Benchmarking in Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benchmarking in Europa"

Transcript

1 1

2 Benchmarking in Europa Il termine CONCILIAZIONE è oggi sicuramente una delle parole chiave delle politiche nazionali ed europee all intersezione delle politiche del lavoro e delle pari opportunità. via Ruggeri Ancona telefono , fax Consigliera di Parità effettiva Patrizia Barigelletti Consigliera di parità supplente Rosanna Nichilo 2 3

3 Conciliazione il significato del termine La Road Map per le Pari Opportunità CONCILIAZIONE vuol dire permettere a donne e uomini di vivere meglio lavoro le responsabilità familiari, La Lobby Europea delle donne (EWL) ha redatto la Road Map per le Pari Opportunità tra uomini e donne. Obiettivo generale: integrare strategie di superamento delle disparità di genere. di prevenire le discriminazioni i processi di esclusione nelle aziende. Sono 6 gli obiettivi srategici per il 2010: E elemento di innovazione nella gestione delle risorse umane migliora l immagine interna ed esterna dell impresa. realizzazione della parità di genere e del mainstreming giustizia economica e sociale per le donne promozione delle donne nei posti decisionali lotta alla violenza contro le donne il ruolo dell Europa eliminazione dei ruoli patriarcali 4 5

4 Azioni in ambito occupazionale Un grande cambiamento culturale La strategia europea per l occupazione racchiude i seguenti provvedimenti: Le donne spesso vivono i tempi di lavoro e di vita come alternativi, distinguendo in: contro le discriminità salariali a favore dei servizi di cura per migliorare le condizioni dei contratti atipici contro le discriminazioni multiple a favore del bilancio di genere nei programmi di formazione a sostegno delle iniziative economiche delle donne per riconoscere il valore del lavoro domestico per garantire l accesso paritario al credito tempi pubblici (il tempo del lavoro e della formazione) tempi privati (il tempo della maternità, quello della responsabilità verso sé e verso gli altri). Spesso lasciano il lavoro, scegliendo i tempi privati. Conciliare i tempi significa trovare una dimensione unitaria del tempo che consenta una combinazione equilibrata tra la dimensione della persona e le attività che la coinvolgono. 6 7

5 Una sfida per gli uomini e per le donne La CONCILIAZIONE in Europa La Commissione Europea nel rapporto sull uguaglianza tra donne e uomini del 2005 presenta la conciliazione tra vita professionale e vita familiare come una sfida sia per gli uomini sia per le donne. La presenza di figli ha un impatto diverso nella condizione lavorativa di una donna e di un uomo. Attraverso la Carta dei Diritti fondamentali dell Unione Europea (approvata a Strasburgo a novembre 2000 e proclamata nel Consiglio di Nizza del dicembre 2000) è stata formalmente dichiarata dall Unione Europea la PARITA TRA UOMINI E DONNE = PRINCIPIO FONDAMENTALE 8 9

6 La UE nel periodo La Carta Europea per l Uguaglianza L Unione europea in linea con il panorama Internazionale per eliminare gli stereotipi di genere: nell istruzione, nella formazione e nella cultura nel mercato del lavoro nei mezzi di comunicazione New York - Marzo 2008 avviare iniziative volte a: La Regione Marche, Assessorato alle Pari Opportunità ha pubblicato la Carta Europea per l Uguaglianza e la Parità delle donne e degli uomini nella vita locale, che è stata: elaborata dal Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa adottata e sottoscritta dagli Stati Generali d Europa nel 2006 approvata dalla Giunta Regionale nel 2007 sensibilizzare enti pubblici e organismi territoriali alla Parità di Genere; introdurre strumenti di finanziamento sensibili al genere

7 Cosa è la Carta La Carta contiene i PRINCIPI da seguire per superare la differenze di genere, che sono: Buone Prassi: in Europa e in Italia La parità di uomini e donne è un diritto fondamentale Occorre superare le varie discriminazioni (età, sesso, opinioni, etc) La medesima partecipazione alla vita sociale L eliminazione di stereotipi sessuali L importanza della parità di genere nelle attività degli enti locali e regionali Interventi mirati per far progredire la parità tra donne e uomini 12 13

8 Gran Bretagna Irlanda La Gran Bretagna mostra una crescente attenzione alle pari opportunità. La Banca d Irlanda ha introdotto programmi di pari opportunità fin dal Il Guardian ha pubblicato un vero e proprio censimento delle aziende Inglesi che hanno attuato le Parità di Genere e la Conciliazione. Il Times ha pubblicato elenco di 50 multinazionali che adottano politiche family friendly, con flessibilità oraria e contributi per pagare la baby sitter o l abolizione delle riunioni dopo una certa ora. La direzione lavora costantemente per migliorare le possibilità di conciliazione a tutti i livelli. Sono state adottate varie forme di flessibilità oraria, tra cui: job sharing; orari di lavoro personalizzati; congedi dai 3 mesi a 1 anno. A questo scopo effettuano anche meeting con le rappresentanze dei Sindacati

9 Finlandia La Conciliazione in Romania Il forte legame che esiste tra: operatori economici e sociali governi; autorità; istituzioni; imprese; società; organizzazioni commerciali; sindacati; gruppi d interesse e ONG ecc. Anche la Romania sta aggiornando la normativa nel campo della parità di genere adeguandosi alle norme UE. Sono state introdotte norme favorevoli alle donne; I datori di lavoro devono rispettare i diritti delle donne specialmente durante la gravidanza e la maternità; Le donne che intendono difendere e far valere i propri diritti hanno il sostegno dei sindacati. conferisce al sistema camerale della Finlandia un ruolo unico per azioni vincenti di conciliazione tra lavoro e vita familiare

10 La Spagna, esempio all avanguardia Pari Opportunità: normativa in Italia Università IESE Business School a Navarra e Barcellona CATTEDRA DI CONCILIAZIONE tra lavoro e famiglie Nel 1990 per la prima volta viene formulato il progetto di legge di iniziativa popolare Orari di lavoro, stagioni della vita, tempi delle città presentata alla Camera dalle donne parlamentari progressiste. Stabiliva per tutti uomini e donne tre grandi diritti: Estremamente innovativo Gli uomini e le donne integrano, agiscono simultaneamente e formano il mondo del lavoro e della famiglia. La IESE Business School ha una cattedra di conciliazione che prova ad individuare, analizzare, valutare e suggerire le politiche che favoriscono l armonia tra i due generi. Finalità Studiare le possibilità e le proposte da presentare al Governo. autogoverno del tempo libera espressione della propria personalità nella varie dimensioni dell esistenza (lavoro, cura, tempo libero, formazione, affettività, vita di relazione) prestare e a ricevere cura Il progetto non diventò mai una legge, ma in Italia si parla di un Piano Regolatore degli Orari della città per migliorare la qualità di vita

11 Il Decreto Legislativo 196/2000 La legge 142 del 1990, un passo avanti L art. 7 del D.lgs. 23 maggio 2000, n.196, stabiliva che gli enti pubblici nazionali, regionali e locali predisponessero Nella legge si parla per la prima volta di Piani di coordinamento degli orari. PIANI DI AZIONI POSITIVE per eliminare gli ostacoli che impediscono la piena realizzazione della parità di genere Le donne dovono essere inserite nei settori e nei livelli professionali; deve essere favorito il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche dove c era un divario di genere. L art. 36 (terzo comma) attribuisce al Sindaco il compito di coordinare gli orari degli esercizi commerciali, dei servizi pubblici, gli orari di apertura al pubblico degli uffici periferici delle PA, per armonizzare l esplicazione dei servizi alle esigenze complessive e generali degli utenti

12 La 125/ 1991 per la Parità di Genere Nel 2000 la svolta culturale La legge 10 aprile 1991 n.125 propone Azioni positive per la realizzazione della parità uomodonna nel lavoro rappresenta una svolta fondamentale nelle politiche in favore delle donne. E stata classificata come la legge più avanzata in tutta l Europa occidentale che ha disegnato un percorso specifico dalla parità formale alla parità sostanziale. Le finalità sono: Favorire l occupazione femminile; La vera svolta culturale si è avuta nel 2000 con la Legge 53 che vuole favorire la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città Disciplina l accesso ai congedi per i genitori; Regola i congedi per la formazione di lavoratori/trici; Consente l utilizzo di servizi per la qualità della vita; Prevede il coordinamento dei tempi di funzionamento delle città e all uso del tempo ai fini di solidarietà sociale. Realizzare l uguaglianza sostanziale tra uomini e donne nel lavoro; Azioni positive per le donne; Rimuovere gli ostacoli che impediscono le pari opportunità

13 La Conciliazione nella Legge 53/2000 Art. 9 della Legge 53/2000 La legge 53/2000 consente di armonizzare i tempi di lavoro, di cura, di relazione e di formazione. In particolare: Regola i congedi parentali Prevede congedi formativi Coordina i tempi delle città (ruolo degli Enti locali) L art.9 Erogazione annuale di finanziamenti europei alle imprese private ed Enti locali per progetti di flessibilità a favore della conciliazione. Scadenze di presentazione progetti: 10 febbraio, 10 giugno, 10 ottobre Azioni ammesse al finanziamento: A Flessibilità di orario e di organizzazione del lavoro (part-time, telelavoro, banca delle ore, etc.) B Programmi di formazione per lavoratori al rientro da un congedo per finalità di conciliazione, di almeno 60 giorni (aggiornamento professionale) C Sostituzione parziale o totale del titolare d impresa o lavoratore autonomo con simile figura professionale indicata anche con CV D Servizi aziendali a beneficio di tutti i dipendenti (vaucher, ludoteche, badante a domicilio, etc)

14 Eventuali altre misure di conciliazione Durata dei progetti di conciliazione - Azioni di informazione e diffusione rivolte ai lavoratori sugli strumenti di conciliazione esistenti o fruibili in azienda I progetti per interventi di conciliazione possono avere una durata massima di 24 mesi. - Azioni di consulenza per l orientamento a sostegno motivazionale (coaching) a sostegno alla gestione delle mutate condizioni di vita familiare e lavorativa (conselling). Lettera B La durata dei programmi di formazione deve essere proporzionata alle effettive esigenze del lavoratore Se realizzati con risorse esterne i costi dovranno rientrare nei massimali previsti dalla Circolare ministeriale n. 41/2003. alle mansioni svolte alla posizione ricoperta alla durata del congedo Lettera C Nel caso di libere attività e professioni non può superare i 12 mesi consecutivi o massimo 24 se non sono consecutivi

15 Soggetti ammessi al finanziamento Destinatari dei progetti di finanziamento Per le lettere A, B, D possono presentare progetti di finanziamento: Aziende private e a partecipazione pubblica, Cooperative, Consorzi Aziende sanitarie locali Aziende ospedaliere Per la lettera A: lavoratori dipendenti con priorità per i genitori con figli fino a 12 anni (15 in caso di affidamento o adozione), o figli disabili a carico (qualunque età) Per la lettera B: lavoratori dipendenti con priorità per chi rientra da un congedo di maternità, paternità o parentale Per la lettera C: Imprenditori (con o senza dipendenti) Per la lettera D: lavoratori dipendenti con figli minori o anziani disabili Imprese uninominali Imprese a carattere societario Lavoratori autonomi Liberi professionisti Lavoratori a progetto 28 29

16 Caratteristiche richieste dai progetti Il ruolo dei Sindacati I progetti con cui si richiede il finanziamento statale devono possedere le seguenti caratteristiche: Il ruolo dei sindacati nell ambito della Conciliazione è: Attivare proposte concrete in ambito di contrattazione a favore Innovatività capacità di attivare un nuovo processo, realizzare una nuova azione rispetto alla legislazione vigente, al CCLN o alla prassi aziendale Concretezza proposta di un progetto effetivamente realizzabile Efficacia capacità di raggiungere gli obiettivi prefissi dell equilibrio tra lavoro e conciliazione dei tempi; Promuovere la conoscenza della legge 53/2000; Partecipazione obbligatoria ai progetti di conciliazione; Firmare protocolli di intesa e accordi quadro con gli enti locali per l attuazione di politiche di conciliazione; Favorire l inserimento nei contratti collettivi nazionali di lavoro di clausole,che rendano effettivo l esercizio del diritto del lavoratore a conciliare i tempi di vita privata e quelli di vita lavorativa

17 Le Associazioni datoriali L Accordo territoriale della Provincia di Ancona Il ruolo delle Associazioni datoriali è: Attivare proposte concrete in ambito di contrattazione a favore La Provincia di Ancona, le Consigliere di Parità, le Associazioni Sindacali e Datoriali, la Fondazione Consulenti del Lavoro hanno firmato il protocollo d intesa, un accordo territoriale con cui si impegnano a: dell equilibrio tra lavoro e conciliazione dei tempi Promuovere la conoscenza della legge 53/2000 Partecipazione obbligatoria ai progetti di conciliazione > creare una giusta attenzione nel territorio sulle politiche di conciliazione; Firmare protocolli di intesa e accordi quadro con gli enti locali e per l attuazione di politiche di conciliazione Adottare flessibilità di orario per consentire in particolare alle donne la maternità e la carriera professionale > individuare con un azione programmata di rete, gli elementi di forza e di rischio, gli adeguamenti ed aggiornamenti necessari per mantenere alto il livello di efficacia degli interventi; > monitorare costantemente i bisogni, le aspettative, il grado di consapevolezza, l efficacia degli interventi prodotti, la necessità di predisporre nuovi strumenti, più adeguati alle trasformazioni avvenute

18 D.Lgs 165/2001, il ruolo della PA Esigenza di Conciliazione in Italia L art. 7 del D. Lgs 165 del 2001 stabilisce che le amministrazioni pubbliche devono individuare criteri di priorità nell impiego flessibile del personale, compatibile con il lavoro, a favore dei dipendenti in situazione di svantaggio personale, sociale e familiare e dei dipendenti impegnati in attività di volontariato. L art. 57 D. Lgs 165 del 2001 stabilisce che le amministrazioni pubbliche devono garantire la partecipazione delle proprie dipendenti ai corsi di formazione e di aggiornamento professionale, consentendo la conciliazione fra vita professionale e vita familiare. L Italia ha: uno dei più bassi tassi di natalità in Europa uno dei più bassi tassi di occupazione il tasso più alto di anziani senza strutture sufficienti un bassissimo tasso di servizi per i bambini piccoli il più basso tasso in Europa di condivisione tra uomini e donne nel lavoro di cura Modello rigido di organizzazione del lavoro Modello flessibile Presenza contemporanea di forme di rigidità e forme estreme di flessibilità

19 I recenti cambiamenti sociali In Italia poche esperienze aziendali Sempre più donne entrano e vogliono restare nel mercato del lavoro; Sempre più donne giovani hanno lavori a forte dilatazione di tempo; Infragilimento complessivo del tessuto familiare e sociale di supporto; I giovani maschi esigono tempo per la cura e l affettività. L applicazione della CONCILIAZIONE avviene in 2 maniere: Imprese medio-grandi: le azioni positive che risalgono agli anni 90 in concomitanza o a seguito di importanti cambiamenti strategici ed organizzativi; > Sempre più donne e più uomini affrontano responsabilità doppie e spesso in conflitto tra lavoro e famiglia. Piccole imprese di settori innovativi: le misure nascono da esigenze dei singoli, donne e uomini, che colgono le opportunità offerte dalla Legge 53/

20 Ostacoli alla Conciliazione Ancona adotta il giovedì del cittadino I fattori che più di altri impediscono l effettiva conciliazione della vita professionale e familiare sono: Rete di servizi insufficiente asili nido, scuole materne, case di cura per anziani, etc; Organizzazione rigida del lavoro; Il Comune di Ancona ha adottato un criterio degli orari dei servizi consentendone la fruizione a tempo continuato nella giornata del GIOVEDI ore La pubblica Amministrazione nel nuovo contratto di lavoro ha previsto forme di flessibilità per i propri dipendenti. Politiche per la famiglia poco incisive o inadeguate; Divisione ancora molto rigida dei ruoli all interno della famiglia; Sovraccarico del lavoro domestico e di cura per le donne

21 Il Comune di Jesi adotta la Carta Europea Torino e la Conciliazione Il Comune di Jesi ha adottato, con apposita decisione di Giunta, la Carta Europea per l Uguaglianza e la Parità delle donne e degli uomini nella vita locale. Una particolare attenzione è stata rivolta all art. 11, che recita: il firmatario riconosce il diritto a conciliare la vita professionale, sociale e privata, nonché il diritto alla dignità e alla sicurezza sul posto di lavoro. Un progetto europeo per mettere in risalto il ruolo degli uomini come agenti di cambiamento nella riconciliazione della vita lavorativa e familiare. Partner: Spagna, Francia, Gran Bretagna, Ungheria, Olanda Al centro del progetto i temi: Disponibilità mentale degli uomini ad assumersi responsabilità; Lavoro: interscambiabilità dei ruoli; Lo scambio dei ruoli nel lavoro domestico

22 Comune di Ferrara: sabato libero Casale Monferrato: martedi in comune La novità riguarda due terzi dei circa dipendenti comunali e la maggioranza degli uffici. Alcuni servizi hanno mantenuto il consueto orario, per assicurare la funzionalità delle prestazioni. Il nuovo orario: Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì 8.30/12,30 Giovedì dalle 8,30 alle 16,30 Sabato libero Nel viene approvato il progetto Vivere la Città. Le nuove politiche dei tempi a Casale Monferrato che prevedeva la formula. MARTEDI IN COMUNE giornata durante la quale gli uffici comunali sono rimasti aperti dalle 8 alle 18 con orario continuato

23 Il Piano dei tempi di lavoro, FIRENZE L esempio della Provincia di Lodi Nel 1997 il Comune modifica i propri orari, partendo dal concetto che il tema degli orari è funzionale alla programmazione del vivere urbano e alla qualità della vita. I criteri adottati: differenziazione degli orari degli uffici e servizi aumento della flessibilità dell orario di lavoro l accessibilità ai servizi e le opportunità offerte dalla città siano favorevoli alle categorie sociali più deboli (anziani, bambini, disabili, disoccupati, ecc.) e con le esigenze di vita delle donne; tutela dei principi relativi alle pari opportunità fra uomo e donna. Nel 2005 la CONCILIAZIONE nei corsi di formazione interna dell Ente è stata inserita come MATERIA DI DOCENZA per: Favorire la conoscenza delle tematiche principali relative alla dimensione di genere; Accelerare l adozione di misure innovative da parte dell Amministrazione Provinciale; Orientare allo sviluppo di politiche di pari opportunità

24 D.Lgs 151/2001 per i congedi parentali D.Lgs 151/2001 per i congedi parentali L articolo 32 concede ad entrambi i genitori permessi per accudire i figli, anche adottivi o affidatari, che abbiano fino ad 8 anni di età Disciplina i congedi, i riposi, i permessi parentali per figli naturali, adottivi o in affidamento. La madre e il padre possono chiedere un periodo di aspettativa (continua o frazionata) fino a 6 mesi. Se la chiedono in contemporanea non può eccedere i 10 mesi (5 e 5). Se il nucleo familiare è composto da 1 solo soggetto, l aspettativa può essere fino a 10 mesi. L art. 33 prevede che in caso di un figlio con handicap entrambi i genitori possono fruire di un congedo straordinario di 2 anni retribuito, entro i 3 anni di vita del figlio. Il datore di lavoro può assumere personale in sostituzione con contratti a tempo determinato. Nelle aziende con meno di 50 dipendenti è previsto uno sgravio fiscale del 50%. Nelle aziende con lavoratrici autonome è possibile entro il primo anno del bambino assumere personale a tempo determinato per un periodo massimo di 12 mesi L Art. 36 prevede congedi parentali in caso di figli adottivi

25 Ancona, le azioni delle Consigliere di Parità Seminari informativi sulla 53/2000 Le Consigliere di Parità della Provincia di Ancona hanno promosso il convegno sulla CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO NELL IMPRESA che si è tenuto a Jesi il 18 aprile 2008 presso il Centro Direzionale Esagono. Il convegno ha avuto come partner la Banca Popolare di Ancona, il Comune e la Fidpa di Jesi. Le Consigliere di Parità e la Provincia di Ancona hanno organizzato Seminari informativi sull art. 9 della 53/ maggio 2008 a Fabriano 16 maggio 2008 a Senigallia 23 maggio 2008 a Moie di Maiolati 26 maggio 2008 a Jesi 30 maggio 2008 a Osimo 9 giugno 2008 ad Ancona con la C.C.I.A.A. 13 giugno 2008 ad Ancona 48 49

26 50

27

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE Attività di supporto ed informazione in tema di parità di genere e conciliazione LE TEMATICHE

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto 15 Ottobre 2007 Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto Intervento di Anna Gradino al convegno La conciliazione e la flessibilità nelle aziende di trasporto pubblico:

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI A cura della Commissione Provinciale Pari Opportunità 17 maggio 2012 Le politiche di Le politiche per la rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE Nel campo delle pari opportunità, della solidarietà e della conciliazione tempi di lavoro e di vita (Allegato e parte integrante al Contratto di 2 livello

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Slides aggiornate al 4 marzo 2015 Schema di Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 20.2.2015 e attualmente in attesa

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza -------

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- N.97 reg COPIA DI IMMEDIATA ESEGUIBILITA COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE IN

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Comune di Faenza Comune di Ravenna dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Report finale attività formativa Faenza e Ravenna, Febbraio/Marzo 2012 A cura di M. Dalfiume 1 IL PERCORSO Da dove

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento

Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

Etica ed Economia 2011/2012

Etica ed Economia 2011/2012 Etica ed Economia 2011/2012 L impresa family friendly. Prassi e modelli per la piena realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna. Anna Zilli anna.zilli@uniud.it Family friendly???? Orientamento

Dettagli

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA VARIAZIONI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA ART. 9 LEGGE 8 MARZO 53/2000 Disposizioni

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs.

PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs. PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs. 198/2006 Dal maggio 2007, l Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV.

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV. Arpa Toscana Arpa Veneto Arpa Piemonte LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ Arpa Emilia-Romagna Comitato Pari Opportunità Arpa Campania Arpa Lombardia Comitato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga la

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 178 IN SEDUTA DEL 23/8/2013 OGGETTO ADESIONE ALLA "CAMPAGNA 365 GIORNI NO" ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Nell anno duemilatredici addì 23 del mese di agosto alle

Dettagli

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010 PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010 Con il presente piano si definiscono le modalità operative di dettaglio, i soggetti coinvolti e le responsabilità individuate per l attuazione del

Dettagli

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE Attività del gruppo GUE/NGL nella commissione per i diritti delle donne e l uguaglianza di genere del Parlamento europeo Uguaglianza di genere, solidarietà, azione

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

Caregiver & conciliazione

Caregiver & conciliazione Caregiver & conciliazione Esperienze europee Licia Boccaletti Progetto realizzato con il contributo di I caregiver lavoratori in Europa La maggioranza dei caregiver in età lavorativa in Europa è occupata.

Dettagli

Pari opportunità: legislazione nazionale

Pari opportunità: legislazione nazionale Pari opportunità: legislazione nazionale Costituzione della Repubblica italiana L Articolo 3 sancisce la pari dignità sociale dei cittadini, eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza,

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì diciannove del mese di marzo alle ore 12.00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SORCI ROBERTO

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Paola Degani Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli PARITÀ UOMO-DONNA NELL'UE IL CONTESTO

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 20 DEL 25.06.2014 Anno 2014 giorno 25 mese giugno alle ore 8.30 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004- Pagina 2 di 6 1. Premessa Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse

Dettagli

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI FONDO CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO I progetti della cooperazione 16 Maggio 2012 - ore 9..00 Palazzo Cisterna Sala Consiglieri Via Maria Vittoria 12 - Torino QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

Dettagli

07. Valorizzazione delle Risorse Umane e delle Politiche per l Occupazione

07. Valorizzazione delle Risorse Umane e delle Politiche per l Occupazione 07. Valorizzazione delle Risorse Umane e delle Politiche per l Occupazione Sostegno alle Università 1. Finanziamento del Corso di Laurea Specialistica in Comunicazioni Visive e Multimediali (IUAV) La Camera

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

Conciliazione Famiglia - Lavoro

Conciliazione Famiglia - Lavoro Conciliazione Famiglia - Lavoro Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è quello di analizzare l'attuale

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO

COMUNE DI MONTALCINO COMUNE DI MONTALCINO ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 13/03/2015 ore 17:30 Presso il Palazzo Comunale di Montalcino Presiede NAFI ALESSANDRO Vicesindaco Assiste il Dott. DOTTORI

Dettagli