La nuova previdenza degli Ingegneri InarCassa. Nuovo Regolamento generale di Previdenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nuova previdenza degli Ingegneri InarCassa. Nuovo Regolamento generale di Previdenza"

Transcript

1 La nuova previdenza degli Ingegneri InarCassa. Nuovo Regolamento generale di Previdenza S E M I N A R I O Il Vicepresidente, Giuseppe Santoro L A T I N A, 17 G I U G N O

2 1. Inarcassa: principali statistiche di riferimento 2

3 I dati 1 Evoluzione degli iscritti Cassa post privatizzazione del 1995 (1) ( , var % totale e, in parentesi, media annua) +167% (5,9%) +164% (6,0%) +171% (5,9%) (1) Iscritti attivi e pensionati contribuenti. 3

4 I dati 2 Evoluzione degli iscritti Cassa post privatizzazione del 1995 ( ) GIOVANI under 35 Iscritti Anno (1) Giovani under 35 (a) in % iscritti totali (a/b) 29,3 28,7 29,2 27,3 21,6 20,8 per memoria: Iscritti totali (b) di cui: pensionati contrib. (c) in % iscritti totali (c/b) 3,8 3,4 2,8 2,7 4,9 5,7 1 Anno di picco massimo del numero dei giovani under 35. 4

5 I dati 3 il saldo previdenziale è risultato sempre positivo (contributi > prestazioni), contribuendo alla crescita sostenuta del patrimonio Contributi e Prestazioni, (1) (importi in migliaia di euro) Prestazioni previdenziali Contributi previdenziali Patrimonio netto, (1) (in valore assoluto e in rapporto agli iscritti) (1) Dati provvisori per il 2013 i rendimenti del patrimonio hanno contribuito alla crescita del patrimonio di Inarcassa (1) Dati provvisori per il

6 I dati 4 I costi di gestione sono tornati ai livelli di 10 anni fa ,3 24,5 25,3 24,4 25, ,7 23, ,9 21, , nonostante gli associati dal 2004 siano cresciuti del 45%, il numero delle prestazioni erogate dell 80% e il patrimonio sia aumentato di 2 volte e mezzo 6

7 I dati 5 Ingegneri e Architetti iscritti a Inarcassa: gli effetti della crisi sono stati particolarmente severi, perché legati al crollo del mercato immobiliare Nel periodo , il reddito medio è diminuito: Architetti: -24,4% Ingegneri: -17,7% gli Architetti hanno sofferto di più la loro attività è infatti concentrata nel settore edilizia e costruzioni, da cui ha preso avvio la crisi 7

8 I dati 6 il gender gap, pur rimanendo ancora molto ampio, si è ridotto Architetti e Ingegneri donne: reddito medio, 2007 e 2012 (importi in euro) 8

9 I dati 7 il gap di reddito fra generazioni diverse, si è ridotto Iscritti Inarcassa: reddito medio under e over 40 anni, 2007 e 2012 hanno maggiormente risentito della crisi gli iscritti con studi professionali più strutturati 9

10 I dati 8 Reddito medio degli iscritti, (distribuzione per titolo di studio e sesso; importi in euro correnti) Anni Ingegneri Totale iscritti Architetti M F M F Variazioni % ,1-17,7-17,2-7,9-24,4-25,6-17,3 10

11 I dati 9 Iscritti agli albi professionali Ingegneri Architetti = Iscritti ai corsi di laurea nell a.a. 2011/ Ingegneri Architetti = Elaborazioni Inarcassa su dati MIUR) 11

12 Liberi professionisti si nasce o si diventa? 2. Quale attività lavorativa! Prestazione occasionale? Apertura di Partita Iva? 12

13 Come svolgere la professione 1 Cos è una prestazione occasionale? E un rapporto di lavoro di durata complessiva, non superiore, nell anno solare, a 30 gg. con lo stesso committente; il compenso complessivo annuo che il prestatore percepisce dallo stesso committente < (Art. 61 D. lgs. 276/ Art. 4 L.30/2003 Circolare Inps 103/2004) L art.61 esclude da questo tipo di rapporto di lavoro: professionisti intellettuali, con iscrizione ad apposito albo; chi ha rapporti di collaborazione coordinata e continuativa con associazioni o società sportive associate a federazioni nazionali o ad enti di promozione sportiva riconosciute dal Coni; dipendenti di pubbliche amministrazioni; componenti organi di amministrazione e controllo delle società; partecipanti a collegi e commissioni. 13

14 Come svolgere la professione 2 Cosa vuol dire aprire la partita Iva* Imprenditori di se stessi; Rischio d impresa; Rischio di risultato; Cambia il capitale d apporto: Spese/accantonamenti obbligatori (P.O.S.? - Fatturazione elettronica 3/2015); Spese d aggiornamento (L. 81, A.p.e., hardware, software, etc.); Spese imprenditoriali (licenze, attrezzature, ); * Per tutti i tipi di fatturazione BLT 2013 nr.12 14

15 Come svolgere la professione 3 Spese obbligatorie per un giovane iscritto All Ordine degli Ingegneri della Provincia di Latina* ed accantonamenti previdenziali Iscrizione Ordine 100,00 3% (primi 2 anni iscrizione; in seguito 150); Polizza R.C. prof. Commercialista 230,00 8% (Convenzione Inarcassa-Willis Lloyd's); 600,00 20% (iva minimi, dich. Unico e previdenziali, libri etc); Internet 504,00 17% (attivazione, modem, adsl 20 mb, pec mail); Formazione 500,00 17% (stima costi); Inarcassa 1.065,00 35% (< 35 x 5 anni; Polizza Sanitaria, Inabilità, Maternità Sommano 3.000,00 circa Figli disabili, Finanziamenti, Giovani madri, Mutui); Spese varie = 65% Inarcassa = 35% ( sul montante capitale - con 25 anni iscr. intera anche non continuativi); * Riferimento

16 Il sistema pensionistico italiano 16

17 Il sistema pensionistico italiano 1 I pilastro Sistema Pubblico dipendenti pubblici dipendenti privati lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti) Sistema Privato liberi professionisti (ingegneri, architetti, geometri, avvocati e anche medici, giornalisti in qualità di dipendenti) Enti previdenziali pubblici INPS (che ha di recente incorporato INPDAP e ENPALS) Enti/Casse Enti/Casse privatizzate dlgs. 509/1994 (Inarcassa, Cassa geometri, Cassa Forense ) Enti privati d.lgs. 103/1996 (EPPI, EPAP ) Principali caratteristiche: adesione: obbligatoria regime di finanziamento: a ripartizione 17

18 Il sistema pensionistico italiano 2 II pilastro Fondi pensione (previdenza complementare su base collettiva e individuale) di cui al d.lgs. 252/2005 III pilastro Assicurazioni sulla vita (su base individuale) Fondi negoziali Fondi aperti PIP (Piani Individuali Pensionistici) Fondi preesistenti Contratti di assicurazione non regolati dal d.lgs. 252/2005 Principali caratteristiche: adesione: volontaria regime di finanziamento: a capitalizzazione 18

19 Il sistema pensionistico italiano 3 Le modalità di finanziamento Sistemi a ripartizione (pay-as-you-go) Sistema tecnico-finanziario in cui i contributi versati dagli iscritti (attivi) sono utilizzati per pagare le rate (correnti) delle pensioni in essere in genere è il sistema utilizzato dalla previdenza obbligatoria di I pilastro, che presenta, al suo interno, elementi solidaristici e di redistribuzione vs. Sistemi a capitalizzazione Sistema tecnico-finanziario in cui i contributi versati da ciascun iscritto sono accumulati, investiti e rivalutati in base al rendimento finanziario netto derivante dal loro impiego finanziario in genere è il sistema utilizzato dalla previdenza complementare di II pilastro, che non prevede interventi solidaristici ai fini dell equilibrio finanziario, i sistemi a ripartizione non hanno problemi in periodi di forte crescita economica e occupazionale, mentre entrano in crisi in presenza di bassi livelli di sviluppo economico e occupazionale e di processi di invecchiamento della popolazione ai fini dell equilibrio finanziario, i sistemi a capitalizzazione sono meno esposti agli andamenti dei livelli occupazionali e al processo di invecchiamento della popolazione, ma risentono fortemente dell andamento dei mercati finanziati 19

20 Il sistema pensionistico italiano 4 Le modalità di calcolo della pensione I due diversi criteri di determinazione delle pensioni metodo di calcolo retributivo metodo di calcolo contributivo prescindono dalle modalità di finanziamento 20

21 Il sistema pensionistico italiano 5 Metodo retributivo la pensione annua è pari ad una percentuale del reddito pensionabile vs. Metodo contributivo la pensione annua è ottenuta dividendo il montante contributivo individuale per la speranza di vita all età del pensionamento P = β *Rp * a dove: P = f (MC; Ct) dove: β = coefficienti di rendimento annuo attribuiti per ogni anno di anzianità contributiva Rp = retribuzione pensionabile pari ad una media dei redditi* percepiti durante (una parte o tutta) la vita lavorativa a = anzianità contributiva * con redditi molto bassi, anche con il metodo di calcolo retributivo, la pensione sarà molto bassa MC = montante contributivo individuale ottenuto con la capitalizzazione dei contributi, a un tasso fissato convenzionalmente (solitamente Pil o Monte redditi) o al tasso di rendimento dei mercati finanziari Ct = coefficiente di trasformazione costruito tenendo conto della speranza di vita al pensionamento (divisore o moltiplicatore, a seconda che rappresenti la speranza di vita o il suo reciproco) 21

22 3. Decreto Salva Italia cambia la Previdenza delle Casse Privatizzate? Inarcassa cambia La Previdenza! RGP

23 Cosa è cambiato in breve 1 Contributo soggettivo* Aliquota di contribuzione: 14,5% inalterata (under 35 per 5 anni fino a 35 anni ridotto 7,25%); innalzamento tetto reddito ,00 e abolizione del 3% sopra tetto; Minimo: anche dai pensionati contribuenti/iscritti (il 50%); Facoltativo: max 8,5% del reddito fino al tetto; minimo 185 ; Agevolazioni giovani iscritti: riduzione per i primi 5 anni e fino all età max di 35; accredito figurativo comprensivo di interessi, per chi ha fruito della riduzione, fino a contribuzione piena, in caso d iscrizione intera per 25 anni, anche non continuativi. *GS Inps: Soggetti già iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria o già titolari di pensione: aliquota 22%...24%; Liberi professionisti privi di altra copertura previdenziale obbligatoria 27%+0,72%; Altri soggetti iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata diversi dai liberi professionisti 28%+0,72%. 23

24 Cosa è cambiato in breve 2 Deroga contributo soggettivo minimo. Una scelta consapevole! Possibilità di deroga pagamento del contributo minimo soggettivo chiusa il per gli iscritti che prevedono reddito professionale < reddito limite ( per il 2014); soggetti interessati: iscritti attivi, ad esclusione < 35 e dei pensionati contribuenti (iscritti che godono già di agevolazioni contributive) max 5 anni anche non continuativi; Versamento contributo soggettivo (14,5%) applicato al reddito prodotto; in caso di versamento inferiore al contributo minimo previsto, l anzianità sarà proporzionalmente ridotta*; Possibilità integrare entro i successivi 5 anni - la contribuzione tramite pagamento della differenza tra la contribuzione minima soggettiva e quanto effettivamente versato. *GS Inps. Accredito contributi basato sul minimale di reddito. Se nell anno non viene raggiunto il minimale, 2014 = , vi sarà una riduzione dei mesi accreditati in proporzione al contributo versato; contributo minimo per iscritti cui è applicata aliquota del 22% per accredito dell intero anno: 3.413,52 24

25 Cosa è cambiato in breve 3 Contributo soggettivo minimo Minimo 2014 = pari ad un reddito di Esempio. Dichiarato on line entro il che reddito < ; Pagherò 753 (integrativo maternità 83) alle scadenze (30/6 e 30/9); Ottobre 2015 dich on line: reddito = ; Contributo soggettivo al x 14,5% = Anzianità corrispondente = 233 giorni anziché 365; Entro il posso versare 825 ( ) + 64 (interesse 1,5% (1) per 5 anni). In questo modo avrò riconosciuta l anzianità intera di un anno; Se invece ad Ottobre 2015 con dich on line il reddito = > ; Contributo soggettivo al x 14,5% = 2.900; Su pago interesse di 150 (2) mentre su 625 nessun interesse; (1) valore minimo previsto per il tasso di capitalizzazione dei contributi di cui all art. 26 del RGP2012 (2) tasso del 4,75% (BCE+4,5%) applicato dalle scadenze istituzionali ordinarie (30/06 per la prima rata e 30/09 per la seconda rata dei minimi) alla data del 31/12/

26 Cosa è cambiato in breve 4 Contributo integrativo Aliquota di contribuzione: 4,0% Minimo: anche dai pensionati contribuenti/iscritti (il 50%); Agevolazioni giovani iscritti: riduzione per i primi 5 anni e fino all età max di 35; accredito figurativo comprensivo di interessi, per chi ha fruito della riduzione, fino a contribuzione piena, in caso d iscrizione intera per 25 anni anche non continuativi. 26

27 Cosa è cambiato in breve 5 Confronto Casse CONTRIBUTI MINIMI (soggettivo e integrativo) e di MATERNITA, 2014 (importi in euro correnti, Casse in ordine decrescente rispetto al Totale ) Contributo soggettivo minimo (A) Contributo integrativo minimo (B) Contributo di maternità (C) TOTALE (A+B+C) Cassa Ragionieri Cassa Forense Cassa Geometri Cassa Commercialisti Inarcassa (758,50) 670 (223,50) Ragionieri: Hanno diminuito sensibilmente Integrativo. Geometri: 2014 uguali Forense, Commercialisti, Inarcassa: Valori 2014 adeguati inflazione del

28 Cosa è cambiato in breve 6 >> Contributo integrativo Retrocessione a previdenza contributo integrativo Parte del contributo integrativo entra nel montante contributivo: in misura (inversa) dell anzianità retributiva maturata al 31/12/2012: 50,00% fino a 10 anni anzianità in quota retributiva (ogni 1000 versati, 500,00 montante); 43,75% da > 10 a 20 anni anzianità in quota retributiva (ogni 1000/437,50 montante); 37,50% da > 20 a 30 anni anzianità in quota retributiva (ogni 1000/375,00 montante); 25,00% > 30 anni anzianità in quota retributiva/pensionato altro ente (ogni 1000/250 montante). Introdotta soglia massima al volume affari Iva, oltre cui non è prevista la retrocessione, pari a euro (ndr integrativo a favore giovani e posizioni deboli). 28

29 Cosa è cambiato in breve 7 >> Contributo integrativo Collaborazione fra professionisti Dal 1 gennaio 2013, il contributo integrativo è dovuto anche sui corrispettivi relativi alle prestazioni effettuate in favore di ingegneri, architetti, associazioni o società di professionisti e società di ingegneria. Il soggetto cui è addebitato il contributo integrativo può dedurlo dal totale del contributo integrativo dovuto a Inarcassa in base al proprio volume d affari professionale calcolato annualmente ai fini Iva. Es. Ing. Neri ha prodotto nel 2013 volume iva professionale di ed ha pagato compensi, per collaborazioni con Arch. Azzurri, per Gli è stato anticipato contributo integrativo per (4% di ) corrispondendone (4% di ). 400 A saldo potrà decidere di dedurre versando un contributo di In tal caso all Ing. Neri, se al ha 10 anni o meno d iscrizione Inarcassa, sarà applicato il 50% di retrocessione su 800 ( 400). 29

30 Cosa è cambiato in breve 8 Perché questi minimi? Previdenza come Welfare Pensione di inabilità Pensione di invalidità Pensione minima Indennità di Maternità Pensione di reversibilità Pensione/sussidio figli disabili Agevolazioni contributive per i giovani under 35 e accredito figurativo Indennità per inabilità temporanea Sussidi Assistenza sanitaria Prestiti di onore per giovani e madri Finanziamenti On Line Agevolati Mutui fiduciari edilizi a tassi agevolati L iscrizione e il versamento dei contributi (anche solo dei minimi) dà diritto ad una vasta gamma di prestazioni e servizi socioassistenziali Nel complesso si tratta di oltre 97 milioni di euro nel 2013* (21% della spesa totale per prestazioni) * Dato provvisorio 30

31 Cosa è cambiato in breve 9 Contributo di solidarietà per i pensionati In linea con quanto disposto dal Decreto Salva Italia, la Riforma di Inarcassa introduce, per il 2013 e il 2014, un contributo di solidarietà, straordinario e transitorio, a carico dei pensionati, calcolato sulla quota retributiva di pensione: 1% per i pensionati non più iscritti; 2% per i pensionati iscritti e per i pensionati di anzianità. Sono escluse le pensioni di inabilità, invalidità, reversibilità, indirette e le pensioni di importo inferiore alla pensione minima. 31

32 Cosa è cambiato in breve 10 Pensione di Vecchiaia Unificata PVU La Pensione di Vecchiaia Unificata ècostituita da due quote: - una relativa ai periodi maturati fino al 31 dicembre 2012, calcolata con il metodo (retributivo) vigente fino a tale data; -una contributiva, per le anzianità a partire dal 1 gennaio

33 Cosa è cambiato in breve 11 >> Pensione di Vecchiaia Unificata Quota relativa ai periodi maturati fino al 31/12/2012 a) Quota retributiva, calcolata con le regole in vigore prima della Riforma del 2012, con le seguenti precisazioni: - periodo di riferimento per calcolo reddito medio pensionabile: i migliori 22 redditi degli ultimi 27 dichiarati (il reddito relativo all anno fiscale 2012 è l ultimo reddito utile per il calcolo della quota retributiva di pensione). - riduzione quota retributiva in caso di pensionamento anticipato: in modo da rendere equivalente, in termini attuariali, l anticipo del pensionamento rispetto all età ordinaria. b) Quota contributiva, calcolata con le regole in vigore prima della Riforma del 2012, per coloro che non hanno accesso ai requisiti necessari al trattamento retributivo. 33

34 Cosa è cambiato in breve 12 >> Pensione di Vecchiaia Unificata Quota contributiva per le anzianità a partire dal 1/1/2013 Il montante è formato da: - contributo soggettivo - parte del contributo integrativo - contributi figurativi agevolazioni giovani - contributo facoltativo - contributi da riscatto e da ricongiunzione (R&R) relativi a: periodi che si collocano dopo il 2012 quindi: il giovane che si iscriverà alla Cassa negli anni futuri e che riscatterà periodi di laurea che cadono dopo il 2012 E rivalutato: - con variazione media quinquennale monte redditi iscritti (Pil Inarcassa), con un minimo dell 1,5% (ndr Inps 0,2% 2013 e 0,xx 2014); prevista possibilità ulteriore rivalutazione con parte del rendimento realizzato sul patrimonio di Inarcassa, subordinatamente alla verifica della sostenibilità; E trasformato: -con coefficienti specifici, per coorte, aggiornati annualmente, con riferimento alla coorte che raggiunge l età ordinaria di pensionamento (ndr anno 1948 = 4,426% a 57 anni; 5,655% a 65 anni; 11,655% a 80 anni anno 1949 = 4,380% a 57 anni; 5,617% a 65 anni; 11,390% a 80 anni) 34

35 Cosa è cambiato in breve 13 >> Pensione di Vecchiaia Unificata Requisiti ordinari di accesso Ad esclusione di alcuni casi previsti dalle norme transitorie la pensione di vecchiaia unificata si consegue al raggiungimento dei seguenti requisiti: - età pensionabile ordinaria: elevazione di 3 mesi/anno. Possibilità anticipo pensionamento a partire dai 63 anni o posticipo a 70 anni; - anzianità contributiva minima: aumento di 6 mesi/anno fino ad arrivare a 35 anni nel Non è prevista anzianità contributiva minima a 70 anni d età, tuttavia, la pensione sarà calcolata interamente con metodo contributivo. L aumento dell età pensionabile consente una pensione di importo più elevato. 35

36 Cosa è cambiato in breve 14 >> Pensione di Vecchiaia Unificata Requisiti ordinari di accesso: riepilogo Anno Età Anzianità anni 30 anni anni e 3 mesi 30 anni e 6 mesi anni e 6 mesi 31 anni anni e 9 mesi 31 anni e 6 mesi anni 32 anni Adeguamento automatico speranza di vita: 2018 In base alle Tavole ISTAT 32 anni e 6 mesi (scenario centrale), 33 anni 2020 per il periodo dal 2017 al 33 anni e 6 mesi 2023, all età di 66 anni è 2021 previsto un miglioramento 34 anni 2022 della vita attesa pari a circa 8-34 anni e 6 mesi mesi 35 anni 36

37 Cosa è cambiato in breve 15 Pensione Minima* L istituto della pensione minima (pari a nel 2014) è mantenuto anche nel metodo contributivo, ma non spetta: i) se ISEE** nucleo familiare del pensionando > annui (rivalutati); ii) se si va in pensione a 70 anni senza aver maturato requisito contributivo minimo; iii) se il pensionato ha un trattamento pensionistico diretto di altro Ente; iv) in caso di prestazione previdenziale contributiva (come da precedente normativa); v) nei casi di pensione di anzianità e pensione di vecchiaia unificata anticipata; vi) nel caso di totalizzazione. L importo della pensione minima non può essere superiore alla media dei 20 redditi professionali rivalutati precedenti il pensionamento (condizione non valida per i trattamenti di invalidità, inabilità e indiretti ai superstiti). * Approvate dai Ministeri vigilanti modifiche regolamentari su casistiche particolari. ** Indicatore situazione economica equivalente. 37

38 Cosa è cambiato in breve 16 Pensione Minima Casi particolari (modifiche approvate dai Ministeri Vigilanti il 26/03/2014) Clausola di salvaguardia Per i soli professionisti a basso reddito (con una Media Reddituale Pensionabile inferiore al valore della pensione minima), alle anzianità maturate entro il 31 dicembre 2012 verrà applicato il sistema di calcolo contributivo se più favorevole per l iscritto rispetto al metodo retributivo Pensione minima Pro-rata Per i professionisti in possesso al 31/12/2012 di almeno 50 anni di età e 20 anni di anzianità, fermo restando il requisito dell ISEE, la quota di pensione minima ante 2013 si calcola con la formula Pm = Vo * Ar/At Pm: quota di pensione ante 2013 Vo: valore minimo fissato per l anno ( per il 2014) Ar: anzianità in quota retributiva At: anzianità totale al momento del pensionamento Il trattamento integrato non può mai superare il valore limite fissato per l anno di pensionamento, mentre non sarà applicato il limite della media ventennale dei redditi 38

39 4. L importanza di conoscere Il sostegno di Inarcassa alla professione 39

40 L importanza di conoscere 1 L importanza della contribuzione nel metodo contributivo ai fini dell importo della pensione finale Le nuove prestazioni contributive dipenderanno sensibilmente dai contributi versati durante la carriera professionale Il livello della pensione dipende cioè dalla propensione al risparmio di ciascun iscritto 40

41 L importanza di conoscere 2 I contributi versati a inizio della carriera professionale hanno un peso maggiore: (a parità di contribuzione versata, le prestazioni possono risultare diverse) Un esempio 3 professionisti in 35 anni di vita lavorativa corrispondono gli stessi contributi: i versa contributi più elevati a fine carriera Pensione = ii versa un contributo annuo costante Pensione = iii versa contributi più elevati a inizio carriera Pensione = i) Contribuzione crescente ii) Contribuzione costante iii) Contribuzione decrescente Dinamica dei contributi corrisposti per anzianità contributi versati = Pensione = Dinamica dei contributi corrisposti per anzianità contributi versati = Pensione = Dinamica dei contributi corrisposti per anzianità contributi versati = Pensione = Nota: La pensione è stata calcolata con un tasso di capitalizzazione dell 1,5% 41

42 L adeguatezza delle prestazioni ed il sostegno alla professione 1 Iniziative di Inarcassa per: giovani Agevolazioni contributive Accredito figurativo Retrocessione a previdenza di una quota del contributo integrativo più elevata per gli iscritti più giovani (2%) Prestiti d onore Polizza responsabilità civile a tariffa agevolata (per giovani fino a 35 anni) si tratta di oltre 40 milioni di euro nel 2013* (pari al 43% delle prestazioni assistenziali totali) destinati in prospettiva ad aumentare via via che i nuovi istituti (introdotti dalla Riforma 2012) entreranno a regime (ad es., l accredito figurativo) donne Indennità di maternità Prestiti d onore: - a favore delle iscritte madri di figli in età prescolare o scolare fino a 16 anni (fino a con abbattimento totale degli interessi a totale carico di Inarcassa) si tratta di circa 15 milioni di euro nel 2013* (pari al 15% delle prestazioni assistenziali totali) * dato provvisorio 42

43 L adeguatezza delle prestazioni ed il sostegno alla professione 2 Iniziative di Inarcassa in campo socio-sanitario Assistenza sanitaria Indennità di inabilità temporanea Assoluta (ITA) Sussidi in presenza di figli con grave disabilità (accertata ai sensi della L.104/1992) Pens. di reversibilità con figli con grave disabilità (accertata ai sensi della L. 104/1992): riconoscimento 100% della pensione percepita dal deceduto si tratta di oltre 13 milioni di euro nel 2013* (pari al 14% delle prestazioni assistenziali totali) * dato provvisorio 43

44 L adeguatezza delle prestazioni ed il sostegno alla professione 3 Altre iniziative la Fondazione degli Architetti e degli Ingegneri liberi professionisti iscritti ad Inarcassa, per la promozione, sviluppo e sostegno dell architetto e dello ingegnere che esercita la libera professione in forma esclusiva. Ricorsi: Bagheria (prestazioni 1 ); Città delle Madonie (bando per soli dipendenti pubblici); Casalpusterlengo (competenze ridicole per progettazione p.d.e.). Bando concorso Città della Scienza Napoli; La destinazione del 2% del patrimonio in progetti a sostegno dei professionisti per lo sviluppo infrastrutturale del Paese a condizione che, oltre a portare effettivi e concreti benefici alla professione, assicurino ritorni coerenti con i parametri rischio/rendimento dell'aas; nel settore dei fondi per le scuole: con l adesione quale socio investitore (per un ammontare di 5 milioni) al fondo di investimento sponsorizzato dal Comune di Bologna per la valorizzazione degli istituti scolastici; sinergia con altre casse tecniche costituita S.p.A. ARPINGE, senza normative speciali e senza forze esterne. Effettuare investimenti nelle infrastrutture per creare opportunità di lavoro e raggiungere obiettivi sociali come ad es. strutture sanitarie per anziani. Capitale iniziale 100 milioni con l'ambizione di raggiungere un target di investimento pari a 500 milioni di euro, tramite il coinvolgimento progressivo di nuovi investitori; Giovani Spazi : Concorsi di idee per i giovani professionisti: Roma, Torino, Sardegna; 44

45 L adeguatezza delle prestazioni ed il sostegno alla professione 4 Altre iniziative (segue) Iniziative su rateazione/dilazione contributi 150 mln per favorire l accesso al credito dei propri associati attraverso lo strumento della dilazione dei contributi: Minimi 2013: possibilità di dilazione e rateazione dei minimi (domande presentate: 6.808) Conguaglio 2012: possibilità di rateazione del conguaglio 2012 (domande presentate: 7.426) possibilità di pagare conguaglio sui redditi 2012 fino ad aprile 2013 Conguagli pregressi: possibilità di pagare i conguagli degli anni pregressi in 36 rate 2014 Minimi 2014: possibilità di rateazione bimestrale dei minimi 2014 (domande presentate: 9.320) Conguaglio 2013: possibilità di pagare il conguaglio sui redditi 2013 fino ad aprile 2014 Conguagli anni pregressi: possibilità di pagare i conguagli degli anni pregressi in 36 rate Possibilità di deroga dei minimi per un periodo massimo di 5 anni 45

46 L adeguatezza delle prestazioni ed il sostegno alla professione 5 >> L importanza di conoscere Dati in archivio posizione previdenziale verifica dei requisiti Parametri di simulazione: data del pensionamento redditi futuri ammontare della contribuzione volontaria Simulazione importo della pensione futura La busta arancione per Inarcassa è un click 46

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

INFORMATIVA DICEMBRE 2012

INFORMATIVA DICEMBRE 2012 1 DELEGATO INARCASSA PROV. DELL AQUILA ING. RENATO DI LORETO Via A. Tirabassi, 4 67051 Avezzano (AQ) TEL/FAX 0863.455920-393.9687826-348.0720128 e-mail: diloreto.renato@tiscali.it INFORMATIVA DICEMBRE

Dettagli

La Previdenza di Inarcassa

La Previdenza di Inarcassa La Previdenza di Inarcassa Seminario formativo Inarcassa Nuovi Delegati Roma, 1 luglio 2015 Dott. Fabrizio Fiore, Direzione Attività Istituzionali Premessa Il welfare di Inarcassa Il welfare è composto

Dettagli

INFORMATIVA INARCASSA

INFORMATIVA INARCASSA INFORMATIVA INARCASSA Il 19 novembre i Ministeri di controllo hanno approvato la riforma previdenziale di Inarcassa. Questa riforma entrerà in vigore dall 1 gennaio 2013. Le modifiche introdotte con la

Dettagli

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perchè la pensione? Dicembre 2012 Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perché la pensione: Forse sarebbe sufficiente dire che il diritto alla pensione viene garantito dall'art. 38 della Costituzione

Dettagli

La Previdenza di Inarcassa

La Previdenza di Inarcassa La Previdenza di Inarcassa S E M I N A R I O Il Presidente, Paola Muratorio V E N E Z I A, 2 1 F E B B R A I O 2 0 1 4 Indice Premessa: il sistema pensionistico italiano L importanza della comunicazione

Dettagli

La Previdenza di Inarcassa Conferenza formativa sui temi previdenziali

La Previdenza di Inarcassa Conferenza formativa sui temi previdenziali La Previdenza di Inarcassa Conferenza formativa sui temi previdenziali Consigliere di Amministrazione ing. Gianfranco Agostinetto Delegato al CND arch. Michele Stramandinoli BOLZANO, 04 GIUGNO 2 0 1 4

Dettagli

La libera professione e le forme di assistenza ai liberi professionisti

La libera professione e le forme di assistenza ai liberi professionisti La libera professione e le forme di assistenza ai liberi professionisti Il Presidente di Inarcassa, Arch. Giuseppe Santoro Seminario formativo Ordini degli Ingegneri e degli Architetti P.P.C. di Terni

Dettagli

I punti qualificanti R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

I punti qualificanti R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 I punti qualificanti R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Premessa 2 Premessa 1 Esattamente un anno fa, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia (DL 201/2011). Con riferimento alle Casse di previdenza

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Il sistema previdenziale contributivo e la sostenibilità finanziaria e sociale

Il sistema previdenziale contributivo e la sostenibilità finanziaria e sociale Aspetti interpretativi Il sistema previdenziale contributivo e la sostenibilità Massimo Angrisani Casa dell Architettura Roma 26 Gennaio 2015 Agenda Aspetti interpretativi - Sistemi di gestione finanziaria

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE FORENSE: RETRIBUTIVO MISTO SOSTENIBILE

RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE FORENSE: RETRIBUTIVO MISTO SOSTENIBILE RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE FORENSE: RETRIBUTIVO MISTO SOSTENIBILE FINANZIAMENTO DEL SISTEMA Aliquote contributive Contributi soggettivi iscritti alla Cassa Contributi soggettivo pensionati ultrasettantenni

Dettagli

Gorizia, 21 ottobre 2014

Gorizia, 21 ottobre 2014 Gorizia, 21 ottobre 2014 1 «L avvocato, sin da giovane, deve essere consapevole della suo c.d. percorso previdenziale, allo scopo non solo di sfruttare appieno le opportunità offerte, ma anche -eventualmente-

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI PRESIDENZA Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

Docente: Domenico Comegna

Docente: Domenico Comegna Docente: Domenico Comegna Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA

Dettagli

Impegni, obblighi e garanzie previdenziali nell esercizio della professione

Impegni, obblighi e garanzie previdenziali nell esercizio della professione Incontro con gli ASSOCIATI Impegni, obblighi e garanzie previdenziali nell esercizio della professione Stefano Castiglioni Claudio Guanetti Varese, 19 Novembre 2 0 1 4 Il tema dell incontro Una possibile

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

Professione e previdenza. Conoscere Inarcassa.

Professione e previdenza. Conoscere Inarcassa. Professione e previdenza. Conoscere Inarcassa. Il Presidente di Inarcassa, Arch. Giuseppe Santoro Seminario formativo Ordini degli Ingegneri e degli Architetti P.P.C. della Provincia di Bologna Bologna,

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

I SISTEMI PREVIDENZIALI

I SISTEMI PREVIDENZIALI I SISTEMI PREVIDENZIALI 1 DEFINIZIONE Il sistema previdenziale, in generale, è un meccanismo di ridistribuzione che trasferisce risorse prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l attività

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato La Gestione Separata INPS Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato Silvestro De Falco Roma aprile 2011 www.actainrete.it Che cos è la Gestione Separata La gestione

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

L EQUILIBRIO DEI CONTI DI LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DI INARCASSA. Allegati. Ufficio Studi e Ricerche

L EQUILIBRIO DEI CONTI DI LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DI INARCASSA. Allegati. Ufficio Studi e Ricerche L EQUILIBRIO DEI CONTI DI LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DI INARCASSA Allegati 9-10 febbraio 2012 Savona, 20 maggio 2011 Indice Allegati 1. Metodi di calcolo della pensione a confronto 2. Il pro-rata

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE (RGP IN PILLOLE REV. 4 _GENNAIO 2015) Premessa Esattamente un anno fa, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia (DL 201/2011). Con riferimento

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali FONPREVIDENZA Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare Fondazione di Studi per la Previdenza e l Assistenza Complementare La nuova riforma delle pensioni: analisi e Prospettive

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Ufficio Studi e Ricerche. Il Riscatto e la Ricongiunzione: esempi di alcuni casi reali

Ufficio Studi e Ricerche. Il Riscatto e la Ricongiunzione: esempi di alcuni casi reali Il Riscatto e la Ricongiunzione: esempi di alcuni casi reali Savona, 20 maggio 2011 Riscatto e Ricongiunzione determinano un: ONERE IMMEDIATO - interamente deducibile per il riscatto e con possibilità

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Evoluzione della previdenza pubblica

Evoluzione della previdenza pubblica Evoluzione della previdenza pubblica INCA Variabile demografica (invecchiamento popolazione) Variabile economica (calo crescita produttiva) Crescita esponenziale spesa pensionistica INCA Riforma pensioni

Dettagli

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95)

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) Caratteristiche dei destinatari degli estratti L'emissione dell'estratto conto nei

Dettagli

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 ANCORA SUGLI GLI AUMENTI PER IL 2015 Si tratta di un aumento davvero irrisorio quello che a gennaio i pensionati ricevono della cosiddetta perequazione automatica l ex scala

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni.

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Premessa Perseo è il Fondo Nazionale pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni, delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI SETTORE PUBBLICO Fondo dipendenti enti statali (ex INPDAP) Fondo dipendenti enti locali e Asl (ex IINPDAP) SETTORE PRIVATO Fondo lavoratori dipendenti

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it obbligo iscrizione praticanti NO praticanti con patrocinio NO obbligo avvocati NO obbligo salvo superamento

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro IL NUOVO SISTEMA PREVIDENZIALE Il 27 settembre 2012 l'assemblea dei

Dettagli

QUANTO VALE LA MIA PENSIONE? QUALCHE STIMA PER ORIENTARE LE NOSTRE SCELTE. Ente di previdenza periti industriali e periti industriali laureati

QUANTO VALE LA MIA PENSIONE? QUALCHE STIMA PER ORIENTARE LE NOSTRE SCELTE. Ente di previdenza periti industriali e periti industriali laureati . Ente di previdenza periti industriali e periti industriali laureati 4 CASI DI PROFESSIONISTI TIPO 2 1 2 3 4 STANDARD (18%) A REGIME (24%) SPRINT (18%+1) FLASH (24%+1) 1 CASO PROFESSIONISTA STANDARD 1

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale. In collaborazione con:

I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale. In collaborazione con: I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale In collaborazione con: I servizi offerti dalla fondazione lavoro I servizi 1 - Formazione per l erogazione di consulenza previdenziale e utilizzo

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 La riforma del sistema pensionistico: una lunga storia Riforma Amato (1993) Riforma Dini (1995) Sistema

Dettagli

L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE INARCASSA Partita IVA e fatturazione delle prestazioni

L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE INARCASSA Partita IVA e fatturazione delle prestazioni ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Prima sessione anno 2014 SEMINARIO PER GLI ABILITANDI L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE INARCASSA Partita IVA e fatturazione

Dettagli