OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati."

Transcript

1 OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati. Nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013, l Agenzia delle Entrate ha chiarito come, in presenza di una mancata contabilizzazione in bilancio di costi e/o ricavi e di una loro successiva rilevazione, sia possibile regolarizzare la situazione anche sul piano fiscale. Come noto, il principio di derivazione, che sorregge la determinazione del reddito d impresa, prende a riferimento l utile risultante dal conto economico e, quindi, gli oneri e i proventi correttamente rilevati in bilancio. È evidente che un errore nella contabilizzazione dei componenti reddituali determina, inevitabilmente, dei riflessi anche sul piano fiscale, in termini di maggiore (nel caso di costi non dedotti) o minore (nel caso di ricavi non tassati) imposta versata rispetto a quella correttamente dovuta. In tale contesto, sia i principi contabili nazionali che i principi Ias/Ifrs consentono di rimediare all errore nell anno della sua rilevazione, contabilizzando nel conto economico o nello stato patrimoniale (per i soggetti Ias/Ifrs adopter) un componente di natura reddituale. In presenza di una correzione contabile, la circolare in commento ha precisato che il componente reddituale deve essere dedotto e/o tassato nel corretto periodo di competenza fiscale e non nell anno di rilevazione dell errore. La novità di rilievo, come si avrà modo di chiarire, consiste nella possibilità di recuperare la maggiore imposta versata (derivante dalla mancata deduzione dell onere), presentando una dichiarazione integrativa a favore, anche qualora l annualità oggetto di errore non sia più emendabile. Deduzione di costi in precedenza non contabilizzati Nel caso di componenti negativi non contabilizzati nel corretto esercizio di competenza, le regole contabili consentono di imputare in bilancio un componente reddituale negativo nell anno di rilevazione dell errore. L errore può derivare da un calcolo matematico, dall impropria o mancata applicazione di principi contabili, da distorte interpretazioni dei fatti. In generale, per i contribuenti che adottano i principi contabili nazionali, l errore è rilevato imputando a conto economico un componente negativo di natura straordinaria, mentre, per i soggetti Ias/Ifrs adopter, la rettifica è operata contabilizzando il componente reddituale nello stato patrimoniale. Effettuata la correzione contabile, occorre comprendere come e quando poter fiscalmente dedurre l onere non dedotto in precedenza, in quanto non contabilizzato in bilancio. La circolare n. 31/2013 ha precisato, al riguardo, che il costo deve essere dedotto nell anno in cui è stato commesso l errore e non nel successivo periodo in cui è rilevata in bilancio la correzione. 1

2 In altri termini, il contribuente deve: 1. non dedurre il costo quando registra in bilancio l errore 2. recuperare la deduzione nel corretto periodo di competenza, presentando una dichiarazione integrativa a favore. Da un punto di vista operativo, il recupero della deduzione deve avvenire con modalità diverse a seconda che l annualità oggetto di errore sia o meno emendabile (cfr articolo 2, comma 8-bis, del Dpr n. 322/1998). Nel primo caso, ossia quando non è ancora scaduto il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo, è sufficiente presentare una dichiarazione integrativa a favore per correggere l annualità in cui vi è stata l omessa imputazione. Esempio 1: annualità ancora emendabile Un impresa nel 2012 si accorge di aver commesso un errore nella contabilità non rilevando un costo, pari a euro, di competenza del La correzione dell errore è effettuata imputando il componente negativo di euro nel conto economico relativo al Periodo di corretta competenza del costo (5.000) Da un punto di vista fiscale, il contribuente deve: 1. non dedurre il costo nel 2012, operando una variazione in aumento di euro 2. dedurre il costo nel 2011 con la dichiarazione integrativa a favore Unico 2012, che, per tale annualità, poteva essere presentata entro il 30 settembre L eccedenza d imposta versata nel 2011 (derivante dalla mancata deduzione del costo) potrà essere utilizzata nella dichiarazione Unico 2013, che poteva essere presentata entro il 30 settembre Qualora l annualità oggetto dell errore non sia più emendabile, invece, occorre in primo luogo verificare che la stessa sia ancora accertabile secondo i termini previsti dall articolo 43 del Dpr n. 600/1973. In sostanza, considerati gli ordinari termini previsti in materia di accertamento, entro il 31 dicembre 2013 potranno essere recuperati costi non dedotti dal periodo d imposta Se il periodo è ancora accertabile, il contribuente per recuperare l onere deve: 1. non dedurre il costo quando registra in bilancio l errore 2. dedurre il costo nel corretto periodo di competenza, ricostruendo autonomamente l annualità oggetto di errore e quelle successive fino a quella emendabile 3. presentare dichiarazione integrativa relativa all annualità emendabile indicando i risultati delle precedenti riliquidazioni autonomamente effettuate. 2

3 Esempio 2: annualità non più emendabile e un solo periodo rideterminato Un impresa nel 2012 si accorge di aver commesso un errore nella contabilità non rilevando un costo, pari a euro, di competenza del La correzione dell errore è effettuata imputando il componente negativo di euro nel conto economico relativo al La situazione complessiva del contribuente è la seguente Reddito Periodo di corretta competenza del costo (5.000) Reddito rideterminato Da un punto di vista fiscale, il contribuente deve: 1. non dedurre il costo nel 2012, operando una variazione in aumento di euro 2. dedurre il costo nel 2008, ricostruendo in via autonoma il reddito da a euro (le annualità successive non sono, in questo caso, interessate alla rideterminazione) 3. indicare l eccedenza di imposta riferita al 2008 nella dichiarazione integrativa a favore relativa all annualità emendabile (dichiarazione integrativa Unico 2012 o dichiarazione integrativa Unico 2013, a seconda che la presentazione avvenga entro od oltre il 30 settembre 2013). La deduzione del costo nel corretto periodo di competenza potrebbe modificare non solo il risultato di tale periodo (come visto nel secondo esempio del precedente intervento), ma anche quello dei periodi successivi. In tal caso, occorre ricostruire sia il risultato del periodo in cui è imputato correttamente il costo sia quello dei periodi successivi influenzati dalla nuova deduzione. Esempio 3: annualità non più emendabile e più periodi rideterminati un costo, pari a euro, di competenza del La correzione dell'errore è effettuata imputando il componente negativo di euro nel conto economico relativo al La situazione complessiva del contribuente è la seguente Reddito (Perdita) (18.000) Reddito imponibile (Perdita) Periodo di corretta competenza (5.000) ( ) 3

4 del costo Reddito (Perdita) rideterminato/a (23.000) ( ) In tal caso, la deduzione del costo di euro nel corretto periodo di competenza (2009) produce effetti sia nel 2009 come incremento della perdita (da a euro) sia nel 2010 come minor reddito (da a euro). Da un punto di vista operativo, quindi, il contribuente deve: 1. non dedurre il costo nel 2012, operando una variazione in aumento di euro 2. dedurre il costo di euro nel 2009, rideterminando in via autonoma la perdita da a euro 3. rideterminare il reddito del 2010 da a euro, considerando la maggiore perdita del indicare l'eccedenza di versamento risultante nel 2010 nella dichiarazione integrativa a favore relativa all'annualità emendabile (dichiarazione integrativa Unico 2012 o dichiarazione integrativa Unico 2013, a seconda che la presentazione avvenga entro od oltre il 30 settembre 2013). Tassazione di ricavi in precedenza non contabilizzati Anche per i componenti positivi non contabilizzati nel corretto esercizio di competenza le regole contabili consentono, così come previsto per gli oneri, di imputare in bilancio un componente reddituale nell'anno di rilevazione dell'errore. In particolare, salvo ipotesi residuali, l'errore è rilevato contabilizzando un componente positivo di natura straordinaria a conto economico ovvero nello stato patrimoniale, per i soggetti che redigono il bilancio secondo i principi contabili internazionali. Sul piano fiscale, invece, il contribuente - fermo restando l'applicazione delle sanzioni ordinariamente previste (cfr articolo 13 del Dlgs n. 472/1997, e articolo 1 del Dlgs n. 471/1997) - deve tassare il provento nel corretto periodo di competenza fiscale e non nel successivo esercizio in cui è rilevato in bilancio l'errore. In particolare, in presenza di un'annualità oggetto di errore ancora accertabile secondo i termini previsti dall'articolo 43 del Dpr n. 600/1973, il contribuente deve: 1. tassare il ricavo nel corretto periodo di competenza, presentando una o più dichiarazioni integrative a sfavore a seconda dei periodi interessati alla rideterminazione 2. non tassare il componente positivo quando è imputato in bilancio per correggere l'errore. Esempio 4: presentazione di un'unica dichiarazione integrativa a sfavore un ricavo, pari a euro, di competenza del La correzione dell'errore è effettuata imputando il componente positivo nel conto economico relativo al

5 Periodo di corretta competenza del ricavo Da un punto di vista fiscale, il contribuente deve: 1. tassare il ricavo nel 2011, presentando dichiarazione integrativa a sfavore Unico non tassare il componente positivo nel 2012, operando una variazione in diminuzione di euro. Qualora la tassazione del ricavo nel corretto periodo di competenza produca effetti su più annualità, è necessario rideterminare il reddito presentando più dichiarazioni integrative a sfavore. Esempio 5: presentazione di più dichiarazioni integrative a sfavore un ricavo, pari a euro, di competenza del La correzione dell'errore è effettuata imputando il componente positivo di euro nel conto economico relativo al La situazione complessiva del contribuente è la seguente Reddito (Perdita) (18.000) Reddito imponibile (Perdita) Periodo di corretta competenza del ricavo (5.000) Reddito (Perdita) rideterminato/a (13.000) ( ) ( ) In tal caso, la tassazione del ricavo di euro nel corretto periodo di competenza (2009) produce effetti sia nel 2009, come riduzione della perdita (da a euro), sia nel 2010, come maggior reddito (da a euro). Da un punto di vista operativo, quindi, il contribuente deve: 1. imputare il ricavo di euro nel 2009, rideterminando la perdita da a euro e presentando dichiarazione integrativa a sfavore Unico rideterminare il reddito del 2010 da a euro, considerando la minore perdita del 2009 e presentando dichiarazione integrativa a sfavore Unico non tassare il componente positivo nel 2012, operando una variazione in diminuzione di euro. 5

6 Un'ulteriore ipotesi trattata nella circolare n. 31/2013 riguarda il caso in cui, per errore, non sono stati contabilizzati nel corretto esercizio di competenza sia componenti negativi che positivi. Sul piano contabile, come già chiarito, la contabilizzazione dell'onere e del provento avviene nell'anno di rilevazione dell'errore. In ambito fiscale, invece, la regolarizzazione deve avvenire rilevando i componenti reddituali nel corretto periodo di competenza e utilizzando le medesime modalità analizzate per il recupero del costo e per la tassazione del ricavo. Da un punto di vista operativo, può verificarsi che l'onere e il provento siano di competenza dello stesso periodo d'imposta ovvero di periodi diversi. Costi e ricavi di competenza dello stesso periodo Nel primo caso, vale a dire quando coincide il periodo d'imposta di corretta competenza del costo e del ricavo, occorrerà verificare il risultato complessivo (a favore o a sfavore del contribuente) per individuare la modalità di recupero o restituzione dell'imposta. In altri termini: 1. se i costi sono maggiori dei ricavi, il recupero della maggiore imposta versata deve avvenire presentando la dichiarazione integrativa a favore (cfr articolo 2, comma 8- bis, Dpr 322/1998) e, qualora l'annualità non sia più emendabile, riliquidando autonomamente le dichiarazioni precedenti fino a quella emendabile 2. se i ricavi sono maggiori dei costi, la restituzione della minore imposta versata avviene con la presentazione della dichiarazione integrativa a sfavore. Esempio 6: costi e ricavi di competenza dello stesso periodo un costo di euro e un ricavo di euro, entrambi di competenza del La correzione dell'errore è effettuata imputando il costo e il ricavo nel conto economico relativo al La situazione complessiva del contribuente è la seguente Reddito (Perdita) (18.000) Reddito imponibile (Perdita) Periodo di corretta competenza del costo e del ricavo (5.000) Reddito (Perdita) rideterminato/a (20.500) ( ) ( ) In tal caso, la contestuale imputazione del costo e del ricavo nel 2009 determina una 6

7 situazione a favore del contribuente a cui spetta la deduzione di un onere pari a euro (onere provento 2.500). La deduzione del predetto onere di euro nel corretto periodo di competenza (2009) produce effetti sia nel 2009 come incremento della perdita (da a euro) sia nel 2010 come minor reddito (da a euro). Da un punto di vista operativo, il contribuente deve: 1. imputare il costo di euro e il ricavo di euro nel 2009 rideterminando in via autonoma la perdita da a euro 2. rideterminare il reddito del 2010 da a euro considerando la maggiore perdita del indicare l'eccedenza di versamento risultante nel 2010 nella dichiarazione integrativa a favore relativa all'annualità emendabile (dichiarazione integrativa Unico 2012 o dichiarazione integrativa Unico 2013 a seconda che la presentazione avvenga entro o oltre il 30 settembre 2013) 4. non dedurre il costo e non tassare il ricavo nel periodo 2012, operando una variazione in aumento di euro e una variazione in diminuzione di euro. Costi e ricavi di competenza di periodi diversi Nella diversa ipotesi in cui il periodo d'imposta di corretta competenza del costo e del ricavo non coincide, basterà applicare le modalità già chiarite per recuperare il componente reddituale negativo e positivo. Esempio 7: costi e ricavi di competenza di periodi diversi un costo di euro di competenza del 2009 e un ricavo di euro di competenza del La correzione dell'errore è effettuata imputando il costo e il ricavo nel conto economico relativo al La situazione complessiva del contribuente è la seguente Reddito (Perdita) (18.000) Reddito imponibile (Perdita) Periodo di corretta competenza del costo e del ricavo Reddito (Perdita) rideterminato/a ( ) (5.000) (23.000) ( ) In tal caso, la deduzione del costo di euro nel corretto periodo di competenza (2009) produce nel 2009 un incremento della perdita (da a euro) che il contribuente dovrà riliquidare in via autonoma. 7

8 Nel 2010, invece, occorre presentare dichiarazione integrativa a sfavore Unico 2011 per dichiarare il maggior reddito (da a euro) derivante dalla tassazione del ricavo di euro. Da un punto di vista operativo, quindi, il contribuente deve: 1. imputare il costo di euro e il ricavo di euro rispettivamente nel 2009 e nel 2010 rideterminando il risultato 2. presentare dichiarazione integrativa a sfavore Unico 2011 per indicare il maggior reddito del non dedurre il costo e non tassare il ricavo nel 2012, operando una variazione in aumento di euro e una in diminuzione di euro. Costi dedotti quando corretti La circolare n. 31/E del 2013 ha trattato, infine, l'ipotesi in cui il costo è stato dedotto (erroneamente) dal contribuente quando è contabilizzato in bilancio per la correzione dell'errore. In tal caso, fermo restando l'applicazione delle sanzioni previste, il contribuente dovrà eliminare gli effetti dell'erronea deduzione presentando la dichiarazione integrativa a sfavore e versando le maggiori imposte eventualmente dovute per l'anno. Una volta "restituito" il costo, è possibile recuperare la deduzione imputando l'onere nel corretto periodo di competenza, secondo quando già approfondito nel primo intervento. Gli effetti della correzione ai fini Irap L'erronea contabilizzazione di costi e/o ricavi determina delle conseguenze anche ai fini Irap, la cui base imponibile è strettamente ancorata al valore della produzione risultante nel conto economico. In particolare, la mancata deduzione di costi e/o tassazione di ricavi nel corretto periodo di competenza comporta le medesime problematiche già evidenziate ai fini Ires, in termini di maggiore/minore imposta versata rispetto a quella correttamente dovuta. La circolare n. 31/E del 2013 ha chiarito, al riguardo, che anche ai fini Irap il componente reddituale deve essere dedotto e/o tassato nel corretto periodo di competenza fiscale e non nell'anno in cui è contabilizzato in bilancio l'errore. Di conseguenza, occorrerà procedere al recupero dell'onere non dedotto o alla tassazione del provento non tassato utilizzando i medesimi chiarimenti forniti ai fini Ires ed evidenziati in precedenza. P.M. 8

Correzione errori di bilancio

Correzione errori di bilancio n 38 del 18 ottobre 2013 circolare n 659 del 16 ottobre 2013 referente BERENZI/mr Correzione errori di bilancio La circolare n. 31/E del 24 settembre fornisce chiarimenti interpretativi in ordine al corretto

Dettagli

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali Giancarlo Dello Preite 14 Maggio 2014 - Auditorium San Fedele S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 19 21.05.2014 La correzione degli errori contabili UNICO SC 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico SC 2014 La redazione del bilancio relativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. OGGETTO: Correzione degli errori in bilancio: effetti sull imputazione temporale dei componenti del reddito d impresa.

CIRCOLARE N. 31/E. OGGETTO: Correzione degli errori in bilancio: effetti sull imputazione temporale dei componenti del reddito d impresa. CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 settembre 2013 OGGETTO: Correzione degli errori in bilancio: effetti sull imputazione temporale dei componenti del reddito d impresa. INDICE 1 La

Dettagli

REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo

REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E di Giancarlo Modolo Aspetti generali Tipologia delle dichiarazioni Presentazione

Dettagli

Circolare del 24/09/2013 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Circolare del 24/09/2013 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Circolare del 24/09/2013 n. 31 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Correzione degli errori in bilancio: effetti sullimputazione temporale dei componenti del reddito dimpresa. Testo:

Dettagli

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana -

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana - Dichiarazioni integrative Giacomo Manzana - www.manzana.it Dichiarazione correttiva nei termini Nell ipotesi in cui il contribuente intenda, prima della scadenza del termine (30 settembre 2015 per i soggetti

Dettagli

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa:

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa: Prot. 82/2013 Milano, 03-05-2013 Circolare n. 46/2013 AREA: Circolari, Fiscale Irap - Deducibilità dalle Imposte sui Redditi dell Irap Relativa alle Spese per il Personale Dipendente Circolare dell'agenzia

Dettagli

LA MANOVRA ANTICRISI LA MINI DEDUZIONE DELL IRAP: ulteriori chiarimenti

LA MANOVRA ANTICRISI LA MINI DEDUZIONE DELL IRAP: ulteriori chiarimenti LA MANOVRA ANTICRISI LA MINI DEDUZIONE DELL IRAP: ulteriori chiarimenti L Agenzia delle Entrate ha fornito con la circolare n. 16/E del 14 aprile del 2009 alcuni chiarimenti sui criteri di deducibilità

Dettagli

Ambito di applicazione

Ambito di applicazione OGGETTO: 42/F = Deducibilità dalle imposte sui redditi dell'irap relativa alle spese per il personale dipendente Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 8/E del 3 aprile 2013. Come noto, l'art. 2 del D.L

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 328 28.10.2016 Dichiarazione integrativa: nuovi termini A cura di Pasquale Pirone Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti Con l art.

Dettagli

IRAP PARZIALMENTE DEDUCIBILE DA IRES E IRPEF

IRAP PARZIALMENTE DEDUCIBILE DA IRES E IRPEF SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI MODALITÀ DI FRUIZIONE DELLA DETRAZIONE PERIODI PRECEDENTI AL 2008 COME COMPILARE LA DICHIARA- ZIONE DEI REDDITI IRAP PARZIALMENTE DEDUCIBILE DA IRES E IRPEF Art. 6, cc. 1-4 D.L.

Dettagli

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 36 20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Categoria: Sottocategoria: Ravvedimento I sostituti d imposta tenuti alla presentazione del

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 321 21.10.2016 Omesso canone cedolare secca in dichiarazione: il ravvedimento Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti;

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti; Fiscalità differita ed anticipata: casi e soluzioni L iscrizione delle imposte differite attive e passive ad integrazione delle imposte correnti è necessaria al fine di rappresentare correttamente nel

Dettagli

CONTRATTO DI AGENZIA PROVVIGIONE DELL AGENTE: DEDUCIBILE NELL ANNO DI CONSEGNA DEL BENE di Antonio Gigliotti, Studio tributario Gigliotti e associati

CONTRATTO DI AGENZIA PROVVIGIONE DELL AGENTE: DEDUCIBILE NELL ANNO DI CONSEGNA DEL BENE di Antonio Gigliotti, Studio tributario Gigliotti e associati CONTRATTO DI AGENZIA PROVVIGIONE DELL AGENTE: DEDUCIBILE NELL ANNO DI CONSEGNA DEL BENE di Antonio Gigliotti, Studio tributario Gigliotti e associati Se l esercizio in cui si conclude il contratto non

Dettagli

Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap

Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap Il 30 novembre è il termine ultimo per versare la seconda o unica rata dell acconto IRPEF da parte delle persone fisiche tenute alla presentazione del Modello Unico

Dettagli

Dentro la Notizia. 7 Settembre 2012

Dentro la Notizia. 7 Settembre 2012 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 70/2012 SETTEMBRE/4/2012 (*) 7 Settembre 2012 COMPENSAZIONI FISCALI

Dettagli

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 196 M A S S I M A

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 196 M A S S I M A COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 196 Dichiarazione integrativa a favore del contribuente per la correzione di errori commessi

Dettagli

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289.

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. SOGGETTI INTERESSATI TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO O CHE AVREBBERO DOVUTO PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE ENTRO IL 31

Dettagli

Circolare Ministeriale n. 16/E del 14 aprile 2009 Il quadro normativo Soggetti ammessi

Circolare Ministeriale n. 16/E del 14 aprile 2009 Il quadro normativo Soggetti ammessi La parziale deducibilità dell IRAP dalle imposte sul reddito (IRES/IRPEF) è riconosciuta, a decorrere dal periodo d`imposta 2008, in misura forfetariamente pari al 10% dell IRAP versata, a condizione che

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 05.11.2014 Stabilità 2015: le novità in materia di Irap La nuova deduzione Irap dal 2015 e la conferma delle vecchie aliquote per il 2014.

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 1 Aprile 2009, ore 08:05 Deduzione IRAP Assonime conferma il criterio di cassa La deduzione dell IRAP dalla base imponibile IRES e IRPEF va effettuata secondo il criterio di cassa e comunque nel limite

Dettagli

Roma, 14/02/2014 INDICE

Roma, 14/02/2014 INDICE Roma, 14/02/2014 Società di persone e imprenditori individuali in contabilità ordinaria - Determinazione dell IRAP relativa al triennio 2014-2016 in base al bilancio - Opzione entro il 3.3.2014 INDICE

Dettagli

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 7 settembre 2016 - Sala Convegni Odcec-Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi

Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi Focus di pratica professionale di Lelio Cacciapaglia Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi In data 17 dicembre 2012 è stato approvato il modello (con le relative istruzioni) per l istanza di rimborso

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 340 14.11.2016 Dichiarazione integrativa e mancata indicazione di un reddito da locazione L immobile ad uso non abitativo A cura di Andrea Amantea

Dettagli

Fisco e Tributi. Deducibilità dell Irap relativa al costo del lavoro. Istanze di rimborso per gli anni dal 2007 al Newsletter febbraio 2013

Fisco e Tributi. Deducibilità dell Irap relativa al costo del lavoro. Istanze di rimborso per gli anni dal 2007 al Newsletter febbraio 2013 Fisco e Tributi Deducibilità dell Irap relativa al costo del lavoro e Istanze di rimborso per gli anni dal 2007 al 2012 Indice 1. Deduzione analitica dell Irap 2. Soggetti interessati 3. Spese del personale

Dettagli

Deducibilità dell IRAP relativa al costo del lavoro I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Deducibilità dell IRAP relativa al costo del lavoro I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate n 15 del 19 aprile 2013 circolare n 292 del 16 aprile 2013 referente BERENZI/mr Deducibilità dell IRAP relativa al costo del lavoro I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L Agenzia delle entrate ha fornito

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 369 02.12.2016 Dichiarazione integrativa: le novità del D.L. 193/2016 A cura di Pirone Pasquale Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti

Dettagli

La Dichiarazione Integrativa a favore

La Dichiarazione Integrativa a favore Paola Piantedosi (Avvocato e Commercialista in Taranto) La Dichiarazione Integrativa a favore 1 L istituto del ravvedimento operoso consente all autore (ed ai soggetti solidalmente obbligati) di omissioni

Dettagli

IL BILANCIO 2016: NUOVI PRINCIPI

IL BILANCIO 2016: NUOVI PRINCIPI IL BILANCIO 2016: NUOVI PRINCIPI CONTABILI E CONSEGUENZE FISCALI I riflessi fiscali dei nuovi principi di redazione del bilancio Dott. Valeria Russo AGENDA Possibili scenari in tema di imposizione diretta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007.

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007. Direzione Centrale Amministrazione Pianificazione e Controllo RISOLUZIONE N. 127/E OGGETTO: Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite modello F24, dell imposta sostitutiva per i contribuenti

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 132/E

RISOLUZIONE N. 132/E RISOLUZIONE N. 132/E Roma, 20 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Articolo 5, commi da 1 a 3-bis, del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto

Dettagli

CIRCOLARE n. 1/2013. Deducibilità IRAP dalle imposte sui redditi: possibilità di rimborso per le annualità antecedenti al 2012

CIRCOLARE n. 1/2013. Deducibilità IRAP dalle imposte sui redditi: possibilità di rimborso per le annualità antecedenti al 2012 CIRCOLARE n. 1/2013 Deducibilità IRAP dalle imposte sui redditi: possibilità di rimborso per le annualità antecedenti al 2012 Con la presente circolare informativa si ritiene opportuno affrontare il tema

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore

730, Unico 2016 e Studi di settore 730, Unico 2016 e Studi di settore N. 27 13.04.2016 2014 Categoria: Unico Sottocategoria: Ravvedimento Come noto, l istituto del ravvedimento operoso è stato oggetto di rilevanti modifiche, ad opera della

Dettagli

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA Rif. dispensa 1. Le valutazioni di bilancio nel Codice Civile Sono prioritariamente individuati dall art 2426 del Codice Civile

Dettagli

Ai sensi dell art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 così come risultante dopo le modifiche apportate dall art. 1, comma 715, Finanziaria 2014:

Ai sensi dell art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 così come risultante dopo le modifiche apportate dall art. 1, comma 715, Finanziaria 2014: INFORMATIVA N. 142 14 MAGGIO 2015 DICHIARAZIONI LA DEDUCIBILITÀ DELL IMU 2014 Art. 14, D.Lgs. n. 23/2011 Art. 1, comma 508, Legge n. 190/2014 Art. 1, comma 9-quater, DL n. 4/2015 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 15/01/2013 ISTANZA DI RIMBORSO IRES/IRPEF COLLEGATA ALL INDEDUCIBILITA DELL IRAP SULLE SPESE DEI DIPENDENTI

CIRCOLARE n. 3 del 15/01/2013 ISTANZA DI RIMBORSO IRES/IRPEF COLLEGATA ALL INDEDUCIBILITA DELL IRAP SULLE SPESE DEI DIPENDENTI CIRCOLARE n. 3 del 15/01/2013 ISTANZA DI RIMBORSO IRES/IRPEF COLLEGATA ALL INDEDUCIBILITA DELL IRAP SULLE SPESE DEI DIPENDENTI INDICE 1. PREMESSA 2. IL RIMBORSO IRPEF/IRES 2.1 I soggetti interessati 2.2

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Trasformazione delle imposte differite attive in crediti d imposta Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Marco Ciavattini Art.

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI VARESE VIA LUIGI SACCO N. 14 TEL FAX

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI VARESE VIA LUIGI SACCO N. 14 TEL FAX STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI 21100 VARESE VIA LUIGI SACCO N. 14 TEL 0332-288494-288522 - FAX 0332-234241 segreteria2@studiocastelli.com Varese, 8 giugno 2009 OGGETTO: Rimborso IRAP anni precedenti

Dettagli

Circolare n.20/e. Roma, 18/05/2016

Circolare n.20/e. Roma, 18/05/2016 Circolare n.20/e Direzione Centrale Normativa Roma, 18/05/2016 OGGETTO: Commento alle novità fiscali. Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello

Dettagli

Deducibilità IMU e TASI

Deducibilità IMU e TASI Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 140 04.05.2015 Deducibilità IMU e TASI Categoria: Imposte locali Sottocategoria: IMU La Legge di Stabilità 2014 ha introdotto la possibilità di

Dettagli

Dentro la Notizia. 21 Settembre 2012

Dentro la Notizia. 21 Settembre 2012 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 1 76/2012 SETTEMBRE/10/2012 (*) 21 Settembre 2012 L OMESSA O TARDIVA

Dettagli

IRI: debutta la nuova tassazione del reddito d impresa

IRI: debutta la nuova tassazione del reddito d impresa Ai gentili clienti Loro sedi IRI: debutta la nuova tassazione del reddito d impresa Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la legge di Bilancio 2017 è stato introdotto un nuovo

Dettagli

Dichiarazioni Fiscali/730 INTEGRAZIONE I ACCONTO. Nota operativa 25 OTTOBRE 2012 PREMESSA NORMATIVA

Dichiarazioni Fiscali/730 INTEGRAZIONE I ACCONTO. Nota operativa 25 OTTOBRE 2012 PREMESSA NORMATIVA Nota operativa Dichiarazioni Fiscali/730 25 OTTOBRE 2012 INTEGRAZIONE I ACCONTO PREMESSA NORMATIVA Nell ambito delle diverse disposizioni normative di carattere retroattivo che incidono sulla determinazione

Dettagli

Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale Dott. Raniero Mazzucato

Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale Dott. Raniero Mazzucato GESTIONE FISCALE DEI CREDITI INSOLUTI 1 Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale 2 Art 2423 Codice Civile Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo

Dettagli

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate STUDIO PULIANI VIA F.TURATI 10 01016 TARQUINIA (VT) 0039 0766 / 845157 FAX 0766/848558 WWW. STUDIOPULIANI.COM 1 PREMESSA L Agenzia delle Entrate,

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 106 03.10.2016 Modello UNICO integrativo e correttivo Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale Pirone Nella presente

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 21.12.2015 Unico tardivo entro il 29.12 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Ravvedimento La mancata presentazione di Unico 2015 può essere

Dettagli

Come accennato, sono tenuti al versamento del secondo acconto, con le diverse modalità di cui si dirà in seguito:

Come accennato, sono tenuti al versamento del secondo acconto, con le diverse modalità di cui si dirà in seguito: (fonte Agenzia Entrate) Il 30 novembre è il termine ultimo per versare la seconda o unica rata dell acconto IRPEF da parte delle persone fisiche tenute alla presentazione del Modello Unico e dell acconto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 16 27.04.2016 Nuovo principio contabile OIC 29 Pubblicata in consultazione la bozza del principio contabile dedicato ai cambiamenti di principi contabili,

Dettagli

ACCONTI 2013 MISURE. Tipo d'imposta Percentuali acconto Irpef 100% Ires 101% Irap (persone fisiche e società di persone) 100%

ACCONTI 2013 MISURE. Tipo d'imposta Percentuali acconto Irpef 100% Ires 101% Irap (persone fisiche e società di persone) 100% Roma, 04 Novembre 2013 Prot. n.: 817/2013/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 41/2013 Oggetto: acconti d imposta di novembre dovuti per l anno 2013 Il Decreto Lavoro (decreto

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

Aldrovandi. Oggetto: Società di comodo in perdita sistemica i chiarimenti dell Agenzia

Aldrovandi. Oggetto: Società di comodo in perdita sistemica i chiarimenti dell Agenzia Circolare n. 22 Marzo 2013 Oggetto: Società di comodo in perdita sistemica i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Con la C.M. n.1/e del 15 febbraio 2013, recependo le risposte rese nel corso dei forum

Dettagli

La valutazione dei crediti e dei debiti in moneta estera: aspetti civilistici ed economici

La valutazione dei crediti e dei debiti in moneta estera: aspetti civilistici ed economici 15.13. La valutazione dei crediti e dei debiti in moneta estera: aspetti civilistici ed economici Le disposizioni del codice civile Quando un impresa opera nei mercati internazionali, può trovarsi in presenza

Dettagli

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 Anno 2016 RF293 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 6 OGGETTO CIRCOLARE DEL 25/11/2016 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 1 - OMESSA PRESENTAZIONE UNICO

Dettagli

E ancora dubbio il costo del ravvedimento di una dichiarazione integrativa presentata nei 90 giorni dalla scadenza

E ancora dubbio il costo del ravvedimento di una dichiarazione integrativa presentata nei 90 giorni dalla scadenza DICHIARAZIONE INTEGRATIVA E RAVVEDIMENTO OPEROSO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino Premessa Dopo avere trasmesso le dichiarazioni dei redditi del periodo di imposta 2011, potrebbe accadere

Dettagli

STUDIOIMPRESA SRL DETRAZIONI I SERVIZI DI STUDIOIMPRESA: DETRAZIONI

STUDIOIMPRESA SRL DETRAZIONI I SERVIZI DI STUDIOIMPRESA: DETRAZIONI STUDIOIMPRESA SRL DETRAZIONI La Legge Finanziaria 2008 (art. 1 comma 221) stabilisce che annualmente o in caso di modificazione delle situazioni previste, il pensionato abbia l obbligo di rilasciare apposita

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE. Stefano Spina

IMPOSTE DIRETTE. Stefano Spina IMPOSTE DIRETTE Stefano Spina ASSEGNAZIONE: BASE IMPONIBILE VALORE NORMALE - COSTO = STORICO BASE IMPONIBILE BASE IMPONIBILE IMPOSTA SOSTITUTIVA IIDD/IRAP 8% 10,5% se società di comodo 2 VALORE DEGLI IMMOBILI

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 336 09.11.2016 Anomalie anno 2012: le comunicazioni del Fisco Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti A cura di Pasquale Pirone In

Dettagli

RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI

RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare ELIMINAZIONE DEDUZIONE EXTRACONTABILI (QUADRO

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10/2013

NOTA OPERATIVA N. 10/2013 NOTA OPERATIVA N. 10/2013 OGGETTO: La deducibilità dei canoni di leasing per le imprese che adottano i principi contabili nazionali dopo le modifiche introdotte dal D.L. 16/2012. Premessa L articolo 4-bis,

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 124/2013 OTTOBRE/2/2013 (*) 2 Ottobre 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 124/2013 OTTOBRE/2/2013 (*) 2 Ottobre 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 124/2013 OTTOBRE/2/2013 (*) 2 Ottobre 2013 10 GIORNI PRIMA DELLA SCADENZA

Dettagli

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI NUOVE POSSIBILITA DI AVVALERSI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 E NOVITA DEGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DAL 2016 (Art. 1, commi 637-640 Legge di Stabilità 2015) Forlì, 25 febbraio 2015

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

Prot.n Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell anno 2012 Versamento acconto entro il 17 dicembre 2012.

Prot.n Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell anno 2012 Versamento acconto entro il 17 dicembre 2012. Prot.n. 1458 CIRC.n. 305 del 05.12.2012 A TUTTE LE IMPRESE ASSOCIATE Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell anno 2012 Versamento acconto entro il 17 dicembre 2012. Come noto, le

Dettagli

DEDUZIONE IRAP DAL REDDITO DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO

DEDUZIONE IRAP DAL REDDITO DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO DEDUZIONE IRAP DAL REDDITO DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO DETERMINAZIONE QUOTA IRAP DEDUCIBILE DAL REDDITO DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO DEDUZIONE INTEGRALE IRAP SUL COSTO DEL LAVORO AL NETTO DELLE

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO CORSO COLLABORATIVO (1) IL QUADRO NORMATIVO CAMBIA Si punta su un modello di cooperazione tra AF e contribuente Obiettivo: perseguire il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E

RISOLUZIONE N. 110/E RISOLUZIONE N. 110/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 dicembre 2012 OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicabilità dell istituto della remissione in bonis Sono pervenute alla scrivente, da parte

Dettagli

Rimborsi per versamenti in eccedenza

Rimborsi per versamenti in eccedenza Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 58 20.02.2015 Rimborsi per versamenti in eccedenza Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L art. 15, D.Lgs n. 175/2014 introduce, a decorrere

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 373 06.12.2016 Estromissione: il ravvedimento dell imposta sostitutiva A cura di Pirone Pasquale Categoria: Immobili Sottocategoria: Estromissione

Dettagli

Opzione Irap entro il 03.03

Opzione Irap entro il 03.03 Periodico informativo n. 29/2014 Opzione Irap entro il 03.03 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che, entro il 03.03.2014, le società

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 10.06.2015 Deducibilità dell Irap riferita al costo del lavoro Ex art. 2, D.L. N. 201/2011 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 53 10.07.2014 Studi di settore: regolarizzazione codice Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Il contribuente può sanare l omessa

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Artt. 1, 8 e 13, D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolare Agenzia Entrate 12.10.2016, n. 42/E Recentemente l Agenzia

Dettagli

Casi pratici ed esempi di compilazione del modello IRAP 2011 sono tratti dal volume di Gianluca Dan e Angelo Francioso, IRAP 2011, Ipsoa 2011.

Casi pratici ed esempi di compilazione del modello IRAP 2011 sono tratti dal volume di Gianluca Dan e Angelo Francioso, IRAP 2011, Ipsoa 2011. Irap 2011: nel quadro IS la rideterminazione dell acconto 2010 Casi pratici ed esempi di compilazione del modello IRAP 2011 sono tratti dal volume di Gianluca Dan e Angelo Francioso, IRAP 2011, Ipsoa 2011.

Dettagli

UNICO SC 2015: la deduzione degli interessi passivi Emiliano Ribacchi - Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners

UNICO SC 2015: la deduzione degli interessi passivi Emiliano Ribacchi - Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners UNICO SC 2015: la deduzione degli interessi passivi Emiliano Ribacchi - Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners ADEMPIMENTO " FISCO I soggetti IRES, in sede di calcolo

Dettagli

Di conseguenza i cinque scaglioni di reddito risultano ora così suddivisi:

Di conseguenza i cinque scaglioni di reddito risultano ora così suddivisi: 2. Modifica degli scaglioni di reddito L art. 1, comma 1, lett.a) e b), del decreto modifica l art.11 del TUIR, che stabilisce gli scaglioni di reddito cui si applicano le aliquote progressive dell Irpef,

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

Allegato LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI ALL ESTERO

Allegato LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI ALL ESTERO Allegato LO SCUDO FISCALE - IMMOBILI ALL ESTERO L art. 13-bis, DL n. 78/2009, convertito dalla Legge n. 102/2009, ha (re)introdotto la specifica disciplina, c.d. scudo fiscale, che consente a coloro che

Dettagli

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE Via Tacchi, 1 Rovereto Tel. 0464 435144 Fax 0464 439210 sito: www.studiogpc.it CIRCOLARE 3/2016 Rovereto, 9 Febbraio 2017. SOCIETA DI PERSONE: TASSAZIONE PER CASSA E OPZIONI

Dettagli

OGGETTO: Estromissione e versamento prima rata imposta sostitutiva

OGGETTO: Estromissione e versamento prima rata imposta sostitutiva Informativa per la clientela di studio N. 164 del 02.11.2016 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Estromissione e versamento prima rata imposta sostitutiva Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le imposte Riferimenti PRINCIPIO CONTABILE n. 25 (da fare tutto) DOCUMENTO INTERPRETATIVO AL P.C. 25 (N.2) (da fare: 1-15, 18-42) 2 Le imposte

Dettagli

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 107 06.10.2016 Le correzioni al Modello 730/2016 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nella presente fiscal

Dettagli

Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto, concernente l'interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto, concernente l'interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente Direzione Regionale della Lombardia Settore Servizi e Consulenza Milano, Ufficio Fiscalita' delle imprese e finanziaria ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI MILAN CORSO EUROPA 11 20122

Dettagli

STUDIOIMPRESA SRL MODELLO 730 I SERVIZI DI STUDIOIMPRESA: MODELLO 730

STUDIOIMPRESA SRL MODELLO 730 I SERVIZI DI STUDIOIMPRESA: MODELLO 730 STUDIOIMPRESA SRL MODELLO 730 Il Modello 730 è una dichiarazione dei redditi che può essere presentata dai contribuenti che risultano essere, nell'anno in corso o alla data di presentazione del modello

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare NOVITA IN MATERIA DI IRAP 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare RIDUZIONE ALIQUOTA IRAP ALIQUOTA RIDOTTA PER AGRICOLTURA RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI

Dettagli

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI Decreti Monti NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI 1 NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE D.L. n. 98/2011 (conv( conv.. L. n. 111/2011) D.L. n. 138/2011 (conv( conv.. L. n. 148/2011) D.L.

Dettagli

Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento

Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento Ai gentili clienti Loro sedi Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che scade domani 15 settembre 2016

Dettagli

Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Nel modello IRAP i nuovi limiti per le compensazioni e l indicazione degli errori contabili

Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Nel modello IRAP i nuovi limiti per le compensazioni e l indicazione degli errori contabili Nel modello IRAP i nuovi limiti per le compensazioni e l indicazione degli errori contabili di Pietro Petrangeli Numerose sono le novità introdotte nel modello IRAP 2014 che hanno riguardato, in particolare,

Dettagli

CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO

CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi.

Dettagli

IRAP 2016 : FOCUS SU ALCUNE DEDUZIONI UTILI PER LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2015

IRAP 2016 : FOCUS SU ALCUNE DEDUZIONI UTILI PER LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2015 IRAP 2016 : FOCUS SU ALCUNE DEDUZIONI UTILI PER LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Le deduzioni del costo del personale vanno indicate in dichiarazione

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016 Parma, 31 Ottobre 2016 OGGETTO: Chiarimenti in materia di ravvedimento operoso Di seguito si fornisce un breve riepilogo dei chiarimenti forniti dall Agenzia delle entrate con

Dettagli

PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP

PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP a cura Dott. Antonio Gigliotti I professionisti che, non versano l Irap per mancanza di un autonoma organizzazione

Dettagli

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007 Servizio INFORMATIVA 730 INFORMATIVA N. 26 Prot. 2974 DATA 10.04.2007 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI ICI dovuta per il 2006 e possibilità di ravvedimento operoso D.L. n. 223/2006; Modello

Dettagli