La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1"

Transcript

1 1

2

3 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo Gasolio GPL Metano Biogas 5 I combustibili tradizionali sono costituiti principalmente da Carbonio (C) e Idrogeno (H) e hanno le le seguenti qualità: Bruciando producono una grande quantità di calore Subiscono una combustione completa con una minima produzione di inquinanti Sono facilmente disponibili e hanno un basso costo. 6

4 I combustibili sono composti da carbonio ed idrogeno che vengono appunto detti elementi utili, perché con la loro ossidazione si produce il calore ricercato, sviluppando nella combustione una ridotta quantità di inquinanti. Nei combustibili possono essere presenti anche tracce di zolfo che invece è considerato negativamente perché produce una minore quantità di energia e perché nella combustione produce anidride solforosa o solforica. Per poter bruciare un combustibile occorre portarlo a contatto con una determinata quantità d aria (ossigeno) detta aria comburente 7 Il comburente è rappresentato dall ossigeno (O 2 ) presente nell aria. L aria si considera costituita dal 21% di ossigeno e 79% di azoto e altri gas che non partecipano al fenomeno La quantità d aria strettamente necessaria alla combustione è definita aria stechiometrica, il valore della quantità di aria necessaria dipende dalle caratteristiche del combustibile. La quantità d aria è tanto maggiore quanto più elevato è il potere calorifico del combustibile. 8

5 Nella pratica non risulta sufficiente garantire il solo afflusso dell aria strettamente necessaria alla combustione (aria stechiometrica o teorica), perché non tutte le molecole del combustibile possono venire a contatto con il comburente, occorre quindi aggiungere un quantità d aria in eccesso, per essere certi che tutto il combustibile partecipi al fenomeno. L aria in eccesso da fornire dipende dalla natura del combustibile, è minima per i combustibili gassosi che tendono naturalmente a miscelarsi con l aria, è maggiore per i combustibili liquidi che devono essere nebulizzati ed è ancora maggiore per i combustibili solidi e le biomasse. Il differenza tra la quantità d aria effettivamente utilizzata e quella necessaria (stechiometrica) e definito come Eccesso d aria e viene solitamente individuato con la lettera e. e = aria effettiva - aria teorica 9 Perché al combustione possa avere inizio è necessario che siano contemporaneamente presenti combustibile e comburente e che siano raggiunte le condizioni di accensione, cioè che sia raggiunta la temperatura di accensione. Deve esserci un innesco Antracite 450 C Legno secco 250 C Olio combustibile 330 C Metano 645 C 10

6 Ogni combustibile è costituito da carbonio ed idrogeno ed in alcuni casi anche da zolfo. Per COMBUSTIONE TEORICA COMPLETA si intende la combustione di questi elementi utilizzando unicamente l aria teorica. C + 1/2 O2 = CO kj/mol C + O2 = CO kj/mol S + O2 = SO kj/mol 2 H2 + O2 = 2 H kj/mol 1CO + 1/2 O2 = CO kj/mol CH4 + 2 O2 = 2 H20 + CO kj/mol CmHn + (m + n/4) O2 = m CO2 + n/2 H20 mole come il valore della quantità (ad esempio espressa in grammi) di particelle uguale al peso molecolare di ogni singola molecola Forza: unità di misura è il Newton: forza necessaria per imprimere ad un corpo di massa di un kg un'accelerazione di 1 metro al secondo per secondo. Lavoro-Energia : unità di misura è il Joule 1 Joule = lavoro compiuto da forza di 1 newton per produrre spostamento di un metro. Potenza: unità di misura è il Watt : è definito come lavoro/tempo; 1 Watt: 1 Joule in 1 secondo Energia 3600J = 1 W/h Potenza 11 Il valore del potere calorifico inferiore (è presente acqua sotto forma di vapore a fine combustione) per alcuni di questi idrocarburi è: propano, C 3 H 8, kj/mol butano, C 4 H 10, kj/mol esano, C 6 H 14, kj/mol eptano, C 7 H 16, kj/mol n-dodecano, C 12 H 26, kj/mol 12

7 Composizione media dell aria atmosferica (aria secca a 273 K e 1013 mbar) %v/v %m/m Azoto 78,08 75,52 Ossigeno 20,95 23,15 Argon 0,93 1,28 Anidride carbonica, 0,03 0,046 Altro 0,01 0,00 13 Calcolo dell aria teorica per combustibili gassosi (monocomponenti) Per tutti i gas, in condizioni TPN, una mole occupa 22,4 litri: è possibile interpretare un equazione chimica anche come una relazione tra volumi (litri o metri cubi) di gas purchè tutti siano riferiti alle stesse condizioni di TPN. Per esempio l equazione di combustione del metano, in condizioni TPN, 1 CH O 2 = 2 H CO kj/mol può essere interpretata affermando che 22,4 litri (1 mole) di metano bruciano con 2(22,4) 44,8 litri di ossigeno e si producono 44,8 litri di acqua (vapore) e 22,4 litri di anidride carbonica. 14

8 Calcolo dell aria teorica per combustibili gassosi (monocomponenti) Dalle equazioni (precedenti si ricavano i seguenti volumi di ossigeno. necessari per la combustione stechiometrica: 1 m 3 di CH 4 richiede 2 m 3 di O 2 1 m 3 di H 2 richiede 0,5 m 3 di O 2 1 m 3 di CO richiede 0,5 m 3 di O 2 1 m 3 di C 3 H 8 richiede 5 m 3 di O 2 1 m 3 di C m H n richiede (m + n/4) m 3 di O 2 15 Calcolo dell aria teorica per combustibili gassosi (monocomponenti) Con riferimento all aria, ricordando che ad ogni m 3 di O 2 si accompagnano 3,76 m 3 di N 2, si può riscrivere, per esempio, la reazione di combustione del metano e si ottiene: 1 CH 4 + 2O ,76 N 2 = 2 H CO ,76 N 2 cioè 1 m 3 di CH 4 richiede 9,52 m 3 di aria. In modo analogo si ricava che: 1 m 3 di H 2 richiede 2,38 m 3 di aria. 1 m 3 di CO richiede 2,38 m 3 d aria. 1 m 3 di C 3 H 8 richiede 23,8 m 3 aria. 16

9 Nella pratica non è possibile utilizzare il quantitativo di aria teorico ricavato dalla stechiometria delle reazioni di combustione: si dovrà utilizzare un volume (o una massa) di aria reale, Av (o Am). che sarà sempre maggiore del valore teorico Atv (o Atm). Il rapporto n = Av/Atv si chiama indice d aria ed è pari a 1 solo per le condizioni stechiometriche (teoriche) mentre, nella pratica, n sarà sempre maggiore di 1. Nella letteratura tecnica è spesso utilizzato l eccesso d aria percentuale che è pari a: e (n -1) Volume dei fumi prodotti nella combustione L espressione del volume dei fumi che si producono in una combustione (completa!) è Gv = n Atv 0,21 Atv + 0,01 (CO+H 2 +N 2 +C0 2 +H 2 0) CH Σ (mi + ni/2)cmihnj nella quale Gv rappresenta i metri cubi di fumi per metro cubo di combustibile gassoso bruciato. n Atv è il volume reale di aria che entra nel focolare, 0.21 Atv : è il volume di ossigeno che viene consumato nella combustione e che quindi non si ritrova nei fumi. CO, H 2, N 2, CO 2 H 2 0 sono le concentrazioni volumetriche percentuali dei vari elementi (presenti nella miscela di gas combustibile in ingresso al focolare) che non partecipano chimicamente alla combustione o hanno rapporti stechiometrci pari a 1 (per esempio. 1 m 3 di N 2 entra nel focolare ed esce senza reagire mentre 1 m 3 di CO entra nei focolare, brucia, e forma 1 m 3 di CO 2 ) CH4 è la concentrazione percentuale volumetrica di metano nel combustibile: ogni mole di metano, bruciando. produce 3 moli di prodotti. CmiHni sono le concentrazioni volumetriche percentuali degli idrocarburi gassosi presenti nel combustibile. 18

10 Volume dei fumi prodotti nella combustione L espressione si può semplificare, CO + H 2 + CH 4 +O 2 + N 2 + CO 2 + H ΣCmHn nel combustibile in ingresso è pari al 100 %; con facili passaggi si ha: Gv = n Atv + 1-0,005(CO+3H 2 ) 0 0,0025 Σ((ni -4) CmiHni) Se si desidera esprimere la portata dei fumi in massa si ha: Gm = n Atm + d combustibile Gm è espresso in kg di fumi per m 3 di combustibile. 19 Volume dei fumi prodotti nella combustione Nelle analisi dei fumi di combustione è spesso utile, o necessario, riferirsi ai fumi secchi cioè considerati senza la presenza in essi del vapore d acqua che si forma dalla combustione dell idrogeno e dei combustibili contenenti idrogeno. Dalla espressione di G è possibile ricavare la formula per il calcolo di [Gtv]fs cioè per il calcolo della portata dei fumi quando la reazione avvenga con aria stechiometrica e riferita ai fumi secchi: nella espressione di Gv, dobbiamo porre n =1 e sottrarre l acqua che si forma dai combustibili contenenti idrogeno. Con facili passaggi si ottiene: [Gtv]fs = Atv + 1-0,005 (CO + 3 H 2 0) CH 4-0,0025 [ Σ(ni+4) CmiHni] 20

11 Volume dei fumi prodotti nella combustione Con evidente significato dei simboli, si ha pure che il volume dei fumi secchi effettivo (cioè non stechiometrico ma con aria in eccesso) è dato da [G]fs = [Gtv]fs + (n-1)atv GAS Fumi teorici secchi m 3 /m 3 Fumi teorici umidi m 3 /m 3 Aria teorica m 3 /m 3 CH 4, metano 8,52 10, C 3 H 8. propano 21,81 25,81 23,81 C 4 H10, butano 28,45 33,45 30,9 GPL. (30% Butano, 70% Propano 23,8 28,1 25, 9 H 2 1,88 3,38 2,38 21 Calcolo dell indice d aria n Con le notazioni finora adottate si può scrivere: [C0 2 ]fs stech = CO 2 /[Gtv ]fs 100 [C0 2 ]fs = CO 2 /[Gv]fs 100 Da queste relazioni si ottiene. con facili passaggi algebrici, [CO 2 ]fs stech / [CO 2 ]fs = 1 + (n-1) A/[Gv]fs che è l espressione generale di calcolo di n; tale espressione quando il rapporto Atv/[Gv]fs sia circa pari ad 1, si semplifica nella [CO 2 ]fs stecn / [CO2]fs = n L approssimazione Atv / [Gtv]fs 1 non è valida. In generale, 1) se il combustibile è ricco d H 2 e CO: 2) se il combustibile è ricco di N 2 : 22

12 Condizioni ottimali per la combustione nella pratica tecnica In ogni combustione è necessario porre in intimo contatto il combustibile con l ossigeno per assicurare un elevata superficie di reazione e per consentire il raggiungimento di temperature sufficientemente elevate per tutte le molecole di combustibile garantendo così una sufficiente cinetica di reazione. Il combustibile inviato alla combustione deve bruciare completamente non essendo accettabile, né in termini energetici né in termini di inquinamento ambientale e sicurezza, la presenza di combustibile nei fumi scaricati. Per fornire a tutte le molecole di combustibile l ossigeno necessario si deve utilizzare sempre un eccesso di ossigeno, e quindi di aria, rispetto ai valori ricavabili dalla stechiometria della reazione. Tale eccesso d aria è, in generale, di valore crescente passando dai combustibili gassosi a quelli liquidi a quelli solidi per la evidente maggiore complessità di mescolare un combustibile solido con un gas rispetto ad un combustibile liquido o, meglio ancora, ad un combustibile gassoso. 23 Non esistono valori giusti in assoluto per l eccesso d aria e per la temperatura dei fumi: si è infatti davanti ad un tipico problema di ottimizzazione tra esigenze contrastanti Si dovrebbe usare un eccesso d aria quanto più piccolo possibile ed una temperatura più bassa possibile: in tal modo si minimizzano le perdite legate allo scarico dei fumi caldi; questa scelta però può avere effetti negativi: sulla necessità di bruciare tutto il combustibile, per evitare pesanti perdite energetiche; sulla durata della canna fumaria, che potrebbe essere sottoposta a fenomeni di corrosione dovuta a condense acide; sulla necessità di avere comunque un sufficiente tiraggio al camino che, per tiraggio naturale, è proprio legato alle diverse densità di fluidi a temperature diverse. Le caldaie di potenza elevata sono in generale più efficienti e sofisticati: una piccola caldaia murale da 20 kw, con bruciatore atmosferico, può avere un indice d aria pari a 1,5 2,0 (50% o 1 00% di eccesso) mentre una caldaia da 350 kw, con bruciatore dotato di serranda automatica. può avere un indice d aria pari a 1,1 o 1,2 (cioè un eccesso d aria di solo il 10% il 20%). 24

13 Temperature e composizione dei fumi scaricati da un generatore di calore 25 Emissioni in atmosfera La norma tecnica UNI indica un valore massimo della concentrazione di monossido di carbonio CO, che può essere scaricato in atmosfera dai camini degli impianti di riscaldamento: questa indicazione sarebbe priva di senso se non fosse collegata al volume dei fumi che si producono bruciando unità di massa (o di volume) del combustibile utilizzato e, quindi, indirettamente, all energia utilizzata. Nella UNI è, infatti, precisato che il valore della concentrazione limite di CO (pari a ppm = =,1% v/v/) deve essere riferito alla condizione di prodotti della combustione secchi e senz aria. In tal modo si garantisce che non sia utilizzata la diluizione dei fumi con aria come espediente per aggirare la limitazione sulla emissione di CO. In pratica è come se si facesse obbligo di assumere una situazione di funzionamento di riferimento (equivalente alla situazione reale di combustione ai soli fini controllo dell emissione); questa situazione di riferimento è legata alle seguenti assunzioni: 26

14 Emissioni in atmosfera la massa di CO prodotta nella combustione reale per unità di massa (o di volume) di combustibile non cambia se si assume che la combustione avvenga in condizioni stechiometriche (senz aria in eccesso!) cioè n = 1; in tal caso è minimo il volume dei fumi scaricati al camino e, quindi, massimo valore della concentrazione di CO; la concentrazione di CO deve essere misurata in percentuale volumetrica. supponendo di condensare e separare dai fumi il solo vapore d acqua eventualmente presente. In queste condizioni di riferimento la concentrazione teorica per fumi secchi COt, fs. È dunque un valore calcolato (e non misurato dall analizzatore dei fumi) numericamente sempre maggiore del valore di COfs misurato; COt,fs è denominato CO corretto, CO non diluito, CO teorico, CO stechiometrico 27 Si possono avere quindi quattro tipi di combustione 1 Stechiometrica; nel fumo non è presente l ossigeno O 2, ne vi sono tracce di combustibile, L aria teorica (A tv ) coincide con quella reale (A v ) n= A v/ At v = 1 28

15 Nel fumo è presente solo Anidride carbonica Acqua Azoto Ed eventuali tracce di Zolfo 29 2 In eccesso d aria: nel fumo non ci sono residui di combustibile incombusto, è la condizione tipica di funzionamento delle caldaie. L aria teorica (A tv ) è minore di quella reale (A v ). Nel fumo sono presenti H 2 O, CO 2, O 2, ossidi di azoto ( e zolfo) n= A v/ At v > 1 Nel fumo è presente: ossigeno, anidride carbonica, acqua, azoto, ossidi di azoto, e tracce di anidride solforosa (eventuale) 30

16 3 In difetto d aria(condizione d aria di malfunzionamento): nel fumo non è presente l Ossigeno,, ma è presente combustibile incombusto, H 2 O, CO 2, CO, ossidi di azoto (e zolfo) e fuliggine 31 4 Incompleta(indice di malfunzionamento): nel fumo sono presenti combustibile incombusto, l ossigeno, H 2 O, CO 2, CO, ossidi di azoto ( e zolfo) e fuliggine nel caso di combustibili liquidi (la situazione può presentarsi anche durante i transitori di funzionamento, in caso di cattiva miscleazione del combustibile ed aria, nel caso di temperatura di combustione troppo bassa) 32

17 li triangolo di Ostwald Sulla base delle reazioni di combustione e dei bilanci di materia è possibile correlare tra loro, per ogni specifico combustibile, i seguenti quattro parametri: la concentrazione di CO 2 percentuale nei fumi secchi; la concentrazione di O 2 percentuale nei fumi secchi; la concentrazione di CO percentuale nei fumi secchi; l indice d aria n (oppure l eccesso percentuale d aria e). Noti due di questi parametri è sempre possibile ricavare il valore degli altri due: in forma grafica questa relazione è riportata nel triangolo di ostwald. Esistono trinagoli di Ostwald tipici di ogni combustibile, a seguire è riportato quello del metano. 33 li triangolo di Ostwald Il triangolo di Ostwald relativo al gas metano. Con riferimento, per esempio, al triangolo di Ostwald del gas metano osserviamo che: il punto rappresentativo delle condizioni della combustione deve cadere all interno del triangolo: considerando la retta CO = 0, cioè combustione perfetta senza incombusti, notiamo che essa interseca l asse delle ascisse in un punto di coordinate (11,7; 0) cioè al valore CO 2 = 11,7 ed O 2 = 0, che significa combustione stechiometrica con eccesso d aria pari a zero; la stessa retta interseca asse delle ordinate nel punto (0: 21) cioè combustione con eccesso d aria tendente ad infinito (O 2 nei fumi all O 2 nell aria = 20.9%) e concentrazione di CO 2 praticamente zero. 34

18 li triangolo di Ostwald 35 li triangolo di Ostwald 36

19 Due parole sulla combustione delle biomasse Il legno è, in sostanza, un magazzino di energia solare. Le foglie degli alberi agiscono come piccoli pannelli solari che assorbono l energia irraggiata dal sole, utilizzandola per convertire acqua, anidride carbonica e minerali in materia organica, il legno. Accendere un fuoco di legna significa liberare questa energia. Due cose sono necessarie perché il legno bruci: ossigeno ed alta temperatura. In un focolare per bruciare il legno efficacemente deve essere mantenere alta la temperatura interna e fornire di ossigeno sufficiente per consumare quanta più legna e gas possibile. 37 Due parole sulla combustione delle biomasse Quando il legno brucia, passa attraverso tre fasi di combustione: 1.L umidità evapora dal legno per azione del fuoco circostante. Qualunque legno contiene una certa percentuale di umidità. Poiché parte del calore prodotto dal fuoco è impiegata nella sua evaporazione, è molto più conveniente, ed anche meno inquinante, usare legno stagionato (max 20% di umidità) piuttosto che legna verde tagliata di fresco (50% o più di umidità). Questa fase è completa quando il legno raggiunge la temperatura di 100 C (Punto di ebollizione dell acqua) 2.Aumentando la temperatura, il legno si decompone in gas volatili e carbone. Il legno prende fuoco ad una temperatura compresa tra i 260 C ed i 315 C, bruciando la carbonella ed una piccola percentuale dei gas. La maggior parte dei gas, comunque, sfuggirà per il camino, a meno che la temperatura nella stufa sia sufficientemente alta da bruciarli. (fase 3) Una volta nel camino, i gas si combinano con l umidità per formare creosoto. 38

20 Due parole sulla combustione delle biomasse 3.I gas e il carbone bruciano. Il carbone comincia a bruciare emettendo calore tra i 540 C ed i 705 C, riducendosi in cener e. In questa fase si produce la maggior parte del calore sfruttabile. I gas volatili si accendono tra i 600 C ed i 650 C, purché abbiano sufficiente ossigeno. I gas di rado raggiungono questa temperatura, a meno che non siano in qualche modo confinati e dirottati verso la fiamma, od in un area della camera di fuoco dove questa temperatura sia stata raggiunta. L efficienza delle stufe dipende dalla loro capacità di ottenere questo. 39 Due parole sulla combustione delle biomasse Potere calorifico del legno Il potere calorico dipende dalla qualità del legno e dal tasso di umidità. In media, si possono ottenere i seguenti valori per Kg. di legno anidro: Frondoso 4300 Kcal/Kg, Resinoso 4600 Kcal/Kg. A fronte di uguale peso, i legni resinosi hanno dunque un potere calorico superiore agli altri legni. Questa diversità è compensata da una maggiore densità dei legni frondosi. Aria in eccesso Come tutti i combustibili, il legno ha bisogno di una certa quantità di aria ( circa 5 mc di aria per kg ) per bruciare completamente. Poiché il legno è un combustibile solido, e si miscela con difficoltà con l aria, è necessario fornire una quantità di aria in eccesso ( fino ad un totale di 8 mc per kg.). Tale aria in eccesso, naturalmente, non viene in realtà bruciata, e viene espulsa dalla canna fumaria, trascinando con sé, però, una parte del calore prodotto. Questo è uno dei motivi per cui il rendimento del legno come combustibile è inferiore a quello di combustibili gassosi, come il metano, o vaporizzabili, come il gasolio, che miscelandosi intimamente con l aria, hanno meno bisogno di averne in eccesso. Soltanto in generatori molto sofisticati si riesce ad ottenere la gasificazione della legna, ed un rendimento altissimo. 40

21 Due parole sulla combustione delle biomasse Residui della combustione. Il legno, qualunque sia la sua origine, è costituito da una parte organica combustibile( la cui composizione chimica media è Carbone 50%,Ossigeno 42,5%, Idrogeno 6,5%, Azoto 1%), da una parte minerale inerte, e dall acqua. Le sostanze organiche, cioè le resine, i tannini, ed i polimeri (cellulosa, emicellulosa e lignina), per azione della ossidazione ad alta temperatura durante la combustione, subiscono delle profonde modificazioni chimiche, liberando energia e producendo dei residui, che, a seconda della qualità della combustione, possono variare entro certi limiti. I principali residui sono: Le ceneri costituiscono dal 2 al 3 % della massa anidra del legno e sono il residuo della sua parte minerale (silicio, calcio, magnesio, potassio, acido fosforico, etc.) Ossidi di Azoto.. Ossidi di Zolfo. Ossidi di carbonio. 41 Due parole sulla combustione delle biomasse Residui della combustione. L anidride carbonica (Biossido di carbonio) Idrocarburi incombusti Le molecole che costituiscono la parte organica del legno sono estremamente stabili: occorre un alta temperatura per spezzarle ossidandole, come abbiamo visto descrivendo la terza fase della combustione della legna. I creosoti sono idrocarburi aromatici e poliaromatici fortemente ossigenati e costituiscono buona parte della condensa che si forma nelle canne fumarie per cattiva combustione. Mescolati alla fuliggine, formano delle incrostazioni nelle canne fumarie, specie dei camini tradizionali, che possono essere causa, se non periodicamente rimosse, di pericolosi incendi. I creosoti si formano soprattutto quando la temperatura dei fumi nella canna fumaria è bassa. Questo consente alla condensa di aderire alle pareti. 42

22 Due parole sulla combustione delle biomasse Residui della combustione. La fuliggine è un altro risultato della combustione incompleta. E costituita fondamentalmente da carbone puro (98%). Assorbe facilmente la condensa dei creosoti, fissandola alle pareti della canna fumaria. La condensa si forma facilmente bruciando legna verde in impianti dotati di canne fumarie non ben coibentate. La prima fase della condensa è costituita soprattutto dal vapore acqueo risultato della rapida essiccazione della legna nella camera di fuoco. Successivamente, col progredire della combustione, si forma condensa dagli idrocarburi incombusti, di cui abbiamo già parlato, E un liquido scuro, oleoso, maleodorante, infiammabile e di facile infiltrazione. Si può evitare soltanto bruciando buona legna in impianti realizzati correttamente, con una buona canna fumaria. 43

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE Ilario De Marco I COMBUSTIBILI Si definisce combustibile una sostanza che attraverso una

Dettagli

www.pizzaovenacademy.com

www.pizzaovenacademy.com COME BRUCIA IL LEGNO Il legno è, in sostanza, un magazzino di energia solare. Le foglie degli alberi agiscono come piccoli pannelli solari che assorbono l energia irraggiata dal sole, utilizzandola per

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

352&(662',&20%867,21(

352&(662',&20%867,21( 352&(662',&20%867,21( Il calore utilizzato come fonte energetica convertibile in lavoro nella maggior parte dei casi, è prodotto dalla combustione di sostanze (es. carbone, metano, gasolio) chiamate combustibili.

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1 POTERE CALORIFICO DEI COMBUSTIBILI Il potere calorifico è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di 1 m³ di combustibili gassosi. Generalmente i combustibili hanno un determinato quantitativo

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

POLVERI SOTTILI ED EMISSIONI NELLA COMBUSTIONE A BIOMASSA: COME NON INQUINARE CON L INSTALLAZIONE CORRETTA. Arezzo, 13 Febbraio 2015

POLVERI SOTTILI ED EMISSIONI NELLA COMBUSTIONE A BIOMASSA: COME NON INQUINARE CON L INSTALLAZIONE CORRETTA. Arezzo, 13 Febbraio 2015 POLVERI SOTTILI ED EMISSIONI NELLA COMBUSTIONE A BIOMASSA: COME NON INQUINARE CON L INSTALLAZIONE CORRETTA Arezzo, 13 Febbraio 2015 LA TERMINOLOGIA TECNICA Normal Metro cubo: Nm³: unità di misura della

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC UNI 10389-1 le novità sulle analisi di combustione di caldaie a gas Cosa

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Forme di legna per energia

Forme di legna per energia Forme di legna per energia Categorie di legna per energia (norma CH) Legno naturale (proveniente dal bosco o dalle segherie) Scarti di legno (resti dell industria di lavorazione del legno) Legno vecchio

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012 Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA Impianto termico GENERAZIONE Gli impianti si suddividono in due grandi categorie:

Dettagli

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Provincia di Reggio Calabria Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio - Luglio 2008 I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Ilario De Marco Il sistema internazionale di unità di misura Lo studio di

Dettagli

Il Sistema Respiratorio. Fisica Medica

Il Sistema Respiratorio. Fisica Medica Il Sistema Respiratorio La respirazione Trachea Bronchi Muscoli del diaframma I muscoli che controllano la respirazione fanno variare volume e pressione interna ai polmoni Fase Inspirazione Espirazione

Dettagli

Esercizi di analisi della combustione

Esercizi di analisi della combustione Esercizi di analisi della combustione Esercizio n. 1 Un combustibile gassoso abbia la seguente composizione volumetrica: CH 4 84,1% C 2 H 6 (etano) 6,7% CO 2 0,8% N 2 8,4% Si calcoli l aria stechiometrica

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI Conoscere il rischio / Atmosfere esplosive CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI 1. Limiti di infiammabilità 1.1 Miscele di gas e vapori Le miscele comburente - combustibile si possono infiammare solo

Dettagli

I generatori di calore

I generatori di calore Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl I generatori di calore Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Generatore di calore: macchina comprendente le

Dettagli

Università degli Studi di Trento

Università degli Studi di Trento Università degli Studi di Trento Progetto Fuoco Le emissioni: quadro generale sulla misura degli inquinanti. Approfondimento sulle attività sperimentali di caratterizzazione delle emissioni 09/07/2009

Dettagli

REQUISITI TECNICI PER IMPIANTI A PEZZI DI LEGNO DI POTENZA <60kW

REQUISITI TECNICI PER IMPIANTI A PEZZI DI LEGNO DI POTENZA <60kW BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI TERMICI A TRONCHETTO DI LEGNA REQUISITI TECNICI PER IMPIANTI A PEZZI DI LEGNO DI POTENZA

Dettagli

SPIRENOX: l evoluzione del Gasogen

SPIRENOX: l evoluzione del Gasogen SPIRENOX: l evoluzione del Gasogen Una scelta ecocompatibile Unical, dopo anni di ricerca, introduce una nuova gaa di caldaie che sfrutta completamente l energia naturale sprigionata da un combustibile

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione Fonti energetiche convenzionali: combustibili,comburente, combustione, potere calorifico Calcolo del fabbisogno di energia primaria Docente Dott. Ing. Franco Barosso Dott. Ing.

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

30/04/2013. Generatori di calore a combustione

30/04/2013. Generatori di calore a combustione Generatori di calore a combustione 1 Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITENIO DI TORINO ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Prima sessione ANNO 009 Settore INDUSTRIALE - lasse 33/S Ingegneria Energetica e nucleare Terza prova (prova pratica

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

Chimica e Fisica del Fuoco. Chimica e fisica del fuoco -- Programma LEONARDO

Chimica e Fisica del Fuoco. Chimica e fisica del fuoco -- Programma LEONARDO Chimica e Fisica del Fuoco Obiettivo Divulgare alcuni principi base di prevenzione e lotta agli incendi che trovano una loro utilità nel più generale quadro della informazione sui rischi legati al luogo

Dettagli

ALLEGATO IX - Impianti termici civili

ALLEGATO IX - Impianti termici civili Riferimento: Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (Entrata in vigore del decreto: 29-4-2006) (succ. modificato dal d.lgs 29 giugno 2010 n. 128).. (omissis). ALLEGATO IX

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,OFDPSRGLLQILDPPDELOLWj

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,OFDPSRGLLQILDPPDELOLWj 3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,OFDPSRGLLQILDPPDELOLWj $77(1=,21( Un combustibile può bruciare solo se è miscelato con l aria entro limiti percentuali (in volume) ben precisi, compresi in un intervallo di valori

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

PRINCIPI DI ANTINCENDIO

PRINCIPI DI ANTINCENDIO Associazione Volontari Protezione Civile RIO VALLONE PRINCIPI DI ANTINCENDIO Aggiornamento : Giugno 2015 Principi sulla combustione e l incendio L incendio: Un fenomeno chimico fisico chiamato combustione

Dettagli

Lavoro d anno Corso di Energetica Industriale Professore: Antonio Ficarella

Lavoro d anno Corso di Energetica Industriale Professore: Antonio Ficarella Lavoro d anno Corso di Energetica Industriale Professore: Antonio Ficarella Nuova tecnologia per migliorare un impianto di riscaldamento ad uso domestico Sasha Luciana Catalini matricola: 10041516 a.a.

Dettagli

DETRAZIONE FISCALE 50%

DETRAZIONE FISCALE 50% DETRAZIONE FISCALE 50% L AZIENDA Il marchio MTR Caldaie nasce dall esperienza trentennale della Montresoro F.lli, azienda attiva da sempre nel settore caldaie per uso civile ed industriale. La nostra azienda

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

www.biohousing.eu.com Meno emissioni e una migliore efficienza nel riscaldamento a stufe Come riuscirci?

www.biohousing.eu.com Meno emissioni e una migliore efficienza nel riscaldamento a stufe Come riuscirci? www.biohousing.eu.com Meno emissioni e una migliore efficienza nel riscaldamento a stufe Come riuscirci? 1 ETA Energie Rinnovabili Verso un riscaldamento più confortevole e meno inquinante 1. Usare legna

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica 2 PiroVas - ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas - ThermoVas Bongioanni Caldaie da sempre sensibile ai problemi energetici

Dettagli

Misura in opera del rendimento di combustione UNI 10389

Misura in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Misura in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Il metodo da utilizzare per eseguire in esercizio l analisi dei prodotti della combustione e la determinazione del rendimento di combustione dei

Dettagli

Caldaie per usi civili. Costruzione. Classificazione

Caldaie per usi civili. Costruzione. Classificazione Caldaie per usi civili Negli usi civili le caldaie si distinguono in base alla potenza termica nominale (Pn). Un altro parametro che compare tra i dati di targa delle caldaie è la portata termica nominale,

Dettagli

DISPENSE TECNICHE. CIB UNIGAS S.p.a. Via C. Colombo, 9 35011 - Campodarsego (PD)

DISPENSE TECNICHE. CIB UNIGAS S.p.a. Via C. Colombo, 9 35011 - Campodarsego (PD) CIB UNIGAS S.p.a. Via C. Colombo, 9 35011 - Campodarsego (PD) Tel. 049-9200944 Fax 049-9201269 (Direzione Commerciale) 049-9200945 (Amministrazione) 049-9200671 (Ufficio Tecnico) Internet: www.cibunigas.it

Dettagli

Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO

Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO LA PRODUZIONE ENERGETICA DEL LEGNO tecnologie disponibili Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO Sommario Tecnologie tradizionali Ciclo Rankine a vapore Ciclo Rankine a fluido organico (ORC) Motore Stirling

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Matthias Raisch, Bosch Industriekessel GmbH Sfruttamento della condensazione Sfruttando la sperimentata tecnologia della condensazione, i gestori di caldaie a vapore

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI

ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI TERMICI A PEZZI DI LEGNA E A REQUISITI TECNICI pag. 1 INDICE 1. INDICAZIONI PER IL DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO 4 1.1 TEMPERATURA

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del presente opuscolo può essere riprodotta o diffusa con qualsiasi mezzo senza previa autorizzazione da

Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del presente opuscolo può essere riprodotta o diffusa con qualsiasi mezzo senza previa autorizzazione da Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del presente opuscolo può essere riprodotta o diffusa con qualsiasi mezzo senza previa autorizzazione da parte di Erretiesse S.p.A. 1 PRESENTAZIONE Questo opuscolo

Dettagli

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Le misure negli impianti Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Sommario Prova tenuta impianti

Dettagli

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 La scheda deve essere compilata dall installatore all atto della realizzazione di un nuovo impianto, alla ristrutturazione di un impianto

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE Le possibilità impiantistiche legate all utilizzo delle caldaie a condensazione OBIETTIVI

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Condividere saperi. I corsi di base della Fondazione Serughetti La Porta ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Il linguaggio. La comunicazione che vogliamo sentirci raccontare

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO La combustione del legno E la reazione chimica di ossidazione del legno che cede la propria energia liberando rapidamente calore. Il processo di combustione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura.

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura. Biomassa La materia organica vegetale è prodotta per effetto del processo di fotosintesi clorofilliana, che grazie all apporto dell energia del sole consente di trasformare semplici elementi minerali in

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

GENERATORI DI CALORE A BIOMASSE - www.semsystem.it

GENERATORI DI CALORE A BIOMASSE - www.semsystem.it GENERATORI DI CALORE A BIOMASSE - www.semsystem.it Si definisce biomassa qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, destinata a fini energetici o alla produzione di ammendante agricolo,

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

L ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

L ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E L ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Guida per l'ottenimento del patentino completa di quesiti d'esame di MAURIZIO MAGRI INDICE GENERALE

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com NAOHG LIVING WATER www.naohg.com LE GRANDI TRASFORMAZIONI ECONOMICHE DELLA STORIA AVVENGONO QUANDO UNA NUOVA TECNOLOGIA DI COMUNICAZIONE CONVERGE CON UN NUOVO SISTEMA ENERGETICO www.naohg.com COMPANY Registrata

Dettagli