Linguistica Generale. Docente: Paola Monachesi. Contents First Last Prev Next

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linguistica Generale. Docente: Paola Monachesi. Contents First Last Prev Next"

Transcript

1 Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi

2 Contents 1 La linguistica e i suoi settori La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica Le componenti della grammatica Definizione di parola

3 1. La linguistica e i suoi settori

4 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano.

5 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori:

6 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale;

7 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale; (ii) linguistica descrittiva: fornisce un analisi delle grammatiche delle varie lingue;

8 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale; (ii) linguistica descrittiva: fornisce un analisi delle grammatiche delle varie lingue; (iii) linguistica storica: come e perche le lingue evolvono;

9 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale; (ii) linguistica descrittiva: fornisce un analisi delle grammatiche delle varie lingue; (iii) linguistica storica: come e perche le lingue evolvono; (iv) sociolinguistica: relazione tra lingue e culture;

10 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale; (ii) linguistica descrittiva: fornisce un analisi delle grammatiche delle varie lingue; (iii) linguistica storica: come e perche le lingue evolvono; (iv) sociolinguistica: relazione tra lingue e culture; (v) dialettologia: come la classe sociale e la cultura possono frammentare una lingua in lingue differenti;

11 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale; (ii) linguistica descrittiva: fornisce un analisi delle grammatiche delle varie lingue; (iii) linguistica storica: come e perche le lingue evolvono; (iv) sociolinguistica: relazione tra lingue e culture; (v) dialettologia: come la classe sociale e la cultura possono frammentare una lingua in lingue differenti; (vi) linguistica computazionale: si occupa di applicazioni computazionali al linguaggio naturale;

12 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale; (ii) linguistica descrittiva: fornisce un analisi delle grammatiche delle varie lingue; (iii) linguistica storica: come e perche le lingue evolvono; (iv) sociolinguistica: relazione tra lingue e culture; (v) dialettologia: come la classe sociale e la cultura possono frammentare una lingua in lingue differenti; (vi) linguistica computazionale: si occupa di applicazioni computazionali al linguaggio naturale; (vii) linguistica matematica: studia le proprieta formali e matematiche del linguaggio;

13 1. La linguistica e i suoi settori La linguistica si occupa dello studio scientifico del linguaggio umano. Comprende vari settori: (i) linguistica teorica: cerca di spiegare la natura e la struttura del linguaggio naturale; (ii) linguistica descrittiva: fornisce un analisi delle grammatiche delle varie lingue; (iii) linguistica storica: come e perche le lingue evolvono; (iv) sociolinguistica: relazione tra lingue e culture; (v) dialettologia: come la classe sociale e la cultura possono frammentare una lingua in lingue differenti; (vi) linguistica computazionale: si occupa di applicazioni computazionali al linguaggio naturale;

14 (vii) linguistica matematica: studia le proprieta formali e matematiche del linguaggio; (viii) pragmatica: studia l influenza del contesto e delle situazioni sul significato;

15 (vii) linguistica matematica: studia le proprieta formali e matematiche del linguaggio; (viii) pragmatica: studia l influenza del contesto e delle situazioni sul significato; (ix) neurolinguistica: si occupa delle basi biologiche dell acquisizione del linguaggio e del suo sviluppo ed anche di come funziona il cervello;

16 (vii) linguistica matematica: studia le proprieta formali e matematiche del linguaggio; (viii) pragmatica: studia l influenza del contesto e delle situazioni sul significato; (ix) neurolinguistica: si occupa delle basi biologiche dell acquisizione del linguaggio e del suo sviluppo ed anche di come funziona il cervello; (x) psicolinguistica: si occupa della performance linguistica.

17 2. La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica

18 2. La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica La conoscenza di una lingua permette di mettere in relazione suoni e significato.

19 2. La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica La conoscenza di una lingua permette di mettere in relazione suoni e significato. La conoscenza della lingua per un parlante viene rappresentata come grammatica mentale.

20 2. La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica La conoscenza di una lingua permette di mettere in relazione suoni e significato. La conoscenza della lingua per un parlante viene rappresentata come grammatica mentale. La teoria linguistica cerca di investigare la natura della grammatica mentale, tra cui le sue componenti: il lessico, la morfologia, la sintassi, la semantica, la fonetica e la fonologia.

21 2. La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica La conoscenza di una lingua permette di mettere in relazione suoni e significato. La conoscenza della lingua per un parlante viene rappresentata come grammatica mentale. La teoria linguistica cerca di investigare la natura della grammatica mentale, tra cui le sue componenti: il lessico, la morfologia, la sintassi, la semantica, la fonetica e la fonologia. La conoscenza che i parlanti hanno di una lingua e inconscia.

22 3. Le componenti della grammatica

23 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole.

24 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia.

25 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia. Sono composte da una radice (chair) o da una radice con un suffisso (chair-s) o con un prefisso (un-lucky) o entrambi (dis-en-chant-ment)

26 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia. Sono composte da una radice (chair) o da una radice con un suffisso (chair-s) o con un prefisso (un-lucky) o entrambi (dis-en-chant-ment) I parlanti sanno che questi elementi devono apparire in un certo ordine.

27 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia. Sono composte da una radice (chair) o da una radice con un suffisso (chair-s) o con un prefisso (un-lucky) o entrambi (dis-en-chant-ment) I parlanti sanno che questi elementi devono apparire in un certo ordine. I parlanti possono distinguere tra forme accettabili e non accettabili.

28 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia. Sono composte da una radice (chair) o da una radice con un suffisso (chair-s) o con un prefisso (un-lucky) o entrambi (dis-en-chant-ment) I parlanti sanno che questi elementi devono apparire in un certo ordine. I parlanti possono distinguere tra forme accettabili e non accettabili. I parlanti sanno distinguere una sequenza ben formata di parole: sintassi.

29 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia. Sono composte da una radice (chair) o da una radice con un suffisso (chair-s) o con un prefisso (un-lucky) o entrambi (dis-en-chant-ment) I parlanti sanno che questi elementi devono apparire in un certo ordine. I parlanti possono distinguere tra forme accettabili e non accettabili. I parlanti sanno distinguere una sequenza ben formata di parole: sintassi. Esempio: Mary has three dogs vs. *has dogs three Mary vs. The gurmin pranced the brammer vs. Zebras fly

30 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia. Sono composte da una radice (chair) o da una radice con un suffisso (chair-s) o con un prefisso (un-lucky) o entrambi (dis-en-chant-ment) I parlanti sanno che questi elementi devono apparire in un certo ordine. I parlanti possono distinguere tra forme accettabili e non accettabili. I parlanti sanno distinguere una sequenza ben formata di parole: sintassi. Esempio: Mary has three dogs vs. *has dogs three Mary vs. The gurmin pranced the brammer vs. Zebras fly La grammaticalita non dipende dal fatto che si sia sentita una frase precedentemente oppure se sia vera o se sia utilizzabile.

31 3. Le componenti della grammatica I parlanti hanno un lessico nella loro mente: una persona media conosce tra le e le parole. I parlanti sanno anche come sono strutturate le parole: morfologia. Sono composte da una radice (chair) o da una radice con un suffisso (chair-s) o con un prefisso (un-lucky) o entrambi (dis-en-chant-ment) I parlanti sanno che questi elementi devono apparire in un certo ordine. I parlanti possono distinguere tra forme accettabili e non accettabili. I parlanti sanno distinguere una sequenza ben formata di parole: sintassi. Esempio: Mary has three dogs vs. *has dogs three Mary vs. The gurmin pranced the brammer vs. Zebras fly La grammaticalita non dipende dal fatto che si sia sentita una frase precedentemente oppure se sia vera o se sia utilizzabile.

32 La sintassi e autonoma: e possibile avere una frase priva di significato ma grammaticale, viceversa e possibile avere una frase con un significato, ma non grammaticale *Mary wants meet Martin.

33 La sintassi e autonoma: e possibile avere una frase priva di significato ma grammaticale, viceversa e possibile avere una frase con un significato, ma non grammaticale *Mary wants meet Martin. Afasia come ulteriore prova della modularita del linguaggio che e organizzato in componenti autonome.

34 La sintassi e autonoma: e possibile avere una frase priva di significato ma grammaticale, viceversa e possibile avere una frase con un significato, ma non grammaticale *Mary wants meet Martin. Afasia come ulteriore prova della modularita del linguaggio che e organizzato in componenti autonome. I parlanti possono distinguere frasi ambigue da quelle non ambigue Mary admires John more than Bill.

35 La sintassi e autonoma: e possibile avere una frase priva di significato ma grammaticale, viceversa e possibile avere una frase con un significato, ma non grammaticale *Mary wants meet Martin. Afasia come ulteriore prova della modularita del linguaggio che e organizzato in componenti autonome. I parlanti possono distinguere frasi ambigue da quelle non ambigue Mary admires John more than Bill. La sintassi tiene conto di una proprieta fondamentale: generativita del linguaggio e quindi della ricorsivita (coordinazione, subordinazione, pronomi relativi).

36 La sintassi e autonoma: e possibile avere una frase priva di significato ma grammaticale, viceversa e possibile avere una frase con un significato, ma non grammaticale *Mary wants meet Martin. Afasia come ulteriore prova della modularita del linguaggio che e organizzato in componenti autonome. I parlanti possono distinguere frasi ambigue da quelle non ambigue Mary admires John more than Bill. La sintassi tiene conto di una proprieta fondamentale: generativita del linguaggio e quindi della ricorsivita (coordinazione, subordinazione, pronomi relativi). I parlanti sanno come negare una frase o qual e l antecedente di un pronome o come fare una domanda.

37 La sintassi e autonoma: e possibile avere una frase priva di significato ma grammaticale, viceversa e possibile avere una frase con un significato, ma non grammaticale *Mary wants meet Martin. Afasia come ulteriore prova della modularita del linguaggio che e organizzato in componenti autonome. I parlanti possono distinguere frasi ambigue da quelle non ambigue Mary admires John more than Bill. La sintassi tiene conto di una proprieta fondamentale: generativita del linguaggio e quindi della ricorsivita (coordinazione, subordinazione, pronomi relativi). I parlanti sanno come negare una frase o qual e l antecedente di un pronome o come fare una domanda. I parlanti conoscono il significato delle varie espressioni della loro lingua: semantica.

38 Almodovar directs films: Almodovar e una persona, directs films e una properieta che lo distingue da altre persone.

39 Almodovar directs films: Almodovar e una persona, directs films e una properieta che lo distingue da altre persone. I parlanti di solito riescono a distinguere i suoni che fanno parte della lingua da quelli che non ne fanno parte: fonologia.

40 4. Diversi tipi di grammatiche

41 4. Diversi tipi di grammatiche La grammatica e vista come un sistema mentale che rappresenta la competenza linguistica del parlante.

42 4. Diversi tipi di grammatiche La grammatica e vista come un sistema mentale che rappresenta la competenza linguistica del parlante. I parlanti hanno diverse grammatiche.

43 4. Diversi tipi di grammatiche La grammatica e vista come un sistema mentale che rappresenta la competenza linguistica del parlante. I parlanti hanno diverse grammatiche. Grammatica mentale vs. grammatica descrittiva (forma idealizzata condivisa dalla maggior parte dei parlanti).

44 4. Diversi tipi di grammatiche La grammatica e vista come un sistema mentale che rappresenta la competenza linguistica del parlante. I parlanti hanno diverse grammatiche. Grammatica mentale vs. grammatica descrittiva (forma idealizzata condivisa dalla maggior parte dei parlanti). Le grammatiche descrittive possono costituire la base che viene utilizzata nell insegnamento della lingua vs. prescrittive.

45 4. Diversi tipi di grammatiche La grammatica e vista come un sistema mentale che rappresenta la competenza linguistica del parlante. I parlanti hanno diverse grammatiche. Grammatica mentale vs. grammatica descrittiva (forma idealizzata condivisa dalla maggior parte dei parlanti). Le grammatiche descrittive possono costituire la base che viene utilizzata nell insegnamento della lingua vs. prescrittive. La linguistica non e interessata alle grammatiche prescrittive.

46 4. Diversi tipi di grammatiche La grammatica e vista come un sistema mentale che rappresenta la competenza linguistica del parlante. I parlanti hanno diverse grammatiche. Grammatica mentale vs. grammatica descrittiva (forma idealizzata condivisa dalla maggior parte dei parlanti). Le grammatiche descrittive possono costituire la base che viene utilizzata nell insegnamento della lingua vs. prescrittive. La linguistica non e interessata alle grammatiche prescrittive. Le grammatiche delle varie lingue sono caratterizzate da dei principi che possono definirsi universali.

47 4. Diversi tipi di grammatiche La grammatica e vista come un sistema mentale che rappresenta la competenza linguistica del parlante. I parlanti hanno diverse grammatiche. Grammatica mentale vs. grammatica descrittiva (forma idealizzata condivisa dalla maggior parte dei parlanti). Le grammatiche descrittive possono costituire la base che viene utilizzata nell insegnamento della lingua vs. prescrittive. La linguistica non e interessata alle grammatiche prescrittive. Le grammatiche delle varie lingue sono caratterizzate da dei principi che possono definirsi universali. La capacita umana di acquisire il linguaggio ha una base biologica: grammatica universale.

48 Non tutte le lingue hanno le stesse properieta : variazione.

49 Non tutte le lingue hanno le stesse properieta : variazione. Sono queste le differenze che i bambini devono imparare quando acquisiscono il linguaggio.

50 5. La morfologia

51 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura.

52 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura. Le parole sono unita linguistiche con un loro significato che possono essere combinate tra di loro per formare sintagmi e frasi.

53 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura. Le parole sono unita linguistiche con un loro significato che possono essere combinate tra di loro per formare sintagmi e frasi. Esistono le parole? Difficolta nel trovare una definizione di cosa si intenda per parola.

54 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura. Le parole sono unita linguistiche con un loro significato che possono essere combinate tra di loro per formare sintagmi e frasi. Esistono le parole? Difficolta nel trovare una definizione di cosa si intenda per parola. Scrittura: parole sono separate tra loro, ma non sempre e stato cosi. Continuum.

55 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura. Le parole sono unita linguistiche con un loro significato che possono essere combinate tra di loro per formare sintagmi e frasi. Esistono le parole? Difficolta nel trovare una definizione di cosa si intenda per parola. Scrittura: parole sono separate tra loro, ma non sempre e stato cosi. Continuum. Lingua orale: continuum. Esempio: lingua straniera che viene ascoltata.

56 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura. Le parole sono unita linguistiche con un loro significato che possono essere combinate tra di loro per formare sintagmi e frasi. Esistono le parole? Difficolta nel trovare una definizione di cosa si intenda per parola. Scrittura: parole sono separate tra loro, ma non sempre e stato cosi. Continuum. Lingua orale: continuum. Esempio: lingua straniera che viene ascoltata. Livello acustico: continuum.

57 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura. Le parole sono unita linguistiche con un loro significato che possono essere combinate tra di loro per formare sintagmi e frasi. Esistono le parole? Difficolta nel trovare una definizione di cosa si intenda per parola. Scrittura: parole sono separate tra loro, ma non sempre e stato cosi. Continuum. Lingua orale: continuum. Esempio: lingua straniera che viene ascoltata. Livello acustico: continuum. Coscienza dell esistenza delle parole, ma mancanza di evidenza.

58 5. La morfologia La morfologia e lo studio delle parole e della loro struttura. Le parole sono unita linguistiche con un loro significato che possono essere combinate tra di loro per formare sintagmi e frasi. Esistono le parole? Difficolta nel trovare una definizione di cosa si intenda per parola. Scrittura: parole sono separate tra loro, ma non sempre e stato cosi. Continuum. Lingua orale: continuum. Esempio: lingua straniera che viene ascoltata. Livello acustico: continuum. Coscienza dell esistenza delle parole, ma mancanza di evidenza. I parlanti hanno forti intuizioni circa la realta delle cose che non esistono fisicamente.

59 Realta mentale delle parole.

60 Realta mentale delle parole. I parlanti riconoscono le parole perche possiedono un lessico con cui le confrontano.

61 6. Definizione di parola

62 6. Definizione di parola Difficolta di definizione di parola: Mary is at home vs. clearly (4 vs. 1 parola)

63 6. Definizione di parola Difficolta di definizione di parola: Mary is at home vs. clearly (4 vs. 1 parola) Non si possono usare criteri quantitativi: parole lunghe e corte (a vs. disenchantment).

64 6. Definizione di parola Difficolta di definizione di parola: Mary is at home vs. clearly (4 vs. 1 parola) Non si possono usare criteri quantitativi: parole lunghe e corte (a vs. disenchantment). Non si puo equiparare la parola con un unita di significato: scolastica - ogni parola corrisponde ad un concetto. grammatica

65 6. Definizione di parola Difficolta di definizione di parola: Mary is at home vs. clearly (4 vs. 1 parola) Non si possono usare criteri quantitativi: parole lunghe e corte (a vs. disenchantment). Non si puo equiparare la parola con un unita di significato: scolastica - ogni parola corrisponde ad un concetto. grammatica Qual e il concetto di the, of, to?

66 6. Definizione di parola Difficolta di definizione di parola: Mary is at home vs. clearly (4 vs. 1 parola) Non si possono usare criteri quantitativi: parole lunghe e corte (a vs. disenchantment). Non si puo equiparare la parola con un unita di significato: scolastica - ogni parola corrisponde ad un concetto. grammatica Qual e il concetto di the, of, to? Confronta: eat! vs. ti ordino di mettere qualche cosa in bocca e di inghiottire.

67 6. Definizione di parola Difficolta di definizione di parola: Mary is at home vs. clearly (4 vs. 1 parola) Non si possono usare criteri quantitativi: parole lunghe e corte (a vs. disenchantment). Non si puo equiparare la parola con un unita di significato: scolastica - ogni parola corrisponde ad un concetto. grammatica Qual e il concetto di the, of, to? Confronta: eat! vs. ti ordino di mettere qualche cosa in bocca e di inghiottire. Sia la forma che il significato delle parole sono estremamente variabili.

68 6. Definizione di parola Difficolta di definizione di parola: Mary is at home vs. clearly (4 vs. 1 parola) Non si possono usare criteri quantitativi: parole lunghe e corte (a vs. disenchantment). Non si puo equiparare la parola con un unita di significato: scolastica - ogni parola corrisponde ad un concetto. grammatica Qual e il concetto di the, of, to? Confronta: eat! vs. ti ordino di mettere qualche cosa in bocca e di inghiottire. Sia la forma che il significato delle parole sono estremamente variabili. Come fanno i parlanti ad avere intuizioni cosi precise su quali sono le parole della propria lingua?

69 7. Criteri per identificare le parole

70 7. Criteri per identificare le parole Sia il significato che il materiale fonetico sono estremamente variabili. Ricorso a criteri distributivi e quindi sintattici.

71 7. Criteri per identificare le parole Sia il significato che il materiale fonetico sono estremamente variabili. Ricorso a criteri distributivi e quindi sintattici. x e una parola se ha una certa distribuzione e un certo comportamento nell enunciato.

72 7. Criteri per identificare le parole Sia il significato che il materiale fonetico sono estremamente variabili. Ricorso a criteri distributivi e quindi sintattici. x e una parola se ha una certa distribuzione e un certo comportamento nell enunciato. Interrompibilita : si puo inserire del materiale tra una parola e l altra, ma non si puo interrompere una parola inserendo qualcosa al suo interno.

73 7. Criteri per identificare le parole Sia il significato che il materiale fonetico sono estremamente variabili. Ricorso a criteri distributivi e quindi sintattici. x e una parola se ha una certa distribuzione e un certo comportamento nell enunciato. Interrompibilita : si puo inserire del materiale tra una parola e l altra, ma non si puo interrompere una parola inserendo qualcosa al suo interno. Confronta: we love vs. amiamo (we can love vs. *ampossiamoiamo)

74 7. Criteri per identificare le parole Sia il significato che il materiale fonetico sono estremamente variabili. Ricorso a criteri distributivi e quindi sintattici. x e una parola se ha una certa distribuzione e un certo comportamento nell enunciato. Interrompibilita : si puo inserire del materiale tra una parola e l altra, ma non si puo interrompere una parola inserendo qualcosa al suo interno. Confronta: we love vs. amiamo (we can love vs. *ampossiamoiamo) Mobilita : x e una parola se puo occupare delle posizioni diverse a seconda del tipo di frase. Non e una parola se deve necessariamente ricorrere nello stesso contesto.

75 7. Criteri per identificare le parole Sia il significato che il materiale fonetico sono estremamente variabili. Ricorso a criteri distributivi e quindi sintattici. x e una parola se ha una certa distribuzione e un certo comportamento nell enunciato. Interrompibilita : si puo inserire del materiale tra una parola e l altra, ma non si puo interrompere una parola inserendo qualcosa al suo interno. Confronta: we love vs. amiamo (we can love vs. *ampossiamoiamo) Mobilita : x e una parola se puo occupare delle posizioni diverse a seconda del tipo di frase. Non e una parola se deve necessariamente ricorrere nello stesso contesto. Confronta: Do we love Mary? vs *iamoam Maria?

76 Problema: espressioni idiomatiche: Mary kicked the bucket (piu parole ma non interrompibile) e mesoclisi in portoghese (falaremos vs. parleremo; falarlhe-emos vs. gli parleremo vs. *falaremos-lhe)

77 Problema: espressioni idiomatiche: Mary kicked the bucket (piu parole ma non interrompibile) e mesoclisi in portoghese (falaremos vs. parleremo; falarlhe-emos vs. gli parleremo vs. *falaremos-lhe) Parola fonologica: accento (a volte anche fisso), regole come sonorizzazione della /s/ intervocalica.

78 Problema: espressioni idiomatiche: Mary kicked the bucket (piu parole ma non interrompibile) e mesoclisi in portoghese (falaremos vs. parleremo; falarlhe-emos vs. gli parleremo vs. *falaremos-lhe) Parola fonologica: accento (a volte anche fisso), regole come sonorizzazione della /s/ intervocalica. Confronta: ca[z]a, la [s]abbia (clitici).

79 Problema: espressioni idiomatiche: Mary kicked the bucket (piu parole ma non interrompibile) e mesoclisi in portoghese (falaremos vs. parleremo; falarlhe-emos vs. gli parleremo vs. *falaremos-lhe) Parola fonologica: accento (a volte anche fisso), regole come sonorizzazione della /s/ intervocalica. Confronta: ca[z]a, la [s]abbia (clitici). Parola morfologica: morfemi flessivi segnano il confine esterno della parola.

80 Problema: espressioni idiomatiche: Mary kicked the bucket (piu parole ma non interrompibile) e mesoclisi in portoghese (falaremos vs. parleremo; falarlhe-emos vs. gli parleremo vs. *falaremos-lhe) Parola fonologica: accento (a volte anche fisso), regole come sonorizzazione della /s/ intervocalica. Confronta: ca[z]a, la [s]abbia (clitici). Parola morfologica: morfemi flessivi segnano il confine esterno della parola. Confronta: capi-credo-stazione, pomidoro, accendisigari.

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Indice. 1. Pittogrammi e ideogrammi Ilogogrammi 35. Premessa 11. Le origini del linguaggio 13. II. Gli animali e il linguaggio umano 21

Indice. 1. Pittogrammi e ideogrammi Ilogogrammi 35. Premessa 11. Le origini del linguaggio 13. II. Gli animali e il linguaggio umano 21 Indice Premessa 11 Le origini del linguaggio 13 1. L'origine divina 13 2. La teoria dei suoni naturali 14 3. La teoria dell'adattamento fisico 15 4. Denti, labbra, bocca, laringe e faringe 16 5. Il cervello

Dettagli

014 5 Pragmatica Lingue per scopi speciali. [014 8] Abbreviazioni e simboli Filosofia e teoria

014 5 Pragmatica Lingue per scopi speciali. [014 8] Abbreviazioni e simboli Filosofia e teoria T4 T4 014 301 Filosofia e teoria 014 301 8 Scuole, teorie, metodologie 014 301 82 Linguistica formale Notazione 01 dalla Tavola 1 come di seguito modificata Da non usare per scuole e teorie semantiche;

Dettagli

G. Graffi, S. Scalise, Le lingue e il linguaggio A L C U N E I D E E B A S I L A R I 1

G. Graffi, S. Scalise, Le lingue e il linguaggio A L C U N E I D E E B A S I L A R I 1 G. Graffi, S. Scalise, Le lingue e il linguaggio A L C U N E I D E E B A S I L A R I 1 La linguistica, il «linguaggio» e i «linguaggi» 2 Linguistica: Scienza cognitiva (cfr. lezioni introduttive) Lo studio

Dettagli

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt Struttura delle parole ibicoccaappuntibicoccaappuntibicoc Riassunto

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO DI ITALIANO PROVE INVALSI 2009

QUADRO DI RIFERIMENTO DI ITALIANO PROVE INVALSI 2009 QUADRO DI RIFERIMENTO DI ITALIANO PROVE INVALSI 2009 RIFERIMENTI NORMATIVI INDICAZIONI NAZIONALI 2003 (OSA) L. n 53/2003 e D. Lgs 59/2004 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO 2007 QUADRO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Criteri per la definizione della parola grammaticale

Criteri per la definizione della parola grammaticale Criteri per la definizione della parola grammaticale Una parola grammaticale (morfo-sintattica, non fonologica) è definita in base alla co-occorrenza dei seguenti criteri: a) COESIONE: si definisce parola

Dettagli

Linguistica Generale. Docente: Paola Monachesi. Contents First Last Prev Next

Linguistica Generale. Docente: Paola Monachesi. Contents First Last Prev Next Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Contents 1 Analisi della struttura morfologica.......................... 3 2 Sintassi................................................. 6 3 Templates...............................................

Dettagli

Gian Luigi Beccaria, 1988

Gian Luigi Beccaria, 1988 Dalla nascita alla morte, ogni giorno, viviamo in un oceano di parole. Inconsapevoli, respiriamo la lingua come l aria e la produciamo come un atto fisiologico naturale. Eppure la parola è uno dei più

Dettagli

COMPETENZE DI ITALIANO DA PROVE INVALSI

COMPETENZE DI ITALIANO DA PROVE INVALSI COMPETENZE DI ITALIANO DA PROVE INVALSI COMPETENZE DI ITALIANO TRATTE DAL QUADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO DELL INVALSI AGGIORNATO AL 28 FEBBRAIO 2011. 1. LETTURA. PREMESSA: tipo di testo

Dettagli

FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a

FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a Competenze Conoscenze Abilità Tecniche di lettura espressiva: intonazione, pause, punteggiatura. Applicare diverse strategie di lettura: lettura espressiva

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 I sintagmi e la struttura a costituenti 2 2 Alberi sintattici 3 3 Una minigrammatica dell inglese 3 4 Un lessico dell inglese

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO MESTRE - VENEZIA

LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO MESTRE - VENEZIA LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO MESTRE - VENEZIA Anno scolastico 2010-2011 Classe 2^ C Materie: ITALIANO Docente: ONGARO GIANPIETRO Oggetto: PROGRAMMAZIONE ANNUALE La classe è composta di 24 alunni, palesa

Dettagli

ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE

ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza linguistica e consapevolezza comunicativa in ogni situazione,

Dettagli

1) Quale studioso ha ipotizzato l'esistenza di un dispositivo innato per l'acquisizione del linguaggio?

1) Quale studioso ha ipotizzato l'esistenza di un dispositivo innato per l'acquisizione del linguaggio? Capitolo V. Esercizi 1) Quale studioso ha ipotizzato l'esistenza di un dispositivo innato per l'acquisizione del linguaggio? a. Chomsky b. Skinner c. Vygotskij 2) Secondo Piaget l'acquisizione del linguaggio:

Dettagli

Premessa 11 [PARTE PRIMA I LE STRUTTURE DELL'ITALIANO D'OGGI

Premessa 11 [PARTE PRIMA I LE STRUTTURE DELL'ITALIANO D'OGGI Premessa 11 [PARTE PRIMA I LE STRUTTURE DELL'ITALIANO D'OGGI 1.1. Fonetica e fonologia 17 1.1.1. fonetica e fonologia, foni e fonemi 17 1.1.2. La produzione dei suoni 18 1.1.3. Le vocali 20 1.1.4. Le consonanti

Dettagli

Sommario. 1. Presentazione del corso. 2. Che cosa sono la Linguistica e il linguaggio. 3. Concetti fondamentali LEZIONE 1

Sommario. 1. Presentazione del corso. 2. Che cosa sono la Linguistica e il linguaggio. 3. Concetti fondamentali LEZIONE 1 Sommario LEZIONE 1 1. Presentazione del corso 2. Che cosa sono la Linguistica e il linguaggio 3. Concetti fondamentali digilander.libero.it/pieropolidoro pieropolidoro@tiscali.it settimana argomento 1-3

Dettagli

INTRODUZIONE GENERALE ALLE PROBLEMATICHE DELLA DISCIPLINA LINGUISTICA ESTERNA E LINGUISTICA INTERNA, LINGUA E LINGUAGGIO

INTRODUZIONE GENERALE ALLE PROBLEMATICHE DELLA DISCIPLINA LINGUISTICA ESTERNA E LINGUISTICA INTERNA, LINGUA E LINGUAGGIO INTRODUZIONE GENERALE ALLE PROBLEMATICHE DELLA DISCIPLINA LINGUISTICA ESTERNA E LINGUISTICA INTERNA, LINGUA E LINGUAGGIO Ferdinand de Saussure, Cours de linguistique générale, sintesi di tre corsi tenuti

Dettagli

Connettivi del linguaggio e della logica

Connettivi del linguaggio e della logica Connettivi del linguaggio e della logica Fino a che punto il significato di,, e corrisponde al significato delle espressioni del linguaggio naturale e o, se... allora... e non? e e Congiunzioni e connettivi

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II D

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II D PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II D DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA Conoscere l ordine alfabetico; Riconoscere le vocali dal punto di vista grafico e fonico; Riconoscere e isolare le vocali nelle parole che le contengono; Riconoscere

Dettagli

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA Claudia Casadio PRIMA LEZIONE Logica, Linguistica e Scienza Cognitiva Tre ambiti scientifici Logica Studia i processi in base a cui traiamo inferenze a partire dalle nostre

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA

COMPETENZA CHIAVE COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA COMPETENZA ITALIANO COMPETENZA CHIAVE COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Definizione: è la capacità di esprimere e interpretare pensieri,sentimenti e fatti in forma sia in forma orale che scritta (comprensione

Dettagli

Le competenze metafonologiche: attività, giochi metalinguistici e fonologici per favorire il loro sviluppo. Relatrice: Maria Angela Berton

Le competenze metafonologiche: attività, giochi metalinguistici e fonologici per favorire il loro sviluppo. Relatrice: Maria Angela Berton Le competenze metafonologiche: attività, giochi metalinguistici e fonologici per favorire il loro sviluppo Relatrice: Maria Angela Berton IL LINGUAGGIO VERBALE E UNO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE COME SI

Dettagli

Seconda Lingua Comunitaria (Francese Spagnolo) Classe seconda secondaria

Seconda Lingua Comunitaria (Francese Spagnolo) Classe seconda secondaria CURRICOLO DISCIPLINARE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Seconda Lingua Comunitaria (Francese Spagnolo) Classe seconda secondaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze Conoscenze Obiettivi di apprendimento

Dettagli

Fondamenti di Linguistica Semantica e Lessico Lezione 4: Polisemia, Lessico e Dizionari

Fondamenti di Linguistica Semantica e Lessico Lezione 4: Polisemia, Lessico e Dizionari Fondamenti di Linguistica Semantica e Lessico Lezione 4: Polisemia, Lessico e Dizionari Malvina Nissim malvina.nissim@unibo.it 3 Dicembre 2008 Metonimie o Lessicalizzazioni? Hoover Kleenex China Scottex

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s Disciplina: Lingua e letteratura italiana Prof. Crosta Alice Classe 1 sez. D

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s Disciplina: Lingua e letteratura italiana Prof. Crosta Alice Classe 1 sez. D Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Dalla grammatica alla riflessione sulla lingua. Didattica della lettura e della scrittura II

Dalla grammatica alla riflessione sulla lingua. Didattica della lettura e della scrittura II Dalla grammatica alla riflessione sulla lingua Didattica della lettura e della scrittura II Grammatica De Mauro, Il dizionario della lingua italiana 1. Insieme delle convenzioni e delle norme di scrittura,

Dettagli

Macrocompetenze Indicatori Prove Descrittori. Ordinamento di: immagini parole enunciati

Macrocompetenze Indicatori Prove Descrittori. Ordinamento di: immagini parole enunciati LINGUA ITALIANA Classe 1 e 2 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARIGNANO VALUTAZIONE MODALITÁ: osservazioni sistematiche, prove scritte (strutturate, semi strutturate, non strutturate) e orali. TEMPI: in itinere

Dettagli

Misurazione e valutazione delle competenze in italiano Dalle indicazioni nazionali al quadro di riferimento INVALSI GERMANA RICCI 26 MARZO 2015

Misurazione e valutazione delle competenze in italiano Dalle indicazioni nazionali al quadro di riferimento INVALSI GERMANA RICCI 26 MARZO 2015 Misurazione e valutazione delle competenze in italiano Dalle indicazioni nazionali al quadro di riferimento INVALSI GERMANA RICCI 26 MARZO 2015 1 Obiettivo generale: Acquisire strumenti per costruire quesiti

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA, LATINO E GRECO AL GINNASIO

OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA, LATINO E GRECO AL GINNASIO DI ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA, LATINO E GRECO AL GINNASIO ITALIANO CLASSE IV GINNASIALE 1. Leggere un testo in modo corretto ed espressivo. 2. Comprendere il senso globale di un testo narrativo poetico.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE Corso di laurea in Lettere Anno accademico 2016/ anno

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE Corso di laurea in Lettere Anno accademico 2016/ anno DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE Corso di laurea in Lettere Anno accademico 2016/2017-1 anno LINGUISTICA GENERALE 9 CFU - 1 semestre Docente titolare dell'insegnamento SALVATORE SGROI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

La tipologia e gli universali

La tipologia e gli universali La tipologia e gli universali La tipologia studia la variazione interlinguistica; la ricerca sugli universali si occupa di ciò che è comune a tutte le lingue, cioè delle proprietà rispetto alle quali non

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA Docente PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Plessi SBRANA-LAMBRUSCHINI-TENUTA Classe IV Disciplina ITALIANO Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ENRICO DE NICOLA PROGRAMMAZIONE DI MATERIA. SEZIONE A : SINTESI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ENRICO DE NICOLA PROGRAMMAZIONE DI MATERIA. SEZIONE A : SINTESI PROGRAMMAZIONE DI. SEZIONE A : SINTESI INSEGNANTE: CLASSE CLASSE 1CM COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DEL PERCORSO DEL PRIMO BIENNIO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi

Dettagli

Il codice linguistico

Il codice linguistico Laboratorio Linguistico Il Testo narrativo Il codice linguistico www.nicolanapolitano.altervista.org App Generation Writers I. C. San Francesco Nicola Napolitano Anguillara Sabazia - RM Le funzioni e la

Dettagli

INGLESE IL CURRICOLO DI BASE - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA

INGLESE IL CURRICOLO DI BASE - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA INGLESE IL CURRICOLO DI BASE - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA DELLA LINGUA ORALE DELLA LINGUA SCRITTA MONOENNIO I BIENNIO II BIENNIO Comprendere il senso globale di unità fonico-acustica

Dettagli

LICEO STATALE G. COMI - TRICASE a. s. 2015/2016. PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI ITALIANO per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali

LICEO STATALE G. COMI - TRICASE a. s. 2015/2016. PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI ITALIANO per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali LICEO STATALE G. COMI - TRICASE a. s. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI ITALIANO per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali Classe II sez. BA indirizzo: Scienze Applicate Docente: Prof. Francesco

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE

GRIGLIA DI VALUTAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE Disciplina: RELIGIONE CATTOLICA OTTIMO DISTINTO BUONO NON IN Conosce in modo ottimale i documenti e i contenuti della materia Conosce i documenti e i contenuti in modo efficace Conosce

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SOTTO IL MONTE

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SOTTO IL MONTE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SOTTO IL MONTE Classe prima ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARVICO CURRICOLO DI ITALIANO A.S. /.. OBIETTIVI FORMATIVI (i nostri OSA) (Fioroni) ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Funzioni fondamentali della frase (soggetto, oggetto diretto, ecc.) Ruoli tematici: agente, paziente, beneficiario, strumento, ecc.

Funzioni fondamentali della frase (soggetto, oggetto diretto, ecc.) Ruoli tematici: agente, paziente, beneficiario, strumento, ecc. Both English and Dyirbal have different syntactic means of encoding the same semantic roles (p. 114) Funzioni fondamentali della frase (soggetto, oggetto diretto, ecc.) Ruoli tematici: agente, paziente,

Dettagli

Corso di Linguaggi di Programmazione + Laboratorio

Corso di Linguaggi di Programmazione + Laboratorio Corso di inguaggi di Programmazione + aboratorio Capitolo 1 - Introduzione Si ringrazia il Dott. Marco de Gemmis per la collaborazione nella predisposizione del materiale didattico Apprendimento di un

Dettagli

Classi di concorso per materie letterarie

Classi di concorso per materie letterarie Classi di concorso per materie letterarie Tabella riassuntiva dei CFU necessari ad accedere alle classi di concorso ministeriali per l'insegnamento -AREA LETTERE- La seguente tabella indica il numero di

Dettagli

L italiano regionale. Lezione del 13 novembre 2014

L italiano regionale. Lezione del 13 novembre 2014 L italiano regionale Lezione del 13 novembre 2014 A proposito del dialetto tra i giovani, a p. 52 del libro di testo (Marcato) si legge: Il dialettalismo, in qualche caso, può non essere diretto nel senso

Dettagli

1 Modulo operativo: Le abilità linguistiche: ascoltare. 2 Modulo operativo: Le abilità linguistiche: parlare

1 Modulo operativo: Le abilità linguistiche: ascoltare. 2 Modulo operativo: Le abilità linguistiche: parlare 1 Modulo operativo: Le abilità linguistiche: ascoltare 2 Modulo operativo: Le abilità linguistiche: parlare 3 Modulo operativo: Le abilità linguistiche: leggere 4 Modulo operativo: Le abilità linguistiche:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DISCIPLINARI AREA LINGUISTICO-ESPRESSIVA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DISCIPLINARI AREA LINGUISTICO-ESPRESSIVA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DISCIPLINARI CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRMA SCUOLA PRIMARIA AREA LINGUISTICO-ESPRESSIVA COMPETENZE ABILITA SPECIFICHE CONOSCENZE (nuclei tematici) Competenza

Dettagli

COMPETENZE IN ITALIANO L2 DELL ALUNNO/ A..

COMPETENZE IN ITALIANO L2 DELL ALUNNO/ A.. COMPETENZE IN ITALIANO L2 DELL ALUNNO/ A.. IN USCITA DALLA SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Anno Scolastico Anno di nascita Anno di arrivo in Italia Scuola media frequentata Insegnante facilitatore L alunn

Dettagli

TUTTI A BORDO! PROGETTO IRIDE DI INTERCETTAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA

TUTTI A BORDO! PROGETTO IRIDE DI INTERCETTAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA TUTTI A BORDO! PROGETTO IRIDE DI INTERCETTAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO BADIA POLESINE - ROVIGO Badia Polesine 3 dicembre 2013 Francesca

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO LINGUISTICO LINGUA E LETTERE LATINE. leggere correttamente il testo latino. impegnativi e debitamente annotati;

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO LINGUISTICO LINGUA E LETTERE LATINE. leggere correttamente il testo latino. impegnativi e debitamente annotati; PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO LINGUISTICO LINGUA E LETTERE LATINE PRIMO BIENNIO COMPETENZE ABILITÀ/CAPACITÀ riflettere metalinguisticamente sulla Fonetica: lingua latina

Dettagli

Conoscere la tipologia del testo descrittivo

Conoscere la tipologia del testo descrittivo Italiano - Classe prima trimestre COMPTNZ CONOSCNZ CONTNUTI IRRINUNCIABILI I Saper produrre un testo descrittivo. Sapere scrivere una frase sintatticamente corretta. Conoscere la tipologia del testo descrittivo

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 50 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott.ssa Sabini Maria Rosaria 51 Indicatore Trasversale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Classe: 1LC (IV Ginnasio) Disciplina: GRECO Docente: TONELLI NADIA Indirizzo: CLASSICO 1 2 Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Fonetica L alfabeto greco; Campanini

Dettagli

Come funziona il linguaggio COME FUNZIONA IL LINGUAGGIO

Come funziona il linguaggio COME FUNZIONA IL LINGUAGGIO Come funziona il linguaggio COME FUZIOA IL LIGUAGGIO SITASSI Il cervello di ogni persona contiene un dizionario di parole e dei concetti che esse rappresentano (dizionario mentale) e un insieme di regole

Dettagli

Comunicazione Vs. Linguaggio

Comunicazione Vs. Linguaggio Comunicazione Vs. Linguaggio Comunicazione: rete di scambi di informazioni e di relazioni sociali sirealizzaall internodiungruppo(naturasociale) ne costituisce la base dell interazione e delle relazioni

Dettagli

UN METODO PER SCRIVERE I CURRICOLI DI SCUOLA: DISCIPLINE, UNITÀ DI TRANSIZIONE, VALUTAZIONE E COMPETENZE

UN METODO PER SCRIVERE I CURRICOLI DI SCUOLA: DISCIPLINE, UNITÀ DI TRANSIZIONE, VALUTAZIONE E COMPETENZE Relazione Maurizio Gentile UN METODO PER SCRIVERE I CURRICOLI DI SCUOLA: DISCIPLINE, UNITÀ DI TRANSIZIONE, VALUTAZIONE E COMPETENZE Domande di ricerca. Come rendere semanticamente più semplici i traguardi

Dettagli

La matematica come forma di comunicazione PRIN

La matematica come forma di comunicazione PRIN La matematica come forma di comunicazione PRIN 2009-2011 Introduzione Quanto è chiara l idea di comunicazione matematica? Possiamo distinguere il discorso matematico da tutti gli altri concentrandoci soltanto

Dettagli

Fonetica: Morfologia e sintassi:

Fonetica: Morfologia e sintassi: COMPETENZE ABILITÀ/CAPACITÀ riflettere metalinguisticamente sulla lingua latina attraverso traduzione di testi d autore non troppo impegnativi e debitamente annotati; riconoscere affinità e divergenze

Dettagli

Strumenti per l analisi del testo poetico

Strumenti per l analisi del testo poetico PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Ist. tecnico economico x Ist. prof.le enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media Polo Valboite INSEGNANTE: ANNACHIARA

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 Criteri distributivi 2 2 La struttura delle parole 3 3 Tipi diversi di morfemi 3 4 Estendere il lessico 4 5 Forme morfologiche

Dettagli

COME FUNZIONA IL NOSTRO CERVELLO IL LINGUAGGIO

COME FUNZIONA IL NOSTRO CERVELLO IL LINGUAGGIO Referente Dott.ssa Renza Rosiglioni Corso Re Umberto I, n.5 Ivrea (To) renzarosiglioni@libero.it Cellulare 347 9662237 a cura di RENZA ROSIGLIONI & LARA MASOERO COME FUNZIONA IL NOSTRO CERVELLO IL LINGUAGGIO

Dettagli

OBIETTIVI COGNITIVI LATINO CLASSI PRIME. Competenze specifiche Abilità Conoscenze ABILITÀ MORFO-SINTATTICHE

OBIETTIVI COGNITIVI LATINO CLASSI PRIME. Competenze specifiche Abilità Conoscenze ABILITÀ MORFO-SINTATTICHE OBIETTIVI COGNITIVI LATINO CLASSI PRIME Fonetica sue strutture morfosintattiche di base. 3. Arricchire il proprio bagaglio lessicale, imparando a usarlo consapevolmente. 4. Comprendere lo stretto rapporto

Dettagli

Programmi di Fonetica Applicata

Programmi di Fonetica Applicata Programmi di Fonetica Applicata LIVELLO 1 Natura e produzione pratica del suono Percezione ed acustica Una prospettiva generale dei suoni inglesi Le cavità di Risonanza - L alfabeto e la trascrizione fonologica

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: ITALIANO Prof.ssa Santomauro Teresa ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe I^ AS ELENCO DELLE UNITA DIDATTICHE/MODULI Num Titolo delle UNITA

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO SCUOLA LICEO LINGUISTICO MANZONI A.S. 2014-2015 DOCENTE: STEFANO MOZZATI MATERIA: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE 1 SEZIONE H FINALITÀ DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Indicatori CONOSCENZE ABILITA COMPETENZA. Indicatori CONOSCENZE ABILITA COMPETENZA IMPEGNO

Indicatori CONOSCENZE ABILITA COMPETENZA. Indicatori CONOSCENZE ABILITA COMPETENZA IMPEGNO Valutazione prova di: Inserire descrittore delle : dipende dalla materia Inserire descrittore delle abilità: dipende dalla materia Inserire descrittore delle : dipende dalla materia abilità Valutazione

Dettagli

Facoltà di Scienze della Comunicazione, Macerata

Facoltà di Scienze della Comunicazione, Macerata Facoltà di Scienze della Comunicazione, Macerata Le due anime della semiotica: come si giustificano Il modello peirciano Il concetto di inferenza Deduzione/Induzione/Abduzione Icona/Indice/Simbolo Il modello

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZI SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: X LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Linguaggio e Comunicazione. Linguaggio

Linguaggio e Comunicazione. Linguaggio e Comunicazione Introduzione L uomo è un essere sociale che ha sviluppato in massimo grado la capacità di comunicare con i propri simili. La comunicazione non è una semplice facoltà ma rappresenta una

Dettagli

CLASSI TERZE LA PROGRAMMAZIONE

CLASSI TERZE LA PROGRAMMAZIONE Obiettivi generali del processo formativo CLASSI TERZE LA PROGRAMMAZIONE La comunicazione nella madrelingua: la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in

Dettagli

01_178_DEAGO_Vedere per_cardona.qxp :12 Pagina V. Indice

01_178_DEAGO_Vedere per_cardona.qxp :12 Pagina V. Indice 01_178_DEAGO_Vedere per_cardona.qxp 18-10-2007 15:12 Pagina V 3 Nota introduttiva 7 CAPITOLO 1 Materiale audiovisivo e glottodidattica di Elena Ballarin 7 1.1 Il testo audiovisivo 1.1.1 Tipi testuali,

Dettagli

Si può fare un riassunto in matematica?

Si può fare un riassunto in matematica? Si può fare un riassunto in matematica? Livello scolare: 1 biennio Abilità Esprimersi nel linguaggio naturale con coerenza e proprietà. Usare, in varie situazioni, linguaggi simbolici. Analizzare semplici

Dettagli

Apprendere una seconda lingua

Apprendere una seconda lingua Apprendere una seconda lingua I bisogni linguistici degli alunni immigrati Acquisire l'italiano Mantenere la lingua materna Mantenere la lingua materna Facilita l'acquisizione della seconda lingua Facilita

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO

CURRICOLO DI ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TRICHIANA SCUOLE DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA I GRADO via L. Bernard, 40-32028 TRICHIANA (BL) Tel. 0437/554449 e-mail: istcomptri@libero.it - http://www.comprensivotrichiana.110mb.com/

Dettagli

Educazione Linguistica (lingua come codice) ortografia e punteggiatura morfologia sintassi della frase semplice e complessa

Educazione Linguistica (lingua come codice) ortografia e punteggiatura morfologia sintassi della frase semplice e complessa Liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES Tutti gli indirizzi Anno scolastico Disciplina: Lingua e letteratura italiana CLASSE 1 1. comunicare e interagire verbalmente in contesti di varia natura

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MORI

SCUOLA PRIMARIA - MORI ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROVE DI CERTIFICAZIONE LINGUA TEDESCA LIVELLO A2

PROVE DI CERTIFICAZIONE LINGUA TEDESCA LIVELLO A2 PROVE DI CERTIFICAZIONE LINGUA TEDESCA TEST INFORMATIZZATO (durata 55 min) 5 cloze: 1 cloze lessico 1cloze preposizioni 1 cloze pronomi 1 cloze sostantivi 1 cloze verbi 1 c-test (grammatica) 2 esercizi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZI SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: X LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo secondo J. Piaget

Lo sviluppo cognitivo secondo J. Piaget Lo sviluppo cognitivo secondo J. Piaget Jean Piaget La conoscenza umana può essere considerata come un organo biologico della mente e l acquisizione della conoscenza può essere un processo evolutivo. Conoscenza

Dettagli

Le aree dell informatica

Le aree dell informatica Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2006/07 Le aree dell informatica Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL VENETO DIREZIONE DIDATTICA STATALE VIGONZA

Ministero della Pubblica Istruzione UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL VENETO DIREZIONE DIDATTICA STATALE VIGONZA UNITÀ DIDATTICA N. 1 IL NUMERO - IL CALCOLO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Leggere, scrivere e operare con i numeri naturali e decimali avendo la consapevolezza del valore posizionale delle cifre. Saper adottare

Dettagli

Sociolinguistica A2 A.A.2005/06 ADA VALENTINI ESERCITAZIONI SULLE NOZIONI DI BASE Semantica, sintassi, tipologia, pragmatica

Sociolinguistica A2 A.A.2005/06 ADA VALENTINI ESERCITAZIONI SULLE NOZIONI DI BASE Semantica, sintassi, tipologia, pragmatica Sociolinguistica A2 A.A.2005/06 ADA VALENTINI ESERCITAZIONI SULLE NOZIONI DI BASE Semantica, sintassi, tipologia, pragmatica 1. Dite quali rapporti semantici intercorrono tra le parole dei seguenti gruppi.

Dettagli

Le lingue e il linguaggio di Giorgio Graffi e Sergio Scalise - Appunti di Vincenzo Bologna

Le lingue e il linguaggio di Giorgio Graffi e Sergio Scalise - Appunti di Vincenzo Bologna Le lingue e il linguaggio di Giorgio Graffi e Sergio Scalise - Appunti di Vincenzo Bologna Indice 1. Che cos è il linguaggio? 1 2. Che cos è una lingua? 1 3. Le lingue del mondo 3 4. I suoni delle lingue:

Dettagli

LE ESPRESSIONI. Espressioni

LE ESPRESSIONI. Espressioni VI LE ESPRESSIONI Le difficoltà di alcuni bambini nel leggere derivano dalla scarsa confidenza col fare ipotesi su quanto è implicito in ciò che leggono. Insegnare ai bambini a contare sulla propria conoscenza

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÁ CONOSCENZE

COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÁ CONOSCENZE ITALIANO Classe Prima SECONDARIA COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÁ CONOSCENZE Ascolta e si esprime oralmente Comprendere un testo ascoltato Esprimersi oralmente in modo corretto e chiaro Acquisire ed espandere

Dettagli

Io non temo il tema!!!!

Io non temo il tema!!!! Io non temo il tema!!!! 1. sviluppo i contenuti principali Penso a tutte le cose possibili che potrei dire: le appunto sulla brutta così come mi vengono in mente, senza preoccuparmi di come scriverle inizio

Dettagli

Le aree dell informatica

Le aree dell informatica Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2008/09 Le aree dell informatica Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

Riassumere significa ridurre la lunghezza di un testo mantenendone il senso globale.

Riassumere significa ridurre la lunghezza di un testo mantenendone il senso globale. Riassumere Riassumere significa ridurre la lunghezza di un testo mantenendone il senso globale. Non esistono regole fisse per il riassunto, che può variare a seconda del tipo di testo da riassumere, dello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA. LINGUA ITALIANA Classe prima 1)ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA. LINGUA ITALIANA Classe prima 1)ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA LINGUA ITALIANA Classe prima 1)ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE 1a saper comprendere messaggi o richieste verbali 1b saper interloquire con insegnanti

Dettagli

LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO. Logica, Linguistica e Scienza Cognitiva

LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO. Logica, Linguistica e Scienza Cognitiva titolo LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO Claudia Casadio PRIMA LEZIONE Logica, Linguistica e Scienza Cognitiva Tre ambiti scientifici logica Logica Studia i processi in base a cui traiamo inferenze a partire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI LATINO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI LATINO LICEO LINGUISTICO LICEO STATALE G. COMI - TRICASE a. s. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI LATINO LICEO LINGUISTICO per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali Classe I sez. AL indirizzo Linguistico Docente: Prof.ssa

Dettagli

Insegnare la pragmatica in (italiano) L2

Insegnare la pragmatica in (italiano) L2 Insegnare la pragmatica in (italiano) L2 indice O Che cosa c è da imparare O Perché è opportuno insegnare la pragmatica O Perché insegnare la pragmatica è più complicato che insegnare la grammatica 2 I

Dettagli

I suoni delle parole: la fonologia. la formazione e il significato delle parole

I suoni delle parole: la fonologia. la formazione e il significato delle parole Programmazione di Dipartimento(Area1) Lettere Programmazione di lingua e letteratura italiana Liceo delle scienze umane e linguistico I Biennio Anno Scolastico2013/14 Programmazione per anno di corso e

Dettagli

SINTASSI E L E M E N T I I N T R O D U T T I V I. Francesca Forza - Nozioni Generali di Sintassi 1

SINTASSI E L E M E N T I I N T R O D U T T I V I. Francesca Forza - Nozioni Generali di Sintassi 1 SINTASSI 1 E L E M E N T I I N T R O D U T T I V I LINGUISTICA 2 La linguistica è costituita da più discipline che hanno oggetti di studio diversi: 1. FONETICA (che studia i foni) 2. FONOLOGIA (che studia

Dettagli

Chiarezza obiettivo Riflessione Controllo di sé Autovalutazione

Chiarezza obiettivo Riflessione Controllo di sé Autovalutazione Progetto x competenza EMOZIONANDO Competenza imparare ad imparare: è l abilità di perseverare nell apprendimento, di organizzare il proprio apprendimento anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE L alunno sa ascoltare e parlare correttamente seguendo un filo logico e cronologico. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Ascoltare e parlare 1. Ascoltare e interagire in modo pertinente nelle conversazioni

Dettagli

Laboratorio di linguaggio: costruire la lingua attorno alle esperienze

Laboratorio di linguaggio: costruire la lingua attorno alle esperienze Laboratorio di linguaggio: costruire la lingua attorno alle esperienze Dott.ssa Nicoletta Staffa Dott.ssa Valentina Ortelli 25.03.2013 Apprendimento: Implicito Principi: Sistematicità e Gradualità Prima

Dettagli

parole Classificare e ordinare Comprensione Anticipazione Applicazione Reversibilità del pensiero

parole Classificare e ordinare Comprensione Anticipazione Applicazione Reversibilità del pensiero Tabella generale: ASCOLTO, COMPRENSIONE E COMUNICAZIONE OBIETTIVI SPECIFICI DI Avvalersi di tutte le anticipazioni del testo per mantenere l attenzione, orientarsi nella comprensione, porsi in modo attivo

Dettagli

HappyJob Felice del mio lavoro PARTE 2 COSA? LE INTELLIGENZE MULTIPLE

HappyJob Felice del mio lavoro PARTE 2 COSA? LE INTELLIGENZE MULTIPLE HappyJob Felice del mio lavoro PARTE 2 COSA? LE INTELLIGENZE MULTIPLE Concetto di intelligenza In questo capitolo capirai cos è l intelligenza, come possiamo suddividerla e potrai scoprire quali sono le

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

COMPETENZE IN USCITA AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMPETENZE IN USCITA AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Alunno Nato/a a (prov.) il. Scuola. Classe..Sezione Anno Scolastico Competenze Per gli alunni non di madrelingua italiana: Comprendere brevi messaggi

Dettagli