PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali"

Transcript

1 POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza a pror. u segnal vs sno ad ora sono deermnsc. Ad esempo valor assun dal segnale ()cos(π) sono no con cerezza per ogn valore d () Spesso l segnale non è rappresenable (se non n forma approssmaa) con una semplce e comoda funzone maemaca quale l coseno, ma se l suo valore è noo n modo unvoco ad ogn sane d empo è comunque un segnale deermnsco. Un segnale () s dce POCESSO CASUALE se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è caraerzzable solo n senso sasco, coè è una varable casuale descra dalla sua densà d probablà. Un esempo d processo casuale è l rumore presene n ogn dsposvo eleronco. Queso po d segnale non è prevedble a pror, l suo valore è noo con cerezza solo una vola che sa sao msurao. POCESSI CASUALI

2 Inroduzone a process casual () Il rumore ermco Un classco e mporane esempo ule a nrodurre l conceo d processo casuale è rappresenao dalla debole ensone elerca v () essene a cap d un ressore. Quesa ensone, varable nel empo, è causaa dal movmeno caoco degl eleron dovuo ad una emperaura del maerale superore allo zero assoluo. Se s regsra la ensone v () s oene (dopo aver effeuao la msura!) un segnale che può essere consderao deermnsco. v () 3 POCESSI CASUALI Inroduzone a process casual () Se però s prende un secondo ressore denco al prmo, poso alla sessa emperaura, e s esegue la msura della ensone elerca a suo cap, s oene un nuovo segnale v(), con caraersche sml ma dverso dal precedene poché gl eleron s muovono n modo dverso, ed ndpendenemene, ne due ressor. v () v () 4 POCESSI CASUALI

3 Inroduzone a process casual (3) Se lo scopo è deermnare l effeo del rumore ermco prodoo dal ressore su un apparecchaura eleronca o un ssema d rasmssone, non è d alcuna ulà aver vso l andameno delle enson v() o v() a cap de due ressor se l ressore effevamene monao nell apparecchaura è un alro (o anche l prmo, ma n un empo successvo: l rumore ermco non s rpee n modo prevedble!). E ule nvece ruscre a descrvere le caraersche della ensone d rumore comun a u ressor dello sesso po e a quella emperaura. In queso modo, qualsas sa l ressore (d quel valore e a quella emperaura) monaa nell apparecchaura, poremo dre, per esempo, con quale probablà s preseneranno cer valor d ensone o quale sarà la poenza d rumore. S abbandona dunque l conceo d cerezza (propro de segnal deermnsc) per passare a quello dell ncerezza, descro dalla eora delle probablà, propro de process casual. I valor del processo n generc san d empo sono consdera varabl casual, e descr come al (araverso le relave densà d probablà). 5 POCESSI CASUALI Dmensone emporale e d nseme Le enson elerche essen a cap d u ressor dello sesso po e emperaura cosuscono le realzzazon del processo casuale rumore ermco. realzzazon Dmensone d nseme empo Dmensone emporale () ()... ()... ( ) 6 POCESSI CASUALI

4 Descrzone de process casual D un processo casuale è ule conoscere le caraersche comun a ue le realzzazon Un processo casuale è descro compleamene dalle densà d probablà congune d u gl ordn e per u gl san d empo. uava n mol cas quesa nformazone complea non è dsponble. In praca per descrvere l processo casuale () s ulzzano soprauo: la densà d probablà delle ampezze del processo p (a) che descrve con quale probablà una realzzazone del processo casuale () assume un valore uguale ad a. In generale p (a) dpende anche dal empo. uava no c occuperemo d una classe d process casual de sazonar le cu caraersche sasche non dpendono dal empo. la funzone d auocorrelazone del processo ( ) che descrve quanavamene l legame ra l valore assuno da una realzzazone del processo casuale al empo + e quello assuno dalla sessa realzzazone al empo. Anche n queso caso, lmando l anals a process casual sazonar, ( ) non dpende dal empo ma solo dal rardo ra le due msure. 7 POCESSI CASUALI Densà d probablà del processo casuale () Per un prefssao empo, l processo () è una varable casuale con densà d probablà p (a) (chamaa d.d.p. del processo casuale): P( a < () a + da) p( a) lm da da che c dce con quale probablà una qualsas realzzazone del processo assume valor n un norno nfnesmo d a. A parre dalla d.d.p. s possono defnre: Valore medo: Valore quadraco medo: Varanza: La probablà che una qualsas realzzazone assuma valor n un dao nervallo: ( a) 8 POCESSI CASUALI + E[ ( )] ap da E + [ () ] a p ( a) da + [ () ] a p ( a) da E ( ) [ ] E [ < () a ] p ( a) P a a a da

5 9 POCESSI CASUALI I paramer che caraerzzano l processo casuale () possono essere calcola n modo approssmao araverso mede armeche su un numero molo elevao d realzzazon: Valore medo: Valore quadraco medo: Varanza: () () [ ] () E () () j j L ndce della sommaora s rfersce a dverse realzzazon Densà d probablà del processo casuale () POCESSI CASUALI Densà d probablà d un processo gaussano ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ).997 ep ep.683 ep < + < + < da a P da a P da a P m m π π π ( ) ep a p(a) π X a p(a) π.66 π.35 π X X X X

6 .66 Funzone Q e funzone errore complemenare (erfc) π p(a) CB β X β B a B P ( > + β ) + β β Q ep π erfc ( a ) β da Q() Q(), 5,E-,8,9E-,5 4,8E-,,587E-, 4,6E-,,5E-,5 4,44E-,4 8,8E-, 4,7E-,6 3,86E-,5 4,3E-,8 3,59E-,3 3,8E-,,8E-,35 3,6E-,4 8,E-3,4 3,446E-,8,6E-3,45 3,64E- 3, 6,87E-4,5 3,85E- 3,6,59E-4,6,743E- 4, 3,67E-5 s erfc(s) s erfc(s),,e+,6,37e-, 8,875E-,8,9E-, 7,73E-, 4,7E-3,3 6,74E-,,9E-3,4 5,76E-,4 6,885E-4,5 4,795E-,6,36E-4,6 3,96E-,8 7,5E-5,7 3,E- 3,,9E-5,8,579E- 3,3 3,57E-6,,573E- 3,7,67E-7, 9,7E- 4,,54E-8,4 4,77E- 5,,537E- per per > 3 ep Q( ) ep s > erfc( s) ( / ) π ( s ) π s POCESSI CASUALI Process casual sazonar con valor medo non nullo Un processo casuale con valor medo dverso da zero può essere rappresenao come la somma d un processo a valor medo nullo eduna cosane (segnale deermnsco) uguale al valor medo. Una realzzazone d () ed () () () +.5 Le d.d.p delle ampezze d () ed () () () empo d.d.p POCESSI CASUALI

7 Auocorrelazone de process casual sazonar () L auocorrelazone del processo () è defna come valor medo d * ()(+). Se l processo è sazonaro l auocorrelazone non dpende da, ma solo da. [ ] * ( ) E ( ) ( + ) Per s oene () E[ ( ) ] L auocorrelazone è nerpreable come meda armeca, su un gran numero d realzzazon, de prodo de valor del processo agl san e +. * ( ) () ( + ) L ndce della sommaora s rfersce a dverse realzzazon 3 POCESSI CASUALI Auocorrelazone de process casual sazonar () Consderamo per esempo due process casual sazonar a valor medo nullo, ma con caraersche dfferen. Il prmo ha realzzazon che varano lenamene nel empo (ad es. l rumore d un moore d un auo al mnmo), menre l secondo ha realzzazon che varano con grande rapdà (ad es. Il frusco d fondo d un dsco rovnao)... [ ] () E[ ( ) ] * ( ) E ( ) ( + ) () (+) () (+) POCESSI CASUALI

8 Auocorrelazone de process casual sazonar (3) Alcune realzzazon d un processo che vara lenamene Se () vara lenamene nel empo, (+ ) è solamene poco dverso da (): l prodoo () (+ ) ha segno posvo per quas ue le realzzazon. Per l auocorrelazone () è la varanza del processo; per > l auocorrelazone () è sempre mnore d (). ( ) () ( + ) > valore elevao! () (+ ) 5 POCESSI CASUALI L auocorrelazone de process casual sazonar (4) Alcune realzzazon d un processo che vara rapdamene Se () vara rapdamene nel empo, (+ ) è spesso molo dverso da (): l prodoo () (+ ) ha segno casuale nelle vare realzzazon e qund l auocorrelazone ha un valore prossmo a zero. ( ) () ( + ) - 6 POCESSI CASUALI () (+ )

9 Esempo d valuazone dell auocorrelazone () * () ( + ) POCESSI CASUALI Esempo d valuazone dell auocorrelazone() ( ) E[ * ( ) ( + )].8 sulao del calcolo oa: è evdene, dalla defnzone d auocorrelazone, che per qualsas processo casuale sazonaro () è una funzone par, coè (-) () 8 POCESSI CASUALI

10 Propreà dell auocorrelazone. L auocorrelazone n concde con la poenza meda del processo casuale. () E[ ( ) ] E[ P ] P (). ( ) è l massmo valore che può assumere l auocorrelazone. 3. () è nolre una funzone par ( ) ( ) ( ) ( ) 4. Dao un processo () con meda possamo scrvere ()()-, ove () è un processo a meda. Vale la seguene relazone ( ) ( ) + 9 POCESSI CASUALI Auocovaranza de process casual sazonar [ ] ( ) * ( ) E ( ) - ) ( ( + ) - ) C ( Per un processo a valor medo nullo, l auocovaranza concde con l auocorrelazone C ( ) E[ ( ) - ] ( ) POCESSI CASUALI

11 Il coeffcene d correlazone () Dao un processo casuale, s defnsce coeffcene d correlazone del processo, l auocovaranza normalzzaa: ( ) () [( ) ( )] * ( ) ( + ) C E C ρ ( ) C [ ( ) ] E C( ) ρ () () ρ ( ) C ( ) POCESSI CASUALI Il coeffcene d correlazone () Il coeffcene d correlazone del processo è una funzone cu valor sono lma ra - e +. Ovvamene l suo valore n è unaro e, salvo cas molo parcolar, è l unco massmo. Il valore del coeffcene d correlazone n funzone d è una msura della predcblà d una realzzazone del processo all sane + noo l valore della realzzazone all sane. Seρ ()±: () () e (+) s s dcono compleamene correla, c è c èun unlegame deermnsco fra fra due due campon e qund è possble predre perfeamene l l valore dell uno noo noo l l valore dell alro. Seρ () [coè se sec ()]: () () e (+) sono ncorrela, non non è possble predre l l valore dell uno noo noo l l valore dell alro. POCESSI CASUALI

12 Una semplce dmosrazone del legame correlazone/predcblà Consderamo l processo casuale sazonaro a valor medo nullo (). Indchamo per brevà con e le due varabl casual ( ) e ( ) e per semplcà assumamo e real. Dmosreremo che: - quano pù due varabl casual e (a valor medo nullo) sono correlae, ano meglo possamo smare dall una l valore dell alra. - la sma sarà la mglore possble, se l errore d sma è ncorrelao con da. Dre che la varable casuale è correlaa con la varable casuale equvale a dre che l valore assuno da è n pare proporzonale a quello assuno da pù una varable casuale ndpendene da e qund non predcble. In breve: r + dove n è una varable casuale ndpendene da, a valore medo nullo e varanza E[ n n ] n 3 POCESSI CASUALI La sazonareà del processo c dce che la varanza delle due varabl casual e è la medesma, mponendo un legame ra la varanza d n e l coeffcene r. In formule abbamo: da cu: E r [ ] [ ] E[ ] E[ ] E ( r + n) E[ ] + E[ n ] + re[ n] r + E[ n ] n ( r ) 3 perchè ndpenden Pu r è prossmo a, pu n è pccolo e ano meno s dscosa da. S può dmosrare che l coeffcene d correlazone fra e è uguale a r: Infa: ρ ( ) E[ ]/ E[ ] r [ ] E ( r + n) [ ] re[ ] E Pu l coeffcene d correlazone è n modulo prossmo a, pu è predcble da. 4 POCESSI CASUALI

13 Sma lneare d da (predre l fuuro) Conoscendo l valore assuno da, cerchamo d predre al meglo (smare) l valore che assumerà cercando l coeffcene d proporzonalà a ˆ a Il valore omo d a s ha se la dfferenza (n meda quadraca) ra l valore smao e l valore effevamene assuno da è mnma, coè se è mnmo E [( ) ) ] E[ ( a ] ) Dervando rspeo ad a e uguaglando a zero s oene l valore omo d a [ ]/ E[ ] r a E Il valore omo d a concde, ovvamene, con l coeffcene r, nfa: [ ] E ( r + n) [ ] re[ ] E 5 POCESSI CASUALI Come s fa a predre l fuuro? Il Ilvalore omo d da concde con con rrche cheè l l coeffcene d dcorrelazone delle varabl casual e [ ]/ E[ ] ( ) a E Quesa consderazone c consene d defnre una procedura per smare al meglo l valore che assumerà una vola noo l valore assuno da a fase: apprendmeno - Analzzando (numero grande) realzzazon del processo casuale, s calcola l coeffcene d correlazone (rcordare che ) ρ ( ) E [ ( ) ( + )] E[ ( )] a fase: predzone - S sma (+ ) da () ˆ 6 POCESSI CASUALI ρ ( + ) ρ ( ) ( ) () ( + ) ()

14 L errore d sma S noa che l errore d sma, essendo causao solo dalla varable casuale n, ha valore quadraco medo par a quello d n [( ) ) ] E[ ( a ) ] E ( r Da quesa espressone s capsce subo che: - l errore d sma è nullo se le varabl casual sono oalmene correlae ( r ) - l errore d sma è massmo se le varabl casual sono ncorrelae ( r ) Infne, è mporane noare che l errore d sma è ncorrelao con l dao ( ), nfa: E E [ ( a) ] E[ a ] [ ] ae[ ] re[ ] re[ ] ) 7 POCESSI CASUALI S abba un processo casuale sazonaro () d cu s conosce una sua realzzazone lmaa nel empo da / a / che ndchamo con () Valor medo emporale Valor medo e auocorrelazone emporale Auocorrelazone emporale η lm / / ( ) d ( ) lm / * / ( ) ( + ) d () lm / / ( ) d P Per un processo sazonaro E [ η ] E [ ( )] ( ) E[ ()] E[ P ] () P poenza del processo 8 POCESSI CASUALI

15 Process casual ergodc ra process casual sazonar essono alcun process per qual s possono rcavare la densà d probablà e la funzone d auocorrelazone da una sola realzzazone. empo realzzazon Ques process sono de EGODICI. oa mporane: Per un processo ergodco ue le realzzazon hanno la medesma poenza. Osservare ue le realzzazon ad un sane d empo (o per una coppa d san) permee d rcavare le sesse nformazon sasche oenbl dall osservazone prolungaa nel empo d una sngola realzzazone. Un esempo d processo EGODICO è rappresenao dal rumore ermco. 9 POCESSI CASUALI Process casual ergodc (d.d.p. ampezze) La La densà d dprobablà de de valor assun da daun un processo casuale ergodco può può essere valuaa, olre olreche chedall nseme delle dellerealzzazon (ad (ad un un solo solo sane d dempo, arbraro, anche da dauna unasola solarealzzazone, come percenuale del del empo n n cu cul l processo assume ampezze fra fraa e a+da a+dadvso per per l ampezza dell nervallo da. da. ealzzazone del processo casuale empo POCESSI CASUALI

16 Process casual ergodc Il valor medo emporale concde col valor medo d nseme (processo ergodco per la meda). L auocorrelazone emporale concde con l auocorrelazone d nseme (processo ergodco per l auocorrelazone). η lm d ( ) / / ( ) lm / * / ( ) ( + ) d ( ) 3 POCESSI CASUALI La densà sperale d poenza d un processo casuale sazonaro () è defna come la rasformaa d Fourer dell auocorrelazone ( ) S ( f ) ( )ep Densà sperale d poenza () { j πf} d Perchè la S (f) è una densà sperale d poenza? - Come s è vso l auocorrelazone n, per un processo sazonaro, rappresena la poenza del processo sesso () E[ ()] E[ P ] P { j f } - L auocorrelazone n è uguale all negrale della sua DF (h. valore orgne): ( ) S ( f )ep π df () S( f ) df P La densà sperale d poenza per un processo casuale () rappresena qund come è dsrbua, sascamene, la poenza alle vare frequenze. 3 POCESSI CASUALI

17 Densà sperale d poenza () Dao un processo () con meda possamo scrvere: Ove () è un processo a meda. ( ) ( ) Valgono le seguen relazon ( ) ( ) + S ( ) S ( ) + δ ( f ) Un processo sazonaro, con meda dversa da, ha una densà sperale d poenza con un mpulso nell orgne d area par al quadrao della meda. Vceversa un processo con meda ha una densà sperale d poenza senza mpuls per f. 33 POCESSI CASUALI Densà sperale d poenza (sgnfcao fsco) S supponga che l processo casuale () sa oenuo da () araverso un flro deale passa banda cenrao sulla frequenza f (e, smmercamene, -f ) con pccola banda f. S può ben dre che () conene le sole frequenze d () nella banda del flro, coè n un norno d ±fo. Se f è suffcenemene pccolo s ha S ( f ) S ( f ) f f /< f < f + / per f e smmercamene norno a -f. La poenza d (), coè la poenza d () nelle bande f, è daa da P + S ( f ) df S ( f) f Dunque S (f ) ha effevamene l sgnfcao d poenza per unà d banda n un norno d f, coè d densà sperale d poenza. oa: l aggevo sperale vene usao per ndcare uo cò che s rfersce al domno delle frequenze. S no che meà della poenza è arbua alle frequenze negave! Poché cò ha poco senso fsco, spesso s prefersce defnre una densà sperale unlaera (doppa della blaera ; è ovvo che po ne calcol s consderano le sole frequenze posve!) IMPOAE: la densà sperale d poenza non può essere negava (a nessuna frequenza, flrando, s oerrebbe un processo () con poenza negava!!) 34 POCESSI CASUALI

18 Process casual araverso ssem LI () Se un processo casuale () sazonaro passa araverso un ssema lneare emponvarane con rsposa all mpulso h() e rsposa n frequenza H(f), l processo casuale n usca () è sazonaro ed ha le seguen caraersche:. In generale la densà d probablà del processo n usca () è dversa da quella d (). Solo la densà d probablà Gaussana rmane ale nel passaggo del processo casuale araverso l ssema LI: cambano solo valor medo e varanza.. Il valor medo del processo n usca è legao a quello d ngresso dalla seguene relazone: 3. L auocorrelazone del processo d usca è legaa a quella d ngresso dalla seguene relazone: 4. La densà sperale d poenza del processo n usca è legaa a quella d ngresso dalla seguene relazone: S H () ( ) ( f ) S ( f ) H f ( ) ( ) h( ) h( ) 35 POCESSI CASUALI Process casual araverso ssem LI () 5. La poenza del processo n usca dpende dalla densà sperale d poenza del processo d ngresso e dalla rsposa n frequenza del ssema LI secondo la relazone P ( f ) S ( f ) df S ( f ) H df 6. La varanza del processo n usca dpende dalla densà sperale d poenza e dal valor medo del processo d ngresso e dalla rsposa n frequenza del ssema LI: P S f ) df S ( f ) H ( f ) df ( ) ( H 36 POCESSI CASUALI

19 Process casual banch () S defnsce banco (a valor medo nullo) un processo casuale sazonaro con densà sperale d poenza cosane. Qund un processo casuale banco (a valor medo nullo) ha auocorrelazone mpulsva. AEZIOE: quesa caraersca è ndpendene dalla densà d probablà delle ampezze che può essere d po qualsas (ad es. Gaussana, unforme ) S raa, evdenemene, d una dealzzazone (anche la luce che dcamo banca, da cu derva l nome, ha spero che non s esende all nfno). oamo che un processo veramene banco avrebbe poenza nfna! el mondo reale osservamo solo process flra (con banda pù o meno larga). Se la banda del processo n ngresso è pù larga d quella del flro, possamo assegnare valor arbrar alla densà sperale fuor banda (senza che cambno rsula del calcolo). Un valore cosane è l pù comodo dal puno d vsa maemaco. 37 POCESSI CASUALI Process casual banch () () - / () / S (f) p (a) f -5 5 oa: auocorrelazone mpulsva sgnfca che l valore (+) del processo banco al empo + è assoluamene mpredcble dal valore () all sane : l processo vara n modo nfnamene rapdo! Se l processo banco ha valor medo dverso da zero, s ha S (f)( /)+ δ(f) e () ( /)δ()+ 38 POCESSI CASUALI

20 Process casual banch (3) Solamene la densà sperale (blaera) d un processo casuale () banco vene ndcaa con S (f) / e qund la funzone d auocorrelazone con () / δ() oa: s ndca qund con la densà sperale d poenza unlaera. E mporane saper calcolare la poenza d un processo () oenuo da un processo banco () araverso un flro con rsposa all mpulso h() e rsposa n frequenza H(f). Sha + S + ( f ) df S ( f ) S + H( f ) df + ( f ) H( f ) df h ( ) d 39 POCESSI CASUALI Correlazone ra usca e ngresso d un ssema LI La correlazone ra due process casual ergodc () e () è defna nel modo seguene: * ( ) lm ( ) ( + ) d ( ) / / Se due process casual () e () sono rspevamene l usca e l ngresso d un ssema LI la loro correlazone è uguale alla convoluzone ra l auocorrelazone dell ngresso e la rsposa all mpulso del ssema LI: ( ) ( ) h ( ) S noa che se l processo d ngresso è banco (auocorrelazone mpulsva), la correlazone ra usca e ngresso concde con la rsposa all mpulso del ssema. 4 POCESSI CASUALI ( ) δ ( ) h ( ) h ( ) Quesa propreà è spesso ulzzaa ne ssem d elecomuncazone per smare la rsposa mpulsva del canale d rasmssone che è gnoo a pror.

21 Correlazone ra usca e ngresso banco () Processo banco () h()? Processo correlao * ( ) lm ( ) ( + ) d h() se S (f) e / / qund ()δ() 4 POCESSI CASUALI Un esempo mporane d processo banco () S consder l processo () le cu realzzazon sono cosue da ren d mpuls equspaza a passo, con rardo nzale casuale e area a casuale ndpendene da mpulso a mpulso con valor medo nullo e varanza. ( ) ( n ) anδ n () () 4 POCESSI CASUALI

22 Un esempo mporane d processo banco () S può dmosrare che l processo casuale () è SAZIOAIO ed EGODICO, con le seguen propreà. Il valor medo è nullo:. La varanza è: / 3. L auocorrelazone è mpulsva (processo banco): ( ) ( / ) δ ( ) 4. La densà sperale d poenza è cosane (processo banco): S ( ) ( / ) 43 POCESSI CASUALI Se l processo casuale () passa araverso un ssema LI con rsposa n frequenza H(f) e rsposa all mpulso h(), n usca s oene un processo () con: Densà sperale d poenza: S (f ) ( /) H(f) h() () S (f) H(f) S (f) f f f 44 POCESSI CASUALI

23 Il processo casuale () cosruo nel modo ndcao precedenemene può essere usao per rappresenare (nel empo) una sequenza casuale d b. Cascuno d ess sarà codfcao, ad esempo, con un mpulso reangolare, d base, ed ampezza: +A ( ) o -A ( ): A h() () S (f) H(f) / (A) A S (f) f f f S ( f ) / h( ) H ( f ) A rec( / ) A snc( f ) S ( f ) A snc ( f ) 45 POCESSI CASUALI

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Capitolo 3 Il trattamento statistico dei dati

Capitolo 3 Il trattamento statistico dei dati Capolo 3 Il raameo sasco de da 3. - Geeralà Nel descrere feome, occorre da u lao elaborare de modell (coè delle relazo maemache fra le gradezze, che coseao d descrere e preedere l feomeo) e dall alro dars

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

ersità Carlo Ca/aneo - LIUC emi di Business Intelligence

ersità Carlo Ca/aneo - LIUC emi di Business Intelligence 2010 Pearson Management Informa4on Systems versità Carlo Ca/aneo - LIUC temi di Business Intelligence Alta direzione e staff Direzioni Funzionali o di Divisione Personale EsecuFvo Problem Iden4fica4on Solu4on

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

Sistemi Dinamici Lineari. tempo-discreti

Sistemi Dinamici Lineari. tempo-discreti Ssem Dmc Ler u empo-dscre y u u B Δ C y y u 3 y 3 S. Mrsl-Lbell: Ssem ler empo-dscre pg. Defzoe d ssem dmco lere Gl sem d gress, s e usce soo spz veorl Vle l prcpo d sovrpposzoe degl effe L relzoe Igresso/So/Usc

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Propagazione sui 10 metri

Propagazione sui 10 metri Propagazione sui 10 metri Caratteristiche generali Sono possibili collegamenti a brevi distanza sfruttando una moderata curvatura delle onde dovuta alla troposfera, che permette collegamenti oltre la portata

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

P.za Palazzo di Citta' 1. dario.rinaudo@comune.torino.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO ECONOMIA E COMMERCIO LAUREA (VECCHIO ORDINAMENTO)

P.za Palazzo di Citta' 1. dario.rinaudo@comune.torino.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO ECONOMIA E COMMERCIO LAUREA (VECCHIO ORDINAMENTO) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ruolo ricoperto Struttura Organizzativa Indirizzo Sede Lavorativa EMail Sede Lavorativa Nazionalità Data di nascita DIRETTIVO DIREZIONE DI STAFF PARTECIPAZIONI COMUNALI P.za

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli