Piccoli giochi con la palla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piccoli giochi con la palla"

Transcript

1 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento: acquisire, applicare, creare Categoria di movimenti: correre, saltare, lanciare, giocare Piccoli giochi con la palla Cosa diventerebbe la lezione di educazione fisica senza palle, palloni e palline? Niente calcio, niente pallacanestro, niente pallamano, niente unihockey e niente pallavolo... Per elencare solo alcune delle discipline più gettonate a scuola. Perché la palla offre possibilità a non finire. La palla sta alla base di molte discipline sportive e sarebbe impensabile escluderla dalle lezioni di educazione fisica. Gli allievi si divertono a passarsela, palleggiarla, lanciarla e tirarla. E non è tutto. Di attività che possono essere svolte con la palla ce ne sono tante altre: sulla palla si può rimanere in equilibrio, si può giocolare o semplicemente esprimersi. Stimolare e promuovere Nel tema del mese «Piccoli giochi con la palla» si trovano, per l'appunto, dei giochi, degli esercizi e delle lezioni che implicano l uso della palla. I contenuti si rivolgono soprattutto agli allievi di scuola media, ma con un po di immaginazione gli insegnanti possono adattarli a tutte le classi. E anche nelle società si possono introdurre questi giochi, ad esempio come riscaldamento. Gli esercizi e le lezioni prendono in considerazione componenti tecniche come lanciare, prendere e palleggiare, così come le riserve condizionali e le competenze coordinative. Inoltre si può lavorare su aspetti emozionali quali la fiducia nei propri mezzi, la motivazione, la tattica e la percezione. Apprendimento bilaterale «Non esiste un lato del corpo più debole»: un affermazione che purtroppo non può essere considerata valida a tutti gli effetti. Ci sono almeno due validi motivi per allenare sempre ambedue i lati. Da una parte, questo metodo favorisce il processo di apprendimento da entrambi i lati del corpo, dall altra nel gioco si presentano sempre situazioni in cui è necessario usare anche la «parte più debole». Ufficio federale dello sport UFSPO Adattare ai vari livelli Gli esercizi presentati dilettano e stimolano tutti i partecipanti, dai principianti ai più esperti. Un esercizio semplice può diventare una sfida variando le dimensioni o il peso della palla, oppure ancora eseguendolo con più palle diverse. I più bravi inoltre possono aiutare i meno abili svolgendo insieme a loro degli esercizi. Insomma tutte le condizioni sono riunite per dar vita a un'interessante lezione con la palla. n

2 Indicazioni per la sicurezza I giochi con la palla sono le proposte che suscitano maggiore entusiasmo durante l ora di educazione fisica. Mentre giocano, però, gli alunni prestano poca attenzione al modo in cui eseguono i movimenti di base. Spetta dunque al docente creare delle premesse sicure. In educazione fisica i giochi con la palla rappresentano i contenuti più frequentemente proposti e anche maggiormente apprezzati. Anche durante il tempo libero i giochi classici in versione da strada tornano di moda, grazie anche alle strategie pubblicitarie dei produttori di articoli sportivi. I giovani praticano sport come lo «street soccer», lo «street basketball» o altri giochi di palla, oppure si esibiscono in tornei sponsorizzati. Inoltre, grazie alla loro popolarità, i giochi di palla si trovano in cima alle classifiche delle statistiche sugli incidenti, indipendentemente dal fatto che siano praticati nel tempo libero o a scuola. Il rischio di farsi male praticando un gioco di palla è di due terzi superiore a quello registrato nella maggior parte delle attività sportive individuali. Gli infortuni più ricorrenti sono: slogature, stiramenti, contusioni e fratture, che nei tre quarti dei casi riguardano le estremità (40 % ca. mani e braccia, 35 % gambe e piedi). Il docente sorveglia l andamento della lezione Quando sono impegnati nel gioco, spesso gli allievi sottovalutano le situazioni pericolose e non sono in grado di anticipare. Lo spirito agonistico prende il sopravvento sul fairplay. È quindi compito dell insegnante adottare le misure necessarie per creare un «ambiente di gioco» sicuro. Attenzione all ambiente circostante! Alla base di qualsiasi forma di prevenzione degli infortuni ci sono dei rapporti corretti. La fiducia nei confronti dell insegnante e il fairplay dimostrato dagli allievi contribuiscono in modo considerevole a rendere sicura la lezione. Per garantire la sicurezza, un impianto sportivo deve essere conforme a determinate norme. Le pareti della palestra dovrebbero ad esempio essere prive di fessure, oggetti contundenti e spigoli fino ad un altezza di 2,70 metri. Trattare il rivestimento del pavimento con un prodotto appropriato impedisce agli allievi di scivolare o rimanere «incollati». Materiale e organizzazione È importante accordare molta importanza anche al materiale e all equipaggiamento personale. I palloni non dovrebbero essere troppo gonfi e gli allievi non devono correre con le calze. Particolare attenzione va rivolta all organizzazione del gioco. L insegnante introduce nella lezione delle misure didattiche appropriate. Sia durante il gioco, sia durante l allenamento, un organizzazione ben ponderata ed esercizi alternativi supplementari dovrebbero precludere tempi di attesa ed evitare così un calo della concentrazione. Sulla pagina seguente trovate una lista di controllo con i punti più importanti da tenere in considerazione. n Fonte: upi Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni. Safety Tool Fogli didattici «Giochi di palla». mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Le basi 2

3 Lista di controllo Ambiente umano Gli allievi capiscono il significato della parola «fairplay» e sono in grado di rispettare le regole convenute? Formando le squadre tengo conto delle dinamiche di gruppo? Com è l ambiente di classe? Indicazioni, rischi Rapporto con vittoria e sconfitta Bilanciare le capacità Non incrementare l aggressività Impianti sportivi, premesse Dal punto di vista della sicurezza tecnica, la palestra è adatta ai giochi di palla? Lo spazio di caduta attorno al campo da gioco è sufficientemente ampio? Durante le fasi di allenamento e di gioco tutte le porte sono chiuse? Le demarcazioni sul terreno da gioco sono ben visibili e contrassegnate distintamente? I canestri fissati direttamente alla parete vengono utilizzati solo per tiri liberi e tiri saltati? I campi da gioco erbosi sono in condizioni idonee al gioco (superficie da gioco piatta, nessun oggetto sparso, umidità)? I terreni di gioco ognitempo vengono regolarmente puliti dai depositi organici? Rinuncio a giocare su piazzali in cemento? Documentazione upi Palestre, R 9208 Ostacoli Migliorare le demarcazioni sul terreno Rischio d urto Promemoria upi Impianti polisportivi all aperto, Mb 0305 Pericolo di sdrucciolamento Urti, rischio di escoriazioni Materiale, attrezzatura, equipaggiamento individuale I miei allievi portano un abbigliamento sportivo appropriato e scarpe da ginnastica adatte? Scarpette:usura, ammortizzamento Gli allievi con problemi alla vista portano lenti a contatto o occhiali appropriati? Orologi, gioielli e simili vengono depositati prima dell inizio della lezione e i capelli lunghi legati? Durante la lezione vige il divieto di masticare la cicca e di mangiare? Le squadre sono marcate in modo chiaro per mezzo di nastri da gioco (meglio se con magliette colorate)? Quando formo dei principianti utilizzo palloni leggeri, maneggevoli e non troppo duri? Il portiere porta un equipaggiamento idoneo e una conchiglia, oppure limito adeguatamete il raggio di tiro? Le porte sono in condizioni ineccepibili e assicurate contro il ribaltamento? Una rete o materassi spessi impediscono ai colpi di rimbalzare dietro la porta? Faccio attenzione a che i cavi utilizzati per tendere la rete da pallavolo non siano difettosi? I cavi tenditori sono ben visibili? I palloni inutilizzati vengono messi da parte in appositi contenitori? Rischio di ferimento e di soffocamento Migliorare la visione d insieme Ferite alle dita causate da palloni inadatti P. es. contare solo i goal su rimbalzo Nessun gancio della rete sporgente, nessun telaio scheggioso Pericolo di tagliarsi, di inciampare Ferite alle caviglie Organizzazione La mia lezione è organizzata in modo finalizzato e sensato? Riscaldamento, esercizi, gioco In ogni momento ho la classe sotto controllo? L impostazione del problema e la scelta degli esercizi sono chiari e adeguati alle esigenze personali? Organizzo la lezione in modo da evitare lunghi tempi d attesa? Le zone di esercizio e di gioco sono separate in modo chiaro dalle zone di attesa? Le distanze di sicurezza sono sufficienti? Faccio giocare un numero di allievi ottimale rispetto alla superficie da gioco? Adatto le regole del gioco alle esigenze personali e ai miei obiettivi? Assecondo attivamente il gioco? Gli allievi hanno compreso le regole del gioco? Bado a che queste regole vengano rispettate coerentemente? Evitare di chiedere troppo o troppo poco Raffreddamento, calo della concentrazione Marcare le zone in modo ben visibile Evitare la confusione Suggerimenti tattici, correzioni Servirsi di un arbitro ausiliario Fonte: upi Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni. Safety Tool Scheda di lavoro, p. 8. mobilesport.ch 03/2011 Piccoli giochi con la palla Pianificazione delle lezioni 3

4 Raccolta di esercizi Lavoro di gruppo Un esercizio da svolgere in gruppo. Insieme, gli allievi allenano la forza e imparano a controllare il loro corpo Tutti gli allievi sono seduti in cerchio con i piedi rivolti verso il centro. Con i piedi sollevano tutti insieme da terra il pallone disposto al centro del cerchio (pallone medicinale, palla da ginnastica). Variante: eseguire l esercizio scalzi. Può essere d aiuto soprattutto con le palle di piccole dimensioni. Materiale: un pallone medicinale, una softball, una palla da ginnastica, una pallina da tennis. In equilibrio Un esercizio che insegna a stare in equilibrio e aiuta a migliorare l equilibrio. La palle diventano la superficie su cui issarsi e sono utilizzate anche per eseguire dei passaggi. A e B stanno in piedi, seduti o in ginocchio su un pallone medicinale e si lanciano a vicenda una palla. Più difficile: eseguire l esercizio su un pallone medicinale. (Da provare solo se si è in grado di eseguire l esercizio precedente). Materiale: due palloni medicinali, una palla (pallacanestro, pallamano o ginnastica). Lungo la schiena Un esercizio che permette di imparare a riconoscere le caratteristiche e il comportamento della palla. Questa è guidata e sostenuta con il corpo. Da seduti, in ginocchio e in piedi far scivolare la palla lungo la schiena a partire dalla nuca, afferrandola all altezza dei glutei. Variante: chi sta dietro cerca di prendere la palla dietro la schiena. Materiale: un pallone medicinale, una softball, una palla da ginnastica, una pallina da tennis. Massaggio con la palla In questo esercizio gli alunni cercano di sentire la palla con tutto il loro corpo. Si presta bene come esercizio di rilassamento per la fase di ritorno alla calma alla fine della lezione. Rotolare sopra un pallone di grandi dimensioni. Con tutto il corpo o con singole parti di esso. Chi riesce a «scorrere» sulla palla dalla testa ai piedi senza cadere? Varianti: far rotolare delle palline da tennis sotto i piedi far rotolare una palla contro la parete con la schiena Materiale: una pallina da tennis, una palla da ginnastica. mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Esercizi 4

5 Lancio e applausi Un esercizio che consente di allenare il modo di lanciare e di prendere la palla. Inoltre si lavora anche sulla capacità di valutare la traiettoria e la durata di volo della palla. Lanciare la palla in aria. Chi riesce a battere le mani più volte prima che cada a terra e prima di recuperarla? Variante: invece di applaudire, battere le mani a terra. Più difficile: dopo l applauso prendere la palla dietro la schiena lanciare la palla in piedi, da seduti o da sdraiati dopodiché battere una volta le mani e riprenderla nuovamente in piedi Materiale: una palla da ginnastica. La giostra Questo esercizio aiuta a migliorare i lanci e le prese con una mano sola. Lanciare da soli la palla in alto e riprenderla, da sinistra a destra, da dietro a in avanti. Lanciare la palla al di sopra della testa da una mano all altra. Chi ci riesce eseguendo anche una rotazione su se stesso? Più difficile: lanciare la palla all indietro al di sopra della testa e recuperarla con l altra mano dopo aver eseguito una rotazione completa. Materiale: una palla da ginnastica. Sempre in piedi Grazie a questo esercizio gli alunni imparano ad adattare i palleggi in modo da riusicire a cambiare posizione con il corpo. Partendo dalla posizione in piedi palleggiare con una mano sola, mettendosi in ginocchio, seduti, distesi a terra, per poi tornare gradualmente alla posizione in piedi, senza interrompere il palleggio. Più difficile: qualcuno riesce a palleggiare con due palloni contemporaneamente? come sopra ma con due palloni diversi Materiale: una palla di pallamano e ev. un pallone da basket a testa. mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Esercizi 5

6 A caccia di stelle cadenti Durante questo esercizio i partecipanti allenano la precisione dei lanci, imparano a valutare la traiettoria e il tempismo. Sono richieste reazioni rapide e precisione. La squadra A lancia diversi palloni nel senso della lunghezza della palestra (la cosa migliore è farlo al di sopra di una corda tesa ad una certa altezza, per garantire che restino in volo il più a lungo possibile). La squadra B si dispone sulla lunghezza del campo e cerca di colpire al volo più palloni possibile. Quale squadra riesce a colpire più oggetti in volo? Osservazioni: tendere una corda fra due aste del salto in alto oppure abbassare il più possibile i due anelli che si trovano alle estremità in modo tale da giocarci in mezzo. Materiale: palle da pallavolo come stelle, almeno una palla da ginnastica a testa per la squadra di attaccanti, due aste del salto in alto, corda. Passaggio di piede Un esercizio che consente di allenare la tensione del corpo e la forza. Il tutto eseguendo dei passaggi ludici con i piedi. A e B si passano la palla con i piedi stando seduti. Variante: eseguire l esercizio con palle diverse. Materiale: una palla da ginnastica, una palla da pallavolo, un pallone da basket, una palla da futsal, un pallone medicinale, una pallina da unihockey, due tappetini. Prendimi Un esercizio che si presta benissimo per allenare la capacità di reazione e l orientamento attraverso dei lanci. A e B si passano un pallone al di sopra di un «muro divisorio» (ad esempio un tappetone). Più difficile: entrambi sono con la schiena contro la parete chi riceve è sdraiato per terra sulla schiena chi riceve è sdraiato per terra sulla pancia (al segnale «battito di mani») Materiale: un carrello di tappetoni, una palla da pallavolo, una softball, una pallina da tennis. La caccia alla palla L obiettivo di questo esercizio è di giocare con tattica, ovvero cercare degli spazi liberi e la possibilità di smarcarsi. Si addice bene alla fase di riscaldamento. Formare due squadre di due o tre allievi. I giocatori di una squadra si passano la palla a vicenda facendola rotolare più volte possibile. Gli avversari tentano di afferrare la palla e di fare a loro volta i passaggi. Chi riesce prima a fare dieci passaggi di seguito? Variante: quattro squadre. Dopo 5 minuti vincitori contro vincitori e sconfitti contro sconfitti. Più difficile: chi è in possesso della palla non può avanzare. Materiale: palla. mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Esercizi 6

7 Orchestra sinfonica Gli allievi formano diversi cerchi e palleggiano sul posto. Questo esercizio esige una stretta collaborazione dai partecipanti. Formare dei cerchi di cinque allievi. Ognuno palleggia sul posto. Al segnale, si spostano a sinistra per prendre la palla del vicino. Varianti spostarsi a destra o a sinistra secondo le indicazioni dell insegnante gli allievi restano sul posto; è il pallone che si sposta come l esercizio di base, ma gli allievi hanno delle palle di diverso tipo (capacità di differenziazione) palleggiare al ritmo della musica invece delle indicazioni sinistra o destra, l insegnante fischia una o due volte. Materiale: palle. Un otto Un esercizio in cui gli allievi fanno rotolare, controllano e si passano la palla. L accento è posto sulla cooperazione e la capacità di orientamento. Quattro allievi si trovano uno dietro l altro con le gambe divaricate. L ultimo della fila fa rotolare la palla attorno alle proprie gambe disegnando un otto prima di farla rotolare verso il compagno che gli sta davanti. E così via. Dopo che il primo della fila ha eseguito l esercizio passa la palla all ultimo facendola rotolare fra le gambe di tutti quanti. Varianti: far circolare la palla in senso inverso quale gruppo riesce per primo ad eseguire correttamente l esercizio per tre volte? Più difficile: giocare contemporneamente con due palle. Materiale: 1-2 palle da ginnastica. Vite senza fine Questo esercizio permette di allenare la velocità e la precisione dei passaggi. Il compito è reso più difficile dal fatto che numerose squadre giocano in uno spazio limitato. A squadre di quattro persone, ad ogni membro viene assegnato un numero da 1 a 4. L obiettivo è di spostarsi il più velocemente possibile da una parete all altra della palestra. La palla può essere presa e passata solo nel punto in cui due linee si incrociano. 1 passa a 2, 2 passa a 3, ecc. Il numero 4 passa nuovamente al numero 1. Chi ha la palla non può correre. Osservazione: dato che numerose squadre di 4 persone utilizzano contemporaneamente la palestra sono richieste una buona capacità di orientamento e di reazione. Materiale: una palla da pallavolo. mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Esercizi 7

8 I gemelli Grazie a questo esercizio si possono migliorare la capacità di reazione e la cooperazione. Qual è la coppia che lavora con più armonia? A coppie (o più allievi) trattenere un pallone con il corpo e compiere un percorso (a ostacoli). Quale squadra è più veloce? Quale squadra ci riesce perdendo meno palloni? Variante: collocare degli ostacoli (slalom) o delle panchine rovesciate. Materiale: due softball o palloni, paletti, panchine. Palle immobili In questo esercizio un allievo visualizza l esercizio da fare e poi lo traduce in movimenti. Si addice molto bene alla fase di ritorno alla calma alla fine della lezione. I bambini formano un cerchio e ognuno tiene in mano una palla da footbag, una hack sack o una pallina da tennis. Un allievo mostra l'esercizio da fare: rimbalzi, lanci in alto con le mani o con i piedi, movimenti di giocoleria, ecc. Quando un compagno dice «palla immobile» tocca a lui mostrare i movimenti da eseguire sino a quando un altro dirà a sua volta «palla immobile». Materiale: palle di tutti i tipi. Allungati Questo esercizio permette di migliorare la mobilità articolare. In coppia i partecipanti tendono e allungano il corpo per consegnare la palla al compagno. A e B, in piedi schiena contro schiena, si passano un pallone con le braccia tese alternando i movimenti al di sopra della testa e fra le gambe. Variante: un pallone medicinale per i più forti, un pallone da basket per i mediamente forti e un pallone da pallavolo per i meno forti. Materiale: un pallone da basket, un pallone medicinale, una palla da pallavolo. Passaggi distesi Grazie a questo esercizio, da svolgere in coppia, i partecipanti rafforzano la muscolatura del busto eseguendo dei passaggi. Gli allievi sono distesi sulla pancia e sollevano la parte superiore del corpo per passare e prendere la palla. A e B distesi sul ventre a un metro di distanza si lanciano a vicenda un pallone. Osservazione: premere i piedi al suolo. Se i piedi sono sollevati da terra ci si ritrova in una posizione di «lordosi». Materiale: un pallone da futsal. mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Esercizi 8

9 Costruire un ponte Questo esercizio aiuta a migliorare la mobilità. Due partecipanti sollevano il bacino e poi rotolano la palla da seduti con le gambe distese. A e B sono distesi fianco a fianco sulla schiena, con le anche sollevate a formare un ponte. A fa rotolare la palla al di sotto del ponte, B la ferma. Rullata di entrambi fino alla posizione seduta a gambe distese. B fa rotolare la palla a terra oltre i propri piedi fino a passarla ad A, che la porta a sua volta oltre i propri piedi. Al termine si assume la posizione di partenza e si comincia da capo. Materiale: una palla da pallavolo, una palla da ginnastica, una pallina da tennis. Il giocoliere Questo esercizio aiuta a migliorare la capacità di orientamento. La palla è lanciata in alto in modo controllato ed è ripresa dopo una capriola. Chi riesce a lanciare la palla in alto e a recuperarla dopo aver eseguito una capriola a terra (in avanti o all indietro)? Variante: con un tuffo con capriola invece di una capriola a terra normale. Più difficile: lanciare in alto la palla, capriola in avanti, osservare bene la palla e prenderla ad occhi chiusi in piedi con le gambe divaricate e lanciare la palla dal davanti attraverso le gambe e sopra la schiena e riprenderla dal davanti senza avanzare di un passo Materiale: una palla da ginnastica, superficie morbida. Il tuttofare Prendere la palla in condizioni difficili. In questo esercizio la palla viene presa in modo non convenzionale: dietro la schiena o con altre parti del corpo. Lanciare la palla in alto e recuperarla dietro la schiena senza ruotare su se stessi. Varianti: lanciare la palla in alto e recuperarla con diverse parti del corpo (nuca, dorso delle mani, fra i piedi, ecc.) A lancia la palla in alto dall altezza della testa e B la riprende utilizzando una determinata parte del corpo, dopodiché scambio di ruoli. Quale coppia ottiene per prima dieci recuperi validi? Materiale: una palla da ginnastica. mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Esercizi 9

10 Festa di palleggi Grazie a questo esercizo, durante il quale gli allievi si spostano nella palestra palleggiando, si acquisiscono le diverse caratteristiche delle palle. Gli allievi palleggiano stando in piedi, in ginocchio, da seduti, con una sola mano e con due. Nel frattempo si spostano a piacimento per la palestra. Varianti: quando due allievi s incontrano si scambiano la palla quando due allievi s incontrano imitano sistematicamente il modo di palleggiare della persona che sta loro di fronte (procedere lentamente, con una mano, con due, ecc.) si può iniziare la festa dei palleggi battendo forte su una palla ferma al suolo e poi continuare a palleggiarla ritmicamente. Più difficile: come sopra solo con due palle uguali o addirittura con due palloni diversi. Materiale: max. due palle di diverse dimensioni a testa. Fisarmonica Un esercizio che consente di allenare gli aspetti coordinativi e legati al ritmo. Si addice alla fase di ritorno alla calma prevista alla fine della lezione. Seduti a gambe distese divaricare e chiudere le gambe, continuando a palleggiare, ad esempio una volta a sinistra, poi in mezzo, poi a destra. Variante: stesso esercizio ma tenendo le gambe in aria invece del comando «sinistra» o «destra» si fischia una o due volte. Trovate altri esercizi al sito Grande ampiezza Rapidità di reazione In alto e di lato Le bocce giganti La corsa dei cavalli Palla bruciata mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Esercizi 10

11 mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Allenamento e lezioni Lezioni Lanciare e prendere Imparare a prendere e a lanciare palle di diverso tipo. Grazie all allenamento gli allievi rafforzano la fiducia in loro stessi. Condizioni quadro Durata della lezione: 90 min. Livello: dalla seconda alla terza media Obiettivi d apprendimento Allenare i lanci e le prese Aumentare la fiducia in sé stessi nei giochi con la palla Introduzione Parte principale Tema/esercizio/gioco Organizzazione/disegno Materiale 10 La corsa dei cavalli: Formare due squadre di cinque fino a otto allievi. La squadra A si piazza all interno di un cerchio, quella B all esterno. Al via gli allievi della squadra A si passano la palla a vicenda (non la tirano!) contando i passaggi mentre la squadra B fa quattro giri correndo intorno al cerchio. Poi si invertono i ruoli. Una palla da ginnastica, una palla da pallavolo, una softball per ogni cerchio 5 Distribuire i tappetini per la palestra (un tappetino ogni due persone). Gli allievi si collocano in tutta la palestra in modo tale da poter vedere e sentire il docente. In seguito eseguono gli esercizi seguenti: 25 Lancio e applausi: Lanciare la palla in aria. Chi riesce a battere le mani più volte prima che cada per terra e prima di recuperarla? Variante: invece di applaudire, battere le mani a terra. Più difficile: dopo l applauso prendere la palla dietro la schiena lanciare la palla in piedi, da seduti o da sdraiati dopodiché battere una volta le mani e riprenderla nuovamente in piedi La giostra: Lanciare la palla al di sopra della testa da una mano all altra. Chi ci riesce eseguendo anche una rotazione su se stesso? Più difficile: lanciare la palla all indietro al di sopra della testa e recuperarla con l altra mano dopo aver eseguito una mezza rotazione o una rotazione completa. Il giocoliere: Chi riesce a lanciare la palla in alto e a recuperarla dopo aver eseguito una capriola a terra (in avanti o all indietro)? Variante: con un tuffo con capriola invece di una capriola a terra normale. Più difficile: lanciare in alto la palla, capriola in avanti, osservare bene la palla e prenderla ad occhi chiusi in piedi con le gambe divaricate e lanciare la palla dal davanti attraverso le gambe e sopra la schiena e riprenderla dal davanti senza avanzare di un passo. Osservazione: eseguire l esercizio sui tappetini. Una palla da ginnastica a testa Una palla da ginnastica a testa Una palla da ginnastica, un tappetino a testa 11

12 Tema/esercizio/gioco Organizzazione/disegno Materiale Il tuttofare: Lanciare la palla in alto e recuperarla dietro la schiena senza ruotare su se stessi. Varianti: lanciare la palla in alto e recuperarla con diverse parti del corpo (nuca, dorso delle mani, fra i piedi, ecc.) A lancia la palla in alto dall altezza della testa e B la riprende utilizzando una determinata parte del corpo. Poi scambio di ruoli. Quale coppia colleziona per prima dieci recuperi validi? Una palla da ginnastica a testa mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Allenamento e lezioni 12 Parte principale Ritorno alla calma Formare due squadre per l esercizio «A caccia di stelle cadenti». 10 A caccia di stelle cadenti: La squadra A lancia diversi palloni nel senso della lunghezza della palestra (la cosa migliore è farlo al di sopra di una corda tesa ad una certa altezza, per garantire che restino in volo il più a lungo possibile). La squadra B si dispone sulla lunghezza del campo e cerca di colpire al volo più palloni possibile. Quale squadra riesce a colpire più oggetti in volo? Osservazioni: tendere una corda fra due aste del salto in alto oppure abbassare il più possibile i due anelli che si trovano alle estremità in modo tale che ci si possa giocare in mezzo. 25 Allestire le postazioni Numero dopo numero: diversi esercizi sul tema lanciare e prendere. Ogni esercizio ha una variante per principianti, avanzati ed esperti. Gli allievi scelgono da soli la variante adatta a loro. Ad ogni postazione gli allievi rimangono 45 secondi, altri 45 secondi servono per passare da una postazione all altra. V. aiuti «Numero dopo numero» 10 Smontare le postazioni e valutare: radunare i partecipanti sul cerchio centrale e paragonare i risultati ottenuti. Chi ha vinto? 5 Grande ampiezza: Seduti a terra con le gambe distese o divaricate far rotolare il pallone sulle gambe e sulla schiena. Palle da pallavolo da usare come stelle, almeno una palla da ginnastica a testa per la squadra di attaccanti, due aste del salto in alto, corda Una palla a testa Una pallina da tennis o una palla da ginnastica

13 mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Allenamento e lezioni Palleggiare Nella maggior parte degli sport con la palla, palleggiare è l unica possibilità di muoversi con la palla in mano. In questa lezione si allena proprio questo aspetto. Condizioni quadro Durata della lezione: 45 min. Livello: dalla seconda alla terza media Obiettivi d apprendimento Muoversi palleggiando Familiarizzarsi con la palla e rafforzare la fiducia in sé stessi Osservazioni: durante ogni lezione è importante utilizzare dei palloni gonfi e duri. Il docente deve controllare lo stato delle palle prima dell inizio della lezione e, all occorrenza, prepararle a dovere. In seguito le dispone in un cassone. Introduzione Parte principale Tema/esercizio/gioco Organizzazione/disegno Materiale 5 Festa di palleggi: Gli allievi palleggiano stando in piedi, in ginocchio, seduti, con una sola mano e con due. Nel frattempo si spostano a piacimento per la palestra. Varianti: quando due allievi s incontrano si scambiano la palla quando due allievi s incontrano imitano sistematicamente il modo di palleggiare della persona che sta loro di fronte (procedere lentamente, con una mano, con due, ecc.) si può iniziare la festa dei palleggi battendo forte su una palla ferma al suolo e poi continuare a palleggiarla ritmicamente. Più difficile: come sopra solo con due palle o addirittura con due palloni diversi. 15 Palleggiare con forza: palleggiare con vigore una palla da basket o da pallamano in modo tale da sollevarla da terra in verticale. Dopo ogni rimbalzo occorre passare sotto la palla con la testa. Chi riesce a stabilire un record? Sempre in piedi: Partendo dalla posizione in piedi palleggiare con una mano sola, mettendosi in ginocchio, seduti, distesi a terra, per poi tornare gradualmente alla posizione in piedi, senza interrompere il palleggio. Più difficile: qualcuno riesce a palleggiare con due palloni contemporaneamente? come sopra ma con due palloni di diverso tipo L anello dei rimbalzi: Cinque allievi si dispongono in piedi ognuno in un anello facendo rimbalzare una palla. Al segnale cambiano posizione verso sinistra riprendendo la palla del vicino. Varianti: spostarsi a destra o a sinistra su segnale specifico del docente come sopra ma gli allievi rimangono sul posto e la palla «passeggia qua e là» usare palle di diverso tipo far rimbalzare la palla al ritmo di musica invece del comando «sinistra» o «destra» fischiare una volta o due. max. due palle di diverse dimensioni a testa. Una palla da pallamano a testa Una palla da pallamano e ev. un pallone da basket a testa 13

14 Parte principale Tema/esercizio/gioco Organizzazione/disegno Materiale 20 Pallacanestro: Formare delle squadre di tre o di quattro persone. Si gioca in tutta la palestra o come la variante «Streetball» con un solo canestro. Giocare con regole più semplici. Nessuna regola riguardante i passi e il doppio palleggio, ma introdurre quella dei 3 secondi (passare la palla a qualcun altro dopo 3 secondi). Variante: i canestri valgono doppio se durante l attacco hanno partecipato tre allievi (palleggiando). Un pallone da basket per ogni partita mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Allenamento e lezioni Ritorno alla calma 10 Fisarmonica: Seduti a gambe distese divaricare e chiudere le gambe, continuando a palleggiare, ad esempio una volta a sinistra, poi in mezzo, poi a destra. Varianti: stesso esercizio ma tenendo le gambe in aria palleggiare la palla attorno al corpo Una pallina da tennis o una palla da pallamano a testa 14

15 mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Allenamento e lezioni Percorso per la coordinazione e la forza Un percorso basato sulla coordinazione e la forza. Tutti gli esercizi vanno eseguiti con i palloni. Condizioni quadro Durata della lezione: 45 min. Grado: dalla seconda alla terza media Obiettivi d apprendimento Dosare la forza Eseguire degli esercizi di coordinazione in condizioni difficili Introduzione Parte principale Tema/esercizio/gioco Organizzazione/disegno Materiale 10 Le bocce giganti: Due squadre sono disposte alle due estremità di un campo di gioco e fanno rotolare dei palloni a terra per cercare di spingere oltre la linea di fondo avversaria alcune palle disposte al centro del campo. Variante: quattro squadre ai lati di un quadrato o due squadre disposte attorno a un cerchio. 30 Allestire il circuito e spiegare cosa fare Circuito: gli allievi assolvono il circuito a coppie. In ogni postazione si lavora per un minuto. Seguono poi 30 secondi di pausa che servono per spostarsi da una postazione all altra. L intero percorso va assolto due volte. Nel caso in cui il numero di allievi fosse molto elevato si può optare per una postazione supplementare (ad es. con esercizi di giocoleria). Postazione Reazioni rapide: A si trova dietro a B e tiene una palla fra le mani. A lascia cadere la palla. Quando si sente il rimbalzo B si gira e prende la palla prima che tocchi nuovamente terra. Utilizzare palle che rimbalzano in modo diverso. Postazione Passaggi con i piedi: A e B si lanciano la palla con i piedi da seduti. Variante: eseguire l esercizio con palle di diverso tipo. Postazione Allungati: A e B, in piedi schiena contro schiena, si passano un pallone con le braccia tese alternando al di sopra della testa e fra le gambe. Postazione Passaggi distesi: A e B distesi sul ventre a un metro di distanza si lanciano a vicenda un pallone. Osservazione: premere i piedi al suolo. Se i piedi sono sollevati da terra ci si ritrova in una posizione di «lordosi». Al centro un pallone medicinale e delle palle da ginnastica (rosse e blu, se possibile). Musica, cronometro Una pallina da tennis, un pallone da basket, una palla da pallamano, una pallina di gomma Una palla da ginnastica, da pallavolo, da futsal, un pallone medicinale, una pallina da unihockey, due tappetini Un pallone da basket, un pallone medicinale, una palla da pallavolo Una palla da futsal 15

16 Tema/esercizio/gioco Organizzazione/disegno Materiale Postazione Prendimi: A e B si passano un pallone al di sopra di un «muro divisorio» (ad esempio un tappetone). 1 carrello di tappetini, una palla da pallavolo, una softball, una pallina da tennis Postazione In equilibrio: A e B stanno in piedi, s inginocchiano o si siedono su un pallone medicinale e si passano una palla. Due palloni medicinali, una palla (basket, pallamano o ginnastica) mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Allenamento e lezioni 16 Trovate altri lezioni al sito Cooperazione Parte principale Ritorno alla calma Postazione In alto e di lato: Lanciare la palla in alto, mentre il compagno ne lancia una seconda. Prima di riprendere la propria si deve riuscire a rinviare la palla al compagno. Più difficile: gli allievi si passano i rispettivi palloni tenendoli alti, un terzo pallone viene passato da uno all altro come descritto sopra. Postazione Costruire un ponte: A e B sono distesi fianco a fianco sulla schiena, con le anche sollevate a formare un ponte. A fa rotolare la palla al di sotto del ponte, B la ferma. Rullata di entrambi fino alla posizione seduta a gambe distese. B fa rotolare la palla a terra oltre i propri piedi fino a passarla ad A, che la porta a sua volta oltre i propri piedi. Al termine si assume la posizione di partenza e si comincia da capo. Smontare il circuito 5 Massaggio con la palla: Con tutto il corpo o con singole parti di esso rotolare sopra un pallone di grandi dimensioni. Chi riesce a «scorrere» sulla palla dalla testa ai piedi senza cadere? Varianti: far rotolare delle palline da tennis sotto i piedi far rotolare una palla contro la parete con la schiena Tre palle da pallavolo Una palla da pallavolo, una palla da ginnastica, una pallina da tennis Una pallina da tennis, una palla da ginnastica a testa

17 Test Far rimbalzare due palle rimanendo in equilibrio Questo test serve a sperimentare i palleggi in condizioni difficili. I partecipanti devono attraversare una panchina palleggiando due palle contemporaneamente. Il test serve a valutare la capacità di palleggiare continuamente e di gestire la palla con sicurezza. Descrizione del compito Far rimbalzare due palle durante tutta la durata dell esercizio. In piedi di fronte alla panchina, fare due o tre passi, salire sulla panchina, attraversarla palleggiando due palle contemporaneamente, scendere, palleggiare attorno ad un paletto e effettuare il ritorno palleggiando in modo alternato. Dopo il paletto di partenza, entrambe le palle devono essere prese in mano stando in piedi. Gli allievi hanno a disposizione due tentativi. Grado scolastico Ambito principale Ambito parziale Competenza dalla seconda alla quarta media competenze disciplinari coordinazione riuscire a coordinare dei movimenti in condizioni difficili Valutazione ed esigenze Il test è riuscito se l allievo è stato in grado di far rimbalzare due palle identiche dall inizio alla fine dell esercizio, senza perderne alcuna. Attraversare la panchina palleggiando in un modo (ad es. simultaneamente), passare attorno al paletto e effettuare il ritorno con una tecnica di palleggio diversa (ad es. alternando le mani). Una volta tornati al punto di partenza, le palle devono essere prese in mano stando in piedi. Inoltre occorre soddisfare i criteri seguenti. Indici d osservazione Far rimbalzare continuamente due palle identiche Non perdere la palla Attraversare la panchina ogni volta con una tecnica di palleggio diversa (1 palleggio simultaneo, 1 in modo alternato) Partire dal paletto, attraversare la panchina palleggiando, passare attorno al paletto e tornare al punto di partenza palleggiando Riprendere in mano le palle stando in piedi Istruzioni per gli allievi «Hai a disposizione due tentativi per eseguire correttamente l esercizio. Inizia a palleggiare all altezza del paletto (contemporaneamente o in modo alternato), sali sulla panchina continuando a palleggiare, attraversala e ridiscendi continuando a palleggiare fino al prossimo paletto. Passa attorno al paletto e attraversa la panchina palleggiando in un altro modo fino al paletto di partenza. Riprendi le palle in mano stando in piedi.» Composizione Collocare un paletto per indicare il punto di partenza e il secondo per segnalare l arrivo all altra estremità della panchina. Materiale Una panchina, due paletti, due palloni da basket, pallamano e pallavolo (a scelta). Svolgimento pratico ed esperienze Durata Svolgimento Partecipanti ca. 2 minuti per allievo nell ambito del lavoro a postazioni (questo test costituisce una postazione). Gli esercizi devono presentare delle difficoltà dal profilo della coordinazione ma non della condizione. un allievo Fonte: traduzione schede di realizzazione motoria qief.ch mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Test 17

18 Lanciare e prendere Eseguire dei piccoli test a diversi livelli di difficoltà permette di ottenere punteggi diversi. Si conta in particolare il numero di ripetizioni eseguite in 45 secondi (v. pag. 19 ). Descrizione del compito Bisogna eseguire un esercizio in 45 secondi (principianti, avanzati o esperti). L esercizio va ripetuto il maggior numero possibile di volte. Seguono 45 secondi di pausa che servono a cambiare postazione. Valutazione ed esigenze Il test termina dopo 45 secondi. Si contano unicamente i tentativi portati a termine correttamente e completamente. A seconda del livello di difficoltà dell esercizio è attribuito un punteggio diverso per ogni ripetizione. Grado scolastico Ambito principale Ambito parziale Competenza dalla seconda alla quarta media competenze disciplinari coordinazione lanciare e prendere con diversi livelli di difficoltà Indici di osservazione Esecuzione corretta La palla non deve cadere a terra Istruzioni per gli allievi «Decidi tu a quale livello di difficoltà vuoi svolgere l esercizio. Al segnale ripeti il test più volte che puoi. In seguito moltiplica le ripetizioni eseguite con il punteggio corrispondente al livello di difficoltà che hai scelto.» Composizione Disporre per terra una o due palle per ogni test. Determinare una linea di lancio, a partire dalla quale si lancia e si prende la palla. Materiale Una o due palle, un oggetto per delimitare la linea di lancio. Svolgimento pratico ed esperienze Durata ca. un minuto per allievo Svolgimento Partecipanti nell ambito del lavoro a postazioni. Gli allievi si controllano a vicenda in modo alternato. Il numero di tentativi è annotato su un foglio. un allievo mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Test 18

19 Lanciare e prendere Le varie postazioni (pdf) Principianti Avanzati Esperti Lanciare la palla a due mani contro una parete e riprenderla. Palleggiare la palla contro la parete senza interruzione. Far rimbalzare due palloni contemporaneamente contro la parete usando le due mani. Lanciare la palla contro la parete una volta con la sinistra, una volta con la destra. Riprenderla con entrambe le mani. Stesso esercizio, alternando la mano destra e la sinistra. Lanciare contemporaneamente due palloni contro la parete e recuperarli. In alternanza lanciare la palla contro il muro con la destra o la sinistra al di sotto della gamba sollevata e riprenderla con ambedue le mani. Con una mano dietro la schiena lanciare la palla con forza contro la parete e riprenderla con entrambe le mani. Alternando le mani lanciare la palla contro la parete dall interno all esterno al di sotto della gamba sollevata e riprenderla con l altra mano. Con una mano lanciare la palla dietro la schiena contro la parete e riprenderla con l altra mano. Lanciare la palla contro la parete dall interno all esterno sotto la gamba sollevata e recuperarla con la mano che lancia. Contemporaneamente lanciare e riprendere con l altra un secondo pallone. Tenere bloccato un pallone fra le ginocchia. Con una mano lanciare una palla dietro la schiena contro la parete e riprenderla con l altra mano. Lanciare la palla contro la parete, toccare terra con entrambe le mani e poi riprendere la palla a due mani. Lanciare la palla contro la parete, toccare terra con tutte e due le mani, battere le mani e riprendere la palla a due mani. Lanciare due palloni contro la parete, toccare terra con le mani, batterle e riprendere un pallone con ogni mano. Da dietro la schiena lanciare la palla sopra la testa a due mani contro la parete e riprenderla sempre a due mani. Lanciare la palla all indietro contro la parete a due mani tenendo gli occhi chiusi e riprenderla dopo averli aperti. Tenere un pallone bloccato fra le ginocchia. Giocare un secondo pallone dietro la schiena a due mani al di sopra della testa contro la parete e riprenderlo a due mani. Palleggiare la palla contro la parete colpendola a due mani con i pugni. Palleggiare la palla con un pugno contro la parete, due volte a destra e due volte a sinistra. Spingere due palloni contemporaneamente, uno per mano, contro la parete utilizzando i pugni. Giocare la palla contro la parete con il ginocchio e riprenderla a due mani. Lanciare la palla in aria, tirarla contro la parete di testa e riprenderla a due mani. Far rimbalzare un pallone contro la parete, senza interruzioni, colpendolo di testa e tenendo un secondo pallone davanti al corpo con entrambe le mani. Disporsi con le spalle alla parete, lanciare la palla all indietro al di sopra della testa, voltarsi e riprenderla a due mani. Dando di schiena alla parete, giocare la palla a due mani contro la parete al di sopra della testa, eseguire una semirotazione e riprenderla con una sola mano. In piedi con la schiena alla parete giocare due palloni contro il muro, eseguire una semirotazione e riprendere un pallone con ogni mano. Lanciare la palla alla parete e riprenderla dopo una rotazione completa sull asse longitudinale. Lanciare la palla contro la parete e riprenderla dopo aver eseguito due rotazioni complete sull asse longitudinale una a destra e l altra a sinistra. Lanciare due palloni contro la parete, quindi eseguire una rotazione ed infine riprendere i palloni. Partner SVSS Impressum Editore Ufficio federale dello sport UFSPO 2532 Macolin Redazione mobilesport.ch Fotografie Daniel Käsermann, media didattici SUFSM Ueli Känzig, media didattici SUFSM Layout Media didattici SUFSM mobilesport.ch 04/2011 Piccoli giochi con la palla Test 19

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF mobile 5 09 Hockey su ghiaccio 57 UFSPO & ASEF Virile e sottile. È questa l ambivalenza che descrive al meglio l hockey su ghiaccio. Un buon giocatore deve dar prova di presenza fisica per disfarsi dei

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che 3. Tra riflessione e concretezza: la tecnica e gli altri fattori del calcio giovanile Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che rientrano nella definizione più specifica denominata

Dettagli

MANUALE D INIZIO PER I GIOVANI FLOORBALL

MANUALE D INIZIO PER I GIOVANI FLOORBALL MANUALE D INIZIO PER I GIOVANI FLOORBALL Insegnare il Floorball ai giovani INDICE LE RADICI DEL FLOORBALL 3 SVILUPPO INTERNAZIONALE 3 FLOORBALL IN POCHE PAROLE 3 EQUIPAGGIAMENTO E STRUTTURE 4 LA CANNA

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test In ce di Introduzione Cos è Parla con me? pagina 4 Parla con me 2 pagina 4 Il libro di classe pagina 5. Le unità didattiche pagina 5. Le schede culturali pagina 6. La storia a fumetti pagina 6. Le appendici

Dettagli

Come presentare una buona candidatura? Consigli pratici

Come presentare una buona candidatura? Consigli pratici Come presentare una buona candidatura? Consigli pratici Ricerche di lavoro Dossier di candidatura Colloquio di lavoro Sommario 2 Cambiamenti...3 Rete di contatti... 4 Come leggere un annuncio...5 Documenti

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

Percezione, Gestualità ed Espressioni Facciali

Percezione, Gestualità ed Espressioni Facciali RE-CHANCE: Aumentare le opportunità di impiego per i giovani con svantaggio sociale Progetto n. 2009-1-AT-1-LEO05-0001188 Percezione, Gestualità ed Espressioni Facciali Modulo formativo adattato dal SOCO-VET

Dettagli

GIOCHI DA FARE ALL APERTO (A) O AL CHIUSO (C)

GIOCHI DA FARE ALL APERTO (A) O AL CHIUSO (C) GIOCHI DA FARE ALL APERTO (A) O AL CHIUSO (C) 1 PESTA IL PALLONCINO (C) Può giocare uno o più ragazzi per squadra. Il campo è segnato per terra (la grandezza varia a seconda del numero dei partecipanti).

Dettagli

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation (1) (1) NOTA. Eccetto quando è diversamente stabilito, ogni riferimento di queste Regole ai giocatori include anche le giocatrici. ... schema

Dettagli

REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI. Regolamento Nazionale Generale per le Prove di Lavoro su Ovini

REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI. Regolamento Nazionale Generale per le Prove di Lavoro su Ovini REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI Regolamento Nazionale Generale per le Prove di Lavoro su Ovini Regolamento Nazionale per Prove di Lavoro tipo Collecting Style (all inglese) Regolamento

Dettagli

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014)

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) REGOLE DI TENNIS Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) INDICE Prefazione pag. 2 Regola 1 Il campo pag. 3 Regola 2 - Arredi permanenti

Dettagli

Regolamento internazionale in ITALIANO per prove a squadre di Cani da soccorso della Federazione Cinologica Internazionale FCI

Regolamento internazionale in ITALIANO per prove a squadre di Cani da soccorso della Federazione Cinologica Internazionale FCI FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE (AISBL) Place Albert 1 er, 13, B 6530 Thuin (Belgique), tel :+32.71.59.12.38, fax : +32.71.59.22.29, email : http://www.fci.be Regolamento internazionale in ITALIANO

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 Traduzione conforme al WFDF Rules of Ultimate 2013 Versione Ufficiale in vigore dal 1 gennaio 2013 Indice delle Regole Introduzione... 1 1. Spirit

Dettagli

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori Il bambino con diabete nella vita quotidiana Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori a cura di Monica Azzolini In collaborazione con Il bambino con diabete nella vita

Dettagli

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire Luciano Mariani Sapersi autovalutare: una competenza da costruire www.learningpaths.org Estratto da: Luciano Mariani, Stefania Madella, Rosa D'Emidio Bianchi, Istituto Comprensivo "Borsi" di Milano - Il

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

Guida sulle abilità di studio per gli individui dislessici

Guida sulle abilità di studio per gli individui dislessici Guida sulle abilità di studio per gli individui dislessici Testo originale a cura di Ian Smythe Traduzione e adattamento in italiano a cura del Centro Studi per la Dislessia e i Disturbi Specifici dell

Dettagli

Sicurezza nei quartieri

Sicurezza nei quartieri Sicurezza nei quartieri Orientamento sulle sistemazioni e sui dispositivi stradali Membri del TCS gratuito (1 copia) Non membri CHF 10. touring club suisse schweiz svizzero Prefazione La prevenzione degli

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA IL SOCCORSO ALLE PERSONE

Dettagli

CLASSE PRIMA SCHEDA N 1

CLASSE PRIMA SCHEDA N 1 CLASSE PRIMA SCHEDA N CHI LE REGOLE RISPETTA, CERTO VINCE E SENZA FRETTA! GLI AMICI DELLA STRADA SCEGLI E INSERISCI NEL SEMAFORO LA FORMA GEOMETRICA ESATTA, POI COMPLETA QUESTA STRATOPICA FILASTROCCA.

Dettagli

Andrea Farioli CHE TIPO SEI? APPUNTI E STRUMENTI PER L ORIENTAMENTO E L EVOLUZIONE PERSONALE. Che_tipo_sei.indd 1 15/09/11 12:40

Andrea Farioli CHE TIPO SEI? APPUNTI E STRUMENTI PER L ORIENTAMENTO E L EVOLUZIONE PERSONALE. Che_tipo_sei.indd 1 15/09/11 12:40 Andrea Farioli CHE TIPO SEI? APPUNTI E STRUMENTI PER L ORIENTAMENTO E L EVOLUZIONE PERSONALE Che_tipo_sei.indd 1 15/09/11 12:40 Stampato su carta riciclata Settembre 2011 Che_tipo_sei.indd 2 15/09/11 12:40

Dettagli