresentante fiscale dell'operatore extra UE americano ed un soggetto estero destinatario finale dei beni, rappresentato nel caso specifico da un operatore comunitario francese).

24 IDENTIFICAZIONE AI FINI IVA IN ITALIA Come si identifica in Italia una società già identificata (residente) fuori dall Italia? 1 LIVELLO IDENTIFICAZIONE PRIMARIA 2 LIVELLO STABILE ORGANIZZAZIONE 3 LIVELLO RAPPRESENTANTE FISCALE 4 LIVELLO L identificazione di 1 livello comprende le successive di livello inferiore. IDENTIFICAZIONE DIRETTA

25 IDENTIFICAZIONE AI FINI IVA IN ITALIA IDENTIFICAZIONE PRIMARIA È il caso in cui una società di diritto estero (non italiano) e ivi residente decide di svolgere attività fiscalmente rilevante in Italia. Per questo motivo crea una new.co. società di diritto italiano (per esempio una società di capitali s.p.a.) interamente posseduta o comunque controllata dalla straniera. La new.co. italiana godrà di piena autonomia giuridica e fiscale nel senso che tutti gli atti da essa compiuti saranno ad essa imputabili. È altrimenti detta branch

26 IDENTIFICAZIONE AI FINI IVA IN ITALIA STABILE ORGANIZZAZIONE Il termine STABILE ORGANIZZAZIONE designa una SEDE FISSA DI AFFARI in cui l impresa esercita in tutto o in parte la propria attività : è altrimenti detta succursale. Si considera stabile organizzazione: direzione; succursale; ufficio; officina; laboratorio; miniera, cava o altro luogo di estrazione di risorse naturali; cantiere la cui durata supera i 12 mesi. La stabile organizzazione viene individuata in qualsiasi organizzazione, diversa dalla sede dell'attività economica, che sia caratterizzata da requisiti quali un grado sufficiente di permanenza e una struttura idonea in termini di mezzi umani e tecnici atti a consentirle di effettuare la cessione di beni o la prestazione di servizi alla quale partecipa. Per esservi una stabile organizzazione deve esserci effettivo potere di rappresentanza, quindi una sede fissa d'affari, la conclusione dei contratti e l'esercizio abituale dell'attività. In pratica, affinché si possa parlare di stabile organizzazione ai fini IVA devono ricorrere congiuntamente sia elementi materiali che personali (umani).

27 IDENTIFICAZIONE AI FINI IVA IN ITALIA RAPPRESENTANZA FISCALE Il termine RAPPRESENTANZA FISCALE si usa per individuare un soggetto che ai fini Iva svolga il ruolo (essenziale) di assorbire in se tutti gli obblighi dei soggetti residenti all estero, con riferimento alle operazioni imponibili effettuate in Italia e ovviamente in tutti i casi in cui non ci sia né stabile organizzazione né tantomeno una identificazione primaria branch. Dal la rappresentanza fiscale è un obbligo per tutti coloro stranieri che svolgono operazioni attive (cessioni/prestazioni) verso priva e soggetti non passivi in Italia (art.17. c.2 D.P.R. 633/72) Per quanto attiene alle operazioni attive e passivi verso e da soggetti passivi italiani, è facoltà per la società straniera di utilizzare la partita Iva del rappresentante fiscale. A solo titolo di esempio, si pensi ad una società SVIZZERA dunque EXTRAUE che attiva partita Iva in Italia come rappresentante fiscale. Il soggetto non residente SVIZZERO identificato tramite rappresentante fiscale in Italia può effettuare acquisti senza applicazione (dunque senza pagare) beneficiando del plafond per esportatore abituale art.8, c.2, D.P.R. 633/72. Sussistono agevolazioni in ordine agli obblighi di registrazione e dichiarazione In particolare dal per le forniture a soggetti passivi stabili

28 IDENTIFICAZIONE AI FINI IVA IN ITALIA IDENTIFICAZIONE DIRETTA DEI SOGGETTI NON RESIDENTI È l ultimo livello di identificazione che può essere assorbito da uno qualunque dei precedenti livelli. Consiste in pratica nell aprire una partita Iva italiana direttamente in capo al soggetto non residente. Le finalità sono le medesime della rappresentanza fiscale. Attualmente tale disposizione è consentita solo ai soggetti comunitaria, non essendo in vigore alcun accordo specifico di reciproca assistenza con altri paesi extracomunitari. Sussistono agevolazioni in ordine agli obblighi di registrazione e dichiarazione Cosi come per il Rappresentante fiscale, anche il soggetto identificato può detrarre l Iva sugli acquisti ovvero sull importazione di beni e servizi e può ottenere il rimborso dell imposta stessa.

29 INVERSIONE CONTABILE o REVERSE CHARGE COS E ART.17 D.P.R. 633/72, comma 2 Gli obblighi relative alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuati nel territorio dello Stato da soggetti non residenti nei confronti di soggetti passive stabiliti nel territorio dello Stato, compresi I soggetti indicati all art.7 ter, comma2, lettera b) e c), sono adempiuti dai cessionari o committenti. Tuttavia nel caso di cessioni di beni o di prestazioni di servizi effettuate da un soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro del Unione europea, il cessionario o committente adempie gli obblighi di fatturazione e registrazione secondo le disposizioni degli articoli 46 e 47 del decreto legge 30 agosto 1993, n.331, convertito con modificazioni, dalla Legge 29 ottobre 1993 n.427. Dal sono soggette a inversione contabile le prestazioni generiche (art.7 ter). Se il committente è soggetto passivo di imposta, si applica il criterio di tassazione nel paese del committente.

30 INVERSIONE CONTABILE o REVERSE CHARGE COME SI APPLICA 1. METODO DELL AUTOFATTURA Quando il fornitore dei beni e dei servizi è un soggetto passivo stabilito fuori UE che non ha specifici obblighi derivanti dalla Direttiva comunitaria in ordine alla emissione della fattura e pertanto segue le regole previste dallo Stato ove è stabilito. 2. METODO DELLA INTEGRAZIONE DI FATTURA Quando il fornitore dei beni e dei servizi è un soggetto passivo stabilito nella UE il quale adempie agli obblighi derivanti dalla Direttiva comunitaria in ordine alla emissione della fattura e pertanto segue le regole previste dalla DIRETTIVA 2010\45\UE.

31 INVERSIONE CONTABILE o REVERSE CHARGE ALTRI CASI 3. ALTRI CASI DI AUTOFATTURA Quando il fornitore non emette la fattura al momento di effettuazione dell operazione oppure quando la fattura non arriva al committente. In tali casi bisogna calcolare e versare l Iva, presentare alla Agenzia delle Entrate competente una autofattura in duplice copia, attendere l attestazione di ricevuta e dunque procedere con la registrazione contabile, detrazione e liquidazione periodica dell Iva oltre che con la dichiarazione annuale. In caso di cedente comunitario, i termini decorrono 2 mesi dopo il momento di effettuazione. 4. ALTRI CASI DI INTEGRAZIONE DI FATTURA REVERSE CHARGE INTERNO Cedente o prestatore (nazionale) emette fattura senza addebito di imposta con annotazione di inversione contabile ed indicazione dell art.17, comma 5. La fattura va integrata con il medesimo sistema dell acquisto intracomunitario di beni: il caso degli appalti.

Presupposti imponibilità scambi comunitari

Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposto Oggettivo: Onerosità dell operazione e acquisizione della proprietà o di altro diritto reale sul bene; Presupposto Soggettivo: gli operatori che intervengono

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

Operazioni intracomunitarie: nuove regole

Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero 24/2013 Pagina 1 di 14 Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero : 24/2013 Gruppo : Oggetto : IVA OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE Norme e prassi : ART. 39, DL 331/93; ART. 47, DL 331/93; ART.

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

Il regime Iva dei trasporti intracomunitari e internazionali di merci a cura di Giovanni Zangrilli

Il regime Iva dei trasporti intracomunitari e internazionali di merci a cura di Giovanni Zangrilli Il Punto sull Iva Il regime Iva dei trasporti intracomunitari e internazionali di merci a cura di Giovanni Zangrilli Premessa Con la R.M. n.134/e del 20 dicembre 2010, l Agenzia delle Entrate ha, in risposta

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori,

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori, = Circolare n. 2/2013 21 gennaio 2013 Gentili Signore ed Egregi Signori, con la presente circolare abbiamo il desiderio di informarvi sulle numerose novità e modifiche in materia di imposta sul valore

Dettagli

Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA. Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015. In collaborazione con

Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA. Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015. In collaborazione con Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con Recenti sentenze e provvedimenti in materia di Iva Corte di Giustizia

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 Montagna, lì 28 gennaio 2013 1) Fatturazione nuove regole dal 2013 a) Contenuto della fattura b) Numerazione delle fatture - chiarimento c) Momento di effettuazione delle

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI Circolare n.1/2013 Milano e Roma, Gennaio 2013 LEGGE DI STABILITA 2013 A) Principali novità in materia I.V.A. - operazioni intracomunitarie e con l estero; B) Rivalutazione delle partecipazioni in società

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI La presente guida vuole fornire alle imprese una visione d insieme delle problematiche fiscali IVA che si pongono nel commercio internazionale.

Dettagli

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura:

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura: Trento, 08/01/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: fatturazione, novità dal 1 gennaio 2013 - AGGIORNATO Gentile Cliente, dal 1 gennaio 2013 ci saranno importanti novità sul fronte della fatturazione,

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

Oggetto: la prova dell avvenuta consegna dei beni in ambito UE

Oggetto: la prova dell avvenuta consegna dei beni in ambito UE Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Dott. Fausto Braglia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni.

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni. ESPORTAZIONI Frequentemente viene confusa l operazione triangolare con le cessioni a soggetti non residenti. Tenuto conto che la normativa IVA non è sempre allineata con la normativa doganale e i termini

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO 12.1 Aspetti generali Come sottolineato nel capitolo precedente, sono previste procedure diverse anche in termini fiscali, che l'operatore

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 146 del 01 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Gentile cliente, con la presente informativa intendiamo

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

N. 10 15.03.2016. Le Operazioni con San Marino

N. 10 15.03.2016. Le Operazioni con San Marino 1. Le Operazioni con San Marino N. 10 15.03.2016 Le Operazioni con San Marino Trattamento IVA operazioni con soggetti sammarinesi Disciplina monitoraggio e trattamento ai fini delle imposte sui redditi

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

TRATTAMENTO IVA DELLE OPERAZIONI TRIANGOLARI NELLA DISCIPLINA DEGLI SCAMBI INTRAUE

TRATTAMENTO IVA DELLE OPERAZIONI TRIANGOLARI NELLA DISCIPLINA DEGLI SCAMBI INTRAUE TRATTAMENTO IVA DLE OPERAZIONI TRIANGOLARI NLA DISCIPLINA DEGLI SCAMBI INTRAUE La casistica proposta dalle circolari n. 13/1993 e n. 145/1998, attualizzata alla luce delle riforme del 2010 e del 2013 Legenda

Dettagli

LE OPERAZIONI CON I PAESI UE. Dott.ssa Nadia Gentina

LE OPERAZIONI CON I PAESI UE. Dott.ssa Nadia Gentina Dott.ssa Nadia Gentina SERVIZI GENERICI SERVIZI «SPOT» Ultimazione servizio: la ricezione della può considerarsi prova dell avvenuta ultimazione, salvo prova contraria (circ. 35/E/2012); acconto: è rilevante;

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008)

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) Dir. 2008/8 Servizi Dir. 2008/9 Rimborsi non residenti Dir. 2008/117 Intrastat Entrata in vigore: 1 gennaio 2010 ( in progress 1 gennaio 2011 2013 e 2015 per alcuni

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista Quesiti pagina 1 di 27 Caso prospettato Un imprenditore va all'estero per eseguire dei lavori e sostiene spese per vitto. e alloggio. Gli viene emessa fattura con IVA per quelle UE e senza IVA per quelle

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 OGGETTO: Spesometro 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 Parma, 24 marzo 2016 L'obbligo, introdotto dal D.L. 78/2010, di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti IVA (cessioni/acquisti

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

Recenti novità in materia di IVA

Recenti novità in materia di IVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Recenti novità in materia di IVA Legge di stabilità: le novità introdotte a seguito del recepimento della Direttiva 13 luglio 2010 n. 2010/45/UE Stefano Maffi

Dettagli

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni INDICAZIONI PRELIMINARI L obiettivo definito dall Unione Europea con il Trattato di Roma nel 1957 è quello di istaurare un mercato comune dove beni, servizi,

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. 11 PARTE PRIMA. CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA DELL IVA COMUNITARIA 1. I principi dell Iva comunitaria... pag.

INDICE. Prefazione... pag. 11 PARTE PRIMA. CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA DELL IVA COMUNITARIA 1. I principi dell Iva comunitaria... pag. INDICE Prefazione... pag. 11 PARTE PRIMA CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA DELL IVA COMUNITARIA 1. I principi dell Iva comunitaria... pag. 15 CAPITOLO SECONDO IL TERRITORIO COMUNITARIO 1. La Comunità europea...

Dettagli

ART. 7 BIS TERRITORIALITÀ - CESSIONI DI BENI Il criterio fondamentale nella determinazione della territorialità relativamente alle cessioni di beni è

ART. 7 BIS TERRITORIALITÀ - CESSIONI DI BENI Il criterio fondamentale nella determinazione della territorialità relativamente alle cessioni di beni è ART. 7 BIS TERRITORIALITÀ - CESSIONI DI BENI Il criterio fondamentale nella determinazione della territorialità relativamente alle cessioni di beni è il luogo d esistenza fisica dei beni stessi, vale a

Dettagli

Consignment stock: profili doganali

Consignment stock: profili doganali Consignment stock: profili doganali 1. Inquadramento generale Il consignment stock è un contratto con il quale beni di proprietà del fornitore (in genere materie prime o semilavorati) vengono trasferiti

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 10.02.2014 Invio dei beni in deposito extra - UE R.M. 94/E/2013 Categoria: IVA Sottocategoria: Operazioni extracomunitarie Con la R.M. 94/E/2013,

Dettagli

1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi

1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Dal 1 ottobre 2013 entra in vigore l aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 21% al 22%, poiché non è stato ulteriormente prorogato il

Dettagli

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali;

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; Pesaro, lì 29 marzo 2013 CIRCOLARE n. 06/2013 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; 1 - LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE Le cessioni di beni intraue sono assoggettate

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI Quando si parla di operazioni internazionali occorre distinguere le operazioni poste in essere con soggetti appartenenti all Unione Europea

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

Nuovo regime Iva cassa Pagina 1

Nuovo regime Iva cassa Pagina 1 Nuovo regime Iva per cassa Normativa L art. 32-bis del Decreto Sviluppo (D.L. n. 83/2012 convertito in L. n. 134 dell 11/08/2012) ha introdotto un nuovo regime di liquidazione dell IVA secondo la contabilità

Dettagli

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI Quando si parla di operazioni internazionali occorre distinguere le operazioni poste in essere con soggetti appartenenti all Unione Europea

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Spett.le. Ringraziando per l attenzione, confidando in un possibile riscontro, rimaniamo a disposizione per eventuali chiarimenti.

Spett.le. Ringraziando per l attenzione, confidando in un possibile riscontro, rimaniamo a disposizione per eventuali chiarimenti. Prot. n. 44/2015 Roma, 24 marzo 2015 Spett.le Agenzia delle Entrate Alla c.a. del Direttore Dott.ssa Rossella Orlandi E-mail: ae.ufficiodirettoreagenzia@agenziaentrate.it E pc. Alla c.a del Tavolo semplificazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio del 01 Ottobre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Gentile cliente, con la presente informativa intendiamo

Dettagli