ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA"

Transcript

1 ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA Il Capitolo Quarto della Parte Prima del Libro III (Sezione V), del Volume deve intendersi sostituito dal seguente

2 Capitolo Quarto La tassazione degli strumenti finanziari 1. Il D.L. n. 66/2014 A tre anni di distanza dall unificazione delle aliquote d imposta operata ex D.L. 138/2011, il D.L. n. 66 del 24 aprile 2014, convertito dalla Legge n. 89 del 23 giugno 2014, ha modificato, con decorrenza 1 luglio 2014, l imposizione sui redditi di natura finanziaria. Le novità riguardano, essenzialmente, l aliquota di tassazione, passata dal 20% al 26%, mentre sono rimaste inalterate le singole norme procedurali riguardanti le modalità di applicazione delle ritenute e delle imposte sostitutive nonché le misure di favore per determinate fattispecie considerate meritevoli di tutela; mentre è stata prevista una disciplina transitoria finalizzata ad evitare operazioni di arbitraggio conseguenti alla variazione dell aliquota. L aumento al 26% investe anche i redditi diversi di natura finanziaria, con esclusione delle plusvalenze relative a partecipazioni qualificate. Tali plusvalenze, infatti, non sono sottoposte ad imposta sostitutiva dal momento che concorrono alla determinazione del reddito complessivo dei percettori nella misura del 49,72% del loro ammontare. Con lo stesso provvedimento, il legislatore ha abrogato la ritenuta alla fonte del 20% sui redditi degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria riscossi attraverso intermediari italiani, a suo tempo introdotta con la disciplina del monitoraggio fiscale (art. 4, comma 2, D.L. 1672/90). A) Esclusioni Il D.L. 66/2014 esclude dall aumento (art. 3, comma 2) le aliquote riferite a talune tipologie di redditi di natura finanziaria. In particolare, resta invariata l aliquota del 12,50% su interessi, premi e ogni altro provento relativo a obbligazioni, titoli di Stato ed equiparati. La misura ridotta si applica, inoltre, ai redditi di capitale derivanti da contratti di riporto, pronti contro termine e prestito titoli, aventi ad oggetto titoli di Stato e titoli equiparati, nonché ai redditi diversi derivanti dalla cessione o dal rimborso dei predetti titoli. Lo stesso regime agevolato è mantenuto per le obbligazioni emesse dagli Stati esteri inclusi nella cosiddetta white list e dai loro enti territoriali (1), al pari di quanto previsto per i titoli emessi dagli enti territoriali italiani. Sui proventi derivanti dai titoli di risparmio per l economia meridionale continua a rendersi applicabile l aliquota del 5%. In più, il decreto prevede le seguenti aliquote agevolate: 11% sugli utili corrisposti a fondi pensione istituiti negli Stati membri dell Unione europea e negli Stati aderenti all Accordo sullo Spazio economico europeo (SEE) inclusi nella white list; (1) Nel caso di specie si tratta, addirittura, di una riduzione, poiché l aliquota di tassazione passa dal 20 al 12,50%.

3 Capitolo Quarto: La tassazione degli strumenti finanziari 551 In particolare, con riferimento alle forme di previdenza complementare, in sede di conversione del decreto, la misura dell imposta sostitutiva delle imposte sui redditi dovuta sul risultato netto maturato, per il solo anno 2014, è stata portata dal 11 al 11,50%. Non ha, invece, trovato conferma la deroga all aumento dell aliquota d imposta da applicare ai piani di risparmio a lungo termine così come prescritto dall art. 2, comma 7, lett. d), del D.L. n. 138/ ,375% sugli utili corrisposti a società ed enti esteri soggetti all imposta sul reddito delle società in Stati dell Unione Europea e in Stati aderenti all Accordo sul SEE inclusi nella white list e residenti in tali Stati. 2. Conti correnti e depositi L aliquota del 26% si applica anche agli interessi e altri proventi derivanti da depositi e conti correnti: in particolare, a quelli corrisposti ai titolari di conti correnti e depositi anche se rappresentati da certificati, bancari e postali maturati a decorrere dal 1 luglio La ritenuta è operata dalle banche e da Poste italiane S.p.A. Gli interessi e gli altri proventi corrisposti a soggetti non residenti derivanti da depositi e conti correnti bancari e postali che non si considerano prodotti nel territorio dello Stato non sono, invece, imponibili. Sono assoggettati alla ritenuta alla fonte con aliquota del 26% gli interessi e gli altri proventi dei certificati di deposito bancari. Il prelievo fiscale è effettuato al momento del pagamento. 3. Utili da partecipazioni I dividendi e i proventi ad essi assimilati, percepiti dal 1 luglio 2014, scontano un aliquota del 26%. Ai fini impositivi va considerata, esclusivamente, la data di incasso degli utili, mentre non assume rilevanza la data di delibera dei dividendi. I soggetti non residenti diversi dagli azionisti di risparmio, dai fondi pensione istituiti negli Stati membri dell Unione Europea e negli Stati aderenti al SEE inclusi nella white list, e dalle società ed enti soggetti ad un imposta sul reddito delle società nei predetti Stati hanno diritto al rimborso, fino a concorrenza degli 11/26 della ritenuta, delle imposte che dimostrino di aver pagato all estero in via definitiva sugli stessi utili. Con riguardo al regime impositivo previsto per le Società di Investimento Immobiliare Quotate e non Quotate (SIIQ e SIINQ), la ritenuta prevista in caso di distribuzione di utili corrisposti dal 1 luglio 2014 a soggetti diversi da SIIQ e derivanti dall attività di locazione immobiliare, si applica nella misura del 26%. I dividendi percepiti da persone fisiche residenti per partecipazioni di natura qualificata e i dividendi percepiti nell ambito del regime d impresa sono tassati in dipendenza delle aliquote IRPEF previste sulla parte imponibile (40 o 49,72%, secondo che gli utili siano stati prodotti, rispettivamente, fino all esercizio in corso al 31 dicembre 2007 o successivamente).

4 552 PARTE I Libro Terzo: Economia degli intermediari e dei mercati finanziari Sezione V 4. Tassazione dei titoli obbligazionari Sui redditi derivanti da obbligazioni, titoli similari e cambiali finanziare (2) maturati a decorrere dal 1 luglio 2014, indipendentemente dalla data di emissione dei titoli, si applica un imposta sostitutiva del 26%, con l eccezione, già segnalata, relativa alle obbligazioni degli enti territoriali degli Stati esteri white listed (che, invece, scontano una tassazione del 12,50%). La determinazione dell imposta sostitutiva avviene (art. 3, D.LGS. 239/96) attraverso il conto unico, istituito presso gli intermediari e in cui si registrano le operazioni effettuate per conto o a favore dei soggetti beneficiari. A) Riporto e pronti contro termine su obbligazioni Derogando alla decorrenza, fissata come più volte indicato, al 1 luglio 2014, il D.L. 66/2014 prescrive una speciale regola di decorrenza per i contratti di riporto e pronti contro termine di durata inferiore o uguale a 12 mesi stipulati anteriormente al 1 luglio 2014 e aventi ad oggetto obbligazioni e titoli similari soggetti ad imposta sostitutiva. In virtù di tale disposizione, infatti, l applicazione della nuova aliquota decorre dal giorno successivo a quello di scadenza di tali contratti, tanto per gli eventuali differenziali positivi, quanto per gli interessi e gli altri proventi derivanti dalle obbligazioni e titoli similari sottostanti. Di conseguenza, i differenziali positivi generati fino alla scadenza dei contratti conclusi prima del 1 luglio 2014 hanno continuato ad essere soggetti a ritenuta con l aliquota del 12,50% o del 20%, in funzione dell aliquota applicabile sugli interessi e altri proventi delle obbligazioni e dei titoli similari sottostanti, anche se detta scadenza è successiva al 30 giugno Gli OICR (organismi di investimento collettivo del risparmio) A decorrere dal 1 luglio 2014, i proventi derivanti dalla partecipazione ad OICR italiani e a fondi lussemburghesi storici e ad OICR di diritto sono soggetti a una ritenuta del 26%. La misura della nuova aliquota (in precedenza, era il 20%) riguarda i proventi distribuiti in costanza di partecipazione all organismo di investimento e la quota dei proventi compresi nella differenza tra il valore di rimborso, liquidazione o cessione delle quote o azioni e il costo medio ponderato di sottoscrizione o acquisto delle quote o azioni medesime. Ai fini dell applicazione dell imposta rileva la data di messa in pagamento dei proventi, a prescindere dalla data della delibera di distribuzione. Giova ricordare che, per effetto delle disposizioni introdotte dagli articoli da 9 a 14 del D.LGS. 4 marzo 2014, n. 44, emanato in attuazione della Direttiva 2011/61/ UE (Direttiva AIFM), il costo delle quote o azioni e il valore di rimborso, cessione o liquidazione delle quote o azioni non devono essere più determinati con riferimento ai valori (Net asset value, NAV) indicati nei prospetti periodici dell OICR. Pertanto, ai fini della determinazione dei redditi di capitale, derivanti dalla partecipazione ad OICR italiani ed esteri, bisogna far riferimento ai valori effettivi di acquisto e vendita e non più ai valori di prospetto. (2) Si tratta, in particolare, di quei titoli il cui regime fiscale è regolato dal D.LGS. n. 239/96.

5 Capitolo Quarto: La tassazione degli strumenti finanziari 553 Circa la decorrenza delle citate disposizioni fiscali, le società di gestione del risparmio (SGR) e gli altri soggetti che, alla data del 9 aprile 2014, gestivano o commercializzavano organismi di investimento collettivo avrebbero dovuto adottare, entro il 22 luglio 2014, le misure necessarie per rispettare le disposizioni di recepimento della Direttiva 2011/61/UE. Per effetto del regime transitorio di cui al comma 12 dell art. 3 del D.LGS. 66/2014, sui proventi realizzati a decorrere dal 1 luglio 2014, se riferibili a importi maturati fino al 30 giugno 2014, andava applicata, per i redditi di capitale, come per i redditi diversi di natura finanziaria, l aliquota del 20%. Bisognava, perciò, verificare la riconducibilità degli stessi al numero delle quote o azioni possedute a tale data. Per gli OICR che investono in titoli pubblici italiani ed esteri, la quota dei proventi periodici e degli altri redditi di capitale conseguiti in sede di rimborso, cessione o liquidazione delle quote o azioni riferibile ai titoli pubblici italiani ed esteri, calcolata secondo le modalità del c.d. decreto determinazione quota titoli pubblici, beneficia della tassazione con l aliquota del 12,50%. Per quanto attiene, invece, ai proventi maturati dal 1 luglio 2014, la quota relativa ai predetti titoli pubblici è assoggettata alla ritenuta del 26% nel limite del 48,08% del relativo ammontare. Allo stesso modo, le perdite realizzate in sede di rimborso, cessione o liquidazione delle quote o azioni riferibili ai titoli pubblici italiani ed esteri possono essere portate in deduzione dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi per un importo ridotto del 51,92% del loro ammontare. Esempio - Si supponga un reddito di capitale di importo pari a 500 sul quale la percentuale media di investimento in titoli pubblici italiani ed esteri incida per il 25%. Avremo: quota riferibile a titoli pubblici = % = 125 reddito al netto dei titoli pubblici = = 375 reddito riferibile ai titoli pubblici = ,08% = 60,01 base imponibile = ,01 = 435,1 ritenuta = 113,13 (ossia 435,1 26%) Per quanto concerne, invece, i redditi diversi derivanti dalla partecipazione agli OICR, mobiliari e immobiliari, realizzati a decorrere dal 1 luglio 2014, gli stessi sono soggetti in caso di revoca del regime del risparmio amministrato, che costituisce il regime naturale di tassazione delle quote o azioni di OICR all applicazione dell imposta sostitutiva nella misura del 26% secondo il regime di tassazione scelto dal contribuente, ossia il regime della dichiarazione o del risparmio gestito. Ai fini della compensazione tra le plusvalenze realizzate dal 1 luglio 2014 e le minusvalenze realizzate precedentemente, le minusvalenze, perdite e differenziali negativi si portano in deduzione dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi di natura finanziaria realizzati successivamente alla data del 30 giugno 2014, per una quota pari al: 48,08% del loro ammontare, se realizzati entro il 31 dicembre 2011; 76,92% del loro ammontare, se realizzati nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2012 e il 30 giugno L eventuale eccedenza delle minusvalenze e delle perdite può essere dedotta fino a concorrenza delle plusvalenze e degli altri redditi diversi di natura finanziaria nei periodi d imposta successivi, ma non oltre il quarto.

6 554 PARTE I Libro Terzo: Economia degli intermediari e dei mercati finanziari Sezione V 6. gestioni individuali di portafoglio Sui risultati maturati a partire dal 1 luglio 2014, si applica un imposta con aliquota del 26% (20% per i redditti maturati al 30 giugno 2014, con data di versamento fissata al 16 febbraio 2015). Circa eventuali risultati negativi di gestione rilevati e non compensati alla data del 30 giugno 2014, è stata offerta la possibilità di portarli in deduzione dai risultati di gestione maturati dal 1 luglio 2014 entro quattro periodi d imposta, per una quota pari a: 48,08% del loro ammontare se rilevati alla data del 31 dicembre ; 76,92% del loro ammontare se rilevati nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2012 e il 30 giugno Al fine di assicurare la tassazione dei redditi dei titoli pubblici italiani ed esteri nella misura del 12,50%, questi sono computati nella determinazione del risultato maturato di gestione nella misura del 48,08% del relativo ammontare. I proventi e le perdite derivanti dalla partecipazione ad organismi di investimento riferibili ai titoli pubblici italiani ed esteri concorrono alla formazione del risultato maturato della gestione nei limiti del 48,08% del relativo ammontare. In particolare: i proventi periodici ovvero i proventi e le perdite da rimborso o cessione delle quote o azioni di organismi di investimento devono essere computati al netto del 51,92% dei proventi (o delle perdite) riferibili ai titoli pubblici italiani ed esteri determinati applicando al provento conseguito (ovvero alla perdita) la percentuale media rilevante nel semestre di conseguimento del provento (o della perdita); i proventi e le perdite da valutazione delle quote o azioni di organismi di investimento detenute in portafoglio alla data del 31 dicembre ovvero alla data di chiusura del rapporto di gestione devono essere computati al netto del 51,92% dei proventi (o delle perdite) riferibili ai titoli pubblici italiani ed esteri determinati applicando al provento o alla perdita valorizzata la percentuale media rilevante alle predette date. Sui redditi di capitale derivanti dalle attività comprese nella massa patrimoniale affidata in gestione non si applicano le ritenute e le imposte sostitutive, ivi elencate, ordinariamente previste; non si applica, inoltre, la ritenuta sui redditi di capitale derivanti da azioni o quote di OICR immobiliari italiani o esteri affidate in gestione (art. 7, comma 3, lett. e-bis), D.LGS. 461/97). 7. Redditi diversi di natura finanziaria Sulle plusvalenze realizzate dal 1 luglio 2014 si applica un aliquota del 26%. Le plusvalenze si intendono realizzate nel momento in cui si perfeziona la cessione a titolo oneroso delle partecipazioni, titoli e diritti e non nel momento in cui avviene la liquidazione del corrispettivo della cessione. Minusvalenze, perdite e differenziali negativi realizzati entro il 31 dicembre 2011, sono portati in deduzione dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi di natura finanziaria realizzati dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno 2014 per una quota pari al 62,50% del loro ammontare. Per quanto attiene alla compensazione tra le plusvalenze realizzate dal 1 luglio 2014 e le minusvalenze realizzate precedentemente, queste ultime sono portate in de-

7 Capitolo Quarto: La tassazione degli strumenti finanziari 555 duzione dalle plusvalenze realizzate successivamente alla data del 30 giugno 2014, per una quota pari al: 48,08% del loro ammontare, se realizzate entro il 31 dicembre 2011; 76,92% del loro ammontare, se realizzate nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2012 e il 30 giugno Se l ammontare delle minusvalenze e delle perdite è superiore all ammontare delle plusvalenze e degli altri redditi diversi di natura finanziaria, l eccedenza può essere dedotta fino a concorrenza di tali redditi nei periodi d imposta successivi, ma non oltre il quarto. Affrancamento (per persone fisiche e soggetti assimilati in regime dichiarativo o del risparmio amministrato) Allo scopo di evitare l incidenza dell aumento dell aliquota sui redditi maturati antecedentemente al 1 luglio 2014, il D.L. 66/2014 ha riconosciuto la facoltà di allineare il valore fiscale di carico dei titoli, quote, diritti, valute estere, metalli preziosi allo stato grezzo o monetato, strumenti finanziari, rapporti e crediti posseduti alla data del 30 giugno 2014, al di fuori dell esercizio di un impresa commerciale, ai prezzi/valori di mercato in tale data (affrancamento). L affrancamento determina gli stessi effetti fiscali che si avrebbero con la vendita degli strumenti finanziari e l accredito del controvalore senza che ciò avvenga, consentendo di beneficiare della vecchia tassazione (imposta sostitutiva del 20%) sugli eventuali risultati positivi. Strumenti in portafoglio al 30 Giugno 2014 Valore fiscale dello strumento finanziario in portafoglio Valore al 30 Giugno 2014 P l u s v a l e n z a (euro) Imposta sostitutiva (euro) Nuovo valore fiscale del titolo dopo l affrancamento (20% di 150) 11 Nel caso di minusvalenze, esse sono utilizzabili per compensare future plusvalenze nei limiti del 76,92% del loro ammontare. L opzione per l affrancamento (3) (facoltativa) aveva efficacia per tutti gli strumenti finanziari (con esclusione dei titoli di Stato italiani, i titoli dei Paesi white list e gli OICR) inclusi nel medesimo rapporto alla data del 30 giugno 2014 e detenuti alla data di esercizio della stessa. L affrancamento non riguarda gli oicr. Dall affrancamento sono state, inoltre, escluse le obbligazioni e gli altri titoli di Stato italiani ed equiparati e le obbligazioni emesse dagli Stati esteri rientranti nella white list per i quali non è intervenuta la modifica dell aliquota d imposta, che resta applicabile nella misura del 12,50%, nonché le obbligazioni emesse dagli enti territoriali dei suddetti Stati esteri, per le quali l aliquota d imposta è diminuita dal 20 per cento al 12,50 per cento a partire dal 1 luglio Non era consentito l affrancamento parziale. 8. Assicurazioni Il D.L. 66/2014 è intervenuto anche sulle assicurazioni, inasprendo il prelievo fiscale. I redditi di capitale derivanti da contratti assicurativi sottoscritti dal 1 luglio 2014 e da plusvalenze realizzate a decorrere dalla stessa data sulla cessione a titolo oneroso di predetti contratti pagano, quindi, un imposta sostitutiva del 26% e non più del 20% come, invece, stabilito dal D.M. 138/2011. Inoltre, i redditi maturati successivamente al (3) I contribuenti in regime dichiarativo potevano esercitare l opzione attraverso il versamento diretto dell imposta sostitutiva entro il 16 novembre Per i contribuenti in risparmio amministrato, invece, l opzione andava resa all intermediario abilitato con cui è intrattenuto il rapporto mediante comunicazione scritta, in forma libera, entro il 30 settembre 2014.

8 556 PARTE I Libro Terzo: Economia degli intermediari e dei mercati finanziari Sezione V 31 dicembre 2011, sui quali si applica l aliquota del 20 o del 26% sono ridotti se tra gli attivi a copertura delle riserve matematiche siano compresi titoli pubblici ed equiparati. In particolare, ferma restando la ritenuta del 20% o del 26% per i contratti stipulati o rinnovati fino al 31 dicembre 2000 o l imposta sostitutiva per i contratti stipulati o rinnovati dal 1 gennaio 2001, è prevista la riduzione della base imponibile riferita alla quota dei proventi delle obbligazioni e degli altri titoli di Stato equiparati (tassati al 12,50) (4). Il criterio adottato è quello forfetario di tipo patrimoniale valido anche per gli OICR. Oggetto d imposta, come si diceva, sono i redditi compresi nei capitali corrisposti o che si considerano corrisposti, ex art. 45, comma 1, TUIR, in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione. Questi ultimi, in base all art. 2 del Codice delle Assicurazioni Private, approvato con il D.LGS. 7 settembre 2005, n. 209, sono così classificati: nel ramo I, assicurazioni sulla durata della vita umana; nel ramo III, assicurazioni sulla durata della vita umana le cui prestazioni principali sono direttamente collegate al valore di quote di organismi di investimento collettivo del risparmio o di fondi interni ovvero a indici o ad altri valori di riferimento; nel ramo V, operazioni di capitalizzazione. Sono esclusi i redditi nella fase di accumulo derivanti da forme pensionistiche complementari realizzate mediante contratti di assicurazione sulla vita nei suddetti rami. Per quanto attiene alla media dei titoli pubblici da calcolare in deduzione della base imponibile, essa è rilevata con cadenza annuale nel corso della durata del contratto sulla base dei rendiconti/prospetti di periodo approvati riferibili alla gestione assicurativa nella quale è inserito il contratto. Sono, tuttavia, previste delle eccezioni. Una volta determinata la media, essa va applicata al reddito imponibile in misura pari alla differenza tra l ammontare percepito e quello dei premi pagati. La percentuale di provento da escludere dalla base imponibile è pari al: 37,50% relativamente ai proventi maturati dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno Corrispondente alla tassazione del 62,50% della predetta quota di reddito con l aliquota del 20%; 51,92% dei proventi maturati dal 1 luglio 2014, con conseguente tassazione del 48,08% della predetta quota di reddito con l aliquota del 26%. La ritenuta non si applica sui proventi derivanti dalla partecipazione ad OICR istituiti in Italia, diversi dagli immobiliari, e di fondi lussemburghesi storici, limitatamente alle quote collocate nel territorio dello Stato, spettanti alle imprese di assicurazioni nel caso in cui tali quote o azioni siano comprese negli attivi posti a copertura delle riserve matematiche dei rami vita. La ritenuta non si applica sui proventi derivanti dalla partecipazione ad organismi di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) di diritto estero conformi alla Direttiva 2009/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 13 luglio 2009 (Direttiva UCITS IV), nonché su quelli derivanti dalla partecipazione a OICR di diritto estero (diversi dagli immobiliari) non conformi alla suddetta Direttiva istituiti negli Stati membri dell Unione europea o aderenti al SEE inclusi nella white list e il cui gestore sia soggetto a forme di vigilanza nel Paese estero in cui è stato istituito, spettanti alle imprese di (4) Rientrano fra questi anche le obbligazioni emesse da Stati esteri white listed e dai loro enti territoriali.

9 Capitolo Quarto: La tassazione degli strumenti finanziari 557 assicurazione e relativi a quote o azioni comprese negli attivi posti a copertura delle riserve matematiche dei rami vita. Ai fini dell esonero, l impresa di assicurazione deve comunicare al sostituto d imposta se le quote o azioni sono comprese negli attivi posti a copertura delle riserve matematiche dei rami vita. Con riferimento ai contratti stipulati o rinnovati a decorrere dal 1 gennaio 2001, ai sensi dell art. 15, comma 1, lett. f), TUIR, il contribuente può detrarre dall imposta lorda il 19% dei premi assicurativi aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5%, da qualsiasi causa derivante, ovvero di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana (5), se l impresa di assicurazione non ha facoltà di recesso dal contratto, per un importo complessivamente non superiore a e 1.291,14. Per i percettori di redditi di lavoro dipendente e assimilato, si tiene conto, ai fini del predetto limite, anche dei premi di assicurazione in relazione ai quali il datore di lavoro ha effettuato la detrazione in sede di ritenuta. TAVOLA SINOTTICA riepilogativa Tipo Investimento Fino al 30 giugno 2014 Dal 1 luglio 2014 Interessi su conti correnti, certificati Ritenuta 20% Ritenuta 26% di deposito Interessi su Titoli di Stato ed equiparati Imposta sostitutiva 12,5% Imposta sostitutiva 12,5% (Bei, Birs, ecc), sui Titoli di Stato esteri white list Interessi su altri titoli obbligazionari Imposta sostitutiva 20% Imposta sostitutiva 26% italiani ed esteri Dividendi non qualificati non provenienti Ritenuta o Imposta sostitu- Ritenuta o Imposta sostitutiva 26% da società localizzate in tiva 20% paradisi fiscali Fondi Comuni Mobiliari o Sicav Ritenuta d acconto 20%; 12,50% (per la parte investita in Titoli di Stato) Proventi delle Polizze Vita e di capitalizzazione Capital gain su titoli di Stato ed equiparati (Bei, Birs, ecc), sui titoli di Stato esteri white list Capital gain su altri strumenti finanziari diversi dalle partecipazioni qualificate Ritenuta d acconto 26% (12,50% per la parte investita in titoli di stato) Imposta sostitutiva 20% Imposta sostitutiva 26% (12,50% per polizze vita ramo I, limitatamente alla quota di patrimonio investita in titoli di Stato) Imposta sostitutiva 12,5% Imposta sostitutiva 12,5% Imposta sostitutiva 20% Imposta sostitutiva 26% 9. Regime fiscale della previdenza complementare La disciplina fiscale della previdenza complementare, realizzata attraverso l adesione a fondi pensione e a forme pensionistiche individuali, è stato oggetto negli ultimi (5) Le caratteristiche cui devono rispondere i contratti che assicurano il rischio di non autosufficienza sono stabilite con decreto del Ministero delle finanze, sentito l ISVAP.

10 558 PARTE I Libro Terzo: Economia degli intermediari e dei mercati finanziari Sezione V anni di due importanti riforme: la prima, in vigore dal 1 gennaio 2001, attuata con il D.Lgs , n. 47 e successive modifiche, e la seconda, ancora più incisiva della precedente, ad opera del D.Lgs , n. 252, in vigore dal 1 gennaio 2007, con la quale è stato consentito ai lavoratori dipendenti di destinare il proprio TFR alla previdenza complementare ed è stato attuato un regime di tassazione più conveniente del precedente. Occorre quindi distinguere la normativa in vigore dal 2007 da quella ad essa previgente in relazione ai contributi versati alle forme di previdenza complementare, ai rendimenti prodotti da queste e alle prestazioni erogate. A) Deducibilità dal reddito dei contributi pensionistici Dal 1 gennaio 2007 i contributi versati volontariamente o in base a contratti o accordi collettivi, anche aziendali dal lavoratore e dal datore di lavoro o committente sono deducibili, ai sensi dell art. 10, co. 1, lett. e-bis), del TUIR, dal reddito complessivo per un importo non superiore ad euro 5.164,57. Ai fini del computo del predetto importo si tiene conto anche delle quote accantonate dal datore di lavoro ai fondi di previdenza di cui all art. 105, co. 1, del citato Testo unico. L importo dei contributi versati non dedotti, compresi quelli eccedenti il suddetto ammontare, va comunicato dal contribuente alla forma pensionistica complementare entro il 31 dicembre dell anno successivo a quello in cui è stato effettuato il versamento, o, se antecedente, alla data in cui sorge il diritto alla prestazione. La deduzione spetta anche per i contributi versati nell interesse delle persone fiscalmente a carico per l ammontare non dedotto dalle persone stesse, fermo restando l importo complessivo di 5.164,47 euro. Ai lavoratori di prima occupazione, limitatamente ai primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari, è consentito, nei venti anni successivi al quinto anno di partecipazione a tali forme, dedurre dal reddito complessivo contributi eccedenti il limite di 5.164,57 euro pari alla differenza positiva tra l importo di ,85 euro e i contributi effettivamente versati nei primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche e comunque per un importo non superiore a 2.582,29 euro annui. B) Tassazione dei rendimenti dei fondi pensione Per quanto concerne i rendimenti della gestione finanziaria conseguiti dai fondi pensione nella sostanza nulla è mutato nel passaggio dal vecchio al nuovo regime: essi sono soggetti, in capo al fondo, ad un imposta sostitutiva dell 11% (11,50% per il solo 2014), aliquota applicata alla generalità dei rendimenti derivanti da altre forme di investimento (artt ter D.Lgs. 124/93; art. 17 D.Lgs. 252/2005). C) Regime tributario delle prestazioni erogate dalle forme pensionistiche Le prestazioni pensionistiche possono essere erogate sotto forma di rendita (prestazioni periodiche) o di capitale (prestazioni consistenti nell erogazione di una somma di denaro pagata una tantum). Le prestazioni pensionistiche, erogate in qualsiasi forma, sono soggette a ritenuta alla fonte a titolo d imposta nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. La misura massima della riduzione è pari al 6% per cui la misura minima della ritenuta è del 9%.

11 Capitolo Quarto: La tassazione degli strumenti finanziari 559 Esse sono imponibili per il loro ammontare complessivo al netto della parte corrispondente ai redditi già assoggettati ad imposta. Le anticipazioni percepite per sostenere spese sanitarie nonché le somme percepite a titolo di riscatto in caso di inoccupazione per un periodo non inferiore a 12 mesi, mobilità, cassa integrazione guadagni, invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo e decesso sono tassate con le modalità appena illustrate mentre le anticipazioni percepite per altri motivi (acquisto e ristrutturazione della prima casa, per altre esigenze del lavoratore), nonché i riscatti per cause diverse da quelle sopra elencate sono soggette ad una ritenuta alla fonte a titolo d imposta nella misura fissa del 23%. Tutti i lavoratori del settore privato che iniziano a lavorare devono effettuare esplicitamente la scelta di adesione o meno alla previdenza complementare entro 6 mesi dalla data dell assunzione. Trascorso il predetto semestre, se non hanno operato alcuna scelta, scatta il meccanismo del silenzio-assenso, con la conseguenza che il lavoratore aderisce automaticamente al fondo pensione. Quindi, all atto dell assunzione, il lavoratore: può decidere di aderire alla previdenza complementare, indicando il fondo pensione prescelto e dichiarando la propria volontà di conferirvi a titolo di contribuzione il TFR maturando; può decidere di non aderire, dichiarando espressamente il proprio diniego, fermo restando l eventualità di poter successivamente revocare tale scelta e conferire il TFR ad un fondo pensione a titolo di adesione. La L. 296/2006 interviene sulle modalità di accantonamento del TFR per tutti i lavoratori che decidono di non aderire alla previdenza complementare. Per tali soggetti il TFR continua ad essere accantonato per poi essere liquidato in regime di retribuzione differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Tuttavia, dal , per le imprese con almeno 50 dipendenti, le quote di TFR non sono più accantonate presso il datore di lavoro, ma presso un apposito fondo, denominato Fondo di Tesoreria, previsto dalla L. 296/2006 e gestito dall INPS per conto dello Stato. Il versamento del TFR a tale fondo dovrà essere effettuato dall impresa mensilmente, con i medesimi termini e modalità previsti per il versamento della contribuzione previdenziale obbligatoria e, dunque, entro il 16 del mese successivo a quello di competenza dell accantonamento al TFR. D) La tassazione del TFR Mentre la quota capitale (v. Parte V, Sez. I, Cap. 3) del TFR sarà sottoposta a tassazione separata, la quota finanziaria del TFR è soggetta ad un imposta sostitutiva pari all 11%. L imposta sostitutiva è a carico del dipendente anche se viene versata dall azienda che la recupera detraendola dal Debito per TFR. Essa pertanto non rappresenta un costo per l azienda. L imposta sostitutiva va calcolata sulla quota finanziaria secondo il seguente calcolo: Schematizzando si ha: quota finanziaria del TFR 11% = imposta sostitutiva

12 560 PARTE I Libro Terzo: Economia degli intermediari e dei mercati finanziari Sezione V TFR Al 31/12 di ogni anno: TFR maturato nell esercizio: Quota annua Rivalutazione debiti per TFR pregressi Storno dei recuperi contributivi e dell imposta sostitutiva Quota TFR Erario c/ritenute Oneri sociali Debiti per TFR Alla cessazione del rapporto di lavoro: liquidazione del TFR lordo con storno degli oneri sociali da recuperare e dell imposta sostitutiva pagamento dell importo del TFR al netto della ritenuta fiscale Debiti per TFR (quote pregresse) Quota TFR (quota maturata nell esercizio) Oneri sociali (recupero contributi) Erario c/ritenute Dipendenti c/liquidazione Erario c/ritenute Banca c/c Ai sensi del d.m. 20 marzo 2008, dal 1 aprile 2008, l IRPEF sul TFR e sulle indennità equipollenti è ridotta di un importo pari a: a) 70 euro se il reddito di riferimento non supera euro; b) 50 euro, aumentato del prodotto fra 20 euro e l importo corrispondente al rapporto tra euro, diminuito del reddito di riferimento, e euro, se l ammontare del reddito di riferimento è superiore a euro ma non a euro; c) 50 euro, se il reddito di riferimento è superiore a euro ma non a euro. La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di euro, diminuito del reddito di riferimento, e l importo di euro. Reddito di riferimento è il reddito teorico medio determinato, sulla base della durata complessiva del rapporto di lavoro, per individuare l aliquota di tassazione del TFR e delle indennità equipollenti. La detrazione di cui sopra riduce l imposta dovuta sulle altre indennità e somme connesse alla cessazione del rapporto di lavoro eventualmente erogate, nella sola ipotesi di integrale destinazione del TFR alle forme di previdenza complementare. Per i lavoratori dipendenti che percepiscono le indennità di fine rapporto da un datore di lavoro che non riveste la qualifica di sostituto d imposta, la detrazione spettante è determinata in sede di dichiarazione dei redditi. Il decreto «Salva Italia» (d.l. 201/2011), all art. 24, comma 31, ha stabilito che se la quota delle indennità di fine rapporto erogate in denaro e in natura è superiore a di euro, sulla parte eccedente questa cifra non si applica il regime di tassazione separata, ma vi sarà assoggettamento ad Irpef secondo il principio generale della progressività a scaglioni. La disposizione, che interessa i soggetti passivi IRPEF, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, è riferita alle indennità e ai compensi il cui diritto alla percezione è maturato a decorrere dal 1 gennaio 2011 e non è applicabile agli importi versati agli eredi dei dipendenti deceduti (circ. Agenzia delle Entrate, n. 3 del 28 febbraio 2012).

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE fondo pensione aperto aviva Fondo Pensione Istituito in Forma di Patrimonio Separato da AVIVA S.p.A. (Art. 12 del Decreto Legislativo 5 Dicembre 2005, n. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Aviva Top Pension. Documento sul regime fiscale. Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione

Aviva Top Pension. Documento sul regime fiscale. Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Aviva Top Pension Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Forme pensionistiche complementari individuali attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita (art. 13 del

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014 CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Ro Roma, 27 giugno 2014 OGGETTO: Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria. Articoli 3 e 4 del decreto legge 24 aprile 2014,

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in regime di contribuzione definita, sono

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il Fondo Pensione Aperto Soluzione Previdente è iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 155. Helvetia Vita S.p.A. Compagnia

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE BYBLOS FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 91 Il presente documento integra il contenuto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) ARCO FONDO NAZIONALE PENSIONE FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL LEGNO, SUGHERO, MOBILE ARREDAMENTO, BOSCHIVI/FORESTALI, LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO, LAPIDEI, MANIGLIE

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA ASSICURAZIONI VITA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni Previmoda Fondo Pensione a capitalizzazione per i lavoratori dell industria tessile-abbigliamento, delle calzature e degli altri settori industriali del sistema moda. Documento PREVIMODA FONDO PENSIONE

Dettagli

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE L articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 14 settembre 2011 n. 148, concernente ulteriori misure

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

AXA progetto pensione più

AXA progetto pensione più AXA progetto pensione più PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE allegato alla nota informativa edizione 2015 AXA Assicurazioni S.p.A. AXA progetto

Dettagli

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Helvetia Aequa è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5079. Helvetia Vita S.p.A.,

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5034 IntegrazionePensionisticaAurora Documento sul regime

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14)

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime

Dettagli

UniCredit Futuro P.I.P. Aviva

UniCredit Futuro P.I.P. Aviva UniCredit Futuro P.I.P. Aviva Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Forme pensionistiche complementari individuali attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale - Allegato alla Nota informativa - Documento sul regime fiscale Allegato alla Nota informativa Pagina 1

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa ed è aggiornato al

Dettagli

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2 Premessa Una presentazione in cui si affronta il tema della fiscalità delle polizze vita e delle forme di previdenza complementare. Viene ripreso il vecchio regime fiscale (valido per tutte le polizze

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento sulle anticipazioni pagina 1 di 3 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE La presente Nota informativa, redatta da PENSPLAN INVEST SGR S.p.A. in conformità allo schema predisposto dalla Covip, non è soggetta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE FONDO PENSIONE (iscritto al n. 1137 della Sezione Speciale I dei Fondi Preesistenti dell Albo Covip) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

Libero Domani. Documento sul regime fiscale

Libero Domani. Documento sul regime fiscale Società del Gruppo Sara Libero Domani Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5092 (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi Contributi versati dal 1 gennaio 2007 I contributi versati a fondi

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione a L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DC S RG FSC l presente documento integra il contenuto della ota nformativa relativa al Fondo ensione per il ersonale delle Società arabancarie e nterbancarie del Gruppo. l Fondo ensione per il ersonale

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione

Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione 4 - Documento sul Regime fiscale Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5017 Numeri utili Pronto Allianz

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337 mod. C/P01 (Rev. Nov 2010) FONDO PENSIONE MEDICI C/P01 - PENSIONAMENTO RICHIESTA DI PRESTAZIONE PENSIONISTICA Da compilarsi e sottoscrivere a cura dell'aderente Il Sottoscritto.. nato a.. (prov....) il...

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa Il Regime Fiscale di un Fondo Pensione è caratterizzato da tre momenti: 1. Contribuzione 2. Gestione Finanziaria

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE

A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE Milano, 16 dicembre 2011 Prot. n. NV295MF11/RZ A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE Oggetto: regime fiscale dei fondi di diritto italiano applicabile a far

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO FONTEDIR Fondo Pensione Complementare Dirigenti Gruppo Telecom Italia FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DIRIGENTI GRUPPO TELECOM ITALIA in forma abbreviata FONTEDIR DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO REGIME FISCALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Aggiornato alla legge n. 190 del 23 dicembre 2014 ( legge di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 2 febbraio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati a FONDENEL dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie

La tassazione delle attività finanziarie La tassazione delle attività finanziarie Integrazione al libro di testo Le attività finanziarie sono le diverse forme di impiego del capitale, come ad esempio: acquisto di azioni o quote di capitale di

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 1070 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Giugno 2015) - 1 - Le note che seguono sono una libera e parziale sintesi NON SOSTITUTIVA

Dettagli