Analisi Complessa. Prof. Sebastiano Seatzu. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica. 29 settembre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi Complessa. Prof. Sebastiano Seatzu. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica. 29 settembre 2010"

Transcript

1 Università degli Studi di agliari Dipartimento di Matematica Prof. Sebastiano Seatzu Analisi omplessa 9 settembre Facoltà di Ingegneria orso di laurea in Ingegneria Elettronica

2

3 3 Indice ANALISI OMPLESSA 5. Numeri complessi e funzioni complesse Funzioni complesse, limiti e continuità Funzioni notevoli Punti singolari Integrazione nel campo complesso Formule integrali di auchy e conseguenze Formula integrale per le derivate di ordine superiore Funzioni analitiche e serie di Taylor Funzioni analitiche e serie di Laurent Residui e teorema dei residui Teorema dei residui e calcolo di integrali Integrali del tipo + f(x) dx Integrali del tipo π f(cos(θ), sin(θ)) dθ Integrali del tipo + f(x){cos(αx), sin(αx)} dx Valore principale di auchy di integrali impropri Integrali calcolabili mediante il teorema dei residui Inversione della trasformata di Laplace nel campo complesso

4

5 5 apitolo Analisi omplessa. Numeri complessi e funzioni complesse Questo capitolo è dedicato alle funzioni complesse, ossia alle funzioni che, in un assegnato dominio del campo complesso, assumono valori complessi. Allo scopo di evitare incomprensioni, dovute a lacune su questioni di base, vengono premesse definizioni e proprietà fondamentali sui numeri complessi. Si definisce unità immaginaria la soluzione dell equazione i +, ossia i. Ovviamente i non è un numero reale. Per numero complesso si intende un qualsiasi numero del tipo α a + ib, essendo a e b numeri reali. I numeri a e b sono definiti parte reale e immaginaria di α. Dunque Re(α) a e Im(α) b. Ad esempio: Re( + 4i) e Im( + 4i) 4. Due numeri complessi sono uguali se e solo se sono uguali sia le parti reali sia quelle immaginarie. Ad esempio: a + ib c + id se e solo se a c e b d. Di conseguenza la risoluzione di un equazione nel campo complesso richiede che lo siano le parti reali e immaginarie. Ad esempio: x + (x + y)i 3 implica la risoluzione del sistema { x 3 x + y dunque x ± 3 e y 3. Le operazioni di addizione, sottrazione e moltiplicazione sono definite di conseguenza, ossia (a + ib) ± (c + id) a ± c + i(b ± d) (a + ib)(c + id) ac bd + i(bc + ad). Il complesso coniugato di un numero α a + ib è, per definizione, ᾱ a ib. Da notare che αᾱ (a + ib)(a ib) a + b, ossia che αᾱ è reale anche se α è complesso. Per ogni numero complesso α a + ib si definisce modulo di α, in simboli α, il numero reale non negativo α a + b αᾱ. Ovviamente α con α se e solo se α. Ad esempio: i. Se β, si definisce come rapporto α/β il numero α β a + ib c + id α β ac + bd + (bc ad)i β β c + d ac + bd bc ad + c + d c + d i

6 6 APITOLO. ANALISI OMPLESSA ome esempio si può considerare il rapporto tra + 4i e 3i: + 4i 3i ( + 4i)( + 3i) ( 3i)( + 3i) i. I numeri complessi ammettono una semplice interpretazione geometrica. on riferimento agli assi cartesiani, un numero α a + ib può essere identificato come il punto di coordinate (a, b), ma anche come il vettore ai + bj (Figura.), essendo i e j i versori (, ) e (, ) degli assi coordinati x e y rispettivamente. y b ab z a x Figura.: È utile notare che ᾱ rappresenta un punto del piano in posizione simmetrica rispetto ad α, relativamente all asse dell ascisse, e che il modulo di α rappresenta la lunghezza euclidea del vettore ai + bj, ossia la distanza del punto (a, b) dall origine. La somma di due numeri complessi (a + ib) + (c + id), in virtù della loro interpretazione geometrica, può essere associata al vettore (a+c)i+(b+d)j, ottenibile da (ai+bj)+(ci+dj) mediante la regola del parallelogramma. È anche immediato osservare che (a + ib) + (c + id) a + ib + c + id, essendo (a + c) + (b + d) a + b + c + d. Tale relazione corrisponde al fatto, ben noto dalla scuola Euclidea, che in un triangolo la lunghezza di qualsiasi lato è minore o uguale alla somma delle lunghezze degli altri due. Dalla precedente interpretazione segue che la distanza tra i punti α (a, b) e β (c, d) è data da α β (a c) + (b d). Esercizio. Determinare il luogo dei punti z per cui z. Si tratta evidentemente della circonferenza con centro l origine e raggio, ossia dei punti (x, y) con x + y. La relazione z indica invece il cerchio unitario, ossia l insieme dei punti (x, y) del piano con x + y. Esercizio. Determinare i numeri complessi z tali che z + 4i < 3. Si tratta dei punti interni al cerchio di centro 4i e raggio 3.

7 .. NUMERI OMPLESSI E FUNZIONI OMPLESSE 7 Esercizio.3 Determinare z in modo che z + Re(z ) 4. Posto z x + iy, deve risultare x + y + (x y ) 3x y 4, per cui l equazione rappresenta l iperbole x 3 y 4 3. Esercizio.4 Verificare la validità, nel campo complesso, della formula sul binomio di Newton dove n è un numero naturale e (α + β) n ( n j è il j-esimo coefficiente del binomio di Newton. n j ) ( n j n! j!(n j)! ) α n j β j, Dimostrazione. Procedendo per induzione, è sufficiente osservare che la relazione è valida per n e che, supponendo sia valida per n,,..., k, è valida anche per n k +. Per n, è immediata, essendo (per definizione) ( n ) Per nk+, essendo la formula valida per k, si ha k ( (α + β) k+ (α + β) k (α + β) k j k j ( k ( k j j ) k+ α (k+) j β j + ) α k+ β + k+ ( k + j j k j r [( k j ) α (k+) j β j ( n n ). ) α k j β j (α + β) ( k r ) + ( k j ) α (k+) r β r (r j + ) )] ( α (k+) j β j k + k ) α β k+ dato che ( k j ) ( k + j ) k! j!(k j)! + k! k! j!(k j + )! k!(k + ) j!((k + ) j)! (j )!(k j + )! (k j + + j) ( k + j Il risultato è pertanto valido, anche nel campo complesso, qualunque sia il numero naturale n. ). Forma polare. Ad ogni numero α a+ib, si può associare il punto (a, b) del piano complesso (Figura.), a sua volta identificabile mediante le coordinate polari (ρ, θ), essendo a ρ cos θ e b ρ sin θ. Di conseguenza α ρ(cos θ + i sin θ) è la rappresentazione polare di α, essendo ρ la lunghezza del vettore ai + bj e θ < π la misura in radianti della rotazione positiva (senso

8 8 APITOLO. ANALISI OMPLESSA b z r t a Figura.: antiorario) necessaria per sovrapporre l asse x al vettore ai + bj. Le coordinate polari ρ e θ vengono rispettivamente definite modulo e argomento di α, essendo ρ a + b e θ arctan b a. ome esempio si possono considerare: + i + i (cos π 4 + i sin π 4 ) (cos 3 4 π + i sin 3 4 π). Proprietà fondamentali:. αβ α β ;. se β, α β α β ; 3. arg(αβ) arg(α) + arg(β); 4. se r è un numero positivo, α e rα hanno lo stesso argomento. Dimostrazione. Limitiamoci a dimostrare le proprietà. e 3. Posto α ρ(cos θ + i sin θ) e β r(cos φ + i sin φ) αβ ρr[(cos θ cos φ sin θ sin φ) + i(sin θ cos φ + cos θ sin φ)] ρr[(cos(θ + φ) + i sin(θ + φ))] per cui αβ ρr e arg(αβ) arg(α) + arg(β). Esercizio.5 Se α i e β 3( + i), α β 3 3 Se a < al valore di θ si deve aggiungere π per via della periodicità della tangente.

9 .. NUMERI OMPLESSI E FUNZIONI OMPLESSE 9 e arg ( ) α π β π 4 π 4. Teorema. (Formula di de Moivre) Per ogni intero n e ogni numero reale θ, (cos θ + i sin θ) n cos nθ + i sin nθ. Dimostrazione. La formula è ovviamente valida per n. Per ogni intero positivo, in conseguenza della proprietà 3, arg(cos θ + i sin θ) n n arg(cos θ + i sin θ) nθ e di conseguenza il risultato è corretto, essendo ρ. Per n m, con m intero positivo, (cos θ + i sin θ) n (cos θ + i sin θ) m cos mθ + i sin mθ cos mθ i sin mθ e dunque, arg(cos θ + i sin θ) m mθ. Esercizio.6 Verificare l identità trigonometrica di Lagrange nell ipotesi che sin θ. n j cos jθ + sin[(n + )θ] sin θ Dimostrazione. Se α cos θ + i sin θ, si ha α j cos jθ + i sin jθ, per cui cos jθ Re(α j ) e dunque n ( n cos jθ Re α j) Re αn+ (α ) α j j ( cos(n + )θ) i sin(n + )θ Re ( cos θ) i sin θ [ cos(n + )θ]( cos θ) + sin(n + )θ sin θ ( cos θ) + sin θ cos θ cos(n + )θ + cos nθ ( cos θ) ( cos θ) cos nθ + sin nθ sin θ + 4 sin θ + sin θ cos nθ + sin nθ sin θ cos θ 4 sin θ + sin(n + )θ sin θ.

10 APITOLO. ANALISI OMPLESSA Radici n-esime dell unità. Sia n un intero positivo. Il numero z è una radice n-esima dell unità se z n. Posto z ρ(cos θ + i sin θ), per la formula di de Moivre deve dunque risultare z n ρ n (cos nθ + i sin nθ), ossia ρ e nθ kπ (k, ±, ±,... ). In conseguenza della periodicità di cos nθ e sin nθ, si ottengono n radici distinte dell unità ponendo z k cos kπ kπ + i sin, k,,..., n. n n Per qualunque altro valore intero di k si ottengono radici già ottenute di z k. Ragionando allo stesso modo è immediato dimostrare che se α r(cos φ + i sin φ) le sue radici n-esime sono ( β k n r cos φ + kπ + i sin φ + kπ ), n n con k,,..., n. Ad esempio: 4 kπ kπ cos + i sin 4 4 {, i,, i} Esercizio.7 Determinare le radici quarte di i. Poiché i ( cos 7 4 π + i sin 7 4 π), 4 ( 7 8 i 4 cos π + kπ i sin π + kπ ) 4 4 ( 7 [cos /8 6 π + k π ) + i sin (k,,, 3) ( 7 6 π + k π )], k,,, 3. Le definizioni e le principali proprietà sugli insiemi dei numeri reali possono formalmente estendersi al campo complesso senza particolari difficoltà. Questo vale in particolare per le seguenti definizioni: Punto interno: un numero α di un insieme S è un punto interno ad S se esiste un cerchio centrato in α contenente soltanto punti di S. Punto di frontiera: un numero α di un insieme S è un punto di frontiera per S se ogni cerchio centrato in α contiene punti di S e punti non di S. Insieme aperto: S è un insieme aperto se tutti i sui punti sono interni. Frontiera: la frontiera di S è l insieme dei punti di frontiera di S. Punto di accumulazione: un numero α è un punto di accumulazione per un insieme S se ogni intorno di α contiene punti di S. Un insieme S di numeri complessi è limitato se esiste un cerchio di diametro finito che lo contiene. Si definisce compatto un insieme chiuso e limitato. Teorema. (Bolzano-Weierstrass) Un insieme infinito e compatto possiede almeno un punto di accumulazione.

11 .. NUMERI OMPLESSI E FUNZIONI OMPLESSE Insieme chiuso: S. S è un insieme chiuso se tutti i suoi punti di accumulazione appartengono ad Limite: Il numero L è il limite di una successione {z n } se per ogni numero positivo ɛ esiste un n(ɛ) tale che per ogni n > n(ɛ) z n L < ɛ Se un tale numero non esiste, si dice che {z n } diverge. Proprietà: Sia z n x n + iy n per ogni intero positivo n e L a + ib. Allora lim n + z n L, se e solo se x n a e y n b. In parole z n converge se e solo se convergono la sua parte reale e la sua parte immaginaria. Ad esempio: in quanto z n 3 n + n + n + i i 3 n e n + n +. Al contrario, la successione z n cos n + i sin n diverge, in quanto non esistono i limiti di cos n e sin n per n +. Proprietà: Siano z n L e w n K, allora. z n + w n L + K;. αz n αl, per ogni numero α; 3. z n w n LK; 4. z n w n L K, se w n per ogni n e K Successione di auchy. Una successione {z n } è di auchy se, per ogni ɛ >, esiste un intero positivo n(ɛ) tale che z n z m < ɛ, qualunque siano n > n(ɛ) e m > n(ɛ). Teorema.3 Una successione {z n } è convergente se e solo se è di auchy. Esercizio.8 Sia {z n } (z n +z n ) per n 3, con z e z valori complessi assegnati. Dimostrare che {z n } è una successione di auchy. Osserviamo preliminarmente che z 3 z z z z 4 z 3 z 3 z z z. z n z n n z z, n 3.

12 APITOLO. ANALISI OMPLESSA Di conseguenza, posto n m + p, z n z m z m+p z m (z m+p z m+p ) + (z m+p z m+p ) + + (z m+ z m ) z m+p z m+p + z m+p z m+p + + z m+ z m ( m+p + m+p ) m z z ( m p + ) p + + z z p m z z < m z z, che, ovviamente, converge a zero per m +. Serie di numeri complessi. Se {z n } è una successione di numeri complessi, con il simbolo n si indica una serie a termini complessi. ome nel campo reale z n S n n z n, n,,... k indica la n-esima somma parziale della serie e {S n } è la successione delle somme parziali. La serie converge/diverge a seconda che la successione sia convergente o divergente in. Per le serie a termini complessi valgono i seguenti teoremi: Teorema.4 Se z n x n + iy n, valgono i seguenti risultati:. z n converge se e solo se convergono le serie a termini reali n n x n e y n ; n. Se x n converge a x e n y n y, la serie n Teorema.5 ondizione necessaria perché la serie z n x + iy. n z n sia convergente è che z n. Teorema.6 ondizione necessaria e sufficiente per la convergenza della serie è che la successione delle sue somme parziali sia di auchy, ossia che prefissato ɛ >, esista un n(ɛ) tale che, qualunque siano n > n(ɛ) e l intero positivo p, risulti n z n+p + z n+p + + z n+ < ɛ.

13 .. NUMERI OMPLESSI E FUNZIONI OMPLESSE 3 Teorema.7 (riterio della assoluta sommabilità) Se z n converge, anche la serie converge. Questo significa che nel campo complesso, come in quello reale, l assoluta sommabilità di una serie implica la semplice sommabilità. Ovviamente non vale l inverso. n n z n Ad esempio mentre la serie n n diverge. ( ) n n ln n Teorema.8 (riterio del rapporto) Se z n per ogni n e se allora: z n+ lim n z n. la serie è assolutamente convergente e di conseguenza anche semplicemente se < r < ;. la serie è assolutamente divergente per r >. Da notare che se r la serie può essere convergente ma anche divergente. Ad esempio la serie n è convergente, mentre n è divergente. n Esercizio.9 Dimostrare che n n r, z n z se z < e che essa diverge per z. Posto S n + z + + z n e osservato che zs n z + z + + z n, sottraendo membro a membro si ha che ( z)s n z n, da cui, se z, S n zn z. Pertanto, se z <, lim S n n z. Per z, S n n e dunque lim S n. Se z >, si ha n z n e pertanto la successione S n non converge. Serie di potenze a termini complessi. Per serie di potenze a termini complessi, centrate in z, si intende una serie del tipo a n (z z ) n n dove z, a, a,..., a n,... sono numeri complessi noti. I numeri {a n } rappresentano i coefficienti della serie. La serie ovviamente converge ad a per z z. Per motivi di continuità c è da aspettarsi che la serie converga anche per z sufficientemente vicino a z, come evidenziato dal seguente teorema.

14 4 APITOLO. ANALISI OMPLESSA Teorema.9 Se la serie n a n (z z ) n converge per z z, allora essa converge assolutamente per ogni z che dista da z meno di z, ossia per ogni z tale che z z < z z (Figura.3). y z z z x Figura.3: Dimostrazione. Poiché z z e la serie a n (z z ) n è convergente, per n sufficientemente grande, diciamo n > N, a n (z z ) n <. Di conseguenza, per n > N, Pertanto la serie n a n (z z ) n a n (z z ) n z z n z z n n z z z z a n (z z ) n < z z z z n z z z z converge in quanto n z z z z nn n < n r n r essendo r z z z z <. Di conseguenza converge assolutamente anche la serie a n (z n z ) n. Il precedente teorema suggerisce l idea del raggio di convergenza, ossia dell esistenza di un numero positivo R tale che la serie è convergente per ogni z con z z < R e divergente per z z > R. Da notare che per z z R la serie può essere convergente oppure divergente. Se R la serie è convergente nell intero piano e se R lo è soltanto in z. Per la valutazione di R i criteri più usati sono i seguenti: n.

15 .. NUMERI OMPLESSI E FUNZIONI OMPLESSE 5 riterio del rapporto: riterio della radice: R lim n a n a n+ R lim an n n Esercizio. Determinare il raggio di convergenza della serie n ( ) n n + n (z + i) n. Si tratta di una serie di potenze centrata in i. Per il criterio del rapporto a n n n + n + n+ n + n +, a n+ per n. Di conseguenza la serie è assolutamente convergente in tutti i punti del cerchio di centro i e raggio /, ossia per tutti i valori z con z + i <. Il precedente criterio del rapporto è una diretta conseguenza dell analogo criterio per le serie numeriche. Infatti la serie di potenze può essere pensata nella forma z n con z n a n (z z ) n. L applicazione del criterio del rapporto per la sua assoluta convergenza richiede che z n+ a n+ z z < z n a n ossia che Proprietà: z z < Supponiamo che una serie di potenze a n a n+. n a n (z z ) n abbia raggio di convergenza R. Questo comporta che per ogni numero z con z z < R resta definita una funzione f(z) n a n (z z ) n. Si può facilmente dimostrare che tale funzione è differenziabile e che f (z) n na n (z z ) n n ossia che la sua derivata è ottenibile derivando la serie termine a termine. Va altresì notato che le due serie a n (z z ) n e na n (z z ) n, la seconda delle quali è ottenuta dalla prima n n

16 6 APITOLO. ANALISI OMPLESSA per derivazione termine a termine, hanno lo stesso raggio di convergenza. L iterazione della suddetta proprietà implica che f (k) (z) n(n ) (n k + )a n (z z ) n k nk e che la nuova serie ha anch essa raggio di convergenza R. Dall ultima relazione deriva infine che f (k) (z ) k(k ) a k ossia che a k f (k) (z ), k,,... k! (ricordare che f () (z ) f(z ) e! ). I coefficienti {a k }, per la loro evidente coincidenza con quelli dello sviluppo di Taylor di una funzione, sono definiti coefficienti di Taylor della f e la serie f (k) (z ) (z z ) n n! n è definita serie di Taylor della f, con centro in z. Esercizio. Trovare il raggio di convergenza della serie di potenze Il raggio di convergenza è dato da n n + n (z + 3i)n. R lim n n + n n+ n +. Il dominio di convergenza è dunque costituito dal cerchio di centro 3i e raggio ( z + 3i < ). Esercizio. Stabilire se la serie a n (z i) n n può convergere in z e non in z i. Questo fatto non può verificarsi perché la serie assolutamente convergente nel caso lo sia a n ( i) n è n a n ( i) n. A questo scopo basta osservare che n a n ( ) n a n < a n ( i) n < a n n.. Funzioni complesse, limiti e continuità Per funzione complessa si intende una funzione f che, ad ogni numero complesso di un insieme S assegna un numero complesso. In simboli f : S. S è dominio di f e f(s) il suo codominio. Nel caso in cui il dominio di f non sia esplicitamente indicato, lo si definisce come il più ampio insieme di nel quale essa è definita.

17 .. FUNZIONI OMPLESSE, LIMITI E ONTINUITÀ 7 Per esempio f(z) z n, con n intero positivo, è definita su tutto ; f(z) z n, con n intero positivo, è definita per ogni z complesso e f(z) z + 3z + è definita per ogni z + z ±i. La definizione di limite per una funzione complessa è del tutto analoga a quella introdotta per le funzioni reali, con l avvertenza che la distanza tra numeri complessi nel piano sostituisce quella di distanza tra numeri reali sulla retta. Limite. Se f : S è una funzione complessa e z un punto di accumulazione di S, diciamo che lim z z f(z) l se, per ogni ɛ >, esiste un δ(ɛ) tale che f(z) l < ɛ per ogni z S con z z < δ(ɛ). In altre parole l è il limite di f(z) per z z se la distanza tra f(z) e l può essere resa arbitrariamente piccola prendendo z sufficientemente vicino a z. Proprietà immediate: lim z z [f(z) ± g(z)] l ± k lim z z αf(z) αl per ogni α lim z z f(z) g(z) lk f(z) lim z z g(z) l k se k ontinuità. Se lim z z f(z) l e lim z z g(z) k, allora: Una funzione f : S è continua in z se lim z z f(z) f(z ) Essa è continua in S se lo è in ogni punto di S. Ogni polinomio P n (z) a z n + a z n + + a n è continuo per qualunque z e ogni funzione razionale (quoziente di due polinomi) è continua tranne negli zeri del denominatore. ome nel campo reale, le combinazioni lineari di funzioni continue e i prodotti di funzioni continue generano funzioni continue. Il rapporto di funzioni continue è una funzione continua, tranne nei punti in cui si azzera il denominatore. Una serie di potenze, centrata in z ed avente R come raggio di convergenza, rappresenta una funzione continua nel cerchio con centro z e raggio R. Se f è una funzione continua in S e {z n } è una qualsiasi successione di numeri complessi convergente a z, f(z n ) f(z ) per n. Funzione limitata. Una funzione f : S è limitata in un dominio Ω S se esiste un numero L tale che f(z) L per ogni z Ω. Teorema. (Weierstrass) Ogni funzione continua in un compatto Ω è limitata. Di conseguenza essa assume massimo e minimo, ossia esistono due numeri z e z tali che, qualunque sia z Ω, f(z ) f(z) f(z ).

18 8 APITOLO. ANALISI OMPLESSA Differenziabilità (ondizioni di auchy-riemann). Una funzione f è detta differenziabile in z se esiste finito il f(z) f(z ) lim. z z z z Se questo avviene, il valore del limite viene indicato con f (z ) e rappresenta la derivata della f in z. È del tutto equivalente dire che la f è differenziabile in z e che f (z ) è il valore della sua derivata se f(z + h) f(z ) lim f (z ). h h Spesso f (z ) viene definito come lim z f(z + z) f(z ). z La differenza sostanziale rispetto a quanto avviene nel campo reale, dove la variabile x può tendere a x unicamente sulla retta, è che ora z può tendere a z secondo una qualsiasi curva del piano. Vediamo alcuni esempi:. f(z) z è differenziabile in + i e f ( + i) ( + i); infatti [( + i) + h] ( + i) lim h h lim h ( + i)h + h h ( + i).. f(z) z non è differenziabile in z i, in quanto il limite dipende dalla traiettoria con cui z i; infatti se la z i lungo l asse immaginario (Figura.4) ossia assumendo i valori αi con α, risulta f(z) f(i) z i f(αi) f(i) αi i αi ( i) (α )i ( α)i (α )i. i z j w Figura.4: Se z i orizzontalmente, ossia assumendo valori del tipo z α + i con α, il rapporto incrementale diventa f(z) f(i) z i α i ( i) α + i i. Il limite dunque non esiste perché procedendo lungo l asse delle ordinate si ottiene - e parallelamente all asse delle ascisse si ottiene.

19 .. FUNZIONI OMPLESSE, LIMITI E ONTINUITÀ 9 3. f(z) z è differenziabile in z e f (), ma non lo è in qualsiasi punto z. Per dimostrare che f (), basta osservare che in quanto z /z z z/z z. f(z) f() lim z z z lim z z Per dimostrare che la f non è differenziabile in z, posto z x + iy e z x + iy facciamo tendere z z secondo le due traiettorie z x + iy, y y, e z x + iy, con x x. La prima è dunque verticale e la seconda orizzontale. Lungo la prima traiettoria: f(z) f(z ) x + iy x + iy z z i(y y ) che converge a iy per y y. Lungo la seconda traiettoria (y y )(y + y ) i(y y ) i(y + y ) f(z) f(z ) z z x + iy x + iy x x x x x x (x + x ) che converge a x per x x. Resta così dimostrata la non derivabilità di z in qualunque punto z. Analiticità. Una funzione complessa f è analitica in z se esiste un intorno di z, in ogni punto del quale la f è differenziabile. Ad esempio la funzione z è analitica per ogni valore di z (in breve è analitica nel piano); mentre z non lo è mai in quanto è unicamente differenziabile in z, punto nel quale non è analitica perché non esiste un aperto centrato in z in ogni punto del quale sia differenziabile. ondizioni di auchy-riemann. Le condizioni di auchy-riemann forniscono un criterio di importanza fondamentale per stabilire l analiticità di una funzione complessa. Per la sua applicazione si devono preliminarmente identificare le parti reale e immaginaria della f(z), ossia si deve esprimere f(z) nella forma f(z) f(x + iy) u(x, y) + iv(x, y). Alcuni esempi:. Se f(z) z, essendo f(z) (x + iy) x y + ixy, u(x, y) x y e v(x, y) xy;. se f(z) z, u(x, y) x + y e v(x, y) ; 3. se f(z) z + z, u(x, y) 3x e v(x, y) y. Teorema. (Equazioni di auchy-riemann) Sia f continua in un cerchio z z < r con centro z x + iy e raggio r. Supponiamo inoltre che f sia differenziabile in z. Sotto tali ipotesi valgono le seguenti equazioni per le funzioni u e v: { u (x x, y ) v (x y, y ) u (x y, y ) v (x x, y ).

20 APITOLO. ANALISI OMPLESSA In altri termini, le equazioni di auchy-riemann danno delle condizioni necessarie per la differenziabilità di una funzione continua in un punto. Dimostrazione. Poiché la f(z) è differenziabile in z, esiste in il numero f f(z + z) f(z ) (z ) lim. z z Posto z x + i y, il rapporto incrementale può essere scritto nel modo seguente f(z + z) f(z ) z [u(x + x, y + y) + iv(x + x, y + y)] [u(x, y ) + iv(x, y )] x + i y u(x + x, y + y) u(x, y ) x + i y + i v(x + x, y + y) v(x, y ). x + i y Poiché f (z ) esiste, il rapporto incrementale deve convergere allo stesso valore indipendentemente dalla traiettoria lungo la quale z, dunque per x e y, come per x e y. caso caso Di conseguenza [ f u(x + x, y ) u(x, y ) (z ) lim + i v(x ] + x, y ) v(x, y ) x x x u x (x, y ) + i v x (x, y ) [ f u(x, y + y) u(x, y ) (z ) lim + i v(x ], y + y) v(x, y ) y i y i y i u y (x, y ) + v y (x, y ) (/i i) u x (x, y ) + i v x (x, y ) v y (x, y ) i u y (x, y ). Da cui, eguagliando le parti reali e immaginarie, seguono le equazioni di auchy-riemann. Esercizio.3 Verificare, nei tre esempi indicati precedentemente, se sono verificate le condizioni di auchy-riemann u v x, x y u x u v 3, x y x; u y x x + y, v y ; u y v y, y (sono soddisfatte) x ; u y y x + y, v (non soddisfatte) x v, (non soddisfatte) x Teorema. (ondizione sufficiente per la differenziabilità) Se u e v sono funzioni continue in (x, y ) con le derivate parziali, anch esse continue e soddisfacenti le equazioni di auchy-riemann, la funzione complessa f(z) u(x, y) + iv(x, y) è ivi differenziabile.

21 .3. FUNZIONI NOTEVOLI Dominio. Un insieme D è definito un dominio se: a. ad ogni punto di D si può associare un cerchio aperto contenuto in D; b. ogni coppia di punti di D può essere congiunta con una curva regolare a tratti, interamente contenuta in D. Una funzione è analitica in un dominio D, se lo è in tutti punti di D. Alcuni esempi:. La funzione f(z) z 3 è analitica in tutti i punti del piano; infatti f(z) (x + iy) 3 (x 3 3xy )+i(3x y y 3 ) implica che, qualunque sia z x+iy, u x v y 3(x y ) e u y v 6xy ossia che valgono le condizioni di auchy-riemann e che, inoltre, x le derivate parziali sono ovunque continue.. La funzione f(z) z + iz non è analitica, infatti f(z) x + y y + ix implica che le funzioni u(x, y) x + y y e v(x, y) x non soddisfano le equazioni di auchy-riemann. Regole di differenziazione. Se f e g sono funzioni differenziabili in z, per esse valgono regole di derivazione del tutto analoghe a quelle valide nel campo reale. In particolare:. (f ± g) (z ) f (z ) ± g (z ). (αf) (z ) αf (z ), per ogni α 3. (fg) (z ) f (z )g(z ) + f(z )g (z ) 4. ( f g ) (z ) f (z )g(z ) f(z )g (z ) (g (z )), se g (z ).3 Funzioni notevoli Funzione esponenziale. Le serie di potenze consentono di estendere al campo complesso la funzione esponenziale. Ricordiamo che nel campo reale, per un valore di x, vale il seguente sviluppo in serie di potenze: e x x n n!. n Nel campo complesso la funzione esponenziale viene definita per estensione analitica, ossia definendo e z, con z x + iy, nel modo seguente: e z n Una curva è regolare se è dotata di tangente in tutti i suoi punti interni; è regolare a tratti se non lo è unicamente in un numero finito di punti. z n n!.

22 APITOLO. ANALISI OMPLESSA Il criterio del rapporto consente di verificare immediatamente che la serie è assolutamente convergente per ogni z in quanto, essendo lim n a n a n+ lim (n + )! n n!, il raggio di convergenza è R. È immediato osservare che la funzione esponenziale è infinitamente derivabile e che esattamente come campo reale. d dz ez e z Proprietà della funzione esponenziale:. e (per definizione). se g(z) è differenziabile, e g(z) è differenziabile e d dz eg(z) g (z)e g(z) 3. e z+w e z e w, per ogni coppia di numeri complessi z e w 4. e z, per ogni z 5. e z e z 6. e z e w ez w 7. e z e x, per ogni y, in quanto e iy qualunque sia y R 8. e z se e solo se z nπi, con n intero. Funzioni sin z e cos z. sviluppi in serie: ominciamo con il ricordare che per ogni x R valgono i seguenti e x cos x sin x n n n x n n! + x + x! + x3 3! + ( ) n (n)! xn x! + x4 4! x6 6! + ( ) n (n + )! xn+ x x3 3! + x5 5! x7 7! + Da tali sviluppi deriva, come notato da Eulero, che le funzioni cos x e sin x posseggono globalmente tutti i termini dello sviluppo di e x. Più precisamente Eulero ha osservato che, sostituendo

23 .3. FUNZIONI NOTEVOLI 3 x con ix nello sviluppo di e x, risulta e ix (ix) n n n! + ix + (ix)! + (ix)3 3! + (ix)4 4! + + ix x! ix3 3! + x4 4! + ix5 5! x6 6! + ) ) ( x! + x4 4! x6 6! + + i (x x3 3! + x5 5! x7 7! + cos x + i sin x. Per ogni x reale vale dunque l importante formula di Eulero dalla quale discende immediatamente che e ix cos x + i sin x cos x eix + e ix e sin x eix e ix. i Formula di Eulero nel campo complesso. Se cos z e sin z vengono estese al campo complesso mediante gli sviluppi in serie validi nel campo reale si perviene alle seguenti definizioni: sin z n ( ) n (n + )! zn+, cos z È immediato osservare che sono ambedue derivabili e che d d cos z sin z, dz n sin z cos z. dz ( ) n (n)! zn. ome nel campo reale sin z e cos z sono rispettivamente dispari e pari, ossia sin( z) sin z e cos( z) cos z, in quanto le potenze di z che compaiono negli sviluppi di sin z e cos z sono rispettivamente dispari e pari. ome conseguenza dei precedenti sviluppi si ha che, anche nel campo complesso, vale la famosa relazione di Eulero e iz cos z + i sin z dalla quale, ricordando che cos z è pari e sin z è dispari, segue che cos z eiz + e iz e sin z eiz e iz i esattamente come campo reale. Da tali definizioni discende l estensione di ben note proprietà trigonometriche al campo complesso, come le seguenti: sin(z ± w) sin z cos w ± cos z sin w cos(z ± w) cos z cos w sin z sin w.

24 4 APITOLO. ANALISI OMPLESSA Proprietà:. sin z e cos z non sono limitate se Im(z). Infatti per z iy con y, sin iy i (e y e y ) che, in modulo, tende a + per y ±. La stessa conclusione vale anche per cos iy.. cos iy cosh y ey +e y e sin iy i sinh y i ey e y per ogni y R. Basta infatti osservare che: cos iy ei(iy) + e i(iy) sin iy ei(iy) e i(iy) i e y + e y e y e y i cosh y (per definizione) i ey e y 3. sin z sin(x + iy) sin x cosh y + i cos x sinh y cos z cos(x + iy) cos x cosh y i sin x sinh y i sinh y (per definizione) Dalla definizione delle funzioni sin z e cos z, posto z x + iy, deriva che Analogamente sin z eiz e iz i eix y e ix+y i i [e y (cos x + i sin x) e y (cos x i sin x)] (formula di Eulero) i(cos x) e y e y + (sin x) e y + e y sin x cosh y + i cos x sinh y. cos z eiz + e iz eix y + e ix+y [e y (cos x + i sin x) + e y (cos x i sin x)] (cos x) ey + e y i(sin x) ey e y cos x cosh y i sin x sinh y. 4. sin z e cos z sono periodiche di periodo π, ossia sin(z + nπ) sin z e cos(z + nπ) cos z, per ogni intero n. È sufficiente osservare che, per la 3. e tenuto conto della periodicità nel campo reale: Analogamente sin(z + nπ) sin[(x + nπ) + iy] sin(x + nπ) cosh y + i cos(x + nπ) sinh y sin x cosh y + i cos x sinh y sin(x + iy) sin z. cos(z + nπ) cos[(x + nπ) + iy] cos(x + nπ) cosh y i sin(x + nπ) sinh y cos x cosh y i sin x sinh y cos(x + iy) cos z.

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA 1 1.4 Serie in campo complesso 1.4.1 Serie di potenze Una serie di potenze è una serie del tipo a k (z z 0 ) k. Per le serie di potenze in campo complesso valgono teoremi analoghi

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

L unità immaginaria si indica con la lettera i oppure con la lettera j

L unità immaginaria si indica con la lettera i oppure con la lettera j I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

Analisi complessa EDOARDO SERNESI

Analisi complessa EDOARDO SERNESI Analisi complessa EDOARDO SERNESI Contents 1 Funzioni analitiche 3 1.1 Funzioni olomorfe...................... 3 1.2 Serie formali......................... 5 1.3 Serie convergenti......................

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

METODI MATEMATICI PER LA FISICA

METODI MATEMATICI PER LA FISICA Si svolgano cortesemente i seguenti esercizi ESERCIZIO (6 PUNTI) METODI MATEMATICI PER LA FISICA PROVA SCRITTA - 2 GENNAIO 25 Una volta identificato, nel piano complesso α, il dominio di convergenza della

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0.

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0. Analisi Complessa Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni Esercizio. Si consideri l equazione z 0. Quante soluzioni distinte esistono in C? Quante di esse sono contenute all interno del disco

Dettagli

Cenni di Analisi Complessa

Cenni di Analisi Complessa c by Paolo Caressa. NB: Questo testo può essere riprodotto anche parzialmente e distribuito purché non a fini di lucro, e l autore non si assume nessuna responsabilità relativa all utilizzo del materiale

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Esercizi di analisi complessa. A cura di: Fabio Musso, Orlando Ragnisco.

Esercizi di analisi complessa. A cura di: Fabio Musso, Orlando Ragnisco. Esercizi di analisi complessa A cura di: Fabio Musso, Orlando Ragnisco. Operazioni con i numeri complessi I numeri complessi furono introdotti in matematica attraverso lo studio delle radici di polinomi

Dettagli

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da 1 Integrali su una curva regolare Sia C R N una curva regolare, ossia: (1) C é l immagine di una funzione P (t) definita in un intervallo [a, b] (qui preso chiuso e limitato), tipicamente chiuso e limitato,

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse Contenuti 1 Integrali multipli 2 1.1 Integralidoppisudomininormali... 2 1.2 Cambiamento di variabili in un integrale doppio. 6 1.3 Formula di Gauss-Green nel piano e conseguenze. 7 1.4 Integralitripli...

Dettagli

Analysis for Brixen. Corso Estivo A.A. 2011/12. Paolo Guiotto

Analysis for Brixen. Corso Estivo A.A. 2011/12. Paolo Guiotto Analysis for Brien Corso Estivo A.A. 0/ Paolo Guiotto Avvertenze Questa avvertenze sono rivolte direttamente all allievo/a, con la speranza di fornirgli/le qualche utile indicazione per un utilizzo proficuo

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

2. Zeri, singolarità e residui

2. Zeri, singolarità e residui 2. Zeri, singolarità e residui Bernhard Riemann (1826-1866) Se solo conoscessi il vero enunciato del teorema! Allora sarebbe facile per me darne la dimostrazione... Lo scopo principale di questo capitolo

Dettagli

Matematica di base. Marco Di Francesco. October 28, 2015

Matematica di base. Marco Di Francesco. October 28, 2015 Matematica di base Marco Di Francesco October 28, 2015 2 Chapter 1 Insiemi, numeri e introduzione alle funzioni 1.1 Insiemi La teoria degli insiemi permette di definire in modo sintetico e generale i problemi

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi Registro delle lezioni di Analisi Matematica II (6 CFU) Università di Firenze - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2006/2007 - Prof. Massimo Furi Testo di riferimento:

Dettagli

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x)

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x) Cos è una funzione? Dati gli insiemi X e Y non vuoti, si chiama funzione da in una relazione f tale che per ogni x Є X esiste uno ed un solo elemento y Є Y tale che (x,y) Є f. Data la funzione f:x->r,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Integrali doppi - Esercizi svolti

Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi senza cambiamento di variabili Si disegni il dominio e quindi si calcolino gli integrali multipli seguenti:... xy dx dy, con (x, y R x, y x x }; x + y

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

Attenzione: i programmi sono cambiati negli anni. Non tutti gli esercizi nella presente raccolta riguardano argomenti trattati.

Attenzione: i programmi sono cambiati negli anni. Non tutti gli esercizi nella presente raccolta riguardano argomenti trattati. Si raccolgono qui temi d esame, esercizi e domande di teoria dati negli anni 3-4 nei corsi di Analisi Matematica I presso il DTG di Vicenza. Il materiale è stato reso disponibile dai docenti che hanno

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esercitazione su massimi e minimi vincolati 9 dicembre 005 Esercizio 1. Considerare l insieme C = {(x,y) R : (x + y ) = x } e dire se è una curva

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa

Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa Capitolo Sulla teoria delle funzioni di una variabile complessa Funzioni olomorfe e Teorema di Cauchy Consideriamo il piano complesso C, con coordinata complessa z Vogliamo studiare le funzioni f : U C,

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

Calcolo integrale in più variabili

Calcolo integrale in più variabili ppunti di nalisi II Calcolo integrale in più variabili Integrali doppi Nel caso di una funzione di una variabile f : a, b] R, supponendo f continua e fx) a, b], la quantità b a fx)dx indica l area fra

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizio 1 Testo Sia F F 1 x,y),f x,y)) ) x 1 x y + 1 x, y 1 x y + 1 y un campo vettoriale. 1. Si determini il dominio in cui

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 0/0 FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO. Data la funzione f () = determinare l insieme f (( +)). Svolgimento. Poiché f (( +)) = { dom f : f () ( +)} = { dom f : f () > } si

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli