Regioni, province e grandi comuni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regioni, province e grandi comuni"

Transcript

1 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n

2 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000

3 A cura di: Marco Marsili e Marco Battaglini Per chiarimenti sul contenuto della pubblicazione rivolgersi a: Istat Servizio Popolazione Istruzione e Cultura Tel Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n Istituto nazionale di statistica Via Cesare Balbo, 16 - Roma Coordinamento: Servizio produzione editoriale Via Tuscolana, Roma Realizzazione del volume in formato elettronico: Carlo Nappi Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazione della fonte

4 Indice PARTE PRIMA ANALISI DEI RISULTATI 1. Evoluzione della speranza di vita alla nascita.... Pag Caratteristiche per età della sopravvivenza Caratteristiche territoriali della sopravvivenza Glossario delle funzioni biometriche presenti nelle tavole statistiche PARTE SECONDA TAVOLE STATISTICHE Tavola 1 - Tavola di mortalità nazionale Tavola 2 - Tavole di mortalità per ripartizione geografica Tavola 3 - Tavole di mortalità per regione.. 34 Tavola 4 - Tavole di mortalità per provincia.. 70 Tavola 5 - Tavole di mortalità dei grandi comuni

5

6 Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, Province e Grandi Comuni - Anno Evoluzione della speranza di vita alla nascita La riduzione dei rischi di morte a tutte le età della vita è un processo che ha caratterizzato l Italia in tutto il secolo scorso, e che continua anche nei primi anni del nuovo millennio. Nel 2000 la speranza di vita alla nascita per un uomo è di 76,5 anni, mentre per una donna di 82,5 anni. A livello europeo l Italia ha una delle popolazioni più longeve. Aspettative di vita migliori si registrano solo in Svezia (77,4) e in Svizzera (76,9) limitatamente agli uomini, e in Francia (82,7) e in Svizzera (82,6) per quanto riguarda le donne. Analizzando l evoluzione dei livelli di sopravvivenza dai primi anni Settanta risultano evidenti i continui incrementi che hanno fatto sì che nel 2000 un neonato di sesso maschile possa contare su una speranza di vita superiore di circa sette anni rispetto ad un suo coetaneo del 1975, mentre per un neonato di sesso femminile il vantaggio è di 6,8 anni (Figura 1.1). Figura 1.1 Speranza di vita alla nascita 1975, 2000 e variazione per ripartizione geografica e sesso M aschi ,9 6,2 6,3 7,1 70 Anni N ord C en tro M ezzog iorn o Italia Femmine Anni ,9 5,6 6,9 6, Nord Centro Mezzogiorno Italia Analizzando il fenomeno a livello territoriale risulta che la ripartizione geografica che ha usufruito di un maggior guadagno in termini di sopravvivenza è quella del Nord con aspettative di vita che rispetto al 1975 aumentano di circa otto anni per gli uomini e di circa sette per le donne. Nel Centro e nel Mezzogiorno gli uomini hanno registrato incrementi di oltre un anno più bassi, rispettivamente 6,2 anni e 6,3 anni. Le donne, residenti nel Mezzogiorno, invece, presentano lo stesso incremento registrato nel Nord, circa sette anni, mentre le donne residenti nel Centro hanno avuto una variazione della speranza di vita alla nascita tra il 1975 ed il 2000 inferiore ai sei anni. Le differenze in termini di sopravvivenza tra le varie aree geografiche hanno subito una progressiva riduzione grazie ai maggiori guadagni conseguiti da quelle regioni che nei primi anni Settanta riscontravano valori della speranza di vita alla nascita più bassi. Per gli uomini nel 1975 la differenza che intercorreva tra la regione più longeva, la Calabria (71,6), e quella meno longeva, il Friuli-Venezia Giulia (67,5), era superiore ai quattro anni. Nel 2000 la stessa differenza, questa volta tra Umbria (77,8) e Campania (75), si è invece ridotta a meno di tre anni. 7

7 Discorso analogo per le donne. Nel 1975 le residenti nelle regioni con una maggior speranza di vita alla nascita, Umbria e Marche (77,5), potevano contare su un vantaggio maggiore di quattro anni rispetto alle residenti nella regione meno favorita, la Campania (73,2). Nel 2000 il campo di variazione si riduce a meno di tre anni, infatti una neonata residente nelle Marche può contare su una speranza di vita alla nascita di 83,6 anni contro una di 80,8 anni di una sua coetanea della Campania. La sopravvivenza è sempre più vantaggiosa per le donne in quanto sottoposte ad un eliminazione per morte inferiore a quella degli uomini in tutte le età della vita. La ricerca delle cause esplicative di questo fenomeno è da ricondurre nell ambito dell individuazione delle cause di morte che maggiormente contribuiscono al divario di sopravvivenza tra i sessi. Ad esempio, è nei confronti della mortalità per malattie cronico-degenerative (tumori e malattie cardiovascolari) e per cause accidentali che le donne risultano maggiormente protette rispetto agli uomini. Si tratta quasi sempre di cause di morte da ricondurre al ruolo particolarmente importante svolto dai comportamenti individuali e delle abitudini di vita ma, anche dalla diversa esposizione ai rischi connessi all attività lavorativa. Esistono profonde differenze tra donne e uomini per quanto riguarda l adesione a stili di vita salutari, come ad esempio il tabagismo e l abuso di alcool, ma ne esistono anche perché, ancora oggi, gli uomini sono portati ad occuparsi in mestieri relativamente più usuranti. Figura 1.2 Differenza tra la speranza di vita alla nascita maschile e femminile in Italia Anni ,0 6,8 Differenze in anni 6,6 6,4 6,2 6,0 5, Anni di calendario Il divario di genere ha tuttavia subito negli ultimi 25 anni un percorso non lineare (Figura 1.2). Negli anni Settanta esso è andato aumentando fino a sfiorare i sette anni di differenza nel Gli anni Ottanta invece sono caratterizzati da una differenza tra la speranza di vita alla nascita dei maschi e delle femmine in leggera diminuzione. Negli anni Novanta, dopo una breve parentesi di ricrescita dei differenziali di genere, culminata nel 1992 con un picco di 6,8 anni, ha inizio un sostanziale recupero da parte degli uomini che si protrae fino al 2000, anno nel quale il divario, sebbene ancora elevato, si riduce a soli sei anni. 2. Caratteristiche per età della sopravvivenza Osservando l andamento della mortalità negli ultimi 25 anni si rileva che i guadagni in termini di sopravvivenza sono risultati regolari nel tempo, interessando ogni età. Infatti, confrontando l andamento della mortalità del 1975 con quello del 2000, la probabilità di morire nel primo anno di vita si è abbattuta di ben cinque volte, scendendo dal 26,2 per mille al 5,2 per mille per un bambino, e dal 20,8 per mille al 4,5 per mille per una bambina (Figura 2.1). Proseguendo con l età, a 40 anni un uomo aveva una probabilità di morire del 2,4 per mille contro una pari a 1,5 per mille di oggi, una donna una probabilità di morire pari a 1,3 per mille contro una pari a 0,8 per mille. Ancora più importante, ai fini dell allungamento della durata media della vita, è stata la riduzione 8

8 che ha interessato principalmente le età anziane: ad esempio, a 65 anni la mortalità si è all incirca dimezzata, passando dal 28,7 per mille al 16,1 per mille per un uomo, e dal 13,6 per mille al 7,4 per mille per una donna. Figura 2.1 Curva delle probabilità di morte ( q ) in Italia Anni 1975 e 2000 x 1000 Maschi 1000 Femmine Probabilità di morte per , Probabilità di morte per , , Età 0, Età Questi semplici confronti aiutano, tuttavia, a comprendere le dimensioni di un fenomeno che, anno dopo anno, ha fatto sì che aumentasse il numero di individui cui è permesso di raggiungere le età più avanzate dell esistenza (Figura 2.2). È possibile valutare, nella misura dell 84 per cento e del 92 per cento, rispettivamente per uomini e donne, la quota di individui che oggi sono in grado di raggiungere i 65 anni di vita (nel 1975, 72 per cento e 84 per cento). Analogamente, ben il 30 per cento degli uomini e oltre il 50 per cento delle donne raggiunge oggi la significativa soglia degli 85 anni di vita (nel 1975, 14 per cento e 29 per cento). Alla luce di questi importanti cambiamenti che hanno caratterizzato l evoluzione della mortalità nel Paese è molto interessante - anche ai fini delle future prospettive - valutare in quali classi di età la riduzione dei rischi di morte abbia contribuito maggiormente all incremento della speranza di vita alla nascita (Prospetto 2.1) Figura 2.2 Curve di sopravvivenza ( l x ) in Italia Anni 1975 e Maschi 1 Femmine 0,9 0,9 Proporzione di sopravviventi 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0, Proporzione di sopravviventi 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0, ,1 0, Età Età 9

9 Da questo punto di vista, la riduzione consistente della mortalità infantile negli ultimi 25 anni ha contribuito alla dinamica della sopravvivenza nella misura di 1,5 anni in più per gli uomini e di 1,2 anni in più per le donne. Più modesto, e inferiore all anno, il contributo proveniente dalla riduzione della mortalità alle età comprese tra 1 e 44 anni di vita, in conseguenza dei già bassissimi livelli di mortalità precedentemente conseguiti. Al contrario, assai significativo è stato il contributo delle classi di età anziane. Dei 7,1 anni di aumento della speranza di vita alla nascita conseguiti negli ultimi venticinque dagli uomini, ben 2,7 anni, pari al 38 per cento del guadagno complessivo, sono stati dovuti alla riduzione della mortalità dopo i 65 anni di vita. Tra le donne, nella stessa fascia di età, è stato conseguito un contributo ancora maggiore, 3,8 anni di guadagno su complessivi 6,8 anni, pari al 56 per cento del totale. È stato nelle età adulte, tra i 45 e i 64 anni, che gli uomini (+2,1) hanno guadagnato più delle donne (+1,2). Questo fattore non va visto tuttavia sotto una luce negativa per le donne, semmai testimonia che per gli uomini ci sia stata nel periodo in esame la possibilità di conseguire ulteriori vantaggi, che per le seconde erano stati già parzialmente conseguiti prima del Appare, infatti, ormai abbastanza evidente che futuri incrementi della durata media della vita potranno conseguirsi soltanto a prezzo di un ulteriore riduzione della mortalità alle età anziane, tanto per gli uomini, dove esiste ancora ampio margine, che per le donne. A interessanti conclusioni si giunge introducendo anche la variabile territoriale nello studio della dinamica della speranza di vita alla nascita. Ad esempio, nonostante i profili per età dei guadagni appaiano piuttosto simili tra le tre ripartizioni geografiche, talune significative differenze possono essere colte distinguendo ciò che si è verificato nel Centro-nord da quanto è avvenuto nel Mezzogiorno. Nel Nord gli uomini hanno guadagnato 3,1 anni (39 per cento) dalla riduzione della mortalità dopo i 65 anni di vita, nel Centro un po meno, 2,6 anni, misura tuttavia percentualmente superiore (42 per cento). Per quanto riguarda le donne nella stessa fascia di età, i guadagni sono stati ancora più consistenti: quasi 4 anni per il Nord (57 per cento) e 3,4 anni per il Centro (59 per cento). Buono, ma inferiore a quello medio nazionale, il guadagno conseguito grazie alla riduzione della mortalità infantile sia nel Nord che nel Centro. Se si vanno a valutare gli analoghi profili per il Mezzogiorno si scopre che si vive più a lungo grazie ad una riduzione della mortalità infantile più elevata della media nazionale e che, soprattutto, i guadagni, pur positivi, conseguiti nelle età anziane - rispettivamente 2,2 anni e 3,4 anni per uomini e donne - incidono percentualmente meno sul guadagno complessivo (36 e 51 per cento). In sintesi, nel Centro-nord i guadagni assoluti e percentuali sono stati maggiori a quelli del Mezzogiorno per quanto riguarda le età anziane, minori per la mortalità nel primo anno di vita. Anche il Mezzogiorno, pertanto, sembra avere avviato un percorso positivo che, tuttavia, è partito in modo posticipato rispetto a quello avviato dal Centro-nord. Diventa quindi interessante domandarsi se quello che si è verificato in questi anni possa ripetersi nei prossimi, sull onda di comportamenti imitativi da parte dei soggetti più svantaggiati - gli uomini - dal punto di vista del genere, e le zone del Mezzogiorno sotto il profilo del contesto territoriale. Prospetto 2.1 Contributi in anni alla dinamica della speranza di vita alla nascita per classi di età - Confronto Italia sesso e ripartizione geografica CLASSI DI ETÀ Contributo assoluto Maschi Femmine Maschi Femmine Contributo percentuale Contributo assoluto Contributo percentuale Contributo assoluto Contributo percentuale Contributo assoluto Contributo percentuale ITALIA NORD 0 1,5 21 1,2 18 1,3 17 1, ,4 6 0,3 4 0,4 5 0, ,4 5 0,3 5 0,5 6 0, ,1 30 1,2 17 2,6 33 1, ,4 34 3,0 44 2,8 35 3, ,3 4 0,8 12 0,3 4 0,9 13 Totale 7, , , ,9 100 CENTRO MEZZOGIORNO 0 1,2 20 0,9 17 1,8 28 1, ,3 5 0,2 4 0,5 8 0, ,3 4 0,2 4 0,3 4 0, ,8 29 0,9 16 1,5 24 1, ,3 37 2,6 46 1,9 32 2, ,3 5 0,8 13 0,3 4 0,7 10 Totale 6, , , ,

10 3. Caratteristiche territoriali della sopravvivenza Il dato nazionale racchiude in sé la sintesi di una realtà piuttosto eterogenea a livello territoriale. Come anticipato nei precedenti paragrafi emergono sostanziali differenze territoriali già a livello di grandi ripartizioni geografiche. Per quanto riguarda gli uomini sono ben otto le regioni dove nel 2000 è stata superata la soglia dei 77 anni di vita media (Prospetto 3.1). Di queste, le prime tre si trovano nel Centro (Umbria, Marche e Toscana), le successive quattro nel Mezzogiorno (Abruzzo-Molise, Basilicata, Calabria e Puglia), mentre soltanto una, l Emilia-Romagna, è una regione settentrionale. Il Nord, in particolare, è caratterizzato da due realtà abbastanza differenti che contraddistinguono il Nord-est dal Nord-ovest: le regioni occidentali del triangolo Piemonte (76,3), Liguria (76,4), Lombardia (76,2) presentano valori di sopravvivenza più bassi di quelli delle regioni orientali del Veneto (76,7) e del Trentino-Alto Adige (76,9) oltre che della già citata Emilia-Romagna. Da questo quadro emerso negli ultimi anni non fa eccezione il Friuli-Venezia Giulia dove, a fronte di una speranza di vita alla nascita di 76,3 anni, si è registrato nell ultimo triennio il più forte incremento pari a 1,3 anni in più. Per le donne la situazione è parzialmente differente. Nelle prime sette regioni ad aver oltrepassato nel 2000 la soglia degli 83 anni di vita media ve ne figurano tre del Centro (Marche, Umbria e Toscana), tre del Nord-est (Trentino-Alto Adige, Veneto ed Emilia-Romagna) e soltanto una del Mezzogiorno (Sardegna). Le altre regioni meridionali, ad eccezione dell Abruzzo-Molise (82,8), presentano livelli generali di sopravvivenza inferiori alla media nazionale (82,5), con situazioni meno favorevoli soprattutto in Campania (80,8) e Sicilia (81,3). Prospetto 3.1 Speranza di vita alla nascita per sesso e ripartizione geografica Anni REGIONI Maschi Femmine Piemonte-Valle d'aosta 75,3 75,6 76,3 81,8 81,8 82,3 Lombardia 75,0 75,6 76,2 81,8 82,4 82,8 Trentino-Alto Adige 75,7 76,2 76,9 82,7 83,2 83,4 Bolzano-Bozen 75,9 76,4 76,8 82,7 82,8 83,2 Trento 75,5 76,1 76,9 82,8 83,6 83,7 Veneto 75,6 76,0 76,7 82,7 82,9 83,3 Friuli-Venezia Giulia 75,0 75,4 76,3 81,9 82,3 82,6 Liguria 75,6 75,9 76,4 81,9 82,2 82,6 Emilia-Romagna 76,0 76,6 77,0 82,3 82,7 83,2 Toscana 76,5 76,9 77,3 82,4 82,6 83,0 Umbria 76,5 76,9 77,8 82,1 82,8 83,1 Marche 76,6 77,3 77,7 82,6 83,2 83,6 Lazio 75,4 75,7 76,6 81,6 82,0 82,4 Abruzzo-Molise 76,6 76,7 77,2 82,2 82,6 82,8 Campania 74,3 74,7 75,0 80,3 80,8 80,8 Puglia 76,0 76,6 77,0 81,5 82,0 82,2 Basilicata 76,0 76,9 77,2 81,7 81,7 82,2 Calabria 76,1 76,6 77,1 81,5 81,9 82,1 Sicilia 75,6 75,8 76,2 80,5 80,9 81,3 Sardegna 75,2 75,8 76,3 81,8 82,2 83,0 ITALIA 75,5 76,0 76,5 81,8 82,1 82,5 Nord 75,4 75,9 76,5 82,1 82,5 82,9 Nord-ovest 75,2 75,6 76,3 81,9 82,2 82,7 Nord-est 75,7 76,2 76,8 82,5 82,8 83,2 Centro 76,0 76,4 77,1 82,1 82,5 82,8 Mezzogiorno 75,4 75,9 76,3 81,0 81,4 81,7 Sud 75,4 75,9 76,3 81,1 81,6 81,7 Isole 75,4 75,7 76,2 80,8 81,2 81,7 11

11 A livello sub-regionale, aumentando così il dettaglio territoriale, aumenta il grado di eterogeneità per la compresenza di livelli di mortalità molto differenziati da provincia a provincia. Si presentano diversi casi in cui province appartenenti alla stessa regione hanno livelli di mortalità differenti: ad esempio nel Friuli-Venezia Giulia le donne possono contare su livelli di vita media differenti a seconda che risiedano nella provincia di Trieste (81,1) o di Pordenone (83,7). Discorso analogo per gli uomini residenti in Lombardia dove la speranza di vita alla nascita a Lodi (74,1), la più bassa nel Paese, è inferiore di oltre due anni e mezzo rispetto a quella di Varese (76,8). Aldilà di queste situazioni limite, dipendenti dal diverso contesto epidemiologico e ambientale nel quale risiedono gli individui, la rappresentazione cartografica della speranza di vita alla nascita nelle province consente una generale quanto immediata visione delle aree più o meno favorevoli per la sopravvivenza. Anche in questo caso, dal momento che non sempre esiste un legame univoco tra condizioni di sopravvivenza, genere e territorio è opportuno distinguere l analisi per gli uomini da quella relativa alle donne. Tra gli uomini sono sei le province che nel 2000 hanno raggiunto un livello di vita media superiore ai 78 anni. In testa alle province che hanno superato questo ragguardevole traguardo ci sono Macerata e Rimini (78,2), seguite da Firenze e Prato (78,1), quindi da Perugia, Ascoli Piceno e Siena (78). A seguire vi sono perlopiù province ancora del Centro, come Ancona (77,8), Arezzo e Pisa (77,6), o del Nord-est soprattutto dell Emilia-Romagna tra le quali è possibile menzionare Forlì-Cesena (77,6), Ravenna (77,4), Modena (77,3) Reggio nell Emilia e Padova (77,2). Anche in alcune aree del Mezzogiorno gli uomini possono contare su una longevità ottimale: tra queste in particolar modo le piccole realtà delle province di Chieti (77,7), Vibo Valentia (77,6), e Matera (77,4) ma anche due realtà dall importante dimensione demografica come le province di Bari e Cosenza (77,3). Guardando, viceversa, alla coda della distribuzione provinciale secondo il livello di sopravvivenza degli uomini, si riscontrano solo quattro province nelle quali non si raggiungono i 75 anni di vita media, e precisamente Aosta e Lodi (74,1), Napoli (74,2) e, un pò staccata, Caserta (74,6). Oltre a queste due ultime province, nel Mezzogiorno la durata media della vita è meno favorevole nelle province siciliane di Caltanissetta (75,3), Palermo (75,7) e Siracusa (75,8). Tuttavia, a parte questi ultimi casi, anche su base provinciale è ben visibile il gradiente tra Nord e Mezzogiorno, mediamente meno favorevole al primo. Con diversi decimi di punto sotto la media nazionale si ritrovano molte province del Nord-ovest, in particolar modo piemontesi Vercelli (75,1), Biella (75,2), Verbano-Cusio-Ossola (75,6) e lombarde Sondrio (75,1), Pavia (75,2), Bergamo e Cremona (75,5). Assolutamente marginale, infine, la presenza di province del Nord-est con mortalità relativamente più alta rispetto alla media, a parte Belluno (75,1), Gorizia (75,5) e Rovigo (75,7), e praticamente assenti le province del Centro nella coda della graduatoria, a parte Latina (75,8). Se per gli uomini le differenze territoriali possono essere sinteticamente ordinate attraverso l individuazione di un doppio asse che contrappone Centro/Nord-est da un lato e Mezzogiorno/Nord-ovest dall altro, la geografia della mortalità femminile si presenta leggermente diversa, con un asse Nord-est/Centro contrapposto a quello Nord-ovest/Mezzogiorno. Si conferma, infatti, che come per gli uomini le ripartizioni del Centro e del Nord-est, salvo qualche eccezione, appaiono decisamente più favorevoli per la sopravvivenza rispetto a quelle del Nordovest e del Mezzogiorno. Tra queste ultime due, tuttavia, diversamente da quanto si verifica per gli uomini, le donne che mediamente possono avvalersi di una maggiore longevità sono quelle residenti nell area nordoccidentale. Nel 2000 l area del Paese nella quale si è riscontrata la massima durata media della vita per le donne, avvicinando la soglia degli 84 anni, è stata la provincia di Ancona (83,9), seguita da quelle di Forlì-Cesena e Reggio nell Emilia (83,8). A seguire sono molte le province del Nord-est con livelli di speranza di vita alla nascita abbondantemente superiori agli 83 anni: Pordenone, Trento e Modena (83,7); Rimini, Parma e Verona (83,6), Treviso e Vicenza (83,5). Per le province del Centro, oltre alla già citata Ancona, vanno menzionate prevalentemente province toscane e marchigiane, tra cui Siena (83,7), Macerata (83,6), Ascoli Piceno e Firenze (83,5). La provincia del Mezzogiorno più favorevole alle donne è Oristano (83,6), seguita da Teramo (83,3), mentre per il Nord-ovest è Varese (83,4). Andando a esaminare cosa accade nella coda della distribuzione, sono quattro le aree del Paese dove le donne non raggiungono gli 81 anni di vita media, tutte situate nel Mezzogiorno: Napoli (80,1), Caltanissetta (80,4), Caserta (80,6) e Palermo (80,8). Tra gli 81 e gli 82 anni di vita media si hanno in prevalenza ancora province del Mezzogiorno, perlopiù siciliane - Catania, Enna, Siracusa, Ragusa e Agrigento mentre tra le province meno favorevoli ci sono anche Crotone, Matera, Salerno, Foggia e Taranto. Come si è già detto, le province nord-occidentali vantano tra le donne un profilo di sopravvivenza migliore di quelle meridionali. 12

12 Situazioni, tuttavia, meno favorevoli non mancano anche nel Nord-ovest; in particolare quella di Lodi in Lombardia (81,2), quelle di Alessandria (81,6), Biella (81,8) e Cuneo (82) in Piemonte. Per quanto riguarda la ripartizione del Nord-est, omogeneamente posizionata su livelli di sopravvivenza femminile molto elevati, costituiscono delle eccezioni la provincia di Ferrara (81,9) e, soprattutto, quella di Trieste (81,1). Lo stesso dicasi per il Centro, dove le province meno favorevoli per le donne sono quelle di Rieti e Roma (82,2), a pochi decimi di punto dalla media nazionale. In conclusione, dal quadro descritto emergono situazioni abbastanza differenti dal punto di vista del contesto territoriale. D altra parte se ad oggi tali differenze ancora permangono, non va tuttavia dimenticato, come già si è ricordato nell introduzione, che il nostro Paese può vantare al pari di pochissimi altri paesi una situazione di eccellenza a livello europeo. Anche nelle situazioni locali apparentemente di minor vantaggio per la durata della vita, le condizioni di sopravvivenza sono prossime, e a volte persino migliori, di quelle che si riscontrano mediamente in importanti paesi occidentali come il Regno Unito, i Paesi Bassi, la Finlandia, l Irlanda, il Portogallo o la Grecia. Per quanto riguarda l Italia, negli ultimi trenta anni si è assistito ad una progressiva riduzione dei differenziali di sopravvivenza che ha accompagnato un processo di crescita generalizzato in termini di anni di vita guadagnati, ma che è stato più accentuato per le province un tempo meno avvantaggiate. È il caso, ad esempio, più volte citato, delle province nord-orientali. Ragionare in termini di diversità quindi, aldilà del mero esercizio classificatorio, è di ausilio alla comprensione degli aspetti che interessano i legami esistenti tra la sopravvivenza degli individui e alcuni fattori di rischio derivanti da particolari condizioni ambientali presenti sul territorio. 4. Glossario delle funzioni biometriche presenti nelle tavole statistiche 1 Probabilità di morte (q x ) Esprime il rischio che una persona di età x muoia prima del compimento del compleanno x+1. Se si tratta di un probabilità quinquennale ( 5 q x ) esprime il rischio che una persona di età x muoia prima del compimento del compleanno x+5. Sopravviventi (l x ) Sono coloro che, provenienti dalla generazione iniziale fittizia di nati, sopravvivono ai vari compleanni. I sopravviventi sono legati alle probabilità di morte dalla seguente relazione: l x+ 1 = l x ( 1 q ) x Decessi (d x ) Sono coloro che muoiono tra il compleanno x e il compleanno x+1; pertanto d x = l x q x il valore riepilogativo quinquennale 5 d x= d x + d x d x+ 4 1 Si veda anche: La Tavola di mortalità, in Livi Bacci M., 1999; Introduzione alla demografia, Loescher editore, Torino, cap. 6, pagg Per informazioni generali che riguardano la metodologia alla base del calcolo delle tavole di mortalità presenti in questo volume si rimanda a Istat, Tavole di mortalità della popolazione italiana per provincia e regione di residenza Anno 1998, Informazioni n.19, 2002, Roma. 13

13 esprime il numero di decessi tra le età precise x e x+5. Anni vissuti (L x ) Numero di individui in età x (in anni compiuti); esprime anche il numero di individui della ipotetica popolazione "stazionaria" associata alla tavola di mortalità; per tutte le età superiori o uguali a un anno la sua espressione è data da 1 L x = ( l x + l x+ 1 ) 2 in corrispondenza dell'età zero si utilizza invece l'espressione ( 1 h) l0 1 L 0 = + hl nella quale il coefficiente h rappresenta l'aliquota dei decessi nei primi sei mesi di vita rispetto al totale dei decessi nel primo anno il valore riepilogativo 5 L x Lx + Lx Lx+ 4 =... rappresenta l'ammontare della classe di età x, x+4 della popolazione stazionaria. Speranza di vita (e x ) Rappresenta il numero medio di anni che restano da vivere ai sopravviventi all'età x; la sua espressione è data da Lx + Lx Lω 1 e x = l x dove il simbolo ω sta a rappresentare l'ultima età considerata, e cioè 125 anni. Probabilità prospettiva di sopravvivenza (P x ) È la probabilità che un individuo di età x (in anni compiuti alla data del 1 gennaio dell anno), appartenente alla popolazione stazionaria associata, sopravviva un anno; pertanto P x L = L x+ 1 x la probabilità prospettiva di sopravvivenza quinquennale è invece data da 5 P x = 5 L 5 x+ 5 L x ed esprime la probabilità che un individuo appartenente alla classe di età x, x+4 sopravviva cinque anni. 14

14 TA Da 77,21 a 78,19 da 76,79 a 77,20 da 76,36 a 76,78 da 76,00 a 76,35 da 74,11 a 75,84 Figura n. 1 - Speranza di vita alla nascita per provincia - Maschi

15 TA Da 83,33 a 83,86 da 82,85 a 83,29 da 82,38 a 82,80 da 82,10 a 82,36 da 80,13 a 81,98 Figura n. 2 - Speranza di vita alla nascita per provincia - Femmine

16 TAVOLE STATISTICHE

17 Tavola 1 - Tavola di mortalità nazionale - Maschi , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Roma, 13 gennaio 2016 SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Dal 2004 al 2012 Toscana e provincia di Firenze al top in Italia per qualità delle istituzioni La SVIMEZ: riforma PA

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI REGIONE ABRUZZO Abruzzo SI SI NO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI SI NO SI Teramo SI SI DATI MARZO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI PARZIALI NO

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni A partire dal referendum istituzionale e dall elezione per l Assemblea costituente del 2 giugno 1946, l Istat, in collaborazione con il Ministero dell interno, ha curato

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 19/01/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 19/01/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 19/01/2015 Andamento del made in Italy nei settori di micro e piccola impresa nei primi 9 mesi del 2014 Nei settori di MPI presenti 243mila imprese artigiane

Dettagli

PREVENZIONE E SOCCORSO

PREVENZIONE E SOCCORSO ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 215 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica Cod. ISTAT INT 12 Settore di interesse: AMBIENTE E TERRITORIO Titolare ATTIVITÀ DI SOCCORSO

Dettagli

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva. Roma, Giugno 2014

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva. Roma, Giugno 2014 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva Premessa Roma, Giugno 2014 Gli asili nido comunali rappresentano un servizio rivolto alla prima infanzia (0-3

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO:

INFORTUNI SUL LAVORO: INFORTUNI SUL LAVORO: PEGGIO DELLA GUERRA UNA MAPPATURA DEL FENOMENO REALIZZATA DALL EURISPES CON IL PATROCINIO DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI 1 TABELLA1

Dettagli

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati.

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati. PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 2013 Tutti i diritti riservati. i valori scendono in campo È un percorso formativo che unisce e valorizza tante e differenziate attività. Un

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva 1. Roma, Settembre 2011

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva 1. Roma, Settembre 2011 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva 1 1. Premessa Roma, Settembre 2011 Gli asili nido comunali rivestono ormai grande interesse pubblico in quanto

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F.

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA Ufficio Scolastico Regionale di OGGETTO: Domanda

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 A giugno 2011 in Italia 37.787 gelaterie artigiane, che danno lavoro a 87.992 addetti. Nell'artigianato 6 assunzioni di gelatai su 10 sono di

Dettagli

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Università degli Studi G. d Annunzio Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Elaborazioni su dati di fonte

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LE CAMERE DI COMMERCIO ANNO Imprese, nel la torna ai livelli del 2007 (+0,75%) 45mila le imprese

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a .0 c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, occupazione: nel 2009 più opportunità per laureati e diplomati Laureati in Economia e ragionieri, pur calando di numero, mantengono la prima posizione nella

Dettagli

Ciascun Ufficio Provinciale riceverà copia degli esiti della citata indagine, che sarà utile ai fini della scelta del progetto da realizzare.

Ciascun Ufficio Provinciale riceverà copia degli esiti della citata indagine, che sarà utile ai fini della scelta del progetto da realizzare. In data 18 maggio 2009 l Amministrazione e le Organizzazioni Sindacali Nazionali Rappresentative, al termine di una apposita sessione negoziale convengono su quanto segue: Al fine di potenziare e di incrementare

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia CLASSIFICA CAPOLUOGHI ECOSISTEMA URBANO XXI edizione Dei 26 parametri Ecosistema da quest anno ne prende in considerazione 18. Il set di indicatori è composto ora da tre indici sulla qualità dell aria

Dettagli

La Crisi della Ristorazione

La Crisi della Ristorazione La Crisi della Ristorazione Ufficio studi 1 L IMPATTO DELLA CRISI SULLA RISTORAZIONE IN ITALIA I sumi delle famiglie nella ristorazione La spesa delle famiglie in servizi di ristorazione è stata nel 2011

Dettagli

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. Report Sociale. dell Associazione Nazionale ciofs-fp

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. Report Sociale. dell Associazione Nazionale ciofs-fp Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale Report Sociale dell Associazione Nazionale ciofs-fp EDIZIONE 213 1 CIOFS-FP UNA STORIA CHE HA DEI NUMERI Attualmente il CIOFS-FP è presente

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento Allegato 1 Data limite entro cui la Provincia, in assenza del Comune capoluogo di provincia, convoca i Comuni dell ambito per la scelta della stazione appaltante e da cui decorre il tempo per un eventuale

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

Component IRAP Centro di costo e netta (8,50% di I) IRPEF

Component IRAP Centro di costo e netta (8,50% di I) IRPEF IRPEF Component IRAP Centro di costo e netta (8,50% di I) Soprintendenza al Museo Nazionale Preistorico Etnografico "L. Pigorini" 9.875,58 26.700,63 3.422,10 Museo Nazionale d'arte Orientale 10.523,16

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010 Estratto dal Rapporto annuale sull economia dell immigrazione, edizione 2011 edito da Il Mulino Introduzione

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DEL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE CIVILE E PER LE RISORSE STRUMENTALI E FINANZIARIE DIREZIONE CENTRALE PER LA DOCUMENTAZIONE E LA STATISTICA TOSSICODIPENDENTI

Dettagli

ABRUZZO. Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila

ABRUZZO. Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila ABRUZZO Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila 2 Soprintendenza unica Archeologia, belle arti e paesaggio per la città

Dettagli