7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale"

Transcript

1 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n azioni ordinarie ASM, da nominali Euro 1 cadauna (le Azioni ), pari a circa il 29,9% del capitale sociale. In tale ambito sono oggetto dell Offerta Pubblica un minimo di n Azioni pari al 54,29% dell Offerta Globale, di cui n al pubblico e n ai dipendenti di ASM, oltre ad un massimo di n azioni che saranno oggetto di un Collocamento Privato destinato ad investitori professionali italiani ed investitori istituzionali esteri (cfr. Sez. 2, Cap. 11). Le Azioni sono state immesse nel sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A. in regime di dematerializzazione ai sensi del Dlgs. 213/98 e alla delibera Consob n /98. Il Proponente ha inoltre concesso al Coordinatore Globale un opzione (cd. Greenshoe ) per l acquisto al Prezzo di Offerta di un massimo di n azioni ordinarie ASM S.p.A. che potrà essere esercitata fino al trentesimo giorno successivo alla data di chiusura del periodo di sottoscrizione. 7.2 Diritti connessi alle Azioni Le Azioni sono nominative ed indivisibili ed hanno diritto di voto nelle assemblee ordinarie e straordinarie della Società secondo le norme di legge e di Statuto. In particolare, ai sensi dell art. 8 dello Statuto, ad eccezione del Comune di Sondrio, nessuno può esercitare il diritto di voto per più del 4% del capitale sociale (cfr. Sezione Seconda, Capitolo 6, Paragrafo 6.9) e, inoltre, ai sensi dell art. 5 dello Statuto, la Società deve restare a partecipazione maggioritaria del Comune di Sondrio, il quale deterrà non meno del 51% (cfr. Sezione Seconda, Capitolo 6, Paragrafo 6.11). Ai sensi dell art.12 dello Statuto, i soci regolarmente iscritti nel libro soci possono intervenire alle assemblee previo deposito, almeno cinque giorni prima dell adunanza, delle azioni presso la sede sociale o gli istituti di credito incaricati della convocazione. Si evidenzia inoltre che, ai sensi dell art. 16 dello Statuto, il Comune di Sondrio ha diritto, ai sensi dell art del Codice Civile e della Legge 81/1999 e successive integrazioni e modificazioni, di procedere alla nomina diretta di un numero di Consiglieri di amministrazione, proporzionale all entità della propria partecipazione azionaria, fra i quali il presidente e, precisamente, alla nomina di un amministratore per ogni quota posseduta di un settimo del capitale sociale, o frazione superiore al 50% di tale quota. Infine, ai sensi dell art. 21 dello Statuto, le stesse modalità previste nell art. 16 dello Statuto per la nomina del consiglio di amministrazione sono da applicare alla nomina del collegio sindacale. Ai sensi dell art. 23 dello Statuto, gli utili netti di Bilancio saranno ripartiti come segue: il 5% al fondo legale, fino a che questo non abbia raggiunto il quinto del capitale sociale (art del Codice Civile); la somma residuale sarà attribuita ai soci, salvo che l assemblea deliberi specifici prelevamenti a favore di riserve straordinarie, o per altra destinazione, oppure disponga di rimandarla in tutto od in parte agli esercizi successivi. 214

2 Il Consiglio di Amministrazione in sede di approvazione del progetto decide i modi, luoghi e termini di pagamento degli eventuali dividendi. In caso di liquidazione, ai sensi dell art. 24 dello Statuto, le Azioni hanno diritto di partecipare alla distribuzione del residuo attivo ai sensi di legge e competerà comunque all assemblea dei soci indicare le modalità di gestione dei servizi affidati alla Società durante la liquidazione. Ai sensi dell art. 26 dello Statuto, nei termini di legge i soci possono effettuare finanziamenti fruttiferi alla Società o versamenti in conto capitale come da motivate richieste da parte del consiglio di amministrazione. Ai sensi dell art del Codice Civile, i dividendi si prescrivono a favore di ASM in cinque anni. 7.3 Decorrenza e godimento Le azioni hanno godimento 1 gennaio Regime fiscale Regime fiscale dei dividendi relativi ad utili realizzati nel periodo di moratoria fiscale Nel periodo compreso tra il 1 gennaio 1996 e il 31 dicembre 1999, ASM, in qualità di azienda speciale costituita ai sensi dell art. 22, coma 3, lett. C), della Legge n. 142/1990 (ora articolo 113 lettera e) Dlgs. 267/00), ha goduto del regime tributario agevolativo di esenzione dalle imposte sui redditi e sui beni immobili previsto dall art. 66, comma 14 della Legge n. 427/1993, come integrato dall art. 3, comma 70 della Legge n. 549/1995 (cfr. Sezione Prima, Capitolo 1, Paragrafo 1.6.7). Per esplicita previsione dell art. 3, comma 73 della Legge n. 549/1995, gli utili conseguiti da ASM nel periodo di moratoria fiscale (ai sensi dell art. 66, comma 14 della Legge n. 427/1993, come integrato dall art. 3, comma 70 della Legge n. 549/1995), risultano esenti da tassazione, sia nel caso di distribuzione ai soci sia nel caso di riporto a nuovo agli esercizi successivi. Ai sensi di tale norma, gli utili e le perdite realizzati nel periodo di moratoria fiscale sono portati rispettivamente in aumento e in diminuzione del costo fiscale della partecipazione. In caso di distribuzione ai soci, i dividendi: non costituiscono reddito imponibile per i percipienti; non sono assoggettati a ritenuta d acconto; non danno diritto al credito di imposta sui dividendi; applicandosi ad essi le disposizioni di cui all art. 44, coma 1, del D.P.R. n. 917/1986 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi). In caso di non distribuzione ai soci, ASM provvederà ad accantonare tali utili ad apposita riserva distinta da tutte la altre in modo che, in caso di futura distribuzione, il trattamento fiscale di tali dividendi (formatisi in periodo di moratoria) goda del regime fiscale sopra indicato. 215

3 7.4.2 Regime fiscale dei dividendi relativi ad utili realizzati in periodi diversi da quello di moratoria fiscale Sui dividendi corrisposti a persone fisiche residenti in relazione ad azioni detenute al di fuori dell esercizio d impresa che non costituiscono partecipazioni qualificate, nonché sui dividendi in qualunque forma corrisposti a fondi pensione di cui al Dlgs n. 124/93 e fondi di investimento immobiliare di cui alla Legge n. 86/94, si applica una ritenuta del 12,50% a titolo di imposta, con obbligo di rivalsa. Costituiscono partecipazioni sociali qualificate le partecipazioni, diritti o titoli, che rappresentano complessivamente una percentuale di diritti di voto esercitabili nell assemblea ordinaria superiore al 2% o al 20%, ovvero una partecipazione al capitale o al patrimonio superiore al 5% o al 25%, secondo che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni. I dividendi percepiti da contribuenti residenti diversi da quelli in precedenza descritti non sono soggetti ad alcuna ritenuta alla fonte. I dividendi percepiti dai predetti contribuenti, se soggetti alle imposte sui redditi, concorrono a formare il reddito imponibile complessivo e sono assoggettati a regime ordinario di tassazione con diritto di credito di imposta pari al 58,73% del dividendo lordo, nella misura in cui questo credito trovi copertura nell ammontare delle imposte di cui alle lettere a) e b) del comma 1 dell art. 105, D.P.R. 22 dicembre 1086, n Al regime di tassazione ordinaria del dividendo sono altresì soggette le persone fisiche residenti che possiedano partecipazioni rappresentate da azioni nominative, qualora ne facciano richiesta all atto di riscossione degli utili ovvero non attestino di possedere i requisiti per l applicazione della ritenuta a titolo d imposta del 12,50%. I dividendi percepiti da soggetti residenti esenti dall imposta sul reddito delle persone giuridiche sono soggetti ad una ritenuta alla fonte del 27% a titolo di imposta. Sugli utili dalle azioni o dai titoli similari immessi nel sistema di deposito accentrato gestito dalla Monte Titoli S.p.A., in luogo delle suddette ritenute a titolo d imposta del 12,50% o del 27%, è applicata un imposta sostitutiva delle imposte sui redditi con le stesse aliquote. L imposta sostitutiva è applicata dai soggetti presso i quali i titoli sono depositati (banche, SIM, intermediari finanziari residenti in Italia) aderenti al sistema di deposito accentrato gestito dalla Monte Titoli S.p.A., nonché dai soggetti non residenti che aderiscono a sistemi esteri di deposito accentrato aderenti al sistema Monte Titoli S.p.A. (Euroclear/CEDEL). La suddetta ritenuta o imposta sostitutiva non si applica sui dividendi derivanti da partecipazioni non relative all impresa conferite in gestione a banche e ad imprese di investimento abilitate ai sensi del Dlgs. n. 415/96. In tal caso i dividendi concorreranno alla formazione della base imponibile per l applicazione dell imposta sostitutiva sul risultato maturato di gestione. I dividendi percepiti da non residenti privi di stabile organizzazione in Italia sono soggetti ad una ritenuta alla fonte del 27% a titolo di imposta. Gli azionisti non residenti hanno diritto al rimborso, fino alla concorrenza dei 4/9 della ritenuta subita, dell imposta che dimostrino di aver pagato all estero in via definitiva sugli stesi utili previa esibizione alle autorità fiscali italiane della certificazione del competente ufficio fiscale dello Stato estero. Resta comunque ferma, in alternativa, l applicazione delle aliquote ridotte previste dalle convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni eventualmente applicabili. 216

4 Tali trattati internazionali prevedono generalmente il diritto del socio non residente di chiedere il rimborso dell eccedenza della ritenuta del 27% applicata in forza della normativa italiana interna rispetto a quella applicabile in base alla convenzione. Tuttavia, l amministrazione finanziaria ammette che la società distributrice del dividendo applichi direttamente e sotto la propria responsabilità la ritenuta convenzionale, a condizione che il socio non residente produca: un attestato delle autorità fiscali del Paese di residenza certificante, per quanto a conoscenza delle autorità stesse, la inesistenza di stabili organizzazioni in Italia del percipiente, nonché la presenza di tutte le altre condizioni e requisiti previsti dalla convenzione applicabile; e un affidavit bancario rilasciato da una banca dello Stato di residenza attestante la veridicità degli elementi contenuti nella certificazione di cui al punto precedente. L amministrazione finanziaria italiana ha concordato con le amministrazioni finanziarie di alcuni Stati una apposita modulistica volta a garantire un più efficiente ed agevole rimborso o esonero totale o parziale dalle ritenute alla fonte applicabili in Italia. Qualora le azioni siano immesse nel sistema di deposito accentrato gestito dalla Monte Titoli S.p.A. i dividendi corrisposti a soggetti residenti in Stati con i quali siano in vigore convenzioni per evitare la doppia imposizione sono soggetti ad una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura prevista dalla convenzione di volta in volta applicabile. A tal fine i soggetti presso cui le azioni sono depositate, aderenti al sistema di deposito accentrato gestito dalla Monte Titoli S.p.A. debbono acquisire: una dichiarazione del soggetto non residente effettivo beneficiario degli utili, dalla quale risultino i dati identificativi del soggetto medesimo, la sussistenza di tutte le condizioni alle quali è subordinata l applicazione del regime convenzionale e gli eventuali elementi necessari a determinare la misura dell aliquota applicabile ai sensi della convenzione; un attestazione dell autorità fiscale competente dello Stato ove l effettivo beneficiario degli utili ha la residenza, dalla quale risulti la residenza nello Stato medesimo ai sensi della convenzione. L attestazione produce effetti fino al 31 marzo dell anno successivo a quello di presentazione. In alcuni casi, ed alle condizioni disciplinate da ogni singola convenzione, all azionista non residente è riconosciuto il diritto di chiedere all amministrazione finanziaria il rimborso totale o parziale, del credito d imposta sui dividendi (es. Francia e Regno Unito) Plusvalenze derivanti dalla cessione di azioni Le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate non conseguite nell esercizio di imprese commerciali o di arti o professioni sono soggette ad imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura del 12,50%. Nel caso in cui il periodo intercorrente fra la data di acquisizione e quella di cessione sia superiore a dodici mesi, l imposta sostitutiva si applica su un importo ottenuto moltiplicando la plusvalenza realizzata per un coefficiente di rettifica (c.d. equalizzatore) stabilito annualmente dal Ministero delle finanze. 217

5 Sono in ogni caso escluse dall imposta sostitutiva le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate negoziate in mercati regolamentati realizzate da soggetti non residenti in Italia, anche se tali partecipazioni siano detenute nel territorio dello Stato. Si considerano partecipazioni qualificate le partecipazioni, diritti o titoli, che rappresentano complessivamente una percentuale di diritti di voto esercitabili nell assemblea ordinaria superiore a 2% o al 20%, ovvero una partecipazione al capitale o al patrimonio superiore al 5% o al 25%, secondo che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni. La percentuale di partecipazione è determinata tenendo conto di tutte le cessioni effettuate nel corso dei dodici mesi, ancorché nei confronti di soggetti diversi. I dodici mesi iniziano a decorrere dalla data in cui i diritti di voto esercitabili nell assemblea ordinaria o la partecipazione al capitale o al patrimonio siano superiori alle percentuali costituenti la soglia delle partecipazioni qualificate. Qualora le cessioni abbiano ad oggetto partecipazioni rappresentative di percentuali superiori a quelle di cui sopra ( partecipazioni qualificate ), le relative plusvalenze sono soggette ad imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura del 27%. Di regola l imposta sostitutiva è applicata dal contribuente in sede di dichiarazione dei redditi, nelle quali vanno indicate, per ogni singola operazione, le plusvalenze e le minusvalenze realizzate nel corso dell anno. Alternativamente, il contribuente può optare per i due regimi opzionali del risparmio amministrato o del risparmio gestito. Il regime del risparmio amministrato concerne la tassazione delle plusvalenze, al netto delle relative minusvalenze, realizzate nelle singole operazioni derivanti dalla cessione a titolo oneroso di partecipazioni non qualificate in custodia o in amministrazione presso banche, SIM ed altri intermediari finanziari abilitati. Le minusvalenze che non risultassero compensate alla fine del periodo d imposta sono portate in diminuzione dalle operazioni poste in essere nei quattro periodi d imposta successivi. L imposta sostitutiva è applicata nella misura del 12,50% ed è versata dall intermediario. Il regime del risparmio gestito può essere prescelto nel caso di partecipazioni non qualificate possedute da persone fisiche affidate in gestione ad intermediari abilitati ai sensi del Dlgs 23 luglio 1996, n L opzione per tale regime comporta l applicazione di un imposta sostitutiva del 12,50% dei redditi diversi e di capitale che concorrono a formare il risultato complessivi maturato della gestione. Il risultato della gestione si determina sottraendo il valore del patrimonio gestito alla fine dell anno solare, al lordo dell imposta sostitutiva (aumentato dei prelievi e diminuito dei conferimenti effettuati nell anno): i redditi maturati nel periodo e soggetti a ritenuta, i redditi che concorrono a formare il reddito complessivo del contribuente, i redditi esenti o comunque non soggetti a imposta maturati nel periodo, i proventi derivanti da quote di organismi di investimento immobiliare. L eventuale risultato negativo della gestione in un determinato anno è computato in diminuzione del risultato della gestione dei quattro periodi d imposta successivi per l intero importo che trova capienza in essi. 218

6 Effetti del regime di moratoria fiscale sulla determinazione del valore fiscalmente riconosciuto delle azioni di ASM Ai sensi di quanto disposto dall art. 3, comma 73, della Legge n. 549/1995, i soci di ASM dovranno provvedere all aumento del costo fiscale della partecipazione in misura pari all utile prodotto nell esercizio chiuso il 31 dicembre 1999, ovvero diminuire il costo fiscale della partecipazione in misura pari all utile prodotto nell esercizio chiuso il 31 dicembre 1999, ovvero diminuire il costo fiscale della partecipazione in misura pari alla perdita realizzata nel medesimo periodo. Inoltre, ai sensi del medesimo art. 3, comma 73 della Legge n. 549/1995, i soci di ASM dovranno diminuire il costo fiscalmente riconosciuto della partecipazione posseduta in ASM in misura pari alla distribuzione di dividendi formati con utili realizzati nei periodi di imposta oggetto di moratoria fiscale (1996, 1997, 1998, 1999). Il meccanismo sopradescritto permette di mantenere in capo ai soci ASM il regime fiscale agevolativo di moratoria di cui fruisce la Società Azioni offerte alla generalità dei lavoratori dipendenti di ASM Ai sensi dell art.48, coma 2, lettera g) del Testo Unico delle imposte sui redditi (DPR 917/86), non concorre a formare il reddito di lavoro dipendente il valore delle Azioni offerte alla generalità dei dipendenti di ASM fino ad un importo massimo di Lire per ciascun periodo d imposta, a condizione che le Azioni assegnate non siano riacquistate da ASM o, comunque, cedute dal dipendente prima che siano trascorsi tre anni dal momento di acquisizione della titolarità delle Azioni stesse. Qualora il valore delle Azioni percepite dal dipendente, in ciascun periodo d imposta, sia superiore a Lire , il solo importo eccedente tale limite concorre alla formazione del reddito di lavoro dipendente, nel periodo d imposta di percezione delle Azioni. In particolare, non concorre a formare il reddito di lavoro dipendente la differenza tre il Prezzo di Offerta delle Azioni e il prezzo di collocamento delle Azioni stesse stabilite per la tranche di Offerta riservata ai dipendenti di ASM (cfr. Sezione Terza, Capitolo 11, Paragrafo 11.7), sino ad un importo massimo di Lire per ciascun periodo d imposta. Qualora le Azioni siano comunque cedute prima dell avvenuto decorso del triennio, l importo che non ha concorso alla formazione del reddito è assoggettato a tassazione nel periodo d imposta in cui avviene la cessione. In caso di cessione delle Azioni, la plusvalenza tassabile è pari alla differenza tra il corrispettivo di vendita ed il costo fiscalmente riconosciuto delle Azioni stesse, pari al valore assoggettato a tassazione come reddito da lavoro dipendente incrementato delle somme eventualmente corrisposte dal dipendente a fronte dell assegnazione stessa (art. 82, coma 5, DPR 917/86). La plusvalenza così determinata è assoggettata a tassazione secondo le regole ordinarie in materia di imposta sostitutiva sulle plusvalenze secondo la quale, le plusvalenze, non conseguite nell esercizio dell impresa, realizzate sulle cessioni a titolo oneroso di partecipazioni nella Società sono soggette ad una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, che si applica in misura e con modalità differenti a seconda del luogo di residenza del cedente (residente in Italia o non residente) e dell entità della partecipazione ceduta (qualificata o non qualificata). 219

7 7.5 Regime di Circolazione Le Azioni sono nominative, liberamente trasferibili ed assoggettate al regime della dematerializzazione, ai sensi del DLgs. 213/98 e della delibera Consob n / Limiti alla libera disponibilità delle Azioni Non esiste alcuna limitazione alla libera disponibilità delle Azioni, salvo quanto indicato dall art. 8 dello Statuto sociale circa i limiti al possesso azionario (cfr. Sezione Seconda, Capitolo 6, Paragrafo 6.9). 7.7 Effetti di diluizione L Offerta Globale ha ad oggetto azioni poste in vendita dal Comune di Sondrio. Non sussistono, pertanto, effetti di diluizione derivanti dalla stessa. 220

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La prima cedola (in pagamento l 1 giugno 2010) avrà durata dalla Data di Godimento (inclusa) all 1 giugno 2010 (escluso).

La prima cedola (in pagamento l 1 giugno 2010) avrà durata dalla Data di Godimento (inclusa) all 1 giugno 2010 (escluso). REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO CONVERTENDO BPM 2009/2013-6,75% Articolo 1 - Importo, titoli e prezzo di emissione Il prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017.

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017.

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 Art. 1 Warrant Azioni Ordinarie Unipol 2010-2013 L Assemblea Straordinaria di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. ( UGF o l Emittente ), riunitasi

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

REGOLAMENTO del PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CONVERTIBILE denominato Banca CARIGE 4,75% 2010-2015 convertibile con facoltà di rimborso in azioni

REGOLAMENTO del PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CONVERTIBILE denominato Banca CARIGE 4,75% 2010-2015 convertibile con facoltà di rimborso in azioni REGOLAMENTO del PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CONVERTIBILE denominato Banca CARIGE 4,75% 2010-2015 convertibile con facoltà di rimborso in azioni Il presente documento contiene il testo del regolamento delle

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti

La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti Pag. 390 n. 4/2000 29/01/2000 La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti di Gianfilippo Scifoni Il decreto legislativo n. 505/1999 (1) ha introdotto una serie di sensibili

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 febbraio 2012 OGGETTO: Riorganizzazione della disciplina fiscale dei fondi immobiliari chiusi. Articolo 32 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Articolo 1 - Importo, titoli e prezzo di emissione

Articolo 1 - Importo, titoli e prezzo di emissione REGOLAMENTO del PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CONVERTIBILE denominato Banca CARIGE 4,75% 2010-2015 convertibile con facoltà di rimborso in azioni (aggiornato con le modifiche approvate dall Assemblea degli

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. OGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 Come noto gli artt. 3 e 4 del D.L. n. 66/2014 hanno modificato la tassazione dei redditi di natura finanziaria innalzandone l aliquota dal 20% al 26%, fatta

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Dott. Domenico Ponticelli (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento immobiliare 21 Maggio 2015

Dettagli

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato:

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: 1. Definizioni REGOLAMENTO DEI WARRANT FIRST CAPITAL S.P.A. 2010-2016 Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: AIM Italia significa

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy.

1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy. Proposta di distribuzione di riserve disponibili mediante assegnazione di partecipazioni possedute dalla Società in KME Green Energy S.r.L. previa trasformazione della stessa in società per azioni; deliberazioni

Dettagli

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale e Amministrativa in Oppido Lucano Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 5072.4.0 Iscritta

Dettagli

LE IMPOSTE SUI REDDITI

LE IMPOSTE SUI REDDITI LE IMPOSTE SUI REDDITI IRPEF L Irpef è un imposta progressiva che colpisce il reddito delle persone fisiche. La base imponibile è determinata dalla somma dei seguenti redditi: - redditi fondiari; - redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Banca Imi S.p.A. Banca Imi S.p.A.

Banca Imi S.p.A. Banca Imi S.p.A. NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa all Offerta Pubblica di Vendita e Sottoscrizione e all ammissione alle negoziazioni sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie

La tassazione delle attività finanziarie La tassazione delle attività finanziarie Integrazione al libro di testo Le attività finanziarie sono le diverse forme di impiego del capitale, come ad esempio: acquisto di azioni o quote di capitale di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. Capitalia S.p.A. 08/2006 02/2009 a tasso fisso crescente X tranche SERIE 06PF08 ISIN: IT0004093602

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. Capitalia S.p.A. 08/2006 02/2009 a tasso fisso crescente X tranche SERIE 06PF08 ISIN: IT0004093602 Capitalia Gruppo Bancario Società per Azioni Capitale Sociale 2.511.134.376 Registro delle Imprese di Roma Sede Sociale e Direzione Generale Via Marco Minghetti 17, 00187 Roma Codice Fiscale n. 00644990582

Dettagli

3. La tassazione degli strumenti finanziari

3. La tassazione degli strumenti finanziari 3. La tassazione degli strumenti finanziari 3.1 Titoli azionari «Nessun pasto è gratis» Milton Friedmann La disciplina fiscale dei dividendi azionari, contenuta negli artt. 27, 27bis e 27ter del D.P.R.

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option n. 4/2000 Pag. 385 Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option di Gianfilippo Scifoni Il decreto legislativo n. 505/1999 (1) ha apportato sostanziali modificazioni al meccanismo impositivo

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

...sottoscritto/a...cod.fisc... domiciliato/a...c.a.p... via...n...(il Richiedente )

...sottoscritto/a...cod.fisc... domiciliato/a...c.a.p... via...n...(il Richiedente ) OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DELLE OBBLIGAZIONI UniCredito Italiano SpA Step Up 22.11.2010 Serie5 (il Prestito )...sottoscritto/a...cod.fisc...... domiciliato/a...c.a.p.... via...n......(il Richiedente

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO INFORMATIVO

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO INFORMATIVO INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell articolo 70, comma 4, nonché ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 57, comma 1, lettera d), e 57, comma 1-ter, del regolamento di attuazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Oggetto: Sintesi: Testo: INDICE 1 Monitoraggio fiscale valutario: articolo 1, d.l. 167 del 1990 articolo 10, comma 4, d.lgs. 461 del 1997.

Oggetto: Sintesi: Testo: INDICE 1 Monitoraggio fiscale valutario: articolo 1, d.l. 167 del 1990 articolo 10, comma 4, d.lgs. 461 del 1997. Oggetto: Risposte ai quesiti forniti in occasione della videoconferenza del 30 gennaio 2001 e del convegno del 23 febbraio 2001 in materia di FISCALITA' FINANZIARIA, STOCK OPTION e ASSOCIAZIONI SPORTIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014 CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Ro Roma, 27 giugno 2014 OGGETTO: Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria. Articoli 3 e 4 del decreto legge 24 aprile 2014,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Assemblea straordinaria degli Azionisti 1a convocazione: 8 maggio 2012 ore 12,00 2a convocazione: 9 maggio 2012 ore 12,00

Assemblea straordinaria degli Azionisti 1a convocazione: 8 maggio 2012 ore 12,00 2a convocazione: 9 maggio 2012 ore 12,00 Assemblea straordinaria degli Azionisti 1a convocazione: 8 maggio 2012 ore 12,00 2a convocazione: 9 maggio 2012 ore 12,00 2 punto OdG Relazione sulla Proposta di emissione di massime n. 64.775.524 obbligazioni,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. MINO CASTELLANI commercialista revisore contabile dott.

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014 CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 maggio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento espone il regime fiscale

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

La tassazione delle rendite finanziarie

La tassazione delle rendite finanziarie La tassazione delle rendite finanziarie Commissione Tutela del Risparmio Gestito Di Emmanuela Saggese Quali sono i redditi di natura finanziaria? Riferimenti legislativi Il decreto legislativo l 461/97,

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativo all offerta

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA novembre 2007, n.231 circa il TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARI O POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 6 dicembre 2011 è vietato il trasferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PRESTITO OBBLIGAZIORARIO SUBORDINATO

REGOLAMENTO PRESTITO OBBLIGAZIORARIO SUBORDINATO REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL BANCA 30/03/2015-2020 OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER II A 5 ANNI CON CEDOLA SEMESTRALE A TASSO FISSO 4,5% CODICE ISIN IT0005090961 REGOLAMENTO Le Obbligazioni

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

FRONTESPIZIO. Domanda per il rimborso, l esonero o l applicazione dell aliquota ridotta sui redditi corrisposti a soggetti non residenti

FRONTESPIZIO. Domanda per il rimborso, l esonero o l applicazione dell aliquota ridotta sui redditi corrisposti a soggetti non residenti Provvedimento dell'agenzia delle Entrate Prot. N. 2013/84404 FRONTESPIZIO Domanda per il rimborso, l esonero o l applicazione dell aliquota ridotta sui redditi corrisposti a soggetti non residenti Convenzioni

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

SEZIONE SECONDA INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELL OFFERTA

SEZIONE SECONDA INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELL OFFERTA SEZIONE SECONDA INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELL OFFERTA 165 166 Pagina volutamente lasciata in bianco VII. INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI 7.1 Descrizione delle

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO SUBORDINATO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI BARI 7% 2013/2018 CONVERTIBILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO IN AZIONI

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO SUBORDINATO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI BARI 7% 2013/2018 CONVERTIBILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO IN AZIONI REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO SUBORDINATO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI BARI 7% 2013/2018 CONVERTIBILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO IN AZIONI 1. IMPORTO, TITOLI E PREZZO DI EMISSIONE 1.1 Il prestito

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

1. Quesiti in materia di fiscalità finanziaria (Circolare n. 60/E)

1. Quesiti in materia di fiscalità finanziaria (Circolare n. 60/E) Circolare Informativa n. 13/2001 Alle Società consorziate Roma, 4 luglio 2001 Rif.: 502.6; 760; 800.18; 507.6.1; 560.11; 980. Oggetto: Chiarimenti ministeriali in materia di fiscalità finanziaria, di IVA

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 CODICE ISIN: IT0004548258 DESCRIZIONE SINTETICA

Dettagli

ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA

ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA Il Capitolo Quarto della Parte Prima del Libro III (Sezione V), del Volume deve intendersi sostituito dal seguente Capitolo Quarto La tassazione degli

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli