Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziativa ACCENDI LA SALUTE"

Transcript

1 Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti quello di promuovere salute. Tutti coloro che vi lavorano, quindi, sono chiamati a diffondere salute e a promuovere uno stile di vita sano, a prescindere dal ruolo e dai comportamenti personali. Tra i comportamenti a rischio la dipendenza da fumo di sigaretta è uno dei più diffusi. Nel nostro territorio il 7 dei soggetti tra i 18 e 69 anni è un fumatore abituale. Abitudine al fumo di sigaretta Proprio nel ASL NO - PASSI* 7-8 (n=58) promuovere 6 Uo mini la disassuefazione da que- 5 Donne 4 sta dipendenza è stato 3 dimostrato il ruolo fondamentale degli 1 operatori Fumat o ri Fumat ore in Ex Fumatore Non Fumatore ast ensione sanitari, anche solo attraverso un counseling breve. Per questo, in occasione del 31 Maggio, Giornata Mondiale senza tabacco, si è pensato di proporre alcune riflessioni sulla dipendenza da fumo di sigaretta, che ognuno di noi può utilizzare durante la propria pratica quotidiana di Promotore della Salute. Grazie per l attenzione e buona lettura! Gruppo Clinical Governance dell ASL NO Azioni di contrasto al fumo di tabacco Per informazioni sull attività del gruppo rivolgersi a: *per informazioni su PASSI consulta il sito Hanno partecipato: M. Chiara Antoniotti (SSEPI), Anna Grazia Guerra (Qualità e Comunicazione), Edoardo Moia (SISP), Giovanni Pistone (DPD-Centro Trattamento del Tabagismo), Daniela Sarasino (SSEPI). Per la fase di valutazione: Daniela Costa (Qualità e Comunicazione), Giorgio Lanzini (Qualità e Comunicazione). Il progetto è stato realizzato con il contributo della Lega Italiana per la lotta contro i Tumori ONLUS della Provincia di Novara, che si ringrazia. Relazione a cura di: Daniela Sarasino SSEPI ASL NO Maggio 11

2 Indice della relazione Premessa pag. Metodologia pag. 3 Risultati della valutazione pag. 4 Compliance alla valutazione pag. 4 Descrizione del campione pag. 4 Impatto dell iniziativa pag. 5 Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute pag. 6 Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole pag. 8 Modalità da utilizzare per iniziative future pag. 1 Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute pag. 1 Sintesi dei risultati per gli indicatori attesi pag. 17 Conclusioni pag. 18 1

3 Premessa Tra i comportamenti a rischio, la dipendenza da fumo di sigaretta è sicuramente uno dei più diffusi anche nel territorio dell ASL NO considerato che oltre il 3 delle persone tra i 18 e 64 anni è un fumatore abituale (PASSI 9 e 1). Al fine di contrastare tale dipendenza, l ASL NO ha attivato un gruppo che, operando nell ottica della Clinical Governance, promuove azioni di contrasto al fumo di tabacco. Tale gruppo ha previsto tra le proprie azioni la predisposizione di materiale informativo per gli operatori - sanitari e non - dell ASL NO, oltre che per i Medici di Medicina Generale ed i Pediatri di libera scelta. La scelta di rivolgersi a tutti i dipendenti dell ASL (sanitari e non) parte dal presupposto che l ASL, in quanto parte del Servizio Sanitario Nazionale, ha tra i propri compiti quello di promuovere salute e che, quindi, tutti coloro che vi lavorano, a prescindere dal ruolo e dai comportamenti personali, sono chiamati a diffondere salute e a promuovere uno stile di vita sano. Peraltro proprio nel promuovere la disassuefazione da fumo di tabacco è stato dimostrato il ruolo fondamentale degli operatori sanitari, anche solo attraverso un counseling breve. Nel corso del 1, con il contributo della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ONLUS Provincia di Novara, è stato predisposto un pieghevole denominato Accendi la salute (cfr allegato 1), con le seguenti finalità: incrementare azioni di promozione alla salute (disassuefazione rispetto al fumo di sigaretta) da parte degli operatori dell ASL NO informare gli operatori dell ASL NO rispetto alla tematica fumo di sigaretta e alle principali azioni di contrasto al tabagismo. Nel pieghevole erano riportate indicazioni rispetto al ruolo degli operatori sanitari (e non solo) nel promuovere salute, agli strumenti utilizzabili per svolgere questo ruolo, oltre a dati epidemiologici di riferimento.

4 Metodologia Il pieghevole è stato distribuito in occasione della Giornata mondiale senza tabacco (31 maggio), allegandolo alla busta-paga del mese di maggio 1 di tutti i dipendenti dell ASL NO e inviandolo - tramite posta aziendale - a tutti i Medici di Medicina Generale (MMG) e ai Pediatri di Libera Scelta (PLS), per un totale di.89 pieghevoli distribuiti, di cui circa un terzo a MMG/PLS. Per valutare l iniziativa a distanza di circa 6 mesi è stata prevista la compilazione di un questionario (cfr allegato ), finalizzato alla valutazione degli indicatori di processo e di esito sotto riportati. Indicatori di processo: Criterio Compliance alla valutazione Indicatori di esito: Criterio Impatto dell iniziativa Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole Modalità da utilizzare per iniziative future Indicatore Numero di operatori che hanno restituito il questionario/totale di operatori che hanno ricevuto il questionario * 1 Indicatore Numero di operatori che ricordano l iniziativa (rif domanda 8)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che reputano utile il pieghevole (rif domanda 1)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono il conselling breve uno strumento efficace (rif domanda 5)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono di possedere gli strumenti per promuovere stili di vita sani (rif domanda 9)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 A) Numero di operatori che ritengono i corsi di formazione uno strumento efficace nel modificare il comportamento (rif domanda )/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 B) Numero di operatori che ritengono utili i pieghevoli in busta paga (rif domanda 6)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono che tutti gli operatori del SSN abbiano il compito di promuovere stili di vita corretti (domanda 1) /totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a utenti/pazienti sia tempo sprecato (domanda 3)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a colleghi sia tempo sprecato (domanda 4)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che dichiarano che durante la propria attività lavorativa suggeriscono comportamenti salutari (domanda 7)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 In base ad esperienze precedenti (nel 4 indagine tra i dipendenti ASL 13 su abitudine tabagica e applicazione regolamento aziendale antifumo) si è ritenuto troppo oneroso e poco efficace effettuare la valutazione su tutti gli operatori oggetto dell intervento. Si è pertanto cercato da una parte di indagare tale popolazione con un campione per quanto possibile casuale e dall altra di valutare l iniziativa in maniera più sistematica rispetto ad alcuni gruppi di particolare interesse nei confronti della tematica trattata dal volantino. Il questionario di valutazione è stato pertanto proposto ai partecipanti a tutti i corsi di formazione organizzati dall ASL NO tenutisi tra il 1 ottobre e il 31 dicembre 1 ed è stato inoltrato ai responsabili delle strutture del Dipartimento Patologia delle Dipendenze e del Dipartimento di Prevenzione affinché provvedessero a distribuirlo a tutti i loro operatori. I questionari sono stati distribuiti, compilati e raccolti secondo specifiche istruzioni operative (cfr allegato 3). 3

5 Risultati della valutazione Compliance alla valutazione Complessivamente sono stati restituiti 359 questionari, pari all 84 dei questionari distribuiti. L area del campione di convenienza nella quale si osserva la compliance minore è rappresentata dagli operatori del Dipartimento di Prevenzione (tabella 1). Nello specifico la ridotta compliance di questo dipartimento è da attribuire all area veterinaria, dove è stata restituita solo la metà dei questionari, e, soprattutto, al SISP che non ha restituito alcun questionario. Per precisione si segnala che per 6 degli 88 questionari restituiti dal Dipartimento di Prevenzione non è stato possibile determinare il servizio di provenienza. Tabella 1. Questionari restituiti rispetto ai questionari distribuiti per area di raccolta. Distribuiti Restituiti restituzione Corsi ,6 Dip prevenzione e SSEPI ,8 Dipartimento Patologia delle Dipendenze , Totale ,1 Descrizione del campione Il campione è composto per la maggior parte da medici (4) e personale del comparto sanitario (45). Il 5 - pari a 18 soggetti - è costituito da personale amministrativo, il 3 - pari a 11 soggetti - da tecnici non sanitari e un ulteriore 3 - pari a 1 soggetti da altro personale sanitario (veterinari, psicologi, ecc). Infine nella categoria altro, pari al, sono ricompresi 18 soggetti. Il dei rispondenti non ha indicato la propria figura professionale (figura 1). Considerato il numero ridotto di personale amministrativo e tecnico non sanitario, si è creata un unica categoria rappresentata da personale non sanitario. Analogamente è stata realizzata un ulteriore categoria altro che include anche altro personale sanitario. Figura 1. Distribuzione del campione per figura professionale Medico Personale comparto san Altro personale san Amministrativo Tecnico non san Altro Non risposto Per quanto riguarda le strutture di appartenenza, il 15 è rappresentato da MMG/PLS (personale convenzionato), il 34 del campione lavora nell area ospedaliera, il 5 nel Dipartimento di Prevenzione. Gli operatori del Dipartimento Patologia delle Dipendenze rappresentano il 1 del campione e per le analisi successive sono stati accorpati ai 3 operatori (9) che si sono definiti appartenenti all area territoriale, che costituisce cosi il 1 del campione. Eventuali peculiarità degli operatori del Dipartimento Patologia delle Dipendenze sono riportate comunque nel testo. Il personale che lavora nell area amministrativa rappresenta l 1 del campione, pari a 4 soggetti. Data la ridotta numerosità per questo gruppo non è stato possibile effettuare alcuna elaborazione. Il 4 dei rispondenti non ha indicato l area di appartenenza (figura ). 4

6 Figura. Distribuzione del campione per struttura di appartenenza Ospedaliera Territoriale Amministrativa Dip. Prevenzione Convenzionati Non risposto Il 36 dei medici rispondenti è rappresentato da MMG/PLS/convenzionati, il lavora presso strutture territoriali, altrettanti presso strutture ospedaliere e il 18 presso il Dipartimento di Prevenzione. Per quanto riguarda il personale del comparto, più della metà (53) opera presso strutture ospedaliere, il personale restante si distribuisce omogeneamente tra strutture territoriali (4) e Dipartimento di Prevenzione (18). Due terzi (66) degli operatori che hanno risposto al questionario non fuma, il 19 è un exfumatore, mentre il 13 attualmente fuma. In 1 casi (3) non è stato indicato lo stato tabagico. Tra le figure professionali del comparto sanitario si registra la quota maggiore () di fumatori, significativamente superiore ai medici (9). Tra il personale non sanitario i fumatori sono il 7, tutti operatori tecnici non sanitari, dato che non si registrano fumatori tra il personale amministrativo. La distribuzione di fumatori per struttura di appartenenza è abbastanza sovrapponibile, con il 16 di fumatori nell area ospedaliera, il 15 nelle strutture territoriali e il 1 nel Dipartimento di Prevenzione. Tra i MMG/PLS i fumatori sono circa il 1 e si registra la quota più alta di exfumatori: 31, contro il 4 nel Dipartimento di Prevenzione, 16 tra gli ospedalieri e il 1 tra i territoriali. Impatto dell iniziativa A distanza di circa sei mesi, circa due terzi (65) degli operatori che hanno risposto al questionario ricordano poco o per nulla l iniziativa (figura 3). Figura 3. Ricorda l iniziativa messa in atto dall ASL NO in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco Le figure professionali che ricordano maggiormente l iniziativa sono i medici (abbastanza/molto: 39) e il personale del comparto (abbastanza/molto: 35). Viceversa il pieghevole è passato quasi del tutto inosservato al personale non sanitario, considerato che hanno dichiarato di ricordarlo poco o per nulla il 79. 5

7 Tra gli operatori del Dipartimento di Prevenzione solo il ricorda abbastanza/molto l iniziativa, contro il 43 dei medici convenzionati e circa il 39 del personale dell area ospedaliera e il 4 del territorio (figura 4). Se nelle diverse aree i soggetti che ricordano molto l iniziativa sono sovrapponibili, nel Dipartimento di Prevenzione sono meno frequenti coloro che la ricordano abbastanza e molto più diffusi (49) quelli che non la ricordano per nulla. La differenza tra il Dipartimento di Prevenzione e le altre aree di appartenenza è statisticamente significativa. Figura 4. Ricorda l iniziativa messa in atto dall ASL NO in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco 1, per struttura di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Rispetto all abitudine tabagica, la percentuale di coloro che ricordano l iniziativa tra i non fumatori (38) è maggiore rispetto ai fumatori e agli ex-fumatori (entrambi pari a 3), soprattutto per quanto riguarda la quota di chi dichiara molto (figura 5). Figura 5. Ricorda l iniziativa messa in atto dall ASL NO in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco 1, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute Il giudizio sull utilità del pieghevole si distribuisce in maniera omogenea tra per nulla, poco e abbastanza e risulta utile per meno di 4 soggetti su 1 (figura 6). 6

8 Figura 6. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il pieghevole relativo al ruolo degli operatori del SSN per contrastare il fumo di sigaretta mi è stato utile Le figure professionali che lo reputano più utile sono il personale non sanitario (56) e i medici (41). Poco meno della metà (47) degli operatori che opera presso strutture territoriali considera abbastanza/molto utile il pieghevole, contro circa il 37 degli ospedalieri, il 38 dei convenzionati e il 35 degli operatori del Dipartimento di Prevenzione (figura 8). In particolare la percezione positiva rispetto all utilità del pieghevole riferita dalle figure che operano sul territorio è quasi del tutto attribuibile a chi lo definisce abbastanza utile. Figura 7. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il pieghevole relativo al ruolo degli operatori del SSN per contrastare il fumo di sigaretta mi è stato utile, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Considerando l abitudine tabagica si osserva una percentuale maggiore di soggetti che giudicano abbastanza utile l iniziativa tra i non fumatori (34) rispetto agli ex-fumatori (6) e ai fumatori (1). Figura 8. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il pieghevole relativo al ruolo degli operatori del SSN per contrastare il fumo di sigaretta mi è stato utile, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto 7

9 Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole Un informazione presente nel pieghevole riguardava l efficacia dimostrata del counseling breve da parte di operatori sanitari nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta. È stato chiesto ad ogni operatore quanto fosse d accordo con questa affermazione. Il 64 si è definito abbastanza/molto d accordo, dimostrando di essere a conoscenza di questa informazione (figura 9). Figura 9. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il counseling breve degli operatori sanitari è uno strumento efficace nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta Il personale non sanitario rappresenta la figura professionale più in accordo sull efficacia del counseling breve (79), mentre il personale del comparto quella meno concorde con detta affermazione (6). Rispetto alla struttura di appartenenza, l accordo maggiore si riscontra tra gli operatori del dipartimento di prevenzione (81) e quello minore tra il personale ospedaliero (53), dove la maggior parte degli operatori si distribuisce omogeneamente tra chi è poco e chi abbastanza d accordo (figura 1). Figura 1. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il counseling breve degli operatori sanitari è uno strumento efficace nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Interessante valutare il diverso giudizio espresso in base all abitudine tabagica: se circa il 68 di non fumatori ed ex-fumatori considera efficace il counseling breve, tra i fumatori lo considera tale solo il 39. Lo stesso trend si osserva anche considerando solo la voce molto, scelta dal 13 dei non fumatori, dall 8 degli ex-fumatori e solo dal dei fumatori (figura 11). 8

10 Figura 11. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il counseling breve degli operatori sanitari è uno strumento efficace nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Oltre al giudizio rispetto all efficacia del counseling breve, è stato chiesto agli operatori se possedessero gli strumenti per promuovere stili di vita sani. La maggior parte degli operatori (8) ha dichiarato di possederli abbastanza/molto (figura 1). Figura 1. Grado di accordo rispetto all affermazione: So come suggerire comportamenti salutari La figura professionale che maggiormente ritiene di essere in grado di suggerire comportamenti salubri è il medico (89 rispetto all 81 del personale del comparto). Anche le figure professionali non sanitarie, tuttavia, ritengono di possedere tali competenze abbastanza/molto (69). Per quanto riguarda le strutture di appartenenza, il Dipartimento di Prevenzione rappresenta quello con la più bassa percentuale di soggetti (6) che ritiene di avere la capacità di suggerire uno stile di vita sano e gli operatori del territorio quelli con la percentuale maggiore (96). Interessante notare come tra i convenzionati si registri la quota maggiore di chi dichiara molto (6), quasi doppia rispetto a quella delle strutture territoriali (16) (figura 13). Figura 13. Grado di accordo rispetto all affermazione: So come suggerire comportamenti salutari, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Per quanto riguarda l abitudine tabagica, si osserva una quota elevata di fumatori che ritengono di saper suggerire abbastanza/molto comportamenti salubri (81), pressoché sovrapponibile a quella

11 di ex-fumatori e non fumatori (rispettivamente 81 e 8) (figura 14). Da notare che tra gli exfumatori è maggiore la percentuale di chi ritiene di saper suggerire comportamenti salubri sia molto (19 vs il 6 dei fumatori e il 13 dei non fumatori), sia per nulla (7 vs dei fumatori e 1 dei non fumatori). Figura 14. Grado di accordo rispetto all affermazione: So come suggerire comportamenti salutari, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Modalità da utilizzare per iniziative future Per valutare eventuali iniziative future sono state fatte due specifiche domande. In particolare è stato chiesto se reputavano: 1. i corsi di formazione strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori;. i pieghevoli informativi allegati alla busta paga risorse sprecate da parte dell Azienda. Per quanto riguarda i corsi di formazione, la maggioranza degli operatori (93) li ritiene strumenti abbastanza (63) o molto (3) efficaci nel modificare il comportamento degli operatori (figura 15). Figura 15. Grado di accordo rispetto all affermazione: I corsi di formazione sono strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori, Non si osservano differenze tra le figure professionali, ad eccezione del personale non sanitario che giudica i corsi efficaci nel 9 dei casi contro il 94 circa delle altre figure professionali. Anche considerando l area di appartenenza non si osservano differenze rispetto a questa domanda, infatti la percentuale di quanti ritengono efficaci i corsi di formazione passa dall 89 dei servizi territoriali al 98 di MMG/PLS (figura 16). Unico elemento da sottolineare è l elevata percentuale degli ospedalieri che considerano molto efficaci i corsi di formazione (39), rispetto alle altre aree. 1

12 Figura 16. Grado di accordo rispetto all affermazione: I corsi di formazione sono strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Nel caso dell abitudine tabagica si osserva come la quota di chi ritiene efficace un corso di formazione sia minore tra i fumatori (87) rispetto a ex-fumatori e non fumatori (pari rispettivamente a 94 e 93) (figura 17). Figura 17. Grado di accordo rispetto all affermazione: I corsi di formazione sono strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore 61 3 Per nulla Poco Abbastanza Per quanto riguarda i pieghevoli allegati alla busta paga, il campione contattato si distribuisce abbastanza omogeneamente tra chi li giudica utili (56) o risorse sprecate (44) (figura 18). Da rilevare, inoltre, che i giudizi molto positivi ( per nulla sprecate ) sono quasi il doppio di quelli negativi ( molto sprecate ). Figura 18. Grado di accordo rispetto all affermazione I pieghevoli informativi allegati alla busta paga sono risorse sprecate da parte dell Azienda 1 8 Molto Si osserva una certa variabilità tra le figure professionali: se tra i medici più della metà li ritiene risorse sprecate abbastanza (3) o molto (), la percentuale scende al 38 tra il personale non sanitario (abbastanza: 35, molto: 3) e al 37 tra il personale del comparto (abbastanza: 7; molto: 1). 11

13 Analoga variabilità si osserva considerando le aree di appartenenza, che vedono la percentuale massima di persone che ritengono inutili i pieghevoli in busta paga tra i MMG/PLS (55) e quella minima tra gli operatori del territorio (35) (figura 19). Figura 19. Grado di accordo rispetto all affermazione I pieghevoli informativi allegati alla busta paga sono risorse sprecate da parte dell Azienda, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Relativamente all abitudine tabagica, non si osservano differenze tra fumatori (45) ed ex-fumatori (46), mentre tra i non fumatori è minore la quota di chi reputa risorse sprecate i pieghevoli in busta paga (4), principalmente grazie alla quota minore (11) di chi li reputa molto sprecate (figura ). Figura. Grado di accordo rispetto all affermazione I pieghevoli informativi allegati alla busta paga sono risorse sprecate da parte dell Azienda, per abitudine tabagica Per nulla Poco Abbastanza Molto Fumatore Ex fumatore Non fumatore Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute Per valutare la consapevolezza del proprio ruolo come promotori di salute è stato chiesto agli operatori di definire quanto fossero d accordo rispetto alle seguenti affermazioni: Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti; Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato; Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato; Durante la mia attività lavorativa cerco di suggerire comportamenti salutari. La quasi totalità (98) dei rispondenti ritiene che gli operatori del SSN abbiano il compito di promuovere stili di vita corretti (figura 1) e l 89 dichiara di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività lavorativa (figura ). Ritiene non sia tempo sprecato suggerire comportamenti salubri a utenti/pazienti l 83 dei rispondenti (figura 3) e ai propri colleghi il 71 (figura 4). 1

14 Figura 1. Grado di accordo rispetto all affermazione Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti Figura. Grado di accordo rispetto all affermazione: Durante la mia attività lavorativa suggerisco comportamenti salutari Figura 3. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato Figura 4. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato

15 Il ruolo dell operatore del SSN come promotore di salute è un affermazione uniformemente condivisa dalle diverse figure professionali, considerato che circa il 97 si dichiara concorde. Il fatto di promuovere stili di vita sani durante la propria attività, invece, varia tra le figure professionali, con le percentuali più alte tra il personale sanitario (94 medici; 89 personale del comparto) e quelle più basse tra gli operatori non sanitari (66). Non si osservano differenze tra le figure professionali nell affermare che il suggerire comportamenti salubri ad utenti/pazienti non è tempo sprecato (range: 78 altro personale; 86 personale del comparto), mentre si osservano per quanto riguarda i colleghi. In particolare solo il 58 dei medici ritiene sia tempo ben investito quello di suggerire comportamenti salubri ai colleghi, contro l 8 del personale del comparto; le figure non sanitarie sono pari al 76. Pur non individuando importanti differenze tra le aree di appartenenza, il Dipartimento di Prevenzione rappresenta quello con la percentuale minore di operatori che ritengono che gli operatori del SSN siano promotori di salute (96) (figura 5); peraltro sono anche quelli a dichiarare in percentuale minore (65) di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività lavorativa, contro valori superiori al 96 delle altre aree (figura 6). Non si osservano, invece, differenze per area relativamente al tempo investito per suggerire comportamenti salubri tra colleghi e utenti, ad eccezione dei MMG/PLS, tra cui la metà ritiene che suggerire comportamenti salubri a colleghi sia tempo sprecato abbastanza (4) o molto (1), percentuale superiore alle altre aree (figura 8). Figura 5. Grado di accordo rispetto all affermazione Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Figura 6. Grado di accordo rispetto all affermazione: Durante la mia attività lavorativa suggerisco comportamenti salutari, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati 14

16 Figura 7. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato,, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Figura 8. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Il riconoscimento del ruolo degli operatori SSN come promotori di salute non sembra influenzato dall abitudine tabagica, così come il fatto di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività, anche se tra i non fumatori si osserva in entrambe le domande la quota maggiore di soggetti che si sono definiti molto d accordo con le due affermazioni (figure 9 e 3). Rispetto al suggerire comportamenti salubri, invece, si osserva come i non fumatori non lo ritengano tempo sprecato in misura maggiore rispetto agli ex-fumatori e ai fumatori sia per quanto riguarda gli utenti (rispettivamente 87, 78, 78), sia rispetto ai colleghi, esclusivamente nel caso degli ex-fumatori (64 contro 73 di fumatori e 7 non fumatori). Anche in questo caso la differenza è dovuta prevalentemente alla voce estrema, ossia per nulla, più alta per entrambe le domande tra i non fumatori (figure 31 e 3) Figura 9. Grado di accordo rispetto all affermazione Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto 15

17 Figura 3. Grado di accordo rispetto all affermazione: Durante la mia attività lavorativa suggerisco comportamenti salutari, per abitudine tabagica Per nulla Poco Abbastanza Molto Fumatore Ex fumatore Non fumatore Figura 31. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Figura 3. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore 6 Per nulla Poco Abbastanza Molto 16

18 Sintesi dei risultati per gli indicatori attesi Indicatori di processo: Criterio Indicatore Risultato Numero di operatori che hanno restituito il Compliance alla questionario/totale di operatori che hanno ricevuto il valutazione questionario * 1 Indicatori di esito: Criterio Indicatore Risultato Numero di operatori che ricordano l iniziativa (rif Impatto domanda 8)/totale operatori che hanno restituito il dell iniziativa questionario compilando anche questa domanda * 1 Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole Modalità da utilizzare per iniziative future Numero di operatori che reputano utile il pieghevole (rif domanda 1)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono il conselling breve uno strumento efficace (rif domanda 5)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono di possedere gli strumenti per promuovere stili di vita sani (rif domanda 9)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 A) Numero di operatori che ritengono i corsi di formazione uno strumento efficace nel modificare il comportamento (rif domanda )/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 B) Numero di operatori che ritengono utili i pieghevoli in busta paga (rif domanda 6)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono che tutti gli operatori del SSN abbiano il compito di promuovere stili di vita corretti (domanda 1) /totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * A) 93 B) Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a utenti/pazienti sia tempo sprecato (domanda 3)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a colleghi sia tempo sprecato (domanda 4)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che dichiarano che durante la propria attività lavorativa suggeriscono comportamenti salutari (domanda 7)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande *

19 Conclusioni Punti di forza e applicazioni future La compliance del questionario di valutazione dell iniziativa si è dimostrata buona, soprattutto per quanto riguarda la distribuzione del questionario durante i corsi di formazione. Questa modalità, pertanto, può essere tenuta presente anche per la valutazione di iniziative future. La prevalenza di fumatori (13) risulta più bassa sia di quella osservata in indagini precedenti sui dipendenti ASL (nel 4: 3,8) e sui MMG (nel 3: 1), sia di quella osservata con PASSI sulla popolazione generale tra 18 e 64 anni anche nel 1. Benché il campione utilizzato non sia rappresentativo, considerato che la stessa prevalenza si osserva anche per i soli partecipanti ai corsi (che hanno risposto nella totalità e che non sono selezionati in base alla propria abitudine tabagica), il dato, pur da rivalutare, è suggestivo di una recente modifica di comportamento tabagico degli operatori dell ASL NO. A distanza di circa sei mesi, due terzi degli operatori non ricordano la distribuzione del pieghevole informativo in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, informazione in linea con il fatto che solo poco più della metà degli operatori non considera risorse sprecate le informative allegate alla busta paga. Questo risultato non sorprende, in quanto è noto che un pieghevole ha un impatto limitato rispetto ad altre iniziative. Tuttavia la possibilità di valutarne l effettiva efficacia nel contesto aziendale è importante per la programmazione di iniziative future. A fronte della scarsa utilità percepita rispetto al pieghevole, gli operatori dimostrano di essere a conoscenza di alcune informazioni indicate nel pieghevole stesso, tra cui l efficacia del counseling breve nel promuovere la disassuefazione tabagica. Certamente tale conoscenza poteva essere antecedente la lettura del pieghevole, tuttavia il fatto che anche tra il personale non sanitario si osservi una quota rilevante di soggetti che hanno risposto correttamente a questa domanda, lascia ipotizzare che, almeno in alcuni casi, il pieghevole possa avere veicolato il messaggio. Un elemento interessante emerso dal questionario è la consapevolezza del proprio ruolo come operatori del SSN nel promuovere stili di vita corretti, che si accompagna ad un elevata percentuale di operatori che dichiarano di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività quotidiana (89), ritenendo di saperlo fare nel modo corretto (8). Per quanto riguarda specificatamente il fumo di sigaretta, i dati della sorveglianza PASSI sembrerebbero confermare tale risultato, considerato che l informazione raccolta nella popolazione generale (i fruitori del counseling ) evidenzia come ad oltre due terzi dei fumatori 18-69enni del nostro territorio è stato chiesto, da parte di un operatore sanitario, se fumano e a circa 7 su 1 è stato consigliato di smettere. Peraltro la stessa fonte informativa rileva come il counseling degli operatori sanitari non sia altrettanto diffuso per promuovere altri stili di vita sani (es: attività fisica, consumo di alcol) A fronte del già citato giudizio espresso rispetto all utilità di pieghevoli allegati alla busta paga (il 44 li considera risorse sprecate e il 56 no) appare molto interessante riscontrare come la quasi totalità (93) degli operatori reputi i corsi di formazione in grado di modificare ( abbastanza o molto ) il comportamento, percezione peraltro omogeneamente distribuita tra figure professionali e aree di lavoro. Punti di debolezza dell iniziativa e possibili azioni di miglioramento La distribuzione/raccolta disomogenea dei questionari tra i diversi servizi del Dipartimento di Prevenzione, ha influenzato la compliance complessiva del questionario di valutazione ed ha 18

20 soprattutto indicato la necessità di verificare (e aumentare) la motivazione dei soggetti a cui si assegna un ruolo nello svolgimento di tale processo valutativo. Gli operatori del Dipartimento di Prevenzione riconoscono in misura minore rispetto agli altri operatori sottoposti a valutazione, il ruolo degli operatori del SSN quali promotori di salute e, rispetto alla specifica iniziativa Accendi la salute, rappresentano gli operatori che la ricordano in misura minore e, anche se in modo meno evidente, la ritengono meno utile. La loro conoscenza dell efficacia del counseling, è paragonabile a quella degli altri operatori ma si accompagna ad una percentuale minore di persone che dichiarano di essere in grado di suggerire stili di vita sani ed di suggerirli durante la propria attività lavorativa. Ciò può essere messo in relazione al fatto che fino ad alcuni anni fa l attività dei Servizi del Dipartimento di Prevenzione era fortemente indirizzata al controllo di normative e solo negli ultimi anni le linee di indirizzo delle loro attività hanno inserito in maniera molto evidente la necessità di occuparsi di stili di vita Un ulteriore elemento degno di attenzione è rappresentato dalle differenze riscontrate nelle modalità di risposta tra fumatori ed ex/non fumatori. L attenzione alla tematica tabagica sembra correlata al proprio comportamento, se si considera che i fumatori ricordano meno l iniziativa Accendi la salute rispetto ai non fumatori e, in ogni caso, la ritengono meno utile. I fumatori che giudicano il counseling breve efficace sono relativamente pochi rispetto a chi non ha mai fumato o agli ex fumatori. Inoltre, la percezione che il suggerire comportamenti salubri a colleghi e/o utenti sia tempo sprecato risulta maggiore tra i fumatori. Per contro l abitudine tabagica non influenza il riconoscimento del ruolo degli operatori SSN come promotori di salute, così come non influenza il fatto di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività e di saperlo fare. In sintesi gli operatori sanitari che fumano, pur dichiarando di saper fare il counseling potrebbero avere un approccio meno efficace considerato che, rispetto ai non fumatori, essi lo ritengono una metodica meno valida. E inoltre da considerare la perdita di credibilità del counseling nel caso in cui l operatore sia riconosciuto come fumatore da chi lo ascolta. 19

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO Lorenzo Spizzichino Roma, 5 Novembre 2009 OBIETTIVI: 1.FOTOGRAFARE LA SITUAZIONE NEL LUOGO DI LAVORO Quanti sono i dipendenti fumatori? quanti i non

Dettagli

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PASSI 2009 I dati sul tabagismo in Valle d Aosta Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Che cos è PASSI? Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Sistema di sorveglianza della popolazione

Dettagli

I programmi della regione Friuli Venezia Giulia

I programmi della regione Friuli Venezia Giulia Roma 12 ottobre 2010 Workshop interregionale: Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive I programmi della regione Friuli Venezia Giulia Silvana Widmann CCM 2: Area interventi

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche DALLE LINEE GUIDA BORGOMANERO, 20.10.2012 ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche Dr.ssa Gorizia Ariana ESPOSITO Psicologa,

Dettagli

per l attivazione di un percorso di disassuefazione e di gestione dell astinenza da nicotina 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...

per l attivazione di un percorso di disassuefazione e di gestione dell astinenza da nicotina 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... Sommario 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 MODALITÀ OPERATIVE... 2 3.1 INTERVENTI DI PRIMO LIVELLO (SVOLTI DAGLI OPERATORI NEI REPARTI DI AFFERENZA DEL PAZIENTE FUMATORE)... 2 3.2 INTERVENTI

Dettagli

La promozione della salute nei luoghi di lavoro: valutazione di evidenze di efficacia e raccomandazioni metodologiche

La promozione della salute nei luoghi di lavoro: valutazione di evidenze di efficacia e raccomandazioni metodologiche La promozione della salute nei luoghi di lavoro: valutazione di evidenze di efficacia e raccomandazioni metodologiche Anna Pavan, Maria Elena Pirola, Marina Bonfanti, Liliana Coppola, Luigi Macchi Direzione

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

Relazione di sintesi su La valutazione del rischio da stress lavoro-correlato all interno dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti : analisi dei risultati Metodologia, strumenti e procedura La rilevazione

Dettagli

Passi per Guadagnare Salute

Passi per Guadagnare Salute Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Passi per Guadagnare Salute Rapporto 2011/2012 Azienda ULSS n. 13 1 Rapporto a cura di: Damiano Dalla Costa, Silvia Milani (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

TABAGISMO E PREVENZIONE

TABAGISMO E PREVENZIONE TABAGISMO E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE IN ITALIA Carlo La Vecchia Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 2 Prevalenza di fumo in Italia, 2010 3 Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 Nel 2010 diceva

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

INTERVENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO: LA ESPERIENZA VENETA

INTERVENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO: LA ESPERIENZA VENETA Regione Veneto Piano per la prevenzione della malattie fumo-correlate INTENTI PER LA DISASSUEFAZIONE DAL FUMO: LA ESPERIENZA VENETA Stefano Nardini Coordinatore del Piano Regionale Veneto per la prevenzione

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE L ambulatorio infermieristico: un nuovo modello organizzativo volto a rispondere alle nuove e crescenti necessità sanitarie della cittadinanza. Indagine conoscitiva condotta presso la ASL di Lecce 1 OMS,

Dettagli

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO IN PILLOLE La percentuale di fumatori nelle imprese considerate è del 25%. Scende al 18% se si considerano solo i dirigenti e gli impiegati a livello amministrativo; raggiunge

Dettagli

I passi seguiti per la creazione di un ambiente di lavoro favorevole alla promozione della salute.

I passi seguiti per la creazione di un ambiente di lavoro favorevole alla promozione della salute. Cap. IV I passi seguiti per la creazione di un ambiente di lavoro favorevole alla promozione della salute. Nella nostra esperienza abbiamo seguito le indicazioni derivanti da esperienze di efficacia e

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE ATTIVITÀ PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO RAPPORTO ANNO 2011 10 gennaio 2012 La prevenzione e la cura del tabagismo sono essenziali

Dettagli

CAPITOLO 3. Sabina Nuti*

CAPITOLO 3. Sabina Nuti* CAPITOLO 3 FIDUCIA E TRASPARENZA NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Sabina Nuti* Il tema della fiducia dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ed in particolare del sistema sanitario pubblico,

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO LA FABBRICA PRODUTTRICE DI SALUTE IO NON FUMO

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO LA FABBRICA PRODUTTRICE DI SALUTE IO NON FUMO PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO LA FABBRICA PRODUTTRICE DI SALUTE IO NON FUMO Guglielmo Nicola Bauleo 1, Riccardo Conti 2, Paola Scatolini 1 1 U. F. PISLL - Zona Valtiberina 2 U. F. SPIAN- Zona Valtiberina

Dettagli

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Servizio Sanitario Nazionale e limitatezza delle risorse Con l istituzione nel 1978 del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si sottolineava

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

VIETATO NON VIETATO. Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio Ghezzi

VIETATO NON VIETATO. Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio Ghezzi 1 VIETATO NON VIETATO Indagine nazionale sull accesso dei minori ad alcol, fumo, videogiochi non adatti ai minori, giochi con vincita in denaro, pornografia Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Lo sportello d ascolto per i dipendenti

Lo sportello d ascolto per i dipendenti ULSS 13 Dolo-Mirano-Noale U.O. SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORI E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Responsabile dr. Fabrizio Fiorini Lo sportello d ascolto per i dipendenti Dott.ssa Stefania Menin

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S.

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. Materiale a cura di Antonella Cifalinò «Quale» PHC? Si assume una concezione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2010 SERVIZIO SAD ANZIANI AREA CONTROLLO STRATEGICO E COMUNICAZIONE SERVIZIO SOCIALE ANZIANI

ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2010 SERVIZIO SAD ANZIANI AREA CONTROLLO STRATEGICO E COMUNICAZIONE SERVIZIO SOCIALE ANZIANI ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2010 SERVIZIO SAD ANZIANI AREA CONTROLLO STRATEGICO E COMUNICAZIONE SERVIZIO SOCIALE ANZIANI FERRARA 15 DICEMBRE 2010 1 Premessa Uno degli aspetti che maggiormente

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO. Progetto Regionale Tabagismo Sottoprogetto Luoghi di lavoro liberi dal fumo

LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO. Progetto Regionale Tabagismo Sottoprogetto Luoghi di lavoro liberi dal fumo LUOGHI DI LAVORO SENZA FUMO Progetto Regionale Tabagismo Sottoprogetto Luoghi di lavoro liberi dal fumo 1 Perché un progetto su fumo e luoghi di lavoro? Sempre più frequentemente si rivolgono alle nostre

Dettagli

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna.

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. Rilevazione della qualità del servizio e individuazione delle azioni da intraprendere per migliorarla. 20 Indice Introduzione... 3 La diffusione

Dettagli

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Giulia Mannella CITTADINANZATTIVA Un Movimento di partecipazione civica per la promozione e la tutela dei diritti

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione?

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? RILEVAZIONI Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? I risultati da un indagine condotta in Puglia su un campione di medici di base Francesca Di Serio * I dati raccolti negli

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri

La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri Marina Bonfanti Luigi Macchi U.O Prevenzione - Direzione Generale Sanità - Regione Lombardia

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del : Descrizione di sintesi

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA Torino 22 febbraio 2011 Grace Rabacchi Direttore Sanitario P.O. S. ANNA 1 Direttiva del

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

PROGETTO SANITA SANA

PROGETTO SANITA SANA CENTRO PER I DIRITTI DEL MALATO E PER IL DIRITTO ALLA SALUTE Via M. D Azeglio, 27 a - 37123 VERONA Tel/fax 045 8000220 info@centroperidirittidelmalato.it PROGETTO SANITA SANA Il Centro per i diritti del

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ 1. Premessa generale sulla comunicazione in Sanità 1.1 I diritti di salute e informazione La salute è un diritto fondamentale della persona

Dettagli

Il consumo di tabacco della popolazione residente in Svizzera negli anni 2001-2010

Il consumo di tabacco della popolazione residente in Svizzera negli anni 2001-2010 Hans Krebs Kommunikation und Publikumsforschung Psychologisches Institut Sozial- und Gesundheitspsychologie Il consumo di tabacco della popolazione residente in Svizzera negli anni 2001-2010 Sintesi del

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

La qualità percepita dai partecipanti al progetto Promuovere il benessere psicofisico

La qualità percepita dai partecipanti al progetto Promuovere il benessere psicofisico Assessorato alle Politiche Sociali La qualità percepita dai partecipanti al progetto Promuovere il benessere psicofisico Piano di Zona del Comune di Trieste 2010-2012 (Sintesi) Presentazione I Rapporti

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE MARIA IMMACOLATA San Giovanni Rotondo Questionario N.A.V.I. L indagine NAVI per il corrente anno scolastico, come negli anni precedenti, è stata svolta su quattro aree (docenti,

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

I dati 2009-2012 del sistema di sorveglianza PASSI

I dati 2009-2012 del sistema di sorveglianza PASSI Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia La povertà in Umbria: le difficoltà economiche riferite I dati 2009-2012 del sistema di sorveglianza PASSI Novembre 2013 A cura di: Carla Bietta:

Dettagli

Il documento di seguito presentato è il risultato di

Il documento di seguito presentato è il risultato di Gli indicatori macrostrutturali di qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie GLI INDICATORI MACROSTRUTTURALI DI QUALITÀ DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI SANITARIE Prima rilevazione regionale Il

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Settore Pianificazione Strategica e Sviluppo Sistemi di Qualità INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SETTORE APPROVAZIONE PROGETTI E CONTROLLO ATTIVITA EDILIZIA ex Edilizia Privata Periodo dal 22 giugno al

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Stefania Bazzo. Le sfide della promozione della salute: dalla sorveglianza agli interventi sul territorio Venezia, 21 giugno 2012. www.ulss.tv.

Stefania Bazzo. Le sfide della promozione della salute: dalla sorveglianza agli interventi sul territorio Venezia, 21 giugno 2012. www.ulss.tv. Un percorso di ricerca e formazione dei professionisti sanitari per la prevenzione del consumo di alcol in gravidanza e allattamento: l esperienza dell AULSS 9 di Treviso Stefania Bazzo Le sfide della

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ UNIVERSITÀ di TOR VERGATA Programma di Formazione in Epidemiologia Applicata (PROFEA) In collaborazione con

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ UNIVERSITÀ di TOR VERGATA Programma di Formazione in Epidemiologia Applicata (PROFEA) In collaborazione con ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ UNIVERSITÀ di TOR VERGATA Programma di Formazione in Epidemiologia Applicata (PROFEA) In collaborazione con MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI DELLA NUOVA LEGGE CHE VIETA IL FUMO NEI

Dettagli

Promozione di stili di vita sani: interventi di sostegno al cambiamento rivolti alle persone con disagio psichico

Promozione di stili di vita sani: interventi di sostegno al cambiamento rivolti alle persone con disagio psichico Promozione di stili di vita sani: interventi di sostegno al cambiamento rivolti alle persone con disagio psichico PALMANOVA (UD), 20.11.2013 Duilia Zanon Centro Prevenzione e Trattamento del Tabagismo

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione PREMESSA METODOLOGIA Nell ambito del sistema di prevenzione e di tutela della Salute e Sicurezza

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Epidemiologia del tabagismo

Epidemiologia del tabagismo Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino Cod. doc.: RT-03 Rev: 0.1 Data: 05.05.14 Relazione Finale Report_006_12_F_3 Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino CLIENTE: Comune di Solesino COMMESSA:

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015

Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015 Con il patrocinio di Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015 gruppo corsisti sede di Roma: Corso promosso e realizzato da Obiettivo del project work approfondire I cambiamenti nelle forme

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

LA MISURAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI

LA MISURAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI LA MISURAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI 14 maggio 2013 Obiettivo Approfondire lo strumento di misurazione della soddisfazione degli utenti indicandone motivazioni modelli strumenti utilizzi al

Dettagli

Monitoraggio dell osservanza della normativa inerente il divieto di fumare negli ambienti di vita e di lavoro. Risultati

Monitoraggio dell osservanza della normativa inerente il divieto di fumare negli ambienti di vita e di lavoro. Risultati Monitoraggio dell osservanza della normativa inerente il divieto di fumare negli ambienti di vita e di lavoro Risultati Basilica della Madonna della Salute, Venezia Iniziativa editoriale afferente al Programma

Dettagli

SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI. Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011

SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI. Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011 SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011 OBIETTIVI RILEVAZIONE SODDISFAZIONE GENITORI ULSS 3 Identificare il grado di

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia 11 dicembre 2008 Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia Anno 2005 Sebbene negli ultimi anni sia stata notevolmente approfondita la conoscenza dei principali

Dettagli

Rapporto finale dell indagine con questionari

Rapporto finale dell indagine con questionari Risultati dell iniziativa di prevenzione cardiovascolare Riguardiamoci il cuore Firenze - marzo 2011 Rapporto finale dell indagine con questionari sulle opinioni dei partecipanti Il rapporto è stato curato

Dettagli

OSPEDALIERA ARCISPEDALE SANTA MARIA NUOVA DI REGGIO EMILIA

OSPEDALIERA ARCISPEDALE SANTA MARIA NUOVA DI REGGIO EMILIA Gruppo Operativo per il Trasferimento dei risultati GOT della ricerca bibliografica nei servizi sanitari Questionario sull'utilizzo del Sito Web della Biblioteca Medica e delle Risorse Elettroniche acquistate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Manuale per ambienti sanitari liberi dal fumo

Manuale per ambienti sanitari liberi dal fumo Manuale per ambienti sanitari liberi dal fumo Le indicazioni contenute nella presente pubblicazione sono state elaborate da un gruppo di lavoro composto da 30 operatori sanitari in rappresentanza delle

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

Patrizia Beltrami - Elena Centis Azienda Usl di Bologna. Valerio Quercia - Gianpaolo Guelfi CMC Italia Genova. Venezia 21-22 giugno 2012

Patrizia Beltrami - Elena Centis Azienda Usl di Bologna. Valerio Quercia - Gianpaolo Guelfi CMC Italia Genova. Venezia 21-22 giugno 2012 Accompagnare al cambiamento : il counseling motivazionale breve a supporto degli interventi di promozione della salute secondo un approccio multistakeholder Patrizia Beltrami - Elena Centis Azienda Usl

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

ESEMPIO SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS ON LINE. Indagine di soddisfazione per il Comune di XY

ESEMPIO SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS ON LINE. Indagine di soddisfazione per il Comune di XY ESEMPIO SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS ON LINE Indagine di soddisfazione per il Comune di XY Indice Introduzione: le fasi per la realizzazione dell indagine di customer satisfaction...2 L indagine del

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG

LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG Esperienze di collaborazione fra operatori negli interventi di prevenzione e cura del tabagismo Dr. Pedroni Massimo MMG Scandiano IL PROBLEMA DI SALUTE AFFRONTARE il

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL RISCHIO

LA PERCEZIONE DEL RISCHIO LA PERCEZIONE DEL RISCHIO L obiettivo della comunicazione del rischio Una corretta politica di comunicazione del rischio si pone l'obiettivo di superare un atteggiamento passivo nei confronti del rischio

Dettagli

Contraddizioni fumose?

Contraddizioni fumose? Impatto del tabagismo in Toscana e politiche regionali evidence-based Contraddizioni fumose? Giuseppe Gorini Fabio Voller, ARS Toscana g.gorini@ispo.toscana.it Prevalenza di fumo in Toscana La Toscana:

Dettagli

CAR POOLING SCOLASTICO C3897.01 ANALISI DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO

CAR POOLING SCOLASTICO C3897.01 ANALISI DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO CAR POOLING SCOLASTICO ANALISI DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO 2 3 Sommario Premessa... 4 Obiettivi... 4 Il progetto... 4 Attività di progetto... 4 I risultati... 5 Risultati complessivi... 5 Scuola primaria

Dettagli