Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro"

Transcript

1 Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro Applicazione della metodologia di calcolo per l adozione delle opzioni di semplificazione di cui all art (b) (i) (ii) Regolamento CE 1081/2006 modificato dal Regolamento (CE) 396/2009 (DGR n del 9/11/09) sulle azioni previste dalla Direttiva pluriennale per le misure di potenziamento delle competenze per le lavoratrici ed i lavoratori colpiti dalla crisi economica. Anni (DGR n del 4/08/2009) ALLEGATO A

2 Sommario 1. Finalità dell indagine di mercato Campione degli Operatori Campione dei Servizi collettivi Servizi collettivi co-finanziati FSE Campione dei Servizi individuali Servizi individuali co- finanziati FSE Determinazione dei parametri dell UCS dei costi diretti e della percentuale forfetaria per la dichiarazione dei costi indiretti Modalità di rilevazione dei dati Modalità di calcolo dei parametri di semplificazione Tabelle riepilogative Servizi individuali co - finanziati FSE Servizi collettivi (Formazione disoccupati MDL > 300 ore) co- finanziati FSE Servizi collettivi (Formazione disoccupati MDL < = 300 ore) co- finanziati FSE Servizi collettivi (Formazione occupati < 300 ore) Mercato Privato Servizi collettivi (Formazione occupati) co- finanziati FSE APPENDICE...23 Applicazione della metodologia di calcolo 2/25

3 1. Finalità dell indagine di mercato In attuazione di quanto previsto dalla DGR n del 9/11/09, Regione Piemonte intende applicare la combinazione delle opzioni di semplificazione, di cui all art (b) (i) (ii) Regolamento CE 1081/2006 modificato dal Regolamento (CE) 396/2009: rendicontazione su base forfettaria per i costi indiretti, Unità di Costo Standard (UCS) per i costi diretti, in via preliminare e sperimentale alle azioni previste dalla Direttiva pluriennale per le misure di potenziamento delle competenze per le lavoratrici ed i lavoratori colpiti dalla crisi economica. Anni (di seguito Atto di Indirizzo Anticrisi ). Al fine della determinazione di parametri di costi ammissibili per la forfettizzazione dei costi indiretti e l UCS per i costi diretti, basati sulla realità del costo, sulla parità di trattamento dei beneficiari e verificabili attraverso la pista di controllo 2, in coerenza con quanto previsto dall Allegato Metodologico alla citata DGR n , è stata condotta un indagine di mercato (correlata ad un analisi sui dati storici afferenti alle attività formative regionali realizzate nel periodo ), afferente alle tipologie di intervento/azione descritte nel paragrafo successivo, realizzate nel periodo da agenzie accreditate per la formazione e/o l orientamento professionale o autorizzate per le attività di intermediazione e per il supporto alla ricollocazione. In particolare, l indagine è condotta con riferimento agli interventi cofinanziati nell ambito della programmazione regionale FSE e, qualora presenti, a interventi con caratteristiche analoghe ai precedenti cofinanziati con altri fondi pubblici o privi di cofinanziamento pubblico, realizzati da operatori individuati in base ai criteri di campionamento sottoindicati. 1 approvata con DGR n del 4/08/2009 in attuazione dell'accordo Stato-Regioni del Ai sensi dell art. 1 del Reg. (CE) n. 396/2009, il metodo di calcolo dei costi ammissibili determinati attraverso il ricorso ad una o più opzioni di semplificazione deve essere conforme ai seguenti criteri generali: stabilito in anticipo: la possibilità del loro utilizzo dovrà essere prevista da parte dell AdG per esempio, nell invito a presentare proposte (avviso pubblico), o al più tardi nell atto di concessione o in un atto avente effetti giuridici equivalenti; giusto: il calcolo deve essere basato sulla realità, non eccessivo o estremo; equo: il criterio di calcolo adottato dovrà assicurare la parità di trattamento dei beneficiari e/o delle operazioni; verificabile: l AdG dovrà essere in grado di dimostrare per mezzo di prove documentali la base di calcolo adottata. Applicazione della metodologia di calcolo 3/25

4 2. Campione degli Operatori Il campione degli Operatori sottoposti ad indagine è individuato tra quelli che realizzano: - Servizi formativi (Servizi collettivi) finanziati con risorse pubbliche, prevalentemente con risorse del FSE; - Servizi formativi (Servizi collettivi) offerti sul libero mercato; - Servizi di accoglienza, orientamento e di accompagnamento al lavoro (Servizi individuali) finanziati con risorse pubbliche, prevalentemente con risorse del FSE; - Servizi di accoglienza, orientamento e di accompagnamento al lavoro (Servizi individuali) offerti sul libero mercato. La composizione del campione è la seguente: - 18 Agenzie accreditate ai sensi del DM. 166/01 per la formazione e/o orientamento; - 5 Agenzie autorizzate ai sensi del Dlgs. 276/03 di cui: o 2 Agenzie autorizzate per le attività di somministrazione; o 1 Agenzia autorizzata per il supporto alla ricollocazione (e accreditata ex DM 166/01 per le attività di orientamento); o 1 Agenzia autorizzata per le attività di intermediazione e per il supporto alla ricollocazione; o 1 Agenzia autorizzata per le attività di intermediazione e per il supporto alla ricollocazione (e accreditata ex DM 166/01 per le attività di formazione e di orientamento). Il campione degli Operatori accreditati per la formazione costituisce oltre il 50% del finanziamento FSE complessivo sulle Direttive emanate nell anno preso a riferimento (anno di gestione 2005). E presa a riferimento l annualità 2005 in quanto gli interventi finanziati con risorse FSE campionati, sono quelli rendicontati e controllati nelle annualità Gli Operatori sono classificati secondo la loro quota di mercato (Alta, Media, Bassa) nel segmento di appartenenza (Tipologie ex L..R. 63/95). Applicazione della metodologia di calcolo 4/25

5 Le classi relative alla quota di mercato sono individuate come segue, in base alle caratteristiche degli operatori di settore campionati ai fini dell indagine: Alta > 10%; Media > 8% < 10 %; Bassa < 8 %. COD Op. Tabella 1. Classificazione Campione Operatori accreditati ex DM 166/01 DENOMINAZIONE OPERATORE Quota di Mercato % Classe di appartenenza B 162 CONSORZIO API FORMAZIONE 0,19 Bassa B 134 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE 0,75 Bassa B 16 ASSOCAM SCUOLA CAMERANA 1,00 Bassa B 11 II.RR. SALOTTO E FIORITO 2,09 Bassa C 32 C.F.P.P. CASA DI CARITA' ONLUS 2,42 Bassa B 22 IMMAGINAZIONE E LAVORO 3,26 Bassa C 74 FORMONT 4,91 Bassa C 33 FOR.AL CONSORZIO PER LA F.P. NELL'ALESSANDRINO 5,05 Bassa B 5 C.I.O.F.S. - F.P. PIEMONTE 6,12 Bassa C 1 CONSORZIO INTERAZIENDALE CANAVESANO - C.IA.C. SCRL 6,25 Bassa C 32 AZIENDA FORMAZIONE PROFESSIONALE A.F.P. SOC. CONS ARL 7,55 Bassa D 1280 CONSORZIO GAMMA SERVIZI 8,24 Media D 2842 CONSORZIO MULTISETTORIALE PIEMONTESE 9,03 Media B 3 CASA DI CARITA' ARTI E MESTIERI 9,71 Media C 28 FORMAZIONE PROFESSIONALE ALBA-BAROLO SCARL- APRO 10,90 Alta B 6 CNOS-FAP 11,96 Alta B 7 ENAIP 13,83 Alta C 4 CSEA 27,94 Alta In appendice sono riportate le quote di mercato relative ad ogni operatore, distinte in base al segmento di appartenenza. Il campione degli Operatori autorizzati ex Dlgs. 276/03 è selezionato sulla base dei seguenti criteri: - Presenza di Unità Locali presenti sul territorio della Regione Piemonte; - Erogazione di Servizi individuali finanziati con risorse della Regione Piemonte. Applicazione della metodologia di calcolo 5/25

6 Tabella 2. Campione Operatori accreditati ex Dlgs 276/03 e interventi finanziati FSE considerati PARTECIPAZIONE A GARE D'APPALT0 SERVIZI ORIENTAMENTO E AL LAVORO ANNI Autorizzazione/ Accreditamento Bando orientamento e supporto all'inserimento lavorativo Mis. A2 Linee 3 e 4 - Pr. TO Bando ricolloc. Prov TO Linea 4 Mis. A2 Bando sostegno stabilizzazione Prov TO Linea 4 Mis. A2 Bando servizi accogl. e aumento autonomia Pr. TO Linea 3 Mis A2 Bando servizi rafforzam. Occupabilità Prov. TO Linea 4 Mis B1 Bando servizi rafforzam. Occupabilità Ricoll. disabili Prov. TO Linea 2-5 Mis B1 TIPOLOGIA AUTORIZZAZIONE Dlgs 276/03 TIPOLOGIA ACCREDITAMENTO formazione = F orientamento = O X Somm Gen ADECCO ITALIA S.p.A. X X Ricoll O CAREER COUNSELING S.r.l. X X X X Ricoll - Interm F - O O.R.SO. Soc. Coop. Soc. X X X Somm Gen OBIETTIVO LAVORO S.p.A. X X X X Ricoll - Interm WORKOPP Applicazione della metodologia di calcolo 6/25

7 3. Campione dei Servizi collettivi 3.1 Servizi collettivi co-finanziati FSE Come anticipato il campione degli interventi co-finanziati con risorse FSE utilizzato per l Indagine di Mercato (IDM), è composto da Servizi collettivi rendicontati e controllati negli anni di gestione Ai fini dell indagine, considerata la tipologia degli interventi formativi che caratterizzeranno la realizzazione dei Progetti Integrati dell Atto Anti Crisi, il campionamento è stato effettuato su corsi della Direttiva Disoccupati Mercato del Lavoro, della Direttiva Occupati e, marginalmente, del Bando Piani Formativi d Area provinciali. L estrazione del campione dei corsi ha tenuto altresì conto della durata secondo i parametri di seguito riportati in relazione alla tipologia di intervento: - Post diritto/dovere (MdL) o interventi < 300 ore; o interventi > 300 ore; - Formazione continua o interventi < 300 ore. Le tabelle che seguono riportano, aggregati per classi di durata e per Operatore, i corsi estratti sulle diverse Direttive per gli anni di gestione considerati. Tabella 3. Campione Corsi Direttiva MDL con durata < 300 ore Direttiva TITOLO CORSO CODICE OPERATORE DENOM. OPERATORE MISURA DURATA < 300 MDL PERCORSO DI ORIENTAMENTO ALLA SCELTA IN TERZA MEDIA B11 II.RR. SALOTTO E FIORITO C2.1.1A 30 MDL ORIENTAMENTO E RIMOTIVAZIONE FORMATIVA B3 CASA DI CARITA' ARTI E MESTIERI C MDL PERCORSO DI ORIENTAMENTO ALLA SCELTA IN TERZA MEDIA B5 C.I.O.F.S. - F.P. PIEMONTE C2.1.1A 20 MDL PERCORSO DI ORIENTAMENTO ALLA SCELTA IN TERZA MEDIA B5 C.I.O.F.S. - F.P. PIEMONTE C2.1.1A 20 MDL ELEMENTI DI ASSISTENZA FAMILIARE B6 CNOS-FAP E MDL CONDUZIONE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO C1 CONSORZIO INTERAZIENDALE CANAVESANO - C.IA.C. SCRL C Applicazione della metodologia di calcolo 7/25

8 MDL OPERATORE SPECIALIZZATO SERVIZI CUCINA C28 FORMAZIONE PROFESSIONALE ALBA-BAROLO SCARL- APRO A MDL OPERATORE CONTABILITA' ANALITICA C33 FOR.AL CONSORZIO PER LA F.P. NELL'ALESSANDRINO C MDL ACCOMPAGNATORE DI TURISMO EQUESTRE C74 FORMONT C Tabella 4. Campione Corsi Direttiva MDL con durata > = 300 ore Direttiva TITOLO CORSO CODICE OPERATORE DENOM. OPERATORE MISURA DURATA = >300 MDL TECNICHE DI SOSTEGNO ALLA PERSONA B11 II.RR. SALOTTO E FIORITO E MDL OPERATORE E-COMMERCE B11 II.RR. SALOTTO E FIORITO A MDL PIZZAIOLO B14 C.F.P.P. CASA DI CARITA' ONLUS B MDL TECNICO DI PRODUZIONE CON SISTEMI CAD-CAM B16 ASSOCAM SCUOLA CAMERANA C MDL ADDETTO LAVORAZIONI SU MACCHINE UTENSILI B16 ASSOCAM SCUOLA CAMERANA B MDL OPERATORE AGENZIA TURISTICA B162 CONSORZIO API FORMAZIONE A2.1.3A 600 MDL MASTER DI I LIV. IN TECNOLOGIE DI SICUREZZA WEB E NETWORKING B22 IMMAGINAZIONE E LAVORO C MDL OPERATORE MECCANICO B3 CASA DI CARITA' ARTI E MESTIERI C MDL TECNICO DELL'ANIMAZIONE EDUCATIVA CULTURALE B5 C.I.O.F.S. - F.P. PIEMONTE A2.1.3A 600 MDL FORMAZIONE AL LAVORO C1 CONSORZIO INTERAZIENDALE CANAVESANO - C.IA.C. SCRL B MDL ORAFO C33 FOR.AL CONSORZIO PER LA F.P. NELL'ALESSANDRINO A2.1.3A 1200 MDL MASTER IN BIOARCHITETTURA C4 CSEA C MDL VIVAISTA C4 CSEA A2.1.3A 1000 MDL OPERATORE RISTORAZIONE INNOVATIVA C74 FORMONT A Tabella 5. Campione Corsi Direttiva ATI con durata < 300 ore Direttiva TITOLO CORSO. RESTAURO B134 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE D AUTO 2 B134 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE D AGGIORN. TECNICO-PROFESSIONALE PER PULITINTOLAVANDERIE B134 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE D PERCORSO NELLA CREATIVITA' B14 C.F.P.P. CASA DI CARITA' ONLUS D RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA B162 CONSORZIO API FORMAZIONE D CODICE OPERATORE DENOM. OPERATORE MISURA DURATA < 300 Applicazione della metodologia di calcolo 8/25

9 . GESTIONE E SICUREZZA DELLE RETI B22 IMMAGINAZIONE E LAVORO D PROGRAMMAZIONE, BILANCIO E CONTROLLO DI GESTIONE B3 CASA DI CARITA' ARTI E MESTIERI D INFORMATICA DI BASE B3 CASA DI CARITA' ARTI E MESTIERI D TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE DI MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO B7 ENAIP D TECNICHE DI ASSISTENZA TERMALE - MOD. B B7 ENAIP D IL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI NEI SERVIZI SOCIALI C1 CONSORZIO INTERAZIENDALE CANAVESANO - C.IA.C. SCRL D CORSO DI LINGUA INGLESE - LIVELLO BASE (EDIZIONE 2) C1 CONSORZIO INTERAZIENDALE CANAVESANO - C.IA.C. SCRL D ALCOLISMO C28 FORMAZIONE PROFESSIONALE ALBA-BAROLO SCARL- APRO D AGGIORN. INFORM. - WINDOWS, ELABORAZIONE TESTI, FOGLIO ELETTRONICO, INTERNET C32 AZ. FORMAZIONE PROFESSIONALE A.F.P. SOC. CONS ARL D AGG. LEGISLATIVO: PRIVACY, SICUREZZA DATI, ACCESSO AGLI ATTI - RUOLI E FUNZIONI C33 FOR.AL CONSORZIO PER LA F.P. NELL'ALESSANDRINO D QUALITA' DEL SERVIZIO NELLA GESTIONE DEL VERDE PUBBLICO-AGG. PER GIARDINIERI C4 CSEA D LINGUA ARABA C74 FORMONT D LA GESTIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 D CONSORZIO GAMMA SERVIZI D Tabella 6. Campione Corsi Bando PIANI FORMATIVI AREA ATI con durata < 300 ore Direttiva TITOLO CORSO CODICE OPERATORE DENOM. OPERATORE MISURA DURATA < 300 PFA PROBLEM SOLVING B22 IMMAGINAZIONE E LAVORO D PFA IL PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO C28 FORMAZIONE PROFESSIONALE ALBA-BAROLO SCARL- APRO D PFA FONDAMENTI DI MECCANICA C32 AZ. FORMAZIONE PROFESSIONALE A.F.P. SOC. CONS ARL D PFA MARKETING STRATEGICO E INTERNAZIONALIZZAZIONE D'IMPRESA D12800 CONSORZIO GAMMA SERVIZI D Applicazione della metodologia di calcolo 9/25

10 Tabella 7. Campione Corsi offerti sul libero mercato TITOLO CORSO CODICE OPERATORE DENOM. OPERATORE CLIENTE N ALLIEVI DURATA RESPONSABILI TECNICI CENTRI DI REVISIONE VEICOLI E RIMORCHI B134 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE Centri di revisione ACCESSO ALLA PROFESSIONE DEGLI AUTOTRASPORTATORI B134 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE Autotrasportatori PREPARAZIONE ALL'ESAME B134 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE Autotrasportatori 7 27 ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA NEO FARMET SPA ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA AIR LIQUIDE SPA ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA NOKIA SIEMENS NETWORKS ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA NERVIANO MEDICAL SCIENCES SPA ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA CAFFARO SRL ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA THYSSENKRUPP 6 94 ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA SHISEIDO COSMETICI 6 85 ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA BERIMARK ITALIA SRL 6 84 ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA DE AGOSTINI 6 76 ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA NOKIA ITALIA 5 70 ORIENTAMENTO E CONSELLING D11559 ADECCO SPA MERC SHARP & DHOME 5 70 AGGIORNAMENTO INFORMATICO C4 CSEA COOP. SOCIALE 12 30

11 4. Campione dei Servizi individuali 4.1 Servizi individuali co- finanziati FSE Tabella 8. Campione Servizi individuali SERVIZIO SOGGETTI ATTUATORI N UTENTI N ORE ATS: - Ghelos coop soc coop arl Servizi di valutazione e/o rafforzamento dell occupabilità a supporto dell inserimento lavorativo di persone con disabilità relativi al territorio del Canavese: CpI Ivrea e Cuorgnè (FSE Ob. 3 misura B1 linea 2 e 5 del POR ) - CISS AC Caluso - Consorzio IN.RE.TE - Consorzio soc Copernico - CISS 38 Cuorgnè - CIAC scrl - CSEA scpa Ass. Casa di Carità Arti e Mestieri Servizi di supporto al rafforzamento dell occupabilità, linea di intervento 4 della misura B1 del POR FSE Ob 3 triennio Azioni rivolte a cittadini immigrati regolarmente presenti in Italia ATI : - Adecco Italia Spa Career Counseling Srl RTI Zona Ovest di Torino srl: - ENAIP Piemonte; Servizi di orientamento e supporto all inserimento lavorativo dei soggetti di cui alle Linee di intervento 3 e 4 della misura A2 del POR Piemonte Ob 3 FSE LOTTO 2 Zona Ovest e Val di Susa - II Riuniti Salotto e Fiorito - Sinapsi scs - Coop soc CRS Educ. Prog. soc.coop - Workoop spa 45 N.D. - Com Montana Valle Susa e Val Cenischia RTI Zona Ovest di Torino srl: - ENAIP Piemonte; Servizi di supporto all'accoglienza e servizi finalizzati al rafforzamento dell'aumento dell'autonomia individuale dei soggetti di cui alla Linea di Intervento 3 della Misura A2 del P.O.R. Piemonte Obiettivo 3 FSE 2000/2006. LOTTO 3 Servizi di ricollocazione di lavoratori provenienti da aziende in crisi previsti dalla Linea di intervento 4 della misura A2 del P.O.R. Piemonte Obiettivo 3 FSE 2000/2006. LOTTO 3 CPI di Torino RTI: - II Riuniti Salotto e Fiorito - ENFAP Piemonte - Formont - IAL Piemonte - Workoop spa 100 N.D. - Coop Soc Amico - Com Montana Valle Susa e Val Cenischia - Evoluzione Professionalesrl - ORSO coop soc - API Formazione - Ass Compagnia delle Opere - Immaginazione e Lavoro

12 SERVIZIO SOGGETTI ATTUATORI N UTENTI N ORE - Obiettivo Lavoro - Piazza del Lavoro Servizi finalizzati al rafforzamento dell occupabilità, al reinserimento lavorativo ed alla ricollocazione dei soggetti affetti da disabilità di cui alle Linee di Intervento 2 e 5 della Misura B1 del P.O.R. Piemonte Obiettivo 3 FSE 2000/2006 Servizi di orientamento e supporto all inserimento lavorativo dei soggetti di cui alle linee di intervento 3 e 4 della Misura A2 del P.O.R. Piemonte Obiettivo 3 FSE 2000/2006. LOTTO 3 Zona sud ovest Servizi di supporto all'accoglienza e servizi finalizzati al rafforzamento dell'aumento dell'autonomia individuale dei soggetti di cui alla Linea di Intervento 3 della Misura A2 del P.O.R. Piemonte Obiettivo 3 FSE 2000/2006 LOTTO 1 TORINO Servizi di valutazione e/o rafforzamento dell occupabilità a supporto dell inserimento lavorativo di persone con disabilità di cui alle Linee di Intervento 2 e 5 della Misura B1 del P.O.R. Piemonte Obiettivo 3 FSE 2000/2006 LOTTO 1 TORINO ATS: RTI: ATI: ATS: - Workoop spa 64 N.D. - INFORCOOP scrl - Mestieri Scs - ORSO Scs - Consorzio SINAPSI - Consorzio Abele - Workoop spa 60 N.D. - ORSO coop sociale IN-FOR - Cons Coop COESA - Cons. Formaz. Innovaz. Qualità - ASSOT - Coop soc Le Radici Due ONLUS - Città di Pinerolo - ORSO coop soc Città di Torino - FORCOOP Ag. Formativa - SINAPSI - ORSO coop soc IL MARGINE scs - Progetto Muret ONLUS - PG Frassati scs ONLUS - KAROS scs - Consorzio SINAPSI scs - CSEA scpa Applicazione della metodologia di calcolo 12/25

13 5. Determinazione dei parametri dell UCS dei costi diretti e della percentuale forfetaria per la dichiarazione dei costi indiretti 5.1 Modalità di rilevazione dei dati In coerenza con quanto previsto dalla DGR n , al fine della determinazione dei parametri dell UCS dei costi diretti e della percentuale forfetaria per la dichiarazione dei costi indiretti sono stati intervistati gli operatori della formazione e dei servizi per il lavoro sopraindicati in merito ad attività assimilabili alle tipologie di intervento previste dall Atto di Indirizzo Anticrisi. Nel caso di interventi cofinanziati con fondi pubblici nell ambito della programmazione regionale FSE, i dati afferenti ai costi sostenuti per la realizzazione delle attività sono stati rilevati in termini di spese rendicontate e riconosciute dall amministrazione e in termini di costi complessivamente sostenuti dagli operatori per la realizzazione delle stesse (eventualmente superiori ai massimali di spesa - preventivi finanziari - previsti dai dispositivi di attuazione regionali), al fine di determinare il costo reale dell operazione. I dati rilevati nel corso delle interviste sono stati riclassificati dagli operatori in base alle griglie di rilevazione distinte per macrotipologia di servizio (servizi individuali e servizi colletti) in allegato alla DGR sopra richiamata, al fine di rendere i dati di spesa tra loro comparabili e di determinare sulla base di questi i valori dei parametri relativi ai costi diretti (UCS) e ai costi indiretti (percentuale forfetaria). Per la documentazione di spesa attestante la realità del costo sostenuto e rendicontato alla Regione, si può fare riferimento agli archivi documentali degli operatori, tenuti ai sensi della normativa comunitaria di riferimento. Applicazione della metodologia di calcolo 13/25

14 5.2 Modalità di calcolo dei parametri di semplificazione Sulla base dei costi dei servizi rilevati, si è proceduto all individuazione dei parametri dell UCS ora/servizio - per i servizi individuali - mediante il calcolo del valore medio per ora di erogazione, e dell UCS ora/allievo per i servizi collettivi - mediante il calcolo del valore medio per ora di attività formativa erogata per allievo. Analogamente, si è, quindi, proceduto alla determinazione della percentuale di riferimento ai fini della rendicontazione dei costi indiretti su base forfettaria mediante il calcolo del valore medio dei costi indiretti in termini percentuali rilevati per ora di erogazione del servizio, sia per i servizi individuali sia per i servizi collettivi. I costi rilevati afferenti agli interventi rendicontati e controllati cofinanziati dal FSE nel periodo , riclassificati secondo la griglia di rilevazione, sono stati attualizzati mediante rivalutazione monetaria (applicazione dell indicizzazione ISTAT) Come sintetizzato nella tabella riportata nella pagina seguente i costi rilevati sono stati comparati con: i parametri adottati nelle Direttive regionali (MDL e Occupati) per la determinazione del preventivo di spesa; i parametri presenti negli avvisi pubblicati da fondi Interprofessionali; i costi di attività realizzate dagli operatori selezionati nell ambito di interventi realizzati a mercato. Applicazione della metodologia di calcolo 14/25

15 Tabella 9 - Comparazione dei costi Indagine di mercato2 e Fondi interprofessionali ANALISI COMPARATIVA COSTI DEI SERVIZI - A.D.I. ANTICRISI INDAGINE DI MERCATO FONDI INTERPROFESSIONALI A.D.I. REG. PIEMONTE ANALISI R.P. DATI STORICI * INTERVISTA OPERATORI FSE ** ATTIVITA' A MKT *** FONDIMPRESA AVVISO CRISI 2009 FOR.TE 2009 FOND ARTIGIANATO 2009 FONCOOP 2009 parametri durata direttiva valori valori valori valori valori valori valori valori SERVIZI FORMATIVI (COLLETTIVI) costo h/all. 11,00 12,09 10,14 23,45 24,00 20,00 costo h/form ATI 154,00 107,98 108,29 178,34 180,00 240,00 237,50 <300 ore n. medio all ,67 > 6 da 7 a 12 % costi ind su dir. form. indir. 10,36% 13,50% costo h/all. 11,50 9,82 9,23 costo h/form M.D.L. 138,00 122,69 115,90 <=300 ore n. medio all % costi ind su dir. 17,90% costo h/all. 10,60 9,40 7,78 costo h/form M.D.L. 127,20 102,66 101,86 >300 ore n. medio all % costi ind su dir. 25,33% SERVIZI INDIVID. costo h/servizio 37,39 % costi ind su dir. 11,87% Applicazione della metodologia di calcolo 15/25

16 In considerazione dell analisi dei costi sinteticamente riportati nella tabella precedente e della specificità dei servizi previsti Direttiva pluriennale di cui D.G.R. n del 4/08/2009, si ritiene opportuno proporre l adozione, per i servizi collettivi formativi, di un parametro idoneo ad attenuare il fattore di rischio connesso a situazioni contrassegnate da elevato livello di variabilità del numero dei partecipanti (per assenza o abbandono), e rispondente all esigenza di assicurare flessibilità e rapidità nell organizzazione e nell erogazione dei servizi, consentendo ai soggetti attuatori di mantenere lo standard qualitativo del servizio. Ne consegue un impianto dei costi connessi alle tipologie di servizio, che potrebbe declinarsi nel modo seguente: - costo standard ora/destinatario per i servizi individuali quali, ad es. accoglienza, orientamento, accompagnamento al lavoro; - costo standard ora/destinatario per i servizi collettivi così articolati: o costo standard ora/destinatario per piccoli gruppi composti da almeno 2 allievi fino ad un massimo di 5; o costo standard ora/destinatario per grandi gruppi composti da un numero di allievi fino ad un massimo di 14. In considerazione dei valori rilevati mediante l indagine di mercato e l analisi dei dati storici relativi alla formazione finanziata nell ambito della programmazione regionale , si riportano di seguito i parametri applicabili ai costi diretti e l incidenza percentuale dei costi indiretti sui costi diretti: Servizi individuali: - UCS ora/destinatario, relativa ai costi diretti, pari a 31,82 - costi indiretti pari all 10% dei costi diretti Servizi collettivi erogati a piccoli gruppi : - UCS ora/destinatario, relativa ai costi diretti, pari a 22,03 - costi indiretti pari al 18% dei costi diretti Servizi collettivi erogati a gruppi (valore medio tra 10 e 12 destinatari): - UCS ora/destinatario, relativa ai costi diretti, pari a 11,02 - costi indiretti pari al 18% dei costi diretti Applicazione della metodologia di calcolo 16/25

17 In base alla combinazione di opzioni adottata, l operazione riceve un contributo pubblico pari al valore dato dalla sommatoria degli importi relativi al totale dei costi valorizzati utilizzando i parametri identificati. Applicazione della metodologia di calcolo 17/25

18 6. Tabelle riepilogative 6.1 Servizi individuali co - finanziati FSE SERVIZI INDIVIDUALI Operatotre COOPERATIVA ORSO ADECCO CSEA CSEA WORKOPP WORKOPP Tipologia di intervento INDIVIDUALI INDIVIDUALI INDIVIDUALI INDIVIDUALI INDIVIDUALI INDIVIDUALI Anno Valore atteso destinatari Numero destinatari riconosciuti Ore previste Ore riconosciute Totale costi diretti , , , , , ,80 Totale costi indiretti , , , , , ,00 Totale rendicontato , , , , , ,80 Totale importi , , , , , ,80 Importo Finanziato , , , , , ,80 Differenza Totale Importi e Finanziato 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 medie % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUL TOTALE 3,20% 9,12% 16,94% 17,12% 9,17% 6,29% 10,31% % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUI COSTI DIRETTI 3,31% 10,04% 20,39% 20,65% 10,09% 6,71% 11,87% costo ora sul totale 38,23 38,50 36,61 36,22 37,39 Applicazione della metodologia di calcolo 18/25

19 6.2 Servizi collettivi (Formazione disoccupati MDL > 300 ore) co- finanziati FSE FORMAZIONE DISATI - FSE > 300 SCUOLA IMMAGINAZ. CASA DI Operatore CIOFS CSEA CSEA CIAC FORMONT SALOTTO E CAMERANA E LAVORO CARITA' FIORITO Tipologia di intervento MDL MDL MDL MDL MDL MDL MDL MDL MDL medie Valore atteso destinatari Numero destinatari riconosciuti Ore previste Ore riconosciute Totale costi diretti , , , , , , , , ,97 Totale costi indiretti 5.144, , , , , , , , ,49 Totale rendicontato , , , , , , , , ,46 Totale importi sostenuti ma non rendicontati 363,94 Totale importi , , , , , , , , ,46 Importo Finanziato , , , , , , , , ,00 Differenza Totale Importi e Finanziato ,92 139,49 373,47 0,94 1,53 29,66 113,02 0,20 608,46 % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUL TOTALE 5,43% 26,76% 13,17% 6,91% 16,64% 22,13% 20,34% 35,20% 25,86% 19,2% % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUI COSTI DIRETTI 5,74% 36,53% 15,17% 7,43% 19,96% 28,42% 25,53% 54,32% 34,88% 25,3% costo ora su importo finanziato 140,40 88,00 105,60 105,60 91,20 61,00 74,25 93,00 114,00 97,01 costo ora allievo su importo finanziato 8,31 7,35 8,80 5,87 6,08 12,21 8,27 5,17 4,62 7,41 Applicazione della metodologia di calcolo 19/25

20 6.3 Servizi collettivi (Formazione disoccupati MDL < = 300 ore) co- finanziati FSE FORMAZIONE DISATI - FSE <= 300 ORE SCUOLA CFPP CASA DI CASA DI F.P. ALBA Operatore CIAC FORMONT CAMERANA CARITA' CARITA' BAROLO Tipologia di intervento MDL MDL MDL MDL MDL MDL medie Valore atteso destinatari Numero destinatari riconosciuti Ore previste Ore riconosciute Totale costi diretti , , , , , ,89 Totale costi indiretti ,72 452, , , ,86 406,74 Totale rendicontato , , , , , ,63 Totale importi sostenuti ma non rendicontati 811,29 Totale importi , , , , , ,63 Importo Finanziato , , , , , ,00 Differenza Totale Importi e Finanziato ,27 116, ,05 115,98 0,00 53,63 % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUL TOTALE 18,01% 4,32% 17,76% 21,35% 22,90% 2,46% 14,5% % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUI COSTI DIRETTI 21,97% 4,51% 21,60% 27,14% 29,71% 2,52% 17,9% costo ora su importo finanziato 142,50 103,50 85,40 124,20 124,20 82,50 110,38 costo ora allievo su importo finanziato 8,38 10,35 7,12 10,35 8,28 8,25 8, Servizi collettivi (Formazione occupati < 300 ore) Mercato Privato Applicazione della metodologia di calcolo 20/25

21 FORMAZIONE ATI - MERCATO PRIVATO < 300 ORE Operatore Tipologia di intervento CSEA OCC. A LIBERO MKT CONFARTIGIA NATO FORMAZIONE OCC. A LIBERO MKT CONFARTIGIA NATO FORMAZIONE OCC. A LIBERO MKT CONFARTIGIA NATO FORMAZIONE OCC. A LIBERO MKT ADECCO ADECCO ADECCO ADECCO OCC. A LIBERO MKT OCC. A LIBERO MKT OCC. A LIBERO MKT OCC. A LIBERO MKT Valore atteso destinatari Numero destinatari riconosciuti Ore previste Ore riconosciute Totale costi diretti 1.500, , , , , , , ,00 Totale costi indiretti - 240,00 875, , , , ,00 Totale importi 1.500, , , , , , , ,00 RICAVI TOTALI 1.500, , , , , , , ,00 UTILE D'IMPRESA , ,50-216, % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUL TOTALE 0,00% 8,70% 6,65% 0,00% 11,37% 14,44% 11,35% 15,56% % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUI COSTI DIRETTI 0,00% 9,52% 7,13% 0,00% 12,83% 16,88% 12,80% 18,42% costo ora sul totale 50,00 177,08 111,11 108,00 226,67 200,00 200,00 200,89 costo ora allievo sul totale 4,17 9,84 6,17 15,43 13,33 13,33 22,22 25,11 Operatore ADECCO ADECCO ADECCO ADECCO ADECCO ADECCO ADECCO medie OCC. A LIBERO OCC. A LIBERO OCC. A LIBERO OCC. A LIBERO OCC. A LIBERO OCC. A LIBERO OCC. A LIBERO Tipologia di intervento MKT MKT MKT MKT MKT MKT MKT Valore atteso destinatari Numero destinatari riconosciuti Ore previste Ore riconosciute Totale costi diretti , , , , , , ,00 Totale costi indiretti 3.000, , , , , , ,00 Totale COSTI DIRETTI + COSTI INDIRETTI , , , , , , , ,25 Totale importi , , , , , , ,00 RICAVI TOTALI , , , , , , ,00 UTILE D'IMPRESA % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUL TOTALE 15,00% 14,89% 14,71% 14,88% 16,34% 15,71% 14,29% 8,51% % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUI COSTI DIRETTI 17,65% 17,50% 17,24% 17,48% 19,53% 18,64% 16,67% 9,7% costo ora sul totale 200,00 200,00 200,00 200,00 201,32 200,00 200,00 159,22 costo ora allievo sul totale 28,57 33,33 33,33 33,33 33,55 40,00 40,00 13, Servizi collettivi (Formazione occupati) co- finanziati FSE Applicazione della metodologia di calcolo 21/25

22 Operatore Tipologia di intervento Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro API FORMAZIONE IMMAGINAZ. E LAVORO CIAC CIAC FORMAZIONE FINANZIATA FSE - ATI IMMAGINAZ. E LAVORO CSEA CSEA CFPP CASA DI CARITA' CONSORZIO GAMMA CONSORZIO GAMMA ATI ATI ATI ATI PIANI AREA ATI ATI ATI ATI PIANI AREA ATI ATI Valore atteso destinatari Numero destinatari riconosciuti Ore previste Ore riconosciute Totale costi diretti 8.179, , , , , , , , , , , ,28 Totale costi indiretti - 238,72 91,64-414,77 416, ,97 843,77 Totale rendicontato * 8.179, , , , , , , , , , , ,05 Finanziamento pubblico 3.777, , , , , , , , , ,05 Cofinanziamento privato 4.401, , , , Totale importi sostenuti ma non rendicontati - 49, , Totale importi 8.179, , , , , , , , , , , ,05 Importo finanziato 3.696, , , , , , , , , , , ,00 Finanziamento pubblico ** 2.587, , , , , , , , , , , ,00 Cofinanziamento privato ** 1.108, , , , , , Differenza Totale Importi e Finanziato 4.483,45 49, , , ,99 1,68 0, , ,31 151,77 50,03 50,05 % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUL TOTALE 0,00% 0,00% 1,78% 0,99% 0,00% 6,09% 8,27% 0,00% 0,00% 0,00% 9,63% 16,58% % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUI COSTI DIRETTI 0,00% 0,00% 1,81% 1,00% 0,00% 6,49% 9,01% 0,00% 0,00% 0,00% 10,65% 19,87% costo ora su finanziamento pubblico 80,85 63,00 126,00 40,32 63,00 126,00 126,00 126,00 105,00 84,00 126,00 126,00 costo ora allievo su finanziamento pubblico 7,35 10,50 10,50 4,03 5,25 10,50 10,50 10,50 10,50 10,50 10,50 10,50 CONFARTIGIA CONFARTIGIA CONFARTIGIA F.P. ALBA F.P. ALBA Operatore ENAIP ENAIP FORMONT A.F.P. A.F.P. A.F.P. NATO NATO NATO BAROLO BAROLO FORMAZIONE FORMAZIONE FORMAZIONE Tipologia di intervento ATI ATI ATI ATI PIANI AREA AZ. SPECIF. ATI PIANI AREA ATI ATI ATI Valore atteso destinatari Numero destinatari riconosciuti Ore previste Ore riconosciute Totale costi diretti , , , , , , , , , , ,63 Totale costi indiretti 843, ,00 488, , ,53 196, , , ,32 180,00 180,00 Totale rendicontato * , , , , , , , , , , ,63 Finanziamento pubblico 5.138, , , , ,82 Cofinanziamento privato 5.874, , , , ,82 Totale importi sostenuti ma non rendicontati 2.608, , , Totale importi , , , , , , , , , , ,63 Importo finanziato , , , , , , , , , , ,00 Finanziamento pubblico ** 5.400, , , , , , , , , , ,00 Cofinanziamento privato ** 5.400, , , , , , , , , , ,00 Differenza Totale Importi e Finanziato 3.664, ,67-976, , , , ,30 810, ,06 745,63 % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUL TOTALE 7,12% 5,32% 23,26% 33,68% 28,41% 0,93% 14,84% 13,40% 15,04% 1,47% 2,35% 8,22% % INCIDENZA COSTI INDIRETTI SUI COSTI DIRETTI 7,66% 5,62% 30,31% 50,77% 39,69% 0,94% 17,43% 15,47% 17,70% 1,49% 2,40% 10,36% costo ora su finanziamento pubblico 135,00 126,00 26,25 126,00 126,00 126,00 126,00 115,50 42,00 126,00 105,00 103,13 costo ora allievo su finanziamento pubblico 11,25 10,50 5,25 10,50 10,50 10,50 10,50 10,50 10,50 10,50 10,50 9,66 * compnresivo della quota di'overbooking determinato dalle ore di mancata produttività dei lavoratori in formazione in formazione ** le celle in arancione riportano una quota "indicativa" di cofinanziamento privato (pari al cofinanziamento pubblico) in attesa di dati definitivi CASA DI CARITA' CASA DI CARITA' medie Applicazione della metodologia di calcolo 22/25

23 7. APPENDICE QUOTE DI MERCATO RELATIVE AD OGNI OPERATORE DISTINTE IN BASE AL SEGMENTO DI APPARTENENZA Grafico 1. Quota % di mercato Operatori Tipologia B Anno di gestione 2005 Quota di mercato Operatori Tipologia B 48,67% 9,71% 6,12% 11,96% CASA DI CARITA' ARTI E MESTIERI C.I.O.F.S. - F.P. PIEMONTE CNOS-FAP ENAIP II.RR. SALOTTO E FIORITO C.F.P.P. CASA DI CARITA' ONLUS ASSOCAM SCUOLA CAMERANA 0,19% 0,75% 3,26% 1,00% 2,09% 2,42% 13,83% IMMAGINAZIONE E LAVORO CONFARTIGIANATO FORMAZIONE CONSORZIO API FORMAZIONE Altri Operatori Operatori Tipologia B Quota di mercato v.a. CASA DI CARITA' ARTI E MESTIERI ,00 C.I.O.F.S. - F.P. PIEMONTE ,83 CNOS-FAP ,01 ENAIP ,84 II.RR. SALOTTO E FIORITO ,00 C.F.P.P. CASA DI CARITA' ONLUS ,80 ASSOCAM SCUOLA CAMERANA ,00 IMMAGINAZIONE E LAVORO ,60 CONFARTIGIANATO FORMAZIONE ,50 CONSORZIO API FORMAZIONE ,00 Altri Operatori ,01 Applicazione della metodologia di calcolo 23/25

24 Grafico 2. Quota % di mercato Operatori Tipologia C Anno di gestione 2005 Quota di mercato Operatori Tipologia C 6,25% CONSORZIO INTERAZIENDALE CANAVESANO - C.IA.C. SCRL 37,40% 27,94% CSEA FORMAZIONE PROFESSIONALE ALBA- BAROLO SCARL- APRO AZIENDA FORMAZIONE PROFESSIONALE A.F.P. SOC. CONS ARL FOR.AL CONSORZIO PER LA F.P. NELL'ALESSANDRINO 4,91% 5,05% 7,55% 10,90% FORMONT Altri Operatori Operatori Tipologia C Quota di mercato v.a. CONSORZIO INTERAZIENDALE CANAVESANO - C.IA.C. SCRL ,00 CSEA ,00 FORMAZIONE PROFESSIONALE ALBA-BAROLO SCARL- APRO ,47 AZIENDA FORMAZIONE PROFESSIONALE A.F.P. SOC. CONS ARL ,42 FOR.AL CONSORZIO PER LA F.P. NELL'ALESSANDRINO ,00 FORMONT ,99 Altri Operatori ,33 Applicazione della metodologia di calcolo 24/25

25 Grafico 3. Quota % di mercato Operatori Tipologia D Anno di gestione 2005 Quota di mercato Operatori Tipologia D 9,03% 8,24% CONSORZIO MULTISETTORIALE PIEMONTESE CONSORZIO GAMMA SERVIZI Altri Operatori 82,74% Operatori Tipologia D Quota di mercato CONSORZIO MULTISETTORIALE PIEMONTESE ,00 CONSORZIO GAMMA SERVIZI ,50 Altri Operatori ,50 Applicazione della metodologia di calcolo 25/25

Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013

Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013 Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013 Allegato A Applicazione della metodologia di calcolo per l adozione

Dettagli

Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013

Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013 Regione Piemonte - Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro POR FSE Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013 Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro Applicazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 25/02/2016

REGIONE PIEMONTE BU8S1 25/02/2016 REGIONE PIEMONTE BU8S1 25/02/2016 Codice A1502A D.D. 22 febbraio 2016, n. 7 Piano Regionale "Garanzia Giovani".di cui alla D.G.R n. 34-521 del 3 novembre 2014 e s.m.i di cui alla D.G.R. n. 11-208 del 15

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale

Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale Determinazione del Dirigente del Servizio Formazione Professionale N. 97-19254/2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVE PER APPRENDISTI AVVISO PUBBLICO 2015. SPORTELLO MAGGIO 2015. AUTORIZZAZIONE AVVIO PROGETTI

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

BANDO DELLA PROVINCIA DI ASTI SOGGETTO ATTUATORE: DETTAGLI DEL PROGETTO SOGGETTO PARTNER:

BANDO DELLA PROVINCIA DI ASTI SOGGETTO ATTUATORE: DETTAGLI DEL PROGETTO SOGGETTO PARTNER: APPROVATO IL PIANO FORMATIVO D AREA DAL TITOLO RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ORGANIZZATIVE, GESTIONALI E TECNICHE DELLE AZIENDE DELLA PROVINCIA DI ASTI BANDO DELLA PROVINCIA DI ASTI SOGGETTO ATTUATORE:

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Adozione di UCS (Unità di Costo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 IL DIRIGENTE

AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 IL DIRIGENTE All.A AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART. 14, L. 68/99 IL DIRIGENTE VISTA la legge 12 marzo

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Sociali UFFICIO Lavoro DETERMINAZIONE DI IMPEGNO Atto N. 590 N. Mecc. PDET-574-2011 del 28/02/2011 del _1_/ 3 / 2010 OGGETTO DGR 84-12006

Dettagli

DETERMINAZIONE N 49527/6421/F.P. DEL 16.10.2012

DETERMINAZIONE N 49527/6421/F.P. DEL 16.10.2012 DETERMINAZIONE N 49527/6421/F.P. Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati all erogazione di interventi di politiche attive del lavoro rivolti ai beneficiari

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO

DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA DI VARESE DI PROGETTI DA FINANZIARE CON LE RISORSE PROVENIENTI DALLA REGIONE LOMBARDIA - ANNO 2002/2003. DISPOSITIVO PROVINCIALE EXTRA-OBBLIGO FORMATIVO

Dettagli

DETERMINAZIONE N 39683/4987/F.P. DEL 02.08.201 2

DETERMINAZIONE N 39683/4987/F.P. DEL 02.08.201 2 Settore Programmazione ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, DETERMINAZIONE N 39683/4987/F.P. DEL 02.08.201 2 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati

Dettagli

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 All.A Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART.

Dettagli

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + FORMAZIONE FORMA la dimensione delle regole, dei criteri di un percorso

Dettagli

DETERMINAZIONE N 53493/6888/F.P. DEL 09.11.201 2

DETERMINAZIONE N 53493/6888/F.P. DEL 09.11.201 2 DETERMINAZIONE N 53493/6888/F.P. DEL 09.11.201 2 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati all erogazione di interventi di politiche attive del lavoro rivolti

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Ancona, 19/11/2014 Il Dirigente del Settore IV (Dott.Fabrizio Basso)

Ancona, 19/11/2014 Il Dirigente del Settore IV (Dott.Fabrizio Basso) D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E Del 19/11/2014 n.365 SETTORE IV FORMAZIONE RENDICONTAZIONE E LAVORO AREA FORMAZIONE PROFESSIONALE BORSE LAVORO E SOSTEGNO IMPRESA O g g e t t o : F.P.

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Codice fiscale Fazio Alessandra FZALSN79H61L219G ESPERIENZA LAVORATIVA 05/2011 - in corso SOGES SPA - CORSO TRAPANI 16 10139 TORINO -

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1 INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COFINANZIABILI CON IL FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO 3 ANNO 2002 DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale N 222 /FL 16/04/2012 Pag. 1 di 6 Prot. n.76615 60.02.00.01 Arezzo lì 30/04/2012 Servizio: Formazione Professionale OGGETTO: Presa di atto subentro nei crediti, diritti ed obblighi l Agenzia CFSE Centro

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

Determinazione n. 2189 del 19/11/2014

Determinazione n. 2189 del 19/11/2014 Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 2379 Determinazione n. 2189 del 19/11/2014 OGGETTO: APPRENDISTATO BANDO ANNO 2014: VALUTAZIONE AMMISSIBILITA' PROGETTI PERVENUTI ED APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA FINALE.

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17 gennaio 2005 Allegato A REGIONE CAMPANIA OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA DI VARESE DI PROGETTI DA FINANZIARE CON LE RISORSE PROVENIENTI DALLA REGIONE LOMBARDIA - ANNO 2002/2003. DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO Sviluppo

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

47 AGGIORNAMENTI INFORMATICO - LINUX UTENTE CSEA CFP MARIO ENRICO TORINO 21 40 78,4 313,6

47 AGGIORNAMENTI INFORMATICO - LINUX UTENTE CSEA CFP MARIO ENRICO TORINO 21 40 78,4 313,6 Cod.Comparto Titolo del Corso Ente Gestore Sede di svolgimento del corso Comune di svolgimento del corso N. Progr.del corso Durata in Ore Costo Allievo Costo Pubblico 47 AGGIORNAMENTI INFORMATICO - INTERNET

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' U.O. PROGRAMMAZIONE GESTIONE E CONTROLLO. DETERMINAZIONE N. 347 del 22/2/2012 SENZA IMPEGNO DI SPESA

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' U.O. PROGRAMMAZIONE GESTIONE E CONTROLLO. DETERMINAZIONE N. 347 del 22/2/2012 SENZA IMPEGNO DI SPESA Prot. n. 25175/2012 IP 902/2012 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' U.O. PROGRAMMAZIONE GESTIONE E CONTROLLO DETERMINAZIONE N. 347 del 22/2/2012 SENZA IMPEGNO DI SPESA Oggetto: Avviso Pubblico

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA - AREA TERZA

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA - AREA TERZA REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA - AREA TERZA SERVIZIO (cod. 3Q.01) SERVIZIO SISTEMA INTEGRATO DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 67 DEL 06-03-2015

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

34 CORSO DI INGLESE - ELEMENTARY (LIVELLO BASE) FO.R.UM. SCRL C.S. AZIENDALE SETTIMO TORINESE 113 80 156,8 627,2

34 CORSO DI INGLESE - ELEMENTARY (LIVELLO BASE) FO.R.UM. SCRL C.S. AZIENDALE SETTIMO TORINESE 113 80 156,8 627,2 Cod.Comparto Titolo del Corso Ente Gestore Sede di svolgimento del corso Comune di svolgimento del corso N. Progr.del corso Durata in Ore Costo Allievo Costo Pubblico 34 BUSINESS ENGLISH INFORCOOP LEGA

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 LINEE GUIDA DEL 18 GENNAIO 2011 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI AdIM News testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sala Consilina (SA) al R.G. N. 3/05 del 14.12.05 Finalità Destinatari Attuatori/Beneficiari Scadenza 31 dicembre 2015 La Regione Campania

Dettagli

DETERMINAZIONE N 56700/8181/F.P. DEL 23.11.2012

DETERMINAZIONE N 56700/8181/F.P. DEL 23.11.2012 Settore Programmazione DETERMINAZIONE N 56700/8181/F.P. DEL 23.11.2012 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati all erogazione di interventi di politiche attive

Dettagli

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese che assumono soggetti in mobilità, a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI Determinazione nr. 1061 Trieste 07/04/2014 Proposta nr. 762 Del 03/04/2014 Oggetto: Regolamento Regionale n.116/pres. dd. 28/05/2010 - Fondo Sociale Europeo Obiettivo 2

Dettagli

P R O V I N C I A D I B I E L L A AVVISO DI BANDO PUBBLICO

P R O V I N C I A D I B I E L L A AVVISO DI BANDO PUBBLICO P R O V I N C I A D I B I E L L A Via Maestri del Commercio, 6-13900 BIELLA Tel. 015-8480650 Fax 015-8480666 www.provincia.biella.it SETTORE FORMAZIONE, LAVORO E PARI OPPORTUNITA SERVIZIO CENTRO PER L

Dettagli

Considerata La D.G.R. n. 50-2382 del 22.07.2011, con la quale la Regione Piemonte ha approvato l'atto di. copia informatica per consultazione

Considerata La D.G.R. n. 50-2382 del 22.07.2011, con la quale la Regione Piemonte ha approvato l'atto di. copia informatica per consultazione ATTIVITA' PRODUTTIVE - SERVIZI ALLE IMPRESE Determinazione n. 2605 data 29/11/2013 Proposta n. S0205 3638/2013 Oggetto: SERVIZI DI SUPPORTO ALL' IMPRENDITORIALITA' IN CONTINUITA' DEI PERCORSI INTEGRATI

Dettagli

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 (Decreto ministeriale 19.06.2014 e 07.07.2014) Premessa Con il decreto

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** SERVIZI ALLE PERSONE (S) BIBLIOTECA CIVICA

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** SERVIZI ALLE PERSONE (S) BIBLIOTECA CIVICA COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** SERVIZI ALLE PERSONE (S) BIBLIOTECA CIVICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1546 / 2014 OGGETTO: AZIONI DI POLITICA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE ALLEGATO 2 PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE I. QUADRO DI RIFERIMENTO Il presente avviso è finalizzato alla promozione

Dettagli

Determinazione n. 1661 del 27/08/2013

Determinazione n. 1661 del 27/08/2013 COPIA dell ORIGINALE Prot. N. 64756/ 2013 Determinazione n. 1661 del 27/08/2013 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 8 INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA All. A PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO

Dettagli

19 AT 17095 B9 IAL CISL PIEMONTE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA SERVIZI (RLS) DI TUTELA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO

19 AT 17095 B9 IAL CISL PIEMONTE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA SERVIZI (RLS) DI TUTELA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO Estrazione dati per Query: DIR FCI - ELABORAZIONE CATALOGO PROPOSTA CORSI Data e Ora Estrazione: 01/12/2009 09:17:27 Parametri Estrazione: DIRETTIVVINCIAID CATALOGO OPERATOREDENOMINAZIONE OPERATORE TITOLO

Dettagli

Uno sguardo alle tendenze più recenti. Il Progetto CRISI nella Provincia di Torino

Uno sguardo alle tendenze più recenti. Il Progetto CRISI nella Provincia di Torino Uno sguardo alle tendenze più recenti. Il Progetto CRISI nella Provincia di Torino Silvia Zabaldano Torino, 12 Giugno 2012 Caratteristiche dei lavoratori Aree tematiche Il progetto Contesto economico-produttivo

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA PF ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIOE CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 117/IFD DEL 20/05/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA PF ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIOE CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 117/IFD DEL 20/05/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA PF ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIOE CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 117/IFD DEL 20/05/2014 Oggetto: POR MARCHE OB. 2 2007/2013. ASSE IV OS L - DDPF 360/IFD

Dettagli

DETERMINAZIONE N 12872/519/F.P. DEL 28.02.2012

DETERMINAZIONE N 12872/519/F.P. DEL 28.02.2012 Settore Programmazione ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, DETERMINAZIONE N 12872/519/F.P. DEL 28.02.2012 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA

PROVINCIA DI BOLOGNA 1 I.P. 2292/2002 Tit./Fasc./Anno 14.3.3.1.0.0/4/2002 PROVINCIA DI BOLOGNA Prot. n 107128/2002 del 26/06/2002 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE DETERMINAZIONE

Dettagli

Avviso indagine di mercato ai sensi dell art.5 comma 3 del R.R. n.1/2012 e s.m.i.

Avviso indagine di mercato ai sensi dell art.5 comma 3 del R.R. n.1/2012 e s.m.i. Avviso indagine di mercato ai sensi dell art.5 comma 3 del R.R. n.1/2012 e s.m.i. Indagine di mercato finalizzata all acquisizione del servizio di assistenza tecnica all attuazione del Progetto finanziato

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme DOCUMENTO TECNICO Programmazione delle risorse finanziarie per gli anni 2014-2016 stanziate sul bilancio regionale - cap. E31900, cap. E32510 e cap. E32501, destinate alla Raccolta Differenziata. Le risorse

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE D i r e z i o n e G e n e

Dettagli

Modulo di domanda di partecipazione

Modulo di domanda di partecipazione Allegato 1 PROVINCIA DI NOVARA PIAZZA MATTEOTTI, 1 28100 - NOVARA Modulo di domanda di partecipazione BANDO DI CHIAMATA DI PROGETTI RISERVATO AGLI ENTI GESTORI DELLE FUNZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DELLA

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 L.R. 24/96 L.R.

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Cre.s.c.o. (Crescita, sviluppo, competitività e occupazione) Finanziato dal P.O.R. Programma

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI

AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ INERENTI LA FORMAZIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. ANNO FORMATIVO 2011-2012. Relazione finale Settembre 2012 1 INDICE Premessa pag.

Dettagli

A relazione dell'assessore Tibaldi

A relazione dell'assessore Tibaldi Oggetto: AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DEL CATALOGO PROVINCIALE DELL'OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATO ALL' ASSEGNAZIONE DI BUONI DI PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA' DI FORMAZIONE CONTINUA AD INIZIATIVA

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro Avviso con procedura a sportello per la concessione di finanziamenti a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 Assegnazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE

FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE TD GROUP E LA FORMAZIONE FINANZIATA La formazione finanziata consiste nella progettazione ed erogazione di percorsi formativi che sono finanziati totalmente

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Formazione - Lavoro e Politiche Sociali - Cultura - Turismo - Energia - V.I.A.- Istruzione UFFICIO Lavoro DETERMINAZIONE DI IMPEGNO N. Meccanografico PDET-1349-2014 Atto N. _1333

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro (IFL) Servizio Formazione (FF)

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro (IFL) Servizio Formazione (FF) Registro generale n. 3318 del 2011 Determina di liquidazione di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro (IFL) Servizio Formazione (FF) Oggetto L236/93 Piani

Dettagli

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca Patto Territoriale per l Agricoltura e la Pesca Alto Belice Corleonese, Valle del Torto e dei Feudi e Fascia Costiera Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003 CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari

Dettagli

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso 1 1. PREMESSA Con deliberazione n.57 del 12 Luglio 2007 il Consiglio Regionale

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015

REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015 REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015 Codice DB1815 D.D. 5 dicembre 2014, n. 607 Realizzazione di azioni di promozione, comunicazione e web-marketing. Affidamento alla societa' in house Sviluppo Piemonte Turismo

Dettagli

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015 Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Politiche per il credito e internazionalizzazione delle imprese DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provvedimento n. 52 Proponente: Formazione Classificazione: 14-05-02 2012/1 del 08/01/2013 Oggetto: AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA'

Dettagli

POR Obiettivo CRO FSE 2007/13

POR Obiettivo CRO FSE 2007/13 ALLEGATO 1 FORMULARIO Regione Lazio Assessorato Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione POR Obiettivo CRO FSE 2007/13 Asse Inclusione Sociale Obiettivo specifico g) Sviluppare percorsi di integrazione

Dettagli

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita GENOVA, 25.04.1972

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

SCHEDA TECNICA CORSI DI ORIENTAMENTO, DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E TIROCINI

SCHEDA TECNICA CORSI DI ORIENTAMENTO, DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E TIROCINI SCHEDA TECNICA CORSI DI ORIENTAMENTO, DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E TIROCINI Caratteristiche e priorità trasversali e generali Gli interventi richiesti hanno le seguenti finalità: sostenere ed agevolare

Dettagli

D.G.P. n. 772-309928 del 28 giugno 2005

D.G.P. n. 772-309928 del 28 giugno 2005 D.G.P. n. 772-309928 del 28 giugno 2005 OGGETTO: PROGRAMMA DI RINNOVO E/O POTENZIAMENTO DELLE FLOTTE PUBBLICHE DI SERVIZIO DI PUBBLICA UTILITÀ (ESCLUSE QUELLE DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE) CON MEZZI A

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 gennaio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 gennaio 5428 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 12 02 2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 gennaio 2014, n. 8 Azione di sistema Welfare to Work Aggiornamento delle indicazioni operative,

Dettagli

Carta dei servizi. Servizi al lavoro

Carta dei servizi. Servizi al lavoro Carta dei servizi Servizi al lavoro 1 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Ente proponente presentazione generale... 3 2.1. Formazione professionale... 4 2.2. Servizi al lavoro... 5 2.3. Antidiscriminazione

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

FAQ E AMMESSA LA PARTECIPAZIONE IN RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI CONCORRENTI; IN CASO DI RISPOSTA AFFERMATIVA, CON QUALI MODALITA

FAQ E AMMESSA LA PARTECIPAZIONE IN RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI CONCORRENTI; IN CASO DI RISPOSTA AFFERMATIVA, CON QUALI MODALITA AVVISO PUBBLICO DI CHIAMATA PER ATTIVITA DI ASSESSMENT E PLACEMENT A FAVORE DEI DIRIGENTI DISOCCUPATI IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO 23/4/2012 TRA REGIONE LIGURIA E FONDIRIGENTI P.O. CRO FSE 2007/2013 ASSE

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata.

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata. Il settore agroalimentare siciliano, per numero di occupati, potenzialità di qualità, diversità, tipicità e tradizioni alimentari e salutistiche è tra quelli portanti dell economia regionale. Le caratteristiche

Dettagli