UN APPROCCIO DISTRETTUALE ALLO SVILUPPO RURALE? OPPORTUNITA, METODOLOGIE, STRUMENTI ED ESPERIENZE A CONFRONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN APPROCCIO DISTRETTUALE ALLO SVILUPPO RURALE? OPPORTUNITA, METODOLOGIE, STRUMENTI ED ESPERIENZE A CONFRONTO"

Transcript

1 UN APPROCCIO DISTRETTUALE ALLO SVILUPPO RURALE? OPPORTUNITA, METODOLOGIE, STRUMENTI ED ESPERIENZE A CONFRONTO Considerazioni su applicazione e prospettiva della Legge regionale 13 ottobre 2003, n. 26 Istituzione dei distretti rurali e dei distretti agroalimentari di qualità dott.a Loredana CONTI Responsabile del Settore Politiche Comunitarie DICEMBRE 2004

2 PRINCIPI INFORMATORI DELLA LEGGE REGIONALE n. 26/03 ISTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI E AGROALIMENTARI DI QUALITA Concertazione Modulazione Cofinanziamento Addizionabilità Sussidiarietà Abbandono delle politiche settoriali a favore di politiche integrate intersettoriali o territoriali -1 -

3 INTERVENTI LEGISLATIVI CHE PREVEDONO POLITICHE INTEGRATE E PRECORRONO LA LEGGE REG.LE N. 26/03 Il decreto legislativo n. 228/01 Orientamento e modernizzazione del settore agricolo, a norma dell articolo 7 della legge 5 marzo 2001, n. 57 La Legge reg.le n. 24/97 Interventi per lo sviluppo dei sistemi locali di imprese nei distretti industriali del Piemonte La Legge reg.le n. 20/99 Disciplina dei distretti dei vini e delle strade del vino del Piemonte. Modifiche della legge regionale 12 maggio 1980, n. 37 segue -2 -

4 INTERVENTI LEGISLATIVI CHE PREVEDONO POLITICHE INTEGRATE E PRECORRONO LA LEGGE REG.LE N. 26/03 Le scelte regionali relativamente: al DocUP ob. 2 ai Piani di sviluppo locali di cui all iniziativa Leader Plus all Interreg agli strumenti della programmazione regionale (patti territoriali, contratti di programma ecc.) - 2bis - segue

5 INTERVENTI LEGISLATIVI CHE PREVEDONO POLITICHE INTEGRATE E PRECORRONO LA LEGGE REG.LE N. 26/03 Il PSR ove convivono: una nuova politica intersettoriale finalizzata ad aumentare la competitività dell agricoltura nell ambito delle filiere e delle organizzazioni territoriali una politica di sostegno alle economie agricole basata sul concetto della multifunzionalità in agricoltura - 2ter -

6 -3 - LE STRUTTURE LOCALI DISTRETTUALI SI DENOTANO COME: strumenti di governance locale atti a valorizzare le risorse endogene, a partire dalla multifunzionalità dell agricoltura, in una competitività che si esercita sempre più tra sistemi locali strumenti atti a valorizzare le relazioni di filiera territoriale nel quadro della competitività globale che si esercita sempre più tra sistemi di filiera

7 DEFINIZIONE DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E RURALI ARTT. 3 E 4 L.R. n. 26/03 Per potersi costituire i distretti agroalimentari devono ritrovarsi le seguenti condizioni: presenza di prodotti merceologicamente omogenei, certificati e tutelati; presenza di un sistema consolidato da interrelazioni; capacità di realizzazione a livello locale; integrazione tra produzione agroalimentare e fenomeni culturali e turistici interesse delle istituzioni locali per una politica integrata -4 -

8 GLI OPERATORI RELAZIONI FRA LORO E IL TERRITORIO Regione Istituzioni locali Rappresentanze economiche e sociali dell area distrettuale -5 -

9 LE NORME ATTUATIVE D.G.R. n del 4/10/04 Nota metodologica per la determinazione delle aree distrettuali Schema metodologico di elaborazione del Piano di distretto -6 -

10 -7 - DEFINIZIONE DEI PROGETTI DI INNOVAZIONE La D.G.R. n del 4/10/04 testualmente li qualifica: Iniziative esemplari aventi caratteri pilota, trasferibili e sostenibili omissis atti ad accrescere la competitività del distretto mediante: La riduzione dei costi; La promozione della multifunzionalità delle imprese agricole; L integrazione orizzontale e verticale; La tutela e la valorizzazione delle risorse naturali, culturali, produttive locali; La salvaguardia dell ambiente

11 ATTI PROCEDURALI I progetti d innovazione con: Il Piano di delimitazione territoriale Il Piano di animazione del distretto costituiscono gli atti progettuali dell attività del distretto -8 -

12 I PIANI DEVONO ESSERE CONFORMI ALLA FILOSOFIA ESPRESSA DALLE LINEE GUIDA ovvero Promuovere la realizzazione di progetti di innovazione con forme di collaborazione tra imprese, istituzioni ed altri soggetti Incentivare strette relazioni sociali che orientino i soggetti locali verso politiche innovative Proporre azioni di stimolo verso modelli di intervento concertato fra pubblico e privato -9 -

13 PRIMA INDIVIDUAZIONE DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI Le note metodologiche non individuano aree elegibili ma segnalano alcuni territori con caratteristiche idonee a divenire distretti: area floricola a cavallo delle province di Novara, Verbano Cusio Ossola e Biella l area risicola, a cavallo delle province di Vercelli, Novara, Alessandria e Biella, nella quale si concentra in modo quasi esclusivo la coltivazione di tale cereale e la presenza di industrie di lavorazione del risone; segue

14 PRIMA INDIVIDUAZIONE DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI l area frutticola del Saluzzese e Cavourese; l area della pianura alessandrina, caratterizzata dalle coltivazioni cerealicole e orticolo-pataticole - 10bis -

15 CONSIDERAZIONI SULLO SVILUPPO DELLE POLITICHE DISTRETTUALI 1. dalle risorse finanziarie che potranno essere messe a disposizione dei diversi Piani; segue -11 -

16 CONSIDERAZIONI SULLO SVILUPPO DELLE POLITICHE DISTRETTUALI 2. dall accuratezza nell analisi della situazione esistente e nella valutazione delle prospettive; - 11bis - segue

17 CONSIDERAZIONI SULLO SVILUPPO DELLE POLITICHE DISTRETTUALI 3. dall interesse e dalla volontà dei soggetti locali (istituzionali e non) di esprimere reali priorità di intervento; segue - 11ter -

18 CONSIDERAZIONI SULLO SVILUPPO DELLE POLITICHE DISTRETTUALI 4. previsioni nel PSR di interventi per politiche integrate. - 11quater -

19 Requisiti per l individuazione dei distretti rurali (art. 3, L.R. n. 26/03) la presenza di un insieme di attività e funzioni diversificate, quali l'agricoltura, l'agriturismo, il turismo rurale, l'artigianato e la piccola industria, aventi una base comune territoriale ed in grado di valorizzare le risorse produttive, culturali ed ambientali locali; la produzione agricola realizzata nell'area distrettuale risulta coerente con i valori ambientali e paesaggistici dei territori, caratterizza l'identità dei luoghi ed è significativa a livello dell'economia locale; è presente un sistema consolidato di relazioni tra le imprese agricole e le imprese locali operanti in altri settori; una parte rilevante dell'innovazione tecnologica ed organizzativa delle imprese agricole, nonché dell'assistenza tecnica ed economica e della formazione professionale è soddisfatta dall'offerta locale; esiste un'integrazione tra produzione agricola e fenomeni culturali e turistici; sono disponibili le risorse aziendali necessarie per attività di valorizzazione dei prodotti agricoli e del patrimonio rurale e forestale, nonché di tutela del territorio e del paesaggio rurale; le istituzioni locali sono interessate alla realtà distrettuale ed a stabilire rapporti di tipo collaborativo e convenzionale con le imprese agricole e con quelle di altri settori locali

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei moduli per

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1020/DB1120 del 24.11.2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1020/DB1120 del 24.11.2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1020/DB1120 del 24.11.2014 Oggetto: PSR 2007-2013 - Misura 114 del PSR 2007-2013: Utilizzo dei servizi di consulenza in agricoltura: periodo di transizione 2014-2015 Presa

Dettagli

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata REGIONE BASILICATA AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata Cagliari, 7-11 maggio 2007 Gianluca Cadeddu Regione Autonoma della Sardegna Presidenza del Consiglio

Dettagli

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO Quadro di riferimento comunitario: la Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali

Dettagli

A relazione dell'assessore Sacchetto:

A relazione dell'assessore Sacchetto: REGIONE PIEMONTE BU21 26/05/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 29 aprile 2011, n. 40-1976 Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Piemonte. Misura 123 "Accrescimento del valore aggiunto

Dettagli

Le opportunità offerte dai nuovi PSR alla zootecnia biologica CREMONA 28 ottobre 2015 Flaminia Ventura Una misura dedicata la Misura 11 Agricoltura Biologica Aiuti a superficie per: Conversione alle pratiche

Dettagli

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC Convegno CATAP Riflessi della nuova Politica Agricola Comune 2014-2020 sull ambiente e sul paesaggio in Italia. Roma, 19 giugno 2014 Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE Allegato 1 ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei

Dettagli

Vista la D.G.R. n. 48-7403 del 7.4.2014 che ha:

Vista la D.G.R. n. 48-7403 del 7.4.2014 che ha: REGIONE PIEMONTE BU19 14/05/2015 Codice A17090 D.D. 23 marzo 2015, n. 163 Reg.CE 1698/2005 art. 20 e 21 - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Piemonte - Misura 111 - Azione 1 - Sottoazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1102 D.D. 24 novembre 2010, n. 1352 L.R. 63/78 art. 41. Affidamento all'ima Piemonte dell'incarico per la realizzazione di immagini fotografiche sul paesaggio piemontese

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2 ALLEGATO n. 2 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Liguria Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

P.S.R. 2007-2013 REGIONE PUGLIA

P.S.R. 2007-2013 REGIONE PUGLIA P.S.R. 2007-2013 REGIONE PUGLIA BUONE PRATICHE DI GESTIONE DEI PIANI DI SVILUPPO LOCALE Perugia 21 nov. 13 2 ESTREMA SINTESI DI UNA ESPERIENZA DI SVILUPPO LOCALE 2006-2013 Priorità ed Obiettivi del P.S.R.

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area programmazione strategica e socio-economica Servizio 2 - Programmazione strategica e comunitaria DOCUP Ob. 2 (2000-2006) Comitato di Sorveglianza del 12-13 dicembre

Dettagli

Torino, 18 maggio 2012 DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE

Torino, 18 maggio 2012 DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE SIRA per le IMPRESE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda sessione: DATI E INFORMAZIONI INERENTI I FATTORI DI PRESSIONE SULL AMBIENTE Le Valutazioni Ambientali La banca dati

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

74 1.7.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26

74 1.7.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 74 1.7.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Sviluppo Rurale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6.

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. NORME PER IL SOSTEGNO DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS) E PER LA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI DA FILIERA CORTA E DI PRODOTTI DI QUALITÀ E MODIFICHE ALLA

Dettagli

L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR. Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020

L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR. Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020 L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Cepagatti, 20 Giugno 2014 Obiettivo del partenariato: - ordinare i fabbisogni emergenti -

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE Milano, 18 novembre 2014 Alessandro Pezzotta Struttura Programmazione ed attuazione dello sviluppo rurale PSR 2014-2020: OBIETTIVI - priorità 1: stimolare

Dettagli

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014 PSR 2014-2020 La Struttura e i contenuti del futuro programma Bologna - luglio 2014 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Europa 2020: linee guida generali Quadro Strategico Nazionale (QSC), Position Paper, e l Accordo

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Regolamento generale di attuazione del Programma di sviluppo rurale 2007-2013 della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Regolamento generale di attuazione del Programma di sviluppo rurale 2007-2013 della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Regolamento generale di attuazione del Programma di sviluppo rurale 2007-2013 della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI COMUNI --------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale agricola e/o forestale, previsti dalla Misura 114 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Sardegna Utilizzo

Dettagli

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Corso di Formazione 2010 per operatori regionali tutela ambiente montano Torino 19 giugno 2010 Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Argomenti della presentazione

Dettagli

BIODISTRETTO "COLTURE MEDITERRANEE TERRE DEL BIO" - PETROSINO ATTO PROTOCOLLARE

BIODISTRETTO COLTURE MEDITERRANEE TERRE DEL BIO - PETROSINO ATTO PROTOCOLLARE BIODISTRETTO "COLTURE MEDITERRANEE TERRE DEL BIO" - PETROSINO ATTO PROTOCOLLARE Sottoscrìtto in occasione dei convegno "Verso il Biodistretto delle Colture Mediterranee" PETROSINO lo/apnle/2015 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

4. OBIETTIVI, STRATEGIE E CONNESSIONI CON GLI ALTRI PROGRAMMI DI SVILUPPO

4. OBIETTIVI, STRATEGIE E CONNESSIONI CON GLI ALTRI PROGRAMMI DI SVILUPPO 4. OBIETTIVI, STRATEGIE E CONNESSIONI CON GLI ALTRI PROGRAMMI DI SVILUPPO 4.1 Obiettivi Il Piano Regionale di Sviluppo (PRS) e il Piano Urbanistico Territoriale (PUT) sono gli strumenti generali della

Dettagli

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Assessore Regionale Luca Braia Giovanni Oliva - Vittorio Restaino Dipartimento Politiche Agricole e Forestali - Regione Basilicata Potenza - Sala

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico

VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico Torre di Mosto, 12 novembre 2015 VeGAL: il PSL risultati 2007/13 ll Programma di Sviluppo Locale (PSL) Itinerari, paesaggi e prodotti della terra gestito

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Guida agli uffici della Regione Piemonte

Guida agli uffici della Regione Piemonte Guida 2pal 11-01-2010 9:40 Pagina 2 Urp Alessandria via dei Guasco, 1-15121 Alessandria tel. 0131.285072 fax 0131.285073 urpalessandria@regione.piemonte.it Urp Asti corso Alfieri, 165-14100 Asti tel. 0141.324551

Dettagli

Energia rinnovabile in Campania

Energia rinnovabile in Campania Energia rinnovabile in Campania Le principali fonti di finanziamento delle FER in Campania POR Campania L asse 3 Energia sviluppa azioni finalizzate a: sostenere e/o realizzare impianti per la produzione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO ALIMENTARE PIEMONTESE In applicazione del Reg. (CE) n. 1305/2013 Focus area 3a INTRODUZIONE

ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO ALIMENTARE PIEMONTESE In applicazione del Reg. (CE) n. 1305/2013 Focus area 3a INTRODUZIONE ALLEGATO A ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE 11 AGRICOLTURA SETTORE 11.13 PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE SISTEMA AGROALIMENTARE ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L.

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L. P.I.S.L. N.A.Tu.R.A. Valorizzazione della rete ecologica del Parco Fluviale del Po (tratto vercellese/alessandrino) e dell Orba e del Monferrato casalese, tramite la riqualificazione ambientale e la promozione

Dettagli

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Misura 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali (art. 17) Sottomisura 4.4 Sostegno per investimenti non produttivi

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE MISURA 431 Azione 2.b Informazione sull attività del GAL Attività di animazione

Dettagli

MODULO PER L'INVIO DI IDEE PROGETTUALI

MODULO PER L'INVIO DI IDEE PROGETTUALI (MISURA 19 Sviluppo Locale Leader - PSR VENETO2014 2020) MODULO PER L'INVIO DI IDEE PROGETTUALI Compilare la scheda e trasmetterla a GAL BALDO-LESSINIA Piazza Borgo 52 37021 Bosco Chiesanuova (VR) TEL.045/6780048

Dettagli

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area Programmazione strategica e socio-economica Servizio Programmazione strategica e comunitaria Regolamento (CEE) n. 1260/99 Docup Ob. 2 2000-2006 Misura 4.1 Programma

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI BANDO PREDISPOSTO CON I SEGUENTI ATTI: D.G.P. n. 532 del 25 maggio 2009 Programma di meccanizzazione agricola (ex art. 10 L.R. 12 del 25/05/2008) Concorso negli interessi su prestiti

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

UTILIZZO della MISURA 123 del PSR

UTILIZZO della MISURA 123 del PSR UTILIZZO della MISURA 123 del PSR Azione 2 & 3 ZONA RURALE TUTELATA E TURISMO SOSTENIBILE: Incentivazione progetti di filiera: nascita di punti di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

PIANO DI AZIONE LOCALE FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE GRUPPO DI AZIONE LOCALE BOLOGNAPPENNINO

PIANO DI AZIONE LOCALE FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE GRUPPO DI AZIONE LOCALE BOLOGNAPPENNINO RICHIESTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DA REALIZZARSI IN MODALITÀ REGIA DIRETTA IN CONVENZIONE CON IL GAL APPENNINO BOLOGNESE A VALERE SULLA MISURA 413.7 OPERAZIONE

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

DETTAGLIO MAPPA REGIONALE SULLA COOPERAZIONE E SUL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E ALL' ATTIVITA' DEI GRUPPI OPERATIVI P.E.I.

DETTAGLIO MAPPA REGIONALE SULLA COOPERAZIONE E SUL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E ALL' ATTIVITA' DEI GRUPPI OPERATIVI P.E.I. DETTAGLIO MAPPA REGIONALE SULLA COOPERAZIONE E SUL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E ALL' ATTIVITA' DEI GRUPPI OPERATIVI P.E.I. MISURA 16: Cooperazione BOLZANO - Costituzione e gestione di Gruppi Operativi PEI:

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE SEMINARIO: IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE PER LA PAC E LO SVILUPPO RURALE: OPPORTUNITA E PROSPETTIVE L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE REGIONE PIEMONTE D.ssa Caterina

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 6 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome Nome Telefono uff Fax E-mail Cittadinanza di nascita Sesso Attuale Incarico Ricoperto Esperienza professionale De Luca Giuseppe 06 51684240 06 51684239

Dettagli

Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura M a t e r a

Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura M a t e r a Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura M a t e r a Area Servizi Sviluppo Agricolo Specialistici Matera Codice Attività DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015/I/00147 DEL Oggetto: Progetto

Dettagli

TERRAGIR. Analisi comparativa dei percorsi di valorizzazione

TERRAGIR. Analisi comparativa dei percorsi di valorizzazione TERRAGIR Analisi comparativa dei percorsi di valorizzazione Antonella Ara Giaime Berti Dipartimento di Agronomia e Gestione dell Agroecosistema Nuoro 16 ottobre 2009 Obiettivi del lavoro del DAGA i percorsi

Dettagli

L innovazione nello sviluppo rurale: il PEI AGRI e l esperienza della Regione Puglia

L innovazione nello sviluppo rurale: il PEI AGRI e l esperienza della Regione Puglia L innovazione nello sviluppo rurale: il PEI AGRI e l esperienza della Regione Puglia Roma, 30 Novembre 2015 Paolo Casalino Dirigente Regione Puglia Uff. Bruxelles I Partenariati Europei per l Innovazione

Dettagli

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015 PSR 2014-2020 Le novità Bologna 22 maggio 2015 Le condizionalità Ex ante Reg. Ue 1303/2013 - Articolo 2 Definizioni 33) "condizionalità ex ante applicabile": rappresenta un pre- requisito per l'efficace

Dettagli

Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione. Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00

Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione. Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00 Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00 1 L IMPRESA E E FEMMINILE (cfr. L. 215/92) SE: Ditta individuale con titolare donna Società

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO, FINANZIAMENTI, STRATEGIE

STRUTTURA DEL PIANO, FINANZIAMENTI, STRATEGIE STRUTTURA DEL PIANO, FINANZIAMENTI, STRATEGIE.1 La struttura del Piano di Sviluppo La struttura del Piano precedentemente mostrata è stata la "base fondamentale di discussione del Piano nella Comunità

Dettagli

Viste: - la Convenzione quadro rep. n. 13692 in data 21.8.2008 stipulata tra la Regione Piemonte e ARPEA in attuazione della l.r. 21.6.2002, n.

Viste: - la Convenzione quadro rep. n. 13692 in data 21.8.2008 stipulata tra la Regione Piemonte e ARPEA in attuazione della l.r. 21.6.2002, n. REGIONE PIEMONTE BU8 24/02/2011 Codice DB1111 D.D. 15 novembre 2010, n. 1281 Mandato ad ARPEA di procedere al a favore degli ATC e dei CA e delle Province delle somme indicate nelle liste incluse nella

Dettagli

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria INDICE DELLE ATTIVITA PER AMBITO OMOGENEO (AO) AO: Studi sull impresa Osservatorio sulla responsabilità sociale delle imprese agroalimentari Farm Accountancy cost estimation and Policy analysis La filiera

Dettagli

XVII LEGISLATURA - CAMERA DEI DEPUTATI V Commissione (Bilancio, tesoro e programmazione) Giovedì 20 novembre 2014340.

XVII LEGISLATURA - CAMERA DEI DEPUTATI V Commissione (Bilancio, tesoro e programmazione) Giovedì 20 novembre 2014340. XVII LEGISLATURA - CAMERA DEI DEPUTATI V Commissione (Bilancio, tesoro e programmazione) Giovedì 20 novembre 2014340. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE

Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE 4.1 Dallo sviluppo agricolo allo sviluppo rurale Le zone rurali (che costituiscono circa l 80% del territorio comunitario) sono generalmente caratterizzate da una prevalenza

Dettagli

che con legge 6 dicembre 1991, n 394, è stato istituito il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga; P R E M E S S O

che con legge 6 dicembre 1991, n 394, è stato istituito il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga; P R E M E S S O Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Protocollo d'intesa tra la regione Lazio, la provincia di Rieti, il comune di Amatrice, il comune di Accumoli, l'ente parco, per la realizzazione di un

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

Agricoltura delle aree peri urbane: politiche attuali e possibili Elena Di Bella Dirigente Sviluppo rurale e Montano Provincia di Torino

Agricoltura delle aree peri urbane: politiche attuali e possibili Elena Di Bella Dirigente Sviluppo rurale e Montano Provincia di Torino Agricoltura delle aree peri urbane: politiche attuali e possibili Elena Di Bella Dirigente Sviluppo rurale e Montano Provincia di Torino Definizioni (Comitato Economico e Sociale Europeo parere d iniziativa

Dettagli

Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015.

Adesione di Regione Piemonte all' Accordo per il credito 2015 sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. REGIONE PIEMONTE BU21 28/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 25 maggio 2015, n. 16-1465 Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA PER IL PREMIO

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA PER IL PREMIO Rete Rurale Nazionale Task Force Buone Prassi e Innovazioni Task Force LEADER GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA PER IL PREMIO E.S.E.M.P.I. 211 Esperienze di Sviluppo Eccellenti per Metodi e Prassi

Dettagli

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR ARDAF e Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Roma Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR «La riforma della PAC e l attuazione del nuovo regime dei pagamenti diretti in Italia:

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE ProgrammazioneUnitaria2014-2020 Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE INCENTIVI IMPRESE Stato attuazione procedure Programmazione Unitaria COMPETITIVITA

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Silvia Masi Dipartimento Pianificazione Territoriale, Agricoltura, Turismo e Promozione Servizio

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi

Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi Obiettivo strategico Il Programma regionale di azioni innovative ha l obiettivo di stimolare i processi di diffusione

Dettagli

PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE LOCALE

PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE LOCALE 74 PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE LOCALE Alla massiccia attività di riqualificazione del territorio avviata attraverso il recupero di siti ed edifici degradati o dismessi, si è accompagnata, a partire dalla

Dettagli

OGGETTO: Valutazione Ambientale Strategica relativa al Piano di Gestione del rischio di alluvioni del distretto idrografico del fiume Po.

OGGETTO: Valutazione Ambientale Strategica relativa al Piano di Gestione del rischio di alluvioni del distretto idrografico del fiume Po. Prot. N.. /PU Spett.le Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale per le Valutazioni Ambientali Divisione II - Sistemi di Valutazione Ambientale Via Cristoforo

Dettagli

Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria. al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura

Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria. al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura Economia, società, policy making Le tappe principali L istituto Nazionale di Economia Agraria

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli