ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO"

Transcript

1 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: TRA COSTI E OPPORTUNITÀ I cambiamenti climatici in corso impongono un inderogabile impegno ad intraprendere tutti gli interventi possibili per ripristinare condizioni di equilibrio attraverso l aumento di efficienza nella produzione e nell impiego di energia, l adozione di modalità sostitutive nei sistemi di trasporto, la gestione responsabile del territorio e, in generale, la modifica complessiva degli stili di vita. I mutamenti climatici, infatti, sono destinati ad incidere in maniera significativa non soltanto sull ambiente naturale, ma anche sulle fasce sociali e sui settori produttivi ed economici. Ad esempio, vi è il rischio di conseguenze sull assetto territoriale, di variazione dei colori e della morfologia del paesaggio. I cambiamenti climatici stanno incidendo, inoltre, sulle abitudini alimentari e turistiche dei consumatori, nonché sulla distribuzione delle risorse (trasferimento di risorse pubbliche; aumento o perdita di redditività di aree e settori produttivi). Si registrano, inoltre, consistenti ripercussioni sul modello produttivo agricolo. Per tali ragioni, è indispensabile che la strategia di adattamento soddisfi un elevato livello di consenso e coinvolgimento dei soggetti privati o istituzionali. D altra parte, risulta importante che le misure adottate siano trasversali a tutti gli ambiti tematici interessati ed economicamente fattibili in base ad un analisi costi-benefici. In quest ottica, deve essere incoraggiato un approccio di tipo volontario attraverso interventi finalizzati a valorizzare il ruolo ecosistemico svolto dalle imprese agricole, minimizzando l imposizione di ulteriori vincoli all esercizio dell attività e gli oneri economici e burocratici. In tal modo, l agricoltura potrà realmente raccogliere la sfida del cambiamento climatico. ADATTAMENTO: UNA STRATEGIA DI CONCERTAZIONE PROGETTUALE INTEGRATA Relativamente allo scenario di riferimento, emerge la necessità di mettere a punto opportune misure di adattamento, finalizzate a far fronte ai cambiamenti climatici attraverso azioni di adeguamento alle mutate condizioni ambientali e di prevenzione. Un efficace strategia di adattamento, inoltre, può consentire non solo di ridurre il rischio ed i danni conseguenti alle variazioni del clima, ma anche di sfruttare i benefici derivanti dalle nuove opportunità economiche che si aprono in questo contesto. Le azioni di adattamento devono intervenire ad ogni livello, sia umano che naturale, con la necessità di un approccio pro-attivo di tutti i soggetti (pubblici e privati) coinvolti. 1

2 La definizione delle misure di adattamento necessita di un approccio differenziato, sia in relazione agli ambiti territoriali che ai diversi settori, ma il metodo da applicare deve essere uniformemente caratterizzato da un partenariato nella programmazione, attuazione e valutazione delle strategie e degli interventi in cui far maturare la concertazione progettuale. In particolare, il partenariato economico e sociale deve consistere nel sistematico coinvolgimento nei processi decisionali e gestionali di tutti gli attori interessati alla definizione degli obiettivi, delle strategie e delle azioni da mettere in atto e gli interventi di adattamento devono essere realizzati al livello più opportuno, in maniera integrata e cooperativa. Nella realizzazione di un progetto trasversale a tutti gli ambiti tematici individuati, devono essere attivate e rafforzate le relazioni sistemiche tra i diversi settori pubblici e privati (concertazione inter-istituzionale e territoriale) e devono essere rese tempestive le risposte alle esigenze espresse dal territorio. L attivazione della concertazione progettuale a livello inter-istituzionale e a livello territoriale può dare origine ad una governance multi-livello che potrà far confluire le esperienze nonché i finanziamenti da parte di tutti gli operatori pubblici/privati coinvolti. In effetti, l efficacia della strategia di adattamento si realizza e si misura, innanzitutto, a livello locale, dove è possibile non solo effettuare un analisi costi-benefici per valutare le ripercussioni economiche degli interventi (ad esempio, studi economici sugli impatti sulle singole coltivazioni o sugli allevamenti a livello locale), ma anche valorizzare le specificità locali, ambientali e sociali. Il coinvolgimento delle istituzioni: Dalle istituzioni ci si aspetta un contributo in termini di coerenza politica e lungimiranza, attraverso interventi economici e normativi programmati, attività di monitoraggio e prevenzione che agiscano sulle cause di vulnerabilità, oltre che sugli effetti. Dovrà essere assicurata la promozione di specifiche prassi di comportamento, sia per le imprese che per i privati, oltre che un adeguato sostegno alla ricerca. Con riferimento alla gestione agricola e forestale, ad esempio, devono essere promosse misure di adattamento, integrate a quelle di mitigazione, che comprendano interventi finalizzati a: l utilizzo efficiente delle risorse idriche nelle regioni aride; la protezione dei corsi d'acqua da un eccessivo afflusso di nutrienti; il miglioramento della gestione delle alluvioni; la manutenzione ed il ripristino di paesaggi multifunzionali come i prati ad alto valore naturalistico che ospitano habitat e intervengono nella migrazione di numerose specie; la promozione di tecniche di gestione forestale che favoriscano la resistenza ai cambiamenti climatici (risulta indispensabile, ad esempio, l adozione di misure per la creazione e la conservazione dei serbatoi di carbonio, cosiddetti carbon sink). Il coinvolgimento delle imprese: fare della strategia di adattamento uno strumento di competitività 2

3 Le imprese agricole sono chiamate ad internalizzare le strategie di adattamento che possono diventare strumento di competitività aziendale, sfruttando le opportunità connesse all adozione di pratiche e di tecnologie all avanguardia. A tal fine, risulta strategica l adozione di modelli e codici volontari di comportamento che possono rappresentare un importante leva di marketing in un mercato sempre più sensibile alle tematiche ambientali. Il coinvolgimento dei privati: la revisione degli stili di vita e del modello di sostenibilita Anche il cittadino-consumatore può contribuire attivamente alle strategie di adattamento, soprattutto attraverso la revisione dei propri stili di vita e di consumo. Il concetto di filiera corta, ad esempio, deve essere inteso non tanto in termini temporali, quanto spaziali. Lo sviluppo della vera filiera corta dovrebbe essere legato, infatti, alla diffusione del consumo dei prodotti stagionali e territoriali. Tale modello rappresenta l occasione più immediata per offrire valide opportunità reddituali alle imprese e dare impulso allo sviluppo del territorio. Una risposta agli effetti dei cambiamenti climatici può essere fornita, infatti, proprio dalla differenziazione delle formule di vendita e degli stili di consumo, privilegiando gli alimenti prodotti localmente, garantendo elevati risparmi sotto il profilo energetico e delle risorse naturali e riducendo, al contempo, le emissioni connesse al trasporto delle merci. Il progetto Chilometro Zero, promosso da COLDIRETTI rappresenta, in questo senso, una risposta alla domanda del numero crescente di consumatori desiderosi di adottare, anche nell'alimentazione, stili di vita attenti alla salvaguardia dell ambiente e del clima. LE MISURE DI ADATTAMENTO: STRUMENTI PER UNA STRATEGIA COMPETITIVA E DI SOSTENIBILITA Le strategie di adattamento possono, dunque, rappresentare un occasione di diffusione di modelli produttivi e di consumo più sostenibili e la variabile ambientale conseguente ai cambiamenti climatici può essere trasformata in un fattore di competitività per le imprese. In questo contesto, l impresa agricola può assumere un ruolo da protagonista, assicurando la fornitura di servizi ecosistemici. A tale scopo, devono essere previsti specifici interventi che valorizzino il ruolo multifunzionale dell impresa agricola, rendendo effettive, al contempo, le norme già in vigore. Ad esempio, non risultano ancora adeguatamente attuate le disposizioni relative ai contratti di collaborazione ed alle convenzioni con le pubbliche amministrazioni contenute nel Decreto legislativo 228/01. Diviene prioritaria, inoltre, la messa a punto di opportuni strumenti di monitoraggio e di controllo a supporto delle decisioni, sia a livello aziendale che a livello di pianificazione territoriale. In questo senso, la disponibilità di una adeguata modellistica agrometeorologica può rappresentare il presupposto essenziale per gestire il cambiamento climatico. L'agrometeorologia, infatti, consente l'utilizzo di "modelli previsionali" che permettono, tra l altro, la diffusione di metodi produttivi con minore impiego di agrofarmaci (lotta guidata e lotta biologica). 3

4 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: UNA STRATEGIA COMPLEMENTARE La strategia di adattamento, inoltre, non può essere considerata alternativa a quella di mitigazione, ma ne rappresenta un complemento necessario per la stretta relazione tra i costi di adattamento e i costi di mitigazione: in generale, più investimenti sono realizzati per ridurre la concentrazione di gas serra, minore sarà la necessità di interventi di adattamento e viceversa. Inoltre, le azioni di adattamento e di mitigazione, spesso parzialmente coincidenti, devono essere compatibili tra loro e pianificate congiuntamente. Riguardo le azioni di mitigazione e di adattamento che possono essere messe in atto dal settore agricolo, si rileva come molte misure per la riduzione delle emissioni - possibili attraverso una maggiore efficienza energetica ed idrica, la minimizzazione dei trasporti con la diffusione di nuovi stili di consumo (Chilometro zero) o, ancora, l assorbimento del carbonio (carbon sink) - risultano indispensabili nella strategia di adattamento. LA STRATEGIA DI ADATTAMENTO APRE UN NUOVO CAPITOLO DELLA PAC In un prossimo futuro, l'agricoltura europea dovrà affrontare numerose difficoltà connesse all intensificarsi della concorrenza internazionale, alla maggiore liberalizzazione della politica degli scambi ed all esodo rurale. A tali problematiche, si aggiungerà la necessità di fronteggiare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici. In questo contesto, si apre il nuovo capitolo della Politica agricola comune, per il periodo successivo al 2013, con l esigenza di rivisitarne i preamboli e di ricostruire le premesse del ruolo territoriale svolto dalle imprese agricole, anche in funzione dell attuazione delle strategie di adattamento e di mitigazione dei cambiamenti climatici. 4

5 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, settembre 2007 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: TRA COSTI E OPPORTUNITÀ I cambiamenti climatici in corso impongono un inderogabile impegno ad intraprendere tutti gli interventi possibili per ripristinare condizioni di equilibrio attraverso l aumento di efficienza nella produzione e nell impiego di energia, l adozione di modalità sostitutive nei sistemi di trasporto, la gestione responsabile del territorio e, in generale, la modifica complessiva degli stili di vita. I mutamenti climatici, infatti, sono destinati ad incidere in maniera significativa non soltanto sull ambiente naturale, ma anche sulle fasce sociali e sui settori economici. Per tali ragioni, è indispensabile che la strategia di adattamento soddisfi un elevato livello di consenso e coinvolgimento dei soggetti privati o istituzionali. D altra parte, risulta importante che le misure adottate siano trasversali a tutti gli ambiti tematici interessati ed economicamente fattibili in base ad un analisi costi-benefici. In quest ottica, deve essere incoraggiato un approccio di tipo volontario attraverso interventi finalizzati a valorizzare il ruolo ecosistemico svolto dalle imprese agricole, minimizzando l imposizione di ulteriori vincoli all esercizio dell attività e gli oneri economici e burocratici. In tal modo, l agricoltura potrà realmente raccogliere la sfida del cambiamento climatico. EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUL TERRITORIO Il territorio, in particolare, è destinato a subire in maniera più diretta gli effetti dei cambiamenti climatici: oltre all aumento della vulnerabilità ambientale (dissesto idrogeologico, aumento della franosità, desertificazione, salinizzazione, ecc.), vi è il rischio di conseguenze anche sull assetto territoriale, di variazione dei colori e della morfologia del paesaggio a causa della modifica degli edifici e delle infrastrutture esistenti, dello spostamento degli areali produttivi, dell aumento dei fenomeni di abbandono delle terre (con conseguente aumento di aree incolte, degradate e scarsamente lavorate). In sintesi, gli effetti interessano in modo consistente: la vulnerabilità 5

6 gli habitat naturali il paesaggio l assetto territoriale il sistema infrastrutturale il settore edilizio il sistema insediativo rurale EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA SOCIETA I cambiamenti climatici stanno incidendo, inoltre, sulle abitudini e sulle spese dei consumatori sotto diversi profili. Si registrano aggravi di costi produttivi per gli agricoltori connessi ad imprevedibili eventi metereologici ed aumenti dei prezzi al consumo. I prezzi all origine dei prodotti ortofrutticoli hanno già subito in generale un sensibile aumento dal 2006 al 2007, ma da un confronto tra gli andamenti dei prezzi all origine e al dettaglio si rilevano, in alcuni casi, fenomeni speculativi motivati dal generalizzato aumento dei prezzi e dall allarme climatico. La crescita dei prezzi al dettaglio già registrata risulta essere, attualmente, più che proporzionale rispetto all aumento dei prezzi all origine, ma non è escluso che, a seguito degli effetti dei cambiamenti climatici, anche il reale aumento dei costi di produzione possa, a breve tempo, incidere in modo più consistente nel generale trend di aumento dei prezzi al consumo. Sono già in corso, inoltre, significative variazioni nella stagionalità dei prodotti con conseguenti modifiche nella dieta e nelle abitudini alimentari. Anche i flussi turistici, sia invernali che estivi, possono essere caratterizzati dalla scelta di diverse destinazioni e di differenti periodi di vacanza. E prevedibile, infine, anche una diversa distribuzione delle risorse: da un lato i finanziamenti pubblici sono destinati ad interessare in modo sempre più specifico le aree maggiormente vulnerabili (zone costiere, aride ed alpine soggette alle previsioni di innalzamento del livello del mare e di mutamento del ciclo idrogeologico) e, dall altro lato, si determina una variazione, in aumento o in perdita, della redditività di alcune zone o settori produttivi. L effetto più preoccupante, però, riguarda lo spostamento degli habitat produttivi che può mettere a rischio la tradizionale identità territoriale di alcuni prodotti tipici agroalimentari e 6

7 le loro caratteristiche organolettiche, vanificando gli investimenti pubblici e privati sostenuti per la valorizzazione dei principali prodotti-simbolo del Made in Italy. In sintesi, gli effetti sono destinati ad interessare in modo consistente: l aumento dei prezzi dei prodotti ortofrutticoli l alimentazione i flussi turistici (destinazioni e periodi) la distribuzione delle risorse (trasferimento di risorse pubbliche; aumento o perdita di redditività di aree e/o settori produttivi) EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUL MODELLO PRODUTTIVO AGRICOLO Per quanto riguarda le attività agricole, gli effetti dei cambiamenti climatici determinano: variazioni quantitative delle produzioni variazioni qualitative delle produzioni alterazione della vocazionalità di alcune aree spostamento degli areali di produzione perdita di tradizioni produttive aumento dei costi di produzione In termini di influenza diretta sulle colture, gli effetti dei cambiamenti climatici sono anche causa di: diminuzione della disponibilità idrica aumento della temperatura aumento della variabilità climatica (in particolare dall aumento della frequenza e dell intensità dei fenomeni estremi). Di conseguenza, le colture subiscono alterazioni che interessano: gli stadi fenologici le esigenze irrigue il sistema fitopatologico le esigenze in termini di lavorazioni 7

8 LA STRATEGIA DI ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA ADATTAMENTO: UNA STRATEGIA DI CONCERTAZIONE PROGETTUALE INTEGRATA Relativamente allo scenario di riferimento, emerge la necessità di mettere a punto opportune misure di adattamento, finalizzate a far fronte ai cambiamenti climatici attraverso azioni di adeguamento alle mutate condizioni ambientali e di prevenzione degli effetti connessi. Un efficace strategia di adattamento può consentire non solo di ridurre il rischio ed i danni conseguenti alle variazioni del clima, ma anche di sfruttare i benefici derivanti dalle nuove opportunità economiche che si aprono in questo contesto. Se è l intero sistema ambientale, economico e sociale ad essere esposto ai cambiamenti climatici, le azioni di adattamento devono, quindi, intervenire ad ogni livello, sia umano che naturale, con la necessità di un approccio pro-attivo di tutti i soggetti (pubblici e privati) coinvolti. La definizione delle misure di adattamento necessita, dunque, di un approccio differenziato sia in relazione agli ambiti territoriali che ai diversi settori, ma il metodo da applicare deve essere uniformemente caratterizzato da un partenariato nella programmazione, attuazione e valutazione delle strategie e degli interventi in cui far maturare la concertazione progettuale. E necessario, ad esempio, garantire la partecipazione ai nuovi tavoli di lavoro di tutte le forze sociali, economiche, civili ed ambientali interessate allo sviluppo del territorio. Il partenariato economico e sociale deve, infatti, consistere nel sistematico coinvolgimento nei processi decisionali e gestionali di tutti gli attori interessati alla definizione degli obiettivi, delle strategie e delle azioni da mettere in atto e gli interventi di adattamento devono essere realizzati al livello più opportuno, in maniera integrata e cooperativa. L attivazione della concertazione progettuale a livello inter-istituzionale e a livello territoriale può dare origine ad una governance multi-livello che potrà far confluire le esperienze, nonché i finanziamenti da parte di tutti gli operatori pubblici/privati coinvolti. Un coordinamento interistituzionale avrebbe la funzione di garantire lo scambio tra le diverse amministrazioni (centrali e locali), necessario ad uniformare le modalità e le metodologie (azioni) adottate dai diversi livelli che realizzano le misure di adattamento. 8

9 Le azioni di adattamento devono essere parte di un progetto trasversale a tutti gli ambiti tematici individuati, così che il processo di pianificazione strategica per l adattamento sia flessibile e sensibile al controllo di tutte quelle politiche ed azioni progettuali analizzate ed indagate in ciascun ambito. In tal modo, è possibile attivare e rafforzare le relazioni sistemiche tra i diversi settori pubblici e privati (concertazione inter-istituzionale e territoriale), oltre a rendere tempestive le risposte alle esigenze espresse dal territorio. In effetti, l efficacia della strategia di adattamento volta a minimizzare ed a prevenire gli impatti dei cambiamenti climatici si realizza e si misura, innanzitutto, a livello locale, dove è possibile effettuare non solo un analisi costi-benefici capace di cogliere tutte le ripercussioni economiche degli interventi (ad esempio studi economici sugli impatti sulle singole coltivazioni o sugli allevamenti a livello locale), ma anche una valutazione che consideri le specificità locali, ambientali e sociali, sulla base delle opinioni espresse durante il processo di concertazione dagli attori rilevanti, sia privati che istituzionali. Il coinvolgimento delle istituzioni: Dalle istituzioni ci si aspetta, dunque, un contributo in termini di coerenza politica e lungimiranza, attraverso interventi economici e normativi programmati, attività di monitoraggio e prevenzione che agiscano sulle cause di vulnerabilità, oltre che sugli effetti. Dovrà essere assicurata la promozione di specifiche prassi di comportamento, sia per le imprese che per i privati, oltre che un adeguato sostegno alla ricerca. Con riferimento alla gestione agricola e forestale, ad esempio, devono essere promosse misure di adattamento, integrate a quelle di mitigazione, che comprendano interventi finalizzati a: l utilizzo efficiente delle risorse idriche nelle regioni aride; la protezione dei corsi d'acqua da un eccessivo afflusso di nutrienti; il miglioramento della gestione delle alluvioni; la manutenzione ed il ripristino di paesaggi multifunzionali come i prati ad alto valore naturalistico che ospitano habitat e intervengono nella migrazione di numerose specie; la promozione di tecniche di gestione forestale che favoriscano la resistenza ai cambiamenti climatici (risulta indispensabile, ad esempio, l adozione di misure per la creazione e la conservazione dei serbatoi di carbonio, cosiddetti carbon sink). 9

10 Il coinvolgimento delle imprese: fare della strategia di adattamento uno strumento di competitività Le imprese agricole sono, dunque, chiamate ad internalizzare le strategie di adattamento rendendole strumento di competitività aziendale, sfruttando le opportunità connesse all adozione di pratiche e di tecnologie all avanguardia attraverso l adozione di modelli volontari di comportamento. A tal fine, risulta strategica l adozione di modelli e codici volontari di comportamento che possono rappresentare un importante leva di marketing in un mercato sempre più sensibile alle tematiche ambientali. Il coinvolgimento dei privati: la revisione degli stili di vita e del modello di sostenibilita Anche il cittadino-consumatore può contribuire attivamente alle strategie di adattamento soprattutto attraverso la revisione dei propri stili di vita e di consumo. Il concetto di filiera corta, ad esempio, deve essere inteso non tanto in termini temporali, quanto spaziali. Lo sviluppo della vera filiera corta dovrebbe essere legato, infatti, alla diffusione del consumo dei prodotti stagionali e territoriali. Tale modello rappresenta l occasione più immediata per offrire valide opportunità reddituali alle imprese e dare impulso allo sviluppo del territorio. Una risposta agli effetti dei cambiamenti climatici può essere fornita, infatti, proprio dalla differenziazione delle formule di vendita e degli stili di consumo, privilegiando gli alimenti prodotti localmente garantendo elevati risparmi sotto il profilo energetico e delle risorse naturali e riducendo, al contempo, le emissioni connesse al trasporto delle merci. Il progetto Chilometro Zero promosso da COLDIRETTI rappresenta, in questo senso, una risposta alla domanda del numero crescente di consumatori desiderosi di adottare, anche nell'alimentazione, stili di vita attenti alla salvaguardia dell ambiente e del clima. LE MISURE DI ADATTAMENTO: STRUMENTI PER UNA STRATEGIA COMPETITIVA E DI SOSTENIBILITA Le strategie di adattamento possono, dunque, rappresentare un occasione di diffusione di modelli produttivi e di consumo più sostenibili e la variabile ambientale conseguente ai cambiamenti climatici può essere trasformata in un fattore di competitività per le imprese. In questo contesto, l impresa agricola può assumere un ruolo da protagonista assicurando la fornitura di servizi ecosistemici. A tale scopo, devono essere previsti specifici strumenti che valorizzino il ruolo multifunzionale dell impresa agricola, rendendo effettive, al 10

11 contempo, le norme già in vigore. Ad esempio, non risultano ancora adeguatamente attuate le disposizioni relative ai contratti di collaborazione ed alle convenzioni con le pubbliche amministrazioni contenute nel Decreto legislativo 228/01. Diviene, inoltre, prioritaria la messa a punto di opportuni strumenti di monitoraggio e di controllo a supporto delle decisioni, sia a livello aziendale che a livello di pianificazione territoriale. In questo senso, la disponibilità di una adeguata modellistica agrometeorologica può rappresentare il presupposto essenziale per gestire il cambiamento climatico, individuando le strategie di adattamento necessarie per valorizzare gli effetti positivi e minimizzare quelli negativi ad esso connessi. Ai fini della pianificazione produttiva e della gestione dell impresa agricola, ad esempio, il supporto agrometeorologico può essere d ausilio per: la scelta produttiva globale e dei diversi appezzamenti l effettiva valutazione del rischio climatico le previsioni di eventuali ristagni o carenze idriche e relativi interventi la scelta delle modalità, epoche e tempi di esecuzione delle pratiche colturali la difesa da rischi fitopatologici e climatici (gelate, grandinate etc...). In questo ultimo campo, l'agrometeorologia consente l'utilizzo di "modelli previsionali" - studiati per stimare la pericolosità di alcune malattie fungine e di insetti dannosi alle colture - che consentono l'applicazione di una lotta mirata e l'ottenimento di produzioni con minori residui di agrofarmaci (lotta guidata e lotta biologica). ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: UNA STRATEGIA COMPLEMENTARE La strategia di adattamento, inoltre, non può essere considerata alternativa a quella di mitigazione, ma ne rappresenta un complemento necessario per la stretta relazione tra i costi di adattamento e i costi di mitigazione: in generale, più investimenti sono realizzati per ridurre la concentrazione di gas serra, minore sarà la necessità di interventi di adattamento e viceversa. Inoltre, le azioni di adattamento e di mitigazione, spesso parzialmente coincidenti, devono essere compatibili tra loro e pianificate congiuntamente. Riguardo le azioni di mitigazione e di adattamento che possono essere messe in atto dal settore agricolo, si rileva come molte misure per la riduzione delle emissioni, possibili attraverso una maggiore efficienza energetica ed idrica, o la minimizzazione dei trasporti con la diffusione di nuovi stili di consumo (Chilometro zero) o, ancora, l assorbimento del carbonio (carbon sink), risultano indispensabili nella strategia di adattamento. 11

12 LA STRATEGIA DI ADATTAMENTO APRE UN NUOVO CAPITOLO DELLA PAC In un prossimo futuro, l'agricoltura europea dovrà affrontare numerose difficoltà connesse all intensificarsi della concorrenza internazionale, alla maggiore liberalizzazione della politica degli scambi ed all esodo rurale. A tali problematiche, si aggiungerà la necessità di fronteggiare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici. In questo contesto, si apre il nuovo capitolo della Politica agricola comune, per il periodo successivo al 2013, con l esigenza di rivisitarne i preamboli e di ricostruire le premesse del ruolo territoriale svolto dalle imprese agricole, anche in funzione dell attuazione delle strategie di adattamento e di mitigazione dei cambiamenti climatici. 12

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale L INEA e RURALAND una finestra sul mondo rurale RURALAND costituisce una esempio di comunicazione ed educazione istituzionale che sviluppa i temi dello sviluppo rurale, lo sviluppo sostenibile della biodiversità

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Intervento alla Tavola Rotonda «Quali strumenti per una governanceefficace delle relazioni tra sistema agro-forestale e territorio?

Intervento alla Tavola Rotonda «Quali strumenti per una governanceefficace delle relazioni tra sistema agro-forestale e territorio? Convegno CATAP Riflessi della nuova Politica Agricola Comune 2014-2020 sull ambiente e sul paesaggio in Italia. Roma, 19 giugno 2014 Intervento alla Tavola Rotonda «Quali strumenti per una governanceefficace

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR Indice dei contenuti 1. Premessa 2. Prima fase del percorso

Dettagli

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Schema di documento di posizione del sistema rurale italiano rispetto alle politiche internazionali sul clima La situazione italiana Complessivamente l

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Le priorità e le sfide da affrontare nella programmazione 2014-2020: il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Claudio Sacchetto Assessore all Agricoltura e foreste e alla caccia e pesca

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione LA VALORIZZAZIONE DELLE BIOMASSE IN TOSCANA: LIMITI E OPPORTUNITA Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione In collaborazione con: 1 Indice 1. LE SCELTE METODOLOGICHE 1.1 Gli obiettivi 1.2 I soggetti coinvolti

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Il PSR 2014-2020 della Toscana

Il PSR 2014-2020 della Toscana Il PSR 2014-2020 della Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Conferenza: Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali, IFOA-AIAB Perugia, 21 novembre

Dettagli

organico In diesem Monat sprechen wir über: uro Helpdesk, 02/2014 Agricoltura e ricerca: un approccio 1-5 organico Facts and Figures

organico In diesem Monat sprechen wir über: uro Helpdesk, 02/2014 Agricoltura e ricerca: un approccio 1-5 organico Facts and Figures In diesem Monat sprechen wir über: Agricoltura e ricerca: un approccio organico 1-5 uro Helpdesk, 02/2014 Facts and Figures FOCUS ON: Service-point EIP Agri: Obiettivi e servizi Gruppi operativi, Network

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Strumenti finanziari per la strategia di adattamento ai cambiamenti climatici: rischi ed opportunità

Strumenti finanziari per la strategia di adattamento ai cambiamenti climatici: rischi ed opportunità Workshop Per un contributo alla Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Strumenti finanziari per la strategia di adattamento ai cambiamenti climatici: rischi ed opportunità Piero Pelizzaro

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Andrea Bonfiglio Direttore editoriale Agrimarcheuropa Dipartimento di Scienze economiche e sociali Università Politecnica delle Marche VENERDÌ

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

PTS TUTELA RISORSE NATURALI

PTS TUTELA RISORSE NATURALI PTS TUTELA RISORSE NATURALI PREMESSA Se la proposta di ripartizione della spesa tiene conto che la Calabria ha ancora tanta necessità di spendere sull asse I per garantire un adeguato intervento sull ancora

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della IPCC AR5 Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici Working Group II Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità I contenuti principali della Sintesi per i Decisori Politici

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima La Coalizione Italiana per il Clima chiede che dalla COP21 di Parigi scaturisca un accordo equo, legalmente vincolante, che consenta di limitare il riscaldamento

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR. Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020

L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR. Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020 L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Cepagatti, 20 Giugno 2014 Obiettivo del partenariato: - ordinare i fabbisogni emergenti -

Dettagli

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Sergio Paci Dipartimento di Finanza Responsabile Divisione Pensions and Insurance Carefin Roma, 4 novembre 2014 Assicurazione, sostenibilità

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica La riqualificazione urbana Trasformazione della concezione urbanistica Nuova filosofia normativa: Dalla rigida prescrizione del PRG al modello PPP, alla capacità di coniugare due elementi: - l interesse

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola La sfida nel reparto ortofrutta Nel momento dell acquisto di ortofrutta, la scelta dei prodotti da parte del consumatore è fondamentale per creare fidelizzazione

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.1.2014 SWD(2014) 29 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta di REGOLAMENTO DEL

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Fondi FESR 2014-2020 L edilizia nel contesto europeo Gli undici

Dettagli

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020 dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 1) DOTAZIONE FINANZIARIA UE 95,3 MILIARDI EURO Italia 10,4 MILIARDI EURO + cofinanziamento

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014 PSR 2014-2020 La Struttura e i contenuti del futuro programma Bologna - luglio 2014 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Europa 2020: linee guida generali Quadro Strategico Nazionale (QSC), Position Paper, e l Accordo

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SUOLI E GEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO PADOVANO Convegno 23.10.2013 Aula Magna Galileo Galilei

Dettagli

Promuovere la buona agricoltura. L agricoltura laziale

Promuovere la buona agricoltura. L agricoltura laziale Promuovere la buona agricoltura L agricoltura laziale La sempre più diffusa consapevolezza del ruolo fondamentale assolto dal settore agricolo nell azione di tutela del territorio ne accresce l importanza

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Documento di sintesi I cantoni alpini intendono rafforzare l area alpina quale spazio vitale, economico e culturale poliedrico, caratterizzato dalla

Dettagli

Informazioni riguardanti gli Assi e le Misure ASSE 1. Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005.

Informazioni riguardanti gli Assi e le Misure ASSE 1. Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005. 5.3.1.5.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005. Giustificazione logica alla base

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

LE LINEE GUIDA DEL PROGETTO ACT ADAPTING TO CLIMATE CHANGE IN TIME

LE LINEE GUIDA DEL PROGETTO ACT ADAPTING TO CLIMATE CHANGE IN TIME PLANNING FOR ADAPTATION TO CLIMATE CHANGE Guidelines for municipalities No LIFE08 ENV/IT/000436 With the contribution of the LIFE financial instruments of the European Community LINEE GUIDA PER I PIANI

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE 2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE Presentazione del Moderatore dottor Grimaldi: La prossima relazione, l ultima, ha come tema Prospettive e criticità per il legno di castagno. La relazione è svolta

Dettagli

Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento LE 10 CATASTROFI NATURALI PIU SCONVOLGENTI DELL ULTIMO DECENNIO 1. Inondazioni

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili

CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili adottata in occasione della riunione informale dei ministri per lo Sviluppo urbano e la coesione territoriale tenutasi a Lipsia il 24 e 25 maggio 2007 PREAMBOLO

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Convegno. Forum Terra Italia. Investimenti per un Rinascimento Verde. Capitale naturale, umano ed economico diventano partner in vista dell Expo 2015

Convegno. Forum Terra Italia. Investimenti per un Rinascimento Verde. Capitale naturale, umano ed economico diventano partner in vista dell Expo 2015 Convegno Forum Terra Italia Investimenti per un Rinascimento Verde Capitale naturale, umano ed economico diventano partner in vista dell Expo 2015 Firenze, Galleria degli Uffizi 5 giugno 2013 con il patrocinio

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

MANIFESTO PER UN'ALLEANZA PER IL SUOLO DELLE CITTÀ E DEI COMUNI EUROPEI

MANIFESTO PER UN'ALLEANZA PER IL SUOLO DELLE CITTÀ E DEI COMUNI EUROPEI MANIFESTO PER UN'ALLEANZA PER IL SUOLO DELLE CITTÀ E DEI COMUNI EUROPEI Preambolo Gli elementi fondamentali per la vita del nostro pianeta sono costituiti dal suolo, dall'aria e dall'acqua. Le caratteristiche

Dettagli

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI A LLEGATO B ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI ALLEGATO B1 Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

Il ruolo sociale e mutualistico dell assicurazione

Il ruolo sociale e mutualistico dell assicurazione Risposta alla consultazione sul documento: ELEMENTI PER UNA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI - Ministero dell Ambiente, Novembre 2013 Inquadramento La proposta di Strategia Nazionale

Dettagli

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT 3. L analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. E una tecnica sviluppata da più di 50 anni come supporto

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 228 19/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7616 DEL 13/05/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA Prot. n.

Dettagli

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE Pagina 1 UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE L edilizia determina il quaranta per cento dei consumi totali di energia ed è tra i settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra, della produzione

Dettagli