Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziativa ACCENDI LA SALUTE"

Transcript

1 Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti quello di promuovere salute. Tutti coloro che vi lavorano, quindi, sono chiamati a diffondere salute e a promuovere uno stile di vita sano, a prescindere dal ruolo e dai comportamenti personali. Tra i comportamenti a rischio la dipendenza da fumo di sigaretta è uno dei più diffusi. Nel nostro territorio il 7 dei soggetti tra i 18 e 69 anni è un fumatore abituale. Abitudine al fumo di sigaretta Proprio nel ASL NO - PASSI* 7-8 (n=58) promuovere 6 Uo mini la disassuefazione da que- 5 Donne 4 sta dipendenza è stato 3 dimostrato il ruolo fondamentale degli 1 operatori Fumat o ri Fumat ore in Ex Fumatore Non Fumatore ast ensione sanitari, anche solo attraverso un counseling breve. Per questo, in occasione del 31 Maggio, Giornata Mondiale senza tabacco, si è pensato di proporre alcune riflessioni sulla dipendenza da fumo di sigaretta, che ognuno di noi può utilizzare durante la propria pratica quotidiana di Promotore della Salute. Grazie per l attenzione e buona lettura! Gruppo Clinical Governance dell ASL NO Azioni di contrasto al fumo di tabacco Per informazioni sull attività del gruppo rivolgersi a: *per informazioni su PASSI consulta il sito Hanno partecipato: M. Chiara Antoniotti (SSEPI), Anna Grazia Guerra (Qualità e Comunicazione), Edoardo Moia (SISP), Giovanni Pistone (DPD-Centro Trattamento del Tabagismo), Daniela Sarasino (SSEPI). Per la fase di valutazione: Daniela Costa (Qualità e Comunicazione), Giorgio Lanzini (Qualità e Comunicazione). Il progetto è stato realizzato con il contributo della Lega Italiana per la lotta contro i Tumori ONLUS della Provincia di Novara, che si ringrazia. Relazione a cura di: Daniela Sarasino SSEPI ASL NO Maggio 11

2 Indice della relazione Premessa pag. Metodologia pag. 3 Risultati della valutazione pag. 4 Compliance alla valutazione pag. 4 Descrizione del campione pag. 4 Impatto dell iniziativa pag. 5 Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute pag. 6 Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole pag. 8 Modalità da utilizzare per iniziative future pag. 1 Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute pag. 1 Sintesi dei risultati per gli indicatori attesi pag. 17 Conclusioni pag. 18 1

3 Premessa Tra i comportamenti a rischio, la dipendenza da fumo di sigaretta è sicuramente uno dei più diffusi anche nel territorio dell ASL NO considerato che oltre il 3 delle persone tra i 18 e 64 anni è un fumatore abituale (PASSI 9 e 1). Al fine di contrastare tale dipendenza, l ASL NO ha attivato un gruppo che, operando nell ottica della Clinical Governance, promuove azioni di contrasto al fumo di tabacco. Tale gruppo ha previsto tra le proprie azioni la predisposizione di materiale informativo per gli operatori - sanitari e non - dell ASL NO, oltre che per i Medici di Medicina Generale ed i Pediatri di libera scelta. La scelta di rivolgersi a tutti i dipendenti dell ASL (sanitari e non) parte dal presupposto che l ASL, in quanto parte del Servizio Sanitario Nazionale, ha tra i propri compiti quello di promuovere salute e che, quindi, tutti coloro che vi lavorano, a prescindere dal ruolo e dai comportamenti personali, sono chiamati a diffondere salute e a promuovere uno stile di vita sano. Peraltro proprio nel promuovere la disassuefazione da fumo di tabacco è stato dimostrato il ruolo fondamentale degli operatori sanitari, anche solo attraverso un counseling breve. Nel corso del 1, con il contributo della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ONLUS Provincia di Novara, è stato predisposto un pieghevole denominato Accendi la salute (cfr allegato 1), con le seguenti finalità: incrementare azioni di promozione alla salute (disassuefazione rispetto al fumo di sigaretta) da parte degli operatori dell ASL NO informare gli operatori dell ASL NO rispetto alla tematica fumo di sigaretta e alle principali azioni di contrasto al tabagismo. Nel pieghevole erano riportate indicazioni rispetto al ruolo degli operatori sanitari (e non solo) nel promuovere salute, agli strumenti utilizzabili per svolgere questo ruolo, oltre a dati epidemiologici di riferimento.

4 Metodologia Il pieghevole è stato distribuito in occasione della Giornata mondiale senza tabacco (31 maggio), allegandolo alla busta-paga del mese di maggio 1 di tutti i dipendenti dell ASL NO e inviandolo - tramite posta aziendale - a tutti i Medici di Medicina Generale (MMG) e ai Pediatri di Libera Scelta (PLS), per un totale di.89 pieghevoli distribuiti, di cui circa un terzo a MMG/PLS. Per valutare l iniziativa a distanza di circa 6 mesi è stata prevista la compilazione di un questionario (cfr allegato ), finalizzato alla valutazione degli indicatori di processo e di esito sotto riportati. Indicatori di processo: Criterio Compliance alla valutazione Indicatori di esito: Criterio Impatto dell iniziativa Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole Modalità da utilizzare per iniziative future Indicatore Numero di operatori che hanno restituito il questionario/totale di operatori che hanno ricevuto il questionario * 1 Indicatore Numero di operatori che ricordano l iniziativa (rif domanda 8)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che reputano utile il pieghevole (rif domanda 1)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono il conselling breve uno strumento efficace (rif domanda 5)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono di possedere gli strumenti per promuovere stili di vita sani (rif domanda 9)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 A) Numero di operatori che ritengono i corsi di formazione uno strumento efficace nel modificare il comportamento (rif domanda )/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 B) Numero di operatori che ritengono utili i pieghevoli in busta paga (rif domanda 6)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono che tutti gli operatori del SSN abbiano il compito di promuovere stili di vita corretti (domanda 1) /totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a utenti/pazienti sia tempo sprecato (domanda 3)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a colleghi sia tempo sprecato (domanda 4)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che dichiarano che durante la propria attività lavorativa suggeriscono comportamenti salutari (domanda 7)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 In base ad esperienze precedenti (nel 4 indagine tra i dipendenti ASL 13 su abitudine tabagica e applicazione regolamento aziendale antifumo) si è ritenuto troppo oneroso e poco efficace effettuare la valutazione su tutti gli operatori oggetto dell intervento. Si è pertanto cercato da una parte di indagare tale popolazione con un campione per quanto possibile casuale e dall altra di valutare l iniziativa in maniera più sistematica rispetto ad alcuni gruppi di particolare interesse nei confronti della tematica trattata dal volantino. Il questionario di valutazione è stato pertanto proposto ai partecipanti a tutti i corsi di formazione organizzati dall ASL NO tenutisi tra il 1 ottobre e il 31 dicembre 1 ed è stato inoltrato ai responsabili delle strutture del Dipartimento Patologia delle Dipendenze e del Dipartimento di Prevenzione affinché provvedessero a distribuirlo a tutti i loro operatori. I questionari sono stati distribuiti, compilati e raccolti secondo specifiche istruzioni operative (cfr allegato 3). 3

5 Risultati della valutazione Compliance alla valutazione Complessivamente sono stati restituiti 359 questionari, pari all 84 dei questionari distribuiti. L area del campione di convenienza nella quale si osserva la compliance minore è rappresentata dagli operatori del Dipartimento di Prevenzione (tabella 1). Nello specifico la ridotta compliance di questo dipartimento è da attribuire all area veterinaria, dove è stata restituita solo la metà dei questionari, e, soprattutto, al SISP che non ha restituito alcun questionario. Per precisione si segnala che per 6 degli 88 questionari restituiti dal Dipartimento di Prevenzione non è stato possibile determinare il servizio di provenienza. Tabella 1. Questionari restituiti rispetto ai questionari distribuiti per area di raccolta. Distribuiti Restituiti restituzione Corsi ,6 Dip prevenzione e SSEPI ,8 Dipartimento Patologia delle Dipendenze , Totale ,1 Descrizione del campione Il campione è composto per la maggior parte da medici (4) e personale del comparto sanitario (45). Il 5 - pari a 18 soggetti - è costituito da personale amministrativo, il 3 - pari a 11 soggetti - da tecnici non sanitari e un ulteriore 3 - pari a 1 soggetti da altro personale sanitario (veterinari, psicologi, ecc). Infine nella categoria altro, pari al, sono ricompresi 18 soggetti. Il dei rispondenti non ha indicato la propria figura professionale (figura 1). Considerato il numero ridotto di personale amministrativo e tecnico non sanitario, si è creata un unica categoria rappresentata da personale non sanitario. Analogamente è stata realizzata un ulteriore categoria altro che include anche altro personale sanitario. Figura 1. Distribuzione del campione per figura professionale Medico Personale comparto san Altro personale san Amministrativo Tecnico non san Altro Non risposto Per quanto riguarda le strutture di appartenenza, il 15 è rappresentato da MMG/PLS (personale convenzionato), il 34 del campione lavora nell area ospedaliera, il 5 nel Dipartimento di Prevenzione. Gli operatori del Dipartimento Patologia delle Dipendenze rappresentano il 1 del campione e per le analisi successive sono stati accorpati ai 3 operatori (9) che si sono definiti appartenenti all area territoriale, che costituisce cosi il 1 del campione. Eventuali peculiarità degli operatori del Dipartimento Patologia delle Dipendenze sono riportate comunque nel testo. Il personale che lavora nell area amministrativa rappresenta l 1 del campione, pari a 4 soggetti. Data la ridotta numerosità per questo gruppo non è stato possibile effettuare alcuna elaborazione. Il 4 dei rispondenti non ha indicato l area di appartenenza (figura ). 4

6 Figura. Distribuzione del campione per struttura di appartenenza Ospedaliera Territoriale Amministrativa Dip. Prevenzione Convenzionati Non risposto Il 36 dei medici rispondenti è rappresentato da MMG/PLS/convenzionati, il lavora presso strutture territoriali, altrettanti presso strutture ospedaliere e il 18 presso il Dipartimento di Prevenzione. Per quanto riguarda il personale del comparto, più della metà (53) opera presso strutture ospedaliere, il personale restante si distribuisce omogeneamente tra strutture territoriali (4) e Dipartimento di Prevenzione (18). Due terzi (66) degli operatori che hanno risposto al questionario non fuma, il 19 è un exfumatore, mentre il 13 attualmente fuma. In 1 casi (3) non è stato indicato lo stato tabagico. Tra le figure professionali del comparto sanitario si registra la quota maggiore () di fumatori, significativamente superiore ai medici (9). Tra il personale non sanitario i fumatori sono il 7, tutti operatori tecnici non sanitari, dato che non si registrano fumatori tra il personale amministrativo. La distribuzione di fumatori per struttura di appartenenza è abbastanza sovrapponibile, con il 16 di fumatori nell area ospedaliera, il 15 nelle strutture territoriali e il 1 nel Dipartimento di Prevenzione. Tra i MMG/PLS i fumatori sono circa il 1 e si registra la quota più alta di exfumatori: 31, contro il 4 nel Dipartimento di Prevenzione, 16 tra gli ospedalieri e il 1 tra i territoriali. Impatto dell iniziativa A distanza di circa sei mesi, circa due terzi (65) degli operatori che hanno risposto al questionario ricordano poco o per nulla l iniziativa (figura 3). Figura 3. Ricorda l iniziativa messa in atto dall ASL NO in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco Le figure professionali che ricordano maggiormente l iniziativa sono i medici (abbastanza/molto: 39) e il personale del comparto (abbastanza/molto: 35). Viceversa il pieghevole è passato quasi del tutto inosservato al personale non sanitario, considerato che hanno dichiarato di ricordarlo poco o per nulla il 79. 5

7 Tra gli operatori del Dipartimento di Prevenzione solo il ricorda abbastanza/molto l iniziativa, contro il 43 dei medici convenzionati e circa il 39 del personale dell area ospedaliera e il 4 del territorio (figura 4). Se nelle diverse aree i soggetti che ricordano molto l iniziativa sono sovrapponibili, nel Dipartimento di Prevenzione sono meno frequenti coloro che la ricordano abbastanza e molto più diffusi (49) quelli che non la ricordano per nulla. La differenza tra il Dipartimento di Prevenzione e le altre aree di appartenenza è statisticamente significativa. Figura 4. Ricorda l iniziativa messa in atto dall ASL NO in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco 1, per struttura di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Rispetto all abitudine tabagica, la percentuale di coloro che ricordano l iniziativa tra i non fumatori (38) è maggiore rispetto ai fumatori e agli ex-fumatori (entrambi pari a 3), soprattutto per quanto riguarda la quota di chi dichiara molto (figura 5). Figura 5. Ricorda l iniziativa messa in atto dall ASL NO in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco 1, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute Il giudizio sull utilità del pieghevole si distribuisce in maniera omogenea tra per nulla, poco e abbastanza e risulta utile per meno di 4 soggetti su 1 (figura 6). 6

8 Figura 6. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il pieghevole relativo al ruolo degli operatori del SSN per contrastare il fumo di sigaretta mi è stato utile Le figure professionali che lo reputano più utile sono il personale non sanitario (56) e i medici (41). Poco meno della metà (47) degli operatori che opera presso strutture territoriali considera abbastanza/molto utile il pieghevole, contro circa il 37 degli ospedalieri, il 38 dei convenzionati e il 35 degli operatori del Dipartimento di Prevenzione (figura 8). In particolare la percezione positiva rispetto all utilità del pieghevole riferita dalle figure che operano sul territorio è quasi del tutto attribuibile a chi lo definisce abbastanza utile. Figura 7. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il pieghevole relativo al ruolo degli operatori del SSN per contrastare il fumo di sigaretta mi è stato utile, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Considerando l abitudine tabagica si osserva una percentuale maggiore di soggetti che giudicano abbastanza utile l iniziativa tra i non fumatori (34) rispetto agli ex-fumatori (6) e ai fumatori (1). Figura 8. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il pieghevole relativo al ruolo degli operatori del SSN per contrastare il fumo di sigaretta mi è stato utile, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto 7

9 Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole Un informazione presente nel pieghevole riguardava l efficacia dimostrata del counseling breve da parte di operatori sanitari nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta. È stato chiesto ad ogni operatore quanto fosse d accordo con questa affermazione. Il 64 si è definito abbastanza/molto d accordo, dimostrando di essere a conoscenza di questa informazione (figura 9). Figura 9. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il counseling breve degli operatori sanitari è uno strumento efficace nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta Il personale non sanitario rappresenta la figura professionale più in accordo sull efficacia del counseling breve (79), mentre il personale del comparto quella meno concorde con detta affermazione (6). Rispetto alla struttura di appartenenza, l accordo maggiore si riscontra tra gli operatori del dipartimento di prevenzione (81) e quello minore tra il personale ospedaliero (53), dove la maggior parte degli operatori si distribuisce omogeneamente tra chi è poco e chi abbastanza d accordo (figura 1). Figura 1. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il counseling breve degli operatori sanitari è uno strumento efficace nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Interessante valutare il diverso giudizio espresso in base all abitudine tabagica: se circa il 68 di non fumatori ed ex-fumatori considera efficace il counseling breve, tra i fumatori lo considera tale solo il 39. Lo stesso trend si osserva anche considerando solo la voce molto, scelta dal 13 dei non fumatori, dall 8 degli ex-fumatori e solo dal dei fumatori (figura 11). 8

10 Figura 11. Grado di accordo rispetto all affermazione: Il counseling breve degli operatori sanitari è uno strumento efficace nel promuovere la disassuefazione da fumo di sigaretta, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Oltre al giudizio rispetto all efficacia del counseling breve, è stato chiesto agli operatori se possedessero gli strumenti per promuovere stili di vita sani. La maggior parte degli operatori (8) ha dichiarato di possederli abbastanza/molto (figura 1). Figura 1. Grado di accordo rispetto all affermazione: So come suggerire comportamenti salutari La figura professionale che maggiormente ritiene di essere in grado di suggerire comportamenti salubri è il medico (89 rispetto all 81 del personale del comparto). Anche le figure professionali non sanitarie, tuttavia, ritengono di possedere tali competenze abbastanza/molto (69). Per quanto riguarda le strutture di appartenenza, il Dipartimento di Prevenzione rappresenta quello con la più bassa percentuale di soggetti (6) che ritiene di avere la capacità di suggerire uno stile di vita sano e gli operatori del territorio quelli con la percentuale maggiore (96). Interessante notare come tra i convenzionati si registri la quota maggiore di chi dichiara molto (6), quasi doppia rispetto a quella delle strutture territoriali (16) (figura 13). Figura 13. Grado di accordo rispetto all affermazione: So come suggerire comportamenti salutari, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Per quanto riguarda l abitudine tabagica, si osserva una quota elevata di fumatori che ritengono di saper suggerire abbastanza/molto comportamenti salubri (81), pressoché sovrapponibile a quella

11 di ex-fumatori e non fumatori (rispettivamente 81 e 8) (figura 14). Da notare che tra gli exfumatori è maggiore la percentuale di chi ritiene di saper suggerire comportamenti salubri sia molto (19 vs il 6 dei fumatori e il 13 dei non fumatori), sia per nulla (7 vs dei fumatori e 1 dei non fumatori). Figura 14. Grado di accordo rispetto all affermazione: So come suggerire comportamenti salutari, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Modalità da utilizzare per iniziative future Per valutare eventuali iniziative future sono state fatte due specifiche domande. In particolare è stato chiesto se reputavano: 1. i corsi di formazione strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori;. i pieghevoli informativi allegati alla busta paga risorse sprecate da parte dell Azienda. Per quanto riguarda i corsi di formazione, la maggioranza degli operatori (93) li ritiene strumenti abbastanza (63) o molto (3) efficaci nel modificare il comportamento degli operatori (figura 15). Figura 15. Grado di accordo rispetto all affermazione: I corsi di formazione sono strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori, Non si osservano differenze tra le figure professionali, ad eccezione del personale non sanitario che giudica i corsi efficaci nel 9 dei casi contro il 94 circa delle altre figure professionali. Anche considerando l area di appartenenza non si osservano differenze rispetto a questa domanda, infatti la percentuale di quanti ritengono efficaci i corsi di formazione passa dall 89 dei servizi territoriali al 98 di MMG/PLS (figura 16). Unico elemento da sottolineare è l elevata percentuale degli ospedalieri che considerano molto efficaci i corsi di formazione (39), rispetto alle altre aree. 1

12 Figura 16. Grado di accordo rispetto all affermazione: I corsi di formazione sono strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Nel caso dell abitudine tabagica si osserva come la quota di chi ritiene efficace un corso di formazione sia minore tra i fumatori (87) rispetto a ex-fumatori e non fumatori (pari rispettivamente a 94 e 93) (figura 17). Figura 17. Grado di accordo rispetto all affermazione: I corsi di formazione sono strumenti efficaci per modificare il comportamento degli operatori, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore 61 3 Per nulla Poco Abbastanza Per quanto riguarda i pieghevoli allegati alla busta paga, il campione contattato si distribuisce abbastanza omogeneamente tra chi li giudica utili (56) o risorse sprecate (44) (figura 18). Da rilevare, inoltre, che i giudizi molto positivi ( per nulla sprecate ) sono quasi il doppio di quelli negativi ( molto sprecate ). Figura 18. Grado di accordo rispetto all affermazione I pieghevoli informativi allegati alla busta paga sono risorse sprecate da parte dell Azienda 1 8 Molto Si osserva una certa variabilità tra le figure professionali: se tra i medici più della metà li ritiene risorse sprecate abbastanza (3) o molto (), la percentuale scende al 38 tra il personale non sanitario (abbastanza: 35, molto: 3) e al 37 tra il personale del comparto (abbastanza: 7; molto: 1). 11

13 Analoga variabilità si osserva considerando le aree di appartenenza, che vedono la percentuale massima di persone che ritengono inutili i pieghevoli in busta paga tra i MMG/PLS (55) e quella minima tra gli operatori del territorio (35) (figura 19). Figura 19. Grado di accordo rispetto all affermazione I pieghevoli informativi allegati alla busta paga sono risorse sprecate da parte dell Azienda, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Relativamente all abitudine tabagica, non si osservano differenze tra fumatori (45) ed ex-fumatori (46), mentre tra i non fumatori è minore la quota di chi reputa risorse sprecate i pieghevoli in busta paga (4), principalmente grazie alla quota minore (11) di chi li reputa molto sprecate (figura ). Figura. Grado di accordo rispetto all affermazione I pieghevoli informativi allegati alla busta paga sono risorse sprecate da parte dell Azienda, per abitudine tabagica Per nulla Poco Abbastanza Molto Fumatore Ex fumatore Non fumatore Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute Per valutare la consapevolezza del proprio ruolo come promotori di salute è stato chiesto agli operatori di definire quanto fossero d accordo rispetto alle seguenti affermazioni: Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti; Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato; Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato; Durante la mia attività lavorativa cerco di suggerire comportamenti salutari. La quasi totalità (98) dei rispondenti ritiene che gli operatori del SSN abbiano il compito di promuovere stili di vita corretti (figura 1) e l 89 dichiara di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività lavorativa (figura ). Ritiene non sia tempo sprecato suggerire comportamenti salubri a utenti/pazienti l 83 dei rispondenti (figura 3) e ai propri colleghi il 71 (figura 4). 1

14 Figura 1. Grado di accordo rispetto all affermazione Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti Figura. Grado di accordo rispetto all affermazione: Durante la mia attività lavorativa suggerisco comportamenti salutari Figura 3. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato Figura 4. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato

15 Il ruolo dell operatore del SSN come promotore di salute è un affermazione uniformemente condivisa dalle diverse figure professionali, considerato che circa il 97 si dichiara concorde. Il fatto di promuovere stili di vita sani durante la propria attività, invece, varia tra le figure professionali, con le percentuali più alte tra il personale sanitario (94 medici; 89 personale del comparto) e quelle più basse tra gli operatori non sanitari (66). Non si osservano differenze tra le figure professionali nell affermare che il suggerire comportamenti salubri ad utenti/pazienti non è tempo sprecato (range: 78 altro personale; 86 personale del comparto), mentre si osservano per quanto riguarda i colleghi. In particolare solo il 58 dei medici ritiene sia tempo ben investito quello di suggerire comportamenti salubri ai colleghi, contro l 8 del personale del comparto; le figure non sanitarie sono pari al 76. Pur non individuando importanti differenze tra le aree di appartenenza, il Dipartimento di Prevenzione rappresenta quello con la percentuale minore di operatori che ritengono che gli operatori del SSN siano promotori di salute (96) (figura 5); peraltro sono anche quelli a dichiarare in percentuale minore (65) di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività lavorativa, contro valori superiori al 96 delle altre aree (figura 6). Non si osservano, invece, differenze per area relativamente al tempo investito per suggerire comportamenti salubri tra colleghi e utenti, ad eccezione dei MMG/PLS, tra cui la metà ritiene che suggerire comportamenti salubri a colleghi sia tempo sprecato abbastanza (4) o molto (1), percentuale superiore alle altre aree (figura 8). Figura 5. Grado di accordo rispetto all affermazione Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Figura 6. Grado di accordo rispetto all affermazione: Durante la mia attività lavorativa suggerisco comportamenti salutari, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati 14

16 Figura 7. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato,, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Figura 8. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato, per area di appartenenza Ospedaliera Territoriale Dip. Prevenzione Convenzionati Il riconoscimento del ruolo degli operatori SSN come promotori di salute non sembra influenzato dall abitudine tabagica, così come il fatto di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività, anche se tra i non fumatori si osserva in entrambe le domande la quota maggiore di soggetti che si sono definiti molto d accordo con le due affermazioni (figure 9 e 3). Rispetto al suggerire comportamenti salubri, invece, si osserva come i non fumatori non lo ritengano tempo sprecato in misura maggiore rispetto agli ex-fumatori e ai fumatori sia per quanto riguarda gli utenti (rispettivamente 87, 78, 78), sia rispetto ai colleghi, esclusivamente nel caso degli ex-fumatori (64 contro 73 di fumatori e 7 non fumatori). Anche in questo caso la differenza è dovuta prevalentemente alla voce estrema, ossia per nulla, più alta per entrambe le domande tra i non fumatori (figure 31 e 3) Figura 9. Grado di accordo rispetto all affermazione Tutti gli operatori del SSN hanno il compito di promuovere stili di vita corretti, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto 15

17 Figura 3. Grado di accordo rispetto all affermazione: Durante la mia attività lavorativa suggerisco comportamenti salutari, per abitudine tabagica Per nulla Poco Abbastanza Molto Fumatore Ex fumatore Non fumatore Figura 31. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a utenti e pazienti è tempo sprecato, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore Per nulla Poco Abbastanza Molto Figura 3. Grado di accordo rispetto all affermazione: Suggerire comportamenti salutari a colleghi è tempo sprecato, per abitudine tabagica Fumatore Ex fumatore Non fumatore 6 Per nulla Poco Abbastanza Molto 16

18 Sintesi dei risultati per gli indicatori attesi Indicatori di processo: Criterio Indicatore Risultato Numero di operatori che hanno restituito il Compliance alla questionario/totale di operatori che hanno ricevuto il valutazione questionario * 1 Indicatori di esito: Criterio Indicatore Risultato Numero di operatori che ricordano l iniziativa (rif Impatto domanda 8)/totale operatori che hanno restituito il dell iniziativa questionario compilando anche questa domanda * 1 Utilità percepita del pieghevole Accendi la salute Informazioni potenzialmente apprese dal pieghevole Modalità da utilizzare per iniziative future Numero di operatori che reputano utile il pieghevole (rif domanda 1)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono il conselling breve uno strumento efficace (rif domanda 5)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono di possedere gli strumenti per promuovere stili di vita sani (rif domanda 9)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 A) Numero di operatori che ritengono i corsi di formazione uno strumento efficace nel modificare il comportamento (rif domanda )/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 B) Numero di operatori che ritengono utili i pieghevoli in busta paga (rif domanda 6)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche questa domanda * 1 Numero di operatori che ritengono che tutti gli operatori del SSN abbiano il compito di promuovere stili di vita corretti (domanda 1) /totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * A) 93 B) Consapevolezza rispetto al proprio ruolo come promotore di salute Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a utenti/pazienti sia tempo sprecato (domanda 3)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che ritengono che suggerire comportamenti salutari a colleghi sia tempo sprecato (domanda 4)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande * 1 Numero di operatori che dichiarano che durante la propria attività lavorativa suggeriscono comportamenti salutari (domanda 7)/totale operatori che hanno restituito il questionario compilando anche queste domande *

19 Conclusioni Punti di forza e applicazioni future La compliance del questionario di valutazione dell iniziativa si è dimostrata buona, soprattutto per quanto riguarda la distribuzione del questionario durante i corsi di formazione. Questa modalità, pertanto, può essere tenuta presente anche per la valutazione di iniziative future. La prevalenza di fumatori (13) risulta più bassa sia di quella osservata in indagini precedenti sui dipendenti ASL (nel 4: 3,8) e sui MMG (nel 3: 1), sia di quella osservata con PASSI sulla popolazione generale tra 18 e 64 anni anche nel 1. Benché il campione utilizzato non sia rappresentativo, considerato che la stessa prevalenza si osserva anche per i soli partecipanti ai corsi (che hanno risposto nella totalità e che non sono selezionati in base alla propria abitudine tabagica), il dato, pur da rivalutare, è suggestivo di una recente modifica di comportamento tabagico degli operatori dell ASL NO. A distanza di circa sei mesi, due terzi degli operatori non ricordano la distribuzione del pieghevole informativo in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, informazione in linea con il fatto che solo poco più della metà degli operatori non considera risorse sprecate le informative allegate alla busta paga. Questo risultato non sorprende, in quanto è noto che un pieghevole ha un impatto limitato rispetto ad altre iniziative. Tuttavia la possibilità di valutarne l effettiva efficacia nel contesto aziendale è importante per la programmazione di iniziative future. A fronte della scarsa utilità percepita rispetto al pieghevole, gli operatori dimostrano di essere a conoscenza di alcune informazioni indicate nel pieghevole stesso, tra cui l efficacia del counseling breve nel promuovere la disassuefazione tabagica. Certamente tale conoscenza poteva essere antecedente la lettura del pieghevole, tuttavia il fatto che anche tra il personale non sanitario si osservi una quota rilevante di soggetti che hanno risposto correttamente a questa domanda, lascia ipotizzare che, almeno in alcuni casi, il pieghevole possa avere veicolato il messaggio. Un elemento interessante emerso dal questionario è la consapevolezza del proprio ruolo come operatori del SSN nel promuovere stili di vita corretti, che si accompagna ad un elevata percentuale di operatori che dichiarano di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività quotidiana (89), ritenendo di saperlo fare nel modo corretto (8). Per quanto riguarda specificatamente il fumo di sigaretta, i dati della sorveglianza PASSI sembrerebbero confermare tale risultato, considerato che l informazione raccolta nella popolazione generale (i fruitori del counseling ) evidenzia come ad oltre due terzi dei fumatori 18-69enni del nostro territorio è stato chiesto, da parte di un operatore sanitario, se fumano e a circa 7 su 1 è stato consigliato di smettere. Peraltro la stessa fonte informativa rileva come il counseling degli operatori sanitari non sia altrettanto diffuso per promuovere altri stili di vita sani (es: attività fisica, consumo di alcol) A fronte del già citato giudizio espresso rispetto all utilità di pieghevoli allegati alla busta paga (il 44 li considera risorse sprecate e il 56 no) appare molto interessante riscontrare come la quasi totalità (93) degli operatori reputi i corsi di formazione in grado di modificare ( abbastanza o molto ) il comportamento, percezione peraltro omogeneamente distribuita tra figure professionali e aree di lavoro. Punti di debolezza dell iniziativa e possibili azioni di miglioramento La distribuzione/raccolta disomogenea dei questionari tra i diversi servizi del Dipartimento di Prevenzione, ha influenzato la compliance complessiva del questionario di valutazione ed ha 18

20 soprattutto indicato la necessità di verificare (e aumentare) la motivazione dei soggetti a cui si assegna un ruolo nello svolgimento di tale processo valutativo. Gli operatori del Dipartimento di Prevenzione riconoscono in misura minore rispetto agli altri operatori sottoposti a valutazione, il ruolo degli operatori del SSN quali promotori di salute e, rispetto alla specifica iniziativa Accendi la salute, rappresentano gli operatori che la ricordano in misura minore e, anche se in modo meno evidente, la ritengono meno utile. La loro conoscenza dell efficacia del counseling, è paragonabile a quella degli altri operatori ma si accompagna ad una percentuale minore di persone che dichiarano di essere in grado di suggerire stili di vita sani ed di suggerirli durante la propria attività lavorativa. Ciò può essere messo in relazione al fatto che fino ad alcuni anni fa l attività dei Servizi del Dipartimento di Prevenzione era fortemente indirizzata al controllo di normative e solo negli ultimi anni le linee di indirizzo delle loro attività hanno inserito in maniera molto evidente la necessità di occuparsi di stili di vita Un ulteriore elemento degno di attenzione è rappresentato dalle differenze riscontrate nelle modalità di risposta tra fumatori ed ex/non fumatori. L attenzione alla tematica tabagica sembra correlata al proprio comportamento, se si considera che i fumatori ricordano meno l iniziativa Accendi la salute rispetto ai non fumatori e, in ogni caso, la ritengono meno utile. I fumatori che giudicano il counseling breve efficace sono relativamente pochi rispetto a chi non ha mai fumato o agli ex fumatori. Inoltre, la percezione che il suggerire comportamenti salubri a colleghi e/o utenti sia tempo sprecato risulta maggiore tra i fumatori. Per contro l abitudine tabagica non influenza il riconoscimento del ruolo degli operatori SSN come promotori di salute, così come non influenza il fatto di suggerire comportamenti salubri durante la propria attività e di saperlo fare. In sintesi gli operatori sanitari che fumano, pur dichiarando di saper fare il counseling potrebbero avere un approccio meno efficace considerato che, rispetto ai non fumatori, essi lo ritengono una metodica meno valida. E inoltre da considerare la perdita di credibilità del counseling nel caso in cui l operatore sia riconosciuto come fumatore da chi lo ascolta. 19

I programmi della regione Friuli Venezia Giulia

I programmi della regione Friuli Venezia Giulia Roma 12 ottobre 2010 Workshop interregionale: Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive I programmi della regione Friuli Venezia Giulia Silvana Widmann CCM 2: Area interventi

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO Lorenzo Spizzichino Roma, 5 Novembre 2009 OBIETTIVI: 1.FOTOGRAFARE LA SITUAZIONE NEL LUOGO DI LAVORO Quanti sono i dipendenti fumatori? quanti i non

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

Anzianità di servizio

Anzianità di servizio Commento ai risultati del questionario di valutazione Su 754 questionari consegnati ne sono stati restituiti 157, pari al 21% del totale. Oltre ad essere ai limiti della rappresentatività, questo dato

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Istruzioni per il monitoraggio del processo

Istruzioni per il monitoraggio del processo Istruzioni per il monitoraggio del processo 1. L importanza del monitoraggio di processo Il monitoraggio del processo di attuazione delle attività è una componente essenziale della valutazione, fondamentale

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Studio sugli effetti della nuova legge che vieta il fumo nei locali pubblici in Regione Lombardia, Febbraio 2005. 1 rapporto

Studio sugli effetti della nuova legge che vieta il fumo nei locali pubblici in Regione Lombardia, Febbraio 2005. 1 rapporto Studio sugli effetti della nuova legge che vieta il fumo nei locali pubblici in Regione Lombardia, Febbraio 2005. 1 rapporto Introduzione L Italia è uno dei pochi paesi al mondo che ha adottato una legge

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO Nell ambito delle azioni che CR di Aldeno e Cadine sta promuovendo e consolidando in relazione alle politiche aziendali family friendly oriented, nonché in conformità

Dettagli

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze S. Nutini, S. Checcacci, R. Abbate, A. Corrado, A. Morettini, C. Nozzoli, C. Neri Azienda

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Massimo O. Trinito, Sandro Baldissera, Valentina Minardi, Nancy Binkin per

Dettagli

Il settore moto e il credito al consumo

Il settore moto e il credito al consumo Il settore moto e il credito al consumo Rapporto di ricerca ISPO per Marzo 2010 RIF. 1201V110 Indice 2 Capitolo 1: Lo scenario pag. 3 Capitolo 2: Il Credito al Consumo: atteggiamenti 13 Capitolo 3: Il

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Rapporto finale dell indagine con questionari

Rapporto finale dell indagine con questionari Risultati dell iniziativa di prevenzione cardiovascolare Riguardiamoci il cuore Firenze - marzo 2011 Rapporto finale dell indagine con questionari sulle opinioni dei partecipanti Il rapporto è stato curato

Dettagli

La Customer Satisfaction nei servizi sanitari. L esperienza della ASL. Ufficio Relazioni con il Pubblico

La Customer Satisfaction nei servizi sanitari. L esperienza della ASL. Ufficio Relazioni con il Pubblico La Customer Satisfaction nei servizi sanitari. L esperienza della ASL Ufficio Relazioni con il Pubblico L Esperienza della ASL di Lecce L ASL di Lecce ha partecipato al progetto MiglioraPA realizzando

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

PROGETTO ALCOL E LAVORO SAN PELLEGRINO SpA : LA VALUTAZIONE DELL INTERVENTO FORMATIVO

PROGETTO ALCOL E LAVORO SAN PELLEGRINO SpA : LA VALUTAZIONE DELL INTERVENTO FORMATIVO PROGETTO ALCOL E LAVORO SAN PELLEGRINO SpA : LA VALUTAZIONE DELL INTERVENTO FORMATIVO Bruna Allievi (1), Andrea Noventa (2) (1) psicologa Glasor srl, (2) psicologo, Ref. U.O. Prevenzione - Dipartimento

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO IN PILLOLE La percentuale di fumatori nelle imprese considerate è del 25%. Scende al 18% se si considerano solo i dirigenti e gli impiegati a livello amministrativo; raggiunge

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

FUMO e se smettessi? 31 maggio 2013. Giornata mondiale senza tabacco

FUMO e se smettessi? 31 maggio 2013. Giornata mondiale senza tabacco FUMO e se smettessi? 31 maggio 2013 Giornata mondiale senza tabacco E tu hai mai pensato di smettere di fumare? Fumare non è solo una cattiva abitudine ma una vera e propria dipendenza fisica e psicologica.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

Counseling per smettere di fumare durante lo screening per la cervice: un occasione per la prevenzione, un opportunità per la donna

Counseling per smettere di fumare durante lo screening per la cervice: un occasione per la prevenzione, un opportunità per la donna Counseling per smettere di fumare durante lo screening per la cervice: un occasione per la prevenzione, un opportunità per la donna Anna Iossa S.C. Prevenzione Secondaria screening a.iossa@ispo.toscana.it

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia A cura di: Nascetti Simona, Zenesini Corrado, Collina Natalina, Pandolfi Paolo Dopo alcuni anni dall attivazione del sistema di sorveglianza PASSI

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio culturale

Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio culturale TIROCINIO FORMATIVO Questionario di valutazione del Tutor della struttura ospitante (o Tutor del tirocinante) Data compilazione: / / / / A conclusione del tirocinio effettuato dallo studente vorremmo conoscere

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE Metodologia e risultati della ricerca 22 ottobre 2009 Achille Orsenigo 1 Premesse sul valore del lavoro Non è facile

Dettagli

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Stress Lavoro-Correlato e Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Obiettivi Rilevare il livello di benessere percepito dai lavoratori attraverso

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

Relazione di sintesi su La valutazione del rischio da stress lavoro-correlato all interno dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti : analisi dei risultati Metodologia, strumenti e procedura La rilevazione

Dettagli

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 COMUNE DI RAVENNA SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA U.O. ORGANIZZAZIONE, QUALITA E FORMAZIONE INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA

Dettagli

LA METODOLOGIA DI PASSI

LA METODOLOGIA DI PASSI LA METODOLOGIA DI PASSI IL QUESTIONARIO L INTERVISTA TELEFONICA ruolo dell intervistatore criticità emerse Marinella Giuliano Dipartimento Prevenzione ASL 2 Savonese Savona, 7 Maggio 2007 LA METODOLOGIA

Dettagli

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PASSI 2009 I dati sul tabagismo in Valle d Aosta Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Che cos è PASSI? Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Sistema di sorveglianza della popolazione

Dettagli

La ricaduta organizzativa degli eventi di formazione. L esperienza del corso L a n a l i s i dei casi etici nella clinica

La ricaduta organizzativa degli eventi di formazione. L esperienza del corso L a n a l i s i dei casi etici nella clinica ARTICOLI ORIGINALI La ricaduta organizzativa degli eventi di formazione. L esperienza del corso L a n a l i s i dei casi etici nella clinica Autore: Dott.ssa Paola Zappa * 35 Quale tipo di formazione serve

Dettagli

Gennaio - Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 71/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Azienda Sanitaria Provinciale di Messina

Gennaio - Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 71/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Azienda Sanitaria Provinciale di Messina Gennaio - Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 71/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA Azienda Sanitaria Provinciale di Messina INTRODUZIONE Il presente documento contiene schede sintetiche relative

Dettagli

LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sez. Prov. Lecco ONLUS Piazza Vittorio Veneto 1-23807 Merate (LC) - Tel/Fax 039-599623

LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sez. Prov. Lecco ONLUS Piazza Vittorio Veneto 1-23807 Merate (LC) - Tel/Fax 039-599623 LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sez. Prov. Lecco ONLUS Piazza Vittorio Veneto 1-23807 Merate (LC) - Tel/Fax 039-599623 info@legatumorilecco.it - www.legatumorilecco.com CHI SIAMO La LILT

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna

Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna Dal 17 febbraio all 8 agosto 2014, la LILA ha messo in

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari

Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari Servizio Igiene e Sanità Pubblica Direttore Dott. Giorgio Carlo Steri Database PASSI 2010 2013 % (IC95%) Percezione del proprio stato di salute: Buono Discreto

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare l'efficacia dell'intervento del Medico del lavoro Workshop

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello;

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; PROTOCOLLO D INTESA TRA il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; il DIPARTIMENTO per gli AFFARI REGIONALI, TURISMO E SPORT, della Presidenza del Consiglio

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Al servizio di gente unica Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Dati aggiornati al 30/07/2012 Premessa La Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012

CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012 CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012 QUESTIONARI COMPILATI DAI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO FREQUENTATO I CRE RIVOLTI ALLA FASCIA DI ETÀ 6-11 ANNI Questionari elaborati: 370 Modalità

Dettagli

ISPESL. Imprese, lavoratori e Istituzioni per una Rete Nazionale di Promozione della Salute nei Luoghi di Lavoro. Firenze 5 dicembre 2005 SFUMATI

ISPESL. Imprese, lavoratori e Istituzioni per una Rete Nazionale di Promozione della Salute nei Luoghi di Lavoro. Firenze 5 dicembre 2005 SFUMATI ISPESL Imprese, lavoratori e Istituzioni per una Rete Nazionale di Promozione della Salute nei Luoghi di Lavoro Firenze 5 dicembre 2005 SFUMATI AZIENDE SENZA FUMO Il progetto della Lega Italiana per la

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012 Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana Risultati dell indagine di clima interno Anno 2012 Laboratorio MeS Istituto di Management Firenze, 22 Febbraio 2013 Premessa Il presente

Dettagli

Associazione Senonetwork Italia Onlus. Mandato 2013

Associazione Senonetwork Italia Onlus. Mandato 2013 Associazione Senonetwork Italia Onlus Mandato 2013 Sviluppare il CoreCurriculum Infermiere di Senologia Nazionale Percorso formativo Associazione Senonetwork Italia Onlus Core Curriculum Analisi della

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI Premessa La Campagna Straordinaria rivolta alle Scuole ha previsto anche la realizzazione di interventi formativi rivolti a docenti

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

IL TRAM DELLA PREVENZIONE CON SOSTE A RICHIESTA

IL TRAM DELLA PREVENZIONE CON SOSTE A RICHIESTA IL TRAM DELLA PREVENZIONE CON SOSTE A RICHIESTA 1 scheda CONFERENZE DI INFORMAZIONE SANITARIA La Sezione Provinciale di Milano della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori è da anni impegnata in azioni

Dettagli

Il rischio stress lavoro-correlato nel settore metalmeccanico: l opinione dei rappresentanti sindacali

Il rischio stress lavoro-correlato nel settore metalmeccanico: l opinione dei rappresentanti sindacali Il rischio stress lavoro-correlato nel settore metalmeccanico: l opinione dei rappresentanti sindacali Gruppo di ricerca: Daniele Di Nunzio Laura Barnaba Eliana Como Giuliano Ferrucci Roma, 31 Marzo 2015

Dettagli