ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO"

Transcript

1 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: TRA COSTI E OPPORTUNITÀ I cambiamenti climatici in corso impongono un inderogabile impegno ad intraprendere tutti gli interventi possibili per ripristinare condizioni di equilibrio attraverso l aumento di efficienza nella produzione e nell impiego di energia, l adozione di modalità sostitutive nei sistemi di trasporto, la gestione responsabile del territorio e, in generale, la modifica complessiva degli stili di vita. I mutamenti climatici, infatti, sono destinati ad incidere in maniera significativa non soltanto sull ambiente naturale, ma anche sulle fasce sociali e sui settori produttivi ed economici. Ad esempio, vi è il rischio di conseguenze sull assetto territoriale, di variazione dei colori e della morfologia del paesaggio. I cambiamenti climatici stanno incidendo, inoltre, sulle abitudini alimentari e turistiche dei consumatori, nonché sulla distribuzione delle risorse (trasferimento di risorse pubbliche; aumento o perdita di redditività di aree e settori produttivi). Si registrano, inoltre, consistenti ripercussioni sul modello produttivo agricolo. Per tali ragioni, è indispensabile che la strategia di adattamento soddisfi un elevato livello di consenso e coinvolgimento dei soggetti privati o istituzionali. D altra parte, risulta importante che le misure adottate siano trasversali a tutti gli ambiti tematici interessati ed economicamente fattibili in base ad un analisi costi-benefici. In quest ottica, deve essere incoraggiato un approccio di tipo volontario attraverso interventi finalizzati a valorizzare il ruolo ecosistemico svolto dalle imprese agricole, minimizzando l imposizione di ulteriori vincoli all esercizio dell attività e gli oneri economici e burocratici. In tal modo, l agricoltura potrà realmente raccogliere la sfida del cambiamento climatico. ADATTAMENTO: UNA STRATEGIA DI CONCERTAZIONE PROGETTUALE INTEGRATA Relativamente allo scenario di riferimento, emerge la necessità di mettere a punto opportune misure di adattamento, finalizzate a far fronte ai cambiamenti climatici attraverso azioni di adeguamento alle mutate condizioni ambientali e di prevenzione. Un efficace strategia di adattamento, inoltre, può consentire non solo di ridurre il rischio ed i danni conseguenti alle variazioni del clima, ma anche di sfruttare i benefici derivanti dalle nuove opportunità economiche che si aprono in questo contesto. Le azioni di adattamento devono intervenire ad ogni livello, sia umano che naturale, con la necessità di un approccio pro-attivo di tutti i soggetti (pubblici e privati) coinvolti. 1

2 La definizione delle misure di adattamento necessita di un approccio differenziato, sia in relazione agli ambiti territoriali che ai diversi settori, ma il metodo da applicare deve essere uniformemente caratterizzato da un partenariato nella programmazione, attuazione e valutazione delle strategie e degli interventi in cui far maturare la concertazione progettuale. In particolare, il partenariato economico e sociale deve consistere nel sistematico coinvolgimento nei processi decisionali e gestionali di tutti gli attori interessati alla definizione degli obiettivi, delle strategie e delle azioni da mettere in atto e gli interventi di adattamento devono essere realizzati al livello più opportuno, in maniera integrata e cooperativa. Nella realizzazione di un progetto trasversale a tutti gli ambiti tematici individuati, devono essere attivate e rafforzate le relazioni sistemiche tra i diversi settori pubblici e privati (concertazione inter-istituzionale e territoriale) e devono essere rese tempestive le risposte alle esigenze espresse dal territorio. L attivazione della concertazione progettuale a livello inter-istituzionale e a livello territoriale può dare origine ad una governance multi-livello che potrà far confluire le esperienze nonché i finanziamenti da parte di tutti gli operatori pubblici/privati coinvolti. In effetti, l efficacia della strategia di adattamento si realizza e si misura, innanzitutto, a livello locale, dove è possibile non solo effettuare un analisi costi-benefici per valutare le ripercussioni economiche degli interventi (ad esempio, studi economici sugli impatti sulle singole coltivazioni o sugli allevamenti a livello locale), ma anche valorizzare le specificità locali, ambientali e sociali. Il coinvolgimento delle istituzioni: Dalle istituzioni ci si aspetta un contributo in termini di coerenza politica e lungimiranza, attraverso interventi economici e normativi programmati, attività di monitoraggio e prevenzione che agiscano sulle cause di vulnerabilità, oltre che sugli effetti. Dovrà essere assicurata la promozione di specifiche prassi di comportamento, sia per le imprese che per i privati, oltre che un adeguato sostegno alla ricerca. Con riferimento alla gestione agricola e forestale, ad esempio, devono essere promosse misure di adattamento, integrate a quelle di mitigazione, che comprendano interventi finalizzati a: l utilizzo efficiente delle risorse idriche nelle regioni aride; la protezione dei corsi d'acqua da un eccessivo afflusso di nutrienti; il miglioramento della gestione delle alluvioni; la manutenzione ed il ripristino di paesaggi multifunzionali come i prati ad alto valore naturalistico che ospitano habitat e intervengono nella migrazione di numerose specie; la promozione di tecniche di gestione forestale che favoriscano la resistenza ai cambiamenti climatici (risulta indispensabile, ad esempio, l adozione di misure per la creazione e la conservazione dei serbatoi di carbonio, cosiddetti carbon sink). Il coinvolgimento delle imprese: fare della strategia di adattamento uno strumento di competitività 2

3 Le imprese agricole sono chiamate ad internalizzare le strategie di adattamento che possono diventare strumento di competitività aziendale, sfruttando le opportunità connesse all adozione di pratiche e di tecnologie all avanguardia. A tal fine, risulta strategica l adozione di modelli e codici volontari di comportamento che possono rappresentare un importante leva di marketing in un mercato sempre più sensibile alle tematiche ambientali. Il coinvolgimento dei privati: la revisione degli stili di vita e del modello di sostenibilita Anche il cittadino-consumatore può contribuire attivamente alle strategie di adattamento, soprattutto attraverso la revisione dei propri stili di vita e di consumo. Il concetto di filiera corta, ad esempio, deve essere inteso non tanto in termini temporali, quanto spaziali. Lo sviluppo della vera filiera corta dovrebbe essere legato, infatti, alla diffusione del consumo dei prodotti stagionali e territoriali. Tale modello rappresenta l occasione più immediata per offrire valide opportunità reddituali alle imprese e dare impulso allo sviluppo del territorio. Una risposta agli effetti dei cambiamenti climatici può essere fornita, infatti, proprio dalla differenziazione delle formule di vendita e degli stili di consumo, privilegiando gli alimenti prodotti localmente, garantendo elevati risparmi sotto il profilo energetico e delle risorse naturali e riducendo, al contempo, le emissioni connesse al trasporto delle merci. Il progetto Chilometro Zero, promosso da COLDIRETTI rappresenta, in questo senso, una risposta alla domanda del numero crescente di consumatori desiderosi di adottare, anche nell'alimentazione, stili di vita attenti alla salvaguardia dell ambiente e del clima. LE MISURE DI ADATTAMENTO: STRUMENTI PER UNA STRATEGIA COMPETITIVA E DI SOSTENIBILITA Le strategie di adattamento possono, dunque, rappresentare un occasione di diffusione di modelli produttivi e di consumo più sostenibili e la variabile ambientale conseguente ai cambiamenti climatici può essere trasformata in un fattore di competitività per le imprese. In questo contesto, l impresa agricola può assumere un ruolo da protagonista, assicurando la fornitura di servizi ecosistemici. A tale scopo, devono essere previsti specifici interventi che valorizzino il ruolo multifunzionale dell impresa agricola, rendendo effettive, al contempo, le norme già in vigore. Ad esempio, non risultano ancora adeguatamente attuate le disposizioni relative ai contratti di collaborazione ed alle convenzioni con le pubbliche amministrazioni contenute nel Decreto legislativo 228/01. Diviene prioritaria, inoltre, la messa a punto di opportuni strumenti di monitoraggio e di controllo a supporto delle decisioni, sia a livello aziendale che a livello di pianificazione territoriale. In questo senso, la disponibilità di una adeguata modellistica agrometeorologica può rappresentare il presupposto essenziale per gestire il cambiamento climatico. L'agrometeorologia, infatti, consente l'utilizzo di "modelli previsionali" che permettono, tra l altro, la diffusione di metodi produttivi con minore impiego di agrofarmaci (lotta guidata e lotta biologica). 3

4 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: UNA STRATEGIA COMPLEMENTARE La strategia di adattamento, inoltre, non può essere considerata alternativa a quella di mitigazione, ma ne rappresenta un complemento necessario per la stretta relazione tra i costi di adattamento e i costi di mitigazione: in generale, più investimenti sono realizzati per ridurre la concentrazione di gas serra, minore sarà la necessità di interventi di adattamento e viceversa. Inoltre, le azioni di adattamento e di mitigazione, spesso parzialmente coincidenti, devono essere compatibili tra loro e pianificate congiuntamente. Riguardo le azioni di mitigazione e di adattamento che possono essere messe in atto dal settore agricolo, si rileva come molte misure per la riduzione delle emissioni - possibili attraverso una maggiore efficienza energetica ed idrica, la minimizzazione dei trasporti con la diffusione di nuovi stili di consumo (Chilometro zero) o, ancora, l assorbimento del carbonio (carbon sink) - risultano indispensabili nella strategia di adattamento. LA STRATEGIA DI ADATTAMENTO APRE UN NUOVO CAPITOLO DELLA PAC In un prossimo futuro, l'agricoltura europea dovrà affrontare numerose difficoltà connesse all intensificarsi della concorrenza internazionale, alla maggiore liberalizzazione della politica degli scambi ed all esodo rurale. A tali problematiche, si aggiungerà la necessità di fronteggiare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici. In questo contesto, si apre il nuovo capitolo della Politica agricola comune, per il periodo successivo al 2013, con l esigenza di rivisitarne i preamboli e di ricostruire le premesse del ruolo territoriale svolto dalle imprese agricole, anche in funzione dell attuazione delle strategie di adattamento e di mitigazione dei cambiamenti climatici. 4

5 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, settembre 2007 ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: TRA COSTI E OPPORTUNITÀ I cambiamenti climatici in corso impongono un inderogabile impegno ad intraprendere tutti gli interventi possibili per ripristinare condizioni di equilibrio attraverso l aumento di efficienza nella produzione e nell impiego di energia, l adozione di modalità sostitutive nei sistemi di trasporto, la gestione responsabile del territorio e, in generale, la modifica complessiva degli stili di vita. I mutamenti climatici, infatti, sono destinati ad incidere in maniera significativa non soltanto sull ambiente naturale, ma anche sulle fasce sociali e sui settori economici. Per tali ragioni, è indispensabile che la strategia di adattamento soddisfi un elevato livello di consenso e coinvolgimento dei soggetti privati o istituzionali. D altra parte, risulta importante che le misure adottate siano trasversali a tutti gli ambiti tematici interessati ed economicamente fattibili in base ad un analisi costi-benefici. In quest ottica, deve essere incoraggiato un approccio di tipo volontario attraverso interventi finalizzati a valorizzare il ruolo ecosistemico svolto dalle imprese agricole, minimizzando l imposizione di ulteriori vincoli all esercizio dell attività e gli oneri economici e burocratici. In tal modo, l agricoltura potrà realmente raccogliere la sfida del cambiamento climatico. EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUL TERRITORIO Il territorio, in particolare, è destinato a subire in maniera più diretta gli effetti dei cambiamenti climatici: oltre all aumento della vulnerabilità ambientale (dissesto idrogeologico, aumento della franosità, desertificazione, salinizzazione, ecc.), vi è il rischio di conseguenze anche sull assetto territoriale, di variazione dei colori e della morfologia del paesaggio a causa della modifica degli edifici e delle infrastrutture esistenti, dello spostamento degli areali produttivi, dell aumento dei fenomeni di abbandono delle terre (con conseguente aumento di aree incolte, degradate e scarsamente lavorate). In sintesi, gli effetti interessano in modo consistente: la vulnerabilità 5

6 gli habitat naturali il paesaggio l assetto territoriale il sistema infrastrutturale il settore edilizio il sistema insediativo rurale EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA SOCIETA I cambiamenti climatici stanno incidendo, inoltre, sulle abitudini e sulle spese dei consumatori sotto diversi profili. Si registrano aggravi di costi produttivi per gli agricoltori connessi ad imprevedibili eventi metereologici ed aumenti dei prezzi al consumo. I prezzi all origine dei prodotti ortofrutticoli hanno già subito in generale un sensibile aumento dal 2006 al 2007, ma da un confronto tra gli andamenti dei prezzi all origine e al dettaglio si rilevano, in alcuni casi, fenomeni speculativi motivati dal generalizzato aumento dei prezzi e dall allarme climatico. La crescita dei prezzi al dettaglio già registrata risulta essere, attualmente, più che proporzionale rispetto all aumento dei prezzi all origine, ma non è escluso che, a seguito degli effetti dei cambiamenti climatici, anche il reale aumento dei costi di produzione possa, a breve tempo, incidere in modo più consistente nel generale trend di aumento dei prezzi al consumo. Sono già in corso, inoltre, significative variazioni nella stagionalità dei prodotti con conseguenti modifiche nella dieta e nelle abitudini alimentari. Anche i flussi turistici, sia invernali che estivi, possono essere caratterizzati dalla scelta di diverse destinazioni e di differenti periodi di vacanza. E prevedibile, infine, anche una diversa distribuzione delle risorse: da un lato i finanziamenti pubblici sono destinati ad interessare in modo sempre più specifico le aree maggiormente vulnerabili (zone costiere, aride ed alpine soggette alle previsioni di innalzamento del livello del mare e di mutamento del ciclo idrogeologico) e, dall altro lato, si determina una variazione, in aumento o in perdita, della redditività di alcune zone o settori produttivi. L effetto più preoccupante, però, riguarda lo spostamento degli habitat produttivi che può mettere a rischio la tradizionale identità territoriale di alcuni prodotti tipici agroalimentari e 6

7 le loro caratteristiche organolettiche, vanificando gli investimenti pubblici e privati sostenuti per la valorizzazione dei principali prodotti-simbolo del Made in Italy. In sintesi, gli effetti sono destinati ad interessare in modo consistente: l aumento dei prezzi dei prodotti ortofrutticoli l alimentazione i flussi turistici (destinazioni e periodi) la distribuzione delle risorse (trasferimento di risorse pubbliche; aumento o perdita di redditività di aree e/o settori produttivi) EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUL MODELLO PRODUTTIVO AGRICOLO Per quanto riguarda le attività agricole, gli effetti dei cambiamenti climatici determinano: variazioni quantitative delle produzioni variazioni qualitative delle produzioni alterazione della vocazionalità di alcune aree spostamento degli areali di produzione perdita di tradizioni produttive aumento dei costi di produzione In termini di influenza diretta sulle colture, gli effetti dei cambiamenti climatici sono anche causa di: diminuzione della disponibilità idrica aumento della temperatura aumento della variabilità climatica (in particolare dall aumento della frequenza e dell intensità dei fenomeni estremi). Di conseguenza, le colture subiscono alterazioni che interessano: gli stadi fenologici le esigenze irrigue il sistema fitopatologico le esigenze in termini di lavorazioni 7

8 LA STRATEGIA DI ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA ADATTAMENTO: UNA STRATEGIA DI CONCERTAZIONE PROGETTUALE INTEGRATA Relativamente allo scenario di riferimento, emerge la necessità di mettere a punto opportune misure di adattamento, finalizzate a far fronte ai cambiamenti climatici attraverso azioni di adeguamento alle mutate condizioni ambientali e di prevenzione degli effetti connessi. Un efficace strategia di adattamento può consentire non solo di ridurre il rischio ed i danni conseguenti alle variazioni del clima, ma anche di sfruttare i benefici derivanti dalle nuove opportunità economiche che si aprono in questo contesto. Se è l intero sistema ambientale, economico e sociale ad essere esposto ai cambiamenti climatici, le azioni di adattamento devono, quindi, intervenire ad ogni livello, sia umano che naturale, con la necessità di un approccio pro-attivo di tutti i soggetti (pubblici e privati) coinvolti. La definizione delle misure di adattamento necessita, dunque, di un approccio differenziato sia in relazione agli ambiti territoriali che ai diversi settori, ma il metodo da applicare deve essere uniformemente caratterizzato da un partenariato nella programmazione, attuazione e valutazione delle strategie e degli interventi in cui far maturare la concertazione progettuale. E necessario, ad esempio, garantire la partecipazione ai nuovi tavoli di lavoro di tutte le forze sociali, economiche, civili ed ambientali interessate allo sviluppo del territorio. Il partenariato economico e sociale deve, infatti, consistere nel sistematico coinvolgimento nei processi decisionali e gestionali di tutti gli attori interessati alla definizione degli obiettivi, delle strategie e delle azioni da mettere in atto e gli interventi di adattamento devono essere realizzati al livello più opportuno, in maniera integrata e cooperativa. L attivazione della concertazione progettuale a livello inter-istituzionale e a livello territoriale può dare origine ad una governance multi-livello che potrà far confluire le esperienze, nonché i finanziamenti da parte di tutti gli operatori pubblici/privati coinvolti. Un coordinamento interistituzionale avrebbe la funzione di garantire lo scambio tra le diverse amministrazioni (centrali e locali), necessario ad uniformare le modalità e le metodologie (azioni) adottate dai diversi livelli che realizzano le misure di adattamento. 8

9 Le azioni di adattamento devono essere parte di un progetto trasversale a tutti gli ambiti tematici individuati, così che il processo di pianificazione strategica per l adattamento sia flessibile e sensibile al controllo di tutte quelle politiche ed azioni progettuali analizzate ed indagate in ciascun ambito. In tal modo, è possibile attivare e rafforzare le relazioni sistemiche tra i diversi settori pubblici e privati (concertazione inter-istituzionale e territoriale), oltre a rendere tempestive le risposte alle esigenze espresse dal territorio. In effetti, l efficacia della strategia di adattamento volta a minimizzare ed a prevenire gli impatti dei cambiamenti climatici si realizza e si misura, innanzitutto, a livello locale, dove è possibile effettuare non solo un analisi costi-benefici capace di cogliere tutte le ripercussioni economiche degli interventi (ad esempio studi economici sugli impatti sulle singole coltivazioni o sugli allevamenti a livello locale), ma anche una valutazione che consideri le specificità locali, ambientali e sociali, sulla base delle opinioni espresse durante il processo di concertazione dagli attori rilevanti, sia privati che istituzionali. Il coinvolgimento delle istituzioni: Dalle istituzioni ci si aspetta, dunque, un contributo in termini di coerenza politica e lungimiranza, attraverso interventi economici e normativi programmati, attività di monitoraggio e prevenzione che agiscano sulle cause di vulnerabilità, oltre che sugli effetti. Dovrà essere assicurata la promozione di specifiche prassi di comportamento, sia per le imprese che per i privati, oltre che un adeguato sostegno alla ricerca. Con riferimento alla gestione agricola e forestale, ad esempio, devono essere promosse misure di adattamento, integrate a quelle di mitigazione, che comprendano interventi finalizzati a: l utilizzo efficiente delle risorse idriche nelle regioni aride; la protezione dei corsi d'acqua da un eccessivo afflusso di nutrienti; il miglioramento della gestione delle alluvioni; la manutenzione ed il ripristino di paesaggi multifunzionali come i prati ad alto valore naturalistico che ospitano habitat e intervengono nella migrazione di numerose specie; la promozione di tecniche di gestione forestale che favoriscano la resistenza ai cambiamenti climatici (risulta indispensabile, ad esempio, l adozione di misure per la creazione e la conservazione dei serbatoi di carbonio, cosiddetti carbon sink). 9

10 Il coinvolgimento delle imprese: fare della strategia di adattamento uno strumento di competitività Le imprese agricole sono, dunque, chiamate ad internalizzare le strategie di adattamento rendendole strumento di competitività aziendale, sfruttando le opportunità connesse all adozione di pratiche e di tecnologie all avanguardia attraverso l adozione di modelli volontari di comportamento. A tal fine, risulta strategica l adozione di modelli e codici volontari di comportamento che possono rappresentare un importante leva di marketing in un mercato sempre più sensibile alle tematiche ambientali. Il coinvolgimento dei privati: la revisione degli stili di vita e del modello di sostenibilita Anche il cittadino-consumatore può contribuire attivamente alle strategie di adattamento soprattutto attraverso la revisione dei propri stili di vita e di consumo. Il concetto di filiera corta, ad esempio, deve essere inteso non tanto in termini temporali, quanto spaziali. Lo sviluppo della vera filiera corta dovrebbe essere legato, infatti, alla diffusione del consumo dei prodotti stagionali e territoriali. Tale modello rappresenta l occasione più immediata per offrire valide opportunità reddituali alle imprese e dare impulso allo sviluppo del territorio. Una risposta agli effetti dei cambiamenti climatici può essere fornita, infatti, proprio dalla differenziazione delle formule di vendita e degli stili di consumo, privilegiando gli alimenti prodotti localmente garantendo elevati risparmi sotto il profilo energetico e delle risorse naturali e riducendo, al contempo, le emissioni connesse al trasporto delle merci. Il progetto Chilometro Zero promosso da COLDIRETTI rappresenta, in questo senso, una risposta alla domanda del numero crescente di consumatori desiderosi di adottare, anche nell'alimentazione, stili di vita attenti alla salvaguardia dell ambiente e del clima. LE MISURE DI ADATTAMENTO: STRUMENTI PER UNA STRATEGIA COMPETITIVA E DI SOSTENIBILITA Le strategie di adattamento possono, dunque, rappresentare un occasione di diffusione di modelli produttivi e di consumo più sostenibili e la variabile ambientale conseguente ai cambiamenti climatici può essere trasformata in un fattore di competitività per le imprese. In questo contesto, l impresa agricola può assumere un ruolo da protagonista assicurando la fornitura di servizi ecosistemici. A tale scopo, devono essere previsti specifici strumenti che valorizzino il ruolo multifunzionale dell impresa agricola, rendendo effettive, al 10

11 contempo, le norme già in vigore. Ad esempio, non risultano ancora adeguatamente attuate le disposizioni relative ai contratti di collaborazione ed alle convenzioni con le pubbliche amministrazioni contenute nel Decreto legislativo 228/01. Diviene, inoltre, prioritaria la messa a punto di opportuni strumenti di monitoraggio e di controllo a supporto delle decisioni, sia a livello aziendale che a livello di pianificazione territoriale. In questo senso, la disponibilità di una adeguata modellistica agrometeorologica può rappresentare il presupposto essenziale per gestire il cambiamento climatico, individuando le strategie di adattamento necessarie per valorizzare gli effetti positivi e minimizzare quelli negativi ad esso connessi. Ai fini della pianificazione produttiva e della gestione dell impresa agricola, ad esempio, il supporto agrometeorologico può essere d ausilio per: la scelta produttiva globale e dei diversi appezzamenti l effettiva valutazione del rischio climatico le previsioni di eventuali ristagni o carenze idriche e relativi interventi la scelta delle modalità, epoche e tempi di esecuzione delle pratiche colturali la difesa da rischi fitopatologici e climatici (gelate, grandinate etc...). In questo ultimo campo, l'agrometeorologia consente l'utilizzo di "modelli previsionali" - studiati per stimare la pericolosità di alcune malattie fungine e di insetti dannosi alle colture - che consentono l'applicazione di una lotta mirata e l'ottenimento di produzioni con minori residui di agrofarmaci (lotta guidata e lotta biologica). ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: UNA STRATEGIA COMPLEMENTARE La strategia di adattamento, inoltre, non può essere considerata alternativa a quella di mitigazione, ma ne rappresenta un complemento necessario per la stretta relazione tra i costi di adattamento e i costi di mitigazione: in generale, più investimenti sono realizzati per ridurre la concentrazione di gas serra, minore sarà la necessità di interventi di adattamento e viceversa. Inoltre, le azioni di adattamento e di mitigazione, spesso parzialmente coincidenti, devono essere compatibili tra loro e pianificate congiuntamente. Riguardo le azioni di mitigazione e di adattamento che possono essere messe in atto dal settore agricolo, si rileva come molte misure per la riduzione delle emissioni, possibili attraverso una maggiore efficienza energetica ed idrica, o la minimizzazione dei trasporti con la diffusione di nuovi stili di consumo (Chilometro zero) o, ancora, l assorbimento del carbonio (carbon sink), risultano indispensabili nella strategia di adattamento. 11

12 LA STRATEGIA DI ADATTAMENTO APRE UN NUOVO CAPITOLO DELLA PAC In un prossimo futuro, l'agricoltura europea dovrà affrontare numerose difficoltà connesse all intensificarsi della concorrenza internazionale, alla maggiore liberalizzazione della politica degli scambi ed all esodo rurale. A tali problematiche, si aggiungerà la necessità di fronteggiare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici. In questo contesto, si apre il nuovo capitolo della Politica agricola comune, per il periodo successivo al 2013, con l esigenza di rivisitarne i preamboli e di ricostruire le premesse del ruolo territoriale svolto dalle imprese agricole, anche in funzione dell attuazione delle strategie di adattamento e di mitigazione dei cambiamenti climatici. 12

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR Indice dei contenuti 1. Premessa 2. Prima fase del percorso

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito VERSO LA RIFORMA DELLA PAC Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito Indice Perché riformare la PAC La nuova architettura della PAC: un ipotesi L agricoltura biologica Conclusioni Perché riformare la PAC? 1)

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Intervento alla Tavola Rotonda «Quali strumenti per una governanceefficace delle relazioni tra sistema agro-forestale e territorio?

Intervento alla Tavola Rotonda «Quali strumenti per una governanceefficace delle relazioni tra sistema agro-forestale e territorio? Convegno CATAP Riflessi della nuova Politica Agricola Comune 2014-2020 sull ambiente e sul paesaggio in Italia. Roma, 19 giugno 2014 Intervento alla Tavola Rotonda «Quali strumenti per una governanceefficace

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Sergio Paci Dipartimento di Finanza Responsabile Divisione Pensions and Insurance Carefin Roma, 4 novembre 2014 Assicurazione, sostenibilità

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

I centri storici Casamassima, Sammichele, Turi SCENARI per valorizzare l identità

I centri storici Casamassima, Sammichele, Turi SCENARI per valorizzare l identità I centri storici Casamassima, Sammichele, Turi SCENARI per valorizzare l identità Francesco Maiorano ANCSA Associazioni Nazionale Centri Storici e Artistici PIST Peucetia Turi-Casamassima-Sammichele obiettivo

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Carta di Siracusa sulla Biodiversità Carta di Siracusa sulla Biodiversità Noi, Ministri dell ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca,Egitto,India,Indonesia,Messico,RepubblicadiCorea,SudAfrica,SveziaeconleOrganizzazioni

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

Progettare oggetti di ecodesign

Progettare oggetti di ecodesign Intervento dal titolo Progettare oggetti di ecodesign A cura di Arch.Marco Capellini Ecodesigner dello studio Capellini design e consulting 77 78 Eco-biodesign nell edilizia 10 Ottobre 2008- Fiera Energy

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura

Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura LIFE08 ENV/IT/00432 Paola Colla, M. Lodovica Gullino Centro di Competenza per l innovazione in campo agro-ambientale

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006)

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) Siamo nell ultimo anno di programmazione, per cui è normale fare un bilancio dell attività svolta e dell

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 AA.GG, Giunta, URP, Segr./Direz. Generale, Contratti- -Assistenza Giuridico Amm.va ai Comuni, Controllo Strategico/Direzionale, Pari Opportunità, Consigliera di parità

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Base giuridica Regolamento (UE) n. 1305/2013, Articolo 14 Regolamento (UE) n. 1303/2013 Descrizione

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Giuseppe Garcea Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto CCPB srl E mail: ggarcea@ccpb.it Fiera SANA 2013 Etimologia dei termini Sostenibilità:

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Executive Summary Il settore delle utilities è fra quelli che avranno una maggiore crescita nei valori economici e nell occupazione.

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

Cofinanziato dalla Commissione Europea

Cofinanziato dalla Commissione Europea Cofinanziato dalla Commissione Europea LA NUOVA PAC A partire da Gennaio 2015 Approccio più mirato e adattabile rispetto al passato Ampia scelta di regimi e misure facoltativi Possibilità di trasferimenti

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "A. ZANELLI" COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO Il perito agrario è un tecnico con competenze sulla gestione del territorio, sulla gestione

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli