RISOLUZIONE N. 9 VERBALE N. 57 SEDUTA PUBBLICA DEL 14/07/2005

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISOLUZIONE N. 9 VERBALE N. 57 SEDUTA PUBBLICA DEL 14/07/2005"

Transcript

1 RISOLUZIONE N. 9 VERBALE N. 57 SEDUTA PUBBLICA DEL 14/07/2005 L'anno duemilacinque, il giorno giovedì 14 luglio, alle ore 17,50, nella propria sede in via Fabiola n. 14, si è adunato, in seduta pubblica straordinaria ed urgente, previa trasmissione degli inviti per le ore 17,00 dello stesso giorno, come da nota Prot. n CQ/44022 del 13/7/2005 la cui copia è inserita in atti, per l'esame degli argomenti iscritti all'ordine del giorno e indicati nei medesimi inviti, il Consiglio del Municipio Roma XVI, così composto: ANTONETTI FRANCO BARBIERI MARISA BELLINI FABIO BERNARDINI FRANCO BERNARDINI GERMANO CAPONE LUIGI CAPRIOTTI TIZIANA CAROCCI CARLO EMANUELE D AMBROGIO BRUNO DE BONO BEATRICE DI CAMILLO MARCO FIORAVANTI TIZIANO MARIA GERACI FRANCESCO ANTONIO GIALANELLA BERNARDO LEONETTI CELESTINO MACCONE CRISTINA MARANZANO ALBERTA MASINI PAOLO MONTANARI RICCARDO MUNINI LUIGI ORTU MASSIMILIANO PENNACCHI ANDREA ROBERTO EDOARDO SALLUSTI GLORIA SANTORI FABRIZIO GONZALEZ PIA ELIZA ANGELES Partecipa alla seduta, con funzione di Segretario, il dirigente dr. A.M. ARZILLI Assume la Presidenza dell Assemblea il Presidente del Consiglio Francesco Antonio Geraci, disponendo che si proceda all appello dei Consiglieri per la verifica del numero legale. Eseguito l appello, il Presidente dichiara che sono presenti i sottoriportati n. 20 Consiglieri: ANTONETTI FRANCO BARBIERI MARISA BELLINI FABIO BERNARDINI GERMANO CAPONE LUIGI CAPRIOTTI TIZIANA CAROCCI CARLO EMANUELE DE BONO BEATRICE FIORAVANTI TIZIANO MARIA GERACI FRANCESCO ANTONIO GIALANELLA BERNARDO LEONETTI CELESTINO MACCONE CRISTINA MARANZANO ALBERTA MASINI PAOLO MONTANARI RICCARDO MUNINI LUIGI PENNACCHI ANDREA SALLUSTI GLORIA SANTORI FABRIZIO Risultano assenti i Consiglieri: Bernardini Franco, D Ambrogio Bruno, Di Camillo Marco, Ortu Massimiliano, Roberto Edoardo. IL PRESIDENTE, constatato che il numero degli intervenuti è sufficiente per la validità della seduta agli effetti deliberativi, dichiara aperta l adunanza ai suddetti effetti e designa, quali scrutatori per la presente seduta, i Consiglieri Carocci, Antonetti, Montanari invitandoli a non allontanarsi dall aula senza darne comunicazione all Ufficio di Presidenza. (Omissis). Escono dall aula i Consiglieri Munini, Santori. (Omissis). 2

2 PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 9 Premesso che nel Nuovo Piano Regolatore Generale di Roma adottato con deliberazione n. 33 del 19/3/2003, recependo le osservazioni del Municipio Roma XVI, sono stati individuati nella zona di Porta Portese - Stazione di Trastevere cinque Ambiti di Valorizzazione contrassegnati dai numeri: B10, B15, B18, C6, C9; Considerato che le Norme Tecniche di Attuazione del N.P.R.G, istituiscono i seguenti ambiti di valorizzazione così come indicati dal Municipio e recepiti dal Consiglio Comunale come un unico ambito unitario di pianificazione: B10 Porta Portese - Arsenale pontificio L area è compresa tra Porta Portese, Clivo Portuense, Lungotevere Portuense e Largo Anzani. Include il lungofiume prevalentemente occupato dall Arsenale Pontificio e da manufatti di scarsa qualità tutti occupati da attività incompatibili con le qualità ambientali dell area; nella fascia libera tra Clivo Portuense e Via Portuense, la presenza di manufatti fatiscenti destinati ad attività commerciali costituisce un fattore di degrado. a) Ridisegno della Via Portuense in un ottica di strada urbana di elevato valore ambientale da raccordare con l invaso fluviale e le sue risorse. b) Prolungamento del Lungotevere Portuense e definizione del nuovo incrocio con Via Portuense. c) Riqualificazione ambientale dell area dell ex Arsenale Pontificio con il restauro dei manufatti storici per usi culturali ed espositivi e la valorizzazione delle emergenze archeologiche. d) Sostituzione delle volumetrie incongrue distribuite lungo i due lati della Via Portuense. e) Recupero ambientale e valorizzazione dei manufatti fluviali di scarico del sistema dei collettori e dell argine del fiume. f) Riorganizzazione, ridimensionamento e razionalizzazione delle attività commerciali all aperto legate al mercato domenicale di Porta Portese. g) Recupero e rifunzionalizzazione dell edificio relativa all area dell ex canile municipale. h) Realizzazione di collegamenti tra Via Portuense e Via degli Orti in Trastevere. B15 Clivo Portuense Orti di Trastevere L area comprende gli isolati tra Piazza Ippolito Nievo, Viale I. Nievo, Via Portuense e Via Carcani e consiste in una lottizzazione intensiva di intasamento del sedime ferroviario dismesso retrostante l originaria Stazione Trastevere. Realizzata negli anni 70 secondo le previsioni del PRG del 1931, l area è delimitata dal muro di cinta dei depositi che affiancavano il tracciato della Via Portuense fino ad arrivare all originaria posizione della Porta Portese all altezza dell attuale V. E. Bezzi. Oltre a costituire una frattura nel tessuto, l edificazione costituisce un inserto urbanisticamente sovradimensionato all interno della città storica. I distacchi tra gli edifici, le altezze dei fabbricati e la mancanza di aree libere pertinenziali rendono gli spazi aperti di relazione incongrui per dimensione, funzionalità e disegno urbano. a) Recupero ed isolamento delle strutture murarie originarie residue lungo Via Portuense e apertura di collegamenti con l ambito dell Arsenale Pontificio e verso il fiume. b) Interventi di demolizione e ricostruzione per la ricucitura dell impianto urbano e la ridefinizione della qualità architettonica, anche attraverso opere di sostituzione e diradamento delle densità fondiarie e trasferimento di cubature in aree esterne alla città storica. c) Individuazione di un sistema di relazioni legate alla riscoperta dei tracciati antichi, ai collegamenti trasversali e alla definizione della rete distributiva del nuovo impianto, con 3

3 particolare attenzione ai tracciati di connessione dei tessuti alti di Monteverde vecchio e di Villa Sciarra con Viale Trastevere. B18 Via Ettore Rolli L ambito comprende gli isolati tra il Lungotevere Portuense, Via Portuense, Via Ettore Rolli e Via Ippolito Nievo, caratterizzati da un edificazione intensiva che si è sostituita all originario tessuto produttivo peraltro ancora visibile in alcuni spazi interni agli isolati. Il tracciato storico della Via Portuense si perde in questo tratto nel più recente asse di Via E. Rolli che si apre in corrispondenza dell incrocio originario con l antica consolare, creando un vuoto urbano mai risolto e condizionato dalla presenza dei ruderi di un edificio ecclesiastico in evidente stato di degrado. a) Recupero e rifunzionalizzazione degli edifici ex Depositeria comunale. b) Riconfigurazione spaziale e morfologica del vuoto urbano di Via Ettore Rolli con particolare attenzione al recupero delle strutture e dei tracciati storici. c) Riqualificazione di Largo Toja. C6 Viale Trastevere - Deposito ATAC - Ex GIL L area compresa tra Via Carcani, Via Portuense e Viale delle Mura Portuensi è per buona parte occupata dal deposito ATAC e dalla sua recinzione continua che ne impedisce l attraversamento e la fruizione. I manufatti edilizi incoerenti a ridosso delle mura impediscono la continuità visiva e la fruibilità dello spazio libero antistante. L edificio ex-gil, gli spazi aperti pertinenziali e l area di largo Ascianghi hanno perso nel tempo la loro connotazione di riferimento morfo-tipologico anche in relazione con il tracciato delle mura. a) Recupero e rifunzionalizzazione del deposito ATAC anche mediante parziali demolizioni e ricostruzioni. b) Ridefinizione architettonica degli spazi aperti con l obiettivo di una maggiore permeabilità dell area e finalizzata alla realizzazione di una rete di spazi a prevalente fruizione pedonale, riqualificando l edificio ex-gil e traguardando la risalita diagonale a Villa Sciarra e alle pendici di Monteverde. c) Demolizione dei manufatti incongruenti a ridosso delle mura e valorizzazione del tratto di mura urbiche, in relazione agli interventi di riqualificazione previsti dal Parco Lineare Integrato. d) Valorizzazione dei margini e sistemazione delle differenze altimetriche con l obiettivo di una ridefinizione delle relazioni tra le parti interne ed esterne all ambito. e) Recupero e rifunzionalizzazione dell autoparco dei Vigili Urbani. C9 Stazione Trastevere L ambito si estende dall incrocio tra Circonvallazione Gianicolense e Viale Trastevere, fino a Ponte Testaccio comprendendo Via Stradivari e il tratto antico di Via Portuense. Attualmente è un importante nodo viabilistico di collegamento tra diverse parti di città, caratterizzato da consistenti salti di quota e dall originaria struttura della linea ferroviaria di collegamento con la vecchia Stazione Trastevere. Gli spazi aperti di risulta, gli edifici incongruenti e le testate incompiute degli edifici verso Piazza F. Biondo e lungo Via Stradivari costituiscono un elemento di degrado poiché non sono inseriti in un disegno urbano compiuto. a) Recupero e sistemazione della parte di tracciato dell antica Via Portuense, degli spazi verdi di margine e del salto di quota del rilevato ferroviario. 4

4 b) Connessioni pedonali tra la Circonvallazione Gianicolense e la Via Portuense. c) Demolizione e ricostruzione degli edifici incongruenti per il rimodellamento dei tracciati, dei tessuti e delle fronti edificate. d) Realizzazione di percorsi pedonali e ciclabili tra Piazzale Flavio Biondo, Piazzale della Radio e Via Orti di Cesare. e) Recupero e rifunzionalizzazione del casale sul mercato Portuense I. f) Definire come verde pubblico il Parco Ghetanaccio e l area al lato destro a scendere di Via Parini. Considerato che si ritiene utile riaffermare i seguenti indirizzi generali per l attuazione degli ambiti di valorizzazione sopra descritti: a) Realizzazione di un sistema efficiente di viabilità pubblica e privata. b) Realizzazione di un sistema del verde. c) Realizzazione di un sistema di funzioni innovative. d) Realizzazione d interventi di qualità. e) Realizzazione di un circuito d iniziative culturali, economiche e sociali. f) Riqualificazione degli spazi pubblici. g) Il recupero e la valorizzazione del Deposito A.T.A.C. di Trastevere. h) Il recupero dell Arsenale Pontificio. i) Il recupero dei manufatti della via Portuense. j) Il recupero del complesso dell ex canile municipale. k) Il recupero dell ex complesso della depositeria municipale di via Bettoni. l) La realizzazione di un sistema di verde di prossimità collegato con percorsi pedonali e ciclabili utilizzando anche l ex sedime dei binari della ferrovia. m) La realizzazione di P.U.P. n) La realizzazione di una viabilità coerente con quella del Progetto Urbano Ostiense Marconi. o) La realizzazione di botteghe e parcheggi all interno del vecchio bastione della ferrovia con al di sopra un giardino pubblico e ponte. p) La definizione di programmi per edifici privati o di enti all interno dell ambito (ex stazione FS a Piazza Ippolito Nievo Palazzo delle Poste Palazzo Telecom, etc.). q) L avvio dei lavori del Piano di recupero di via Panfilo Castaldi. r) La progettazione del prolungamento dei Lungoteveri come da P.U. Ostiense Marconi e N.P.R.G. s) La progettazione della linea tranviaria di prolungamento dalla stazione Trastevere e viale Marconi. t) L utilizzo di altre aree o manufatti di proprietà del Comune di Roma per gli obiettivi del programma. Vista la Memoria di Giunta del Municipio Roma XVI approvata nella seduta del 25 maggio 2004 relativa ai cinque ambiti di valorizzazione di Porta Portese individuati dal NPRG; Considerato che nel corso del Convegno L attuazione del Piano Regolatore Generale nel Municipio Roma XVI: gli ambiti di valorizzazione, i programmi integrati, le centralità e le aree di riserva organizzato dal Municipio Roma XVI in data 20 luglio 2004 è stato presentato lo studio La città oltre le mura tra viale Trastevere, via Portuense e il Tevere. Preliminari ad una visione del mutamento ; Che gli Ambiti di Valorizzazione della Città storica riguardano luoghi della Città storica che nel tempo non hanno raggiunto o hanno smarrito una identità storico culturale definita da particolare qualità e che costituiscono quindi rilevanti occasioni di riqualificazione a scala locale ed urbana, sia attraverso un innalzamento della qualità morfologica, sia attraverso l inserimento di funzioni strategiche; 5

5 Che ai sensi dell art 12 delle Norme Tecniche di Attuazione gli Ambiti di Valorizzazione della Città storica sono ad attuazione indiretta; Che gli interventi consentiti nell Ambito di Valorizzazione B18 devono essere realizzati nel rispetto della disciplina degli stessi Tessuti; Visto che con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 del 27/1/2001 relativa alla dismissione dell immobile di via N. Bettoni, 1 il Consiglio Comunale deliberava che il progetto di recupero e l utilizzazione del complesso edilizio sarebbero stati approvati previo parere della XVI Circoscrizione; Vista la proposta di progetto presentata al Municipio Roma XVI dalla Società Idrangea r.l., proprietaria dell ex Depositeria Comunale di via N. Bettoni n.1/3, relativa all attuazione dell ambito di valorizzazione B18 via Ettore Rolli e alla ristrutturazione dell edifico suindicato; Considerato che tale proposta deve rispondere ai parametri e alle grandezze urbanistiche per l attuazione indiretta dell Ambito di Valorizzazione di tipo B previsto dalle N.T.A. approvate dal Consiglio Comunale di Roma con la deliberazione n. 33/2003 di adozione del N.P.R.G. ; Considerato che gli ambiti di valorizzazione di Porta Portese sono limitrofi ad altre aree della città, caratterizzati da programmi di riqualificazione connessi ad attività culturali, del tempo libero, della formazione e ricerca, in particolare al programma di trasformazione dell ex Mattatoio in Città delle Arti e a sede della Terza Università; Considerato che per riqualificare l area di Porta Portese è opportuno individuare funzioni pubbliche pregiate che ne definiscano una nuova vocazione e che costituiscano un traino anche per le iniziative private; Vista la risoluzione n. 31 del 29 luglio 2004 del Consiglio del Municipio Roma XVI relativa alla realizzazione del Museo della Scienza nell area del Deposito Atac di Largo Bernardino da Feltre; Considerato che il Municipio Roma XVI ritiene fondamentale, come più volte richiesto, che l intervento di trasformazione della ex Depositeria, preveda funzioni pubbliche; IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA XVI RISOLVE 1. di affidare alla Società Risorse per Roma uno studio, da concludersi entro aprile 2006, finalizzato all attuazione degli Ambiti di Valorizzazione B10 B15 B18 C6 C9, volto all inquadramento urbanistico dell area, all individuazione di funzioni strategiche che consentano la riqualificazione dell area e all utilizzazione, con l inserimento di funzioni di pregio, delle proprietà pubbliche che si trovano in tali ambiti, quale il deposito A.T.A.C. di Largo Bernardino da Feltre, come sede del Museo della Scienza; 2. di richiedere all Assessorato all Urbanistica del Comune di Roma l avvio delle procedure urbanistiche per l attuazione dell Ambito di Valorizzazione B18, in riferimento al progetto di interventi di ristrutturazione urbanistica tra via Portuense e LungoTevere Portuense e ristrutturazione edifico sito in via Bettoni, 1, ex Depositeria Comunale, che deve essere coerente con il punto precedente, e prevedere le seguenti indicazioni: 6

6 a) la realizzazione di un progetto di alta qualità architettonica che preveda l utilizzo delle fonti di energia rinnovabile, il ricorso a tecniche di bio-architettura e con lo studio per la raccolta rifiuti a scomparsa ovviamente nel rispetto delle norme per l attuazione dell Ambito di Valorizzazione così come previsto dalla Norme Tecniche d Attuazione del N.P.R.G.; b) la cessione gratuita all Amministrazione Comunale ed al Municipio Roma XVI di almeno un piano riservato ad uffici, da destinare anche a funzioni culturali e di spazi per attività educative e sociali da collocare al piano terra con ingresso verso la piazza pubblica; c) la realizzazione di una piazza pubblica al fine di dotare il quartiere di un luogo di aggregazione; tale piazza, con l accesso principale dalla via Portuense, deve essere protetta, per prevenire l eventuale occupazione da parte del mercato domenicale di Porta Portese e gli oneri di manutenzione devono essere a carico dei privati; d) la predisposizione del Lungotevere Portuense, viste le previsioni nel N.P.R.G. e nel P.U. Ostiense Marconi, e il suo prolungamento da Lungotevere degli Artigiani fino al ricongiungimento con via Portuense nonché con la sistemazione superficiale dello stesso e l accessibilità al Tevere; e) la verifica della predisposizione di parcheggi volti a dare soluzione al problema esistente nella zona di Porta Portese anche con lo strumento eventuale del PUP al di sotto del Lungotevere medesimo. 3. di impegnare il Presidente del Municipio a verificare presso gli uffici competenti il rispetto delle condizioni e delle prescrizioni espresse dal Consiglio del Municipio come indicato nell OdG n.6 del relativo al PUP art. L.122/89 di via degli Stradivari. 4. di impegnare il Presidente e la Giunta del Municipio ad invitare tutti i soggetti pubblici e privati presenti ed attivi nei suindicati ambiti di valorizzazione di Porta Portese alla presentazione di programmi, progetti, proposte, idee di riqualificazione dell area e alla organizzazione di un convegno pubblico sul tema Gli ambiti di valorizzazione di Porta Portese. IL PRESIDENTE invita il Consiglio alla votazione di detta proposta di risoluzione. Procedutosi alla votazione, per alzata di mano, il Presidente, con l assistenza degli scrutatori, dichiara che la proposta risulta approvata all'unanimità con 18 voti favorevoli. Hanno partecipato alla votazione il Presidente e i seguenti Consiglieri: Antonetti, Barbieri, Bellini, Bernardini Germano, Capone, Capriotti, Carocci, De Bono, Fioravanti, Gialanella, Leonetti, Maccone, Maranzano, Masini, Montanari, Pennacchi, Sallusti. La presente risoluzione assume il numero 9. (Omissis). IL PRESIDENTE F.to : Francesco Antonio Geraci IL SEGRETARIO f.to: A.M. ARZILLI 7

Centralità locali. Municipio IV. IV.1 Settebagni. IV.2 Fidene. IV.3 Conca D Oro. IV.4 Talenti. IV.5 Castel Giubileo

Centralità locali. Municipio IV. IV.1 Settebagni. IV.2 Fidene. IV.3 Conca D Oro. IV.4 Talenti. IV.5 Castel Giubileo Centralità locali Municipio IV IV.1 Settebagni IV.2 Fidene IV.3 Conca D Oro IV.4 Talenti IV.5 Castel Giubileo Schemi di riferimento per le centralità locali IV/1 CENTRALITA LOCALE n IV-1: Settebagni Inquadramento

Dettagli

Ambito di Trasformazione Urbana. Se + Ve. Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers. Nuova viabilità interna. Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali

Ambito di Trasformazione Urbana. Se + Ve. Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers. Nuova viabilità interna. Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali Ambito di Trasformazione Urbana Se + Ve Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers Nuova viabilità interna Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali Connessioni verdi e percorsi ciclo-pedonali Verde esistente

Dettagli

Estratto dal verbale delle Deliberazioni del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del giorno 22 Marzo 2013)

Estratto dal verbale delle Deliberazioni del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del giorno 22 Marzo 2013) Municipio Roma 6 Unità di Direzione Servizio Consiglio e Commissioni Municipio Roma 6 prot. n. 23071/13 Prot. S.D. 3/2013 Estratto dal verbale delle Deliberazioni del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta

Dettagli

Sez. 4. Vincoli, pianificazione urbanistica generale e particolareggiata

Sez. 4. Vincoli, pianificazione urbanistica generale e particolareggiata Vincoli, pianificazione urbanistica generale e particolareggiata Dipartimento VI U.O. 3 Mobilità Generale e Riqualificazione Aree Ferroviarie U.O. 6 Ufficio per la Città Storica Questa sezione fornisce

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PADOVA Settore Pianificazione Urbanistica PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE adottata ai sensi della lettera l del 4 comma dell art.50 della L.R. 61/85 così come previsto dall art.48 della L.R.11/2004.

Dettagli

VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Il progettista Arch. Franco Oggioni. Imm. Onda S.R.L. Sig.

VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Il progettista Arch. Franco Oggioni. Imm. Onda S.R.L. Sig. VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progettista Arch. Franco Oggioni Imm. Onda S.R.L. Sig. Roberto Speretta Luglio 2014 1 La proposta di variante è caratterizzata dai seguenti

Dettagli

(Seduta del 16 Luglio 2004)

(Seduta del 16 Luglio 2004) Prot. N. 34512/04 Prot. Serv. Delib. N. 38/04 S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO VERBALE N. 78 (Seduta del 16 Luglio 2004) L

Dettagli

Centralità Urbana e Metropolitana Collatina

Centralità Urbana e Metropolitana Collatina Centralità Urbana e Metropolitana Collatina Trasformazione e riqualificazione del Complesso Centro Carni di Roma 28 Luglio 2009 1 LA RIQUALIFICAZIONE URBANA 2-33 LA CONSULTAZIONE PREVENTIVA L indagine

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna Accordo Territoriale relativo agli assetti territoriali, urbanistici, infrastrutturali della Nuova Stazione Ferroviaria di Bologna ai sensi dell art. 15. L.R. 20/2000 Bologna, 18 Luglio 2006 Obiettivi

Dettagli

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 23/10/2008)

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 23/10/2008) Municipio Roma 6 Servizio Consiglio Prot. n. 49785/2008 Prot. S.D. 34/2008 Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 23/10/2008) L'anno duemilaotto il giorno di Giovedì 23 del

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PADOVA SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE AL P.R.G. PER LA RIDEFINIZIONE DEL SISTEMA DEI SERVIZI E DELLE NORME (REVOCA PARZIALE E NUOVA ADOZIONE PARZIALE) Allegato

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale Comune di San Giuliano Terme Provincia di Pisa Piano Regolatore Generale Regolamento Urbanistico ADEGUAMENTO AL 31 DICEMBRE 2009 - Piano Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari dell Ente Variante al Regolamento

Dettagli

Situazione Bolognina. Schema ideogrammatico della Situazione urbana Bolognina

Situazione Bolognina. Schema ideogrammatico della Situazione urbana Bolognina Situazione Bolognina Il tessuto edilizio è prevalentemente di impianto storico, sviluppato in attuazione del Piano regolatore del 1889, con una elevata densità ed una scarsa presenza di spazi aperti. Luogo

Dettagli

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 17/9/2008)

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 17/9/2008) Municipio Roma 6 Servizio Consiglio Prot. n. 40074 /2008 Prot. S.D. 29/2008 Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 17/9/2008) L'anno duemilaotto il giorno di Mercoledì 17 del

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO CITTA' DI SAN MAURO TORINESE L.R. 5 DICEMBRE 1977 N.56 E S.M.I. PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE 142-3494 DEL 18/O2/1986 VARIANTE

Dettagli

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 8 maggio 2012)

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 8 maggio 2012) Municipio Roma 6 Unità di Direzione Servizio Consiglio e Commissioni Municipio Roma 6 prot. n. 25021/12 Prot. S.D. 9/2012 Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 8 maggio 2012)

Dettagli

PORTA PORTESE UNA RISORSA PER ROMA

PORTA PORTESE UNA RISORSA PER ROMA CRESCE L EUROPA NEL LAZIO PORTA PORTESE UNA RISORSA PER ROMA piano locale urbano di sviluppo Planimetria della segnaletica e semaforica Intervento in attuazione del PGTU, parte del Piano Particolareggiato

Dettagli

Estratto tavola G.9 Rete Ecologica Locale - NORD e sito di intervento (in rosso)

Estratto tavola G.9 Rete Ecologica Locale - NORD e sito di intervento (in rosso) APOT n 1 Borghetto, Loc. Badiaccia (ID 1) L'area individuata è contigua ad un comparto residenziali in corso di completamento, inoltre è adiacente alla S.R. Nº 71 e all'innesto con essa dalla Strada Comunale

Dettagli

Programma di Riqualificazione Urbana. Tor Bella Monaca

Programma di Riqualificazione Urbana. Tor Bella Monaca Programma di Riqualificazione Urbana Tor Bella Monaca Le premesse Il quartiere Tor Bella Monaca L attuale stato del quartiere L attuale stato del quartiere Il PdZ 22 Tor Bella Monaca, costruito a partire

Dettagli

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 28/12/2011)

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 28/12/2011) Municipio Roma 6 Unità di Direzione Servizio Consiglio e Commissioni Municipio Roma 6 prot. n. 81864/2011 Prot. S.D. 36/2011 Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 28/12/2011)

Dettagli

PROGETTO URBANO INTERPRETAZIONE INDIRIZZI PROGRAMMATICI E SCENARI

PROGETTO URBANO INTERPRETAZIONE INDIRIZZI PROGRAMMATICI E SCENARI PROGETTO URBANO INTERPRETAZIONE INDIRIZZI PROGRAMMATICI E SCENARI cosa abbiamo fatto fino ad ora? sommaria analisi storica ed evolutiva del quartiere verifiche di Piano : contesto territoriale, spazi pubblici

Dettagli

ROMA CAPITALE. Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI

ROMA CAPITALE. Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI PIANO DI RECUPERO DI UN COMPLESSO IMMOBILIARE SITO IN ROMA, VICOLO

Dettagli

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1 Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano Indice Aree di trasformazione di interesse pubblico...3 TRP Area per la localizzazione di servizi per l istruzione...4 TRP - Nuova area a servizi tecnologici

Dettagli

Polo funzionale 6 Stazione ferroviaria di Ravenna

Polo funzionale 6 Stazione ferroviaria di Ravenna Polo funzionale 6 Stazione ferroviaria di Ravenna Comune: Ravenna Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 6-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività

Dettagli

Presentazione dei lavori di recupero del Centro Storico di Umbertide

Presentazione dei lavori di recupero del Centro Storico di Umbertide REGIONE UMBRIA COMUNE DI UMBERTIDE PROVINCIA DI PERUGIA Presentazione dei lavori di recupero del Centro Storico di Umbertide Perugia Giovedì 26 maggio 2011 Sala Fiume Palazzo Donini Riqualificazione aree

Dettagli

Premessa e quadro normativo di riferimento

Premessa e quadro normativo di riferimento Centralità Collatina": Programma urbano per la trasformazione e riqualificazione del complesso immobiliare di proprietà comunale del Centro Carni di Roma e dei Capannoni del Teatro dell Opera Presentazione

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO ARCHITETTONICO EX CARCERE DI SANT AGATA EX CONVENTO DEL CARMINE

VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO ARCHITETTONICO EX CARCERE DI SANT AGATA EX CONVENTO DEL CARMINE VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO ARCHITETTONICO EX CARCERE DI SANT AGATA EX CONVENTO DEL CARMINE Documento di sintesi delle previsioni urbanistiche vigenti (allegato allo Schema di avviso pubblico per la chiamata

Dettagli

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità»

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Le fasi di formazione della pianificazione comunale Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Piano regolatore del nucleo urbano esistente; piano regolatore di ampliamento; norme per l

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regionale

Nuovo Piano Casa Regionale Nuovo Piano Casa Regionale Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Settembre 2011 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 2 1. Parco Lungo 2. Mercato a 0 Km 1.5 Riqualificazione piazza Sciesa 3.1 Parcheggio di Interscambio 3.2 Approdo Nave bus 4. Accesso al Parco di Ponente 5.

Dettagli

(Seduta del 18 Ottobre 2011)

(Seduta del 18 Ottobre 2011) Municipio Roma VII Unità di Direzione Ufficio Consiglio e Commissioni Municipio VII Prot. n. 70770/11 S.D. Prot. n. 21/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta del

Dettagli

PROGETTO URBANO FLAMINIO PRESENTAZIONE DELLA VARIANTE URBANISTICA PER IL QUARTIERE DELLA CITTA DELLA SCIENZA

PROGETTO URBANO FLAMINIO PRESENTAZIONE DELLA VARIANTE URBANISTICA PER IL QUARTIERE DELLA CITTA DELLA SCIENZA PROGETTO URBANO FLAMINIO PRESENTAZIONE DELLA VARIANTE URBANISTICA PER IL QUARTIERE DELLA CITTA DELLA SCIENZA Cinema Tiziano - 28 gennaio 2014 Consistenze attuali Superficie territoriale: 5,1 h Superficie

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 23 Prot. n. 5/17 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: L.p. 4 marzo 2008, n. 1 e s.m. - l.p 4 agosto 2015, n. 15 e s.m. - COMUNE DI PERGINE

Dettagli

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

IL CONSOLIDAMENTO DEI TESSUTI URBANI. - manutenzione, efficientamento energetico LA MOBILITA. - miglioramento della viabilità

IL CONSOLIDAMENTO DEI TESSUTI URBANI. - manutenzione, efficientamento energetico LA MOBILITA. - miglioramento della viabilità AMBITO DI RIGENERAZIONE URBANA LAURENTINO FONTE OSTIENSE LA RIQUALIFICAZIONE DEI PONTI - demolizione e ricostruzione degli elementi degradati - sostituzione e riqualificazione architettonica e funzionale

Dettagli

Recupero e riqualificazione del sistema degli spazi pubblici

Recupero e riqualificazione del sistema degli spazi pubblici Progetto Urbano San Lorenzo - Schema di Assetto Preliminare Aggiornamento della fase di consultazione preventiva Incontro tematico Recupero e riqualificazione del sistema degli spazi pubblici Casa della

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DELLA VARIANTE AL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO (PII)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DELLA VARIANTE AL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO (PII) - PROPOSTA DI VARIANTE AL PII SANNAZZARO- VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DELLA VARIANTE AL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO (PII) ALLEGATO n. 6 Documento predisposto da: Autorità Competente:

Dettagli

Programma Integrato d'area CA 04 Cod. PIA CA AA. Provincia di Cagliari. Decimoputzu. R.A.S.: ,00 Cap. SC (UPB S07.10.

Programma Integrato d'area CA 04 Cod. PIA CA AA. Provincia di Cagliari. Decimoputzu. R.A.S.: ,00 Cap. SC (UPB S07.10. Cod. PIA CA 04.40.AA Strada di collegamento Decimoputzu - SS 196 Provincia di Cagliari Decimoputzu Costo del progetto: 1.200.000,00 R.A.S.: 1.200.000,00 Cap. SC07.1264 (UPB S07.10.005) L opera consiste

Dettagli

Deliberazione n. 3 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO

Deliberazione n. 3 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO Comune di Roma Prot. n. CA/7638/2008 Deliberazione n. 3 Anno 2008 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO VERBALE N. 9 Seduta del 7 febbraio 2008 Presidenza: CICCONI L'anno

Dettagli

ROMA CAPITALE 07/2011. Linee Guida d'indirizzo per la riqualificazione e la trasformazione urbanistica del compendio immobiliare dell'ex Fiera di Roma

ROMA CAPITALE 07/2011. Linee Guida d'indirizzo per la riqualificazione e la trasformazione urbanistica del compendio immobiliare dell'ex Fiera di Roma ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio U.O. Pianificazione Urbanistica Generale - P.R.G. Linee Guida d'indirizzo per

Dettagli

Indice N.T.A. Art. 1 GENERALITÀ. Art. 2 AMBITO INTERESSATO DAL PIANO DI RECUPERO. Art. 3 ELENCO DEGLI ELABORATI COSTITUENTI IL PIANO DI RECUPERO.

Indice N.T.A. Art. 1 GENERALITÀ. Art. 2 AMBITO INTERESSATO DAL PIANO DI RECUPERO. Art. 3 ELENCO DEGLI ELABORATI COSTITUENTI IL PIANO DI RECUPERO. Indice N.T.A Art. 1 GENERALITÀ. Art. 2 AMBITO INTERESSATO DAL PIANO DI RECUPERO. Art. 3 ELENCO DEGLI ELABORATI COSTITUENTI IL PIANO DI RECUPERO. Art.4 DISCIPLINA DELL EDIFICATO STORICO. Art. 5 DISCIPLINA

Dettagli

P.R.U. RUBATTINO - PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA

P.R.U. RUBATTINO - PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA P.R.U. RUBATTINO - PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA Riqualificazione Area Ex Innocenti Maserati Il Programma di Riqualificazione Urbana - P.R.U., compreso tra via Pitteri, via Crespi e via Rubattino,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo

PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo Comune di Monza PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo Lottizzanti: Sig. Arosio FRATREM S.n.c. ALLEGATO 12 RELAZIONE SUL SISTEMA DELLA VIABILITA'

Dettagli

ROMA CAPITALE MUNICIPIO VIII RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO URBANISTICO TORRE MAURA

ROMA CAPITALE MUNICIPIO VIII RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO URBANISTICO TORRE MAURA ROMA CAPITALE MUNICIPIO VIII RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO URBANISTICO TORRE MAURA PREMESSA La presente relazione descrive, modifica ed integra i lineamenti generali relativi alla trasformabilità ed alla

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE DIREZIONE MUNICIPALITA LIDO PELLESTRINA Via S. Gallo 32/a 30126 Lido di Venezia tel. 041-2720511 fax 041-2720540 CODICE INTERVENTO 13065 C. I. 13065 MANUFATTI ADIBITI A STRUTTURE DI PERTINENZA ATTIVITA

Dettagli

Relazione generale illustrativa

Relazione generale illustrativa COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE E ATTUAZIONE URBANISTICA Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio U.O. Pianificazione e Riqualificazione delle aree di interesse pubblico «Piano

Dettagli

Il progetto strategico di un idea di città

Il progetto strategico di un idea di città Il progetto strategico di un idea di città Un progetto urbano di luoghi per la riqualificazione della fascia dei viali di circonvallazione e la riscoperta della memoria delle mura Il sistema perimetrale

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio U.O. Programmazione degli Interventi di Trasformazione Urbana MUNICIPIO XIX PROGRAMMA

Dettagli

Linea tranviaria 4. Divisione Infrastrutture e Mobilità

Linea tranviaria 4. Divisione Infrastrutture e Mobilità Linea tranviaria 4 Attraverso la città con linea 4 Mirafiori sud e Falchera si avvicinano al centro. E questo il tema dominante dell evoluzione della linea tranviaria 4, che con i lavori di prolungamento

Dettagli

programma innovativo in ambito urbano marzo 2004 relazione

programma innovativo in ambito urbano marzo 2004 relazione programma innovativo in ambito urbano marzo 2004 relazione Riqualificazione Trieste Nord: azioni volte a favorire la connessione pedonale delle aree residenziali poste a monte della ferrovia e del PortoVecchio

Dettagli

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa Allegato D Regione Campania Programma Operativo FESR 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA TRA REGIONE CAMPANIA E AUTORITÀ CITTADINA

Dettagli

IL PARCO REGIONALE DELL APPIA ANTICA: LA DELOCALIZZAZIONE COME STRATEGIA PER LA QUALITA AMBIENTALE

IL PARCO REGIONALE DELL APPIA ANTICA: LA DELOCALIZZAZIONE COME STRATEGIA PER LA QUALITA AMBIENTALE IL PARCO REGIONALE DELL APPIA ANTICA: LA DELOCALIZZAZIONE COME STRATEGIA PER LA QUALITA AMBIENTALE Dati aggiornati alla Decisione di Giunta Comunale n. 58 del 07.07.2010 Il territorio del Parco dell Appia

Dettagli

Cap.3. IL PRG, LA SITUAZIONE IDROGRAFICA E IL PARERE DELLA SOVRINTENDENZA

Cap.3. IL PRG, LA SITUAZIONE IDROGRAFICA E IL PARERE DELLA SOVRINTENDENZA Cap.3. IL PRG, LA SITUAZIONE IDROGRAFICA E IL PARERE DELLA SOVRINTENDENZA 3. 1 Il deposito e il nuovo PRG La figura seguente mostra la tavola del PRG (sistemi e regole) dove sono riportati il sistema insediativo,

Dettagli

Giovedì 6 aprile 2017 Presentazione del Piano del Centro

Giovedì 6 aprile 2017 Presentazione del Piano del Centro Giovedì 6 aprile 2017 Presentazione del Piano del Centro Di cosa parliamo: la sfida, da oltre vent anni, per Brugherio Rendere più riconoscibile il centro di Brugherio Riqualificare lo spazio dell attuale

Dettagli

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA Comune di San Lazzaro di Savena Bologna INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO SOSTITUTIVO 06/02/2014 Art. 1 ELEMENTI COSTITUTIVI Il presente

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO di INTERVENTO. Posto tra le vie Carugati, Parini, Miola, Roma.

PROGRAMMA INTEGRATO di INTERVENTO. Posto tra le vie Carugati, Parini, Miola, Roma. COMUNE DI SARONNO Provincia Varese PROGRAMMA INTEGRATO INTERVENTO Posto tra le vie Carugati, Parini, Miola, Roma. Settembre 2002 UTC - Servizio Urbanistica ATTUAZIONE DEL DOCUMENTO DI INQUADRAMENTO L.R.

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI ----------------------

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI ---------------------- COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI ---------------------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione straordinaria Seduta pubblica di prima convocazione NR. 19 DEL 15-10-2013

Dettagli

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 Regioni che hanno dato attuazione Regioni che non hanno dato attuazione DOSSIER Aggiornato al 14 ottobre 2011 Direzione Legislazione Mercato Privato Normativa Statale

Dettagli

FERRARA IMMOBILIARE SOCIETA DI TRASFORMAZIONE URBANA SpA

FERRARA IMMOBILIARE SOCIETA DI TRASFORMAZIONE URBANA SpA FERRARA IMMOBILIARE SOCIETA DI TRASFORMAZIONE URBANA SpA Obiettivi, attività, scenari Ferrara 18 aprile 2008 Caterina Brancaleoni Perché costituire una STU La STU è prevista dall art. 120 del TUEL con

Dettagli

LA STRATEGIA DEL COMUNE DI ASCOLI PICENO NEGLI ULTIMI 15 ANNI INDICE DEGLI ARGOMENTI

LA STRATEGIA DEL COMUNE DI ASCOLI PICENO NEGLI ULTIMI 15 ANNI INDICE DEGLI ARGOMENTI LA STRATEGIA DEL COMUNE DI ASCOLI PICENO NEGLI ULTIMI 15 ANNI INDICE DEGLI ARGOMENTI Inquadramento cartografico dei quartieri di Monticelli e Castagneti Il Piano di Sviluppo Sostenibile finanziato dal

Dettagli

Baranzate Via Monte Bisbino, 34. Gennaio 2012

Baranzate Via Monte Bisbino, 34. Gennaio 2012 Baranzate Via Monte Bisbino, 34 Gennaio 2012 01 Baranzate, Via Monte Bisbino 34 Caratteristiche principali Proprietà: Capannone artigianale con uffici, da riconvertire Indirizzo: Baranzate, via Monte Bisbino

Dettagli

EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA

EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA Attività relative al Programma di valorizzazione ex art. 5, comma 5 del D.Lgs.85/2010 Aprile 2016 Direzione Patrimonio, Demanio, Impiantistica

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Urbanistica NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE TESTO UNICO DELLE NORME DI ATTUAZIONE Parte operativa STRALCIO Gruppo di lavoro:

Dettagli

Relazione Tecnica di Progetto

Relazione Tecnica di Progetto Ing. Alessandro Fiorindi Ing. Raffaele Boccaccini Piano attuativo per la riorganizzazione funzionale dell area compresa tra via Quarantola, le mura urbane, via Cesare Battisti, via Pietro Ma scagni e la

Dettagli

Centralità locali. Municipio X. X.1 Cinecittà. X.2 Casal Morena. Schemi di riferimento per le centralità locali X/1

Centralità locali. Municipio X. X.1 Cinecittà. X.2 Casal Morena. Schemi di riferimento per le centralità locali X/1 Centralità locali Municipio X X.1 Cinecittà X.2 Casal Morena Schemi di riferimento per le centralità locali X/1 CENTRALITA LOCALE n X-1: Cinecittà Inquadramento territoriale Localizzazione: MUNICIPIO X

Dettagli

Piano Casa Regione Lazio

Piano Casa Regione Lazio Legge Regionale 11 agosto 2009, n. 21 Piano Casa Regione Lazio Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale 1 PRINCIPALI CONTENUTI: Interventi di ampliamento

Dettagli

COMUNE DI CISLAGO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI CISLAGO PROVINCIA DI VARESE C o p i a A l b o COMUNE DI CISLAGO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.8 DEL 29/04/2014 OGGETTO: ADOZIONE VARIANTE AL P.L. DI VIA VENETO - AI SENSI DELL'ART.14, DELLA

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Rep. 2014/161 FASC.: 2011/06.05/108 CUP: I34E Oggetto n 17 Ufficio: 082. Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale

Rep. 2014/161 FASC.: 2011/06.05/108 CUP: I34E Oggetto n 17 Ufficio: 082. Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale Rep. 2014/161 FASC.: 2011/06.05/108 CUP: I34E13000180004 Oggetto n 17 Ufficio: 082 Comune di Verona Deliberazione della Giunta Comunale N. Progr. 161 Seduta del giorno 11 Giugno 2014 PRESENTI CASALI AVV.

Dettagli

GIUBILEO della misericordia PRIMO PIANO INTERVENTI DEL COMUNE DI ROMA. mercoledì 12 agosto 15

GIUBILEO della misericordia PRIMO PIANO INTERVENTI DEL COMUNE DI ROMA. mercoledì 12 agosto 15 GIUBILEO della misericordia PRIMO PIANO INTERVENTI DEL COMUNE DI ROMA Interventi ATAC Viabilità Aree verdi Ponti sul Tevere Accessi su rotaia Aree di pregio Viabilità di collegamento Collegamenti aree

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE E ATTUAZIONE URBANISTICA Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE E ATTUAZIONE URBANISTICA Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE E ATTUAZIONE URBANISTICA Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio Schede degli ambiti di valorizzazione da E1 a E10 E 1 Stabilimento militare

Dettagli

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02 Progettista via dell'autostrada n. 9 51019 Ponte Buggianese (PT) COMUNE DI ALTOPASCIO Provincia di Lucca VARIANTE PUNTUALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ai sensi dell'art.8 del DPR n.160/2010 e dell'art.

Dettagli

Azzonamento del PRG CALCOLO DELLA CAPACITA INSEDIATIVA DEL PRG

Azzonamento del PRG CALCOLO DELLA CAPACITA INSEDIATIVA DEL PRG PTCP: Calcolo della superficie urbanizzabile Ciò si traduce in una facoltà massima di prevedere 6,09 HA di nuove aree di espansione (Superficie Ammissibile delle Espansioni). Azzonamento del PRG CALCOLO

Dettagli

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO COMUNE DI MODENA 2003DI INTERVENTO PROGRAMMA INTEGRATO Tav. N PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA EMILIA EST PEEP N 9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA Adottato con Del. di C.C. n. 71 del

Dettagli

Borgo Santa Caterina - SCHEDA

Borgo Santa Caterina - SCHEDA Borgo Santa Caterina - SCHEDA 695021028 Inventario dei Beni Culturali e Ambientali Scheda n 150116 DATI GENERALI Data rilievo: 19/06/2008 Località: Indirizzo: Indirizzo: Indirizzo: Foto aerea Borgo Santa

Dettagli

IL CONSIGLIO. Il Presidente si richiama alla seguente proposta di deliberazione trasmessa in copia ai signori Consiglieri comunali:

IL CONSIGLIO. Il Presidente si richiama alla seguente proposta di deliberazione trasmessa in copia ai signori Consiglieri comunali: IL CONSIGLIO Il Presidente si richiama alla seguente proposta di deliberazione trasmessa in copia ai signori Consiglieri comunali: PREMESSO che: - l Amministrazione Comunale, riconoscendo per alcune aree

Dettagli

PROPRIETA': MOLINO DEL PONTE S.R.L. COMPARTO AC.FI 11 IN LOCALITÀ PONTE SAN GIOVANNI-PERUGIA. PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE AL P.R.G..

PROPRIETA': MOLINO DEL PONTE S.R.L. COMPARTO AC.FI 11 IN LOCALITÀ PONTE SAN GIOVANNI-PERUGIA. PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE AL P.R.G.. PROPRIETA': MOLINO DEL PONTE S.R.L. COMPARTO AC.FI 11 IN LOCALITÀ PONTE SAN GIOVANNI-PERUGIA. PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE AL P.R.G..-PARTE OPERATIVA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Perugia, LUGLIO 2016

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 NOVEMBRE 2017)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 NOVEMBRE 2017) Protocollo RC n. 31736/17 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 NOVEMBRE 2017) L anno duemiladiciassette, il giorno di giovedì trenta del mese di novembre, alle

Dettagli

1. TERMINI, GRANDEZZE E PARAMETRI URBANISTICO EDILIZI 2. CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI ED INDIVIDUAZIONE DELLE PARTI DEL TERRITORIO

1. TERMINI, GRANDEZZE E PARAMETRI URBANISTICO EDILIZI 2. CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI ED INDIVIDUAZIONE DELLE PARTI DEL TERRITORIO DIREZIONE URBANISTICA Scheda DISCIPLINA 2015 GUIDA ALLA NUOVA DISCIPLINA URBANISTICO-EDILIZIA 2015 I - Inquadramento generale 1. TERMINI, GRANDEZZE E PARAMETRI URBANISTICO EDILIZI 2. CLASSIFICAZIONE DEGLI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO Municipio Roma V Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Prot. CF n. 12277/2015 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA P.zza G.Marconi n.1 - c.a.p.30020 - tel.0421/65212r.a. - fax.0421/658604 - E-mail: protocollo@comune.noventadipiave.ve.it - p.i.00624120275 Concorso di idee

Dettagli

Corso di Fondamenti di Urbanistica - C

Corso di Fondamenti di Urbanistica - C Corso di Fondamenti di Urbanistica - C Lazione n. 5 Presentazione tema e area di studio TEMA DELL ESERCITAZIONE: Identità e spazio pubblico nel XVI Municipio Comune di Roma (limitata al quartiere di Monteverde)

Dettagli

Variante normativa al PP di iniziativa pubblica R 5.2 Navile ex mercato ortofrutticolo

Variante normativa al PP di iniziativa pubblica R 5.2 Navile ex mercato ortofrutticolo Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Pianificazione Attuativa Variante normativa al PP di iniziativa pubblica R 5.2 Navile ex mercato ortofrutticolo marzo 2016

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI PARTE PRIMA - ASPETTI GENERALI DEL PIANO art. 1.1. - applicazione ed arco temporale di validità del Piano art. 1.2. - elaborati

Dettagli

CASALE MONFERRATO IL PRGC VIGENTE CITTA' DI CASALE MONFERRATO

CASALE MONFERRATO IL PRGC VIGENTE CITTA' DI CASALE MONFERRATO CITTA' DI CASALE MONFERRATO CITTA' DI IL PRGC VIGENTE CASALE MONFERRATO A cura dell'assessorato alla Pianificazione Urbana e Territoriale del Comune di Casale Monferrato CITTA' DI CASALE MONFERRATO Presentazione

Dettagli

P.R.U. COMPARTO PASUBIO VARIANTE P.U.A. 2004

P.R.U. COMPARTO PASUBIO VARIANTE P.U.A. 2004 PREMESSE La variante al Piano Urbanistico Attuativo del comparto Pasubio si è resa necessaria a seguito della redazione del progetto preliminare elaborato dal Settore Pianificazione territoriale-servizio

Dettagli

OSPEDALE CIVICO S. CAMILLO DE LELLIS Via XXIV Maggio n DRONERO VERBALE DI DELIBERAZIONE

OSPEDALE CIVICO S. CAMILLO DE LELLIS Via XXIV Maggio n DRONERO VERBALE DI DELIBERAZIONE COPIA OSPEDALE CIVICO S. CAMILLO DE LELLIS Via XXIV Maggio n. 3 12025 DRONERO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 18 OGGETTO: LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DELL'EDIFICIO. ATTO DI INDIRIZZO.

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n. 19.11 Pian Saccoccia La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale, fin dalla

Dettagli

COMUNE DI MESERO Provincia di Milano

COMUNE DI MESERO Provincia di Milano COMUNE DI MESERO Provincia di Milano COPIA Deliberazione N. 40 In data 28-11-2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Straordinaria di Prima convocazione. Seduta Oggetto : MOZIONE

Dettagli

Comune di Spello Provincia di Perugia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Spello Provincia di Perugia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Spello Provincia di Perugia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 16/12/2008 N. 63 OGGETTO: PIANO ATTUATIVO CONVENZIONATO DI INIZIATIVA PRIVATA CON PREVISIONE PLANOVOLUMETRICA A SCOPO

Dettagli

Deliberazione n. 327

Deliberazione n. 327 Protocollo RC n. 12815/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 2 AGOSTO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì due del mese di agosto, alle ore 15,00,

Dettagli

Delibera Numero 147 del 22/12/2016

Delibera Numero 147 del 22/12/2016 COMUNE DI FIORANO MODENESE Provincia di Modena Delibera Numero 147 del 22/12/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : I.U.C. INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO VIA CAPUCCHIERA EDIFICIO

Dettagli

Piano Regolatore Generale di Torino

Piano Regolatore Generale di Torino Piano Regolatore Generale di Torino Norme Urbanistico Edilizie di Attuazione Volume I Testo coordinato al 30 giugno 2006, integrato con le modifiche introdotte dalla variante n. 100 al P.R.G. adottata

Dettagli

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione 349 350 8.3.6. SS.106: COMPLETAMENTO RESIDENZIALE L intervento si localizza sul bordo meridionale del tessuto edilizio residenziale localizzato lungo il fronte meridionale della SS. 106 declassata, verso

Dettagli

BARI. 29 settembre 2016

BARI. 29 settembre 2016 - La città che cambia tra identità e innovazione BARI 29 settembre 2016 Quadri Interpretativi PROGRAMMA DI RIGENERAZIONE URBANA DEL QUARTIERE Finalità del Programma Sostituzione edilizia, mettendo a confronto

Dettagli

Accordo per la riqualificazione e lo sviluppo dell ambito della stazione ferroviaria di Crema e dell interscambio modale

Accordo per la riqualificazione e lo sviluppo dell ambito della stazione ferroviaria di Crema e dell interscambio modale Accordo per la riqualificazione e lo sviluppo dell ambito della stazione ferroviaria di Crema e dell interscambio modale C.RE.M.A. 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente Le strategie: INTERSCAMBIO

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI REGOLAMENTO URBANISTICO. SOTTOSISTEMA DELLA MOBILITÀ (relazione descrittiva)

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI REGOLAMENTO URBANISTICO. SOTTOSISTEMA DELLA MOBILITÀ (relazione descrittiva) COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI REGOLAMENTO URBANISTICO SOTTOSISTEMA DELLA MOBILITÀ (relazione descrittiva) 1 La continuità con il Piano Strutturale Il Regolamento Urbanistico, quale atto di governo mediante

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. LA GIUNTA COMUNALE

DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE FABBRICABILI PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. LA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 72 IN SEDUTA DEL 01/10/2002 L anno duemiladue il giorno uno del mese di Ottobre alle ore 19:00 nella solita sala delle adunanze si è riunita la Giunta Comunale, regolarmente

Dettagli