RISOLUZIONE N. 9 VERBALE N. 57 SEDUTA PUBBLICA DEL 14/07/2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISOLUZIONE N. 9 VERBALE N. 57 SEDUTA PUBBLICA DEL 14/07/2005"

Transcript

1 RISOLUZIONE N. 9 VERBALE N. 57 SEDUTA PUBBLICA DEL 14/07/2005 L'anno duemilacinque, il giorno giovedì 14 luglio, alle ore 17,50, nella propria sede in via Fabiola n. 14, si è adunato, in seduta pubblica straordinaria ed urgente, previa trasmissione degli inviti per le ore 17,00 dello stesso giorno, come da nota Prot. n CQ/44022 del 13/7/2005 la cui copia è inserita in atti, per l'esame degli argomenti iscritti all'ordine del giorno e indicati nei medesimi inviti, il Consiglio del Municipio Roma XVI, così composto: ANTONETTI FRANCO BARBIERI MARISA BELLINI FABIO BERNARDINI FRANCO BERNARDINI GERMANO CAPONE LUIGI CAPRIOTTI TIZIANA CAROCCI CARLO EMANUELE D AMBROGIO BRUNO DE BONO BEATRICE DI CAMILLO MARCO FIORAVANTI TIZIANO MARIA GERACI FRANCESCO ANTONIO GIALANELLA BERNARDO LEONETTI CELESTINO MACCONE CRISTINA MARANZANO ALBERTA MASINI PAOLO MONTANARI RICCARDO MUNINI LUIGI ORTU MASSIMILIANO PENNACCHI ANDREA ROBERTO EDOARDO SALLUSTI GLORIA SANTORI FABRIZIO GONZALEZ PIA ELIZA ANGELES Partecipa alla seduta, con funzione di Segretario, il dirigente dr. A.M. ARZILLI Assume la Presidenza dell Assemblea il Presidente del Consiglio Francesco Antonio Geraci, disponendo che si proceda all appello dei Consiglieri per la verifica del numero legale. Eseguito l appello, il Presidente dichiara che sono presenti i sottoriportati n. 20 Consiglieri: ANTONETTI FRANCO BARBIERI MARISA BELLINI FABIO BERNARDINI GERMANO CAPONE LUIGI CAPRIOTTI TIZIANA CAROCCI CARLO EMANUELE DE BONO BEATRICE FIORAVANTI TIZIANO MARIA GERACI FRANCESCO ANTONIO GIALANELLA BERNARDO LEONETTI CELESTINO MACCONE CRISTINA MARANZANO ALBERTA MASINI PAOLO MONTANARI RICCARDO MUNINI LUIGI PENNACCHI ANDREA SALLUSTI GLORIA SANTORI FABRIZIO Risultano assenti i Consiglieri: Bernardini Franco, D Ambrogio Bruno, Di Camillo Marco, Ortu Massimiliano, Roberto Edoardo. IL PRESIDENTE, constatato che il numero degli intervenuti è sufficiente per la validità della seduta agli effetti deliberativi, dichiara aperta l adunanza ai suddetti effetti e designa, quali scrutatori per la presente seduta, i Consiglieri Carocci, Antonetti, Montanari invitandoli a non allontanarsi dall aula senza darne comunicazione all Ufficio di Presidenza. (Omissis). Escono dall aula i Consiglieri Munini, Santori. (Omissis). 2

2 PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 9 Premesso che nel Nuovo Piano Regolatore Generale di Roma adottato con deliberazione n. 33 del 19/3/2003, recependo le osservazioni del Municipio Roma XVI, sono stati individuati nella zona di Porta Portese - Stazione di Trastevere cinque Ambiti di Valorizzazione contrassegnati dai numeri: B10, B15, B18, C6, C9; Considerato che le Norme Tecniche di Attuazione del N.P.R.G, istituiscono i seguenti ambiti di valorizzazione così come indicati dal Municipio e recepiti dal Consiglio Comunale come un unico ambito unitario di pianificazione: B10 Porta Portese - Arsenale pontificio L area è compresa tra Porta Portese, Clivo Portuense, Lungotevere Portuense e Largo Anzani. Include il lungofiume prevalentemente occupato dall Arsenale Pontificio e da manufatti di scarsa qualità tutti occupati da attività incompatibili con le qualità ambientali dell area; nella fascia libera tra Clivo Portuense e Via Portuense, la presenza di manufatti fatiscenti destinati ad attività commerciali costituisce un fattore di degrado. a) Ridisegno della Via Portuense in un ottica di strada urbana di elevato valore ambientale da raccordare con l invaso fluviale e le sue risorse. b) Prolungamento del Lungotevere Portuense e definizione del nuovo incrocio con Via Portuense. c) Riqualificazione ambientale dell area dell ex Arsenale Pontificio con il restauro dei manufatti storici per usi culturali ed espositivi e la valorizzazione delle emergenze archeologiche. d) Sostituzione delle volumetrie incongrue distribuite lungo i due lati della Via Portuense. e) Recupero ambientale e valorizzazione dei manufatti fluviali di scarico del sistema dei collettori e dell argine del fiume. f) Riorganizzazione, ridimensionamento e razionalizzazione delle attività commerciali all aperto legate al mercato domenicale di Porta Portese. g) Recupero e rifunzionalizzazione dell edificio relativa all area dell ex canile municipale. h) Realizzazione di collegamenti tra Via Portuense e Via degli Orti in Trastevere. B15 Clivo Portuense Orti di Trastevere L area comprende gli isolati tra Piazza Ippolito Nievo, Viale I. Nievo, Via Portuense e Via Carcani e consiste in una lottizzazione intensiva di intasamento del sedime ferroviario dismesso retrostante l originaria Stazione Trastevere. Realizzata negli anni 70 secondo le previsioni del PRG del 1931, l area è delimitata dal muro di cinta dei depositi che affiancavano il tracciato della Via Portuense fino ad arrivare all originaria posizione della Porta Portese all altezza dell attuale V. E. Bezzi. Oltre a costituire una frattura nel tessuto, l edificazione costituisce un inserto urbanisticamente sovradimensionato all interno della città storica. I distacchi tra gli edifici, le altezze dei fabbricati e la mancanza di aree libere pertinenziali rendono gli spazi aperti di relazione incongrui per dimensione, funzionalità e disegno urbano. a) Recupero ed isolamento delle strutture murarie originarie residue lungo Via Portuense e apertura di collegamenti con l ambito dell Arsenale Pontificio e verso il fiume. b) Interventi di demolizione e ricostruzione per la ricucitura dell impianto urbano e la ridefinizione della qualità architettonica, anche attraverso opere di sostituzione e diradamento delle densità fondiarie e trasferimento di cubature in aree esterne alla città storica. c) Individuazione di un sistema di relazioni legate alla riscoperta dei tracciati antichi, ai collegamenti trasversali e alla definizione della rete distributiva del nuovo impianto, con 3

3 particolare attenzione ai tracciati di connessione dei tessuti alti di Monteverde vecchio e di Villa Sciarra con Viale Trastevere. B18 Via Ettore Rolli L ambito comprende gli isolati tra il Lungotevere Portuense, Via Portuense, Via Ettore Rolli e Via Ippolito Nievo, caratterizzati da un edificazione intensiva che si è sostituita all originario tessuto produttivo peraltro ancora visibile in alcuni spazi interni agli isolati. Il tracciato storico della Via Portuense si perde in questo tratto nel più recente asse di Via E. Rolli che si apre in corrispondenza dell incrocio originario con l antica consolare, creando un vuoto urbano mai risolto e condizionato dalla presenza dei ruderi di un edificio ecclesiastico in evidente stato di degrado. a) Recupero e rifunzionalizzazione degli edifici ex Depositeria comunale. b) Riconfigurazione spaziale e morfologica del vuoto urbano di Via Ettore Rolli con particolare attenzione al recupero delle strutture e dei tracciati storici. c) Riqualificazione di Largo Toja. C6 Viale Trastevere - Deposito ATAC - Ex GIL L area compresa tra Via Carcani, Via Portuense e Viale delle Mura Portuensi è per buona parte occupata dal deposito ATAC e dalla sua recinzione continua che ne impedisce l attraversamento e la fruizione. I manufatti edilizi incoerenti a ridosso delle mura impediscono la continuità visiva e la fruibilità dello spazio libero antistante. L edificio ex-gil, gli spazi aperti pertinenziali e l area di largo Ascianghi hanno perso nel tempo la loro connotazione di riferimento morfo-tipologico anche in relazione con il tracciato delle mura. a) Recupero e rifunzionalizzazione del deposito ATAC anche mediante parziali demolizioni e ricostruzioni. b) Ridefinizione architettonica degli spazi aperti con l obiettivo di una maggiore permeabilità dell area e finalizzata alla realizzazione di una rete di spazi a prevalente fruizione pedonale, riqualificando l edificio ex-gil e traguardando la risalita diagonale a Villa Sciarra e alle pendici di Monteverde. c) Demolizione dei manufatti incongruenti a ridosso delle mura e valorizzazione del tratto di mura urbiche, in relazione agli interventi di riqualificazione previsti dal Parco Lineare Integrato. d) Valorizzazione dei margini e sistemazione delle differenze altimetriche con l obiettivo di una ridefinizione delle relazioni tra le parti interne ed esterne all ambito. e) Recupero e rifunzionalizzazione dell autoparco dei Vigili Urbani. C9 Stazione Trastevere L ambito si estende dall incrocio tra Circonvallazione Gianicolense e Viale Trastevere, fino a Ponte Testaccio comprendendo Via Stradivari e il tratto antico di Via Portuense. Attualmente è un importante nodo viabilistico di collegamento tra diverse parti di città, caratterizzato da consistenti salti di quota e dall originaria struttura della linea ferroviaria di collegamento con la vecchia Stazione Trastevere. Gli spazi aperti di risulta, gli edifici incongruenti e le testate incompiute degli edifici verso Piazza F. Biondo e lungo Via Stradivari costituiscono un elemento di degrado poiché non sono inseriti in un disegno urbano compiuto. a) Recupero e sistemazione della parte di tracciato dell antica Via Portuense, degli spazi verdi di margine e del salto di quota del rilevato ferroviario. 4

4 b) Connessioni pedonali tra la Circonvallazione Gianicolense e la Via Portuense. c) Demolizione e ricostruzione degli edifici incongruenti per il rimodellamento dei tracciati, dei tessuti e delle fronti edificate. d) Realizzazione di percorsi pedonali e ciclabili tra Piazzale Flavio Biondo, Piazzale della Radio e Via Orti di Cesare. e) Recupero e rifunzionalizzazione del casale sul mercato Portuense I. f) Definire come verde pubblico il Parco Ghetanaccio e l area al lato destro a scendere di Via Parini. Considerato che si ritiene utile riaffermare i seguenti indirizzi generali per l attuazione degli ambiti di valorizzazione sopra descritti: a) Realizzazione di un sistema efficiente di viabilità pubblica e privata. b) Realizzazione di un sistema del verde. c) Realizzazione di un sistema di funzioni innovative. d) Realizzazione d interventi di qualità. e) Realizzazione di un circuito d iniziative culturali, economiche e sociali. f) Riqualificazione degli spazi pubblici. g) Il recupero e la valorizzazione del Deposito A.T.A.C. di Trastevere. h) Il recupero dell Arsenale Pontificio. i) Il recupero dei manufatti della via Portuense. j) Il recupero del complesso dell ex canile municipale. k) Il recupero dell ex complesso della depositeria municipale di via Bettoni. l) La realizzazione di un sistema di verde di prossimità collegato con percorsi pedonali e ciclabili utilizzando anche l ex sedime dei binari della ferrovia. m) La realizzazione di P.U.P. n) La realizzazione di una viabilità coerente con quella del Progetto Urbano Ostiense Marconi. o) La realizzazione di botteghe e parcheggi all interno del vecchio bastione della ferrovia con al di sopra un giardino pubblico e ponte. p) La definizione di programmi per edifici privati o di enti all interno dell ambito (ex stazione FS a Piazza Ippolito Nievo Palazzo delle Poste Palazzo Telecom, etc.). q) L avvio dei lavori del Piano di recupero di via Panfilo Castaldi. r) La progettazione del prolungamento dei Lungoteveri come da P.U. Ostiense Marconi e N.P.R.G. s) La progettazione della linea tranviaria di prolungamento dalla stazione Trastevere e viale Marconi. t) L utilizzo di altre aree o manufatti di proprietà del Comune di Roma per gli obiettivi del programma. Vista la Memoria di Giunta del Municipio Roma XVI approvata nella seduta del 25 maggio 2004 relativa ai cinque ambiti di valorizzazione di Porta Portese individuati dal NPRG; Considerato che nel corso del Convegno L attuazione del Piano Regolatore Generale nel Municipio Roma XVI: gli ambiti di valorizzazione, i programmi integrati, le centralità e le aree di riserva organizzato dal Municipio Roma XVI in data 20 luglio 2004 è stato presentato lo studio La città oltre le mura tra viale Trastevere, via Portuense e il Tevere. Preliminari ad una visione del mutamento ; Che gli Ambiti di Valorizzazione della Città storica riguardano luoghi della Città storica che nel tempo non hanno raggiunto o hanno smarrito una identità storico culturale definita da particolare qualità e che costituiscono quindi rilevanti occasioni di riqualificazione a scala locale ed urbana, sia attraverso un innalzamento della qualità morfologica, sia attraverso l inserimento di funzioni strategiche; 5

5 Che ai sensi dell art 12 delle Norme Tecniche di Attuazione gli Ambiti di Valorizzazione della Città storica sono ad attuazione indiretta; Che gli interventi consentiti nell Ambito di Valorizzazione B18 devono essere realizzati nel rispetto della disciplina degli stessi Tessuti; Visto che con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 del 27/1/2001 relativa alla dismissione dell immobile di via N. Bettoni, 1 il Consiglio Comunale deliberava che il progetto di recupero e l utilizzazione del complesso edilizio sarebbero stati approvati previo parere della XVI Circoscrizione; Vista la proposta di progetto presentata al Municipio Roma XVI dalla Società Idrangea r.l., proprietaria dell ex Depositeria Comunale di via N. Bettoni n.1/3, relativa all attuazione dell ambito di valorizzazione B18 via Ettore Rolli e alla ristrutturazione dell edifico suindicato; Considerato che tale proposta deve rispondere ai parametri e alle grandezze urbanistiche per l attuazione indiretta dell Ambito di Valorizzazione di tipo B previsto dalle N.T.A. approvate dal Consiglio Comunale di Roma con la deliberazione n. 33/2003 di adozione del N.P.R.G. ; Considerato che gli ambiti di valorizzazione di Porta Portese sono limitrofi ad altre aree della città, caratterizzati da programmi di riqualificazione connessi ad attività culturali, del tempo libero, della formazione e ricerca, in particolare al programma di trasformazione dell ex Mattatoio in Città delle Arti e a sede della Terza Università; Considerato che per riqualificare l area di Porta Portese è opportuno individuare funzioni pubbliche pregiate che ne definiscano una nuova vocazione e che costituiscano un traino anche per le iniziative private; Vista la risoluzione n. 31 del 29 luglio 2004 del Consiglio del Municipio Roma XVI relativa alla realizzazione del Museo della Scienza nell area del Deposito Atac di Largo Bernardino da Feltre; Considerato che il Municipio Roma XVI ritiene fondamentale, come più volte richiesto, che l intervento di trasformazione della ex Depositeria, preveda funzioni pubbliche; IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA XVI RISOLVE 1. di affidare alla Società Risorse per Roma uno studio, da concludersi entro aprile 2006, finalizzato all attuazione degli Ambiti di Valorizzazione B10 B15 B18 C6 C9, volto all inquadramento urbanistico dell area, all individuazione di funzioni strategiche che consentano la riqualificazione dell area e all utilizzazione, con l inserimento di funzioni di pregio, delle proprietà pubbliche che si trovano in tali ambiti, quale il deposito A.T.A.C. di Largo Bernardino da Feltre, come sede del Museo della Scienza; 2. di richiedere all Assessorato all Urbanistica del Comune di Roma l avvio delle procedure urbanistiche per l attuazione dell Ambito di Valorizzazione B18, in riferimento al progetto di interventi di ristrutturazione urbanistica tra via Portuense e LungoTevere Portuense e ristrutturazione edifico sito in via Bettoni, 1, ex Depositeria Comunale, che deve essere coerente con il punto precedente, e prevedere le seguenti indicazioni: 6

6 a) la realizzazione di un progetto di alta qualità architettonica che preveda l utilizzo delle fonti di energia rinnovabile, il ricorso a tecniche di bio-architettura e con lo studio per la raccolta rifiuti a scomparsa ovviamente nel rispetto delle norme per l attuazione dell Ambito di Valorizzazione così come previsto dalla Norme Tecniche d Attuazione del N.P.R.G.; b) la cessione gratuita all Amministrazione Comunale ed al Municipio Roma XVI di almeno un piano riservato ad uffici, da destinare anche a funzioni culturali e di spazi per attività educative e sociali da collocare al piano terra con ingresso verso la piazza pubblica; c) la realizzazione di una piazza pubblica al fine di dotare il quartiere di un luogo di aggregazione; tale piazza, con l accesso principale dalla via Portuense, deve essere protetta, per prevenire l eventuale occupazione da parte del mercato domenicale di Porta Portese e gli oneri di manutenzione devono essere a carico dei privati; d) la predisposizione del Lungotevere Portuense, viste le previsioni nel N.P.R.G. e nel P.U. Ostiense Marconi, e il suo prolungamento da Lungotevere degli Artigiani fino al ricongiungimento con via Portuense nonché con la sistemazione superficiale dello stesso e l accessibilità al Tevere; e) la verifica della predisposizione di parcheggi volti a dare soluzione al problema esistente nella zona di Porta Portese anche con lo strumento eventuale del PUP al di sotto del Lungotevere medesimo. 3. di impegnare il Presidente del Municipio a verificare presso gli uffici competenti il rispetto delle condizioni e delle prescrizioni espresse dal Consiglio del Municipio come indicato nell OdG n.6 del relativo al PUP art. L.122/89 di via degli Stradivari. 4. di impegnare il Presidente e la Giunta del Municipio ad invitare tutti i soggetti pubblici e privati presenti ed attivi nei suindicati ambiti di valorizzazione di Porta Portese alla presentazione di programmi, progetti, proposte, idee di riqualificazione dell area e alla organizzazione di un convegno pubblico sul tema Gli ambiti di valorizzazione di Porta Portese. IL PRESIDENTE invita il Consiglio alla votazione di detta proposta di risoluzione. Procedutosi alla votazione, per alzata di mano, il Presidente, con l assistenza degli scrutatori, dichiara che la proposta risulta approvata all'unanimità con 18 voti favorevoli. Hanno partecipato alla votazione il Presidente e i seguenti Consiglieri: Antonetti, Barbieri, Bellini, Bernardini Germano, Capone, Capriotti, Carocci, De Bono, Fioravanti, Gialanella, Leonetti, Maccone, Maranzano, Masini, Montanari, Pennacchi, Sallusti. La presente risoluzione assume il numero 9. (Omissis). IL PRESIDENTE F.to : Francesco Antonio Geraci IL SEGRETARIO f.to: A.M. ARZILLI 7

DELIBERAZIONE N. 31 VERBALE N. 66 SEDUTA PUBBLICA DEL 17-11-2006

DELIBERAZIONE N. 31 VERBALE N. 66 SEDUTA PUBBLICA DEL 17-11-2006 Municipio Roma XVI Protocollo CQ 55463 del 14/9/2006 DELIBERAZIONE N. 31 VERBALE N. 66 SEDUTA PUBBLICA DEL 17-11-2006 L'anno duemilasei, il giorno venerdì 17 novembre, alle ore 16,10, nella propria sede

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A Adunanza Ordinaria in prima convocazione. Seduta pubblica DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 78 DEL 29/09/2009 OGGETTO: VARIANTE AL PIANO

Dettagli

(Seduta del 30 Giugno 2005)

(Seduta del 30 Giugno 2005) Municipio Roma VII U.O. Amministrativa Ufficio Consiglio e Commissioni Prot. n. 28482/05 Prot. Serv. Delib. n. 30/05 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO VERBALE N. 67 (Seduta

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE

RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE Dipartimento VI - Politiche della programmazione e pianificazione del territorio U.O. 11 Interventi di Qualità RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE Concorso internazionale di architettura per la trasformazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 45 DOCUMENTO PROGRAMMATICO FINANZIARIO 2011 2013 DEL MUNICIPIO II

DELIBERAZIONE N. 45 DOCUMENTO PROGRAMMATICO FINANZIARIO 2011 2013 DEL MUNICIPIO II Municipio II Prot. n. CB63368/2010 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA II (SEDUTA DEL 6 DICEMBRE 2010) DELIBERAZIONE N. 45 DOCUMENTO PROGRAMMATICO FINANZIARIO 2011

Dettagli

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese VERBALE DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 37 del 29-09-2009 Oggetto: L.R. 16 LUGLIO 2009 N. 13 - RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E REPERIMENTO

Dettagli

Città di Villorba Provincia di TREVISO

Città di Villorba Provincia di TREVISO Città di Villorba Provincia di TREVISO Deliberazione numero: 81 In data: 29/12/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE Seduta pubblica Ordinaria di prima convocazione OGGETTO: AGGIORNAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COPIA Deliberazione n. 018 In data 27.03.2013 Data pubblicazione 26.04.2013 COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza

Dettagli

1. Quadro conoscitivo del contesto (1 fase dell elaborato)

1. Quadro conoscitivo del contesto (1 fase dell elaborato) Corso di laurea in Scienze dell'architettura A.A. 2013/2014 PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA E URBANA - LABORATORIO 6 A Estimo - Docente Fabrizio Finucci Studenti: Giulia Franceschini - Giulia Gherardi 1.

Dettagli

90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70)

90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 10898/11 Anno 2011 Ordine del giorno n. 38 90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70) Adozione variante urbanistica relativa all'ambito n. 2 - Risistemazione della

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO DEI CREDITI EDILIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO DEI CREDITI EDILIZI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA Piano degli Interventi Art. 18 della Legge Regionale 11/2004 Norme per il governo del territorio REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO

Dettagli

COPIA Delibera di Consiglio Comunale

COPIA Delibera di Consiglio Comunale COPIA Delibera di Consiglio Comunale N. 69 DEL 27/12/2013 OGGETTO: LEGGE REGIONALE 30 LUGLIO 2013, N 15 "SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA". INDIVIDUAZIONE DELLE AREE, AI SENSI DELL'ART. 13.4,

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015 Oggetto: Programma di razionalizzazione dell assetto logistico degli uffici regionali, con particolare riferimento alla sede dell Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza

Dettagli

L anno duemilatredici addì ventotto del mese di agosto in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 15:30

L anno duemilatredici addì ventotto del mese di agosto in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 15:30 PAG. 1 OGGETTO: P.U.P.- Via Cassiano da Fabriano - Via Morelli ( P26 ). Assenso alla vendita dei garage a soggetti non residenti o non svolgenti attività in zona. L anno duemilatredici addì ventotto del

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/40 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/40 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/40 O G G E T T O Progetto di recupero di Sala Colonne e degli altri ambienti nella medesima

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

COMUNE DI GAETA 04024

COMUNE DI GAETA 04024 COPIA COMUNE DI GAETA 04024 PROVINCIA DI LATINA Estratto del Registro delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta pubblica straordinaria 1ª convocazione in data 17 gennaio 2013 N 05 O G G E T T O:

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 355 N 32783 di prot. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : APPROVAZIONE DI UN NUOVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI AUTO SITUATI NELL AREA PERTINENZIALE

Dettagli

Documento sul Piano Casa Regione Campania

Documento sul Piano Casa Regione Campania Documento sul Piano Casa Regione Campania a cura di Associazione Costruttori Edili Ordine Architetti Ordine Ingegneri Collegio dei Geometri AVELLINO Ill.mo On. Marcello Taglialatela Assessore Regionale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 4

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 4 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 4 OGGETTO: Adeguamento del Piano Urbanistico Comunale al Piano di Assetto Idrogeologico della Sardegna. Approvazione dello studio di compatibilità idraulica

Dettagli

COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012

COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012 COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012 OGGETTO: RIDEFINIZIONE DELL ONERE E DELLE MODALITA APPLICATIVE DEI CONTRIBUTI D ED S DI CUI ALLE TABELLE

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 20 In data 18/02/2010 Prot. N. 3259 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Sessione ordinaria

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta del 15 aprile 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta del 15 aprile 2014) Municipio Roma VII Prot. n. 72070/2014 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta del 15 aprile 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì quindici del mese

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA INSERIRE QUI IL LOGO DEL COMUNE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 284 Del 08-04-10 COPIA Oggetto: PROPOSTA PROGRAMMA INTEGRATO IN LOCALITA' S. SIL= VESTRO - SOGGETTO PROPONENTE FIDIA

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Estratto dal Verbale delle Deliberazioni del Consiglio Comunale OGGETTO

COMUNE DI NOVARA Estratto dal Verbale delle Deliberazioni del Consiglio Comunale OGGETTO COMUNE DI NOVARA Estratto dal Verbale delle Deliberazioni del Consiglio Comunale Deliberazione N 17 OGGETTO Concessione in uso delle coperture di alcuni edifici comunali per l installazione e gestione

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 23 OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DI PIAZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ INDIRIZZI. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI il presente verbale viene letto e sottoscritto come segue: IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to Avv. Simone Petrangeli f.to dott.ssa Rosa Iovinella COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 DEL 07-04-2011 OGGETTO: POLITICA AMBIENTALE. OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI AMBIENTALI PARERE TECNICO Ai sensi dell Art. 49, comma

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 24 del 29/07/2014

Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 24 del 29/07/2014 Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE n. 24 del 29/07/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI

Dettagli

COMITATO CITTADINO Colline e Valli di Pietralata CARTA DELLE PRIORITA 2010 ALLEGATI

COMITATO CITTADINO Colline e Valli di Pietralata CARTA DELLE PRIORITA 2010 ALLEGATI COMITATO CITTADINO Colline e Valli di Pietralata CARTA DELLE PRIORITA 2010 ALLEGATI 1. PARCO DI COLLINA LANCIANI. 2. REALIZZAZIONE PARCO PERTINI, DELLA LUDOTECA E DEL CENTRO ANZIANI 3. NUOVA VIABILITÀ

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 27 DEL 06-09-2014 APPROVAZIONE REGOLAMENTO TASSA SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 27 DEL 06-09-2014 APPROVAZIONE REGOLAMENTO TASSA SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE di MONTE CERIGNONE Provincia di Pesaro e Urbino Piazza Clementina, 10 61010 Monte Cerignone (PU) P.I. 00895400414 C.F. 82002090411 tel. 0541/978522 - fax 978501 - e-mail comune.moncerignone@provincia.ps.it

Dettagli

TITOLO I. CARATTERI GENERALI DEL PRG-Parte Operativa

TITOLO I. CARATTERI GENERALI DEL PRG-Parte Operativa Comune di Todi - Ufficio del PRG TITOLO I TITOLO I CARATTERI GENERALI DEL PRG-Parte Operativa Capo unico Contenuti generali PRG-ParteOperativa NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE luglio 2005-1- Comune di Todi

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39 del 30/04/2010 Adunanza ordinaria di prima convocazione - N - Seduta Pubblica ======================================================================

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011

N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011 OGGETTO REALIZZAZIONE DI IMPIANTO SOLLEVAMENTO ACQUE REFLUE NELL AMBITO DELL ESTENSIONE RETE DI RACCOLTA IN VIA ROMA (S.P. 34): VARIANTE

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 13/11/2014 Oggetto: APPROVAZIONE PROGETTO DI INTERVENTI A SOSTEGNO DEL LAVORO L anno duemilaquattordici il

Dettagli

COMUNE DI SAREGO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI SAREGO PROVINCIA DI VICENZA ORIGINALE Deliberazione N. 36 in data 27-06-2013 COMUNE DI SAREGO PROVINCIA DI VICENZA V e r b a l e d i D e l i b e r a z i o n e d e l C o n s i g l i o C o m u n a l e Sessione Ordinaria seduta Pubblica

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

Comune di Capannoli. Provincia di Pisa REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N.34 DEL 24/04/2002

Comune di Capannoli. Provincia di Pisa REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N.34 DEL 24/04/2002 Comune di Capannoli Provincia di Pisa Prot.n. del REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N.34 DEL 24/04/2002 OGGETTO: URBANISTICA ED ASSETTO DEL TERRITORIO.P.d.R. DI INIZIATIVA

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO N. 36 REGISTRO DELIBERE REGISTRO COPIA DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Realizzazione impianto fotovoltaico loc. Salete della Società Puglia Solar 2

Dettagli

ALLEGATI alle NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI ROMA

ALLEGATI alle NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI ROMA COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO VI Politiche della Programmazione e Pianificazione del Territorio Roma Capitale U.O. n. 2 Ufficio Pianificazione e Progettazione Generale NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE Adottato

Dettagli

O G G E T T O. Evento - Tu chiamale se vuoi.. emozioni. 19/09/2015

O G G E T T O. Evento - Tu chiamale se vuoi.. emozioni. 19/09/2015 COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. DLG/2015/70 O G G E T T O Evento - Tu chiamale se vuoi.. emozioni. 19/09/2015 L anno duemilaquindici addì 03 del mese di Settembre ore

Dettagli

PROGETTO ROTATORIA INCROCIO VIA CIRCONVALLAZIONE MERIDIONALE VIA BRAMANTE LARGO UNITA' D'ITALIA.

PROGETTO ROTATORIA INCROCIO VIA CIRCONVALLAZIONE MERIDIONALE VIA BRAMANTE LARGO UNITA' D'ITALIA. PROGETTO ROTATORIA INCROCIO VIA CIRCONVALLAZIONE MERIDIONALE VIA Direttore Lavori Pubblici e Qualità Urbana: Arch. Daniele Fabbri Responsabile Unico del Procedimento: Ing. Alberto Dellavalle Progettista

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO Municipio Roma V Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Prot. CF n. 18679/2015 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 OGGETTO: Imposta unica comunale IUC, componenti TARI e TASI - Determinazione rate, scadenze di versamento e modalità

Dettagli

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE I Programmi integrati: principi e

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A Adunanza Ordinaria in prima convocazione. Seduta pubblica DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 58 DEL 24/09/2012 OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DNO COMUNE DI ARIANO IRPINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 17 OGGETTO: del Reg. Adozione variante al Piano di recupero Piazza Plebiscito Via Annunziata Via D Afflitto Insula 11 UMI N e Insula

Dettagli

Prot. CA/ 62605 del 6 agosto 2010

Prot. CA/ 62605 del 6 agosto 2010 Municipio Roma Centro Storico Prot. CA/ 62605 del 6 agosto 2010 Estratto dal verbale delle deliberazioni della Giunta del Municipio Roma Centro Storico (seduta del 6 Agosto 2010) L anno 2010, il giorno

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI MASSA SETTORE URBANISTICA SERVIZIO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO PIANO ATTUATIVO RELAZIONE ILLUSTRATIVA Previsioni interne al Comparto Frigido Incidenza delle previsioni

Dettagli

(Seduta del 17 Febbraio 2009)

(Seduta del 17 Febbraio 2009) Municipio Roma VII U.O. Amministrativa Ufficio Consiglio e Commissioni Municipio Roma VII Prot. n. 8150/09 Prot. Serv. Del. n. 4/09 S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII ESTRATTO DAL VERBALE DELLE

Dettagli

COMUNE DI GAZZO Provincia di Padova

COMUNE DI GAZZO Provincia di Padova COPIA Delibera n 13 in data 20/05/2014 Prot. n 3350 COMUNE DI GAZZO Provincia di Padova. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A Adunanza Ordinaria in prima convocazione. Seduta pubblica DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 6 DEL 31/01/2013 OGGETTO: ACCORDO EX ART.

Dettagli

PI 2014 COMUNE DI CASIER

PI 2014 COMUNE DI CASIER PI 2014 COMUNE DI CASIER Variante n. 4 (Legge Regionale n. 11/2004 e s.m.i.) SCHEDE F (Art.3 L.R. 50/2012) 11.04.2014 19.12.2013 12.12.2013 06.12.2013 Elaborato 24 AREE DEGRADATE Art.3 L.R. n. 50/2012

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005) Protocollo RC n. 15297/05 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005) L anno duemilacinque, il giorno di mercoledì sette del mese di settembre, alle ore

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. QUARTIERE N.2 Nord DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD

COMUNE DI PADOVA. QUARTIERE N.2 Nord DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N.2 Nord DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD N.07 (quartiere) Seduta del 21.02.2011 N. Reg. Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: Proposta del Quartiere: acquisto

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste convegno relatore Maria Genovese Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste Nuovo Piano Regolatore Generale Comunale Le direttive Contenere

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA CITTA DI BRINDISI PROGRAMMA INTEGRATO DI RIGENERAZIONE URBANA

PROTOCOLLO D INTESA CITTA DI BRINDISI PROGRAMMA INTEGRATO DI RIGENERAZIONE URBANA PROTOCOLLO D INTESA TRA Comune di Brindisi Rete Ferroviaria Italiana Spa FS Sistemi Urbani Spa PER CITTA DI BRINDISI PROGRAMMA INTEGRATO DI RIGENERAZIONE URBANA Trasformazioni urbanistiche nell ambito

Dettagli

. COMUNE DI GENOVA MUNICIPIO IV MEDIA VAL BISAGNO

. COMUNE DI GENOVA MUNICIPIO IV MEDIA VAL BISAGNO . COMUNE DI GENOVA MUNICIPIO IV MEDIA VAL BISAGNO ESTRATTO DAGLI ATTI ASSUNTI DAL CONSIGLIO NELLA RIUNIONE DEL 28.09.2015 ========== PUNT0 n. 02 ORDINE DEL GIORNO - DISCUSSIONE CONSILIARE N. 55a ATTO N.

Dettagli

COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino

COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ORDINARIA di PRIMA CONVOCAZIONE Seduta PUBBLICA N. 24 Del 31/07/2014 OGGETTO : Tributo servizio rifiuti

Dettagli

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE (Proposta n. 287 10/11/2009) Oggetto: MODIFICA AGLI ARTICOLI art. 24.6-31- 33-41- 50-52 - 53-54 - 55 e 56 le NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE -ADOZIONE Premesso: Il Dirigente

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 35 In data 17.07.2014 Prot. N. 10861 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

I QUARTIERI DI PADOVA E I PERCORSI PARTECIPATI SUL PAT

I QUARTIERI DI PADOVA E I PERCORSI PARTECIPATI SUL PAT Circoscrizione 5 Sud Ovest I QUARTIERI DI PADOVA E I PERCORSI PARTECIPATI SUL PAT Il Presidente del Quartiere Padova, 7 marzo 2008 Il Quartiere 5 e il Piano di Assetto del Territorio - PAT LA METODOLOGIA

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 142 del Reg. DATA: 21/11/2012 OGGETTO: Estinzione anticipata mutui contratti con la cassa depositi e prestiti.

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 113 del Reg. DATA: 09.10.2012 OGGETTO: Modifica Regolamento Comunale per l applicazione della T.A.R.S.U.. L

Dettagli

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012 ASSESSORATO PIANIFICAZIONE, TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO E PROTEZIONE CIVILE Dott. Gianfranco Giuliante DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA,POLITICHE LEGISLATIVE E COMUNITARIE, PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

Prot. n. CA/75186/2012. Deliberazione n. 17. Anno 2012 VERBALE N. 51. Seduta del 20 settembre 2012. PRESIDENZA: Federico Migliaccio

Prot. n. CA/75186/2012. Deliberazione n. 17. Anno 2012 VERBALE N. 51. Seduta del 20 settembre 2012. PRESIDENZA: Federico Migliaccio Prot. n. CA/75186/2012 Municipio Roma Centro Storico Deliberazione n. 17 Anno 2012 VERBALE N. 51 Seduta del 20 settembre 2012 PRESIDENZA: Federico Migliaccio L'anno duemiladodici, il giorno di giovedì

Dettagli

E PRESENTE IL SINDACO FONTANELLI PAOLO

E PRESENTE IL SINDACO FONTANELLI PAOLO COMUNE DI PISA ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione in pubblicazione all Albo Pretorio di questo Comune dal N. 34 del 10/05/2007... Presiede il PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SERFOGLI

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza COPIA Deliberazione N. 8 COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE DI INCENTIVI

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 30 In data 08/04/2010 Prot. N. 6504 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Convocazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 33

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 33 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 33 OGGETTO: Programma di valorizzazione degli Itinerari Geominerari che da Pula si collegano con l area montana del Gutturu Mannu, fino ai geositi della

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE. Consiglio Comunale

COMUNE DI PISOGNE. Consiglio Comunale COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 OGGETTO: ADOZIONE PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE (P.R.I.C.) ai sensi della LR 27/3/2000 n.17 - Adunanza

Dettagli

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20020 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org Codice Fiscale 01617320153 Partita IVA 00719540965 CODICE ENTE 10957 COPIA DELIBERAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 039/2008

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 039/2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 039/2008 OGGETTO: Comune di Torino. proposta di collocazione di ecocentro in Corso Moncalieri. Indirizzi dell'ente di Gestione L anno duemilaotto addì

Dettagli

COPIA n. 58 del 27.11.2008

COPIA n. 58 del 27.11.2008 Provincia di Bologna COPIA n. 58 del 27.11.2008 OGGETTO: APPROVAZIONE DI VARIANTE SPECIFICA AL PRG VIGENTE PER MODIFICHE AL PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DEL CENTRO DEL CAPOLUOGO (PRU-RU5) E AL

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ARCUGNANO Provincia di Vicenza N. DG / 87 / 2012 di registro VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE In data 18 Aprile - 2012 OGGETTO: APPROVAZIONE CONTENUTI ATTO D OBBLIGO CESSIONE AREE

Dettagli

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio)

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio) modello 5 Marca da Bollo Data di arrivo PG PR Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art.

Dettagli

COPIA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 49 DEL 15/09/2004 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO- L anno duemilaquattro, il

Dettagli

Progetto partecipazione e comunicazione. Stampa periodica di manifesti, locandine e dèpliants informativi.

Progetto partecipazione e comunicazione. Stampa periodica di manifesti, locandine e dèpliants informativi. COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 3 EST Brenta Venezia Forcellini - Camin DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 3 Est N. 02 di Reg.Originale (quartiere) Seduta del 12 febbraio 2007 N. di Reg.Speciale

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: Il Comune di San Gimignano è dotato di Piano Strutturale approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.78 del 30 novembre 2007. Con Deliberazione n.101 del 22

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 77 DEL 08.05.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INDICAZIONI IN MERITO ALLA DETERMINAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

COMUNE DI MONTORIO AL VOMANO

COMUNE DI MONTORIO AL VOMANO COMUNE DI MONTORIO AL VOMANO Provincia di Teramo COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 Oggetto: REALIZZAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI - PROVVEDIMENTI DEL 28/01/2011 L'anno DUEMILAUNDICI, addì

Dettagli

COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara

COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara ORIGINALE COPIA DELIBERAZIONE N. 9 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Approvazione Programma Triennale per la Trasparenza ed integrità anni

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli