PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA"

Transcript

1 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CALABRIA Distretto socio-assistenziale di BOVALINO 1

2 SCHEDE INTERVENTO 1. Erogazione di prestazioni di assistenza domiciliare socio-assistenziale integrate all assistenza socio-sanitaria Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata con servizi sanitari dell ASP di Reggio Calabria Distretto Sanitario della Locride b. Localizzazione DISTRETTO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) ,86 Il servizio sarà attuato utilizzando le risorse umane e strumentali dell ASP (personale medico, paramedico e mezzi di trasporto) in parte in economia e in parte attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni no-profit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. Nel costo delle spese generali si è tenuto conto della struttura orografica del territorio e del numero dei comuni eventualmente da raggiungere. b. N. ore erogate PAC c. N. utenti 40 - PAC

3 C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo Operatori socio sanitari ,20 Spese generali e IVA 8.442,66 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,86 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase Marzo 2014 a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo 2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile 2014/Dicembre 2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Intermedi E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,24 3

4 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI AFRICO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) ,92 Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 12 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 4

5 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,92 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,92 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 7.685, ,62 5

6 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 2 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI ANTONIMINA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,86 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 8 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 6

7 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,86 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,86 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 5.010, ,58 7

8 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 3 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI ARDORE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,48 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 20 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 8

9 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,48 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,48 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,65 9

10 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 4 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BENESTARE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,41 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 11 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 10

11 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,41 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,41 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 6.899, ,28 11

12 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 5 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BIANCO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,66 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 17 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 12

13 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,66 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,66 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,77 13

14 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 6 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BOVALINO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,23 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 29 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 14

15 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,23 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,23 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,15 15

16 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 7 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BRANCALEONE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,60 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 17 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 16

17 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,60 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,60 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,73 17

18 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 8 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BRUZZANO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,75 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 10 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 18

19 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,75 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,75 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 6.061, ,84 19

20 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 9 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CARAFFA DEL BIANCO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,60 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 20

21 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,60 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,60 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 3.968, ,74 21

22 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 10 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CARERI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,52 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 11 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 22

23 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,52 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,52 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 6.868, ,02 23

24 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 11 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CASIGNANA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,01 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 24

25 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,01 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,01 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.040, ,68 25

26 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 12 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CIMINA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,27 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 26

27 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,27 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,27 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.060, ,52 27

28 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 13 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI FERRUZZANO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,32 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 7 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 28

29 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,32 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,32 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.418, ,22 29

30 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 14 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI GERACE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,78 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 13 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 30

31 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,78 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,78 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 7.909, ,85 31

32 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 15 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI LOCRI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,24 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 40 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 32

33 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,24 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,24 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,49 33

34 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 16 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI PALIZZI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,80 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 13 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 34

35 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,80 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,80 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 8.461, ,53 35

36 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 17 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI PLATI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,57 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 11 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 36

37 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,57 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,57 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 7.225, ,71 37

38 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 18 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI PORTIGLIOLA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,57 F. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 8 - PAC G. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 38

39 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,57 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,57 H. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 I. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 5.183, ,71 39

40 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 19 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SAMO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,67 J. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 8 - PAC K. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 40

41 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,67 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,67 L. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 M. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.877, ,11 41

42 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 20 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SANT AGATA DEL BIANCO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,23 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 42

43 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,23 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,23 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 3.979, ,16 43

44 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 21 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SAN LUCA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,65 N. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 13 - PAC O. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 44

45 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,65 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,65 P. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 Q. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 8.410, ,43 45

46 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 22 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SANT ILARIO DELLO JONIO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,70 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 9 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 46

47 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,70 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,70 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 5.705, ,13 47

48 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 23 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI STAITI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,66 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 5 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 48

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DEL FORMULARIO PER LA DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA DEL

Dettagli

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI

Dettagli

PIANO DI AZIONE E COESIONE. Piano di Intervento Servizi di Cura per gli Anziani DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI DI AGRIGENTO

PIANO DI AZIONE E COESIONE. Piano di Intervento Servizi di Cura per gli Anziani DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI DI AGRIGENTO PIANO DI AZIONE E COESIONE Piano di Intervento Servizi di Cura per gli Anziani DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI DI AGRIGENTO Nota esplicativa al Punto 3. "Investimento in allestimenti, forniture e adozioni

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

Cooperativa sociale Vitasì impresa sociale

Cooperativa sociale Vitasì impresa sociale Cooperativa Vitasì Curriculum Aziendale Cooperativa sociale Vitasì impresa sociale ATTO COSTITUTIVO DEL 18/05/2006; STATUTO AGGIORNATO IN DATA 31.10.2006 NUMERO DI REP. 44489 REGISTRATO A REGGIOCALABRIA

Dettagli

IT90W100003245420300063329 PIAZZA DEL POPOLO AVELLINO

IT90W100003245420300063329 PIAZZA DEL POPOLO AVELLINO PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE Sportello di segretariato sociale. 1.a MACRO LIVELLO 1 SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO OBIETTIVI DI SERVIZIO A CUI VA RICONDOTTA LA TIPOLOGIA

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE SICILIANA 1. DATI

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Partanna Poggioreale Salaparuta - Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI Provincia Regionale di Enna DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.24 COMUNI DI PIAZZA ARMERINA BARRAFRANCA PIETRAPERZIA AIDONE PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

2. DOCUMENTAZIONE DA INVIARE A CURA DEI SOGGETTI PROPONENTI

2. DOCUMENTAZIONE DA INVIARE A CURA DEI SOGGETTI PROPONENTI Modalità di presentazione dei Piani di intervento relativi al primo riparto finanziario del Programma Servizi di cura del Piano d Azione per la Coesione 1. PREMESSA Il primo riparto delle risorse finanziarie

Dettagli

SETTORE POLITICHE SOCIALI ED EDUCATIVE

SETTORE POLITICHE SOCIALI ED EDUCATIVE CITTÀ di MONTESARCHIO Piazza San Francesco, 82016 Montesarchio (BN) 0824.892200, 0824.892290 info@comune.montesarchio.bn.it - http: www.comune.montesarchio.bn.it SETTORE POLITICHE SOCIALI ED EDUCATIVE

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 8 2. TITOLO AZIONE Servizio di Telesoccorso 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

ACCREDITAMENTO DI ENTI NON PROFIT PER L EROGAZIONE, ATTRAVERSO VOUCHER, DI

ACCREDITAMENTO DI ENTI NON PROFIT PER L EROGAZIONE, ATTRAVERSO VOUCHER, DI DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N 7 PROVINCIA DI AGRIGENTO Santa Margherita B Menfi Sambuca di Sicilia Sciacca Caltabellotta Montevago A. S.P. Agrigento Capofila AVVISO ACCREDITAMENTO DI ENTI NON PROFIT PER

Dettagli

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO

AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO 73034 Via P.tta del Gesù - Cod. Fisc. 81001150754 Tel./Fax 0833 548575 e-mail: ambitosociale.gaglianodelcapo@pec.rupar.puglia.it COMUNI DI: GAGLIANO DEL CAPO (Capofila)

Dettagli

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI Con deliberazione n. Capitolato Speciale di gara : 405 del 27.03.2013 è stata apportata la seguente modifica al ART.1 CAPITOLATO SPECIALE DI GARA. Si intende modificato nella parte in cui si prevede un

Dettagli

Comune Capofila : VETRALLA

Comune Capofila : VETRALLA PROGETTI DI INTERVENTI E SERVIZI PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI APPARTENENTI AL DISTRETTO SOCIALE VT 4 -Anno 2010- Comune Capofila : VETRALLA Comuni di : Barbarano Romano Villa San Giovanni in Tuscia

Dettagli

INFORMASALUTE. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari. REGGIO CALABRIA e Provincia. I Servizi Sanitari di

INFORMASALUTE. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari. REGGIO CALABRIA e Provincia. I Servizi Sanitari di Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

MI II. 4 Lik) 3/'3. ARTICOLO 1: Destinatari e requisiti di accesso

MI II. 4 Lik) 3/'3. ARTICOLO 1: Destinatari e requisiti di accesso LI I l DI VILLA SAN GIOVANNI Interna Protocollo n 0013139 del 16/07/2015 15:15:14 4 Lik) 3/'3 MI II CUITA. DI VILLA SAN GIOVANNI (Pim'. di Reni() Calabria) Comuni di Bagnara Calabra, Calanna. Campo Calabro,

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA INTERNA Comuni di: GALATRO, GIFFONE, SAN PIETRO DI CARIDA` Comuni di: CINQUEFRONDI, CITTANOVA, MOLOCHIO, POLISTENA, SAN GIORGIO MORGETO AGRUMETO 32000,00

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Università Vita e Salute Milano Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Georgia Casanova Università Vita e Salute San Raffaele, Milano geo.casanova@gmail.com

Dettagli

COMUNI SINDACI DELEGATI PRESENTI ASSENTI AGRIGENTO (COMUNE CAPOFILA) Marco Zambuto

COMUNI SINDACI DELEGATI PRESENTI ASSENTI AGRIGENTO (COMUNE CAPOFILA) Marco Zambuto DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona Comitini Favara Ioppolo Giancaxio - Porto Empedocle Raffadali - Santa Elisabetta Sant Angelo Muxaro Siculiana - Tel.0922 590244-fax 0922590204

Dettagli

"DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE N. 2 DI SAN MARCO ARGENTANO" PIANO DI AZIONE E COESIONE SERVIZI DI CURA AGLI ANZIANI PRIMO RIPARTO AVVISO PUBBLICO

DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE N. 2 DI SAN MARCO ARGENTANO PIANO DI AZIONE E COESIONE SERVIZI DI CURA AGLI ANZIANI PRIMO RIPARTO AVVISO PUBBLICO "DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE N. 2 DI SAN MARCO ARGENTANO" San Marco Argentano (Comune Capofila), Cervicati, Fagnano Castello, Malvito, Mongrassano, Mottafollone, Roggiano Gravina, San Donato di Ninea,

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SÌR\1 1)U UR \\- non autostifftrlmti PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 24 2. TITOLO AZIONE EDUCATIVA DOMICILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE UFFICIO DI PIANO Registro Generale Determinazioni n. 1263 del

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 BANDO

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 BANDO DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 Comune Calascibetta Comune Catenanuova Comune Centuripe Comune Erma Comune Valguaniera Comune Vitlarosa BANDO per l'assegnazione di buoni di servizio (voucher) assistenza

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1 Regione Lazio modulo interventi Misura 3 Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO LT/1 Misura 3 Interventi in materia di non autosufficienza (Parte seconda) 1 Regione Lazio modulo interventi

Dettagli

Dati contabili e fiscali C.F. 82000010726 P.I. 02411370725 IT58Q0100003245430300063812 Sede P.zza Margherita di Savoia 10

Dati contabili e fiscali C.F. 82000010726 P.I. 02411370725 IT58Q0100003245430300063812 Sede P.zza Margherita di Savoia 10 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE PUGLIA 1. DATI IDENTIFICATIVI

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA Provincia di Agrigento

COMUNE DI SCIACCA Provincia di Agrigento COMUNE DI SCIACCA Provincia di Agrigento Distretto Socio - Sanitario AG.7 Sciacca Caltabellotta Menfi Montevago Sambuca di Sicilia Santa Margherita di Belice ASP N1 AG ***** AVVISO PER LA INDIVIDUAZIONE

Dettagli

CURRICULUM VITAE EUROPEO

CURRICULUM VITAE EUROPEO CURRICULUM VITAE EUROPEO 1. Informazioni personali Dott. Aurelia Vottari Nata a S. Luca (RC) - Italia Data di nascita 07/02/1963 2. Indirizzo per la corrispondenza Indirizzo postale Via C. Colombo 223,

Dettagli

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE UFFICIO SERVIZI SOCIALI Registro Generale Determinazioni n. 1669

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 ALLEGATO B latafimi Castellammare del Golfo Alcamo Calatafimi Segesta A.S.P. N. 9 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 COMUNE DI ALCAMO CALATAFIMI SEGESTA CASTELLAMMARE DEL GOLFO A.S.P. N. 9 DISTRETTO SANITARIO

Dettagli

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) Prot. n. 21087 del 20.12.2013 P.A.C - PIANO DI AZIONE COESIONE

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CALABRIA 1. DATI

Dettagli

CURRICULUM VITAE FORMATIVO PROFESSIONALE TITOLI DI STUDIO

CURRICULUM VITAE FORMATIVO PROFESSIONALE TITOLI DI STUDIO CURRICULUM VITAE FORMATIVO PROFESSIONALE DATI ANAGRAFICI Nome : ELISEO Cognome : SORBARA Luogo di nascita : LOCRI Data di nascita : 04.04.1957 Residenza : LOCRI Domicilio : Via Nosside n 26 Tel.casa :

Dettagli

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti Paola Maccani Direttore Integrazione socio sanitaria APSS Valeria

Dettagli

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO 1. Continuità dell intervento X Nuovo ( Centro diurno) X In continuità con servizio già attivato ( Assistenza Domiciliare)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Distretto di Crotone

AVVISO PUBBLICO. Distretto di Crotone Comune di Crotone Comune di Cutro Comune di Isola C.R. Comune di Rocca di Neto Comune di Scandale Comune di San Mauro M. Comune di Belvedere S. AVVISO PUBBLICO Distretto di Crotone Il Comune di Crotone

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) UNITA ORGANIZZATIVA N. 2 Servizi alla persona, istruzione, infanzia, cultura, turismo, sport, associazionismo, gemellaggi, pari opportunità, servizio civile (Responsabile

Dettagli

AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO

AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO Allegato C CITTA' DI CATANZARO - COMUNE CAPOFILA Settore Politiche Sociali DISCIPLINARE PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI

Dettagli

Accordo per la Formazione

Accordo per la Formazione Allegato A Direzionale -Napoli- Il Sottoscritto/a Nat a Prov. il residente in via n. in qualità di legale rappresentante del soggetto proponente (in caso di A.T.I. o consorzio o altre forme di aggregazione

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. DETERMINAZIONE. Estensore SCARPINO STEFANO

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. DETERMINAZIONE. Estensore SCARPINO STEFANO REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. POLITICHE PER L'OCCUPAZIONE E SVILUPPO DETERMINAZIONE

Dettagli

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale Raffaele Tomba Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Agenzia sanitaria e sociale regionale Area innovazione sociale 1 Fasi

Dettagli

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità)

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità) Legge regionale 20 dicembre 2011, n. 44 Norme per il sostegno di persone non autosufficienti Fondo per la non autosufficienza (BUR n. 23 del 16 dicembre 2011, supplemento straordinario n. 3 del 22 dicembre

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA INTEGRATIVO

ACCORDO DI PROGRAMMA INTEGRATIVO ACCORDO DI PROGRAMMA INTEGRATIVO per la programmazione e realizzazione del servizio di Cure Domiciliari Integrate (CDI) a supporto del vigente Piano Sociale di Zona 2014 2016 e del Piano di Intervento

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 OGGETTO: Approvazione "Progetto di Sviluppo delle cure domiciliari

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE 1 PIANI ASSISTENZIALI INDIVIDUALIZZATI 1.a Classificazione dell Azione programmata (D.M. Lavoro e Politiche Sociali 26/06/2013 ) AREE DI INTERVENTO

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO ALMO ( Provincia di Ragusa)

COMUNE DI MONTEROSSO ALMO ( Provincia di Ragusa) REG. DELIB. N. 95 DEL 22/05/2015 COMUNE DI MONTEROSSO ALMO ( Provincia di Ragusa) *********** DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE - COPIA OGGETTO: Distretto Socio-Sanitario 44 - Erogazione servizi di

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

CARTA DELLA MOBILITÀ. R e v 0 d e l 1 1 / 0 1 / 2 0 1 2 P a g. 1 d i 5 8

CARTA DELLA MOBILITÀ. R e v 0 d e l 1 1 / 0 1 / 2 0 1 2 P a g. 1 d i 5 8 CARTA DELLA MOBILITÀ P a g. 1 d i 5 8 INDICE PARTE PRIMA LA CARTA DELLA MOBILITÀ Lettera al Cliente. Presentazione....... Pag. 3 Pag. 4 La Carta della Mobilità.. Pag. 5 Norme di riferimento.... Pag. 6

Dettagli

DETERMINA DIRIGENZIALE n. 15 del 30 agosto 2013 IL RESPONSABILE

DETERMINA DIRIGENZIALE n. 15 del 30 agosto 2013 IL RESPONSABILE CITTÀ DI SALA CONSILINA COMUNE CAPOFILA PIANO DI ZONA PER LO SVILUPPO SOCIALE DELL'AMBITO TERRITORIALE S10 (EX S4) UFFICIO DI PIANO VIA MEZZACAPO, 217 84036 SALA CONSILINA TEL. 0975-521180 FAX 0975-270168

Dettagli

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI

Dettagli

Quadro economico del progetto. Importo lavori a misura Importo spese generali Importo IVA altre voci. Quadro economico a seguito della gara di appalto

Quadro economico del progetto. Importo lavori a misura Importo spese generali Importo IVA altre voci. Quadro economico a seguito della gara di appalto aggiornamento 1) Titolo dell intervento Finanziamento regionale l.r. n.13/2008 ( ) Altri Finanziamenti ( ) (**) Note Livello di progettazione approvazione 2) SEZIONE DATI PROGETTUALI D APPALTO ENTE ATTUATORE

Dettagli

CITTA DI CATANZARO COMUNE CAPOFILA AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO

CITTA DI CATANZARO COMUNE CAPOFILA AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO CITTA DI CATANZARO COMUNE CAPOFILA AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO AVVISO PUBBLICO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A) PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 27 maggio 2014 Convocata la Giunta presieduta

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA ASL TA/1 - AVETRANA - FRAGAGNANO - LIZZANO - MARUGGIO - SAVA - TORRICELLA - MANDURIA AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA IL RESPONSABILE dell UFFICIO di PIANO Visto l art. 22 comma 2 lett.g della Legge

Dettagli

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale

Dettagli

COMUNE DI CROTONE. Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata con servizi sanitari del comune di Crotone 41 9.695 174.

COMUNE DI CROTONE. Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata con servizi sanitari del comune di Crotone 41 9.695 174. ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE N. 84 DEL 26.01.2015 COMUNE DI CROTONE Capitolato Speciale d Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.) per anziani ultrasessantacinquenni

Dettagli

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna 1 Gestione delle CRA (Casa Residenza Anziani) Gestione di ricoveri temporanei di sollievo per famiglie che assistono un anziano al domicilio Gestione dei CD

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49 Carlentini Lentini Francofonte A.S.P. Siracusa Capofila REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA Approvato con verbale n.8 del 04/12/2013 del Comitato

Dettagli

Comune di Caltanissetta

Comune di Caltanissetta Comune di Caltanissetta Comune Capofila del Distretto Socio-Sanitario D8 (Delia, Resuttano, Riesi, Santa Caterina Villarmosa, Sommatino) Piano di intervento Servizi di Cura per gli Anziani non autosufficienti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area:

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area: REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 381 02/09/2011 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 12312 DEL 09/06/2011 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

CITTÀ DI BISIGNANO MEDIA VALLE DEL CRATI AVVISO PUBBLICO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CITTÀ DI BISIGNANO MEDIA VALLE DEL CRATI AVVISO PUBBLICO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI BISIGNANO (PROVINCIA DI COSENZA) Cap. 87043 Tel. (0984) 951071 Fax (0984) 951178 C.F. e P.I. 00275260784 PEC: comune.bisignano.servsociali.istruzione@pec.it DISTRETTO SOCIO-ASSISTENZIALE MEDIA

Dettagli

Presidenziale del 16/ 05/ 2013 Pubblicato G.U.R.S. N. 27 DEL 07/ 06/ 2013 x. Regionale

Presidenziale del 16/ 05/ 2013 Pubblicato G.U.R.S. N. 27 DEL 07/ 06/ 2013 x. Regionale 1 4. Realizzazione di opere pubbliche Scheda n.: 4/3 A. Dati identificativi Comune di Bompietro a. Tipologia di servizio Nido/micro-nido x Servizio integrativo b. Regolamento servizi integrativi x Decreto

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

AVVISO DI PROCEDURA CONCORSUALE PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO E PARZIALE PER n. 20 Operatori Socio Sanitari

AVVISO DI PROCEDURA CONCORSUALE PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO E PARZIALE PER n. 20 Operatori Socio Sanitari AVVISO DI PROCEDURA CONCORSUALE PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO E PARZIALE PER n. 20 Operatori Socio Sanitari IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO DEL COMUNE DI SERRA SAN BRUNO

Dettagli

AZIONI TRASVERSALI UE - ITALIA - REGIONE - AMBITO TERRITORIALE

AZIONI TRASVERSALI UE - ITALIA - REGIONE - AMBITO TERRITORIALE Beneficiari 2012 non superiore a 20.000. Progetti di vita indipendente (PRO.V.I.) Persone con disabilità motoria/ affetti dagravi patologie neurodegenerative con permenenti limitazioni alla capacità di

Dettagli

Percorso di concertazione Piano di Azione Coesione, secondo riparto, per i servizi alla prima infanzia ed alle persone non autosufficienti

Percorso di concertazione Piano di Azione Coesione, secondo riparto, per i servizi alla prima infanzia ed alle persone non autosufficienti Percorso di concertazione Piano di Azione Coesione, secondo riparto, per i servizi alla prima infanzia ed alle persone non autosufficienti Tavolo di concertazione Piano Sociale di Zona/Sindacati Il giorno

Dettagli

responsabile. Le risorse stanziate sono destinate alle Calabria, Campania, Puglia, Sicilia.

responsabile. Le risorse stanziate sono destinate alle Calabria, Campania, Puglia, Sicilia. Il e la sua attuazione anticipano per molti aspetti la riforma della politica di coesione in via di approvazione da parte della Commissione europea, : orientare ogni azione agli obiettivi di miglioramento

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle Cure Primarie L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità Esperienze regionali a confronto:

Dettagli

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DISTRETTUALE PER SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

Programma Nazionale Servizi di cura alla prima infanzia e agli anziani non autosufficienti

Programma Nazionale Servizi di cura alla prima infanzia e agli anziani non autosufficienti PIANO D AZIONE COESIONE Programma Nazionale Servizi di cura alla prima infanzia e agli anziani non autosufficienti Marzo 2013 VERSIONE 1.0 0 Indice Prima parte - Impostazione strategica e prima fase di

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI NON AUTOSUFFICENTI (S.A.D.)

CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI NON AUTOSUFFICENTI (S.A.D.) CIG 560634456C Cat. 25 CPV 85312400-3 CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI NON AUTOSUFFICENTI (S.A.D.) 1. OBIETTIVO Il Servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Segretariato sociale e Servizio Sociale professionale (Art. 83 e 86 R.R. 4/2007)

Segretariato sociale e Servizio Sociale professionale (Art. 83 e 86 R.R. 4/2007) 1 2 AREA ANZIANI ü Servizio di Assistenza Domiciliare sociale SAD (art. 87 R.R. 4/2007) ü Servizi0 di Assistenza Domiciliare Integrata ADI (art. 88 R.R. 4/2007) ü Centro Sociale Polivalente per anziani

Dettagli

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009 PIANO DISTRETTUALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT 4 Comune Capofila VETRALLA Esercizio Finanziario 2009 SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER

Dettagli

Robinwood For Marie Piani partecipati di sviluppo rurale in aree montane (Buona prassi n.12)

Robinwood For Marie Piani partecipati di sviluppo rurale in aree montane (Buona prassi n.12) Robinwood For Marie Piani partecipati di sviluppo rurale in aree montane (Buona prassi n.12) Claudio Marcianò Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro forestali e Ambientali (DiSTAfA) Università degli

Dettagli

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1. Denominazione dell'ambito Territoriale BITONTO

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1. Denominazione dell'ambito Territoriale BITONTO PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE PUGLIA 1. DATI IDENTIFICATIVI

Dettagli

CURRICULUM VITAE EUROPEO

CURRICULUM VITAE EUROPEO CURRICULUM VITAE EUROPEO 1. Informazioni personali Dott. Aurelia Vottari Nata a S. Luca (RC) - Italia Data di nascita 07/02/1963 2. Indirizzo per la corrispondenza Indirizzo postale Via C. Colombo 223,

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1. Denominazione dell'ambito Territoriale FISCALE 00223940651?????????? Sede Via M. Alfani, 52?????

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1. Denominazione dell'ambito Territoriale FISCALE 00223940651?????????? Sede Via M. Alfani, 52????? PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI

Dettagli

LA RETE PRIVATASSISTENZA

LA RETE PRIVATASSISTENZA La prima rete nazionale di servizi per l'assistenza alla persona LA RETE PRIVATASSISTENZA PrivatAssistenza nasce nel 1993 con l obiettivo di creare una Rete di centri di assistenza domiciliare, che con

Dettagli

Comune di Rogliano Provincia di Cosenza SETTORE SOCIO-CULTURALE Tel. 0984/961001 -FAX 0984/961178 Mail: socioculturale@comune.rogliano.cs.

Comune di Rogliano Provincia di Cosenza SETTORE SOCIO-CULTURALE Tel. 0984/961001 -FAX 0984/961178 Mail: socioculturale@comune.rogliano.cs. Comune di Rogliano Provincia di Cosenza SETTORE SOCIO-CULTURALE Tel. 0984/961001 -FAX 0984/961178 Mail: socioculturale@comune.rogliano.cs.it CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ASSISTENZA

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 563 del 6-8-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 563 del 6-8-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 563 del 6-8-2015 O G G E T T O Servizio di "assistenza sistemistica per la gestione dell'infrastruttura server aziendale":

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli