Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS"

Transcript

1 Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11

2 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La finalità del certificato ITIL Foundation in IT Service Management è di certificare che il candidato abbia acquisito la conoscenza della terminologia, della struttura e dei concetti di base di ITIL ed abbia compreso i principi fondamentali delle pratiche ITIL per il service management. Il certificato ITIL Foundation in IT Service Management non è concepito per abilitare i titolari del certificato ad applicare le pratiche ITIL nella gestione del servizio senza ulteriore guida. Gruppo dei destinatari Il gruppo dei destinatari del certificato ITIL Foundation in IT Service Management è costituito da: Persone che necessitano di una conoscenza di base del framework ITIL e di come possa essere utilizzato per migliorare la qualità della gestione del servizio IT all interno di un organizzazione. Professionisti IT, che lavorano all interno di un organizzazione che ha adottato e adattato ITIL che hanno bisogno di essere informati in merito per poter successivamente contribuire ad un programma di miglioramento continuo dei servizi. Questo può includere, ma non solo, i professionisti IT, i business manager e i business process owner. Obiettivi di apprendimento I candidati possono aspettarsi di ottenere conoscenza e comprensione in quanto di seguito specificato a seguito del completamento con successo dell'attività di istruzione e formazione e dei relativi componenti d esame relativi a questa certificazione. Service Management come pratica (comprensione) Ciclo di vita ITIL del servizio (comprensione) Concetti e definizioni generali (consapevolezza) Principi chiave e modelli (comprensione) Una selezione di processi (consapevolezza) Una selezione di funzioni (consapevolezza) Una selezione di ruoli (consapevolezza) Tecnologia e architettura (consapevolezza) Competenza e formazione (consapevolezza) Page 2 of 11

3 Syllabus del Foundation Il syllabus guiderà la progettazione, lo sviluppo e l uso del materiale di formazione, nonché la formazione volta ad accrescere la comprensione dei singoli e le competenze nell IT service management, così come descritte nelle pubblicazioni ITIL Service Strategy, ITIL Service Design, ITIL Service Transition, ITIL Service Operation, ITIL Continual Service Improvement, ITIL Introduction e Glossario ITIL. Il syllabus è stato progettato pensando alla facilità di riferimento, estendibilità e manutenzione. I candidati al conseguimento del certificato ITIL Foundation in IT service management devono completare tutte le unità e superare con successo l esame corrispondente per conseguire la certificazione. Gli organismi di formazione sono liberi di strutturare ed organizzare la loro formazione nel modo che ritengono più opportuno, a condizione che le unità sottostanti siano sufficientemente trattate. È fortemente raccomandato che gli fornitori di formazione non strutturino i corsi seguendo semplicemente l ordine delle unità di formazione come descritte in questo documento. Esso è stato progettato per essere flessibile, in modo che gli organismi di formazione possano aggiungere il valore ritenuto appropriato. Il numero consigliato di giorni di studio è 3 se svolto in un contesto d aula, e può includere l esame finale. Le unità coprono gli argomenti elencati. Unit ITILFND01 Service management come pratica La finalità di questa unità è quello di aiutare il candidato a definire il concetto di un servizio e comprendere e spiegare il concetto di service management come pratica. In particolare i candidati devono essere in grado di: Descrivere il concetto di best practice di dominio pubblico (SS 2.1.7, Fig 2.3) Descrivere e spiegare perché ITIL ha successo (SS 1.4) Definire e spiegare il concetto di un servizio (SS 2.1.1) Definire e spiegare il concetto di clienti interni ed esterni (SS ) Definire e spiegare il concetto di servizi interni ed esterni (SS ) Definire e spiegare il concetto di service management (SS 2.1.2) Definire e spiegare il concetto di IT service management (SS 2.1.3) Definire e spiegare il concetto di stakeholder nel service management (SS 2.1.5) Definire processi e funzioni (SS 2.2.2, ) Spiegare il modello di processo e le caratteristiche dei processi (SS 2.2.2, Fig 2.5) Il periodo di studio raccomandato per questa unità è come minimo di 1 ora e 30 minuti. ITILFND02 Ciclo di vita ITIL del servizio La finalità di questa unità è aiutare i candidati a comprendere il valore del ciclo di vita ITIL del servizio, come i processi si integrano gli uni con gli altri, attraverso il ciclo di vita e spiegare gli obiettivi e il valore per il business per ogni fase del ciclo di vita. Page 3 of 11

4 In particolare i candidati devono essere in grado di: Descrivere la struttura del ciclo di vita ITIL del servizio (SS 1, Introduzione fino a 1.1, SS 1.2, Fig 1.1) Spiegare le finalità, gli obiettivi e l ambito del service strategy (SS 1.1.1, 1.1.2) Spiegare brevemente il valore che il service strategy fornisce al business (SS 1.1.4) Spiegare la finalità, gli obiettivi e l ambito del service design (SD 1.1.1, 1.1.2) Spiegare brevemente il valore che il service design fornisce al business (SD 1.1.4) Spiegare la finalità, gli obiettivi e l ambito del service transition (ST 1.1.1, 1.1.2) Spiegare brevemente il valore che il service transition fornisce al business (ST 1.1.4) Spiegare la finalità, gli obiettivi e l ambito del service operation (SO 1.1.1, 1.1.2) Spiegare brevemente il valore che il service operation fornisce al business (SO 1.1.4) Spiegare la finalità, gli obiettivi e l ambito del continual service improvement (CSI 1.1.1, 1.1.2) Spiegare brevemente il valore che il continual service improvement fornisce al business (CSI 1.1.4) Si raccomanda di coprire questa formazione all interno di altre unità. Il periodo di studio raccomandato per questa unità è come minimo di 1 ora. ITILFND03 Concetti e definizioni generali La finalità di questa unità è aiutare il candidato a definire alcune terminologie chiave e spiegare i concetti principali del service management. In particolare, i candidati devono essere in grado di definire e spiegare i seguenti concetti principali: Utilità e garanzia (SS ) Asset, risorse e abilità (SS 2.2.1) Portafoglio dei servizi (SS , Fig 4.14) Catalogo dei servizi (sia le tipologie con due viste sia le tipologie con tre viste) (SD , Fig. 4.4, Fig. 4.5) Governance (SS 2.3.1) Business case (SS ) Risk management (SS , ) Service provider (SS 2.1.4) Fornitore (SS 2.1.5) Service level agreement (SLA) (SD 4.3.4) Operational level agreement (OLA) (SD 4.3.4) Contratto di subfornitura (UC) (SD ) Pacchetto di progettazione del servizio (SD Appendix A) Disponibilità (SD ) Service knowledge management system (SKMS) (ST ) Elemento della configurazione (CI) (ST ) Page 4 of 11

5 Configuration management system (ST ) Definitive media library (DML) (ST ) Change (ST ) Tipologie di change (standard, d emergenza e normal) (ST , , ) Evento (SO paragrafo) Allarme (Glossario) Incident (SO paragrafo) Impatto, urgenza e priorità (SO ) Richiesta di servizio (SO paragrafo) Problem (SO paragrafo) Workaround (SO ) Errore noto (SO ) Database degli errori noti (KEDB) (SO ) Il ruolo della comunicazione nel service operation (SO 3.6) Release policy (ST ) Tipologie di servizi (SS , Tab 3.5) Proposte di change (ST ) Registro del CSI (CSI 3.4) Risultati (SS 2.1.1) Patterns of business activity (PBA) (SS ) Clienti e utenti (SS 2.1.5) Il Ciclo di Deming (plan, do, check, act) (CSI 3.8, Fig 2.8) Si raccomanda che questa unità sia coperta come parte della formazione nelle altre unità. ITILFND04 Principi fondamentali e modelli La finalità di questa unità è aiutare il candidato a comprendere e spiegare i principi fondamentali e i modelli di service management ed equilibrare alcune delle forze in contrapposizione all interno del service management. In particolare, i candidati devono essere in grado di: Service strategy Descrivere la creazione del valore attraverso i servizi (SS 3.2.3, ,Fig 3.6, Fig 3.7, non la sezione su Marketing mindset ) Service design Comprendere l importanza delle persone, dei processi, dei prodotti e dei partner per il service management (SD 3.1.5, Fig 3.3) Comprendere i cinque principali aspetti del service design (SD 3.1.1): Soluzioni del servizio per servizi nuovi o modificati Strumenti e sistemi di gestione dell'informazione Architetture tecnologiche e architetture di gestione I processi richiesti Metodi di misura e metriche Continual service improvement Page 5 of 11

6 04-9. Spiegare l approccio al continual service improvement (CSI 3.1, 3.1.1, Fig 3.1) Comprendere il ruolo della misura per il continual service improvement e spiegare i seguenti elementi chiave: Relazioni tra i fattori critici di successo (CSF) e i key performance indicators (KPI) (CSI 5.5.1) Baselines (CSI 3.9.1) Tipologie di metriche (metriche tecnologiche, metriche di processo, metriche di servizio) (CSI 5.5) Il periodo di studio raccomandato per questa unità è come minimo di 1 ora e 30 minuti. ITILFND05 Processi La finalità di questa unità è di aiutare il candidato a comprendere come i processi di service management contribuiscono a sostenere l intero ciclo di vita ITIL del servizio, di illustrare lo scopo, gli obiettivi, l ambito, i concetti di base, le attività e le interfacce dei quattro processi fondamentali e di indicare lo scopo, gli obiettivi e l ambito per diciotto dei rimanenti processi. La lista delle attività da includere da ogni processo è il requisito minimo e non deve essere considerata come una lista esaustiva. In modo particolare, il candidato deve essere in grado di: Service strategy Esporre la finalità, gli obiettivi e l ambito per: Service portfolio management (SS 4.2.1, ) Il portafoglio dei servizi (SS , Fig 4.14) Financial management for IT services (SS 4.3.1, 4.3.2) Business case (SS ) Business relationship management (SS 4.5.1, 4.5.2, Tab 4.10) Service design Spiegare la finalità, gli obiettivi, l ambito, i concetti di base, le attività di processo e le interfacce per: Service level management (SLM) (SD , ) La seguente lista deve essere compresa: SLA basato sul servizio (SD ) SLA multi-livello (SD , Fig 4.7) Page 6 of 11

7 Requisiti del livello di servizio (SLRs) (SD ) Grafico per il monitoraggio degli SLA (SLAM) (SD , CSI Fig 4.4) Riesame del servizio (SD ) Piano di miglioramento del servizio (SIP) (SD ) Relazione tra SLM e BRM (SD ) Esporre la finalità, gli obiettivi e l ambito per: Service catalogue management (SD 4.2.1, 4.2.2) Availability management (SD 4.4.1, 4.4.2) Disponibilità del servizio (SD ) Disponibilità del componente (SD ) Affidabilità (SD ) Manutenibilità (SD ) Serviceability (SD ) Funzioni vitali per il business (VBF) (SD ) Information security management (ISM) (SD 4.7.1, ) Guida per la sicurezza delle informazioni (SD ) Supplier management (SD 4.8.1, ) Categorie di fornitori (SD , Fig 4.28) Capacity management (SD 4.5.1, 4.5.2) Piano della capacità (SD ) Business capacity management (SD ) Service capacity management (SD ) Component capacity management (SD ) IT service continuity management (SD 4.6.1, 4.6.2) Finalità della business impact analysis (BIA) (SD ) Risk assessment (SD ) Design coordination (SD 4.1.1, 4.1.2) Service transition Spiegare e illustrare la finalità, gli obiettivi e l ambito per: Change management (ST 4.2.1, 4.2.2, , , ) Tipologie di richiesta di change (ST ) Modelli di change (ST ) Pianificazione del rimedio (ST ) Change advisory board / emergency change advisory board (ST , ) Page 7 of 11

8 Ciclo di vita di un change normale (ST 4.2.5, Fig 4.2) Esporre la finalità, gli obiettivi e l ambito per: Release and deployment management (ST 4.4.1, 4.4.2) Quattro fasi del release e deployment (ST 4.4.5, Fig 4.23) Knowledge management (ST 4.7.1, 4.7.2) Data-to-Information-to-Knowledge-to-Wisdom (DIKW) e Service Knowledge Management System (SKMS) (ST , , Fig 4.36) Service asset and configuration management (SACM) (ST 4.3.1, 4.3.2,) Transition planning and support (ST 4.1.1, 4.1.2) Service operation Spiegare la finalità, gli obiettivi, l ambito, i concetti di base, le attività e le interfacce per: Incident management (SO 4.2.1, 4.2.2, , 4.2.5, ) Problem management (SO 4.4.1, 4.4.2, , 4.4.5, ), esclusa la sezione sulle tecniche di analisi dei problem ( ) Esporre la finalità, gli obiettivi e l ambito per: Event management (SO 4.1.1, 4.1.2) Request fulfilment (SO 4.3.1, 4.3.2) Access management (SO 4.5.1, 4.5.2) Continual service improvement Esporre la finalità, gli obiettivi e l ambito per: Il seven-step improvement process (CSI , 4.1, 4.1.1, 4.1.2, Fig 3.4) Per questa sezione è consigliato uno studio della durata minima di 10 ore e 45 minuti. ITILFND06 Funzioni La finalità di questa unità e di aiutare il candidato a spiegare il ruolo, gli obiettivi e le Page 8 of 11

9 strutture organizzative della funzione service desk, e di esporre il ruolo, gli obiettivi e le sovrapposizioni di altre tre funzioni. In modo particolare il candidato deve essere in grado di: Spiegare il ruolo, gli obiettivi e le strutture organizzative per La funzione service desk (SO 6.3, 6.3.1, 6.3.2, 6.3.3, Figs 6.2, 6.3, 6.4) Esporre il ruolo e gli obiettivi di: La funzione technical management (SO 6.4.1, 6.4.2) La funzione application management (SO 6.6.1, 6.6.2) con l application development (SO , Tab 6.2) La funzione di IT operations management (IT operations control e facilities management) (SO 6.5.1, 6.5.2) Per questa sezione è consigliato un studio della durata minima di 1 ora. ITILFND07 Ruoli La finalità di questa unità è di aiutare il candidato a spiegare e essere consapevole delle responsabilità di alcuni ruoli chiave nel service management. In modo particolare, il candidato deve essere in grado di: Spiegare il ruolo e le responsabilità di Process owner (SD 6.3.2) Process manager (SD 6.3.3) Process practitioner (SD 6.3.4) Service owner (SD 6.3.1) Riconoscere il modello di responsabilità (RACI) responsabile, autorizzatore, consultato, informato e spiegarne il ruolo nella determinazione di una struttura organizzativa. (SD , tab 3.2, not RACI-VS or RASCI) Per questa sezione è consigliato un studio della durata minima di 45 minuti. ITILFND08 Tecnologia e architetture La finalità di questa unità è di aiutare il candidato a: Comprendere come l automazione del servizio aiuti nel velocizzare i processi di service management (SS 7.1) Si raccomanda che questa unità sia trattata come parte del training delle altre unit. Page 9 of 11

10 ITILFND09 Competenze e training Competenze e skills per il service management (SD 6.5.1) Struttura per le competenze e skill (SD 6.5.2) Formazione (SD 6.5.3) Questa unità non oggetto d esame. E consigliato un studio della durata minima di 15 minuti. ITILFND10 Simulazione d esame La finalità di questa unità è di aiutare il candidato superare l esame ITIL Foundation. In modo particolare il candidato deve: Sostenere almeno una sessione di simulazione di esame ITIL Foundation. Per questa sezione è consigliato un studio della durata minima di 2 ore compresa la revisione. Page 10 of 11

11 Formato dell Esame Questo syllabus ha un esame accompagnatorio sul quale il candidato deve ottenere un punteggio di superamento per ottenere il Certificato ITIL Foundation in IT Service Management. Tipologia Scelta multipla, 40 domande. Le domande sono selezionate dall insieme completo di domande del Certificato ITIL Foundation in IT Service Management. Durata Tempo aggiuntivo a disposizione in relazione alla lingua d esame Prerequisito Presenza Supervisore Libri Consultabili Massimo 60 minuti per tutti i candidati nella loro rispettiva lingua I candidati che completano un esame: in un lingua che non sia la propria madre lingua hanno un massimo di 75 minuti per completare l esame ed è loro consentito l uso del dizionario E fortemente raccomandato un training ITIL Foundation accreditato, ma non costituisce un prerequisto. Si No Punteggio superamento Erogazione di 26/40 oppure 65% Questo esame è disponibile in modalità Online e in Forma Cartacea. Page 11 of 11

Informazioni di controllo del documento

Informazioni di controllo del documento Dettagli del documento Informazioni di controllo del documento Nome del documento Obiettivo del documento ITIL_v3_Foundation_Bridge_Certificate_Syllabus_v4.1 Syllabus per il corso Bridge di aggiornamento

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice?

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice? A PROPOSITO DI ITIL ITIL fornisce un framework di linee guida best practice per l IT Service Management. Fornisce un framework per la governance dell IT e si focalizza sulla continua misurazione e miglioramento

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005 Certification Europe Italia 1 IT Service Management & ITIL Ä La IT Infrastructure Library (ITIL) definisce le best practice

Dettagli

ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto

ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto PMBOK IV e ITIL v.3 Project and Service Management : progettare e gestire la qualità Giampaolo Rizzi COGITEK Socio Fondatore itsmf Italia

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Gestione Operativa e Supporto

Gestione Operativa e Supporto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_1 V1.0 Gestione Operativa e Supporto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT Che cos è ITIL Sessione didattica su ITIL per Studenti di Ingegneria Informatica Politecnico di Torino Introduzione ad ITIL 17 Ottobre 2006 Information Technolgy Infrastructure Library COGITEK s.r.l. Via

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

ITIL cos'è e di cosa tratta

ITIL cos'è e di cosa tratta ITIL cos'è e di cosa tratta Stefania Renna Project Manager CA Sessione di Studio AIEA, Verona, 25 novembre 2005 Agenda ITIL: lo standard de facto Il framework I benefici e le difficoltà Il percorso formativo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

modello d esame Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008

modello d esame Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008 modello d esame IS20F.IT Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008 contenuto 2 introduzione 3 modello d esame 13 chiave delle risposte 31 valutazione EXIN International

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

La sicurezza secondo ITIL. Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia

La sicurezza secondo ITIL. Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia La sicurezza secondo ITIL Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia Agenda itsmf Italia: cos è e che cosa fa; Cos è l IT Service Management; Introduzione a ITIL v3; Il

Dettagli

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1)

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Analisi delle interdipendenze e delle opportunità di integrazione dei due standard secondo la ISO/IEC FDIS 27013 17/09/2012

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare)

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL è l acronimo di Information Technology Infrastructure Library e rappresenta un insieme di linee guida ispirate dalla

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY

ALTEN ITALIA ACADEMY Catalogo Corsi ALTEN ITALIA ACADEMY 1/17 ALTEN Italia S.p.A. Società Unipersonale Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 Sede Legale e Amm.va: Via G. Crespi, 12-20134 Milano - Altre sedi: Bologna,

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino Agenda Introduzione; Definizioni generali; ITIL nel mercato, richieste; Organizzazioni coinvolte; Modelli di miglioramento, Metodi e loro integrazione; ITIL:

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

ITIL: best practice per l IT

ITIL: best practice per l IT Slide 0.1 ITIL: best practice per l IT I processi e l approccio ( a cura di Stefania Renna CA) 24 Novembre 2005 Pag. 1 Slide 1.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Reply Business Intelligence Overview

Reply Business Intelligence Overview Reply Business Intelligence Overview 2 Coverage B.I. Competency Center Analytical Systems Development Process Analisi di dettaglio Definizione dell Ambito Assessment Aree di Business Interessate Business

Dettagli

IBM - IT Service Management 1

IBM - IT Service Management 1 IBM - IT Service 1 IBM - IT Service 2 L IT si trasforma e richiede un modello operativo orientato ai Servizi IT Centro di Costo Operations Governance & CRM CRM IT - Azienda Strategy Organization Financial

Dettagli

Un Jedi Youngling è un ragazzo, un Jedi in formazione, apprendimento per controllare la Forza e destreggiare una spada laser.

Un Jedi Youngling è un ragazzo, un Jedi in formazione, apprendimento per controllare la Forza e destreggiare una spada laser. Un Jedi Youngling è un ragazzo, un Jedi in formazione, apprendimento per controllare la Forza e destreggiare una spada laser. Premessa Titolo: ITIL 2011 for Jedi Youngling Scritto da: Redatto da: Scritto

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT

Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT Ing. Stefano

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese Lucidi di Gianmario Motta 2010 Governo dei sistemi informativi nelle imprese OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INTRODUZIONE: RUOLO DELLA IT NELLE IMPRESE

Dettagli

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Scopo del documento: Redatto da: Verificato da: Approvato da: Codice documento: Classificazione: Dominio di applicazione:

Dettagli

AUDIT DEI SISTEMI DI GESTIONE ISO/IEC 27001 E ISO/IEC 20000-1: PECULIARITÀ, APPROCCI POSSIBILI, INTEGRAZIONE, FORMAZIONE DEGLI AUDITOR

AUDIT DEI SISTEMI DI GESTIONE ISO/IEC 27001 E ISO/IEC 20000-1: PECULIARITÀ, APPROCCI POSSIBILI, INTEGRAZIONE, FORMAZIONE DEGLI AUDITOR Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legati agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce agli Audit dei Sistemi di Gestione

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

News su. a cura di Andrea Vismara, PMP, ITIL Foundation e Tiziano Villa, PMP, CMC

News su. a cura di Andrea Vismara, PMP, ITIL Foundation e Tiziano Villa, PMP, CMC News su a cura di Andrea Vismara, PMP, ITIL Foundation e Tiziano Villa, PMP, CMC Edizione luglio 2007 INDICE DEL DOCUMENTO -1- ITIL - IT Infrastructure Library pag. 2-2- Gli attori del mondo ITIL pag.

Dettagli

ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM

ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM ITIL Best Practices: dall Operation al Service Management L esperienza TIM 30 Novembre 2005 Sandra Foglia, Francesco Muscuso 1 d i gi t a l IBM d i g i t a l Data General Il contesto: IT Operations Area

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

ITIL V3 Glossario v3.1.24, 23 dicembre 2007 ENG-ITA. ITIL v3. Glossario dei Termini, Definizioni e Acronimi. Pg 1 / 79 2008 itsmf Italia

ITIL V3 Glossario v3.1.24, 23 dicembre 2007 ENG-ITA. ITIL v3. Glossario dei Termini, Definizioni e Acronimi. Pg 1 / 79 2008 itsmf Italia ITIL v3 Glossario dei Termini, Definizioni e Acronimi Glossario Acronimi Pg 1 / 79 2008 itsmf Italia ITIL 1 Glossario dei Termini, Definizioni e Acronimi Ringraziamenti alla versione inglese Vogliamo esprimere

Dettagli

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a CERTIQUALITY La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301 Dott. Nicola Gatta Direzione Marketing & Industry Management

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY progetta ed eroga ai propri Clienti e Dipendenti formazione professionale nelle seguenti aree tematiche:

ALTEN ITALIA ACADEMY progetta ed eroga ai propri Clienti e Dipendenti formazione professionale nelle seguenti aree tematiche: ALTEN ITALIA ACADEMY è l ente di formazione specialistica del gruppo ALTEN in Italia che in ragione del proprio accreditamento, talvolta esclusivo, con alcuni dei più importanti schemi di certificazione

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection CMDB Open Source Tool Selection Table of Contents BPM Space 3 itop 5 One CMDB 6 i-doit 7 CMDBuild 8 Rapid OSS 10 ECDB 11 Page 2 Tutti i marchi riportati sono marchi registrati e appartengono ai loro rispettivi

Dettagli

Service Design secondo ITIL ed. 2011: che novità?

Service Design secondo ITIL ed. 2011: che novità? Evento SERVICE DESIGN Service Design secondo ITIL ed. 2011: che novità? 26 settembre 2011 CONSIP Auditorium Sandra Russo Via Isonzo, 19E - Roma Relatore: Andrea Praitano 2 Agenda ITIL 2011 refresh; ITIL

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

Value Proposition. Services Portfolio

Value Proposition. Services Portfolio Services Portfolio 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Il portafoglio servizi I consulenti Le esperienze e progetti dei nostri consulenti Partnership 2 Media Chi siamo (1/2)

Dettagli

ALTEN è ad oggi training Provider:

ALTEN è ad oggi training Provider: L ALTEN ITALIA ACADEMY è l ente di formazione specialistica del gruppo ALTEN in Italia che, in ragione del proprio accreditamento, talvolta esclusivo, con alcuni dei più importanti schemi di certificazione

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Maurizio Coluccia Agenda BNL - BNP Paribas: IT Convergence Projects Il programma Il progetto Aurelia Il perimetro del progetto e le interfacce

Dettagli

LINEA PROJECT MANAGEMENT

LINEA PROJECT MANAGEMENT LINEA PROJECT MANAGEMENT ITIL FOUNDATION V3 46.10.3 3 giorni Il corso, nell ambito della Gestione dei Servizi IT, mira a: 1. Comprendere Struttura e Processi di ITIL V3 - Information Technology Infrastructure

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT 4 Dicembre 2014 Con il patrocinio di Agenda Perché questo master

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Dott. Nicola Gatta Direzione

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies Per un responsabile dei servizi IT è fondamentale disporre

Dettagli

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 NET STUDIO 2015 Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration,

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Technology Consulting and Engineering IMPOSTAZIONE STRATEGICA E GOVERNANCE DELLE ATTIVITÀ DI TEST

Technology Consulting and Engineering IMPOSTAZIONE STRATEGICA E GOVERNANCE DELLE ATTIVITÀ DI TEST Technology Consulting and Engineering IMPOSTAZIONE STRATEGICA E GOVERNANCE DELLE ATTIVITÀ DI TEST AGENDA ALTEN Italia Quanto è importante il testing? Testing Governance: processi e strategia Dal Risk Management

Dettagli

La vision di Gruppo Reti è porre come protagonista l innovazione presso il Cliente per assicurare il costante miglioramento del business aziendale.

La vision di Gruppo Reti è porre come protagonista l innovazione presso il Cliente per assicurare il costante miglioramento del business aziendale. CATALOGO CORSI 2015 2 Fondato nel 1994 da Bruno Paneghini, in pochi anni Gruppo Reti è diventato una affermata realtà nel campo della Business & IT Consulting. Forte dell esperienza di oltre vent anni,

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE

IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE cristina.andreoletti@praxi.com www.ideamanagement.it I www.praxi.com I www.khc.it www.ideamanagement.it I www.praxi.com 1 PREMESSA PREMESSA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

IT Service e Asset Management

IT Service e Asset Management IT Service e Asset Management la soluzione Guella Barbara Tivoli Technical Sales 2007 IBM Corporation IBM ISM & Maximo Una soluzione unica per l esecuzione dei processi Incident & Problem Mgmt Knowledge

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

EUCIP4U Certificazioni professionali informatiche nei curricula universitari Progetto nazionale AICA-CINI-CRUI per l inserimento nel mondo

EUCIP4U Certificazioni professionali informatiche nei curricula universitari Progetto nazionale AICA-CINI-CRUI per l inserimento nel mondo EUCIP4U Certificazioni professionali informatiche nei curricula universitari Progetto nazionale AICA-CINI-CRUI per l inserimento nel mondo universitario delle certificazioni europee nel settore ICT 1 Programmi

Dettagli

The Open Source Ticket Request System

The Open Source Ticket Request System The Open Source Ticket Request System Powered by Powered by Competenza Sicurezza di investimento Presenza presso il cliente Würth Phoenix IT Management, Business Software and Process Consulting Società

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Revisione dei processi in chiave ITIL

Revisione dei processi in chiave ITIL Il Sole 24 Ore S.p.A. pag. 1 Milano, Perché la revisione dei processi in chiave ITIL Esigenza: necessità di interagire in modo strutturato con un fornitore di servizi (Outsourcer) Creazione e gestione

Dettagli