EFREM REATTO Medaglia d Oro al Valor Militare INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFREM REATTO Medaglia d Oro al Valor Militare INTRODUZIONE"

Transcript

1 EFREM REATTO Medaglia d Oro al Valor Militare INTRODUZIONE Nel Tembien, a circa 93 chilometri da Asmara, nel baricentro topografico tra Passo Uarieu (1), Uorc Amba e lo Scimarbò, un piccolo cimitero di guerra italiano ricorda che questi luoghi, nel Gennaio e nel Febbraio 1936, furono teatro una cruenta battaglia tra italiani ed etiopici, battaglia che dopo alterne vicende alla fine volse a favore degli italiani; in caso contrario, qualora avesse prevalso l esercito etiopico, molto probabilmente l intera campagna sarebbe stata compromessa e con lei l idea mussoliniana di creare l impero. Il cimitero sorge in un recinto circondato da piccole colline punteggiate da euforbie che vanno ad incontrarsi con i fianchi rocciosi e strapiombanti di una catena circolare di Ambe (2). All orizzonte si intravedono i rilievi che guardano alla conca di Adua; verso sud appare la piana del Mai Beles e a nord-est la piana di Cacciamò. In quel cimitero, insieme a tanti altri Caduti, venne sepolto il tenente degli Alpini, Medaglia d Oro al Valor Militare, Efrem Reatto, morto in combattimento sulla Uorc Amba il 27 Febbraio Il Cimitero attuale non è però quello allestito all indomani della battaglia dai militi della 2^ Divisione CC.NN XXVIII Ottobre ed in particolare dai militi del II battaglione CC.NN, bensì ciò che resta di quello originario parzialmente dismesso nel 1973 da una delegazione di ONORCADUTI (3), allorquando le autorità etiopiche impedirono la traslazione presso il sepolcreto militare italiano di Addis Abeba di tutte le spoglie dei Caduti, imponendo per motivi storico-politici il mantenimento in loco delle sepolture appartenenti agli ignoti. La motivazione ufficiale fu che il cimitero costituiva tangibile memoria delle battaglie combattute nella zona dagli etiopici per resistere all invasore italiano. Conseguentemente i lavori, curati fra grandi difficoltà dal Ten. Col. Adolfo Cattivelli e dai sergenti maggiori Carlo Orsini e Lorenzo Iannucci, si concretarono nell allestimento di grandi tombe collettive, dove furono tumulate le cassettine ossario con le spoglie mortali di 225 Caduti ignoti, tra i quali anche il Tenente Efrem Reatto, per i quali non era stato possibile addivenire con certezza al riconoscimento individuale. Solo alcuni anni dopo, grazie al rinvenimento delle piante cimiteriali a suo tempo compilate, è stato possibile stabilire l esatta posizione di quasi tutti i Caduti che erano inumati nel cimitero originario e quindi anche riconoscere l esatta dislocazione della tomba di Efrem Reatto che era situata tra quella del sottotenente Antonio Ciccirello e quella del capo manipolo delle CC.NN Lamberto De Giorgio (4), entrambi esumati nel 1973 come noti. Pertanto, è da presupporre le spoglie mortali di Reatto, riposte in una cassetta ossario intestata ad un ignoto e contraddistinta dal numero di verbale 306 PU (5), riposino ancora in quello sperduto angolo d Africa. Nel riportare sul presente testo i nomi delle località e delle persone si è mantenuta l esatta traslitterazione riportata sui documenti originali e sui testi consultati. Fulvio Capone PREMESSA STORICA - LA GUERRA D ETIOPIA Il motivo geopolitico di questa guerra, che il Duce riteneva fondamentale, era quello che l Italia all inizio del 1930 poteva vantare una ragguardevole flotta, flotta alla quale il mediterraneo non bastava più. Il poter competere con la Francia e l Inghilterra sotto il profilo navale significava anche avere il libero accesso agli oceani e quindi imporre lontano un egemonia italiana in grado di dare frutti economici e soprattutto decongestionare l eccedenza popolare controllando l emigrazione e rendendola nazionale. Ma la gestione delle rotte navali oceaniche imponeva l esistenza intermedia di basi sicure anche militarmente e di porti adeguati. Tra le colonie italiane dell Eritrea e della Somalia c era però l Impero etiopico che affacciandosi con il suo bassopiano sul mar Rosso ne impediva il totale controllo, peraltro già

2 messo in discussione dalla presenza dei francesi a Gibuti e degli inglesi nel Somaliland Britannico sul Golfo di Aden. Per questi motivi l Italia aveva dato corso sin dal 1928 ad un massiccio concentramento di materiali, munizioni ed armi in Eritrea e Somalia. Sempre in quegli anni l Imperatore Hailè Selassiè (6) aveva dato via ad una serie di importanti iniziative economiche a vantaggio degli Stati Uniti e del Giappone, iniziative che di fatto escludevano l Italia dai commerci con il Corno d Africa. Il casus belli venne offerto a Mussolini nel Dicembre 1934, quando il presidio militare italiano del villaggio di Ual Ual che vigilava una zona di pozzi d acqua (ai confini tra l Etiopia e la Somalia italiana) venne attaccato da preponderanti forze etiopiche. Nel combattimento rimasero uccisi una trentina di ascari (7). La reazione di Mussolini fu immediata: all inizio del 1935, sfidando le determinazioni della Società delle Nazioni ed in particolare il veto dell Inghilterra, inviò in Eritrea un poderoso contingente di soldati pronti a muovere guerra contro l Etiopia (o Abissinia). Il 3 Ottobre soldati italiani ed un considerevole numero di ascari, sotto il comando di Emilio De Bono passarono il confine segnato dal fiume Mareb e dettero inizio all avanzata in territorio etiopico. Il 6 Ottobre, tre Corpi d'armata italiani occuparono Adua. Il 15 Ottobre venne occupata Axum, la capitale religiosa dell'etiopia. Dopo una lunga sosta, il 3 novembre, De Bono riprese la marcia verso Macallè con il 1º Corpo d'armata del generale Ruggero Santini e il Corpo d'armata Eritreo del generale Alessandro Pirzio Biroli, raggiungendo l'obiettivo sei giorni dopo. Contemporaneamente, all'inizio della campagna nel nord, un Corpo d Armata comandato dal generale Rodolfo Graziani mosse dalla Somalia Italiana aprendo il fronte sud e, in una ventina di giorni, occupò i presidi etiopici di Dolo, Ualaddaiè, Bur Dodi e Dagnarei. Il 28 Novembre De Bono, ritenuto da Mussolini non all altezza del compito, venne sostituito dal generale Pietro Badoglio il quale appena assunto il comando delle operazioni pose il suo quartier generale a Macallè mantenendo comunque un atteggiamento offensivo prudente. Nella notte tra il 14 e il 15 Dicembre le avanguardie etiopiche di ras Immirù (8) passarono al contrattacco e attraversato il fiume Tacazzè proseguirono nell'offensiva rioccupando lo Scirè. Contemporaneamente le truppe di Ras Sejum (9) e di Ras Cassa (10) attaccarono nel Tembien costringendo gli italiani a ritirarsi sulle posizioni fortificate di Passo Uarieu. Per togliere l'iniziativa al nemico, Badoglio iniziò l'attacco il 20 Gennaio. L'offensiva si concluse con un discreto successo italiano e alcune posizione chiave furono occupate. Il giorno seguente però gli abissini passarono al contrattacco e la colonna di camicie nere guidata dal console Filippo Diamanti si trovò isolata in posizione avanzata e, dopo essere stata circondata, venne quasi annientata. Il XII battaglione ascari intervenne per salvare i pochi sopravvissuti e ripiegare nuovamente su Passo Uarieu difeso dalle forze della 2^ Divisione CC.NN XXVIII Ottobre del generale Somma. Gli italiani furono rapidamente stretti d'assedio dagli abissini. Fu inoltre utilizzata tutta l'aviazione disponibile che fece abbondante uso di bombe ed iprite sulle truppe etiopiche. Dopo tre giorni di assedio la colonna del generale Vaccarisi raggiunse gli assediati rompendo l'assedio e disperdendo gli assedianti guidati da Ras Cassa. Se la guarnigione di Passo Uarieu avesse ceduto gli abissini sarebbero dilagati nella piana di Macallè compromettendo l'intera campagna bellica. La battaglia terminò la mattina del 24 Gennaio, e con essa l'intera prima battaglia del Tembien. Il 10 Febbraio 1936 Badoglio mosse le truppe verso il massiccio dell'amba Aradam che fu rapidamente accerchiato. L'armata di ras Mulughietà (11) attaccò quindi l'esercito italiano per spezzare l'assedio il 12 febbraio impegnando seriamente la 4^ Divisione CCNN 3 Gennaio del generale Traditi. In questa fase avvenne il massacro della Gondrand (12). L'imperatore Hailè Selassiè ordinò a Ras Cassa di portare le proprie restanti truppe alle spalle dell'armata italiana ma ciò non fu effettuato. Vista l'impossibilità di proseguire lo scontro con le superiori forze italiane il 15 Febbraio le truppe abissine si ritirarono sotto i bombardamenti dell'aviazione italiana. Gran parte dell'armata abissina, durante la ritirata, fu oggetto di attacchi da parte della popolazione locale degli Azebò Galla, in uno di questi attacchi fu ucciso lo stesso ras Mulughietà. Il 27 Febbraio 1936 la situazione operativa portò le truppe italiane allo scontro diretto con l'armata di Ras Cassa che si trovava accampata nel Tembien. La battaglia si limitò alla conquista italiana della vetta dell'amba Uorc dove Ras Cassa aveva predisposto il proprio quartier generale. La mattina del 27 circa centotrenta uomini tra alpini, camicie nere ed ascari scalarono la montagna cogliendo di sorpresa le sentinelle. Lo stesso Ras Cassa sfuggì per poco alla cattura. L'armata di Ras Cassa fu annientata mentre

3 quella di Ras Sejum, che era poco distante, fu decimata dai bombardamenti aerei. Nel corso della Seconda battaglia del Tembien alcuni reparti italiani occuparono l'amba Alagi. A fine febbraio le truppe italiane attaccarono l'armata di Ras Immirù che, forte di trentamila uomini, si era attestata nello Scirè. Inizialmente gli abissini riuscirono a contrattaccare validamente infliggendo pesanti perdite ad una colonna della Divisione di fanteria Gavinana, ma poi per sfuggire all'accerchiamento, d'intesa con l'imperatore, si ritirarono verso il fiume Tacazzè. Come già successo all'armata di ras Mulughietà, anche le truppe di Ras Immirù furono decimate durante la ritirata dagli assalti dei guerriglieri Azebò Galla. Inoltre furono sorprese dall'aviazione italiana mentre guadavano il Tacazzè venendo annientate. Ras Immirù con i pochi uomini rimasti fedeli si rifugiò sulle montagne. A questo punto l'esercito italiano occupò tutti i centri più importanti della regione (Gondar, Socotà). Haile Selassiè, dopo la sconfitta di ras Immirù, radunò la propria guardia imperiale e mosse verso nord, incontro all'esercito italiano. Le due armate si incontrarono nella conca di Mai Ceu. Gli italiani giunti prima si occuparono di predisporre le fortificazioni e di disboscare il terreno. Le truppe di Haile Selassiè arrivarono a fine marzo. Il 31 Marzo 1936, all'alba, gli abissini attaccarono gli alpini ma furono bloccati e respinti. Infine attaccò la guardia imperiale che riuscì a conquistare diverse posizioni. Il contrattacco italiano fu portato dagli ascari del Battaglione Toselli" a cui si affiancarono poi gli alpini italiani. La battaglia terminò con gravi perdite in entrambi gli schieramenti. Il giorno seguente Hailé Selassié ordinò la ritirata verso Dessiè. Anche in questo caso le truppe imperiali in ritirata furono decimate dalla popolazione locale in rivolta. Il 15 Aprile il generale Alessandro Pirzio Biroli occupò Dessiè. Sul fronte Sud, nel frattempo, mentre Badoglio era impegnato nella Prima battaglia del Tembien, le truppe di ras Destà mossero verso Dolo per attaccare l'armata di Rodolfo Graziani. A Graziani era stato ordinato di mantenere una difesa attiva al fine di mantenere impegnata nel sud il maggior numero di truppe nemiche e di non passare all'offensiva. Prontamente informato del movimento delle truppe di ras Destà, lo attese pronto allo scontro. Sulle colonne abissine in marcia fu scatenata l'aviazione che le decimò. Fu in questa occasione che furono usati per la prima volta i gas asfissianti. La seguente offensiva italiana ne disperse i resti. il 20 Gennaio 1936 Graziani occupò la città di Neghelli. Dopo la vittoria su Ras Destà, contro Graziani, furono schierate le truppe al comando di Wehib Pascià (13), un generale turco al servizio dell'imperatore etiopico. Wehib cercò di attirare Graziani in una trappola facendolo spingere il più possibile nel deserto dell'ogaden. Ma nello svolgere tale operazione i reparti italiani al comando di Guglielmo Nasi e del generale Franco Navarra inflissero gravissime perdite agli abissini da far fallire l'operazione e da mettere a repentaglio la stessa sopravvivenza dell'armata abissina. Il 15 Aprile Mussolini ordinò a Graziani di raggiungere ed occupare Harar. Graziani raggiunse Dagahbùr, il 25 Aprile. Poi le piogge ne rallentarono maggiormente l'avanzata sull'obiettivo prefissato giungendo a Dire Daua poche ore dopo il passaggio dell'imperatore in viaggio verso l'esilio. Graziani, al fine di intercettare il treno che portava in esilio l'imperatore sconfitto e prenderlo prigioniero, chiese più volte il permesso di bombardare i binari per bloccare il treno ma il permesso gli fu negato dal Duce in persona. Dopo l'occupazione di Harar Graziani fu nominato Maresciallo d'italia e marchese di Neghelli. Di fronte ad una situazione sempre più disperata, il 2 Maggio Hailé Selassié abbandonò la guida delle truppe etiopiche e la capitale per andare in esilio. Il 5 Maggio 1936 le truppe di Badoglio entrarono vittoriose nella capitale Addis Abeba. LA SUA VITA Efrem Reatto nacque a Bassano del Grappa, in Piazza Montevecchio, il 7 Aprile 1909 da Marino (14) e da Clelia Pascali. Sin dalla prima infanzia amò la montagna anche se la famiglia era emigrata a Venezia dove il padre, dipendente dal Ministero della Giustizia, era stato trasferito. Come la maggior parte dei ragazzi cresciuti durante il ventennio fascista la sua formazione culturale era improntata all amore della Patria ed al culto del guerriero ardito ed altruista. Di questa sua impostazione dette prova a soli dieci anni, allorquando si tuffò in Canal Grande per trarre in salvo un bambino che vi era accidentalmente caduto. Trasferitosi nel 1923 a Roma con la famiglia, entrò nella prima Avanguardia Fascista Giovanile della Legione Santa Croce. Iscrittosi all istituto tecnico industriale, a diciassette anni, ottenuto il diploma,

4 decise di abbracciare la carriera militare (15) e presentò domanda per essere arruolato come allievo sottufficiale negli alpini. Il 1 Dicembre 1926 venne incorporato prima nel 6 e poi nel 2 rgt. alpini. L anno successivo, nel mese di Aprile, ottenne la promozione a sergente. Preso in forza nel 1929 dal 7 rgt. alpini conseguì il grado di sergente maggiore. La sua aspirazione di indossare i gradi da ufficiale si realizzò nel 1931, allorquando venne ammesso alla Reggia Accademia di fanteria e cavalleria a Modena. Serio, disciplinato e preparato, non tardò a mettersi in luce per le sue ottime qualità; a tale proposito nel 1932 il maggiore degli alpini Ricci, insegnante presso l Accademia, così scriveva a Marino Reatto: Tutto qui procede benissimo: Efrem si distingue veramente per condotta, per buona volontà, per prestanza fisica militare. Tutti i suoi superiori gli vogliono bene perché veramente fa molto bene. Stamane l ho chiamato e l ho consigliato a continuare a far bene come ha fatto fino ad oggi. È veramente diventato posato e serio. Come ti ho sempre promesso, seguo Efrem come se fosse mio figlio ed anche se non ti scrivo, stai tranquillo perché mantengo sempre contatto con lui attraverso ai suoi superiori. In questi giorni è stato dato il voto di attitudine (voto che ha la massima importanza) ed egli ha avuto uno dei migliori voti dati agli allievi del 1 anno. Ultimati i corsi in Accademia e presso la Scuola di Parma, Efrem poté finalmente indossare l uniforme di sottotenente degli alpini e venne assegnato all 8 rgt., 76^ compagnia del battaglione Cividale di stanza a Udine. Le note caratteristiche così lo descrivevano: Intelligenza pronta e positiva qualità fisiche ottime educato leale ginnasta completo e ardito sciatore di grande capacità ed appassionatissimo di montagna dà sicuro affidamento di riuscire un brillante ufficiale degli alpini. Grazie a tali qualità non tardò a mettersi in luce durante le gare riservate alle truppe alpine che si tennero ad Aosta, figurando tra i primi. La sua abilità di rocciatore e la conoscenza della montagna la dimostrò in particolare nel 1935 quando salvò la vita ad un collega che con lui era impegnato in una difficile ascensione. Ma la vita spensierata da subalterno volgeva alla fine: una guerra coloniale era da tempo nell aria; Mussolini voleva a qualsiasi costo l Italia Imperiale e la voleva realizzare conquistando uno dei pochi stati africani rimasto indipendente: l Etiopia. Così Efrem Reatto andò incontro al suo destino. LA PARTENZA Il diario storico del battaglione complementi del 7 reggimento alpini, inquadrato nella Divisione Pusteria, redatto per il giorno 19 Gennaio 1935 così riporta: Domenica 19 Gennaio 1935, a bordo dell Atlanta : al mattino si imbocca il canale di Massaua. Ci vengono impartiti gli ordini relativi allo sbarco e diamo le disposizioni conseguenti ai dipendenti reparti. Alle 19,45 si giunge a Massaua. Alle 23 hanno inizio le operazioni di sbarco. Le operazioni di sbarco procedono regolarmente: prima vengono sbarcati gli uomini e poi i materiali. Appena sbarcati, vengono distribuiti i viveri per il giorno 20, e poi si procede immediatamente al caricamento della truppa e dei materiali su autocarri leggeri; parte dei materiali vengono caricati su auto carrette. Piove. Lo stesso giorno Efrem Reatto scrive alla famiglia la prima lettera, è entusiasta del compito che lo attende : Miei carissimi, ancora poche ore di mare e poi sbarcheremo. Non vi sto a descrivere il viaggio, tanto è riuscito delizioso.

5 A Porto Said abbiamo avute accoglienze veramente commoventi. Ovunque abbiamo trovato italiani inneggianti al Duce e alla Patria lontana. Qui a bordo regna la massima allegria. Sembra essere in crociera per divertimento; nessuno lontanamente pensa alla guerra. Gli Alpini si sono subito ambientati e ormai han preso possesso della nave come fossero in casa loro. Bisogna vederli questi figli della montagna: la loro serenità, la loro calma commuovono e per chi sta a sentire, nella notte piena di stelle, i loro canti elevarsi al di sopra dei rumori prodotti dai motori, da veramente la sensazione della forza che scaturisce da quelle anime semplici. Vi assicuro che nessuno di noi ha la sensazione di trovarsi a migliaia di chilometri dalla Madre Patria. Qui regna il massimo accordo; siamo uno per tutti e tutti per uno. Appena avrò la possibilità, vi scriverò. Questa sera stessa troveremo gli autocarri che ci trasporteranno verso l interno. Quello di cui vi prego è di stare tranquilli, perché non sarò né temerario né imprudente. State allegri perché io lo sono. Con tutto il mio affetto vi bacio caramente. Sul mare di Massaua, il 19 Gennaio XIV Efrem La notte del 20 Gennaio il battaglione complementi completa lo sbarco ed alle ore 4 del mattino l autocolonna si mette in movimento verso l altopiano e dopo aver sostato a Decamerè giunge sotto una pioggia battente, alle ore 17,30, a Enda Mariam dove il reparto si accampa. Il giorno 24 gli alpini sono ancora in attesa dell ordine di movimento ed Efrem scrive alla famiglia: Carissimi, finalmente un po di pace dopo tanti giorni di navigazione e di assestamento. Ci troviamo sull altipiano, abbastanza bene, trovandoci in zona priva di acqua. Le autobotti fanno servizio giornaliero per i bisogni della truppa. Siamo tutti attendati; il mio lettino e tutto il resto è di massima utilità. Come immaginavo, qui non si trova niente. Tutto serve, nulla si butta via. La zona dove mi trovo è alpestre; poca vegetazione. Speriamo di spostarci fra poco in avanti. La popolazione del luogo, almeno in apparenza, è mite, viene ad offrirci uova e galline. Proprio un momento fa ne ho comprato per la mensa. I viveri nostri son gli stessi di quelli dei soldati. Non sembra di essere in guerra: sembra, invece, di trovarsi alle escursioni estive. La salute di tutti è ottima: si mangia a quattro palmenti con mia disperazione, essendo direttore di mensa. Selvaggina moltissima: il mio furore di non poter sparare è al colmo; essendo venuto proprio in questi giorni il divieto. Spero di poter mangiare carne fresca appena andremo più avanti. Non preoccupatevi se riceverete posta di rado. Sto benissimo. Meglio di così si muore. Nell indirizzo dovete specificare 7 btg. Complementi. Vi ripeto ancora: state tranquilli; specialmente la mamma. Qui non corro nessun pericolo né per ora né per l avvenire. Prima di essere impiegati noi, deve essere impiegata tutta la Divisione. A dirvelo francamente a me dispiace l essere stato assegnato ai complementi, proprio per questo motivo! Per il resto sto benissimo. Regna la massima concordia ed allegria. Vi bacio caramente, Efrem Il giorno 27 Gennaio, alle ore 17 giunge al battaglione l ordine di partenza a piedi per andare a dislocarsi fra Amba Addechiraes e Amba Mehescel. Alle ore 19 il reparto arriva sulle posizioni assegnate e la 643^ compagnia si attesta oltre l Amba Mehescel, sopra il villaggio di Enda Mariam, mentre le altre compagnie si rafforzano in assetto di difesa. Nei giorni successivi gli alpini sono impiegati in lavori di miglioramento della linea ma a messa mattinata del 29 perviene l ordine di movimento in direzione della Sella Maramotti e Colle Margà per andare a

6 sostituire un battaglione del 224 rgt. fanteria. La posizione viene raggiunta alle ore 13 ed hanno inizio le operazioni di avvicendamento tra gli alpini ed i fanti, attività che si conclude il giorno 31. Le compagnie, alle quali sono state assegnate tre mitragliatrici pesanti, sono così dislocate: la 643^ a cavallo del Colle e la 614^ con il Comando di battaglione sulla collina ad est del Colle. Da queste quote si domina la vallata sino a Mai Feres. Nonostante la previsione di stazionare per qualche tempo sulle posizioni raggiunte, la sera del 1 Febbraio, un motociclista reca l ordine di trasferimento della 5^ Divisione Alpina, di avanzare dal giorno successivo su Makallè, spostandosi in 5 scaglioni di marcia che devono muovere a distanza di un giorno uno dall altro. Il battaglione complementi, comandato dal Tenente Colonnello Ferdinando Casa, costituisce il terzo scaglione di marcia, che parte alle ore 9 del 4 febbraio, composto da: la 1^ Sezione CC.RR; 10^ colonna salmerie col comando e 1 e 2 reparto; 1 reparto someggiato della 309^ sezione sanità e plotone portaferiti. Per la sicurezza in movimento l avanguardia è costituita dalla 603^ compagnia, mentre la 614^ provvede al fiancheggiamento con la 643^ in retroguardia. Per ulteriori disposizioni della Divisione, alla colonna si aggiungono 4 plotoni mortai del 7 rgt. alpini ed una sezione staccata del Genio. Alle ore 13 la colonna giunge a Mai Feres e si accampa ad ovest del fortino per il pernottamento. Il giorno successivo, alle ore 7,30 il battaglione si muove per la tappa successiva percorrendo una marcia faticosissima lungo impervie ed aride mulattiere. Alle ore 16,40 arriva la comunicazione da parte della Divisione che la coda della 1^ colonna è stata presa a fucilate all altezza di Mai Uerì da parte di armati del Degiac Gabriel. Alle ore 17 la testa del battaglione giunge a Mai Afarit dove si accampa. Il 6 febbraio di prima mattina, lo scaglione riprende la marcia con un caldo afoso lungo un itinerario tutto in salita. Nei pressi di Uerì incontra il battaglione alpini Saluzzo e alle 18,30 entra a Hausien. Gli uomini sono stanchissimi e si accampano per riordinarsi e riposare in attesa di spostarsi nel Tembien. Nella mattinata del giorno 8 il Comando del gruppo battaglioni nazionali comunica che per ordine del Corpo d Armata eritreo, il battaglione complementi dovrà a decorrere dalle ore 13,30 trasferirsi percorrendo in due tappe l itinerario Hausien - Atalei e Atalei Santà. Alle 17,30 gli alpini arrivano ad Atelei dove trovano la colonna del Generale Diamanti reduce dai duri combattimenti sostenuti a Passo Uarieu nell ultima decade di gennaio. Il 9 febbraio alle 7 di mattina il battaglione riprende il movimento adottando particolari misure di sicurezza in quanto la zona è ancora sotto il controllo degli etiopici che sottopongono i reparti italiani ad improvvisi attacchi. Giunto a 4 chilometri oltre Santà viene ordinato l alt nei pressi del Comando del Gruppo battaglioni indigeni. Il giorno successivo si procede ad un ulteriore spostamento in avanti, sino ai roccioni che dominano Addì Zubahà dove, nonostante la mancanza di sorgenti d acqua vicine, il battaglione si attesta. Sino al giorno 16 gli alpini stazionano sulle posizioni limitando l attività operativa ad azioni di pattuglia. Efrem Reatto approfitta della sosta per scrivere alla famiglia: Carissimi, siamo al 16 e ancora non ho ricevuto vostre nuove. Spero che almeno voi abbiate ricevuto le mie lettere. Da tre giorni ci troviamo fermi. Siamo a 40 chilometri da Macallè, spostati ad ovest. Non facciamo per ora più parte della V Divisione Alpina, ma del Corpo d Armata Eritreo (indigeno). Noi si sarebbe riserva d Armata. Qui stiamo benissimo. Sembra, come vi ho già scritto, di essere alle escursioni. Ci siamo ambientati benissimo. Se le comodità non ci sono, facciamo prestissimo a crearle (la lettera si interrompe. N.d.r.). Il 17, giunto l ordine di partenza e il 7 battaglione muove verso Passo Uarieu dove dovrà passare alle dipendenze della Divisione XXVIII Ottobre comandata dal Generale Somma. Agli ufficiali viene comunicato che è in previsione un azione contro la Uorh Amba sulla quale gli etiopici avevano sistemato 500 uomini ed un cannone da 47. Il battaglione arriva in serata a Passo Uarieu dove si accampa. La mattina del 18 il Generale Pirzio Biroli, comandante del 2 Corpo d Armata, convocati gli ufficiali alle dipendenze della Divisione XXVIII Ottobre espone il concetto d azione contro la Uorc Amba: <<DURANTE LA NOTTE FRA IL 19 ED IL 20, DUE PLOTONI FUCILIERI ROCCIATORI DELLA FORZA DI CIRCA 70 UOMINI CIASCUNO DEVONO IMPOSSESSARSI CIASCUNO DI UNA DELLE

7 DUE CIME DELL AMBA; NEL FRATTEMPO ALTRI REPARTI (QUELLI STESSI CHE DISTACCANO I PLOTONI ROCCIATORI) OCCUPANO LE BASI DELL AMBA A NORD ED A SUD IN MODO DA COSTITUIRE UN APPOGGIO AI PLOTONI ARDITI E GARANTIRLI DA UN EVENTUALE ACCERCHIAMENTO; ALTRI REPARTI, PIÙ INDIETRO, SONO PRONTI PER QUALSIASI EVENIENZA; SETTE BATTERIE DI ARTIGLIERIA APPOGGIANO L AZIONE; È PREVISTO IL CONCORSO DELL AVIAZIONE. SCOPO DELL AZIONE È: OCCUPARE LA UORC AMBA PER COSTITUIRVI UN OSSERVATORIO E PORTARVI DEI PEZZI D ARTIGLIERIA PER POTER BATTERE L AMBA DEBERANZÀ, IL PASSO UARIEU E LE PROVENIENZE DAL MAI BELES E DAL TORRENTE CACCIAMÒ>>. Compito particolare del 7 battaglione complementi è quello di fornire uno dei plotoni rocciatori, il quale assieme ad un aliquota di ascari darà la scalata alla cima Sud; occupare la base Sud dell Amba, nella zona Uorieghè verso Safrà. Il comando del plotone rocciatori viene affidato al Tenente Gustavo Rambaldi della 614^ compagnia che nella circostanza riceve ordini diretti dal Generale Somma. Tutto è pronto, ma all ultimo momento, la mattina del 19, giunge l ordine di sospendere l operazione in quanto si ritiene opportuno un preventivo bombardamento delle posizioni etiopiche. Lo stesso giorno Efrem Reatto termina di scrivere la lettera che aveva interrotto tre giorni prima: Ripiglio la mia lettera dopo aver compiuto uno sbalzo in avanti. Ci troviamo proprio in prima linea, nella regione del Tembien. Questa mattina dovevamo fare un azione: occupare cioè un Amba che si trova proprio sopra Abbì Addì. Fino a nuovo ordine è stata sospesa. Mentre vi scrivo, assistiamo al bombardamento eseguito dagli aeroplani e dall artiglieria. Un vero spettacolo. Da indigeni abbiamo saputo che l armata di Ras Cassa è in rotta; la fame e le malattie più perniciose mietono centinaia di vite. Abbiamo saputo con soddisfazione della vittoria conseguita dai nostri verso Amba Alagi. Noi aspettiamo da un momento all altro di avanzare per congiungerci con le colonne provenienti da Sud. Qui ci troviamo in fortini, quelli stessi dove si sono ritirate le colonne del gruppo Generale Diamanti dopo il combattimento del 21 u.s.; a circa un chilometro innanzi a noi vi sono i cadaveri degli abissini rimasti insepolti. Non vi dico il tanfo che con il caldo emanano questi corpi in avanzata putrefazione. Ormai ci siamo abituati e non ci facciamo più caso. Dal giorno in cui siamo partiti da Enda Mariam siamo tutti senza notizie dei nostri cari. Con tutto l affetto vi bacia Efrem. L Amba Uorc, il cui nome significa montagna d oro, è costituita da un massiccio montuoso formato da due vette (Scimerbò Amba e Amba Deber Ansa) unite da un breve avvallamento. Mentre l occupazione della vetta nord - ritenuta non presidiata - viene assegnata dal piano d operazione ad un reparto di camicie nere della Divisione XXVIII Ottobre, la conquista della vetta Sud - sovrastante il Passo Uarieu e fortemente tenuta dagli abissini - viene affidata al 7 battaglione complementi alpini. Il capomanipolo Tito Polo (16) delle CC.NN giunto alla vetta Nord vi trova alcune sentinelle e molti abissini addormentati che vengono posti fuori combattimento; altri riescono però a fuggire recando l allarme nelle proprie retrovie. Per l azione sulla vetta occidentale è incaricato il tenente degli alpini Gustavo Rambaldi, assai noto per la sua perizia di rocciatore. Partito nella notte sul 27 febbraio, con 30 alpini, quindici ascari, due trasmettitori e tre mitragliatrici leggere, Rambaldi avrebbe dovuto ricevere l appoggio di un plotone comandato dal Tenente Reatto e che doveva portarsi sul primo gradino dell Amba. Il Ten. Rambaldi superati i difficili due chilometri che distano dalla base del monte, si accorge che il plotone di Reatto, destinato a tamponare la forcella garantendo la protezione ad Ovest e nel contempo proteggere il battaglione sottostante, non è riuscito a mantenersi in contatto: dopo un ora d inutili ricerche, inizia ugualmente la salita lunga e difficile dovendo rinunciare anche all apporto degli ascari non in grado di seguirlo. Giunto con i suoi trenta alpini al ciglio del ripiano terminale dell Amba, Rambaldi constata che il ritardo è ormai grave, tanto da compromettere l azione in quanto l alba era ormai vicina. Ordina pertanto l assalto alla baionetta ma la difesa nemica incontrando un accanita resistenza. Durante il combattimento, due delle tre mitragliatrici italiane si inceppano ed i rinforzi inviati dal battaglione, al comando del sottotenente Costa, sono bloccati

8 dagli abissini ormai in fase di accerchiamento dell Amba. Gli altri reparti del battaglione intanto combattono alla base dell Amba. Sostanzialmente non è possibile l occupazione totale dell Amba Uorc e l azione di Rambaldi e dei suoi pochi alpini vale a favorire solo l occupazione della punta nord e a tenere sotto il fuoco il colletto interposto tra le due cime tenendo impegnate notevoli forze avversarie. Quelle ore sono descritte in modo dettagliato nel diario storico del battaglione complementi: 27 Febbraio - giovedì. Alle ore 0,30 parte dall accampamento il plotone rocciatori con 25 ascari eritrei giunto nella notte al comando del tenente Rambaldi. Alle ore 2,00 parte tutto il battaglione. Appena fuori dalla cinta dei reticolati il battaglione assume la formazione di avvicinamento. Avanzata la 614^ compagnia, rinforzata dal plotone mitraglieri della Divisione XXVIII Ottobre e da un plotone della 643^ compagnia al comando del tenente Reatto; 1 rincalzo la 643^ compagnia; 2 rincalzo la 603^ compagnia. Segue il battaglione un plotone del genio il quale distende la linea telefonica man mano che il battaglione avanza. L avanzata è resa faticosa dal terreno intricato e dalla notte, ma il nemico non da alcun segno di vita. Alle ore 6 giunge una comunicazione radio del tenente Rambaldi che dice che: causa inaccessibilità di terreno è costretto a discendere e tentare una nuova via per salire sulla cima dell Amba. Alle 6,35, senza incontrare alcuna resistenza, il battaglione occupa le posizioni assegnate all altezza dei roccioni Sud-Ovest della Uorc Amba. Le compagnie addossate ai roccioni, formano tre posizioni successive di resistenza e procedono subito a lavori di rafforzamento e sistemazione del terreno. Il comando di battaglione si pone presso la 603^ compagnia. Alle ore 7 circa il tenente Rambaldi riparte per tentare la salita dalla parete Est dell Amba. Alla stessa ora il capitano Pollino, comandante della 614^ compagnia, comunica che ha avvistato nuclei nemici di pochi uomini che nella pianura ad Ovest dell Amba avanzano rapidamente verso Passo Uarieu. Alle ore 8 circa un centinaio di nemici, sbucati improvvisamente dalle case dei villaggi posti ad Ovest dell Amba, attaccano frontalmente le posizioni mentre circa trecento regolari avanzano a largo con evidente intenzione di aggirare l ala sinistra. L attacco però viene decisamente respinto ed il nemico si ritira nascondendosi nei vicini villaggi; il tentativo di aggiramento continua. Alle ore 9 il tenente Rambaldi radiotelegrafa che ha raggiunto la cima, ma essendo violentemente attaccato da ingenti forze nemiche, ha necessità di rinforzi per resistere. Contemporaneamente giunge una richiesta di rinforzi da parte del capitano Pollino il quale ha avuto forti perdite ed è rimasto solo sulla linea essendo morti due ufficiali e feriti gli altri due. Alla 614^ compagnia vengono mandati di rinforzo tutti gli uomini disponibili della 603^ compagnia, Improvvisamente si presenta il pericolo di un aggiramento sulla destra, attraverso un comodo canalone che si apre fra i roccioni e che va a cadere proprio a tergo delle posizioni. Per ovviare a tale pericolo viene inviato da quella parte un plotone della 603^ compagnia al comando del sottotenente Costa. Poco dopo si viene a sapere che il sottotenente Costa è morto ma che il pericolo è ovviato. Nella valle abissina si vedono intanto avanzare quattro carri armati che vengono a prestarci man forte. Il battaglione è già fortemente impegnato e non possono perciò essere inviati a Rambaldi i rinforzi richiesti. Verso le 9,20 circa 400 regolari con due mitragliatrici, rasentando i roccioni dell Amba, attaccano violentemente la posizione e arrivano a pochi passi dagli alpini. Vengono ricacciati da violento tiro di fucilieri e mitragliatrici e da un assalto alla baionetta e bombe a mano. Alle ore 10,30 con un altro assalto alla baionetta e bombe a mano gli alpini ricacciano circa 500 regolari che con un attacco irruento e fulmineo avevano oltrepassato di qualche metro la linea, mentre il tentativo di aggiramento sulla sinistra viene frustrato dal tiro delle mitragliatrici pesanti e dall artiglieria. Dalle 10,40 alle 11,50 vengono compiuti altri tre assalti alla baionetta con intenso lancio di bombe a mano, arrestando così i violenti attacchi e mettendo in fuga il nemico che aumentato ancora di numero e appoggiato dal fuoco di sei mitragliatrici, avanza in formazioni compatte precedute da uomini armati di lunghe daghe. Al quinto assalto degli alpini, al grido di Savoia e A noi prende valorosamente parte una compagnia di CC.NN del gruppo Diamanti giunta poco prima a rinforzare la linea. Nel frattempo il tenente Rambaldi, che non aveva potuto mantenere le posizioni conquistate, a causa della schiacciante superiorità numerica del nemico, ha con i superstiti del suo reparto nuovamente raggiunto il battaglione andando a rinforzare la linea. Alle ore 12 circa giunge il battaglione granatieri del Gruppo battaglioni nazionali il quale si schiera subito in prima linea e contribuisce ad annientare definitivamente il nemico già in fuga precipitosa verso Abbì Addì. Continua fino verso le ore 16,30 circa il fuoco di fucileria e di mitragliatrici contro elementi nemici che con sorprendente

9 coraggio giungono sotto le posizioni per recuperare le salme dei morti. Alle ore 17 il battaglione viene ritirato dalla linea ed avviato al fortino Valcarenghi ove passa la notte. Perdite subite dal battaglione (17) : morti 4 ufficiali, un sottufficiale e 15 di truppa; feriti 4 ufficiali e 45 di truppa>>. La testimonianza diretta del capitano Giuseppe Pollino in una lettera scritta a Marino Reatto aggiunge altri dettagli al combattimento: Preg.mo Signor Console,..Ecco qualche particolare del combattimento del 27 Febbraio. Per il colpo di mano sulla Uorc Amba al battaglione era stato affidato il compito di impadronirsi di sorpresa della cima Sud dell Amba e di mantenervi l occupazione. Per la conquista dell altra cima del massiccio operava un altra colonna. Il movimento dall accampamento distante circa sei chilometri dai piedi dell Amba, ebbe inizio poco dopo la mezzanotte. Primo, il plotone del mio tenente Rambaldi Gustavo, formato da 50 alpini scelti fra i migliori rocciatori del battaglione; subito dopo il plotone del Suo figliolo e quindi il resto della mia compagnia ed un plotone di camicie nere mitraglieri. L Amba, mentre dalla parte avversaria era facilmente percorribile in tutti i sensi anche da grossi reparti, dalla parte nostra presentava, specie di notte,serie difficoltà di salita (rocce strapiombanti,canaloni improvvisamente interrotti da pareti a picco, tratti di parete con appigli non sicuri, ecc.) Nel nostro settore il massiccio era presidiato nella notte da poche forze, ritengo 150 uomini al massimo, disposti a piccoli gruppi sui punti dominanti e nascosti in caverne; al nostro avanzare silenzioso, forse sorpresi nel sonno, qualche gruppo riuscì a dileguarsi nell oscurità della notte (ne abbiamo trovato le tracce) senza far uso delle armi. Altri invece, poco sotto la vetta, visti alle luci cadere dal cielo gli uomini gallina come essi hanno detto poi, si sono difesi urlando e sparando sugli uomini del plotone Rambaldi. Raffiche di mitragliatrici e bombe a mano ben aggiustate ebbero presto ragione di quegli spaventati e stupidi abissini certamente convinti che nessun nemico sarebbe arrivato da quella parte. Perdite nostre: un morto -sergente Bait (18) e una dozzina di feriti. Verso le 6,30, occupate le posizioni stabilite, venivano iniziati i lavori di rafforzamento. Mentre la parte alta dell Amba, come ho detto, era presidiata da poche forze, dietro l imponente massiccio, nascosti in gallerie, nelle capanne di diversi villaggi e nelle anfrattuosità del terreno, in quella zona intricatissima, erano in agguato numerosissimi i guerrieri di Ras Cassa e di Ras Sejum. Al primo allarme nemico le lugubri note del corno di guerra abissino si feceso sentire da ogni parte e nella vallata sottostante all Amba gli armati sembravano scaturire dalla terra. Il suolo, completamente coperto dalla massa nera che avanzava urlando e gesticolando fantasie di guerra, dava l impressione di un immane formicaio in convulsione. L Amba Uorc era per l avversario un punto di osservazione ed ad un tempo un caposaldo della massima importanza. Oltre a sbarrare la via di Abbì Addì capitale del Tembien, permettere l osservazione delle nostre posizioni di Passo Uarieu dietro il suo imponente massiccio, potevano essere effettuati al coperto della nostra vista i movimenti delle colonne nemiche. Era quindi naturale che gli abissini tentassero disperatamente di riconquistarlo. Le nostre mitragliatrici dalle posizioni vantaggiose, incominciarono subito a falciare senza tregua, mentre l artiglieria faceva strage su quei vulnerabilissimi bersagli ben indicati dall alto dai razzi della mia pistola da segnalazione. Le ondate d assalto si susseguivano alle ondate e in breve le falde dell Amba sotto le nostre posizioni erano cosparse di cadaveri nemici maciullati dal nostro tiro e dalle bombe a mano. Ciò non ostante i superstiti delle compatte masse nemiche, facendosi scudo dei cadaveri dei compagni, e saltando come belve da masso a masso, protetti da tiratori ben appostati, riuscivano ad avvicinarsi alle nostre posizioni e per ben cinque volte dovettero essere ricacciati alla baionetta. Le loro urla selvagge e feroci, le loro lunghe scimitarre sguainate per nulla sbigottirono gli alpini che incitati dai loro ufficiali, seppero tenere duro, meritandosi dagli stessi abissini la qualifica di uomini roccia. Questi particolari, signor Console, possono dare un idea della violenza del combattimento della Uorc Amba. Il suo figliolo che aveva il plotone sistemato a difesa di una fronte di una ventina di metri a circa quindici passi a sinistra del mio posto di comando venne colpito la prima volta verso le nove e quarantacinque. Dalla prima alla seconda ferita passarono circa venti minuti. Colpito la seconda volta venne subito trasportato al posto di medicazione del battaglione.

10 Durante il percorso incontrò il sottotenente Dal Masso della 643^ compagnia col quale s intrattenne qualche minuto. Pronunciò poche parole. Accennò alle due ferite e disse di avere molta sete. Ebbe del caffè che sembrò ristorarlo. Anche al posto di medicazione rimase pochi minuti e poi venne avviato all ospedaletto di Passo Uarieu. A circa metà percorso spirò assistito dall attendente soldato De Conto Luigi e da quattro portaferiti. L episodio del lancio del sasso mi è stato confermato dall alpino Gallonetto della 643^ compagnia che dice di aver visto il suo Efrem scagliare con violenza dall alto di un masso una grossa pietra su alcuni abissini che strisciavano sotto il masso stesso per avvicinarsi agli alpini. Anche il capitano Bona, in una lettera inviata al Console Marino Reatto il 21 Marzo 1936, così descrisse il combattimento ed il suo epilogo: Egr. Signor Console, in quest ora di dolore ritengo possa essere loro di conforto conoscere come il povero Efrem abbia trascorse le sue ultime ore e come sia caduto. Dalle sue carte personali che Lei troverà in una delle sue cassette, conoscerà come a Lui fosse stato affidato di proteggere col suo plotone il fianco destro dello schieramento della compagnia di prima linea. Per difficoltà incontrate per raggiungere la posizione, ed in seguito ad ordine del comandante di battaglione, prima dell inizio del combattimento, Efrem passava agli ordini del capitano Pollino che lo destinava ad appoggio alla mitragliatrice pesante che era alla destra della compagnia. Il primo attacco nemico, perché il Battaglione aveva raggiunto le posizioni assegnate, si verificò alle 6,30 circa. Gli abissini muovevano contro le nostre posizioni a masse, la pianura antistante era un formicaio di nemici; per cinque volte vennero all assalto e per cinque volte furono ricacciati. Verso le nove il povero Efrem veniva colpito una prima volta al braccio sinistro, e per quanto il Capitano Pollino, che era vicino a lui, lo esortasse a recarsi al posto medicazione, egli volle rimanere al suo posto di comando. Poco dopo visti cadere i serventi della mitragliatrice pesante, si portava all arma, caricava e sparava sul nemico in quel momento incalzante fino a quando colpito una seconda volta al ginocchio ed all addome veniva dagli Alpini trasportato al posto di medicazione. Mentre il dottore provvedeva alla prima medicazione, raccomandò che fossero mandati rinforzi ed aggiunse: <<Salutatemi mamma e papà>>. In barella, i portaferiti che lo trasportavano all Ospedaletto di Passo Uarieu constatarono pochi istanti dopo, che era morto. Noi in linea apprendemmo la terribile notizia solo parecchie ore dopo. Signor Console, il povero Efrem è morto da Eroe, come pochi sanno morire, è spirato col nome della Mamma e del Babbo sulle labbra. È stato proposto per la medaglia d oro con la seguente motivazione: <<In duro combattimento ferito gravemente ad una spalla, sdegnava cure e conforto rifiutando di abbandonare la linea. Vista una mitragliatrice pesante che, tenuta sotto violento fuoco dell avversario, aveva perduto tutti i suoi serventi, si portava in posizione battutissima, caricava l arma ed apriva il fuoco sul nemico finché, nuovamente ferito, si rovesciava colpito a morte>>. È sepolto fra i suoi colleghi Ufficiali caduti con Lui quello stesso giorno e fra i suoi Alpini nel cimitero Militare di Passo Uarieu. Il nostro immediato trasferimento dal Tembien alla zona di Amba Alagi non ci ha permesso, per ora, sulle tombe dei nostri Caduti il monumentino che S.E. l On. BISI, nostro comandante di Battaglione, ha divisato di far costruire, ma la cosa è semplicemente rimandata. Tornerò al cimitero e mi riservo di inviarle la fotografia della sua Tomba. Il caro Efrem, l Eroe del 7 Battaglione, tanto caro ai colleghi ed ai suoi soldati è stato vendicato quello stesso giorno ed il suo ricordo rimarrà perennemente vivo in noi il Suo esempio ci sarà di sprone per l avvenire. ( ). Con me tutti i colleghi del Battaglione inviano a Lei e alla Signora vivissime condoglianze. Dev.mo Capitano Bona Il Tenente medico Giuseppe Rigotti del 7 rgt. alpini inviò a Marino Reatto, nel mese di Aprile 1936, una lettera nella quale descrive le cure prestate al ferito e le cause del decesso:

11 Erano circa le 10,30 del 27 febbraio. Il combattimento continuava aprissimo, le sorti non essendo ancora decise. Da due ore al mio posto di medicazione affluivano ininterrottamente i feriti che in lunghe e dolorose file di barelle aspettavano di essere soccorsi. Quando, steso su una barella, coperto di polvere come un Eroe dei poemi omerici, giunge il Tenente Reatto. Io gli chiedo cosa gli era accaduto. Mi risponde semplicemente: <<Sto male, inviate rinforzi, salutatemi mamma e papà>>. Io mi rendo subito conto della gravità di una delle due ferite. Infatti la pallottola di fucile lo aveva colpito immediatamente sopra il ginocchio, ledendo i vasi femorali, con conseguente emorragia interna fortissima. L altra ferita era pure di palla di fucile, al braccio. Lo rassicuro dicendogli che non è grave e che guarirà. Medico le gloriose ferite, gli faccio una puntura di olio canforato e una di caffeina, gli do un sorso di cognac che prende volentieri. ( ) Io cercavo di convincere me stesso che la ferita non era così grave come l avevo giudicata, attribuendo questo mio giudizio al pessimismo proprio dei giovani medici, e per essere la prima volta che mi trovavo a contatto di feriti in un combattimento. La sera mi raggiungeva la notizia che pochi minuti dopo che ci eravamo stretti la mano, il Tenente Reatto era morto. ( ) Verosimilmente l ufficiale morì in seguito alla grave emorragia interna, forse di impossibile stabilizzazione presso il posto di medicazione. Una considerazione merita anche la constatazione che tra il posto di medicazione ubicato nei pressi della Uorc Amba e l ospedaletto da campo allestito a Passo Uarieu intercorreva una distanza di circa sei chilometri, che i portaferiti dovevano percorrere a piedi. Il sacrificio di Efrem Reatto, come quello di tanti altri che come lui credevano in quella guerra perché convinti di essere portatori di civiltà, sicuramente non considerandola un aggressione nei confronti di uno stato sovrano, merita in ogni caso molto rispetto e deve essere valutato rapportandolo al contesto nel quale è maturato e si è manifestato. Quei giovani erano cresciuti nel mito dell eroismo dimostrato dai loro padri durante la grande guerra, eroismo inteso come l apice dell amor patrio. Per questo motivo andarono a combattere con entusiasmo la loro guerra in Africa Orientale, e molti di loro non tornarono. La conquista della Uorc Amba, dopo lo stallo di quella che viene ricordata come la prima battaglia del Tembien, consentì alle truppe italiane di poter procede nell avanzata. Il 27 Febbraio 1936 iniziava così la seconda battaglia del Tembien che porterà alla sconfitta degli etiopici ed alla ripresa dell avanzata verso Sud, puntando su Fenaroà e Socotà. Fu proprio a ricordo di questa impresa condotta dal 7 battaglione complementi sulla Uorc Amba durante la battaglia del Tembien (18) che gli alpini vollero, chiesero ed ottennero che il 7 battaglione complementi assumesse il nome di quella montagna; e ciò si deve soprattutto al comandante Magg. Tommaso Risi - succeduto al Ten. Col. Ferdinando Casa - per cui la nuova denominazione di battaglione Uorc Amba ebbe effetto dal 15 Marzo 1936 con anzianità retroattiva dal Dicembre NOTE 1)In realtà, la località ricognita all inizio del 1935 dall Ufficiale topografo Alberto Mosca (alias Cancellire del Consolato Alberto Marietti) si chiamava Uarieghe ma nella trascrizione dell IGM divenne Passo Uarieu. (cfr. Passo Uarieu, P.R. Di Colloredo,Ed. Associazione Culturale Italia 2008, pag. 7-8). 2)Tipica montagna dell altipiano etiopico, caratterizzata da ripide pareti e dalla cima piatta. 3) Organo del Ministero della Difesa che si occupa delle sepolture appartenenti ai Caduti in guerra 4) De Giorgio Lamberto di Tito e di Anna Pampichili, nato a Pescina (l Aquila) nel 1907.Capo manipolo del 1 battaglione CC.NN di Eritrea Gruppo Diamanti. Caduto in combattimento sulla Uorc Amba il 27 Febbraio 1926, decorato do MAVM. 5) All atto dell esumazione, le spoglie mortali appartenenti ai Caduti sono state riposte in cassette metalliche contraddistinte dal numero di verbale trascritto sopra due targhette di legno, una delle quali collocata all interno della cassetta; inoltre i delegati di ONORCADUTI, hanno provveduto alla compilazione di un memoriale e di un verbale di esumazione. Tali documenti testimoniali sono custoditi nell archivio di ONORCADUTI. Per quanto riguarda Efrem Reatto, esumato come Ignoto, fa fede sia la posizione della tomba situata tra Ciccirello e Di Giorgio, sia l annotazione sul verbale che indica sulla lapide, ancora leggibile, il n 11 (cfr. foto). 6) Hailé Selassié (Tafari Makonnen) Negus Neghesti d'etiopia. Duecentoventicinquesimo discendente della dinastia Salomonica. Nato a Ejersa Goro, 23 Luglio 1892 e morto dopo la presa di potere del DERG, in circostanze mai chiarite, ad Addis Abeba il 12 settembre ) Ual Ual (conosciuta anche come Walwal) era un importante complesso di 359 pozzi utilizzato dai nomadi somali, da inglesi, italiani e etiopici, situato all'interno dei deserti dell'ogaden, in una zona dove i confini non sono ben definiti, tra la Somalia italiana e l'impero etiopico. Nel 1930 il pozzo fu occupato da una formazione di somali italiani, benché essi non interferissero con le tribù che venivano da ogni direzione a prendere acqua per sé e per i propri cammelli. L'imperatore, che era sempre stato particolarmente sensibile per quanto riguardava i diritti dell'etiopia sull'ogadèn, fin da quando era un giovane governatore dell Harar celebrò il suo avvento al trono ordinando all'uomo, che aveva nominato governatore di questo territorio, il dejazmach Gabre Mariam, di liberare la zona

12 dalla presenza degli italiani. Nel Dicembre 1934 avvenne l attacco al fortino di Ual Ual, presidiato da una sessantina di soldati somali, i dubat, alle dipendenze del capitano Roberto Cimmaruta. Una prima minaccia ai pozzi era stata segnalata in Luglio, quando, a cinque ore di marcia da Ual Ual, si era accampata la banda di un fuoriuscito somalo Omar Samantar, un ribelle che nel 1925 aveva pugnalato a El Bur, il capitano italiano Carolei. Le intenzioni di Samantar erano state abbastanza chiare: avrebbe voluto (anche perché questo era l'ordine datogli dal suo protettore etiopico Gabré Mariam) occupare i pozzi. Ma gli erano venuti a mancare i viveri, ed era stato costretto a rimandare l'impresa. In Novembre il Samantar con un migliaio di armati, in parte ribelli della sua banda, ed in parte soldati etiopici venuti da Harar per ordine di Gabre Mariam, dette inizio al tentativo di occupare definitivamente i pozzi. La situazione era però complicata dalla presenza, nella zona, di una commissione anglo-etiopica agli ordini del tenente colonnello britannico Clifford, consigliere del Negus. La commissione stava verificando la delimitazione tra i pascoli appartenenti all'etiopia e quelli che dovevano essere considerati parte del Somaliland oltre, a individuare i confini con la Somalia Italiana. Talune versioni danno però per certo che Clifford dichiarò la banda di Samantar come una normale scorta della commissione. In questo modo nel tardo pomeriggio del 5 Dicembre 1934, gli etiopici ed i somali giunsero a diretto contato con il presidio italiano. Ancora oggi non è ben chiaro se il primo colpo partì dai dubat del capitano Cimmaruta o dagli uomini di Omar Samantar, oppure dai soldati etiopici del fitaurari Chifera Balcha. Sembra, tuttavia, assai probabile che l'attacco sia stato sferrato dalle forze etiopiche. La difesa degli ascari fu strenua. Ma la maggior parte dei dubat venne massacrata. Dalla vicina Uardàr, accorse prontamente il capitano Cimmaruta con due carri armati; mentre decollarono anche due aerei. Lo scontro volse in sfavore degli etiopici, che abbandonarono il campo, lasciandovi oltre 100 morti. L incidente venne messo all ordine del giorno della Società delle Nazioni, che emanò un verdetto di assoluzione per entrambe le parti. 8) Ras Imru Haile Selassie nato nello Scirè nel Novembre 1892, morto ad Addis Abeba ad Agosto È stato uno dei capi locali dell'impero etiopico sotto Hailè Selassiè. Il suo dominio era nel territorio dello Scirè. 9) Ras Mangascià Sejum era uno dei Ras che governavano i territori tigrini a ridosso del Mareb. 10) Ras Kassa Haile Darge nato nel 1881 morto ad Addis Abeba, 1956, era uno dei Ras dell'impero abissino. Cugino di secondo grado del Negus Neghesti Hailè Selassiè. Durante la guerra italo-etiopica comandò il fronte dell'estremo nord assieme al ras Seyum e il ras Ymru. 11) Ras Mulugeta Yeggazu, noto anche come Mulughieta o Mulughietà, è stato un ras dell'abissinia nel XX secolo. Fu più volte governatore di varie province etiopiche, fu dignitario di Menelik II e ricoprì negli anni diversi incarichi ministeriali. Ricoprì la carica di Ministro della Guerra durante il regno del negus Hailè Selassiè. Durante la guerra italo-etiope, Mulughietà guidò un'armata (la più imponente del fronte nord) nella regione dell'endertà e venne sconfitto il 19 febbraio Morì dieci giorni dopo, durante la ritirata, ucciso dai guerriglieri Azebò Galla alleati degli italiani. 12) Il 13 Febbraio 1936, nei pressi di Mai Lahlà, oltre il fiume Mareb, un folto gruppo di irregolari abissini dette l assalto ad un cantiere italiano della ditta Gondrand massacrando i 74 operai che colà lavoravano. 13) Mehmet Vehib Kaçı conosciuto come Mehmet Wehib o Wehib Pasha, nato a Ioannina nel È stato un generale dell Impero ottomano. Dopo aver combattuto nelle guerre balcaniche e nella prima guerra mondiale ha partecipato alla guerra d Etiopia come consulente militare di Hailè Selasiè. Morto a Istambul nel ) (Cfr. Documento autoreferenziale a firma di Marino Reatto cfr. in PCM , b. 2868, f. Reatto Marino -aspiranti senatori-).curriculum vitae del Consigliere Generale, Consigliere Nazionale Reatto Marino del fu dott. Fortunato, nato a Bassano del Grappa il 17 Marzo Invalido di guerra. Volontario di guerra. Medaglia d Argento al Valor Militare. Legionario Fiumano. Iscritto al Partito (P.N.F.. N.d.r.) dal 1 Agosto Squadrista. Marcia su Roma. Tenente Colonnello degli alpini R.O.).Terminati gli studi liceali e assolto in anticipo il servizio militare, vinto un concorso al Ministero della Giustizia, dedicò moltissimo la sua attività al giornalismo e per parecchi anni fu corrispondente di giornali veneti, Gazzettino, Adriatico, Gazzetta di Venezia, Provincia di Padova. Cresciuto con sentimenti di vivo patriottismo, di carattere esuberante si iscrisse fino dal 1900 alla Soc. irredentista Trento-Trieste diventando ardente propagandista nel veneto e nella zona Trentina soggetta all Austria.Partecipava così a tutte le dimostrazioni che sotto la parvenza di convegni sportivi, si svolgevano a Trento con l intervento degli esponenti massimi dell irredentismo Battisti, Larcher, Gerloni, Tonini, Scatoni ecc.. Nel 1909, a Trento, veniva arrestato e trattenuto per qualche giorno dal Commissario di Polizia di quel tempo, il tristemente famoso italofobo Much e da questi diffidato ed espulso dal territorio austro-ungarico. Nel Settembre 1910, allorchè la politica militare austriaca era tutta intesa a provocare una guerra contro l Italia moltiplicando gli incidenti ai confini, venne asportata dai gendarmi austriaci una bandiera italiana issata sul confine alla vetta della Cima Dodici (m.2300) mentre poco lontano si inaugurava un rifugio italiano. Quale protesta all oltraggio e alla politica quietista e pavida di quel tempo del Governo Italiano, il Reatto con due amici, salito alla predetta Cima Dodici contestataci dall Austria, vi dipingevano i colori nazionali sulla croce e sulle rocce. Tale fatto determinò la vibrata protesta dell Austria e conseguente sopralluogo delle Commissioni Militari dei due Stati, la espulsione e diffida di entrare in territorio austriaco dei provocatori nonché la punizione del Reatto da parte del Ministero della Giustizia per avere organizzata e diretta un azione che poteva provocare gravi conseguenze politiche e militari. Tuttavia il Reatto nel 1911, 12, 13 varie volte ebbe a varcare il vietato confine per delicate mansioni informative d indole militare. Nel 1906 si istituiva a Venezia, primo in Italia, il Battaglione volontari San Marco, il Reatto vi si arruolava quale Ufficiale e istituiva a Bassano un plotone dedicandosi alla preparazione militare dei giovani. Nel 1908 a Milano si formava il Corpo Volontari Ciclisti Automobilisti, il Reatto si dedicava anche a questa nuova iniziativa e fondava un sottocomitato a Bassano negli anni dal 1910 al 1913, istruiva 400 volontari anticipando l attuale premilitare e facendo partecipare per la prima volta i suoi volontari alle manovre in Piemonte e nel Veneto con i bersaglieri ciclisti dell 8 e 12 reggimento. Nel 1914 a Valdobbiadene (Treviso) instancabile nella sua attività e, sempre avendo di mira la preparazione di volontari per una eventuale guerra contro l Austria, fondava i reparti volontari Alpini, arruolava e istruiva oltre un centinaio di valligiani che poco prima della dichiarazione di guerra si trovarono pronti ed ai quali, per ordine della autorità militare, ne aggiungeva ancora 300 formando così in breve un battaglione che fu chiamato dei volontari del Feltre. Questo Battaglione ben presto operava in zona alpina, sulle Tofane, dando valido contributo di valore e di sangue nelle numerose e ardite azioni cui partecipava. Il Reatto in un aspro combattimento si guadagnava una Medaglia d Argento al Valore; dichiarato invalido di guerra a seguito di grave trauma riportato in combattimento, tuttavia, sempre cogli alpini, partecipava a tutta la guerra per la quale erasi arruolato volontariamente disdegnando l esonero cui aveva diritto non solo, ma rifiutandosi di obbedire alla ingiunzione fattagli dai suoi superiori a ritornare alla direzione degli Uffici della Pretura di Valdobbiadene e sebbene, traversie e disgrazie avessero colpito la sua famiglia che a Caporetto fu costretta a fuggire perdendo casa e beni. Congedatosi nel Luglio 1919 prese residenza a Venezia Cancelliere in quella Corte d Appello e subito con vivo entusiasmo diede se stesso al movimento fascista iscrivendosi al Partito il 1 Agosto Verso la fine di Settembre raggiungeva a Fiume le truppe del Comandante. Partecipava quindi alla Marcia su Roma e nel Febbraio 1923 si iscriveva alla Milizia -Legione San Marco- ove quale Centurione, tenne il comando della Centuria Ufficiali sino all Ottobre 1923 in cui si trasferiva a Roma quale 1 Segretario al Ministero della Giustizia. Non per questo cessava dalla sua attività fascista che subito entrò nelle avanguardie giovanili romane quale istruttore e nel 1926 venne subito prescelto, nella fondazione dell Opera Balilla, per lo inquadramento di una delle due legioni avanguardiste romane, ebbe il comando della 246^ con 3000 avanguardisti e 50 Ufficiali. Il Reatto poi, trasformò la sua Legione in Alpini sciatori, primo in Italia e con instancabile, grandissima fede e sommo disinteresse, attese alla istruzione in montagna, alla istruzione sugli sci di migliaia di avanguardisti, infondendo in essi amore alla montagna,sprezzo del pericolo e desiderio vivissimo di servire la Patria nelle truppe alpine. Nella Legione Av. Alpini militarono quali avanguardisti i figli del DUCE, Vittorio e l indimenticabile Bruno. Comandò la legione fino a tutto il 1934 e dovette lasciarla dopo la sua promozione a Console. Per i sette anni di comando, tenuto senza alcun compenso pecuniario, ebbe un diploma di benemerenza e da parte dell Ecc. Ricci le espressioni di viva soddisfazione per il lavoro tenace ed appassionato svolto in così lungo periodo. (omissis). La sua attività si svolse anche nel campo sindacale e giornalistico. Nell Ottobre 1923 con l attuale Consigliere Nazionale Piero Gazzotti, osteggiato da superiori e colleghi, il reatto fondava il primo Sindacato Fascista dei Funzionari Giudiziari e vi coprì la carica di Vice Segretario generale e redattore capo del giornale di classe dove ebbe campo di farsi notare e combattere per i numerosi articoli di fondo politico e polemici. Nel 1929, Dicembre, ebbe la grande ventura di essere prescelto dal DUCE quale educatore dei suoi figli e così ebbe l onore e la responsabilità di seguire nei primi anni, Vittorio e l indimenticabile Bruno, Romano ed Anna Maria di poi. Ritenne sempre tale delicato incarico un altissimo riconoscimento morale e premio alla sua incrollabile fede e devozione al DUCE. È una delle più belle pagine della sua modesta vita di cui sempre andrà superbo. In questo lungo periodo , nella molteplice sua attività a Villa Torlonia, fu guida dei primi tentativi di Vittorio e Bruno per fare un giornaletto che poi divenne giornale e rivista. Il Reatto ne fu il

13 Direttore responsabile ossia il cireneo delle esuberanze polemiche e letterarie di Vittorio che prometteva di riuscire un ottimo scrittore, acuto critico e polemista, giornalista completo per diventare il Direttore di un grande giornale. Venuta la guerra d africa, per volere del Duce, che gli aveva rifiutato il permesso di seguire quale volontario i suoi figli al fronte, assunse il comando della IV Legione Universitaria Benito Mussolini in Roma dedicandosi con entusiasmo alla istruzione degli Allievi Ufficiali e contemporaneamente attendendo al suo incarico di educatore di Romano ed Anna Maria. Nel Comando della Legione tenuto sino al Giugno 1937, ebbe la soddisfazione di ultimare due corsi di un migliaio di Allievi Ufficiali col plauso dei superiori, encomio del Corpo d Armata, e quello che più importa, la lode del DUCE. Sempre seguendo con affettuoso e vivo interessamento l educazione e l istruzione di Romano e di Anna Maria dalla 1^ classe elementare è giunto con loro alla 1^ liceale, ambedue, che il Reatto ha avuto cari come figli e tali resteranno nel suo cuore, oggi non hanno più bisogno dell opera sua perche essi dotati di vivissima intelligenza sapranno guidarsi da soli. Pago di aver goduto per tanto tempo (14 anni) la fiducia e la benevolenza del DUCE che ha servito sempre in silenzio e con tutta fedeltà, osa sperare che queste gli siano continuate anche per l avvenire. Terminando il suo curriculum vitae, lo scrivente si permette esternare le sue aspirazioni. Nominato dal DUCE a Consigliere Nazionale dal 1941, in considerazione di tutto un passato dedicato alla Patria ed al Fascismo, per le benemerenze acquisite in pace ed in guerra vorrebbe essere nominato senatore del Regno. Passando poi ad aspirazioni di indole economica onde avere assicurato nella vecchiaia la tranquillità di vita che non gli sarebbe data dalla modestissima pensione (lire 1455 mensili) cui ha diritto dopo 45 anni di servizio, chiede di poter entrare in qualche Consiglio di Amministrazione quali l Istituto Nazionale delle Assicurazioni, la Fiat, la Montecatini, la Marelli ecc. o la concessione di una Agenzia AGIP in una città dell Italia Centrale o Settentrionale.Roma 27 Maggio 1943 XXI - Firmato: Marino Reatto (Non risulta che Marino Reatto abbia ottenuto la nomina a Senatore. Presso l ACS, Pol.Pol. b. 1143, è presente una velina della Questura di Venezia datata 25 Agosto 1943, dalla quale risulta che Marino Reatto venne indagato per illecito arricchimento sotto il passato regime. Nello stesso archivio non sono custoditi altri documenti che possano indicare l esito dell inchiesta). Cfr. Stato di Servizio n 11724, Archivio Accademia Militare. 15) Tito Polo, nato a San Vito al Tagliamento nel Capo manipolo della 116^ legione CC.NN. Decorato di due MAVM e di MBVM. 16) Bait Francesco,nato a Pola nel Sergente Maggiore del 7 battaglione alpini. Decorato di MAVM alla memoria. 17) Caduti del 7 battaglione alpini complementi inumati nel Cimitero di Passo Uarieu: tenente REATTO Efrem, decorato di MOVM sottotenente AGNISETTA Felice nato a Torino nel 1913, decorato di MAVM sottotenente CICCIRELLO Antonio nato a Calao (Perù) nel 1911, decorato di MOVM sottotenente COSTA Annibale nato a Santo Stefano Belbo (Cuneo) nel 1911, decorato di MAVM alpino DAMELE Giovanni alpino PIOMBO Ilario alpino CACCIAN Agostino alpino MONTANELLA Mario alpino DALL OSTO Massimo alpino CARELLO Michele nato a Caprie (Torino) nel 1913, decorato di CGVM. alpino BOGO Luigi alpino TORMEN Amedeo alpino BARBERO Felice nato a Verzuolo (Cuneo), decorato di CGVM. alpino ANTELLI Mario alpino IONO Cipriano alpino DI MARIO Graziano alpino BALOCCO Silvio Paolo nato a Cengio (Savona) nel 1913, decorato di MBVM. alpino SECCHIARI Gino nato ad Apuania (Carrara) nel 1914, decorato di MBVM. alpino MARTINI Oreste nato a Mondovì nel 1907, decorato di MAVM alpino DE MORI Marino alpino GAVA Antonio alpino GROVELLO Carlo caporal maggiore IGNOTO (forse sergente maggiore BAIT Francesco) BIBLIOGRAFIA Medaglia d Oro sul campo Efrem Reatto, Ed. Panetto & Petrelli, 1939 Spoleto Cimitero di guerra Reginaldo Giuliani, G. Caorsi, Giugno XIV E.F. Imperia Passo Uarieu, P. R, di Colloredo, Associazione Culturale Italia, Genova 2008 I pilastri del romano impero, P. R, di Colloredo, Associazione Culturale Italia, Genova 2009 La guerra d Etiopia, P. Badoglio, Ed. Mondadori, Milano 1937 La campagna italo-etiopica , L. E. Longo, Tomo I, AUSSME, Roma 2005 Dizionario biografico decorati al VM nella campagna d Abissinia G. C. Stella, Ravenna 1988 Archivio Storico dell Accademia Militare, Modena Archivio Ufficio Storico SME, Roma Archivio Centrale dello Stato, Roma Archivio del Commissariato Generale Onoranze Caduti in Guerra, Min. della Difesa, Roma

14 Lettera di Mussolini al padre di Efrem. Queste pagine, curate da Fulvio Capone, sono state pubblicate sul n 130 dell ILLUSTRE Bassanese nel marzo 2011.

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA

LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA Anche se poco noto la Calabria ha pagato un contributo di sangue altissimo. I dati riportati dagli elenchi regionali dell albo d oro riportano un totale di circa 530.000

Dettagli

PLECE CAPPELLA MILITARE BES

PLECE CAPPELLA MILITARE BES CLUB ALPINO ITALIANO Sottosezione VAL NATISONE PLECE CAPPELLA MILITARE BES di Mariano Moro Sulla sella tra le cime del Plece (1299 m.) e del Planica (1376 m.) sorse, in una posizione defilata, la Cappella

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

In d i c e. 1. Ta t t i c h e d i g u e r r a e u r o p e e 3 1.1 Picchieri e moschettieri 3 1.2 Cavalleria 4 1.3 Artiglieria 4

In d i c e. 1. Ta t t i c h e d i g u e r r a e u r o p e e 3 1.1 Picchieri e moschettieri 3 1.2 Cavalleria 4 1.3 Artiglieria 4 In d i c e 1. Ta t t i c h e d i g u e r r a e u r o p e e 3 1.1 Picchieri e moschettieri 3 1.2 Cavalleria 4 1.3 Artiglieria 4 2. Ta t t i c h e d i g u e r r a d e i n a t i v i 4 3. Gu e r r a n a v

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58. Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione. di Giuseppe Ferraro

Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58. Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione. di Giuseppe Ferraro Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58 STUDI E RICECHE Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione di Giuseppe Ferraro Le fotografie di seguito pubblicate 1 riguardano

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

GUIDA DEGLI. obiettivi SEGRETI

GUIDA DEGLI. obiettivi SEGRETI 1 - Campagna dell Asse 1.1 - Sidi Barrani GUIDA DEGLI obiettivi SEGRETI Assicurare accampamento di appoggio nascosto Al centro della mappa, protetto dalle montagne, troverai un accampamento di supporto

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie ITINERARIO 6 LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie LA BAIA DEL CIOLO La Baia del Ciolo è un piccolo fiordo molto frequentato durante il periodo estivo. Affacciandosi dall alto

Dettagli

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE LE GUERRE PERSIANE Mentre le città greche si sviluppavano, i Persiani crearono un vastissimo impero sottomettendo tutti i popoli conquistati. Sparta e Atene, piuttosto di perdere la propria libertà affrontarono

Dettagli

KOS UNA TRAGEDIA DIMENTICATA

KOS UNA TRAGEDIA DIMENTICATA KOS UNA TRAGEDIA DIMENTICATA L`intero Dodecanneso, di cui Kos fa parte, viene strappato ai turchi durante la guerra Italo-Turca che l`occupavano dal 1523. Con il trattato di Losanna, del 1923, tutto il

Dettagli

L Africa. I paesi colonizzati dall Italia

L Africa. I paesi colonizzati dall Italia L Africa I paesi colonizzati dall Italia La Libia Nel 1911 l'italia di Giolitti dichiarò guerra all'impero ottomano per ottenere il controllo della Libia. Nel 1934, con l'unione della Tripolitania e della

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

I. STORIA. s.i. D. Bambi ne (0-11) Civili Partigiani Renitenti Disertori Carabinieri Militari Sbandati 38 4

I. STORIA. s.i. D. Bambi ne (0-11) Civili Partigiani Renitenti Disertori Carabinieri Militari Sbandati 38 4 Episodio di Collelungo Vallerotonda 28-12-1943 Nome del compilatore: Tommaso Baris I. STORIA Località Comune Provincia Regione Collelungo Vallerotonda Frosinone Lazio Data iniziale: 28-12-1943 Data finale:

Dettagli

I CARRI DA CUCINA DEL REGIO ESERCITO ITALIANO:

I CARRI DA CUCINA DEL REGIO ESERCITO ITALIANO: I CARRI DA CUCINA DEL REGIO ESERCITO ITALIANO: Privilegiato sistema dell Ing. Carlo Pedrone a cura di Angelo Nataloni Carro da cucina dell esercito americano Un problema della massima importanza nella

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

La strage di Cefalonia

La strage di Cefalonia La strage di Cefalonia (settembre 1943) Cefalonia è la più grande delle isole ioniche (781 Kmq). E' situata ad ovest del golfo di Patrasso (vedi cartina) e il suo territorio è prevalentemente montuoso.

Dettagli

AFRICA ORIENTALE ITALIANA

AFRICA ORIENTALE ITALIANA AFRICA ORIENTALE ITALIANA LA POSTA MILITARE IN A.O.I. Giuseppe Marchese - Piero Macrelli La struttura della posta militare in A.O.I. venne definita secondo criteri diversi dalla madrepatria. Gli uffici

Dettagli

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Era un treno di carne umana matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Diego Fortunati ERA UN TRENO DI CARNE UMANA matricola 80581 diario di un soldato italiano durante

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI)

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) CONTENUTO Ogni scatola comprende: 1 tabellone rappresentante l Europa suddivisa in 6 Imperi e 44 Territori,

Dettagli

Scopo del gioco. Componenti

Scopo del gioco. Componenti Il gioco strategico per la conquista del mondo Da 3 a 6 giocatori Scopo del gioco Raggiungere per primi il proprio obiettivo segreto. Componenti Un piano di gioco, rappresentante un planisfero suddiviso

Dettagli

Museo Storico della Fanteria

Museo Storico della Fanteria COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE Museo Storico della Fanteria Manifestazioni ed eventi B envenuti al Museo della Fanteria. 000185 Roma P.zza S. Croce in Gerusalemme, 9 - Metropolitana San Giovanni Accesso

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Antichi imperi in crisi... All'inizio del Novecento: V F L'impero asburgico è governato da

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA COMMISSARIATO GENERALE ONORANZE CADUTI IN GUERRA SACRARIO MILITARE CADUTI D OLTREMARE

MINISTERO DELLA DIFESA COMMISSARIATO GENERALE ONORANZE CADUTI IN GUERRA SACRARIO MILITARE CADUTI D OLTREMARE MINISTERO DELLA DIFESA COMMISSARIATO GENERALE ONORANZE CADUTI IN GUERRA SACRARIO MILITARE CADUTI D OLTREMARE Presidente Napolitano in occasione del Giorno dell'unita Nazionale e Giornata delle Forze Armate

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Progetto Le vie della Resistenza (1943-1945)

Progetto Le vie della Resistenza (1943-1945) Combattenti di Cefalonia, Corfù e isole greche, viale dentro il Parco XXV Aprile (lato Canaletto), v. scheda parco XXV Aprile del. 305 del 13/7/2005 a cura di Maria Cristina Mirabello I fatti in cui l'esercito

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME Per non dimenticare il luminoso esempio offerto dal Maresciallo Sebastiano D Immè che 15 anni fa, ha immolato se stesso sull altare del dovere. Locate Varesino (CO) 6 luglio

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Lo scontro fra la Grecia e la Persia

Lo scontro fra la Grecia e la Persia Lo scontro fra la Grecia e la Persia Un conflitto di civiltà Ø nel corso del VI secolo a. C. le città greche della costa occidentale dell Asia Minore (odierna Turchia) crescono in ricchezza e potenza,

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo.

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. ...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. Proprio come all inizio del principato augusteo l Africa che si presentava agli occhi dei visitatori europei ed ai nostri occhi di occupanti

Dettagli

Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve. Numero: [Data] I Bagni di Craveggia

Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve. Numero: [Data] I Bagni di Craveggia Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve Numero: [Data] I Bagni di Craveggia Una situazione geografica del tutto particolare quella dei Bagni di Craveggia. Si tratta infatti di una località (posta a 986 m s.l.m.)

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

IPO-V SEZIONE A PISTA

IPO-V SEZIONE A PISTA IPO-V Approvato dalla Commissione Utilità FCI riunitasi il 12 settembre 2005 a Breda (NL) Recepito dal Consiglio Direttivo ENCI del 30 gennaio 2006 Recepito dal Consiglio Direttivo del SAS il 16 Gennaio

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi)

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) Il piano di guerra tedesco: Hitler aveva già pronto il suo piano militare dopo aver invaso la

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA TRINCEA La Prima Guerra Mondiale fu caratterizzata da combattimenti in TRINCEA una tattica di guerra che vide gli eserciti nemici fronteggiarsi per lunghi periodi di tempo.

Dettagli

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Il territorio del Vietnam Il Vietnam è uno stato del Sud-est Asiatico. Confina a nord con la Cina, a Ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Il gioco strategico per la conquista del mondo

Il gioco strategico per la conquista del mondo REGOLAMENTO Il gioco strategico per la conquista del mondo Da 3 a 6 giocatori Età: da 14 anni in su 2 SCOPO DEL GIOCO Raggiungere per primi il proprio obiettivo segreto. COMPONENTI Una plancia rappresentante

Dettagli

Duck Luca. La Guerra d Etiopia. -La campagna italiana in Africa 1935-1936- Università Imperiale Edito da l Osservatore Imperiale

Duck Luca. La Guerra d Etiopia. -La campagna italiana in Africa 1935-1936- Università Imperiale Edito da l Osservatore Imperiale Duck Luca La Guerra d Etiopia -La campagna italiana in Africa 1935-1936- Università Imperiale Edito da l Osservatore Imperiale Prefazione, di PSICOPATICO E. "Io vi raccomando di accogliere in maniera conveniente

Dettagli

Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione

Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione di Giovanni Lafirenze Premessa La volontà di mantenere sempre alta l attenzione degli appassionati, e più in generale di tutte le persone

Dettagli

Concorso letterario per gli studenti delle scuole di Monza 4. edizione 2010

Concorso letterario per gli studenti delle scuole di Monza 4. edizione 2010 Assessorato al Sistema Bibliotecario Concorso letterario per gli studenti delle scuole di Monza 4. edizione 2010 Monza insorge Marzo 1848 A cura di Cooperativa CAeB, Milano Ricerca dei documenti: Biblioteca

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

IL "SA GUE DEI VI TI" ALLA FI E DELLA PRIMA GUERRA MO DIALE I TRE TI O.

IL SA GUE DEI VI TI ALLA FI E DELLA PRIMA GUERRA MO DIALE I TRE TI O. IL "SA GUE DEI VI TI" ALLA FI E DELLA PRIMA GUERRA MO DIALE I TRE TI O. U CAPITOLO TUTTO DA APPROFO DIRE E' noto che la fine di ogni guerra comporta soprusi orrendi contro gli sconfitti. E il tragico e

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CRAVATTE ROSSE DEL 1 SAN GIUSTO STORIA 1624-1943

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CRAVATTE ROSSE DEL 1 SAN GIUSTO STORIA 1624-1943 STORIA 1624-1943 Il 1 Reggimento "San Giusto" è stato il più antico reggimento dell'esercito Italiano. Esso nacque infatti nel 1624 quale Reggimento "Fleury", al servizio di Carlo Emanuele I di Savoia.

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus I Genitori... Per i loro figli desiderano una vita ordinata, vissuta nel rispetto delle regole; vorrebbero una scuola impegnata con docenti di livello e che non cambino continuamente, con istruttori capaci

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Escursione T, per turisti, che da Manzano ci porta a visitare il Caposaldo Austro-Ungarico di Nagià-Grom (768). Descrizione breve: percorso tematico

Dettagli

GERMANIA (brontolo-ale): Vedi sei sempre in mezzo ai piedi, pensi di essere utile ma fai solo danni!

GERMANIA (brontolo-ale): Vedi sei sempre in mezzo ai piedi, pensi di essere utile ma fai solo danni! 1 scena Siamo in un cantiere. Entrano Serena, Giorgia, Eleonora e Sara B. (lei balla) e iniziano un pezzo musicale ritmato, poi piano il ritmo rallenta e inizia la canzone di Eleonora, mentre i nani entrano

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

VALLE PO. Balma Boves (Sanfront)

VALLE PO. Balma Boves (Sanfront) VALLE PO Balma Boves (Sanfront) Domenica Eccoci qui, in Valle Po, e precisamente a Sanfront, per andare a visitare Balma Boves. La borgata è raggiungibile tramite due sentieri. Il più battuto è quello

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

PREGHIERE DELLO SPORTIVO

PREGHIERE DELLO SPORTIVO PREGHIERE DELLO SPORTIVO Presentiamo qui una selezione di alcune preghiere nate in e per il mondo sportivo. Esse testimoniano della profonda vita interiore di chi vive quotidianamente la sfida di superare

Dettagli

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO Oggi, dieci febbraio 2010, nella classe quinta B, sono venuti due adulti che ci hanno portato e parlato della giornata della memoria. All'inizio si sono presentati:

Dettagli

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO *** Su concessione dell Archivio storico del Comune di Cortina d Ampezzo 1915 2015 CENTENARIO GRANDE

Dettagli