circolari per i clienti dello studio professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inform@Mail circolari per i clienti dello studio professionale"

Transcript

1 circolari per i clienti dello studio professionale n. 13 del 14 luglio 2003 SOMMARIO NEWS Fisco pag. 2 Lavoro pag. 6 Società e impresa pag. 10 Finanziamenti agevolati pag. 11 SCADENZE AGOSTO Venerdì 1 pag. 13 Martedì 5 pag. 14 Venerdì 15 pag. 16 Lunedì 18 pag. 18 Mercoledì 20 pag. 32 Lunedì 25 pag. 34 Sabato 30 pag. 34 GUIDA AGLI ADEMPIMENTI Venerdì 15 agosto Fatturazione differita pag. 37 Lunedì 1 settembre Registrazione contratti di locazione e versamento dell'imposta di registro pag. 38 GUIDE OPERATIVE ICI: il ravvedimento per i ritardati pagamenti pag. 41 Sanatorie 2003: le difese per chi ha aderito al tombale pag. 44 Errori od omissioni in UNICO 2003: dichiarazioni correttive o integrative pag. 45 Studi di settore: i "correttivi" del reddito pag. 48 Studi di settore: la sanatoria del codice attività pag. 49 Nuovi chiarimenti sugli ammortamenti veloci pag. 50 Lavoro autonomo: le spese comuni tra professionisti pag. 51 L'opzione per la liquidazione IVA trimestrale pag. 52 FOCUS La compilazione dei quadri SI e SK del Mod. 770/2003 Ordinario pag. 54 n. 13/2003-1

2 NEWS FISCO LEGISLAZIONE Campobasso e Foggia: tariffe speciali ed esenzione dai contributi per la fornitura di energia elettrica L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha disposto l'applicazione di tariffe speciali e l'esenzione dai contributi di allacciamento per la fornitura di energia elettrica alle popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi nelle province di Campobasso e Foggia il 31 ottobre Individuazione degli aventi diritto Le tariffe speciali e l'esenzione dai contributi di allacciamento si applicano ai clienti finali assegnatari degli alloggi prefabbricati riutilizzabili destinati temporaneamente ad ospitare le popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi nelle province di Campobasso e Foggia il 31 ottobre 2002, per tutta la durata dello stato di emergenza. (Autorità energia elettrica e gas, Del. 12 giugno 2003, n. 64, G.U. 7 luglio 2003, n. 155) Valute estere - imposte sui redditi: il cambio per il mese di maggio Agli effetti delle norme del Titolo I del TUIR (art. 76, comma 7), sono state accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di maggio. (Provv. - Agenzia Entrate - 24 giugno 2003, G.U. 3 luglio 2003, n. 152) La definizione agevolata dei diritti camerali Il Ministro delle attività produttive ha stabilito le modalità di attuazione della definizione agevolata per il diritto annuale dovuto alle camere di commercio dal 1997 (art. 13, legge n. 289/2002). Hanno diritto ad avvalersi della sanatoria tutti i soggetti obbligati al pagamento del diritto annuale nonchè gli eredi, in solido e disgiuntamente. Entro il 1 agosto, le camere di commercio devono disporre se aderire alla definizione agevolata del diritto annuale per il periodo , dovuto dalle imprese ubicate nel territorio di competenza, non regolarmente versato nei termini prescritti. (D.M. - Attività produttive - 9 maggio 2003, G.U. 2 luglio 2003, n. 151) Diventa legge il codice tributario lombardo Attraverso un'opera di riordino normativo, il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato in via definitiva il Codice Tributario Regionale che stabilisce i diritti dei cittadini e i doveri dell'amministrazione regionale in materia fiscale. Il testo definisce per ogni tributo regionale: l'oggetto, la base imponibile, il soggetto passivo, le scadenze, le modalità di accertamento, liquidazione e riscossione, le sanzioni amministrative. (Regione Lombardia, Comunicato 1 luglio 2003) Riscossione: ridotti gli interessi per i rimborsi fiscali n. 13/2003-2

3 Il Ministro delle finanze ha stabilito la misura delle riduzione degli interessi relativi alla riscossione e ai rimborsi. Gli interessi per ritardato rimborso di imposte pagate e per rimborsi eseguiti mediante procedura automatizzata sono dovuti, a decorrere dal 1 luglio 2003, annualmente nella misura del 2,75 per cento e semestralmente nella misura dell'1,375 per cento. Gli interessi di mora sulle somme dovute all'erario sono dovuti semestralmente nella misura dell'1,375 per cento, a decorrere dal 1 luglio Dalla stessa data, gli interessi previsti in materia di IVA sono dovuti annualmente nella misura del 2,75 per cento. (D.M. - Economia e finanze - 27 giugno 2003, G.U. 30 giugno 2003, n. 149) In vigore dal 16 luglio la direttiva UE sulla tassazione dei redditi da risparmio Il Consiglio dell'unione Europea ha approvato una direttiva, che entrerà in vigore il 16 luglio, finalizzata a consentire che i redditi da risparmio sotto forma di pagamenti di interessi corrisposti in uno Stato membro a beneficiari effettivi che siano persone fisiche, residenti ai fini fiscali in un altro Stato membro, siano soggetti a un'effettiva imposizione secondo la legislazione di quest'ultimo Stato membro. Gli Stati membri devono adottare le misure necessarie per assicurare che i compiti necessari per l'attuazione della direttiva siano eseguiti dagli agenti pagatori stabiliti sul loro territorio, a prescindere dal luogo di stabilimento del debitore del credito che produce gli interessi. (Consiglio Unione Europea, Direttiva 3 giugno 2003, n. 2003/48/CE, G.U.U.E. 26 giugno 2003, L157) Un regime fiscale UE per i pagamenti di interessi e canoni Il Consiglio dell'unione europea ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea una direttiva, in vigore dal 26 giugno scorso, il cui obiettivo è di introdurre un regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni fra società consociate di Stati membri diversi. Infatti, in un mercato unico avente le caratteristiche di un mercato interno le operazioni tra società di Stati membri diversi non dovrebbero essere assoggettate ad un trattamento fiscale meno favorevole di quello applicabile alle stesse operazioni effettuate tra società dello stesso Stato membro. (Consiglio Unione Europea, Direttiva 3 giugno 2003, n. 2003/49/CE, G.U.U.E. 26 giugno 2003, L157) PRASSI Imprese agricole: i chiarimenti del Fisco sull'applicazione del regime agevolato L'Agenzia delle Entrate ha diramato una circolare con cui fornisce chiarimenti in merito alle modificazioni apportate dalla legge finanziaria 2003 al regime agevolativo per gli investimenti in agricoltura. La Finanziaria 2003 ha delimitato l'ambito soggettivo di applicazione dell'agevolazione, escludendo dal beneficio le imprese di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli acquistati, però, presso terzi, qualificate, proprio per questo, come imprese commerciali. Tali soggetti non potranno, a partire dall anno 2003, presentare nuove istanze per la concessione del credito d imposta, né potranno rinnovare per il 2003 le istanze che nel 2002 hanno ricevuto un diniego da parte dell Agenzia per esaurimento dei fondi. (Agenzia delle Entrate, Circ. 10 luglio 2003, n. 38/E) Bonus investimenti: fino al 15 luglio la correzione degli errori L'Agenzia delle Entrate ha concesso ai contribuenti e agli intermediari cinque giorni in più, e cioè fino al 15 luglio 2003, per trasmettere telematicamente le proprie correzioni in relazione ai dati per n. 13/2003-3

4 il credito d'imposta per investimenti in aree svantaggiate. (Agenzia delle Entrate, Comunicato stampa 10 luglio 2003) "Avvio dell'investimento": le precisazioni del Fisco L'Agenzia, nel precisare il concetto di "avvio dell'investimento", ha spiegato che, nell'ipotesi particolare dell'acquisto di un bene mobile per il quale l'unica prova dell'avvio sia costituita dalla consegna, ove la consegna sia avvenuta dopo l'8 luglio 2002, l'avvio deve considerarsi successivo a tale data. Non sussistono infatti, in questo caso, elementi probatori diversi dalla consegna del bene. (Agenzia delle Entrate, Comunicato stampa 10 luglio 2003) Il trattamento fiscale riservato alle società cooperative L'Agenzia delle Entrate ha diramato una circolare con cui chiarisce il trattamento fiscale riservato alle società cooperative, anche a seguito delle modifiche intervenute nella tassazione IRPEG del reddito prodotto. Le esemplificazioni riguardano, in particolare, gli aspetti seguenti: le modalità di distribuzione e di trattamento fiscale dei ristorni; le cooperative agricole; il trattamento fiscale delle perdite; il trattamento agevolabile delle eccedenze di reddito. (Agenzia delle Entrate, Circ. 9 luglio 2003, n. 37/E) Agevolazioni fiscali: cooperative agricole L'Agenzia delle Entrate chiarisce che così come produce reddito agrario l'attività di trasformazione dei prodotti agricoli ottenuti per almeno la metà dal terreno e dagli animali allevati su di esso (nel caso di impresa agricola individuale), alla stessa stregua produce reddito d'impresa esente l'attività di trasformazione effettuata dalle cooperative agricole a condizione che abbia per oggetto prodotti agricoli conferiti per almeno la metà dai soci. (Agenzia delle Entrate, Circ. 9 luglio 2003, n. 37/E) Imposta di registro: la cessione di contratti di locazione e di affitto di immobili L'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla corretta applicazione dell'imposta di registro alla cessione dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili al fine di uniformare i criteri di tassazione da parte degli Uffici. Poiché le cessioni di contratti di ogni tipo ed oggetto, se effettuate dietro corrispettivo, costituiscono prestazioni di servizi, anche le cessioni dei contratti di locazione e di affitto sono soggette ad IVA e in tal caso, per l'alternatività tra IVA e imposta di registro, alla sola imposta di registro nella misura fissa di 51,65. (Agenzia delle Entrate, Circ. 9 luglio 2003, n. 36/E) Fondi di investimento immobiliari: non si applica il prelievo del 20% sui depositi a garanzia Il prelievo del 20% sui redditi di capitale derivanti da depositi a garanzia di finanziamenti concessi ad imprese residenti non si applica qualora questa sia rappresentata da quote di fondi comuni di investimento immobiliari, dal momento che il patrimonio dei fondi è investito in misura prevalente in beni diversi da denaro, valori mobiliari e altri titoli. (Agenzia delle Entrate, Ris. 9 luglio 2003, n. 150/E) Amministrazione finanziaria: al via i controlli sui crediti d'imposta L'Agenzia delle Entrate ha diramato una circolare con cui chiarisce l'attività di controllo dell'amministrazione finanziaria nei confronti dei soggetti che hanno usufruito dei crediti d'imposta per l'incremento dell'occupazione e per gli investimenti nelle aree svantaggiate. L'attività di controllo che concerne specificamente la fruizione dei crediti di imposta per le aree n. 13/2003-4

5 svantaggiate (c.d. Bonus investimenti) e per le nuove assunzioni (c.d. Bonus assunzioni) procede attraverso le fasi seguenti: verifica dell'esistenza dei presupposti e delle condizioni fissate dalla legge per usufruire delle agevolazioni; determinazione dell'esatto ammontare del credito spettante, qualora ricorrano le condizioni di legge per fruire dell'agevolazione; riscontro dell'effettivo ammontare del credito utilizzato in compensazione; successiva notifica al contribuente, nei casi di riscontrato indebito utilizzo del credito, di un apposito atto di recupero, contenente l'invito a versare le complessive somme dovute (credito indebitamente utilizzato, interessi e sanzioni) entro sessanta giorni dalla data di notifica. Qualora il contribuente non ottemperi all'invito, l'ufficio procede alla relativa iscrizione a ruolo a titolo definitivo. (Agenzia delle Entrate, Circ. 8 luglio 2003, n. 35/E) Bonus aree depresse: non è sufficiente l'atto di compromesso per beneficiare del credito d'imposta L'Agenzia delle Entrate, in riferimento ad un'istanza di interpello presentata da un contribuente che ha sottoscritto un atto di compromesso per l'acquisto di due immobili da destinare ad attività commerciale, ha stabilito che, sulla base degli elementi forniti, il contribuente non può beneficiare del credito d'imposta in base al regime automatico se l'investimento non risulta avviato anteriormente alla data dell'8 luglio 2002, né può rientrare nel regime agevolativo previsto dal D.L. omnibus se in relazione a tali investimenti non è stata presentata alcuna istanza preventiva. (Agenzia delle Entrate, Ris. 8 luglio 2003, n. 148/E) ICI 2003: pagamento dell'acconto per i morosi Il Ministro delle finanze rende noto che i ritardatari possono pagare l'imposta comunale sugli immobili entro 30 giorni dalla scadenza, applicando la sanzione ridotta del 3,75% dell'imposta dovuta, oltre agli interessi legali del 3% annuo, calcolati solo sul tributo ed in proporzione ai giorni di ritardo. Gli importi così determinati vanno aggiunti all'ammontare del tributo da versare. (Ministero Economia e Finanze, Comunicato 7 luglio 2003) Beni vincolati: la deducibilità delle spese di manutenzione e restauro Le spese sostenute da soggetti obbligati alla manutenzione, protezione e restauro di beni strumentali sono deducibili per competenza anche se gli immobili sono soggetti a vincolo. Non può pertanto applicarsi il disposto normativo del TUIR che consente la deducibilità per cassa delle spese stesse, disciplina relativa solo all'ipotesi di immobili che non costituiscano beni strumentali (art. 65). (Agenzia Entrate, Ris. 1 luglio 2003, n. 147/E) Investimenti aree svantaggiate: rideterminazione del credito d'imposta in caso si scissione parziale di una società L'Agenzia delle Entrate ha stabilito che la scissione di un società operante nella distribuzione di prodotti di largo consumo che comporti il trasferimento di singoli beni agevolati, ma non del relativo ramo d'azienda, ha come effetto la rideterminazione del credito d'imposta per gli investimenti nelle aree svantaggiate (art. 8, comma 7, legge 388/2000, art. 62, legge n. 289/2002). Pertanto la società scissa non può continuare a fruire dell'intero credito anche dopo l'operazione di scissione in relazione agli investimenti immobiliari agevolati e che confluiranno nel patrimonio della costituenda società immobiliare. (Agenzia Entrate, Ris. 30 giugno 2003, n. 143/E) Misuratori fiscali e biglietterie automatizzate: i chiarimenti del Fisco sugli obblighi di certificazione n. 13/2003-5

6 A partire dal 1 luglio i soggetti obbligati all'installazione degli apparecchi misuratori fiscali e delle biglietterie automatizzate devono certificare i corrispettivi relativi alle attività di intrattenimento e di spettacolo attraverso titoli di accesso emessi mediante gli appositi apparecchi misuratori fiscali o biglietterie automatizzate (art. 94, comma 5, legge n. 289/2002). In considerazione delle difficoltà operative incontrate dagli operatori del settore, l'agenzia delle Entrate ha previsto che, in presenza di specifiche circostanze, si proceda ad una graduale applicazione delle disposizioni in materia di misuratori fiscali. Pertanto i soggetti interessati possono continuare a certificare i corrispettivi fino al 31 ottobre 2003 con le modalità previste in via provvisoria. (Agenzia Entrate, Circ. 27 giugno 2003, n. 34/E) Accisa su oli minerali: pagamento con delega bancaria mediante modello F24 L'Agenzia delle Dogane consente ai proprietari di prodotti detenuti presso depositi fiscali di terzi, che si siano resi garanti del pagamento, di versare l'accisa gravante sull'immissione in consumo degli oli minerali con delega bancaria, mediante il modello unificato F24, con il consenso del depositario. L'utilizzo del modello F24 deve essere limitato ai pagamenti dell'accisa dovuta, escludendo la possibilità di effettuare compensazioni tra somme dovute a titolo di accisa e crediti derivanti da altri tributi. Il depositario che intende consentire ai soggetti garanti di procedere ai pagamenti, deve presentare un'apposita dichiarazione all'ufficio Tecnico di finanza (UTF) o all'ufficio delle Dogane di competenza territoriale. (Agenzia Dogane, Circ.27 giugno 2003, n. 39/D) Bonus investimenti aree svantaggiate: la rideterminazione del credito d'imposta in caso di decesso dell'imprenditore individuale Nell'ipotesi di decesso dell'imprenditore individuale che abbia fruito del credito d'imposta per investimenti in aree svantaggiate e abbia acquistato in leasing un autocarro, né la cessazione dell'attività d'impresa, né l'acquisizione del bene stesso non ancora riscattato da parte di un erede possono essere considerate cause di decadenza dell'agevolazione e di conseguente rideterminazione del bonus maturato in capo al defunto (art. 8, comma 7, legge n. 388/2000). (Agenzia Entrate, Ris. 26 giugno 2003, n. 140/E) GIURISPRUDENZA Libri IVA: violazioni dell'obbligo di bollatura non più sanzionabili A seguito della soppressione dell'obbligo di bollatura del libro giornale e del libro degli inventari (art. 8, legge n. 383/2001), non sono più soggette a sanzione, in applicazione del principio del favor rei, le violazioni relative a tale obbligo, sebbene commesse prima del 25 ottobre 2001 (data dell'entrata in vigore della legge che ne ha disposto la soppressione). (Cass., Sez. trib., Sent. 12 giugno 2003, n. 9451) L'iscrizione in bilancio dei beni in leasing L'imprenditore può iscrivere in bilancio i beni acquisiti in leasing, ma non ancora riscattati, senza che ciò dia luogo a plusvalenze tassabili, ricorrendo al criterio c.d. finanziario, attraverso la patrimonializzazione dei canoni effettivamente pagati al locatore. (Cass., Sez. trib., Sent. 26 maggio 2003, n. 8292) LAVORO n. 13/2003-6

7 LEGISLAZIONE Denunce retributive annuali: fissato al 16 marzo il termine di presentazione telematica Il Ministro del lavoro ha fissato al 16 marzo il termine per la presentazione all'inail delle denunce retributive annuali, rese su supporto magnetico o in via telematica, fermi restando i termini previsti dalla legge per il pagamento dei premi di assicurazione. (D.M. - Lavoro - 16 giugno 2003, G.U. 30 giugno 2003, n. 149) CIGS: proroga al 31 dicembre 2003 per imprese commerciali, agenzie di viaggio e imprese di vigilanza Sono stati prorogati fino al 31 dicembre 2003 i trattamenti di cassa integrazione guadagni straordinaria e di mobilità per le imprese commerciali che occupano da 51 a 200 dipendenti, per le agenzie di viaggio e turismo (compresi gli operatori turistici) con più di 50 addetti e per le imprese di vigilanza. Le aziende che, a decorrere dal periodo di paga relativo al gennaio 2003, non hanno pagato i contributi per Cigs e mobilità, possono regolarizzare tali periodi entro il 16 settembre, senza l'applicazione di somme aggiuntive e interessi. (INPS, Comunicato 1 luglio 2003) (D.M. - Lavoro - 27 maggio 2003, n , G.U. 30 giugno 2003, n. 149) Imprese commerciali con più di 50 dipendenti: prorogato per il 2003 il trattamento di integrazione salariale Il Ministro del lavoro ha prorogato, per le imprese commerciali con organico superiore a cinquanta addetti, l'accesso ai trattamenti di integrazione salariale straordinaria e di mobilità relativamente all'anno 2003 (art. 41, comma 1, legge 27 dicembre 2002, n. 289). La misura dei trattamenti è ridotta del venti per cento. (D.M. - Lavoro - 27 maggio 2003, n , G.U. 27 giugno 2003, n. 147) PRASSI L'incremento della maggiorazione sociale per i cittadini residenti all'estero L'INPS ha fornito chiarimenti sull'incremento della maggiorazione sociale per i cittadini residenti all'estero e sull'accertamento dei redditi stessi prodotti all'estero. La Finanziaria 2003 ha disposto che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, ai cittadini italiani in possesso dei requisiti di legge (cittadinanza italiana, titolarità dei redditi che non superino il livello del reddito equivalente, periodi di contribuzione effettiva in Italia non inferiori a 1 anno o a 5 anni o a 10 anni) e previa verifica delle condizioni reddituali, l'aumento della maggiorazione sociale debba garantire un reddito proprio, comprensivo della predetta maggiorazione oltreché delle prestazioni previdenziali ed assistenziali a carico degli Organismi esteri, che assicuri un potere d'acquisto equivalente a quello conseguibile in Italia con 516,46 euro mensili per tredici mensilità (art. 38, legge n. 289/2002). (INPS, Circ. 8 luglio 2003, n. 124) Eventi alluvionali: le istruzioni contabili a seguito della sospensione dei contributi L'INPS ha fornito le istruzioni contabili relative alla sospensione dei contributi dovuti dai soggetti danneggiati dall'alluvione del gennaio 2003 nelle regioni Abruzzo e Molise e nella provincia di Foggia. Per tutti i comuni interessati, la sospensione, operante dal 23 gennaio al 31 dicembre 2003 per Abruzzo e Molise e dal 24 gennaio al 31 dicembre 2003 per la provincia di Foggia, riguarda i periodi di paga compresi tra i mesi di gennaio e novembre 2003 e ne sono beneficiari le aziende, i n. 13/2003-7

8 lavoratori dipendenti, i lavoratori autonomi e i collaboratori coordinati e continuativi. Il recupero dei contributi dovuti può avvenire versando l'intero importo dei contributi sospesi entro il 16 gennaio 2004 oppure in "un numero di rate pari a otto volte i mesi di sospensione" vale a dire in 88 rate mensili uguali e consecutive, la prima delle quali dovrà essere pagata entro il 16 gennaio 2004, mentre le rate successive avranno scadenza il giorno 16 di ogni mese. (INPS, Circ. 8 luglio 2003, n. 123) Lavoratori extracomunitari: i chiarimenti INPS dopo l'introduzione della legge Bossi- Fini L'INPS ha fornito chiarimenti in merito alla legge che ha modificato il Testo Unico delle disposizioni generali riguardanti la disciplina sull'immigrazione e che ha disposto nuove modalità da seguire per l'instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato con cittadini di Paesi non appartenenti all'unione Europea o apolidi. (INPS, Circ. 8 luglio 2003, n. 122) Indennità di maternità: chiarimenti sulla compilazione del Mod. DM10 L'INPS ha reso noto che le operazioni di ripartizione delle somme a titolo di maternità obbligatoria poste a conguaglio nel quadro "D" del mod. DM10, potranno essere utilmente effettuate entro il mese di novembre 2003 (DM10 relativo al periodo di paga novembre 2003). (INPS, Msg. 4 luglio 2003, n. 81) Co.co.co.: utilizzo all'estero dei periodi italiani di iscrizione nella gestione separata L'INPS ha reso noto che i periodi maturati in Italia nella gestione separata per i parasubordinati possono essere computati per il diritto alla pensione a carico del regime generale degli ordinamenti pensionistici degli altri Stati che applicano la normativa internazionale. Pertanto i periodi assicurativi della gestione per i parasubordinati devono essere indicati sul formulario E 205 I e sui prospetti dei periodi assicurativi in uso per l'applicazione delle convenzioni bilaterali. (INPS, Msg. 3 luglio 2003, n. 71) Fondi professionali formazione continua: l'adesione delle aziende temporaneamente sospese dagli obblighi contributivi L'INPS ha reso noto che, al fine di consentire le adesioni ai Fondi interprofessionali per la formazione continua già istituiti ed autorizzati senza procrastinare all anno successivo i relativi effetti finanziari e contributivi, saranno accettate anche le adesioni comunicate da datori di lavoro che, per particolari motivi, siano temporaneamente sospesi dall assolvimento degli obblighi contributivi. È il caso, ad esempio, delle aziende che operano a cicli stagionali (aziende conserviere, aziende alberghiere a carattere stagionale, ecc ), nelle quali a periodi di attività caratterizzati da assunzioni di personale seguono periodi di sospensione, ovvero di aziende che, a seguito di ordinanze ministeriali, stiano fruendo della sospensione del versamento dei contributi previdenziali. (INPS, Msg. 2 luglio 2003, n. 80) Dirigenti industriali: il calcolo delle pensioni L'INPS ricorda che le pensioni dirette e ai superstiti già liquidate dall'inpdai sono a carico dell'assicurazione generale obbligatoria dal 1 gennaio 2003, e dal 1 giugno l'inps provvede direttamente al pagamento, con le modalità adottate per la generalità dei propri pensionati (circ. n. 107/2003). Per le pensioni ancora da liquidare, con decorrenza fino al 1 gennaio 2003, si applica ancora la disciplina INPDAI, mentre per quelle con decorrenza successiva il trattamento è uniformato a quello degli iscritti al Fondo pensioni lavoratori dipendenti. (INPS, Comunicato 2 luglio 2003) n. 13/2003-8

9 Lavoratori autonomi agricoli: i contributi per il 2003 I contributi dovuti da coltivatori diretti, coloni, mezzadri ed imprenditori agricoli a titolo principale sono dovuti in base alla classificazione delle relative aziende in quattro fasce di reddito e sulla determinazione di un'aliquota percentuale da applicare al reddito convenzionale, attribuita in corrispondenza della fascia di reddito in cui è inquadrata l'azienda. (INPS, Comunicato 1 luglio 2003) Mobilità lunga: chiarimenti sull'estensione del beneficio ai lavoratori licenziati entro il 31 dicembre 2004 In riferimento all'estensione del beneficio della mobilità lunga, nel limite di unità, in favore dei lavoratori che saranno licenziati e collocati in mobilità entro il 31 dicembre 2004 dalle imprese o gruppi di imprese i cui piani di gestione delle eccedenze occupazionali siano stati oggetto di esame in sede di Presidenza del Consiglio dei Ministri o di Ministero del lavoro nel corso dell'anno 2002 e fino al 15 giugno 2003, l'inps ha precisato che ogni lavoratore, per poter accedere alla mobilità lunga dovrà far valere all'atto del licenziamento il requisito di 28 anni di contribuzione utile ai fini della pensione di anzianità nell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti. Per quanto riguarda l'età anagrafica possono accedere alla mobilità lunga in parola gli uomini che abbiano compiuto 50 anni e le donne 47 anni, all'atto del licenziamento. (INPS, Circ. 30 giugno 2003, n. 116) Lavoratori extracomunitari: la regolarizzazione dei periodi arretrati L'INPS ha fornito chiarimenti in merito al versamento dei contributi dovuti, per i periodi di lavoro antecedenti il 10 giugno 2002, dai datori di lavoro che hanno presentato l'istanza di legalizzazione per l'emersione del lavoro irregolare di badanti e per la legalizzazione del lavoro prestato da extracomunitari. I contributi sono dovuti entro i termini di prescrizione quinquennale dalla data di presentazione dell'istanza di regolarizzazione, aumentati dei soli interessi legali e possono essere versati in unica soluzione o in numero massimo di 36 rate mensili. (INPS, Circ. 30 giugno 2003, n. 115) Compensi per ferie non godute: precisazioni sulla nuova disciplina In relazione alla disciplina del diritto alle ferie annuali, che ha previsto in particolare il diritto del prestatore di lavoro ad un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a quattro settimane (D.Lgs. n. 66/2003), l'inps ha precisato che: i datori di lavoro possono ricorrere alla monetizzazione dei periodi di ferie non goduti solo nell'ipotesi di periodi che residuano una volta avvenuta la fruizione effettiva delle 4 settimane; le nuove disposizioni trovano applicazione con riferimento ai periodi di ferie non ancora maturati alla data del 29 aprile 2003 (entrata in vigore del D.Lgs. n. 66/2003), in base al principio di non retroattività della legge. (INPS, Msg. 27 giugno 2003, n. 79) Pagamento dei premi ed accessori: il tasso di interesse per rateazioni, dilazioni e sanzioni civili L'INAIL rende noto che la Banca d'italia ha fissato al 2,00% il Tasso Ufficiale di Riferimento che decorre dal 9 giugno 2003; conseguentemente è stato fissato all'8,00% la misura dell'interesse dovuto per rateazioni e dilazioni di pagamento per premi ed accessori; all'7,50% la misura per le operazioni di calcolo delle sanzioni civili. (INAIL, Circ. 27 giugno 2003, n. 38) Lavoratori regolarizzati: i chiarimenti INAIL sulla gestione dei rapporti assicurativi n. 13/2003-9

10 L'INAIL ha fornito chiarimenti in merito alla gestione dei rapporti assicurativi relativi ai lavoratori dipendenti extracomunitari ed italiani regolarizzati. (INAIL, Nota 26 giugno 2003) SOCIETA' E IMPRESA LEGISLAZIONE Ciclomotori: il nuovo esame per conseguire l'idoneità alla guida Cambiano il programma dei corsi e le procedure d'esame per il conseguimento del certificato di idoneità per la guida dei ciclomotori. I corsi sono svolti presso scuole, a titolo gratuito e per 20 ore di lezione, o autoscuole, con una durata di 12 ore. (D.M. - Infrastrutture - 30 giugno 2003, G.U. 8 luglio 2003, n. 156) Il Codice della privacy E ispirato all introduzione di nuove garanzie per i cittadini, alla razionalizzazione delle norme esistenti e alla semplificazione, il testo unico in materia di protezione dei dati personali, definitivamente approvato dal Consiglio dei ministri il 27 giugno scorso e denominato "Codice" della privacy. Il provvedimento, sulla base dell esperienza di 6 anni, riunisce in unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi, regolamenti e codici deontologici che si sono succeduti in questi anni, e contiene anche importanti innovazioni tenendo conto della "giurisprudenza" del Garante e della direttiva Ue 2000/58 sulla riservatezza nelle comunicazioni elettroniche (Garante protezione dati personali, Newsletter 23 giugno-6 luglio 2003) Consiglio dei Ministri: professioni allineate agli standard europei Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legislativo che disciplina in maniera organica e coerente con il contesto europeo il sistema di riconoscimento dei diplomi e delle altre qualificazioni per lo svolgimento delle professioni di infermiere responsabile dell'assistenza generale, dentista, veterinario, ostetrica, architetto, farmacista e medico (Dir. n. 2001/19). (Consiglio dei Ministri, Comunicato stampa 3 luglio 2003, n. 114, parte I) BSE: l'indennità per l'abbattimento dei capi bovini Il Ministro delle politiche agricole ha fissato l'ammontare e le modalità di erogazione delle provvidenze per l'abbattimento di capi bovini a seguito di positività ai test per l'encefalopatia bovina (BSE). L'indennità, destinata a coprire gli oneri del mancato reddito subito nel periodo di riavvio a regime dell'allevamento di bovini che ha dovuto procedere all'abbattimento totale o selettivo dei capi viene così determinata: bovini da latte: Euro 413,00 per UBA (Unità bovino adulto equivalente ad una vacca lattifera); bovini da carne: Euro 1,53 per giorno di gravidanza fino ad un massimo di Euro 413,00 per ciascuna vacca o manza. (D.M. - Politiche agricole - 28 maggio 2003, G.U. 3 luglio 2003, n. 152) Aziende orafe: la certificazione di idoneità alla buona consegna L'UIC ha definito gli standard cui deve rispondere l'oro grezzo per avvalersi della qualifica di "buona consegna" nel mercato nazionale e ha dettato i criteri per il rilascio della certificazione di idoneità alla "buona consegna" alle aziende (art. 1, commi 8 e 9, legge 17 gennaio 2000, n. 7). Il provvedimento entra in vigore il 30 ottobre (Provv. - UIC - 23 giugno 2003, G.U. 2 luglio 2003, n. 151) n. 13/

11 PRASSI Privacy: il Garante denuncia alla magistratura una catena di rivenditori telefonici Il Garante per la protezione dei dati personali ha reso noto, a seguito di una denuncia pervenuta all'autorità giudiziaria per trattamento illegittimo di dati personali, l'attività illecita di una società che gestisce numerosi punti vendita per l'acquisto di schede telefoniche ricaricabili. I rivenditori provvedevano all'attivazione di carte telefoniche per conto di uno dei principali gestori di tlc. (Garante protezione dati personali, Newsletter 9-15 giugno 2003, n. 174) FINANZIAMENTI AGEVOLATI LEGISLAZIONE Le graduatorie delle iniziative ammesse alle agevolazioni per il settore industria e P.O.N. Sono state rese note le graduatorie regionali speciali e ordinarie delle regioni e delle province autonome di Bolzano e Trento concernenti le iniziative ammissibili relative alle domande di agevolazione presentate per il bando del 2002 del "settore industria" (attività estrattive, manifatturiere, di servizi, delle costruzioni e dell'energia) - 14 bando di attuazione e per la seconda applicazione della misura 2.1.b Pacchetto Integrato di Agevolazioni - PIA Formazione del P.O.N "Sviluppo imprenditoriale locale". (D.M. - Attività produttive - 27 maggio 2003, G.U. 9 luglio 2003, n. 157) Finanziate le aree sottoutilizzate per il triennio Il CIPE ha deliberato le modalità di ripartizione delle risorse assegnate ai fondi costituiti, presso il Ministero dell'economia e finanze (MEF) e presso il Ministero delle attività produttive (MAP), per la programmazione e il finanziamento unitario di interventi nelle aree sottoutilizzate per il triennio , nel rispetto del consolidato criterio di ripartizione tra le macroaree del centro-nord e del Mezzogiorno. Le decisioni assunte con il provvedimento, tenuto anche conto dell'attuazione di interventi precedenti, consentono di determinare, in via previsionale e di larga massima, che nel 2003 il complesso delle risorse aggiuntive nazionali spese nelle aree sottoutilizzate (che si sommano a quelle aggiuntive comunitarie ed al relativo cofinanziamento nazionale) sarà pari a circa milioni di euro. (CIPE, Del. 9 maggio 2003, n. 16, G.U. 8 luglio 2003, n. 156) DOCUP Emilia-Romagna : l'elenco delle domande inserite nelle graduatorie speciale e ordinaria della regione Il Ministro delle attività produttive ha disposto l'assegnazione alle iniziative agevolate per le aree depresse delle risorse finanziarie previste nell'ambito del DOCUP Emilia-Romagna , rese disponibili dalla regione per lo scorrimento delle graduatorie speciale e ordinaria del bando "industria" del 2001 (11 bando). (D.M. - Attività produttive - 12 maggio 2003, G.U. 7 luglio 2003, n. 155) Interventi agevolativi alle imprese: la ripartizione delle economie Con un decreto in corso di pubblicazione in G.U., il Ministro delle attività produttive ha distribuito le economie derivanti dall'applicazione della normativa sugli interventi agevolativi alle imprese nel modo seguente n. 13/

12 383 milioni di euro per i contratti di programma 1230 milioni di euro per i bandi del 2003 della legge n. 488/1992 da ripartire tra i settori "industria", "turismo" e "commercio"; 180 milioni di euro per i bandi del 2002 della legge n. 488/1992; 147 milioni di euro per l'attuazione di un nuovo bando relativo alla Misura 2.1.a - PIA Innovazione del Programma Operativo Nazionale "Sviluppo imprenditoriale locale". (D.M. - Attività produttive - 3 luglio 2003, in corso di pubblicazione in G.U.) Entro il 5 ottobre le domande per la concessione di garanzie sui finanziamenti alle PMI danneggiate dai mancati pagamenti di imprese jugoslave La SIMEST (Società italiana per le imprese all'estero), a seguito del completamento degli adempimenti per la messa a disposizione dell'importo di Euro per la concessione di garanzie su finanziamenti a piccole e medie imprese (PMI) italiane danneggiate da mancati pagamenti da parte di imprese jugoslave a seguito degli eventi bellici in Jugoslavia del 1999, ha fornito istruzioni in merito all'attivazione dell'intervento stesso. Le imprese italiane interessate presenteranno le richieste di concessione della garanzia che dovranno pervenire alla SIMEST successivamente al 5 luglio 2003 ed entro il 5 ottobre. In ogni caso, la documentazione necessaria dovrà essere completata entro il termine indicato, pena la dichiarazione di decadenza da parte del Comitato agevolazioni. (SIMEST, Circ. 30 giugno 2003, n. 4, G.U.5 luglio 2003, n. 154) CIPE: estesi gli interventi di promozione industriale Il CIPE ha deliberato l'estensione degli interventi di promozione industriale (art. 73, legge n. 289/2002): alle aree interessate da crisi di settore nel comparto industriale; alle aree industriali ricomprese nei territori per i quali è stato dichiarato o prorogato lo stato di emergenza. (CIPE, Del. 9 maggio 2003, n. 18, G.U. 27 giugno 2003, n. 147) n. 13/

13 SCADENZE AGOSTO agosto - venerdì Scritture contabili di magazzino Inizia a decorrere, per le imprese aventi l esercizio sociale o periodo d imposta non coincidente con l anno solare che si è chiuso alla fine del mese precedente, l obbligo di tenuta delle scritture ausiliarie di magazzino se risultano superati, nei due esercizi sociali o periodi d imposta precedenti, contemporaneamente il limite previsto per i ricavi in ciascun esercizio o periodo d imposta e quello delle rimanenze finali alla fine di ciascun esercizio. IMPRESE INDUSTRIALI: comunicazione lavoro straordinario Entro oggi, le imprese industriali che nel corso del mese precedente hanno superato di 20 ore l orario contrattuale settimanale devono darne comunicazione al settore ispettivo presso la direzione Provinciale del Lavoro. La comunicazione in oggetto risulta essere obbligatoria: per le imprese che calcolano l orario normale di lavoro in relazione alla media delle prestazioni lavorative in un periodo plurisettimanale e semprechè l orario di lavoro plurisettimanale non ecceda le 45 ore; per le imprese industriali che non applicano un regime di orario plurisettimanale, ma che hanno superato il limite settimanale delle 45 ore. In questo caso l adempimento (comunicazione alla direzione provinciale del lavoro) deve essere effettuato entro le 24 ore. IRPEG IRAP Dichiarazione Modello UNICO Adempimenti collegati Termini di presentazione e di versamento Soggetti interessati Scadenza Come si versa Codice tributo o causale contributo Contribuenti soggetti a IRPEG-IRAP Versamento del saldo postali, on-line o 2100 per l IRPEG 3800 per l IRAP Versamento dell acconto postali, on-line o 2112 per l IRPEG acconto prima rata 3812 per l IRAP acconto prima rata n. 13/

14 Trattasi di scadenza mobile, legata alla data di approvazione del bilancio Imposte sui redditi Dichiarazione I contribuenti soggetti a Irpeg devono presentare la dichiarazione: entro l ultimo giorno del settimo mese successivo a quello di chiusura del periodo, in caso di presentazione alla banca o ad un ufficio postale; entro l ultimo giorno del decimo mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta in caso di presentazione in via telematica. Sono tenuti alla presentazione in via telematica i seguenti soggetti: soggetti tenuti alla presentazione della dichiarazione Iva, con esclusione delle persone fisiche che hanno realizzato un volume d affari non superiore a ,84 euro; soggetti tenuti alla presentazione della dichiarazione dei sostituti d imposta; le società di capitali e gli enti commerciali di cui all art. 87, D.P.R. 917/1986; i soggetti tenuti alla presentazione del modello per la comunicazione dei dati relativi all applicazione degli studi di settore. Rateizzazione Ai sensi dell art. 20, D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni è ammessa la rateizzazione con l applicazione degli interessi delle somme a saldo ed in acconto risultanti dalla dichiarazione con versamento delle rate successive alla prima: entro il giorno 16 di ciascun mese, per i titolari di partita Iva; entro la fine di ciascun mese, per gli altri contribuenti. In ogni caso il pagamento deve essere completato entro il mese di novembre dello stesso anno di presentazione della dichiarazione. Dichiarazione unificata annuale - Sono obbligati a presentare la dichiarazione in forma unificata i contribuenti che ai fini dell Irpeg, hanno: un periodo d imposta coincidente con l anno solare e devono presentare almeno due delle seguenti dichiarazioni: 1. redditi; 2. Iva; 3. Irap; 4. dichiarazione dei sostituti d imposta Modello 770. Acconti Ai sensi dell art.4, L. 23 dicembre 2000, n. 388 la misura dell acconto IRPEG è stabilita per il periodo d imposta in corso alla data del 31 dicembre 2002 al 98,5 per cento; conseguentemente l acconto si applica nella stessa misura anche ai fini dell IRAP. Versamento Il versamento delle imposte a saldo deve essere effettuato: entro il giorno 20 del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo; se in base a disposizioni di legge il bilancio è approvato oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio, entro il giorno 20 del mese successivo a quello di approvazione del bilancio e comunque, se il bilancio non è approvato nel termine stabilito, in base alle predette disposizioni di legge, entro il 20 del mese successivo a quello di scadenza del termine stesso. Il versamento può inoltre essere effettuato entro i trenta giorni successivi con la maggiorazione dello 0,40%. 5 agosto - martedì n. 13/

15 Prodotti petroliferi finiti I soggetti che svolgono attività di importazione di prodotti petroliferi finiti sono tenuti ad informare il Ministero dell industria sull andamento della loro attività. IVA Emissione della fattura per provvigioni ai rivenditori autorizzati di documenti di viaggio relativi al trasporto pubblico urbano di persone Soggetti interessati Scadenza Come si versa Esercenti attività di trasporto IVA - Emissione fattura per provvigioni ai rivenditori autorizzati di documenti di viaggio per il trasporto pubblico urbano di persone Codice tributo o causale contributo Ai sensi della lettera e) del comma 1 dell art. 74 del decreto Iva e dell art. 3 del dm 5 maggio 1980, scade il termine per i soggetti esercenti attività di trasporto per procedere, in relazione alle annotazioni eseguite nel corso del mese precedente, all emissione della fattura o della nota debito inerente alle provvigioni corrisposte ai rivenditori autorizzati di documenti di viaggio per il trasporto pubblico urbano di persone. CHIMICI: versamento contributi Le aziende aderenti al Fonchim che pagano le retribuzioni entro la fine del mese precedente, entro oggi devono versare i contributi e inviare la distinta di contribuzione per mese di luglio. Imprese che impiegano borsisti Termine utile per porre in essere la comunicazione all INPS da parte delle imprese che impiegano lavoratori con borse di lavoro ex decreto legislativo 200/1987, seguendo le precisazioni contenute nel messaggio del citato istituto n del 27 marzo 1998, delle assenze dovute a motivi personali che risultano poste in essere dai soggetti borsisti nel corso del mese precedente, per le quali sussiste la sospensione del sussidio per i corrispondenti periodi, a meno che le assenze stesse non vengano recuperate. 10 agosto - domenica Intrattenimento e spettacolo Termine operativo per porre in essere la trasmissione all Ufficio Siae della distinta d incasso per le manifestazioni inerenti alla seconda metà del mese precedente da parte degli operatori non n. 13/

16 occasionali che, in attesa dell introduzione degli apparecchi misuratori fiscali o delle idonee biglietterie automatizzate, certificano i corrispettivi utilizzando i biglietti recanti il contrassegno del concessionario (Siae) di cui all art. 17 del dpr 26 ottobre 1972, n. 640 GIORNALISTI Fondo previdenza complementare Scade il termine per procedere al versamento dei contributi al Fondo di previdenza complementare dei giornalisti italiani per le retribuzioni corrisposte nel mese precedente. La scadenza riguarda sia i contributi in misura fissa mensile a carico dell'azienda e riguardante i giornalisti e i praticanti, sia in percentuale (parte a carico dell'azienda e parte a carico dei giornalisti e dei praticanti) da calcolarsi sull'imponibile contributivo delle retribuzioni inerenti al mese precedente. CVS - comunicazione valutaria Entro oggi deve essere inviata all Ufficio Italiano dei Cambi (Centro corrispondenza - via delle Quattro Fontane, Roma) la Cvs-Comunicazione Valutaria Statistica relativa ad operazioni decanalizzate effettuate nel mese precedente. Il contribuente può far pervenire, entro lo stesso termine, la comunicazione a un intermediario per la successiva trasmissione all Ufficio Italiano cambi. 15 agosto - venerdì Associazioni sportive dilettantistiche - Annotazione delle operazioni Soggetti interessati Scadenza Come si versa Associazioni sportive dilettantistiche che abbiano optato per le disposizioni di cui alla L. 16 dicembre 1991, n Annotazione dell ammontare di corrispettivi e proventi del mese precedente Utilizzando il modello approvato con D.M. 11 febbraio 1997 opportunamente integrato Codice tributo o causale contributo Le società sportive dilettantistiche di cui all articolo 25, comma 1, della legge 133/99, che hanno optato per il regime speciale previsto dalla legge 398/91, devono registrare entro oggi i corrispettivi e i proventi incassati nel mese precedente, conseguiti nell esercizio di attività commerciali. L annotazione deve essere eseguita nel registro approvato con il decreto del Ministero delle finanze 11 febbraio L obbligo di annotazione riguarda anche le associazioni senza scopo di lucro e le pro-loco, sempreché le stesse abbiano esercitato l opzione per il regime agevolato previsto dalla predetta legge398/91. Per fruire delle agevolazioni previste dalla legge 398/91 occorre esercitare l opzione prima dell inizio dell anno solare, dandone comunicazione all ufficio della Siae competente in ragione del domicilio fiscale dell associazione. La stessa comunicazione deve essere effettuata all ufficio Iva o delle Entrate, se istituito. IVA Fatturazione differita Emissione della fattura Per la cessione di beni la cui consegna o spedizione risulti da un documento di trasporto o da un altro documento idoneo a identificare i soggetti tra i quali è effettuata l operazione, la fattura può essere emessa entro il 15 del mese successivo a quello della consegna o spedizione. n. 13/

17 Si veda la C.M. n. 288/E del 22 dicembre 1998 con riferimento al particolare caso delle cessioni triangolari disciplinato dall art. 21, quarto comma, quarto periodo, D.P.R. n. 633/1972. Imposte sui redditi ed IVA Annotazione delle operazioni per i contribuenti minori e minimi Soggetti interessati Scadenza Come si versa Contribuenti minori e minimi di cui all art. 3, commi da 165 a 185, L. 23 dicembre 1996, n Annotazione operazioni del mese precedente Utilizzando i registri previsti ai fini dell imposta sul valore aggiunto, ovvero in appositi prospetti approvati per i contribuenti minori (D.M. 11 febbraio 1997) e minimi (D.M. 12 febbraio 1997) Codice tributo o causale contributo Per i contribuenti di minori dimensioni, cosiddetti minori e minimi, di cui all art. 3, commi da 165 a 185, L.23 dicembre 1996, n. 662, scade il termine per l annotazione delle operazioni del mese precedente. Vedasi al riguardo la C.M. 17 gennaio 1997, n. 10/E e la C.M. 13 marzo 1997, n. 75/E. Si rammenta che la disciplina di cui al citato art. 3, comma 166, L. n. 662/1996 è stata estesa agli enti non commerciali che abbiano conseguito ricavi non superiori ai limiti indicati dall art. 20, D.P.R. 29 settembre 1973, n IVA Annotazione cumulativa nel registro corrispettivi delle operazioni per le quali sono rilasciate le ricevute o gli scontrini fiscali Soggetti interessati Scadenza Come si versa Contribuenti che rilasciano scontrini fiscali Annotazione delle operazioni che hanno comportato il rilascio di scontrini fiscali nel mese solare precedente Con unica annotazione, nel registro previsto dall art. 24, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, allegando al registro stesso gli scontrini riepilogativi giornalieri Codice tributo o causale contributo Le operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale, effettuate in ciascun mese solare, possono essere annotate, con unica registrazione, nel registro previsto dall art. 24, D.P.R. 26 ottobre 1972, n.633, entro il 15 del mese successivo. La procedura è ammessa anche per le operazioni certificate da ricevuta fiscale (circolare ministeriale 45/E del 19 febbraio 1997). n. 13/

18 IVA Annotazione nel documento riepilogativo delle fatture di importo inferiore a 154,94 Soggetti interessati Scadenza Come si versa Contribuenti che emettono fattura Annotazione delle fatture emesse nel corso del mese precedente, di importo inferiore a euro 154,94 in luogo di ciascuna, nel documento riepilogativo Con un documento riepilogativo nel quale devono essere indicati i numeri delle fatture l imponibile e l imposta Codice tributo o causale contributo Scade il termine per l annotazione del documento riepilogativo delle fatture di importo inferiore a euro 154,94 emesse nel mese precedente. Nel documento riepilogativo devono essere indicati i numeri delle fatture cui si riferisce l ammontare complessivo imponibile e l ammontare dell imposta distinti secondo l aliquota applicata. AGRITURISMO - annotazione cumulativa mensile dei corrispettivi ai fini IVA Annotazione nel registro IVA dei corrispettivi, da parte delle imprese agrituristiche che rilasciano le ricevute fiscali, degli ammontari inerenti alle operazioni effettuate nel corso del mese precedente, se, ovviamente, non hanno già provveduto a eseguire le rilevazioni analitiche giornaliere. 18 agosto - lunedì IRAP Versamento dell acconto mensile per le Amministrazioni dello Stato e gli enti pubblici Soggetti interessati Scadenza Come si versa Organi e amministrazioni dello Stato ed Enti Pubblici Versamento dell acconto mensile calcolato sull ammontare degli emolumenti corrisposti nel mese precedente Con operazioni di giroconto o con bollettini di c/c/p in relazione alle varie Amministrazioni ed Enti Pubblici Codice tributo o causale contributo Per gli organi e le amministrazioni dello Stato e per gli enti pubblici, di cui agli artt.3, comma 1, lettera e-bis), e 10-bis, D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, che effettuano il versamento dell IRAP mensilmente nella misura e con i criteri previsti dagli artt. 16 e 30 scade il termine per l effettuazione del versamento dell acconto mensile calcolato in base a retribuzioni e compensi corrisposti nel mese precedente (articolo 2, comma 1, D.M. 2 novembre 1998, n. 421). n. 13/

19 I predetti soggetti versano il saldo, tenendo conto degli acconti già pagati, entro il termine di presentazione della dichiarazione ai fini dell IRAP. IMPOSTE SUI REDDITI: versamento ritenute alla fonte operate dagli enti pubblici Oggi è l ultimo giorno per versare le ritenute da parte degli enti pubblici di cui alle tabelle A e B allegate alla legge 720/84, recante istituzione del sistema di tesoreria unica per enti e organismi pubblici (articolo 3, comma 2, lettera h-bis, del Dpr 602/73). Le ritenute operate dagli enti pubblici devono essere versate obbligatoriamente presso le sezioni di tesoreria provinciale dello Stato. Gli enti pubblici devono invece usare il modello F24 in tutti i casi in cui le disposizioni di legge consentono la compensazione, ma esclusivamente per effettuare lo scambio tra i crediti vantati e le ritenute da versare. Se a seguito della compensazione restano ancora ritenute da versare, queste devono essere versate presso le sezioni di Tesoreria provinciale. Rimane fermo che il termine ultimo per presentare i modelli F24 ai fini della compensazione è il 16 del mese, mentre i versamenti in Tesoreria devono essere effettuati entro il 15 del mese. IMPOSTE SUI REDDITI Versamento delle ritenute operate alla fonte Soggetti interessati Scadenza Come si versa Sostituti d imposta Sostituti d imposta Sostituti d imposta Versamento delle ritenute alla fonte su redditi di lavoro dipendente ed assimilati corrisposti nel mese precedente Versamento ritenute alla fonte su rendite AVS corrisposte nel mese precedente Versamento ritenute alla fonte su interessi e redditi di capitale vari corrisposti o maturati nel mese precedente postali o postali o postali o Codice tributo o causale contributo 1001 Ritenute su retribuzioni, pensioni, trasferte, mensilità aggiuntive e relativo conguaglio 1002 Ritenute su emolumenti arretrati 1004 Ritenute sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente 1012 Ritenute su indennità per cessazione di rapporto di lavoro 1001 Ritenute su retribuzioni, pensioni, trasferte, mensilità aggiuntive e relativo conguaglio 1024 Proventi indicati sulle cambiali Art. 1, Legge n. 692 dell Ritenute su obbligazioni e titoli similari emessi dai soggetti indicati nella fonte normativa n. 13/

20 Sostituti d imposta Sostituti d imposta Sostituti d imposta Sostituti d imposta Versamento ritenute alla fonte su cessione titoli e valute corrisposti o maturati nel mese precedente Versamento ritenute alla fonte su provvigioni corrisposte nel mese precedente Versamento ritenute alla fonte su redditi di lavoro autonomo corrisposti nel mese precedente Versamento ritenute alla fonte su indennità di cessazione del rapporto di agenzia e di collaborazione coordinata e continuativa corrisposte nel postali o postali o postali o postali o 1029 Interessi e redditi di capitale diversi dai dividendi dovuti da soggetti non residenti 1030 Altri redditi di capitale diversi dai dividendi 1031 Redditi di capitale di cui al codice 1030 e interessi Soggetti non residenti 1243 Proventi soggetti a ritenuta di imposta corrisposti da organizzazioni estere di imprese residenti 1245 Proventi derivanti da depositi a garanzia di finanziamenti Art.7 commi 1 e 2, Dl 323/ Ritenute su proventi da cessione a termine di obbligazioni e titoli similari Art. 2, comma 2, DL 17 settembre 1992 n Ritenute su plusvalenze cessioni a term. Valute estere Art. 3, comma 2, DL 17 settembre 1992 n Provvigioni per rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione e di rapporti di commercio 1040 Ritenute su redditi di lavoro autonomo, compensi per l esercizio di arti e professioni 1040 Ritenute su redditi di lavoro autonomo, compensi per l esercizio di arti e professioni n. 13/

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli