REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE"

Transcript

1 REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE 1

2 Regolamento generale dei Marchi di Conformità di Sistemi di Gestione AENOR (Associazione Spagnola di Normazione e Certificazione), 2005 Deposito legale: M-xxxxx-2005 Stampato in Spagna Printed in Spain Edizione e stampa: AENOR Tutti i diritti riservati. Non è permessa la riproduzione totale o parziale di questo documento, con qualsiasi sistema di diffusione esistente, senza la previa autorizzazione scritta di AENOR. Genova, Madrid. Tel.: Fax

3 Il presente Regolamento annulla e sostituisce il Regolamento Generale per la Certificazione dei Sistemi di Gestione. Il presente Regolamento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione durante la riunione del 2004/11/04 ed è entrato in vigore il giorno successivo alla sua approvazione. 3

4 INDICE 0 Introduzione 9 1 Oggetto 9 2 Definizioni 10 3 Concessione del certificato 11 4 Mantenimento del certificato 14 5 Rinnovo del certificato 15 6 Registro 16 7 Marchi AENOR 17 8 Uso del Marchio 17 9 Impegni Sanzioni Ricorsi Reclami Rinuncia al certificato Confidenzialità Pubblicità Uso abuso del Marchio Condizioni economiche Accordi di riconoscimento Modifiche 22 4

5 ALLEGATI: Allegato A Allegato B Allegato C Allegato D Regolamento Generale del Registro de Empresa di AENOR 23 Regolamento Generale per la Certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale 27 Regolamento Generale per la Certificazione di Sistemi di Gestione della Sicurezza e Salute nel Lavoro 31 Regolamento Generale per la Certificazione di Sistemi di Gestione dell Accessibilità Registrata 35 5

6 0 INTRODUZIONE L Associazione Spagnola di Normazione e Certificazione (AENOR) è un associazione privata, indipedente e senza scopo di lucro. AENOR ha sede sociale in calle Génova 6, Madrid. 1 OGGETTO 1.1 Il presente Regolamento Generale stabilisce le regole applicate da AENOR per la concessione, il mantenimento e l estinzione della licenza d'uso dei Marchi AENOR di conformità di Sistemi di Gestione. I Marchi AENOR di conformità di Sistemi di Gestione sono Marchi di conformità con norme o con specifiche tecniche di riconosciuto prestigio. Negli allegati indipendenti si stabiliscono il campo di attività, i requisiti complementari, la terminologia propria del Sistema di Certificazione associato ad ogni Marchio AENOR di conformità di Sistemi di Gestione e le norme o le specifiche tecniche che sono di applicazione. Con ognuno di essi si intende che il Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria che lo esibisce è oggetto delle valutazioni e dei controlli del Sistema di Certificazione descritto nel presente Regolamento e che AENOR ha ottenuto un'adeguata fiducia in relazione alla conformità con la norma o con la specifica tecnica corrispondente ed i requisiti particolari stabiliti dal suddetto Sistema di Gestione. Quanto sopra indicato appare nel certificato di conformità, in seguito denominato il certificato, che AENOR rilascia insieme alla licenza di uso dei Marchi corrispondenti. Il certificato riceve il nome che si indica nell allegato corrispondente. 1.2 Il certificato non costituisce una certificazione di prodotti, processi o servizi che sono oggetto di un'altra certificazione. 1.3 Tutte le attività di verifica incluse in questo Regolamento si realizzano conformemente a quanto stabilito nelle norme o nelle specifiche tecniche che gli siano di applicazione e vengono indicate nell allegato corrispondente al modello del Sistema di Gestione scelto. 6

7 2 DEFINIZIONI Per l'uso del presente Regolamento si applicano le definizioni contenute nelle norme che gli siano di applicazione e che si indicano nell allegato corrispondente al modello di Sistema di Gestione scelto. Si utilizzano le seguenti definizioni: 2.1 Norma: Secondo la Ley 21/1992 1, del 16 di luglio, dell industria, è una specifica tecnica di applicazione ripetitiva o continuata la cui osservanza non è obbligatoria, stabilita con la partecipazione di tutte le parti interessate, che approva un Organismo riconosciuto a livello nazionale od internazionale per la sua attività normativa. 2.2 Specifica Tecnica: Documento che contiene regole, direttrici o caratteristiche per attività o il risultato delle stesse, stabilite per raggiungere un ottimo livello in un dato contesto. 2.3 Azienda: entità legale o gruppo identificabile in qualunque delle sue forme legali riconosciute. 2.4 Azienda petizionaria, richiedente: Azienda che richiede la certificazione del suo Sistema di Gestione e la sua relativa iscrizione al Registro di AENOR. 2.5 Azienda licenziataria, licenziatario: Azienda a cui AENOR ha concesso il certificato e la licenza d'uso del Marchio. 2.6 Procedura: Documento nel quale si specifica la modalità con la quale si realizza una attività. Generalmente una procedura contiene: - Scopo e campo di attività; - Cosa verrà fatto e da chi; - Quando, dove e come viene fatto; - Quali materiali, dispositivi e documenti saranno utilizzati; - Come si controllerà e si registrerà. 1 Legge 21/1992: Legge spagnola avente per oggetto di stabilire le absi per l ordinamento del settore industriale, nonché il coordinamento tra le Pubbliche Amministrazioni, in conformità con quanto stabilito dall art e 13 della Costituzione Spagnola. 7

8 3 CONCESSIONE DEL CERTIFICATO 3.1 Richiesta Qualsiasi azienda può richiedere ad AENOR la concessione del certificato AENOR fornirà a tutte le aziende che lo richiedano la documentazione necessaria per effettuare la richiesta La richiesta, rivolta al Direttore Generale di AENOR, verrà effettuata su modello preposto a tale scopo, fornito precedentemente da AENOR, debitamente compilato. Nella suddetta richiesta è necessario specificare: Ragione Sociale dell azienda. Le attività per le quali il Sistema di Gestione è stato implementato. Prodotti contemplati dal Sistema di Gestione L'azienda richiedente nominerà un rappresentante della Direzione come responsabile del mantenimento dei contatti con AENOR per le questioni relative alla propria certificazione Il richiedente si impegna a fornire ad AENOR una copia della documentazione del suo Sistema di Gestione (manuale, procedure operative e la documentazione complementare necessaria) d ora in poi denominata documentazione. 3.2 Ricevimento della richiesta AENOR controllerà il contenuto della richiesta e rilascerà una ricevuta di ritorno della stessa, richiedendo qualsiasi chiarimento o documentazione complementare che si consideri necessaria Se la richiesta è conforme a quanto indicato nel paragrafo 3.1, AENOR assegnerà un numero di pratica e avvierà il processo di gestione della pratica stessa Una volta assegnato il numero di pratica si procederà all'emissione della fattura corrispondente alla tariffa relativa alla richiesta di certificazione Se, una volta assegnato il numero di pratica, questa non dovesse procedere per 8

9 più di un anno per cause estranee ad AENOR, si potrà decidere per il suo annullamento. 3.3 Gestione della richiesta La gestione della richiesta per i servizi di AENOR ha lo scopo di stabilire la conformità del Sistema di Gestione implementato dall'azienda con il modello, e include essenzialmente: - Analisi della documentazione ricevuta dal richiedente. - Pre-audit alla verifica ispettiva iniziale, se necessario. - Verifica ispettiva iniziale L'analisi della documentazione include lo studio della documentazione che struttura il sistema di gestione (il manuale, le procedure operative e la documentazione complementare necessaria) Una volta analizzata la documentazione, AENOR - di comune accordo con il richiedente - stabilirà, eventualmente, la data prevista per il pre-audit e gli comunicherà, attraverso un piano per il pre-audit, la data ed il gruppo di verifica designato per la realizzazione della stesso. Lo scopo del pre-audit è: - Visitare le strutture dell'azienda richiedente in cui il Sistema di Gestione è stato implementato; - Completare, se necessario, l'analisi della documentazione; - Analizzare e verificare, in termini generali, l'implementazione del Sistema di Gestione; - Concordare le date di realizzazione della verifica iniziale Una volta realizzato il pre-audit, AENOR invierà al richiedente il piano della verifica ispettiva iniziale, in cui si indicherà - oltre alle date di realizzazione e il gruppo di verifica designato - il luogo o i luoghi in cui verrà effettuata la verifica, il campo di attività e altri dati rilevanti in conformità a quanto indicato nella norma o nella specifica tecnica di applicazione, secondo quanto stabilito nell allegato corrispondente al modello del Sistema di Gestione scelto. Durante la verifica ispettiva iniziale, i valutatori designati verificheranno se il Sistema di Gestione, descritto nel Manuale e nelle procedure operative che lo supportano, è effettivamente implementato in accordo con la norma o con la specifica tecnica che si utilizza come riferimento. 9

10 3.3.2 I risultati dell'analisi della documentazione, del pre-audit e della verifica iniziale si riporteranno in rapporti di tipo confidenziale nei quali si indicheranno, se necessario, le non-conformità rilevate Una copia dei rapporti rimarrà in possesso del richiedente, che presenterà un piano di azioni correttive necessarie per correggere le non-conformità rilevate, indicando i termini previsti per la loro attuazione e apportando il numero massimo di prove che evidenzino che dette azioni sono state o saranno realizzate. 3.4 Valutazione Il rapporto della verifica iniziale ed il piano delle azioni correttive, quando necessario, proposto dal richiedente sarà oggetto di valutazione da parte dei servizi di AENOR, che potranno decidere la realizzazione di una verifica straordinaria per verificare l'implementazione delle azioni correttive o proporre un accordo in relazione alla richiesta. La proposta di accordo può stabilire la necessità di realizzare una verifica straordinaria dopo la concessione del certificato, con lo scopo di verificare l implementazione delle azioni correttive. 3.5 Accordi Alla luce di quanto riportato nel rapporto della verifica iniziale, nel piano delle azioni correttive e nella proposta di accordo elaborata dai servizi di AENOR, il Direttore Generale adotterà una delle seguenti decisioni: - Concedere il Certificato. - Negare la concessione del Certificato. AENOR comunicherà per iscritto al richiedente la decisione adottata. Nel caso in cui non si realizzi la concessione si indicheranno i motivi della negazione Prima dell'emissione del Certificato, l'azienda richiedente deve firmare un contratto con AENOR in cui si specificheranno: - La norma o la specifica tecnica che definisce il modello applicato. - I requisiti particolari che sono applicabili al Sistema di Gestione oggetto della Certificazione. - Le attività ed i prodotti per i quali è implementato il Sistema di Gestione. 10

11 - Gli impegni che assume l'azienda in relazione alla concessione Tramite la firma di questo contratto, AENOR concede all azienda richiedente una licenza d uso del Marchio. Il licenziatario non può in nessun caso trasferire l uso di tale licenza a terzi Il periodo di validità del Certificato è di 3 anni La licenza di uso del Marchio non esime in nessun caso dalle garanzie e responsabilità che spettano all'azienda in base alla legislazione vigente. 4 MANTENIMENTO DEL CERTIFICATO 4.1 Verifiche di Sorveglianza Durante il periodo di validità del certificato, i servizi di AENOR realizzeranno verifiche di sorveglianza al Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria con l'obiettivo di verificare che si mantengano le condizioni che hanno dato luogo alla concessione del suddetto certificato Indipendentemente dalle verifiche straordinarie che potrebbero essere effettuate, le verifiche di sorveglianza si effettuano, salvo che in casi giustificati, con periodicità annuale I risultati delle verifiche di sorveglianza si riporteranno in rapporti aventi carattere confidenziale nei quali si indicheranno, se necessario, le non-conformità rilevate La copia dei rapporti rimarrà in possesso dell'azienda licenziataria che, se richiesto, presenterà un piano di azioni correttive necessarie per correggere le nonconformità rilevate, indicando i tempi previsti per la messa in pratica delle stesse ed apportando le prove necessarie che evidenzino che dette azioni siano state o si stanno realizzando. 4.2 Valutazione Il rapporto della verifica di sorveglianza, il rapporto della verifica straordinaria quando viene realizzata - ed il piano di azioni correttive proposto dall'azienda licenziataria sono oggetto di valutazione da parte dei servizi di AENOR per verificare che vengano rispettate le condizioni per mantenere il certificato. 11

12 I servizi di AENOR potranno stabilire la realizzazione di una verifica straordinaria con l'obiettivo di verificare l implementazione delle azioni correttive. Se, a giudizio dei servizi di AENOR, fosse necessaria l'applicazione di una delle sanzioni previste nel punto 10.2, verrà emessa una proposta al Direttore Generale di AENOR che adotterà una decisione al riguardo. La decisione adottata si comunicherà per iscritto all'azienda licenziataria. Se la decisione adottata fosse di sospensione temporale o ritiro definitivo del certificato, si indicheranno le ragioni che l`hanno motivata. 5 RINNOVO DEL CERTIFICATO 5.1 Verifiche di Rinnovo Prima della fine del periodo di validità del certificato verrà effettuata una verifica ispettiva del Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria con lo scopo di verificare se è possibile il suo rinnovo Se l'azienda licenziataria non desidera che il certificato sia rinnovato, deve comunicarlo per iscritto ad AENOR almeno tre mesi prima della data di scadenza I risultati della verifica di rinnovo si riporteranno in rapporti di tipo confidenziale in cui si indicheranno, se necessario, le non-conformità rilevate La copia dei rapporti rimarrà in possesso dell'azienda licenziataria che presenterà, se richiesto, un piano delle azioni necessarie per correggere le nonconformità rilevate, indicando i tempi previsti per la loro messa in pratica e apportando le prove necessarie che evidenzino che tale azioni sono state o saranno realizzate. 5.2 Valutazione Il rapporto della verifica di rinnovo e, quando richiesto, il piano delle azioni correttive proposto dall'azienda licenziataria sono oggetto di valutazione da parte dei servizi di AENOR che proporranno l'accordo corrispondente sul rinnovo del Certificato. 5.3 Accordi Alla luce del rapporto della verifica di rinnovo, del piano delle azioni correttive e della proposta di accordo elaborata dai servizi di AENOR, il Direttore Generale adotterà una delle seguenti decisioni: 12

13 - Approvare il rinnovo del Certificato. - Negare il rinnovo del Certificato. La decisione adottata si comunicherà per iscritto all'azienda licenziataria. In caso di negazione si indicheranno le ragioni che motivano la suddetta decisione. 5.4 I rinnovi del certificato si realizzano per periodi consecutivi di tre anni. Durante detti periodi il Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria verrà sottoposto al controllo descritto nel capitolo 4. 6 REGISTRO AENOR mantiene un registro, la cui finalità è evidenziare pubblicamente la concessione e la validità dei certificati alle aziende licenziatarie iscritte nello stesso. Il Registro è a disposizione del pubblico, e AENOR può certificare le sue iscrizioni, previa richiesta rivolta al Direttore Generale di AENOR. 7 MARCHI AENOR 7.1 I Marchi AENOR, d ora in poi denominati Marchi, sono proprietà di AENOR in virtù del loro deposito in quanto tali, presso il Registro dell'ufficio Spagnolo di Brevetti e Marchi. Possono essere oggetto di registrazione in altri paesi per garantirne la protezione negli stessi. 7.2 Il Marchio attesta che l azienda che lo esibisce è stata iscritta nel Registro di AENOR per le attività e nei centri indicati nel corrispondente certificato. 7.3 Il logotipo di ogni Marchio si riproduce nel relativo allegato. 8 USO DEL MARCHIO 8.1 Solo le aziende licenziatarie sono autorizzate ad utilizzare il Marchio. L'uso dello stesso è soggetto alle condizioni specificate qui di seguito: Il Marchio deve riprodursi in modo analogo al logotipo riprodotto, nel relativo Allegato, nei colori e tipi di carattere indicati Il Marchio non deve, in nessun caso, essere direttamente associato a prodotti 13

14 in modo che possa indurre a credere che i prodotti di per sé siano stati certificati Il Marchio deve essere associato, in ogni caso, al nome dell'azienda licenziataria ed al campo di attività del certificato, con l indicazione del numero del certificato, e della norma o della specifica tecnica di riferimento. 8.2 L'azienda licenziataria deve sottoporre previamente alla valutazione dei servizi di AENOR i documenti e i luoghi in cui verrà collocato il Marchio. 8.3 L'azienda licenziataria non può fare uso del Marchio dal momento in cui: - Scade il periodo di validità del Certificato che ha dato luogo al rilascio della licenza d'uso corrispondente. - AENOR comunica la sospensione temporale o il ritiro definitivo del Certificato. 9 IMPEGNI Oltre a rispettare i requisiti stabiliti nella sezione e nel capitolo 8 in relazione all'uso del Marchio, l'azienda licenziataria è obbligata a: 9.1 Mantenere il Sistema di Gestione certificato finché il certificato è in vigore. 9.2 Consentire al gruppo di verifica di AENOR l'accesso ai documenti relativi al Sistema di Gestione certificato e agli impianti in cui si realizzano attività coperte da tale Sistema di Gestione. La Direzione dell'azienda ed i suoi collaboratori devono essere a disposizione del gruppo di verifica di AENOR durante la realizzazione delle verifiche ispettive. 9.3 Informare il gruppo di verifica di AENOR in relazione ai fatti che si considerano rilevanti per la valutazione del Sistema di Gestione ed agevolare in ogni momento il suo lavoro. 9.4 Effettuare i pagamenti corrispondenti alle spese derivanti dalla certificazione. 9.5 Comunicare per iscritto ad AENOR: - Tutte le modifiche che realizza nel proprio Sistema di Gestione. - Le modifiche giuridiche dell'azienda o i cambiamenti della ragione sociale. - Il trasferimento delle strutture in cui si realizzano attività relazionate al Sistema di Gestione. 14

15 Alla luce di queste modifiche, si potrà stabilire la realizzazione di una verifica straordinaria, a carico dell'azienda licenziataria, con l'obiettivo di decidere circa il mantenimento del Certificato (vedi capitolo 4). 9.6 Tenere e mettere a disposizione dei servizi di AENOR, un registro dei reclami ricevuti relativi ai sui prodotti, processi o servizi coperti dal Sistema di Gestione certificato, così come le azioni correttive a cui hanno dato origine. 9.7 Nel caso di ritiro del certificato, l'azienda licenziataria si impegna a: - Restituire l'originale del certificato a AENOR. - Non utilizzare copie o riproduzioni di detto certificato. - Ritirare dalla propria documentazione pubblica qualsiasi riferimento possibile della certificazione o del Marchio concessi. 10 SANZIONI 10.1 L'inadempienza da parte dell'azienda licenziataria del presente Regolamento o del contratto corrispondente può essere oggetto di misure cautelari Si stabiliscono le seguenti misure: - Comminatoria, con o senza aumento della frequenza delle verifiche di sorveglianza. - Sospensione temporale del certificato. - Ritiro del certificato In particolare si stabilirà la sospensione temporale o il ritiro del certificato quando si verifichi l'inadempienza delle condizioni stabilite nel punto e di quanto indicato nei capitoli 8, 9 e 16 del presente Regolamento Le misure adottate verranno comunicate per iscritto all'azienda licenziataria In caso di ritiro, i servizi di AENOR cancelleranno dal registro e da qualsiasi documento pubblicitario che reputino opportuno qualsiasi riferimento all'azienda e annulleranno il certificato corrispondente. 15

16 10.6 La sospensione temporale o il ritiro definitivo del certificato non dà diritto al rimborso dei pagamenti effettuati fino a tale data. 11 RICORSI Il richiedente o licenziatario potrà presentare un documento ragionato contro le decisioni adottate da AENOR, in applicazione del presente Regolamento e che lo riguardino direttamente, entro 30 giorni a partire dal ricevimento della decisione. Il Consiglio di Amministrazione deciderà circa la richiesta ragionata. La presentazione del documento ragionato non interrompe l'applicazione della decisione adottata. 12 RECLAMI 12.1 I reclami relativi ad un Sistema di Gestione certificato dovranno essere rivolti per iscritto al Direttore Generale di AENOR. Al ricevimento dei reclami, AENOR richiederà all'azienda licenziataria di avviare una ricerca sulla natura della causa delle non-conformità che avrebbero potuto essere causa degli stessi e si occuperà che il reclamo venga gestito in un tempo ragionevole AENOR si riserva il diritto di realizzare una verifica ispettiva straordinaria come risultato di un reclamo ricevuto, per cui chi presenta tale reclamo deve depositare una garanzia che copra le spese previste. I costi della verifica straordinaria verranno attribuiti al titolare o alla parte che presenta il reclamo a seconda del risultato Nel caso in cui si dovesse scoprire che un reclamo è fondato, AENOR potrà richiedere al titolare l'applicazione di misure correttive appropriate, o adottare una delle sanzioni previste nel capitolo RINUNCIA AL CERTIFICATO L'azienda licenziataria può rinunciare in qualsiasi momento al certificato, nel qual caso lo comunicherà per iscritto ad AENOR con per lo meno tre mesi di anticipo prima che la rinuncia abbia effetto. La rinuncia non esime dagli obblighi economici contratti in precedenza. 16

17 14 CONFIDENZIALITA 14.1 AENOR tratta in modo confidenziale tutte le informazioni, dati e documenti delle aziende relativi al suo Sistema di Gestione ai quali può avere accesso durante i processi di concessione, mantenimento o rinnovo del certificato AENOR può mostrare, ciò nonostante, il contenuto dei suoi archivi agli organismi di accreditamento, agli organismi di certificazione od organismi proprietari di Marchi di conformità dei Sistemi di Gestione, con i quali esista o si richieda di ottenere un accordo di riconoscimento dei certificati, con l'obiettivo di mostrare prove documentate del rispetto di questo Regolamento, alle autorità competenti nel caso in cui il certificato presupponga una conformità con qualsiasi regolamento che è obbligatorio rispettare, od all Autorità di giustizia se richiesto. 15 PUBBLICITA 15.1 AENOR pubblicherà periodicamente l elenco delle aziende iscritte al Registro, con l indicazione del campo di attività del certificato AENOR può informare pubblicamente circa le sospensioni temporali o i ritiri definitivi dei certificati che si verifichino. 16 USO ABUSIVO DEL MARCHIO 16.1 Definizioni Si considera uso abusivo del Marchio il suo uso in relazione a: - Aziende non certificate od aziende che citino un campo di attività differente da quello stabilito nel contratto di licenza di uso del Marchio. - Aziende il cui certificato è stato sospeso temporalmente o ritirato definitivamente Azione giudiziaria Oltre alle misure previste nel capitolo 10, qualsiasi uso abusivo del Marchio o del certificato, sia da parte dell'azienda richiedente, che del licenziatario o di un terzo, dà diritto ad AENOR di avviare, nell'ambito della legislazione vigente, qualsiasi azione legale che reputi opportuna. 17

18 17 CONDIZIONI ECONOMICHE 17.1 AENOR stabilirà annualmente le tariffe corrispondenti alle attività relative alla concessione, sorveglianza e rinnovo del certificato I pagamenti effettuati durante il processo di concessione non verranno rimborsati all'azienda richiedente in nessun caso. 18

19 18 ACCORDI DI RICONOSCIMENTO AENOR può firmare, a seguito dell autorizzazione del suo Consiglio di Amministrazione, accordi di cooperazione o di reciproco riconoscimento sulla certificazione di Sistemi di Gestione con altri organismi. Il contenuto degli accordi firmati prevale sul contenuto del presente Regolamento. 19 MODIFICHE Qualsiasi modifica al presente Regolamento o alle norme e/o specifiche tecniche che descrivono, verrà comunicata per iscritto alle aziende richiedenti e alle aziende licenziatarie interessate, indicando, se necessario, il termine concesso per l'applicazione delle nuove condizioni. 19

20 ALLEGATO A REGOLAMENTO GENERALE DEL REGISTRO DE EMPRESA DI AENOR A.0 INTRODUZIONE AENOR è accreditata in conformità ai criteri stabiliti nella norma UNE-EN Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad per la certificazione di Sistemi della Qualità in conformità alla norma UNE-EN ISO Sistemas de gestión de la calidad. Requisitos. A.1 OGGETTO A.1.1 Il presente allegato completa e sviluppa il Regolamento Generale dei Marchi di Conformità dei Sistemi, per i Sistemi della Qualità delle aziende. A.1.2 Il certificato di Sistema emesso in applicazione del presente Regolamento riceve il nome di "Certificato di Registro de Empresa". A.1.3 Il modello di gestione della qualità si definisce nella norma: UNE-EN ISO 9001 Sistemas de gestión de la calidad. Requisitos. A.1.4 Le verifiche si realizzano in conformità a quanto stabilito nelle norme: UNE-EN ISO Directrices para la auditoría de sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. 1 UNE-EN Requisiti generali degli organismi di valutazione e certificazione dei sistemi qualità. 2 UNE-EN ISO 9001 Sistemi di gestione per la qualità. Requisiti. 3 UNE-EN ISO Linee guida per gli audit dei sistemi di geestione per la qualità e/o di gestione ambientale. 24

21 A.2 DEFINIZIONI Oltre alle definizioni contenute in questo Regolamento, si applicano quelle contenute nelle seguenti norme: UNE-EN UNE-EN ISO 9000 Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad. Sistemas de gestión de la calidad: fundamentos y vocabulario. UNE-EN ISO Directrices para la auditoría de los sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. A.3 CONCESSIONE DEL CERTIFICATO DI REGISTRO DE EMPRESA A.3.1 Senza carattere esaustivo, la richiesta dovrà includere, oltre ai dati stabiliti nel capitolo di questo Regolamento, i seguenti: - Luoghi in cui il Sistema di Gestione della Qualità è implementato per le attività ed i prodotti da esso contemplati. A.3.2 Il contratto indicato nel capitolo 3.5.2, dovrà inoltre specificare: - I luoghi dove si applica il Sistema di Gestione della Qualità. A.4 IMPEGNI I reclami ai quali si fa riferimento nel paragrafo 9.6 potranno essere realizzati unicamente dai clienti in relazione ai prodotti, processi o servizi contemplati dal Sistema di Gestione della Qualità certificato. 24

22 A.5 MARCHIO AENOR DI REGISTRO DE EMPRESA DIMENSIONI COLORI 1 I colori indicati qui di seguito potranno essere sostituiti con il colore del logotipo dell'azienda a condizione che l'etichetta sia leggibile (devono essere sottoposti alla valutazione di AENOR). 1) Bianco e nero a) Appaiono in nero (Pantone Black C) 1. AENOR 2. Logotipo 2 3. "Empresa Registrada" 4. ER-0000/ che va all'interno del rettangolo inferiore 5. "Le linee dei due rettangoli" b) Appaiono in bianco 1. Lo sfondo di tutta l'etichetta e il rettangolo inferiore. 2) Colore Fig. A a) Figura in bianco 1. AENOR 2. "Empresa Registrada" 3. Il rettangolo inferiore dell'etichetta. a) Figurano in nero (Pantone Black C) 1. Logotipo 2. "Le linee dei rettangoli" c) Figura in rosso (Pantone Red 032C ) o nero 1. ER-0000/ che va all'interno del rettangolo inferiore d) Figura in argento (Pantone Plata 877C) 1. Lo sfondo di tutta l'etichetta tranne il rettangolo inferiore. DIMENSIONI Si consiglia di non utilizzare valori inferiori a 0,5 millimetri nel valore A della figura A. Le dimensioni del numero del certificato saranno proporzionate all'etichetta, a condizione che non escano dal rettangolo inferiore della stessa. TIPO DI CARATTERE Fig. B Le parole che appaiono nell'etichetta (Empresa e Registrada) dovranno essere riprodotte con il carattere "Trade Gothic Regular" e il numero del Certificato con il carattere "Trebuchet MS". NOTA Vi comunichiamo che prima di usare il marchio "AENOR de Empresa Registrada" nella documentazione o in altri luoghi, questo dovrà essere sottoposto alla valutazione di AENOR 1 Si metterà il numero del certificato corrispondente 24

23 ALLEGATO B REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE B.0 INTRODUZIONE AENOR è accreditata in conformità ai criteri stabiliti nella norma UNE-EN Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale in conformità alla norma UNE-EN ISO Sistemas de Gestión Ambiental. Requisitos con orientación para su uso. B.1 OGGETTO B.1.1 Il presente allegato completa e sviluppa il Regolamento Generale dei Marchi di Conformità dei Sistemi, per i Sistemi di Gestione Ambientale delle aziende. B.1.2 Il certificato del Sistema emesso in applicazione del presente Regolamento riceve il nome di "Certificato del Sistema di Gestione Ambientale". B.1.3 Il modello di Sistema di Gestione Ambientale si definisce nella norma UNE-EN ISO Sistemas de Gestión Ambiental. Requisitos con orientación para su uso. B.1.4 Le verifiche si realizzano in conformità a quanto stabilito nella norma UNE- EN ISO Directrices para la auditoría de sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. 1 UNE-EN ISO Sistemi di Gestione Ambientale. Requisiti e guida per l uso. 24

24 B.2 DEFINIZIONI Oltre alle definizioni contenute in questo Regolamento, si applicano quelle contenute nelle seguenti norme: UNE-EN Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad. UNE-EN ISO Sistema de Gestión Ambiental. Requisitos con orientación para UNE-EN ISO su uso. Directrices para la auditoría de sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. B.3 CONCESSIONE DEL CERTIFICATO DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE. B.3.1 Qualsiasi impresa che richieda ad AENOR la concessione del certificato per il Suo Sistema di Gestione Ambientale, dovrà presentare una richiesta per ogni singolo centro che desideri certificare. B.3.2 La richiesta dovrà includere, oltre ai dati stabiliti nel capitolo di questo Regolamento, i seguenti: - Attività per le quali il Sistema di Gestione Ambientale è stato implementato. - Il Centro dove il Sistema di Gestione Ambientale è implementato per le attività ed i prodotti da esso contemplati. B.3.3 Il contratto indicato nel capitolo 3.5.2, dovrà inoltre specificare: - Il centro dove si applica il Sistema di Gestione Ambientale. B.4 IMPEGNI B.4.1 I reclami ai quali si fa riferimento nel capitolo 9.6 potranno realizzarsi dalle parti interessate riguardo agli aspetti ambientali contemplati dal Sistema di Gestione Ambientale certificato. B.4.2 L azienda licenziataria è obbligata a tenere e mettere a disposizione di AENOR un registro delle denuncie riguardo agli aspetti ambientali contemplati dal Sistema di Gestione Ambientale, ed ha il dovere di comunicare ad AENOR le denunce riguardo a danni ecologici. 24

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio http://www.tuv.it/tuvitalia/guidamarchi.asp L'organizzazione deve predisporre e - dopo essere stata certificata mettere in

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC)

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) 1 OGGETTO... 1 2 INDIRIZZI POLITICI... 2 3 GENERALITÀ... 2 4 SCHEMA DI CERTIFICAZIONE... 3 4.1 Richiesta di certificazione...

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

I certificati anagrafici

I certificati anagrafici I certificati anagrafici I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Condizioni per l utilizzo dei contenuti

Condizioni per l utilizzo dei contenuti Condizioni per l utilizzo dei contenuti Condizioni generali Le presenti disposizioni regolano l uso del servizio del sito web di Internet (di seguito, la "Pagina Web" o il Sito Web ) che CIGNA Life Insurance

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Autodesk Inc. United States 111 McInnis Parkway San Rafael CA 94903 www.autodesk.com Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Le licenze del software Autodesk sono in genere non trasferibili,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO IL MARCHIO COLORI ISTITUZIONALI PANT. COOL GRAY 6 CVP CMYK: 0-0-0-31 RGB: 196-197-198 PANTONE 485 CVP CMYK: 0-95-100-0 RGB: 227-34-25 MARCHIO IN BIANCO/NERO

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG Regolamento per l attestazione di conformità REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG REV. DATA PREPARATO Responsabile qualità 0 31/8/99 1 10/11/99 2 17/9/01 3 20/01/03

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Il bando relativo all iniziativa URSA AWARD: Best project for a better tomorrow si modifica e integra come segue: 1) la partecipazione viene prorogata fino

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002 24.4.2002 L 108/21 DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 7 marzo 2002 relativa alle autorizzazioni per le reti e i servizi di comunicazione elettronica (direttiva autorizzazioni)

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli