Ottimizzazione del percorso terapeutico con RU486 Studio Osservazionale Prospettico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottimizzazione del percorso terapeutico con RU486 Studio Osservazionale Prospettico"

Transcript

1 XI CONGRESSO REGIONALE Rimini, Marzo 2013 Ottimizzazione del percorso terapeutico con RU486 Studio Osservazionale Prospettico AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTERGRATA DI VERONA Policlinico G.B. Rossi Unità operativa complessa di Ostetricia e Ginecologia Responsabile Prof. Massimo Franchi Ost. Deborah Benedetti Dott. Stefano Zaffagnini Dott. Roberto Pettenuzzo Ost. Valentina Padovani Dott.ssa Paola Beltramello Dott.ssa Valentina Bresciani Prof. Massimo Franchi

2 Interruzione Volontaria di Gravidanza Legge 194/1978: Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria di gravidanza(< 90 giorni) IVG CHIRURGICA IVG FARMACOLOGICA (EG < 49 giorni) Obiettivi Primari Ottimizzare il percorso terapeutico con RU486 Realizzare un nuovo protocollo per il Policlinico G.B. Rossi (I fase dello studio) e conseguente valutazione ad un anno dalla sua applicazione (II fase) Obiettivi Secondari RU 486 (Mifepristone) + Analogo delle prostaglandine Valutare l esperienza del Policlinico G.B. Rossi Analizzare effetti collaterali e complicanzecorrelate ai diversi protocolli Valutare soddisfazione e gradimento Costi IVG farmacologica vs chirurgica Policlinico G.B. Rossi MISOPROSTOLO uso off label GEMEPROST consentito in ITALIA

3 Materiali e Metodi FASE 1 = studio 11 (dic sett. 2011) Questionario Revisione letteratura Policlinico Borgo Roma Ospedale Mantova Ospedale Montebelluna Ospedale Trento Strutture Elaborazione dati FASE 2 = studio 12 (nov ago. 2012) Valutazione casistica Creazione nuovo protocollo (Struttura Policlinico Borgo Roma) Campione totale : 228 soggetti -fase 1: 100 soggetti -fase 2: 128 soggetti

4 Risultati 1 Soddisfazione e gradimento 2 Precedenti IVG 3 4 Informazioni ricevute e qualità assistenza Aspetti clinici NUOVO PROTOCOLLO + NUOVA DOCUMENTAZIONE e successiva RIVALUTAZIONE 5 Costi

5 ACCOGLIENZA colloquio/counselling valutazione controindicazioni ecografia per datazione programmazione data ricovero GIORNO 1 Verifica e sottoscrizione consenso informato Ricovero ordinario Eventuali prelievi ematici (gruppo + Rh) Somministrazione 1 cpmifepristone 200 mg via orale GIORNO 2 Osservazione in reparto GIORNO 3 Ecografia di controllo: espulsione camera gestazionale? Aborto completo (indipendentemente da spessore della rima endometriale) SI NO Somministrazione di 1 ovulo Gemeprost1 mg via vaginale DIMISSIONE + compilazione ISTAT Dopo 6 ore controllo ecografico pre-dimissione 28 GIORNO Controllo clinico ed ecografico Aborto interno o persistenza della gravidanza Prosegue il ricovero Esito normale: contraccezione Esito anormale Ricovero per intervento chirurgico Somministrazione 1 ovulo Gemeprost 1 mg via vaginale Valutare se: 1 ovulo Gemeprost1 mg via vaginale IVG chirurgica Aborto completo Mancata espulsione GIORNO 4 (mattina) controllo ecografico

6 1. Soddisfazione e gradimento Soddisfazione 100% 80% 60% 32,4% 40% 20% 7,8% 67,2% 92,2% p-value: < Studio '11 Studio '12 ASPETTATIVE: durata iter (più lungo 18,8% ( 12) vs 4,6% ( 11) più doloroso (39,8% vs 18,5%) meno doloroso (39,1% vs 30,8%) 0% No/In parte Sì Accettabilità p-value: Soddisfazione nei soggetti con complicanze: 100% (fase 2) senza complicanze: 90,7% (fase 2) vs 71,2% (fase 1) 100,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% 82,1% 96,1% 17,9% 3,9% 33,3% 50% 16,7% 0% Sì No No, perchè: Altro Durata ricovero 66,7% Entità effetti collaterali 50%

7 2. Precedenti IVG Giudizio rispetto a IVG precedente Uguale Negativo Positivo 0,00% 8,60% 20% 35,70% 64,30% 71,40% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% Precedenti IVG: fase 1: 20,9% fase 2: 28,1% % maggiore di una sola IVG % > 79 consiglierebbe il farmacologico (75% nelle donne con prec. IVG chirurgica) Studio '11 Studio '12 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% 47,80% 76% ( 12) no sala operatoria POSITIVO NEGATIVO 57,1% aumento del dolore 42,8% durata dell iter terapeutico Metodo di Interruzione suggerito dai soggetti in esame 79,70% 18% 14,80% 4,50% p-value: < % 0,80% 4,70% Farmacologico Chirurgico Indifferente Non so

8 3. Informazioni ricevute/qualità assistenza 96,1% soddisfatte per le informazioni ricevute Tempo dedicato al colloquio informativo: ADEGUATO Soddisfazione riguardo le informazioni ricevute dagli operatori sanitari 100,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% 96,1% 80,6% 19,4% 3,9% 41,3% 0% 25% 20% p-value: < % 33,3% Ambiti in cui vi è necessità di maggiori informazioni Altro Possibili complicanze Durata/fasi trattamento Sintomi/Effetti collaterali 3,0% 0,8% 3,9% 6,2% 6,2% 20,0% 17,0% 25,8% p-value: < ASSISTENZA BUONA: fase 1: 44,8% fase 2: 61,7% Nessuno 43,0% 87,5% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%

9 4. Utilità ricovero ospedaliero Utilità del ricovero ospedaliero 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 50,7% p-value: < ,4% 49,3% 90,6% Ricovero ritenuto utile Idea di SICUREZZA 10% 0% Sì No Protocollo più semplice Formazione del personale del PS ostetrico-ginecologico standardizzazione informazioni

10 5. Complicanze Complicanze P value 0,810 Altro 6,1% 7,4% Nessuno Prosecuz. della gravidanza Rottura d'utero Infezione endouterina RCU Aborto incompleto Emorragia ,1% 4,4% 1,5% 3% 3% 5,9% 79,2% 89,4% N somministrazioni di Prostaglandine > 1 dose di prostaglandine: fase1:43,9% fase2:3% 100,0% 80,0% 60,0% 40,0% 20,0% 56,1% 97% 36,3% 2% p-value < ,6% 1% 0,0% Una somministraz. Due somministraz. Tre somministraz.

11 6. Costi Diretti CHIRURGICO 442,50 FARMACOLOGICO (1 dose di Gemeprost) PROTOCOLLO FASE 1 PROTOCOLLO FASE 2 vs 651,49 684,99 351,49 384,99 3 giorni RICOVERO ORDINARIO 1 giorno RICOVERO ORDINARIO + 33,5 Diversa gestione del follow-up Soccorso 24 ore su 24 Dayhospital o regime ambulatoriale

12 Risultati Obiettivi PRIMARI RICOVERO OSPEDALIERO (9,4% versus 50,7%) INFORMAZIONIfornite alle pazienti (3,9% di insoddisfatte versus 19,4%) CONTRACCEZIONE(nessun metodo utilizzato: 65% versus 64,8%) Obiettivi SECONDARI SINTOMI ed EFFETTI COLLATERALI: Nausea (50% vs 43,3%) Dolore addominale (47,6% vs 59,7%) Sanguinamento vaginale (44,5% vs 70,1%) e astenia (44,5% vs 31,3%) Cefalea (35,2% vs 20,9%) COMPLICANZE: altro(7,4%) Emorragia (5,9%) RCU (4,4% ) Aborto incompleto (3%) Nessun tipo di complicazione (79,2%) Alto GRADIMENTO e ACCETTABILITA

13 Conclusioni Metodo farmacologico SICURO ed EFFICACE(poche complicanze) Donne SODDISFATTE Importanza della CONTRACCEZIONE Ricovero ospedaliero NON OGGETTIVAMENTE UTILE (idea di sicurezza) MISOPROSTOLO > efficacia del Gemeprost con eg < 49 giorni (Dati letteratura) DAY HOSPITAL o regime ambulatoriale NUOVO PROTOCOLLO e DOCUMENTAZIONE Miglioramento dell Iter Terapeutico Aumento del Gradimento e dell Accettabilità Contraccezione 1. Colloquio/counselling/anamnesi 2. No rima endometriale (15 mm) 3. Follow-up 28 gg(> 76% di fallimenti identificati dopo 2 settimane) 4. Contraccezione LIMITE NUMEROSITA del campione

INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA CON METODICA FARMACOLOGICA (RU 486)

INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA CON METODICA FARMACOLOGICA (RU 486) INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA CON METODICA FARMACOLOGICA (RU 486) Dottor Roberto Gherzi II Divisione ginecologia ostetricia Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità Novara L interruzione

Dettagli

Analogo della prostaglandina E1 Economico Stabile a temperatura ambiente Pochi effetti collaterali Uterotonico Promuove la maturazione cervicale

Analogo della prostaglandina E1 Economico Stabile a temperatura ambiente Pochi effetti collaterali Uterotonico Promuove la maturazione cervicale Trattamento medico dell'aborto spontaneo Congresso Regionale AOGOI Rimini 23 marzo 2013 Dott.ssa E. De Ambrosi Misoprostolo: farmacocinetica Analogo della prostaglandina E1 Economico Stabile a temperatura

Dettagli

I servizi coinvolti: I I Consultori il Presidio Ospedaliero di Pontedera e di Volterra

I servizi coinvolti: I I Consultori il Presidio Ospedaliero di Pontedera e di Volterra Il Percorso IVG nella ASL 5 Procedura di Accoglienza e di presa in carico per il Percorso Interruzione Volontaria di Gravidanza (IVG) I servizi coinvolti: I I Consultori il Presidio Ospedaliero di Pontedera

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 03/04/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 03/04/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 25 marzo 2014, n. 137 Aggiornamento dell'allegato tecnico della DGR 285 del 10 giugno 2010: "Approvazione documento linee guida

Dettagli

IVG del primo trimestre : l aborto farmacologico l esperienza in Emilia -Romagna

IVG del primo trimestre : l aborto farmacologico l esperienza in Emilia -Romagna IVG del primo trimestre : l aborto farmacologico l esperienza in Emilia -Romagna Marinella Lenzi U.O.C Ostetricia e Ginecologia Direttore Dott.G. Scagliarini Day Hospital Day Surgery Maternita AUSL Bologna

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL PERCORSO TERAPEUTICO CON RU486

OTTIMIZZAZIONE DEL PERCORSO TERAPEUTICO CON RU486 OTTIMIZZAZIONE DEL PERCORSO TERAPEUTICO CON RU486 Benedetti D., Zaffagnini S., Pettenuzzo R., Padovani V., Beltramello P., Bresciani V., Franchi M. AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTERGRATA DI VERONA

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE DOTT.SSA MARGHERITA FRAGANZA

CURRICULUM PROFESSIONALE DOTT.SSA MARGHERITA FRAGANZA CURRICULUM PROFESSIONALE DOTT.SSA MARGHERITA FRAGANZA DATI PERSONALI COGNOME E NOME : FRAGANZA MARGHERITA CITTADINANZA : italiana STATO CIVILE: coniugata INDIRIZZO: via FBorbone n 3 - San Tammaro (ce)

Dettagli

Protocollo di assistenza medica all aborto spontaneo nel primo trimestre di gravidanza

Protocollo di assistenza medica all aborto spontaneo nel primo trimestre di gravidanza Definizione ed incidenza Si tratta della perdita della gravidanza entro le 14 settimane di amenorrea, termine che sarebbe preferibile a quello di aborto spontaneo, di solito mal accettato dalle donne.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 128 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 128 del 52924 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 ottobre 2016, n. 1659 Approvazione Linee Guida Interruzione Volontaria di Gravidanza (IVG) Mediante Mifepristone (Ru 486) e Misoprostolo. Modifica e integrazione

Dettagli

ALLEGATO N. 2 - PROFILO DI ASSISTENZA PER LA DONNA CHE RICHIEDE L IVG MEDICA

ALLEGATO N. 2 - PROFILO DI ASSISTENZA PER LA DONNA CHE RICHIEDE L IVG MEDICA 15-04-2010.max 15-04-2010.max 15-04-2010.max ALLEGATO N. 2 - PROFILO DI ASSISTENZA PER LA DONNA CHE RICHIEDE L IVG MEDICA 1. CRITERI DI AMMISSIONE (1) - Certificato per IVG rilasciato da un medico e firmato

Dettagli

IVG con metodo farmacologico: integrazione ai criteri e modalità di esecuzione contenuti nel documento del 2005

IVG con metodo farmacologico: integrazione ai criteri e modalità di esecuzione contenuti nel documento del 2005 IVG con metodo farmacologico: integrazione ai criteri e modalità di esecuzione contenuti nel documento del 2005 RIFERIMENTI NORMATIVI E CLINICO-SCIENTIFICI Legge 194, maggio 78 con particolare riferimento

Dettagli

ospedaliere nell ambito dei percorsi previsti dalla L. 194/78 e delle norme sulla introduzione di farmaci dall estero

ospedaliere nell ambito dei percorsi previsti dalla L. 194/78 e delle norme sulla introduzione di farmaci dall estero La IVG farmacologica in Ospedale: la a practice in ER Giorgio Scagliarini RU 486 Regione Emilia-Romagna Novembre 2005 L Assemblea Legislativa approva a maggioranza una risoluzione sull utilizzo della RU

Dettagli

Profilo assistenziale aborto chirurgico

Profilo assistenziale aborto chirurgico 30 anni di applicazione della legge 194 in Emilia-Romagna riflessioni e proposte Modena - 24 Novembre 2009 Profilo assistenziale aborto chirurgico Marinella Lenzi U.O.C Ostetricia e Ginecologia Direttore

Dettagli

UTILIZZO DELL RU 486 NELL ABORTO DEL II TRIMESTRE

UTILIZZO DELL RU 486 NELL ABORTO DEL II TRIMESTRE Dott.ssa M.Segata m.segata@ausl.bo.it Azienda USL di Bologna U.O. Ginecologia ed Ostetricia Ospedale Maggiore Direttore Dr. G. Scagliarini UTILIZZO DELL RU 486 NELL ABORTO DEL II TRIMESTRE ABORTO TERAPEUTICO

Dettagli

L ecografia nell urgenza ostetrica e ginecologica

L ecografia nell urgenza ostetrica e ginecologica CORSO PRE-CONGRESSUALE ECOGRAFIA OFFICE Rimini, 23 Marzo 2011 L ecografia nell urgenza ostetrica e ginecologica Dott. Franco De Maria Dott.ssa Maria Segata Servizio di Ecografia e Diagnosi Prenatale Azienda

Dettagli

INDICAZIONI CLINICHE ALL USO DI ULIPRISTAL ACETATO

INDICAZIONI CLINICHE ALL USO DI ULIPRISTAL ACETATO Terapie ormonali: Novità e prospettive INDICAZIONI CLINICHE ALL USO DI ULIPRISTAL ACETATO FEDERICA ROSATI U.O. OSTERICIA E GINECOLOGIA RIMINI Dir. G. Battagliarin UPA INDICAZIONE TERAPEUTICA INDICAZIONE

Dettagli

REPORT CUSTOMER SATISFACTION

REPORT CUSTOMER SATISFACTION QUESITO: Il suo ricovero è avvenuto Ginecologia e Ostetricia Non Risponde 1 2.1 Urgenza 18 38.3 Programmato 24 51.1 Day Hospital 4 8.5 QUESITO: Tempi d'attesa per ottenere il ricovero Valore medio 6,43

Dettagli

New Mother Quality of Care questionnaire (NEMOQC ) La sua opinione è di fondamentale importanza per il miglioramento continuo del servizio sanitario.

New Mother Quality of Care questionnaire (NEMOQC ) La sua opinione è di fondamentale importanza per il miglioramento continuo del servizio sanitario. 1 New Mother Quality of Care questionnaire (NEMOQC ) La sua opinione è di fondamentale importanza per il miglioramento continuo del servizio sanitario. Le chiediamo quindi di dedicarci qualche minuto per

Dettagli

Dott.ssa Susanna Santagni, Dott.ssa Stefania Vecchi Struttura complessa di Ostetricia-Ginecologia Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena

Dott.ssa Susanna Santagni, Dott.ssa Stefania Vecchi Struttura complessa di Ostetricia-Ginecologia Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena ABORTO FARMACOLOGICO: METODICHE A CONFRONTO Dott.ssa Susanna Santagni, Dott.ssa Stefania Vecchi Struttura complessa di Ostetricia-Ginecologia Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena MOLECOLE UTILIZZATE

Dettagli

ALLEGATO N. 2 - PROFILO DI ASSISTENZA PER LA DONNA CHE RICHIEDE L IVG MEDICA

ALLEGATO N. 2 - PROFILO DI ASSISTENZA PER LA DONNA CHE RICHIEDE L IVG MEDICA 15-04-2010.max 15-04-2010.max 15-04-2010.max ALLEGATO N. 2 - PROFILO DI ASSISTENZA PER LA DONNA CHE RICHIEDE L IVG MEDICA 1. CRITERI DI AMMISSIONE (1) - Certificato per IVG rilasciato da un medico e firmato

Dettagli

P. De Iaco Oncologia Ginecologica Policlinico S.Orsola - Bologna

P. De Iaco Oncologia Ginecologica Policlinico S.Orsola - Bologna Protocolli di terapia antibiotica in ginecologia: dalla flogosi pelvica non chirurgica alla complicanza post operatoria. P. De Iaco Oncologia Ginecologica Policlinico S.Orsola - Bologna Chirurgia generale

Dettagli

Aggiornamento Protocollo Operativo IVG Farmacologico di cui al Parere CSR 47/2010

Aggiornamento Protocollo Operativo IVG Farmacologico di cui al Parere CSR 47/2010 Aggiornamento Protocollo Operativo IVG Farmacologico di cui al Parere CSR 47/2010 RIFERIMENTI NORMATIVI E CLINICO-SCIENTIFICI Legge 194, maggio 78 con particolare riferimento agli art. 4,5 e 8, nonché

Dettagli

Indagine per la rilevazione del gradimento delle pazienti ricoverate nel reparto di ginecologia dell Ospedale G.B. Grassi

Indagine per la rilevazione del gradimento delle pazienti ricoverate nel reparto di ginecologia dell Ospedale G.B. Grassi Indagine per la rilevazione del gradimento delle pazienti ricoverate nel reparto di ginecologia dell Ospedale G.B. Grassi a cura di Alessandra Dieni Giovanni Valeri 1 Si ringrazia il primario del reparto,

Dettagli

RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO OSPEDALIERO

RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO OSPEDALIERO RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO OSPEDALIERO Premessa Nei moderni sistemi informativi sanitari il sempre maggior bisogno di informazioni è dovuto a nuovi cambiamenti l ingresso di nuovi attori

Dettagli

DONNE MASTECTOMIZZATE: CON-VIVERE CON IL CORPO CHE CAMBIA

DONNE MASTECTOMIZZATE: CON-VIVERE CON IL CORPO CHE CAMBIA Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro Strada Provinciale 142 km 3,95 10060 CANDIOLO (TORINO) Tel: 011/9933630 Fax: 011/9933440 Progetto di Educazione Terapeutica DONNE MASTECTOMIZZATE: CON-VIVERE

Dettagli

CONGRESSO REGIONALE Marzo 2012 Modena, Centro Famiglia di Nazareth

CONGRESSO REGIONALE Marzo 2012 Modena, Centro Famiglia di Nazareth CONGRESSO REGIONALE 29-31 Marzo 2012 Modena, Centro Famiglia di Nazareth Stato di attuazione della 194/78 nella Regione Emilia-Romagna tra ospedale e territorio A cura di Silvana Borsari Elena castelli

Dettagli

La salute sessuale nella donna in età riproduttiva 16/Maggio/2009

La salute sessuale nella donna in età riproduttiva 16/Maggio/2009 La salute sessuale nella donna in età riproduttiva 16/Maggio/2009 Ru 486: quali vantaggi, quali rischi Dr. Corrado Melega RU 486 Regione Emilia-Romagna Novembre 2005 L Assemblea Legislativa approva a maggioranza

Dettagli

OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA DI NEGRAR QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL PAZIENTE Dipartimento di Diagnostica per Immagini

OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA DI NEGRAR QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL PAZIENTE Dipartimento di Diagnostica per Immagini 1 di 29 OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA DI NEGRAR QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL PAZIENTE Dipartimento di Diagnostica per Immagini Periodo di Riferimento: 20/10/2015-23/03/2016 Questionari processati:

Dettagli

Corso di formazione sull'aborto farmacologico, Roma 12 giugno 2015

Corso di formazione sull'aborto farmacologico, Roma 12 giugno 2015 L'idea della realizzazione di tale corso formativo è nata in seguito al fatto che la Regione Lazio, con deliberazione n 137 del 25 Marzo 2014, ha approvato un documento riguardante le linee guida finalizzate

Dettagli

Obiettivi. osservato 2012 atteso 2013 Indicatori 2013* peso osservato 2013 differenza %

Obiettivi. osservato 2012 atteso 2013 Indicatori 2013* peso osservato 2013 differenza % osservato atteso Indicatori * osservato differenza % Riduzione richieste prestazioni per codici bianchi 256.101,00-5 % 12.805,05 15,00 233.218,00-22.883 15 OBIETTIVO 16 1. Rispetto dei tempi di consegna

Dettagli

La salute riproduttiva delle Donne Aspetti sanitari, sociali e demografici. Centralità dei consultori e ruolo dell ostetrica nel percorso nascita

La salute riproduttiva delle Donne Aspetti sanitari, sociali e demografici. Centralità dei consultori e ruolo dell ostetrica nel percorso nascita La salute riproduttiva delle Donne Aspetti sanitari, sociali e demografici Centralità dei consultori e ruolo dell ostetrica nel percorso nascita Stefania Guidomei Responsabile DATeR Percorso Nascita e

Dettagli

ATTIVITÁ DI ANESTESIA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA

ATTIVITÁ DI ANESTESIA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA ATTIVITÁ DI ANESTESIA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA Dipartimento Servizi 1/9 Attività Le unità operative Anestesia e Terapia Intensiva forniscono il supporto specialistico anestesiologico alle Chirurgie

Dettagli

Raccomandazioni europee per l aborto medico

Raccomandazioni europee per l aborto medico 1^ Conferenza Nazionale A.GI.CO R O M A, 16 18 febbraio 2009 2 www.gynmed.at Raccomandazioni europee per l aborto medico Christian Fiala, MD, PhD www.fiapac.org Federazione Internazionale degli Operatori

Dettagli

(Copia per la paziente) INFORMAZIONE E CONSENSO ALL ESAME DI AMNIOCENTESI O VILLOCENTESI

(Copia per la paziente) INFORMAZIONE E CONSENSO ALL ESAME DI AMNIOCENTESI O VILLOCENTESI Ospedale S. Maria Bianca - Mirandola Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Direttore: Dr. P. Accorsi Responsabile: A. Ferrari Tel. 0535/602246 (dal lun. al ven.: ore 12-14) (Copia per la paziente)

Dettagli

EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE:

EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: L attività di counseling: la gestione del paziente con BPCO Informazione di dettaglio sul programma formativo NR. DI ACCREDITAMENTO 2714-135166 Ed.1 DATA E LOCATION 11-10-2015

Dettagli

INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA FARMACOLOGICA CON RU 486

INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA FARMACOLOGICA CON RU 486 Pag. 1 di 10 INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA FARMACOLOGICA CON RU 486 Causale Rev. n. Data modifica 0 16/09/2010 Prima stesura Redatto da: Approvato da: Validato da: Gruppo di lavoro Direttore Direttore

Dettagli

Cinzia Nocca, Elsa Sgarbi. U.O. OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARPI e MIRANDOLA

Cinzia Nocca, Elsa Sgarbi. U.O. OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARPI e MIRANDOLA Cinzia Nocca, Elsa Sgarbi U.O. OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARPI e MIRANDOLA QUALCHE ACCENNO ALLA LEGISLAZIONE L ostetrica possiede una RESPONSABILITA CLINICA, infatti : E operatore sanitario che puo lavorare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Sanità pubblica e dell Innovazione Direzione Generale della Prevenzione Ufficio X ex DGPREV - Salute della donna e dell età evolutiva Interruzione volontaria di

Dettagli

1) QUALITÀ PERCEPITA

1) QUALITÀ PERCEPITA A) Soddisfazione dell Utenza 1) QUALITÀ PERCEPITA A1) Dipartimento Clinico Ospedaliero: Analisi dei questionari di valutazione della qualità percepita dall utente esterno I dati riportati in questo prospetto

Dettagli

Obiettivi. osservato 2012 atteso 2013 Indicatori 2013* peso osservato 2013 differenza %

Obiettivi. osservato 2012 atteso 2013 Indicatori 2013* peso osservato 2013 differenza % osservato 2012 atteso 2013 Indicatori 2013* osservato 2013 differenza % Mantenimento produzione 2012 9.094.254,51 ± 2% 181.885 15,00 7.967.866,90-1.126.387,61-12,39 3 numero ricoveri 1.972,00 1.846,00-126,00-6,39

Dettagli

nuove frontiere della clinica, della ricerca e della tecnologia.

nuove frontiere della clinica, della ricerca e della tecnologia. La Società Futura Kroton srls (in qualità di Segreteria Organizzativa), propone per l anno 2017 ai laureati in scienze infermieristiche il corso dal Titolo: La professione infermieristica. Confronto con

Dettagli

Tappe essenziali nella proposta di diagnosi prenatale SAPERE PER SCEGLIERE

Tappe essenziali nella proposta di diagnosi prenatale SAPERE PER SCEGLIERE DIAGNOSI PRENATALE la diagnosi prenatale è un insieme di indagini strumentali e di laboratorio finalizzate al monitoraggio dello stato di salute del concepito durante tutto il decorso della gravidanza

Dettagli

INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA Legge 194/78

INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA Legge 194/78 INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA Legge 194/78 MAPPATURA AGGIORNATA AD APRILE 2016 A CURA DELLA CONSULTORIA AUTOGESTITA DI MILANO Qualche precisazione. Lo svolgersi del servizio di Interruzione Volontaria

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA CHIRURGIA TORACICA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA CHIRURGIA TORACICA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA CHIRURGIA TORACICA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/9 Attività L unità operativa di Chirurgia Toracica è ubicata presso gli ospedali Maggiore e Bellaria di Bologna. Essa svolge un attività finalizzata

Dettagli

AREA OSTETRICIA E GINECOLOGIA DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE

AREA OSTETRICIA E GINECOLOGIA DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE AREA OSTETRICIA E GINECOLOGIA DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE 1/10 Attività L area Ostetricia e Ginecologia, in accordo con quanto previsto dalla normativa regionale, offre presso le diverse strutture dell

Dettagli

L Azienda Ospedaliera di Verona

L Azienda Ospedaliera di Verona Verona 11-12-09 L Azienda Ospedaliera di Verona in La Sanità Veronese e il Sistema Sanitario della Regione Veneto ATTIVITA ASSISTENZIALE ASSISTENZIALE POSTI LETTO ORDINARI: 1543 POSTI LETTO DAY HOSPITAL:

Dettagli

PROBLEMATICHE GINECOLOGICHE NELLE PAZIENTI AFFETTE DA LAM STEFANO BIANCHI DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE OSPEDALE SAN GIUSEPPE UNIVERSITA DI MILANO

PROBLEMATICHE GINECOLOGICHE NELLE PAZIENTI AFFETTE DA LAM STEFANO BIANCHI DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE OSPEDALE SAN GIUSEPPE UNIVERSITA DI MILANO PROBLEMATICHE GINECOLOGICHE NELLE PAZIENTI AFFETTE DA LAM STEFANO BIANCHI DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE OSPEDALE SAN GIUSEPPE UNIVERSITA DI MILANO PROBLEMATICHE GINECOLOGICHE NELLE PAZIENTI AFFETTE DA

Dettagli

nuove frontiere della clinica, della ricerca e della tecnologia.

nuove frontiere della clinica, della ricerca e della tecnologia. La Società Futura Kroton srls (in qualità di Segreteria Organizzativa), propone per l anno 2017 ai laureati in scienze infermieristiche il corso dal Titolo: La professione infermieristica. Confronto con

Dettagli

PROFILO DI ASSISTENZA

PROFILO DI ASSISTENZA PROFILO DI ASSISTENZA 1. CRITERI DI AMMISSIONE * - Certificato per IVG rilasciato da un medico e firmato dalla donna - Consenso informato per il trattamento medico - Gravidanza in utero con datazione ecografica

Dettagli

CHECK LIST PER AUDIT CLINICO - PR.AFMI.03 GESTIONE DEL PARTO CESAREO D ELEZIONE

CHECK LIST PER AUDIT CLINICO - PR.AFMI.03 GESTIONE DEL PARTO CESAREO D ELEZIONE Cartella n. CHECK LIST PER AUDIT CLINICO - PR.AFMI.03 GESTIONE DEL PARTO CESAREO D ELEZIONE Fase pre-operatoria Presenza di copia/dimostrazione di presa visione delle scheda ambulatoriale relativa alle

Dettagli

Translucenza Nucale e Difetti Cromosomici: valutazione della letteratura internazionale alla luce della nostra esperienza clinica

Translucenza Nucale e Difetti Cromosomici: valutazione della letteratura internazionale alla luce della nostra esperienza clinica Università degli Studi di Ancona Facoltà di Medicina e Chirurgia Istituto di Clinica Ostetrica e Ginecologica SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA Direttore: Prof. Giuseppe Gioele Garzetti

Dettagli

ISTEROSCOPIA. Cos è. Lo strumento FIG 1

ISTEROSCOPIA. Cos è. Lo strumento FIG 1 ISTEROSCOPIA Cos è L isteroscopia è un esame ginecologico che consente la visualizzazione diretta del canale cervicale e della cavità uterina. L esame può essere condotto in regime ambulatoriale con o

Dettagli

Nuovo polo chirurgico dell Ospedale civile maggiore di Borgo Trento a Verona

Nuovo polo chirurgico dell Ospedale civile maggiore di Borgo Trento a Verona Michele Ambrosin Allen Dudine Valentina Fernetti Nuovo polo chirurgico dell Ospedale civile maggiore di Borgo Trento a Verona Presentazione generale Committente: Progettisti: Azienda Ospedaliera Regione

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA SENOLOGIA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA SENOLOGIA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA SENOLOGIA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/9 Attività L unità operativa Senologia è situata presso l'ospedale Bellaria di Bologna. Il servizio è rivolto ai cittadini assistiti dal Servizio Sanitario

Dettagli

Accettazione del paziente in U.O. di chirurgia

Accettazione del paziente in U.O. di chirurgia ACCOGLIENZA DEL PAZIENTE IN U.O. di CHIRURGIA Accettazione del paziente in U.O. di chirurgia Ricovero in emergenza ed urgenza Ricovero ordinario programmato Day Hospital Day Surgery Il ricovero in U.O.

Dettagli

LA QUALITA PERCEPITA DAGLI UTENTI DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE (SSM)

LA QUALITA PERCEPITA DAGLI UTENTI DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE (SSM) LA QUALITA PERCEPITA DAGLI UTENTI DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE (SSM) Gigantesco A, Morosini P, Balbi A*, Bazzoni A**, Chiaia E*, Picardi A, Sbardella A**, Reparto Valutazione dei Servizi Istituto Superiore

Dettagli

SVILUPPO PROFESSIONALE FORMAZIONE SUL CAMPO Sessione 3. L esperienza della ASL n 2 Savonese

SVILUPPO PROFESSIONALE FORMAZIONE SUL CAMPO Sessione 3. L esperienza della ASL n 2 Savonese VI WORKSHOP ITALIANO SULL AUDIT CLINICO Perugia 27/28 maggio 2011 SVILUPPO PROFESSIONALE FORMAZIONE SUL CAMPO Sessione 3 L esperienza della ASL n 2 Savonese Dr.ssa Claudia Agosti Direttore Sanitario Aziendale

Dettagli

CERTIFICATI ISO 9001:2008

CERTIFICATI ISO 9001:2008 e Pag. 1 6 Il presente lavoro riporta i risultati della indagine sulla soddisfazione dei clienti-pazienti delle strutture ospedaliere dell Azienda Ospedaliera Sant Antonio Abate di Gallarate, attraverso

Dettagli

La gestione del dolore in Triage. Valutazione di efficacia di un trattamento precoce.

La gestione del dolore in Triage. Valutazione di efficacia di un trattamento precoce. Simona Ribet CPSE DEA II LIVELLO-SEZ PICCOLI TRAUMI PRESIDIO CTO-AZIENDA OSPEDALIERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO La gestione del dolore in Triage. Valutazione di efficacia di un trattamento

Dettagli

Progetto INTESA. Chiara Chiarini Ottavio Di Stefano U.O. Medicina Interna P.O. di Montichiari Spedali Civili A.O.

Progetto INTESA. Chiara Chiarini Ottavio Di Stefano U.O. Medicina Interna P.O. di Montichiari Spedali Civili A.O. Progetto INTESA Chiara Chiarini Ottavio Di Stefano U.O. Medicina Interna P.O. di Montichiari Spedali Civili A.O. 1 Intervento educativo su pazienti con scompenso di cuore, anziani, alla dimissione da una

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SALUTE DELLA DONNA E DEL BAMBINO U.O.C. Clinica Ginecologica Ostetrica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SALUTE DELLA DONNA E DEL BAMBINO U.O.C. Clinica Ginecologica Ostetrica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SALUTE DELLA DONNA E DEL BAMBINO U.O.C. Clinica Ginecologica Ostetrica SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN GINECOLOGIA E OSTETRICIA Direttore: Prof. Giovanni

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SULL ABORTIVITÀ SPONTANEA

RAPPORTO ANNUALE SULL ABORTIVITÀ SPONTANEA Azienda Provinciale Provincia Autonoma di Trento per i Servizi Sanitari RAPPORTO ANNUALE SULL ABORTIVITÀ SPONTANEA Anno 2016 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Dipartimento di Governance Trento

Dettagli

La gestione del rischio clinico in Day Surgery

La gestione del rischio clinico in Day Surgery Up to date in Flebologia: aggiornamenti 2014 ABANO 23-25 OTTOBRE 2014 Dr. Claudio Beltramello La gestione del rischio clinico in Day Surgery QUAL E IL FINE DELLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO? La riduzione

Dettagli

La salute riproduttiva delle donne. Aspetti sanitari, sociali e demografici. Bologna, 16 ottobre 2015 Via S. Isaia, 92 Aula delle Colonne

La salute riproduttiva delle donne. Aspetti sanitari, sociali e demografici. Bologna, 16 ottobre 2015 Via S. Isaia, 92 Aula delle Colonne L. 194/1978: costante diminuzione delle interruzioni volontarie di gravidanza Il calo è stato maggiore tra le più istruite, le occupate e le coniugate e meno rilevante tra le donne in condizioni di svantaggio

Dettagli

Validazione di un protocollo per la gestione infermieristica del dolore al triage: i risultati di una ricerca prospettica

Validazione di un protocollo per la gestione infermieristica del dolore al triage: i risultati di una ricerca prospettica Validazione di un protocollo per la gestione infermieristica del dolore al triage: i risultati di una ricerca prospettica Olga Bierti Dipartimento Percorsi dell'emergenza e Materno Infantile - AAS3 Ospedale

Dettagli

Piano per la presa in carico delle richieste di IVG e la definizione di un percorso di integrazione Territorio-Ospedale-Territorio

Piano per la presa in carico delle richieste di IVG e la definizione di un percorso di integrazione Territorio-Ospedale-Territorio Piano per la presa in carico delle richieste di IVG e la definizione di un percorso di integrazione Territorio-Ospedale-Territorio Referente del progetto: Gruppo di lavoro: dottor Michele Lisco dott.ssa

Dettagli

OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA DI NEGRAR QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL PAZIENTE Servizio di Oculistica

OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA DI NEGRAR QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL PAZIENTE Servizio di Oculistica 1 di 29 OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA DI NEGRAR QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL PAZIENTE Servizio di Oculistica Periodo di Riferimento: 01/01/2015-26/02/2016 Questionari processati: 164 Il campione

Dettagli

Gestione del Pap test anormale

Gestione del Pap test anormale Ferrara 10 giugno 2009 Gestione del Pap test anormale PAOLA GARUTTI Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna Ferrara Clinica Ostetrica e Ginecologica Direttore Prof. A. Patella Gestione del Pap test anormale

Dettagli

ASO (AMBULATORIO CONTROLLO GRAVIDANZA A TERMINE) Lunedì pomeriggio Mercoledì mattina e pomeriggio Venerdì mattina

ASO (AMBULATORIO CONTROLLO GRAVIDANZA A TERMINE) Lunedì pomeriggio Mercoledì mattina e pomeriggio Venerdì mattina DAY SERVICE (Pronto Soccorso Ostetrico) Tutti i giorni mattina e pomeriggio dal Lunedì al Sabato - Accesso libero ASO (AMBULATORIO CONTROLLO GRAVIDANZA A TERMINE) Lunedì pomeriggio Mercoledì mattina e

Dettagli

Aspetti psicologici ed emotivi dell infertilità!

Aspetti psicologici ed emotivi dell infertilità! Aspetti psicologici ed emotivi dell infertilità! L infertilità è una vera e propria patologia che può avere importanti ripercussioni psicologiche ed emotive sia sui singoli individui che sulle coppie.

Dettagli

- Ai Direttori generali di Aziende U.S.L. del Lazio Aziende Ospedaliere del Lazio Policlinici Universitari del Lazio

- Ai Direttori generali di Aziende U.S.L. del Lazio Aziende Ospedaliere del Lazio Policlinici Universitari del Lazio CIRCOLARE n. 411 del 17/09/2002 - Ai Direttori generali di Aziende U.S.L. del Lazio Aziende Ospedaliere del Lazio Policlinici Universitari del Lazio - Ai Responsabili delle UU.OO. S.I.O. di Aziende U.S.L.

Dettagli

LA PRESERVAZIONE DELLA FERTILITÀ

LA PRESERVAZIONE DELLA FERTILITÀ LA PRESERVAZIONE DELLA FERTILITÀ nelle pazienti oncologiche ginecologia e ostetricia Centro Procreazione Medico Assistita presidio ospedaliero di oderzo Un problema crescente per le giovani donne affette

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Laura Angela Malgrati Indirizzo Via Cesare Cantù n 4 Monza Telefono 039 321021 Fax 02 55036542 E-mail laura.malgrati@unimi.it

Dettagli

UNITA OPERATIVA. ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE d.u. SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO G.B. ROSSI. pag.

UNITA OPERATIVA. ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE d.u. SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO G.B. ROSSI. pag. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNITA OPERATIVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE d.u. PRESIDIO

Dettagli

Scheda di notifica e follow-up dei casi di virus Zika in gravidanza

Scheda di notifica e follow-up dei casi di virus Zika in gravidanza 0020957-10/07/2017-DGPRE-DGPRE-P - Allegato Utente 4 (A04) Allegato 3 bis -1 Scheda di notifica e follow-up dei casi di virus Zika in gravidanza Regione ASL/Ospedale Primo invio Aggiornamento del gg mm

Dettagli

MA DAI MATERNO INFANTILE UOC CHIRURGIA PEDIATRICA Borgo Trento SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE

MA DAI MATERNO INFANTILE UOC CHIRURGIA PEDIATRICA Borgo Trento SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE pag. 7 DAI MATERNO INFANTILE UOC CHIRURGIA PEDIATRICA Borgo Trento SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 304318 Rev. 5 del 19/06/2017 Pagina 1 di 8 Ultimo aggiornamento 19/06/2017 pag. 1 Responsabile

Dettagli

Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambino e del Neonato. U.O. di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore: Prof.

Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambino e del Neonato. U.O. di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore: Prof. Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambino e del Neonato U.O. di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore: Prof. Fabio Mosca Riunione GIEN Torino, 20 giugno 2014 Stefano Ghirardello

Dettagli

L ostertrica viene individuata come la professionista che può accompagnare la donna nel suo percorso di maternità

L ostertrica viene individuata come la professionista che può accompagnare la donna nel suo percorso di maternità L ostertrica viene individuata come la professionista che può accompagnare la donna nel suo percorso di maternità garantendo continuità assistenziale durante tutto il percorso gravidanza, parto, puerperio

Dettagli

SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI CASO PER ESPOSIZIONE IN OPERATORE SANITARIO

SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI CASO PER ESPOSIZIONE IN OPERATORE SANITARIO Le schede per la segnalazione di caso di profilassi post.-esposizione (PPE) ad HIV sono due; una per le esposizioni occupazionali in operatore sanitario, l altra per le esposizioni occupazionali in non

Dettagli

Osservato 2012 Atteso 2013 indicatori 2013* peso osservato 2013 differenza %

Osservato 2012 Atteso 2013 indicatori 2013* peso osservato 2013 differenza % Mantenimento produzione 2012 numero ricoveri ricoveri numero day surgery day surgery numero prestazioni esterni Osservato 2012 Atteso 2013 indicatori 2013* osservato 2013 differenza % 6.068.553 ± 2% ±126.798,89

Dettagli

Il percorso di assistenza al parto: dalla modalità di accesso all assistenza alla nascita. Ost. Elsa Sgarbi Ost. Anna Pilati

Il percorso di assistenza al parto: dalla modalità di accesso all assistenza alla nascita. Ost. Elsa Sgarbi Ost. Anna Pilati Il percorso di assistenza al parto: dalla modalità di accesso all assistenza alla nascita Ost. Elsa Sgarbi Ost. Anna Pilati Presa in carico della gravidanza a termine Il nostro modello organizzativo 1

Dettagli

Piano dei Centri di Costo

Piano dei Centri di Costo Piano dei Centri responsabilità 1 GOVERNO STRATEGICO 10 DIREZIONE STRATEGICA 1001 DIREZIONE STRATEGICA 100101 10010100 DIREZIONE GENERALE 100102 10010200 DIREZIONE AMMINISTRATIVA 100103 10010300 DIREZIONE

Dettagli

ESPERIENZA PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERA SAN GERARDO DI MONZA

ESPERIENZA PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERA SAN GERARDO DI MONZA PARTO-ANALGESIA ANALGESIA ESPERIENZA PRESSO L AZIENDA L OSPEDALIERA SAN GERARDO DI MONZA Catanzaro, 20 Dicembre 2005 Dott.ssa Giuseppina Persico REALTA ASSISTENZIALE NELLA SALA PARTO DI MONZA CONTINUITA

Dettagli

MOZIONE dei Consiglieri Luca Barberini e Andrea Smacchi

MOZIONE dei Consiglieri Luca Barberini e Andrea Smacchi MOZIONE dei Consiglieri Luca Barberini e Andrea Smacchi Introduzione nei servizi delle Aziende Sanitarie della Regione Umbria delle tecniche di interruzione della gravidanza con metodo medico-farmacologico

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico-Vittorio Emanuele - Catania

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico-Vittorio Emanuele - Catania Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico- - Catania Report rilevazione della qualità percepita Responsabile: dott. Vincenzo Parrinello Giuseppe Saglimbeni Gabriella Patanè Maria Rosa Zinna Epifania

Dettagli

Il Consenso Informato al test: come e quando

Il Consenso Informato al test: come e quando Il Consenso Informato al test: come e quando Salvatore Monti detto Giuseppe Consenso informato! Il consenso informato è il presupposto per la legittimità dell attività medica! Nessuno può essere sottoposto

Dettagli

Protocollo Operativo per la Gestione degli accertamenti ecografici cerebrali nei neonati a rischio per patologia cerebrale PO.PED.

Protocollo Operativo per la Gestione degli accertamenti ecografici cerebrali nei neonati a rischio per patologia cerebrale PO.PED. Pag.: 1 di 8 Protocollo Operativo per la gestione degli accertamenti ecografici cerebrali nei neonati per patologia cerebrale REFERENTI DEL DOCUMENTO Giovanni Danesi,. Indice delle revisioni Codice Documento

Dettagli

Corso Integrato Medicina Clinica-Chirurgica

Corso Integrato Medicina Clinica-Chirurgica Corso Integrato Medicina Clinica-Chirurgica Insegnamenti (SSD): Medicina Interna MED/09 Chirurgia Generale MED/18 Chirurgia Pediatrica MED/20 Pediatria generale e Specialistica MED/38 Scienze Infermieristiche

Dettagli

CURRICULUM VITAE F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI N 2 VIA A.COSTA, CASALECCHIO DI RENO (BOLOGNA)

CURRICULUM VITAE F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI N 2 VIA A.COSTA, CASALECCHIO DI RENO (BOLOGNA) CURRICULUM VITAE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MEZZETTI RAFFAELLA Indirizzo N 2 VIA A.COSTA, 40033 CASALECCHIO DI RENO (BOLOGNA) Telefono

Dettagli

pag. 1/6 - di migliorare il servizio di consulenza sociale nei casi di grave conflittualità familiare, attraverso la consulenza legale agli operatori;

pag. 1/6 - di migliorare il servizio di consulenza sociale nei casi di grave conflittualità familiare, attraverso la consulenza legale agli operatori; pag. 1/6 MACRO AREA N.1 (dott.ssa D Aquino) Il sostegno alla neogenitorialità ed alla genitorialità potenziamento di attività specifiche sulla presa in carico globale della donna che richiede la certificazione

Dettagli

Partorire Senza Dolore

Partorire Senza Dolore 1 DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE MATERNO INFANTILE Direttore: Dr. G. Scarpelli U.O.S.D. ANESTESIA AREA MATERNO-INFANTILE Responsabile: Dr. P. Pasqua Partorire Senza Dolore 1. Che cos è l epidurale? L analgesia

Dettagli

PIANO SANITARIO Integrativo Fasi / Fasdac

PIANO SANITARIO Integrativo Fasi / Fasdac 2017 PIANO SANITARIO Integrativo Fasi / Fasdac Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA Fasi/Fasdac Le prestazioni previste nel presente Piano Sanitario sono integrative a quelle erogate

Dettagli

UNITA OPERATIVA SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA. SCHEDA INFORMATIVA SERVIZI DIAGNOSTICI E SANITARI Localizzazione OSPEDALE POLICLINICO GB ROSSI

UNITA OPERATIVA SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA. SCHEDA INFORMATIVA SERVIZI DIAGNOSTICI E SANITARI Localizzazione OSPEDALE POLICLINICO GB ROSSI pag. 7 pag. 1 Responsabile Dott. Armando Gabbrielli Tel. 045-8124743 Fax. 045-8124898 AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA SCHEDA INFORMATIVA SERVIZI DIAGNOSTICI E SANITARI Localizzazione

Dettagli

Chiara Volpone. I PDTA: A come Assistenziale

Chiara Volpone. I PDTA: A come Assistenziale Chiara Volpone I PDTA: A come Assistenziale in un contesto ad elevata complessità e con risorse limitate come quello del SSN, la Pianificazione e la Programmazione sono di estrema rilevanza ai fini del

Dettagli

Gravidanza su cicatrice isterotomica Cesarean Scar Pregnancy (CSP)

Gravidanza su cicatrice isterotomica Cesarean Scar Pregnancy (CSP) Epidemiologia Gravidanza ectopica: 11.1 ogni 1000 gravidanze tra il 1997 99 in UK 20 ogni1000 gravidanze, negli US (un incremento negli ultimi 20 anni di circa 4 volte) J Midwifery Womens Health. 2006

Dettagli

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Guida ai Servizi Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute LINEE DI INDIRIZZO SULLA INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA con mifepristone e prostaglandine elaborate dalla Commissione avente la finalità di predisporre le Linee Guida sulla

Dettagli

TREVISO - 2 - Gestione richieste URGENTI

TREVISO - 2 - Gestione richieste URGENTI DIREZIONE SANITARIA DI OSPEDALE CRITERI E PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI PRESTAZIONI AMBULATORIALI URGENTI Ultima revisione: 05/09/2014 Questo documento contiene informazioni finalizzate

Dettagli

Le certezze e i dubbi del medico d urgenza

Le certezze e i dubbi del medico d urgenza GESTIONE IN DEA DEL PAZIENTE CON DOLORE ADDOMINALE Torino, 20 febbraio 2010 Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano Le certezze e i dubbi del medico d urgenza Luisa Arnaldi SC Medicina d Urgenza Ospedale

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO AL PROCESSO DI OTTIMIZZAZIONE COSTI E QUALITA ASSISTENZIALE.

IL CONTRIBUTO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO AL PROCESSO DI OTTIMIZZAZIONE COSTI E QUALITA ASSISTENZIALE. IL CONTRIBUTO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO AL PROCESSO DI OTTIMIZZAZIONE COSTI E QUALITA ASSISTENZIALE ASSISTENZA INFERMIERISTICA DI QUALITA : EFFICACE (RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI ) EFFICIENTE ( AL

Dettagli