730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento"

Transcript

1 730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N Modello UNICO integrativo e correttivo Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale Pirone Nella presente fiscal si illustrano i passi cardine e gli aspetti principali connessi alla presentazione del Modello Unico integrativo o correttivo (nei termini) da presentare per integrare o rettificare una dichiarazione dei redditi già inviata. OGGETTO Dichiarazione redditi integrativa e correttiva CATEGORIA Dichiarazione Unico ADEMPIMENTO DI RIFERIMENTO DESCRIZIONE/ CONTENUTO Modello Unico/2016 Il termine ordinario per la presentazione del Modello Unico/2016 (periodo d imposta 2015) era il 30 settembre Il contribuente, dopo l invio del Modello, potrebbe accorgersi di aver commesso degli errori, senza i quali, dalla dichiarazione, sarebbe scaturito un maggior/minor debito/credito d imposta rispetto a quanto risultante dal modello inviato. In tal caso, dunque, ci si chiede come occorre comportarsi per rimediare. Il legislatore consente, così, di inviare un nuovo Modello Unico, completo in tutte le sue parti, in cui si va ad eseguire la correzione. 1

2 A seconda del momento in cui è presentato il nuovo Modello Unico, che va a correggere il precedente già inviato, si configurano quattro tipologie di dichiarazione: Dichiarazione (Modello Unico) correttiva nei termini; Dichiarazione (Modello Unico) integrativa a favore (del contribuente); Dichiarazione (Modello Unico) integrativa (a sfavore del contribuente); Dichiarazione Integrativa (art. 2, co. 8-ter, DPR. n. 322/98). Correttiva nei termini Quando il contribuente corregge un Modello Unico già presentato e l invio del nuovo Modello avviene entro il 30 settembre dello stesso anno (da qui correttiva nei termini ). Integrativa a favore Quando occorre correggere errori od omissioni, che abbiano determinato l indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d imposta o di un minor credito. Dunque, dal Modello Unico integrativo scaturisce un minor debito d imposta o un maggior credito; oppure quando occorre correggere errori od omissioni non rilevanti per la determinazione della base imponibile, dell imposta, né per il versamento del tributo e che non siano di ostacolo all esercizio dell attività di controllo. Integrativa (a sfavore) Quando occorre correggere errori od omissioni che abbiano determinato l indicazione di minor reddito o, comunque, di un minor debito d imposta o di un maggior credito. Dunque, dal Modello Unico integrativo scaturisce un maggior debito d imposta o un minor credito. L integrativa a sfavore può essere presentata anche per rettificare, in base alle comunicazioni ricevute dall Agenzia delle Entrate, una dichiarazione già presentata. 2

3 Integrativa (art. 2, co. 8-ter, DPR. n. 322/98) Quando si vuole modificare l originaria richiesta di rimborso dell eccedenza d imposta esclusivamente per la scelta della compensazione, a condizione che il rimborso stesso non sia stato già erogato anche in parte. In questa sede è importante ricordare che un Modello Unico integrativo (a favore o sfavore) non può essere presentato se si è omessa la dichiarazione originaria. A tal fine, il legislatore non considera omessa bensì tardiva la dichiarazione presentata entro 90 giorni dal 30 settembre (ossia entro il 29 dicembre). Dunque, può essere corretto un Modello Unico tardivo ma non un Modello Unico omesso. Un contribuente presenta il suo Modello Unico 2016, il giorno 10 ottobre. In tal caso la dichiarazione non è considerata omessa ma tardiva (il contribuente versa la relativa sanzione). Successivamente si accorge di aver commesso degli errori. In tal caso può rimediare presentando un Modello Unico integrativo (a favore o a sfavore). Un contribuente presenta il suo Modello Unico 2016, il giorno 30 dicembre. In tal caso la dichiarazione è considerata omessa (il contribuente è soggetto alla sanzioni del caso). Successivamente si accorge di aver commesso degli errori. In tal caso NON può rimediare presentando un Modello Unico integrativo (a favore o a sfavore). CORRETTIVA NEI TERMINI (ESEMPI PRATICI) Dunque, come anticipato, qualora, dopo aver presentato il proprio Modello Unico/2016, il contribuente si fosse accorto di aver commesso degli errori o di non aver indicato tutti i dati necessari e non era ancora trascorso il termine del 30/09, poteva rimediare presentando un nuovo Modello Unico/2016 completo in tutte le sue parti (ossia completo allo stesso modo del Modello originario) ed apportandovi la correzione. Nel Modello Unico correttivo che avrebbe dovuto inviare occorreva stare attenti a barrare l apposita casella presente nel frontespizio. 3

4 Facendo riferimento al Modello Unico PF (ma la stessa cosa vale anche per il Modello Unico SP, SC ed ENC). In merito agli adempimenti del contribuente (oltre a dover presentare, direttamente o tramite intermediario incaricato, il Modello Unico correttivo), occorre distingue a seconda di ciò che scaturisce dalla correttiva. Maggior debito d imposta Occorre che il contribuente versi (con F24) la maggiore imposta dovuta. Egli può ricorrere al ravvedimento operoso. Minor credito d imposta Occorre che il contribuente versi (con F24) la differenza rispetto all importo del credito risultante dalla dichiarazione già presentata ed eventualmente già utilizzato a compensazione. Anche in tal caso è possibile ricorrere al ravvedimento operoso. Minor debito o maggior credito d imposta La differenza rispetto all importo del credito o del debito risultante dalla dichiarazione già presentata poteva essere indicata (nel Modello Unico correttivo) a rimborso (quadro RX colonna 3), oppure a compensazione (quadro RX colonna 4). In questa sede è opportuno richiamare le sanzioni applicabili per il ravvedimento operoso. Tipologia Regolarizzazione Sanzione Ravvedimento sprint Ravvedimento breve Entro i primi 14 giorni Oltre i 14 giorni ma entro 30 giorni 0,1% per ciascun giorno di ritardo 1,5% 4

5 Ravvedimento intermedio Ravvedimento lungo Ravvedimento lunghissimo Ravvedimento posto pvc Oltre i 30 giorni ma entro 90 giorni Oltre i 90 giorni ma entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione. Entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione. Oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione. Se la regolarizzazione avviene dopo la constatazione della violazione nel PVC (Processo verbale di constatazione). 1,67% 3,75% 4,29% 5% 6% Alla sanzione, si ricorda che occorre aggiungere anche gli interessi al tasso legale annuo (attualmente pari allo 0,2%) per ogni giorni di ritardo. Il sig. Rossi (persona fisica non titolare di partita IVA) a luglio 2016 ha presentato il proprio Modello Unico/2016 da cui scaturiva un credito IRPEF di 500 euro, riportato al rigo RX 1 colonna 4 (richiesta di utilizzo in compensazione). Ad agosto 2016 utilizza circa 380 euro di 500 di credito, in compensazione per i versamenti dell IMU (versata in ritardo con 5

6 ravvedimento). A settembre 2016, si accorce di aver riportato tra le spese sanitarie indicate al quadro RP, una prestazione medica di circa 800 euro che è stata sostenuta nel 2016 (e che quindi andrà riportatato nel Modello Unico/2017). Ha deciso, quindi di presentare, entro il 30/09/2016, un Modello Unico correttivo nei termini eliminando la spesa di 800 euro e da tale Modello, il credito che scaturisce non è più 500 euro ma 260 euro (che va ad indicare a colonna 4 del rigo RX1). In tal caso, egli dovrà restituire la differenza tra il nuovo credito e quanto del precedente credito ha già utilizzato in compensazione. Quindi deve restituire al fisco 120 euro ossia ( ). Egli li potrà restituire versandoli con il Modello F24 e ricorrendo al ravvedimento operoso. Il termine da cui deve decorrere il ravvedimento è quello del 16 giugno, ossia il termine previsto per il versamento dell IRPEF da Modello Unico, e ciò poiché le persone fisiche non titolari di partita IVA non sono interessate dalla proroga fissata al 7 luglio. Supponendo, dunque, che il sig. Rossi decideva di eseguire il versamento il giorno 19 settembre, questi doveva versare: IRPEF = 120 euro (codice tributo 4001); Sanzione = 3,75% di 120 euro ossia 4,50 euro (ravvedimento lungo); Interessi (tasso attuale pari allo 0,2%) = [(120 x 0,2%) /365] x 95 giorni di ritardo = 0,06. Il Modello F24 per il versamento (sezione Erario) andava così compilato: Non è necessario che il versamento del maggior debito o del minor credito sia stato eseguito entro il termine di presentazione del Modello correttivo (ossia entro il 30/09/2016). Quindi, può anche accadere che il contribuente abbia presentato il modello correttivo entro il 30/09, ma decide di versare dopo la predetta data. Ovviamente più tardi si versa, maggiori potrebbero essere sanzioni ed interessi. 6

7 INTEGRATIVA A FAVORE (ESEMPI PRATICI) La dichiarazione integrativa a favore serve a correggere un Modello Unico già inviato ed è altresì spirato il termine del 30/09 (quindi, non si è più nei termini per la correttiva ). Dalla correzione (rettifica o integrazione) scaturisce una situazione più favorevole per il contribuente rispetto al Modello Unico già inviato che si va a correggere. Quando si presenta un Modello Unico integrativo a favore, è necessario che sia barrata la relativa casella presente nel frontespizio. Ad esempio con riferimento al Modello Unico SP (ma la stessa cosa vale anche per il Modello Unico PF, SC ed ENC): Dichiarazione integrativa a favore In quali casi si può presentare Per correggere errori od omissioni, che abbiano determinato l indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d imposta o di un minor credito. Dunque, dal Modello Unico integrativo scaturisce un minor debito d imposta o un maggior credito. Il Modello Unico/2016 integrativo a favore va presentato entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo (ossia entro il 30/09/2017) Cosa deve fare il contribuente L eventuale minor debito o maggior credito risultante dalla dichiarazione integrativa può essere indicato (nel Modello Unico correttivo) a rimborso (quadro RX colonna 3) oppure a compensazione (quadro RX colonna 4). 7

8 Per la correzione di errori od omissioni non rilevanti per la determinazione della base imponibile, dell imposta, né per il versamento del tributo e che non siano di ostacolo all esercizio dell attività di controllo. Nulla (deve solo presentare la dichiarazione integrativa) Il sig. Rossi a luglio 2016 ha presentato il proprio Modello Unico/2016 da cui scaturiva un credito IRPEF di 200 euro, riportato al rigo RX 1 colonna 4 (richiesta di utilizzo in compensazione). Ad ottobre 2016, si accorge di non aver riportato tra gli oneri deducibili, l assegno corrisposto all ex coniuge nel La somma non indicata ammonta a euro. In tal caso, essendo trascorso il termine del 30/09, questi non può presentare un Modello Unico correttivo nei termini, ma potrà presentare una integrativa a favore entro il 30/09/2017 ed il maggior credito derivante dal Modello Unico integrativo (per via dell inserimento di un ulteriore onere deducibile che non era stato indicato nel modello originario) potrà essere chiesto a rimborso, oppure in compensazione. INTEGRATIVA (SFAVORE) (ESEMPI PRATICI) La dichiarazione integrativa (a sfavore) è da presentarsi (se trascorso il 30/09) per rettificare o integrare un Modello Unico già presentato e dalla correzione ne deriva una situazione più sfavorevole per il contribuente (maggiore imposta dovuta o minor credito spettante). In caso di presentazione di Modello Unico integrativo (a sfavore), occorre compilare (non barrare) l apposita casella presente nel frontespizio, in cui riportare il codice 1 o 2. 8

9 Dichiarazione integrativa (a sfavore) Codice indicato 1 2 Termine di presentazione La dichiarazione integrativa può essere presentata entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione originaria. Entro il termine indicato nell avviso ricevuto. Cosa deve fare il contribuente Il contribuente dovrà versare (con ravvedimento) la maggiore imposta dovuta o il maggior credito di cui si è usufruito. Il contribuente dovrà versare (con sanzione) la maggiore imposta contestata dall Agenzia delle Entrate. Proprio con riferimento al codice 2, è di pochi giorni fa la pubblicazione di una guida dettagliata da parte dell Agenzia delle Entrate. 9

10 Un autotrasportatore (ditta individuale) ha liquidato le imposte dovute da Modello Unico/2016 (periodo d imposta 2015) applicando la deduzione forfettaria prevista dal comma 5 art. 66 TUIR, prendendo come riferimento gli importi in vigore l anno prima ossia 2014 e non quelli aggiornati e resi noti dall Agenzia delle Entrate con il comunicato stampa del 5 luglio 2016 validi per il Inoltre il Modello Unico 2016 è stato già inviato. Dunque, il versamento dell F24 delle imposte dovute e calcolate è stato fatto in base alle vecchie deduzioni Solo a novembre ci si accorge di ciò. La deduzione forfettaria che avrebbe dovuto applicare era di 51 euro (quella aggiornata per il 2015) e non di 73 euro (ossia quella vecchia). Dunque, una deduzione più bassa, con conseguente maggiore imposta da versare. Pertanto egli dovrà riliquidare l imposta dovuta presentando un Modello Unico integrativo (a sfavore) indicando il codice 1 nella casella del frontespizio. Dovrà versare il maggior debito o il minor credito applicando il ravvedimento (la sanzione dipenderà dal momento in cui egli decide di ravvedersi). C è tempo fino al 31/12/2020 per la presentazione del Modello Unico/2016 integrativo. Nel caso di presentazione della dichiarazione integrativa (a sfavore) è necessario evidenziare nella stessa quali quadri o allegati della dichiarazione originaria sono oggetto di aggiornamento e quali non sono stati, invece, modificati. A tal fine occorre compilare le apposite caselle presenti nella sezione Firma della dichiarazione e Tipo di dichiarazione. 10

11 In particolare occorre indicarvi uno dei codici riportati nella tabella che segue. Codice da indicare (integrativa a sfavore) Ipotesi Quadro o allegato compilato sia nella dichiarazione integrativa che nella dichiarazione originaria senza modifiche, Quadro o allegato compilato nella dichiarazione integrativa, ma assente o compilato diversamente nella dichiarazione originaria, Quadro o allegato presente nella dichiarazione originaria ma assente nella dichiarazione integrativa. Codice DICHIARAZIONE INTEGRATIVA (ART. 2, CO. 8-TER, DPR. N. 322/98) La dichiarazione integrativa (art. 2, co.8-ter, D.P.R. n. 322/98) può essere presentata per modificare l originaria richiesta di rimborso dell eccedenza d imposta esclusivamente per la scelta della compensazione, a condizione che il rimborso stesso non sia stato già erogato anche in parte. In tal caso occorrerà barrare l apposita casella presente nel frontespizio. 11

12 La casella non va barrata qualora, si trattasse anche di Dichiarazione integrativa a favore ovvero Dichiarazione integrativa (poiché in tal caso occorrerà barrare solo una delle due predette caselle a seconda del caso). Dichiarazione integrativa (art. 2, co.8-ter, D.P.R. n. 322/98) Quando si può presentare Per modificare la scelta effettuata in merito al rimborso. Il contribuente invece che la richiesta di rimborso del credito vuole, invece, chiederne l utilizzo in compensazione. Termine di presentazione Entro 120 giorni dalla scadenza del 30/09. Il sig. Rossi a settembre 2016 ha presentato il proprio Modello Unico/2016 da cui scaturiva un credito IRPEF di 800 euro, riportato al rigo RX 1 colonna 3 (richiesta di rimborso). A dicembre 2016, deve pagare l IMU e gli si presenta la necessità di utilizzare una parte del credito di 800 euro in compensazione per il versamento del tributo sulla casa. Il rimborso degli 800 euro non gli è ancora stato predisposto. Egli può presentare un Modello Unico integrativo (art. 2, co.8-ter, D.P.R. n. 322/98) compilandolo in modo identico al modello già inviato (barrando la casella presente nel frontespizio) e riportando il credito di 800 euro (o anche solo una parte di esso, lasciando a rimborso la restante parte) al rigo RX1 colonna 4 (richiesta di utilizzo in compensazione). Il termine uitimo per la presentazione del Modello Unico/2016 integrativo (art. 2, co.8-ter, D.P.R. n. 322/98) è 28 gennaio 2017 che però essendo sabato slitta al 30 gennaio. ACCENNI ALLA CORREZIONE DEL MODELLO 730 Come il Modello Unico, anche il Modello 730 già inviato, può essere successivamente integrato/modificato. In questa sede, dunque, pare opportuno dare degli accenni al riguardo. Come si legge dalle istruzioni ministeriali al Modello 730/2016, qualora il contribuente si dovesse accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione e l integrazione e/o la rettifica comportano un maggiore credito o un minor debito o un imposta pari a quella determinata con il Mod. 730 originario, può a sua scelta: presentare entro il 25 ottobre un nuovo modello 730 completo di tutte le sue parti, indicando il codice 1 nella relativa casella 730 integrativo 12

13 presente nel frontespizio. Il mod. 730 integrativo deve essere comunque presentato a un Caf o a un professionista abilitato anche in caso di assistenza precedentemente prestata dal sostituto. Il contribuente che presenta il mod. 730 integrativo deve esibire la documentazione necessaria al Caf o al professionista abilitato per il controllo della conformità dell integrazione che è effettuata; oppure presentare un modello UNICO/2016, utilizzando l eventuale differenza a credito e richiedendone il rimborso. In tal caso il Modello UNICO poteva essere presentato entro il 30 settembre 2016 (correttiva nei termini) oppure può essere presentato entro il termine previsto per la presentazione del modello UNICO relativo all anno successivo (dichiarazione integrativa a favore) ossia entro il 30 settembre Se, invece, il contribuente si accorgesse di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione e l integrazione o la rettifica comporta un minor credito o un maggior debito deve utilizzare il modello UNICO/2016 (senza possibilità di alcun Modello 730 integrativo). In tal caso, il Modello Unico può essere presentato: entro il 30 settembre 2016 (correttiva nei termini); entro il termine previsto per la presentazione del modello UNICO relativo all anno successivo (dichiarazione integrativa) ossia entro il 30 settembre 2017; entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione (dichiarazione integrativa art. 2 comma 8 del D.P.R. 322 del 1998). In tutti e tre i casi occorre versare il maggior tributo dovuto applicando sanzioni ed interessi attraverso l istituto del ravvedimento operoso. CHECK LIST Dati del contribuente Devo correggere un Modello Unico già inviato Dal Modello Unico correttivo nei termini È già trascorso il 30/09 È già stato presentato un Modello correttivo nei termini È scaturito un minor credito o un maggior debito d imposta (versare con ravvedimento) È scaturito un minor debito o un maggior 13

14 Devo correggere un Modello Unico già inviato ma è già trascorso il 30/09 credito d imposta (richiesta a rimborso o in compensazione) Dichiarazione integrativa a favore (entro il 30/09 dell anno successivo quello di presentazione della dichiarazione che si va a correggere) Dichiarazione integrativa (a sfavore) Dichiarazione integrativa (art. 2, co. 8-ter, D.P.R. n. 322/98) Dichiarazione integrativa a favore Casella Dichiarazione integrativa (a sfavore) Sezione Tipo dichiarazione e Firma della dichiarazione del Modello Unico integrativo (a sfavore) Dichiarazione integrativa (art. 2, co. 8-ter, D.P.R. n. 322/98) Minor debito o maggior credito d imposta (richiesta a rimborso o in compensazione) Nessuna rilevanza per la determinazione del reddito e dell imposta Codice 1 Codice 2 Codice 1 Codice 2 Codice 3 Entro 120 giorni dal 30/09 Oltre 120 giorni dal 30/09 (non è possibile presentarla) 730 integrativo (entro il 25 ottobre) Correzione 730 Modello Modello Unico correttivo nei termini Modello Unico integrativo a favore Modello Unico integrativo (a sfavore) - Riproduzione riservata - 14

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014.

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 13 15.01.2014 Conversione del credito in Unico entro il 28.01 Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione I contribuenti che hanno presentato

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Gentile Cliente, Il contribuente che avrà commesso errori riguardanti l invio delle dichiarazioni fiscali, dovrà

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Roma, 16/10/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu a cura di Salvina Morina E Tonino Morina Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

DOPO LA DICHIARAZIONE

DOPO LA DICHIARAZIONE DOPO LA DICHIARAZIONE Come rimediare in caso di errori od omissioni Capitolo 14 14.1 COME RIMEDIARE IN CASO DI ERRORI OD OMISSIONI 14.1.1 I termini dei versamenti 14.1.2 Sanzioni e ravvedimento per tardivi

Dettagli

LE IMPOSTE DIRETTE: IRES E IRAP. Definizione e caratteri generali IRES

LE IMPOSTE DIRETTE: IRES E IRAP. Definizione e caratteri generali IRES LE IMPOSTE DIRETTE: IRES E IRAP Definizione e caratteri generali IRES Imposta istituita con d.lgs. n.344/2003, in sostituzione dell'imposta sul reddito delle persone giuridiche (IRPEG), l'imposta sul reddito

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

Dichiarazione Correttiva/Integrativa Unico PF da Modello 730

Dichiarazione Correttiva/Integrativa Unico PF da Modello 730 HELP DESK Nota Salvatempo 0042 MODULO Dichiarazione Correttiva/Integrativa Unico PF da Modello 730 Quando serve Per gestire la Dichiarazione Correttiva/Integrativa/Integrativa a favore, per l anno di imposta

Dettagli

Circolare per il professionista

Circolare per il professionista Circolare per il professionista Circolare n. 4 del 23 aprile 2014 Riflessi fiscali della correzione degli errori contabili - Chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate 24.9.2013 n. 31 - Novità dei modelli

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO

IL NUOVO RAVVEDIMENTO COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE A cura di Roberto Ferrara IL NUOVO RAVVEDIMENTO L istituto del ravvedimento cd. operoso, Disciplinato dall art. 13, D.lgs. 18 dicembre 1977, n. 472, consente all autore

Dettagli

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista VIOLAZIONI TRIBUTARIE E RAVVEDIMENTO OPEROSO Principali novità 2007 Ravvedimento dichiarazioni fiscali (Unico, Iva, Irap e 770) Emendabilità delle dichiarazioni Valenza circolari e risoluzioni Ae a cura

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

MODELLO 730/2011 NOVITÀ

MODELLO 730/2011 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 11/2011 del 24 marzo 2011 MODELLO 730/2011 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadri del Modello 730/2011 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2011

Dettagli

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO " FISCO La presentazione della dichiarazione dei redditi, IRAP e IVA rappresenta l adempimento

Dettagli

Dichiarazioni integrative

Dichiarazioni integrative Dichiarazioni integrative a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino Presentazione dichiarazione TERMINE ORDINARIO Art. 2 co. 2 D.P.R. 322/1998 entro l ultimo giorno del 9 mese successivo a quello di

Dettagli

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 16/2010: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli a credito... 3 Conguagli a debito... 3

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST CONTROLLO DI UNICO DOPO L INVIO

STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST CONTROLLO DI UNICO DOPO L INVIO STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST CONTROLLO DI UNICO DOPO L INVIO 1 14 DATI Cognome e Nome del contribuente: DENOMINAZIONE /RAGIONE SOCIALE CODICE FISCALE Partita IVA _ TRAMISSIONE UNICO PF SP SC ENC Ordinario

Dettagli

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Il nuovo modello CU (Provvedimento n. 4790/E del 15.01.2015, circolare ASSONIME n. 4 del 19.02.2015) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ASSONIME,

Dettagli

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Con il provvedimento 31.1.2014 pubblicato sul sito internet dell Agenzia

Dettagli

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 )

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) CONG730 2015 2/47 INDICE Conguagli del sostituto d imposta per risultanze modello 730... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione DICHIARAZIONI Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata a cura del Comitato di redazione L Agenzia delle entrate si adopera per fornire ogni precisazione possibile sull imminente adempimento della

Dettagli

IMU / TASI REGIME SANZIONATORIO E RAVVEDIMENTO OPEROSO

IMU / TASI REGIME SANZIONATORIO E RAVVEDIMENTO OPEROSO IMU / TASI REGIME SANZIONATORIO E RAVVEDIMENTO OPEROSO In questa Circolare 1. Premessa 2. Il ravvedimento operoso per Imu e Tasi dal 2015 3. Violazioni riferite ai versamenti e ravvedimento 4. Violazioni

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 27 marzo 2010 OGGETTO: Modello 730/2010 - Redditi 2009 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 09/02/2015 Circolare n. 04/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

STRUMENTI DI LAVORO RAVVEDIMENTO IMPOSTE E PAGAMENTI

STRUMENTI DI LAVORO RAVVEDIMENTO IMPOSTE E PAGAMENTI STRUMENTI DI LAVORO RAVVEDIMENTO IMPOSTE E PAGAMENTI Al fine di poter individuare il termine di versamento delle imposte è necessario far riferimento all articolo 17, D.P.R. n. 435/2001, in virtù del quale:

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 marzo 2011 OGGETTO: Modello 730/2011 - Redditi 2010 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE 2 DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 7

I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE 2 DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 7 genzia ntrate UNICO Società di persone 2014 Dichiarazione delle società di persone ed equiparati - Periodo d imposta 2013 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

Conguaglio risultanze 730

Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2012.00.10 ) INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 15/2012: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE A cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria del 30

Dettagli

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

La correzione degli errori in bilancio

La correzione degli errori in bilancio La correzione degli errori in bilancio trattamento fiscale alla luce dei chiarimenti forniti nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013 Francesca Roselli 1 Normativa e soggetti interessati Normativa:

Dettagli

UNICO SOCIETÀ DI PERSONE 2015. a cura di Antonio Gigliotti

UNICO SOCIETÀ DI PERSONE 2015. a cura di Antonio Gigliotti UNICO SOCIETÀ DI PERSONE 2015 a cura di Antonio Gigliotti GLI AUTORI Antonio Gigliotti Direttore e autore della collana di aggiornamento professionale Fiscal-Focus.it e del quotidiano Fiscal-Focus.info.

Dettagli

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO 730/2015 730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Da quest anno

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli

I R A P. Dichiarazione dell imposta regionale sulle attività produttive. anno d imposta 2014

I R A P. Dichiarazione dell imposta regionale sulle attività produttive. anno d imposta 2014 I R A P Dichiarazione dell imposta regionale sulle attività produttive 2015 anno d imposta 2014 IRAP 2015 INDICE MODELLO IRAP I. ISTRUZIONI GENERALI............................................................................................

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

Agenzia delle Entrate Ufficio di Palermo 2 PROGETTO FISCO IN CLASSE. in collaborazione con

Agenzia delle Entrate Ufficio di Palermo 2 PROGETTO FISCO IN CLASSE. in collaborazione con Agenzia delle Entrate Ufficio di Palermo 2 PROGETTO FISCO IN CLASSE in collaborazione con Istituto d Istruzione Superiore Don G. Colletto Sezione ITC di Marineo Imposte e Dichiarazioni Le Imposte 2 Le

Dettagli

Circolare n. 6/2014: Riflessi fiscali della correzione degli errori contabili - Novità dei modelli UNICO 2014

Circolare n. 6/2014: Riflessi fiscali della correzione degli errori contabili - Novità dei modelli UNICO 2014 PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Avv. Roberto Gruttadauria Dott. Marco gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Avv. Valeria Pagani Dott. Pietro Coluzzi Dott. Luca

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA DELL ANNO 2012 MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO E MODELLO 770/2013 ORDINARIO RIFERIMENTI NORMATIVI ARTT. 4 8/8BIS DPR 22.07.1998 N. 322; ART. 4 DPR 7.12.2001

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Periodo d imposta 2013

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Periodo d imposta 2013 4 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Periodo d imposta 2013 I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI, ENTI COMMERCIALI ED EQUIPARATI II. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 Circolare informativa per la clientela Maggio 2014 SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 In questa Circolare 1. Termini di versamento 2. Modalità di versamento 3. Rateazione 4. Determinazione degli acconti

Dettagli

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014 In questa Circolare 1. Termini di versamento 2. Modalità di versamento 3. Rateazione 4. Determinazione degli

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 Circolare informativa per la clientela n. 15/2014 dell'8 maggio 2014 SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 SOMMARIO 1. TERMINI di VERSAMENTO... 2 2. MODALITÀ di VERSAMENTO... 3 3. RATEAZIONE... 6 4. DETERMINAZIONE

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Unico co2012 Periodo d imposta 2011 I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE II. R1 R2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona?

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona? Con il Ravvedimento Operoso IMU 2012 il contribuente può regolarizzare spontaneamente la sua posizione tributaria in caso di omesso, parziale, tardivo o infedele versamento dell imposta municipale propria,

Dettagli

Società di Capitali 2007

Società di Capitali 2007 genzia ntrate Società di Capitali 2007 DICHIARAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI, ENTI COMMERCIALI ED EQUIPARATI Periodo di imposta 2006 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

Alcuni Servizi nel Dettaglio

Alcuni Servizi nel Dettaglio Alcuni Servizi nel Dettaglio PAGINA 2: PAGINA 3: PAGINA 4: PAGINA 5: PAGINA 6: MODELLO 730 - REDDITI LAVORO DIPENDENTE UNICO PF - REDDITI SULLE PERSONE FISICHE NON SOGGETTI AD IVA DETRAZIONI - INPS, INPDAP,

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 PROGRAMMA Gli strumenti deflattivi: esame delle novità introdotte dalla Legge di stabilità 2015 Come cambia l approccio

Dettagli

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente

Dettagli

10.2015 Marzo. 730 Precompilato. Circolare Informativa per i Clienti. Sommario

10.2015 Marzo. 730 Precompilato. Circolare Informativa per i Clienti. Sommario 10.2015 Marzo 730 Precompilato Sommario 1. PREMESSA... 2 2. DOMANDE E RISPOSTE... 3 2.1 Chi può utilizzare il 730 2015 precompilato? Entro quando va presentato?... 3 2.2 Un contribuente che ha presentato

Dettagli

UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013

UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013 UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013 ASSISTENZA FISCALE MOD. 730/2013 REDDITI 2012 - CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 14/E DEL 9.5.2013 Con la presente forniamo la consueta illustrazione

Dettagli

Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015. Sommario. Contenuto. Circolare numero 12/2015. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g.

Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015. Sommario. Contenuto. Circolare numero 12/2015. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 Circolare numero 12/2015 Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015 Sommario Novità fiscali inerenti bonus, detrazioni, incentivi, fondi pensione, tassazione

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI GLI ACCONTI PAGATI La compilazione del quadro F del 730 Il quadro F del modello 730 si compone di 8 sezioni nelle quali sono riportati i seguenti dati: Sezione

Dettagli

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO Premessa generale L Agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2013 ha approvato il modello 770/2013 semplificato

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE CIRCOLARE N. 10/E Roma, 13 febbraio 2003 Direzione Centrale Gestione Tributi Oggetto: Modello 730/2003 redditi 2002. Assistenza fiscale prestata dai sostituti d imposta e dai Centri di assistenza fiscale

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE 1)COP 760/2002 27-03-2002 10:25 Pagina 1 (Nero/Process Black pellicola) AGENZIA DELLE ENTRATE COLORE AZZURRO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI pag. 8 R1 Soggetti tenuti a utilizzare

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE

DICHIARAZIONE DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE genzia ntrate UNICO Società di persone 2009 Periodo d imposta 2008 DICHIARAZIONE DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli Gli adempimenti fiscali delle Camere di Commercio Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli D.p.r. 322/1998 Sono obbligati alla presentazione per via telematica delle previste dal decreto

Dettagli

Roma, 22 Settembre 2011. Prot. n. 433/2011/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI

Roma, 22 Settembre 2011. Prot. n. 433/2011/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI

DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DI FINE ANNO DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI GIANCARLO MODOLO Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

LEGGE STABILITA. Provvedimenti di natura fiscale. 2 parte. n. 190 del 23/12/2014 ----------- Modena, 16 gennaio 2015

LEGGE STABILITA. Provvedimenti di natura fiscale. 2 parte. n. 190 del 23/12/2014 ----------- Modena, 16 gennaio 2015 LEGGE STABILITA n. 190 del 23/12/2014 ----------- Provvedimenti di natura fiscale 2 parte Modena, 16 gennaio 2015 Legge stabilità ELENCO PROVVEDIMENTI COMMENTATI: Modifiche al ravvedimento operoso; Abrogazione

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 Redditi 2011 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2011 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Soggetti non residenti: novità detrazioni e deduzioni

Soggetti non residenti: novità detrazioni e deduzioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 17.03.2015 Soggetti non residenti: novità detrazioni e deduzioni UNICO PF 2015 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone fisiche

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Maggio 2013 Premessa Dal 2012 l Imu sostituisce l Ici per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali

Dettagli

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ Circolare informativa per la clientela n. 23/2014 del 17 luglio 2014 CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ In questa Circolare 1. Iva 2. Altre imposte In linea generale, i crediti che trovano

Dettagli

DOTT. GINO COLLA Via Mazzini, 7 Udine CIRCOLARE FISCALE GENNAIO 2015

DOTT. GINO COLLA Via Mazzini, 7 Udine CIRCOLARE FISCALE GENNAIO 2015 Con la presente circolare si riassumono le novità del mese di gennaio 2015. ACCERTAMENTO Termini per i controlli - Termini in scadenza al 31.12.2014 I provvedimenti impositivi devono essere notificati

Dettagli

Unico. Unico PF 730 Unico SP IVA Unico SC IRAP SDS Unico ENC 770. i Casi di. ebook. Unico PF DICHIARAZIONI FISCALI SISTEMA INTEGRATO. A.

Unico. Unico PF 730 Unico SP IVA Unico SC IRAP SDS Unico ENC 770. i Casi di. ebook. Unico PF DICHIARAZIONI FISCALI SISTEMA INTEGRATO. A. DICHIARAZIONI FISCALI SISTEMA INTEGRATO Unico PF 2014 A. Gigliotti i Casi di Unico ebook PF Unico PF 730 Unico SP IVA Unico SC IRAP SDS Unico ENC 770 Seguici @ipsoa #dichiarativi www.ipsoa.it/dichiarazioni

Dettagli

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015 VideoLavoro 19 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica 2015 rubrica: novità e piccoli focus di periodo A cura di Alberto Bortoletto e Laurenzia Binda 1 Certificazione Unica 2015 2 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Dettagli

I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE 2 DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 6

I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE 2 DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 6 genzia ntrate UNICO 2011 Società di persone Periodo d imposta 2010 DICHIARAZIONE DELLE SOCIETÀ DI PERSONE ED EQUIPARATE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Firenze, 28/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Il ravvedimento operoso è un utile istituto che, da oltre 15 anni, permette ai contribuenti di rimediare spontaneamente

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015

LEGGE DI STABILITA 2015 Pag.1 di 7 LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 (Legge n. 190 del 23.12.2014): LE PRINCIPALI NOVITA FISCALI - 1^ PARTE N. 1 del 23 gennaio 2015 Gentilissimo Cliente, con la legge di stabilità per il 2015 il

Dettagli

Tomassetti & Partners

Tomassetti & Partners CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 12 DEL 5.11.2013 ARGOMENTO: ACCONTI DI NOVEMBRE 2013 Entro il 2.12.2013 i contribuenti sono tenuti al versamento degli acconti Irpef, Ires, Irap, Ivie e Ivafe, Ivs (per artigiani

Dettagli

MODELLO 730/2013 NOVITÀ

MODELLO 730/2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 9/2013 del 14 marzo 2013 MODELLO 730/2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadro del Modello 730/2013 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2013

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 16 MAGGIO 2008 Informativa n. 42 DICHIARAZIONE DEI

Dettagli

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni).

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni). 09 febbraio 2012 INTRASTAT: Periodicità degli elenchi e termini di presentazione Con la presente comunicazione si intende fornire un quadro completo dei principali adempimenti in materia di compilazione

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli