Misura 311 Diversificazione verso attività non agricole Azione 6

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misura 311 Diversificazione verso attività non agricole Azione 6"

Transcript

1 Misura 311 Diversificazione verso attività non agricole Azione 6 Scheda di Istruttoria Informazioni aggiuntive regionali: Istruttoria delle domande ammissibili e finanziabili Denominazione beneficiario N protocollo domanda cartacea Data protocollo B. CONTROLLI DI AMMISSIBILITA (Controlli da eseguire sul 100% delle domande ammissibili e finanziabili con le risorse disponibili.) Verifica criteri di ammissibilità I requisiti devono essere posseduti dal richiedente alla data di presentazione (rilascio) della domanda di aiuto e devono essere verificati con riferimento a tale data (fa eccezione i criterio B05 e B06 che sono verificabili solo a seguito della presentazione del progetto). Cod. Requisito rispettato Gli interventi sono finanziati nelle aree rurali classificate C1 e D1. B01 Verifica, attraverso incrocio con l elenco dei comuni facenti parte del GAL, che gli immobili sui quali si intendono eseguire gli investimenti siano ubicati in comuni classificati C1 e D1. B02 Impresa iscritta nel registro delle imprese della C.C.I.A.A. nelle sezioni speciali riservate alle imprese agricole. Verifica su banche dati del sistema camerale. 1

2 Cod. Requisito rispettato In caso di società: società (di persone, di capitali, cooperativa) costituita esclusivamente da componenti della famiglia agricola. B03 1. Verifica che i dati dei soci indicati nella scheda tecnica allegata alla domanda corrispondano a quelli presenti nella banca dati del sistema camerale; 2. Verifica presso l anagrafe dei comuni che tutti i soci siano componenti della famiglia agricola così come definita dai criteri di selezione approvati dal Comitato di Sorveglianza del PSR. Disponibilità giuridica dei beni immobili nei quali si intendono effettuare gli investimenti per un periodo non inferiore a 10 (dieci) anni a decorrere dalla presentazione della domanda d'aiuto. B04 Verifica della durata del titolo di possesso su SIGC (fascicolo aziendale). Nel caso di immobili non in proprietà, sono validi i titoli di possesso redatti in forma scritta, regolarmente registrati e con durata determinata. Nel caso i dati presenti nel fascicolo aziendale non siano esaustivi acquisire copia del titolo di possesso e richiedere l aggiornamento del fascicolo aziendale. Per i beni immobili non in proprietà va verificata inoltre l autorizzazione del proprietario degli immobili ad eseguire gli interventi (vedi criterio B10). La produzione di energia è prevista esclusivamente da fonte solare-fotovoltaica e/o eolica nei limiti e secondo le prescrizioni tecniche, ambientali, di connessione alla rete elettrica, potenza, ingombro e urbanistici, dettati dalla normativa comunitaria, nazionale, regionale. B05 Verifica sul progetto che: 1. gli interventi che si intendono realizzare siano impianti di produzione di energia da fonte solarefotovoltaica e/o eolica; 2. gli impianti siano stati progettati nel rispetto delle prescrizioni tecniche, ambientali, di connessione alla rete elettrica, potenza, ingombro e urbanistici, dettati dalla normativa comunitaria, nazionale, regionale. In fase di saldo finale si verificherà che l investimento sia stato realizzato nel rispetto della normativa. 2

3 Cod. Requisito rispettato Non è ammesso: la modalità di accesso alla rete elettrica nazionale in regime di Autoproduzione, secondo la definizione data dall art. 2, comma 2, del Decreto Legislativo 16 marzo 1999 n. 79; gli impianti fotovoltaici posati su coperture o altre parti di fabbricati di nuova costruzione. B06 Verifica sul progetto che: - la modalità di accesso alla rete prevista non sia quella in regime di Autoproduzione. E necessario verificare che non si intenda produrre energia per autoconsumo; - non sia prevista la posa degli impianti fotovoltaici su coperture o altre parti di fabbricati costruite appositamente per la collocazione degli impianti stessi. In fase di saldo finale si verificherà che l investimento sia stato realizzato nel rispetto dei criteri stabiliti. Rispetto dei massimali previsti per gli aiuti d importanza minore (de minimis). B07 Verifica dell ammontare degli aiuti de minimis, comprensivo dell importo del contributo richiesto in domanda, concessi al richiedente alle condizioni previste dal Reg. (CE) n. 1998/2006, attraverso la consultazione delle banche disponibili oppure attraverso invio degli elenchi dei richiedenti agli enti che erogano contributi de minimis (Comuni, Province, Regione, Invitalia (ex Sviluppo Italia) Il controllo va con riferimento a tre esercizi finanziari (esercizio finanziario in cui viene presentata la domanda di aiuto e i due precedenti). Ai fini del controllo, non devono essere considerate le somme percepite dall azienda agricola con la regola del de minimis dei prodotti agricoli (Reg. CE 1535/2007). 3

4 Cod. Requisito rispettato Assenza di eventuali contributi già erogati all azienda per gli stessi interventi (art. 24 paragrafo 5 del Reg. (UE) n. 65/2011). B08 Verifica presso l Assessorato dell Agricoltura della Regione, dell esistenza di eventuali finanziamenti concessi all'azienda, per gli stessi interventi, con la misura 121 del PSR. 1. Verifica se il richiedente sia tra i beneficiari di tali finanziamenti; 2. Nel caso il richiedente risulti beneficiario, verifica se si tratti degli stessi interventi o di una parte di essi. I due finanziamenti non sono in alcun modo cumulabili. In fase di saldo finale e di controlli ex-post si verificherà se il richiedente abbia richiesto o meno l accesso alle tariffe incentivanti ed il rispetto dei limiti di cumulabilità previsti dell art. 5 del DM del 05/05/

5 Verifica documenti allegati alla domanda di aiuto Cod. Requisito rispettato B09 Nel caso di domande presentate da società o cooperative deve essere allegata la deliberazione dell'organo sociale competente (Assemblea dei Soci, Consiglio di Amministrazione, ecc.) di autorizzazione per il rappresentante legale a richiedere e riscuotere il finanziamento. Verifica della regolarità e completezza dell atto allegato alla domanda. B10 Per gli investimenti da realizzarsi su beni immobili non di proprietà del richiedente deve essere allegata l autorizzazione del/i proprietario/i alla realizzazione degli interventi (redatta secondo il modello allegato al Bando), con allegata copia/e del/i documento/i di identità in corso di validità. L autorizzazione dovrà essere prodotta anche nei casi di comproprietà o comunione dei beni. Nel caso l autorizzazione ad eseguire miglioramenti fondiari sia già presente nel contratto, in luogo della suddetta autorizzazione potrà essere prodotta copia del contratto. Verifica della regolarità e completezza dell autorizzazione del/i proprietario/i degli immobili ad eseguire gli interventi o verifica della presenza e regolarità di tale autorizzazione nella copia del contratto presentata. Istruttore (nome e cognome) Data Firma istruttore 5

6 C. VERIFICA ALTRE DICHIARAZIONI PRESENTI IN DOMANDA (Controlli da eseguire su almeno il 5% delle domande ammissibili e finanziabili con le risorse disponibili. Il controllo viene anche in caso di fondati dubbi) I requisiti devono essere posseduti dal richiedente alla data di presentazione (rilascio) della domanda di aiuto e devono essere verificati con riferimento a tale data. Cod. Dichiarazione Requisito rispettato C01 Di non essere sottoposto a pene detentive e/o a misure accessorie interdittive o limitative della capacità giuridica e di agire, fatta salva l autorizzazione degli organi di vigilanza e/o tutori. Richiesta certificazione Casellario Giudiziale presso Tribunale. C02 Che non sussistono nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione, di cui all articolo 10 della legge 31 maggio 1965 n. 575 e successive modificazioni. Richiesta certificazione alle (Prefettura, CCIAA). autorità competenti Istruttore (nome e cognome) Data Firma istruttore 6

7 D. ISTRUTTORIA DEL PROGETTO (Controlli da eseguire sul 100% delle domande ammissibili e finanziabili con le risorse disponibili.) Qualora necessario, l ufficio istruttore, a seconda dei casi, richiede al beneficiario modifiche e/o integrazioni oppure apporta direttamente modifiche al progetto. L esito dei controlli potrà essere definito solo dopo la conclusione di tali attività. Cod. Esito: P=Positivo N=Negativo Verifica della documentazione richiesta e pervenuta. D01 Verifica della presenza e conformità dei seguenti documenti: - relazione tecnico-economica; - cronoprogramma; - cartografia (corografia al e planimetria aziendale); - computo metrico; - disegni delle opere e degli impianti; - preventivi forniti da tre ditte in concorrenza (come specificato dal Bando); - nel caso di progetto cantierabile, autorizzazioni necessarie per l avvio dei lavori; - per progetto presentato da società o cooperative, deliberazione di approvazione del progetto da parte dell'organo sociale competente (Assemblea dei Soci, Consiglio di Amministrazione, ecc.). - (il GAL inserisce nell elenco eventuali altri documenti richiesti dal bando ed inserisce nella check list il controllo da eseguire sul documento) Verifica della presenza, ove richiesto, della firma del committente e verifica della presenza di timbro e firma del progettista su tutti gli elaborati progettuali. Richiesta al beneficiario di eventuale documentazione mancante e/o integrativa a completamento del progetto. D02 Nel caso di progetto presentato da società o cooperative, controllo sulla deliberazione di approvazione del progetto da parte dell'organo sociale competente (Assemblea dei Soci, Consiglio di Amministrazione, ecc.). Verifica della regolarità e completezza dell atto allegato al progetto. Conformità dell operazione. D03 Verifica che l operazione oggetto della domanda rispetti la normativa di riferimento applicabile all investimento proposto (è lo stesso controllo previsto al punto 2 del criterio B05). In fase di saldo finale si verificherà che l investimento sia stato realizzato nel rispetto della normativa. 7

8 Cod. Esito: P=Positivo N=Negativo Ammissibilità ed eleggibilità delle spese. D04 - Verifica sulla relazione tecnica, sul computo metrico e sui preventivi della coerenza delle tipologie di spesa proposte con quanto disposto dal Bando (requisito tecnico di idoneità delle spese) e con i requisiti generali di ammissibilità ed eleggibilità previsti dal documento Linee guida sull ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale e ad investimenti analoghi ; - Verifica del rispetto della percentuale massima prevista per le spese generali; - Verifica che non siano presenti interventi non ammissibili e/o di mera sostituzione. Idoneità tecnica della proposta progettuale. D05 - Verifica della regolarità, qualità e contenuto degli allegati tecnici; - Verifica sugli elaborati della idoneità tecnica degli investimenti previsti nella proposta progettuale. 8

9 Cod. Esito: P=Positivo N=Negativo Ragionevolezza e congruità delle spese proposte. - Verifica della regolarità del computo metrico, effettuando il riscontro tecnico e contabile delle voci e dei prezzi con i vigenti prezzari; - Verifica della conformità tecnica e della congruità economica del/i preventivo/i scelto/i, esaminando quanto riportato nella relazione tecnico-economica; D06 - Verifica che l eventuale spesa per lavori in economia realizzabili mediante prestazioni volontarie non retribuite sia compatibile con quelle che possono essere rese dal beneficiario e/o dai suoi familiari secondo la professionalità degli stessi, la disponibilità di ore lavorative e i mezzi tecnici dell'azienda. Per il calcolo del fabbisogno di manodopera aziendale si fa riferimento alla Tabella regionale del fabbisogno di manodopera in agricoltura di cui al D.A. n.1102/deca/32 del 09/05/2008. Per il calcolo della quantità di manodopera richiesta per i lavori che si intendono eseguire in economia si fa riferimento alle analisi dei prezzi relativi al prezzario regionale dell agricoltura vigente. Verifica che i lavori siano computati al netto dell'utile d'impresa. Verifica che il contributo pubblico totale non superi la differenza tra il costo totale dell'investimento e i contributi totali in natura (costo delle prestazioni in natura e dei materiali). Se nel progetto sono previsti lavori da eseguire in economia, compilare la scheda Ammissibilità lavori in economia. Gli interventi sono coerenti con gli obiettivi operativi del PSR, del PSL e della Misura. D07 Verifica della coerenza degli obiettivi/interventi previsti nel progetto con quanto previsto dal PSR, dal PSL e dalla Misura interessata. 9

10 Cod. Esito: P=Positivo N=Negativo Ammissibilità delle eventuali variazioni del progetto rispetto alla domanda. Verifica dell esistenza delle seguenti condizioni: D08 - la modifica non comporta una diminuzione del punteggio assegnato; - le opere sono coerenti con i fabbisogni di intervento/obiettivi operativi individuati; - l importo del progetto non è inferiore all 80% dell importo indicato in domanda. Non potranno in ogni caso essere ammessi progetti di importo superiore a quello indicato in domanda. Visita in situ (sopralluogo preliminare). (1) D09 Il sopralluogo viene effettuato per l acquisizione di ulteriori elementi conoscitivi a supporto delle valutazioni tecniche sull intervento proposto: - per verificare la rispondenza di quanto dichiarato dal richiedente; - per accertare la fattibilità degli interventi proposti; - per accertare la conformità degli interventi previsti con gli obiettivi del Programma e della Misura interessata. (1) Nel caso venga il sopralluogo compilare la scheda Visita in situ/sopralluogo preliminare. Nel caso non venga indicare la motivazione nel campo. Nella verifica del progetto l istruttore è stato coadiuvato da una commissione di esperti, di cui lo stesso istruttore svolgeva le funzioni di Presidente: NO SI. Si allegano i verbali delle sedute della commissione (per ogni verbale indicare numero e data): Istruttore (nome e cognome) Data Firma istruttore 10

11 VISITA IN SITU/SOPRALLUOGO PRELIMINARE (Il sopralluogo viene effettuato per l acquisizione di ulteriori elementi conoscitivi a supporto delle valutazioni tecniche sull intervento proposto) Effettuata in data Alla presenza di Contattato il richiedente in data mediante Esito (P=Positivo N=Negativo) Quanto dichiarato dal richiedente nel fascicolo aziendale, nella domanda, e negli elaborati progettuali corrisponde con quanto rilevato durante la visita. Gli interventi proposti rispettano il requisito di fattibilità. Gli interventi previsti sono conformi con gli obiettivi del Programma e della Misura interessata. In azienda sono presenti le macchine e gli attrezzi da utilizzare per i lavori che si intendono eseguire in economia. NOTE: Istruttore (nome e cognome) Data Firma 11

12 AMMISSIBILITA LAVORI IN ECONOMIA I lavori che si intendono realizzare in economia corrispondono ad operazioni di carattere agricolo eseguibili direttamente dall imprenditore agricolo e/o dai suoi familiari, compresi i lavori di scavo e movimento terra. Non sono ammissibili opere di carattere edile realizzate direttamente dal beneficiario ad eccezione di interventi edili di modesta entità finanziaria che siano in stretta correlazione con altre opere di natura agricola (es. muretti a secco, staccionate in legno). Il beneficiario e/o la sua famiglia sono in grado di eseguire le prestazioni in termini di professionalità e disponibilità di ore lavorative. La valutazione va eseguita considerando un limite massimo di ore all anno per ogni unità lavorativa che svolge attività agricola in modo continuativo in azienda e di 600 ore per gli altri componenti il nucleo familiare. MODALITA DI CONTROLLO Con riferimento all ordinamento produttivo aziendale, è necessario accertare: 1. l ammontare delle ore lavorative annue assorbite dalle attività aziendali; 2. se al beneficiario e/o ai componenti della sua famiglia residuano delle ore disponibili per l esecuzione dei lavori in economia; 3. se le ore disponibili consentono di eseguire tutti i lavori in economia indicati nel progetto ed ammissibili o solo una parte di essi. Per il calcolo del fabbisogno di manodopera aziendale si fa riferimento alla Tabella regionale del fabbisogno di manodopera in agricoltura di cui al D.A. n.1102/deca/32 del 09/05/2008. Per il calcolo della quantità di manodopera richiesta per i lavori che si intendono eseguire in economia si fa riferimento alle analisi dei prezzi relativi al prezzario regionale per l agricoltura vigente. In azienda sono presenti le macchine e gli attrezzi necessari per eseguire i lavori in economia indicati nel progetto ed ammissibili. MODALITA DI CONTROLLO Verifica sulla relazione tecnico-economica e durante la visita in situ. 12

13 I lavori sono stati computati al netto dell'utile d'impresa. MODALITÀ DI CONTROLLO Verifica sul computo metrico, per ogni lavoro da eseguire in economia ed ammissibile, che il prezzo indicato sia al netto dell utile di impresa. L entità dell utile di impresa è desumibile dalle analisi dei prezzi delle corrispondenti voci del prezzario regionale dell agricoltura. Il contributo pubblico totale non supera la differenza tra il costo totale dell'investimento e i contributi totali in natura (costo della mano d opera e dei materiali che concorrono alla formazione delle relative voci di costo ascrivibili a questa categoria di lavori). 13

14 A seguito dei controlli eseguiti, i lavori in economia indicati in progetto sono da ritenersi: NON AMMISSIBILI (ESITO NEGATIVO: nessuno dei lavori indicati può essere realizzato in economia (3) ). AMMISSIBILI (ESITO POSITIVO: tutti lavori indicati o una parte di essi (3) possono essere realizzati in economia) (compilare la tabella sottostante): Lavori in economia indicati in progetto Lavori in economia ammissibili Descrizione Unità di misura Quantità Prezzo unitario ( ) Importo ( ) Quantità Prezzo unitario ( ) Importo ( ) Importo totale in progetto Importo totale ammissibile (3) Per i lavori che a seguito dell istruttoria non possono essere eseguiti in economia è necessario comunicare al beneficiario che gli stessi possono essere realizzati solo ricorrendo ad un impresa organizzata, pena la non ammissibilità a pagamento delle spese sostenute. Istruttore (nome e cognome) Data Firma 14

15 E. VERIFICA CRITERI DI VALUTAZIONE (Controlli da eseguire sul 100% delle domande ammissibili e finanziabili con le risorse disponibili.) I requisiti devono essere posseduti dal richiedente alla data di presentazione (rilascio) della domanda di aiuto e devono essere verificati con riferimento a tale data. Cod. E01 Il richiedente è giovane (< 40 anni) o, in caso di società, è giovane (< 40 anni) : - almeno un terzo dei soci nel caso di società di persone; - un amministratore o almeno un terzo dei soci nel caso di società cooperative; - almeno un amministratore in caso di società di capitali. Dichiarato in domanda Controll o rispettato Punti in graduatoria provvisoria Punti riconosciut i Per le ditte individuali, verifica su documento di riconoscimento. Nel caso di società, verifica su banche dati del sistema camerale e/o verifica attraverso i dati rilevati presso l anagrafe dei comuni. E02 Il richiedente è donna o, in caso di società, è donna: - almeno un terzo dei soci nel caso di società di persone; - un amministratore o almeno un terzo dei soci nel caso di società cooperative; - almeno un amministratore in caso di società di capitali. Per le ditte individuali, verifica su documento di riconoscimento. Nel caso di società, verifica su banche dati del sistema camerale e/o verifica attraverso i dati rilevati presso l anagrafe dei comuni. 15

16 Cod. Dichiarato in domanda Controll o rispettato Punti in graduatoria provvisoria Punti riconosciut i E03 Il richiedente è in possesso di titolo di studio (laurea quinquennale, triennale, diploma scuola media superiore) o, in caso di società, è in possesso del requisito: - almeno un terzo dei soci nel caso di società di persone; - un amministratore o almeno un terzo dei soci nel caso di società cooperative; - almeno un amministratore in caso di società di capitali. Verifica presso la scuola/università che ha rilasciato il titolo di studio. E04 Localizzazione all interno di siti della rete Natura 2000 (SIC e ZPS) - Azienda con Superficie Agricola ricadente, anche parzialmente, in aree della Rete Natura 2000 (SIC e ZPS). Verifica su SIGC (fascicolo aziendale) che almeno una parte delle particelle aziendali ricada all interno di aree S.I.C. o Z.P.S.. E05 Azienda che partecipa a reti tra microimprese. Deve trattarsi di reti di imprese costituite ai sensi della legge 9 aprile 2009, n. 33, art. 3, comma 4-ter, modificata dall art. 42, comma 2- bis D.L , n. 78, convertito con la L , n Verifica su banche dati del sistema camerale (l atto di costituzione della rete va depositato presso il registro delle imprese). Il punteggio può essere attribuito solo in caso di reti costituiste esclusivamente da microimprese 16

17 Cod. Intervento corredato di progetto cantierabile, completo cioè di tutte le autorizzazioni necessarie per l avvio dei lavori. Dichiarato in domanda Controll o rispettato Punti in graduatoria provvisoria Punti riconosciut i E06 Verifica della presenza, completezza e validità delle autorizzazioni necessarie per l avvio dei lavori. Si deve accertare che al momento della presentazione della domanda il richiedente, in relazione alla tipologia di intervento da realizzare, si trovasse, in base alle norme vigenti, nelle condizioni di poter iniziare immediatamente i lavori senza dover richiedere od ottenere ulteriori autorizzazioni e/o pareri. PUNTEGGIO TOTALE Si verifica parità di punteggio tra la presente domanda ed altre domande di aiuto in istruttoria? (2) (2) In caso di risposta affermativa compilare la scheda Criteri di priorità in caso di parità di punteggio. 17

18 CRITERI DI PRIORITA IN CASO DI PARITA DI PUNTEGGIO Domande presentate da donne, o da società in cui è donna: - almeno un terzo dei soci nel caso di società di persone; - un amministratore o almeno un terzo dei soci nel caso di società cooperative; - almeno un amministratore in caso di società di capitali. N.B.: CRITERIO PREVISTO DAL BANDO REGIONALE, INSERITO COME ESEMPIO. IL GAL PERSONALIZZA IN BASE A QUANTO PREVISTO NEL PROPRIO BANDO applicabile applicato Priorità assegnata Progetto con minor costo complessivo. N.B.: CRITERIO PREVISTO DAL BANDO REGIONALE, INSERITO COME ESEMPIO. IL GAL PERSONALIZZA IN BASE A QUANTO PREVISTO NEL PROPRIO BANDO si conferma il punteggio attribuito in graduatoria provvisoria non si conferma il punteggio attribuito in graduatoria provvisoria. Motivazione: Il punteggio ricalcolato, tenuto conto delle priorità in caso di parità di punteggio, consente comunque il mantenimento della domanda in graduatoria in posizione utile (ammissibile e finanziabile con le risorse disponibili): SI NO. Motivazione: In base all esito della verifica dei criteri di valutazione il punteggio totale assegnato alla domanda è pari a L esito finale del controllo è: POSITIVO. In base alla posizione in graduatoria, tenuto conto delle priorità in caso di parità di punteggio, la domanda è: ammissibile e finanziabile con le risorse disponibili. ammissibile ma non finanziabile per insufficienza di risorse. NEGATIVO. La domanda non è ammissibile. NOTE/MOTIVAZIONE: Istruttore (nome e cognome) Data Firma istruttore 18

19 RICHIESTE DI DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA Descrizione della richiesta Data richiesta Data ricezione integrazione Esito controllo integrazione P=Positivo N=Negativo (4) (4) Il controllo consiste nel verificare se la documentazione richiesta e pervenuta è adeguata in termini di presenza, qualità e contenuto. ESITO DELL ISTRUTTORIA Fase Eseguita Esito: P=Positivo N=Negativo CONTROLLI DI AMMISSIBILITA VERIFICA ALTRE DICHIARAZIONI PRESENTI IN DOMANDA ISTRUTTORIA DEL PROGETTO VERIFICA CRITERI DI VALUTAZIONE ESITO COMPLESSIVO Verifica massimali di contributo A fine istruttoria, l importo del contributo riconosciuto in fase di controllo preliminare (redazione della graduatoria provvisoria) rispetta, sia in termini percentuali che assoluti, i massimali previsti dal bando: SI NO (In tal caso l ufficio istruttore procede a rettificare in maniera appropriata l importo del contributo concedibile.) MODALITA DI CONTROLLO Per le modalità di controllo si rimanda a quanto già riportato nella Scheda di Istruttoria: Informazioni aggiuntive regionali - Prima graduatoria. Istruttore (nome e cognome) Data Firma 19

20 SCHEDA DI FINE ISTRUTTORIA Visto l esito dell istruttoria, la domanda è da ritenersi: NON AMMISSIBILE A FINANZIAMENTO (ESITO NEGATIVO). AMMISSIBILE A FINANZIAMENTO (ESITO POSITIVO) (compilare la tabella sottostante): Investimenti (a) Spesa in progetto ( ) Importo del Spesa ammissibile ( ) Contributo di cui lavori contributo Spese richiesto di cui lavori agricoli da Totale richiesto Spese eseguire in generali (%) Investimenti agricoli da (a + b) ( ) (a) eseguire in generali economia (b) economia (b) Totale (a + b) Contributo concedibile (%) Importo del contributo concedibile ( ) Sono state apportate le correzioni al computo metrico (Le correzioni vanno eseguite con penna di colore rosso e le cancellazioni devono essere effettuate in modo che rimangano visibili le parti cancellate. Una copia del progetto approvato deve essere trasmessa al beneficiario in allegato al provvedimento di concessione): SI NO Motivazione: Istruttore (nome e cognome) Data Firma 20

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

ALLEGATO misura 413-311

ALLEGATO misura 413-311 Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale L Europa investe nelle zone rurali Gruppo di Azione Locale Riviera dei Fiori ALLEGATO misura 413-311 Avvio delle procedure

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura SOTTOMISURA 321/A Servizi essenziali e infrastrutture rurali AZIONE 4 PSR SICILIA 2007/2013 SOTTOMISURA 321/A4 Punti di accesso info-telematici

Dettagli

Finalità e obiettivi. Beneficiari. Investimenti ammissibili. ALLEGATO misura 413-311

Finalità e obiettivi. Beneficiari. Investimenti ammissibili. ALLEGATO misura 413-311 ALLEGATO misura 413-311 Avvio delle procedure di presentazione delle domande di aiuto e di pagamento a valere sulla misura 413-311 diversificazione verso attività non agricole Finalità e obiettivi Il presente

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI Programma di Sviluppo Rurale 2014 2020 Roberto Pagni Regione Toscana Luglio 2015 Firenze 1 PACCHETTO GIOVANI: OBIETTIVI 1/2 Promuovere

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI,

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

Prot. n. 14135 Cagliari, 13 Luglio 2012 Ai Presidenti dei GAL Ai componenti dei CdA dei GAL Ai Direttori dei GAL SEDI e, p.c. All Autorità di Gestione Dott.ssa Roberta Sanna SEDE Oggetto: PSR della Sardegna

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Scheda sintetica del bando relativo a: Concessione di contributi per la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO DI PICCOLE E MEDIE

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23)

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23) Allegato n. 5 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23) DOMANDA PRESENTATA TRAMITE.. (Società di locazione finanziaria, Banca; Associazione di categoria;

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca

Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca Linee guida per la Presentazione dei Progetti da allegare alle istanze e per la contabilità

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Allegato A UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Disposizioni generali per l attivazione del bando condizionato Aiuti all avviamento

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Allegato 1 alla D.G.R. n. del

Allegato 1 alla D.G.R. n. del Allegato 1 alla D.G.R. n. del MISURA INVESTIMENTI Programma Nazionale di Sostegno (PNSV) FINALITÀ AMBITO DI APPLICAZIONE E DURATA DELLA MISURA SOGGETTI AMMISSIBILI AL SOSTEGNO COMUNITARIO TIPOLOGIE DI

Dettagli

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca Patto Territoriale per l Agricoltura e la Pesca Alto Belice Corleonese, Valle del Torto e dei Feudi e Fascia Costiera Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003 CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E.

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. 1. Premesse In attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI ASSESSORATO URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE Allegato alla deliberazione del Consiglio

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO Via Pio VII n 9-10135 TORINO OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO to con

Dettagli

(approvato con delib. del C.C. n. del )

(approvato con delib. del C.C. n. del ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI AD USO CIVILE ABITAZIONE E RELATIVE PERTINENZE (approvato con delib. del

Dettagli

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario Allegato A ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO Su carta intestata dell istituto bancario OGGETTO : Regione Puglia Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Bando pubblicato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative ALLEGATO 1) RELAZIONE TECNICA (da allegare alle istanze presentate ai sensi della Misura 121 del PSR 2007-2013 "Ammodernamento delle aziende agricole") Aziende non cooperative N. DOMANDA RICHIEDENTE DATI

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 BANDO PUBBLICO MISURA 115 Avviamento dei servizi di

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale AREA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO AGRICOLTURA E FORESTE TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO Per la concessione di sussidi finalizzati a ridurre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N 930/68 DEL 13/10/2011 1 1.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO Allegato alla deliberazione della G.C. n. 327 del 12/12/2013 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALLA TUTELA DELL ATMOSFERA

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 15 dicembre 1998, n. 441, recante "Norme per la diffusione e la valorizzazione dell'imprenditoria

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL Indice ART. 1 (FINALITÀ).......... 2 ART. 2 (INTERVENTI AMMISSIBILI)...... 2 ART. 3 (DESTINATARI)........ 2 ART. 4 (MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE)...... 2 ART. 5 (COSTI AMMISSIBILI).........

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016

Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Nel presente documento si riporta un riepilogo degli adempimenti richiesti dal Bando ISI-INAIL della Regione Lazio per poter accedere ai contributi

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale

Piano di Sviluppo Locale Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 Asse 4 - Attuazione dell approccio Leader GAL ELIMOS AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ASSE 3 Qualità della vita nelle

Dettagli

PIF CEREALI SOVICILLE E DINTORNI

PIF CEREALI SOVICILLE E DINTORNI PIF CEREALI SOVICILLE E DINTORNI Settori oggetto di sviluppo Filiera Cerealicola e/o Proteoleaginosa Capofila MAIDICOLA SOVICILLE soc. coop. agr.. sede S.P. 73 Senese Aretina, 5 Comune di Sovicille (SI)

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione di check up energetici anno

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Regolamento per la concessione ai Comuni di contributi per la predisposizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA - 1 - INDICE REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA 3 ART. 1 3 ART. 2 3 ART. 3 3 ART. 4 4 ART. 5 4 ART. 6 4 ART. 7 4 ART.8 4 ART. 9 4 ART.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI D.A. n. 2740 Dip.Int.Strutt. Servizio III Unità operativa n. 32 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

, (per la rimozione di coperture pari a 30 /m 2 ) (per amianto in matrice friabile pari al 50% del costo)

, (per la rimozione di coperture pari a 30 /m 2 ) (per amianto in matrice friabile pari al 50% del costo) Allegato 1 CRITERI, MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO REGIONALE PER LA BONIFICA DI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PER GLI ANNI 2009 E 2010 (art. 4 della L.R. 30/2008) FINALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

Criteri e modalità per la concessione dei contributi per la rimozione con smaltimento di coperture in cemento amianto

Criteri e modalità per la concessione dei contributi per la rimozione con smaltimento di coperture in cemento amianto Allegato parte integrante ALLEGATO 1) Criteri e modalità per la concessione dei contributi per la rimozione con smaltimento di coperture in cemento amianto Articolo 1 Finalità e soggetti beneficiari 1.

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011 Art. 1 - Oggetto e finalità La Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 favorire e promuovere la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti cementoamianto ove presenti nei luoghi di lavoro; favorire e promuovere interventi

Dettagli

Il/La sottoscritt nat. il e residente a in. in qualità di legale rappresentante della Cooperativa/del Consorzio. con sede a

Il/La sottoscritt nat. il e residente a in. in qualità di legale rappresentante della Cooperativa/del Consorzio. con sede a DOMANDA PARTE II Oggetto: L.R. 20/2006, art. 14; Regolamento regionale di cui al D.P.Reg. 07 settembre 2015, n. 0184/Pres., art. 11, comma 1, lett. a) e comma 2, lett. a) Contributi per acquisto, anche

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! Leggi il bando per sapere come fare Per informazioni: Comune di Castelfranco Veneto

Dettagli

TESTO COORDINATO. Art. 1 (Oggetto)

TESTO COORDINATO. Art. 1 (Oggetto) Il testo pubblicato non ha valore ufficiale. È stato ricavato integrando il vecchio testo del regolamento con le modifiche introdotte dalla DGR n.2621 del 29 dicembre 2015 che deve ancora essere pubblicata

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00 COMUNE DI GONNOSNÒ PROVINCIA DI ORISTANO Ufficio Servizio Sociale Professionale Via Oristano, 30-09090 GONNOSNÒ P.I. 00069670958 E-mail: protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it 0783/931678 0783/931679 L.R.

Dettagli