REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE"

Transcript

1 REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE 1

2 Regolamento generale dei Marchi di Conformità di Sistemi di Gestione AENOR (Associazione Spagnola di Normazione e Certificazione), 2005 Deposito legale: M-xxxxx-2005 Stampato in Spagna Printed in Spain Edizione e stampa: AENOR Tutti i diritti riservati. Non è permessa la riproduzione totale o parziale di questo documento, con qualsiasi sistema di diffusione esistente, senza la previa autorizzazione scritta di AENOR. Genova, Madrid. Tel.: Fax

3 Il presente Regolamento annulla e sostituisce il Regolamento Generale per la Certificazione dei Sistemi di Gestione. Il presente Regolamento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione durante la riunione del 2004/11/04 ed è entrato in vigore il giorno successivo alla sua approvazione. 3

4 INDICE 0 Introduzione 9 1 Oggetto 9 2 Definizioni 10 3 Concessione del certificato 11 4 Mantenimento del certificato 14 5 Rinnovo del certificato 15 6 Registro 16 7 Marchi AENOR 17 8 Uso del Marchio 17 9 Impegni Sanzioni Ricorsi Reclami Rinuncia al certificato Confidenzialità Pubblicità Uso abuso del Marchio Condizioni economiche Accordi di riconoscimento Modifiche 22 4

5 ALLEGATI: Allegato A Allegato B Allegato C Allegato D Regolamento Generale del Registro de Empresa di AENOR 23 Regolamento Generale per la Certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale 27 Regolamento Generale per la Certificazione di Sistemi di Gestione della Sicurezza e Salute nel Lavoro 31 Regolamento Generale per la Certificazione di Sistemi di Gestione dell Accessibilità Registrata 35 5

6 0 INTRODUZIONE L Associazione Spagnola di Normazione e Certificazione (AENOR) è un associazione privata, indipedente e senza scopo di lucro. AENOR ha sede sociale in calle Génova 6, Madrid. 1 OGGETTO 1.1 Il presente Regolamento Generale stabilisce le regole applicate da AENOR per la concessione, il mantenimento e l estinzione della licenza d'uso dei Marchi AENOR di conformità di Sistemi di Gestione. I Marchi AENOR di conformità di Sistemi di Gestione sono Marchi di conformità con norme o con specifiche tecniche di riconosciuto prestigio. Negli allegati indipendenti si stabiliscono il campo di attività, i requisiti complementari, la terminologia propria del Sistema di Certificazione associato ad ogni Marchio AENOR di conformità di Sistemi di Gestione e le norme o le specifiche tecniche che sono di applicazione. Con ognuno di essi si intende che il Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria che lo esibisce è oggetto delle valutazioni e dei controlli del Sistema di Certificazione descritto nel presente Regolamento e che AENOR ha ottenuto un'adeguata fiducia in relazione alla conformità con la norma o con la specifica tecnica corrispondente ed i requisiti particolari stabiliti dal suddetto Sistema di Gestione. Quanto sopra indicato appare nel certificato di conformità, in seguito denominato il certificato, che AENOR rilascia insieme alla licenza di uso dei Marchi corrispondenti. Il certificato riceve il nome che si indica nell allegato corrispondente. 1.2 Il certificato non costituisce una certificazione di prodotti, processi o servizi che sono oggetto di un'altra certificazione. 1.3 Tutte le attività di verifica incluse in questo Regolamento si realizzano conformemente a quanto stabilito nelle norme o nelle specifiche tecniche che gli siano di applicazione e vengono indicate nell allegato corrispondente al modello del Sistema di Gestione scelto. 6

7 2 DEFINIZIONI Per l'uso del presente Regolamento si applicano le definizioni contenute nelle norme che gli siano di applicazione e che si indicano nell allegato corrispondente al modello di Sistema di Gestione scelto. Si utilizzano le seguenti definizioni: 2.1 Norma: Secondo la Ley 21/1992 1, del 16 di luglio, dell industria, è una specifica tecnica di applicazione ripetitiva o continuata la cui osservanza non è obbligatoria, stabilita con la partecipazione di tutte le parti interessate, che approva un Organismo riconosciuto a livello nazionale od internazionale per la sua attività normativa. 2.2 Specifica Tecnica: Documento che contiene regole, direttrici o caratteristiche per attività o il risultato delle stesse, stabilite per raggiungere un ottimo livello in un dato contesto. 2.3 Azienda: entità legale o gruppo identificabile in qualunque delle sue forme legali riconosciute. 2.4 Azienda petizionaria, richiedente: Azienda che richiede la certificazione del suo Sistema di Gestione e la sua relativa iscrizione al Registro di AENOR. 2.5 Azienda licenziataria, licenziatario: Azienda a cui AENOR ha concesso il certificato e la licenza d'uso del Marchio. 2.6 Procedura: Documento nel quale si specifica la modalità con la quale si realizza una attività. Generalmente una procedura contiene: - Scopo e campo di attività; - Cosa verrà fatto e da chi; - Quando, dove e come viene fatto; - Quali materiali, dispositivi e documenti saranno utilizzati; - Come si controllerà e si registrerà. 1 Legge 21/1992: Legge spagnola avente per oggetto di stabilire le absi per l ordinamento del settore industriale, nonché il coordinamento tra le Pubbliche Amministrazioni, in conformità con quanto stabilito dall art e 13 della Costituzione Spagnola. 7

8 3 CONCESSIONE DEL CERTIFICATO 3.1 Richiesta Qualsiasi azienda può richiedere ad AENOR la concessione del certificato AENOR fornirà a tutte le aziende che lo richiedano la documentazione necessaria per effettuare la richiesta La richiesta, rivolta al Direttore Generale di AENOR, verrà effettuata su modello preposto a tale scopo, fornito precedentemente da AENOR, debitamente compilato. Nella suddetta richiesta è necessario specificare: Ragione Sociale dell azienda. Le attività per le quali il Sistema di Gestione è stato implementato. Prodotti contemplati dal Sistema di Gestione L'azienda richiedente nominerà un rappresentante della Direzione come responsabile del mantenimento dei contatti con AENOR per le questioni relative alla propria certificazione Il richiedente si impegna a fornire ad AENOR una copia della documentazione del suo Sistema di Gestione (manuale, procedure operative e la documentazione complementare necessaria) d ora in poi denominata documentazione. 3.2 Ricevimento della richiesta AENOR controllerà il contenuto della richiesta e rilascerà una ricevuta di ritorno della stessa, richiedendo qualsiasi chiarimento o documentazione complementare che si consideri necessaria Se la richiesta è conforme a quanto indicato nel paragrafo 3.1, AENOR assegnerà un numero di pratica e avvierà il processo di gestione della pratica stessa Una volta assegnato il numero di pratica si procederà all'emissione della fattura corrispondente alla tariffa relativa alla richiesta di certificazione Se, una volta assegnato il numero di pratica, questa non dovesse procedere per 8

9 più di un anno per cause estranee ad AENOR, si potrà decidere per il suo annullamento. 3.3 Gestione della richiesta La gestione della richiesta per i servizi di AENOR ha lo scopo di stabilire la conformità del Sistema di Gestione implementato dall'azienda con il modello, e include essenzialmente: - Analisi della documentazione ricevuta dal richiedente. - Pre-audit alla verifica ispettiva iniziale, se necessario. - Verifica ispettiva iniziale L'analisi della documentazione include lo studio della documentazione che struttura il sistema di gestione (il manuale, le procedure operative e la documentazione complementare necessaria) Una volta analizzata la documentazione, AENOR - di comune accordo con il richiedente - stabilirà, eventualmente, la data prevista per il pre-audit e gli comunicherà, attraverso un piano per il pre-audit, la data ed il gruppo di verifica designato per la realizzazione della stesso. Lo scopo del pre-audit è: - Visitare le strutture dell'azienda richiedente in cui il Sistema di Gestione è stato implementato; - Completare, se necessario, l'analisi della documentazione; - Analizzare e verificare, in termini generali, l'implementazione del Sistema di Gestione; - Concordare le date di realizzazione della verifica iniziale Una volta realizzato il pre-audit, AENOR invierà al richiedente il piano della verifica ispettiva iniziale, in cui si indicherà - oltre alle date di realizzazione e il gruppo di verifica designato - il luogo o i luoghi in cui verrà effettuata la verifica, il campo di attività e altri dati rilevanti in conformità a quanto indicato nella norma o nella specifica tecnica di applicazione, secondo quanto stabilito nell allegato corrispondente al modello del Sistema di Gestione scelto. Durante la verifica ispettiva iniziale, i valutatori designati verificheranno se il Sistema di Gestione, descritto nel Manuale e nelle procedure operative che lo supportano, è effettivamente implementato in accordo con la norma o con la specifica tecnica che si utilizza come riferimento. 9

10 3.3.2 I risultati dell'analisi della documentazione, del pre-audit e della verifica iniziale si riporteranno in rapporti di tipo confidenziale nei quali si indicheranno, se necessario, le non-conformità rilevate Una copia dei rapporti rimarrà in possesso del richiedente, che presenterà un piano di azioni correttive necessarie per correggere le non-conformità rilevate, indicando i termini previsti per la loro attuazione e apportando il numero massimo di prove che evidenzino che dette azioni sono state o saranno realizzate. 3.4 Valutazione Il rapporto della verifica iniziale ed il piano delle azioni correttive, quando necessario, proposto dal richiedente sarà oggetto di valutazione da parte dei servizi di AENOR, che potranno decidere la realizzazione di una verifica straordinaria per verificare l'implementazione delle azioni correttive o proporre un accordo in relazione alla richiesta. La proposta di accordo può stabilire la necessità di realizzare una verifica straordinaria dopo la concessione del certificato, con lo scopo di verificare l implementazione delle azioni correttive. 3.5 Accordi Alla luce di quanto riportato nel rapporto della verifica iniziale, nel piano delle azioni correttive e nella proposta di accordo elaborata dai servizi di AENOR, il Direttore Generale adotterà una delle seguenti decisioni: - Concedere il Certificato. - Negare la concessione del Certificato. AENOR comunicherà per iscritto al richiedente la decisione adottata. Nel caso in cui non si realizzi la concessione si indicheranno i motivi della negazione Prima dell'emissione del Certificato, l'azienda richiedente deve firmare un contratto con AENOR in cui si specificheranno: - La norma o la specifica tecnica che definisce il modello applicato. - I requisiti particolari che sono applicabili al Sistema di Gestione oggetto della Certificazione. - Le attività ed i prodotti per i quali è implementato il Sistema di Gestione. 10

11 - Gli impegni che assume l'azienda in relazione alla concessione Tramite la firma di questo contratto, AENOR concede all azienda richiedente una licenza d uso del Marchio. Il licenziatario non può in nessun caso trasferire l uso di tale licenza a terzi Il periodo di validità del Certificato è di 3 anni La licenza di uso del Marchio non esime in nessun caso dalle garanzie e responsabilità che spettano all'azienda in base alla legislazione vigente. 4 MANTENIMENTO DEL CERTIFICATO 4.1 Verifiche di Sorveglianza Durante il periodo di validità del certificato, i servizi di AENOR realizzeranno verifiche di sorveglianza al Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria con l'obiettivo di verificare che si mantengano le condizioni che hanno dato luogo alla concessione del suddetto certificato Indipendentemente dalle verifiche straordinarie che potrebbero essere effettuate, le verifiche di sorveglianza si effettuano, salvo che in casi giustificati, con periodicità annuale I risultati delle verifiche di sorveglianza si riporteranno in rapporti aventi carattere confidenziale nei quali si indicheranno, se necessario, le non-conformità rilevate La copia dei rapporti rimarrà in possesso dell'azienda licenziataria che, se richiesto, presenterà un piano di azioni correttive necessarie per correggere le nonconformità rilevate, indicando i tempi previsti per la messa in pratica delle stesse ed apportando le prove necessarie che evidenzino che dette azioni siano state o si stanno realizzando. 4.2 Valutazione Il rapporto della verifica di sorveglianza, il rapporto della verifica straordinaria quando viene realizzata - ed il piano di azioni correttive proposto dall'azienda licenziataria sono oggetto di valutazione da parte dei servizi di AENOR per verificare che vengano rispettate le condizioni per mantenere il certificato. 11

12 I servizi di AENOR potranno stabilire la realizzazione di una verifica straordinaria con l'obiettivo di verificare l implementazione delle azioni correttive. Se, a giudizio dei servizi di AENOR, fosse necessaria l'applicazione di una delle sanzioni previste nel punto 10.2, verrà emessa una proposta al Direttore Generale di AENOR che adotterà una decisione al riguardo. La decisione adottata si comunicherà per iscritto all'azienda licenziataria. Se la decisione adottata fosse di sospensione temporale o ritiro definitivo del certificato, si indicheranno le ragioni che l`hanno motivata. 5 RINNOVO DEL CERTIFICATO 5.1 Verifiche di Rinnovo Prima della fine del periodo di validità del certificato verrà effettuata una verifica ispettiva del Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria con lo scopo di verificare se è possibile il suo rinnovo Se l'azienda licenziataria non desidera che il certificato sia rinnovato, deve comunicarlo per iscritto ad AENOR almeno tre mesi prima della data di scadenza I risultati della verifica di rinnovo si riporteranno in rapporti di tipo confidenziale in cui si indicheranno, se necessario, le non-conformità rilevate La copia dei rapporti rimarrà in possesso dell'azienda licenziataria che presenterà, se richiesto, un piano delle azioni necessarie per correggere le nonconformità rilevate, indicando i tempi previsti per la loro messa in pratica e apportando le prove necessarie che evidenzino che tale azioni sono state o saranno realizzate. 5.2 Valutazione Il rapporto della verifica di rinnovo e, quando richiesto, il piano delle azioni correttive proposto dall'azienda licenziataria sono oggetto di valutazione da parte dei servizi di AENOR che proporranno l'accordo corrispondente sul rinnovo del Certificato. 5.3 Accordi Alla luce del rapporto della verifica di rinnovo, del piano delle azioni correttive e della proposta di accordo elaborata dai servizi di AENOR, il Direttore Generale adotterà una delle seguenti decisioni: 12

13 - Approvare il rinnovo del Certificato. - Negare il rinnovo del Certificato. La decisione adottata si comunicherà per iscritto all'azienda licenziataria. In caso di negazione si indicheranno le ragioni che motivano la suddetta decisione. 5.4 I rinnovi del certificato si realizzano per periodi consecutivi di tre anni. Durante detti periodi il Sistema di Gestione dell'azienda licenziataria verrà sottoposto al controllo descritto nel capitolo 4. 6 REGISTRO AENOR mantiene un registro, la cui finalità è evidenziare pubblicamente la concessione e la validità dei certificati alle aziende licenziatarie iscritte nello stesso. Il Registro è a disposizione del pubblico, e AENOR può certificare le sue iscrizioni, previa richiesta rivolta al Direttore Generale di AENOR. 7 MARCHI AENOR 7.1 I Marchi AENOR, d ora in poi denominati Marchi, sono proprietà di AENOR in virtù del loro deposito in quanto tali, presso il Registro dell'ufficio Spagnolo di Brevetti e Marchi. Possono essere oggetto di registrazione in altri paesi per garantirne la protezione negli stessi. 7.2 Il Marchio attesta che l azienda che lo esibisce è stata iscritta nel Registro di AENOR per le attività e nei centri indicati nel corrispondente certificato. 7.3 Il logotipo di ogni Marchio si riproduce nel relativo allegato. 8 USO DEL MARCHIO 8.1 Solo le aziende licenziatarie sono autorizzate ad utilizzare il Marchio. L'uso dello stesso è soggetto alle condizioni specificate qui di seguito: Il Marchio deve riprodursi in modo analogo al logotipo riprodotto, nel relativo Allegato, nei colori e tipi di carattere indicati Il Marchio non deve, in nessun caso, essere direttamente associato a prodotti 13

14 in modo che possa indurre a credere che i prodotti di per sé siano stati certificati Il Marchio deve essere associato, in ogni caso, al nome dell'azienda licenziataria ed al campo di attività del certificato, con l indicazione del numero del certificato, e della norma o della specifica tecnica di riferimento. 8.2 L'azienda licenziataria deve sottoporre previamente alla valutazione dei servizi di AENOR i documenti e i luoghi in cui verrà collocato il Marchio. 8.3 L'azienda licenziataria non può fare uso del Marchio dal momento in cui: - Scade il periodo di validità del Certificato che ha dato luogo al rilascio della licenza d'uso corrispondente. - AENOR comunica la sospensione temporale o il ritiro definitivo del Certificato. 9 IMPEGNI Oltre a rispettare i requisiti stabiliti nella sezione e nel capitolo 8 in relazione all'uso del Marchio, l'azienda licenziataria è obbligata a: 9.1 Mantenere il Sistema di Gestione certificato finché il certificato è in vigore. 9.2 Consentire al gruppo di verifica di AENOR l'accesso ai documenti relativi al Sistema di Gestione certificato e agli impianti in cui si realizzano attività coperte da tale Sistema di Gestione. La Direzione dell'azienda ed i suoi collaboratori devono essere a disposizione del gruppo di verifica di AENOR durante la realizzazione delle verifiche ispettive. 9.3 Informare il gruppo di verifica di AENOR in relazione ai fatti che si considerano rilevanti per la valutazione del Sistema di Gestione ed agevolare in ogni momento il suo lavoro. 9.4 Effettuare i pagamenti corrispondenti alle spese derivanti dalla certificazione. 9.5 Comunicare per iscritto ad AENOR: - Tutte le modifiche che realizza nel proprio Sistema di Gestione. - Le modifiche giuridiche dell'azienda o i cambiamenti della ragione sociale. - Il trasferimento delle strutture in cui si realizzano attività relazionate al Sistema di Gestione. 14

15 Alla luce di queste modifiche, si potrà stabilire la realizzazione di una verifica straordinaria, a carico dell'azienda licenziataria, con l'obiettivo di decidere circa il mantenimento del Certificato (vedi capitolo 4). 9.6 Tenere e mettere a disposizione dei servizi di AENOR, un registro dei reclami ricevuti relativi ai sui prodotti, processi o servizi coperti dal Sistema di Gestione certificato, così come le azioni correttive a cui hanno dato origine. 9.7 Nel caso di ritiro del certificato, l'azienda licenziataria si impegna a: - Restituire l'originale del certificato a AENOR. - Non utilizzare copie o riproduzioni di detto certificato. - Ritirare dalla propria documentazione pubblica qualsiasi riferimento possibile della certificazione o del Marchio concessi. 10 SANZIONI 10.1 L'inadempienza da parte dell'azienda licenziataria del presente Regolamento o del contratto corrispondente può essere oggetto di misure cautelari Si stabiliscono le seguenti misure: - Comminatoria, con o senza aumento della frequenza delle verifiche di sorveglianza. - Sospensione temporale del certificato. - Ritiro del certificato In particolare si stabilirà la sospensione temporale o il ritiro del certificato quando si verifichi l'inadempienza delle condizioni stabilite nel punto e di quanto indicato nei capitoli 8, 9 e 16 del presente Regolamento Le misure adottate verranno comunicate per iscritto all'azienda licenziataria In caso di ritiro, i servizi di AENOR cancelleranno dal registro e da qualsiasi documento pubblicitario che reputino opportuno qualsiasi riferimento all'azienda e annulleranno il certificato corrispondente. 15

16 10.6 La sospensione temporale o il ritiro definitivo del certificato non dà diritto al rimborso dei pagamenti effettuati fino a tale data. 11 RICORSI Il richiedente o licenziatario potrà presentare un documento ragionato contro le decisioni adottate da AENOR, in applicazione del presente Regolamento e che lo riguardino direttamente, entro 30 giorni a partire dal ricevimento della decisione. Il Consiglio di Amministrazione deciderà circa la richiesta ragionata. La presentazione del documento ragionato non interrompe l'applicazione della decisione adottata. 12 RECLAMI 12.1 I reclami relativi ad un Sistema di Gestione certificato dovranno essere rivolti per iscritto al Direttore Generale di AENOR. Al ricevimento dei reclami, AENOR richiederà all'azienda licenziataria di avviare una ricerca sulla natura della causa delle non-conformità che avrebbero potuto essere causa degli stessi e si occuperà che il reclamo venga gestito in un tempo ragionevole AENOR si riserva il diritto di realizzare una verifica ispettiva straordinaria come risultato di un reclamo ricevuto, per cui chi presenta tale reclamo deve depositare una garanzia che copra le spese previste. I costi della verifica straordinaria verranno attribuiti al titolare o alla parte che presenta il reclamo a seconda del risultato Nel caso in cui si dovesse scoprire che un reclamo è fondato, AENOR potrà richiedere al titolare l'applicazione di misure correttive appropriate, o adottare una delle sanzioni previste nel capitolo RINUNCIA AL CERTIFICATO L'azienda licenziataria può rinunciare in qualsiasi momento al certificato, nel qual caso lo comunicherà per iscritto ad AENOR con per lo meno tre mesi di anticipo prima che la rinuncia abbia effetto. La rinuncia non esime dagli obblighi economici contratti in precedenza. 16

17 14 CONFIDENZIALITA 14.1 AENOR tratta in modo confidenziale tutte le informazioni, dati e documenti delle aziende relativi al suo Sistema di Gestione ai quali può avere accesso durante i processi di concessione, mantenimento o rinnovo del certificato AENOR può mostrare, ciò nonostante, il contenuto dei suoi archivi agli organismi di accreditamento, agli organismi di certificazione od organismi proprietari di Marchi di conformità dei Sistemi di Gestione, con i quali esista o si richieda di ottenere un accordo di riconoscimento dei certificati, con l'obiettivo di mostrare prove documentate del rispetto di questo Regolamento, alle autorità competenti nel caso in cui il certificato presupponga una conformità con qualsiasi regolamento che è obbligatorio rispettare, od all Autorità di giustizia se richiesto. 15 PUBBLICITA 15.1 AENOR pubblicherà periodicamente l elenco delle aziende iscritte al Registro, con l indicazione del campo di attività del certificato AENOR può informare pubblicamente circa le sospensioni temporali o i ritiri definitivi dei certificati che si verifichino. 16 USO ABUSIVO DEL MARCHIO 16.1 Definizioni Si considera uso abusivo del Marchio il suo uso in relazione a: - Aziende non certificate od aziende che citino un campo di attività differente da quello stabilito nel contratto di licenza di uso del Marchio. - Aziende il cui certificato è stato sospeso temporalmente o ritirato definitivamente Azione giudiziaria Oltre alle misure previste nel capitolo 10, qualsiasi uso abusivo del Marchio o del certificato, sia da parte dell'azienda richiedente, che del licenziatario o di un terzo, dà diritto ad AENOR di avviare, nell'ambito della legislazione vigente, qualsiasi azione legale che reputi opportuna. 17

18 17 CONDIZIONI ECONOMICHE 17.1 AENOR stabilirà annualmente le tariffe corrispondenti alle attività relative alla concessione, sorveglianza e rinnovo del certificato I pagamenti effettuati durante il processo di concessione non verranno rimborsati all'azienda richiedente in nessun caso. 18

19 18 ACCORDI DI RICONOSCIMENTO AENOR può firmare, a seguito dell autorizzazione del suo Consiglio di Amministrazione, accordi di cooperazione o di reciproco riconoscimento sulla certificazione di Sistemi di Gestione con altri organismi. Il contenuto degli accordi firmati prevale sul contenuto del presente Regolamento. 19 MODIFICHE Qualsiasi modifica al presente Regolamento o alle norme e/o specifiche tecniche che descrivono, verrà comunicata per iscritto alle aziende richiedenti e alle aziende licenziatarie interessate, indicando, se necessario, il termine concesso per l'applicazione delle nuove condizioni. 19

20 ALLEGATO A REGOLAMENTO GENERALE DEL REGISTRO DE EMPRESA DI AENOR A.0 INTRODUZIONE AENOR è accreditata in conformità ai criteri stabiliti nella norma UNE-EN Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad per la certificazione di Sistemi della Qualità in conformità alla norma UNE-EN ISO Sistemas de gestión de la calidad. Requisitos. A.1 OGGETTO A.1.1 Il presente allegato completa e sviluppa il Regolamento Generale dei Marchi di Conformità dei Sistemi, per i Sistemi della Qualità delle aziende. A.1.2 Il certificato di Sistema emesso in applicazione del presente Regolamento riceve il nome di "Certificato di Registro de Empresa". A.1.3 Il modello di gestione della qualità si definisce nella norma: UNE-EN ISO 9001 Sistemas de gestión de la calidad. Requisitos. A.1.4 Le verifiche si realizzano in conformità a quanto stabilito nelle norme: UNE-EN ISO Directrices para la auditoría de sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. 1 UNE-EN Requisiti generali degli organismi di valutazione e certificazione dei sistemi qualità. 2 UNE-EN ISO 9001 Sistemi di gestione per la qualità. Requisiti. 3 UNE-EN ISO Linee guida per gli audit dei sistemi di geestione per la qualità e/o di gestione ambientale. 24

21 A.2 DEFINIZIONI Oltre alle definizioni contenute in questo Regolamento, si applicano quelle contenute nelle seguenti norme: UNE-EN UNE-EN ISO 9000 Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad. Sistemas de gestión de la calidad: fundamentos y vocabulario. UNE-EN ISO Directrices para la auditoría de los sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. A.3 CONCESSIONE DEL CERTIFICATO DI REGISTRO DE EMPRESA A.3.1 Senza carattere esaustivo, la richiesta dovrà includere, oltre ai dati stabiliti nel capitolo di questo Regolamento, i seguenti: - Luoghi in cui il Sistema di Gestione della Qualità è implementato per le attività ed i prodotti da esso contemplati. A.3.2 Il contratto indicato nel capitolo 3.5.2, dovrà inoltre specificare: - I luoghi dove si applica il Sistema di Gestione della Qualità. A.4 IMPEGNI I reclami ai quali si fa riferimento nel paragrafo 9.6 potranno essere realizzati unicamente dai clienti in relazione ai prodotti, processi o servizi contemplati dal Sistema di Gestione della Qualità certificato. 24

22 A.5 MARCHIO AENOR DI REGISTRO DE EMPRESA DIMENSIONI COLORI 1 I colori indicati qui di seguito potranno essere sostituiti con il colore del logotipo dell'azienda a condizione che l'etichetta sia leggibile (devono essere sottoposti alla valutazione di AENOR). 1) Bianco e nero a) Appaiono in nero (Pantone Black C) 1. AENOR 2. Logotipo 2 3. "Empresa Registrada" 4. ER-0000/ che va all'interno del rettangolo inferiore 5. "Le linee dei due rettangoli" b) Appaiono in bianco 1. Lo sfondo di tutta l'etichetta e il rettangolo inferiore. 2) Colore Fig. A a) Figura in bianco 1. AENOR 2. "Empresa Registrada" 3. Il rettangolo inferiore dell'etichetta. a) Figurano in nero (Pantone Black C) 1. Logotipo 2. "Le linee dei rettangoli" c) Figura in rosso (Pantone Red 032C ) o nero 1. ER-0000/ che va all'interno del rettangolo inferiore d) Figura in argento (Pantone Plata 877C) 1. Lo sfondo di tutta l'etichetta tranne il rettangolo inferiore. DIMENSIONI Si consiglia di non utilizzare valori inferiori a 0,5 millimetri nel valore A della figura A. Le dimensioni del numero del certificato saranno proporzionate all'etichetta, a condizione che non escano dal rettangolo inferiore della stessa. TIPO DI CARATTERE Fig. B Le parole che appaiono nell'etichetta (Empresa e Registrada) dovranno essere riprodotte con il carattere "Trade Gothic Regular" e il numero del Certificato con il carattere "Trebuchet MS". NOTA Vi comunichiamo che prima di usare il marchio "AENOR de Empresa Registrada" nella documentazione o in altri luoghi, questo dovrà essere sottoposto alla valutazione di AENOR 1 Si metterà il numero del certificato corrispondente 24

23 ALLEGATO B REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE B.0 INTRODUZIONE AENOR è accreditata in conformità ai criteri stabiliti nella norma UNE-EN Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale in conformità alla norma UNE-EN ISO Sistemas de Gestión Ambiental. Requisitos con orientación para su uso. B.1 OGGETTO B.1.1 Il presente allegato completa e sviluppa il Regolamento Generale dei Marchi di Conformità dei Sistemi, per i Sistemi di Gestione Ambientale delle aziende. B.1.2 Il certificato del Sistema emesso in applicazione del presente Regolamento riceve il nome di "Certificato del Sistema di Gestione Ambientale". B.1.3 Il modello di Sistema di Gestione Ambientale si definisce nella norma UNE-EN ISO Sistemas de Gestión Ambiental. Requisitos con orientación para su uso. B.1.4 Le verifiche si realizzano in conformità a quanto stabilito nella norma UNE- EN ISO Directrices para la auditoría de sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. 1 UNE-EN ISO Sistemi di Gestione Ambientale. Requisiti e guida per l uso. 24

24 B.2 DEFINIZIONI Oltre alle definizioni contenute in questo Regolamento, si applicano quelle contenute nelle seguenti norme: UNE-EN Requisitos generales para entidades que realizan la evaluación y certificación de sistemas de la calidad. UNE-EN ISO Sistema de Gestión Ambiental. Requisitos con orientación para UNE-EN ISO su uso. Directrices para la auditoría de sistemas de gestión de la calidad y/o ambiental. B.3 CONCESSIONE DEL CERTIFICATO DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE. B.3.1 Qualsiasi impresa che richieda ad AENOR la concessione del certificato per il Suo Sistema di Gestione Ambientale, dovrà presentare una richiesta per ogni singolo centro che desideri certificare. B.3.2 La richiesta dovrà includere, oltre ai dati stabiliti nel capitolo di questo Regolamento, i seguenti: - Attività per le quali il Sistema di Gestione Ambientale è stato implementato. - Il Centro dove il Sistema di Gestione Ambientale è implementato per le attività ed i prodotti da esso contemplati. B.3.3 Il contratto indicato nel capitolo 3.5.2, dovrà inoltre specificare: - Il centro dove si applica il Sistema di Gestione Ambientale. B.4 IMPEGNI B.4.1 I reclami ai quali si fa riferimento nel capitolo 9.6 potranno realizzarsi dalle parti interessate riguardo agli aspetti ambientali contemplati dal Sistema di Gestione Ambientale certificato. B.4.2 L azienda licenziataria è obbligata a tenere e mettere a disposizione di AENOR un registro delle denuncie riguardo agli aspetti ambientali contemplati dal Sistema di Gestione Ambientale, ed ha il dovere di comunicare ad AENOR le denunce riguardo a danni ecologici. 24

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA INDICE IL PRESENTE REGOLAMENTO, SE NON AUTENTICATO DAL CONSORZIO GAMMA SERVIZI, NON COSTITUISCE ATTO DI CONFERIMENTO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 2 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 4 5. USO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 13485 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05M

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 13485 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05M INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI E' RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE

Dettagli

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group 1 di 7 INDICE 1. Scopo ed entrata in vigore 2. Campo di applicazione 3. Termini e definizioni 4. Responsabilità 5. Controllo del regolamento 6. Iter di certificazione 6.1 Generalità 6.2 Modalità di svolgimento

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

IL RUOLO DEL ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE

IL RUOLO DEL ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE IL RUOLO DEL ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE IL SISTEMA delle CERTIFICAZIONI CON LA DENOMINAZIONE SISTEMA DELLE CERTIFICAZIONI SI INTENDE DEFINIRE L INSIEME DEGLI STRUMENTI (ISTITUZIONALI, ORGANIZZATIVI, NORMATIVI)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE Pag. 1 di 12 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Criteri per l uso del marchio da parte delle aziende certificate Art. 3 Immagine del marchio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÁ VERIFICHE ELETTRICHE REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE ELETTRICHE. 1. Scopo e campo di applicazione 2. 2. Termini e definizioni 2

MANUALE DELLA QUALITÁ VERIFICHE ELETTRICHE REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE ELETTRICHE. 1. Scopo e campo di applicazione 2. 2. Termini e definizioni 2 1 di 7 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Termini e definizioni 2 3. Responsabilità 3 4. Controllo del regolamento 3 5. Modalità di svolgimento delle verifiche 3 6. Verbale di verifica 4 7. Registro

Dettagli

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini Pag. 1 di 10 QA-EQDL20 Revisione n 1 del 29/03/2005 PROCEDURA DI AUDIT EQDL REVISIONI 1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA P. Fezzi/C. Morlacchi CONTROLLATA F. Filippazzi/

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna Allegato sub 2) alla deliberazione n.37 del 2.04.2012 Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna Art. 1 Definizioni Operatore: artigiano singolo o associato

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS In vigore dal 01/01/2013 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax

Dettagli

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione 1 / 10 Certificazione dei Sistemi di Gestione Il certificato ottenuto da un Organizzazione che abbia fatto richiesta di Certificazione conferma che tale Organizzazione abbia implementato e mantenuto il

Dettagli

REGOLAMENTO ADESIONE FILIERA ISO 9001-2015

REGOLAMENTO ADESIONE FILIERA ISO 9001-2015 REGOLAMENTO ADESIONE FILIERA ISO 9001-2015 Art. 1 IL PROGETTO Filiera ISO 9001 L'obiettivo dell'iniziativa è di accompagnare le imprese appartenenti alla filiera dell'arredo attraverso un percorso formativo

Dettagli

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Norma AOMAS / Regolamento: revisione 2010 Versione definitiva: 2010-10-10 1 / 12 Informazioni sulla revisione La presente revisione del regolamento

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS In vigore dal 01 Agosto 2014 RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

Regolamento Uso del Marchio OCE. RE-03 rev.1.3 del 01.03.2011. Certificazione dei Sistemi di Gestione USO DEL MARCHIO OCE.

Regolamento Uso del Marchio OCE. RE-03 rev.1.3 del 01.03.2011. Certificazione dei Sistemi di Gestione USO DEL MARCHIO OCE. Certificazione dei Sistemi di Gestione USO DEL MARCHIO OCE Pagina 1 di 8 Indice Pag. 3 1.0 SCOPO Pag. 3 2.0 RIFERIMENTI Pag. 3 3.0 DEFINIZIONI Pag. 3 Pag. 5 Pag. 8 4.0 USO DEL MARCHIO 5.0 USO DEL MARCHIO

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Questo Manuale d uso dà le indicazioni necessarie sull uso del Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione:

Dettagli

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5 REGOLAMENTO VIS SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 6. Attestato finale e verbale di verifica periodica

Dettagli

RURALITÀ MEDITERRANEA

RURALITÀ MEDITERRANEA RURALITÀ MEDITERRANEA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Marchio Collettivo di Qualità delle imprese dei territori rurali del Mediterraneo GENERALITA ARTICOLO 1. Il Regolamento d uso definisce le condizioni

Dettagli

ACCORDO DI PRESTITO. Titolo della mostra: Luogo: Date:

ACCORDO DI PRESTITO. Titolo della mostra: Luogo: Date: ACCORDO DI PRESTITO Parma, Rif. N. Titolo della mostra: Luogo: Date: Il sottoscritto (prestatore) accetta di prestare a L oggetto/gli oggetti indicato/i nell allegato n.1 (lista opere e documenti) sotto

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO D USO E DISCIPLINARE DEL MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITA IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI: SIMBOLO DI QUALITÀ

REGOLAMENTO D USO E DISCIPLINARE DEL MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITA IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI: SIMBOLO DI QUALITÀ P.O.R. SICILIA 2000-2006 ASSE IV MISURA 4.13 B SOSTEGNO ALLA CREAZIONE, AL RICONOSCIMENTO COMUNITARIO AL CONTROLLO DI PRODOTTI REGIONALI DI QUALITÀ IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI:

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0020CR_00_IT

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0020CR_00_IT Regolamento per la gestione delle attività di ispezione di materiali, prodotti e servizi nel settore industriale per l impiantistica, le opere e le costruzioni 00 24/04/2013 Annulla e sostituisce il documento

Dettagli

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1.

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1. Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL Revisione 1. PROCEDURE ecolabel rev1 Premesso che : regolamento CE n. 1980/2000

Dettagli

PSC 05I - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE BS OHSAS 18001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05I - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE BS OHSAS 18001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 5. USO DEL MARCHIO

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO DI CONFORMITA ICIM DA PARTE DELLE AZIENDE CON CERTIFICAZIONE ICIM DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO DI CONFORMITA ICIM DA PARTE DELLE AZIENDE CON CERTIFICAZIONE ICIM DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Identificazione rev. 6 pag. 2 di 9 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 RIFERIMENTI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 MARCHIO ICIM 5.0 MARCHIO DI CONFORMITA ICIM 6.0 DISPOSIZIONI PER L USO DEL MARCHIO DI CONFORMITA ICIM 7.0 MARCHI

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X MACCHINE_ Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X INDICE Art. 1 Premessa Art. 2

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento Regolamento d uso del Marchio Collettivo Prosciutto Fiocco di Valtellina Art.1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le condizioni e le modalità per il rilascio del marchio Prosciutto

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 01 Data 28-05-2013 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 28-05-2013 Il presente

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG45 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESPERTI

Dettagli

REGOLAMENTO USO DEL LOGO

REGOLAMENTO USO DEL LOGO REGOLAMENTO Pag.1 di 9 REGOLAMENTO USO DEL LOGO MATRICE DELLE REVISIONI Rev. Data DESCRIZIONE delle MODIFICHE VERIFICATO da APPROVATO da 00 30/01/07 Riedizione e modifica Logo RAQ COM 01/07 01 20/06/08

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 02 Data 02-01-2014 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 02-01-2014 Il presente

Dettagli

(CE) 172 5.7.2005, 22) 25 2005 10 2008) 1687/2005 14 2005 (GU CE

(CE) 172 5.7.2005, 22) 25 2005 10 2008) 1687/2005 14 2005 (GU CE REGOLAMENTO (CE) N. 2869/95 DELLA COMMISSIONE del 13 dicembre 1995 relativo alle tasse da pagare all Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (Marchi, disegni e modelli) (GU CE n. L 33 del 15.12.1995,

Dettagli

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF Regole 3 Edizione Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF 3 Edizione per

Dettagli

Iter di Certificazione

Iter di Certificazione Iter di Certificazione 1 Accreditamento Riconoscimento formale della idoneità di un laboratorio ad effettuare specifiche prove o determinati tipi di prova Nota - Il termine "accreditamento di un laboratorio"

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Compilazione (data e firma) Verifica (data e firma) Approvazione (data e firma)

Compilazione (data e firma) Verifica (data e firma) Approvazione (data e firma) Procedura CERTIFICAZIONI PC213 rev00 CE - 29/05/2015 Pagina 1 (7) Regolamento per la certificazione relativa all accordo preventivo per l installazione di ascensori in deroga (con fossa e/o testata ridotta)

Dettagli

DELIBERA. Art. 1. Requisiti di Accreditamento

DELIBERA. Art. 1. Requisiti di Accreditamento DELIBERA n. 13/13 del 31 luglio 2013 Regolamento per l accreditamento degli Organismi di Certificazione della Norma Tecnica denominata Codice di Pratica di cui alla delibera del Comitato Centrale per l

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI SALE E LOCALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 38 DEL 29 LUGLIO 2002 \\Srv2\Ufficio\REGOLAMENTI E CONVENZIONI\regolamenti per sito\reg. USO

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 01/04/2012 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

18 2015-03-05 FD08. Titolo. Codice. Edizione Edition. Revisione Review Data Date. Redatto Compiled. Approvato Approved. Pag.

18 2015-03-05 FD08. Titolo. Codice. Edizione Edition. Revisione Review Data Date. Redatto Compiled. Approvato Approved. Pag. Tel.: +39 0516494836 Fax: +39 0516494813 Sito internet: www.checkfruit.it E-mail: customer@checkfruit.it C.F./P.IVA: 04179250370 Titolo Title Codice Code Regolamento per la certificazione di Sistemi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. GENERALITÀ... 4 4. PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE... 5 5. CONTENUTI DEL CERTIFICATO...

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

14 2016-01-04 MD08. Titolo. Codice. Edizione Edition. Revisione Review Data Date. Redatto Compiled. Approvato Approved. Pag.

14 2016-01-04 MD08. Titolo. Codice. Edizione Edition. Revisione Review Data Date. Redatto Compiled. Approvato Approved. Pag. Tel.: +39 0516494836 Fax: +39 0516494813 Sito internet: www.nsf-italy.it E-mail: info@nsf-italy.it C.F./P.IVA: 02152001208 Titolo Title Codice Code Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO CAP. 1 - GENERALITA 1.1 - GENERALITÀ ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI OLI MONOVARIETALI Depositario del presente Regolamento d Uso del Marchio, di seguito definito Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI MEDICI I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI MEDICI I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO CONCESSIONE E IL INDICE 1. PREMESSA... 2 2. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. DEFINIZIONI E RIFERIMENTI... 2 4. CONDIZIONI GENERALI E PREREQUISITI... 2 5. RISERVATEZZA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Indice 1. Approvazione del Regolamento di Certificazione 2. Introduzione 3. Normativa di Riferimento: 4. Definizioni 5. Criteri e condizioni generali per la certificazione di prodotto 5.1 Generalità 5.2

Dettagli

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST 2001:2008 Requisiti per gli utilizzatori dello schema PEFC Regole d

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO E CLASSICO ISAAC NEWTON FASE 2

LICEO SCIENTIFICO E CLASSICO ISAAC NEWTON FASE 2 1. SEDI E SCOPO DI CERTIFICAZIONE Sede/i operativa/e da inserire sull attestato Via Paleologi, 22-10034 Chivasso (TO) Sede legale (se richiesta) da inserire sull attestato / Scopo di certificazione richiesto

Dettagli

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group 1 di 9 INDICE 1. Scopo ed entrata in vigore 2. Campo di applicazione 3. Termini e definizioni 4. Responsabilità 5. Controllo del regolamento 6. Iter di certificazione 6.1 Generalità 6.2 Modalità di svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

certificazione GBC HOME

certificazione GBC HOME Associazione Green Building Council Italia REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI MARCHI GBC Italia in relazione alla certificazione GBC HOME REV3 Emesso il 14/05/2013 REGOLAMENTO PREMESSA Questo regolamento non

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

COMMUNICATION TECHNOLOGY S.R.L.

COMMUNICATION TECHNOLOGY S.R.L. Rapporto di audit di estensione - RC Certificazione di Sistemi di Gestione ISO 9001:2013 DA: 2013-10-23 A: 2013-10-23 DNV Lead Auditor MICHELE TASSINARI (1 gg) Firma Per Det Norske Veritas Italia S.r.l.

Dettagli

SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA

SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA REGOLAMENTO IMQ CERTIFICAZIONE DELLE IMPRESE CHE EROGANO SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO

DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO REV. DATA EMISSIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO COUNTRY MANAGER Mariella Pozzoli 01 02 Ottobre 2013 TABELLA DELLE REVISIONI Rev. Data rev. Descrizione/sintesi

Dettagli

COMUNE DI TRESANA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE

COMUNE DI TRESANA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI TRESANA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Allegato alla deliberazione C.C. n 62 del 19.12.2014 INDICE Art. 1 - Disciplina regolamentare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 RV del 30 maggio 2011 1 - EPIGRAFE - Premessa Art. 1 - Istituzione

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Città di Alghero Provincia di Sassari IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Farmer market nel Comune di Alghero Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20/2009 REGOLAMENTO D'USO DEL CIRCUITO 1 SOMMARIO

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità e per l utilizzo del certificato e dei marchi di certificazione

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità e per l utilizzo del certificato e dei marchi di certificazione Tel.: +39 0516494836 Fax: +39 0516494813 Sito internet: www.nsf-italy.it E-mail: info@nsf-italy.it C.F./P.IVA: 02152001208 Titolo Title Codice Code Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP Pag. 1 di 10 PROCEDURA DI AUDIT EUCIP REVISIONI 1 10/05/04 Prima Emissione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA CONTROLLATA APPROVATA Funzione Funzione Qualità delle Certificazioni EUCIP Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUZIONE ED UTILIZZO DEL MARCHIO DI FORNITORE DI QUALITA AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE ALTO APPENNINO MODENESE (PARCO DEL FRIGNANO).

REGOLAMENTO ISTITUZIONE ED UTILIZZO DEL MARCHIO DI FORNITORE DI QUALITA AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE ALTO APPENNINO MODENESE (PARCO DEL FRIGNANO). REGOLAMENTO ISTITUZIONE ED UTILIZZO DEL MARCHIO DI FORNITORE DI QUALITA AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE ALTO APPENNINO MODENESE (PARCO DEL FRIGNANO). Articolo 1 (Denominazione ed emblema) 1. Il Consorzio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE CERTIQUALITY S.r.l. Via G. Giardino 4-20123 Milano tel. 02 8069171 - fax 02 86465295 certiquality@certiquality.it www.certiquality.it C.F. e P. IVA Reg. Imprese MI 04591610961 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE

Dettagli

Regolamento. Marchio di Qualità ambientale

Regolamento. Marchio di Qualità ambientale Regolamento Marchio di Qualità ambientale PREMESSA Il progetto "Isole Amiche del Clima" ha l'obiettivo di valorizzare tutti gli enti (pubblici, privati) e le imprese che operano nel territorio maddalenino,

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli