Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese"

Transcript

1 Amministrazione finanziarie finanziarie pubbliche per le imprese a cura di Carmine Supino - Studio Supino Continua la Rubrica dedicata alle AGEVOLAZIONI Finanziarie Pubbliche rivolte alle imprese. In questa sezione potrete scoprire numerose opportunità di accesso a fondi pubblici nazionali e regionali per lo sviluppo della Vostra impresa. La rassegna che Vi proponiamo riguarda una selezione delle più significative agevolazioni finanziarie pubbliche di fonte nazionale e regionale (Emilia-Romagna, Veneto, Lombardia) attualmente fruibili. Per gli aggiornamenti e le informazioni sulle nuove agevolazioni, Vi invitiamo a consultare questa Rubrica sui prossimi numeri di LegnoLegnoNews. Per approfondire il contenuto che Vi abbiamo proposto, o per essere informati su altre misure di intervento agevolativo per la Vostra impresa, è possibile contattare lo Studio Supino ai seguenti recapiti: tel fax Regione Emilia-Romagna Imprese Artigiane Imprese artigiane, costituite anche in forma cooperativa o consortile. Investimenti per l innovazione tecnologica Investimenti finalizzati, ad esempio alla realizzazione: a) di sistemi composti da una o più unità di lavoro gestite da apparecchiature elettroniche, che governino, a mezzo di programmi, la progressione logica delle fasi del ciclo tecnologico, destinate a svolgere una o più delle seguenti funzioni legate al ciclo produttivo: lavorazione, montaggio, manipolazione, controllo, misura, trasporto, magazzinaggio; b) sistemi di integrazione di una o più unità di lavoro composti da robot industriali, o mezzi robotizzati, gestiti da apparecchiature elettroniche, che governino, a mezzo di programmi, la progressione logica delle fasi del ciclo tecnologico; c) unità elettroniche o sistemi elettronici per l elaborazione dei dati destinati al disegno automatico, alla progettazione, alla produzione di documentazione tecnica, alla gestione delle operazioni legate al ciclo produttivo, al controllo e al collaudo dei prodotti lavorati nonché al sistema gestionale, organizzativo e commerciale; d) programmi per l utilizzazione delle apparecchiature e dei sistemi di cui alle lettere a), b) e c); e) apparecchiature scientifiche destinate a laboratori ed uffici di progettazione aziendale. Investimenti per l innovazione commerciale E ammessa, ad esempio, la realizzazione di progetti di apertura di nuovi canali commerciali per via telematica tramite l acquisto di hardware; Investimenti per l innovazione di servizio Per innovazione di servizio si intende l introduzione di un nuovo servizio - anche attraverso, l acquisizione di tecnologie innovative e sperimentali nonché di attrezzature e macchinari - che ampli la gamma dei servizi offerti dall impresa rispetto a quelli erogati prima dell intervento che si propone; Investimenti per l innovazione nell organizzazione dell impresa Appartengono a tale categoria gli interventi finalizzati al miglioramento dell organizzazione interna, anche attraverso il perseguimento di nuovi modelli organizzativi, la modifica del lay-out dell impresa, l informatizzazione e lo sviluppo delle reti nelle relazioni con altre imprese e/o con il mercato e/o con altri soggetti. Sono, ad esempio, ammesse spese per l acquisizione di strumenti informatici per home banking e per l adozione di sistemi di qualità. Investimenti per l innovazione di prodotto Appartengono a tale categoria gli interventi finalizzati a mettere a punto nuovi prodotti o a portare un notevole miglioramento ai prodotti esistenti (compresa la creazione di prototipi). Tali investimenti non comprendono le modifiche ordinarie o periodiche, anche se migliorative, apportate a prodotti esistenti. La realizzazione del progetto deve comportare per l impresa l apertura di nuovi mercati o un significativo allargamento del mercato di riferimento dei suoi prodotti o un suo riposizionamento in un settore o segmento di mercato diverso da quello precedentemente occupato. Investimenti per la sicurezza sui luoghi di lavoro Tali investimenti dovranno prevedere l installazione, l adeguamento o la sostituzione di macchinari e impianti e loro componenti di sicurezza nell ambito del processo produttivo. Investimenti per l innovazione dei processi produttivi Appartengono a tale categoria gli interventi finalizzati a mettere a punto nuovi processi produttivi o a comportare un notevole miglioramento di processi produttivi esistenti. Tali attività non comprendono le modifiche ordinarie o periodiche, anche se migliorative, apportate a processi produttivi esistenti. Investimenti finalizzati alla riduzione dell impatto ambientale del ciclo produttivo e dei prodotti e allo sviluppo sostenibile L intervento deve comportare una significativa riduzione dell impatto ambientale (es: riduzione e/o riutilizzo dei rifiuti prodotti nel processo produttivo, riduzione dei consumi energetici, utilizzo di fonti energetiche alternative, ecc.) che deve essere adeguatamente illustrata nella relazione tecnica contenuta nello schema di domanda. Gli investimenti potranno prevedere, ad esempio: a) installazioni di raccolta, trattamento ed evacuazione dei rifiuti inquinanti solidi, liquidi o gassosi; b) installazione di dispositivi di controllo dello stato dell ambiente; c) opere per la protezione dell ambiente da calamità naturali; d) interventi per la razionalizzazione degli usi di acqua potabile e la

2 protezione delle fonti; e) laboratori ed attrezzature di ricerca specializzati nei problemi di protezione dell ambiente; f) fabbricazione di attrezzature ed apparecchiature destinate alla protezione o al miglioramento ambientale; g) installazione di impianti ed apparecchiature antinquinamento in stabilimenti industriali, sia volti alla riduzione delle immissioni nell ambiente esterno di sostanze inquinanti, sia destinati al miglioramento diretto dell ambiente di lavoro e della sicurezza contro gli infortuni; h) creazione di capacità produttiva di sostanze sicure da impiegare nel processo produttivo e sostitutiva di sostanze inquinanti o nocive attualmente utilizzate; i) conversione e modifica di impianti e/o processi produttivi inquinanti in impianti e/o processi produttivi sicuri; j) eliminazione dell impiego di sostanze inquinanti o nocive durante il ciclo produttivo; k) delocalizzazione per esigenze ambientali connesse ad obiettivi pubblici di interesse collettivo. a) acquisto, anche tramite locazione finanziaria (locazione finanziaria immobiliare), costruzione, ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione di immobili posti al servizio dell attività artigiana dell impresa (esclusi terreni e aree esterne agli immobili); b) acquisto, anche tramite locazione finanziaria, di macchinari, attrezzature e veicoli nuovi di fabbrica; c) acquisizione di commesse e/o appalti comunitari e nazionali; d) costruzione e/o acquisizione di stampi. Sono ammissibili le spese sostenute dal 1 febbraio 2008 e fino a 24 mesi successivi alla data di presentazione della Domanda. Abbattimento del tasso di interesse praticato dalle banche e/o dalle società di leasing a fronte di un finanziamento bancario e/o della sottoscrizione di un contratto di locazione finanziaria. La misura dell abbattimento è pari al 60% del Tasso Ufficiale di Riferimento (attualmente 5,19 x 60% = 3,11%). Per le imprese Femminili (2/3 dei soci donne) o Giovanili (maggioranza assoluta dei soci costituita da giovani tra i 18 e 29 anni ovvero totalità dei soci costituita da giovani tra i 18 e i 35 anni) la misura dell abbattimento è elevata all 80% (attualmente 5,19 x 80% = 4,15%). Per le nuove imprese (quelle che, al momento della presentazione della Domanda di contributo, risultano iscritte nel registro delle imprese presso la CCIAA da non più di 6 mesi), l abbattimento è del 100% (attualmente = 5,19%). Il contributo è riconosciuto per la durata massima di 5 anni (a prescindere dalla durata effettiva del finanziamento bancario o della locazione finanziaria). Esempio indicativo: Quota capitale: euro; Durata del mutuo: 5 anni; Contributo in conto interessi (60% del T.U.R.): euro Dal 1 aprile al 31 luglio Per gli anni successivi: dal 2 gennaio al 30 giugno di ogni anno. Regione Emilia-Romagna Progetti Speciali Imprese e società a capitale misto pubblico e privato; Associazioni di categoria degli artigiani; Enti locali e privati; Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura; Consorzi; Università; Centri di ricerca; Fondazioni. Progetti speciali diretti: a) alla qualificazione, sviluppo e innovazione delle imprese in particolari settori o in specifici ambiti territoriali; b) alla realizzazione di progetti pilota di recupero e valorizzazione di attività, di lavorazioni tipiche,artistiche, tradizionali tesi al miglioramento del livello di sicurezza, di innovatività, di competitività, di eco-sostenibilità e di opportunità di mercato delle imprese e dei sistemi territoriali. c) ad agevolare l adeguamento delle imprese alle normative o agli indirizzi generali tesi alla salvaguardia dell ambiente e della salute. Verrà data priorità ai progetti presentati a favore di settori investiti da processi di ristrutturazione e riconversione produttiva o di aree svantaggiate. Le spese ammissibili a contributo devono riguardare: progettazione di software, hardware e rete; consulenza; noleggio sale e attrezzature; acquisto documenti e acquisto o sviluppo di software; costo personale interno nella misura massima del 50% della somma di tutte le altre voci di spesa; spese generali nella misura del 5% della somma di tutte le altre voci di spesa. La Regione concede un finanziamento regionale per la copertura dei costi nella misura massima dell 80% delle spese ammesse. Entro il 31 luglio di ogni anno, salvo esaurimento risorse. Regione Emilia-Romagna - Nuove Imprese e Ricambio Generazionale 51

3 52 Piccole e Medie Imprese industriali, cooperative ed artigiane con sede legale e operativa in Emilia Romagna. A) Investimenti programmati da nuove imprese per progetti di fattibilità, procedure, spese di avviamento e di primo investimento, nonché per la realizzazione di progetti di innovazione tecnologica, organizzativa e di spin-off aziendale e/o accademico. Sono considerati prioritari i progetti relativi alla costituzione di neoimprese femminili, ovvero di neoimprese giovanili. Si considerano Nuove imprese quelle iscritte al Registro delle Imprese o all Albo delle Imprese Artigiane da non più di 12 mesi al momento della presentazione della domanda. B) Spese di avviamento e di primo investimento nel caso di avvenute operazioni di trasmissione di impresa a favore di dipendenti o altri soggetti non consanguinei, non titolari o soci di imprese esistenti, che determinino la creazione di una nuova impresa femminile, ovvero di una impresa giovanile. Per gli interventi di cui alla lettere A e B indicate, sono ammissibili le spese eseguite successivamente alla richiesta del finanziamento. Finanziamento bancario agevolato (Euribor sei mesi, ovvero corrispondente IRS, + 1%) fino a euro, assistito da Garanzia a copertura massima del 90% del finanziamento. Regione Emilia-Romagna Assunzione di soggetti disoccupati o svantaggiati le imprese e i loro consorzi; le associazioni, le fondazioni e i loro consorzi; le cooperative e i loro consorzi; i soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria. Assunzione a tempo indeterminato di disoccupati di lunga durata, lavoratori privi di un rapporto stabile, disoccupati in condizioni di svantaggio o monogenitori disoccupati. Lo stato di disoccupazione deve essere resa dai destinatari ai centri per l impiego con la dichiarazione di disponibilità al lavoro. I destinatari devono possedere i requisiti al momento della presentazione della domanda di contributo per la loro assunzione a tempo indeterminato o al momento della loro assunzione a tempo indeterminato, nel caso questa sia precedente la richiesta di contributo. I destinatari delle iniziative devono essere maggiorenni ed essere cittadini italiani o di paesi membri della UE, ovvero di provenienza extracomunitaria a condizione, in questo ultimo caso, che gli stessi risultino in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione. Contributi a fondo perduto fino a euro all anno per ogni destinatario assunto. I destinatari per i quali è concesso un contributo per l assunzione potranno beneficiare di iniziative formative, coerenti al profilo di inserimento occupazionale, anche ad accesso individuale. Le domande di contributo dovranno essere presentate alla Provincia sul cui territorio è instaurato il rapporto di lavoro, anteriormente o successivamente all instaurazione del rapporto lavorativo a tempo indeterminato, comunque, entro e non oltre il 31 ottobre Regione Lombardia Crescita dimensionale per Imprese Artigiane BENEFICIARI Imprese artigiane iscritte all Albo delle imprese artigiane e costituite nella forma di società di capitali o che prevedano la trasformazione in società di capitali. 1. Rafforzamento patrimoniale dell impresa perseguito mediante l aumento del capitale sociale con l immissione di mezzi finanziari freschi. L aumento del capitale sociale dovrà essere versato per almeno il 25% dell ammontare deliberato. 2. Crescita dimensionale dell impresa perseguita mediante acquisizione di altra impresa, non già collegata, con l acquisto delle immobilizzazioni e dell avviamento oppure di quote od azioni in misura tale da consentirne il controllo o un influenza dominante nell assemblea ordinaria. Sono ammissibili: 1. le quote di aumento di capitale per la misura relativa al rafforzamento patrimoniale; 2. i costi di acquisizione della quota di partecipazione il cui valore dovrà essere documentato da perizia asseverata disposta da professionista abilitato per la misura relativa alla crescita dimensionale. L operazione di capitalizzazione/acquisizione deve essere deliberata successivamente alla presentazione della domanda e perfezionata: entro i 6 mesi successivi la data di concessione dell agevolazione, per l operazione di capitalizzazione; entro 12 mesi dalla data di concessione dell agevolazione per operazioni di acquisizione. 1. Per il rafforzamento patrimoniale, l agevolazione consiste in un Prestito partecipativo. 2. Per la crescita dimensionale, l agevolazione consiste in un Finanziamento a medio termine. Intervento agevolativo (da euro a euro, ma entro il limite massimo del 75% delle spese ammissibili) composto da due quote complementari, 1 e La prima quota è a carico di istituti bancari convenzionati e presenta i seguenti tassi di interesse: Euribor + spread massimo di 1,25% (tasso variabile); IRS + spread massimo di 1,25% (tasso fisso). La seconda quota (con tasso fisso 0,50%) copre il 60% dell importo fino a 84 mesi compreso un periodo di preammortamento massimo di 2 semestri. Regione Lombardia Investimento singolo Piccole e Medie Imprese appartenenti ai seguenti settori economici: C - Estrazione di minerali; D - Attività Manifatturiere; E - Produzione e distribuzione di energia elettrica; F - Costruzioni. Per le operazioni di sconto effetti sono ammissibili anche Piccole e Medie Imprese appartenenti ai seguenti settori economici: G - Commercio; H -Alberghi e ristoranti. Macchine utensili o di produzione nuove di fabbrica, tecnologicamente avanzate ovvero dalla portata innovativa sul processo produttivo. Per le operazioni di sconto effetti sono ammissibili anche le seguenti spese: 1. montaggio, collaudo, trasporto ed imballaggio, nel limite massimo complessivo del 15% del costo della macchina. 2. interessi sulla dilazione di pagamento calcolati ad un tasso non superiore a quello di riferimento vigente al momento della emissione degli effetti. Sono ammissibili le spese di importo non inferiore a euro (ovvero per le operazioni di sconto effetti effettuate a favore di imprese appartenenti ai settori economici G ed H) e non superiore a di euro. a) finanziamento bancario agevolato di durata massima pari a 7 anni di cui massimo 2 anni di preammortamento; b) sconto effetti di durata massima pari a 5 anni. Sia per a), sia per b), l agevolazione si concretizza nell abbattimento del tasso di interesse pari a: - 60% del tasso di riferimento europeo per le imprese aventi unità produttive nelle aree art c (tasso effettivo = 5,19%-60% = 2,08 %); - 50% del tasso di riferimento europeo per le imprese aventi unità produttive nelle altre aree della Regione (tasso effettivo = 5,19%-50%= 2,60%).

4 Regione Lombardia Nuove attività imprenditoriali Gruppo A) - Nuove imprese costituite in forma di società di persone e/o di capitale composte per i 2/3 da giovani in età dai 18 ai 35 anni compiuti e/o d donne e/o soggetti svantaggiati. I giovani imprenditori o le donne o i soggetti svantaggiati presenti nella compagine societaria dovranno detenere almeno i 2/3 delle quote del capitale sociale dell impresa. Gruppo B) - Nuove ditte individuali e imprese familiari operanti esclusivamente nel settore Manifatturiero (Sezione D - Ateco 2002) e dei servizi alle imprese e alle persone (Sezioni D, K, O 93); - Nuovi Studi Associati e Società professionali operanti in settori tecnicoscientifici; - Nuove imprese costituite a seguito di spin-off universitari; - Nuove imprese allocate presso incubatori di impresa; - Nuove imprese allocate nel settore dei servizi di cura per l infanzia. Per le imprese di cui al Gruppo B, non è richiesto il requisito dei 2/3 di cui alla lettera A. È necessaria l iscrizione al Registro delle Imprese al momento di presentazione della domanda (ma l iscrizione non deve essere antecedente di oltre 12 mesi). 1. adeguamenti tecnici ed impiantistici dell immobile sede dell attività; 2. beni strumentali nuovi ed usati, purché fatturati; 3. avvio attività in Franchising (fee di ingresso); 4. progettazione e realizzazione di un sito internet aziendale; 5. affitto dei locali sede dell iniziativa per un anno di attività; 6. automezzi strettamente necessari allo svolgimento del ciclo produttivo; 7. scorte non oltre il 10% dell investimento ammissibile; 8. acquisto di attività preesistenti di imprese operanti esclusivamente nel settore manifatturiero; 9. licenze di sfruttamento economico, brevetti industriali, software. Sono ammissibili le spese sostenute successivamente alla data di presentazione on-line della domanda. Finanziamento agevolato al tasso 0,10 % fisso (sul 70% dell importo finanziato) e al tasso euribor 6 mesi + 1,25% (sul 30% dell importo finanziato). L importo complessivo del finanziamento agevolato non può essere inferiore a euro e non può essere superiore a euro per le ditte individuali e associazioni professionali. Il massimale è elevabili a euro per le forme societarie (società di persone e di capitali). In ogni caso non può essere superiore all 80% dell investimento ammissibile. La durata del finanziamento agevolato va da un minimo di 3 anni e un massimo di 10 anni, con un periodo di preammortamento massimo di 2 anni. Regione Lombardia Sviluppo produttivo di Imprese Artigiane Imprese artigiane iscritte all Albo delle imprese artigiane. Progetti di investimento per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo. Sono ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spesa: - opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati (fino al 50% dell investimento complessivo ammissibile); - macchinari, automezzi, impianti specifici ed attrezzature nuovi di fabbrica o usati necessari per il conseguimento delle finalità produttive; - sistemi gestionali integrati (software & hardware); - acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione; - spese generali pari a massimo il 10% del costo complessivo del programma Fino al possono essere ammessi i progetti d investimento iniziati entro i sei mesi antecedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione e che verranno ultimati entro 12 mesi dalla data di presentazione della domanda stessa. A partire dall saranno ammessi esclusivamente i progetti iniziati successivamente alla data di presentazione della domanda e che verranno ultimati entro 12 mesi dalla data di concessione. Finanziamento agevolato (da euro a euro) composto da 1. La prima quota è a carico di istituti bancari (o di società di leasing) e presenta i seguenti tassi di interesse: - Fondi di Istituti finanziari convenzionati: Euribor + spread massimo di 1,25% (tasso variabile); IRS + spread massimo di 1,25% (tasso fisso). - Fondi di Società di leasing convenzionate: Euribor o IRS (tasso fisso) + spread massimo di 2,00% La seconda quota (con tasso fisso 0,50 %) copre il 40% dell importo da 36 mesi a 72 mesi compreso un periodo di preammortamento massimo di 2 semestri. Non sono previsti termini di presentazione. Le domande verranno registrate in ordine cronologico. Regione Lombardia Nuove Imprese Artigiane Nuove imprese artigiane costituite sotto qualsiasi forma ed iscritte all Albo delle imprese artigiane da non più di 12 mesi dalla data di presentazione della domanda di agevolazione. Per le nuove società costituite con la forma giuridica di società di capitale è prevista l applicazione di migliori condizioni agevolative. Avvio d impresa. Sono ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spesa: - opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati (fino al 50% dell investimento complessivo ammissibile); - macchinari, automezzi, impianti specifici ed attrezzature - usati o nuovi di fabbrica - necessari per il conseguimento delle finalità produttive; - sistemi gestionali integrati (software & hardware); - acquisizione di marchi, brevetti e di licenze di produzione; - spese di costituzione; - scorte fino ad un massimo di euro ,00; - oneri di locazione dell immobile sede della attività per un anno; - oneri relativi agli allacciamenti tecnologici. Fino al possono essere ammessi i progetti d investimento iniziati entro i sei mesi antecedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione e che verranno ultimati entro 12 mesi dalla data di presentazione della domanda stessa. A partire dall saranno ammessi esclusivamente i progetti iniziati successivamente alla data di presentazione della domanda e che verranno ultimati entro 12 mesi dalla data di concessione. Finanziamento agevolato (da euro a euro) composto da 1. La prima quota è a carico di istituti bancari (o di società di leasing) e presenta i seguenti tassi di interesse: - Fondi di Istituti finanziari convenzionati: Euribor + spread massimo di 1,50% (tasso variabile); IRS + spread massimo di 1,50% (tasso fisso). - Fondi di Società di leasing convenzionate: Euribor o IRS (tasso fisso) + spread massimo di 2,00% Per le società di capitali, la seconda quota (con tasso fisso 0,50 %) copre il 70% dell importo complessivo del finanziamento agevolato; per gli altri soggetti, la seconda quota (con tasso fisso 0,50 %) copre il 40% dell importo da 36 mesi a 72 mesi compreso un periodo di preammortamento massimo di 2 semestri. 53

5 54 Regione Lombardia Sviluppo tecnologico di Imprese Artigiane Imprese artigiane iscritte all Albo delle imprese artigiane. Progetti di innovazione che comportino ricerche, sviluppate internamente all impresa e/o con la collaborazione di Università, Centri di ricerca e/o soggetti professionali esterni, attività di trasferimento tecnologico, realizzazioni di nuovi prodotti e/o riorganizzazione innovativa dei processi produttivi. Sono ammissibili, al netto di IVA, i costi relativi alle seguenti tipologie di spesa: - personale dipendente utilizzato nelle fasi di ricerca, progettazione, realizzazione del prototipo, sperimentazione e collaudo finale (fino ad un massimo del 50% dell investimento complessivo ammissibile); - consulenze tecniche esterne utilizzate nelle medesime fasi; - acquisto di strumentazione di laboratorio, di misura e informatica, connessi all attività di ricerca e prototipazione; - materiali e lavorazioni esterne direttamente connessi all attività di ricerca e prototipazione (nella misura massima di ) - acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione. - spese generali pari a massimo il 10% del costo complessivo del programma. Fino al possono essere ammessi i progetti d investimento iniziati entro i sei mesi antecedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione e che verranno ultimati entro 12 mesi dalla data di presentazione della domanda stessa. A partire dall saranno ammessi esclusivamente i progetti iniziati successivamente alla data di presentazione della domanda e che verranno ultimati entro 12 mesi dalla data di concessione. Finanziamento agevolato (da euro a euro) composto da 1. La prima quota è a carico di istituti bancari convenzionati e presenta i seguenti tassi di interesse: Euribor + spread massimo di 1,25% (tasso variabile); IRS + spread massimo di 1,25% (tasso fisso). La seconda quota (con tasso fisso 0,50%) copre il 60% dell importo da 36 mesi a 72 mesi compreso un periodo di preammortamento massimo di 2 semestri. Regione Lombardia Trasferimento d impresa per Imprese Artigiane Imprese artigiane iscritte all Albo delle imprese artigiane. Il requisito di impresa artigiana è richiesto per almeno una delle parti, acquirente o venditrice. Trasferimento della proprietà aziendale di imprese economicamente e finanziariamente sane, attraverso operazioni di acquisizione da parte di nuove società costituite da persone fisiche (familiari o manager dell impresa o esterni), anche non artigiane, con la finalità di acquisire l impresa. L intervento ha l obiettivo di favorire: - il passaggio generazionale ed il mantenimento sul mercato di imprese valide e competitive; - la trasformazione di imprese a carattere preminentemente familiare in imprese manageriali. Valore della transazione (che dovrà essere documentato da apposita perizia asseverata redatta da professionista abilitato). L operazione di acquisizione deve avvenire entro i 6 mesi successivi alla data di concessione dell agevolazione. AGEVOLAZIONI Finanziamento agevolato (da euro a euro) composto da 1. La prima quota è a carico di istituti bancari convenzionati e presenta i seguenti tassi di interesse: Euribor + spread massimo di 1,25% (tasso variabile); IRS + spread massimo di 1,25% (tasso fisso). La seconda quota (con tasso fisso 0,50%) copre il 60% dell importo fino a 84 mesi compreso un periodo di preammortamento massimo di 2 semestri. L importo del finanziamento non potrà essere superiore a 5 volte il capitale sociale della nuova società (sottoscritto e versato) e non potrà essere superiore al valore della transazione. La concessione dell agevolazione avverrà a fronte della acquisizione della totalità della impresa acquisenda. Regione Veneto Acquisto di macchine utensili o di produzione Piccole e Medie Imprese Acquisto o leasing di macchine utensili o di produzione. A titolo esemplificativo, e non esaustivo, si considerano macchine utensili o di produzione: i sistemi di macchine, comprese le parti complementari e gli accessori; i macchinari e le attrezzature, portatili, fisse o semoventi, per manipolare, trasportare e sollevare materiali (gru, carri ponte, carrelli, carrelli elevatori, nastri trasportatori, ecc.); gli impianti di condizionamento d aria; gli impianti elettrici, di segnalazione ed audiovisivi. Contributo in c/interessi fino al 50% del Tasso europeo di riferimento (5,19% - aggiornamento aprile 2008). Regione Veneto Contributi in conto interessi per Imprese Artigiani Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. 1. impianto, ampliamento e ammodernamento dei locali posti al servizio dell attività artigiana dell impresa; 2. macchine, attrezzature e autoveicoli; 3. formazione di scorte di materie prime e di prodotti finiti. La costruzione dei locali deve avvenire su terreni di proprietà dell impresa, ovvero su terreno di cui l impresa disponga di diritto reale di godimento di durata non inferiore a quella della durata del finanziamento. L ammodernamento del laboratorio è ammissibile se i locali sono di proprietà dell impresa, ovvero l impresa disponga di diritto reale di godimento sui predetti locali di durata non inferiore a quella della durata del finanziamento. Nel caso di acquisto di macchine e attrezzature usate, sono necessarie: - la dichiarazione del venditore con specifiche attestazioni; - la perizia di un tecnico iscritto all albo con specifiche attestazioni. Le scorte devono riferirsi a beni nuovi di fabbrica con attestazione del fornitore o della banca, se non si evince dalla documentazione presentata. Sono ammissibili le spese da sostenere o quelle sostenute in data non anteriore a 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda. Contributi in c/interessi pari al 35% o al 45% (per le aree svantaggiate) del tasso di riferimento europeo (5,19%: aggiornamento aprile 2008) in abbattimento del tasso di interesse applicato dall istituto di credito, per un importo massimo di finanziamento pari a Euro. L erogazione del contributo decorre dal completo sostenimento delle spese previste. Il contributo in conto interessi è riconosciuto per una durata massima di: 10 anni per le spese ammissibili di cui al punto 1;

6 5 anni per le spese ammissibili di cui ai punti 2 e 3. Fino ad esaurimento risorse Regione Veneto Finanziamenti agevolati per imprese artigiane Piccole e Medie Imprese artigiane e loro consorzi. Sono ammissibili le seguenti tipologie di intervento: 1. spese di investimento per: acquisto, costruzione e ristrutturazione di immobili, impianti, macchinari (nuovi e usati rigenerati da rivenditore autorizzato) e attrezzature (nuove e usate rigenerate da rivenditore autorizzato), nonché automezzi e natanti (nuovi) in conto proprio e mezzi di trasporto (nuovi, targati e non targati) destinati all attività artigiana con esclusione delle autovetture non in versione autocarro e van ; acquisto di terreni destinati a insediamenti produttivi. 2. spese tecniche per: consulenza, progettazione, direzione e contabilità lavori, coordinamento della sicurezza nella misura massima complessiva del 10% delle spese ammissibili; 3. immobilizzazioni immateriali (investimenti in trasferimento di tecnologia attuati mediante registrazione e acquisto di diritti di brevetto, di licenze, di know-how e di conoscenze tecniche non brevettate); 4. prestiti partecipativi (finanziamenti bancari condizionati a parallelo aumento di capitale sociale di almeno metà dell ammontare del finanziamento stesso); 5. riequilibrio finanziario aziendale finalizzato a interventi a sostegno del capitale circolante ed effettuato per importo non superiore al 20% del magazzino medio rilevato dai bilanci degli ultimi tre esercizi; 6. consolido passività bancarie a breve finalizzato a interventi di consolidamento di debiti bancari contratti a breve termine (con esclusione dello smobilizzo di crediti commerciali) e/o operazioni di ristrutturazione finanziaria connessi a investimenti pregressi. Sono ammissibili le spese da effettuare e quelle effettuate (data fattura) in data non antecedente gli ultimi 6 mesi dalla data della domanda di agevolazione. L ammissione delle domande ha luogo entro 30 giorni lavorativi dalla presentazione delle stesse. Gli investimenti devono essere realizzati entro il termine massimo di 12 mesi dalla data di ammissione alle agevolazioni. Finanziamento agevolato o leasing agevolato, da un minimo di euro ad un massimo di euro, di durata massima pari 10 anni per investimenti immobiliari, e di 5 anni per gli altri investimenti. L agevolazione consiste nell abbattimento del tasso di interesse convenzionato (euribor a 3 o 6 mesi + max 2 punti di spread) applicato dalla banca o dalla società di leasing, nelle seguenti misure: - 50% per le ditte individuali e le società di persone - 45% i consorzi, comprese le società consortili - 40% per le restanti imprese Fino ad esaurimento risorse Regione Veneto Imprenditoria femminile Piccole e Medie Imprese, anche in forma cooperativa. Le imprese beneficiarie devono essere state costituite non prima del 1 gennaio 2004 e devono presentare i seguenti requisiti: - ditte individuali con titolare donna; - società con soci ed organi di amministrazione costituiti per almeno due terzi da donne e capitale sociale per almeno il 51% di proprietà di donne. Le imprese, come sopra descritte, devono appartenere ai seguenti settori di attività economiche: - Settore Primario Agroalimentare e Agroindustriale, Manifatturiero, Artigiano, Turistico, del Commercio e Servizi, altre attività. Per i settori manifatturiero, artigiano, commercio e servizi e altre attività: investimenti connessi ai locali adibiti all attività imprenditoriale; macchinari, attrezzature, mezzi di trasporto; arredi; brevetti; studi, progettazioni, consulenze. Per il settore turismo sono ammissibili gli investimenti da eseguire sulle seguenti tipologie di strutture: albergo, motel, villaggio-albergo, residenza turistico-alberghiera, residenza d epoca alberghiera, campeggio, villaggio turistico, agenzia di viaggio e turismo, stabilimento balneare. Per il settore agricoltura: costruzione, ampliamento, ristrutturazione fabbricati; opere edili e impianti strutturali; attrezzature, impianti produttivi e macchinari; mezzi mobili ad esclusivo uso aziendale; licenze software; studi, progettazioni, consulenze. Congiuntamente: - contributo a fondo perduto del 15%; - finanziamento agevolato (di importo pari all 85% del costo complessivo dell investimento) per una quota a tasso zero e per una quota a tasso euribor 3 o 6 mesi + spread massimo 1,5. Fino ad esaurimento risorse Regione Veneto Imprenditoria giovanile BENEFICIARI A) Imprese individuali i cui titolari siano persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni compiuti; B) Società e Cooperative i cui soci siano per almeno il 60% persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni compiuti ovvero il cui capitale sociale sia detenuto per almeno i due terzi da persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni compiuti. Non sono ammesse imprese che si configurino come continuazione di imprese preesistenti. I soggetti di cui ai punti A e B devono configurarsi come Piccole o Medie Imprese, devono essere costituite da non più di un anno dalla data di presentazione della domanda, e devono essere attive nei settori: - Agroalimentare e Agroindustriale, Manifatturiero, Artigiano, Turistico, Commercio e Servizi, Altre attività. Fino a euro: 1. impianti, macchinari e attrezzature; 2. progettazione e direzione lavori; 3. acquisto di brevetti/marchi e licenze software; 4. acquisto di software; 5. atti notarili di costituzione società; 6. analisi di mercato e promozione; 7. consulenza per l organizzazione aziendale; 8. ristrutturazione (compreso il restauro) di immobili. Sono ammesse le spese sostenuto dopo la presentazione della domanda. Non è ammesso l acquisto di beni usati. Congiuntamente: - contributo in conto capitale pari al 15% del costo del progetto ammesso e oggetto di realizzazione; - finanziamento bancario/leasing agevolato pari al 85% delle spese ammissibili tramite una quota di fondi regionali a tasso zero e una quota di provvista bancaria per la parte rimanente, regolata a tasso convenzionato (Euribor a 3 o 6 mesi + max 1,5 di spread). Presentazione a sportello. alla copertura di una quota parte degli interessi gravanti sul finanziamento bancario stipulato, a tasso fisso e per la durata massima di 5 anni, con gli Istituti di credito convenzionati. L abbattimento del tasso di interesse si articola come segue: - 60% degli interessi nel caso di soggetti pubblici, persone fisiche e condomini, nonché di microimprese (sui primi del finanziamento, l abbattimento degli interessi è del 100%); - 50% degli interessi nel caso delle imprese (escluse le microimprese già contemplate al punto precedente). In ogni caso l entità dei costi di investimento ammessi a contributo non potrà essere inferiore ad 2.500,00. Per le imprese, escluse le microimprese, l entità dei costi di investimento ammessi a contributo non potrà essere superiore a ,00. Clausola di esclusione di responsabilità lo Studio Supino non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il contenuto della tabella, che per il suo livello di sintesi si propone uno scopo meramente indicativo, e ricorda che fanno fede unicamente i testi della legislazione ufficiale pubblicati nelle edizioni cartacee dei regolamenti camerali, del BUR, della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana o della Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea. 55

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

Misura C SVILUPPO AZIENDALE

Misura C SVILUPPO AZIENDALE Oggetto Misura C SVILUPPO AZIENDALE Beneficiari Imprese artigiane singole o associate, anche di nuova costituzione, regolarmente iscritte al Registro delle imprese ed all Albo delle Imprese Artigiane,

Dettagli

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008)

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Assessorato alle Attività Produttive, Sviluppo economico e Piano Telematico Direzione Generale Attività Produttive,

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli

Circolare n 11. Oggetto. Quartu S.E., 22 novembre 2011

Circolare n 11. Oggetto. Quartu S.E., 22 novembre 2011 Quartu S.E., 22 novembre 2011 Circolare n 11 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce chiarimenti

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Legge 3/99 art.40 comma1 lettera d) ARTIGIANATO SCADENZA 30 GIUGNO 2009

Regione Emilia-Romagna Legge 3/99 art.40 comma1 lettera d) ARTIGIANATO SCADENZA 30 GIUGNO 2009 Regione Emilia-Romagna Legge 3/99 art.40 comma1 lettera d) ARTIGIANATO Eurocrea Consulting BENEFICIARI SCADENZA 30 GIUGNO 2009 Regione Emilia Romagna Pmi artigiane di produzione e servizio ubicate nella

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve Il Fondo di Rotazione regionale per il settore

Dettagli

OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO

OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO SPORTELLO ARTIGIANCASSA POINT FINANZIAMENTI LINEA KEY WOMAN FINANZIAMENTI SCORTE FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTOACQUISTO DI MACCHINARI, ATTREZZATURE, AUTOMEZZI

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

LEGGE NAZIONALE N. 598/94: FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA E LA TUTELA AMBIENTALE

LEGGE NAZIONALE N. 598/94: FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA E LA TUTELA AMBIENTALE LEGGE NAZIONALE N. 598/94: FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA E LA TUTELA AMBIENTALE FINALITÀ: Sostenere investimenti in innovazione tecnologica, tutela dell'ambiente e interventi volti

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale; B. CHI PUÒ PARTECIPARE A START UP? Per partecipare a Start Up, un impresa al momento della presentazione della domanda deve essere in possesso delle caratteristiche indicate di seguito ai punti 1, 2 e

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014 Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI Bergamo, Ottobre 2014 Agenda Interventi Nazionali Interventi Regione Lombardia Interventi Regione Piemonte Interventi Regione Puglia 2 Agenda Interventi

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli SSOMMARIIO DESTIINATARII... 2 1.1 I destinatari 2 COSA SII PUO FFARE... 3 2.1 Cosa si può fare 3 LLE AGEVOLLAZIIONII PREVIISTE... 4 3.1 Le agevolazioni previste

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro Contributi alle iniziative produttive nell ambito del P.O.I.C. Progetto Operativo per l Imprenditorialità

Dettagli

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE Informativa Soggetti beneficiari: 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio

Dettagli

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Fondo di Rotazione ex LR 5/2001 (Sezione C) Contributi ex LR 9/2007!1 RIEPILOGO NORMATIVA Requisiti soggetto proponente

Dettagli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Le agevolazioni previste per la microimpresa sono rivolte a società di persone di nuova costituzione che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA Finanza Agevolata - Regione Lombardia Fondo di Rotazione per l imprenditorialità Linea di intervento n. 8 : Start up d impresa di giovani, donne e soggetti svantaggiati BENEFICIARI PMI che alla data di

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove Start

Dettagli

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 )

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12

Dettagli

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R.

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. 21/2008) 1 La L.R. 29 aprile 2008, n. 21 è stata modificata e ampliata in modo

Dettagli

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR 2007/2013) Obiettivo: Competitività ed Occupazione Titolo

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese

Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese Amministrazione finanziarie finanziarie pubbliche per le imprese a cura di Carmine Supino - Studio Supino Continua la Rubrica dedicata alle AGEVOLAZIONI Finanziarie Pubbliche rivolte alle imprese. In questa

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011 15 giugno 2011 FINALITA E STANZIAMENTO 2011 Finalità: Agevolare l accesso al credito delle pmi milanesi attraverso l erogazione

Dettagli

L. R. 23/04 COOPERATIVE Finanziamento agevolato investimenti

L. R. 23/04 COOPERATIVE Finanziamento agevolato investimenti Finanziamento agevolato investimenti Beneficiari: società cooperative a mutualità prevalente ed i loro consorzi che hanno sede nel territorio della Regione Piemonte, con esclusione delle cooperative edilizie

Dettagli

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE DI FINALE EMILIA

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE DI FINALE EMILIA FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE DI FINALE EMILIA Questo finanziamento è ancora disponibili grazie ad un nuovo intervento del Comune di Finale Emilia a sostegno del rafforzamento e dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VALDISOTTO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTIGIANFIDI LOMBARDIA, CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO,

Dettagli

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA Settembre 2015 BANDI DI PROSSIMA SCADENZA VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE Voucher a fondo perduto di importo pari 10mila Euro a fronte di una spesa minima di 13.000 Euro, può essere richiesto da micro,

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X Start Up Settori di intervento Sono ammissibili gli investimenti riguardanti i settori di cui all allegato A del Regolamento. Sono validi i divieti e le limitazioni derivanti dalle vigenti normative dell

Dettagli

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A 10122 Torino Via Sant Agostino, 12 10024 Moncalieri (TO) Via Real Collegio, 6 Tel. +39 011 4366646/6404991 - Fax +39 011 2274327 AGOSTO 2010 Pur essendo posta la massima cura nello studio e nella redazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 "Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese" Beneficiari

LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese Beneficiari LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 "Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese" Provvedimento Numero provvedimento 1 Anno di provvedimento 2009 Tipo provvedimento Legge regionale

Dettagli

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi:

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi: L.R. 28/99 COMMERCIO Piccole imprese commerciali esercenti attività di vendita al dettaglio in sede fissa o ambulante, somministrazione al pubblico di alimenti o bevande, rivendita giornali e riviste,

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto proposte dal Cofim per il 2003, sono ancora disponibili i finanziamenti per lo sviluppo della nuova impresa femminile: un iniziativa

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare a livello produttivo i risultati della ricerca in settori

Dettagli

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima.

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. C.R.I.A.S. Credito di esercizio Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. Finanziamento destinato a sopperire

Dettagli

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego Agevolazioni Pagina 1 di 6 INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego FONTI NORMATIVE D.Lgs 21/04/2000, n.185 G.U. 06/07/ 2000, n. 156 Decreto 28/05/2001, n. 295 G.U. 19/07/2001 n. 166

Dettagli

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA D.Bartolo Divisione Corporate Gestione Operativa Agevolati, Incentivi e Innovazione Finanziamenti Agevolati Internazionali Portobuffolè, 29/09/2014 Agenda 1. I

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO INVESTIMENTI INNOVATIVI: FINANZIAMENTO AGEVOLATO E CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE PICCOLE, MEDIE E GRANDI IMPRESE DELLE REGIONI CONVERGENZA BENEFICIARI Le agevolazioni,

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II)

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) LAVORO AUTONOMO Questa agevolazione è rivolta ai giovani che vogliono avviare un attività di lavoro autonomo in forma di

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 6 febbraio 2015 Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità della FINANZIARIA

Dettagli

FININDUSTRIA srl Holding di partecipazione di Confindustria Taranto

FININDUSTRIA srl Holding di partecipazione di Confindustria Taranto Speciale - NIDI Nuove Iniziative D Impresa Regione Puglia PO FESR 2007 2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Linea di intervento 6.1.5 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative A chi è rivolto iniziative strutturate sotto forma

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del LA MISSION: Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni.

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni. Palermo, 20 novembre 2013 Oggetto: SMART & START In relazione all ampia disponibilità di fondi ancora non utilizzati e considerato il buon esito dei progetti fin ora presentati si ripropongono di seguito

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto del Cofim per il 2003 spicca questa proposta innovativa, nata dall azione del Comitato per l Imprenditoria Femminile della provincia

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

Confidi Abruzzo Banca dell Adriatico FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS

Confidi Abruzzo Banca dell Adriatico FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS Finanziamento a medio lungo termine finalizzato a sostenere ogni tipologia di investimento correlato all attività economica professionale della azienda Small Business.

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli