BANCA ALETTI & C. S.p.A. "BENCHMARK" su Indici Azionari CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA ALETTI & C. S.p.A. "BENCHMARK" su Indici Azionari CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE"

Transcript

1 CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente del Programma di quotazione dei certificati "BENCHMARK" su Indici Azionari CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE "Certificati Benchmark su Indici I serie 2009" Le presenti Condizioni Definitive sono state redatte in conformità alla Direttiva 2003/71/CE (la "Direttiva sul Prospetto Informativo") e al Regolamento 2004/809/CE, e si riferiscono al Prospetto di Base relativo ai certificati "Benchmark", depositato presso la CONSOB in data 30 gennaio 2009 a seguito dell approvazione comunicata con nota n del 29 gennaio 2009, e presso Borsa Italiana S.p.A., a seguito del giudizio di ammissibilità rilasciato con provvedimento n del 20 marzo 2006, successivamente confermato con provvedimento n del 9 novembre Le presenti Condizioni Definitive sono state trasmesse a Borsa Italiana S.p.A. e alla CONSOB in data 5 Giugno L adempimento di pubblicazione delle presenti Condizioni Definitive non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto né sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Le presenti Condizioni Definitive, unitamente al Documento di Registrazione, alla Nota Informativa e alla Nota di Sintesi sono a disposizione del pubblico presso la sede dell Emittente in Milano, Via Roncaglia, 12, presso Borsa Italiana S.p.A., e sono consultabili sul sito web dell emittente Le predette Condizioni Definitive devono essere lette unitamente al Prospetto di Base, depositato presso la CONSOB in data 30 gennaio 2009 a seguito dell approvazione comunicata con nota n.

2 del 29 gennaio 2009, al fine di ottenere informazioni complete sull'emittente e sui Certificati di cui alle presenti Condizioni Definitive. Le presenti Condizioni Definitive, unitamente al Documento di Registrazione sull'emittente alla Nota Informativa, alla Nota di Sintesi e alle Condizioni Definitive, costituiscono il Prospetto di Base relativo ai certificati "Benchmark " ai sensi della Direttiva sul Prospetto Informativo. Salvo ove diversamente specificato, i termini e le espressioni riportate con lettera maiuscola nelle presenti Condizioni Definitive hanno lo stesso significato loro attribuito nella Prospetto di Base.

3 FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO Si invitano gli investitori a leggere attentamente il Prospetto di Base al fine di comprendere i fattori di rischio generali e specifici collegati all'acquisto dei Certificati emessi dall'emittente nell'ambito del Programma denominato "Benchmark Certificate". I termini in maiuscolo non definiti nella presente sezione hanno il significato ad essi attribuito in altre sezioni del Prospetto di Base. I fattori di rischio di seguito descritti devono essere letti congiuntamente alle informazioni contenute nel Documento di Registrazione (incluso mediante riferimento) e nella Nota Informativa. Si invitano quindi gli investitori a valutare il potenziale acquisto dei Certificati alla luce di tutte le informazioni contenute nella Nota Informativa, nella Nota di Sintesi, nel Documento di Registrazione nonché nelle relative Condizioni Definitive. I rinvii a sezioni, capitoli, paragrafi si riferiscono alle sezioni, ai capitoli ed ai paragrafi della presente Nota Informativa. Descrizione sintetica dei Certificati I Certificati I Benchmark sono degli strumenti finanziari derivati che fanno parte della categoria investment certificates il cui valore riflette in modo direttamente proporzionale l andamento di un indice azionario sottostante. I Certificati sono titoli collegati ad un indice azionario sottostante che prevedono il rimborso alla data di scadenza di un importo in Euro pari al valore di mercato dell'indice Sottostante rapportato al multiplo di volta in volta individuato nelle Condizioni Definitive. Non presentano alcun effetto leva e sono caratterizzati da un rischio limitato all'ammontare investito. L'investitore che acquista i Certificati ha il diritto di ricevere dall'emittente, alla data di scadenza e per ciascun Lotto Minimo di Esercizio, un Importo di Liquidazione pari al Prezzo di Riferimento dell'indice Sottostante registrato il Giorno di Valutazione moltiplicato per il Multiplo e per il numero di Certificati contenuti in un Lotto Minimo di Esercizio e, nel caso di Indici Sottostanti non valorizzati in Euro, diviso per il Tasso di Cambio. Il Prezzo di Riferimento di ciascun Indice Sottostante, con riferimento al Giorno di Valutazione, corrisponderà al livello di apertura di tale Indice Sottostante presso la borsa valori di riferimento. I Certificati di tipo "Benchmark" possono essere esercitati solo alla Data di Scadenza. Alla scadenza l esercizio è peraltro automatico; è, tuttavia, possibile rinunciare a tale esercizio secondo quanto indicato nel Regolamento dei Certificati. Gli operatori in Certificati utilizzano generalmente dei modelli teorici di calcolo che, principalmente sulla base del livello del sottostante e dei tassi di interesse e del tempo residuo alla scadenza, producono un valore teorico dei Certificati. Tra le variabili indicate, il livello del sottostante è quella che ha il maggior impatto sul valore dei certificates. Invece, la volatilità implicita non influisce sulla determinazione del prezzo del Benchmark.

4 FATTORI DI RISCHIO Si precisa che se il sottostante è un indice di prezzo (lo sono la maggior parte degli indici come, ad esempio, gli indici S&P/MIB o S&P500) ossia un indice non soggetto a reinvestimento dei dividendi, il valore del Benchmark Certificate è inferiore al valore dell indice, poiché sconta il flusso di dividendi che il mercato si attende saranno pagati dalle società che compongono l indice prima della scadenza del Benchmark. In questo modo, i dividendi vengono incassati anticipatamente al momento dell acquisto del Benchmark e nelle date di stacco dei dividendi il valore del Benchmark non risente della corrispondente riduzione che si verifica nel valore dell indice, a parità di altre condizioni. Alla scadenza del Benchmark, il suo valore di rimborso corrisponde al valore dell indice sottostante in quel momento. Si fa presente che, nel caso di modifiche sostanziali al metodo di calcolo dell'indice Sottostante o di sua sostituzione con altro indice, l'emittente ha la facoltà di rettificare i termini e le condizioni dei Certificati al fine di mantenere il valore economico degli stessi quanto più possibile equivalente a quello che avevano prima dell evento. Qualora non sia possibile compensare gli effetti dell evento con tali rettifiche, nonché nel caso di cessazione del calcolo e pubblicazione dell'indice Sottostante, l Emittente risolverà i contratti liquidando ai Portatori un Importo di Liquidazione determinato sulla base dell Equo Valore di Mercato dei Certificati. E previsto, inoltre, che l Emittente sposti in avanti il Giorno di Valutazione in caso di esercizio dei Certificati, qualora in tale data fossero in atto Sconvolgimenti di Mercato. Qualora gli Sconvolgimenti di Mercato si protraggano per tutta la durata del Periodo di Valutazione, l Importo di Liquidazione verrà calcolato utilizzando l'equo Valore di Mercato dei Certificati. L'Importo di Liquidazione In seguito all'esercizio automatico dei Certificati alla scadenza, l Emittente verserà un importo equivalente all Importo di Liquidazione complessivo, determinato dall Agente di Calcolo sulla base del numero di Lotti Minimi di Esercizio oggetto dell esercizio. Il pagamento viene effettuato dallo Sportello di Pagamento mediante accredito sul conto dell Intermediario aderente a Monte Titoli entro cinque Giorni Lavorativi dal relativo Giorno di Valutazione. Nell ipotesi di cui nessuno dei Giorni Lavorativi del Periodo di Valutazione sia un Giorno di Negoziazione a causa della presenza di uno Sconvolgimenti di Mercato, allora il Prezzo di Riferimento corrisponderà all Equo Valore di Mercato dei Certificati, determinato dall'agente per il Calcolo con riferimento al Giorno di Valutazione, che nel presente caso sarà il primo Giorno Lavorativo successivo al Periodo di Valutazione. Se il Giorno di Valutazione cade nella fattispecie di cui all'articolo 4 (b)(i) lo stesso viene spostato fino al giorno della comunicazione ai Portatori prevista nello stesso Articolo 4 (b)(i), effettuata secondo le modalità previste dall'articolo 7 del regolamento. L ammontare dell Importo di Liquidazione, così come calcolato dall Agente per il Calcolo, in assenza di errori manifesti, è definitivo e vincolante per il Portatore dei Certificati. Fattori di rischio generali connessi ad un investimento in strumenti finanziari derivati

5 FATTORI DI RISCHIO Gli strumenti finanziari derivati sono caratterizzati da una rischiosità molto elevata il cui apprezzamento da parte dell'investitore è ostacolato dalla loro complessità. E' quindi necessario che l'investitore concluda un'operazione avente ad oggetto tali strumenti soltanto dopo averne compreso la natura ed il grado di esposizione al rischio che essa comporta. L'investitore deve considerare che la complessità di tali strumenti può favorire l'esecuzione di operazioni non adeguate. Si consideri che, in generale, la negoziazione di strumenti finanziari derivati presenta caratteristiche che per molti investitori non sono appropriate. Una volta valutato il rischio dell'operazione, l'investitore e l'intermediario devono verificare se l'investimento è adeguato per l'investitore, con particolare riferimento alla situazione patrimoniale, agli obiettivi di investimento e alla esperienza nel campo degli investimenti in strumenti finanziari derivati di quest'ultimo. Prima di effettuare qualsiasi operazione è opportuno che l'investitore consulti i propri consulenti circa la natura e il livello di esposizione al rischio che tale operazione comporta. Rischio di credito per l'investitore Premesso che il rischio emittente e' il rischio relativo alla capacità dell'emittente di adempiere agli obblighi ad esso derivanti dagli strumenti finanziari nei confronti degli investitori, la posizione finanziaria dell'emittente è tale da garantire l'adempimento nei confronti degli investitori di tali obblighi. Alla data del Documento di Registrazione, in capo all Emittente non sussistono procedimenti giudiziari pendenti, né passività potenziali, che possano pregiudicare l'adempimento nei confronti degli investitori degli obblighi derivanti dall'emissione degli strumenti finanziari. Per maggiori dettagli sui rischi associati all'emittente si rinvia al paragrafo 3 del Documento di Registrazione. Rischio relativo alla dipendenza dal valore del Sottostante Qualsiasi investimento nei Certificati comporta rischi connessi al valore dei Sottostanti. Si tratta, pertanto, di un investimento opportuno per investitori che abbiano esperienza in operazioni su strumenti finanziari il cui valore è legato in modo diretto a quello dei Sottostanti. Il rendimento dei Certificati dipende infatti principalmente dal valore assunto dai Sottostanti che può variare, in aumento od in diminuzione, in relazione ad una varietà di fattori tra i quali: il divario fra domanda ed offerta, fattori macroeconomici, l andamento dei tassi di interesse, movimenti speculativi, operazioni societarie. I dati storici relativi all andamento dei Sottostanti non sono indicativi delle loro performance future. Rischio di liquidità I Certificati, benché saranno quotati sul Mercato SeDeX organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., potranno presentare per l investitore rischi rappresentati dalla difficoltà o impossibilità di rivenderli prontamente prima della scadenza ad un prezzo che consenta di ottenere un rendimento positivo, con la conseguenza che l investitore potrebbe trovarsi costretto ad accettare un prezzo inferiore a quello di

6 FATTORI DI RISCHIO sottoscrizione. Peraltro, come stabilito dall'art del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana s.p.a. (il "Regolamento di Borsa"), l'emittente, in qualità di market-maker, assume l'impegno di esporre quotazioni in acquisto e in vendita a prezzi che non si discostino tra loro in misura superiore al differenziale massimo indicato nelle Istruzioni al regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana s.p.a. (le "Istruzioni al Regolamento di Borsa"), per un quantitativo almeno pari al lotto minimo di negoziazione e secondo la tempistica specificata nelle istruzioni stesse. [Rischio di cambio Per i Certificati il cui sottostante sia espresso in valuta diversa dall Euro, è necessario tenere presente che l eventuale importo di liquidazione spettante a scadenza dovrà essere convertito in Euro. Il Tasso di Cambio di riferimento per la conversione, è il fixing della Banca Centrale Europea pubblicato il Giorno di Valutazione. Di conseguenza, i guadagni e le perdite relativi a contratti denominati in divise diverse da quella di riferimento per l investitore (tipicamente l Euro) potrebbero essere condizionati dalle variazioni dei tassi di cambio. In particolare, il deprezzamento della valuta di denominazione dell'attività sottostante durante la vita del Certificato può comportare una riduzione del guadagno o un aumento della perdita riconosciuta dal Certificato all'investitore alla Data di Scadenza. Viceversa, l'apprezzamento della valuta di denominazione dell'attività sottostante può comportare un aumento del guadagno o una riduzione della perdita riconosciuta dal Certificato all'investitore alla Data di Scadenza.] Fattori di rischio specifici connessi ad un investimento nei Certificati L investimento nei Certificati di cui alla Nota Informativa è soggetto ai rischi specifici di seguito riportati: Rischio di perdita del capitale investito L'investitore deve tenere presente che potrà perdere l'intera somma utilizzata per l'acquisto del Certificato più le commissioni. Tale ipotesi, se pur remota, si potrebbe verificare nel caso in cui il valore del Sottostante sia pari a zero. Rischi relativi alla struttura dei Certificati L acquisto dei Certificati comporta dei rischi legati alla loro struttura specifica. Fondamentalmente, oltre all andamento del prezzo del sottostante, i fattori decisivi per l evoluzione nel tempo del valore dell opzione incorporata nel Certificato comprendono, (i) il periodo di vita residua dell opzione incorporata nei Certificati, (ii) i tassi di interesse sul mercato monetario, nonché, salvo eccezioni, (iii) i pagamenti dei dividendi attesi con riferimento all'attività sottostante. Persino quando, nel corso della durata del Certificato, il corso del Sottostante presenta un andamento favorevole, si può quindi verificare una diminuzione del valore del Certificato a seguito di tali fattori che incidono sul valore dell'opzione che lo compone. Per maggiori dettagli si rinvia al paragrafo "Esemplificazioni" in cui si illustra sinteticamente l'effetto che i fattori sopra richiamati producono di norma sul valore del Certificato.

7 Rischio relativo all'assenza di interessi/dividendi FATTORI DI RISCHIO I Certificati non conferiscono al Portatore alcun diritto alla consegna di titoli o di altri valori sottostanti, ma esclusivamente il diritto a ricevere il pagamento dell Importo di Liquidazione. Parimenti, i Certificati non danno diritto a percepire interessi o dividendi e quindi non danno alcun rendimento corrente. Conseguentemente, eventuali perdite di valore dei Certificati non possono essere compensate con altri profitti derivanti da tali strumenti finanziari, ovvero dai Sottostanti. Il rischio di parziale o totale perdita del prezzo pagato per l acquisto del Certificato comprese le eventuali spese sostenute sussiste quindi anche indipendentemente dalla solidità finanziaria dell Emittente. Si precisa tuttavia che il valore del Benchmark si differenzia dal valore dell indice sottostante, poiché sconta il flusso di dividendi attesi sulle azioni componenti l indice fino alla data di scadenza del Benchmark stesso. Rischio connesso alla coincidenza dei Giorni di Valutazione con le date di stacco di dividendi azionari Vi è un rischio legato alla circostanza che i Giorni di Valutazione possano essere fissati in corrispondenza delle date di pagamento dei dividendi relativi ad uno o più dei titoli che compongono l'indice azionario sottostante. In tale situazione, poiché in corrispondenza del pagamento di dividendi generalmente si assiste - a parità delle altre condizioni - ad una diminuzione del valore di mercato dei titoli azionari, il valore osservato dell'attività sottostante (e dunque la risultante performance) potrà risultare negativamente influenzato, dando luogo a minori rendimenti. Nei limiti di quanto ragionevolmente prevedibile in fase di strutturazione dei Certificati, i Giorni di Valutazione saranno fissati in modo da evitare che gli stessi corrispondano a date di pagamento dei dividendi relativi ad uno o più dei titoli che compongono l'indice azionario sottostante. Si precisa che se il sottostante è un indice di prezzo (lo sono la maggior parte degli indici come, ad esempio, gli indici S&P/MIB o S&P500) ossia un indice non soggetto a reinvestimento dei dividendi, il valore del Benchmark Certificate è inferiore al valore dell indice, poiché sconta il flusso di dividendi che il mercato si attende saranno pagati dalle società che compongono l indice prima della scadenza del Benchmark. In questo modo, i dividendi vengono incassati anticipatamente al momento dell acquisto del Benchmark e nelle date di stacco dei dividendi il valore del Benchmark non risente della corrispondente riduzione che si verifica nel valore dell indice, a parità di altre condizioni. Rischio relativo a commissioni di esercizio/negoziazione L Emittente non applica alcuna commissione di esercizio relativamente ai Certificati. Tuttavia, i potenziali investitori nei Certificati dovrebbero tener presente che l intermediario scelto per la negoziazione/esercizio potrebbe applicare commissioni di esercizio e/o di negoziazione. Conseguentemente, in tutti i casi in cui l Importo di Liquidazione risulti inferiore alle commissioni di negoziazione e/o di esercizio applicate dall intermediario, l esercizio dei Certificati risulterà antieconomico per l investitore. Casi di questo genere, in cui l investitore non ha alcun interesse pratico all esercizio dei Certificati, attengono a rapporti giuridici tra soggetti estranei all Emittente, rispetto ai quali lo stesso è terzo e sui quale non può in alcun modo influire.

8 FATTORI DI RISCHIO Non è prevista alcuna commissione di collocamento in quanto non è prevista l'offerta al pubblico. Rischi conseguenti agli Eventi relativi all'indice Sottostante Nel caso di modifiche sostanziali al metodo di calcolo dell'indice Sottostante o di sua sostituzione con altro indice l'emittente avrà la facoltà di apportare rettifiche al Multiplo e/o al Sottostante medesimo. In particolare, le rettifiche avranno luogo nei casi previsti dall'articolo 4 del Regolamento e comunque al fine di fare in modo che il valore economico dei Certificati resti quanto più possibile equivalente a quello che i Certificati avevano prima dell evento. Qualora non sia possibile compensare gli effetti dell evento con tali rettifiche, nonché nel caso di cessazione del calcolo e pubblicazione dell'indice Sottostante, l Emittente risolverà i contratti liquidando ai Portatori un Importo di Liquidazione determinato sulla base dell Equo Valore di Mercato dei Certificati. Rischi conseguenti agli Sconvolgimenti di Mercato E previsto che l Emittente sposti in avanti il Giorno di Valutazione in caso di esercizio dei Certificati, qualora in tale data fossero in atto Sconvolgimenti di Mercato, secondo quanto stabilito nell'articolo 3 del Regolamento. Qualora gli Sconvolgimenti di Mercato si protraggano per tutta la durata del Periodo di Valutazione, l Agente per il Calcolo provvederà a calcolare l Importo di Liquidazione utilizzando l'equo Valore di Mercato dei Certificati. Nell ipotesi di Sconvolgimento di Mercato, non si verifica la condizione di Stop Loss; in tal caso non verrà determinato un Prezzo di Stop Loss e non si darà luogo al calcolo e al pagamento dell Importo di Liquidazione. Rischio relativo a modifiche al Regolamento L'Emittente potrà apportare al Regolamento le modifiche che ritenga necessarie od opportune al fine di eliminare ambiguità o imprecisioni nel testo. In particolari circostanze le condizioni contrattuali potrebbero essere modificate con decisione dell'organo di vigilanza del mercato o della clearing house. Nel caso in cui le modifiche abbiano effetto sulle modalità di esercizio dei diritti dei Portatori, delle stesse sarà data notizia mediante pubblicazione su un quotidiano a diffusione nazionale. Negli altri casi l'emittente provvederà a informare i Portatori dei Certificati con le modalità di cui all'articolo 7. Rischio relativo all'assenza di rating Non è previsto che i Certificati emessi a valere sul Programma di cui al Prospetto di Base siano oggetto di un rating separato. Quanto al rating attribuito all'emittente, in data 27 maggio 2008 Standard & Poor s ha confermato a Banca Aletti il rating "A" 1 / "A-1" 2. In data 26 novembre 2007 a causa del possesso della 1 Nella scala adottata dall'agenzia di rating Standard & Poor's, la categoria "A" per i debiti a medio-lungo termine indica una forte capacità di pagamento degli interessi e del capitale, ma una certa sensibilità agli aspetti sfavorevoli di cambiamento di circostanze o al mutamento delle condizioni economiche.

9 FATTORI DI RISCHIO partecipazione del 30,72% detenuta dal Gruppo in Banca Italease S.p.A., Standard & Poor s ha tuttavia modificato per tutte le società del Gruppo il proprio outlook da stabile a sotto osservazione negativo. Alla data del Documento di Registrazione i rating attribuiti all'emittente e qui richiamati non sono stati modificati. Rischio di imposizione fiscale L'Importo di Liquidazione di volta in volta dovuto all'investitore potrà essere gravato da oneri fiscali nella misura applicabile al relativo portatore come meglio descritto al paragrafo della presente Nota Informativa. L'imposizione fiscale sui certificates può variare nel corso della durata degli stessi. Tale circostanza potrebbe comportare una perdita di valore dell'investimento. L'Emittente non corrisponderà alcun elemento aggiuntivo per qualunque tassa o imposta che debba essere corrisposta agli investitori. Rischio dei conflitti di interesse Tutte le attività di seguito indicate possono dare luogo a situazioni di conflitto d interesse in quanto potenzialmente idonee ad incidere sul valore dei Certificati. - Rischio conseguente alla coincidenza dell'emittente con l'agente per il Calcolo e il market maker L Emittente è Agente per il Calcolo dell Importo di Liquidazione nonché market-maker per i Certificati oggetto della Nota Informativa. - Rischio di operatività sui Sottostanti Si segnala che l'emittente, ovvero altre società del gruppo bancario a cui appartiene l'emittente potrebbero, nel corso della vita dei Certificati, effettuare operazioni di entità anche significativa sulle attività finanziarie costituenti il Sottostante. Tali operazioni, potendo incidere sul valore di mercato del Sottostante stesso, potrebbero conseguentemente avere impatti sul valore di negoziazione e sui rendimenti dei Certificati, configurando un potenziale conflitto di interessi. - Rischio relativo agli affari con gli emittenti dei Sottostanti L Emittente e/o tali soggetti possono assumere incarichi con funzioni di consulenti finanziari, sponsor o banca commerciale degli emittenti dei sottostanti che compongono l'indice. Ciò potrà avere un effetto positivo o negativo sul valore del Sottostante e, quindi, sul Certificato. 2 Nella scala adottata dall'agenzia di rating Standard & Poor's, la categoria "A-1" per i debiti a breve termine indica una forte capacità di pagamento degli interessi e del capitale. "A-1" è la categoria più alta assegnata da Standard & Poor's ai debiti a breve termine.

10 - Rischio relativo all'introduzione di prodotti concorrenti FATTORI DI RISCHIO L Emittente e/o tali soggetti possono emettere strumenti finanziari derivati, diversi dai Certificati, relativi al Sottostante, che concorrono con i Certificati e, per tale ragione, ne influenzano il valore.

11 ESEMPLIFICAZIONI Strategia di investimento in opzioni Il profilo dell investimento nei Benchmark è finanziariamente equivalente all acquisto di un opzione call con strike pari a zero sul sottostante del Certificato, avente la medesima scadenza e multiplo del Certificato. Metodo di determinazione del pricing Il valore teorico dei Certificati è determinato utilizzando modelli teorici di calcolo che tengono conto dei seguenti fattori di mercato: il livello dell attività sottostante, la volatilità del sottostante, la vita residua a scadenza, i tassi di interesse, il tasso di cambio ed i dividendi attesi. Tra le variabili indicate, il livello del sottostante è quella che ha il maggior impatto sul valore dei Certificati oggetto della Nota Informativa mentre la volatilità implicita non influisce sulla determinazione del prezzo del Benchmark. Il modello di riferimento per il calcolo del valore teorico dei Benchmark è di tipo binomiale, opportunamente adattato, e riprende il modello Black-Scholes descritto nelle pubblicazioni: Black F. e Scholes M., "The Pricing of Options and Corporate Liabilities". Journal of Political Economy, 81 (May-June 1973), ; e Merton R.C., "Theory of Rational Option Pricing". Bell Journal of Economics and Management Science, 4 (Spring 1973), *** ***** *** Con riferimento alla variabili adottate nelle esemplificazioni che seguono, si precisa che il multiplo indica il numero di punti indice controllati da un singolo Certificato. *** ***** *** Scomposizione del Prezzo di Emissione del Certificato Il Prezzo di Emissione del Certificato di cui al presente esempio corrisponde al valore della componente derivativa in quanto non è prevista offerta al pubblico e pertanto non si applicherà alcuna commissione di collocamento. Il Prezzo di Emissione del Certificato di cui al presente esempio, è scomponibile, sotto il profilo finanziario, nelle componenti di seguito riportate: - valore componente derivata: 1,816 Euro; - commissione di collocamento: 0 - prezzo di emissione: 1,816 Euro. Esemplificazioni sul valore teorico dei Certificati

12 Gli operatori in Certificati utilizzano generalmente dei modelli teorici di calcolo che sulla base del livello del sottostante, la volatilità, il periodo di vita residua, i dividendi attesi, il tasso di cambio ed i tassi di interesse, producono un valore teorico dei Certificati. Tra le variabili indicate, il livello del sottostante è quello che ha il maggior impatto sul valore dei certificates. Invece, la volatilità implicita non influisce sulla determinazione del prezzo del Benchmark. Lo schema che segue illustra sinteticamente l'effetto che i fattori sopra richiamati producono di norma sul valore del Certificato, che coincide con il valore dell opzione che lo compone. Effetto di un aumento ( ) nel livello delle variabili di mercato sul valore teorico del Certificato Prezzo del sottostante Volatilità Tasso di interesse Vita residua Dividendi attesi Valore del Certificato - Tasso di cambio EUR/VALUTA ESTERA Sulla base del modello di riferimento per i certificati di cui alla Nota Informativa è inoltre possibile simulare l impatto sul valore teorico del Certificato dovuto ad una variazione dei fattori di mercato, a parità di tutte le altre condizioni. A) Certificato Benchmark con Indice Sottostante denominato in Euro Per le esemplificazioni di seguito riportate si consideri il Certificato su FTSE MIB le caratteristiche riportate nella seguente tabella: Indice Sottostante FTSE MIB Valore iniziale dell'indice Sottostante Data di scadenza Multiplo 0,0001 Dividendi attesi 4,50% Tasso free risk 1,40% Volatilità 31% Prezzo di acquisto del certificato 1,816 (acquistato in data 13 maggio 2009) Si precisa che il prezzo di acquisto del certificato si ottiene applicando il modello di riferimento per il calcolo del valore teorico dei Benchmark. Tale modello è di tipo binomiale, opportunamente adattato, e riprende il modello Black-Scholes. Il prezzo di acquisto dipende dall attualizzazione del flusso di dividendi che il mercato si attende saranno pagati dalle società che compongono l indice, prima della

13 scadenza del Benchmark, dal valore del sottostante nonché da tutti i restanti fattori di mercato che determinano il prezzo del certificato, come esplicitati nel prosieguo. Di seguito viene descritto l impatto di determinate variabili, in data 13 Maggio 2009, sul valore teorico di un Certificato sull Indice FTSE MIB, avente scadenza 20 Dicembre 2010, Multiplo pari a 0,0001, dividendi attesi pari a 4,50% punti indice e con un tasso di interesse risk free pari a 1,40%. I valori iniziali sono indicati in grassetto nelle tabelle seguenti: Esempio A: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel prezzo dell'indice Sottostante FTSE MIB, assumendo che la volatilità, il tempo a scadenza, i tassi d interesse ed i dividendi attesi rimangano invariati. Valore dell' Indice Sottostante Variazione % dell'indice Sottostante Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato % 1,920 +5,73% , % 1,712-5,73% Esempio B: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nella volatilità, assumendo che il valore dell'indice Sottostante FTSE MIB, il tempo a scadenza, i tassi di interesse ed i dividendi attesi rimangano invariati. Volatilità dell' Indice Sottostante Variazione della Volatilità dell' Indice Sottostante Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 36% +5% 1, % 0 1, % -5% 1,816 0 Esempio C: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel tempo alla scadenza, assumendo che il valore dell'indice Sottostante DJ Eurostoxx 50, i tassi di interesse ed i dividendi attesi rimangano invariati. Vita residua in giorni Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 583 1,816 0% 270 1,863 +2,59% 90 1,943 +6,99% Esempio D: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel tempo dei dividendi attesi, assumendo che il valore dell'indice Sottostante FTSE MIB, la volatilità, i tassi di interesse ed il tempo a scadenza rimangano invariati. Dividendi attesi Variazione Dividendi attesi Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 4,725% +5% 1,808-0,44% 4,50% 0% 1, ,275% -5% 1,823 +0,41%

14 Esempio E: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel tasso di interesse, assumendo che il valore dell'indice Sottostante FTSE MIB, la volatilità, i dividendi attesi ed il tempo a scadenza rimangano invariati. Tasso di interesse Variazione % tasso di interesse Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 2,40% +1% 1, ,06% 1,40% 0 1, ,40% -1% 1,8149-0,006% Formula ed esemplificazione dei rendimenti Ipotesi 1 Andamento favorevole dell'indice Sottostante A seguito dell esercizio di ciascun Lotto Minimo di Esercizio, il portatore dei Certificati ha diritto di ricevere l Importo di Liquidazione, che viene determinato come segue. (Prezzo di Liquidazione * Multiplo * Lotto Minimo di Esercizio) / Tasso di Cambio finale riprendendo le caratteristiche del Benchmark di cui all esempio precedente: Multiplo: 0,0001 Lotto Minimo di Esercizio: 100 Tasso di Cambio: 1 Dato il prezzo di acquisto di un Lotto Minimo di certificati pari a 181,60 e il Prezzo di Riferimento pari a , l Importo di Liquidazione è pari a: * 0,0001 * 100 / 1 = 235 Euro A fronte di una performance dell indice pari al 20,51%, la performance dell investimento sarà del 29,40% dal momento che il prezzo di acquisto del Benchmark incorpora la riduzione di valore dell indice che si verifica durante la vita del Benchmark in corrispondenza di ogni stacco dei dividendi. Ipotesi 2 Andamento sfavorevole dell'indice Sottostante A seguito dell esercizio di ciascun Lotto Minimo di Esercizio, il portatore dei Certificati ha diritto di ricevere l Importo di Liquidazione, che viene determinato come segue. (Prezzo di Liquidazione * Multiplo * Lotto Minimo di Esercizio) / Tasso di Cambio finale riprendendo le caratteristiche del Benchmark di cui all esempio precedente:

15 Multiplo: 0,0001 Lotto Minimo di Esercizio: 100 Tasso di Cambio: 1 Dato il prezzo di acquisto di un Lotto Minimo di certificati pari a 181,60 ed il Prezzo di Riferimento pari a , l Importo di Liquidazione è pari a: ( * 0,0001 *100) = 150 Euro A fronte di una performance negativa dell indice pari al 23,08%, la performance dell investimento sarà del -17,40% dal momento che il prezzo di acquisto del Benchmark incorpora la riduzione di valore dell indice che si verifica durante la vita del Benchmark in corrispondenza di ogni stacco dei dividendi. Nello schema che segue si riassumono gli scenari sopra esposti: Valore iniziale dell'indice Sottostante Prezzo di Riferimento (Valore finale dell'indice Sottostante) Prezzo di acquisto di un Certificato Importo di Liquidazione di un certificato Variazione % tra il valore iniziale e il valore finale dell'indice Sottostante Variazione % tra Prezzo di emissione e Importo di Liquidazione Ipotesi ,816 2,35 20,51% +29,40% Ipotesi ,816 1,50-23,08% -17,40% B) Certificato Benchmark con Indice Sottostante denominato in valuta diversa dall'euro Per le esemplificazioni di seguito riportate si consideri il Certificato sull Indice S&P 500 avente le caratteristiche riportate nella seguente tabella: Indice Sottostante S&P/500 Valore iniziale dell'indice Sottostante 890 Data di scadenza 20/12/2010 Multiplo 0,001 Dividendi attesi 2,30% Tasso free risk 1,08% Tasso di cambio iniziale 1,36 Prezzo di acquisto del certificato 0,6283 (acquistato in data 13 Maggio 2009) Si precisa che il prezzo di acquisto del certificato si ottiene applicando il modello di riferimento per il calcolo del valore teorico dei Benchmark. Tale modello è di tipo binomiale, opportunamente adattato, e riprende il modello Black-Scholes. Il prezzo di acquisto dipende dall attualizzazione del flusso di dividendi che il mercato si attende saranno pagati dalle società che compongono l indice, prima della scadenza del Benchmark, dal valore del sottostante diviso per il tasso di cambio nonché da tutti i restanti fattori di mercato che determinano il prezzo del certificato, come esplicitati nel prosieguo.

16 Di seguito viene descritto l impatto di determinate variabili, in data 13 Maggio 2009, sul valore teorico di un Certificato sull Indice S&P 500, avente scadenza , Multiplo pari a 0,001, Tasso di cambio EUR/USD iniziale 1,36, dividendi attesi pari a 2,30% e con un tasso di interesse risk free pari a 1,08%. I valori iniziali dell'indice Sottostante S&P 500 sono indicati in grassetto nella tabella seguente: Esempio A: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel prezzo dell'indice Sottostante S&P500, assumendo che la volatilità, il tempo a scadenza, il tasso di cambio, i tassi di interesse ed i dividendi attesi rimangano invariati. Valore dell' Indice Sottostante Variazione % dell'indice Sottostante Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 934,50 +5% 0, ,35% , ,50-5% 0,5947-5,35% Esempio B: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nella volatilità, assumendo che il valore dell'indice Sottostante S&P 500, il tempo a scadenza, il tasso di cambio, i tassi di interesse ed i dividendi attesi rimangano invariati. Volatilità dell' Indice Sottostante Variazione della Volatilità dell' Indice Sottostante Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 35% +5% 0, % 0 0, % -5% 0, Esempio C: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel tempo alla scadenza, assumendo che il valore dell'indice Sottostante S&P 500, la volatilità, il tasso di cambio, i tassi di interesse ed i dividendi attesi rimangano invariati. Vita residua in giorni Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 583 0,6283 0% 270 0, % 90 0, % Esempio D: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel tempo dei dividendi attesi, assumendo che il valore dell'indice Sottostante S&P 500, la volatilità, il tasso di cambio, i tassi di interesse e il tempo a scadenza rimangano invariati. Dividendi attesi Variazione Dividendi attesi Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 2,415% +5% 0,6265-0,29% 2,30% 0 0, ,185% -5% 0,6299 0,26%

17 Esempio E: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel tasso di interesse, assumendo che il valore dell'indice Sottostante S&P 500, il tasso di cambio, la volatilità e il tempo a scadenza rimangano invariati. Tasso di interesse Variazione % tasso di interesse Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 2,07% +1% 0,6286 0,05% 1,07% 0 0, ,07% -1% 0,6279-0,05% Esempio F: descrive l impatto sul prezzo del Certificato prodotto da variazioni nel tasso di cambio, assumendo che il valore dell'indice Sottostante S&P 500, il tempo a scadenza, la volatilità, i tassi d interesse ed i dividendi attesi rimangono invariati. Tasso di cambio EUR/USD Variazione % Tasso di cambio EUR/USD Prezzo del Certificato Variazione % del prezzo del Certificato 1,428 +5% 0,5978-4,86% 1,36 0 0, ,292-5% 0, ,07% Formula ed esemplificazione dei rendimenti Ipotesi 1(a) Andamento favorevole dell'indice Sottostante, deprezzamento della valuta di denominazione del Sottostante A seguito dell esercizio di ciascun Lotto Minimo di Esercizio, il portatore dei Certificati ha diritto di ricevere l Importo di Liquidazione, che viene determinato come segue. (Prezzo di Riferimento * Multiplo * Lotto Minimo di Esercizio) / Tasso di Cambio finale riprendendo le caratteristiche del Benchmark di cui all esempio precedente e considerando un movimento sfavorevole del tasso di cambio da 1,36 a 1,40 : Multiplo: 0,001 Lotto Minimo di Esercizio: 100 Tasso di Cambio finale: 1,40 Dato il prezzo di acquisto di un Lotto Minimo di certificati pari a 62,83 e il Prezzo di Riferimento pari a 950, l Importo di Liquidazione è pari a: (950 * 0,001*100 ) / 1,40 = 67,86 Euro A fronte di una performance dell indice pari al 6,74%, la performance dell investimento sarà del 8% dal momento che il prezzo di acquisto del Benchmark incorpora la riduzione di valore dell indice che si verifica durante la vita del Benchmark in corrispondenza di ogni stacco dei dividendi.

18 L investitore tenga in considerazione che la performance è influenzata da un deprezzamento del 2,94% della valuta di denominazione dell'indice Sottostante. Ipotesi 1(b) Andamento favorevole dell'indice Sottostante, apprezzamento della valuta di denominazione del Sottostante Riprendendo le caratteristiche del Benchmark di cui all esempio precedente e considerando un movimento favorevole del tasso di cambio, da 1,36 a 1,32: Multiplo: 0,001 Lotto Minimo di Esercizio: 100 Tasso di Cambio finale: 1,32 Dato il prezzo di acquisto di un Lotto Minimo di certificati pari a 62,83 e il Prezzo di Riferimento pari a 950, l Importo di Liquidazione è pari a: (900 *0,001 * 100) / 1,32 = 68,18 Euro A fronte di una performance dell indice pari a 1,12%, la performance dell investimento sarà del 8,52% dal momento che il prezzo di acquisto del Benchmark incorpora la riduzione di valore dell indice che si verifica durante la vita del Benchmark in corrispondenza di ogni stacco dei dividendi. L investitore tenga in considerazione che la performance è influenzata da un apprezzamento del 2,94% della valuta di denominazione dell'indice Sottostante. Ipotesi 2(a) Andamento sfavorevole dell'indice Sottostante, deprezzamento della valuta di denominazione del Sottostante A seguito dell esercizio di ciascun Lotto Minimo di Esercizio, il portatore dei Certificati ha diritto di ricevere l Importo di Liquidazione, che viene determinato come segue. (Prezzo di Riferimento * Multiplo * Lotto Minimo di Esercizio) / Tasso di Cambio finale riprendendo le caratteristiche del Benchmark di cui all esempio precedente e considerando un movimento sfavorevole del tasso di cambio da 1,36 a 1,40: Multiplo: 0,001 Lotto Minimo di Esercizio: 100 Tasso di Cambio finale: 1,40 Dato il prezzo di acquisto di un Lotto Minimo di certificati pari a 62,83 e il Prezzo di Riferimento pari a 800, l Importo di Liquidazione è pari a: (800* 0,001 * 100) / 1,40 = 57,14 Euro

19 A fronte di una performance negativa dell indice pari al -10,11%, la performance dell investimento sarà del -9,06% dal momento che il prezzo di acquisto del Benchmark incorpora la riduzione di valore dell indice che si verifica durante la vita del Benchmark in corrispondenza di ogni stacco dei dividendi. L investitore tenga in considerazione che la performance è influenzata da un deprezzamento del 2,94% della valuta di denominazione dell'indice Sottostante. Ipotesi 2(b) Andamento sfavorevole dell'indice Sottostante, apprezzamento della valuta di denominazione del Sottostante Riprendendo le caratteristiche del Benchmark di cui all esempio precedente e considerando un movimento favorevole del tasso di cambio, da 1,36 a 1,32: Multiplo: 0,001 Lotto Minimo di Esercizio: 100 Tasso di Cambio finale: 1,32 Dato il prezzo di acquisto di un Lotto Minimo di certificati pari a 62,83 e il Prezzo di Riferimento pari a 750, l Importo di Liquidazione è pari a: (750*0,001 * 100) / 1,32 = 56,82 Euro A fronte di una performance negativa dell indice pari al -15,73%, la performance dell investimento sarà del -9,56% dal momento che il prezzo di acquisto del Benchmark incorpora la riduzione di valore dell indice che si verifica durante la vita del Benchmark in corrispondenza di ogni stacco dei dividendi. L investitore tenga in considerazione che la performance è influenzata da un apprezzamento del 2,94% della valuta di denominazione dell'indice Sottostante. Nello schema che segue si riassumono gli scenari sopra esposti: Ipotesi 1(a) Ipotesi 1(b) Ipotesi 2(a) Ipotesi 2(b) Valore iniziale dell'indice Sottostante Prezzo di Riferimento (Valore finale dell'indice Sottostante) Tasso di Cambio Iniziale Tasso di Cambio Finale Prezzo di acquisto del Certificato Import o di Liquid. Variazione % tra valore iniziale e valore finale dell'indice Sottostante Variazione % tra Prezzo di emissione e Importo di Liquid ,36 1,40 0,6283 0, ,74% +8% ,36 1,32 0,6283 0, ,12% +8,52% ,36 1,40 0,6283 0, ,11% -9,06% ,36 1,32 0,6283 0, ,73% -9,56%

20 Punto di pareggio I Certificati non danno luogo al pagamento di un rendimento certo e determinato o determinabile sin dall'origine. A priori è possibile stabilire solo il punto di pareggio alla scadenza naturale dei prodotti ovvero è possibile determinare in corrispondenza di quale livello dell'indice Sottostante a scadenza il pagamento dell'importo di Liquidazione risulterà uguale al prezzo di acquisto. Il punto di pareggio è calcolabile nel seguente modo: Punto di Pareggio = (Prezzo di acquisto del Certificato * Tasso di cambio finale) / Multiplo Con riferimento alle esemplificazioni sopra riportate (Benchmark con sottostante l indice FTSE MIB, se il prezzo di acquisto di un Certificato è 1,816 Euro e il Tasso di cambio finale è pari a 1, il punto di pareggio del Certificato è pari a: (1,816* 1) / 0,0001 = Grafico relativo all importo di liquidazione del Certificato Benchmark con sottostante l indice FTSE MIB in rapporto all'andamento del sottostante Importo di liquidazione per un Lotto Minimo di 100 Certificati , Punto di pareggio Valore iniziale Benchmark Certificate Indice FTSE MIB Valore dell indice FTSE MIB alla data di scadenza

21 Andamento storico del Sottostante I grafici sottostanti riportano l andamento dell indice FTSE MIB e S&P 500 nel periodo compreso tra e Dicembre 2008 Maggio Daily Q.FTMIB SMA; Q.FTMIB; Last Trade(Last); 14; 03/06/2009; ,25 18/12/ /05/2009 (LON) Price EUR VltyCC; Q.FTMIB; Last Trade(Last); 10; 365,0; 03/06/2009; 27,15 Value EUR gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag Q Q Q Q Q Q Daily Q.SPX SMA; Q.SPX; Last Trade(Last); 20; 11/05/2009; 874,28 18/12/ /05/2009 (CHG) Price USD VltyCC; Q.SPX; Last Trade(Last); 10; 365,0; 11/05/2009; 25,55 Value USD gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag Q Q Q Q Q Q (fonte: Reuters) AVVERTENZA: l'andamento storico del Sottostante, come sopra rappresentato, non è necessariamente indicativo del futuro andamento dello stesso, per cui gli scenari di rendimento di cui agli esempi sopra riportati hanno un valore puramente esemplificativo e non costituiscono garanzia di ottenimento degli stessi livelli di rendimento.

22 Andamento storico del Tasso di Cambio Il grafico sottostante riporta l andamento del Tasso di Cambio EUR/USD nel periodo compreso tra dicembre 2007 maggio 2009 Daily QEUR= SMA; QEUR=; Bid(Last); 20; 12/05/2009; 1, /12/ /05/2009 (GMT) Price USD 1,52 1,48 1,44 1,4 1,36 1,32 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag Q Q Q Q Q Q Fonte (Reuters) AVVERTENZA: l'andamento storico del Tasso di Cambio, come sopra rappresentato, non è necessariamente indicativo del futuro andamento dello stesso, per cui gli scenari di rendimento di cui agli esempi sopra riportati hanno un valore puramente esemplificativo e non costituiscono garanzia di ottenimento degli stessi livelli di rendimento.]

23 2. Informazioni sulla quotazione dei Certificati La Borsa Italiana S.p.A. ha deliberato l ammissione alla quotazione per i Certificati con provvedimento n. LOL del 4 giugno L emissione si compone di un totale di 4 serie di Certificati. Per ciascuna serie sono stati emessi Certificati, per un quantitativo indicato nella colonna Quantità della Tabella 1 allegata. Per ciascuna serie il lotto minimo di esercizio è indicato nella colonna lotto esercizio della Tabella 1 allegata. Per ciascuna serie il lotto minimo di negoziazione fissato dalla Borsa Italiana S.p.A., è indicato nella colonna lotti minimi di negoziazione della Tabella 1 allegata. La data di inizio delle negoziazioni verrà stabilita dalla Borsa Italiana S.p.A., che provvederà ad informarne il pubblico mediante proprio avviso di inizio negoziazione. L Emittente, ai sensi dell articolo del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A., si impegna a esporre in via continuativa su tutte le serie quotate prezzi denaro e prezzi lettera che non si discostino tra loro in misura superiore al differenziale massimo indicato nelle Istruzioni al Regolamento della Borsa Italiana S.p.A., per un quantitativo almeno pari al numero minimo di lotti minimi di negoziazione come determinati dalla Borsa Italiana S.p.A. e indicato nella colonna n. lotti minimi di negoziazione per obblighi quotazione della Tabella 1 allegata. 3. Autorizzazioni relative all emissione L emissione dei Certificati oggetto delle presenti Condizioni Definitive è stata approvata con delibera del presidente del Consiglio di Amministrazione (o altro organo competente) in data 14 maggio Caratteristiche dei Certificati Le presenti Condizioni Definitive sono relative all ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico dei Securitised Derivatives (il Mercato SeDeX ) di 4 serie di certificati emessi dall Emittente e denominati "Benchmark su indici azionari I serie 2009" (i Certificati e, singolarmente, una Serie di Certificati ). Salvo che sia diversamente indicato, i termini e le espressioni riportate con lettera maiuscola hanno lo stesso significato loro attribuito nel Regolamento di cui alla Nota Informativa relativa ai Benchmark. I Certificati su Indici hanno le caratteristiche indicate nella Tabella 1 allegata alle presenti Condizioni Definitive. Il quantitativo globale dei Certificati oggetto di ammissione a quotazione ai sensi delle presenti Condizioni Definitive è pari a

24 5. Prezzi Indicativi dei Certificati Il prezzo dei Certificati (o premio ) rappresenta l'importo in Euro necessario per l'acquisto di un singolo Certificato. Il prezzo dei Certificati varierà di volta in volta, in funzione dei valori correnti di mercato dell Indice Sottostante e di altri fattori, principalmente l andamento dei tassi di interesse. Un informativa continua sull andamento dei prezzi dei Certificati sarà diffusa tramite Reuters (pagina IT/WTS1 e ALETTICERT). Tali informazioni saranno inoltre reperibili sul sito A titolo puramente esemplificativo, la Tabella 1 contiene i prezzi indicativi dei Certificati, determinati alla data del 13 maggio 2009 assumendo che il prezzo e la volatilità dell Indice Sottostante e i tassi di interesse abbiano i valori indicati in tabella. 6. Reperibilità delle informazioni e andamento dell Indice Sottostante Un informativa continua sull andamento del valore degli Indici Sottostanti i Certificati, come registrato sul rispettivo mercato di quotazione, sarà reperibile sui maggiori quotidiani economici nazionali ed internazionali. 7. Descrizione degli Indici Sottostanti Di seguito si fornisce la descrizione degli Indici Sottostanti a ciascuna Serie di Certificati: Nome dell'indice Sponsor Descrizione dell'indice FTSE MIB FTSE International Ltd. L Indice FTSE MIB fornisce un ampia e accurata rappresentatività del mercato azionario italiano, arrivando a coprire circa l 80% dell intera capitalizzazione e del flottante del mercato. Al fine di assicurare all Indice un adeguata rappresentatività del mercato e di rispecchiare fedelmente l importanza dei titoli, il criterio di selezione dei componenti è basato sulla classificazione settoriale GICS (Global Industry Classification Standard), sulla capitalizzazione del flottante e sulla liquidità delle azioni. L'Indice FTSE MIB, per consentire di riflettere costantemente il mercato azionario italiano nel tempo, non è un Indice con un numero fisso di componenti: attualmente comprende 40 società. Una volta all anno l Index Committee verifica se il numero delle società componenti l Indice sia idoneo a rappresentare correttamente il mercato finanziario, modificando eventualmente il loro numero. Le revisioni ordinarie della composizione dell Indice sono previste due volte l anno, a marzo e settembre, mentre trimestralmente viene

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati PER DUE CERTIFICATE e PER DUE

Dettagli

Borsa Protetta Certificate su azioni italiane III serie 2007

Borsa Protetta Certificate su azioni italiane III serie 2007 Sede Legale: Via Santo Spirito, 14-20121 Milano - ITALIA - Tel. +39 02 760 601 - Fax +39 02 784 664. Direzione Generale e Sede Operativa: Via Roncaglia, 12-20146 Milano - ITALIA - Tel. +39 02 433 581 web:

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del programma di offerta al pubblico e/o di quotazione denominato

BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del programma di offerta al pubblico e/o di quotazione denominato CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del programma di offerta al pubblico e/o di quotazione denominato "PER DUE CERTIFICATES"

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione dei Certificati "CASH COLLECT"

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates "BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e quotazione dei certificates "BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates "BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione dei Certificati "AUTOCALLABLE STEP

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

"AUTOCALLABLE STEP PLUS" su Azioni Italiane, Azioni Estere e Indici e "AUTOCALLABLE STEP PLUS DI TIPO QUANTO" su Azioni Estere e Indici

AUTOCALLABLE STEP PLUS su Azioni Italiane, Azioni Estere e Indici e AUTOCALLABLE STEP PLUS DI TIPO QUANTO su Azioni Estere e Indici CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione dei Certificati "AUTOCALLABLE

Dettagli

"STEP" e. e "STEP DI TIPO QUANTO" CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI

STEP e. e STEP DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione dei Certificati "STEP" e "STEP

Dettagli

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N.

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N. Avviso integrativo di emissione. Il presente Avviso va letto congiuntamente alla Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 19.06.2003, a seguito di nullaosta

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione dei Certificati "AUTOCALLABLE STEP

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

BANCA POPOLARE DI NOVARA S.p.A.

BANCA POPOLARE DI NOVARA S.p.A. BANCA POPOLARE DI NOVARA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA " BANCA POPOLARE DI NOVARA S.P.A. OBBLIGAZIONI STEP-UP" Prestito Obbligazionario BANCA POPOLARE DI NOVARA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA Sede sociale Napoli Via Filangieri, 36 Numero Iscrizione nel Registro delle Imprese di Napoli e Codice Fiscale/Partita IVA. 04504971211 Capitale sociale Euro 71.334.180,00 Iscritta all Albo delle Banche

Dettagli

BANCA POPOLARE DI RAVENNA

BANCA POPOLARE DI RAVENNA BANCA POPOLARE DI RAVENNA Società per Azioni Ravenna, Via A.Guerrini 14 ------- Iscritta nell Albo delle Banche al n.1161 Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Attività di direzione e coordinamento:

Dettagli

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Aletti & C. - Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A. sede sociale in Via Santo Spirito n. 14, 20121 Milano iscritta al Registro delle Imprese presso la Camera di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA. "CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA. CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Cassa di Risparmio di Alessandria 5 Agosto 2008-2013 Tasso

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "BANCA POPOLARE DI MILANO S.C. a r.l. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DI MILANO S.C. a r.l. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "BANCA POPOLARE DI MILANO S.C. a r.l. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL" Banca Popolare di Milano 11 Maggio 2007/2009 Fund Flash US ISIN

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A STEP UP STEP DOWN CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. STEP UP 02/02/2010 02/02/2013 SERIE 85 IT0004571151

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino

Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in piazza Arti e Mestieri, San Casciano Val di Pesa Firenze iscritta all Albo delle Banche

Dettagli

"Covered Warrant PROTEGGI RATA 16.03.2007-16.09.2015 serie 101"

Covered Warrant PROTEGGI RATA 16.03.2007-16.09.2015 serie 101 BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Prospetto di base di sollecitazione e quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA alla

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo, Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa ai "Covered Warrant EURIBOR CAP"

CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa ai Covered Warrant EURIBOR CAP CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" CONDIZIONI

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE DI QUOTAZIONE BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates "BORSA PROTETTA

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BANCA DELLA BERGAMASCA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

"Covered Warrant EURIBOR CAP 29.09.2006-29.03.2024 serie 28^"

Covered Warrant EURIBOR CAP 29.09.2006-29.03.2024 serie 28^ BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Prospetto di base di sollecitazione e quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA alla

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE Banca Popolare del Lazio T.V. 31/01/2008 31/01/2011 36ª, Codice Isin

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO LAZIO 23/02/2009-23/02/2012 TASSO FISSO 2,70% Codice ISIN IT0004457351 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CRV

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 21.908.808,00 Euro

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN BANCA DELLA

Dettagli

"CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Febbraio 2008/2012

CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Febbraio 2008/2012 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Febbraio 2008/2012 Tasso Fisso

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 21.908.808,00 Euro interamente versato Banca iscritta all Albo delle Banche al n. 1332.6.0 Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE Banca Popolare del Lazio T.V. 12//08/2008 12/08/2011 41ª, Codice Isin:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA OBBLIGAZIONI A TASSO

Dettagli

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop.

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Sede legale ed amministrativa: 39042 Bressanone, via Croce 7 Home-page: www.raiffeisen.it/eisacktal, Indirizzo e-mail: RK_Eisacktal@rolmail.net Tel. +39 0472

Dettagli

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A. - Sede legale in via Roncaglia, 12 Milano Capitale Sociale interamente versato pari ad Euro 121.163.538,96 Registro

Dettagli

Banca di Legnano 3 Settembre 2010/2016 Tasso Fisso 2,90%, ISIN IT000462499 2

Banca di Legnano 3 Settembre 2010/2016 Tasso Fisso 2,90%, ISIN IT000462499 2 CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prestito Obbligazionario Banca di Legnano 3 Settembre 2010/2016 Tasso Fisso 2,90%, ISIN IT000462499 2 DA EMETTERSI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA DI OFFERTA DENOMINATO "BANCA

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. TV 01/08/-01/02/2011 S50 IT0004390933 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO A TASSO FISSO 30/12/2008 30/12/2010

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO A TASSO FISSO 30/12/2008 30/12/2010 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO A TASSO FISSO 30/12/2008 30/12/2010 Codice ISIN IT0004438138 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banca di Sassari S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banca di Sassari S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile Sede sociale e Direzione Generale in Sassari, Viale Mancini, 2 Capitale sociale Euro 53.686.168,82 i.v. Iscrizione al Registro delle Imprese di Sassari al n. 01583450901 Codice Fiscale e Partita IVA n.

Dettagli

Obiettivo Investimento

Obiettivo Investimento Obiettivo Investimento Express Coupon Certificates su FTSEMIB Index ISIN: DE000HV8AKB5 Sottostante: FTSEMIB Index Scadenza: 27.11.2014 Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly.

Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly. Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly. I Certificati, in quanto strumenti finanziari derivati,

Dettagli

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento.

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Certificate. Ti porteremo dove da solo non riusciresti ad arrivare. Lo strumento finanziario che consente di realizzare una

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 24/08/2011-24/08/2014 TASSO FISSO 3,25% Codice ISIN IT0004752199 Le presenti Condizioni

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 147.420.075,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO  ISIN IT0004618051 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "B.C.C. DI FORNACETTE OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Emissione n. 182 B.C.C. FORNACETTE 2007/2010 Euribor 6 mesi + 25 p.b. ISIN IT0004218829 Le

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prestito Obbligazionario. Banca Popolare di Mantova 30 Novembre 2009/2011 Tasso Variabile, ISIN IT000454596 5

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prestito Obbligazionario. Banca Popolare di Mantova 30 Novembre 2009/2011 Tasso Variabile, ISIN IT000454596 5 CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prestito Obbligazionario Banca Popolare di Mantova 30 Novembre 2009/2011 Tasso Variabile, ISIN IT000454596 5 DA EMETTERSI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA DI OFFERTA DENOMINATO

Dettagli

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BCC di BARLASSINA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BCC Barlassina 2,60% 19/04/2010-2014

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CREDITO TREVIGIANO TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CREDITO TREVIGIANO TASSO VARIABILE Credito Trevigiano Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CREDITO TREVIGIANO TASSO VARIABILE CREDITO TREVIGIANO

Dettagli

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa ai "Covered Warrant EURIBOR CAP"

CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa ai Covered Warrant EURIBOR CAP CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" CONDIZIONI

Dettagli

PROSPETTO DI BASE. relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati

PROSPETTO DI BASE. relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati G L O S S A R I O PROSPETTO DI BASE relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati (a) BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA DI TIPO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede legale in Milano iscritta all Albo delle Banche con il n. 5570 Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Società soggetta alla direzione ed al coordinamento

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio.

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio Tasso Fisso

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa ai "Covered Warrant EURIBOR CAP"

CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa ai Covered Warrant EURIBOR CAP CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" CONDIZIONI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO EMILIANO Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI relativa al PROGRAMMA DI EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO TASSO VARIABILE 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Masiano (Pistoia) in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI STEP-UP"

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA. BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI STEP-UP" PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCO POPOLARE S.C. SERIE 83 STEP-UP CALLABLE 10.12.2008

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI STEP COUPON BANCA DI CESENA 04/02/2008 04/02/2011 STEP

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Banca della Bergamasca

Banca della Bergamasca Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO/TASSO FISSO CALLABLE

Dettagli

Il presente Secondo Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto di Base.

Il presente Secondo Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto di Base. Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly L adempimento di pubblicazione del

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli