Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi"

Transcript

1 In english please En español, por favor Original Article Published on Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo Lupoli MD, DDS Nota: Gli autori hanno interessi economici nei prodotti citati nell'articolo. Prima Parte Seconda Parte (Numero 2.4) Terza Parte (Numero 3.1) Quarta parte (Numero 3.2) Prospettiva storica Posizionamento degli attacchi Cefalometria Analisi dei movimenti dentali Caratteristiche dell' apparecchiatura MBT Analisi dei tessuti molli Le sei fasi del trattamento Forma d'arcata e tipi di archi Ritenzione Prospettiva Storica Il passaggio dalle apparecchiature standard edgewise a quelle preregolate Il primo apparecchio completamente preregolato fu progettato dal Dr. Lawrence F. Andrews alla fine degli anni '60 sulla base dell'analisi di 120 modelli di studio normali, non ortodontici (modelli di casi ideali mai trattati ortodonticamente) descrivendone sei caratteristiche o chiavi costantemente presenti. Successivamente, prendendo come punto di riferimento il centro delle corone cliniche, egli misurò lo spessore (in-out), il tip e il torque delle corone cliniche di questi modelli. Creò, quindi, degli attacchi con delle caratteristiche che rispettassero i valori che aveva trovato nell'occlusione normale. Per merito di questa apparecchiatura di base si sono potute sviluppare in seguito anche al sorgere di nuove necessità, un'ampia serie di cambiamenti nelle

2 meccaniche di trattamento. Le apparecchiature preregolate sono a disposizione degli ortodontisti da oltre 25 anni. Dalla metà degli anni 70 McLaughlin, Bennett e Trevisi hanno lavorato per sviluppare delle meccaniche di trattamento adatte alla nuova generazione di apparecchiatura pre-regolata. Parallelamente allo sviluppo di un più efficace approccio meccanico all'uso di livelli di forza piu leggeri, si sono cominciati ad usare una serie di attacchi e tubi con numerose varianti. L'uso di questa ampia gamma di attacchi e tubi nelle svariate applicazioni cliniche ha portato come risultato lo sviluppo di un sistema di apparecchiature che funziona più efficacemente con le meccaniche consigliate dagli autori. Le sei chiavi dell'occlusione normale (Andrews-1972) Il rapporto molare L'angolazione della corona Il Torque della corona L'assenza di rotazione L'assenza di spazi Il Piano occlusale I rapporti interarcata o chiave 1 1) La cuspide mesiovestibolare del primo molare superiore permanente occlude nel solco tra le cuspidi vestibolari mesiale e media del primo molare inferiore permanente. 2) La cresta marginale distale del primo molare superiore occlude con la cresta marginale del secondo molare inferiore. 3) La cuspide mesiolinguale del primo molare superiore occlude nella fossa centrale del primo molare inferiore. 4) Le cuspidi vestibolari dei premolari superiori hanno un rapporto cuspide-embrasure con i premolari inferiori. 5) Le cuspidi linguali dei premolari superiori hanno un rapporto cuspide-fossa con i premolari inferiori. 6) Il canino superiore ha un rapporto cuspide-embrasure con il canino e il primo premolare inferiore. 7) Gli incisivi superiori sopravanzano gli incisivi inferiori e le linee mediane sono coincidenti.

3 Angolazione coronale o chiave 2 L'angolazione coronale (il tip mesiodistale) è l'angolo tra l'asse longitudinale del dente ed una retta posta a 90 sul piano occlusale. Nell'occlusione normale, la parte gengivale dell'asse longitudinale si trova in posizione distale rispetto alla parte occlusale dell'asse. Il grado di angolazione cambia da dente a dente. Tutto ciò significa che la dentatura normale è sempre inclinata in avanti ed ha un movimento mesiale per tutta la vita (dimensione da 6 a 6 che diminuisce durante la vita). Torque della corona o chiave 3 L'inclinazione della corona è l'angolo tra una retta verticale rispetto al piano occlusale ed una tangente nel centro della corona labiale. Assenza di rotazioni o chiave 4 I denti non dovrebbero presentare rotazioni. Nei settori posteriori i denti ruotati prendono uno spazio maggiore mentre anteriormente se ruotati occupano meno spazio rispetto alla posizione corretta.

4 Assenza di spazi o chiave 5 Se i rapporti dimensionali dei denti sono corretti si deve avere un punto di contatto tra tutti i denti dell'arcata. Curva di Spee o chiave 6 Uno degli obiettivi del trattamento è ottenere un piano occlusale piano. Una curva di Spee profonda significa spazio per i denti mascellari. Una curva di Spee inversa determina affollamento dentario nella mandibola e spazi nel mascellare. Secondo Roth gli obiettivi di un occlusione funzionale sono: Occlusione centrica coincidente con la relazione centrica Relazione di classe I o cuspide/cresta marginale Uguale distribuzione delle forze nei settori posteriori In protrusione gli otto denti anteriori inferiori sono in contatto con i sei anteriori superiori Guida anteriore minima ma sufficiente -1 mm di disclusione posteriore In lateralità guida canina con disclusione posteriore minima. Caratteristiche dell'apparecchiatura MBT Tip nello slot Torque nella base IN/OUT nella base Base arrotondata Modellazione specifica degli attacchi Sistema I.D. Il torque e l' IN/OUT incorporati nella base rappresentano le caratteristiche più importanti dell'apparecchio preregolato; questo permette infatti che il centro dello slot, il centro della base ed il punto di applicazione della forza siano coincidenti. grazie a questo particolare di progettazione è possibile allineare tutti gli slot sul piano di Andrews e di conseguenza su di un arco a filo dritto. Le

5 apparecchiature dotate di torque nello slot non potranno mai essere totalmente programmate. I brackets utilizzati nella tecnica originale sono gemellari con slot 0.22 x 0.28 che garantisce uno stretto rapporto tra slot ed arco offrendo la massima affidabilità operativa. I primi ed i secondi molari presentano slot singolo convertibile, mentre il primo molare superiore è provisto anche di un tubo di 0.45 per l'applicazione della trazione extraorale. La modellazione dei brackets e delle relative basi è specifica per ciascun dente per meglio adattarsi alla sua anatomia. Gli angoli sono arrotondati e le alette gengivali sono più prominenti per evitare la compressione della gengiva e rendere più agevole la legatura, mentre le alette occlusali sono più piccole per ridurre al minimo le interferenze con le cuspidi dei denti antagonisti nell'arcata inferiore. Le superfici vestibolari dei brackets per gli incisivi inferiori sono arrotondate e parallele alle loro basi per diminuire il fastidio prodotto internamente al labbro. L'identificazione del bracket è facilitata da segni di riconoscimento realizzati in fase di fusione. I segni di identificazione sono sempre presenti sull'aletta gengivo-distale. Valori di tip e torque I valori di tip e torque sono stati leggermente modificati rispetto all' apparecchiatura straight wire originale. In generale il tip è per tutti positivo ed il torque è per tutti negativo tranne che per i denti per i quali è positivo. I valori in-out e antirotazione sono individuali. Angolazione degli attacchi anteriori I valori di tip per i denti anteriori nell' apparecchiatura MBT coincidono con quelli della ricerca originale di Andrews, nel pieno rispetto quindi dell'occlusione statica ideale e di quella funzionale ideale descritta da Roth. Risultano invece diminuiti: il settore anteriore superiore, (10 in meno di angolazione radicolo-distale) ed il settore anteriore inferiore (12 in meno). Queste modifiche consentono secondo gli ideatori un miglior controllo dell'ancoraggio ed utilizzando forze leggere non si verifica l'effetto di angolazione contraria prodotto dal torque, quello che Andrews definiva come "effetto ruota del carro". Angolazione degli attacchi per i posteriori superiori Per i premolari superiori l'apparecchio MBT prevede attacchi con 0 di tip per mantenerli in una posizione più verticale più coerente con una prima classe dentale. Anche i tubi per i molari superiori sono con 0 di angolazione. Dato che per questi denti il riferimento

6 verticale è il solco buccale che presenta un angolazione di 5 rispetto ad una linea perpendicolare al piano occlusale, ponendo lo slot del tubo parallelamente al piano occlusale, si trasmetteranno 5 di angolazione ai primi e secondi molari superiori rispetto al solco buccale. Angolazione degli attacchi per i posteriori inferiori Per i premolari inferiori sono previsti 2 di angolazione in avanti per portarli verso la prima classe. Per i molari inferiori vale lo stesso discorso fatto per i superiori. Si ottengono 2 di tip posizionando le bande con i tubi a 0 di anglazione, parallela al piano occlusale dato che per questi denti il solco buccale è inclinato di 2 rispetto ad una linea perpendicolare al piano occlusale. Valori di Torque Incisivi In genere negli apparecchi pre-regolati si ha un modesto controllo del torque in quanto il movimento di torsione è difficile e deve essere ottenuto con meno di 1 mm di contatto tra filo e attacco. Il torque degli incisivi superiori tende a perdersi durante la fase di riduzione dell'overjet e la chiusura degli spazi. Gli incisivi inferiori tendono a perdere torque inclinandosi in avanti durante il livellamento della curva di Spee e nella fase di allineamento. Perciò gli autori hanno pensato di aumentare il torque radicolopalatale degli incisivi superiori con valori di +17 per i centrali e +10 per i laterali e quello radicolo-labiale degli incisivi inferiori con valori di -6. Canini, premolari e molari superiori I valori di torque per questi denti sono tutti negativi: per il canino ed i premolari superiori, sono stati mantenuti i -7 di torque previsti anche dalla apparecchiatura Straight Wire originale, mentre per i molari sono stati variati da -9 a -14 in modo da eliminare le possibili interferenze occlusali delle cuspidi palatali quando queste sporgono verso il basso a causa di un eccessivo torque corono buccale. Canini, premolari e molari inferiori Gli autori hanno scelto di ridurre i gradi di torque coronolinguale per tre motivi: 1. I canini inferiori, e talvolta i premolari mostrano un osso alveolare sottile con recesso gengivale e traggono beneficio se le corone vengono portate più

7 2. 3. al centro del processo alveolare Dopo l'espansione del mascellare superiore è necessario decompensare l'inclinazione coronolinguale del segmento posteriore inferiore Si osserva costantemente che i secondi molari inferiori con 35 di torque sono inclinati lingualmente. Valori di IN-OUT I valori di in-out sono rimasti gli stessi dell' apparecchiatura Straight Wire originale, in quanto gli autori li considerano del tutto soddisfacenti. L'unica piccola modifica riguarda il secondo premolare superiore che spesso si presenta più piccolo del primo premolare. Per questa ragione l'attacco del secondo premolare superiore è stato realizzato con 0.5 mm aggiuntivi di compensazione IN-OUT. Nei casi in cui i secondi premolari superiori siano delle stesse dimensioni dei primi, si potrà usare un'attacco per primo premolare anche per il secondo. Tipi di attacchi MBT Esistono tre diverse linee di attacchi per offrire al paziente una più ampia flessibilità nella scelta ed all'ortodontista il massimo controllo ed efficienza del trattamento. 1) Attacchi Victory Series TM Attacco di dimensione medio-piccola adatto per denti piccoli e casi di modesta difficoltà. 2) Attacchi Full-Size TM Consentono il massimo livello di controllo e sono indicati quindi nei casi di pazienti con denti grandi e malocclusioni difficili dove il controllo è essenziale. 3) Attacchi Clarity TM Per i pazienti che desiderano il massimo grado di estetica. Sono attacchi in ceramica con slot metallico che consente ottime meccaniche di scorrimento e riduce al minimo il rischio di fratture. Presentano inoltre una linea di concentrazione dello stress nella base che assicura una facile rimozione alla fine del trattamento.

8 Tipi di archi Molti sono stati gli studi nel corso degli anni nel tentativo di identificare una forma d'arcata ideale. Il risultato generale delle osservazioni cliniche e dei lavori di ricerca è che esiste una grande variabilità delle forme di arcate umane ed è perciò impossibile identificare una forma ideale. Di conseguenza non è pensabile la progettazione di un arco ortodontico utilizzabile per tutti i pazienti. Si deve tener conto inoltre del fatto che quando la forma dell'arcata di un paziente viene modificata, esiste la tendenza al ritorno nella forma originale, dopo la rimozione dell'apparecchiatura. Dato che comunque l'uso di archi preformati costituisce un evidente vantaggio per l'ortodontista, sono state studiate delle soluzioni pratiche al problema della variabilità d'arcata, che consistono essenzialmente in tecniche di stabilizzazione dell'arcata dopo la terapia ortodontica, e sono state identificate tre forme base di arcata: Arcata stretta, arcata quadrata, arcata ovoide. Tecniche di stabilizzazione 1. Passaggio dall'arco rettangolare a fili più leggeri (0.14 Ni-Ti inferiore e sezionale 2 x in acciaio per il superiore) prima della contenzione per circa 6 settimane per permettere la stabilizzazione verticale dei denti e interarcate così da raggiungere un equilibrio tra lingua e muscolatura periorale. Eventualmente si possono anche stabilizzare i siti di estrazione con legature metalliche, usare placche palatali mobili per mantenere l'espansione superiore, dare bend back sul filo per evitare la recidiva negli incisivi nelle II classi div Utilizzo di contenzioni inferiori

9 Le tre forme d'arcata Sono state elaborate tenendo conto dei 4 componenti base della forma d'arcata: 1) Curvatura anteriore 2) Ampiezza intercanina: Influenza la curvatura anteriore se questa dimensione cambia si verifica una significativa recidiva. Quindi l'arco andrebbe scelto sulla base dell'ampiezza intercanina desiderata. 3) Ampiezza intermolare: i cambiamenti di questa dimensione sono più stabili, quindi si può standardizzare nell'arco preformato e allargare o restringere a seconda delle esigenze. 4) Curvatura tra canini e secondi molari: è una curvatura graduale Queste le linee guida generali per la scelta della forma appropriata per ogni paziente: Forma d'arcata stretta Corrisponde alla Orthoform I TM (3M Unitek) ed è caratterizzata da una minor distanza intercanina, è indicata per i pazienti con arcata stretta, ed in particolare nei casi con recessione gengivale a livello dei canini e dei premolari, per evitare l'espansione dell'arcata superiore. I settori posteriori di questa forma possono essere modificati facilmente per adattarsi all'ampiezza intermolare del paziente. Forma d'arcata quadrata Disponibile come Orthoform II TM (3M Unitek) e indicata in pazienti con forma d'arcata larga e nelle prime fasi di trattamento nei casi che richiedono up-righting vestibolare nei settori posteriori inferiori ed espansione dell'arcata superiore. Forma d'arcata ovoide Corrisponde alla Orthoform III TM (3M Unitek). E' quella più usata dagli autori che associandola ai mezzi di contenzione consente di ottenere bassi valori di recidiva post-trattamento. Per non avere troppi problemi d'inventario con l'uso delle tre forme d'arcata gli autori preferiscono utilizzare la forma ovoide quando impiegano

10 fili intrecciati, rotondi, 0.14 e 0.16 in acciaio e tutti i fili in Ni-Ti termoattivi. Quando usano fili in acciaio rotondo 0.18 e 0.20 e rettangolare, che influenzano decisamente la forma dell'arcata, viene scelta una delle tre forme. BIBLIOGRAPHY Virtual Journal of Orthodontics Copyright 1998 All rights reserved. HOME VJO 2.3 HOME VJO Andrews L.F. The six keys to normal occlusion Am. J. Orthod ; 62: Andrews L.F. Straight-wire : the concept and the appliance Los Angeles : Wells Company 1989 Roth R. Gnathologic concepts and orthodontic treatment goals In: Technique and treatment with light wire appliances. St.Louis : C.V. Mosby, 1970, pp McLaughlin, R.P. and Bennett, J.C : Orthodontic treatment mechanics and the Preadjusted Appliance London, Mosby-Wolfe, 1993 Bennett Richard : Orthodontic management of dentition with the Preadjusted Appliance Oxford, Isis Medical Media, 1997 Richard Bennett : The transition from Standard Edgewise to Preadjusted Appliance Systems J.C.O, 1989 Mar : Richard Bennett Trevisi : A clinical review of the MBT TM orthodontic treatment program Orthodontic Perspectives, Vol. IV No. 2 Fall M Unitek Publication

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa STEP system STEP L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa ami la velocità? Slide low friction system www.leone.it STEP system L ergonomia e la semplicità in ortodonzia Il sistema STEP è molto più

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 8 n 4, 2005 La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento STEVEN J. COHEN, DDS GARY D. GLASSMANN, DDS RICHARD E.

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine Straumann CARES CADCAM INDICE Offerta di materiali di prim ordine 2 Panoramica applicazioni 6 Caratteristiche e vantaggi Resina nanoceramica

Dettagli

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN)

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN) Preistoria Alpina, 41 (2005): 245-250 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2006 ISSN 0393-0157 Giuliano VILLA & Giacomo GIACOBINI * Laboratorio di Paleontologia Umana, Dipartimento di Anatomia,

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE ProTaper Universal è la nuova versione di strumenti endodontici NiTi più famosi nel mondo + Più facile una sola sequenza operativa per ogni tipo di canale

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

Aspettando Rimini...pag 3. Ricordo di Domenico Arnone...pag 4. Pendulum Modificato a cura di Stefano Della Vecchia...pag 8

Aspettando Rimini...pag 3. Ricordo di Domenico Arnone...pag 4. Pendulum Modificato a cura di Stefano Della Vecchia...pag 8 Sommario Editoriale OR todonzia TEC nica Direttore responsabile e coordinatore scientifico: Patrizio Evangelistra Redazione: Direttivo Ortec Aspettando Rimini....pag 3 Ortec Special Ricordo di Domenico

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Caratteristiche: i bloccaggi sono disponibili in due configurazioni: orizzontali, come raffigurati in bassoa nella foto, con il bloccaggio e la staffa

Dettagli

ANALISI CEFALOMETRICA SAGITTALE: QUAL È IL PARAMETRO PIÙ AFFIDABILE? S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti. V.J.O.

ANALISI CEFALOMETRICA SAGITTALE: QUAL È IL PARAMETRO PIÙ AFFIDABILE? S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti. V.J.O. Articolo originale Pubblicato il 2-7-26 S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti Autori associati a: Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri 1 Regole 3 ore per completare 2 mani. Queste sono unghie da competizione quadrate tradizionali. Alle unghie devono essere applicati

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity

Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity clinical research papers Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity Elena Di Palma, Michele Leopardi, Vincenzo

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE Allegato 5 FONDO ASSISTENZA SANITARIA DIRIGENTI AZIENDE FASDAC COMMERCIALI Via Eleonora Duse, 14/16-00197 Roma PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA Spazio per l etichetta con il codice a barre (a cura

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD)

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Autore_Valerio Bini, Italia Fig. 1_Smile designer e face aesthetic medical team. _Introduzione È oggi possibile stare al passo

Dettagli

www.siaorthodontics.com Catalogo Ortodonzia Catalogo Ortodonzia We Care 3/2015

www.siaorthodontics.com Catalogo Ortodonzia Catalogo Ortodonzia We Care 3/2015 /205 Catalogo Ortodonzia SIA Orthodontic Manufacturer 205 Zona industriale snc - Rocca D'Evandro 8050 CASERTA - Italy We Care Tel. +9 082 908029 - Fax +9 082 908028 Email: info@siaorthodontics.com www.siaorthodontics.com

Dettagli

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com TIP-ON per ante Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata www.blum.com Apertura agevole al tocco Con TIP-ON, il supporto per l'apertura meccanico di Blum, i frontali senza maniglia

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Solitaire Ad Hoc. Antonio Citterio, 1994, 2010

Solitaire Ad Hoc. Antonio Citterio, 1994, 2010 Solitaire Ad Hoc Antonio Citterio, 1994, 2010 v Solitaire Ad Hoc Il sistema di mobili da ufficio Ad Hoc è stato creato nel 1994 in collaborazione con Antonio Citterio e da allora è stato costantemente

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L FORM FORM è un calorifero estremamente versatile ed elegante grazie alla forma particolare dei collettori e alle dimensioni dei tubi radianti, decisamente ridotte (ø1 mm). Form è prodotto in due modelli:

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

profili per il fai da te

profili per il fai da te Profilpas S.p.A. profili in alluminio anodizzato (con etichetta codice a barre) lunghezza m.1 lunghezza m.2 misure argento argento piatto 12x2 10100 10104 15x2 10108 10112 20x2 10116 10120 25x2 10124 10128

Dettagli

Maggiore libertà, maggior controllo

Maggiore libertà, maggior controllo Maggiore libertà, maggior controllo Semplicità in implantologia con stabilità, resistenza e velocità Il nostro desiderio in Neoss è sempre stato di offrire ai professionisti del settore dentale una soluzione

Dettagli

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano Color Coding System * Tip TipBook Book Italiano 2 acteongroup.com Introduzione Satelec produce generatori di ultrasuoni da più di 40 anni ed ha sviluppato il primo generatore piezoelettrico per il mercato

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Sistemi per la levigatura di profili

Sistemi per la levigatura di profili Sistemi per la levigatura di profili 2 siastar positiv 4c Sistemi per la levigatura di profili Levigatura standardizzata di profili profili siastar Adattatore per macchine CNC pagina 6 Adattatore per la

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale

Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale Evoluzioni tecniche del linguaggio nel ripristino protesico del cavo orale Autori_R. Pascetta* & R. Scaringi**, Italia *Odontotecnico in Chieti;

Dettagli

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Efficace ottimizzazione del processo di pulitura della ghisa Grande convenienza economica grazie alla durata ed

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

IL TESSUTO DI SOSTEGNO DELLE ARCATE DENTARIE - PARTE I - MASCELLARE SUPERIORE E PREMAXILLA

IL TESSUTO DI SOSTEGNO DELLE ARCATE DENTARIE - PARTE I - MASCELLARE SUPERIORE E PREMAXILLA Original Article Published on 18-09-2003 In english, please En español, por favor IL TESSUTO DI SOSTEGNO DELLE ARCATE DENTARIE - PARTE I - MASCELLARE SUPERIORE E PREMAXILLA P. Cozza*, F. Pachì**, E. Macchiarulo***

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli