PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)"

Transcript

1 Allegato n. 2 Circ. 61/ Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) 2. Descrizione del contesto di intervento Tali Progetti Sperimentali hanno avuto lo scopo di attivare un ulteriore supporto agli Assicurati invalidi del lavoro che affronti gli aspetti psico-sociali e relazionali, considerando l approccio globale degli interventi alle persone assistite, e al fine di offrire opportunità di riabilitazione, favorire il loro reinserimento sociale e, per quanto possibile, lavorativo. Ciò risponde alla Mission dell Istituto e risponde alle indicazioni di potenziamento delle attività di sostegno previste dalla normativa (D.lgs. 38/2000 e D.lgs 81/2008, modificato dal D.lgs n. 106/2009), e dal nuovo Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione (DetPres n. 261 del 29 settembre Circolare N Dicembre 2011). Queste attività consentono all Istituto di porsi quale garante di una forma di tutela globale e integrata, comprensiva degli interventi di prevenzione, di indennizzo, riabilitativi e di reinserimento sociale, in una logica di stretta collaborazione con tutti i soggetti operanti nel sistema del welfare, soprattutto nella rete dei servizi territoriali. In particolare nel nuovo Regolamento al Titolo IV si prevedono molteplici interventi per favorire la vita di relazione degli Assicurati Invalidi e forme di supporto ai loro familiari, anche superstiti di infortuni mortali, con attività di sostegno psico-sociale, socializzazione, gruppi di auto e mutuo aiuto, orientate a contrastare l isolamento sociale. Tali indicazioni sono state sollecitate anche nella lettera della Direzione Centrale Comunicazione del 20/03/2012, con la quale si presenta il Flusso Operativo per la diffusione dei nuovi progetti ed interventi, ai sensi del Titolo IV del Nuovo Regolamento, Circolare n. 61/2011, in particolare al punto 1 lettera ai e aii, e al punto b, che tra le modalità di attuazione prevede la sinergia con organizzazioni territoriali, quali ONLUS ed Associazioni. Nuovi bisogni: L attività di presa in carico degli infortunati per avviare i percorsi di reinserimento sociale e lavorativo, soprattutto nelle persone più giovani ha portato, gli operatori a rilevare bisogni profondi che richiedono un maggior approfondimento di tematiche personali legate alle difficoltà relazionali in famiglia o nell ambiente lavorativo, nella sfera della sessualità, con vissuti di ansia, rabbia, sensi di colpa, depressione collegati alle disabilità più gravi. Affrontare anche questi bisogni è apparsa una necessità per prendere in carico la persona secondo l ottica globale ed integrata, che considera la gamma dei bisogni assistenziali, sanitari, sociali e psico-relazionali. Altrettanto importante risulta essere la necessità di fornire uno spazio di ascolto ai familiari (care giver), individuale o di gruppo, che si prendono cura e forniscono assistenza continuativa ai loro congiunti, basta pensare ai genitori di giovani infortunati con esiti permanenti gravi, coniugi di 1

2 infortunati che necessitano una costante assistenza protratta nel tempo. Prestare assistenza ad un familiare disabile, anche se si tratta di una scelta basata sul legame affettivo che unisce chi cura a chi viene curato, è comunque un impegno molto gravoso, in quanto faticoso e stressante, sia da un punto di vista fisico sia da uno psichico. Inoltre spesso tale elevato carico assistenziale porta i familiari a situazione di isolamento, perché riduce drasticamente il tempo libero e le possibilità di contatto con gli altri. Tutto ciò provoca nei care giver un senso di fatica, di oppressione e solitudine che spesso essi subiscono perché non ne sono consapevoli e che li espone a gravi rischi per la loro salute mentale e fisica, influenzando anche la loro vita sociale e lavorativa e incidendo negativamente sulla loro qualità di vita. Disagi elevati, alti livelli di ansia e depressione, problemi cardiovascolari, riduzione dell efficienza del sistema immunitario, insoddisfazione per la propria vita sono alcuni dei problemi cui vanno incontro coloro che prestano assistenza per lungo tempo ad un familiare disabile. Vanno presi in considerazione quindi sia i bisogni di chi è curato sia i bisogni di chi cura. Lo stress a cui è sottoposto il care giver può generare un circolo vizioso tra malattia del paziente, stress del familiare che cura e sua conseguente capacità di fornire cure adeguate. 3. Motivazioni dell intervento e finalità generali L ambito di realizzazione di entrambi i Progetti è quello degli interventi di sostegno alla persona e per l integrazione e risocializzazione, riconducibili in particolare all art. 45, punto c) del Titolo IV della Circolare 61/2011 che dispone quanto segue: l integrazione e la risocializzazione sono volte a facilitare il recupero delle abilità sociali quali condizioni essenziali per la ripresa della vita di relazione nei diversi ambiti della vita sociale (occupazionale e lavorativo, culturale, ricreativo e sportivo). In tal senso gli interventi che possono essere attivati sono diretti a favorire la motricità, la socialità, le attività espressive mediante la partecipazione dell infortunato o tecnopatico ad attività artistiche, culturali, socializzanti a carattere continuativo, tenuto conto del progetto riabilitativo personalizzato e degli obiettivi dallo stesso perseguiti (miglioramento delle abilità motorie, psicologiche e relazionali, sviluppo dell autostima, dell autonomia e delle relazioni sociali, ripresa degli interessi e delle attività ricreative svolte prima dell infortunio). Le motivazioni che sottendono i Progetti sono quelle di offrire alle persone gravemente infortunate uno spazio di sostegno sia attraverso un gruppo di auto e mutuo aiuto, sia attraverso uno spazio individuale con uno psicologo, con un ciclo di colloqui di sostegno, anche di coppia o familiare, finalizzato al superamento del trauma dall infortunio e orientati all acquisizione di una nuova dimensione di autonomia e di accettazione dei cambiamenti. Parallelamente si avviato anche un gruppo di aiuto per i familiari degli assicurati, che oltre ad aiutare il familiare a sostenere il carico assistenziale, potrebbe agevolare il reinserimento sociale e lavorativo del infortunato stesso perché se i familiari possono condividere il peso dell assistenza ed il carico della cura con altri familiari, possono acquisire nuove modalità di coping nel sostenere il reinserimento sociale del congiunto nonché altri vissuti di accettazione della nuova realtà in essere. Questi tipi di sostegno hanno reso più efficaci gli altri supporti per il reinserimento lavorativo e sociale, gli ausili e protesi, gli adattamenti per la guida dell auto, l abbattimento delle barriere architettoniche e la domotica, ed anche attraverso la promozione della pratica sportiva (ad es. in riferimento alla collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico- CIP). 2

3 4. Sinergie e partner 1 Le Sedi INAIL di Padova e Rovigo, attraverso l Equipe Multidiscilpinare hanno individuato i casi da inserire nei due Progetti, mantenendo un ruolo di riferimento all interno delle sedi per gli stessi Progetti. L Associazione De Leo Fund, per l attivazione dei Gruppi di Aiuto e per i colloqui con gli assistiti ha messo a disposizione psicologi con idonee specializzazioni, che hanno maturato esperienza clinica e di gruppo con persone che hanno vissuti di perdita a causa di morti traumatiche ed improvvise o per menomazioni ed invalidità acquisita a causa di incidenti o infortuni. Inoltre vi è stata la supervisione e attività di supporto da parte del Prof. Diego De Leo, Psichiatra responsabile dell attività dell Associazione Onlus stessa. Le Associazioni ANMIL di Padova e Rovigo, hanno avuto la possibilità di segnalare situazioni da valutare per l invio ai Gruppi di Aiuto, ed hanno offerto supporto pratico, accompagnamento ed eventuale trasporto (con proprio pulmino adatto per trasporto disabili) alle persone con minor autonomia di spostamento. Aspetti metodologici: Il Progetto dei Gruppi di Aiuto, si è attivato attraverso uno specifico Accordo tra la Direzione delle sedi INAIL di Padova e Rovigo e la De Leo Fund- Onlus, in virtù di un precedente Protocollo siglato il12 Aprile 2012, tra la Direzione Regionale INAIL del Veneto e la De Leo FUND Onlus per la gestione dei Lutti Traumatici a causa di infortuni mortali, in quanto all art. 4 prevedeva la formulazione di ulteriori accordi specifici se ritenuto opportuno dalle parti ; ed inoltre l art.5, in cui Le Parti demandano la definizione di ulteriori impegni economici ad eventuali singoli progetti attuativi, approvati secondo le modalità di cui all art. 4 e formalizzati mediante stipula di specifici Accordi. Il Progetto di Consulenza psicologica individuale o familiare, anche in preparazione all inserimento nei Gruppi, si è attivato attraverso uno specifico Accordo tra la Direzione Regionale INAIL Veneto e le Associazioni ANMIL di Padova e Rovigo, le quali hanno usufruito della collaborazione con gli psicologi della De Leo Fund. 5. Target di riferimento - Infortunati o tecnopatici con postumi stabilizzati; - Infortunati o tecnopatici, ancora in inabilità temporanea assoluta, per i quali si renda necessaria una presa in carico tempestiva, al fine di favorire un reinserimento più efficace nel contesto di vita; - Familiari di persone con disabilità da lavoro prese in carico. 6. Numero soggetti destinatari Per entrambe le sedi INAIL di Padova e Rovigo, in totale: Assicurati/Invalidi del lavoro n. 35 Familiari N Indicazione delle sinergie/partnership dell intervento e delle modalità di integrazione delle stesse con gli altri interventi/servizi esistenti sul territorio. 3

4 7. Obiettivi - Proporre la frequenza ai Gruppi di Aiuto, come una valida alternativa all isolamento sociale, contrastando i vissuti di solitudine e sostenendo il processo di acquisizione dell autonomia e del benessere psico- fisico e relazionale; - Favorire il reinserimento nella realtà territoriale, la comunicazione interpersonale ed i rapporti con gli altri; - Facilitare la condivisione di vissuti e conoscenze tra persone che vivono l esperienza della disabilità, favorendo la rielaborazione dell evento, della disabilità riportata, delle sue conseguenze sulla sfera personale, familiare e sociale ed il recupero di proprio ruolo e di un identità personale e sociale. - Creare degli spazi di aggregazione e socializzazione, sviluppando le potenzialità emotive e relazionali di ciascuno; - Favorire il mutuo e auto aiuto tra le persone Assistite e loro familiari, attivando Gruppi di Aiuto. 8. Attività Le azioni dei Progetti sono state le seguenti: a) La formazione delle Equipe Multidisciplinari per la promozione l avvio dei progetti, b) L avvio dei primi colloqui di valutazione con calendari concordati con le Equipe Multidisciplinari/o funzionario socio educativo, presso le sedi INAIL; c) L attivazione dei Gruppi di Rovigo e Padova presso le sedi della De Leo Fund; d) L Attivazione del Servizio di Consulenza Psicologica degli assistiti segnalati, con la prosecuzione dei colloqui presso le sedi della De leo Fund; e) Periodici incontri tra gli operatori della De Leo Fund e gli operatori delle Equipe per il monitoraggio dei percorsi sui casi segnalati; f) L avvio di una ricerca allo scopo di valutare l efficacia del progetto sulla tipologia di utenza individuata. Per il Gruppo di Aiuto si sono avviati incontri settimanali, di un ora e mezza ciascuno, seguiti da una psicologa della De Leo Fund nella sede di Rovigo N. 1 Gruppo di assicurati disabili e n. 1 Gruppo di familiari nella sede di Padova n. 1 Gruppo di assicurati disabili e n. 1 Gruppo familiari (marzo/giugno) Per i colloqui individuali, si sono realizzati con cadenza settimanale di 1 ora, o altra cadenza concordata con assicurato invalido o con il familiare, presso le sedi della stessa De Leo Fund di Rovigo e Padova, con il supporto della relativa segreteria. Criteri per individuare i casi da parte dell Equipe Multidisciplinare, allargata all Area Lavoratori: CASI NUOVI, anche se ancora non definiti ed in temporanea, che attraverso le visite mediche o altri contatti con il personale sanitario o uffici amministrativi della sede INAIL, che manifestavano un bisogno di sostegno (espresso o latente); CASI GIA IN RENDITA, Valutate le liste degli Assicurati in carico, si sono individuate le situazioni con esigenze di sostegno psicologico per elaborazione dei Traumi, o per adattamento più complesso da parte di infortunati con Trauma Cranico e dei loro familiari; CASI con DIAGNOSI che prevedono situazioni gravi, per cui prevale l esigenza di sostegno ai familiari, oppure per sostenere ai più giovani un rientro in un nuovo contesto lavorativo e con la nuova situazione personale di disabilità. 4

5 9. Figure professionali coinvolte I componenti delle Equipe Multidisciplinare della Sede INAIL di Padova e Rovigo; Psicologi e psicoterapeuti della De Leo Fund: Supervisione: Prof. Diego De Leo, Psichiatra 10. Tempi di realizzazione Durata del progetto: 15 mesi : Da ottobre 2012 a Luglio 2013, fino a dicembre 2013 con Proroga, a seguito della verifica dei risultati. 11. Tempistica per il monitoraggio I Progetti hanno avuto due fasi di monitoraggio, una pre e una post avvio dei Gruppi di Aiuto e dei percorsi di sostegno psicologico individuali e/o familiari, attraverso un questionario proposto dalla De Leo Fund, compilato dagli Assistiti e loro familiari all inizio e alla fine del percorso, utile anche ai fini della Ricerca. Inoltre sono stati prodotti Report periodici sui casi inviati ai Gruppi e ai Colloqui psicologici e una valutazione finale (al termine dei Progetti). Sono stati considerati sia indicatori sul funzionamento del processo di collaborazione (indicatori di processo), quali gli incontri periodici con le Equipe Multidisciplinari, sia sull efficacia del servizio stesso, come ad esempio le modalità di segnalazione, i tempi di attesa per gli appuntamento con gli psicologi, la durata del trattamento, la valutazione sugli effetti post trattamentali (indicatori di risultato). Sono stati compilati Report periodici su tutto i casi inviati per una valutazione e successivamente Report mensili sui colloqui e sugli incontri dei Gruppi. 12. Responsabile dell intervento Equipe Multidisciplinare di I livello della Sede INAIL di Rovigo Equipe Multidisciplinare di I livello della Sede INAIL di Padova 13. COSTI : Progetto Gruppi di Aiuto: 1 parte da ottobre 2012 a giugno 2013: ,00 Proroga fino a Dicembre 2013: ,00 Progetto di Sostegno psicologico: 1 parte ottobre 2012/giugno ,00 Proroga fino a dicembre 2013: ,00 5

6 14. Esiti e Obiettivi raggiunti: La frequenza ai Gruppi di Aiuto, si è dimostrata una valida alternativa all isolamento sociale, contrastando i vissuti di solitudine e sostenendo il processo di acquisizione dell autonomia e del benessere psico-fisico e relazionale; - la condivisione di vissuti e conoscenze tra persone che vivono l esperienza della disabilità, si è dimostrata utile per favore la rielaborazione dell evento, della disabilità riportata, delle sue conseguenze sulla sfera personale, familiare e sociale ed per il recupero di un proprio ruolo e di un identità personale e sociale. - gli incontri di Gruppo hanno rappresentato una significativa opportunità di aggregazione e socializzazione, sviluppando le potenzialità emotive e relazionali di ciascun partecipante; - la frequenza ai Gruppi per le persone assistite e loro familiari, ha evidenziato miglioramenti nel superamento di fasi depressive e nel rinforzo dell autostima legata all aiuto reciproco e allo scambio di esperienze. - Inoltre vi è stata una maggiore adesione alle iniziative di reinserimento nella realtà territoriale, nella frequentazione di corsi di formazione e ad altre proposte orientate al reinserimento lavorativo e sociale. A Rovigo sono stati coinvolti per i colloqui individuali n. 19 assicurati e n. 10 familiari. Il primo Gruppo di Aiuto, quello degli Assicurati, è stato avviato a Novembre 2012; è un gruppo omogeneo per età, con una media di circa 30 anni, con disabilità varia; alcuni in rendita ed altri in temporanea, per favorire un intervento di sostegno il più possibile vicino all evento traumatico. Le situazioni diversificate rispetto all infortunio hanno reso possibile un confronto diretto tra gli infortunati ed un reciproco sostegno. II Numero dei partecipanti è cresciuto gradualmente, con sempre nuovi inserimenti, a seguito anche dell esito dei colloqui individuali, consentendo di giungere a 8 partecipanti stabili. Alla fine del mese di Marzo 2013 è stato avviato il Gruppo dei familiari, inseriti a seguito di colloqui di preparazione all esperienza di Gruppo. Il gruppo è composto da alcune mogli e da una madre di gravi invalidi, impegnate nell attività di cura del loro cari. A Padova i colloqui preliminari sono iniziati a novembre 2012 e sono proseguiti con frequenza regolare (per reclutare gli interessati) sino alla metà di gennaio, successivamente, nel corso dei controlli di temporanea sono stati individuati e quindi avviati al progetto altri assicurati. In totale sono stati coinvolti 16 assicurati, di età variabile (per lo più giovani con un età media sui 35 anni) e 9 mogli di gravi invalidi sul lavoro. Solo a febbraio 2013, sono partiti i Gruppi di Auto Mutuo Aiuto, sia per i famigliari che per gli assistiti. Quest ultimo nel corso degli ultimi mesi si è rinnovato con l inserimento di nuovi soggetti, sia per l esito dei colloqui individuali, sia per la scelta di nuove situazioni riscontrate nel corso dei controlli di temporanea. Al momento il Gruppo di Auto Mutuo Aiuto degli Assistititi si compone di 5 partecipanti che si sono affiatati e risultano essere particolarmente collaborativi. Il Gruppo dei famigliari è più ristretto, ma i partecipanti si sono sempre ritrovati senza mai vanificare le finalità dell incontro. PUNTI DI FORZA: Gli strumenti del servizio sociale: lavoro di rete, accordi e protocolli operativi, schede individualizzate degli assistiti; Attenzione agli ESITI dei progetti: uso di test, di indicatori di miglioramento delle situazioni psicologiche personali e delle relazioni familiari; maggior partecipazione alle iniziative di reinserimento sociale proposte dall INAIL (sportive e di socializzazione); L aver proposto sia i colloqui individuali sia la frequenza ai gruppi si è dimostrato, anche attraverso i test di valutazione, una valida proposta che ha evidenziato degli esiti positivi di miglioramento delle persone con i percorsi di colloqui di sostegno individuali e familiari, rinforzati dall esperienza nei gruppi. Si sono sviluppare relazioni di reciprocità e di auto e mutuo aiuto, che 6

7 hanno permesso la nascita di forme concrete di solidarietà tra le persone, indipendenti dall apporto degli operatori. Si riportano alcune tabelle tratte dalla relazione di Valutazione finale della De Leo Fund, in cui si evince che l 80% delle persone che hanno concluso il percorso avevano aderito ad entrambi i Progetti. 7

8 8

9 9

10 10

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO L I.N.A.I.L. sede di ROVIGO nella persona della Dottoressa Patrizia

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

Genitori con la patente

Genitori con la patente Genitori con la patente Associazione di Promozione Sociale Via Don Tonino Bello, 20 00132 ROMA Iniziativa di SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA E PRESIDIO PSICOLOGICO RELAZIONE DESCRITTIVA A cura di Dott.ssa

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ASSISTENZA EDUCATIVA DISABILI.

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ASSISTENZA EDUCATIVA DISABILI. L aquilone CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ASSISTENZA EDUCATIVA DISABILI. PREMESSA Con questa Carta dei Servizi le Cooperative del territorio Aquilone, Sottosopra

Dettagli

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE Art. 38 Costituzione Comma I e III Comma II Comma V Assistenza Sociale -Invalidità civile -Ciechi civili -Sordi -Portatori di handicap Assicurazioni Sociali -INAIL -INPS (invalidità,

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

La Cooperativa FILO DI ARIANNA

La Cooperativa FILO DI ARIANNA Salute mentale La Cooperativa FILO DI ARIANNA La Cooperativa Filo di Arianna è stata fondata nel 1995 a Monza. Nel 1999 assorbe servizi dell Area socio-sanitaria e socio-assistenziale da Caritas Ambrosiana.

Dettagli

professionisti riconosciuti da:

professionisti riconosciuti da: professionisti riconosciuti da: riceve su appuntamento Tel: Dott.ssa Daniela Macrì: 347.5242433 Dott. Luca Oppici: 347.7176128 Dott.ssa Materdomine D Ancona: 347.6453538 Dott.ssa Michelle Mazzotti: 347.4139495

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Delega al Governo in materia di tutela delle donne contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali

DISEGNO DI LEGGE. Delega al Governo in materia di tutela delle donne contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali DISEGNO DI LEGGE Delega al Governo in materia di tutela delle donne contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali d iniziativa dei senatori: AMATI COLLI 1 Onorevoli senatori! In Italia il

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO

INFORTUNI SUL LAVORO INFORTUNI SUL LAVORO Vademecum per le vittime ed i familiari Anche nel corso del 2008 sono stati registrati in tutta Italia degli incidenti sul luogo di lavoro. In provincia di Trieste molto si è fatto

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

2 of 14 Brochure Risorse Italiane. solo. non sei. Europea per questa pubblicazione. www.euregenas.eu

2 of 14 Brochure Risorse Italiane. solo. non sei. Europea per questa pubblicazione. www.euregenas.eu 2 of 14 Brochure Risorse Italiane Devi sapere che non sei solo Co finanziato dal Programma dell'ue per la salute Il Progetto Euregenas ha ottenuto i finanziamenti dell Unione Europea per il Programma di

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

"Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie

Con...Tatto PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie 1 "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Carta dei servizi aggiornata 28/04/2014

Carta dei servizi aggiornata 28/04/2014 1 Sede legale via Statale per Lecco n. 4 22100 Como tel. 031-296411 fax 031-296416 e-mail info@arcadicomo.org sito internet www.arcadicomo.org Sede delle comunità: Comunità terapeutica riabilitativa maschile

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Anno 2014

CARTA DEI SERVIZI Anno 2014 CENTRO DIURNO DISABILI di Reinserimento e Riabilitazione Sociale per persone con GRAVI CEREBROPATIE ACQUISITE CARTA DEI SERVIZI Anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Via Moroni, 6-24 066 Pedrengo

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

Deli bera zio ne del Direttore Generale n.

Deli bera zio ne del Direttore Generale n. A Z I E N D A S A N I T A R I A L O C A L E AL Sede legale: Viale Giolitti 2 15033 Casale Monferrato (AL) Partita IVA/Codice Fiscale n. 02190140067 Deli bera zio ne del Direttore Generale n. d el OGGETTO:

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI-

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- Nome Ente COOPERATIVA SOCIALE SOCIO SANITARIA FUTURA ONLUS Servizio SOLLIEVO LISTE DI ATTESA DISABILI- Municipio X- Sede legale: Via Marino

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto AIFA Onlus /AIDAI Onlus A cura di: Consiglio Direttivo, AIFA Onlus Erica Menotti,

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio L INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio di infortuni e ne garantisce il percorso riabilitativo

Dettagli

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils LAURA PALEARI Psicologa Psicoterapeuta OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils PREMESSA Con il sopraggiungere

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RIABILITAZIONE E PROTESI. Circolare n. 61 del 23 dicembre 2011

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RIABILITAZIONE E PROTESI. Circolare n. 61 del 23 dicembre 2011 DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RIABILITAZIONE E PROTESI Circolare n. 61 del 23 dicembre 2011 Oggetto: Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali Remissione: riduzione della frequenza e dell intensità delle manifestazioni psicopatologiche Stabilizzazione:permanenza nel tempo

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Torino, 10 giugno 2014 La donna con il tumore al seno: Assistenza a 360 gradi. Aggiornamento e novità Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Dott. Maria Rosa STANIZZO Direttore

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014 PLUS Ambito Distretto di Oristano Comprendente i Comuni di: Allai-Baratili S.Pietro-Bauladu-Cabras-Milis-Narbolia-Nurachi-Ollastra-Oristano- Palmas Arborea-Riola Sardo-Samugheo-S.Vero MIlis-Santa Giusta-Siamaggiore-

Dettagli

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico Chi siamo Associazione nata a Brugherio nel 2000 da un gruppo di persone che ha vissuto l esperienza del tumore, convinti della necessità di dare risposta alle molteplici e complesse problematiche che

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

ATTIVITA AREA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE.

ATTIVITA AREA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE. Rete LA QUERCIA Cooperative in Rete per la realizzazione di servizi ed attività di sostegno alla famiglia, alla domiciliarità ed all autonomia di persone con disabilità o in situazione di non autosufficienza.

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Il nuovo modello di assistenza protesica dell INAIL, alla luce dell ICF

Il nuovo modello di assistenza protesica dell INAIL, alla luce dell ICF Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo Tecnologico Milano Corso di Perfezionamento Tecnologie per l autonomia e l integrazione

Dettagli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Centro di Psicologia e Psicoterapia Via Vicinale Maranda n. 25 80147 (NA) per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Mail: associazionesvt@gmail.com

Dettagli

- creare attenzione, conoscenza e profonda competenza sull'autismo;

- creare attenzione, conoscenza e profonda competenza sull'autismo; L Associazione Autismo e Società Onlus viene costituita nel 2011 da Cristina Calandra e Massimo Aureli per realizzare un'azione ampia e significativa sull'autismo, definita con il progetto Autismo per

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

PIANO DI EROGAZIONE 2015

PIANO DI EROGAZIONE 2015 Fondazione della Comunità di Monza e Brianza PIANO DI EROGAZIONE 2015 Giovedì 19 Marzo -ore 17 Casa del Volontariato - MONZA 1 Un ultimo sguardo al 2014 2 QUALCHE NUMERO sul 2014 996.000 17 patrocini euro

Dettagli

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli ALLEGATO N 1 Anno scolastico 2013/2014 Classe 5 D Disciplina: Docente: PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA TERESA STAGLIANO Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli Ore di lezione settimanali:

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING PER STUDENTI E PERSONALE LUMSA Il Servizio di Psicologia clinica nasce dalla collaborazione scientifica tra il Corso di laurea in Psicologia della LUMSA e il

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme si può ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Per meglio descrivere gli obiettivi che il progetto Insieme si può

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

La tutela assicurativa Inail. dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino

La tutela assicurativa Inail. dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino La tutela assicurativa Inail dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino 1 I.N.A.I.L. ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO persegue una pluralità

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 -

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - PROPOSTA RISERVATA AGLI ADERENTI AL CRAEM Un tuffo nella terra sarda (S. Teresa di Gallura OT) dall 1 al 19 luglio o dal 18 al 31 luglio dai 12 ai

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

TESI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Master di I livello in Esperto nei processi educativi in adolescenza

TESI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Master di I livello in Esperto nei processi educativi in adolescenza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Master di I livello in Esperto nei processi educativi in adolescenza TESI Relatore: Dott.ssa Anna Maria Venera Candidata: Dott.ssa Sara

Dettagli