EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI"

Transcript

1 EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI Rosalba Bona Può sembrare strano di dover enunciare come primo requisito di un ospedale quello di non arrecare danno al malato Florence Nightingale ( ) Savona 24 febbraio 2007

2 Le tappe storiche 1846 Lavaggio delle mani I. F. Semmelweis ( ) 1857 Nascita della Microbiologia come scienza Luigi Pasteur ( )

3 Malattia infettiva nosocomiale Non deve essere in atto né in incubazione al momento del ricovero È considerata tale anche una malattia che si manifesta dopo la dimissione con arco temporale variabile a seconda delle situazioni (da 4 giorni fino ad 1 anno per l impianto di protesi)

4 Fonti endogene di infezione Molti siano quelli che vivono con te in ottimi rapporti, ma tu non ti fidare troppo facilmente perché v è chi di amico si cambia in nemico Siracide (6, 6-9) FLORA MICROBICA COMMENSALE CUTE VIE AEREE INTESTINO POPOLAZIONE RESIDENTE 1/2

5 Fonti endogene di infezione Popolazione residente In equilibrio con l ospite con rapporto di mutuo vantaggio (vit. B e K) Popolazione BARRIERA di difesa biologica Se si turba l equilibrio ( difese) Cambiamento di sede (cistiti da E.coli, endocarditi da Streptococcus sanguis) Dismicrobismo (colite pseudomembranosa da Clostridium difficile) 2/2

6 Fonti esogene di infezione il PERSONALE (es. portatori di Staphylococcus aureus) i VISITATORI (via aerea) i PAZIENTI (via aerea - mani del personale di assistenza) l AMBIENTE (biancheria, stoviglie, impianti di condizionamento, letti, mazzi di fiori, ) MATERIALE e STRUMENTI SANITARI (cateteri, endoscopi, attrezzature per dialisi, )

7 Reparti ad alto rischio infettivo Terapia intensiva Rianimazione Trapianti Ematologia Oncologia Dialisi Ustionati Neurochirurgia Cardiochirurgia Chirurgia d urgenza Chirurgia generale Neonatologia (prematuri) Ostetricia Urologia Traumatologia Ortopedia (protesi)

8 Agenti eziologici delle malattie infettive nosocomiali PROGRESSI DELLA MEDICINA Aumentano gli anziani e i soggetti COMPROMESSI Aumentano le possibilità per i microrganismi OPPORTUNISTI Aumentano le RESISTENZE BATTERICHE agli ANTIBIOTICI ( ceppi di reparto )

9 I MICRORGANISMI

10 I batteri cocchi bacilli hanno costituito la prima forma di vita sulla Terra (3,5-4 miliardi di anni fa) ARCHAEBACTERIA (metanobatteri, solfobatteri, )

11 Enterobacteriaceae bacilli Gram - Escherichia coli Al primo posto come patogeno ospedaliero Proteus spp. Morganella morganii Klebsiella pneumoniae Serratia marcescens Enterobacter cloacae Citrobacter freundii molto diffusi nell ambiente (H 2 O e suolo) 1/2

12 Enterobacteriaceae bacilli Gram - La R agli antibiotici varia a seconda del genere e della specie, ma grande capacità di acquisire R sempre maggiore per la PRESSIONE SELETTIVA conseguente all utilizzo degli antibiotici (β-lattamasi ESBL) R a tutte le PENICILLINE NON PROTETTE, le CEFALOSPORINE, i MONOBATTAMICI 2/2

13 Staphylococcus aureus cocchi Gram + Glicocalice (slime) β lattamasi (1941, poco dopo introduzione Penicillina) Meticillino-resistenza (MRSA) MRSA resistenti a: S ai glicopeptidi protesi cateteri β-lattamici macrolidi aminoglicosidi chinoloni

14 Staphylococcus epidermidis cocchi Gram + opportunista emergente ruolo patogeno quasi esclusivamente in ospedale multiresistente

15 Bacilli Gram non fermentanti Pseudomonas aeruginosa predilige AMBIENTE UMIDO (acque, suolo, vegetazione) e si insedia con successo negli ospedali può diventare ubiquitario (anche attrezzature, specie se caratterizzate da elevato tasso di umidità) 1/2

16 Bacilli Gram non fermentanti PARTICOLARMENTE VIRULENTO infezioni di ferite chirurgiche infezioni di ustioni polmoniti infezioni vie urinarie batteriemie Burkholderia cepacia Acinetobacter spp. 2/2

17 Streptococcus cocchi Gram + Streptococcus pneumoniae raramente polmoniti nosocomiali Streptococcus agalactiae neonati Enterococcus faecalis faecium vie urinarie, ferite chirurgiche, ulcere da decubito, batteriemie, endocarditi

18 Legionella pn. bacilli pleomorfi Gram - determinazione Gram difficile patologia umana: sierotipi habitat acquatico: laghi, fiumi, fango, piscine, H 2 O potabile, impianti aria sierodiagnosi: ricerca ab ricerca antigene urinario (sierogruppo 1)

19 I virus Il loro ruolo nella patologia infettiva nosocomiale è sottostimato perché non è così facile evidenziarli, a differenza della maggior parte dei batteri

20 Parassita cellulare obbligato, il virus non ha vita propria perché possiede un solo acido nucleico (o DNA o RNA) non può replicarsi da solo ha bisogno di una cellula per vivere

21 Il ruolo dei virus nelle infezioni nosocomiali Virus epatite e HIV oggi rischio Citomegalovirus trapianti neonatologia Virus respiratori soprattutto pediatria V. resp. sinciziale V. influenzali e parainfl. VZV: varicella zoster immunocompromessi

22 Il ruolo dei miceti nelle infezioni nosocomiali miceti lievitiformi unicellulari sono opportunisti, ma la fonte è spesso ENDOGENA per difese immunitarie Candida albicans polmoniti esofagiti endocarditi infezioni di ustioni cistopieliti sepsi 1/2

23 Il ruolo dei miceti nelle infezioni nosocomiali miceti pluricellulari filamentosi: MUFFE molto diffusi nell ambiente Aspergillus spp. polmonite acuta aspergillosi broncopolmonare allergica aspergilloma 2/2

24 in HIV, trapiantati, immunocompromessi Cryptococcus neoformans Micete lievitiforme Opportunista Ambiente: feci di piccione Pneumocystis carinii (già classificato come protozoo) Basso potenziale di patogenicità: si instaura lentamente (sintomatologia respiratoria conclamata anche dopo mesi dall esordio aspecifico)

25 LOCALIZZAZIONI PREMINENTI ED AGENTI EZIOLOGICI CORRELATI

26 Patologia infettiva delle vie urinarie (prevalenza 34-46%) Escherichia coli Proteus spp. Klebsiella pneumoniae Enterobacter cloacae Pseudomonas aeruginosa Acinetobacter spp. Providencia stuartii Enterococcus faecalis Enterococcus faecium Serratia marcescens Staphylococcus epidermidis Staphylococcus saprophyticus Burkholderia cepacia Candida albicans

27 Patologia infettiva di ferite chirurgiche (prevalenza 8-27%) Staphylococcus aureus Escherichia coli Bacteroides spp. Pseudomonas aeruginosa Enterococcus faecalis Staphylococcus epidermidis Burkholderia cepacia (già Pseudomonas) Streptococcus pyogenes Clostridium spp.

28 Patologia infettiva delle basse vie respiratorie (prevalenza 11-18%) Staphylococcus aureus Pseudomonas aeruginosa Klebsiella pneumoniae Escherichia coli Enterobacter cloacae Serratia marcescens Proteus spp. Legionella spp. Haemophilus influenzae Citrobacter spp. Acinetobacter spp. Enterococcus faecalis 1/2

29 Patologia infettiva delle basse vie respiratorie (prevalenza 11-18%) Anaerobi non sporigeni Burkholderia cepacia Mycobacterium tuberculosis Virus respiratorio sinciziale (RSV) Virus influenzale A Virus parainfluenzali Virus varicella zoster (VZV) Citomegalovirus (CMV) Aspergillus spp. Candida albicans Cryptococcus neoformans Pneumocystis carinii 2/2

30 Patologia infettiva della cute ustionata (prevalenza 4-8%) Staphylococcus aureus Pseudomonas aeruginosa Streptococcus pyogenes Enterococcus faecalis Anaerobi non sporigeni Virus Herpes Simplex (HIV) Candida albicans

31 Batteriemie primitive (prevalenza 3-7%) Staphylococcus epidermidis Staphylococcus aureus Escherichia coli Klebsiella pneumoniae Enterobacter cloacae Enterococcus faecalis Pseudomonas aeruginosa Burkholderia cepacia Serratia marcescens Citrobacter freundii Acinetobacter spp. Candida albicans

32 tutte queste cose che vedi, quanto rapidamente si mutano e più non sono! Marco Aurelio ( )

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 1 RIANIMAZIONE 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 4 0 4 PROTESI 7 3 10 ANTIGENE CLOSTRIDIUM DIFFICILE 5

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 2003-2005 Rischio infettivo 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Maria Luisa Moro 1 Infezioni correlate all assistenza Sono infezioni che insorgono come risultato di interventi sanitari Possono essere acquisite

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Nuovi aspetti epidemiologici delle infezioni correlate all assistenza sanitaria Aggiornamento

Dettagli

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof. L. M. Fabbri Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie LA DIAGNOSI MICROBIOLOGICA Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie Lucia Martelli influenza la terapia che è in funzione di permette di individuare cluster epidemici Presenza

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Automazione in batteriologia: nuove frontiere tecnologiche Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Cambiamenti in batteriologia: raccolta del campione Comparison of 3 swab

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

Gestione del Paziente Colonizzato o con Infezione da Germi Sentinella

Gestione del Paziente Colonizzato o con Infezione da Germi Sentinella Pagina 1 di 10 Tipo di Documento Procedura Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro V. Crivaro, L. Pagano, A. Rispo, G. Sagliocco, R. Utili Contenuti: Applicazioni Responsabilità Premessa Modalità di contagio

Dettagli

Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere. Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze

Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere. Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze OSPEDALE: SEMINARIUM MORTIS, THESAURUS INFECTIONIS (Gottfried Wilhelm

Dettagli

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro POLMONITI Elisabetta Balestro Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari Università degli Studi di Padova POLMONITI Classificazione Definizione Epidemiologia

Dettagli

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori?

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Dal Dal Lazzaretto ai ai flussi laminari. Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Precauzioni di Isolamento da Patogeni Emergenti. Prevenzione

Dettagli

Epidemiologia delle Infezioni nosocomiali

Epidemiologia delle Infezioni nosocomiali CAPITOLO I Epidemiologia delle Infezioni nosocomiali S tudi condotti in tutto il mondo documentano che le infezioni nosocomiali sono una delle maggiori cause di morbilità e di mortalità (1-13). Una elevata

Dettagli

I programmi e i sistemi di sorveglianza

I programmi e i sistemi di sorveglianza Società Italiana di Medicina di Laboratorio Sezione Abruzzo Gruppo di Studio di MALATTIE INFETTIVE Gruppo di Studio di RISK MANAGEMENT Montesilvano 7 Marzo 2008 I programmi e i sistemi di sorveglianza

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

STUDIO DEI MECCANISMI DI PATOGENICITÀ DEI BATTERI RESPONSABILI DI INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

STUDIO DEI MECCANISMI DI PATOGENICITÀ DEI BATTERI RESPONSABILI DI INFEZIONI DELLE VIE URINARIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Medicina e Chirurgia DOTTORATO DI RICERCA IN DISCIPLINE MICROBIOLOGICHE Ciclo XXIII Dott. CARLO GENOVESE STUDIO DEI MECCANISMI DI PATOGENICITÀ DEI BATTERI RESPONSABILI

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

UOMO: ibrido primate/microbi? (Ologenoma-superorganismo) genoma microbico = 150x genoma umano

UOMO: ibrido primate/microbi? (Ologenoma-superorganismo) genoma microbico = 150x genoma umano UOMO: ibrido primate/microbi? (Ologenoma-superorganismo) genoma microbico = 150x genoma umano In termini percentuali, il 90% circa delle cellule presenti sul nostro corpo è batterica La maggior parte (

Dettagli

Rosco Diagnostica. Istruzioni per l'uso delle pastiglie NEO-SENSITABS. NEO-SENSITABS Test di sensibilità antimicrobici

Rosco Diagnostica. Istruzioni per l'uso delle pastiglie NEO-SENSITABS. NEO-SENSITABS Test di sensibilità antimicrobici Istruzioni per l'uso delle pastiglie NEO-SENSITABS Revisione DBV0004F Data di emissione 12.04.2013 Lingua Italiano NEO-SENSITABS Test di sensibilità antimicrobici Produttore Rosco Diagnostica A/S, Taastrupgaardsvej

Dettagli

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Gestione del rischio clinico Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, Direzione politiche sociali centrale e famiglia salute,

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

LE INFEZIONI OSPEDALIERE: PREVENZIONE E MISURE DI CONTROLLO M. L. MORO

LE INFEZIONI OSPEDALIERE: PREVENZIONE E MISURE DI CONTROLLO M. L. MORO 1 LE INFEZIONI OSPEDALIERE: PREVENZIONE E MISURE DI CONTROLLO M. L. MORO A metà dell'800, Semmelweiss dimostrò efficacemente che l'ospedale poteva rappresentare un rischio per i pazienti (le donne che

Dettagli

Mod. A0701.02-01 E R A L O C E L O M M A C I T S O N PORTFOLIO PRODOTTI 2014 G A I D

Mod. A0701.02-01 E R A L O C E L O M M A C I T S O N PORTFOLIO PRODOTTI 2014 G A I D PORTFOLIO PRODOTTI 2014 Mod. A0701.02-01 DIAGNOSTICA MOLECOLARE Realcycler Batteri CHSL-U Chlamydia trachomatis serovars "L"- Chlamydia trachomatis serovariedades "L", DNA detection RUO 30 CDIF-U Clostridium

Dettagli

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE LE POLMONITI DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONI LA POLMONITE Patologia acuta del parenchima polmonare associata a sintomi tipici dell infezione e presenza di infiltrato all Rx torace e/o quadro

Dettagli

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio 05 Ex DGPREV Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma Oggetto: Circolare Sorveglianza,

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo?

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Roberto Grinta, Katia Bini, Federica Verri U.O. Budget Medicina Generale AV2, Jesi Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Introduzione La polmonite continua a

Dettagli

Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria

Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria 123-2006 Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria Sorveglianza e controllo Rischio infettivo 123-2006 Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria Sorveglianza e controllo

Dettagli

PROBLEMATICHE IGIENICO AMBIENTALI E RISCHI SANITARI NEGLI AMBIENTI OSPEDALIERI DOTATI DI IMPIANTO AERAULICO

PROBLEMATICHE IGIENICO AMBIENTALI E RISCHI SANITARI NEGLI AMBIENTI OSPEDALIERI DOTATI DI IMPIANTO AERAULICO Università degli Studi di Genova University of Genoa DISSAL Dipartimento di Scienze della Salute Department of Health Sciences Laboratorio di Igiene Ospedaliera ed Ambientale Healthcare and Environmental

Dettagli

Corso Integrato di Microbiologia

Corso Integrato di Microbiologia Corso Integrato di Microbiologia PROGRAMMA DELL'ATTIVITA' DIDATTICA FORMALE %DWWHULRORJLDJHQHUDOH a.a.: 2000-01 Evoluzione della ricerca microbiologica Classificazione del mondo microbico Morfologia e

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA

PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA ISTRUZIONE OPERATIVA n 3/2004 Revisione 0 PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA Ratificato dalla Commissione Aziendale per

Dettagli

CITOLOGIA POLMONARE BAL

CITOLOGIA POLMONARE BAL CITOLOGIA POLMONARE BAL BAL Dr. M.M.Maruzzi U.O. Endoscopia Toracica A.O. L.Sacco Milano Dr. F. Pagano U.O. Istocitopatologia A.O. L.Sacco Milano Dr. N.Maucci U.O. Laboratorio -Biella Dr. P.Galloro U.O.

Dettagli

metodo Denominazione del test regionale

metodo Denominazione del test regionale Denominazione del test Indagini microbiologiche Anaerobi ricerca 90.84.3 Materiale biologico 7 Colturale Anaerobi identificazione biochimica 90.84.2 Da coltura 3 Biochimico Antibiogramma anerobi 90.84.1

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

INFEZIONI RESPIRATORIE

INFEZIONI RESPIRATORIE INFEZIONI RESPIRATORIE IDENTIFICAZIONE DEL PATOGENO VALUTAZIONE SUSCETTIBILITA ANTIMICROBICI ORIENTARE IL MEDICO NELLA SCELTA DELLA TERAPIA PIÙ CORRETTA VIRULENZA DEL PATOGENO E CARICA MICROBICA VULNERABILÀ

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. Infezioni dell orecchio

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. Infezioni dell orecchio UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Infezioni dell orecchio Orecchio Orecchio esterno: padiglione auricolare meato auditivo

Dettagli

Corso di Aggiornamento. Educazione professionale degli operatori tecnico-commerciali della sanità II edizione - 3 febraio 2007

Corso di Aggiornamento. Educazione professionale degli operatori tecnico-commerciali della sanità II edizione - 3 febraio 2007 Corso di Aggiornamento Educazione professionale degli operatori tecnico-commerciali della sanità II edizione - 3 febraio 2007 LE INFEZIONI in CHIRUGIA ORTOPEDICA fra TUTELA del PAZIENTE e SICUREZZA degli

Dettagli

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP critical care review Le polmoniti nosocomiali* L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP Le polmoniti

Dettagli

SaniKleen. Sistema integrato per il trattamento e la bonifica delle superfici contaminate da deiezioni di volatili

SaniKleen. Sistema integrato per il trattamento e la bonifica delle superfici contaminate da deiezioni di volatili SaniKleen Sistema integrato per il trattamento e la bonifica delle superfici contaminate da deiezioni di volatili SaniKleen MC64B Prodotto sanificante e detergente ad ampio spettro EPA reg. N 10324-80

Dettagli

Antibiotici. antibiotico resistenza : perché..? FARMACOLOGIA CLINICA. A cura di: M.Erminia Stochino Roberto De Lisa Raffaella Ardau

Antibiotici. antibiotico resistenza : perché..? FARMACOLOGIA CLINICA. A cura di: M.Erminia Stochino Roberto De Lisa Raffaella Ardau Sezione di Farmacologia Clinica Dipartimento di Neuroscienze B.B.Brodie Università degli Studi di Cagliari -ASL Resp. Prof.ssa Maria Del Zompo Direzione Sanitaria ASL Dott.ssa Maria Rosaria Ruggiu Antibiotici

Dettagli

scaricato da sunhope.it Criteri di scelta per l uso degli antibiotici.

scaricato da sunhope.it Criteri di scelta per l uso degli antibiotici. Criteri di scelta per l uso degli antibiotici. È un discorso molto complesso. Si usano antibiotici quando c è infezione. L infezione, sapete che ha un suo meccanismo di innesco, c è la contaminazione,

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

IMMUVIEW TEST PER LA RICERCA DELL ANTIGENE URINARIO DI S. PNEUMONIAE E L. PNEUMOPHILA ITALIANO

IMMUVIEW TEST PER LA RICERCA DELL ANTIGENE URINARIO DI S. PNEUMONIAE E L. PNEUMOPHILA ITALIANO IMMUVIEW TEST PER LA RICERCA DELL ANTIGENE URINARIO DI S. PNEUMONIAE E L. PNEUMOPHILA ITALIANO Para otras lenguas Para outros lenguas Für andere Sprachen Pour d autres langues Per le altre lingue For andre

Dettagli

Il ruolo dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica nel controllo della legionellosi

Il ruolo dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica nel controllo della legionellosi Il ruolo dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica nel controllo della legionellosi Torino 21 febbraio 2013 Roberto Raso Un problema complesso che richiede l'interazione di numerose professionalità e di

Dettagli

Microbiologia delle infezioni delle vie respiratorie inferiori

Microbiologia delle infezioni delle vie respiratorie inferiori Microbiologia delle infezioni delle vie respiratorie inferiori Dr.ssa Lo Cascio Giuliana Dipartimento di Patologia e diagnostica, Sezione di Microbiologia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli

Dettagli

Sistema integrato per il trattamento e la disinfezione delle superfici contaminate da deiezioni di volatili

Sistema integrato per il trattamento e la disinfezione delle superfici contaminate da deiezioni di volatili Sistema integrato per il trattamento e la disinfezione delle superfici contaminate da deiezioni di volatili * SaniKleen OdorGuard Prodotto per la neutralizzazione degli odori sgradevoli * SaniKleen MC

Dettagli

GESTIONE DEL PAZIENTE CON INFEZIONE/COLONIZZAZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI

GESTIONE DEL PAZIENTE CON INFEZIONE/COLONIZZAZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI Regione Piemonte AO S. Croce e Carle - Cuneo Documento di Indirizzo Gestione paziente con infezione/colonizzazione da germi multiresistenti Data emissione:21-08-2013 Rev. n. 0 pagina 1 di 26 C.I.O. (Comitato

Dettagli

Infezioni acute delle vie aeree inferiori

Infezioni acute delle vie aeree inferiori 18 Infezioni acute delle vie aeree inferiori Introduzione Punti chiave La polmonite acquisita in comunità è la causa di morte più frequente per infezione in Europa. La maggior parte dei pazienti con polmonite

Dettagli

Sistema integrato per il trattamento e la bonifica delle superfici contaminate da deiezioni di volatili

Sistema integrato per il trattamento e la bonifica delle superfici contaminate da deiezioni di volatili SaniKleen Sistema integrato per il trattamento e la bonifica delle superfici contaminate da deiezioni di volatili * OdorGuard Prodotto per la neutralizzazione degli odori sgradevoli * SaniKleen MC 64 B

Dettagli

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP).

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). A cura del dott. Pasquale AIELLO e della dott.ssa Maria Caterina VOCI II DIVISIONE

Dettagli

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 a cura del 'Comitato di coordinamento regionale per la prevenzione e la lotta alle

Dettagli

NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato!

NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato! NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato! NOEMI ZIGLIOLI Coordinatore infermieristico Unità Spinale Unipolare MILANO NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE Le infezioni ospedaliere costituiscono

Dettagli

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005)

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Allegato 1 Funzione operativa (art.2, comma1, lett l l.r. 40/2005) Struttura organizzativa professionale (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Dipartimento interaziendale di Area Vasta Allergologia ed immunologia

Dettagli

Uso ed abuso del farmaco

Uso ed abuso del farmaco Uso ed abuso del farmaco Simone Bertini, DVM, Ph.D. Università di Parma 1 Antibioticoresistenza E l insensibilità di un batterio ad un antimicrobico Definizione microbiologica Quando un ceppo è in grado

Dettagli

Infezioni dell ospite compromesso

Infezioni dell ospite compromesso C. Viscoli, M. Mikulska, V. Del Bono, A.L. Ridolfo CAPITOLO Infezioni dell ospite compromesso 24 Si definisce ospite compromesso un paziente che presenta una ridotta resistenza alle infezioni come conseguenza

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore) Uomo sano e recettivo. Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore)

Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore) Uomo sano e recettivo. Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore) STORIA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE LE MALATTIE INFETTIVE 1843 Holmes La contagiosità della febbre puerperale 1846 Semmelweiss: la catena epidemiologica della sepsi puerperale fine 800 Kock e Pasteur: etiologia

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

Storia Naturale delle Nefropatie

Storia Naturale delle Nefropatie Storia Naturale delle Nefropatie Prevenzione Nefropatia Trattamento Creat. > 1,4 mg/dl Rallentamento della Velocità evolutiva Insufficienza Renale Cronica TRAPIANTO RENALE DIALISI PERITONEALE EMODIALISI

Dettagli

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy & ECOLAB F&B Agri Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando Dott. D. Borella Application Manager F&B Italy Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando La mastite in sala mungitura Agenti

Dettagli

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI Vezzani G., Caberti L., Cantadori L., Mordacci M., Nicolopoulou A., Pizzola A. U.O. di Anestesia Rianimazione

Dettagli

MRSA QUIZ. LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini

MRSA QUIZ. LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini Schweizerische Gesellschaft für Sterilgutversorgung Société de Stérilisation Hospitalière Società Svizzera di Sterilizzazione Ospedaliera MRSA QUIZ LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini Domanda

Dettagli

L esame microbiologico uretro-cervico-vaginale

L esame microbiologico uretro-cervico-vaginale L esame microbiologico uretro-cervico-vaginale Rosanna Predazzer Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento U.O. Microbiologia e Virologia Ospedale S.chiara Trento 25 gennaio

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze TABELLA ALLEGATA Ancona - Firenze A N C O N A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed Immunologia Clinica 1 Anestesia e rianimazione 10 Cardiologia 3 Chirurgia generale 2 Chirurgia plastica

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SORVEGLIANZA DEI PATOGENI SENTINELLA.

DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SORVEGLIANZA DEI PATOGENI SENTINELLA. DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SORVEGLIANZA DEI PATOGENI SENTINELLA. Ottobre 2008 1 Premessa...4 Obiettivi...5 Metodologia di lavoro...6 Indicazioni per la sorveglianza dei patogeni sentinella...7 Come

Dettagli

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 DESTINATARI V ANNO 295 VI ANNO 316 FUORICORSO 501 TOTALE 1112 RISPOSTE V ANNO 100 VI ANNO E FC 217 TOTALE

Dettagli

Il Registro delle Resistenze agli Antibiotici della Regione Friuli Venezia Giulia:

Il Registro delle Resistenze agli Antibiotici della Regione Friuli Venezia Giulia: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale della Sanità Il Registro delle Resistenze agli Antibiotici della Regione Friuli Venezia Giulia: strumento al servizio di una terapia antibiotica

Dettagli

CHEMIOTERAPICI SISTEMICI

CHEMIOTERAPICI SISTEMICI CEMITERAPICI SISTEMICI Farmaci ad Azione Battericida o Batteriostatica Trasportati dal circolo ematico e linfatico MECCANISMI DI AZINE 1. INTERFERENZA CN LA SINTESI DEL DNA 2. INTERFERENZA CN LA SINTESI

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Antibiotici, usali con cautela Campagna di comunicazione per un uso corretto degli antibiotici L Italia tra i Paesi UE ad più alto consumo,

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ).

Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ). Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ). Antibiotic selection pressure and Resistance in S.

Dettagli

Il catetere vescicale a domicilio a Mestre 1991-1993: diario di un esperienza infermieristica.

Il catetere vescicale a domicilio a Mestre 1991-1993: diario di un esperienza infermieristica. Il catetere vescicale a domicilio a Mestre 1991-1993: diario di un esperienza infermieristica. di Luciano Urbani, Infermiere Urologia di Mestre Per ricerca s intende qualsiasi tentativo di aumentare le

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico egato 04 Pag. 1 di 8 del 20/09/2012 La finalità delle indagini microbiologiche è quella di diagnosticare le infezioni ed accertare i patogeni in causa, attraverso indagini dirette e /o colturali ( identificazione

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE TOBRAMICINA E DESAMETASONE DOC Generici 3 mg/ml + 1 mg/ml collirio, soluzione 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Un

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona TABELLA ALLEGATA Roma - Verona R O M A " S A P I E N Z A " Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 4 Anestesia e rianimazione 35 Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini provenienti

Dettagli

KIT IN PCR Real Time

KIT IN PCR Real Time KIT IN PCR Real Time CATALOGO 2016 REALQUALITY KIT IN PCR Real Time CARATTERISTICHE dei kit REALQUALITY: CE IVD Profilo termico comune Compatibili con un ampia gamma di sistemi di estrazione automatici

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

MICROBIOLOGIA AGROALIMENTARE

MICROBIOLOGIA AGROALIMENTARE Corso di Laurea Magistrale in Scienza della Nutrizione Umana MICROBIOLOGIA AGROALIMENTARE Prof.ssa Paola Sinibaldi Vallebona AA 2013-2014 MICROBIOLOGIA Studia l interazione tra ospite e parassita BATTERI

Dettagli

UOC Pediatria PROCEDURA PER LA PULIZIA E LA DISINFEZIONE QUOTIDIANA, SETTIMANALE E/O TERMINALE DELL INCUBATRICE. R. D Antonio

UOC Pediatria PROCEDURA PER LA PULIZIA E LA DISINFEZIONE QUOTIDIANA, SETTIMANALE E/O TERMINALE DELL INCUBATRICE. R. D Antonio UOC Pediatria PROCEDURA PER LA PULIZIA E LA DISINFEZIONE QUOTIDIANA, SETTIMANALE E/O TERMINALE DELL INCUBATRICE R. D Antonio U.O.C.PEDIATRIA S.CAMILLO PROCEDURA PER LA PULIZIA E DISINFEZIONE QUOTIDINA,

Dettagli

Capitolo I Caratteristiche generali

Capitolo I Caratteristiche generali 3 Capitolo I Caratteristiche generali Com è noto i batteri sono stati i primi esseri viventi a popolare il nostro pianeta non appena furono rese possibili le condizioni per un loro sviluppo. Da allora

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

DELLE SINDROMI MIELODISPLASTICHE

DELLE SINDROMI MIELODISPLASTICHE REGISTRO ROMANO/LAZIALE DELLE SINDROMI MIELODISPLASTICHE Dott.ssa Maria Teresa Voso (e molti lialtri..) MDS E GRUPPI COOPERATIVI: PER QUALI PROBLEMATICHE SONO UTILI? casistiche unicentriche limitate di

Dettagli

ALLEGATO 3 ACINETOBACTER MULTIRESISTENTE

ALLEGATO 3 ACINETOBACTER MULTIRESISTENTE ALLEGATO 3 ACINETOBACTER MULTIRESISTENTE Nel corso di questi ultimi anni, Acinetobacter sp. è diventato un germe problematico in diversi paesi. Negli Stati Uniti e in altre nazioni come la Francia, la

Dettagli

Il declino degli antibiotici e le nuove strategie per la terapia antibatterica

Il declino degli antibiotici e le nuove strategie per la terapia antibatterica Il declino degli antibiotici e le nuove strategie per la terapia antibatterica Paolo Visca Dipartimento di Scienze, Università Roma Tre Lezione ASTRE, 25/01/2014 Anno 1918: principale causa di morte 1

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

Il vapore. che disinfetta. LA PREVENZIONE

Il vapore. che disinfetta. LA PREVENZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE: - Sistema elettronico di gestione e controllo delle funzioni. - 4 programmi di sanificazione preimpostati. - Sistema di riconoscimento utente tramite card RFID - Stampante termica

Dettagli

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

è listata presso la FDA è certificato NSF e USDA;

è listata presso la FDA è certificato NSF e USDA; L utilizzazione dell argento, quale agente naturale antimicrobico e una procedura conosciuta da tempo. Al riguardo è noto che gli Egizi utilizzavano monete in argento per evitare il deterioramento degli

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie Dott. Andreas Kunze Staphylococcus aureus Klebsiella pneumoniae Pseudomonas aeruginosa Nuovi antibiotici? Contaminazione

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli