Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile"

Transcript

1 Comune di Luino Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

2 Protezione Civile: le novità LEGGE 100 del 12 luglio 2012 (Riordino Protezione Civile) 3-bis. Il comune approva con deliberazione consiliare, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, il piano di emergenza comunale previsto dalla normativa vigente in materia di protezione civile, redatto secondo i criteri e le modalita' di cui alle indicazioni operative adottate dal Dipartimento della protezione civile e dalle giunte regionali (Regione Lombardia DGR 4732/2007). 3-ter. Il comune provvede alla verifica e all'aggiornamento periodico del proprio piano di emergenza comunale, trasmettendone copia alla regione, alla prefettura-ufficio territoriale del Governo e alla provincia territorialmente competenti.

3 Protezione Civile: le novità LEGGE 100 del 12 luglio 2012 (Riordino Protezione Civile Vademecum Sindaci Regione Lombardia) La legge 100/2012 introduce il concetto che i piani e i programmi di gestione, tutela e risanamento del territorio, tra i quali rientra il Piano di Governo del Territorio (PGT), debbano essere coordinati con i PEC e con i piani regionali di protezione civile. L Assenza di una adeguata pianificazione d emergenza comunale secondo la vigente disciplina regionale, comporta la NON erogabilità dei finanziamenti regionali delle opere di pronto intervento (art. 3 DGR 9/924 del 1/12/2010) Regione Lombardia invita ciascun comune a pubblicizzare il PEC allo scopo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del proprio territorio e per informarla sul comportamento da tenere nel caso in cui si verificasse un emergenza. Gli scenari pianificati all interno del PEC, costituiscono il presupposto per poter ipotizzare l attivazione dei benefici di legge per il volontariato di PC (art. 9 e 10 ex DPR 194/2001)

4 Protezione Civile: attività e compiti Protezione Civile PREVISIONE Analisi e conoscenza del Rischio Definizione degli Scenari Monitoraggio e preannuncio PREVENZIONE Ati E coordinati Mitigazione del rischio- Normativa tecnica Pianificazione di emergenza Formazione ed esercitazione Informazione alla popolazione SOCCORSO E SUPERAMENTO EMERGENZA Interventi integrati e coordinati

5 Piano Interreg IIIA 2005 Piano Intercomunale CM Valli del Luinese 2010 Piano Comunale Luino 2013 Il percorso del piano Piano Intercomunale CM Valli del Verbano (Comuni ex Valcuvia) 2012 Unico Piano CMVDV?

6 Piano di livello intercomunale: vantaggi 1 - la possibilità di analizzare il territorio e le componenti del rischio secondo una visione sovracomunale d insieme che permette di individuare criticità ed aspetti inattesi o impercettibili se analizzati alla sola scala locale; 2 -la possibilitàdi definire strategie per fronteggiare l emergenza e prevenire i rischi piùidonee ed efficaci, perchècondivise e adottate da piùcomuni; 3 - la possibilità di condividere risorse, professionalità ed esperienze che, se messe in comune, possono sortire effetti positivi in termini di risposta all evento. 4 - la possibilità di standardizzare i documenti, gli scenari e le procedure/modelli di intervento (aspetto utile in fase di emergenza e coordinamento).

7 1 -Piano Intercomunale CMVDL (impostazione del piano (grafica, relazioni, cartografie, etc.) 2 Piano Intercomunale CM Valli del Verbano (Comuni ex Valcuvia) Regione Lombardia: PRIM, Piano AIB 4 Provincia di Varese: Programma di Previsione e Prevenzione e Piano di Emergenza 5 Studio Geologico Comunale (a supporto del PGT) -2012; 6 PGT, Piano dei Servizi, PUGSS -2012; La base analitica e conoscitiva 7 Altri Studi e piani (Interregg IIIA, Studio sul reticolo idrico minore, VAS, PIF); Piano di Emergenza Comunale 8 Il SIT della Comunità Montana Valli del Verbano (DBT, banca dati territoriale)

8 La struttura del piano -Relazione Generale -Piano Operativo -Allegati - Cartografia

9 La veste grafica

10 Piano di Emergenza Comunale La cartografia

11 Schema e Contenuti 1 - Inquadramento Territoriale 2 - Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure 3 Risorse 4 - Strutture Operative

12 I Contenuti Relazione Generale 1 Il Sistema di Protezione Civile -NORMATIVA - FUNZIONI E COMPETENZE - INQUADRAMENTO, INDIRIZZI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

13 1 Inquadramento Territoriale I Contenuti Piano Operativo - DATI GENERALI - INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO - IDROGRAFIA - BREVE DESCRIZIONE URBANISTICA -LA POPOLAZIONE -LA RETE INFRASTRUTTURALE - LE RETI DEI SERVIZI (con Cartografia associata)

14 CAPITOLO 2 - Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure I Contenuti Analisi dei Rischi - Individuazione delle fonti di pericolosità; - Individuazione degli elementi esposti e vulnerabili; -Definizione delle zone e del grado di rischio Costruzione degli Scenari di Rischio Definizione delle Procedure Operative/Modelli di Intervento

15 Il Rischio Idraulico I Rischi territoriali Il Rischio Frane e Dissesti Idrogeologici Il Rischio Chimico: Impianti a rischio e Trasporto di Sostanze Pericolose Il Rischio Incendi Boschivi Il Rischio Eventi Meteorologici Violenti Il Rischio Sismico Il Rischio Dighe

16 Tavola dei Rischi territoriali

17 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Il Rischio Idraulico Analisi del rischio

18 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Il Rischio Idraulico Allertamento e Monitoraggio

19 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Il Rischio Idraulico Scenari di Rischio

20 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Il Rischio Idraulico Procedure Operative

21 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Analisi del rischio 2.2 Il Rischio Frane e Dissesti Idrogeologici

22 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure 2.2 Il Rischio Frane e Dissesti Idrogeologici Scenari di rischio

23 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Analisi del rischio 2.3 Il Rischio Chimico: Impianti a Rischio e Trasporto di sostanze pericolose RISCHIO CHIMICO: - Impianti a Rischio di Incidente Rilevante e impianti minori (non presenti al momento in Luino) - Trasporto di sostanze pericolose via ferrovia e via strada

24 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Analisi del rischio 2.3 Il Rischio Chimico: Impianti a Rischio e Trasporto di sostanze pericolose RISCHIO CHIMICO - Trasporti sostanze pericolose

25 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Scenari di rischio 2.3 Il Rischio Chimico: Impianti a Rischio e Trasporto di sostanze pericolose

26 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Procedure -PEE 2.3 Il Rischio Chimico: Impianti a Rischio e Trasporto di sostanze pericolose

27 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure 2.4 Il Rischio Incendi Boschivi Analisi del Rischio e Procedure PIANO AIB REGIONALE COAV

28 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Scenari di rischio 2.4 Il Rischio Incendi Boschivi

29 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure 2.5 Il Rischio Eventi Meteorologici violenti Scenari di rischio

30 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Scenari di rischio 2.7 Il Rischio Dighe

31 CAPITOLO 2 Analisi dei Rischi, Scenari e Procedure Scenari di rischio 2.7 Il Rischio Dighe

32 3- Risorse ed Infrastrutture RISORSE DI LIVELLO SOVRACOMUNALE Aree di ammassamento Ospedale Caserme Etc. RISORSE DI LIVELLO COMUNALE AREE DI EMERGENZA Aree di Attesa per la popolazione Aree e Strutture di ricovero e accoglienza Piazzole per l atterraggio degli Elicotteri

33 3 - Risorse ed Infrastrutture RISORSE DI LIVELLO COMUNALE Mezzi ed Attrezzature Risorse private

34 CAPITOLO 4 Strutture Operative Struttura Comunale (UCL) -Reperibilità -Referenti -Compiti -Funzioni di supporto

35 CAPITOLO 4 Strutture Operative Modulistica e Atti Amministrativi

36 Relazione Generale CAPITOLO 5 Efficacia ed Aggiornamento del Piano - Aggiornamento e verifica del piano Il Piano deve essere: -Aggiornato-strumento «fresco»(mutamenti territoriali, modifica numeri ed elenchi, etc.) - testato attraverso esercitazioni (schema esercitazione) - migliorato (verifica emergenze) - Azioni e strategie per ridurre e prevenire il rischio Il Piano deve suggerire strategie ed azioni di riduzione del rischio

37 Relazione Generale CAPITOLO 5 Efficacia ed Aggiornamento del Piano

38 Relazione Generale CAPITOLO 6 Il Piano e la ComunitàLocale -Educare al rischio -Strumenti per promuovere la cultura di protezione civile -Strumenti e modalità di divulgazione del piano

39 Opuscolo Informativo per la Popolazione Allegati

40 Verso un Servizio Associato di Protezione Civile a livello di Comunità Montana - Pianificazione dell emergenza (redazione ed aggiornamento del piano di emergenza); - Coordinamento e supporto del volontariato di protezione civile; - Richiesta di finanziamenti connessi all esercizio associato delle funzioni di protezione civile; - Gestione integrata delle risorse; - Supporto operativo in caso di emergenza; - Gestione unificata della fase di post-emergenza; - Formazione, esercitazioni ed attività di prevenzione; - Promozione e divulgazione di una cultura di protezione civile e di prevenzione del rischio;

41 Piano = Strumento vivo, in evoluzione, in linea con i mutamenti del Territorio e del nostro mondo

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale. di Protezione Civile RELAZIONE GENERALE

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale. di Protezione Civile RELAZIONE GENERALE Comune di Luino Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile RELAZIONE GENERALE Maggio 013 COMUNE DI LUINO Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile RELAZIONE GENERALE Responsabile e Referente

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI La Legge 225/1992 Istituzione del servizio nazionale della protezione civile (modificata ed integrata dalla Legge 100/2012 Disposizioni urgenti per il riordino

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI Provincia Autonoma Trento RELAZIONE CARTOGRAFIA Via Diaz 5 38100 TRENTO (TN) Tel. 0461.984000 Fax 0461.223133 http://www.risorseambiente.it E-mail: info.trento@risorseambiente.it AGGIORNAMENTO:

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione delle emergenze idrogeologiche e degli eventi di scarsità idrica: l esperienza dell Emilia-Romagna

Attività di protezione civile per la gestione delle emergenze idrogeologiche e degli eventi di scarsità idrica: l esperienza dell Emilia-Romagna Attività di protezione civile per la gestione delle emergenze idrogeologiche e degli eventi di scarsità idrica: l esperienza dell Emilia-Romagna Santa Sofia, 24 ottobre 2014 Maurizio Mainetti Direttore

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALDERA

UNIONE DEI COMUNI VALDERA UNIONE DEI COMUNI VALDERA VERBALE DELLA II COMMISSIONE PONTEDERA 04 GIUGNO 2015 All ordine del giorno ci sono 1. Regolamento per la disciplina del servizio pubblico non di linea NCC noleggio con conducente

Dettagli

Scheda azione emergente - 10

Scheda azione emergente - 10 Scheda azione emergente - 10 Azione emergente Politica cui l azione concorre Obiettivo Strategico Obiettivi operativi Attività DEFINIZIONE E ADOZIONE DI PIANI DI EMERGENZA COMUNALI ED INTERCOMUNALI Riduzione

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013 111 D.G. Protezione civile, polizia locale e sicurezza D.d.s. 1 marzo 2013 - n. 1734 Esito della ricognizione delle pianificazioni provinciali vigenti in materia di protezione civile IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA 1.1. La Protezione Civile Con il termine Protezione Civile non si intende, come è opinione diffusa, solo l insieme di mezzi e risorse umane che intervengono

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

Elaborati del Piano Strutturale.

Elaborati del Piano Strutturale. Elaborati del Piano Strutturale. Il Piano Strutturale è costituito dai seguenti elaborati: QUADRO CONOSCITIVO Q.C. 01 - Relazione Illustrativa del Quadro Conoscitivo Documento. Allegato QC 1a - Foto satellitare

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA 1 Premessa...3 Parte Prima MODELLO ORGANIZZATIVO E PIANIFICAZIONE...4 1 MODELLO ORGANIZZATIVO...4

Dettagli

Allegato A. DIRETTIVA REGIONALE PER LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA DEGLI ENTI LOCALI (L.R. 16/2004 - art. 7, comma 11)

Allegato A. DIRETTIVA REGIONALE PER LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA DEGLI ENTI LOCALI (L.R. 16/2004 - art. 7, comma 11) Allegato A DIRETTIVA REGIONALE PER LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA DEGLI ENTI LOCALI (L.R. 16/2004 - art. 7, comma 11) Approvata con D.G.R. n.viii/4732 del 16 maggio 2007 SOMMARIO SOMMARIO...1 PREMESSA

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE Piano di Protezione Civile della Provincia di Siena. Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / /

PROTEZIONE CIVILE Piano di Protezione Civile della Provincia di Siena. Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / / Piano di Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / / PIANO DI - primo stralcio - PIANO DI EMERGENZA - PROCEDURE OPERATIVE - Pagina 1 di 35 Piano di INDICE PREMESSA...4 GLOSSARIO...4

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

Comune di Sabbio Chiese: Piano di Emergenza PARTE 4. pag. 1

Comune di Sabbio Chiese: Piano di Emergenza PARTE 4. pag. 1 pag. 1 INDICE PARTE 4 4.1 INTRODUZIONE 3 4.1.1 SUSSIDIARIETA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE 4 4.2 PROCEDURE OPERATIVE 6 4.2.1 DEFINIZIONE DELL UCL 6 4.2.2 RISCHIO IDRAULICO 7 4.2.2.1 TABELLA DI VERIFICA

Dettagli

STATUTO DEL COORDINAMENTO ANTINCENDIO BOSCHIVO DI COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO - COAV.

STATUTO DEL COORDINAMENTO ANTINCENDIO BOSCHIVO DI COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO - COAV. STATUTO DEL COORDINAMENTO ANTINCENDIO BOSCHIVO DI COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO - COAV. ART.1 Istituzione E istituito il Coordinamento COAV (Coordinamento Antincendio Valli Del Verbano) dei Gruppi

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE COMUNE DI BENEVENTO Assessorato all ambiente PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE RELAZIONE TECNICA Parte I Dicembre 2010 Assessore all Ambiente e Mobilità: Enrico Castiello Il Dirigente del Settore Ambiente:

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno

CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno INDIVIDUAZIONE DELLE AREE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE A LIVELLO COMUNALE RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA DEFINIZIONE DELLE ATTIVITÀ DI AGGIORNAMENTO ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

DOTT. GEOL. ALBERTO SOREGAROLI V. C. SPECIANO 5, 26100 CREMONA TEL/FAX: 0372 412634 CELL: 3382135952

DOTT. GEOL. ALBERTO SOREGAROLI V. C. SPECIANO 5, 26100 CREMONA TEL/FAX: 0372 412634 CELL: 3382135952 DOTT. GEOL. ALBERTO SOREGAROLI V. C. SPECIANO 5, 26100 CREMONA TEL/FAX: 0372 412634 CELL: 3382135952 ALLEGATO 15 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

Dettagli

CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI

CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 15 del 26/09/2014 RIFERIMENTI Proponente Polizia Locale OGGETTO Adeguamento del Piano Comunale di Protezione Civile Il giorno 26/09/2014,

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

! " # $ " '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $

!  # $  '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $ ! " # " %% & " '###( ) & *+%, - & & ). / 0)1 +-234563 )+ 7 ) 8 7 111& 287 ) / 9) #.:; " < &=44>.:; < - / # '###( ' ( ;?&0 -.:;/ @! A, # *%? '(, ' 1(@ :B 1!? # 288 +.:;/ +; # ;,&1;1C - # ' ( @ " " @ " *%

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PROVINCIA DI MANTOVA COMUNE DI MOGLIA PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DIVISIONE STUDI E PROGETTI COMUNE DI MOGLIA PROVINCIA DI MANTOVA PIANO DI EMERGENZA COMUNALE Risorse e Ambiente s.r.l. Divisione Studi

Dettagli

PIANIFICAZIONE PROVINCIALE DI EMERGENZA

PIANIFICAZIONE PROVINCIALE DI EMERGENZA Provincia di Salerno Prefettura UTG di Salerno PIANIFICAZIONE PROVINCIALE DI EMERGENZA PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE LUGLIO 2010 INDICE 1. PREMESSA...3 Contenuti generali del Piano Speditivo Provinciale...4

Dettagli

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell ambiente PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia RELAZIONE GENERALE MARZO 2013 Redatto da: dott. Geol. Daniele Calvi Collaboratrice: dott.ssa Ilenia Bresciani 1 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 1 2 INDICE ART.1COSTITUZIONEDELGRUPPOECOMPOSIZIONE...4 ART.2AMMISSIONEEPARTECIPAZIONEDIALTRISOGGETTI...4 ART.3COMPITI,PRINCIPIESANZIONI...5 ART.4COMPITIDELSINDACO...6

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza Alla popolazione del Comune di Imola: informazione preventiva della Protezione Civile e norme da attuarsi in occasione di eventi calamitosi sul territorio. Generalità La Protezione Civile Col termine Protezione

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Volontariato e Territorio 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: B02 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi Generali: Pianificazione: La pianificazione

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

Comune di TEGLIO. Piano di Emergenza Comunale. Redatto nell ambito della Convenzione

Comune di TEGLIO. Piano di Emergenza Comunale. Redatto nell ambito della Convenzione Comune di TEGLIO Piano di Emergenza Comunale Redatto nell ambito della Convenzione Predisposizione del Piano di Protezione Civile a livello Mandamentale per la gestione delle emergenze idrogeologiche/incendi

Dettagli

Piano di Emergenza. del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013

Piano di Emergenza. del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013 Piano di Emergenza Provinciale del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013 Normativa di Riferimento: - L. 225/92 Istituzione del Servizio Nazionale di - LR 16/2004 Testo unico in materia di protezione civile

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 11 MARZO 2003. Sommario C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

MILANO - MARTEDÌ, 11 MARZO 2003. Sommario C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI REPUBBLICA ITALIANA Anno XXXIII - N. 58 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b - Legge n. 662/1996 - Filiale di Varese BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 11 MARZO

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

PROVINCIA DI BRESCIA DI B P IANO DI

PROVINCIA DI BRESCIA DI B P IANO DI PROVINCIA DI BRESCIA DI B P IANO DI DI B PROVINCIA DI BRESCIA P IANO DI Risorse e Ambiente s.r.l. Divisione Studi e Progetti Via del Sebino, 12 25126 BRESCIA Tel: 030.2906550 Fax: 030.292581 email: info@risorseambiente.it

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

OGGETTO: Individuazione Struttura Comunale di Protezione Civile. IL SINDACO

OGGETTO: Individuazione Struttura Comunale di Protezione Civile. IL SINDACO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provincia de Aristanis Decreto Sindacale N. 72 del 04.04.2014 OGGETTO: Individuazione Struttura Comunale di Protezione Civile. Prot. n. 61118 del

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE ESTRATTO DIVULGABILE PER FINI DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DELLA POPOLAZIONE

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE ESTRATTO DIVULGABILE PER FINI DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE ESTRATTO DIVULGABILE PER FINI DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DELLA POPOLAZIONE Comune di SORAGA Provincia autonoma di Trento Approvato con delibera di Consiglio n 20

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

La pianificazione di emergenza

La pianificazione di emergenza La pianificazione di emergenza Antonio Gioia Dipartimento della Protezione civile antonio.gioia@protezionecivile.it Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

Governo delle acque e del territorio

Governo delle acque e del territorio Governo delle acque e del territorio Indicazioni per una gestione comunale Sala Puerari Museo Civico Cremona 22/07/2010 1 Quadro Acque Cremona La realtà cremonese è interessata da un sistema delle acque

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

COMUNE DI TORRICELLA VERZATE

COMUNE DI TORRICELLA VERZATE PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI TORRICELLA VERZATE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DIVISIONE STUDI E PROGETTI COMUNE DI TORRICELLA VERZATE PROVINCIA DI PAVIA PIANO DI EMERGENZA COMUNALE Risorse e Ambiente s.r.l.

Dettagli

VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE

VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE 1 VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.

Dettagli

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO Ufficio di Protezione Civile PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE MODELLO D INTERVENTO Attività e Procedure Redazione: Arch. jr. Mario Severini IL COMMISSARIO PREFETTIZIO

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

Comune di GORLE Provincia di Bergamo

Comune di GORLE Provincia di Bergamo Comune di GORLE Provincia di Bergamo PIANO DI EMERGENZA COMUNALE Data ultima revisione : Febbraio 2014 Via Cavour n. 2/A - 24048 TREVIOLO Tel. 035/693589 - Fax. 035/4372605 E-mail info@ecoservicegroup.it

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Governo del Territorio:

Governo del Territorio: Governo del Territorio: PRS e DPEFR le risoluzione linee delle di azione criticità della nuova legge regionale per il Lo governo sviluppo del della territorio nuova attraverso legge il regionale coinvolgimento

Dettagli

COMUNE DI PEGOGNAGA Provincia di Mantova

COMUNE DI PEGOGNAGA Provincia di Mantova COMUNE DI PEGOGNAGA Provincia di Mantova Numero 66 Del 24-11-2012 COPIA VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO D'EMERGENZA COMUNALE L'anno duemiladodici il giorno

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

L APPROCCIO REGIONALE ALLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE DALL ANALISI DI RISCHIO TERRITORIALE AL COINVOLGIMENTO DEGLI OPERATORI

L APPROCCIO REGIONALE ALLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE DALL ANALISI DI RISCHIO TERRITORIALE AL COINVOLGIMENTO DEGLI OPERATORI L APPROCCIO REGIONALE ALLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE DALL ANALISI DI RISCHIO TERRITORIALE AL COINVOLGIMENTO DEGLI OPERATORI Andrea Zaccone UO Sistema Integrato di Prevenzione DG Protezione

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA GIUNTA REGIONALE Segreteria Regionale all Ambiente e Lavori Pubblici ------------------------- Direzione Difesa del Suolo e Protezione Civile LINEE GUIDA REGIONALI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO PROVINCIALE

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli