COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA"

Transcript

1 COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA Approvato con delibera di C.C. n. 39 del Modificato con delibera di C.C. n. 84 del Modificato con delibera di C.C. n. 03 del

2 Art. 1 (Istituzione) 1. E istituita, presso il Comune di Pontecagnano Faiano, la Commissione Comunale per le Pari Opportunità tra uomo e donna. 2. Essa è un organismo permanente, che si propone di contribuire alla effettiva attuazione dei principi di uguaglianza e di parità tra i cittadini, sanciti dall art.3 della Costituzione, anche mediante l attuazione di azioni positive ai sensi delle Leggi , n.164 e , n.125. Art. 2 (Finalità) 1. Finalità dell istituzione della Commissione sono la promozione e la realizzazione di pari opportunità tra uomo e donna nell educazione e nella formazione, nella cultura e nei comportamenti, nella partecipazione alla vita politica, sociale ed economica, nelle istituzioni, nella vita famigliare e professionale e per rimuovere gli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena parità di lavoro e nel lavoro. Art. 3 (Funzione) 1. Essa è organo consultivo e svolge il ruolo di supporto tecnico-scientifico nell'elaborazione e nell'attuazione delle politiche di pari opportunità fra uomo e donna deliberate dal Consiglio e dalla Giunta Comunali; 2. Costituiscono linee guida dell'attività della Commissione sia la normativa nazionale vigente, sia quelle indicate nella Dichiarazione e nel Programma di Azione adottati dalla quarta Conferenza mondiale sulle donne (Pechino, 1995 e successivi aggiornamenti), attuando in particolare gli obiettivi di: a) valorizzazione del punto di vista femminile, porre al centro della politica la soggettività femminile ("mainstreaming"); b) dare poteri e responsabilità alle donne, potenziare le soggettività femminili ("empowerment"); c) scambio di buone pratiche fra soggetti femminili rappresentanti le realtà politiche, culturali, associative e del mondo del lavoro ("networking"). Art. 4 (Competenze) 1. La Commissione Pari Opportunità ha il compito di favorire la conoscenza della normativa e delle politiche riguardanti le donne, di dare espressione alla differenza di genere e valorizzazione alle esperienze delle donne, attraverso funzioni di sostegno, confronto, consultazione progettazione e proposta nei confronti del Consiglio Comunale, delle Commissioni Consiliari, della Giunta. In tal senso è strumento di raccordo tra gli organi istituzionali del Comune e la società civile femminile. 2. La Commissione, in particolare, persegue gli obiettivi di: a) ricerca sulla condizione femminile nell ambito comunale; b) valutazione dello stato di attuazione nel Comune delle leggi statali e regionali nei riguardi della condizione femminile;

3 c) esprimere pareri (non vincolanti) sugli atti amministrativi concernenti argomenti che ritiene di propria competenza. A tal fine tutte le proposte di deliberazione devono essere comunicate a cura del Segretario comunale almeno tre giorni liberi prima della seduta del Consiglio; d) presentare proposte per l adeguamento delle politiche e delle normative attuate dalla Provincia alla Commissione Provinciale per le Pari Opportunità; e) partecipare ai procedimenti amministrativi concernenti gli atti o i regolamenti amministrativi di propria competenza. A tal fine la Commissione deve ricevere dall Ufficio servizi sociali o dagli altri uffici interessati tutte le comunicazioni inerenti l inizio e lo svolgimento del procedimento amministrativo in merito a materie di propria spettanza; indicazione per la redazione dei documenti di programmazione dell Ente e per l applicazione di codici di comportamento all interno dell Ente; f) promuovere iniziative dirette a sviluppare la cultura delle pari opportunità; g) raccogliere e diffondere informazioni riguardanti la condizione femminile e dei soggetti deboli, assicurando agli stessi un permanente dibattito e promovendo un migliore utilizzo delle fonti di informazioni esistenti; h) operare per la rimozione di ogni forma di discriminazione rilevata o denunciata, soprattutto in materia di lavoro e di impiego della donna; i) promuovere la partecipazione delle donne alla vita politica e alla gestione della pubblica Amministrazione; j) promuovere una adeguata presenza femminile nelle nomine di competenza del Comune; k) favorire la creazione di sinergie e reti fra realtà e luoghi femminili. 3. La Commissione Pari Opportunità esercita le sue funzioni in piena autonomia. Art. 5 ( Rapporti di collaborazione) 1. La Commissione sviluppa rapporti di collaborazione con gli organismi preposti alla realizzazione della parità e delle pari opportunità a livello Provinciale, Regionale, Nazionale. In particolare, con la Commissione Provinciale per le Pari Opportunità e la Consigliera di Parità della Provincia e promuove rapporti di collaborazione con organizzazioni sindacali e di categoria. Art. 6 (Programmazione e relazione attività) 1. La Commissione predispone una relazione annuale sull'attività svolta corredata da osservazioni e proposte per la programmazione dell'attività futura, che verrà trasmessa ogni anno entro il 31 dicembre al Sindaco.

4 Art.7 (Composizione e nomina) 1. La Commissione è composta da n. 7 commissari eletti dal Consiglio Comunale, scegliendo per n. 4 commissari in un elenco di candidati formato con i seguenti criteri: a) le Associazioni, organizzazioni professionali, culturali, sindacali, del volontariato e le istituzioni scolastiche pubbliche di ogni ordine e grado, operanti nel territorio comunale, possono segnalare non più di tre (3) candidature ciascuno, individuate tra persone in possesso di riconosciuta competenza in materia di condizione femminile, nei campi giuridico, economico, sociologico, psico-pedagogico, della formazione, del lavoro, dei servizi sociali, dell ambiente, delle comunicazioni sociali e in ogni ambito di intervento riconducibile alle funzioni della Commissione; b) I soggetti di cui al precedente comma devono svolgere la loro attività in maniera continuativa, essere dotati di uno Statuto che preveda forme partecipative e gestionali democratiche, non avere fini di lucro; lo Statuto deve essere prodotto in copia, unitamente alle candidature; c) I soggetti di cui alle precedenti lettere vengono invitati, con bando pubblico dal Sindaco, a far pervenire le candidature entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando come risulta dall allegato schema di bando: d) Le candidature debbono essere corredate da curriculum, dal quale risultano le competenze ed i titoli scientifici e professionali posseduti. 2. N. 3 commissari di riconosciute qualità ed esperienze di carattere professionale, culturale, scientifico sono designati dai gruppi presenti in Consiglio Comunali e dallo stesso eletti. 3. Della Commissione fanno parte inoltre senza diritto di voto : il Sindaco o un suo delegato, anche esterno all Ente, le Consigliere comunali, le donne presenti in Giunta. 4. Nella composizione della Commissione deve essere garantita la presenza di almeno i 2/3 di donne. 5. La Commissione resta in carica fino alla scadenza del mandato del Consiglio comunale ed esercita le sue funzioni fino all insediamento della nuova Commissione. Il Sindaco deve promuovere le procedure per il rinnovo entro 90 giorni dal suo insediamento. 6. I Commissari dimissionari o decaduti sono sostituiti dal Consiglio comunale con elezione nell ambito delle candidature già acquisite. 7. I Commissari non sono rieleggibili. Art. 8 (Presidenza della Commissione) 1. Nella prima seduta, convocata dal Sindaco entro 30 giorni dalla nomina, la Commissione elegge, nel proprio seno, il Presidente ed il Vice-Presidente, a maggioranza assoluta dei componenti, con voto limitato a uno. 2. Il Presidente convoca e presiede le riunioni della Commissione; presiede l Ordine del giorno delle riunioni e le relative proposte da sottoporre all esame della Commissione; promuove l attuazione delle iniziative approvate dalla Commissione; propone alla Giunta Comunale l adozione dei provvedimenti di spesa relativi alle attività della Commissione, nei limiti delle disponibilità di bilancio. 3. Il Vice-Presidente coadiuva il Presidente e lo sostituisce in caso di assenza o di impedimento.

5 Art. 9 (Funzionamento della Commissione) 1. La Commissione si riunisce, di norma, una volta al mese e, comunque, su iniziativa del Presidente o qualora lo richieda almeno un terzo dei componenti. 2. Le riunioni hanno luogo, di norma, presso la sede del Comune. 3. Le riunioni della Commissione sono valide con la presenza di almeno metà dei componenti. 4. La Commissione può articolarsi per sezioni di lavoro e procedere a consultazioni e audizioni. 5. Ai lavori possono essere invitati a titolo consultivo componenti della Giunta e del Consiglio Comunale. 6. La Commissione deve esprimere i pareri di cui alla lettera c) dell art.4 entro trenta giorni dalla ricezione dell atto, decorso tale termine, il parere si intende reso in senso favorevole. 7. Dei pareri resi si deve dare atto nelle premesse delle deliberazioni consiliari per le quali sono richiesti. 8. Per il funzionamento della Commissione il Comune mette a disposizione le dotazioni strumentali necessarie; l incarico di segretario viene svolto da uno dei membri della Commissione designato all inizio della seduta del Presidente. Art. 10 (Indennità e rimborsi) 1. Ai componenti della Commissione spettano le indennità ed i rimborsi previsti per i Consiglieri comunali per le sedute di Commissione Consiliare. Art. 11 (Norma finanziaria) 1. Nel Bilancio di previsione sarà previsto un apposito capitolo di spesa per le attività della Commissione, a tal fine il Presidente della Commissione presenterà entro il 31 dicembre, un programma annuale di attività, corredato dal preventivo di spesa. 2. La gestione del fondo è affidata al dirigente del settore Servizi Sociali.

6 COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO Provincia di Salerno Nomina di n.7 (sette) commissari in seno alla Commissione comunale per le Pari Opportunità 1) Con deliberazione di C.C. n. del al fine di procedere alla istituzione della Commissione per le Pari Opportunità, tutte le associazioni, le organizzazioni professionali, culturali, del volontariato e le istituzioni scolastiche pubbliche di ogni ordine e grado, operanti nel territorio comunale, possono segnalare una o più candidature individuate tra persone in possesso di riconosciuta competenza ed esperienza in materia di condizione femminile nei campi giuridico, economico, sociale e comunque in ogni ambito di intervento riconducibile alle funzioni della Commissione. 2) Gli aspiranti devono far pervenire le candidature al Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio Protocollo entro le ore 12,00 del trentesimo giorno a partire dalla data di pubblicazione del presente bando. 3) Le candidature devono essere corredate da curriculum, dal quale risultino le competenze ed i titoli posseduti. 4) La Commissione è composta da n.7 Commissari eletti dal Consiglio comunale. 5) Nella Commissione deve essere garantita una presenza di donne di almeno due terzi. Il Sindaco

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA INDICE Art. 1 Istituzione della Commissione Art. 2 Finalità Art. 3 Compiti Art. 4 Composizione Art. 5 Funzionamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA COMUNE DI CASALEONE Provincia di Verona REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 46 del 16/11/2011 Modificato con: Delibera

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

REGOLAMENTO. DESIGNAZIONI e NOMINE NEGLI ORGANI della FONDAZIONE

REGOLAMENTO. DESIGNAZIONI e NOMINE NEGLI ORGANI della FONDAZIONE REGOLAMENTO DESIGNAZIONI e NOMINE NEGLI ORGANI della FONDAZIONE Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 7 luglio 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 26 gennaio, del 13 luglio

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Avvisi e Concorsi n. 34 - Mercoledì 21 agosto 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Avvisi e Concorsi n. 34 - Mercoledì 21 agosto 2013 5 A) STATUTI Comune di Brescia Statuto dell Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del Bacino di Brescia, approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 98 del 29 luglio 2013 TITOLO I GENERALITÀ

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012 Entrato in vigore il 2.11.2012 INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Art.

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

C.C.V. BS REGOLAMENTO

C.C.V. BS REGOLAMENTO ALLEGATO PROVINCIA DI BRESCIA COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE C.C.V. BS REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Le Organizzazioni presenti sul territorio

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI Art. 1 (Finalità e oggetto della legge) 1. La presente legge, nel rispetto del decreto legislativo 2 febbraio 2006,

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 23 dell 11.04.2013

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** ******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** Approvato con delibera consiliare n. 180 del 18 Dicembre 2012.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 48 PROVINCIA DI PADOVA PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO Approvato con D.G.P. in data 24.2.2000 n. 42 di reg., modificato con D.G.P.

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013

Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013 Copia Albo Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013 OGGETTO: D.LGS. N. 198/2006 CODICE DELLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA A NORMA

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

Comune di Montagnareale Provincia di Messina

Comune di Montagnareale Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA NOMINA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PER L ESAME DELLE NORME REGOLAMENTARI DELL ENTE INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento- definizioni. Art. 2 - Composizione,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 4-5 luglio 2008 (modificato dal Consiglio nazionale del 19-20 giugno 2009) Regolamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA Norme per il riordino degli enti di edilizia residenziale pubblica ed istituzione delle aziende lombarde per l' edilizia residenziale (ALER) Fonte:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

STATUTO DELL I.R.C.A.C. TITOLO I ISTITUZIONE - FINALITA E COMPITI - MEZZI FINANZIARI CAPO I ISTITUZIONE ART. 1

STATUTO DELL I.R.C.A.C. TITOLO I ISTITUZIONE - FINALITA E COMPITI - MEZZI FINANZIARI CAPO I ISTITUZIONE ART. 1 STATUTO DELL I.R.C.A.C. TITOLO I ISTITUZIONE - FINALITA E COMPITI - MEZZI FINANZIARI CAPO I ISTITUZIONE ART. 1 L Istituto Regionale per il Credito alla Cooperazione (I.R.C.A.C.), istituito con la legge

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI TERRITORIALI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI TERRITORIALI REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI TERRITORIALI dell AISLA Onlus Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Indice Titolo

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

ASSOCIAZIONE IDEE IN RETE STATUTO Art.1 Costituzione,denominazione e sede E costituita l Associazione IDEE IN RETE", con sede legale in Firenze Viale

ASSOCIAZIONE IDEE IN RETE STATUTO Art.1 Costituzione,denominazione e sede E costituita l Associazione IDEE IN RETE, con sede legale in Firenze Viale ASSOCIAZIONE IDEE IN RETE STATUTO Art.1 Costituzione,denominazione e sede E costituita l Associazione IDEE IN RETE", con sede legale in Firenze Viale Europa n.206. L Associazione è retta dal presente statuto

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

TITOLO I PRINCIPI GENERALI

TITOLO I PRINCIPI GENERALI STATUTO Approvato dal Consiglio Camerale con la deliberazione n. 4 del 14 maggio 2004, e successivamente modificato dal Consiglio Camerale con le deliberazioni n.5 dell 11 aprile 2005,e n. 13 del 4 novembre

Dettagli

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA NOMINA E L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEL DIFENSORE CIVICO

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA NOMINA E L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEL DIFENSORE CIVICO COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A alla Deliberazione C.C. n. 34 del 27 Settembre 2007 REGOLAMENTO PER LA NOMINA E L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEL DIFENSORE CIVICO Approvato con delibera

Dettagli

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO in vigore dal 7 Aprile 2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Unione Regionale Istituzioni e Iniziative Pubbliche

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

Organizzazione del Fondo di quiescenza del personale della Regione siciliana - Fondo pensioni Sicilia. exz ÉÇx f v Ä tçt \Ä cüxá wxçàx

Organizzazione del Fondo di quiescenza del personale della Regione siciliana - Fondo pensioni Sicilia. exz ÉÇx f v Ä tçt \Ä cüxá wxçàx Regolamento attuativo dell art. 15, comma 11, legge regionale 14 maggio 2009, n.6 Organizzazione del Fondo di quiescenza del personale della Regione siciliana - Fondo pensioni Sicilia DPReg exz ÉÇx f v

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei)

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) Regolamento delle attivit e per il funzionamento del Consiglio dell Ordine dei

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

STATUTO ARTICOLO 2 FINALITA

STATUTO ARTICOLO 2 FINALITA 1 STATUTO Associazione PER IL SORRISO DI UN BAMBINO O.N.L.U.S. ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA L Associazione viene a denominarsi Associazione PER IL SORRISO DI UN BAMBINO O.N.L.U.S. ed opera

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad TITOLO III. - LA STRUTTURA a) L Assemblea Art. 14 Composizione 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad essa affi liate, che vi partecipano, con eguali

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3 STATUTO Art. 1 La società per azioni denominata Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale S.p.A. (in forma abbreviata BdM - MCC S.p.A. ) è regolata dal presente Statuto. La Società può utilizzare anche

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

STATUTO - Associazione T-OSSLab Tuscany Open Source Software Laboratory

STATUTO - Associazione T-OSSLab Tuscany Open Source Software Laboratory STATUTO - Associazione T-OSSLab Tuscany Open Source Software Laboratory ARTICOLO 1 Definizione È costituita l Associazione senza fini di lucro denominata T-OSSLab - TUSCANY OPEN SOURCE SOFTWARE LABORATORY.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi Via C. Colombo n. 1 72020 Tel. 0831/622085 Fax 0831/620672 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSOCIAZIONISMO LOCALE Approvato con deliberazione di CC n. 46 del 04/12/2012

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE CAPITOLO 1 - GENERALITA Il presente regolamento è redatto in base all art. 42

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE Emanato con DR. Rep. n. 548/2012 prot. n. 22878/XII/1 del 15.11.2015 Art. 1 Composizione 1. Il Dipartimento

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE L ALBERO DI ANTONIA SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) 1. E costituita l Associazione denominata L Albero di Antonia ART. 2) 1. L Associazione ha sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione della Fondazione Art. 2 Soci Art. 3 Finalità

STATUTO Art. 1 - Costituzione della Fondazione Art. 2 Soci Art. 3 Finalità Allegato "I" al Rep. 6.954 Racc. 2.182 STATUTO della Fondazione per la Ricerca e l'innovazione Art. 1 - Costituzione della Fondazione 1. Per iniziativa dell'università degli Studi di Firenze è costituita

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente Statuto trovano il loro fondamento giuridico nell'art. 8 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000 T.U. sull' Ordinamento

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Organizzativo e di Funzionamento dell Istituzione SOLIDEA

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Organizzativo e di Funzionamento dell Istituzione SOLIDEA PROVINCIA DI ROMA Regolamento Organizzativo e di Funzionamento dell Istituzione SOLIDEA Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 53 del 22 luglio 2004 ALL. B REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO E DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO

COMUNE DI MONTEPULCIANO ALLEGATI N. COPIA COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 232 Adunanza del giorno 30-09-2013 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.)

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

Statuto dell Associazione di volontariato Zucchero Amaro

Statuto dell Associazione di volontariato Zucchero Amaro Statuto dell Associazione di volontariato Zucchero Amaro TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 E costituita in Chiavari, Via Entella 205, l Associazione di volontariato denominata Zucchero Amaro

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE - Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co)

Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co) 1 Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co) L'anno 2013 (duemilatredici) il giorno 22 (ventidue) del mese di luglio si costituisce l'associazione culturale denominata Associazione Professionale

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

STATUTO Approvato con deliberazione del Consiglio n. 24 del 5 dicembre 2011 1

STATUTO Approvato con deliberazione del Consiglio n. 24 del 5 dicembre 2011 1 STATUTO Approvato con deliberazione del Consiglio n. 24 del 5 dicembre 2011 1 INDICE CAPITOLO I PRINCIPI Art. 1 - Natura Art. 2 - Sede - Uffici periferici Art. 3 - Emblema Art. 4 - Sistema camerale - Principi

Dettagli

L Altra Babele - Promozione Sociale Statuto

L Altra Babele - Promozione Sociale Statuto Allegato all'atto costitutivo dell'associazione L'Altra Babele - Promozione Sociale del 10 febbraio 2015 L Altra Babele - Promozione Sociale Statuto PREMESSA L'Associazione "L Altra Babele - Promozione

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 13 settembre 2012 Regolamento delle Strutture provinciali Approvato dal Consiglio nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

Allegato A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LA PIEVE

Allegato A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LA PIEVE Allegato A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LA PIEVE Articolo 1 Costituzione Ai sensi della legge 7 dicembre 2000 n. 383 e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

**************** REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE MUSEO DI STORIA NATURALE BELLONA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA ****************

**************** REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE MUSEO DI STORIA NATURALE BELLONA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA **************** **************** REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE MUSEO DI STORIA NATURALE BELLONA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA **************** 1 Art. 1 Finalità dell Istituzione Ai sensi dell art. 22, comma 3, lettera d)

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO PROVINCIA DI CAGLIARI Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO Art. 1 Sono costituiti presso la Provincia di Cagliari l Elenco provinciale delle Associazioni delle

Dettagli

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA Il testo del presente Statuto è aggiornato a seguito della deliberazione del Consiglio camerale n. 7/07 del 26.3.2007 Lo Statuto

Dettagli

STATUTO FASIDI. Articolo 1 Denominazione. 1. E costituita un Associazione strutturalmente ed amministrativamente autonoma,

STATUTO FASIDI. Articolo 1 Denominazione. 1. E costituita un Associazione strutturalmente ed amministrativamente autonoma, STATUTO FASIDI Articolo 1 Denominazione 1. E costituita un Associazione strutturalmente ed amministrativamente autonoma, avente la denominazione: FASIDI FONDO INTEGRATIVO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

S T A T U T O Associazione Pro Loco Judica

S T A T U T O Associazione Pro Loco Judica S T A T U T O Associazione Pro Loco Judica Allegato A Art.1 Costituzione, denominazione e sede 1.1 E Costituita nel Comune di Castel di Iudica, una Associazione denominata Pro Loco Judica con sede in M.

Dettagli

Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di

Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di Allegato B Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di SCHEMA DI STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE È costituito, nello spirito della Costituzione

Dettagli

STATUTO dell Associazione... Art. 1 DENOMINAZIONE

STATUTO dell Associazione... Art. 1 DENOMINAZIONE Schema-tipo di Statuto di ASSOCIAZIONE PROVINCIALE STATUTO dell Associazione... Art. 1 DENOMINAZIONE 1.1. E costituita ai sensi degli artt. 17 e 18 della Costituzione Italiana, degli artt.. 36 e seguenti

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI ALLEGATO N. 1 al DR n. 344/19026 del 30/04/2013 Regolamento di funzionamento della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria PARTE I ELEMENTI GENERALI Art. 1 (Oggetto del Regolamento, denominazione, sedi)

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata

Dettagli

FONDAZIONE INSIEME ALTOVI

FONDAZIONE INSIEME ALTOVI Art. 1 Denominazione STATUTO E costituita ai sensi del vigente codice civile una Fondazione di interesse collettivo, avente le caratteristiche di Organizzazione non lucrativa di utilità sociale onlus sotto

Dettagli

CONSIGLIO PROVINCIALE. Composizione

CONSIGLIO PROVINCIALE. Composizione Regolamento del Consiglio e della Presidenza Provinciale delle Acli milanesi che specifica il regolamento delle Acli lombarde in coerenza con le norme del Regolamento approvato dal Consiglio nazionale

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia

Fondazione Vodafone Italia TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo I Denominazione, sede e durata É costituita una Fondazione sotto la denominazione Fondazione Vodafone Italia La Fondazione ha sede legale a Milano, Via Lorenteggio,

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008)

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMM.NE N. 19/08 DEL 07/05/2008 STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) dell Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario del Piemonte TITOLO I NATURA E

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE. Art. 1 Costituzione Denominazione Sede. Art. 2 Durata. Art. 3 Scopi

STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE. Art. 1 Costituzione Denominazione Sede. Art. 2 Durata. Art. 3 Scopi STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE Art. 1 Costituzione Denominazione Sede Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli