Location Service. Contributi e agevolazioni.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Location Service. Contributi e agevolazioni."

Transcript

1 Location Service. Contributi e agevolazioni.

2 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili agevolazioni, condizioni, moduli e regolamenti. Inoltre, la BLS è in grado di indicare il giusto interlocutore negli uffici specializzati. Agevolazione all economia in Alto Adige. L Alto Adige è una provincia autonoma. Grazie allo Statuto di autonomia, la provincia Alto Adige può gestire la sua agevolazione all economia in modo del tutto indipendente dal restante territorio nazionale, anche se sempre nel rispetto delle direttive UE applicabili. Il controllo, l approvazione e l erogazione delle agevolazioni all economia competono alle singole ripartizioni e uffici nei settori dell artigianato, dell industria, del commercio e dei servizi. Gli uffici determinano anche l ammontare dell agevolazione in ottemperanza alle direttive e alle leggi vigenti. Dal 1 ottobre 2007 è entrato in vigore il nuovo sistema di agevolazione all economia, che prevede la distinzione tra due forme d investimento: 1) Investimenti materiali Crescita Innovazione Ambiente» Servizi di vicinato 2) Investimenti di natura non materiale, cosiddetti investimenti nel know-how Ricerca, sviluppo e innovazione Consulenza e formazione Nuova costituzione, successione d impresa e cooperazione» Esportazione e internazionalizzazione Tutte le agevolazioni elencate possono essere richieste dalle imprese iscritte alla Camera di commercio di Bolzano nelle categorie artigianato, industria, commercio e servizi. Eventuali limitazioni ed eccezioni sono descritte nella legge provinciale 4/97. 1) Investimenti materiali» Crescita (capo II, legge provinciale 4/97): investimenti iniziali (beni mobili e immobili); investimenti per fini di ampliamento e ulteriori investimenti (modernizzazione della struttura aziendale, delle condizioni di lavoro e incremento della competitività). Contributi e agevolazioni fiscali

3 3 Piccole imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 13 e il 23% (aiuti de minimis *) dei costi riconosciuti. Agevolazione in regime di esenzione Tasso di agevolazione base 13% Maggiorazione 7% Tasso di agevolazione massimo 20% L investimento minimo nel caso delle medie imprese si attesta a euro. L importo massimo annuo consentito per la valutazione ammonta a euro. La spesa massima sovvenzionabile non deve superare nel triennio il valore di euro. Grandi imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 7,5 e il 15% (esclusivamente regolamento de minimis) dei costi riconosciuti. Tasso di agevolazione base 20% Maggiorazione 3% Tasso di agevolazione massimo 23% Agevolazione in regime di esenzione Tasso di agevolazione base Maggiorazione Tasso di agevolazione massimo L investimento minimo nel caso delle piccole imprese è compreso, a seconda delle dimensioni dell impresa, tra e euro, mentre l importo massimo consentito per la valutazione si attesta tra e euro e dipende anch esso dalle dimensioni dell impresa. La spesa massima sovvenzionabile non deve superare nel triennio un valore compreso tra e euro, a seconda del numero di dipendenti. Medie imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 7,5 e il 15% (regolamento de minimis) dei costi riconosciuti. Agevolazione in regime di esenzione Tasso di agevolazione base 7,5% Maggiorazione 2,5% Tasso di agevolazione massimo 10% Tasso di agevolazione base 10% Maggiorazione 5% Tasso di agevolazione base 7,5% Maggiorazione 2,5% Tasso di agevolazione massimo 10% L investimento minimo nel caso delle grandi imprese si attesta a euro. L importo massimo annuo consentito per la valutazione ammonta a euro. La spesa massima sovvenzionabile non deve superare nel triennio il valore di euro. Si concedono maggiorazioni: per particolari qualifiche professionali (diploma di maestro artigiano, diploma di perito commerciale, titolo di studio conseguito presso un università, accademia tecnica o istituto superiore competente), certificazione di qualità o ambientale o certificazione Aziende sane, cooperazioni, nuove costituzioni di imprese, compatibilità familiare, indice di crescita IC di almeno 1,20 punti, se gli investimenti raggiungono almeno il 50% del valore del capitale investito al netto degli ammortamenti (70% se gli immobili aziendali sono locati per più della metà), investimenti in zone con scarse infrastrutture, costruzioni di tipo condominiale. Tasso di agevolazione massimo 15%

4 4» Innovazione (capo II, legge provinciale 4/97): investimenti aziendali innovativi (modifica dei prodotti o dei processi produttivi quale investimento supplementare di un progetto di ricerca e sviluppo direttamente nell impresa interessata); investimenti di imprese innovative (imprese che investono almeno il 2% del fatturato nella ricerca e sviluppo). Piccole imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 20 e il 30% (regolamento de minimis) dei costi riconosciuti. Agevolazione in regime di esenzione Tasso di agevolazione base 20% Medie imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 10% e il 30% (regolamento de minimis) dei costi riconosciuti. Agevolazione in regime di esenzione Tasso di agevolazione base 10% Tasso di agevolazione massimo 30% L investimento minimo nel caso delle piccole imprese è compreso tra e euro a seconda del numero di dipendenti. L importo massimo consentito per la valutazione si attesta tra e euro e dipende anch esso dal numero di dipendenti. Tasso di agevolazione massimo 30% L investimento minimo nel caso delle grandi imprese si attesta a euro. L importo massimo annuo consentito per la valutazione ammonta a euro. Grandi imprese: agevolazione provinciale pari al 30% (esclusivamente regolamento de minimis) dei costi riconosciuti. Agevolazione in regime di esenzione Tasso di agevolazione base Tasso di agevolazione massimo 30% L investimento minimo nel caso delle medie imprese si attesta a euro. L importo massimo consentito per la valutazione ammonta a euro.

5 5» Ambiente (capo III, legge provinciale 4/97): investimenti al di fuori del campo d applicazione delle vigenti norme comunitarie o, in assenza di norme comunitarie, investimenti ai fini dell adeguamento tempestivo alle future norme comunitarie già promulgate; ammodernamento dei veicoli esistenti per fini di tutela ambientale; investimenti nell ambito del risparmio energetico e delle fonti di energia rinnovabili; studi e consulenze in materia di ambiente; investimenti prescritti dalle vigenti norme ambientali e finalizzati al mantenimento e/o al migliore utilizzo delle risorse ambientali e delle materie prime. Piccole imprese: a seconda del tipo di investimento viene concesso un contributo provinciale compreso tra il 40 e l 80% dei costi riconosciuti. Medie imprese: a seconda del tipo di investimento viene concesso un contributo provinciale compreso tra il 30 e il 70% dei costi riconosciuti. Grandi imprese: a seconda del tipo di investimento viene concesso un contributo provinciale compreso tra il 20 e il 60% dei costi riconosciuti. Progetti - Investiment Agevolazioni in regime di esenzione In assenza di norme comunitarie o nel caso di investimenti al di fuori del loro campo d applicazione: Nel caso di adeguamento alle norme comunitarie prima ancora che queste divengano vincolanti (3 anni prima): Ammodernamento di veicoli: Risparmio energetico, meno gli utili e i costi operativi: Risparmio energetico senza tenere conto degli utili e dei costi operativi: Per il sostegno alle energie rinnovabili: Studi in materia di ambiente: 55% 45% 35% dal 15% (>3 anni prima) al 10% (< 3 anni prima) 10% (>3 anni prima) 10% (>3 anni prima) 55% 45% 35% 80% 70% 60% 40% 30% 20% 65% 55% 45% 70% 60% 50% Investimenti prescritti dalle norme ambientali: dal 13% al 20% dal 7,5% al 10% dal 20% al 23% dal 10% al 15% dal 7,5% al 15%

6 6 Si concedono maggiorazioni per: particolari qualifiche professionali (diploma di maestro artigiano, diploma di perito commerciale, titolo di studio conseguito presso un università, accademia tecnica o istituto superiore competente), certificazione di qualità o ambientale o certificazione Aziende sane, cooperazioni, nuove costituzioni di imprese, compatibilità familiare, indice di crescita IC di almeno 1,20 punti, se gli investimenti raggiungono almeno il 50% del valore del capitale investito al netto degli ammortamenti (70% se gli immobili aziendali sono locati per più della metà), investimenti in zone con scarse infrastrutture, costruzioni di tipo condominiale. Per quanto concerne l ambiente, non sono previsti limiti massimi d investimento.» Servizi di vicinato (capo II, legge provinciale 4/97): imprese commerciali che forniscono un servizio di vicinato; imprese artigianali con professioni tradizionali. Piccole imprese (massimo tre dipendenti): contributo provinciale compreso tra il 30 e il 40% dei costi riconosciuti (valore massimo: euro). 2) Investimenti nel know-how» Ricerca, sviluppo e innovazione (capo IV, legge provinciale 4/97): ricerca (ricerca fondamentale, ricerca industriale, sviluppo precompetitivo); acquisto, ottenimento, convalida di brevetti; introduzione di tecnologie nei settori del risparmio energetico, della riduzione dell impatto ambientale, dell igiene e della sicurezza sul lavoro; introduzione di sistemi di qualità e certificazioni dei prodotti; promozione di centri di ricerca e sviluppo; costi generali fino al 5% dei costi complessivi. Ricerca fondamentale: l agevolazione prevista può arrivare fino all 80% delle spese sovvenzionabili. Ricerca industriale: l agevolazione prevista può arrivare fino al 50% delle spese sovvenzionabili. L agevolazione per il finanziamento di studi di fattibilità tecnica può arrivare fino al 75%. Sviluppo precompetitivo: l agevolazione prevista può arrivare fino al 25% delle spese sovvenzionabili. L agevolazione per il finanziamento di studi di fattibilità tecnica può arrivare fino al 75%. Maggiorazioni 10 punti percentuali nel caso di imprese corrispondenti alla definizione di piccole e medie imprese 15 punti percentuali se il progetto di ricerca contribuisce alla realizzazione degli obiettivi di un progetto o di un programma previsto dal programma quadro dell UE per la ricerca e lo sviluppo 10 punti percentuali se viene soddisfatta almeno una delle condizioni seguenti: 1) Il progetto instaura una collaborazione transfrontaliera tra almeno due partner indipendenti di due Stati membri. Nello Stato membro che concede l agevolazione, un impresa da sola non può sostenere più del 70% dei costi sovvenzionabili. 2) Il progetto comporta una collaborazione effettiva tra imprese e istituti pubblici di ricerca, in cui l istituto pubblico di ricerca sostiene almeno il 10% dei costi sovvenzionabili e ha il diritto di pubblicare i risultati elaborati della ricerca. Le agevolazioni per la ricerca e lo sviluppo possono essere concesse come segue: sotto forma di contributo per investimenti fino a euro per metà sotto forma di contributo e per metà sotto forma di prestito agevolato per investimenti compresi tra e euro sotto forma di prestito agevolato per la quota d investimento oltre euro Il prestito viene concesso attraverso un fondo di rotazione ai sensi dell articolo 7 della legge provinciale 44/92. Il tasso d interesse a carico del beneficiario non deve essere inferiore al 20% del tasso d interesse di riferimento valido al momento della delibera. La durata del prestito non deve essere superiore a dieci anni.

7 7 Nel caso delle piccole e medie imprese, l agevolazione è compresa tra il 25 e il 90%, a seconda del progetto. I finanziamenti non sono soggetti al regolamento de minimis. Il totale degli incrementi non deve superare il 25%. Progetto Ricerca fondamentale Ricerca industriale Sviluppo precompetitivo Maggiorazione Ricerca fondamentale 90% 10% 10% Studi di fattibilità 75% 75% Sviluppo di prototipi 10% 60% 35% Programmi UE: +15% Collaborazione transfrontaliera: +10% Acquisizione e convalida di brevetti 10% 60% 35% Programmi UE: +15% Sviluppo e applicazione di tecnologie rivolte al risparmio energetico, alla riduzione dell impatto ambientale, all igiene e alla sicurezza sul lavoro 10% 60% 35% Programmi UE: +15% Collaborazione transfrontaliera: +10% Miglioramento dei sistemi di qualità Assunzione di personale qualificato 10% 10% 35% fino a euro per personale assunto con contratto a tempo indeterminato fino a euro per personale assunto con contratto a tempo determinato Nel caso delle grandi imprese, l agevolazione è compresa tra il 25 e l 80%, a seconda del tipo di progetto. I finanziamenti non sono soggetti al regolamento de minimis. Il totale degli incrementi non deve superare il 25%. Progetto Ricerca fondamentale Ricerca industriale Sviluppo precompetitivo Maggiorazione Ricerca fondamentale 80% Studi di fattibilità 75% 75% Sviluppo di prototipi 50% 25% Programmi UE: +15% Collaborazione transfrontaliera: +10% Acquisizione e convalida di brevetti 50% 25% Programmi UE: +15% Sviluppo e applicazione di tecnologie rivolte al risparmio energetico, alla riduzione dell impatto ambientale, all igiene e alla sicurezza sul lavoro 50% 25% Programmi UE: +15% Collaborazione transfrontaliera: +10% Miglioramento dei sistemi di qualità Assunzione di personale qualificato 25% fino a euro per personale assunto con contratto a tempo indeterminato fino a euro per personale assunto con contratto a tempo determinato

8 8» Consulenza e formazione (capo II, legge provinciale 4/97): rilevamenti e studi; consulenze; introduzione della certificazione; formazione e formazione continua generica; tesi di laurea; tutoring. Piccole e medie imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 35 e il 70% (de minimis) dei costi riconosciuti. Grandi imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 25 e il 70% (de minimis) dei costi riconosciuti. Agevolazione in regime di esenzione Agevolazione a titolo de minimis Agevolazione in regime di esenzione Agevolazione a titolo de minimis Tasso percentuale base Tasso di agevolazione massimo Tasso percentuale base Tasso di agevolazione massimo Formazione e formazione continua specifica 35-55% Ogni tipo di formazione e formazione continua max 70% Formazione e formazione continua specifica 25-35% Ogni tipo di formazione e formazione continua max 70% Formazione e formazione continua generica 50-70% Consulenze max 80% Formazione e formazione continua generica 50-60% Consulenze max 80%» Nuova costituzione e successione d impresa: (capo VI, legge provinciale 4/97). Nel caso di costituzione di nuove imprese, per le cooperative e i consorzi e nel caso di successione o acquisizione d impresa è previsto un prestito fino a euro (de minimis).» Esportazione e internazionalizzazione (capo VIII, legge provinciale 4/97): studi e consulenze; partecipazione a fiere; realizzazione di pagine web; missioni di delegazioni all estero; polizze assicurative per crediti all esportazione. Piccole e medie imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 35 e il 70% (de minimis) dei costi riconosciuti. Grandi imprese: agevolazione provinciale compresa tra il 35 e il 50% (de minimis) dei costi riconosciuti. Agevolazione in regime di esenzione Agevolazione a titolo de minimis Agevolazione in regime di esenzione Agevolazione a titolo de minimis Tasso percentuale base Tasso di agevolazione massimo Tasso percentuale base Tasso di agevolazione massimo 50% 70% 50% L impresa può scegliere tra un agevolazione a titolo de minimis e un agevolazione in regime di esenzione. La scelta non deve avvenire al momento della consegna della domanda, ma prima della concessione dell agevolazione. L importo del contributo può variare notevolmente. Per l agevolazione in regime di esenzione l UE non ha stabilito un importo massimo, ma tassi percentuali massimi. Ad esempio, di regola l agevolazione prevista nel caso di una piccola impresa che investe in un immobile non può superare il 20 per cento; l agevolazione per una media impresa non può superare il 10 per cento. L investimento in un immobile effettuato da una grande impresa non può essere agevolato per nulla in regime di esenzione. Per l agevolazione a titolo de minimis l UE ha stabilito un importo massimo di euro che può essere erogato sotto forma di agevolazione in un lasso temporale di tre esercizi finanziari. L UE ritiene che un agevolazione di queste proporzioni non possa falsare la concorrenza tra gli Stati membri e quindi non sia da considerare come un aiuto di Stato. Essa non può però sommarsi ad altre agevolazioni.

9 9 Maggiori informazioni. e Ufficio Artigianato Palazzo 5 Via Raiffeisen 5 - Bolzano T F Ufficio Industria Palazzo 5 Via Raiffeisen 5 - Bolzano T F Ufficio Commercio e servizi Palazzo 5 Via Raiffeisen 5 - Bolzano T F Ripartizione innovazione, ricerca, sviluppo e cooperative Palazzo 5 Via Raiffeisen 5 - Bolzano T F La Provincia Autonoma di Bolzano stanzia contributi per l acquisto di aree produttive. Tale contributo dipende dalla grandezza dell impresa secondo quanto definito dall Unione Europea. Tipo di impresa Agevolazioni Piccole imprese 15 % Medie imprese 7,5 % Grandi imprese 7,5 % in De-minimis Nel caso in cui tale area produttiva si trova in una zona di interesse provinciale, al contributo viene aggiunto un'addizionale del 10%. L ammontare complessivo del contributo è trattato in questo caso In De minimis. Ente competente per questi contributi è la BLS. BLS Rosmari Falk Passaggio Duomo, 15 - Bolzano T F

10 10 Agevolazioni indirette. Oltre che con le agevolazioni dirette, la provincia Alto Adige sostiene le imprese anche indirettamente, per esempio con strutture di consulenza gratuita come la BLS, la Camera di commercio, l EOS, il TIS e diversi rappresentanti di interessi. Fra l altro, la BLS si occupa di mettere le imprese direttamente in contatto con il partner giusto di volta in volta. Camera di commercio: Il servizio Creazione d impresa della Camera di commercio di Bolzano si propone da dieci anni come un interlocutore competente per tutti coloro che vogliono mettersi in proprio in Alto Adige. Attraverso consulenze individuali, lo sportello accompagna gli aspiranti imprenditori altoatesini lungo il percorso verso la realizzazione della loro impresa. Il servizio Creazione d Impresa offre consulenze con esperti esterni, quali commercialisti, consulenti d impresa o giuristi, a seconda dell argomento sul quale si necessitano maggiori chiarimenti. Inoltre, è stato elaborato un modello di business plan sotto forma di CD con il quale gli imprenditori stessi possono redigere un piano di impresa individuale, da discutere successivamente con un esperto. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Bolzano Via Alto Adige 60 - Bolzano T F EOS Organizzazione export Alto Adige della Camera di Commercio di Bolzano, funge in Alto Adige da piattaforma collettiva per la promozione dell esportazione, delle attività per la conquista di nuovi mercati e delle campagne di marketing collettive per i prodotti di qualità altoatesini. Il suo obiettivo è, in qualità di partner di riferimento per le imprese altoatesine orientate all export, spianare la strada verso nuovi clienti e mercati alle aziende locali. L Organizzazione Export Alto Adige ha il compito di sostenere le imprese nella penetrazione di nuovi mercati oltre i confini dell Alto Adige e nel consolidamento dei mercati esistenti. A tal fine, l EOS si concentra soprattutto su due campi di attività: il settore International Trade Support, da un lato, che si occupa della mediazione di partner commerciali e della consulenza nell esportazione, e il settore Marketing Support, dall altro, che mira a migliorare l immagine dei prodotti di qualità altoatesini e ad aumentarne il grado di notorietà. EOS Organizzazione export Alto Adige della Camera di commercio di Bolzano Via Alto Adige 60 - Bolzano T F

11 11 Il TIS innovation park è una struttura nata per sostenere l innovazione delle imprese nella provincia. Il TIS è un incubatore d imprese per la realizzazione di idee innovative, un centro di consulenza per la crescita e lo sviluppo di nuove imprese innovative, un interlocutore per il trasferimento di tecnologie e, non da ultimo, un insieme di centri di coordinamento con i diversi cluster di settore. I cluster sono unioni di diverse imprese attive nello stesso settore, che collaborano in modo sinergico alla risoluzione dei problemi comuni. Il TIS si occupa in particolare di: Costruzioni Sport & wintertech Tecnologie digitali Legno e Tecnologia Energie rinnovabili - Alimentari & Benessere TIS Innovation Park Via Siemens 19 - Bolzano T F

12 Passaggio Duomo, 15 I Bolzano T

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

internazionalizzazione@regione.lombardia.it

internazionalizzazione@regione.lombardia.it Finalità: Favorire i processi di internazionalizzazione delle micro piccole medie imprese Risorse: 5.440.000 Ambiti di intervento: Valore del voucher: MPMI lombarde (escluso settore agricolo) Misura A:

Dettagli

Fiera Milano 7 maggio 2014. Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri

Fiera Milano 7 maggio 2014. Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri IL SISTEMA ITALIA DI SOSTEGNO ALL EXPORT SUI MERCATI EMERGENTI E PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA INDUSTRIALE ITALIANO DELLE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA Fiera Milano 7 maggio 2014 Strumenti di

Dettagli

IL SISTEMA CAMERALE MILANESE

IL SISTEMA CAMERALE MILANESE IL SISTEMA CAMERALE MILANESE L impresa al centro Siamo un istituzione al servizio delle imprese. Oltre alle funzioni anagrafiche e certificative, ci occupiamo di promuovere la crescita del sistema imprenditoriale

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI. Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory

Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI. Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory Catania 31 marzo 2014 SIMEST Partner d impresa per la competizione

Dettagli

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Marco Rosati Responsabile Funzione Desk Italia CONFINDUSTRIA - Roma, 8 ottobre 2015

Dettagli

Gloria Targetti. Responsabile Area Mercato Nord-Ovest

Gloria Targetti. Responsabile Area Mercato Nord-Ovest Gloria Targetti Responsabile Area Mercato Nord-Ovest SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo Economico, partecipata dalle principali banche italiane e dal sistema Confindustria SIMEST gestisce

Dettagli

Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri. Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio

Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri. Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio Roma 3 luglio 2014 SIMEST Partner d impresa per la competizione globale Finanziaria controllata

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale BANDO SMART CITIES AND COMMUNITIES Livello Regionale DOTE

Dettagli

Paolo Di Marco Dipartimento Sviluppo & Advisory

Paolo Di Marco Dipartimento Sviluppo & Advisory BUSINESS FOCUS PAESE MAROCCO, UN OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE SALERNO LUNEDÌ 30 MARZO 2015 ORE 15.00 CENTRO CONGRESSI INTERNAZIONALE SALERNO INCONTRA - VIA ROMA, 29 SALERNO INTERTRADE/CAMERA DI

Dettagli

Missione Governo Regioni in Brasile

Missione Governo Regioni in Brasile Missione Governo Regioni in Brasile SIMEST Partner d impresa per la competizione globale Finanziaria del Ministero dello Sviluppo Economico, partecipata dalle principali banche italiane e dal sistema Confindustria

Dettagli

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E ALLE IMPRESE APPROVATO con deliberazione del C.C. n 69 del 30.11.2011

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Enrica Rubatto Dipartimento Sviluppo & Advisory Funzione Desk Italia Torino 10 giugno 2014

Enrica Rubatto Dipartimento Sviluppo & Advisory Funzione Desk Italia Torino 10 giugno 2014 Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri Enrica Rubatto Dipartimento Sviluppo & Advisory Funzione Desk Italia Torino 10 giugno 2014 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli SSOMMARIIO DESTIINATARII... 2 1.1 I destinatari 2 COSA SII PUO FFARE... 3 2.1 Cosa si può fare 3 LLE AGEVOLLAZIIONII PREVIISTE... 4 3.1 Le agevolazioni previste

Dettagli

Campania Start Up. Studio Centrella "SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE

Campania Start Up. Studio Centrella SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE Studio Centrella Alberto Centrella Commercialista. - Via Polcari n. 7-82100 Benevento - Tel./Fax 0824 29704 -email studio@centrella.it i INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA "SPORTELLO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

Il quadro odierno: l anno doloroso

Il quadro odierno: l anno doloroso Il quadro odierno: l anno doloroso 2 E ritiene che negli ultimi 12 mesi la situazione economica della sua azienda sia: 2 18 48 25 7 migliorata di molto migliorata rimasta la stessa peggiorata peggiorata

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO Trento, sala D. Guetti - 28 novembre 2012 AGEVOLAZIONI DELLA PROVINCIA DI TRENTO PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE info: serv.finricsvil.apiae@provincia.tn.it

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE Innovazione e ostacoli relativi L innovazione è il fattore chiave per la creazione di valore nell economia del 21 secolo e determina significativamente

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE DI FINALE EMILIA

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE DI FINALE EMILIA FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE DI FINALE EMILIA Questo finanziamento è ancora disponibili grazie ad un nuovo intervento del Comune di Finale Emilia a sostegno del rafforzamento e dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Brescia, 5 novembre 2015 2 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Contributi a fondo perduto Voucher Export Manager Campo Libero Bando Reti

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004.

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004. Con decorrenza dal 1 giugno 2005 sono operativi i sottodescritti due Fondi, costituiti dalla Comunità Montana con il concorso finanziario della Provincia e della Camera di Commercio di Reggio Emilia, per

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Una chance per fare impresa: gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Interventi In vigore dal Innovazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Finanziamenti per progetti di R&S 26 giugno

Dettagli

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A 10122 Torino Via Sant Agostino, 12 10024 Moncalieri (TO) Via Real Collegio, 6 Tel. +39 011 4366646/6404991 - Fax +39 011 2274327 AGOSTO 2010 Pur essendo posta la massima cura nello studio e nella redazione

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Marco Palazzi SIMEST - Triveneto. Treviso 2 dicembre 2010. Camera di Commercio di Treviso

Marco Palazzi SIMEST - Triveneto. Treviso 2 dicembre 2010. Camera di Commercio di Treviso Camera di Commercio di Treviso Seminario : COLLABORAZIONE COMMERCIALE E PRODUTTIVA CON LA SERBIA STRUMENTI FINANZIARI SIMEST E PROGETTI TIPICI Marco Palazzi SIMEST - Triveneto Treviso 2 dicembre 2010 SIMEST

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE ProgrammazioneUnitaria2014-2020 Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE INCENTIVI IMPRESE Stato attuazione procedure Programmazione Unitaria COMPETITIVITA

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

LEGGE NAZIONALE N. 598/94: FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA E LA TUTELA AMBIENTALE

LEGGE NAZIONALE N. 598/94: FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA E LA TUTELA AMBIENTALE LEGGE NAZIONALE N. 598/94: FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA E LA TUTELA AMBIENTALE FINALITÀ: Sostenere investimenti in innovazione tecnologica, tutela dell'ambiente e interventi volti

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014)

Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014) Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014) A chi si rivolge Le agevolazioni sono riservate ai giovani che intendono insediarsi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA. N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA. N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA BANDO INAIL 2012 Livello nazionale Predisposizione delle domande entro il 14 marzo 2013. Invio delle domande dopo l 8 di

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Andrea Ventura Direzione Rete Organizzativa/Unità Finanziamenti START UP INNOVATIVA:

Dettagli

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA Settembre 2015 BANDI DI PROSSIMA SCADENZA VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE Voucher a fondo perduto di importo pari 10mila Euro a fronte di una spesa minima di 13.000 Euro, può essere richiesto da micro,

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE di Isabella Angiuli Per la costituzione di società all estero (impianti produttivi o sedi commerciali) esistono alcuni incentivi sia a

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 "Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese" Beneficiari

LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese Beneficiari LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 "Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese" Provvedimento Numero provvedimento 1 Anno di provvedimento 2009 Tipo provvedimento Legge regionale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

UNICREDIT BANCA D IMPRESA: UNA BANCA AL SERVIZIO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

UNICREDIT BANCA D IMPRESA: UNA BANCA AL SERVIZIO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE UNICREDIT BANCA D IMPRESA: UNA BANCA AL SERVIZIO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Intervento a Cura di Patrizia Conte PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Fare impresa dalla cima d Italia Soluzione Alto Adige

Fare impresa dalla cima d Italia Soluzione Alto Adige Fare impresa dalla cima d Italia Soluzione Alto Adige LE MIGLIORI CONDIZIONI IN ITALIA La provincia ideale per fare impresa (Confartigianato 2010 tabella sotto riportata), la migliore in cui vivere (Il

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli