ateo Agraltticoaiimeiitare della Sicilia ^ ^ M,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ateo Agraltticoaiimeiitare della Sicilia ^ ^ M,"

Transcript

1 ateo Agraltticoaiimeiitare della Sicilia ^ ^ M, Protocollo di intesa per: "La valorizzazione e la promozione dei prodotti ittici ed ortofrutticoli (agroalimentari in genere) attraverso la rete dei mercati all'ingrosso" TRA I Distretti Agro ittico-alimentari Siciliani, (PAISI) L'Associazione Nazionale Direttori Mercati all'ingrosso, (ANDMI) di seguito denominati Enti Premesso - che gli Enti in premesso ognuno per le proprie competenze hanno tra i loro compiti istituzionali e di rappresentanza la cura degli interessi degli associati e la promozione dello sviluppo economico delle settore Agro Alimentare, ivi compreso il miglioramento e la razionalizzazione dei mercati agro-alimentari all'ingrosso già esistenti, ai fini della costituzione di un sistema integrato e funzionale che realizzi una distribuzione territoriale dei mercati equilibrata e priva di sovrapposizioni, e comunque tutto quanto previsto dalla legislazione comunitaria, nazionale e regionale di settore. - che rientrano nelle funzioni svolte dagli Enti la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione dei prodotti ittici ed ortofrutticoli del nostro Paese; - che gli Enti attribuiscono all'emergente progettualità delle rispettive funzioni e strutture un ruolo determinante per la promozione delle rispettive attività, anche per stabilire più avanzati rapporti tra le stesse, al fine sempre di promuovere e sviluppare nel settore dei prodotti ittici ed ortofrutticoli e più in generale dell'agroalimentare, con particolare riguardo allo sviluppo delle qualità delle produzioni tipiche e locali. - che gli Enti intendono intraprendere iniziative comuni per l'attuazione delle finalità condivise; $ 4,

2 Tutto ciò premesso SI CONVIENE Art. 1 {Premesse) Le premesse fanno parte integrante del presente protocollo d'intesa. Art. 2 (Finalità) Con il presente protocollo d'intesa gli Enti intendono stabilire più avanzati rapporti tra le parti e, allo scopo, intendono operare per massimizzare le reciproche sinergie, al fine di promuovere e valorizzare le attività svolte dai rispettivi organi rappresentati. Per il perseguimento di tale obiettivo saranno intraprese azioni congiunte volte a: Migliorare la conoscenza e la trasparenza delle produzioni agroalimentari e del mercato; Fornire una puntuale informazione ai consumatori e ricercare una comunicazione più diretta nei confronti degli stessi, al fine di migliorarne la conoscenza; Incentivare il processo di qualificazione dei prodotti ortofrutticoli ed ittici, agroalimentari in genere, attraverso i mercati all'ingrosso; Promuovere i metodi e gli strumenti di qualificazione, valorizzazione e promozione dei prodotti stessi; Operare lungo la filiera, per consentire la rintracciabilità e l'etichettatura dei prodotti; Rispondere sempre più, con l'adozione di misure opportune, alle crescenti esigenze del consumatore; Promuovere ogni altra iniziativa utile per diffondere la conoscenza e l'offèrta di tali produzioni attraverso la rete dei mercati all'ingrosso; Avviare sempre più stretti rapporti tra le Organizzazioni nazionali e gli stessi mercati all'ingrosso ed i Centri Agro Alimentari, al fine di sinergizzare le iniziative volte alla promozione di detti prodotti. Garantire il rispetto della legalità.

3 Il perseguimento degli obiettivi in questione comporta il riconoscimento di un ruolo propositivo degli Enti per lo sviluppo di una progettualità comune in materia di promozione, formazione, qualificazione, crescita della filiera produttiva e dei servizi e per la valorizzazione, promozione, diffusione, e offerta dei prodotti ittici ed ortofrutticoli (agroalimentari in genere), aventi caratteristiche certe di qualità, attraverso la rete dei mercati all'ingrosso. Art. 3 (Pubblicità) Gli Enti si impegnano a dare adeguata pubblicità al Protocollo d'intesa e alle iniziative comuni che verranno poste in essere, in termini di nuove progettualità, finalizzate alla valorizzazione dei prodotti ittici ed ortofrutticoli. Art. 4 (Contenuti) Sulla base di quanto esposto, gli Enti sono impegnati a: svolgere una funzione di assistenza e di orientamento generale nei confronti degli operatori dei Mercati all'ingrosso, delle singole strutture gestionali, dei consumatori e di tutti gli operatori della filiera; contribuire all'organizzazione di iniziative, volte a favorire progetti e programmi di collaborazione per lo sviluppo delle rispettive attività; valorizzare ed incrementare le relazioni fra le Organizzazioni di produttori e gli operatori dei mercati all'ingrosso; valutare al meglio le iniziative di promozione che si intendono realizzare; favorire la crescente conoscenza dei prodotti agroalimentari di qualità, anche attraverso rapporti di collaborazione con le associazioni dei consumatori; contribuire alle iniziative di formazione ed aggiornamento professionale che le Organizzazioni riterranno utile sviluppare, direttamente o attraverso enti collegati, in materia di qualificazione e valorizzazione delle produzioni; promuovere l'educazione alimentare, in particolare nelle scuole, avendo riguardo alla conoscenza dei prodotti di qualità, in stretta collaborazione con le gli istituti scolastici; promuovere la cultura enogastronomica imperniata sui prodotti tipici (IITICI ED ORTOFRUTTICOLI), anche attraverso iniziative volte a coinvolgere la ristorazione e gli enti preposti alla promozione del turismo; r v

4 sviluppare adeguate politiche di distribuzione e consumo nell'ambito della ristorazione collettiva, mense scolastiche e comunitarie in generale, e del catering per la promozione dei consumi dei prodotti tipici di qualità del territorio; valorizzare il patrimonio di conoscenze e di informazioni proprie delle Enti, realizzando strumenti e prodotti informativi mirati alle esigenze degli associati e svolgendo, tramite i mercati, un'adeguata azione promozionale delle iniziative e dei progetti posti in essere; Promuovere un successivo accordo di legalità con la Prefettura; Promuovere una maggiore e più stretta collaborazione con gli operatori del bacino del Mediterraneo; organizzare studi, ricerche, convegni, seminari e ogni altra manifestazione utile per meglio concretizzare le suddette iniziative. Art. 5 ( Prezzi) Gli Enti si impegnano a programmare nel tempo e per quanto possibile, anche in collaborazione con organismi all'uopo preposti e con le Associazioni di rappresentanza, a diffondere il più possibile i prezzi dei prodotti ITTICI ED ORTOFRUTTICOLI", avvalendosi, degli Organismi in essere, promuovendo anche la collaborazione con le Camere di Commercio nazionali, con Unioncamere e con la Associazione delle Camere di Commercio del Bacino del Mediterraneo (Ascame), al fine di garantire maggiore trasparenza delle quotazioni dei prodotti trattati. Particolare attenzione verrà rivolta alla collaborazione con Unioncamere-Borsa Merci Telematica Italiana per avviare, sperimentare e applicare gli strumenti di negoziazione telematica al fine di incrementare efficienza, velocità e dinamicità degli interscambi commerciali dei prodotti commercializzati Art. 6 (Metodologia operativa) I contenuti e gli interventi attuativi del presente Protocollo d'intesa saranno perseguiti attraverso progetti specifici fra gli Enti, nonché con altri soggetti, ove necessari, per la realizzazione delle finalità prefissate. In concreto la collaborazione si svilupperà secondo tre linee principali:

5 L- Parco Agroltticoaiimentare della Sicilia ^ ^ M, 1) Creare una rete di informazione sulle quantità e sui prezzi dei prodotti trattati, fra tutti i Direttori dei Mercati aderenti all'andmi, al fine di verificare opportunità per sviluppare una rete commerciale fra i Mercati Ittici ed Ortofrutticoli all'ingrosso ed i Centri Agro Alimentari; 2) la diffusione presso i mercati, nazionali ed esteri con particolare riguardo a quelli dell'area del Mediterraneo, di una base di conoscenza sulle valenze e le priorità strategiche, valorizzando in maniera adeguata il patrimonio di esperienze e di conoscenze degli Enti; 3) la definizione, d'intesa tra gli Enti, di progetti operativi, relativamente a quei mercati, nazionali ed esteri,con particolare riferimento a quelli del Bacino del Mediterraneo, che presentino specifiche problematiche o viceversa maggior potenzialità d'offerta Art. 7 (Durata) Il protocollo d'intesa ha durata triennale ed è rinnovabile tacitamente per un uguale periodo, salvo disdetta da comunicarsi da una delle parti entro due mesi dalla scadenza. Catania, 10 dicembre 2011 Distretti Agroittico- Alimentari Siciliani (PAISI) Associai rione Nazionale Direttori M ercati all'ingrosso (A NDMI) v? <

Rassegna stampa e web

Rassegna stampa e web Workshop Aspetti tecnici e normativi delle agro energie mediterranee a supporto dei distretti produttivi agroalimentari siciliani Catania 29 maggio 2015 Rassegna stampa e web RASSEGNA WEB SOTTOILVULCANO.IT

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA Premesso che la Sezione Operativa Assistenza Tecnica n 84 di Alcamo si è fatta promotrice di un Progetto

Dettagli

PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE

PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE TITOLO: LA RETE INTERNAZIONALE DEGLI SHOW ROOM NELLE AREE RURALI PARTNERS: GAL PUGLIESI ( Gal Luoghi del Mito- capofila_, Gal Alto Salento, Gal Terre Del Primitivo),

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

del Consiglio. Proroga L.R. n 15/2015.

del Consiglio. Proroga L.R. n 15/2015. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARGANO FRANCESCA PAOLA Indirizzo Via Renzo De Felice, 6-95030 Gravina di Catania Telefono 095 0938715 3387131709

Dettagli

Il Distretto Produttivo Arancia Rossa come caso di organizzazione innovativa

Il Distretto Produttivo Arancia Rossa come caso di organizzazione innovativa Il Distretto Produttivo Arancia Rossa come caso di organizzazione innovativa Provincia Regionale di Catania Open Innovation Catania 24 novembre 2010 Jolly Hotel, Catania Relazione:Federica Argentati L

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

tra MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA LA FEDERAZIONE ITALIANA CUOCHI (di seguito denominato F.Le.)

tra MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA LA FEDERAZIONE ITALIANA CUOCHI (di seguito denominato F.Le.) o-iti,,';'i"'''' '/..I/'ttlM: YJi/,à" m~.icii QYJt1'ttJc1W PROTOCOLLO D'INTESA tra MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA Direzione Generale per l'istruzione e la Formazione Tecnica

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CASERTA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CASERTA E AZIENDA SPECIALE S.IN.T.E.S.I. DELLA CAMERA DI

Dettagli

M.I.U.R - EXPO 2015 ROAD SHOW

M.I.U.R - EXPO 2015 ROAD SHOW M.I.U.R - EXPO 2015 ROAD SHOW Il Progetto Scuola Expo Milano 2015 è stato presentato ai dirigenti scolastici e al personale docente di tutta Italia, attraverso dieci tappe: Napoli, Firenze, Padova, Cagliari,

Dettagli

BIODISTRETTO "COLTURE MEDITERRANEE TERRE DEL BIO" - PETROSINO ATTO PROTOCOLLARE

BIODISTRETTO COLTURE MEDITERRANEE TERRE DEL BIO - PETROSINO ATTO PROTOCOLLARE BIODISTRETTO "COLTURE MEDITERRANEE TERRE DEL BIO" - PETROSINO ATTO PROTOCOLLARE Sottoscrìtto in occasione dei convegno "Verso il Biodistretto delle Colture Mediterranee" PETROSINO lo/apnle/2015 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 79 DEL 27/11/2012 OGGETTO: Protocollo d Intesa tra sviluppo Campania S.p.A. e Comune di Villaricca. L anno duemiladodici

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Programmazione, Controlli e Statistica. OSSERVATORIO PREZZI: l esperienza del Comune di Bologna

COMUNE DI BOLOGNA Settore Programmazione, Controlli e Statistica. OSSERVATORIO PREZZI: l esperienza del Comune di Bologna OSSERVATORIO PREZZI: l esperienza del Comune di Bologna Ambito dell iniziativa: la nascita del Tavolo tecnico Nel settembre 2004 il Comune di Bologna costituisce un tavolo tecnico sul caro prezzi, al quale

Dettagli

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominate ADA)

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominate ADA) PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominate MIUR) e Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominate ADA) "Rafforzare il rapporto tra

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (di seguito denominato INPS), E Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) per la valorizzazione

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Paniere lucchese. Rete del gusto

PROTOCOLLO D INTESA. Paniere lucchese. Rete del gusto PROTOCOLLO D INTESA per la valorizzazione e promozione del Paniere lucchese dei prodotti agroalimentari tipici tradizionali e locali attraverso la creazione della Rete del gusto Lucca 11 Maggio 2006 Palazzo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 9 DEL 5 FEBBRAIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 9 DEL 5 FEBBRAIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 30 dicembre 2006 - Deliberazione N. 2255 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - APPROVAZIONE PROGRAMMA STRALCIO DEL

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (di seguito denominato Corpo Nazionale), C.F. n. 80219290584,

Dettagli

DGSCN - 4.27.9 - Protocollo 0023304 del 11/09/2014 GABINETTO

DGSCN - 4.27.9 - Protocollo 0023304 del 11/09/2014 GABINETTO GABINETTO MBAC-UDCM GABINETTO 0018035-1 0/09/2014 Cl. 07.02.00/7 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale Via della Ferrateli a in Laterano,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FONDAZIONE OPERATION SMILE ITALIA ONLUS

PROTOCOLLO D INTESA FONDAZIONE OPERATION SMILE ITALIA ONLUS PROTOCOLLO D INTESA MINISTERO DELLA SALUTE E FONDAZIONE OPERATION SMILE ITALIA ONLUS Roma,..Maggio 2008 PROTOCOLLO D INTESA TRA Il MINISTERO DELLA SALUTE, con sede in Roma, Lungotevere Ripa n. 1 P.IVA..

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominato ADA)

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominato ADA) PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) e Associazione Direttori di Albergo (di seguito denominato ADA) "Rafforzare il rapporto tra

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA Il Prefetto di Catania rappresentato dalla Dott.ssa Anna

Dettagli

FARE SISTEMA PER ATTRARRE MEETING ED EVENTI IN SICILIA. Informazioni utili per affiliarsi al Sicilia Convention Bureau

FARE SISTEMA PER ATTRARRE MEETING ED EVENTI IN SICILIA. Informazioni utili per affiliarsi al Sicilia Convention Bureau FARE SISTEMA PER ATTRARRE MEETING ED EVENTI IN SICILIA Informazioni utili per affiliarsi al Sicilia Convention Bureau Perché far parte di un sistema Perché gli Operatori Siciliani diventino insieme, un

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero dell'economia e delle Finanze Decreto del 07/03/2008 Titolo del provvedimento: Individuazione del gestore del sistema di interscambio della fatturazione elettronica nonche' delle relative attribuzioni

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca;

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca; (ALLEGATO 1) Estratto dallo Statuto della Fondazione per la Ricerca e l Innovazione Art. 3 Finalità 1. La Fondazione non ha fini di lucro, e ha lo scopo di realizzare, in sintonia con le strategie e la

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA Prefettura di Pordenone, Tribunale di

Dettagli

SPORTELLO RISORSE PER IL TERRITORIO

SPORTELLO RISORSE PER IL TERRITORIO RISORSE PER IL RISORSE PER IL Il Contesto Il ricorso alle fonti di finanziamento di livello comunitario, nazionale e regionale può consentire alle Amministrazioni comunali di promuovere e sviluppare delle

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014 Asse 1 - Ricerca ed innovazione Le azioni previste in questo asse riguardano lo sviluppo di temi di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo,

Dettagli

Sciacca Venera F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

Sciacca Venera F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Sciacca Venera Telefono

Dettagli

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE. Data e luogo ove è stata condotta la ricerca UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DA GENNAIO 2015 AD OGGI

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE. Data e luogo ove è stata condotta la ricerca UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DA GENNAIO 2015 AD OGGI SCHEDA DI PARTECIPAZIONE Nome e Cognome GIULIA MAESANO Data e luogo di nascita 04-07-1991, CATANIA Data e luogo ove è stata condotta la ricerca UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DA GENNAIO 2015 AD OGGI

Dettagli

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) \. ~ ~ ~(I'J'().rk/1~ M.tp~.. mt~ PROTOCOLLO D'INTESA tra Ministero deii'istruzione, deii'universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) e Ente Nazionale Istruzione Professionale Grafica (di seguito

Dettagli

Progetto a carattere nazionale. Azione Pilota sulla

Progetto a carattere nazionale. Azione Pilota sulla Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Dipartimento delle Politiche di Mercato Direzione Generale Pesca e Acquacoltura Progetto a carattere nazionale Azione Pilota sulla Implementazione e certificazione

Dettagli

Tra. Premesso. Visto. le disposizioni contenute nel già citato D.Lgs 626/94 ed in particolare, quelle contenute nell'art.20;

Tra. Premesso. Visto. le disposizioni contenute nel già citato D.Lgs 626/94 ed in particolare, quelle contenute nell'art.20; ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DELL'ORGANISMO PARITETICO DEL TURISMO REGIONALE E TERRITORIALE DELLA SICILIA E DEL RAPPRESENTANTE TERRITORIALE PER LA SICUREZZA (RTS) Le Associazioni Imprenditoriali: Tra URAS

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE Il Comitato Italiano Paralimpico (di seguito: CIP), con sede in Roma, Via Flaminia Nuova,

Dettagli

RICHIESTA DELLA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO SETTORE AGROALIMENTARE

RICHIESTA DELLA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO SETTORE AGROALIMENTARE RICHIESTA DELLA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO SETTORE AGROALIMENTARE Trota d oro Trota d argento Richiedente:. REQUISITI PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO Prodotti agroalimentari ammessi Nel rispetto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 0029 DEL 04 11 2002 EMILIA-ROMAGNA ( VII LEGISLATURA)

LEGGE REGIONALE N. 0029 DEL 04 11 2002 EMILIA-ROMAGNA ( VII LEGISLATURA) LEGGE REGIONALE N. 0029 DEL 04 11 2002 EMILIA-ROMAGNA ( VII LEGISLATURA) NORME PER L'ORIENTAMENTO DEI CONSUMI E L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E PER LA QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA BOLLETTINO

Dettagli

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Antonio Ventresca a.ventresca@ice.it ICE - Agenzia per la promozione

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA DI LICODIA Provincia di Catania

COMUNE DI SANTA MARIA DI LICODIA Provincia di Catania DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 46 DEL 04-09-2012 OGGETTO: Adesione alla proposta Itinerari e prodotti tipici nell area dell Etna, dei Nebrodi e del Simeto: Promozione & Fruizione del Comitato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura ATTUAZIONE ASSE 4 FEP 2007-2013 Mis. 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna GAC Nord Sardegna Az. 244. RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA AVIS REGIONALE SICILIA. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI ITALIANI (di seguito denominata ANPE- SICILIA)

PROTOCOLLO D'INTESA TRA AVIS REGIONALE SICILIA. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI ITALIANI (di seguito denominata ANPE- SICILIA) PROTOCOLLO D'INTESA TRA AVIS REGIONALE SICILIA E ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI ITALIANI (di seguito denominata ANPE- SICILIA) Avis Regionale Sicilia con sede a Palermo, Viale Regione Siciliana

Dettagli

XX CONVEGNO SIEA L AGRO-ALIMENTARE ITALIANO ED IL MERCATO: ARTE, CULTURA E SPECIFICITÀ TERRITORIALE

XX CONVEGNO SIEA L AGRO-ALIMENTARE ITALIANO ED IL MERCATO: ARTE, CULTURA E SPECIFICITÀ TERRITORIALE XX CONVEGNO SIEA L AGRO-ALIMENTARE ITALIANO ED IL MERCATO: ARTE, CULTURA E SPECIFICITÀ TERRITORIALE Siracusa, 7-9 giugno 2012 Sede del Convegno - Sala ISISC Via Logoteca, 27, Ortigia - Siracusa Programma

Dettagli

nell ambito delle attività del

nell ambito delle attività del nell ambito delle attività del Introduzione (DA 963 GAB del 25 ottobre 2012 ) La scadenza di presentazione dei progetti sarà fissata con avviso successivo Finalità Finalità dello strumento di Sviluppo:

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE DI PROGRAMMI DI INFORMAZIONE E PROMOZIONE SUI PRODOTTI TRASFORMATI E CERTIFICATI DELLA FILIERA SUINICOLA

AVVISO DI SELEZIONE DI PROGRAMMI DI INFORMAZIONE E PROMOZIONE SUI PRODOTTI TRASFORMATI E CERTIFICATI DELLA FILIERA SUINICOLA AVVISO DI SELEZIONE DI PROGRAMMI DI INFORMAZIONE E PROMOZIONE SUI PRODOTTI TRASFORMATI E CERTIFICATI DELLA FILIERA SUINICOLA 1 Premessa Borsa Merci Telematica Italiana S.c.p.a., in attuazione delle Linee

Dettagli

UNIONCAMERE SICILIA PREMESSA

UNIONCAMERE SICILIA PREMESSA UNIONCAMERE SICILIA PO FESR 2007/2013 Asse V Obiettivo Operativo 5.2.1 EXPÒ 2015 - AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA SELEZIONE DI IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITÀ PREVISTE NELL

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

AVVISO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENC O DI SOGGETTI GESTORI E/O PROMOTOR I DI ATTIVITA' ESTIVE RIVOLT E A BAMBINI RAGAZZI I N ETA' DA 3 A 14 ANN I

AVVISO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENC O DI SOGGETTI GESTORI E/O PROMOTOR I DI ATTIVITA' ESTIVE RIVOLT E A BAMBINI RAGAZZI I N ETA' DA 3 A 14 ANN I RegioneLombardia Dipartimento per le Pari Opportunit à AVVISO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENC O DI SOGGETTI GESTORI E/O PROMOTOR I DI ATTIVITA' ESTIVE RIVOLT E A BAMBINI RAGAZZI I N ETA' DA 3 A 14 ANN

Dettagli

D. Cartabellotta 1, G. Manzone 2, B. Messina 3, G. Russo 3. Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana 2

D. Cartabellotta 1, G. Manzone 2, B. Messina 3, G. Russo 3. Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana 2 La Certificazione di Prodotto e di Sistema: strumento per la tutela e la valorizzazione della Qualità delle materie prime e dei prodotti della Filiera Cerealicola D. Cartabellotta 1, G. Manzone 2, B. Messina

Dettagli

"LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO"

LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO A.G.C. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - Deliberazione n. 1491 del 25 settembre 2009 Approvazione protocollo d'intesa per "LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA MINISTERO DELL INTERNO Prefettura di Vibo Valentia MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Introduzione I mercati all'ingrosso fra crisi d'identità e modernizzazione

Introduzione I mercati all'ingrosso fra crisi d'identità e modernizzazione Indice Presentazione (di Andrea Zanlari) Pag- 9 Prefazione (di Pietro Cernigliaro)» 13 Introduzione I mercati all'ingrosso fra crisi d'identità e modernizzazione» 17 1. Il mercato annonario: un modello

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

Disegno di legge n.517

Disegno di legge n.517 Disegno di legge n.517 Presentato dai deputati Cracolici, Ammatuna, Apprendi, Barbagallo, De Benedictis, Di Benedetto, Di Guardo, Digiacomo, Donegani, Faraone, Ferrara, Fiorenza, Galvagno, Gucciardi, Laccoto,

Dettagli

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato PROTOCOLLO DI INTESA TRA l AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI E L AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L Autorità per le garanzie

Dettagli

AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 "VICENZA? REGIONE DEL VENETO DELIBERAZIONE. LIOS Serv. Amm. rapporti Strutture Sanitarie Private/2014/1252

AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA? REGIONE DEL VENETO DELIBERAZIONE. LIOS Serv. Amm. rapporti Strutture Sanitarie Private/2014/1252 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 "VICENZA? DELIBERAZIONE n. 556 del 31-7-2014 OGGETTO Rinnovo convenzione con l'associazione "Curare a Casa" per servizio di volontariato ai

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 7 marzo 2008: Individuazione del gestore del sistema di interscambio della fatturazione elettronica nonche' delle relative attribuzioni e competenze. (Gazzetta Ufficiale n. 103 del 3 maggio 2008)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di Trieste WWF- AREA MARINA PROTETTA di Miramare-Trieste PROTOCOLLO D INTESA Tra La Lega Navale Italiana Sezione di Trieste, rappresentata dal Presidente Ennio Abate, nato

Dettagli

Sezione anagrafica. Denominazione Metadistretto Veneto della Bioedilizia

Sezione anagrafica. Denominazione Metadistretto Veneto della Bioedilizia Sezione anagrafica Denominazione Metadistretto Veneto della Bioedilizia Sede del Distretto In provincia di Treviso, luogo dove il distretto è nato e ha sede, ma oramai anche in tutta la Regione Veneto,

Dettagli

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale P.I.T. «Notre patrimoine, l eau, le pain, le village» Leader Plus 2000/2006 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dettagli

I tema di conciliazione. I di Ancona e l'ordine degli. Protocollo di intesa tra Camera di Commercio

I tema di conciliazione. I di Ancona e l'ordine degli. Protocollo di intesa tra Camera di Commercio Protocollo di intesa tra Camera di Commercio I di Ancona e l'ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggistici e Conservatori della provincia di Ancona in I tema di conciliazione * * *, 1811.2011 Camera

Dettagli

COMUNE DI ROVERETO Assessorato ai servizi alla persona e alle politiche familiari ACCORDO VOLONTARIO DI OBIETTIVO

COMUNE DI ROVERETO Assessorato ai servizi alla persona e alle politiche familiari ACCORDO VOLONTARIO DI OBIETTIVO COMUNE DI ROVERETO Assessorato ai servizi alla persona e alle politiche familiari ACCORDO VOLONTARIO DI OBIETTIVO PER FAVORIRE L INCLUSIONE SOCIALE DI DONNE IN DIFFICOLTA ATTRAVERSO ATTIVITA OCCUPAZIONALI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO Considerato che: - Il Ministero degli Affari Esteri ed il Ministero

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA (di seguito denominato AMAR) MINISTERO DELLA DIFESA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA (di seguito denominato AMAR) MINISTERO DELLA DIFESA MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca A0OUFGAB - Ufficio del Gabinetto ATTI del Ministro Prot. n. 0000012-25/09/2014 - REGISTRAZIONE Titolario: 36.26.02.08 IIIIFIIIII PROTOCOLLO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO ALIMENTARE PIEMONTESE In applicazione del Reg. (CE) n. 1305/2013 Focus area 3a INTRODUZIONE

ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO ALIMENTARE PIEMONTESE In applicazione del Reg. (CE) n. 1305/2013 Focus area 3a INTRODUZIONE ALLEGATO A ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE 11 AGRICOLTURA SETTORE 11.13 PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE SISTEMA AGROALIMENTARE ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Regione Siciliana PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Area Coordinamento, Comunicazione, Assistenza tecnica UOB I - Servizi della Comunicazione PO

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

CONSIDERATO CHE - la Provincia di Carbonia Iglesias, ritenendo il problema di grande importanza per il suo territorio, intende sviluppare una

CONSIDERATO CHE - la Provincia di Carbonia Iglesias, ritenendo il problema di grande importanza per il suo territorio, intende sviluppare una PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTRUZIONE DI UNA RETE INTERISTITUZIONALE TERRITORIALE DI CONCERTAZIONE PER L INDIRIZZO DELLE PERSONE VITTIME DI QUALSIASI FORMA DI VIOLENZA AL CENTRO DELLA NONVIOLENZA PROVINCIALE.

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

DIRETTIVA 13 DICEMBRE 2001

DIRETTIVA 13 DICEMBRE 2001 DIRETTIVA 13 DICEMBRE 2001 Formazione e valorizzazione del personale delle pubbliche Amministrazioni (in G. U. n. 26 del 31 gennaio 2002) Il Dipartimento della funzione pubblica, per fornire indirizzi

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI PARELLA Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 35 Del 15/10/2014 Oggetto: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE Milano 26 Gennaio 2015 Intervento Dr. Tommaso De Nicola L attuale scenario legislativo in materia di salute

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO Agro-Med Quality Plateforme Méditerranéenne pour la Qualité dans l Agriculture et l Agroalimentaire 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DEL PROGETTO AGRO-MED QUALITY

Dettagli

Polizia Locale Camera di Commercio Agenzia delle Dogane

Polizia Locale Camera di Commercio Agenzia delle Dogane Polizia Locale Camera di Commercio Agenzia delle Dogane PROTOCOLLO D'INTESA TRA LA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI SAVONA che interviene al presente atto nella persona del Dott.

Dettagli

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari P.R.U.S.S.T - CALIDONE PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari 1^ annualità Forestali Adempimenti Quadro

Dettagli

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM CONVEGNO AREE INDUSTRIALI E POLITICHE DI PIANO 30 gennaio 2014 Roma Università Roma Tre Dipartimento di Architettura Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile

Dettagli

Le best practices di Trend dalla governance al progetto. Quale futuro nella nuova programmazione europea?

Le best practices di Trend dalla governance al progetto. Quale futuro nella nuova programmazione europea? Le best practices di Trend dalla governance al progetto. Quale futuro nella nuova programmazione europea? alessandro.cavalieri@regione.toscana.it mariachiara.montomoli@regione.tosca Bruxelles, 10 luglio

Dettagli

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s.

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s. Curriculum aziendale Euroconsult s.a.s. aggiornato al 26/04/2011 Dati anagrafici Ragione sociale: Euroconsult s.a.s. Data di costituzione: 14 febbraio 1994 Rappresentante legale: ing. Armando Cannata Partita

Dettagli

Rete Sindacale per i diritti dei migranti nel Mediterraneo

Rete Sindacale per i diritti dei migranti nel Mediterraneo Rete Sindacale per i diritti dei migranti nel Mediterraneo proposta di percorso 2014; Il contributo che, in quanto sistema CGIL possiamo dare alla costruzione della Rete Sindacale per i diritti dei Migranti

Dettagli

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI La Cabina di Regia per l internazionalizzazione, nella sua prima riunione svoltasi il 18 luglio 2012 al Ministero

Dettagli