PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA"

Transcript

1 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CALABRIA Distretto socio-assistenziale di BOVALINO 1

2 SCHEDE INTERVENTO 1. Erogazione di prestazioni di assistenza domiciliare socio-assistenziale integrate all assistenza socio-sanitaria Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata con servizi sanitari dell ASP di Reggio Calabria Distretto Sanitario della Locride b. Localizzazione DISTRETTO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) ,86 Il servizio sarà attuato utilizzando le risorse umane e strumentali dell ASP (personale medico, paramedico e mezzi di trasporto) in parte in economia e in parte attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni no-profit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. Nel costo delle spese generali si è tenuto conto della struttura orografica del territorio e del numero dei comuni eventualmente da raggiungere. b. N. ore erogate PAC c. N. utenti 40 - PAC

3 C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo Operatori socio sanitari ,20 Spese generali e IVA 8.442,66 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,86 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase Marzo 2014 a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo 2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile 2014/Dicembre 2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Intermedi E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,24 3

4 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI AFRICO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) ,92 Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 12 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 4

5 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,92 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,92 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 7.685, ,62 5

6 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 2 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI ANTONIMINA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,86 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 8 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 6

7 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,86 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,86 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 5.010, ,58 7

8 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 3 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI ARDORE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,48 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 20 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 8

9 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,48 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,48 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,65 9

10 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 4 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BENESTARE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,41 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 11 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 10

11 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,41 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,41 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 6.899, ,28 11

12 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 5 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BIANCO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,66 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 17 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 12

13 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,66 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,66 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,77 13

14 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 6 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BOVALINO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,23 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 29 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 14

15 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,23 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,23 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,15 15

16 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 7 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BRANCALEONE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,60 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 17 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 16

17 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,60 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,60 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,73 17

18 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 8 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI BRUZZANO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,75 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 10 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 18

19 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,75 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,75 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 6.061, ,84 19

20 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 9 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CARAFFA DEL BIANCO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,60 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 20

21 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,60 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,60 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 3.968, ,74 21

22 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 10 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CARERI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,52 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 11 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 22

23 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,52 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,52 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 6.868, ,02 23

24 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 11 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CASIGNANA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,01 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 24

25 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,01 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,01 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.040, ,68 25

26 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 12 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI CIMINA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,27 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 26

27 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,27 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,27 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.060, ,52 27

28 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 13 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI FERRUZZANO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,32 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 7 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 28

29 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,32 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,32 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.418, ,22 29

30 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 14 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI GERACE c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,78 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 13 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 30

31 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,78 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,78 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 7.909, ,85 31

32 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 15 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI LOCRI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,24 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 40 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 32

33 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,24 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,24 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , ,49 33

34 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 16 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI PALIZZI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,80 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 13 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 34

35 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,80 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,80 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 8.461, ,53 35

36 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 17 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI PLATI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,57 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 11 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 36

37 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,57 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,57 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 7.225, ,71 37

38 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 18 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI PORTIGLIOLA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,57 F. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 8 - PAC G. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 38

39 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,57 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,57 H. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 I. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 5.183, ,71 39

40 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 19 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SAMO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,67 J. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 8 - PAC K. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 40

41 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,67 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,67 L. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 M. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 4.877, ,11 41

42 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 20 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SANT AGATA DEL BIANCO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,23 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 6 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 42

43 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,23 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,23 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 3.979, ,16 43

44 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 21 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SAN LUCA c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,65 N. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 13 - PAC O. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 44

45 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,65 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,65 P. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 Q. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 8.410, ,43 45

46 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 22 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI SANT ILARIO DELLO JONIO c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,70 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 9 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 46

47 Personale (OSA, assistenti domiciliari) e spese generali ,70 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,70 D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (Mese e Anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Marzo/2014 b. Esecuzione fornitura/attività Aprile/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) Luglio/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 5.705, ,13 47

48 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in CDI Scheda n.: 23 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Servizi di assistenza domiciliare socio- assistenziale per utenti anziani non autosufficienti, ma non in CDI del Distretto. b. Localizzazione COMUNE DI STAITI c. Soggetto attuatore COMUNE CAPOFILA d. Responsabile Unico di Procedimento PRIMERANO MARCELLO e. Contatti del RUP Tel/Fax f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,66 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) Il servizio sarà attuato utilizzando in parte in economia e in parte operatori socio sanitari - attraverso appalti pubblici a soggetti del privato sociale come Cooperative, Associazioni noprofit ai sensi del Decreto Legislativo n.163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per gli appalti sarà chiesto nella procedura di gara che sia garantito l impiego di personale avente i requisiti qualitativi previsti dalla legge in materia di qualificazione (OSS ). I costi dell assistente sociale coordinatore sono compresi tra le spese del PUA. b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Lo stato di bisogno di assistenza socio assistenziale verrà valutato dal PUA. appositamente presso il distretto, che provvederà alla presa in carico e al piano individualizzato di assistenza. c. N. ore erogate PAC d. N. utenti 5 - PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo 48

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

COMUNE CAPOFILA LOCRI

COMUNE CAPOFILA LOCRI Città di Locri Comune Capofila COMUNE CAPOFILA LOCRI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD DELLA LOCRIDE ASP N.5 Comuni: AFRICO - ANTONIMINA ARDORE - BENESTARE - BIANCO - BOVALINO - BRANCALEONE - BRUZZANO

Dettagli

C O M U N E D I B O V A L I N O

C O M U N E D I B O V A L I N O C O M U N E D I B O V A L I N O 89034 - PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA C.F. 81000710806 UNITA OPERATIVA AMMINISTRATIVA-AFFARI GENERALI (Tel /fax 0964/672309) e.mail: segreteria.bovalino@asmepec.it COMUNE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3032 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE PAOLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 LUGLIO 2004 Istituzione della provincia di Locri Siderno-Melito Porto

Dettagli

All. 1. Ambito sociale S9/ Distretto sanitario n. 71

All. 1. Ambito sociale S9/ Distretto sanitario n. 71 Piano di Azione Coesione Programma nazionale per i Servizi di Cura all Infanzia e agli Anziani non autosufficienti Piani di intervento Rimodulazione dei cronoprogrammi di spesa ANZIANI All. 1 Ambito sociale

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CALABRIA 1. DATI

Dettagli

Rif. D.G.R. Regione Calabria n. 360 del 23/06/2009

Rif. D.G.R. Regione Calabria n. 360 del 23/06/2009 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD DELLA LOCRIDE AFRICO ANTONIMINA ARDORE BENESTARE BIANCO BOVALINO BRANCALEONE BRUZZANO ZEFFIRIO CARAFFA DEL BIANCO CARERI CASIGNANA CIMINA FERRUZZANO GERACE LOCRI PALIZZI PLATI

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA C /te. 3 S R\i 1)1 CURA all'infanna «a (li anziani PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE

Dettagli

Città di Locri. Provincia di Reggio Calabria pec : tel 0964/ /391442

Città di Locri. Provincia di Reggio Calabria  pec : tel 0964/ /391442 Prot. N 17374 del 31 agosto 2016 Città di Locri Provincia di Reggio Calabria www.comune.locri.rc.it pec : dis.ss.sudlocride@amepec.it tel 0964/391435 0964/391442 Comune Capofila del Distretto Socio-Sanitario

Dettagli

Situazione secondo la vecchia regola. Altitudine al centro

Situazione secondo la vecchia regola. Altitudine al centro Altitudine: In base alla nuova : 1) Da 601 metri tutti i terreni sono Africo 15 Nessuna Esenzione per tutti i terreni Agnana Calabra 210 Nessuna Nessuna Anoia 210 Nessuna Nessuna Antonimina 327 Esenzione

Dettagli

PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia

PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia Linee guida e Formulari per gli Ambiti territoriali della Regione Puglia Il Programma servizi di cura

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. III ann. Progetto di durata triennale AMBITO TERRITORIALE N.6 PROV TA ASL TA 1.1

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGIONALE (ATERP CALABRIA)

AZIENDA TERRITORIALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGIONALE (ATERP CALABRIA) C.\ L ABRIA REGIONE CALABRIA AZIENDA TERRITORIALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGIONALE (ATERP CALABRIA) Decreto n. 'lo/r del A' /42 }'2(} ~ J, del Registro Unità Tecnica dell'aterp Calabria Oggetto:

Dettagli

GESTIONE ASSOCIATA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI

GESTIONE ASSOCIATA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI COPIA AMBITO DI MARTANO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE UFFICIO DI PIANO Registro Servizio Sociale di Ambito n. 38 del 15/04/2016 OGGETTO: Determina a contrarre

Dettagli

COMUNI DELLA LOCRIDE RICADENTI NEL COMPRENSORIO DI COMPETENZA DEL SERVIZIO MULTIFUNZIONE DI LOCRI

COMUNI DELLA LOCRIDE RICADENTI NEL COMPRENSORIO DI COMPETENZA DEL SERVIZIO MULTIFUNZIONE DI LOCRI COMUNI DELLA LOCRIDE RICADENTI NEL COMPRENSORIO DI COMPETENZA DEL SERVIZIO MULTIFUNZIONE DI LOCRI N. ORD. 1 2 3 4 COMUNE INDIRIZZO Piazza Municipio, 1 89030 AFRICO 0964 991109 Fax 0964 991092 Sindaco 0964

Dettagli

DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE A COMUNE CAPOFILA ALATRI (FR)

DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE A COMUNE CAPOFILA ALATRI (FR) DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE A COMUNE CAPOFILA ALATRI (FR) PIANO DI ZONA 2013 ALLEGATO A: Piano Distrettuale per i Piccoli Comuni 1 CONTATTI DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE A Piazza Caduti di Nassiriya

Dettagli

Dati generali della procedura

Dati generali della procedura 1/6 Dati generali della procedura Numero RDO: 1413167 Descrizione RDO: Copia di Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) per anziani non non in ADI/CDI Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente

Dettagli

Dai sistemi locali alle regioni turistiche: analisi territoriale e socio-economica

Dai sistemi locali alle regioni turistiche: analisi territoriale e socio-economica Attività 2.6 Studi Socio Economici Aree costiere di Monasterace e Bagnara Calabra GEO_lab Monasterace Bagnara Calabra Dai sistemi locali alle regioni turistiche: analisi territoriale e socio-economica

Dettagli

Una Cicala a domicilio SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Una Cicala a domicilio SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Cicala Home Care Premium 2011 Una Cicala a domicilio SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Partner di progetto Cooperativa Cleto Cooperativa di Servizi Professionali operante nel settore dei servizi

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA INTERNA Comuni di: GALATRO, GIFFONE, SAN PIETRO DI CARIDA` Comuni di: CINQUEFRONDI, CITTANOVA, MOLOCHIO, POLISTENA, SAN GIORGIO MORGETO AGRUMETO 32000,00

Dettagli

LIVEAS Assistenza Domiciliare e Altro - Progetti di prevenzione

LIVEAS Assistenza Domiciliare e Altro - Progetti di prevenzione DIRITTI DEI BAMBINI E DOVERI DEGLI ADULTI 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia LIVEAS Assistenza

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 455 SETTORE Settore Welfare Cittadino NR. SETTORIALE 128 DEL 16/05/2016 OGGETTO: PAC ANZIANI I RIPARTO - SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Settore 14 - Pianificazione territoriale, Programmazione, Urbanistica e Trasporti Ufficio del Piano

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Settore 14 - Pianificazione territoriale, Programmazione, Urbanistica e Trasporti Ufficio del Piano ROVINCIA I RGGIO CALABRIA Settore 14 - ianificazione territoriale, rogrammazione, Urbanistica e Trasporti Ufficio del iano OR FSR Titolo Importo Stato della progettazione 1 Realizzazione di parcheggi di

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE UNDICESIMA SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DISTRETTUALE 1.a Classificazione dell Azione programmata (D.M. Lavoro e Politiche Sociali 26/06/2013

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 662 05/05/2015 Oggetto : Approvazione della seconda tranche di spesa,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2120 DEL 15/09/2016

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2120 DEL 15/09/2016 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2120 DEL 15/09/2016 SETTORE SOCIO SANITARIO E SERVIZI ALLA PERSONA OGGETTO: PAC ANZIANI I RIPARTO. AMBITO DI ANDRIA DECRETO FINANZIAMENTO N. 460/2015- ATTUAZIONE SCHEDA INTERVENTO

Dettagli

ALLEGATO 7. Nome del Servizio / progetto: ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER DIVERSAMENTE ABILI

ALLEGATO 7. Nome del Servizio / progetto: ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER DIVERSAMENTE ABILI ALLEGATO 7 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi Ambito N.17 Codice Area Intervento: 5.2 (il codice deve corrispondere a quello indicato nelle schede 3.3) Area di intervento: DISABILI Progetto

Dettagli

- DATI TECNICI DELL APPALTO

- DATI TECNICI DELL APPALTO ALLEGATO N. 1 al Capitolato d Appalto COMUNE DI LATINA OGGETTO: PROCEDURA APERTA AI SENSI DELL ART. 55, DEL D.L.VO 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEL PROGETTO AZIONE - SUPPORTO ALLA DOMICILIARITA- SERVIZIO

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MALNATE E LA SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO DI MALNATE E DELL INSUBRIA PER L INSERIMENTO DI ANZIANI PRESSO IL CENTRO DIURNO

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MALNATE E LA SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO DI MALNATE E DELL INSUBRIA PER L INSERIMENTO DI ANZIANI PRESSO IL CENTRO DIURNO CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MALNATE E LA SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO DI MALNATE E DELL INSUBRIA PER L INSERIMENTO DI ANZIANI PRESSO IL CENTRO DIURNO INTEGRATO ******************** PREMESSO che: ------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PLUS IGLESIAS PUNTO UNICO D ACCESSO

PLUS IGLESIAS PUNTO UNICO D ACCESSO \ PLUS IGLESIAS Provincia di Carbonia/Iglesias Azienda Sanitaria Locale n. 7 Comuni di : Iglesias, Musei, Villamassargia, Domusnovas, Gonnesa, Fluminimaggiore, Buggerru. REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE

Dettagli

Settore 10 Agricoltura Caccia e Pesca REGGIO CALABRIA. Reggio Calabria

Settore 10 Agricoltura Caccia e Pesca REGGIO CALABRIA. Reggio Calabria Settore 10 Agricoltura Caccia e Pesca Prot. Reggio Calabria RACC. A/R Tit. Classe Sottoclasse Fasc. Sottofasc. Anno 2016 AL SINDACO DEL COMUNE DI Oggetto: Trasmissione Avviso di cui al D.M. del 10.03/2016

Dettagli

COMUNE CAPOFILA NOTO. Settore VII WELFARE

COMUNE CAPOFILA NOTO. Settore VII WELFARE COMUNE CAPOFILA NOTO Settore VII WELFARE PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN A.D.I. (INTERVENTI P.A.C.) TRAMITE VOUCHER L

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Centri Diurni per Anziani Interventi per la Realizzazione, potenziamento e riqualificazione di Centri Diurni per Anziani

AVVISO PUBBLICO Centri Diurni per Anziani Interventi per la Realizzazione, potenziamento e riqualificazione di Centri Diurni per Anziani UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA Dipartimento n.10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato POR CALABRIA FONDO EUROPEO

Dettagli

DOMANDA PER L ATTIVAZIONE DI UN PROGETTO A SOSTEGNO DELLA VITA INDIPENDENTE

DOMANDA PER L ATTIVAZIONE DI UN PROGETTO A SOSTEGNO DELLA VITA INDIPENDENTE DOMANDA PER L ATTIVAZIONE DI UN PROGETTO A SOSTEG DELLA VITA INDIPENDENTE - AN 2015 - Intervento in attuazione della DGR 2883/2014 - Fondo Non Autosufficienze - 2014 Ambito territoriale n 11 del Garda

Dettagli

Determinazione del dirigente Numero 1548 del 18/12/2015

Determinazione del dirigente Numero 1548 del 18/12/2015 Determinazione del dirigente Numero 1548 del 18/12/2015 Oggetto : 05 PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014. PRESTAZIONI INTEGRATIVE PER UTENTI IN RESIDENZA PROTETTA, ACCERTAMENTO E IMPEGNO DI SPESA. Proponente

Dettagli

GESTIRE A CASA IL FAMILIARE NON AUTOSUFFICIENTE: COSA FARE? CHI MI PUO AIUTARE?

GESTIRE A CASA IL FAMILIARE NON AUTOSUFFICIENTE: COSA FARE? CHI MI PUO AIUTARE? GESTIRE A CASA IL FAMILIARE NON AUTOSUFFICIENTE: COSA FARE? CHI MI PUO AIUTARE? Assistente Sociale Barbara Miscoria Cividale del Friuli 16 gennaio 2012 L AMBITO DISTRETTUALE Si riferisce a una realtà territoriale

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE

PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE Programma Nazionale per i Servizi di cura all infanzia e agli anziani non autosufficienti Dipartimento Politiche Sociali - CISL Campania Il Piano di Azione per la Coesione

Dettagli

Regione Toscana. I percorsi di presa in carico della persona non autosufficiente. Legge Regionale n. 66 del 18 dicembre 2008

Regione Toscana. I percorsi di presa in carico della persona non autosufficiente. Legge Regionale n. 66 del 18 dicembre 2008 Regione Toscana. I percorsi di presa in carico della persona non autosufficiente. Legge Regionale n. 66 del 18 dicembre 2008 DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Residenzialità Territoriale,

Dettagli

Gli orientamenti della Regione Sardegna sui sistemi di valutazione e classificazione dell anziano e del disabile

Gli orientamenti della Regione Sardegna sui sistemi di valutazione e classificazione dell anziano e del disabile Dai sistemi di valutazione e classificazione un modello per la governance Gli orientamenti della Regione Sardegna sui sistemi di valutazione e classificazione dell anziano e del disabile Cagliari, 26 ottobre

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE COPIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 3. Servizi Socio-Educativi N. 75 del Reg. Data 29/03/2016 N. 313 del Reg. Generale OGGETTO SERVIZIO

Dettagli

Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie /019 Settore Famiglia, Promozione della Sussidiarietà e Domiciliarità

Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie /019 Settore Famiglia, Promozione della Sussidiarietà e Domiciliarità Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2011 00381/019 Settore Famiglia, Promozione della Sussidiarietà e Domiciliarità CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

Città di Vittoria (Provincia di Ragusa)

Città di Vittoria (Provincia di Ragusa) Città di Vittoria (Provincia di Ragusa) DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D 43 VITTORIA-COMISO -ACATE IL COMITATO DEI SINDACI Data...21.11.2013... Verbale di Adozione del Piano di Azione e Coesione per la formulazione

Dettagli

CUP: DENOMINAZIONE/TITOLO DELL INTERVENTO OGGETTO DELLA PROPOSTA

CUP: DENOMINAZIONE/TITOLO DELL INTERVENTO OGGETTO DELLA PROPOSTA Allegato Scheda per la presentazione della proposta progettuale CIRCOLARE - Programmazione MiBACT SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA PROPOSTA CUP:. 1.1 - DENOMINAZIONE/TITOLO DELL INTERVENTO OGGETTO DELLA PROPOSTA

Dettagli

PIANO DI ZONA Annualità 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA

PIANO DI ZONA Annualità 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PIANO DI ZONA 2012-2014 Annualità 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA 1. Titolo del progetto Assistenza domiciliare indiretta. 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Sì 4. Se il progetto dà

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2014

CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2014 Servizio Tutela Minori Tempestività CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2014 + I casi valutati come urgenti dall equipe sono presi in carico entro 48 ore dalla segnalazione. intervento personalizzato

Dettagli

7. Descrizione delle attività e delle prestazioni erogate dal servizio

7. Descrizione delle attività e delle prestazioni erogate dal servizio SEGRETARIATO SOCIALE E P.U.A. PUNTO UNICO DI ACCESSO INTEGRATO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Multiarea 5. Macrotipologia

Dettagli

All. 8 - Richiesta contributo servizio trasporto - facilitazioni di viaggio alunni normodotati. Scuolabus , , , ,00

All. 8 - Richiesta contributo servizio trasporto - facilitazioni di viaggio alunni normodotati. Scuolabus , , , ,00 All. 8 - Richiesta contributo trasporto - facilitazioni di viaggio normodotati AFRICO AGNANA CALABRA Agnana Canolo I.C. "M. Bello - G. Pedullà - Agnana" I.C. "M. Bello - G. Pedullà - Agnana" Istituto comprensivo

Dettagli

Nome MAURI VALERIA Indirizzo 21, VIA FRANCESCO BARACCA MELZO (MI) Telefono

Nome MAURI VALERIA Indirizzo 21, VIA FRANCESCO BARACCA MELZO (MI) Telefono F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo 21, VIA FRANCESCO BARACCA 20066 MELZO (MI) Telefono 3471503016 E-mail bonannici11@gmail.com Nazionalità ITALIANA Data di nascita

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DEL FORMULARIO PER LA DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA DEL

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 42 del 09 settembre 2002 REGIONE CAMPANIA - Settore Assistenza Sociale, Centro Direzionale, Is. A/6 - Napoli - Bando per la presentazione delle domande di

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE IN FAVORE DI PERSONE ANZIANE.

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE IN FAVORE DI PERSONE ANZIANE. DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE IN FAVORE DI PERSONE ANZIANE. 1 INDICE DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE IN FAVORE DI

Dettagli

Le risorse derivanti dal finanziamento ad hoc hanno permesso di programmare le seguenti azioni nei territori:

Le risorse derivanti dal finanziamento ad hoc hanno permesso di programmare le seguenti azioni nei territori: Documento presentato ed approvato alla seduta dell UDP della CTSS del 15/12/2014 RENDICONTAZIONE UTILIZZO RISORSE FRNA - QUOTA PER NUOVE FORME SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA' ANNO 2013 DOCUMENTO DI SINTESI

Dettagli

2. TITOLO AZIONE Potenziamento A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata (AREA: ANZIANI e/o DISABILI)

2. TITOLO AZIONE Potenziamento A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata (AREA: ANZIANI e/o DISABILI) 1. NUMERO AZIONE 7 2. TITOLO AZIONE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ EROGAZIONE DI CURE DOMICILIARI INTEGRATE DI PRIMO E SECONDO LIVELLO come definite nel documento della Commissione Nazionale LEA con Decreto

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI SECONDO RIPARTO

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI SECONDO RIPARTO DISTRETTO SOCIO-ASSISTENZIALE N.1 NORD DI CAULONIA RC ( AGNANA CALABRA BIVONGI CAMINI CANOLO CAULONIA GIOIOSA JONICA GROTTERIA MAMMOLA MARINA DI GIOIOSA JONICA MARTONE MONASTERACE - PAZZANO PLACANICA RIACE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 1329 16/09/2015 Oggetto : Approvazione della quarta tranche di spesa,

Dettagli

4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza di riferimento

4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza di riferimento MODULO PER PROGETTI 1. Titolo del progetto Servizio Sociale di zona 2. 1 Nuovo progetto - Sì - No x 3. Progetto già avviato - Sì x - No 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati,

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL FRIGNANO Sede : PAVULLO NEL FRIGNANO Provincia di Modena

UNIONE DEI COMUNI DEL FRIGNANO Sede : PAVULLO NEL FRIGNANO Provincia di Modena UNIONE DEI COMUNI DEL FRIGNANO Sede : PAVULLO NEL FRIGNANO Provincia di Modena SERVIZIO SOCIALE ASSOCIATO E UFFICIO DI PIANO Class. Uff. n. 231/2015 DETERMINAZIONE N. 585 del 31/12/2015 C O P I A OGGETTO

Dettagli

# "$"% # &!!' " #!"# ( " " ) #! *

# $% # &!!'  #!# (   ) #! * !!"!# # "$"% # &!!' " #!"# ( " " ) #! * Vista la legge regionale 19 maggio 1998, n. 10 Norme in materia di tutela della salute e di promozione sociale delle persone anziane con la quale, tra l altro, all

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO DI S.C. PROVVEDITORATO ECONOMATO

IL COORDINATORE UNICO DI S.C. PROVVEDITORATO ECONOMATO ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000454 del 13/04/2016 - Atti U.O. Provveditorato Oggetto: PROROGA DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE LAVORO PER N. 3 OSS E N. 2 MAGAZZINIERI FARMACIA

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI..DI DETERMINAZIONE DIRETTORE ASSL Cagliari N DET8-2017-819 DEL 13/10/2017 Dott. Paolo Tecleme (firma digitale

Dettagli

Linee guida sul funzionamento del Punto Unico di Accesso nel processo delle Cure Domiciliari Integrate e nei percorsi socio-sanitari

Linee guida sul funzionamento del Punto Unico di Accesso nel processo delle Cure Domiciliari Integrate e nei percorsi socio-sanitari Allegato alla Delib.G.R. n. 15/24 del 13.4.2010 Linee guida sul funzionamento del Punto Unico di Accesso nel processo delle Cure Domiciliari Integrate e nei percorsi socio-sanitari sanitari Il Punto Unico

Dettagli

Distretto Socio Sanitario n. 35 PETRALIA SOTTANA. PETRALIA SOTTANA

Distretto Socio Sanitario n. 35 PETRALIA SOTTANA. PETRALIA SOTTANA Denominazione del Distretto socio-sanitario Comune Capofila Distretto Socio Sanitario n. 35 PETRALIA SOTTANA Dati contabili e fiscali 83000710828 Sede Indirizzo di PEC del Comune Capofila Contatto Comune

Dettagli

NOME MANIFESTAZIONE DESCRIZIONE GIOVEDI SANTO S. Messa in Coena Domini

NOME MANIFESTAZIONE DESCRIZIONE GIOVEDI SANTO S. Messa in Coena Domini INFORMAZIONE TURISTICHE A TUTELA DELL OSPITE FESTE POPOLARI-SAGRE-FOLKLORE NELLA RIVIERA DEI GELSOM INI DAL 13 APRILE AL 17 APRILE DATA ORA COMUNE LUOGO 19.30 Ardore Marina - S. Maria del Pozzo NOME MANIFESTAZIONE

Dettagli

Dalla Legge 328/2000 ai Piani di Zona: impegno e ruolo del Sindacato

Dalla Legge 328/2000 ai Piani di Zona: impegno e ruolo del Sindacato XXII ed. corso di formazione per quadri UILP e volontari A.D.A. «Diritti di cittadinanza e giustizia sociale per un Sindacato più forte» UILP PUGLIA ADA BARI Montesilvano (PE) 08/09/2016 Silvana Roseto

Dettagli

art. 3 individuazione aree intervento modalità di presentazione delle domande criteri e modalità di riparto rendicontazione entrata in vigore

art. 3 individuazione aree intervento modalità di presentazione delle domande criteri e modalità di riparto rendicontazione entrata in vigore Regolamento per la determinazione per l anno 2015 dei criteri di riparto e delle modalità di utilizzo della quota di cui all articolo 39, comma 2, della legge regionale 31 marzo 2006, n. 6 (Sistema integrato

Dettagli

COMUNE DI COLORNO. Provincia di Parma PROGETTO HOME CARE PREMIUM ELENCHI BENEFICIARI E RELATIVI PROVVEDIMENTI.

COMUNE DI COLORNO. Provincia di Parma PROGETTO HOME CARE PREMIUM ELENCHI BENEFICIARI E RELATIVI PROVVEDIMENTI. COMUNE DI COLORNO Provincia di Parma DETERMINAZIONE N. 64 Data di Registrazione 24/02/ OGGETTO: PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2012. ELENCHI BENEFICIARI E RELATIVI PROVVEDIMENTI. IL RESPONSABILE DEL IV SETTORE

Dettagli

Comune di Giugliano in Campania. Piano Dettagliato degli Obiettivi 2012

Comune di Giugliano in Campania. Piano Dettagliato degli Obiettivi 2012 Servizio : 3.0 - SETTORE WELFARE ob12-3.0-01 - Obiettivo strategico n. 01: Implementazione Welfare attivo - [Ambito Strategico: Integrazione e coesione sociale] Tipo Obiettivo Misurazione Unità di misura

Dettagli

PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino ALL.C PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI DOMICILIARI

PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino ALL.C PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI DOMICILIARI PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino ALL.C PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI DOMICILIARI Premesso che con determinazione dirigenziale n. del

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO DI S.C. PROVVEDITORATO ECONOMATO

IL COORDINATORE UNICO DI S.C. PROVVEDITORATO ECONOMATO ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2017 Deliberazione n. 0000813 del 21/04/2017 - Atti U.O. Provveditorato Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER INFERMIERI,

Dettagli

Società della Salute della Valdera

Società della Salute della Valdera Società della Salute della Valdera Oggetto: Avviso di istruttoria pubblica per la presentazione di manifestazione di interesse per la costituzione di un elenco di operatori economici erogatori di prestazioni

Dettagli

La nuova normativa sull accreditamento socioassistenziale nella Regione Lazio: cosa cambia. Ma è davvero facoltativa?.

La nuova normativa sull accreditamento socioassistenziale nella Regione Lazio: cosa cambia. Ma è davvero facoltativa?. La nuova normativa sull accreditamento socioassistenziale nella Regione Lazio: cosa cambia. Ma è davvero facoltativa?. Roma, 26 Gennaio 2016 Dott. Massimo Scarpetta RCS CONSULTING Esperto di Organizzazione

Dettagli

AMBITO DISTRETTUALE DI ARCISATE

AMBITO DISTRETTUALE DI ARCISATE PIANO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013 Premessa La Regione Lombardia con la DGR116/2013 determinazioni in ordine all istituzione del fondo regionale a sostegno della famiglie e dei suoi componenti

Dettagli

degli interventi a favore di persone non autosufficienti Quarta annualità ,120

degli interventi a favore di persone non autosufficienti Quarta annualità ,120 Copia Comune d i Ardore Provincia di Reggio Calabria Via Vittorio Emanuele II, 35 Tel. 0964/64366 Fax 0964/624804 Sito: www.comune.ardore.rc.it P.IVA 00725530802 C.F. 81000590802 N. 37 Reg. Det. Del: 27/05/2016.

Dettagli

COMUNE DI ERBEZZO Provincia di Verona Via Roma n Erbezzo (VR) Tel fax

COMUNE DI ERBEZZO Provincia di Verona Via Roma n Erbezzo (VR) Tel fax COMUNE DI ERBEZZO Provincia di Verona Via Roma n. 73 37020 Erbezzo (VR) Tel 045.7075013 fax 045.7075218 e-mail: tecnico-erbezzo@tiscali.it AREA TECNICA DETERMINAZIONE n 1 del 4 gennaio 2016 OGGETTO: GARA

Dettagli

La Rete dei Servizi. Coordinatore Infermieristico dr.ssa Adriana Mazzocchetti RSA Città Sant Angelo AUSL PESCARA

La Rete dei Servizi. Coordinatore Infermieristico dr.ssa Adriana Mazzocchetti RSA Città Sant Angelo AUSL PESCARA La Rete dei Servizi Coordinatore Infermieristico dr.ssa Adriana Mazzocchetti RSA Città Sant Angelo AUSL PESCARA Residenze Sanitarie Assistenziali La RSA è una struttura extraospedaliera finalizzata a fornire

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N14 (ex Art. 10, comma 2, lett. e) punti a) e 5) della L.R.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N14 (ex Art. 10, comma 2, lett. e) punti a) e 5) della L.R. AMBITO TERRITORIALE N14 LEGGE 328/00 Comune di Giugliano in Campania ASL NA2 NORD Comune Capofila: Giugliano in Campania REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE

Dettagli

Il diritto alle prestazioni decade al variare delle condizioni del destinatario.

Il diritto alle prestazioni decade al variare delle condizioni del destinatario. AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (NON IN CDI) E PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CURE DOMICILIARI INTEGRATE (CDI) AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI.

Dettagli

Il diritto alle prestazioni decade al variare delle condizioni del destinatario.

Il diritto alle prestazioni decade al variare delle condizioni del destinatario. AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (NON IN CDI) E PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CURE DOMICILIARI INTEGRATE (CDI) AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI.

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA B2 A FAVORE DI PERSONE CONM DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI DGR 5940/2016

PIANO OPERATIVO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA B2 A FAVORE DI PERSONE CONM DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI DGR 5940/2016 PIANO OPERATIVO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA B2 A FAVORE DI PERSONE CONM DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI DGR 5940/2016 FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE 2016 PERIODO APRILE 2017 MARZO 2018

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SERVIZI SOCIALI.

DIREZIONE REGIONALE SERVIZI SOCIALI. DIREZIONE REGIONALE SERVIZI SOCIALI. Direttore: Dott.ssa Miriam Cipriani mcipriani@regione.lazio.it Telefono 06.51.68.86.15 Area Integrazione socio sanitaria Oggetto della Scheda - Normativa di Riferimento

Dettagli

PREMESSA MODALITA DI REALIZZAZIONE

PREMESSA MODALITA DI REALIZZAZIONE Protocollo d intesa tra l Amministrazione provinciale di Biella ed i Consorzi Socio Assistenziali IRIS e CISSABO per l implementazione del progetto denominato L'assistenza familiare, legalità e qualità

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. III ann. x Progetto di durata triennale AMBITO TERRITORIALE N. 2: Comuni di Acquaviva

Dettagli

CITTÀ DI SESTO CALENDE Provincia di Varese

CITTÀ DI SESTO CALENDE Provincia di Varese CITTÀ DI SESTO CALENDE Provincia di Varese SERVIZI DELL'AREA SERVIZI ALLA PERSONA ORIGINALE DETERMINAZIONE n 1186 del 29/10/2015 Cl. 1.6 Oggetto : Indizione gara d'appalto tramite procedura aperta per

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 1 TITOLO: Asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 1 TITOLO: Asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi 1 TITOLO: Asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Annualità 2 : 2014 x 2015 x 2016 x Numero progressivo: 1 Denominazione servizio/intervento:

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI Via Marconi n. 23 BIELLA Dr. Pier Oreste BRUSORI (nominato con D.G.R. n. 65-7819 del 17.12.2007) L anno duemilanove, il giorno 23 del mese di Dicembre in Biella, presso la sede legale dell Azienda Sanitaria

Dettagli

ZONA SOCIOSANITARIA CASENTINO. Regolamento di accesso ai servizi socio-assistenziali e socio-sanitari integrati per le persone non autosufficienti

ZONA SOCIOSANITARIA CASENTINO. Regolamento di accesso ai servizi socio-assistenziali e socio-sanitari integrati per le persone non autosufficienti ZONA SOCIOSANITARIA CASENTINO Regolamento di accesso ai servizi socio-assistenziali e socio-sanitari integrati per le persone non autosufficienti Az. USL 8 Unione dei Comuni Montani del Casentino Bibbiena

Dettagli

PATRIZIA SPINA. Data di nascita: 26 maggio 1970 Luogo di nascita: Novara. Dati personali. Esperienze professionali

PATRIZIA SPINA. Data di nascita: 26 maggio 1970 Luogo di nascita: Novara. Dati personali. Esperienze professionali Ufficio: COMUNE DI NOVARA Assessorato alle Politiche Sociali Corso Cavallotti, 23 28100 NOVARA Tel. 0321-3703582 e-mail: spina.patrizia@comune.no vara.it PATRIZIA SPINA Dati personali Data di nascita:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 1127 04/08/2015 Oggetto : Ridetermina la spesa da complessivi 242.960,00

Dettagli

Azienda Speciale Consortile Consorzio Desio-Brianza. Piano triennale di prevenzione della corruzione

Azienda Speciale Consortile Consorzio Desio-Brianza. Piano triennale di prevenzione della corruzione Azienda Speciale Consortile Consorzio Desio-Brianza Piano triennale di della corruzione 2015-2017 Allegato 1 - Tabelle di valutazione dei rischi di rischio A: Acquisizione e progressione del le - Obbligatoria

Dettagli

Cooperativa sociale Vitasì impresa sociale

Cooperativa sociale Vitasì impresa sociale Cooperativa Vitasì Curriculum Aziendale Cooperativa sociale Vitasì impresa sociale ATTO COSTITUTIVO DEL 18/05/2006; STATUTO AGGIORNATO IN DATA 31.10.2006 NUMERO DI REP. 44489 REGISTRATO A REGGIOCALABRIA

Dettagli

INTERVENTI DI AIUTO ALLE PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA L.162/98. Disabilità. LIVEAS Assistenza Domiciliare. 2. Progetto già avviato.

INTERVENTI DI AIUTO ALLE PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA L.162/98. Disabilità. LIVEAS Assistenza Domiciliare. 2. Progetto già avviato. INTERVENTI DI AIUTO ALLE PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA L.162/98 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Disabilità 5.

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di soggetti anziani e disabili. ALL. C Procedure tecniche per assistenti sociali

Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di soggetti anziani e disabili. ALL. C Procedure tecniche per assistenti sociali Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di soggetti anziani e disabili ALL. C Procedure tecniche per assistenti sociali Distretto di Crema I. PREMESSA In linea con quanto espresso nelle Linee guida

Dettagli

COMUNE DI ZIBIDO SAN GIACOMO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI ZIBIDO SAN GIACOMO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI ZIBIDO SAN GIACOMO PROVINCIA DI MILANO DETERMINAZIONE N. 10 DEL 04 marzo 2013 Settore SERVIZI AL CITTADINO Servizio SS.PP. Oggetto: AFFIDAMENTO ORGANIZZAZIONE SOGGIORNO CLIMATICO AD ALASSIO -

Dettagli

in riferimento alla gara di cui in oggetto chiediamo chiarimenti del bando:

in riferimento alla gara di cui in oggetto chiediamo chiarimenti del bando: Quesito 1: punto 8.4 del bando. Requisiti di carattere tecnico e organizzativo: i servizi svolti presso RSA, Case di Riposo, Comunità alloggio possono essere considerati servizi analoghi a quelli oggetto

Dettagli

Azienda U.L.S.S. n. 15 Alta Padovana

Azienda U.L.S.S. n. 15 Alta Padovana Azienda U.L.S.S. n. 15 Alta Padovana N. 253/2016 di reg. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO Dott. Claudio DARIO nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 194 del 30/12/2015 in data 15/04/2016

Dettagli

Distretto Socio Sanitario D37

Distretto Socio Sanitario D37 Distretto Socio Sanitario D37 COMUNI DI TERMINI IMERESE, ALIMINUSA, CACCAMO, CALTAVUTURO, CERDA, MONTEMAGGIORE BELSITO, SCIARA, SCILLATO, SCLAFANI BAGNI, TRABIA. BANDO DI ACCREDITAMENTO 2016 PER LA FORNITURA

Dettagli

Comune di Ragusa. LINEE GUIDA PER LA GARA RELATIVA AL SERVIZIO Di ASILO NIDO NELL AMBITO DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D44. N.

Comune di Ragusa. LINEE GUIDA PER LA GARA RELATIVA AL SERVIZIO Di ASILO NIDO NELL AMBITO DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D44. N. Comuni di Ragusa Chiaramonte Giarratan a Monterosso S. Croce C. ASP Ragusa Allegato B Comune di Ragusa LINEE GUIDA PER LA GARA RELATIVA AL SERVIZIO Di ASILO NIDO NELL AMBITO DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO

Dettagli

UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE C5 COMUNE CAPOFILA SANTA MARIA CAPUA VETERE Legge 328/00 L. 11/07

UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE C5 COMUNE CAPOFILA SANTA MARIA CAPUA VETERE Legge 328/00 L. 11/07 UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE C5 COMUNE CAPOFILA SANTA MARIA CAPUA VETERE Legge 328/00 L. 11/07 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIALE A FINALITA MULTIPLA Approvato nella seduta del Coordinamento

Dettagli

COMUNE DI MONDOVI Provincia di Cuneo Dipartimento Istruzione Cultura Sport Assistenza Tempo Libero

COMUNE DI MONDOVI Provincia di Cuneo Dipartimento Istruzione Cultura Sport Assistenza Tempo Libero COMUNE DI MONDOVI Provincia di Cuneo Dipartimento Istruzione Cultura Sport Assistenza Tempo Libero ALLEGATO A) PROGETTO PER L AFFIDAMENTO IN APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE nella persona della Dott.ssa Paola Lattuada

IL DIRETTORE GENERALE nella persona della Dott.ssa Paola Lattuada AGENZIA DI TUTELA DELLA SALUTE DELL INSUBRIA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione é stata pubblicata nei modi di legge dal _28.04.2016_ Varese, 28.04.2016 IL FUNZIONARIO DELEGATO Dott.

Dettagli