I NUMERI DI LEYLAND E LE SERIE DI FIBONACCI E DI PADOVAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I NUMERI DI LEYLAND E LE SERIE DI FIBONACCI E DI PADOVAN"

Transcript

1 Gruppo B. Riemann * I NUMERI DI LEYLAND E LE SERIE DI FIBONACCI E DI PADOVAN Francesco Di Noto, Michele Nardelli *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture e sulle loro connessioni con le teorie di stringa Abstract In this paper we show some connection between Leyland s Numbers, Fibonacci s numbers and Padovan s numbers Riassunto In questo lavoro mostriamo brevemente alcune relazioni tra i numeri di Leyland e i numeri di Fibonacci, simili a quelle già trovate sul numero delle cifre dei numeri perfetti ecc. Ma anche con i numeri della serie di Padovan, detta anche figlia di Fibonacci. Approfondiremo qui solo questo aspetto, tralasciando per il 1

2 momento le loro già note applicazioni (test di primalità e fattorizzazione) Innanzitutto riportiamo la definizione dei numeri di Leyland, da Wikipedia: Leyland number From Wikipedia, the free encyclopedia Jump to: navigation, search In number theory, a Leyland number is a number of the form x y + y x, where x and y are integers greater than 1. [1] The first few Leyland numbers are 8, 17, 32, 54, 57, 100, 145, 177, 320, 368, 512, 593, 945, 1124 (sequence A in OEIS). The requirement that x and y both be greater than 1 is important, since without it every positive integer would be a Leyland number of the form x x. Also, because of the commutative property of addition, the condition x y is usually added to avoid doublecovering the set of Leyland numbers (so we have 1 < y x). The first prime Leyland numbers are 17, 593, 32993, , , , , ( A094133) corresponding to , , , , , , , [2] As of June 2008, the largest Leyland number that has been proven to be prime is with digits. From July 2004 to June 2006, it was the largest prime whose primality was proved by elliptic curve primality proving. [3] There are many larger known probable primes such as , [4] but it is hard to prove primality of large Leyland numbers. Paul Leyland writes on his website: "More recently still, it was realized that numbers of this form are ideal test cases for general purpose primality proving programs. They have a simple algebraic description but no obvious cyclotomic properties which special purpose algorithms can exploit." 2

3 There is a project called XYYXF to factor composite Leyland numbers. [5] Per le curve ellittiche, connesse alla congettura di Birch e Swinnertom Dyer, e alla relativa crittografia omonima (concorrente della più nota crittografia RSA) vedremo brevemente in seguito (vedi Nota finale). (I numeri di Leyland) sono usati per testare i programmi di fattorizzazione o primalità ( tra parentesi, il più grande numero di Leyland conosciuto è 2638^ ^2638, che ha circa cifre Da LE SCIENZE luglio 2013, pag.26, articolo Siamo arrivati a 100! di Piergiorgio Odifreddi, rubrica Il matematico impertinente ). Ritorneremo in seguito su questo numero poiché su Wikipedia non si riporta la traduzione in italiano, riportiamo la definizione da un altro sito: todoslogos.altervista.org/num_leyland.php I numeri di Leyland sono numeri che possono essere scritti nella forma: x y + y x, con 1 < x <= y. Esempio 1: 17 è un numero di Leyland. Esso può essere scritto come: 17 = Esempio 2: è un numero di Leyland. Esso può essere scritto come: = Per approfondire: LINK I primi 10 numeri di Leyland 3

4 Riportiamo anche l elenco di tali numeri dalla sequenza OESIS A (Numeri primi di Leyland) site is supported by donations to The OEIS Foundation. Search Hints (Greetings from The On-Line Encyclopedia of Integer Sequences!) A as a simple table n a(n) che è molto utile ai nostro scopo, per il confronto tra il numero di cifre dei numeri di Leyland e i numeri di Fibonacci, come vedremo in Tabella 1 4

5 TABELLA 1 Numeri di Leyland (L) o loro numero d ordine Numero di cifre Numeri di Fibonacci (F) o loro medie aritmetiche Differenze F - L ,5 3 0, ,5 0, ,5-1, Numeri in rosso: coincidenze perfette tra numeri di Leyland e numeri di Fibonacci o loro medie aritmetiche. Osservazioni: come si nota facilmente, il numero delle cifre dei numeri di Leyland e i numeri di Fibonacci (o loro medie aritmetiche tra due numeri consecutivi) è minima, e quindi la 5

6 connessione tra le due serie numeriche è evidente, sebbene ancora tutta da dimostrare, come pure l analoga connessione con i numeri perfetti (vedi I numeri perfetti e il triangolo di Tartaglia (novità e altre proprietà ancora poco note e APPUNTI SUL PROBLEMA DI FERMAT (connessioni con la serie di Fibonacci) di prossima pubblicazione sul nostro sito) dove però non ci sono medie aritmetiche iniziali, ne emerge qualcuna solo dopo il 13 numero perfetto e dopo il 6 numero di Fermat) È possibile ipotizzare, visto che il numero delle cifre dei numeri di Leyland e i numeri di Fibonacci (o loro medie aritmetiche tra due numeri consecutivi) è minima, la connessione con Φ = ( 5 + 1) / 2 che è il numero aureo, che viene fuori dal rapporto tra un numero di Fibonacci e quello precedente e che, in teoria di stringa è connesso alle vibrazioni delle stringhe stesse che, secondo recenti studi, sembrano avere frequenze sempre coincidenti con valori derivanti da tale numero aureo. (Ref. Il numero aureo Φ: l orma impressa dal Creatore nell Universo. Michele Nardelli al link 6

7 20numero%20aureo%20e%20l'unificazione.pdf) Qui riportiamo rispettivamente, dai suddetti lavori, le relative osservazioni per i suddetti numeri, cominciando dai numeri perfetti I primi 10 numeri perfetti sono: (8 cifre) (10 cifre) (12 cifre) (19 cifre) (37 cifre) (54 cifre) Notiamo che il numero delle cifre ( evidenziato da noi in rosso ) dei numeri perfetti successivi costeggia la serie di Fibonacci (in verde): 1 = 1 2 = 2 3 = = = 54? 89? 144 I prossimi numeri perfetti, quindi dovrebbero in teoria avere 7

8 rispettivamente numeri di cifre prossimi agli altri numeri di Fibonacci, ma non è proprio cosi: tale relazione comincia a venir meno dal 13 numero in poi Per i numeri di Fermat, invece: Tabella 1 n 2^n 2^2n+1 c = numero cifre fattori Primo o composto 0 1 2^1+1=3 1 1,3 primo 1 2 2^2= 4+1=5 1 1, 5 primo 2 4 2^4+1+1=17 2 1, 17 primo 3 8 2^8+1= ,257 primo ^16+1= , primo ^2^32= ,641, composto ^64+1= composto Da F6 in poi vedi sopra dalla voce di Wikipedia. Non abbiamo trovato delle novità circa la soluzione del problema di Fermat, ma solo due possibili relazioni approssimative tra i numeri delle cifre dei valori noti con i numeri di Fibonacci (cosa che abbiamo notato anche con i numeri perfetti, relazione inclusa in un lavoro ancora in corso), e con i valori di k di 6k+1, forme dei numeri primi, in questo caso 6k -1 per i numeri di Fermat (tranne il 3 iniziale). 8

9 Alla tabella abbiamo infatti aggiunto, accanto al valore di 2^2^n+1 (primo o composto che fosse), il relativo numero di cifre, c, molto prossimo ai numeri di Fibonacci; e che riepiloghiamo nella seguente Tabella 2 Fn c = numero di cifre (o somma c+c dei rispettivi fattori) Tabella 2 Numeri f di Fibonacci (o loro medie) F0 1 1 F1 1 1 F2 2 2 F3 3 3 F4 5 5 F F Differenze f c anche queste prossime ad f F ,5 = -0,5 1 (21+34)/2 F = F = F = =(55+89)/2 F = Come si vede, la relazione tra c dei numeri di Fermat, e i numeri f di Fibonacci o loro medie aritmetiche c è, sebbene approssimativa. Possiamo prevedere che per F12 il suo numero c di cifre sarà prossimo a 987 numero di Fibonacci. Non sappiamo ancora come tale relazione potrebbe influire sulla soluzione del problema di Fermat 9

10 (per n > 5 si hanno tutti composti?) ma potrebbe influire in futuro con altre ricerche sull argomento. Vediamo ora con la forma 6k+1 dei numeri di Fermat, a partire da 5 Tabella 3 Fn (di forma 6k-1) k =(Fn +1)/6 Fibonacci f Differenze f-k 5=6* = 6* = 6* ,5 = 1,5 2 (34+55)/ =6* =6* ?? 1 Non sappiamo se sia vicino ad un numero di Fibonacci, ma per i valori di Fn fino a F5 una sia pur debole connessione con k c è pure, occorrerebbe approfondirla meglio ma occorre una lista lunghissima di numeri di Fibonacci o un loro calcolo veloce. Notiamo anche che il rapporto k/ k precedente è di circa Fn precedente, e ciò potrebbe essere utile per ulteriori ricerche. Lasciamo ai lettori e matematici volenterosi l onere della dimostrazione di tali interessanti relazioni tra i numeri di cifre e la serie di Fibonacci, molto evidente nella parte iniziale delle rispettive liste di numeri perfetti, numeri di Fermat e numeri primi di Leyland. 10

11 Qui continueremo soltanto con la distribuzione dei numeri di Leyland più piccoli (primi e non primi), e con la connessione delle basi con la serie di Fibonacci. Cominciamo brevemente da quest ultima, da Wikipedia: , , , , , , , [2] Anche le basi con esponente 2, segnate in rosse, ricalcano la serie di Fibonacci: 3, 8, 13,21, 34, numeri vicinissimi a 3, 9, 15, 21, 33 con 3 e 21 numeri di Fibonacci essi stessi. Distribuzione fino a 10^n 8, 17, 32, 54, 57, 100, 145, 177, 320, 368, 512, 593, 945, 1124 (sequence A in OEIS). Vedi successiva lista OESIS 11

12 TABELLA 4 n 10^n L valore reale (Numeri di Fibonacci o loro medie) Osservazione: valori reali intorno a: Valore stimato per difetto n* (n+1) (Fibonacci o loro medie) n +1 =0+1= n=3* n +1= * * ^6 40 7* ,5 7 10^ * ^ * ^ * ^ * ,5 12

13 Tale tabella si può proseguire ancora con la lista successiva, con risultati simili; valori reali di a(n) prossimi a numeri di Fibonacci o loro medie, o anche prossimi a numeri di forma 2T, con T numeri triangolari (Rif.1) nell ordine 2, 6, 12, 20, 30, 56, 72, 110 che, con l aggiunta di 1, danno i numeri di Lie, di forma 2T +1 molto importanti in Fisica ( 7, 13 e 31 sono alla base dei Gruppi di Lie). Inoltre, i numeri di forma 2T sono la somma dei primi numeri pari: 0+2=2 2+4= = =30 connessi al numero di facce e spigoli dei solidi platonici, importanti nelle simmetrie della natura e quindi ai gruppi di Lie eccezionali (Rif.1) Da : 13

14 This site is supported by donations to The OEIS Foundation. Search Hints (Greetings from The On-Line Encyclopedia of Integer Sequences!) A as a graph 14

15 15

16 Lista completa fino a e incompleta (salvo i punti di variazione di a(n) per ogni successiva potenza di 10, fino a Per il quale il valore reale di a(n) è numero di Fibonacci N a(n)

17

18 Forma aritmetica dei numeri primi di Leyland Come tutti i numeri primi (tranne il 2 e il 3 iniziali), anche i numeri primi di Leyland debbono avere forma aritmetica 6k + 1. Infatti, da tabella seguente, abbiamo: numeri primi di Leyland TABELLA 5 Forma numerica 6k Rapporto successivo tra i valori di k (numeri di Fibonacci vicini) 17 6* * /3 = * /99 = 55, * /5499= 63,57 55 Gli stessi valori approssimativi si trovano ovviamente con i rapporti successivi tra un numero primo di Leyland e il

19 precedente: 593/17 = 34, /593 = 55, /32993= 63,57 55 Questa è un altra connessione con i numeri di Fibonacci, almeno nella parte iniziale della serie dei numeri di Leyland. Per quanto riguarda gli altri numeri di Leyland, la loro forma spazia per tutte le forme 6k-1 6k-2, 6k-3, 6k-4 ecc. come da seguente tabella (in rosso i numeri di Leyland più piccoli: TABELLA 6 6k-4 6k-3 6k-2 6k-1 6k 6k (primo)

20 (primo) E può essere primo, come il 17, quando ricade solo nelle colonne 6k + 1, quelle dei numeri primi e loro prodotti e loro potenze. Ma, come abbiamo già visto, i numeri primi di Leyland sembrano preferire la sola forma 6k -1, almeno i primi quattro. 8, 17, 32, 54, 57, 100, 145, 177, 320, 368, 512, 593, 945, 1124 (sequence A in OEIS). Circa il rapporto successivo vediamo con la prossima Tabella 7. TABELLA 7 Numeri di Leyland Rapporto successivo /8 =2, , , , , ,

21 320 1, ,1500 L andamento dei rapporti è un po irregolare, mantenendosi comunque compreso tra 1 e 2, salvo per il valore iniziale 2,1250. Media aritmetica: 1,2522 1,2720 = 1,618 numero aureo Il numero 1,25 è anche la media dei rapporti successivi dei numeri di Padovan, che vedremo in seguito, ed ecco le somiglianze tra le due serie numeriche. Anche questo potrebbe essere interessante per ulteriori approfondimenti. Anche qui il numero aureo viene fuori dai rapporti successivi tra un numero primo di Leyland e il precedente almeno nella parte iniziale della serie dei numeri ed anche nella media aritmetica vista sopra 1,2522 1,2720 = 1,618 e come detto già in precedenza, in teoria di stringa tale numero è connesso alle vibrazioni delle stringhe stesse che, secondo recenti studi, 21

22 sembrano avere frequenze sempre coincidenti con valori derivanti da tale numero aureo. Vediamo ora la relazione diretta tra numeri di Leyland con i numeri di Fibonacci e numeri vicini, oltre quella già vista per il loro numero di cifre (in TABELLA 4). I numeri di Leyland sono segnati in rosso TABELLA 8 F-2 F-1 FIBONACCI F+1 F+2 F = media tra 13 e

23 La suddetta connessione è buona solo nella fase iniziale, poi si dirada sempre più. Vediamola ora con i numeri di partizione TABELLA 9 P-2 P-1 Numeri P+1 P+2 P Partizione

24 Anche qui la connessione è buona nella fase iniziale, poi le due serie divergono sempre più. Con i numeri triangolari T si ottengono risultati simili. Relazioni con i numeri di Padovan, con frequenza simile TABELLA 10 P-2 P-1 Numeri P P+1 P+2 di Padovan 7 8 8= media tra 7 e ,5 media tra 16 e ,5 24

25 Media tra 28 e Media perfetta tra 49 e Media perfetta tra 86 e ,5 Media tra 151 e Media tra 265 e Vedi anche successive Tabella 11 e Tabella

26 In questo caso la serie dei numeri di Leyland costeggia molto bene la media aritmetica tra due numeri successivi di Padovan, e nel caso di 8, 57 e di 100 essi coincidono perfettamente con tale media (Tabella 12), oltre ad essere essi stessi numeri di Leyland. E anche viceversa (Tabella 11), in modo equivalente. Anche questo potrebbe essere interessante, e anche di più rispetto ai numeri di Fibonacci o delle partizioni, dove tale fenomeno si ripete pure, ma con minore precisione. Alternanza tra le due serie di numeri e loro fattori TABELLA 11 (in rosso le medie perfette) Numeri di Leyland Numeri di Padovan ( medie tra numeri di Leyland) 26 Fattori dei numeri di Leyland da 8 in poi Fattori dei numeri di Padovan da 7 in poi In blu i semiprimi 7 primo 8 2*2*2 9

27 *2*3 2^4 17 primo *7 2*2*7 32 2^ primo 7^2 54 2*3*3* * *13 2* *2*5* *3* * primo 177 3* primo 2^3*5^2 2* ^6* ^3* ^4*23 27

28 Numeri di Padovan TABELLA 12 (medie invertite) In rosso le medie perfette Numeri di Leyland ( medie tra numeri di Padovan) 28 Fattori dei numeri di Padovan da 7 in poi In blu i semiprimi Fattori dei numeri di Leyland da 8 in poi 7 primo 8 2*2* *2*3 2^4 17 primo 3*7 2*2*7 32 2^5 primo 7^2 54 2*3*3*3 57 3*19 5*13 2* *2*5* *3* * primo 177 3* ^3*5^2

29 265 2* ^6* ^3* Circa le fattorizzazioni dei due tipi di numeri, non ci sono sostanziali differenze: numeri primi, semiprimi e prodotti di piccoli numeri primi sono presenti in circa le stesse quantità nelle due serie numeriche. La cosa più importante che abbiamo scoperto è l alternarsi, sia pure un po irregolare, tra i due tipi di numeri, con a volte due o anche tre numeri di una serie compresi tra due numeri dell altra serie, e l osservazione sulle medie aritmetiche. Quindi i numeri di Leyland sono connessi, oltre che con la serie di Fibonacci (direttamente o anche tramite il numero delle loro cifre), anche meglio con la serie di Padovan (detta anche figlia di Fibonacci, Rif.2) tramite le medie tra due numeri successivi di questa serie, e viceversa. 29

30 Per quanto riguarda il numero di Leyland più grande conosciuto, osserviamo che 10946, sono i due numeri di Fibonacci prossimi a ; la loro media è 14328,5 vicina al numero di cifre, 15000, del più grande numero di Leyland: 2638^ ^2638 Quindi la suddetta relazione tra numero di cifre dei numeri primi di Leyland e numeri di Fibonacci o ad essi molto vicini (e/o medie aritmetiche dei numeri di Fibonacci o numeri ad esse molto vicini), e ancora meglio con la serie di Padovan, continua all infinito, essendo tutte e tre serie infinite. Conclusioni Possiamo concludere che tali relazioni con i numeri di Fibonacci e di Padovan, pur non ancora dimostrate, sono molto evidenti, relazioni (per quanto riguarda Fibonacci) anche con i numeri perfetti e i numeri di Fermat (primi e non primi). 30

31 Future dimostrazioni spiegheranno il perché di tale relazione, sicuramente non del tutto casuale. Riferimenti 1) L EQUAZIONE PREFERITA DELLA NATURA: n 2 + n + 1 (alla base de numeri e dei gruppi di Lie, dei numeri di Fibonacci, delle partizioni di numeri,delle simmetrie e delle teorie di stringa ) (aggiornamento all con alcune tabelle finali) GRUPPO B. RIEMANN - Francesco Di Noto, Michele Nardelli sul sito 2) I NUMERI DI PADOVAN (CONNESSIONI TRA LA SERIE DI PADOVAN ED ALTRE SERIE NUMERICHE) Gruppo B. Riemann Francesco Di Noto, Michele Nardelli 31

32 NOTA FINALE sulla congettura di Birch e Swinnerton Dyer. Poiché i numeri di Leyland hanno a che fare anche con le curve ellittiche (e queste con la relativa crittografia), è possibile che prima o poi gli infiniti numeri di Leyland possano contribuire in qualche modo a dimostrare l esistenza di infiniti punti razionali sulle curve ellittiche, e, di conseguenza, anche se molto indirettamente, anche la suddetta congettura, che è uno dei sei problemi del millennio ancora irrisolti. 32

I numeri semiprimi e i numeri RSA. come loro sottoinsieme

I numeri semiprimi e i numeri RSA. come loro sottoinsieme I numeri semiprimi e i numeri RSA come loro sottoinsieme Francesco Di Noto, Michele Nardelli Abstract In this paper we show some connections between semi-primes numbers and RSA numbers. Riassunto In questo

Dettagli

I NUMERI DI PADOVAN (CONNESSIONI TRA LA SERIE DI PADOVAN ED ALTRE SERIE NUMERICHE)

I NUMERI DI PADOVAN (CONNESSIONI TRA LA SERIE DI PADOVAN ED ALTRE SERIE NUMERICHE) I NUMERI DI PADOVAN (CONNESSIONI TRA LA SERIE DI PADOVAN ED ALTRE SERIE NUMERICHE) Gruppo B. Riemann Francesco Di Noto, Michele Nardelli Abstract In this paper we show some connections between Padovan

Dettagli

ESISTENZA DI INFINITI NUMERI PRIMI REGOLARI. Francesco Di Noto, Michele Nardelli. In this paper we describe about the regular prime

ESISTENZA DI INFINITI NUMERI PRIMI REGOLARI. Francesco Di Noto, Michele Nardelli. In this paper we describe about the regular prime ESISTENZA DI INFINITI NUMERI PRIMI REGOLARI Gruppo B. Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture e sulle loro connessioni

Dettagli

INFINITA DEI NUMERI PRIMI PALINDROMI DECIMALI

INFINITA DEI NUMERI PRIMI PALINDROMI DECIMALI INFINITA DEI NUMERI PRIMI PALINDROMI DECIMALI Gruppo Riemann* Nardelli Michele, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture e sulle loro connessioni

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

ESISTENZA DI NUMERI FATIDICI DISPARI. In this paper we show the odd fatidic numbers. In questo lavoro parleremo dei numeri fatidici dispari

ESISTENZA DI NUMERI FATIDICI DISPARI. In this paper we show the odd fatidic numbers. In questo lavoro parleremo dei numeri fatidici dispari ESISTENZA DI NUMERI FATIDICI DISPARI Gruppo B: Riemann* Michele Nardelli, Francesco Di Noto **Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture e sulle loro connessioni

Dettagli

3 Il problema dell impacchettamento come problema

3 Il problema dell impacchettamento come problema 3 Il problema dell impacchettamento come problema NP - Le partizioni di numeri e i Taxicab come possibili esempi di soluzione Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero Abstract In this

Dettagli

DAI NUMERI PRIMI AL BOSONE DI HIGGS TRAMITE LE SIMMETRIE

DAI NUMERI PRIMI AL BOSONE DI HIGGS TRAMITE LE SIMMETRIE DAI NUMERI PRIMI AL BOSONE DI HIGGS TRAMITE LE SIMMETRIE (numeri primi-numeri di Lie-gruppi eccezionali di Lie-simmetrieteorie di stringa-e8xe8-bosone di Higgs) Gruppo B. RIEMANN * Francesco Di Noto, Michele

Dettagli

I doppi di Fibonacci ( 2F(n) ) in fisica e. nel calcolo delle probabilità

I doppi di Fibonacci ( 2F(n) ) in fisica e. nel calcolo delle probabilità I doppi di Fibonacci ( 2F(n) ) in fisica e nel calcolo delle probabilità Gruppo B.Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro

Dettagli

CRITTOGRAFIA R.S.A. INVIOLABILE

CRITTOGRAFIA R.S.A. INVIOLABILE CRITTOGRAFIA R.S.A. INVIOLABILE Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero Abstract In this paper we show the inviolability of RSA cryptografy Riassunto In questo breve lavoro la possibile

Dettagli

TAVOLE ARITMETICHE PER ALCUNE CONGETTURE E TEOREMI SUI NUMERI PRIMI. (Goldbach, Goldbach debole, Polignac, Teorema

TAVOLE ARITMETICHE PER ALCUNE CONGETTURE E TEOREMI SUI NUMERI PRIMI. (Goldbach, Goldbach debole, Polignac, Teorema TAVOLE ARITMETICHE PER ALCUNE CONGETTURE E TEOREMI SUI NUMERI PRIMI (Goldbach, Goldbach debole, Polignac, Teorema fondamentale della fattorizzazione. Possibili connessioni con la crittografia RSA) Francesco

Dettagli

I NUMERI PERFETTI DISPARI. (proposta di dimostrazione della loro inesistenza)

I NUMERI PERFETTI DISPARI. (proposta di dimostrazione della loro inesistenza) I NUMERI PERFETTI DISPARI (proposta di dimostrazione della loro inesistenza) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto Abstract In this paper we show the inexistence of odd perfect numbers

Dettagli

Problema dell impacchettamento. (caso particolare del cubo)

Problema dell impacchettamento. (caso particolare del cubo) Problema dell impacchettamento (caso particolare del cubo) Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero Abstract In this paper we show an our idea about total packing in a cubic space Riassunto

Dettagli

CONNESSIONI MATEMATICHE PRINCIPALI TRA LE COSTANTI. Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero

CONNESSIONI MATEMATICHE PRINCIPALI TRA LE COSTANTI. Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero CONNESSIONI MATEMATICHE PRINCIPALI TRA LE COSTANTI π, Φ ed e Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero Abstract In this paper we show some connections between π, Φ and e Riassunto In questo

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

LA LEGGE DI BENFORD: CONNESSIONE CON I NUMERI DI FIBONACCI E UN APPLICAZIONE CON LE TARGHE AUTOMOBILISTICHE

LA LEGGE DI BENFORD: CONNESSIONE CON I NUMERI DI FIBONACCI E UN APPLICAZIONE CON LE TARGHE AUTOMOBILISTICHE Pagina 1 di 21 LA LEGGE DI BENFORD: CONNESSIONE CON I NUMERI DI FIBONACCI E UN APPLICAZIONE CON LE TARGHE AUTOMOBILISTICHE Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Abstract:

Dettagli

Le curve ellittiche sono un gioiello della matematica. Sono state studiate per secoli per la loro bellezza e importanza.

Le curve ellittiche sono un gioiello della matematica. Sono state studiate per secoli per la loro bellezza e importanza. Come fare soldi con le curve ellittiche L. Göttsche Le curve ellittiche sono un gioiello della matematica. Sono state studiate per secoli per la loro bellezza e importanza. È difficile spiegare la bellezza

Dettagli

FORMULE PER TROVARE NUMERI PRIMI

FORMULE PER TROVARE NUMERI PRIMI FORMULE PER TROVARE NUMERI PRIMI Ing. Pier Francesco Roggero, Dott. Michele Nardelli, Francesco Di Noto Abstract In this paper we examine in detail a class of special prime numbers. Pagina 2 di 28 Index:

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Pagina 1 di 8 LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Abstract: This paper explains that all physical constants and consequently

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Congetture matematiche ancora aperte. - I nostri principali contributi

Congetture matematiche ancora aperte. - I nostri principali contributi Congetture matematiche ancora aperte - I nostri principali contributi Autori Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero In this paper we will show our results in Number Theory and most

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

Scuola Primaria FINALE SQ. - 14/15 ESERCIZIO 1

Scuola Primaria FINALE SQ. - 14/15 ESERCIZIO 1 ESERCIZIO 1 Si ricordi che una regola di deduzione è un termine che ha la struttura: regola(,,). Tale termine indica una regola di nome che consente di dedurre

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O F A B R I Z I O F A B R I Z I O La famiglia Pratesi produce vino nella zona di Carmignano da cinque generazioni. Fu Pietro Pratesi a comprare nel 1875 la proprietà Lolocco nel cuore di Carmignano dove

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1

ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1 ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1 Sunto Lo scopo del presente articolo e quello di evidenziare alcune regolarità riscontrabili dai numeri primi; partendo dai primi gemelli

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

MATLAB:Condizionamento Sistemi Lineari.

MATLAB:Condizionamento Sistemi Lineari. 1 Francesca Mazzia Dipartimento Interuniversitario di Matematica Università di Bari MATLAB:Condizionamento Sistemi Lineari. Innanzitutto vediamo qual è la funzione Matlab che ci permette di calcolare il

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Una teoria aritmetica, o aritmetica-geometrica, per la TOE (Il principio aritmetico per le teorie di stringa, PATS, complementare al PGTS)

Una teoria aritmetica, o aritmetica-geometrica, per la TOE (Il principio aritmetico per le teorie di stringa, PATS, complementare al PGTS) Una teoria aritmetica, o aritmetica-geometrica, per la TOE (Il principio aritmetico per le teorie di stringa, PATS, complementare al PGTS) Francesco Di Noto Michele Nardelli Abstract In this work we show

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

NUOVO NUMERO PRIMO DI MERSENNE (NOSTRA PREVISIONE ATTENDIBILE. e nuova previsione per il. 50 numero primo di Mersenne) -

NUOVO NUMERO PRIMO DI MERSENNE (NOSTRA PREVISIONE ATTENDIBILE. e nuova previsione per il. 50 numero primo di Mersenne) - NUOVO NUMERO PRIMO DI MERSENNE (NOSTRA PREVISIONE ATTENDIBILE e nuova previsione per il 50 numero primo di Mersenne) - Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Abstract In

Dettagli

Connessioni tra i numeri di Bernoulli, di Eulero e di Fibonacci

Connessioni tra i numeri di Bernoulli, di Eulero e di Fibonacci Connessioni tra i numeri di Bernoulli, di Eulero e di Fibonacci Francesco Di Noto, Michele Nardelli Un approccio diverso al percorso che va da Bernoulli alla funzione zeta e poi anche alla teoria di stringa,

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10 Italiano: Explorer 10 pagina 1, Explorer 11 pagina 2 English: Explorer 10 page 3 and 4, Explorer 11 page 5. Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11 Internet Explorer 10 Con l introduzione

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

La legge astronomica di Bode e i numeri di Fibonacci

La legge astronomica di Bode e i numeri di Fibonacci La legge astronomica di Bode e i numeri di Fibonacci Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero Abstract In this paper we show the connection between planet s distance from Sun and Fibonacci

Dettagli

NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba

NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba In questo tutorial proverò a spiegare con esempio pratico le operazioni da eseguire per il rilevamento dello scostamento della

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI 3.1 CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI OSSERVATE E DISTRIBUZIONI TEORICHE OD ATTESE. Nella teoria statistica e nella pratica sperimentale, è frequente la necessità di

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Relatore Prof. Andrea Loi Tesi di Laurea

Dettagli

Coin Generation Come versare e prelevare (V.3 - aggiornata al 12 settembre 2013)

Coin Generation Come versare e prelevare (V.3 - aggiornata al 12 settembre 2013) Coin Generation Come versare e prelevare (V.3 - aggiornata al 12 settembre 2013) Questa breve guida ha lo scopo di fare chiarezza sui metodi attivi al momento per versare e prelevare da Coin Generation,

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

CONNESSIONI TRA LA SERIE DI FIBONACCI, LE FREQUENZE DI ZIPF, IL TEOREMA DI TED HILL E LE LEGGI DI SCALA

CONNESSIONI TRA LA SERIE DI FIBONACCI, LE FREQUENZE DI ZIPF, IL TEOREMA DI TED HILL E LE LEGGI DI SCALA CONNESSIONI TRA LA SERIE DI FIBONACCI, LE FREQUENZE DI ZIPF, IL TEOREMA DI TED HILL E LE LEGGI DI SCALA (Oltre che con la legge di Benford e la legge di Poisson) Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele

Dettagli

I QUADRATI MAGICI. Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pier Francesco Roggero

I QUADRATI MAGICI. Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pier Francesco Roggero I QUADRATI MAGICI Gruppo B. Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pier Francesco Roggero *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture e sulle loro connessioni

Dettagli

EMAIL MARKETING CHE FUNZIONA PDF

EMAIL MARKETING CHE FUNZIONA PDF EMAIL MARKETING CHE FUNZIONA PDF ==> Download: EMAIL MARKETING CHE FUNZIONA PDF EMAIL MARKETING CHE FUNZIONA PDF - Are you searching for Email Marketing Che Funziona Books? Now, you will be happy that

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

I N F I N I T I T R I A N G O L I. (Tk) D I T A R T A G L I A. (possibili applicazioni in geometria (k + 2) - dimensionale)

I N F I N I T I T R I A N G O L I. (Tk) D I T A R T A G L I A. (possibili applicazioni in geometria (k + 2) - dimensionale) I N F I N I T I T R I A N G O L I (Tk) D I T A R T A G L I A (possibili applicazioni in geometria (k + 2) - dimensionale) Gruppo B. Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli *Gruppo amatoriale per

Dettagli

C. & G. Agency Srl Via Novara, snc 01017 Tuscania VT Tel. 0761/096093 Fax. 0761/096106 Website: www.cegagency.it E-mail: info@cegagency.

C. & G. Agency Srl Via Novara, snc 01017 Tuscania VT Tel. 0761/096093 Fax. 0761/096106 Website: www.cegagency.it E-mail: info@cegagency. Servizi Recupero Crediti Debt Collection Services Chi Siamo C. & G. Agency Srl nasce grazie alla pluriennale esperienza maturata nel settore gestione e recupero del credito da parte del socio fondatore.

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

Prospettive filosofiche sulla pace

Prospettive filosofiche sulla pace Prospettive filosofiche sulla pace Atti del Colloquio Torino, 15 aprile 2008 a cura di Andrea Poma e Luca Bertolino Trauben Volume pubblicato con il contributo dell Università degli Studi di Torino Trauben

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Esercizi Programming Contest

Esercizi Programming Contest Esercizi Programming Contest Alberto Montresor 22 maggio 2012 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

COME UTILIZZARE ZONDLE

COME UTILIZZARE ZONDLE COME UTILIZZARE ZONDLE 1. CONOSCERE LE FUNZIONI DI BASE - entrare nel sito www.zondle.com - cliccare sul pulsante rosso JOIN FOR FREE - cliccare su I M A TEACHER - inserire uno username, una password (da

Dettagli

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 10-Il test t per un campione e la stima intervallare (vers. 1.1, 25 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia,

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

Generalizzazione della serie di Fibonacci e il paradosso dei relativi quadrati

Generalizzazione della serie di Fibonacci e il paradosso dei relativi quadrati Generalizzazione della serie di Fibonacci e il paradosso dei relativi quadrati Gruppo Eratostene Abstract In this paper we generalize the Fibonacci serie (based on couple 1; 1) to all infinite couple n;

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

Soluzioni del giornalino n. 16

Soluzioni del giornalino n. 16 Soluzioni del giornalino n. 16 Gruppo Tutor Soluzione del Problema 1 Soluzioni corrette ci sono pervenute da : Gianmarco Chinello, Andrea Conti, Simone Costa, Marco Di Liberto, Simone Di Marino, Valerio

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

ESPERIMENTO SULLA PROPORZIONALITA DIRETTA

ESPERIMENTO SULLA PROPORZIONALITA DIRETTA ESPERIMENTO SULLA PROPORZIONALITA DIRETTA Allungamento degli elastici in base alla forza esercitata Abstract (riassunto in inglese) Our group was composed by Angelica Bruscagin, Martina Scantamburlo, Francesca

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Titolo LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Autore Dove Investire Siti internet www.doveinvestire.com Servizi necessari: ADVFN dati in tempo reale gratuiti e indicatori ATTENZIONE: tutti i

Dettagli

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze 4 Esercizi Prima Parte 4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze Esercizio 4 1 Rispondere alle seguenti domande: 1. Come misuriamo l efficienza di un algoritmo?. Quali sono gli algoritmi più

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano TEORIA DEI GIOCHI Parte 1 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 10 Dicembre 2010 Che significa teoria dei giochi? Gioco: Due o più individui partono da una

Dettagli

Triangoli numerici e loro conseguenze aritmetiche su quadrati, cubi, numeri di Lie, numeri di Fibonacci, ecc.

Triangoli numerici e loro conseguenze aritmetiche su quadrati, cubi, numeri di Lie, numeri di Fibonacci, ecc. Triangoli numerici e loro conseguenze aritmetiche su quadrati, cubi, numeri di Lie, numeri di Fibonacci, ecc. Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero Abstract In questo lavoro parleremo

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Facciamo qualche precisazione

Facciamo qualche precisazione Abbiamo introdotto alcuni indici statistici (di posizione, di variabilità e di forma) ottenibili da Excel con la funzione Riepilogo Statistiche Facciamo qualche precisazione Al fine della partecipazione

Dettagli