Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi"

Transcript

1 In english please En español, por favor Original Article Published on Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo Lupoli MD, DDS Nota: Gli autori hanno interessi economici nei prodotti citati nell'articolo. Prima Parte Seconda Parte (Numero 2.4) Terza Parte (Numero 3.1) Quarta parte (Numero 3.2) Prospettiva storica Posizionamento degli attacchi Cefalometria Analisi dei movimenti dentali Caratteristiche dell' apparecchiatura MBT Analisi dei tessuti molli Le sei fasi del trattamento Forma d'arcata e tipi di archi Ritenzione Prospettiva Storica Il passaggio dalle apparecchiature standard edgewise a quelle preregolate Il primo apparecchio completamente preregolato fu progettato dal Dr. Lawrence F. Andrews alla fine degli anni '60 sulla base dell'analisi di 120 modelli di studio normali, non ortodontici (modelli di casi ideali mai trattati ortodonticamente) descrivendone sei caratteristiche o chiavi costantemente presenti. Successivamente, prendendo come punto di riferimento il centro delle corone cliniche, egli misurò lo spessore (in-out), il tip e il torque delle corone cliniche di questi modelli. Creò, quindi, degli attacchi con delle caratteristiche che rispettassero i valori che aveva trovato nell'occlusione normale. Per merito di questa apparecchiatura di base si sono potute sviluppare in seguito anche al sorgere di nuove necessità, un'ampia serie di cambiamenti nelle

2 meccaniche di trattamento. Le apparecchiature preregolate sono a disposizione degli ortodontisti da oltre 25 anni. Dalla metà degli anni 70 McLaughlin, Bennett e Trevisi hanno lavorato per sviluppare delle meccaniche di trattamento adatte alla nuova generazione di apparecchiatura pre-regolata. Parallelamente allo sviluppo di un più efficace approccio meccanico all'uso di livelli di forza piu leggeri, si sono cominciati ad usare una serie di attacchi e tubi con numerose varianti. L'uso di questa ampia gamma di attacchi e tubi nelle svariate applicazioni cliniche ha portato come risultato lo sviluppo di un sistema di apparecchiature che funziona più efficacemente con le meccaniche consigliate dagli autori. Le sei chiavi dell'occlusione normale (Andrews-1972) Il rapporto molare L'angolazione della corona Il Torque della corona L'assenza di rotazione L'assenza di spazi Il Piano occlusale I rapporti interarcata o chiave 1 1) La cuspide mesiovestibolare del primo molare superiore permanente occlude nel solco tra le cuspidi vestibolari mesiale e media del primo molare inferiore permanente. 2) La cresta marginale distale del primo molare superiore occlude con la cresta marginale del secondo molare inferiore. 3) La cuspide mesiolinguale del primo molare superiore occlude nella fossa centrale del primo molare inferiore. 4) Le cuspidi vestibolari dei premolari superiori hanno un rapporto cuspide-embrasure con i premolari inferiori. 5) Le cuspidi linguali dei premolari superiori hanno un rapporto cuspide-fossa con i premolari inferiori. 6) Il canino superiore ha un rapporto cuspide-embrasure con il canino e il primo premolare inferiore. 7) Gli incisivi superiori sopravanzano gli incisivi inferiori e le linee mediane sono coincidenti.

3 Angolazione coronale o chiave 2 L'angolazione coronale (il tip mesiodistale) è l'angolo tra l'asse longitudinale del dente ed una retta posta a 90 sul piano occlusale. Nell'occlusione normale, la parte gengivale dell'asse longitudinale si trova in posizione distale rispetto alla parte occlusale dell'asse. Il grado di angolazione cambia da dente a dente. Tutto ciò significa che la dentatura normale è sempre inclinata in avanti ed ha un movimento mesiale per tutta la vita (dimensione da 6 a 6 che diminuisce durante la vita). Torque della corona o chiave 3 L'inclinazione della corona è l'angolo tra una retta verticale rispetto al piano occlusale ed una tangente nel centro della corona labiale. Assenza di rotazioni o chiave 4 I denti non dovrebbero presentare rotazioni. Nei settori posteriori i denti ruotati prendono uno spazio maggiore mentre anteriormente se ruotati occupano meno spazio rispetto alla posizione corretta.

4 Assenza di spazi o chiave 5 Se i rapporti dimensionali dei denti sono corretti si deve avere un punto di contatto tra tutti i denti dell'arcata. Curva di Spee o chiave 6 Uno degli obiettivi del trattamento è ottenere un piano occlusale piano. Una curva di Spee profonda significa spazio per i denti mascellari. Una curva di Spee inversa determina affollamento dentario nella mandibola e spazi nel mascellare. Secondo Roth gli obiettivi di un occlusione funzionale sono: Occlusione centrica coincidente con la relazione centrica Relazione di classe I o cuspide/cresta marginale Uguale distribuzione delle forze nei settori posteriori In protrusione gli otto denti anteriori inferiori sono in contatto con i sei anteriori superiori Guida anteriore minima ma sufficiente -1 mm di disclusione posteriore In lateralità guida canina con disclusione posteriore minima. Caratteristiche dell'apparecchiatura MBT Tip nello slot Torque nella base IN/OUT nella base Base arrotondata Modellazione specifica degli attacchi Sistema I.D. Il torque e l' IN/OUT incorporati nella base rappresentano le caratteristiche più importanti dell'apparecchio preregolato; questo permette infatti che il centro dello slot, il centro della base ed il punto di applicazione della forza siano coincidenti. grazie a questo particolare di progettazione è possibile allineare tutti gli slot sul piano di Andrews e di conseguenza su di un arco a filo dritto. Le

5 apparecchiature dotate di torque nello slot non potranno mai essere totalmente programmate. I brackets utilizzati nella tecnica originale sono gemellari con slot 0.22 x 0.28 che garantisce uno stretto rapporto tra slot ed arco offrendo la massima affidabilità operativa. I primi ed i secondi molari presentano slot singolo convertibile, mentre il primo molare superiore è provisto anche di un tubo di 0.45 per l'applicazione della trazione extraorale. La modellazione dei brackets e delle relative basi è specifica per ciascun dente per meglio adattarsi alla sua anatomia. Gli angoli sono arrotondati e le alette gengivali sono più prominenti per evitare la compressione della gengiva e rendere più agevole la legatura, mentre le alette occlusali sono più piccole per ridurre al minimo le interferenze con le cuspidi dei denti antagonisti nell'arcata inferiore. Le superfici vestibolari dei brackets per gli incisivi inferiori sono arrotondate e parallele alle loro basi per diminuire il fastidio prodotto internamente al labbro. L'identificazione del bracket è facilitata da segni di riconoscimento realizzati in fase di fusione. I segni di identificazione sono sempre presenti sull'aletta gengivo-distale. Valori di tip e torque I valori di tip e torque sono stati leggermente modificati rispetto all' apparecchiatura straight wire originale. In generale il tip è per tutti positivo ed il torque è per tutti negativo tranne che per i denti per i quali è positivo. I valori in-out e antirotazione sono individuali. Angolazione degli attacchi anteriori I valori di tip per i denti anteriori nell' apparecchiatura MBT coincidono con quelli della ricerca originale di Andrews, nel pieno rispetto quindi dell'occlusione statica ideale e di quella funzionale ideale descritta da Roth. Risultano invece diminuiti: il settore anteriore superiore, (10 in meno di angolazione radicolo-distale) ed il settore anteriore inferiore (12 in meno). Queste modifiche consentono secondo gli ideatori un miglior controllo dell'ancoraggio ed utilizzando forze leggere non si verifica l'effetto di angolazione contraria prodotto dal torque, quello che Andrews definiva come "effetto ruota del carro". Angolazione degli attacchi per i posteriori superiori Per i premolari superiori l'apparecchio MBT prevede attacchi con 0 di tip per mantenerli in una posizione più verticale più coerente con una prima classe dentale. Anche i tubi per i molari superiori sono con 0 di angolazione. Dato che per questi denti il riferimento

6 verticale è il solco buccale che presenta un angolazione di 5 rispetto ad una linea perpendicolare al piano occlusale, ponendo lo slot del tubo parallelamente al piano occlusale, si trasmetteranno 5 di angolazione ai primi e secondi molari superiori rispetto al solco buccale. Angolazione degli attacchi per i posteriori inferiori Per i premolari inferiori sono previsti 2 di angolazione in avanti per portarli verso la prima classe. Per i molari inferiori vale lo stesso discorso fatto per i superiori. Si ottengono 2 di tip posizionando le bande con i tubi a 0 di anglazione, parallela al piano occlusale dato che per questi denti il solco buccale è inclinato di 2 rispetto ad una linea perpendicolare al piano occlusale. Valori di Torque Incisivi In genere negli apparecchi pre-regolati si ha un modesto controllo del torque in quanto il movimento di torsione è difficile e deve essere ottenuto con meno di 1 mm di contatto tra filo e attacco. Il torque degli incisivi superiori tende a perdersi durante la fase di riduzione dell'overjet e la chiusura degli spazi. Gli incisivi inferiori tendono a perdere torque inclinandosi in avanti durante il livellamento della curva di Spee e nella fase di allineamento. Perciò gli autori hanno pensato di aumentare il torque radicolopalatale degli incisivi superiori con valori di +17 per i centrali e +10 per i laterali e quello radicolo-labiale degli incisivi inferiori con valori di -6. Canini, premolari e molari superiori I valori di torque per questi denti sono tutti negativi: per il canino ed i premolari superiori, sono stati mantenuti i -7 di torque previsti anche dalla apparecchiatura Straight Wire originale, mentre per i molari sono stati variati da -9 a -14 in modo da eliminare le possibili interferenze occlusali delle cuspidi palatali quando queste sporgono verso il basso a causa di un eccessivo torque corono buccale. Canini, premolari e molari inferiori Gli autori hanno scelto di ridurre i gradi di torque coronolinguale per tre motivi: 1. I canini inferiori, e talvolta i premolari mostrano un osso alveolare sottile con recesso gengivale e traggono beneficio se le corone vengono portate più

7 2. 3. al centro del processo alveolare Dopo l'espansione del mascellare superiore è necessario decompensare l'inclinazione coronolinguale del segmento posteriore inferiore Si osserva costantemente che i secondi molari inferiori con 35 di torque sono inclinati lingualmente. Valori di IN-OUT I valori di in-out sono rimasti gli stessi dell' apparecchiatura Straight Wire originale, in quanto gli autori li considerano del tutto soddisfacenti. L'unica piccola modifica riguarda il secondo premolare superiore che spesso si presenta più piccolo del primo premolare. Per questa ragione l'attacco del secondo premolare superiore è stato realizzato con 0.5 mm aggiuntivi di compensazione IN-OUT. Nei casi in cui i secondi premolari superiori siano delle stesse dimensioni dei primi, si potrà usare un'attacco per primo premolare anche per il secondo. Tipi di attacchi MBT Esistono tre diverse linee di attacchi per offrire al paziente una più ampia flessibilità nella scelta ed all'ortodontista il massimo controllo ed efficienza del trattamento. 1) Attacchi Victory Series TM Attacco di dimensione medio-piccola adatto per denti piccoli e casi di modesta difficoltà. 2) Attacchi Full-Size TM Consentono il massimo livello di controllo e sono indicati quindi nei casi di pazienti con denti grandi e malocclusioni difficili dove il controllo è essenziale. 3) Attacchi Clarity TM Per i pazienti che desiderano il massimo grado di estetica. Sono attacchi in ceramica con slot metallico che consente ottime meccaniche di scorrimento e riduce al minimo il rischio di fratture. Presentano inoltre una linea di concentrazione dello stress nella base che assicura una facile rimozione alla fine del trattamento.

8 Tipi di archi Molti sono stati gli studi nel corso degli anni nel tentativo di identificare una forma d'arcata ideale. Il risultato generale delle osservazioni cliniche e dei lavori di ricerca è che esiste una grande variabilità delle forme di arcate umane ed è perciò impossibile identificare una forma ideale. Di conseguenza non è pensabile la progettazione di un arco ortodontico utilizzabile per tutti i pazienti. Si deve tener conto inoltre del fatto che quando la forma dell'arcata di un paziente viene modificata, esiste la tendenza al ritorno nella forma originale, dopo la rimozione dell'apparecchiatura. Dato che comunque l'uso di archi preformati costituisce un evidente vantaggio per l'ortodontista, sono state studiate delle soluzioni pratiche al problema della variabilità d'arcata, che consistono essenzialmente in tecniche di stabilizzazione dell'arcata dopo la terapia ortodontica, e sono state identificate tre forme base di arcata: Arcata stretta, arcata quadrata, arcata ovoide. Tecniche di stabilizzazione 1. Passaggio dall'arco rettangolare a fili più leggeri (0.14 Ni-Ti inferiore e sezionale 2 x in acciaio per il superiore) prima della contenzione per circa 6 settimane per permettere la stabilizzazione verticale dei denti e interarcate così da raggiungere un equilibrio tra lingua e muscolatura periorale. Eventualmente si possono anche stabilizzare i siti di estrazione con legature metalliche, usare placche palatali mobili per mantenere l'espansione superiore, dare bend back sul filo per evitare la recidiva negli incisivi nelle II classi div Utilizzo di contenzioni inferiori

9 Le tre forme d'arcata Sono state elaborate tenendo conto dei 4 componenti base della forma d'arcata: 1) Curvatura anteriore 2) Ampiezza intercanina: Influenza la curvatura anteriore se questa dimensione cambia si verifica una significativa recidiva. Quindi l'arco andrebbe scelto sulla base dell'ampiezza intercanina desiderata. 3) Ampiezza intermolare: i cambiamenti di questa dimensione sono più stabili, quindi si può standardizzare nell'arco preformato e allargare o restringere a seconda delle esigenze. 4) Curvatura tra canini e secondi molari: è una curvatura graduale Queste le linee guida generali per la scelta della forma appropriata per ogni paziente: Forma d'arcata stretta Corrisponde alla Orthoform I TM (3M Unitek) ed è caratterizzata da una minor distanza intercanina, è indicata per i pazienti con arcata stretta, ed in particolare nei casi con recessione gengivale a livello dei canini e dei premolari, per evitare l'espansione dell'arcata superiore. I settori posteriori di questa forma possono essere modificati facilmente per adattarsi all'ampiezza intermolare del paziente. Forma d'arcata quadrata Disponibile come Orthoform II TM (3M Unitek) e indicata in pazienti con forma d'arcata larga e nelle prime fasi di trattamento nei casi che richiedono up-righting vestibolare nei settori posteriori inferiori ed espansione dell'arcata superiore. Forma d'arcata ovoide Corrisponde alla Orthoform III TM (3M Unitek). E' quella più usata dagli autori che associandola ai mezzi di contenzione consente di ottenere bassi valori di recidiva post-trattamento. Per non avere troppi problemi d'inventario con l'uso delle tre forme d'arcata gli autori preferiscono utilizzare la forma ovoide quando impiegano

10 fili intrecciati, rotondi, 0.14 e 0.16 in acciaio e tutti i fili in Ni-Ti termoattivi. Quando usano fili in acciaio rotondo 0.18 e 0.20 e rettangolare, che influenzano decisamente la forma dell'arcata, viene scelta una delle tre forme. BIBLIOGRAPHY Virtual Journal of Orthodontics Copyright 1998 All rights reserved. HOME VJO 2.3 HOME VJO Andrews L.F. The six keys to normal occlusion Am. J. Orthod ; 62: Andrews L.F. Straight-wire : the concept and the appliance Los Angeles : Wells Company 1989 Roth R. Gnathologic concepts and orthodontic treatment goals In: Technique and treatment with light wire appliances. St.Louis : C.V. Mosby, 1970, pp McLaughlin, R.P. and Bennett, J.C : Orthodontic treatment mechanics and the Preadjusted Appliance London, Mosby-Wolfe, 1993 Bennett Richard : Orthodontic management of dentition with the Preadjusted Appliance Oxford, Isis Medical Media, 1997 Richard Bennett : The transition from Standard Edgewise to Preadjusted Appliance Systems J.C.O, 1989 Mar : Richard Bennett Trevisi : A clinical review of the MBT TM orthodontic treatment program Orthodontic Perspectives, Vol. IV No. 2 Fall M Unitek Publication

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 17-04-99 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi (quarta parte)

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi (quarta parte) In english please En español, por favor Original Article Published on 15-06-00 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi (quarta parte) Arturo Fortini

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi (terza parte)

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi (terza parte) In english please En español, por favor Original Article Published on 28-09-99 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi (terza parte) Arturo Fortini

Dettagli

Le principali malocclusioni

Le principali malocclusioni Le principali malocclusioni Articolo a cura di: Alberto Gentile/ Impaginazione a cura di: Mile Le arcate dentarie, le strutture ossee, la muscolatura della faccia dovrebbero essere tra di loro in un rapporto

Dettagli

Clinical. Orthodontic. Meccaniche. Antonino G. Secchi DMD, MS. CCO System - Complete Clinical Orthodontics - Antonino G. Secchi

Clinical. Orthodontic. Meccaniche. Antonino G. Secchi DMD, MS. CCO System - Complete Clinical Orthodontics - Antonino G. Secchi Complete Clinical Orthodontic Antonino G. Secchi DMD, MS CCO System - Complete Clinical Orthodontics - Antonino G. Secchi Meccaniche I would like to dedicate this work to my family, specifically to my

Dettagli

Orthodontic. Antonino G. Secchi DMD, MS MECCANICHE

Orthodontic. Antonino G. Secchi DMD, MS MECCANICHE Complete C linical Orthodontic Antonino G. Secchi DMD, MS MECCANICHE CCO system m a n u a l on treatment mechanics II Edizione, 2012 Antonino G. Secchi DMD, MS Sommario INTRODUZIONE 6 CAPITOLO 1 1. BRACKETS

Dettagli

CASO CLINICO LUGLIO MASSIMO CONTROLLO DEL TORQUE INCISIVO E BASSA FRIZIONE CON L ARCO BIDIMENSIONALE DYNFORCE INTRODUZIONE

CASO CLINICO LUGLIO MASSIMO CONTROLLO DEL TORQUE INCISIVO E BASSA FRIZIONE CON L ARCO BIDIMENSIONALE DYNFORCE INTRODUZIONE CASO CLINICO LUGLIO MASSIMO CONTROLLO DEL TORQUE INCISIVO E BASSA FRIZIONE CON L ARCO BIDIMENSIONALE DYNFORCE DANIELE DR. CANTARELLA Laureato in Odontoiatria e perfezionato in Disordini Cranio-Mandibolari

Dettagli

TWIN FORCE BITE CORRECTOR

TWIN FORCE BITE CORRECTOR TWIN FORCE BITE CORRECTOR Normale/piccolo Doppio Lock TWIN FORCE BITE CORRECTOR Il nuovo disegno del morsetto e della vite unisce alla alta qualità del titanio, una accurata precisione nella lavorazione.

Dettagli

Il Sistema MBT. L eccellenza clinica. attraverso efficienti soluzioni. di trattamento

Il Sistema MBT. L eccellenza clinica. attraverso efficienti soluzioni. di trattamento Il Sistema MBT L eccellenza clinica attraverso efficienti soluzioni di trattamento Il Sistema MBT Negli ultimi cent anni l ortodonzia ha conosciuto un enorme progresso, incorporando nuove tecnologie e

Dettagli

AUTOLEGANTE PASSIVO. Distribuito da CONCETTO E TECNICA

AUTOLEGANTE PASSIVO. Distribuito da CONCETTO E TECNICA AUTOLEGANTE PASSIVO Distribuito da CONCETTO E TECNICA INDICE Introduzione 1 Anatomia del bracket 2 Tecnica di apertura e chiusura 3 Concetto e tecnica 4 Trasmissione delle forze 5 Protocollo di bondaggio

Dettagli

L'arco bidimensionale. con sezioni rettangolari. Perfect smile AlwaysTM

L'arco bidimensionale. con sezioni rettangolari. Perfect smile AlwaysTM Dynforce brevettato L'arco bidimensionale TM con sezioni rettangolari Perfect smile AlwaysTM Massimo controllo del torque incisivo abbinato alla bassa frizione Controllo del torque incisivo nella risoluzione

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data...

Nome... Cognome... Classe... Data... Unità 1 - Gnatologia 01 È chiamata gnatologia: A la scienza che si occupa della fisiologia del sistema masticatorio, dei suoi disturbi funzionali e delle terapie necessarie alla loro eliminazione. B la

Dettagli

APPARECCHIATURE SELF-LIGATING

APPARECCHIATURE SELF-LIGATING 48 Daniel Celli low friction e successo clinico in ortodonzia 49 APPARECCHIATURE SELF-LIGATING Considerazioni storiche Da quando Angle all inizio del secolo scorso propone il suo sistema di apparecchiature

Dettagli

Canino superiore ectopico associato a secondo premolare inferiore ectopico: Caso clinico

Canino superiore ectopico associato a secondo premolare inferiore ectopico: Caso clinico Original Article Published on 15-06-2001 In English, please En Español, por favor Canino superiore ectopico associato a secondo premolare inferiore ectopico: Caso clinico A.R. Mazzocchi* * MD DDS, Libero

Dettagli

blogic Attacchi Jigs di Posizionamento

blogic Attacchi Jigs di Posizionamento Jigs di Posizionamento 4 Gli attacchi prodotti da TPItalia delle linee blogic e tline con slot orizzontale.022 sono disponibili anche con Jigs di posizionamento. I Jigs sono studiati per eliminare ogni

Dettagli

Istruzioni Operative FA Q FIX

Istruzioni Operative FA Q FIX Istruzioni Operative FA Q FIX Ver. 1.0 Tutti i diritti sono riservati, la riproduzione del seguente manuale è vietata in tutto o in parte con qualsiasi mezzo. CNC LabTech s.a.s. Sequenza Operativa FA Q

Dettagli

CATALOGO. orteam. da 30 anni negli studi ortodontici

CATALOGO. orteam. da 30 anni negli studi ortodontici CATALOGO orteam da 30 anni negli studi ortodontici ORTEAM Qualità Innovazione Tecnologia Per informazioni contattare il Customer Service 800 828 093 customerservice@orteam.it Qualità Innovazione Tecnologia

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI ORTODONZIA

CORSO TEORICO-PRATICO DI ORTODONZIA CORSO TEORICO-PRATICO DI ORTODONZIA FILO DRITTO A BASSA FRIZIONE: SISTEMA SYNERGY Relatore: Prof. Dott. Nunzio Cirulli Vibo Valentia I Incontro 11-12 Marzo 2011 II Incontro 8-9 Aprile 2011 III Incontro

Dettagli

L ortodonzia. ad arco diritto e la filosofia MBT Percorso formativo teorico-pratico. Raffaello Cortesi. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

L ortodonzia. ad arco diritto e la filosofia MBT Percorso formativo teorico-pratico. Raffaello Cortesi. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Scienze Cliniche e Medicina Traslazionale Corso di perfezionamento postuniversitario in Ortodonzia Direttore:

Dettagli

ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI

ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI 132 DENTI CANINI Topografia e nomenclatura degli elementi morfologici Vista linguale Apice della radice Vista vestibolare Radice Linea cervicale (o

Dettagli

Corso di Tecnica Linguale con brackets i-ttr e di ortodonzia linguale fissa senza attacchi mediante i Retainers Attivi.

Corso di Tecnica Linguale con brackets i-ttr e di ortodonzia linguale fissa senza attacchi mediante i Retainers Attivi. Corso di Tecnica Linguale con brackets i-ttr e di ortodonzia linguale fissa senza attacchi mediante i Retainers Attivi. Prof. Aldo Macchi Dott. Nunzio Cirulli Dott.ssa Anna Mariniello 09:00-09-15 Prof.

Dettagli

Ortodonzia. Posizionamento corretto dei bracket. Attacchi diretti in acciaio inox. Attacchi diretti estetici. Tubi buccali attacco diretto e indiretto

Ortodonzia. Posizionamento corretto dei bracket. Attacchi diretti in acciaio inox. Attacchi diretti estetici. Tubi buccali attacco diretto e indiretto Ortodonzia Ortodonzia Una gamma completa ma essenziale prodotti ed accessori per l entrata Sweden & Martina nel mondo dell Ortodonzia fissa, contradstinta principalmente dalla qualità del prodotto e del

Dettagli

Introduzione La maggior parte dei pazienti adulti, svolgendo un'intensa vita di relazione, rifiuta il trattamento ortodontico tradizionale.

Introduzione La maggior parte dei pazienti adulti, svolgendo un'intensa vita di relazione, rifiuta il trattamento ortodontico tradizionale. Introduzione La maggior parte dei pazienti adulti, svolgendo un'intensa vita di relazione, rifiuta il trattamento ortodontico tradizionale. Per far fronte a questa richiesta l'industria ha messo appunto

Dettagli

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è la formulazione di ipotesi in modo sistematico, diretto

Dettagli

LO SMART FRICTION/SMART FORCE SYSTEM. Fase di allineamento e livellamento fili sottodimensionati Ni-Ti superelastici

LO SMART FRICTION/SMART FORCE SYSTEM. Fase di allineamento e livellamento fili sottodimensionati Ni-Ti superelastici 30 Daniel Celli LO SMART FRICTION/SMART FORCE SYSTEM low friction e successo clinico in ortodonzia 31 Sulla base delle considerazioni sin qui esposte, sforzo dell autore è quello di produrre un approccio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

tomas - Sistema di ancoraggio tomas - Sistema di ancoraggio... Pag. 16 Materiali di supporto... Pag. 21

tomas - Sistema di ancoraggio tomas - Sistema di ancoraggio... Pag. 16 Materiali di supporto... Pag. 21 tomas - Sistema di ancoraggio tomas - Sistema di ancoraggio... Pag. 16 Materiali di supporto... Pag. 21 8 tomas - Sistema di ancoraggio Nuovi concetti di trattamento Il completo sistema di ancoraggio Dentaurum

Dettagli

Corso di Ortodonzia. Corso Teorico Pratico Avanzato. Tecnica Straight-Wire

Corso di Ortodonzia. Corso Teorico Pratico Avanzato. Tecnica Straight-Wire Corso di Ortodonzia Tecnica Straight-Wire Corso Teorico Pratico Avanzato Bologna Febbraio 2016 - Giugno 2016 Atahotel Bologna Via Larga, 4 40138 Bologna Relatore Dr. Riccardo Riatti Crediti E.C.M. n. 50

Dettagli

Rapido Espansore Palatino (REP)

Rapido Espansore Palatino (REP) Rapido Espansore Palatino (REP) REP La REP di Biederman, oramai comunemente conosciuta solo come REP, è un apparecchiatura ortodontica ortopedica fissa che permette, con un solo mezzo terapeutico, di raggiungere

Dettagli

IL KINETOR. Parole Chiave: Trattamento funzionale, Dispositivo di Stockfisch. Key Words: Functional treatment, Stockfisch's Appliance.

IL KINETOR. Parole Chiave: Trattamento funzionale, Dispositivo di Stockfisch. Key Words: Functional treatment, Stockfisch's Appliance. a cura di Daniele Francioli - Firenze IL KINETOR * O. Olivi ** H. Stockfisch (1914-2004) * Ortodontotecnico Chiaravalle (Ancona) ** Medico Ortodontista - Stoccarda Presentazione: Pubblichiamo, in questo

Dettagli

Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico

Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico 50 CREDITI E C M PER L ANNO 2013 Aggiornamento clinico e gestionale nella pratica dello studio odontoiatrico MODULO DIDATTICO 1 La tecnica bidimensionale: diagnosi e biomeccanica AUTORI Massimo Lotito*,

Dettagli

L ortodonzia. ad arco diritto e la filosofia MBT percorso formativo teorico-pratico. 3M Orthodontics Education 2011.

L ortodonzia. ad arco diritto e la filosofia MBT percorso formativo teorico-pratico. 3M Orthodontics Education 2011. 3M Orthodontics Education 2011 L ortodonzia ad arco diritto e la filosofia MBT percorso formativo teorico-pratico Milano aprile settembre Raffaello Cortesi Dott. Raffaello Cortesi Laurea in Medicina e

Dettagli

ORTODONZIA: Gli elementi a molla

ORTODONZIA: Gli elementi a molla 1 ORTODONZIA: Gli elementi a molla di Donatella Govoni Lab. Ortodontico NORMOCCLUSION Estratto da: Bollettino di Informazioni Ortodontiche Leone nr. 52 curato da Filippo Francolini Tutte le molle per uso

Dettagli

Principi di funzionamento, progettazione e gestione delle apparecchiature funzionali di Planas

Principi di funzionamento, progettazione e gestione delle apparecchiature funzionali di Planas Principi di funzionamento, progettazione e gestione delle apparecchiature funzionali di Planas Anatomia dell articolazione temporo-mandibolare (a riposo) Attività del centro di ossificazione condilare

Dettagli

Carrellata di disegni dentali

Carrellata di disegni dentali Carrellata di disegni dentali Tutti i disegni hanno una didascalia. Le animazioni sono segnalate con! www.fisiokinesiterapia.biz 1 Arterie della testa 2 Vene della testa. 3 Vasi linfatici della testa e

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Ortodonzia Self-Ligating corso biennale clinico su paziente

Ortodonzia Self-Ligating corso biennale clinico su paziente 5 EDIZIONE Ortodonzia Self-Ligating corso biennale clinico su paziente Dr Riccardo Riatti LISSONE - MILANO 2012/2013 Centro Corsi Studio Dentistico Grace P.zza Giorgio La Pira, 6 - Lissone - Tel. 039 2459974

Dettagli

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa STEP system STEP L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa ami la velocità? Slide low friction system www.leone.it STEP system L ergonomia e la semplicità in ortodonzia Il sistema STEP è molto più

Dettagli

case report Ortognatodonzia Italiana vol. 15, 2-2008

case report Ortognatodonzia Italiana vol. 15, 2-2008 L estrazione dei secondi premolari: un alternativa all iper-espansione delle arcate? Second premolars extraction: an alternative treatment to dental arch hyper-expansion? Monica Margarino*, Carlo Bonapace**,

Dettagli

Mondo597. TECNICA LINGUALE: Modifiche nella sistematica Pacon senza set-up. INTRODUZIONE

Mondo597. TECNICA LINGUALE: Modifiche nella sistematica Pacon senza set-up. INTRODUZIONE Mondo597 TECNICA LINGUALE: Modifiche nella sistematica Pacon senza set-up. INTRODUZIONE L'applicazione indiretta degli attacchi è una procedura assai diffusa in ortodonzia grazie ai molteplici progressi

Dettagli

Recupero del leeway space: nuova strategia terapeutica

Recupero del leeway space: nuova strategia terapeutica PREMIO ORTODONZIA Recupero del leeway space: nuova strategia terapeutica Paolo Pasquali info@orthonews.eu Libero professionista INTRODUZIONE ei trattamenti ortodontici l arcata inferiore è N stata ed è

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

Arco Diritto a Bassa Frizione

Arco Diritto a Bassa Frizione Studio Odontoiatrico Tagliaferri Corso clinico di tecnica ad Arco Diritto a Bassa Frizione secondo prescrizione MBT Napoli gennaio - giugno Dott. Renato Tagliaferri www.studiotagliaferri.it in collaborazione

Dettagli

Piano di lavoro. Docente : Roberto Margio Disciplina : rappresentazione e modellazione A.S. : 2012 / 13 classe : 2 A - OBIETTIVI DIDATTICI FINALI

Piano di lavoro. Docente : Roberto Margio Disciplina : rappresentazione e modellazione A.S. : 2012 / 13 classe : 2 A - OBIETTIVI DIDATTICI FINALI Piano di lavoro Docente : Roberto Margio Disciplina : rappresentazione e modellazione A.S. : 2012 / 13 classe : 2 A - OBIETTIVI DIDATTICI FINALI Morfologia dentale di tutti i denti Occlusioni denti anteriori

Dettagli

Collaboratori Scientifici. Direttore Artistico. Illustrazioni. Impaginazione computerizzata

Collaboratori Scientifici. Direttore Artistico. Illustrazioni. Impaginazione computerizzata Collaboratori Scientifici Dott. Attilio Castaldo Dott. Pietro Vettese Giovanna Mangiante Emanuele Spada Direttore Artistico Diego Melegari Illustrazioni Mila Pasetti Impaginazione computerizzata Sistemi

Dettagli

MONDO. clinica di attacchi a basso frizionalllento. ~E STRATTO Mondo Ortodontico 2006; voi. 31, 6: 425-36. ~ Utilizzo nella pratica

MONDO. clinica di attacchi a basso frizionalllento. ~E STRATTO Mondo Ortodontico 2006; voi. 31, 6: 425-36. ~ Utilizzo nella pratica MONDO ~E STRATTO Mondo Ortodontico 2006; voi. 31, 6: 425-36 ~ Utilizzo nella pratica clinica di attacchi a basso frizionalllento ~ G. Tamborrin

Dettagli

l Ortodonzia Paziente per il informazioni e spiegazioni

l Ortodonzia Paziente per il informazioni e spiegazioni l Ortodonzia informazioni e spiegazioni per il Paziente Giovanna Perrotti si dedica in maniera esclusiva all ortodonzia, in stretta collaborazione con le altre figure professionali dell odontoiatria e

Dettagli

TRATTAMENTO COMBINATO ORTODONZIA FISSA-SPLINT GNATOLOGICO NELLA TERAPIA DEI PAZIENTI DISFUNZIONALI

TRATTAMENTO COMBINATO ORTODONZIA FISSA-SPLINT GNATOLOGICO NELLA TERAPIA DEI PAZIENTI DISFUNZIONALI TRATTAMENTO COMBINATO ORTODONZIA FISSA-SPLINT GNATOLOGICO NELLA TERAPIA DEI PAZIENTI DISFUNZIONALI Sabrina Guerrisi, Ludovica Sepe, Giovanna Cocco, Ettore Accivile Ospedale George Eastman U.O. di Protesi

Dettagli

PROGRAMMA ORTOGNATODONZIA

PROGRAMMA ORTOGNATODONZIA PROGRAMMA ORTOGNATODONZIA SVILUPPO E CRESCITA DEL COMPLESSO CRANIO MAXILLOFACCIALE Concetti di crescita e sviluppo Sviluppo e crescita post natale della volta e della base cranica, del mascellare superiore

Dettagli

EFline. Educazione Funzionale e Comportamentale secondo la filosofia del Dr. Daniel Rollet. prepariamo il futuro

EFline. Educazione Funzionale e Comportamentale secondo la filosofia del Dr. Daniel Rollet. prepariamo il futuro EFline. Educazione Funzionale e Comportamentale secondo la filosofia del Dr. Daniel Rollet prepariamo il futuro Guida alla selezione secondo l età 4-8 anni Dentatura decidua e mista EF3 (II classe taglia

Dettagli

BOLLETTINO DI INFORMAZIONI LEONE

BOLLETTINO DI INFORMAZIONI LEONE BOLLETTINO DI INFORMAZIONI LEONE L affollamento dentale dell arcata inferiore dalla dentatura decidua alla permanente (l uso del lip bumper) Relazione presentata al XXVII Congresso SIDO (Roma - Novembre

Dettagli

PalaMeter. Uno strumento di misurazione versatile per la protesi +J014660538170. That s prosthetics.

PalaMeter. Uno strumento di misurazione versatile per la protesi +J014660538170. That s prosthetics. PalaMeter Uno strumento di misurazione versatile per la protesi +J014660538170 PalaMeter è stato sviluppato in collaborazione tra Heraeus Dental e il Dr. Andreas Polei. Contact in Italy Heraeus Kulzer

Dettagli

Nuovo dispositivo ortodontico fisso per il trattamento delle disgnazie di Seconda e Terza Classe.

Nuovo dispositivo ortodontico fisso per il trattamento delle disgnazie di Seconda e Terza Classe. Nuovo dispositivo ortodontico fisso per il trattamento delle disgnazie di Seconda e Terza Classe. Parole Chiave Seconde Classi, Terze Classi, Distalizzazione Molare, Dispositivo Ortodontico fisso. Keywords

Dettagli

Orthodontic Case Report

Orthodontic Case Report In english, please Case report Published on 04/06/96 Orthodontic Case Report Dr. Gabriele Floria L'inclusione dei canini permanenti superiori rappresenta un problema delicato per le sue implicazioni funzionali

Dettagli

Dalla diagnosi alla terapia con meccanica RPM

Dalla diagnosi alla terapia con meccanica RPM Dalla diagnosi alla terapia con meccanica RPM Edizione Corso di Ortodonzia teorico-pratico Prof. Michele D Attilio PESCARA Hotel Serena Majestic Viale Carlo Maresca, 12 Montesilvano (PE) Corso in fase

Dettagli

Attacchi Self-ligating Carriere LX: caratteristiche e caso clinico.

Attacchi Self-ligating Carriere LX: caratteristiche e caso clinico. Attacchi Self-ligating Carriere LX: caratteristiche e caso clinico. FRATIGLIONI ANNA * FRANCIOLI DANIELE** * Odontoiatra e Protesista Dentale, libero professionista in Colle Val D Elsa si dedica esclusivamente

Dettagli

QUALCUNO POTREBBE VEDERCI SOLTANTO UN CATALOGO

QUALCUNO POTREBBE VEDERCI SOLTANTO UN CATALOGO QUALCUNO POTREBBE VEDERCI SOLTANTO UN CATALOGO NOI CI VEDIAMO UN SORRISO ORTEAM S.p.A. Piazza Carbonari, 12 20125 Milano Tel. 02 66711227 Fax 02 66711234 Customer Care Service customerservice@orteam.it

Dettagli

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione umberto buonanno I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione TESTO TERZA EDIZIONE Aggiornata ed ampliata SAB EDIZIONI LE PUBBLICAZIONI DI UMBERTO BUONANNO Nel 1980 viene pubblicato Morfologia e disegno

Dettagli

Capitolo 4 ANALISI ORTOPANORAMICA

Capitolo 4 ANALISI ORTOPANORAMICA Indice Capitolo 1 CRESCITA COMPLESSO CRANIO-FACCIALE Encondrale Suturale Apposizione Crescita giovanile e crescita tardiva Angolo goniale e crescita Percentuali dei tre tipi di crescita Capitolo 2 MUSCOLI

Dettagli

Eccellenza in ortodonzia:

Eccellenza in ortodonzia: 3M Orthodontics Education 2014 SPECIAL EVENT Eccellenza in ortodonzia: la Tecnica Straight-Wire TORINO 4-5 aprile 2014 Riccardo Riatti Dott. Riccardo Riatti Laureato in Odontoiatria presso l Università

Dettagli

Ortodonzia Self-Ligating Corso teorico-pratico

Ortodonzia Self-Ligating Corso teorico-pratico Ente ecclesiastico Ospedale Regionale F. Miulli Centro Studi UOC di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo Facciale UOS di Odontoiatria Infantile Ortodonzia Self-Ligating Corso teorico-pratico Dr Riccardo

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Edmondo De Amicis Via Galvani Roma PROGRAMMAZIONE MODULARE PER QUARTO ANNO MODULO B

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Edmondo De Amicis Via Galvani Roma PROGRAMMAZIONE MODULARE PER QUARTO ANNO MODULO B Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Edmondo De Amicis Via Galvani Roma PROGRAMMAZIONE MODULARE PER QUARTO ANNO MODULO B AMBITO DISCIPLINARE RAPPRESENTAZIONE E MODELLAZIONE COMPETENZE

Dettagli

Corso Annuale di Ortodonzia Straight Wire

Corso Annuale di Ortodonzia Straight Wire Corso Annuale di Ortodonzia Straight Wire 6 Elements Philisophy by Andrews and Andrews Firenze Starhotels Michelangelo V.le F.lli Rosselli, 2 50123 Firenze Dr. W. Andrews Dr. F. Pedetta Dr FRANCESCO PEDETTA

Dettagli

Corso Teorico Pratico

Corso Teorico Pratico Corso Teorico Pratico Dr. Riccardo Riatti Corso accreditato con 50 crediti formativi E.C.M. Educa/ione Cominua in Mcdicina Laureato in Odontoiatria presso l'università di Parma nel 1998. Specializzato

Dettagli

Distrazione del segmento inferiore

Distrazione del segmento inferiore Distrazione del segmento inferiore Quello della vestibolarizzazione degli incisivi inferiori è da sempre un argomento molto controverso in Ortodonzia e comunque una delle manovre più richieste nella pratica

Dettagli

Orthodontic Treatment Mechanics & The Pre-Adjusted Appliance DR. RICHARD McLAUGHLIN Direttore Scientifico Dr Maurizio Manuelli Dr Bruno Oliva

Orthodontic Treatment Mechanics & The Pre-Adjusted Appliance DR. RICHARD McLAUGHLIN Direttore Scientifico Dr Maurizio Manuelli Dr Bruno Oliva Orthodontic Treatment Mechanics & The Pre-Adjusted Appliance DR. RICHARD McLAUGHLIN Direttore Scientifico Dr Maurizio Manuelli Dr Bruno Oliva Rome November 22-23, 2013 Corso in fase di accreditamento Location

Dettagli

Le componenti attive della sistematica Speed

Le componenti attive della sistematica Speed Le componenti attive della sistematica Speed Garino G.B. Capurso U. Garino F. Introduzione L'impiego del termine Speed nell'intento del ricercatore Dr. Hanson ( 11,12), che ha messo a punto e perfezionato

Dettagli

La protesi fissa nella riabilitazione protesico-implantare dell'edentulismo totale

La protesi fissa nella riabilitazione protesico-implantare dell'edentulismo totale La protesi fissa nella riabilitazione protesico-implantare dell'edentulismo totale Dr. Leonardo Palazzo, Dr. Salvatore Belcastro, Dr.ssa Cristina Rossi, Dr. Fulvio Floridi Servizio di Odontoiatria, Ospedale

Dettagli

Materiale anallergico

Materiale anallergico Materiale anallergico Indice FILI E ARCHI PRIVI DI NICHEL 262 Archi Betaflex (Nichel Free) G&H FLEX MEDICS 262 Fili Betaflex (Nichel Free) G&H FLEX MEDICS ELASTICI PRIVI DI LATTICE 263 Elastici Non-Latex

Dettagli

Corso di Ortodonzia Clinica Efficaci ed Efficienti Protocolli Terapeutici

Corso di Ortodonzia Clinica Efficaci ed Efficienti Protocolli Terapeutici Dr Francesco Bisello 50 Punti ECM Corso di Ortodonzia Clinica Efficaci ed Efficienti Protocolli Terapeutici FIRENZE - Hotel Londra Maggio - Novembre 2016 Engineering By Curriculum Vitae Dr. Francesco Bisello

Dettagli

Istruzioni per la procedura di qualificazione (esame parziale ed esame finale) per odontotecnici AFC

Istruzioni per la procedura di qualificazione (esame parziale ed esame finale) per odontotecnici AFC c/o hsp Hodler, Santschi und Partner AG Belpstrasse 41 3007 Bern Tel. 031 381 64 50 Fax 031 381 64 56 info@vzls.ch www.vzls.ch / www.alpds.ch Istruzioni per la procedura di qualificazione (esame parziale

Dettagli

La teoria. L attività clinica. La diagnosi. La pratica. ORTODONZIA clinica CONTEMPORANEA. Firenze 2014-2015 ISO 19 EDIZIONE

La teoria. L attività clinica. La diagnosi. La pratica. ORTODONZIA clinica CONTEMPORANEA. Firenze 2014-2015 ISO 19 EDIZIONE ORTODONZIA clinica CONTEMPORANEA ISO ISTITUTO STUDI ODONTOIATRICI divisione scientifica della Firenze 2014-2015 Corso annuale teorico-pratico-clinico su paziente 12 incontri 24 giornate Direttore del corso:

Dettagli

Riabilitazioni implanto-protesiche a carico immediato - Parte II -

Riabilitazioni implanto-protesiche a carico immediato - Parte II - Riabilitazioni implanto-protesiche a carico immediato - Parte II - Ramon Cuadros Cruz Nella seconda parte di questo articolo proseguiamo nella descrizione di casi clinici, che dimostrano come questo sistema

Dettagli

Professione... ortodonzia

Professione... ortodonzia F E B B R A I O 2 0 1 3 Dr. Andrea Bizioli Professione... ortodonzia Micerium News Index Introduzione 2 Articolo Dr. Bizioli 3 Aerodentis 12 Corsi Micerium 15 Visita il nostro nuovo sito... www.micerium.it

Dettagli

Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico

Diagnosi Ortodontica - Il check-up Ortodontico Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico Articolo a cura di: Alberto Gentile / Impaginazione a cura di: Mile Sito web: www.albertogentile.it Per impostare un corretto piano di trattamento ortodontico

Dettagli

Trattamento delle malocclusioni di seconda classe seconda divisione negli adulti: considerazioni biomeccaniche

Trattamento delle malocclusioni di seconda classe seconda divisione negli adulti: considerazioni biomeccaniche RTIIO THE OTHER SI DE OF ORTHODONTICS Trattamento delle malocclusioni di seconda classe seconda divisione negli adulti: considerazioni biomeccaniche I nuovi fili CIA "smart wires" disegnati e testati alla

Dettagli

I Ganci Sottoequatoriali di Rosini Pierluca

I Ganci Sottoequatoriali di Rosini Pierluca I Ganci Sottoequatoriali di Rosini Pierluca 1 PierLuca Rosini Titolare di laboratorio dal 1991 si specializza nella costruzione di protesi scheletrata seguendo corsi di aggiornamento con i migliori tecnici

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

Affascinante naturalezza

Affascinante naturalezza IT Affascinante naturalezza fate una scoperta innovativa naturalmente da dentaurum Più di tre anni di ricerca e sviluppo sono serviti a Dentaurum per realizzare i nuovi brackets estetici discovery pearl,

Dettagli

Corso clinico di filosofia MBT TM con pazienti

Corso clinico di filosofia MBT TM con pazienti Corso clinico di filosofia MBT TM con pazienti Gianluigi Fiorillo Roma, 6 incontri: Dicembre 2012 - Maggio 2013 Corso clinico di filosofia MBT TM con pazienti Il Corso teorico-clinico di Filosofia MBT

Dettagli

Ancor Pro. Sistema Di Ancoraggio Ortodontico Temporaneo GUIDA TECNICA

Ancor Pro. Sistema Di Ancoraggio Ortodontico Temporaneo GUIDA TECNICA Ancor Pro Sistema Di Ancoraggio Ortodontico Temporaneo GUIDA TECNICA Il sistema di ancoraggio ortodontico Ancor Pro della Ortho Organizers vi consente di avere un maggior controllo sui risultati del trattamento

Dettagli

CORSO AVANZATO DI TECNICA SWLF (STRAIGHT WIRE LOW FRICTION)

CORSO AVANZATO DI TECNICA SWLF (STRAIGHT WIRE LOW FRICTION) CORSO AVANZATO DI TECNICA SWLF (STRAIGHT WIRE LOW FRICTION) Relatori: Prof. David Suárez Quintanilla Dott. Nunzio Cirulli UDINE 12-13-14 MARZO 2015 C.V. Prof. David Suárez Quintanilla Il Prof. Suárez Quintanilla

Dettagli

L ortodonzia in chiave intercettiva: la tecnica ortodontica dell occlusione guidata

L ortodonzia in chiave intercettiva: la tecnica ortodontica dell occlusione guidata Sabato 20 febbraio 2016 Salerno Dott. Pietro Leone L ortodonzia in chiave intercettiva: la tecnica ortodontica dell occlusione guidata SALERNO Grand Hotel Salerno Lungomare Clemente Tafuri, 1 84127 Salerno

Dettagli

PREMESSA STORICA NASCITA DELL'APPARECCHIATURA PROGRAMMATA

PREMESSA STORICA NASCITA DELL'APPARECCHIATURA PROGRAMMATA PREMESSA STORICA NASCITA DELL'APPARECCHIATURA PROGRAMMATA Il Dr.L.F.Andrews con la collaborazione di Liberi Professionisti e Centri Universitari Americani iniziò una raccolta di dati che durò dal 1960

Dettagli

Acry Plus NM. il Dente Neuromuscolare

Acry Plus NM. il Dente Neuromuscolare Acry Plus NM il Dente Neuromuscolare Acry Plus NM L uomo è un unità funzionale che può alterarsi per sostituizione o modifica dell occlusione. Acry Plus NM è il dente acrilico realizzato sulle basi della

Dettagli

Agenesie ed elementi inclusi

Agenesie ed elementi inclusi Studio Odontoiatrico Tagliaferri Agenesie ed elementi inclusi Corso Teorico Avanzato Napoli 24-25 ottobre Dott. Renato Tagliaferri in collaborazione con www.studiotagliaferri.it Dott. Renato Tagliaferri

Dettagli

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO ISTITUTO PROFESSIONALE PER ODONTOTECNICI SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO PAOLO GOTTA (C130) - MATERIA: ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO ODONTOTECNICO

Dettagli

CORSO DI ORTODONZIA CLINICA: EFFICACI ED EFFICIENTI PROTOCOLLI TERAPEUTICI

CORSO DI ORTODONZIA CLINICA: EFFICACI ED EFFICIENTI PROTOCOLLI TERAPEUTICI Foiano Della Chiana AR Maggio - Novembre 2015 in collaborazione con Dr. Francesco Bisello Laureato con lode in Odontoiatria e Protesi Dentaria (Università degli Studi di Perugia) Specializzato in Ortognatodonzia

Dettagli

Ortodonzia nell adulto: esigenze estetiche e di ancoraggio, quali novità?

Ortodonzia nell adulto: esigenze estetiche e di ancoraggio, quali novità? XXVI CONGRESSO INTERNAZIONALE ODONTOSTOMATOLOGICO Monte-Carlo 14 Novembre 2014 Ortodonzia nell adulto: esigenze estetiche e di ancoraggio, quali novità? Dott. Vincenzo De Dominicis epsn. Dn crtoznitooonz.i,

Dettagli

Dr. Massimo LUPOLI. Firenze Starhotels Michelangelo. La nuova gestione del paziente ortodontico: diagnosi e trattamento con tecnica OMP

Dr. Massimo LUPOLI. Firenze Starhotels Michelangelo. La nuova gestione del paziente ortodontico: diagnosi e trattamento con tecnica OMP Dr. Massimo LUPOLI Dr. Bruno OLIVA settima edizione Starhotels Michelangelo La nuova gestione del paziente ortodontico: diagnosi e trattamento con tecnica OMP Orthodontic Mediterranean Prescription Corso

Dettagli

Vivodent S PE. Tabella forme denti. La scelta decisiva per soddisfare le tue esigenze. SR Vivodent S PE SR Orthotyp S PE

Vivodent S PE. Tabella forme denti. La scelta decisiva per soddisfare le tue esigenze. SR Vivodent S PE SR Orthotyp S PE Vivodent S PE La scelta decisiva per soddisfare le tue esigenze Tabella forme denti Vivodent S PE Orthotyp S PE 41.3 7.7 41.8 7.9 A22 A44 9.6 A11 9.3 SMALL Vivodent S PE 41.6 7.9 Orthotyp S PE 31.7 A3

Dettagli

I DENTI UMANI SCHEDE DI VERIFICA

I DENTI UMANI SCHEDE DI VERIFICA umberto buonanno I DENTI UMANI SCHEDE DI VERIFICA e di autoverifica Tutti i diritti sono riservati È vietata la riproduzione, in tutto o in parte, con qualunque mezzo sia meccanico che elettronico o fotografico,

Dettagli

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it L OCCLUSIONE NEL CANE In medicina umana l ortodonzia si occupa del controllo e della correzione

Dettagli

Titolo: L importanza della posizione mandibolare in ortodonzia Autore : Dr. Gabriele Galassini Trieste - Italia

Titolo: L importanza della posizione mandibolare in ortodonzia Autore : Dr. Gabriele Galassini Trieste - Italia Titolo: L importanza della posizione mandibolare in ortodonzia Autore : Dr. Gabriele Galassini Trieste - Italia Scopo Lo scopo di questa relazione è quello di sottolineare l importanza della posizione

Dettagli

Ortodonzia moderna: nuovi materiali e teorie per il successo clinico

Ortodonzia moderna: nuovi materiali e teorie per il successo clinico 4 EDIZIONE Ortodonzia moderna: nuovi materiali e teorie per il successo clinico Dr. Luca Contardo Dr. Riccardo Riatti 30 novembre - 1 dicembre Sala Conferenze Lorilabors s.r.l. Via Indipendenza n 5 41122

Dettagli