Esercizi svolti di teoria dei segnali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi svolti di teoria dei segnali"

Transcript

1 Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre

2 Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier 4 Sisemi Lineari Tempo Invariani 44 5 Campionameno 56 6 Processi socasici 69 i

3 Inroduzione Obieivo di quese dispense è quello di aiuare lo sudene che affrona l esame di Teoria dei Segnali ad applicare i concei eorici (che si suppone abbia sudiao!) alla soluzione di esercizi. L imporanza di ale passaggio risiede nel fao che solo avendo capio a fondo i concei eorici è possibile uilizzarli per risolvere gli esercizi: in alre parole la risoluzione degli esercizi è una misura di quano lo sudene abbia davvero compreso la maeria. Le dispense sono organizzae nel seguene modo: un capiolo per ciascuno degli argomeni raai durane il corso (Processi Socasici esclusi); indicazione degli argomeni raai all inizio di ogni capiolo; differeni ipologie di esercizi: esercizi svoli in modo deagliao; esercizi svoli più rapidamene; esercizi proposi da svolgere. Per chiarezza in Tabella sono sai riporai i principali simboli che verranno uilizzai nel corso degli esercizi, e la loro spiegazione. Se da una pare si è cercao di rifarsi alla simbologia soliamene usaa durane il corso di Teoria dei Segnali, dall alra pare si presuppone che il leore vada al sodo senza lasciarsi sviare da una differene simbologia! Si riporano di seguio alcune imporani formule di rigonomeria, che possono risulare uili: cos( ± ) = cos cos sin sin sin( ± ) = sin cos ± sin cos cos cos = [cos( ) + cos( + )] sin sin = [cos( ) cos( + )] sin cos = [sin( ) + sin( + )] Inolre, viene fao un breve richiamo sulla rappresenazione di un numero complesso. Un generico numero complesso c può essere espresso mediane la sua pare reale e la sua ii

4 INTRODUZIONE iii N insieme dei numeri naurali Z insieme dei numeri ineri relaivi R{ } pare reale di un numero/segnale complesso I{ } pare immaginaria di un numero/segnale complesso ampiezza di un numero/segnale complesso fase di un numero/segnale complesso valore assoluo di un numero/segnale reale F{ } Trasformaa di Fourier relazione ra un segnale e la relaiva Trasformaa di Fourier E[ ] operaore valore aeso H{ } Trasformaa di Hilber Tabella : Tabella con i simboli più usai e la loro spiegazione pare immaginaria oppure mediane la sua ampiezza e fase: R{c} + ji{c} c = c e j\c Quesa seconda rappresenazione (dea forma esponenziale) risula paricolarmene uile per eseguire calcoli sui numeri complessi. Si ricorda che un generico esponenziale complesso può essere scrio come: e ±jφ = cos(φ) ± j sin(φ) da cui si ricavano facilmene le formule di Eulero: cos(φ) = e+jφ + e jφ sin(φ) = e+jφ e jφ j Poso ρ = c e φ = c, il numero complesso c si può quindi scrivere come: c = ρe jφ = ρ[cos(φ) + j sin(φ)] Inolre si ricavano facilmene le segueni relazioni: c c = ρ e jφ ρ e jφ = (ρ ρ )e j(φ +φ ) ( ) ( ) c /c = ρ e jφ / ρ e jφ = (ρ /ρ ) e j(φ φ ) cioè nel caso di un prodoo (o rapporo) ra due numeri complessi, l ampiezza del prodoo (o rapporo) è daa dal prodoo (o rapporo) delle ampiezze, menre la fase è daa dalla somma (o differenza) delle fasi.

5 INTRODUZIONE iv Infine si riporano di seguio la definizione e l andameno grafico (Figura, Figura e Figura ) di alcuni segnali imporani: x < / rec(x) / x = / alrimeni sinc(x) sin(πx) πx x x r(x) alrimeni x < sgn(x) x > x = x < u(x) x > / x =.5.5 rec(x).5 sinc(x) x x Figura : rec(x) e sinc(x)

6 INTRODUZIONE v r(x).5 sgn(x) x x Figura : r(x) e sgn(x).5 u(x) x Figura : u(x) Concludendo, inviiamo gli sudeni che uilizzeranno quese dispense a segnalare agli auori evenuali errori preseni in esse. Nonosane l aenzione con cui si può curare la sesura di un eso, infai, non è mai da escludersi la possibilià che in esso siano preseni degli errori!

7 Capiolo Caraerisiche dei segnali deerminai Problemi affronai nel presene capiolo: rappresenare graficamene un segnale; deerminare se un segnale è a energia o poenza finia; calcolare l energia e/o la poenza di un segnale; scrivere l espressione analiica e rappresenare graficamene un segnale, e la forma riardaa, inveria, ec. del segnale sesso; analizzare le proprieà di simmeria di un segnale. Esercizio Si consideri il segnale: e si risponda alle segueni domande: a) rappresenare graficamene il segnale; ( ) s() = rec e 4 b) calcolare l energia e la poenza media del segnale e discuere se s() è un segnale a energia finia o a poenza media finia (NOTA: da ora in avani per poenza si inenderà sempre la poenza media e non la poenza isananea); c) scrivere l espressione analiica e rappresenare graficamene i segnali: z() = s( ) v() = s( + 4)

8 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI Soluzione a) Nelle figure. e sono riporai rispeivamene il segnale s () = rec(), cenrao nell origine, con duraa e ampiezza e il segnale s () = rec(( )/4) pari a s () raslao in +, con duraa 4 e ampiezza. Nella figura. è riporao il segnale s () = e, esponenziale decrescene che si esende ra e + ; ed infine nella figura. è riporao il segnale s(), ovvero l esponenziale decrescene e roncao ra [, 4]..5.5 s ().5 s () Figura.: s () = rec(); s () = rec ( 4 ).5.5 s ().5 s() Figura.: s () = e ; s() = rec ( ) 4 e

9 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI b) Per il calcolo dell energia e della poenza si applicano le definizioni: + + E s = s() d = s() d P s = lim T + T +T/ T/ s() d = lim T + T +T/ T/ s() d dove viene sosiuio a nel caso di segnali reali. Si verifica facilmene che il segnale s() è un segnale a energia finia, cioè E s, E s, e di conseguenza a poenza nulla. Infai: + E s = s() d = P s = essendo E s finia. lim T + T +T/ T/ 4 = lim T + T E s = e 4 d = e 4 4 s() d = 4 = e lim e 4 d = T + T 4 Noa: considerando il segnale s() = e, queso risula essere né un segnale a energia finia, né a poenza finia, infai: + + E s = e d = e 4 d = P s = = e 4 4 lim T + + T e T e T = lim T + 4 +T/ T/ e T e T = lim T + 4T e 4 d = = +, lim T + = + e 4 4T +T/ T/ dao che per T + e T ende a, e e T ende a + molo più rapidamene di 4T. c) Le espressioni analiiche dei segnali z() e v() si oengono come: [ ( ) ] ( ( ) z() = s( ) = rec e ( ) = rec 4 4 ( ) ( ( + 4) + v() =s( + 4) = rec e (+4) = rec 4 4 = ) e ) e (+4)

10 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI 4 Per disegnare z() e v() si possono considerare le espressioni analiiche rovae, oppure noare che il segnale z() non è alro che la riflessione rispeo all origine e l inversione del segnale s(), menre il segnale v() è il segnale s() anicipao di 4. In figura. sono riporai i due segnali z() v() Figura.: z() = s( ); v() = s( + 4) Esercizio Si consideri il segnale: e si risponda alle segueni domande: a) rappresenare graficamene il segnale; ( ( )) π s() = sgn a cos T b) calcolare l energia e la poenza del segnale e discuere se è un segnale a energia finia o a poenza finia. Soluzione a) Il segnale a cos((π/t )) è un segnale periodico di periodo T e ampiezza a. Ponendo ad esempio T = 4 e a =. l andameno del cos è riporao in figura.4 (linea raeggiaa). La funzione sgn vale + quando l argomeno è > e - quando è <. Il segnale s() risula quindi quello riporao in figura.4 (linea coninua). b) I segnali periodici sono segnali a energia infinia; indicando con T il periodo del

11 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI s() Figura.4: (linea raeggiaa) a cos((π/t )) con T = 4 e a =.; (linea coninua) s() segnale, dalla definizione si oiene: E s = + = lim s() d = +nt / n + nt / lim +T/ T + T/ s() d = s() d = lim n n + +T / T / s() d = avendo supposo +T / T / s() d. Il valore della poenza invece può essere calcolao su un periodo; parendo sempre dalla definizione si ha infai: P s = lim T + T +T/ T/ = lim n n + nt s() d = +T / T / lim n + nt s() d = T +nt / nt / +T / T / s() d = s() d Nel caso paricolare dell esercizio proposo la poenza allora risula: P s = T +T / T / s() d = T e quindi il segnale in esame risula a poenza finia. +T / T / d = Esercizio Si consideri il segnale: e si risponda alle segueni domande: s() = r ( ) 4

12 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI 6 a) rappresenare graficamene il segnale; b) calcolare l energia e la poenza del segnale e discuere se è un segnale a energia finia o a poenza finia; c) scrivere l espressione analiica e rappresenare graficamene il segnale: v() = s() Soluzione a) In figura.5 è riporao il grafico del segnale s(), ovvero un riangolo cenrao nell origine, di duraa 8, [ 4, 4], e ampiezza..5.5 s() Figura.5: s() b) Il segnale risula essere a energia finia, infai: 4 E s = e quindi a poenza nulla P s =. c) Il segnale v() risula: ( ) ( ) 4 + d = + 4 = v() = r ( ) e il suo andameno grafico è riporao in figura.6. Si noi come il segnale v() non sia alro che una compressione del segnale s(): infai, una moliplicazione dell argomeno per un faore di scala > implica una compressione della scala dei empi del segnale, menre se il faore di scala è < allora si ha una dilaazione.

13 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI v() Figura.6: (linea coninua) v() = s(); (linea raeggiaa) s() Esercizio 4 Sudiare le proprieà di simmeria del segnale s() e scomporlo nella sua pare pari e pare dispari: s() = u() Soluzione 4 Un segnale reale è definio pari o dispari se soddisfa le segueni relazioni: s() pari s() = s( ) s() = s( ), s() dispari s() = = Nel caso del segnale u(), s( ) vale: s( ) = u( ) e quindi non soddisfa nessuna delle precedeni relazioni dao che u( ) u(). Il segnale perciò non presena proprieà di simmeria. modo: Per scomporre un segnale nella sua pare pari e pari dispari si procede nel seguene s() + s( ) s p () = s() s( ) s d () = e si verifica facilmene che il segnale s() si rioiene come somma dei segnali s p () e s d ().

14 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI 8 Nel caso dell esercizio proposo risula quindi: u() u( ) s p () = = [u() u( )] = u() + u( ) s d () = = [u() + u( )] = Nelle figure.7 e.8 sono riporai s p () e s d () rispeivamene, menre in figura.9 è riporao il segnale s() oenuo come somma di s p () e s d () (figura.9). s p () Figura.7: risulane (linea coninua) e [u() u( )] (linea raeggiaa) e segnale s p() = s d () Figura.8: (linea raeggiaa) e [u() + u( )] (linea coninua) e segnale s d() = risulane

15 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI s d () s p () s() Figura.9: s p () (linea raeggiaa) e s d () (linea coninua) e segnale s() = u() Esercizio 5 Disegnare il grafico del seguene segnale: Soluzione 5 s() = n= ( ) n r( n) Il segnale r() è un riangolo di duraa [-,] e ampiezza (figura.). La sommaoria n r( n) è la ripeizione del riangolo con passo (figura.). Il ermine ( ) n va a modificare il segno dei riangoli ripeui per n dispari (figura.). Infine il grafico del segnale si oiene sommando puno a puno le due forme d onda in figura., oenendo così l andameno riporao in figura.. r() r( n) Figura.: r() e n r( n)

16 CAPITOLO. CARATTERISTICHE DEI SEGNALI DETERMINATI ( ) n r( n) s() Figura.: n r( n) per n pari (linea coninua) e n r( n) per n dispari (linea raeggiaa) e grafico finale del segnale s() = n= ( )n r( n) Alri esercizi. Disegnare il grafico dei segueni segnali: a) rec() rec( ) b) r() rec() c) n= ( )n rec ( 4 n) d) + sgn( ) e) sinc() sgn() f) n= rec ( ) n n. Calcolare energia e poenza dei segueni segnali: a) A cos(πf + φ ) + B cos(πf + φ ) b) e cos()u() c) e cos() d) e rec ( ) e rec ( ). Sudiare la simmeria dei segueni segnali e scomporli in pare pari e pare dispari: a) e u() e u( ) b) e, c) =. d) sen() + cos()

17 Capiolo Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Problemi affronai nel presene capiolo: calcolare i coefficieni dello sviluppo in serie di Fourier; scrivere l espressione analiica dello spero di ampiezza e di fase; rappresenare graficamene lo spero di ampiezza e di fase; applicazione del eorema di Parseval per la serie di Fourier. Esercizio Si consideri il segnale dene di sega rappresenao in figura. e si risponda alle segueni domande: a) calcolare i coefficieni della serie di Fourier; b) scrivere l espressione analiica dello spero di ampiezza e di fase; c) rappresenare graficamene lo spero di ampiezza e di fase. Soluzione In generale un segnale periodico può essere viso come la ripeizione, con passo T, del corrispondene segnale roncao nel periodo [ T/, T/]. Nel caso specifico del segnale dene di sega, il segnale roncao risula essere: s T () = A < T/ T/ riporao anche in figura., dove si è poso T = 6 e A =.

18 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI A s() T Figura.: Segnale s() dene di sega con periodo T = 6 e ampiezza A = a) Per calcolare lo sviluppo in serie di Fourier si considera la forma esponenziale della serie e cioè: s() = n= c ne jπn T c n = T/ T T/ s()e jπn T d Si calcolano quindi i coefficieni c n, per n : c n = T = A T = A T = A T = A T T/ T/ s T ()e jπn T d = A T T/ e jπn T T/ segnale periodico con periodo T coefficieni della serie di Fourier T/ T/ e jπn T d = T/ e jπn T jπn T jπn d T/ T = T/ T e jπ n T T + e jπ n T T jπ n + e jπ n T T/ T jπ n T jπ n = T T/ { } T jπ n cos(nπ) + e jπ n T T e jπ n T T T (π n = T ) { T } j sin(nπ) cos(nπ) + jπn (π n = j A T ) nπ cos(nπ) Il coefficiene c rappresena il valor medio del segnale s T (), che in queso caso, raandosi di un segnale dispari, risula nullo, infai: c = T T/ T/ s T ()d = A T T/ T/ d = (l inegrale di un segnale dispari su un periodo produce un risulao pari a ). I

19 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI coefficieni c n possono essere quindi espressi come: n = c n = j A ( ) n π n n essendo cos(nπ) = ( ) n. b) In generale i coefficieni c n della serie di Fourier sono complessi. Un generico numero complesso c può essere espresso mediane la sua pare reale e pare immaginaria oppure mediane la sua ampiezza e fase: R{c} + ji{c} c = c e j\c Soliamene per rappresenare graficamene la serie di Fourier, si considera la rappresenazione in ampiezza e fase, oenendo così lo spero di ampiezza e lo spero di fase del segnale periodico s(). Nel caso specifico dell esercizio si ha: c n = j A ( ) n = A { } ( ) n π n π n sign j n e ricordando che ±j = e ±j π = cos π ± j sin π, si arriva a: c n = A π n { } ( ) n π c n = sign n c) Infine, per disegnare gli speri di ampiezza e di fase basa riporare i valori assuni rispeivamene da c n e c n al variare di n, come mosrao in figura.. Gli Ampiezza.4.. Fase n n Figura.: Spero di ampiezza e spero di fase del segnale s() dene di sega (T = 6, A = ) in funzione del campione n

20 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI Ampiezza.4.. Fase f f Figura.: Spero di ampiezza e spero di fase del segnale s() dene di sega (T = 6, A = ) in funzione della frequenza f sessi grafici possono essere riporai anche in funzione della frequenza, ricordando che le righe sperali sono pose nei mulipli ineri della frequenza fondamenale: nf = n/t (figura.)). Noa: il segnale considerao s() è un segnale reale e dispari. I coefficieni della serie di Fourier oenui sono una sequenza di campioni immaginari puri. Si può ricavare facilmene che la serie di Fourier corrispondene al segnale s() può essere espressa come serie di soli seni: s() = = n,n= n,n= = A π j A ( ) n π n ejπ n T = j A ( ) n [cos(π n π n T ) + j sin(π n ] T ) = ( ) n sin(π n n T ) n= Inolre gli speri di ampiezza e di fase hanno andameno rispeivamene pari e dispari: i campioni della serie di Fourier godono quindi della simmeria Hermeiana. Infine i campioni c n vanno a come /n, e queso è in accordo col fao che il segnale s() presena delle disconinuià.

21 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI 5 Esercizio Si consideri il segnale s() onda riangolare rappresenao in figura.4 e si risponda alle segueni domande: a) calcolare i coefficieni della serie di Fourier; b) scrivere l espressione analiica e rappresenare graficamene gli speri di ampiezza e di fase; c) calcolare i coefficieni della serie di Fourier del segnale s () = s() A/; d) calcolare i coefficieni della serie di Fourier del segnale s () = s( τ/). A A T s() τ τ / τ / T Figura.4: Segnale s() onda riangolare con periodo T, duraa τ, e ampiezza A Soluzione Il segnale periodico s() è la ripeizione, con passo T, del riangolo di duraa τ e ampiezza A: A [ τ s T () = ] < τ alrimeni.

22 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI 6 a) Calcoliamo i coefficieni c n della serie di Fourier, per n : c n = T T/ s T ()e jπ n T d = A T τ/ [ τ ] e jπ n T d = T/ τ/ τ/ τ e jπ n T d τ/ τ e jπ n T d = = A e jπ n T d + T τ/ τ/ = A e jπ n T τ/ T jπ n + A e jπ n T T T τ jπ n e jπ n T τ/ T ( jπ n τ/ T ) τ/ A e jπ n T τ/ T τ jπ n e jπ n T τ/ T ( jπ n = T ) [ ] [ ] [ ] = A e jπ n τ T e jπ n τ T T jπ n + A τ e jπ n τ T T T τ jπ n A e jπ n τ T T T τ ( jπ n T [ ] [ ] ) A τ e jπ n τ T T τ jπ n + A e jπ n τ T T T τ ( jπ n = T ) [ = A ( ) ] cos π n τ T T τ ( jπ n = A [ 4 sin ( π n )] [ τ T T ) T τ ( jπ n = A ( ) τ sin π n τ T T ) T Ricordando che il segnale sinc(x) è definio come sinc(x) = sin(πx) πx i coefficieni c n si possono anche riscrivere come: c n = A τ ( n τ ) T sinc T Il coefficiene c in queso caso assume un valore diverso da essendo il segnale s T () a valor medio non nullo; in paricolare si può facilmene ricavare: c = A T sia calcolando il valor medio del segnale s T (), (cioè l area del riangolo Aτ/ diviso il periodo T ), sia considerando che sinc()=. In figura.5 sono riporai gli andameni delle funzioni sinc(x) e sinc (x) rispeivamene. b) Gli andameni degli speri di ampiezza e di fase del segnale s() con T = 6, τ = 4 e A =, sono riporai in figura.6; i coefficieni c n in queso caso sono una sequenza di campioni reali e posiivi, per cui si ha: c n = c n = A T c n = τ τ ( n τ ) sinc T π n T τ ]

23 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI sinc(x).5 sinc (x) x x Figura.5: sinc(x) e sinc (x) cioè lo spero di fase assume valore cosane pari a, menre lo spero di ampiezza segue l andameno del sinc ( ) Ampiezza.4.. Fase f f Figura.6: Spero di ampiezza e spero di fase del segnale s() onda riangolare, con T = 6, τ = 4 e A =, in funzione della frequenza f Noa(): per le proprieà del segnale sinc (o equivalenemene del segnale sinc ) vale che: sinc(x) = sin(πx) πx = x = = x inero, x alrimeni In paricolare, quindi, i coefficieni c n assumono valore nullo quando l argomeno del sinc è un inero diverso da : n τ = k, k Z, k T e quindi per n inero: n = k T τ, k Z, k

24 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI s() Ampiezza f Figura.7: Segnale s() onda riangolare con periodo T = (τ = 4, A = ) e relaivo spero di ampiezza in funzione della frequenza f Si noi che porebbero anche non esisere coefficieni a valore nullo nel caso in cui la precedene relazione non produca mai un numero inero, e cioè se: k T τ / Z, k. Noa(): se si considera un periodo T = anziché T = 6, si oengono gli andameni per s() e c n riporai in figura.7. Laddove si è avuo un aumeno del periodo T che ha provocao un disanziameno maggiore ra le ripeizioni del riangolo, si è avuo un infiimeno delle righe sperali. In alre parole, menre l inviluppo del sinc è rimaso invariao, la densià delle righe sperali preseni è aumenaa. Ovviamene vale anche il viceversa: se si considera un periodo T < T (riangoli più ravvicinai), si avranno delle righe sperali più disanziae ra di loro. Noa(): il segnale considerao s() è un segnale reale e pari; i coefficieni c n risulani sono quindi una sequenza di campioni reali e pari. Si può ricavare facilmene che in queso caso la serie di Fourier può essere espressa come serie di soli coseni: c n = c + A τ ( n τ ) T sinc cos (π n ) T T Noa(4): i campioni c n vanno a come /n, e queso è in accordo col fao che il segnale è coninuo, ma con derivaa prima disconinua. c) Si consideri ora il segnale raslao s () = s() A/, rappresenao in figura.8 :

25 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI 9 si calcolano i coefficieni c n della Serie di Fourier: c n = T T/ s ()e jπ n T d = T T/ [ s() A ] e jπ n T d = T T/ T/ T/ =c n A s()e jπ n T d A T T e jπ n T jπ n T T/ T/ T/ T/ T/ e jπ n T d = = c n A sinc(n) Dalle proprieà del segnale sinc si ricava facilmene che: c n = c n, n c = c A = A T τ A cioè la raslazione del segnale produce solo una variazione del valor medio, menre i coefficieni della serie di Fourier rimangono inalerai. s () s () Figura.8: Segnale s() raslao: s () = s() A/ con T = 6, τ = 4, e A = e nel caso paricolare τ = T = 6 Nel caso paricolare in cui τ = T, s () presena una paricolare simmeria s ( + T/) = s () (figura.8 ): un ale segnale si dice alernaivo. In queso caso i coefficieni c n assumono valore nullo per n pari, infai: c n = c n = A ( n ) sinc c n = n pari, n c = n = n

26 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI d) Si consideri infine il segnale riardao s () = s( A/), rappresenao in figura.9: si calcolano i coefficieni c n della Serie di Fourier: c n = T T/ s ()e jπ n T d = T T/ ( s A ) e jπ n T d = T/ facendo un cambio di variabile A/ = u = T T/ A/ T/ A/ =e jπ n T A T T/ s(u)e jπ n T u e jπ n T T/ T/ A du = s(u)e jπ n T u du = e jπ n T A cn Si conclude quindi che i coefficieni della serie di Fourier di un segnale s () oenuo dal segnale s() riardao emporalmene di una quanià, sono i coefficieni c n del segnale di parenza s() moliplicai per esponenziali complessi e jπ n T. s () 6 6 Figura.9: Segnale s() riardao: s () = s( A/) con T = 6, τ = 4, e A = Esercizio Deerminare la poenza media del segnale s(): s() = cos(πf ) sia applicando la definizione di poenza media, sia applicando il Teorema di Parseval per la serie di Fourier.

27 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI Soluzione Si ricordi che la poenza media di un segnale periodico può essere definia come: P s = T +T / s() d T / e che il Teorema di Parseval afferma che: P s = T +T / T / s() d = Nel caso del cos(πf ) risula dalla definizione: P s = T = T = T +T / T / +T / T / +T / T / ( ) π cos d = T n= [ + ( )] π cos T / d = d + T +T / T / cos c n ( ) π T / d = essendo nullo l inegrale del coseno di periodo T / inegrao sul periodo T. Applicando il Teorema di Parseval si oiene molo più rapidamene: ( ) ( ) P s = c n = + = Alri esercizi n= Calcolare la Serie di Fourier dei segueni segnali: a) s() =, figura. ; b) s() = n= ( )n rec ( n), figura. ; c) s() = n= s T ( n), s T () =, figura.; alrimeni d) s() = < π n= s T ( πn), s T () = π = π, figura.; alrimeni

28 CAPITOLO. SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER DI SEGNALI PERIODICI e) s() = n= s T ( 4n), s T () = < < < <, figura.; =,, s() s() Figura.: Esercizio a) ; Esercizio b) 5 4 s() s() Figura.: Esercizio c); Esercizio d) s() 4 5 Figura.: Esercizio e)

29 Capiolo Trasformaa di Fourier Problemi affronai nel presene capiolo: Calcolo di rasformae di Fourier: dalla definizione usando le proprieà rappresenazione degli speri di fase e di ampiezza Prodoo di convoluzione: esempi di calcolo relazione con la rasformaa di Fourier Uso del eorema di Parseval e Parseval generalizzao per: calcolo dell energia di un segnale calcolo di un inegrale Calcolo di rasformae di Fourier per segnali periodici: eorema di Poisson calcolo dei coefficieni della serie e calcolo della rasformaa Esercizio Si consideri il segnale s(): s() = e α u() con α > e si risponda alle segueni domande: a) calcolare la rasformaa di Fourier S(f);

30 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER 4 b) calcolare la rasformaa di Fourier del segnale s () = e u( ); c) calcolare la rasformaa di Fourier del segnale s () = e +4 u( ); d) calcolare la rasformaa di Fourier del segnale s () = e / cos(π)u(); Soluzione a) Il segnale s() è riporao in figura.. Si calcola la rasformaa di Fourier parendo dalla definizione: S(f) = = s()e jπf d = e α u()e jπf d = (α + jπf) = e (α+jπf) = α + jπf e α e jπf d.5 s().5.5 Figura.: Segnale s() con α = b) Per calcolare le rasformae dei segnali s (), s () e s () si può riapplicare la definizione oppure sfruare le proprieà fondamenali della rasformaa di Fourier; per il primo segnale risula: s () = e u( ) = s( ) α= cioè s () è la riflessione del segnale s() con α =. La sua rasformaa risula: viso che: S (f) = S( f) α= = s( ) S( f) jπf

31 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER 5 c) Per il secondo segnale risula: s () = e +4 u( ) = e ( ) u( ) = s( ) α= cioè s () è il segnale s() riardao di con α =. La sua rasformaa risula: S (f) = S(f)e jπf = + jπf e jπf dao che un riardo nel empo corrisponde ad una moliplicazione per un esponenziale complesso in frequenza: d) Infine per il erzo segnale risula: s( ) S(f)e jπ f s () = e / cos(π5)u() = s() α=/ e jπ5 + e jπ5 La sua rasformaa risula: S (f) = [S(f 5) + S(f 5)] = [ ] / + jπ(f 5) + / + jπ(f + 5) poiché una moliplicazione per un esponenziale complesso nel empo corrisponde ad un riardo in frequenza: s()e ±jπf S(f f ) Esercizio Calcolare la rasformaa di Fourier del segnale s() = r(6 + 4)cos(π) Soluzione Il segnale s () = r(6 + 4) è un riangolo di duraa /, ampiezza e anicipao di 4, menre il segnale s () = cos(π) è un coseno di periodo /: ( ) + 4 s() = r(6 + 4)cos(π) = r cos (π ) /6 Per calcolare la rasformaa di Fourier si deermina prima la rasformaa del segnale s () che risula: S (f) = F { r ( )} + 4 = 6 ( ) 6 /6 sinc f e jπ4f

32 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER 6 Poi, ricordando dall esercizio precedene che la moliplicazione per un coseno corrisponde alla moliplicazione per due esponenziali complessi, e quindi ad un riardo in frequenza, si ha: Esercizio S(f) = S (f /) + S (f + /) = = [ ( ) ( ) ] f / f + / sinc e j8π(f /) + sinc e j8π(f+/) 6 6 Calcolare e rappresenare graficamene gli speri di ampiezza e fase dei segueni segnali: a) s() = rec() b) s () = rec ( ) Soluzione a) La rasformaa di Fourier del segnale rec è il segnale sinc: ( ) Arec Aτsinc(τf) τ e quindi risula: S(f) = ( ) f sinc = ( ) f sinc sgn = { sinc ( )} f La funzione segno assume valori ± in base all andameno del sinc. Poendo scrivere + = e jkπ e = e j(k+)π e decidendo di rappresenare la spero di fase nell inervallo { [ π, ( )} π] (dao che la fase è periodica { ( )} di π), la fase assume valori quando sgn sinc f = e π quando sgn sinc f =. Gli speri di ampiezza e fase sono riporai in figura.. Si noi come si sia scelo di rappresenare lo spero di fase con +π per frequenze posiive e π per frequenze negaive: queso è moivao dal fao che nel caso di segnali reali lo spero deve soddisfare le condizioni di simmeria hermeiana, cioè lo spero di ampiezza deve risulare pari e quello di fase dispari. b) Il segnale s () = rec ( ) ( ( = rec 6)) non è alro che il segnale s() riardao di /6. Perano la rasformaa di Fourier risula: S (f) = S(f)e jπ 6 f = sinc ( f ) e jπ 6 f

33 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER 7 4 Ampiezza Fase f f Figura.: Spero di ampiezza e spero di fase del segnale s() = rec() e quindi: S (f) = S(f) S (f) = S(f) π 6 f Per disegnare lo spero di fase si somma π 6f (figura. raeggiao) a S(f) e poi si ripora uo nell inervallo [ π, π] (figura.) Fase Fase f f Figura.: Spero di fase del segnale s () = rec( /) e riporao nell inervallo [ π, π]

34 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER 8 Esercizio 4 Calcolare il prodoo di convoluzione z() = x() y() ra i segueni segnali: Soluzione 4 x() = e ( ) ( ) 4 y() = rec rec 4 x() y() Figura.4: Segnale x() = e e segnale y() = rec ( 4 ) ( rec ) Nelle figure.4 e sono riporai i due segnali x() e y() rispeivamene. Si ricorda la definizione di prodoo di convoluzione: z() = x() y() = x(α)y( α)dα = y(α)x( α)dα In praica, il calcolo del prodoo di convoluzione, per ogni isane di empo, consise nel calcolare il valore dell inegrale del prodoo ra i segnali x e y, di cui un segnale è manenuo fisso (ad esempio x(α)), menre l alro segnale viene riflesso (ad esempio y( α)) e raslao del empo (ad esempio y( α+)). Di seguio è riporao il calcolo del prodoo di convoluzione secondo le due modalià possibili. Nel primo caso si faccia riferimeno ai segnali riporai in figura.5. Il segnale z() si

35 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER 9 oiene come: z() = = = 5 x(α)y( α)dα = ( ( α) 4 e [ α rec e α dα ) rec ( ( α) e α dα = e α 5 eα = )] dα =e e 5 e + e = e [e e 5 + e ].5.5 x(α); y( α) x(α); y( α+) α α Figura.5: Segnali x(α) (linea raeggiaa) e y( α) (linea coninua) e segnali x(α) (linea raeggiaa) e y( α + ) con < (linea coninua) x( α); y(α) α x( α+); y(α) α Figura.6: Segnali x( α) (linea raeggiaa) e y(α) (linea coninua) e segnali x( α + ) con < (linea raeggiaa) e y(α) (linea coninua) Nel secondo caso invece si hanno i segnali riporai in figura.6 e il segnale z() risula

36 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER da: z() = = 5 = y(α)x( α)dα = ( α 4 e [ α rec e α dα ) rec ( α )] dα e α dα = e α 5 + e α = = e 5 + e + e e = e [e e 5 + e ] Il segnale z() risulao del prodoo di convoluzione è un segnale che ha duraa da a : queso si poeva sapere fin dall inizio, ricordando che in generale vale la proprieà: x() [, ] e y() [, 4 ] = z() [ +, + 4 ] Esercizio 5 Dao il segnale x() riporao in figura.7, calcolare: A x() A T/ T Figura.7: Segnale x() caraerizzao da ampiezza ±A e duraa T il prodoo di convoluzione z() = x() x(); l auocorrelazione r() = x() x ( ); l auoconvoluzione e l auocorrelazione dei segnali x( ) e x( ), cioè: z () = x( ) x( ) z () = x( ) x( ) r () = x( ) x () r () = x( ) x ( )

37 CAPITOLO. TRASFORMATA DI FOURIER Soluzione 5 Si può noare subio che il prodoo di convoluzione z() assumerà valori diversi da zero solo nell inervallo [, T ]. Si consideri il segnale dao, x(α), e il segnale riflesso e raslao di, x( α + ). Al variare di si individuano quaro possibili siuazioni in base alla sovrapposizione dei due segnali x(α) e x( α + ): le quaro siuazioni sono rappresenae nelle figure.8 e.9, dove si è poso A = e T = 4. Si procede quindi al calcolo del prodoo di convoluzione: x(α); x( α+) x(α); x( α+) α α Figura.8: Segnali x(α) e x( α + ) per diversi valori di x(α); x( α+) x(α); x( α+) α α Figura.9: Segnali x(α) e x( α + ) per diversi valori di

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio:

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio: Funzioni Primitive (Integrali Indefiniti) (l.v.) Pur essendo un argomento che fa parte del Calcolo Differenziale, molti autori inseriscono funzioni primitive nel capitolo sul Calcolo Integrale, in quanto

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim.

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim. LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. Calcolare i seguenti iti: a + 4 + b + 4 + 4 c 5 e ± g i + + sin 4 m sin o π q sin π + 4 + 7 d + 4 + + 5 4 + f 4 4 + 5 4 + 4 h + + l + + cos n sin cos p π π +

Dettagli