Attività con la fune

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività con la fune"

Transcript

1 lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica Disposizione dei bambini: i bambini si dispongono a semicerchio, di fronte all insegnante e tenendo in mano la fune Fase motoria Obiettivo: familiarizzare con la fune i bambini devono camminare tenendo la fune con la mano destra, poi devono fare due giri di corsa, sempre tenendo la fune, tutti insieme. poi si fermano e devono disporsi davanti all insegnante in semicerchio. I bambini devono coordinare la propria andatura con quella degli altri, facendo attenzione a quale piede è avanti. Obiettivo: riconoscere le varie parti del corpo i bambini devono posare la fune davanti a loro. Poi devono portare la mano destra sulla fronte, toccarsi la nuca con la mano destra, poi toccarsi il petto con tutte e due le mani. Quindi riprendono la fune e ripetono i movimenti tenendola con tutte e due le mani. Obiettivo: leggere il movimento negli altri metà della classe esegue con gli occhi chiusi questi movimenti: posare la fune a terra, toccarsi la fronte con la mano destra, riprendere la fune con la mano sinistra, passare oltre la fune con la gamba sinistra, passare poi con la gamba destra e posare di nuovo la fune a terra. Quelli che osservano devono valutare se i compagni che hanno lavorato con gli occhi chiusi hanno lavorato bene. A questo punto si invertono le parti.

2 Obiettivo: eseguire in movimento le conoscenze motorie acquisite da fermi - camminare con la fune - camminare con la fronte in basso - camminare con la fronte in alto - correre con la fune - correre o camminare fermandosi con il piede destro avanti - correre o camminare fermandosi con il piede sinistro avanti - da fermi, passare la fune dalla destra alla sinistra scavalcandola - correre, fermarsi, piegare le gambe e passare la fune dalla sinistra alla destra, passandola sopra il capo - piegare le gambe e passare la fune dalla destra alla sinistra sopra il capo - appoggiare la mano in terra senza lasciare la fune, scavalcarla cambiando mano e tornare in piedi - appoggiare la mano in terra senza lasciare la fune, scavalcarla cambiando mano e tornare in piedi Fase espressivo-analogica Introduzione alle analogie: NANI - GIGANTI - CAMPANA - CAMPANARO RUOTE - BICICLETTA Fase espressiva Prima di mostrare le vignette ai bambini, l insegnante si accerta che tutti conoscano il significato dei titoli posti sotto ciascuna di esse e che tutti siano quindi ingrado di darne una rappresentazione motoria. Fase analogica Lettura e scrittura delle vignette. L'insegnante mostra le vignette ai bambini, riunendoli tutti in una parte della palestra. I bambini osservano le vignette nell'ordine suggerito dall'insegnante: arti inferiori - tronco -arti superiori - capo. A questo punto i bambini dovranno scrivere motoriamente i movimenti osservati, in una parte della palestra diversa da quella dove l'insegnante ha mostrato le vignette. Una volta eseguito il compito dovranno raggiungere di corsa il posto di lavoro vicino all'insegnante. Questo procedimento permette all'insegnante di osservare il tempo di risposta di ciascun alunno nella corretta riproduzione analogica della figura. Quando i bambini avranno raggiunto un buon livello d'esecuzione nella rappresentazione analogica ed avranno memorizzato il titolo ed il numero corrispondente di ciascuna vignetta, l'insegnante potrá far interagire questi apprendimenti, correlandoli ad altri linguaggi, come le operazioni di calcolo o la costruzione di brevi frasi che contengono quanto proposto dalle figure. Esempi di lettura 1. Arti inferiori: UNITI 2. Tronco: ERETTO 3. Arti superiori: INCROCIATI Destro SOTTO Sinistro SOPRA 4. Capo: SEGUE LA LINEA DEL BUSTO

3 ESEMPI: 4-2 = I GIGANTI (il risultato di questa operazione deve essere rappresentato motoriamente dai bambini. Inventare delle brevi storie che hanno come protagonisti le figure delle vignette apprese: i n. 2 andando per la campagna ascoltarono la n. 3 e furono curiosi di conoscere il campanaro. Questa attivitá, che costituisce un ottimo sistema di stabilizzazione degli apprendimenti motori connessi ad altri apprendimenti giá acquisiti, puó essere svolta in palestra o in aula. Fase ludica Obiettivo: rafforzare la motivazione Giochi: Staffette - Giganti Si divide la classe in due gruppi, schierati lungo una linea di partenza. A turno un bambino di ogni squadra fa un percorso con la posizione motoria rappresentata dai giganti, quando torna al punto di partenza parte il secondo bambino e così via. La stessa staffetta si può organizzare con i Nani. Oppure si può organizzare un percorso misto, con l andata da Giganti e il ritorno da Nani. Consiglio Ripetere questa prima lezione almeno due o tre volte, per far acquisire perfettamente questi meccanismi di base.

4 1 I N A N I 2 I G I G A N T I 3 L A I L C A M P A N A C A M P A N A R O E 3 L E R U O T E D I B I C I C L E T T A

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

CLASSE PRIMA SCHEDA N 1

CLASSE PRIMA SCHEDA N 1 CLASSE PRIMA SCHEDA N CHI LE REGOLE RISPETTA, CERTO VINCE E SENZA FRETTA! GLI AMICI DELLA STRADA SCEGLI E INSERISCI NEL SEMAFORO LA FORMA GEOMETRICA ESATTA, POI COMPLETA QUESTA STRATOPICA FILASTROCCA.

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Cinzia Turini Emilia Catastini A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Clima relazionale E importante costruire già dal primo giorno di scuola un

Dettagli

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen Programmare con LOGO 1 Istruzioni di base Un istruzione è un comando che il computer è in grado di capire e di

Dettagli

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test In ce di Introduzione Cos è Parla con me? pagina 4 Parla con me 2 pagina 4 Il libro di classe pagina 5. Le unità didattiche pagina 5. Le schede culturali pagina 6. La storia a fumetti pagina 6. Le appendici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI. Regolamento Nazionale Generale per le Prove di Lavoro su Ovini

REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI. Regolamento Nazionale Generale per le Prove di Lavoro su Ovini REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI Regolamento Nazionale Generale per le Prove di Lavoro su Ovini Regolamento Nazionale per Prove di Lavoro tipo Collecting Style (all inglese) Regolamento

Dettagli

MATERIALE DIAGNOSTICO od OSSERVATIVO ad uso scolastico

MATERIALE DIAGNOSTICO od OSSERVATIVO ad uso scolastico Direzione Didattica di Manzano MATERIALE DIAGNOSTICO od OSSERVATIVO ad uso scolastico PROVE COLLETTIVE PROVE INDIVIDUALI Prove di lettura MT di comprensione Prove di scrittura: Dettato Produzione scritta

Dettagli

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica Indice 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica 11 Gli uomini costruiscono la propria casa 23 I locali della casa 36 «Farsi» una casa 42 La casa e l organizzazione sociale Biblioteca

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme Percorsi interculturali di apprendimento linguistico Io e gli Altri...... In viaggio insieme 18 Io e gli Altri Attività rivolte a studenti di livello A1 1. PRESENTIAMOCI! Obiettivi generali: conoscenza

Dettagli

Imparare ad andare in Monociclo

Imparare ad andare in Monociclo Imparare ad andare in Monociclo di Andrew Carter e Klaas Bil Traduzione italiana a cura di Aldo Varotto pagina 1 di 11 Riepilogo 1. Posizionarsi accanto ad un sostegno su nua superficie piana. 2. Salire

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che 3. Tra riflessione e concretezza: la tecnica e gli altri fattori del calcio giovanile Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che rientrano nella definizione più specifica denominata

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF mobile 5 09 Hockey su ghiaccio 57 UFSPO & ASEF Virile e sottile. È questa l ambivalenza che descrive al meglio l hockey su ghiaccio. Un buon giocatore deve dar prova di presenza fisica per disfarsi dei

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Bambini con disturbo dello sviluppo della coordinazione motoria:

Bambini con disturbo dello sviluppo della coordinazione motoria: Bambini con disturbo dello sviluppo della coordinazione motoria: a casa, a scuola e nella comunità Cheryl Missiuna Lisa Rivard & Nancy Pollock McMaster University School of Rehabilitation Science 1400

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO

SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO Modulo di promozione alla salute promosso dal Dipartimento Dipendenze nell ambito della Scuola Primaria ATTIVITÀ RIVOLTE AGLI ALUNNI PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELLE LIFE SKILLS

Dettagli

Regolamento internazionale in ITALIANO per prove a squadre di Cani da soccorso della Federazione Cinologica Internazionale FCI

Regolamento internazionale in ITALIANO per prove a squadre di Cani da soccorso della Federazione Cinologica Internazionale FCI FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE (AISBL) Place Albert 1 er, 13, B 6530 Thuin (Belgique), tel :+32.71.59.12.38, fax : +32.71.59.22.29, email : http://www.fci.be Regolamento internazionale in ITALIANO

Dettagli