L AUTOTRASPORTO DI MERCI IN ITALIA DA PARTE DI IMPRESE STABILITE ALL ESTERO Il trasporto di merci su strada per conto terzi su territorio italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L AUTOTRASPORTO DI MERCI IN ITALIA DA PARTE DI IMPRESE STABILITE ALL ESTERO Il trasporto di merci su strada per conto terzi su territorio italiano"

Transcript

1 L AUTOTRASPORTO DI MERCI IN ITALIA DA PARTE DI IMPRESE STABILITE ALL ESTERO Il trasporto di merci su strada per conto terzi su territorio italiano può essere effettuato anche da imprese di autotrasporti stabilite all estero, purché nell ambito di un trasporto internazionale. Può anche trattarsi di trasporto interamente interno ai confini italiani (cabotaggio), ma in tal caso vanno rispettati limiti stringenti. Esaminiamo di seguito le autorizzazioni e gli altri documenti che l autotrasportatore deve tenere a bordo del veicolo ed esibire a richiesta degli agenti italiani preposti al controllo, nonché le sanzioni cui può andare incontro in caso di mancata esibizione degli stessi. 1) LE AUTORIZZAZIONI E GLI ALTRI DOCUMENTI DA TENERE A BORDO DEL VEICOLO a) La licenza comunitaria Il regolamento CE n. 1072/2009 (che dal sostituisce il regolamento CE n. 881/1992) disciplina la licenza comunitaria per il trasporto internazionale di merci su strada per conto terzi, con la quale ciascuna impresa di autotrasporto avente stabilimento in uno Stato membro può svolgere la propria attività in tutto il territorio UE, salve alcune limitazioni. La licenza è necessaria solo per trasporti di merci con autoveicoli il cui peso massimo a carico ammissibile, compreso quello dei rimorchi, superi le 3,5 tonnellate. Se, invece, il peso massimo è pari o inferiore a 3,5 tonnellate, il trasporto non richiede la licenza comunitaria e l art. 1.5, lett. c), del regolamento CE n. 1072/2009 lo esenta espressamente da ogni speciale autorizzazione per il trasporto internazionale intracomunitario. La licenza comunitaria è rilasciata dalle autorità competenti dello Stato membro di stabilimento dell impresa di autotrasporti. La licenza è unica per ciascuna impresa, perciò occorre chiedere il rilascio di un numero di copie certificate conformi corrispondente al numero di veicoli (immatricolati in ambito UE) di cui l impresa di autotrasporti disponga, anche a titolo di noleggio, leasing o altro. A bordo di ciascun veicolo deve, infatti, trovarsi una copia certificata conforme della licenza

2 comunitaria, che va esibita a richiesta degli agenti preposti al controllo (art. 4.6 del regolamento CE n. 1072/2009). La licenza comunitaria è necessaria per i soli veicoli a motore e, perciò, in caso di complesso veicolare, va tenuta a bordo del trattore stradale ed estende i suoi effetti anche al rimorchio o semirimorchio. Solo per il trattore stradale è necessaria l immatricolazione in uno Stato membro, mentre il rimorchio o semirimorchio può anche essere immatricolato in uno Stato terzo. b) L attestato di conducente Per quanto riguarda i conducenti di veicoli che effettuano trasporti intracomunitari di merci su strada per conto terzi, è ovviamente necessario che essi dispongano di idonea partente di guida, valida per l Europa. Oltre alla patente, i soli conducenti che non siano cittadini di uno Stato membro necessitano altresì dell attestato di conducente previsto dall art. 5 del regolamento CE n. 1072/2009. L attestato di conducente è rilasciato all impresa di autotrasporti (e non al conducente stesso) dalle autorità competenti del suo Stato membro di stabilimento. Si tratta di un documento nominativo, che identifica l impresa di autotrasporti ed il conducente e certifica la regolarità del relativo rapporto di lavoro. Occorre, pertanto, richiedere un attestato e una copia certificata conforme per ogni conducente extracomunitario alle dipendenze dell impresa di autotrasporti. L attestato va tenuto in originale a bordo del veicolo guidato dal conducente extracomunitario ed esibito a richiesta degli agenti preposti al controllo, mentre la copia certificata conforme va conservata nei locali dell impresa. c) Contratto di noleggio e contratto di lavoro del conducente L art. 2 della direttiva CE 2006/1 impone a ciascuno Stato membro di consentire alle imprese di autotrasporti stabilite in altri Stati membri l utilizzazione nel suo territorio di veicoli presi a noleggio (o in leasing) senza conducente, a condizione che tali veicoli siano guidati da personale proprio della stessa impresa che li utilizza. A bordo del veicolo devono trovarsi i seguenti documenti:

3 - contratto di noleggio (o di leasing) o estratto autenticato del contratto contenente in particolare il nome del noleggiante, il nome del noleggiatore, la data e la durata del contratto e l identificazione del veicolo; - contratto di lavoro del conducente o estratto autenticato del contratto, contenente in particolare il nome del datore di lavoro, il nome del dipendente, la data e la durata del contratto di lavoro, o un foglio paga recente. A seguito di questa direttiva, lo Stato italiano si è limitato ad emanare una circolare ministeriale (la n. 63/M4 del del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti) ribadendo l obbligo di tenere a bordo del veicolo noleggiato il relativo contratto di noleggio e il contratto di lavoro del conducente. Sennonché, le circolari ministeriali non sono fonti normative e, quindi, non sono idonee ad implementare le norme di una direttiva che, come noto, vincola esclusivamente gli Stati membri e non può in alcun caso essere invocata quale atto dotato di efficacia diretta a carico dei privati. Può, però, ritenersi che l ordinamento italiano fosse già preconformato alla direttiva e non fosse, perciò, tenuto a darvi ulteriore implementazione, in quanto già il D.M. n. 601 del prevedeva all art. 4 l obbligo di tenere a bordo del veicolo noleggiato il relativo contratto di noleggio e il contratto di lavoro del conducente, entrambi in originale o copia autentica. Di conseguenza, al fine di evitare probabili contestazioni, è opportuno tenere sempre tali documenti a bordo del veicolo noleggiato. d) Documentazione relativa all attività di cabotaggio La licenza comunitaria consente anche, ai sensi degli artt. 8 e 9 del regolamento CE n. 1072/2009, l attività di cabotaggio stradale di merci, ossia la prestazione di servizi di trasporto di merci su strada per conto terzi entro i confini di uno Stato membro diverso da quello di stabilimento dell impresa comunitaria. Il cabotaggio si distingue dal trasporto internazionale intracomunitario, in quanto si svolge interamente all interno dei confini di un unico Stato membro (diverso da quello di stabilimento).

4 Il cabotaggio stradale di merci è consentito soltanto in via temporanea e resta soggetto a varie limitazioni quantitative Il primo limite deriva dalla necessità che la presenza del veicolo all interno dello Stato membro ospitante si giustifichi in forza di un precedente trasporto internazionale. Gli altri limiti (quantitativi) si differenziano a seconda che lo Stato membro ospitante sia quello di destinazione del precedente trasporto internazionale o sia uno Stato diverso. Nel primo caso, il co. I dell art. 8.2 del regolamento CE n. 1072/2009 circoscrive la durata complessiva dell attività di cabotaggio ad un arco temporale massimo di sette giorni dall ultimo scarico relativo al trasporto internazionale e fissa un limite di tre operazioni consentite in detto arco temporale. Nel secondo caso, il co. II stabilisce che possa essere effettuata un unica operazione entro tre giorni dall ingresso del veicolo vuoto nel territorio dello Stato membro ospitante, ferma la possibilità di effettuare altre due operazioni in diversi Stati membri, il tutto sempre nell arco temporale massimo di sette giorni dall ultimo scarico relativo al trasporto internazionale. Il rispetto dei suddetti limiti quantitativi deve essere rigorosamente documentato. In Italia, non è più richiesto che le annotazioni avvengano in un apposito libretto dei resoconti. Tuttavia, il D.M , in conformità con l art. 8.3 del regolamento CE n. 1072/2009, continua a richiedere il possesso di documentazione che attesti il trasporto internazionale in entrata e che, per ogni operazione di cabotaggio, riporti almeno: - il nome, l'indirizzo e la firma del mittente; - il nome, l'indirizzo e la firma del trasportatore; - il nome e l'indirizzo del destinatario, nonché la sua firma e la data di consegna una volta che le merci siano state consegnate; - il luogo e la data di presa in consegna delle merci e il luogo di consegna previsto; - la descrizione della merce e del suo imballaggio nella terminologia comune e, per le merci pericolose, la denominazione generalmente riconosciuta, nonché il numero di colli, i contrassegni speciali ed i numeri riportati su di essi;

5 - il peso lordo o la quantità, altrimenti espressa, delle merci; - il numero di targa del veicolo a motore e del rimorchio. Le limitazioni quantitative di cui sopra ed il correlato obbligo di documentazione vengono meno qualora l attività di cabotaggio sia svolta nell ambito di un trasporto combinato (intermodale) di merci. Volendo incentivare l intermodalità dei trasporti quale possibile rimedio ai problemi connessi alla congestione del traffico stradale, alla tutela dell'ambiente e alla sicurezza della circolazione, infatti, la legislazione europea ha liberalizzato da ogni restrizione quantitativa il trasporto combinato di merci. La direttiva CEE n. 92/106, recepita in Italia con D.M. del , deroga in forza del criterio di specialità alla normativa generale sul cabotaggio stradale di merci, rimuovendo tutte le limitazioni quantitative previste dal regolamento CE n. 1072/2009 e dal D.M , a condizione che vengano rispettati alcuni presupposti di applicabilità. Presupposto fondamentale è, in primo luogo, la combinazione della modalità di trasporto terrestre con quella ferroviaria e/o marittima o per via navigabile interna. In secondo luogo, il contenitore trasportato deve essere pari o superiore a venti piedi. Gli ulteriori presupposti differiscono a seconda che si tratti di un trasporto combinato nave-gomma o rispettivamente ferrovia-gomma: - nel trasporto combinato nave-gomma, il tratto su nave deve essere di almeno 100 km in linea d aria, mentre quello su gomma deve essere al massimo di 150 km in linea d aria tra il punto di inizio o di termine del viaggio su gomma ed il porto. - nel trasporto combinato ferrovia-gomma, il tratto ferroviario deve essere di almeno 100 km in linea d aria, mentre quello su strada deve essere il tragitto più breve tra il luogo di inizio o di termine del viaggio su gomma e la più vicina stazione ferroviaria appropriata. Per quanto concerne il trasporto combinato ferrovia-gomma, deve ritenersi che la dizione «appropriata stazione ferroviaria» di cui all art. 1 della direttiva CEE n. 92/106 sia riferibile alle sole stazioni ferroviarie multimodali che, in relazione alle circostanze del caso, risultino

6 concretamente idonee quale punto di inizio o di termine del tragitto ferroviario. I presupposti applicativi della normativa speciale sono, pertanto, rispettati anche se vi siano altre stazioni ferroviarie più vicine al punto di inizio o di termine del viaggio su gomma, ma esse non risultino concretamente funzionali all intermodalità del trasporto. Vale la pena notare che spetta all autotrasportatore dimostrare la ricorrenza dei presupposti di applicabilità della disciplina speciale sul trasporto combinato di merci: in mancanza, restano ferme le limitazioni quantitative per il cabotaggio stradale ed il correlato obbligo di documentazione. e) L autorizzazione CEMT La licenza comunitaria non viene in rilievo per quei trasporti internazionali di merci su strada per conto terzi che interessino anche paesi extra UE (ossia con partenza, transito o destinazione in Stati extracomunitari). Per essere abilitati ad effettuare questo tipo di trasporti è necessario disporre di apposita autorizzazione, disciplinata sulla base di accordi internazionali bilaterali o multilaterali. Tra gli accordi multilaterali, il più importante è quello istitutivo della Conferenza Europea dei Ministri dei Trasporti (CEMT), cui appartengono anche Stati non aderenti all UE. Tale accordo prevede un regime contingentato di autorizzazioni per le imprese di autotrasporti stabilite e che operino con veicoli immatricolati in uno degli Stati parti dell accordo stesso. La merce caricata può, peraltro, avere un origine diversa rispetto allo Stato di carico. Le autorizzazioni sono rilasciate dalle autorità competenti dello Stato parte di immatricolazione del veicolo a motore ed estende i suoi effetti anche all eventuale rimorchio o semirimorchio. È importante tenere presente che, in caso di complesso veicolare, sia il trattore stradale che il rimorchio o semirimorchio devono essere immatricolati in uno Stato parte della CEMT. L autorizzazione CEMT, con validità mensile od annuale, può essere utilizzata per un solo veicolo alla volta e deve trovarsi in originale (non è sufficiente una copia certificata conforme) a bordo dello stesso tra il luogo di carico e quello di scarico, nonché durante tutto il percorso in

7 caso di viaggio a vuoto. Oltre all originale dell autorizzazione, a bordo del veicolo devono essere presenti un certificato di conformità alle norme tecniche sulle emissioni e sulla sicurezza e un analogo certificato di conformità per l eventuale rimorchio o semirimorchio. L autorizzazione CEMT è, inoltre, accompagnata da un libretto di viaggio, dove vanno annotati in ordine cronologico tutti i tragitti (anche in caso di viaggio a vuoto) effettuati in forza dell autorizzazione. 2) LE SANZIONI a) Le sanzioni pecuniarie L art. 16 del regolamento CE n. 1072/2009 stabilisce che, in caso di infrazione delle relative disposizioni, siano gli Stati membri a stabilire ed applicare le conseguenti sanzioni. In Italia, l art. 46 della legge n. 298/1974 punisce il trasporto di cose per conto terzi effettuato in difetto di licenza o di autorizzazione, oppure violando i limiti stabiliti nella licenza o nell autorizzazione, anzitutto con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma compresa tra 2.065,00 ed ,00 (ma, in caso di reiterazione nel quinquennio, la sanzione sarà compresa tra 2.582,00 ed ,00). A ciò si aggiunge la sanzione del fermo amministrativo del veicolo, di cui parleremo infra. Inoltre, l art. 46-bis della stessa legge punisce specificamente le violazioni della disciplina comunitaria e nazionale sul cabotaggio stradale di merci, anzitutto con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma compresa tra 5.000,00 ed ,00. Anche in questo caso si aggiunge la sanzione del fermo amministrativo del veicolo, di cui parleremo infra. Con riferimento alla sanzione prevista dall art. 46 (ma si deve ritenere che la stessa cosa valga per quella prevista dall art. 46-bis), l art. 60, co. IV, della stessa legge n. 298/1974, stabilisce che, qualora l infrazione sia commessa da veicolo immatricolato all estero esercente attività di autotrasporto internazionale o di cabotaggio, si applica quanto previsto dall art. 207 c.d.s. e, quindi, il trasgressore straniero viene ammesso ad effettuare immediatamente a mani dell agente accertatore il pagamento in misura ridotta, ossia in misura pari al minimo edittale.

8 Questo pagamento avviene a titolo di oblazione e comporta, dunque, un riconoscimento di responsabilità, con conseguente preclusione di una successiva impugnazione. Lo stesso art. 207 c.d.s. prosegue stabilendo che, qualora il trasgressore straniero non si avvalga della facoltà di oblazione, egli dovrà comunque versare immediatamente all agente accertatore una somma di denaro a titolo di cauzione (e ciò mantenendo la possibilità di proporre successiva impugnazione): in caso di immatricolazione del veicolo in altro Stato membro dell UE o aderente all accordo SEE, la somma da versare a titolo di cauzione è pari al minimo edittale; in caso contrario, è pari alla metà del massimo edittale. È bene farsi rilasciare una quietanza in cui si specifichi che il pagamento avviene a titolo di cauzione, con riserva di impugnare il provvedimento sanzionatorio, e non già a titolo di oblazione, quindi senza riconoscimento alcuno di responsabilità. Il mancato pagamento della cauzione comporta il fermo amministrativo del veicolo fino all effettivo pagamento e, comunque, per un periodo di tempo non superiore a sessanta giorni. Questo fermo amministrativo viene applicato non già a titolo sanzionatorio, ma a fini esclusivamente cautelari. Le modalità esecutive, nondimeno, sono le medesime del fermo amministrativo sanzionatorio. Non è chiaro se il periodo di fermo amministrativo cautelare si sommi a quello del fermo amministrativo sanzionatorio o se, al contrario, concorra con quest ultimo. La diversa finalità dei due istituti induce a ritenere che, trascorsi i sessanta giorni previsti dalla norma, vengano meno le esigenze cautelari che giustificavano il fermo di cui all art. 207 c.d.s.; sicché quest ultimo non potrebbe aggiungersi al periodo di fermo sanzionatorio. Alcuni comandi di polizia stradale, tuttavia, propendono per la soluzione interpretativa opposta e, per consentire il recupero del veicolo dopo lo spirare del fermo amministrativo sanzionatorio, richiedono al trasgressore di pagare comunque la cauzione. b) Il fermo amministrativo e la confisca del veicolo L art. 46 della legge n. 298/1974 punisce il trasporto di cose per conto terzi effettuato in difetto di licenza o di autorizzazione, oppure

9 violando i limiti stabiliti nella licenza o nell autorizzazione, oltre che con la sanzione amministrativa pecuniaria di cui sopra, anche con la sanzione del fermo amministrativo del veicolo per un periodo di tre mesi. In caso di reiterazione, si applica la più grave sanzione della confisca del veicolo. Inoltre, l art. 46-bis della stessa legge punisce specificamente le violazioni della disciplina comunitaria e nazionale sul cabotaggio stradale di merci, oltre che con la sanzione amministrativa pecuniaria di cui sopra, anche con la sanzione del fermo amministrativo del veicolo per un periodo di tre mesi. In caso di reiterazione, il periodo di fermo amministrativo sale a sei mesi. Il fermo amministrativo sia che abbia natura sanzionatoria ai sensi degli artt. 46 e 46-bis della legge n. 298/1974, sia che abbia natura cautelare ai sensi dell art. 207 c.d.s. viene eseguito mediante affidamento in custodia del veicolo a una delle autorimesse che abbiano raggiunto specifici accordi con la prefettura competente. Nell ambito di tali accordi, le prefetture dovrebbero concordare con queste autorimesse delle tariffe determinate; ma spesso accade che per la custodia del veicolo esse pretendano di cifre esorbitanti, al cui pagamento resta però condizionata la restituzione del mezzo. È in ogni caso consigliabile che il trasgressore prenda autonomi accordi con un autorimessa di fiducia e, con l assenso di quest ultima, chieda alla polizia stradale il trasferimento della custodia del veicolo. Normalmente tale trasferimento viene autorizzato soltanto se la nuova autorimessa si trova in territorio italiano. In alcuni casi è, invece, stata concessa la custodia all estero, anche presso la sede del trasgressore, ma il veicolo è stato comunque restituito senza documenti di circolazione (trattenuti dalla polizia stradale fino allo spirare del fermo amministrativo) e con una semplice autorizzazione a raggiungere il luogo di custodia per il più breve tragitto possibile. È bene ricordare che il fermo amministrativo interessa solo il veicolo (compreso il rimorchio o semirimorchio in caso di complesso veicolare), ma non le merci trasportate, che potranno in ogni momento essere recuperate, previo accordo con il custode del mezzo.

10 Quando venga applicata la più grave sanzione accessoria della confisca, il veicolo viene immediatamente sequestrato ed è soggetto a espropriazione da parte dello Stato mediante provvedimento prefettizio. In tal caso, non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta. Durante il sequestro e fino al provvedimento di confisca, il veicolo resta depositato presso una delle autorimesse che abbiano raggiunto specifici accordi con la prefettura competente. Poiché incomberà sul trasgressore l obbligo di pagare il corrispettivo, è anche in questa ipotesi consigliabile prendere autonomi accordi con un autorimessa di fiducia. Ci si dovrà, in ogni caso, preoccupare del recupero delle merci trasportate. c) Limiti di applicabilità delle sanzioni La Corte di Cassazione, con sentenza n del , ha ritenuto che l art. 46 della legge n. 298/1974 si limiti a sanzionare il trasporto effettuato in difetto di rilascio della relativa autorizzazione, non anche il mancato materiale possesso della stessa autorizzazione a bordo del veicolo. Si tratta di una pronuncia finora isolata, ma non si rinvengono precedenti contrari a livello fi giurisprudenza di legittimità. Secondo la Corte di Cassazione, non si può sanzionare allo stesso modo il mancato possesso di un documento autorizzativo e la sua mancata detenzione contingente, perché ciò significherebbe trattare allo stesso modo due situazioni con un grado di lesività assai differente. Lo conferma il fatto che «il legislatore, quando ha voluto punire non solo il mancato rilascio di un qualche documento, ma anche il suo mancato possesso, lo ha sempre fatto in modo inequivoco, applicando alle distinte fattispecie diverse sanzioni, come nel caso paradigmatico della patente di guida». Di conseguenza, l art. 46 della legge n. 298/1974 non potrebbe essere applicato in caso di mancata detenzione dell autorizzazione a bordo del veicolo e, non essendo contemplate dall ordinamento italiano ipotesi sanzionatorie adeguate, questo tipo di infrazioni dovrebbe per conseguenza restare privo di sanzione. La sentenza della Corte di Cassazione riguardava un ipotesi in cui l autotrasportatore straniero non recava a bordo del veicolo copia

11 certificata conforme della licenza comunitaria, di cui aveva però dimostrato il rilascio in data antecedente l infrazione. Deve ritenersi che lo stesso ragionamento possa estendersi anche all ipotesi di mancata detenzione a bordo del veicolo dell autorizzazione CEMT, purché si dimostri il suo rilascio in data antecedente l infrazione e si dia altresì prova del fatto che nessun altro veicolo circolasse contemporaneamente con l autorizzazione a bordo. Più complicato è estendere il ragionamento della Corte di Cassazione all ipotesi di mancata detenzione a bordo del veicolo degli altri documenti eventualmente necessari, quali l attestato di conducente, il contratto di noleggio, il contratto di lavoro del conducente e la documentazione relativa all attività di cabotaggio. Tra questi documenti, soltanto l attestato di conducente è rilasciato da una pubblica autorità e la sua data non può, pertanto, essere contestata. Per gli altri documenti, invece, trattandosi di mere scritture private, è consigliabile effettuare una copia notarile o adottare altri accorgimenti idonei a conferirvi certezza della data, altrimenti potrà essere contestata la loro anteriorità rispetto all infrazione. In ogni caso, le prefetture sono solite contestare che la mancata detenzione di questi documenti a bordo del veicolo non è parificabile alla mancata detenzione dell autorizzazione, ma va invece qualificata come violazione dei limiti stabiliti dall autorizzazione stessa: ipotesi sanzionata autonomamente dallo stesso art. 46 della legge n. 298/1974. In tal caso si potrà replicare che, pur trattandosi di situazione differente rispetto a quella su cui si è pronunciata la Corte di Cassazione, il suo insegnamento va comunque rispettato: se si sanzionassero allo stesso modo situazioni assai eterogenee come il difetto di titolarità dei documenti necessari e la loro mancata detenzione contingente a bordo del veicolo, se ne avrebbe una violazione del principio di eguaglianza e di razionalità normativa di cui all art. 3 della Costituzione. Avv. Paolo Zucconelli Avv. Luca Andretto

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 12 Informativa OGGETTO: Circolazione stradale. C.d.S. - Leggi Complementari D.L.

Dettagli

Stati membri della CEMT: Manuale d uso delle autorizzazioni CEMT (2009) capitolo 4, 5.

Stati membri della CEMT: Manuale d uso delle autorizzazioni CEMT (2009) capitolo 4, 5. - TRASPORTO INTERNAZIONALE - RELAZIONI DI TRAFFICO INTERNAZIONALI CHE CONSENTONO LA LOCAZIONE DEI VEICOLI SENZA CONDUCENTE di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** In ambito internazionale la locazione di

Dettagli

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO

Dettagli

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino La licenza comunitaria (al pari della analoga licenza SEE) consente anche l effettuazione dei trasporti di cabotaggio. L

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con il Decreto Ministeriale 15 febbraio 2001, n. 28T, il Ministero dei Trasporti ha recepito la Direttiva

Dettagli

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza DIREZIONE CENTRALE PER LA POLIZIA STRADALE, FERROVIARIA, DELLE COMUNICAZIONI E PER I REPARTI SPECIALI DELLA POLIZIA DI STATO Ministero delle

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

!!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#!

!!#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! !!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA

Dettagli

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO Premesso che per effettuare qualsiasi autotrasporto

Dettagli

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA Testo vigente dell art. 202, D.Lgs. 4 luglio 2006, n. 223 (Codice della Strada) (a seguito delle modifiche apportate dal D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

B - IL TRASPORTO MERCI

B - IL TRASPORTO MERCI B - IL TRASPORTO MERCI 1 - INDICARE L ESATTO GRUPPO DI ATTRIBUZIONI DEL COMITATO CENTRALE ALBO AUTOTRASPORTATORI DI COSE IN CONTO TERZI FRA LE VARIE PREVISTE DALLA LEGGE N. 298/74. A - CURARE LA FORMAZIONE,

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti COMMISSIONE PROVINCIALE D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ATTIVITÀ DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

L AGGANCIAMENTO MISTO NEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA

L AGGANCIAMENTO MISTO NEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA L AGGANCIAMENTO MISTO NEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA di Maurizio PIRAINO * Quando si effettua un trasporto internazionale di merci su strada per conto di terzi in ambito comunitario, nel

Dettagli

Autotrasporto SCHEDA PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI

Autotrasporto SCHEDA PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI Autotrasporto SCHEDA PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI A cura di Franco Medri* Il regolamento CE n. 561 del 15 marzo 2006 (modifica i regolamenti del Consiglio CEE n. 3821/85 e CE n. 2135/98

Dettagli

Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto

Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto CRONOLOGIA DELLE NORME EUROPEE Regolamento n. 543/69/CE (G.U.C.E. n. L 77 del 29 marzo 1969); Accordo Europeo 1 luglio 1970 (AETR);

Dettagli

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri*

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* Premessa: le parti evidenziate in rosso non sono ancora entrate in vigore se non dopo la pubblicazione

Dettagli

GRUPPO B2015 1. L Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi è A) l elenco dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi B) l Albo dove vengono iscritti coloro che hanno superato

Dettagli

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI CIRCOLARE INFORMATIVA Alla Clientela Collaboratori Soggetti interessati Autotrasporto - Liberalizzazione tariffaria Decreto Legislativo 21.11.2005, n. 286, su G.U. n. 6 del 9.1.2006. Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009 Luglio 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

La riforma dell autotrasporto per conto terzi

La riforma dell autotrasporto per conto terzi La riforma dell autotrasporto per conto terzi Milano, 11 luglio 2007, Hotel dei Cavalieri dott. Paolo Stella I decreti attuativi che completano la riforma prevista dal D.Lgs. 286/2005 Con il decreto dirigenziale

Dettagli

Ispezioni e ricorsi i casi in azienda. Tempi di guida e Orario di lavoro : le ispezioni nell autotrasporto

Ispezioni e ricorsi i casi in azienda. Tempi di guida e Orario di lavoro : le ispezioni nell autotrasporto Ispezioni e ricorsi i casi in azienda Tempi di guida e Orario di lavoro : le ispezioni nell autotrasporto a cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DPL Modena Le ispezioni del lavoro nelle

Dettagli

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri.

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri. Ministero dell'interno e Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Circolare n. 300/A/10/108/13/1 e Prot. n. 74491 del 15 settembre 2010) Legge 29 luglio 2010, n.120, recante "Disposizioni in materia

Dettagli

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI TRASPORTO MERCI Roma, 14 luglio 2006 Circ. del Ministero dell'interno N. 300/A/1/52609/108/13/7 Il Decreto Legislativo 21.11.05, n. 286, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9.1.06 n. 6, dando attuazione

Dettagli

RIMINI 4 e 5 Giugno 2008 AUTOTRASPORTO DI MERCI

RIMINI 4 e 5 Giugno 2008 AUTOTRASPORTO DI MERCI RIMINI 4 e 5 Giugno 2008 AUTOTRASPORTO DI MERCI Una pesante realtà spesso trascurata Consistenza al 2007 autotrasporto merci Parco veicolare 4.179.659 (pari a 4.500 Km di strada) Imprese 111.445 In Italia

Dettagli

Prot. n. 5681 R.U. Roma, 16 marzo 2015

Prot. n. 5681 R.U. Roma, 16 marzo 2015 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione generale per il trasporto stradale e per l'intermodalità Divisione

Dettagli

DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI

DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI REGIONE CAMPANIA COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI B01 - L Albo degli

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009 Settembre 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX. COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.N 051-6622418 Legge n. 98 del 09 agosto 2013 di conversione del decreto legge

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU REGOLAMENTO PER L AUTOTRASPORTO SU STRADA DI COSE C/PROPRIO

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU REGOLAMENTO PER L AUTOTRASPORTO SU STRADA DI COSE C/PROPRIO PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU REGOLAMENTO PER L AUTOTRASPORTO SU STRADA DI COSE C/PROPRIO Data emissione documento: 23/06/2009 INDICE Art. 1 Oggetto...pag. 2 Art. 2 Definizione... 2 Art.

Dettagli

Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio

Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio 1 Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio Studio sul Trasporto Merci Il trasporto merci su strada è una materia molto complessa, che fa riferimento alla Legge numero 298 del 06.06.1974 ancora

Dettagli

NUOVO OBBLIGO DI ANNOTAZIONE SULLA CARTA DI CIRCOLAZIONE E NELL ARCHIVIO NAZIONALE DEI VEICOLI, A DECORRERE DAL 3 NOVEMBRE 2014

NUOVO OBBLIGO DI ANNOTAZIONE SULLA CARTA DI CIRCOLAZIONE E NELL ARCHIVIO NAZIONALE DEI VEICOLI, A DECORRERE DAL 3 NOVEMBRE 2014 NUOVO OBBLIGO DI ANNOTAZIONE SULLA CARTA DI CIRCOLAZIONE E NELL ARCHIVIO NAZIONALE DEI VEICOLI, A DECORRERE DAL 3 NOVEMBRE 2014 L art. 94, co. 4-bis del Codice della strada (D.Lgs. 285/1992), introdotto

Dettagli

Via Monzambano, 10 00185 ROMA

Via Monzambano, 10 00185 ROMA Prot. n. 3756 All'ANAS SpA Via Monzambano, 10 00185 ROMA All'AISCAT SpA Via Donizetti, 10 00198 ROMA Alle Amministrazioni Regionali e Province Autonome LORO SEDI Alle Amministrazioni Provinciali LORO SEDI

Dettagli

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Francesca Belinghieri 13 maggio 2013 Andamento e modalità del trasporto delle merci in Italia,

Dettagli

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N.

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. - TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. 286 di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE 26 marzo 1992, n. 881/92/CEE * (G.U. - 2a s.s. n. 4 del 18.6.1992)

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE 26 marzo 1992, n. 881/92/CEE * (G.U. - 2a s.s. n. 4 del 18.6.1992) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE 26 marzo 1992, n. 881/92/CEE * (G.U. - 2a s.s. n. 4 del 18.6.1992) relativo all'accesso al mercato dei trasporti di merci su strada nella Comunità effettuati

Dettagli

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE Circolare 21 del 3 novembre 2014 Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza... 2 3 Ambito soggettivo... 3 3.1 Soggetti legittimati

Dettagli

PRONTUARIO PER MINI CORSO

PRONTUARIO PER MINI CORSO PRONTUARIO PER MINI CORSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO CON ALLEGATA RELATIVA TABELLA SIA PER TEMPI CHE PER INFRAZIONI Art. 174 del Codice della Strada modificato dalla Legge 120 del 29/07/2010 in vigore

Dettagli

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA NORMATIVA E SANZIONI MAGGIO 2013 A cura dell Ufficio Relazioni Industriali Faccioli Chiara - Padovani Carlo 6 SOMMARIO 1. Ambito di applicazione 2. Il tempo di guida 3.

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Padova, 19 luglio 2009 Spettabili CLIENTI LORO SEDI Scheda di trasporto Dal 19 luglio 2009 è obbligatoria la "scheda di trasporto da compilare a cura del committente e conservare a bordo del

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

Provincia di Viterbo Esame 264/91- Sessione anno 2009

Provincia di Viterbo Esame 264/91- Sessione anno 2009 Provincia di Viterbo Esame 264/91- Sessione anno 2009 Trasporto Merci Le imprese che svolgono il trasporto di cose in conto proprio, al rilascio della prima licenza sono : A Iscritte in una sezione separata

Dettagli

D.Lgvo 4.8.2008, n.144 su G.U. n.218 del 17.9.2008.

D.Lgvo 4.8.2008, n.144 su G.U. n.218 del 17.9.2008. ORARIO DI LAVORO DELLE PERSONE CHE EFFETTUANO OPERAZIONI MOBILI DI AUTOTRASPORTO PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI ATTUAZIONE DIRETTIVA 2002/15/CE ATTESTAZIONE DI ATTIVITA PER LE ASSENZE DEGLI

Dettagli

PROVINCIA DI COMO COMANDO POLIZIA LOCALE. Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30%

PROVINCIA DI COMO COMANDO POLIZIA LOCALE. Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30% COMANDO POLIZIA LOCALE Chi può beneficiare della riduzione Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30% Il trasgressore, il proprietario del veicolo o qualsiasi altro obbligato in solido può pagare

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa.

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa. LA CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE Campi di applicazione, esenzioni, obblighi, corsi di formazione, decorrenze e tutto quello che c è da sapere sulla CQC *Di Franco Medri Con la pubblicazione della

Dettagli

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Due profili identificano l applicazione dell articolo 167 (Trasporto di cose su veicoli a motore

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 121 Operativa OGGETTO: Circolazione stradale. Riforma C.d.S. Legge 15 luglio 2009, n. 94

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO Il Giudice di Pace della VIII sezione civile di Palermo, Dott. Vincenzo Vitale ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Aggiornato con le disposizioni della legge 218/2003 disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus

Dettagli

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 11 6 AGOSTO 2009 La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri

Dettagli

RICCIONE ASPETTI CRITICI IN MATERIA DI PAGAMENTO DEL MINIMO EDITTALE RIDOTTO DEL 30% 20 SETTEMBRE 2013. Giuseppe Carmagnini

RICCIONE ASPETTI CRITICI IN MATERIA DI PAGAMENTO DEL MINIMO EDITTALE RIDOTTO DEL 30% 20 SETTEMBRE 2013. Giuseppe Carmagnini RICCIONE 20 SETTEMBRE 2013 ASPETTI CRITICI IN MATERIA DI PAGAMENTO DEL MINIMO EDITTALE RIDOTTO DEL 30% Giuseppe Carmagnini Per le violazioni per le quali il presente codice stabilisce una sanzione amministrativa

Dettagli

B - IL TRASPORTO MERCI

B - IL TRASPORTO MERCI B - IL TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A. - QUALSIASI IMPRESA ESTERA PUO ESSERE ISCRITTA ALL ALBO PURCHE ESISTA ACCORDO DI RECIPROCITA NELLO STATO DI

Dettagli

ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA. Cronologico atti da espletare

ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA. Cronologico atti da espletare ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA Cronologico atti da espletare 1. Fermare i veicoli da sottoporre a controllo nei modi previsti dalla Legge; 2. farsi consegnare i documenti di guida del

Dettagli

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada

Dettagli

dalla notifica del verbale n. 8763/2005, i dati personali e della patente del conducente, con

dalla notifica del verbale n. 8763/2005, i dati personali e della patente del conducente, con Sentenza n.360/05 Deciso il 22/12/05 Deposito il 02/02/06 Circolazione stradale Sanzioni - Contravvenzione per eccesso di velocità Contestazione in differita senza accertamento dell identità del conducente

Dettagli

ANVU ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE POLIZIA LOCALE D ITALIA

ANVU ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE POLIZIA LOCALE D ITALIA ANVU ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE POLIZIA LOCALE D ITALIA "Art. 202 Pagamento in misura ridotta 1. Per le violazioni per le quali il presente codice stabilisce una sanzione amministrativa pecuniaria, ferma

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE Art. 5 Legge 15 gennaio 1992 n. 21 Approvazione deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti:

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti: PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA, E IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) D.lgs. 286/2005 in recepimento della Direttiva Comunitaria 2003/59/CE

CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) D.lgs. 286/2005 in recepimento della Direttiva Comunitaria 2003/59/CE POLIZIA LOCALE MILANO SERVIZIO RADIOMOBIE Commissario Agg. Massimo Cuzzoni FOXPOL LOMBARDIA Associazione di Polizia Locale CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) D.lgs. 286/2005 in recepimento della

Dettagli

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali d Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali I principi fondamentali della norma Il primo punto di riferimento in relazione alle

Dettagli

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO Che cos'è. Si tratta di un documento che permette di risalire in modo certo ai diversi soggetti della filiera del trasporto, cui sono imputabili le responsabilità

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME - SESSIONE 2007 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME - SESSIONE 2007 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA DI ROMA Servizio 2 Vigilanza sulle attività di motorizzazione civile e autotrasporto Dipartimento XIV Governo della mobilità e della sicurezza stradale Viale Villa Pamphili 84 00152 ROMA - Fax:

Dettagli

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Provinciale 27100 PAVIA Viale Montegrappa 15 Tel (0382) 433111 Fax (0382) 578504 E Mail : m.carvani@cnapavia.it OGGETTO: Scheda di Trasporto DM 30.06.2009

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A - qualsiasi impresa estera puo

Dettagli

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato I ) Accesso alla professione con applicazione delle disposizioni del DL 5/2012, convertito dalla Legge 35/2012

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

STUDIO VENOS SNC PORDENONE LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA

STUDIO VENOS SNC PORDENONE LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA Allegato I al DD 22.2.2006 AUTOTRASPORTO NAZIONALE Contrassegno assicurativo Certificato assicurativo Contratto di noleggio [3] Regolarità agganciamento [4] Cronotachigrafo

Dettagli

LA RIFORMA DEL SISTEMA NORMATIVO IN MATERIA DI TRASPORTO TERRESTRE DI MERCI

LA RIFORMA DEL SISTEMA NORMATIVO IN MATERIA DI TRASPORTO TERRESTRE DI MERCI LA RIFORMA DEL SISTEMA NORMATIVO IN MATERIA DI TRASPORTO TERRESTRE DI MERCI (D.Lgs. 22.12.2008, n. 214 e D.M. 20 aprile 2012 nella G.U.R.I. 18 giugno 2012 n. 140 di attuazione da parte del Ministero delle

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA

COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 11.03.2003 COMUNE

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

Multe. La contestazione delle. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL

Multe. La contestazione delle. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 18 del 14 marzo 2012. Direttore: Pietro Giordano - Direttore responsabile: Francesco

Dettagli

SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia locale

SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia locale REGIONE PIEMONTE SEGRETERIA PROVINCIALE ALESSANDRIA e_mail: alessandria@sulpm.net SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi*

Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi* Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi* Soffermiamoci prima di tutto sulle parole circolazione, veicoli a motore e rimorchi. Circolazione: tenuto conto

Dettagli

Motorizzazione civile: obbligo di comunicazione e registrazione

Motorizzazione civile: obbligo di comunicazione e registrazione Il nuovo Codice della Strada e la gestione dei rapporti di lavoro mercoledì, 26 novembre 2014 Esaminiamo alla luce delle diverse circolari recentemente emanate dal Ministero dei Trasporti, il rapporto

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE Adottato

Dettagli

www.vigilaresullastrada.it

www.vigilaresullastrada.it Com è noto, la lettera d) del 1 comma dell articolo 54 c.d.s. definisce gli autocarri come veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose stesse. Per questo

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Servizio Trasporti e Mobilità

PROVINCIA DI LECCE Servizio Trasporti e Mobilità PROVINCIA DI LECCE Servizio Trasporti e Mobilità REGOLAMENTO PER L ESPLETAMENTO DEGLI ESAMI PER IL RILASCIO DELL ATTESTATO DI IDONEITA PROFESSIONALE PER LA GESTIONE DI UN AGENZIA PER IL DISBRIGO DI PRATICHE

Dettagli

Caso pratico 1. Caso pratico 2

Caso pratico 1. Caso pratico 2 Caso pratico 1 (Diritto civile, diritto tributario, accesso al mercato, diritto sociale) Occorre trasportare su strada un carico completo di 20 tonnellate di prodotti siderurgici da Terni a Madrid, dire:

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n. 60 del 30.4.1999

Dettagli

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori.

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. Procedura Accertamento della violazione da cui consegue decurtazione di punteggio (1)

Dettagli

Auto in uso ai dipendenti

Auto in uso ai dipendenti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 23 23.01.2014 Auto in uso ai dipendenti Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei

Dettagli

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i.

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 001-2011 C&F SICDT Milano, 10-01-2011 Oggetto: Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

OGGETTO: Comodato e locazione dei veicoli adibiti al trasporto di merci

OGGETTO: Comodato e locazione dei veicoli adibiti al trasporto di merci News di approfondimento N. 16 9 Aprile Ai gentili 15 Clienti Loro sedi Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comodato e locazione dei veicoli adibiti al trasporto di merci Gentile Cliente, con la stesura

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

Art. 1 Modifiche all'articolo 47 del Codice della strada, in materia di classificazione dei veicoli

Art. 1 Modifiche all'articolo 47 del Codice della strada, in materia di classificazione dei veicoli IL NUOVO CODICE DELLA STRADA Commento alle novità introdotte dal decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59 di attuazione delle direttive 2006/126/CE e 2009/113/CE Nella Gazzetta ufficiale del 30 aprile

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Le nuove disposizioni del Ministero in tema di pagamento del minimo edittale ridotto del 30% G. Carmagnini (commento completo)

Le nuove disposizioni del Ministero in tema di pagamento del minimo edittale ridotto del 30% G. Carmagnini (commento completo) Le nuove disposizioni del Ministero in tema di pagamento del minimo edittale ridotto del 30% G. Carmagnini (commento completo) È stata necessaria un altra circolare del Ministero dell interno (16/9/2013

Dettagli

17) CONTRIBUZIONE SU COLLABORAZIONI E PARTITE IVA 18) CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ 19) SCADENZARIO MESE DI MARZO 2015

17) CONTRIBUZIONE SU COLLABORAZIONI E PARTITE IVA 18) CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ 19) SCADENZARIO MESE DI MARZO 2015 PREVIDENZE 17) CONTRIBUZIONE SU COLLABORAZIONI E PARTITE IVA 18) CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ VARIE 19) SCADENZARIO MESE DI MARZO 2015 20) OFFERTE E RICHIESTE DI PERSONALE PARTENARIATO 21) POSTE CONTRIBUTO

Dettagli

TEMPISTICA DELLE ISTRUZIONI EMANATE DALL AGENZIA DELLE DOGANE CONSUMI ANNO NOTA AG. DOGANE DEL

TEMPISTICA DELLE ISTRUZIONI EMANATE DALL AGENZIA DELLE DOGANE CONSUMI ANNO NOTA AG. DOGANE DEL Rimborso Accisa anno 2011 Modalità e tempi per usufruire del beneficio NOTA AGENZIA DELLE DOGANE N 771 DEL 4 GENNAIO 2012 : TEMPI RECORD L Agenzia delle Dogane ha emanato in tempi record ( come da noi

Dettagli

Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1)

Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1) Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1) 1. È eccezionale il veicolo che nella propria configurazione

Dettagli

CAPITOLO PRIMO DEFINIZIONE GENERALE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI

CAPITOLO PRIMO DEFINIZIONE GENERALE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI INDICE SOMMARIO Prefazione pag. XXXIX CAPITOLO PRIMO DEFINIZIONE GENERALE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI L autotrasporto nazionale di merci pag. 3 1. Introduzione 3 2. Importanza dell autotrasporto di merci

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI D.A. n.152/gab REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI * * * * Modalità e requisiti per il rilascio delle

Dettagli