* * * * * Dottori commercialisti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "* * * * * Dottori commercialisti"

Transcript

1 Riaperta la RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI E TERRENI * * * * * Art. 7, co. 1, lett. t) e co. 2, lett. dd) gg), D.L. n. 70 del 13/05/2011 (Decreto sviluppo) SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti

2 Nuova opportunità per l affrancamento di valore L art. 7, co. 1, lett. t), e co. 2, lett. dd) gg), D.L. n. 70 del 13/05/2011 (Decreto sviluppo) ha riaperto il termine per effettuare la rideterminazione del valore d acquisto di: redazione ed asseveramento PERIZIA DI STIMA TERRENI e PARTECIPAZIONI posseduti alla data del 1 luglio 2011 Entro il 30/06/2012 Si tratta di una nuova rivalutazione pur nella costanza delle regole (stabilite sin dagli artt. 5 e 7 della Legge n. 448/2001) e dei chiarimenti interpretativi che si sono da allora stratificati MA che risolve buona parte dei motivi di contenzioso più frequenti in questi anni versamento IMPOSTA SOSTITUTIVA (1 a o unica rata) 2

3 Superato il solve et repete La norma contenuta nel D.L. sviluppo stabilisce espressamente che se il contribuente ha già effettuato una precedente rideterminazione del valore dei medesimi beni, può detrarre dall imposta sostitutiva dovuta per la nuova rivalutazione l importo relativo all imposta sostitutiva già versata (anche nel 2002) Si verserà la sostitutiva solo sul maggior valore maturato rispetto alla precedente perizia, senza più esborsi finanziari indebiti e istanze di rimborso Si supera così il meccanismo di solve et repete (introdotto dalla prassi, Circolare n. 27/E/2003 e successive) in base al quale ad ogni nuovo affrancamento di valore occorreva versare l integrale imposta sostitutiva, salvo poi richiedere a rimborso, ai sensi dell art. 38 D.P.R. n. 602/73, quella versata in precedenza e duplicata 3

4 Rimborso in luogo della compensazione La nuova disposizione prevede, comunque, in luogo della compensazione, la POSSIBILITÀ di ottenere il rimborso della sostitutiva, nei limiti di quella pagata per il secondo affrancamento Si tratta di: una disposizione di chiusura del sistema, rivolta a chi per errore versa integralmente sulla base delle vecchie regole oppure attiene all ipotesi in cui la seconda perizia riporti un valore inferiore alla precedente (Risoluzione n. 111/E/2010) 4

5 Fugati i dubbi sulla decorrenza del termine di 48 mesi per il rimborso La nuova disposizione prevede, altresì, che il termine di 48 mesi per l istanza di rimborso decorra: DAL PRIMO O UNICO VERSAMENTO EFFETTUATO IN OCCASIONE DELL AFFRANCAMENTO PIÙ RECENTE concedendo UN ANNO DI TEMPO ANCHE A CHI ERA GIÀ DECADUTO DAL DIRITTO 5

6 Riferimento normativo Artt. 5 e 7 Legge n. 448/2001 e art. 4, co. 3, D.L. n. 209/2002 Art. 2, co. 2, D.L. n. 282/2002 e art. 39, co. 14 undecies, D.L. n. 269/2003 Data possesso 01/01/ /01/2003 Sintesi delle precedenti rivalutazioni Versamento in unica soluzione o 1 rata 30/09/2002 prorogato prima al 30/11/2002 (art. 4, co. 3, D.L. n. 209/2002) e poi al 16/12/2002 (L. n. 265/2002) 16/05/2003 prorogato al 16/03/2004 (art. 39, co. 14 undecies, D.L. n. 269/2003) 2 rata (+ interessi al 3%) 3 rata (+ interessi al 3%) 16/12/ /12/ /03/ /03/2006 Codice tributo partec terreni 1809 partec terreni 8052 Chiarimenti Agenzia delle Entrate CC.MM.: 30/01/2002 n.9/e, 31/01/2002 n. 12/E, 01/02/2002 n. 15/E, 05/06/2002 n. 47/E, 20/06/2002 n. 55/E, 06/11/2002 n. 81/E RR.MM.: 31/01/2002 n. 31/E, 26/11/2002 n. 372/E C.M. 09/05/2003 n. 27/E RR.MM.: 27/02/2003 n. 48/E, 27/06/2003 n. 141/E 6

7 Riferimento normativo Art. 6 bis, D.L. n. 355/2003 e Art. 1, co. 376, L. n. 311/2004 Art. 11 quaterdecies, co. 4, D.L. n. 203/2005 Art. 1, co. 91, Legge n. 244/07 Art. 2, co. 229, Legge n. 191 del 23/12/2009 Data possesso 01/07/2003 Sintesi delle precedenti rivalutazioni (segue) Versamento in unica soluzione o 1 rata 30/09/2004 prorogato al 30/06/2005 (art. 1, co. 376, L. n. 311/2004) 2 rata (+ interessi al 3%) 3 rata (+ interessi al 3%) 30/06/ /06/ /01/ /06/ /06/ /06/ /01/ /06/2008 prorogato al 31/10/2008 (art. 4, co. 9 ter, D.L. n. 97/2008 ) 31/10/ /10/ /01/ /10/ /10/ /10/2012 Codice tributo partec terreni 8054 partec terreni 8056 partec terreni 8056 partec terreni 8056 Chiarimenti Agenzia delle Entrate CC.MM.: 04/08/2004 n.35/e, 22/04/2005 n. 16/E R.M. 15/09/2004 n. 119/E CC.MM.: 13/02/2006 n. 6/E, 13/03/2006 n. 10/E R.M. 25/05/2006 n. 75/E C.M. 19/02/2008 n. 12/E RR.MM.: 10/04/2008 n. 144/E, 17/04/2008 n. 158/E, 10/06/2008 n. 236/E, 01/08/2008 n. 332/E 01/08/2008 n. 333/E, 29/09/2008 n. 362/E R.M. 22/10/2010 n. 111/E 7

8 Ambito soggettivo La rivalutazione può essere effettuata dai soggetti che possiedono partecipazioni e terreni al di fuori del regime di impresa, vale a dire contribuenti che effettuano operazioni suscettibili di generare redditi diversi di cui all art. 67 Tuir. Si tratta, in particolare, dei seguenti soggetti (cfr. anche Circolare Assonime n. 39/2002): le PERSONE FISICHE le SOCIETÀ SEMPLICI e SOCIETÀ ed ASSOCIAZIONI ad esse equiparate gli ENTI NON COMMERCIALI per le operazioni estranee all esercizio di attività d impresa ad es. società di fatto che non abbiano per oggetto l esercizio di attività commerciali per le operazioni per le operazioni realizzate al di fuori dell attività commerciale eventualmente esercitata 8

9 Ambito soggettivo eredi e donatari CC. MM. n. 12/E/2002 e n. 27/E/2003 Non possono rivalutare gli eredi e donatari che acquisiscono la partecipazione o il terreno dopo l 01/07/2011 in quanto a tale data non erano in possesso della partecipazione o del terreno Eccezione per le partecipazioni Possono rivalutare gli eredi che hanno ricevuto la partecipazione in successione dopo l 01/07/2011 nella particolare ipotesi in cui il de cuius avesse conferito prima del decesso un mandato a un professionista per la redazione della perizia di stima 9

10 Ambito soggettivo usufrutto Terreni gravati da usufrutto Il valore dell usufrutto può essere determinato nella perizia di stima secondo le disposizioni dell art. 48, DPR n. 131/86 in materia di imposta di registro Circ. Min. n. 81/E/2002 La rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni può riguardare sia il nudo proprietario, sia l usufruttuario In caso di decesso dell usufruttuario il consolidamento dell usufrutto in capo al nudo proprietario non retroagisce alla data di acquisizione della nuda proprietà e quindi la rivalutazione ha effetto solo con riferimento alla nuda proprietà (vano l affrancamento effettuato dall usufruttuario) Circ. Min. n. 27/E/2003 Usufrutto di partecipazioni Al fine di determinare il valore delle partecipazioni su cui esiste un diritto di usufrutto si può fare riferimento a quanto indicato nella C.M. 10/05/1985, n. 16 Circ. Min. n. 27/E/

11 Ambito soggettivo soggetti non residenti Circ. Min. n. 12/E/2002 Non possono rivalutare (né avrebbero convenienza a farlo) i soggetti non residenti per i quali le plusvalenze non sono imponibili in Italia per effetto delle previsioni contenute nelle convenzioni contro le doppie imposizioni Occorre che la plusvalenza sia imponibile in Italia cfr. art. 23 Tuir e convenzioni contro le doppie imposizioni 11

12 Ambito oggettivo QUALIFICATE Art. 67, co. 1, lett. c), Tuir partecipazione al capitale o al patrimonio > 25% oppure diritti di voto in assemblea ordinaria > 20% Come in passato, possono essere oggetto di rivalutazione: le PARTECIPAZIONI (art. 5, L. n. 448/01) non negoziate in mercati regolamentati NON QUALIFICATE Anche gravati da diritti reali (Circ. Min. n. 55/E/2002) Art. 67, co. 1, lett. c bis), Tuir partecipazione al capitale o al patrimonio 25% oppure diritti di voto in assemblea ordinaria 20% EDIFICABILI art. 36, co. 2, D.L. n. 223/2006 i TERRENI (art. 7, L. n. 448/01) ossia aree suscettibili di qualunque tipo d utilizzazione edificatoria (residenziale, commerciale, industriale o artigianale), e terreni lottizzati o sui quali sono state costruite opere per renderli edificabili con DESTINAZIONE AGRICOLA ossia aree classificate come agricole 12

13 Effetti della rivalutazione Ai fini della determinazione della plusvalenza, una volta effettuata la rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni, in base al loro valore al 01/07/2011, sarà possibile assumere tale ultimo valore in luogo del costo di acquisto COSTO D ACQUISTO può essere sostituito con ex art. 67 co. 1, lett. c) e c bis), Tuir per le partecipazioni ex art. 67, co. 1, lett. a) e b), Tuir per i terreni VALORE DI PERIZIA al 01/07/

14 Rivalutazione beni in seguito caduti in successione PARTECIPAZIONI Circ. Min. n. 12/E/2008 La successione, contrariamente a quanto avviene in sede di donazione, rende vano l affrancamento operato dal de cuius in quanto gli eredi assumono quale costo fiscalmente riconosciuto della partecipazione ereditata il, VALORE DEFINITO O DICHIARATO AI FINI DELL IMPOSTA DI SUCCESSIONE, determinato sulla base del patrimonio netto contabile della società partecipata, senza considerare plusvalenze latenti sui beni aziendali e avviamento (art. 16 del D.Lgs. n. 346/90). Il valore normale a tale data è riservato ai soli titoli esenti da imposta Esempio Per il periodo in cui le partecipazioni non si dichiaravano in successione cfr. Circ. Min. n. 91/E/2001 Partecipazione dal valore contabile all atto della successione di 100, acquisita per 150 dal de cuius che ha effettuato successivamente un affrancamento a 300 prima del decesso il valore fiscalmente riconosciuto in capo agli eredi è quello da dichiarare in successione, ossia, obbligatoriamente, 100, vanificando la rivalutazione effettuata dal congiunto e anche una parte del costo di acquisto da lui sostenuto (cfr. anche Ris. Min. n. 158/E/2008) 14

15 Rivalutazione beni in seguito caduti in successione TERRENI La vanificazione dell intervenuto affrancamento operato dal soggetto deceduto si manifesta anche in presenza di terreni edificabili, in quanto, anche in questo caso, gli eredi sono vincolati ad assumere come costo fiscalmente riconosciuto ai fini IRPEF il valore dichiarato in successione (art. 68, co. 2, Tuir), ma quest ultimo, almeno, corrisponde con il VALORE VENALE (art. 14 D.Lgs. n. 346/90) Esempio Terreno acquistato per 100 dal de cuius che ha effettuato successivamente un affrancamento a 180 prima del decesso; valore dichiarato in successione 200 gli eredi acquisiscono come costo fiscalmente riconosciuto 200 Analogamente accade per la donazione di terreni edificabili, mentre per la donazione di terreni agricoli si veda il nuovo testo dell art. 68, co. 1, Tuir, dopo la modifica di cui all art. 37, co. 39, D.L. n. 223/

16 Rivalutazione beni in seguito caduti in successione Rimborso imposta sostitutiva inutilmente versata dal de cuius E dibattuto in giurisprudenza con esiti alterni: Favorevoli al contribuente CTP Forlì sent. 26/11/2007 n. 175 CTP Napoli sent. 09/03/2006 n. 29 Contrari al contribuente CTR E/R sent. 16/03/2009 n. 34 CTP Torino sent. 01/06/2006 n. 34 Analogamente dibattuta è la possibilità di cessare i versamenti iniziati prima della morte del proprietario che ha rivalutato 16

17 Perizia di stima ESTESO A La perizia giurata di stima, che determina il valore che costituisce base imponibile per l applicazione dell imposta sostitutiva, deve essere redatta e giurata entro il 30/06/2012 (che è la scadenza anche per il versamento dell imposta sostitutiva) unicamente da soggetti aventi specifiche competenze, la cui specializzazione sia comprovata dall iscrizione in uno dei seguenti Albi (Circ. n. 15/E/2002): per le PARTECIPAZIONI Dottori commercialisti ed esperti contabili Revisori contabili Periti iscritti alla CCIAA ai sensi del RD n. 2011/34 (art. 1, co. 428, L. n. 311/2004) vale anche per i terreni (Circ. n. 16/E/2005) Ingegneri Geometri Agrotecnici per i TERRENI Architetti Dottori agronomi Periti agrari Periti industriali ed edili 17

18 Costo della perizia di stima PARTECIPAZIONI La perizia di stima può essere predisposta alternativamente: per conto della società ed essere utilizzata dai soci che intendono rivalutare il costo della stessa è deducibile dal reddito della società nell esercizio in cui è sostenuta e nei 4 successivi su incarico di ciascun socio la spesa sostenuta aumenta il costo rivalutato della partecipazione cfr. Circ. Min. n. 12/E/2002 per i TERRENI Il costo sostenuto aumenta il valore iniziale da assumere ai fini del calcolo della plusvalenza cfr. Circ. Min. n. 12/E/2002 E possibile rivalutare con gli indici ISTAT il valore di perizia ed il costo sostenuto per la stessa Circ. Min. n. 06/E/2006 risposta n

19 Costo della rivalutazione La rivalutazione comporta il pagamento di un imposta sostitutiva calcolata sul valore del terreno o della partecipazione così come risulta dalla perizia di stima nelle seguenti misure: 2% 4% per partecipazioni non qualificate per terreni e partecipazioni qualificate Per individuare l aliquota dell imposta sostitutiva applicabile al valore della partecipazione è necessario verificare se essa è qualificata o non qualificata alla data del 01/07/2011. Non si tiene invece conto delle cessioni intervenute nei 12 mesi precedenti (cfr. Circ. Min. n. 12/E/2002) 19

20 Convenienza dell affrancamento per le partecipazioni La convenienza o meno ad effettuare la rivalutazione delle quote presenta connotazioni diverse, a seconda che la quota posseduta sia qualificata o meno PARTECIPAZIONI NON QUALIFICATE la tassazione sostitutiva del 2% sul valore di mercato diviene conveniente (costi di perizia a parte) quando il capital gain prevedibile è: superiore al 16% del corrispettivo, ovvero superiore al 19% del costo fiscalmente riconosciuto PARTECIPAZIONI QUALIFICATE I calcoli sono più complessi (confronto con IRPEF ad aliquota marginale + addizionali), tuttavia, per soggetti con aliquota IRPEF massima, affinché vi sia convenienza, la plusvalenza sperata deve essere sicuramente: superiore al 23% del costo della quota 20

21 Termini di versamento dell imposta sostitutiva L imposta sostitutiva dovuta dovrà essere versata alternativamente: in UNICA SOLUZIONE 1 rata 30/06/2012 in TRE RATE ANNUALI di pari importo 2 rata 30/06/ rata 30/06/2014 la 2 e la 3 rata sono maggiorate degli interessi nella misura del 3% annuo 21

22 Modalità di versamento dell imposta sostitutiva L imposta sostitutiva dovuta dovrà essere versata tramite mod. F24 utilizzando appositi codici tributo da riportare nella sezione Erario, indicando, quale anno di riferimento, l anno di possesso dei beni per i quali si opera la rivalutazione, ossia 2011 Alla data attuale non sono ancora stati resi noti dall Agenzia delle Entrate i CODICI TRIBUTO con i quali versare l imposta sostitutiva ma potrebbero essere confermati quelli già stabiliti in precedenza, ossia: Imposta sostitutiva delle imposte sui redditi per la rideterminazione dei valori di acquisto di partecipazioni non negoziate nei mercati regolamentati Imposta sostitutiva delle imposte sui redditi per la rideterminazione dei valori di acquisto dei terreni edificabili e con destinazione agricola L imposta sostitutiva dovuta può essere compensata, nel mod. F24, utilizzando gli eventuali crediti disponibili 22

23 Imposta sostitutiva e ravvedimento operoso La rivalutazione si perfeziona con il versamento, entro il 30/06/2012, dell intero importo ovvero, della prima rata, in caso di versamento rateale, dell imposta sostitutiva dovuta. L eventuale relativo omesso o insufficiente versamento comporta l inefficacia della rivalutazione; diversamente, come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella C.M. n. 35/E/2004, il mancato versamento delle rate successive alla prima: non fa venire meno la validità della rivalutazione 30/06/2012 rivalutazione non perfezionata NON RAVVEDIBILE 30/06/2013 rivalutazione perfezionata RAVVEDIBILE comporta l iscrizione a ruolo degli importi non versati in base all art. 10, DPR n. 602/73, con applicazione della sanzione per omesso versamento regolarizzabile con il ravvedimento operoso MANCATO VERSAMENTO IMPOSTA SOSTITUTIVA 30/06/2014 rivalutazione perfezionata RAVVEDIBILE 23

24 Errato versamento in difetto della prima o unica rata e ravvedimento operoso CTP Forlì, Sez. 4, sent. n. 156 dep. il 26/11/2008 Il versamento effettuato in ritardo della prima o unica rata dell imposta sostitutiva non rende inefficace la rivalutazione se il contribuente è in buona fede Analogamente: CTP Macerata, Sez. 1, sent. n. 171 dep. il 27/07/2009 Questo collegio ritiene che la ricorrente, avendo manifestato la propria volontà di adesione all istituto della rivalutazione del bene in suo possesso sia indicando nel mod. UNICO la rivalutazione effettuata come da perizia giurata, sia versando l imposta sostitutiva anche se in parte entro la scadenza prefissata del 16/12/2002 e il saldo solo successivamente, alla data cioè del 29/01/2003, possa usufruire della norma di cui all art. 7 delle legge n. 448/2001. Non può, infatti, condividersi quanto affermato dall Ufficio sulla base della Circ. n. 35/E/2004 del 04/08/2004, che il tardivo pagamento anche solo di una parte dell imposta sostitutiva dovuta, comporti automaticamente l impossibilità di utilizzare il valore rideterminato del bene, ai fini del calcolo della plusvalenza realizzata 24

25 Versamento cumulativo Circ. Min. n. 81/E/2002 È POSSIBILE il versamento cumulativo dell imposta sostitutiva riferita a più terreni o partecipazioni Essendo tuttavia necessario ricollegare il valore di ciascun terreno o partecipazione all imposta versata, assume importanza indicare nella dichiarazione dei redditi il valore di ciascuna partecipazione e di ciascun terreno 25

26 Rivalutazione e compilazione UNICO In generale, i dati riferiti alla rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni vanno riportati nel mod. UNICO PF, ed in particolare nei quadri: RT per i soggetti che hanno rivalutato le PARTECIPAZIONI RM per i soggetti che hanno rivalutato i TERRENI Con riferimento alla rivalutazione effettuata entro il 30/06/2012 i dati dovranno essere indicati nel mod. UNICO 2013 PF evidenziando anche l eventuale quadratura tra vecchia e nuova rivalutazione (cfr. Circ. Min. n. 35/E/2004 e art. 7 co. 2, lett. dd), D.L. sviluppo ) 26

27 Coordinamento con le precedenti rivalutazioni Circ. Min. n. 27/E/2003 I terreni e le partecipazioni già oggetto di rivalutazione sulla base delle precedenti disposizioni (ad es., DL n. 355/2003, Legge n. 311/2004, DL n. 203/2005, Legge n. 244/2007) possono essere nuovamente rivalutati effettuando una nuova perizia di stima e procedendo al versamento dell imposta sostitutiva dovuta in base al nuovo valore È ORA CONSENTITO dedurre i versamenti A differenza del passato, È ORA CONSENTITO dedurre i versamenti già effettuati in passato Le rate non ancora scadute, riferite alla precedente rivalutazione, possono non essere versate (cfr. Circ. Min. n. 35/E/2004) 27

28 Affrancamento in assenza di versamento Valore area nessun nuovo adempimento necessario Precedente affrancamento Valore area Imposta sostitutiva 40 Ipotesi possibili in base alle nuove regole Valore area perizia a e versamento di 20 (differenza tra la nuova sostitutiva di 60 e quella già versata di 40) Valore area 800 il contribuente non versa nulla, indicando nel mod. F24 che compensa il nuovo debito d imposta (32), il credito relativo al precedente versamento (32) (l eccedenza di 8 non è recuperabile) 28

29 Cessione anticipata dei beni rivalutati Cessione prima del versamento dell imposta sostitutiva PARTECIPAZIONI e TERRENI È valida la rivalutazione se il bene rivalutato è ceduto prima del versamento dell imposta sostitutiva Cessione prima del giuramento della perizia di stima TERRENI Non è possibile rivalutare i terreni già ceduti al momento del giuramento della perizia di stima in quanto nell atto di cessione del terreno deve essere indicato il valore risultante dalla perizia PARTECIPAZIONI La rivalutazione è possibile se la partecipazione è ceduta prima del giuramento della perizia, ma solo nel caso di applicazione del regime della dichiarazione Circ. Min. n. 12/E/2002 Circ. Min. n. 9/E/2002 Circ. Min. n. 47/E/

30 Coordinamento con altre norme tributarie D.M. 02/04/2008 Adeguamento delle aliquote per i capital gain qualificati A seguito della riduzione dell aliquota IRES, sono state modificate le percentuali di imponibilità/esenzione delle plusvalenze da cessione di partecipazioni qualificate; in particolare, per le cessioni realizzate dal 01/01/2009 esse sono IMPONIBILI PER IL 49,72% (in luogo del 40%) Art. 68, co. 6 bis, Tuir (inserito dall art. 3, co. 1, D.L. n. 112/2008) Esenzione delle plusvalenze da start up E prevista una sostanziale ESENZIONE per alcune plusvalenze da cessione di partecipazioni, o di strumenti finanziari e contratti, di cui all art. 67, co. 1, lett. c) e c bis) Tuir, subordinata al ricorrere di particolari condizioni temporali 30

31 SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Chiarimenti Agenzia Entrate PARTECIPAZIONI

32 Chiarimenti Agenzia su partecipazioni Regime di determinazione dei redditi finanziari La rivalutazione è possibile a prescindere dal regime di tassazione dei redditi diversi di natura finanziaria scelto dal contribuente, ossia: REGIME DELLA DICHIARAZIONE Circ. Min. n. 12/E/2002 REGIME DEL RISPARMIO AMMINISTRATO REGIME DEL RISPARMIO GESTITO art. 5, D. Lgs. n. 461/97 art. 6, D. Lgs. n. 461/97 art. 7, D. Lgs. n. 461/97 32

33 Chiarimenti Agenzia su partecipazioni Rivalutazione parziale Circ. Min. n. 12/E/2002 È POSSIBILE la rivalutazione parziale della partecipazione. La misura dell imposta sostitutiva (2 o 4%) dipende però dalla tipologia di partecipazione posseduta all 01/01/2010 (qualificata/non qualificata) Pertanto, coloro che possiedono una partecipazione qualificata sono soggetti all imposta del 4% anche se rivalutano una parte della partecipazione che da sola è considerata non qualificata 33

34 Chiarimenti Agenzia su partecipazioni Partecipazioni acquisite in epoche diverse metodo LIFO Circ. Min. n. 12/E/2002 In caso di titoli acquisiti in epoche diverse, si considerano rivalutati quelli acquisiti in epoca più recente. La partecipazione rivalutata si considera acquisita l 01/01/2010 Se in data successiva non sono state acquisite altre partecipazioni, in caso di cessione si considera ceduta per prima la partecipazione il cui costo è stato rivalutato 34

35 Chiarimenti Agenzia su partecipazioni Rivalutazione partecipazioni e recesso RECESSO ATIPICO Acquisto della quota da parte degli altri soci o di un terzo Il valore rivalutato delle partecipazioni può essere utilizzato dal socio in quanto in tale ipotesi le somme ricevute dal socio recedente sono soggette alla disciplina dei redditi diversi di natura finanziaria (capital gain) di cui all art. 67, Tuir cfr. Circ. Min. n. 16/E/2005 RECESSO TIPICO Liquidazione della quota da parte della società al socio recedente La rivalutazione non ha effetto. Infatti, la differenza tra le somme o il valore normale dei beni ricevuti dal socio recedente e il prezzo pagato per lʹacquisto/ sottoscrizione della quota costituisce reddito di capitale ex art. 47, co. 7, Tuir, e non capital gain 35

36 Chiarimenti Agenzia su partecipazioni Partecipazioni ricevute in donazione e imposta sostitutiva Circ. Min. n. 35/E/2004 A differenza della successione (con dichiarazione) la donazione attribuisce al donatario lo stesso costo riconosciuto precedentemente in capo al donante. Nel caso in cui la rivalutazione venga effettuata dal donatario titolare di una partecipazione non qualificata, lo stesso è normalmente tenuto al versamento dell imposta sostitutiva nella misura del 2% Tuttavia, nell ipotesi in cui il donante fosse stato possessore di una partecipazione qualificata è previsto, per effetto della norma antielusiva contenuta nell art. 16, co. 1, L. n. 383/2001, che il donatario determini, nell ambito della cessione della partecipazione entro 5 anni dalla donazione, il capital gain come se fosse titolare di una partecipazione qualificata Ciò si riflette anche agli effetti della disciplina della rivalutazione delle partecipazioni in quanto sarà necessario, nell ipotesi sopra delineata, che il versamento dell imposta sostitutiva avvenga nella misura del 4%, anziché del 2%, ancorché il contribuente donatario sia titolare di una partecipazione non qualificata 36

37 Chiarimenti Agenzia su partecipazioni Successiva cessione della partecipazione minusvalenze Circ. Min. n. 12/E/2002 L eventuale minusvalenza conseguita in sede di successiva cessione della partecipazione oggetto di rivalutazione non ha rilevanza fiscale e, pertanto, non può essere utilizzata in compensazione delle plusvalenze realizzate nel periodo d imposta e nei quattro successivi 37

38 SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Chiarimenti Agenzia Entrate TERRENI

39 Chiarimenti Agenzia su terreni Terreni posseduti in comunione Circ. Min. n. 81/E/2002 Possono essere rivalutate le aree possedute in regime di comunione pro indiviso nel caso in cui soltanto alcuni dei comproprietari intendano rivalutare Per determinare la quota di terreno da affrancare il singolo comproprietario deve determinare, mediante la perizia di stima, il valore dell intera area in modo da assoggettare ad imposta sostitutiva del 4% la percentuale di tale valore corrispondente alla propria quota 39

40 Chiarimenti Agenzia su terreni Particelle catastali parzialmente edificabili Circ. Min. n. 81/E/2002 Nell ipotesi in cui gli strumenti urbanistici prevedano che solo una porzione della particella catastale risulti edificabile è possibile la rivalutazione della sola parte dell area edificabile senza procedere preventivamente al frazionamento dell area Nell atto di perizia deve essere fatto riferimento allo strumento urbanistico che delimita la parte edificabile 40

41 Chiarimenti Agenzia su terreni Costo d acquisto dei terreni ricevuti in successione o donazione Circ. Min. n. 81/E/2002 In presenza di terreni edificabili acquisiti per successione o donazione il costo d acquisto ai fini della determinazione della plusvalenza è quello risultante dalla denuncia di successione o donazione Non va utilizzato il costo sostenuto dal de cuius o dal donante come accade per le partecipazioni V. Slide n

42 Chiarimenti Agenzia su terreni Rivalutazione e successivo esproprio Circ. Min. n. 81/E/2002 La rivalutazione ha effetto anche qualora il terreno sia successivamente oggetto di provvedimento di esproprio, nel caso in cui il contribuente opti per la tassazione secondo le regole dell art. 67, comma 1, lett. b) Il pagamento dell imposta sostitutiva non fa venire meno l obbligo dell ente che eroga l indennità di esproprio di operare la ritenuta del 20%, che, quindi, determina un credito spendibile dal contribuente in dichiarazione 42

43 Chiarimenti Agenzia su terreni Rivalutazione e valore dei terreni ai fini dell imposta di registro Circ. Min. n. 15/E/2002 Il valore rivalutato del terreno rappresenta il VALORE MINIMO DI RIFERIMENTO anche ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali In altre parole, se il valore indicato nellʹatto di trasferimento è inferiore a quello rivalutato: lʹufficio potrà procedere alla rettifica del valore dichiarato ai fini delle imposte indirette (rischio che si corre comunque) ma soprattutto per il calcolo della plusvalenza si dovrà assumere il costo/valore dʹacquisto del terreno secondo gli ordinari criteri di cui allʹart. 68, Tuir Tuttavia, secondo la Circolare n. 15/E/2002 deve ammettersi che il contribuente, in un momento successivo, possa non avvalersi del valore rideterminato ove siano sopravvenuti fatti che lo rendano non più attuale, facendo risultare la circostanza nell atto di cessione (es. passaggio del terreno da edificabile ad agricolo) 43

44 Chiarimenti Agenzia su terreni Problema della riduzione di valore Ris. Min. n. 111/E/2010 Il contribuente che abbia proceduto a rideterminare il valore dei terreni ad una certa data, ove lo ritenga opportuno, può usufruire della norma agevolativa successivamente emanata, ma dovrà in tal caso determinare mediante una nuova perizia giurata di stima il valore dei terreni alla data del 1 gennaio 2010, nonché procedere al versamento della relativa imposta sostitutiva, richiedendo il rimborso dell importo precedentemente versato. In tale ipotesi, se il contribuente si è avvalso della rateazione dell imposta dovuta, non è tenuto a versare la rata o le rate successive relative alla precedente rideterminazione. Quanto sopra specificato vale anche nel caso in cui la seconda perizia giurata di stima riporti un valore del terreno inferiore a quello risultante dalla perizia precedente. Problema risolto con il D.L. n. 70/2011??? V. slide n. 4 44

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 gennaio 2010 LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Con la Finanziaria 2010 sono stati

Dettagli

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Indice Introduzione Soggetti beneficiari Beni rivalutabili Beneficio della rivalutazione Perizia di stima Imposta sostitutiva Modalità e termini di versamento

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2 CIRCOLARE N. 07 DEL 09/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA RIVALUTAIZONE DI TERRENI/PARTECIPAZIONI ALL 1.1.2016 PAG. 2 IN SINTESI: La Finanziaria 2016 ha riproposto

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008 Informativa n. 25 dell 8 ottobre 2008 La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE 1 La proroga della rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni...

Dettagli

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero 23/2014 Pagina 1 di 6 Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero : 23/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IRPEF RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003...

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003... Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 27/E Roma, 9 maggio 2003 Oggetto: Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Genova, 8 ottobre 2010 Circolare Informativa Rivalutazione partecipazioni e terreni 1 SINTESI L art. 2 co. 229 della L. 23.12.2009 n. 191 (Finanziaria 2010) ha nuovamente riaperto i termini

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni

Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 5/2014 Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni - Introduzione L articolo 1, comma 156 della L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014), ha riaperto i termini per la

Dettagli

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005 DISEGNO DI LEGGE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 15 NOVEMBRE 2007 Disposizioni per la formazione del Bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge Finanziaria 2008) RIAPERTURA TERMINI IN MATERIA DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 47/E. Prot. 2011/131251 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 47/E. Prot. 2011/131251 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 47/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi di Capitale e Diversi Roma, 24 ottobre 2011 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 04 febbraio 2014

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 04 febbraio 2014 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 04 febbraio 2014 Oggetto: Circolare n. 2/2014 del 04 febbraio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 53/E. Roma, 27 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 53/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 27 maggio 2015 OGGETTO: Questioni controverse in materia di rideterminazione del valore di acquisto dei terreni. Orientamenti giurisprudenziali

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 158/E

RISOLUZIONE N. 158/E RISOLUZIONE N. 158/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Cessione di partecipazioni rideterminate da parte dell

Dettagli

RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013

RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013 Circ.n. 3/2013/fisc RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013 INDICE 1. Riapertura dei termini 2. Soggetti ammessi alla rivalutazione 3. Ambito oggettivo 4. Requisito

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Spett.le Cliente Brescia, 3 marzo 2010 CIRCOLARE INFORMATIVA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI La Finanziaria 2010 (art. 2, co. 229, L. 191/2009) ha riaperto i termini per la rideterminazione del

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI 2014 1. PREMESSA

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI 2014 1. PREMESSA LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI La Legge di stabilità per il 2014 riammette la possibilità di rivalutare terreni e partecipazioni 1. PREMESSA L art. 1,

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter agosto 2014. Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione

Fisco e Tributi. Newsletter agosto 2014. Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione Fisco e Tributi Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione Con la Legge di Stabilità 2014 sono stati riaperti i termini per la rivalutazione del valore dei terreni

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 1 Premessa 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti 2.1 Auto aziendali 2.2 Auto dei professionisti 2.3 Auto concesse

Dettagli

Fiscal News N. 41. Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia. La circolare di aggiornamento professionale 06.02.2014.

Fiscal News N. 41. Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia. La circolare di aggiornamento professionale 06.02.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 41 06.02.2014 Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia Categoria: Rivalutazione Sottocategoria: Terreni e partecipazioni Con la

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

Fiscalità degli immobili estranei al regime di impresa, arti e professioni Dott. Giovanni Picchi Dott. Domenico Ballor 1 I redditi diversi immobiliari L art. 67, comma 1, del TUIR prevede alcune fattispecie

Dettagli

La rivalutazione dei terreni e delle aree edificabili

La rivalutazione dei terreni e delle aree edificabili Guida_1_2011.qxd 29/07/2011 17.09 Pagina I La rivalutazione dei terreni e delle aree edificabili a cura di Patrizia Clementi 1/2011 Guida_1_2011.qxd 29/07/2011 17.09 Pagina 1 La rivalutazione dei terreni

Dettagli

RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI - 2015

RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI - 2015 STUDIO NOTARILE GIANLUCA CESARE PLATANIA Via dei Partigiani 5 - Bergamo Tel. 035 235001 - Fax 035 235868 www.notaioplatania.it email: gplatania@notariato.it RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI -

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151. Unico 2008 Persone fisiche. rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri

SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151. Unico 2008 Persone fisiche. rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151 Argomenti Unico 2008 Persone fisiche rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri L incontro propone l esame delle principali novità

Dettagli

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 di Paolo Parisi (*) L ADEMPIMENTO " UNICO PF: Quadro RL Ai fini delle imposte sui redditi, la cessione a titolo oneroso di immobili posseduti al di fuori dell ambito

Dettagli

APPENDICE. Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola. Normativa, Prassi e Giurisprudenza

APPENDICE. Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola. Normativa, Prassi e Giurisprudenza APPENDICE Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola Normativa, Prassi e Giurisprudenza Parte I- Normativa: Art.7, legge 28 dicembre 2001, n. 448 Art.4, comma 3, decreto legge 24

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Circolare informativa n 3/2011 Cedolare secca sui canoni di locazione degli immobili abitativi Premessa La cedolare secca, ossia il nuovo regime opzionale di imposizione sostitutiva sul

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI A cura della Commissione Fiscale e Societaria dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Cosenza Delegati del Consiglio Direttivo: Paolo Florio

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Elevata al 20 percento la tassazione sostitutiva sulle plusvalenze immobiliari per i contratti stipulati

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile Art. 3 D.LGS. 14.3.2011, n. 23 Stefano Spina O.D.C.E.C. Torino Torino 14 giugno 2012 LA CEDOLARE SECCA ASPETTI GENERALI Obiettivo

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1 NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 LA LEGGE DI STABILITA 2013 La legge di stabilità 2013

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E Padova, 8/11/2010 Circolare n. 12 Ai gentili Clienti Loro sedi 1. VERSAMENTO DEGLI ACCONTI

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo

Dettagli

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE-

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- MASSIMILIANO SIRONI 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO

Dettagli

CIRCOLARE n. 27 del 18/12/2014 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2014

CIRCOLARE n. 27 del 18/12/2014 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2014 CIRCOLARE n. 27 del 18/12/2014 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2014 INDICE 1. PREMESSA 2. METODO STORICO 3. METODO PREVISIONALE 4. METODO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE 5. SOGGETTI ESONERATI DAL VERSAMENTO

Dettagli

LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003:

LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003: LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003: NOVITA IN MATERIA DI CONCORDATO PREVENTIVO E AFFRANCAMENTO DI TERRENI E PARTECIPAZIONI dispensa a cura dello Studio di consulenza tributaria e legale Deotto Magrini

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 Vigevano, 15 giugno 2014 Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Contribuenti

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia)

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia) COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Testo in vigore dal 01 gennaio 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti Unico PF 2012: dividendi e capital gain Nel corso del 2011 sono state apportate modifiche rilevanti alla fiscalità finanziaria: il D.L. n.138/11 ha cambiato

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Dott.ssa Elisa Salvadeo energetico e ristrutturazioni edilizie 1 La circolare ministeriale 13/E del 09.05.2013 ha fornito

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci La legge di stabilità per l anno 2016 (Legge n.208 del 28/12/2015) ripropone la disposizione sulle assegnazioni, cessioni agevolate dei

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Rivalutazione partecipazioni e terreni

Rivalutazione partecipazioni e terreni Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi Vco finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici, un tema di approfondimento

Dettagli

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE Circolare 15 del 12 giugno 2015 Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE 1 Premessa... 3 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 3 2.1 Contribuenti interessati...

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ALFA snc - Somme corrisposte al socio a seguito di recesso. - Trattamento fiscale.

OGGETTO: Istanza di interpello - ALFA snc - Somme corrisposte al socio a seguito di recesso. - Trattamento fiscale. RISOLUZIONE N. 64/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ALFA snc - Somme corrisposte al socio a seguito di recesso. - Trattamento fiscale.

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

Dettagli

Acconto Iva al 27 dicembre 2013

Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero 237/2013 Pagina 1 di 10 Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero : 237/2013 Gruppo : IVA Oggetto : ACCONTO IVA Norme e prassi : ART. 6, LEGGE N. 405/90; RISOLUZIONE AGENZIA ENTRATE N. 157/2004. Sintesi

Dettagli

Presupposto soggettivo

Presupposto soggettivo Capital gain Inquadramento Per capital gain (termine anglofono)si intende il trattamento fiscale riservato alle cessioni di partecipazioni detenute da persone fisiche. L inquadramento normativo di questa

Dettagli

RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011)

RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011) RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin Gyatso

Dettagli

Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014

Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014 STUDIO INTERPROFESSIONALE 20121 Milano, Via Pozzone 1 21047 Saronno (VA), Vicolo del Caldo 30 * 6902 Lugano Paradiso - CH, V. San Salvatore 10 P.O. Box 461 Tel. 02.967.043.82 - Fax 02.967.026.50 www.interprofessionale.net

Dettagli

FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI

FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Riapertura dei termini per la rivalutazione; 2. Rimborso dell imposta sostitutiva

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2013

LEGGE DI STABILITA 2013 Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 6 Mantova, lì 18 gennaio 2013 Circolare N. 02/2013 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi LEGGE DI STABILITA 2013 La L. 24.12.2012 n. 228 costituisce la legge di stabilità

Dettagli

RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti

RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti Circ. Irdcec n. 37/IR del 9 gennaio 2014 Abstract - L Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO

COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. (Approvato con Deliberazione Consiliare n. 10 del 15.05.2012) 1 Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente

Dettagli