INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI"

Transcript

1 Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel: fax: INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART.43, COMMA 1, lett. C) DEL DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 IL DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Dott.ssa Angela Gadducci Prot. n. 3311/P4 Pisa,

2 LA SICUREZZA A SCUOLA Informazione agli Studenti relativa alla tutela della salute e della sicurezza sul lavoro prevista dal D. Lgs. 81/08 Il Dirigente Scolastico, in qualità di Datore di lavoro, ha - ai sensi dell art. 43, lett.c, D.Lgs. 81/2008, l obbligo d informare gli studenti e il personale scolastico circa i rischi e l organizzazione della sicurezza nella scuola, nonché fornire agli stessi una formazione adeguata in materia di sicurezza e salute. Il presente opuscolo deve essere opportunamente illustrato agli studenti dal Docente Coordinatore di classe che annoterà sul registro di classe l avvenuta informazione. La gestione dell emergenza La gestione delle situazioni di emergenza presuppone la previa individuazione e formazione di una serie di figure interne all Istituto scolastico, cui è affidata l esecuzione di specifici compiti. Dal loro agire, coordinato e sinergico, derivano sia una corretta prevenzione del rischio che un efficace gestione dell emergenza. Il Coordinatore dell emergenza è una figura cardine della gestione dell emergenza; deve prendere decisioni rapide in merito alle azioni da attuare; è coadiuvato dai componenti la Squadra di prevenzione incendi. Norme di comportamento per stare a scuola in sicurezza Comportamenti di prevenzione generale - Non correre nei corridoi e per le scale; - Non portare le scarpe slacciate; - Evitare di camminare rasente i muri nei corridoi: l apertura improvvisa delle porte potrebbe causare danni; - Non sporgersi dalle finestre; - Non rimuovere o danneggiare i cartelli segnalatori; - Segnalare immediatamente le cause di pericolo rilevate; - Non rimuovere o superare le barriere che bloccano il passaggio in aree pericolose; - Rivolgersi agli addetti del primo soccorso anche per una piccola ferita. All ingresso /all uscita: - Non correre; - Non spingere i compagni; - Non fare sgambetti. Nelle scale, negli spazi comuni: - Non arrampicarsi sulla ringhiera delle scale; - Non saltare i gradini; - Non spingere i compagni; - Non aggrapparsi e non tirare lo zaino dei compagni - In presenza di ombrello, mantenere il puntale rivolto verso il basso. Durante l intervallo - Non correre; 2

3 - Non spingere i compagni; - Non lanciare penne, matite o altri oggetti; - Non mangiare frettolosamente ingoiando grossi bocconi; - Non mettere in bocca i tappi delle bottiglie; - Non far cadere per terra bucce di frutta o pezzetti di cibo; - Non dare spintoni o pugni o ai compagni Durante la lezione: - Non mettere in bocca piccoli oggetti: appuntalapis, gomme, parti di penne, ecc; - Non togliere la sedia al compagno che si è alzato; - Non lanciare oggetti; - Non dondolarsi con la sedia; - Non lasciare lo zaino in modo che sia di ostacolo o di intralcio al passaggio di compagni e docenti; - Non rivolgere verso i compagni la punta delle forbici o di altri oggetti appuntiti. OBBLIGHI DEGLI STUDENTI Durante l attività di Educazione fisica e nei laboratori, gli studenti sono equiparati ai lavoratori ai sensi dell art. 2, c, 1, lett. 9 del D.Lgs. n.81/2008. In qualità di lavoratore, ogni studente deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro. In particolare, ogni studente deve: -Osservare le istruzioni impartite dal docente, al fine della protezione collettiva ed individuale; -Utilizzare correttamente i macchinari, le apparecchiature, nonché i dispositivi di sicurezza; -Utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione; -Segnalare al docente le deficienze dei mezzi nonché le altre eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone notizia al docente o ad un incaricato dell emergenza; -Non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; -Non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza o che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; -Sottoporsi ai controlli sanitari previsti nei loro confronti; -Contribuire, insieme al Datore di lavoro e ai preposti, all adempimento di tutti gli obblighi imposti dall autorità competente o comunque necessari per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro. Sicurezza e igiene E vietato fumare per motivi igienici e di sicurezza antincendio. Il luogo di lavoro deve essere pulito e tutti devono mantenerlo tale. Le vie e le uscite di emergenza devono essere lasciate libere, e ogni studente deve conoscere il percorso di emergenza da seguire in caso di segnalazione di pericolo. Ogni studente non deve accedere ad aree riservate. I servizi igienici devono essere lasciati puliti ed in ordine in modo tale da poter essere utilizzati immediatamente da altri. Macchinari e attrezzature di lavoro Lo studente non deve rimuovere o modificare i dispositivi di sicurezza o di segnalazione, senza l autorizzazione del preposto. Lo studente deve utilizzare le macchine, le attrezzature, i computer in modo appropriato seguendo le istruzioni e non compiere operazioni o manovre che non siano di sua competenza. 3

4 Impianti e apparecchi elettrici Lo studente, prima di eseguire una qualsiasi operazione sugli impianti elettrici, deve disinserire l alimentazione, assicurandosi che non ci sia tensione. Lo studente deve evitare il contatto diretto o indiretto con le parti degli impianti elettrici che possono esser sotto tensione e avere cura del rivestimento isolante dei conduttori elettrici. Inoltre, prima di utilizzare apparecchi elettrici, deve assicurarsi che il cavo sia in buono stato e quando estrae la spina dalla presa deve farlo tirando per la sua impugnatura e non tirando il cavo. Personal Computer Per prevenire possibili disturbi agli occhi (arrossamenti, bruciori, annebbiamenti, ecc) o fastidiosi indolenzimenti muscolari (specialmente al collo, alla schiena e alle braccia), dovuti ad uso non corretto e prolungato del computer, devono essere adottate le seguenti prescrizioni: -Le superfici riflettenti sono state eliminate o adeguatamente schermate; -Le fonti luminose e i monitor sono stati posizionati in modo da evitare riverberi o abbagliamenti; -L uso del computer è consentito soltanto se le immagini sullo schermo risultano chiare, stabili e ben definite; -La distanza tra gli occhi dell operatore ed il monitor deve essere compresa tra 60 e 80 cm; tuttavia sono tollerabili piccole variazioni in più o in meno in funzione della dimensione dei caratteri presenti sullo schermo; -Il sedile deve essere regolato ad una altezza di poco inferiore alla distanza intercorrente tra il pavimento e il ginocchio, con la gamba piegata a 90 ; -Il piano di lavoro va sistemato ad una altezza tale da consentire ai gomiti, con gli avambracci appoggiati, un angolazione di circa 90 ; -Il centro del monitor deve sempre risultare un livello leggermente più basso rispetto a quello degli occhi; -La posizione del sedile deve essere ergonomicamente corretta, col bacino proteso in avanti e la colonna vertebrale di poco inclinata all indietro; -La tastiera va sempre tenuta in linea con il monitor. INFORMAZIONE SUI RISCHI In palestra: Durante le attività di educazione fisica, i rischi derivano principalmente da: 1) uso degli attrezzi; 2) attività a corpo libero. L azione impropria, non coordinata, non calibrata dinamicamente può comportare infortunio sull attrezzo, urto contro il suolo per cadute in piano o contro parti fisse dell impianto. È sufficiente, ai fini della sicurezza, usare prudenza ed attenersi a regole operative impartite dal personale specializzato. Per eliminare le situazioni di rischio e per tutelare la salute degli studenti, sono state formulate le seguenti regole operative: - Utilizzare un abbigliamento idoneo per ogni tipo di disciplina sportiva e/o attività motoria, scarpe ginniche con suole antisdrucciolo, tuta da ginnastica, ginocchiere e protezioni idonee su indicazione del docente; -Attendere l arrivo del docente prima di iniziare l attività, e lavorare solo in sua presenza seguendo con attenzione le sue indicazioni; -Eseguire un accurato e specifico avviamento per riscaldare la muscolatura; -Lavorare in modo ordinato utilizzando solo l attrezzatura necessaria ed uno spazio adeguato (riporre gli attrezzi eventualmente non necessari evitando che rimangano sul terreno d azione); -Informare il docente sul proprio stato di salute segnalando immediatamente condizioni di malessere, anche momentaneo; 4

5 -Evitare di affaticarsi eccessivamente attuando periodi di recupero, anche al termine della lezione; -Non utilizzare le attrezzature in modo improprio (per fini diversi da quelli specifici) e senza l autorizzazione del docente; -Prestare attenzione ai docenti quando danno spiegazioni con norme operative vincolanti in caso di un attività motoria che comporti, per sua natura, particolari rischi; -Prestare attenzione ai docenti quando evitano di far eseguire esercizi o svolgere attività non confacenti alle reali ed attuali capacità degli studenti; -Non prendere iniziative personali; -Non utilizzare gli spazi a disposizione con un numero di persone maggiore di quello previsto dai regolamenti; -Negli spogliatoi non dare spinte, pugni o schiaffi ai compagni. -Utilizzare le consuete norme igieniche al termine dell attività motoria. Nei laboratori e nelle aule speciali: -Nei laboratori e nelle aule speciali è vietato mangiare, bere e fumare; -Seguire scrupolosamente le indicazioni dell insegnante; -I DPI devono essere utilizzati correttamente e tenuti sempre in buono stato di manutenzione; -Segnalare eventuali anomalie delle apparecchiature; -Non toccare le prese di corrente elettrica; -Non utilizzare prodotti chimici in assenza del Docente o senza l autorizzazione e la diretta sorveglianza dello stesso. -Raccogliere, separare ed eliminare in modo corretto i rifiuti chimici, solidi e liquidi prodotti in laboratorio; è vietato scaricarli in fogna o abbandonarli nell ambiente; -Riferire sempre al responsabile del laboratorio di eventuali incidenti o di condizioni di non sicurezza; EVACUAZIONE DI EMERGENZA In ogni classe vengono individuati gli studenti che devono collaborare per l evacuazione delle persone presenti in aula. n.2 STUDENTI APRI-FILA (di cui uno è un rappresentante di classe) hanno l incarico di: - aprire le porte dell aula; - guidare i compagni verso la zona di raccolta mediante l uscita di sicurezza e seguendo le vie di Fuga. n.2 STUDENTI SERRA-FILA (di cui uno è l altro rappresentante di classe) hanno l incarico di: - controllare che l evacuazione si svolga in modo corretto, - controllare che tutti i compagni abbiano lasciato l aula; - assistere eventuali compagni in difficoltà; - uscire per ultimi; - chiudere la porta dell aula (non a chiave); - procedere all appello, una volta raggiunto il punto di raccolta; - fare da tramite con l insegnante e la direzione delle operazioni. VIE DI FUGA Nelle aule, nei laboratori, nei corridoi, per le scale e in corrispondenza delle uscite sono sistemati cartelli segnalatori dei percorsi che studenti, docenti e personale ATA devono seguire in caso di evacuazione. ALLARME E il segnale di evacuazione dell edificio e viene diramato dal Coordinatore delle emergenze, appurata la situazione di reale pericolo. Il segnale d allarme è costituito da tre suoni intermittenti brevi emanati con la campanella della scuola. Al suono dell allarme, si deve procedere all evacuazione dell edificio. 5

6 CESSATO ALLARME E il segnale di fine emergenza e viene diramato dal Coordinatore delle emergenze, appurata la cessazione della situazione di pericolo reale o presunto. Il segnale di cessato allarme è costituito da tre suoni intermittenti lunghi emanati con la campanella della scuola. COMPORTAMENTO IN CASO DI EVACUAZIONE Al suono del segnale di allarme (tre suoni intermittenti brevi di campanella): - Mantenere la calma, interrompere immediatamente ogni attività e seguire le indicazioni dell insegnante; - Lasciare sul posto libri, zaini e indumenti personali; - Uscire dall aula, al seguito dei compagni apri-fila, in fila indiana, tenendosi per mano, in modo da evitare che eventuali alunni spaventati possano prendere la direzione sbagliata o mettersi a correre; - Camminare speditamente, senza fermarsi e senza spingere compagni, senza gridare o richiamare; - Non percorrere le vie di fuga a ritroso per nessun motivo, salvo la loro ostruzione; - Portarsi nel luogo di raccolta evitando di intralciare le zone di accesso; - Raggiunto il punto di raccolta, mantenere l unità della classe, attendere il segnale di fine emergenza e non allontanarsi per permettere le operazioni di appello; - Dopo che il coordinatore dell evacuazione ha dichiarato la fine dell emergenza, ritornare ordinatamente nelle aule seguendo le indicazioni dell insegnante. In caso di incendio: - Mantenere la calma; - Se l incendio si è sviluppato in classe, uscire subito chiudendo la porta; - Se l incendio è fuori della propria classe e il fumo rende impraticabile le scale e i corridoi, chiudere bene la porta, aprire la finestra e, senza esporsi troppo, chiedere soccorso; - Se il fumo non permette di respirare, filtrare l aria attraverso un fazzoletto possibilmente bagnato, e camminare carponi o sdraiarsi sul pavimento (il fumo tende a salire verso l alto). -In ogni caso, non usare mai l ascensore. In caso di terremoto, in un luogo chiuso: - Mantenere la calma; - Non precipitarsi fuori; - Restare in classe e ripararsi sotto il banco, sotto l architrave della porta vicino ai muri portanti; - Allontanarsi dalle finestre, dalle porte, dagli armadi perché cadendo potrebbero ferire; Al termine della scossa: -All ordine di evacuazione, abbandonare l edificio scolastico secondo i percorsi prestabiliti, senza usare l ascensore, e ricongiungersi con gli altri compagni di classe nella zona di raccolta assegnata. -Uscire all aperto con prudenza, accertandosi che non vi siano intonaci, tegole o altri pericoli incombenti dall alto, allontanandosi da oggetti sospesi (fili elettrici, insegne ), da oggetti che potrebbero crollare ribaltandosi (lampioni, tralicci, ) e mantenere una distanza almeno pari alla metà della loro altezza). -Cercare un posto dove non si ha nulla sopra. -Rientrare nell edificio solo a seguito di comunicazione di fine pericolo da parte degli addetti all emergenza. In caso di terremoto, all aperto: - Mantenere la calma; - Allontanarsi dall edificio, da alberi, lampioni e da oggetti sospesi (fili elettrici, insegne ), linee elettriche perché cadendo potrebbero ferire e mantenere una distanza almeno pari alla metà della loro altezza). -Cercare un posto dove non si ha nulla sopra. 6

7 Al termine della scossa: Rientrare nell edificio solo a seguito di comunicazione di fine pericolo da parte degli addetti all emergenza. Cose da non fare in caso di terremoto: -Non precipitarsi sulle scale, perché sono la parte più debole dell'edificio; -Non stare vicini alle finestre o alle porte vetrate; -Non usare l ascensore: si può bloccare; -Non fermarsi vicino agli alberi, ai cornicioni, alle grondaie, ai lampioni, alle linee della luce e del telefono; Albo della Sicurezza Gli alunni sono invitati a prendere visione dell Organigramma della Sicurezza, dove sono riportate le seguenti informazioni: - Nome del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione; - Nome del Preposto; - Nome del Medico Competente; - Nome degli Addetti al Servizio di Primo Soccorso; - Nome degli Addetti al Servizio di Emergenza Prevenzione e Lotta antincendio; - Compiti degli Addetti al Primo Soccorso; - Compiti degli Addetti all Emergenza Prevenzione e Lotta antincendio; - Compiti degli Addetti al Salvataggio; - Numeri utili per l Emergenza. Organigramma Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro a.s. 2013/14 Datore di lavoro: Dott.ssa Angela Gadducci Preposto: Dott.ssa Maria Lucia Ferrante Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione: Dott.ssa Elisa Tadolini Medico competente: Dott.ssa Elena Lello - ÉQUIPE DI COORDINAMENTO DELLE EMERGENZE - COORDINATORI IN FASE DI EMERGENZA Coordinatore delle emergenze: Lucia Davini 1 sostituto del Coordinatore delle emergenze: Simone Pecori 2 sostituto del Coordinatore delle emergenze: Maurizio Meucci 3 sostituto del Coordinatore delle emergenze: Grazia Ciardi COORDINATORE IN FASE DI PREVENZIONE: Lucia Ricci 7

8 SQUADRE DI EMERGENZA Prevenzione incendi e lotta antincendio: Nadia Benevieri, Lucia Davini, Maria Lucia Ferrante, Massimo Galoppini, Dania Mansani, Laura Parra, Simone Pecori, Anna Pelosini, Fabiana Pisanu. Primo soccorso: Grazia Ciardi, Massimo Galoppini, Maurizio Arrigo Meucci, Fabiana Pisanu. Assistenza all evacuazione: Angela Anfuso, Nadia Benevieri, Grazia Ciardi, Lucia Davini, Luisella Davini, Maria Lucia Ferrante, Michela Giuliani, Rosalia Longo, Dania Mansani, Carlo Milone, Grazia Musuruca, Laura Parra, Anna Pelosini, Lucia Ricci, Franco Rossi, Edi tedeschi. Chiamata di soccorso: tutto il Personale. Salvataggio: Lucia Davini, Maria Lucia Ferrante, Massimo Galoppini, Dania Mansani, Maurizio Arrigo Meucci, Laura Parra, Simone Pecori, Anna Pelosini, Fabiana Pisanu. COMPOSIZIONE SQUADRA ANTINCENDIO Coordinatore: DAVINI LUCIA Addetti: LONGO Rosalia, BENEVIERI Nadia, MUSURUCA Grazia, RICCI Lucia, ANFUSO Angela, GIULIANI Michela, DAVINI Luisella, PISANU Fabiana, GALOPPINI Massimo, PECORI Simone. ASSEGNAZIONE INCARICHI - PIANO EVACUAZIONE INCARICO NOME RESPONSABILE NOTE/COMPITI Coordinatore DAVINI LUCIA In caso di incendio: -Emanazione vocale ad un addetto all evacuazione. Ordinariamente: -Raccogliere tutte le informazioni utili a programmare gli interventi di manutenzione; -Fornire indicazioni utili all acquisto dei materiali e delle attrezzature necessarie alla squadra antincendio; -Raccogliere i bisogni di aggiornamento degli addetti; -Verificare la regolare tenuta del registro dei controlli antincendio; -Verificare l attuazione dei compiti attribuiti ai singoli addetti. 8

9 Diffusione ordine di evacuazione: - piano terra - primo piano - secondo piano - terzo piano LONGO ROSALIA BENEVIERI NADIA MUSURUCA GRAZIA RICCI LUCIA Diffusione vocale ad un addetto all evacuazione Controllo operazioni di evacuazione: - piano terra - primo piano - secondo piano - terzo piano LONGO ROSALIA BENEVIERI NADIA MUSURUCA GRAZIA RICCI LUCIA -Mettersi tempestivamente a disposizione del Coordinatore delle operazioni di emergenza; -Controllare il corretto esodo delle persone. -Accertarsi dell avvenuta evacuazione delle persone presenti al piano assegnato; -Fornire assistenza a persone con difficoltà ad uscire. Chiamate di soccorso TUTTO IL PERSONALE Telefonata al soccorso specifico Interruzione erogazione: gas acqua energia elettrica Controllo periodico estintori e idranti: - piano terra - primo piano - secondo piano LONGO ROSALIA ANFUSO ANGELA GIULIANI MICHELA DAVINI LUISELLA PISANU FABIANA GALOPPINI MASSIMO PECORI SIMONE 9 In caso di incendio: -Portare l ascensore al piano e renderlo inutilizzabile; - Intervenire sul quadro elettrico generale (in portineria); -Intercettare corrente elettrica (interruttore a sn della porta della centrale termica); -Intercettare erogazione gas (aprire cancellino a fianco della centrale termica e chiudere valvola). Periodicamente: -Controllare l assenza di danni materiali e la completa e corretta funzionalità degli impianti tecnologici (quadri elettrici, prese elettriche, luci emergenza). Periodicamente: -Controllare l assenza di danni materiali e la completa e corretta funzionalità dei presidi antincendio (estintori, idranti, cartellonistica). -L estintore deve essere nella posizione in cui è collocato, con

10 - terzo piano PECORI SIMONE particolare riferimento ai seguenti aspetti: - che sia presente e segnalato con apposito cartello; - che sia chiaramente visibile, immediatamente utilizzabile con l accesso allo stesso libero da ostacoli; - che non sia stato manomesso o mancante del dispositivo di sicurezza; - che l etichetta sia ben visibile ed integra; - che sia presente e compilato sull apparecchio il cartellino di manutenzione; - che il manometro di pressione, indichi un valore di pressione compreso all interno del campo verde; - che non siano presenti evidenti segni di deterioramento (tracce di corrosione), perdite, ugelli ostruiti, sconnessioni o incrinature dei tubi flessibili; - che non sia danneggiato alle strutture di supporto e alla maniglia di trasporto. Controllo quotidiano praticabilità vie d uscita Il primo Collaboratore scolastico in servizio Segnalare al Coordinatore -Eventuali irregolarità riscontrate nell area assegnata. -Sorvegliare passaggi, scale, corridoi affinché siano sgombri e liberi da pericoli; -Controllare la completa agibilità delle porte di sicurezza All arrivo dei Vigili del Fuoco Affiancare i VV.F. durante l intervento fornendo tutte le informazioni circa: -eventuali persone imprigionate o ferite; -materiali infiammabili e combustibili presenti all interno dell edificio; -aree dell edificio; -ubicazione. Al di fuori della situazione d emergenza Verificare lo stato delle attrezzature di pronto intervento in dotazione all edificio scolastico, assicurandosi del loro funzionamento e richiedendo la sostituzione dei mezzi scaduti o rovinati o non funzionanti. 10

11 COMPOSIZIONE SQUADRA PRIMO SOCCORSO Coordinatore: CIARDI GRAZIA Addetti: CIARDI Grazia, GALOPPINI Massimo, MEUCCI Maurizio Arrigo, PISANU Fabiana. ASSEGNAZIONE INCARICHI - PRIMO SOCCORSO INCARICO NOME RESPONSABILE NOTE/COMPITI Coordinatore squadra di emergenza Mantenere in efficienza i presidi medico-chirurgici: pacchetto di medicazione cassetta di primo soccorso infermeria Aggiornare i numeri di telefono dei presidi sanitari esterni, e tenersi aggiornato Intervenire in caso di infortunio CIARDI GRAZIA PISANU FABIANA MEUCCI MAURIZIO - piano terra MEUCCI MAURIZIO 11 -Verificare l attuazione dei compiti attribuiti ai singoli addetti; -Raccogliere i bisogni di aggiornamento degli addetti; -Fornire suggerimenti utili all acquisto di materiali e attrezzature necessarie alla squadra; -Consultare il registro infortuni e la banca dati sugli interventi effettuati per proporre miglioramenti. -Verificare (mensilmente) la presenza dei prodotti per tipologia e quantitativo; -Verificare la loro integrità; -Verificare le date di scadenza; -Applicare le istruzioni per la loro conservazione; -Controllare l indicazione della scadenza dei prodotti aperti. -Tenersi aggiornato sulla tipologia degli infortuni o dei malori che accadono a scuola; -Registrare su apposita scheda gli interventi di PS; -Tenersi aggiornato sui nuovi prodotti chimici eventualmente utilizzati. -Prestare assistenza in caso di infortunio, anche allo scopo di evitare che all infortunato vengano prestate azioni di

12 - primo piano - secondo piano - terzo piano CIARDI GRAZIA PISANU FABIANA GALOPPINI MASSIMO soccorso non idonee, e fornire agli Enti di soccorso tutte le informazioni utili. Chiamate di soccorso TUTTO IL PERSONALE -Telefonata al soccorso specifico; -Fornire agli Enti di soccorso tutte le informazioni utili COMPOSIZIONE SQUADRA SALVATAGGIO Coordinatore: DAVINI LUCIA Addetti: FERRANTE Maria Lucia, GALOPPINI Massimo, MANSANI Dania, PARRA Laura, PECORI Simone, PELOSINI Anna, PISANU Fabiana. ASSEGNAZIONE INCARICHI INCARICO NOME RESPONSABILE NOTE/COMPITI Coordinatore della squadra di salvataggio Addetto al salvataggio (si attiva in seguito all evacuazione dell edificio) Addetto al salvataggio (si attiva per aiutare le persone rimaste bloccate nei locali) DAVINI LUCIA (Coordinatore delle emergenze in fase di emergenza) MANSANI DANIA PISANU FABIANA PARRA LAURA GALOPPINI MASSIMO 12 - Coordinare le operazioni di salvataggio; - Verificare l attuazione dei compiti attribuiti ai singoli addetti; - Raccogliere i bisogni di aggiornamento degli addetti; - Fornire suggerimenti utili all acquisto di materiali e attrezzature necessarie alla squadra; - Consultare il registro infortuni e la banca dati sugli interventi effettuati per proporre miglioramenti. - Attivarsi, su indicazione del Coordinatore, nel caso in cui, durante le operazioni di controllo sul punto di raccolta (successive all evacuazione) risultano disperse una o più persone. - Attivarsi, su indicazione del Coordinatore, nel caso in cui sia necessario intervenire per aiutare eventuali persone rimaste bloccate nei servizi igienici o in

13 altri locali. Addetto al salvataggio (si attiva per aiutare le persone rimaste bloccate nell ascensore) Addetto al salvataggio (si attiva per comunicare la situazione) PELOSINI ANNA PECORI SIMONE TUTTO IL PERSONALE -Attivarsi, su indicazione del Coordinatore, nel caso in cui vi siano persone rimaste bloccate nell ascensore. -Comunicare al Coordinatore la situazione di emergenza rilevata. NUMERI DI TELEFONO DI EMERGENZA EMERGENZA SANITARIA CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO CENTRO ANTIVELENI 055/ INFORMAZIONI DA FORNIRE ALLA CHIAMATA 1) Numero telefonico e nominativo del chiamante 2) Indirizzo preciso di dove è accaduto l'evento (Comune, via, numero civico) 3) Riferimenti utili 4) Descrizione dell accaduto 5) Numero delle persone coinvolte e loro condizioni Nota Bene - Rispondere con calma alle domande che vengono poste dall operatore; - Fornire informazioni (non è una perdita di tempo poiché questi ulteriori elementi consentono di attivare soccorsi adeguati e di fornire le nozioni utili per gestire l'evento in attesa dei soccorsi). 13 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Angela Gadducci

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Sostituzione del contatore di energia elettrica

Sostituzione del contatore di energia elettrica Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione del contatore di energia elettrica per Vitotwin 300-W, tipo C3HA, C3HB e C3HC e Vitovalor 300-P, tipo C3TA Avvertenze sulla

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli